Page 1

R9

DETETTORE

GUIDA RAPIDA PARTE TEORICA & PARTE PRATICA


PARTE TEORICA

PARTE TEORICA

PAGINA

1. DETETTORE RECCO R9: INTERRUTTORI/FUNZIONI ������ 5 2. DETETTORE RECCO R9 ���������������������������������������������������������� 6 2.1 BATTERIA ������������������������������������������������������������������������������������������������6 2.2 RICARICA �����������������������������������������������������������������������������������������������6

3. RIFLETTORE RECCO ��������������������������������������������������������������� 7 4. TECNOLOGIA RECCO ������������������������������������������������������������� 7 5. ELEMENTI DI BASE ����������������������������������������������������������������� 8 5.1 RAGGIO DI AZIONE/PORTATA �������������������������������������������������������� 8 5.2 FATTORI CHE INCIDONO SULLA PORTATA �������������������������������� 8 5.3 CONTROLLO DELLE FUNZIONI DEL DETETTORE �������������������10 5.4 ZONA DI RILEVAZIONE DEL SEGNALE ����������������������������������������11 5.5 RILEVAZIONE DEL SEGNALE RECCO ����������������������������������������� 13 5.6 OPERATORE EQUIPAGGIATO DI RIFLETTORI ��������������������������� 15

6. SEGNALI DI DISTURBO ���������������������������������������������������������16 6.1 ORIGINE ����������������������������������������������������������������������������������������������� 16 6.2 GESTIONE ������������������������������������������������������������������������������������������� 17

2


PARTE PRATICA

PARTE PRATICA

PAGINA

1. RICERCA BASE: 5 FASI �����������������������������������������������������������19 1.1 PREPARAZIONE ���������������������������������������������������������������������������������� 19 1.2 RICERCA DEL SEGNALE ����������������������������������������������������������������� 20 1.3 RICERCA GREZZA ������������������������������������������������������������������������������22 1.4 RICERCA FINE ������������������������������������������������������������������������������������24 1.5 LOCALIZZAZIONE ESATTA ��������������������������������������������������������������24

2. TECNICHE AVANZATE DI RICERCA ���������������������������������� 25 2.1 RICERCA FRA SOCCORRITORI �������������������������������������������������������25 2.2 RICERCA SUGLI SCI ��������������������������������������������������������������������������26 2.3 RICERCA MULTIPLA ��������������������������������������������������������������������������27 2.4 RICERCA DI APPARECCHI ELETTRONICI �����������������������������������29 2.5 RICERCA CON DUE DETETTORI �������������������������������������������������� 30

3. RICERCA CON FUNZIONE ARTVA ��������������������������������������31 4. TEST DI VALUTAZIONE ��������������������������������������������������������� 33 5. CONSERVAZIONE ������������������������������������������������������������������ 34 6. MATERIALE SUPPLEMENTARE DI FORMAZIONE �������� 34

3


PARTE TEORICA

4


1 2 3

ON

9

OFF

RECCO

4

PARTE TEORICA

1. DETETTORE RECCO R9: INTERRUTTORI/FUNZIONI

XXXX - XXX

ALT

5 SENSITIVITY

6

<5m 4 - 20 m

10

18 - 60 m

457

7

ON OFF

11 12 13

8 7. Interruttore ARVA di accen-

Interruttore di regolazione

sione/spegnimento (On/Off)

volume/potenza 2. LED blu

8. Impugnatura

3. Interruttore RECCO di

9. Altoparlante interno

accensione/spegnimento

10. Vano batteria

(On/Off)

11. Presa cuffie 12. Presa caricabatteria

4. Interruttore ALT per cambio

13. Attacco cinturino di

canale

sicurezza

5. Numero di serie 6. Interruttore 457 per regolazione sensibilitรก 5

PARTE PRATICA

1.


2. DETETTORE RECCO R9

▸▸ Tempo di ricarica: 2 ore ▸▸ Autonomia: 2 ore ▸▸ Vita batterie: 400 cicli di ricarica = 5 anni circa ▸▸ Segnalatore di batteria scarica: Bip corto = cambiate o ricaricate immediatamente la batteria

2.1 BATTERIA Il detettore R9 utilizza una batte-

ria. E´importante verificare pe-

ria agli ioni di litio che mantiene la

riodicamente l’autonomia della

sua carica massima durante tut-

batteria. Servitevi del formulario

ta la fase di operativitá. Dopo 2

di controllo del detet-

ore circa di operativitá la sua cari-

tore. Potete acquistare

ca scende drasticamente da mas-

batterie

sima a zero. Un segnale d´allarme

tari direttamente da

avvisa l´operatore della necessitá

RECCO AB.

supplemen-

di cambiare o ricaricare la batte-

2.2 RICARICA Ricollegate il detettore al carica-

curate la ricarica massima della

batteria dopo ogni utilizzo. Per

batteria.

avviare la ricarica spostate l‘in-

Indicazione dello stato di ricarica:

terruttore RECCO On/Off da Off

LED rosso = in carica

(spento) a On (acceso) nell´arco

LED verde = carica completata

di circa uno o due secondi e poi di nuovo su Off. Cosí facendo assi-

6


3. RIFLETTORE RECCO

PARTE TEORICA

▸▸ Diodo su antenna in rame protetto da involucro. ▸▸ Passivo (privo di batteria). Riflette il segnale ricevuto. ▸▸ Non ha bisogno di manutenzione e ha durata illimitata. ▸▸ Funziona con tutti i detettori RECCO.

L´antenna del detettore RECCO

4. TECNOLOGIA RECCO

utilizza la tecnologia del radar armonico per generare un segnale direzionale.Il segnale direzionale viene riflesso dal riflettore RECdal detettore e trasformato in segnale acustico. L´aumento di volume del segnale acustico guida il soccorritore verso la localizzazione esatta del riflettore.

7

PARTE PRATICA

CO (effetto specchio), ricevuto


5. ELEMENTI DI BASE

5.1 RAGGIO DI AZIONE/PORTATA La portata é condizionata dagli elementi che il segnale attraversa. Aria

fino a 120 m

Neve secca

fino a 20 m

Neve bagnata

fino a 10 m

Acqua

fino a 0,2 m

5.2 FATTORI CHE INCIDONO SULLA PORTATA

POTENZA Quando accendete il detettore troverete che la potenza é automaticamente impostata sul livello massimo.

ON

OFF

RECCO

ALT

!

SENSITIVITY

▸▸ Il LED blu fisso, indica

457

<5m 4 - 20 m

▸▸ Con l´aiuto del cursore ON

Nell´ultima generazione di

OFF

detettori il numero delle

potenza massima.

18 - 60 m

-/+ aggiustate la potenza e cambiate la portata.

▸▸ Il LED blu intermittente

intermittenze vi indica

indica che avete ridotto la

il livello della potenza.

potenza.

8


POLARIZZAZIONE Il sistema RECCO é polarizzato al

PARTE TEORICA

fine di ottimizzare la ricezione del segnale migliore. Quando l´antenna del detettore é parallela al riflettore, la portata é massima. Quando l´antenna del detettore é perpendicolare al riflettore, la portata é minima. Roteate leggermente il detettore da un lato all´altro per trovare il segnale piú forte e la portata massima.

90 º

TERRENO E DETRITI OSTACOLO Il terreno di seppellimento e la superficie irregolare dei detriti possono significare differenti profonditá di neve attraverso cui effettuare

PARTE PRATICA

la ricerca.

9


5.3 CONTROLLO DELLE FUNZIONI DEL DETETTORE Prima dell´inizio e durante l´inverno, controllate regolarmente portata e batteria del detettore. CONTROLLO DELLA PORTATA

Distanza maggiore di 80 m, riflettore posizionato a 1,5 m dal suolo.

Distanza maggiore di 10 m, riflettore posizionato sul suolo.

CONTROLLO DELLA BATTERIA

!

Durata minima 2 ore a temperature inferiori a 0° C.

10

Servitevi del formulario di controllo del detettore.


5.4 ZONA DI RILEVAZIONE La zona di rilevazione del segnale é a forma di diamante. Sulla lunga distanza solo la punta del diamante raggiunge il riflettore e il segnale é perció molto direzionale. Il segnale diventa meno direzionale nella zona piú vicina al

PARTE TEORICA

DEL SEGNALE

detettore. Il riflettore puó trovarsi ai bordi o al di fuori della zona di

Il segnale si perde quando l´operatore si discosta dalla direzione del riflettore o quando l´operatore supera il riflettore.

11

PARTE PRATICA

rilevazione.


La zona di rilevazione ĂŠ tridimensionale e la larghezza e lâ&#x20AC;&#x2DC;altezza dellâ&#x20AC;&#x2DC;angoi di emissione sono simili.

!

Puntate il detettore verso la neve per ottimizzare la portata orizzontale e la profonditĂĄ di rilevazione.

12


5.5 RILEVAZIONE DEL SEGNALE RECCO

PARTE TEORICA

Sono 3 i movimenti chiave del detettore usati per rilevare e seguire il segnale RECCO.

MOVIMENTO LATERALE Per rilevare il segnale e stabilire la direzione. L´operatore di detettore impugna il detettore e esplora la zona con movimento orizzontale laterale del braccio (ore 10 – 2).

11

10

ROTEAZIONE L´operatore rotea il detettore

13

90 º

PARTE PRATICA

3

Per rilevare il segnale migliore.

(in totale 90°)

1

2

9

circa 45° a destra e 45° a sinistra

12


INCLINAZIONE Per ridirigere al riflettore il segnale del detettore (quando il segnale si ĂŠ perso). Fermatevi. Con il solo movimento del polso a destra e a sinistra, in alto e in basso, inclinate il detettore per ritrovare il segnale e la direzione finale verso il riflettore.

14


5.6 OPERATORE I riflettori RECCO forniscono ai soccorritori un sistema di localizzazione supplementare importante. Anche l’operatore RECCO puó essere equipaggiato di riflettori. Tuttavia, in fase di ricerca i riflettori rimovibili dovranno

PARTE TEORICA

EQUIPAGGIATO DI RIFLETTORI

essere rimossi o posizionati sul dorso del soccorritore per evitare di creare segnali di disturbo. Se i riflettori non possono essere rimossi e se producono segnali di disturbo, usate la fascia o il gilet schermo RECCO.

PARTE PRATICA

! Gli ARTVA che integrano riflettori RECCO devono essere posizionati sul dorso e a stretto contatto con il corpo dell´operatore.

15


6. SEGNALI DI DISTURBO Se ricevete un segnale nel momento stesso in cui accen-

!

dete il detettore, non cominciate la ricerca. Questo segnale proviene probabilmente dal vostro equipaggiamento o dall´equipaggiamento dei soccorritori vicini. Identificate e eliminate i segnali di disturbo prima di iniziare la ricerca.

6.1 ORIGINE

verso questi soccorritori e teneteli

Dal retro e dai lati del detettore

alle vostre spalle (usate il vostro

sono emessi segnali deboli. Que-

corpo come schermo).

ste emissioni possono generare

La presenza abbondante di mine-

segnali di disturbo dovuti a appar-

rali metallici (ferro, rame etc) nel-

rechi radio, telefoni cellulari, unitá

la roccia, di recinzioni o di altri og-

GPS, macchine fotografiche, AR-

getti metallici nel o al di sotto del

TVA, chiavi dell´auto e rifletto-

manto nevoso, possono riflettere

ri. Anche oggetti metallici quali

un segnale RECCO debole (por-

moschettoni, chiodi da ghiaccio,

tata molto corta) soprattutto

coltellini multiuso, fibbie di scar-

all´inizio della stagione invernale

poni etc possono generare un se-

quando la neve é ancora poca.

gnale RECCO debole. Per questa

Usate la sonda per verificare se

ragione l’operatore deve essere in

si tratta di una vittima. In caso di

grado di identificare gli oggetti e

incertezza, scavate.

spostarli sul dorso o conservarsciarli fuori della portata o ancora

!

schermarli con l´aiuto della fascia

Arrivate presto.

li nello zaino o, se possibile, la-

o del gilet RECCO.Fate attenzio-

Prima arrivate sul posto,

ne ai soccorritori equipaggiati con

minore é il rischio di ricevere

riflettori. Non puntate il detettore

segnali di disturbo.

16


Con un gruppo di soccorritori ben organizzato sul luogo dell´incidente é possibile combinare la ricerca con detettore RECCO e la ricerca con sonda a squadre.

PARTE TEORICA

!

6.2 GESTIONE Riducete al minimo, in ogni situazione, il rischio di interferenze attraverso: ▸▸ Gestione: Mantenete gli altri soccorritori alle vostre spalle. Direzione: Dirigete il detettore in basso, verso la neve. Non puntate il detettore in direzione di altri soccorritori. ▸▸ Posizione: : Posizionatevi sempre fra il detettore e gli altri soccorritori. Spostate il vostro ARTVA e gli altri apparecchi interferenze continuano, schermate gli apparecchi. ▸▸ Gilet e fascia schermo RECCO: Se necessario, coprite gli apparecchi elettronici e i riflettori con il gilet o la fascia schermo RECCO. La fascia e il gilet sono fatti di un materiale speciale che blocca il segnale RECCO ma non il segnale ARTVA sulla frequenza 457 kHz. ▸▸ Allenamento: Allenatevi a identificare e gestire i segnali di disturbo: sarete piú preparati in occasione di un soccorso reale.

17

PARTE PRATICA

elettronici sul dorso, il piú vicino possibile al vostro corpo. Se le


PARTE PRATICA


1. RICERCA BASE

Obiettivo: Identificare e gestire i

ste sentire un chiaro segnale acu-

segnali di disturbo per una ricerca

stico. Poi puntatelo verso il cielo

attendibile e efficace.

o verso una zona libera da inter-

Allontanatevi di circa 10-15 m

ferenze: dovreste sentire solo un

dagli altri soccorritori per evitare

rumore di fondo. Se sentite un

potenziali segnali di disturbo.

segnale RECCO, investigate. Pro-

Regolate il detettore sulla poten-

babilmente si tratta di un segnale

za massima. Puntatelo verso un

di disturbo dovuto al vostro equi-

apparecchio elettronico per veri-

paggiamento.

PARTE TEORICA

5 Fasi 1.1 PREPARAZIONE

ficarne il funzionamento: dovreAuto-scansione: ▸▸ Riducete la potenza del detettore al minimo e poi aumentatela di 2 tacche. Eseguite la scansione del vostro corpo dalla testa ai piedi per identificare le fonti di disturbo. É possibile effettuare la scansione con il retro del detettore tenuto molto vicino al vostro corpo e regolato sulla massima potenza. (ARTVA, GPS, radio etc), spostandoli sul dorso o schermandoli con il gilet o la fascia RECCO. ▸▸ Puntate il detettore regolato sulla massima potenza verso una zona libera da interference. Se non udite segnali di disturbo, siete pronti per la ricerca.

!

Allenatevi nell´esecuzione dell´auto-scansione per identificare e eliminare i segnali di disturbo. 19

PARTE PRATICA

▸▸ Eliminate i segnali di disturbo rimuovendo gli apparecchi elettronici


1.2 RICERCA DEL SEGNALE Obiettivo:

Rilevare

un

segnale

forte. Si raccomanda l´utilizzo delle cuffie. Esplorazione della slavina Fermatevi

preferibilmente

in

cima o ai lati della slavina e esploratela con il detettore. Se non rilevate alcun segnale, cominciate la ricerca sistematica in corridoi.

Corridoi di ricerca Primo passaggio: 20 m di larghezza (10 m a destra + 10 m a sinistra).

Durante la ricerca del segnale, combinate il movimento laterale

!

Movimento laterale

del braccio con la roteazione del

e roteazione

detettore. Eseguite una roteazione

simultanei

dopo ogni movimento laterale.

20


Ricordatevi di mantenere sempre

davanti a voi.

il detettore puntato verso il basso, soprattutto in caso di ricerca in discesa o in presenza di irregolaritá del terreno.

!

PARTE TEORICA

Puntate il detettore circa 4 m

Se il terreno é molto accidentato esplorate bene la zona intorno e sugli accumuli, rocce, buche etc.

Secondo passaggio:

Terzo passaggio:

10 m di larghezza

Se sapete che la vittima non é

(5 m a destra + 5 m a sinistra).

equipaggiata di riflettori RECCO in microcorridoi.

non avete rilevato alcun segnale,

(Vedi pagina 29, Ricerca di appa-

eseguite un secondo passaggio.

recchi elettronici).

Riducete la larghezza dei corridoi di ricerca e puntate il detettore ancor di piú verso la neve (circa 2 m davanti a voi). Posizionatevi in modo da lasciare alle vostre spalle gli altri soccorritori al fine di evitare segnali di disturbo.

21

PARTE PRATICA

o di ARTVA, continuate la ricerca Se durante il primo passaggio


1.3 RICERCA GREZZA – Quando rilevate il primo segnale Obiettivo: Stabilire la direzione. Seguire il segnale, avvicinamento.

Roteazione ▸▸ Roteate il detettore per trovare il segnale piú forte. Una volta rilevato il segnale piú forte, mantenete il detettore in posizione. ▸▸ Marcate la vostra posizione. Movimento Laterale ▸▸ Muovete il detettore rapidamente da un lato all´altro. Quando rilevate il segnale piú forte fermatevi e stabilite la direzione. ▸▸ Scegliete un punto di riferimento sul terreno. Marcate la posizione e avanzate nella direzione stabilita. ▸▸ Fermatevi e ripartite. In fase di avvicinamento controllate la direzione ancora una o due volte. ▸▸ Riducete la potenza solo quando il segnale é forte. Quando riducete la potenza fate attenzione a non perdere il segnale. ▸▸ Avanzate ancora, fino alla perdita del segnale.

Se il segnale si perde davanti a un ostacolo (accumuli di neve, buche etc), continuate la ricerca intorno e sull´ostacolo per assicurarvi che non vi sia segnale sull´altro lato.

22


del braccio o con la roteazione del detettore in.

PASSAGGIO DALLA RICERCA GREZZA ALLA RICERCA FINE

PARTE TEORICA

!

Quando seguite un segnale mantenete il detettore in posizione fissa. Non continuate con il movimento laterale

Obiettivo: Ritrovare il segnale. Inclinazione Se avete perso il segnale senza aver ridotto la potenza, fermatevi e inclinate il detettore con un leggero movimento del polso a destra e a sinistra e in alto e in basso. Quando avete ritrovato il segnale, riducete se possibile la potenza e avanzate in direzione fino alla

PARTE PRATICA

perdita completa del segnale.

23


1.4 RICERCA FINE Obiettivo: Arrivare a meno di un metro dalla vittima. Metodo a croce ▸▸ Puntate il detettore in basso, verso la neve. ▸▸ Roteate il detettore per trovare la polarizzazione massima e una volta raggiunta mantenete il detettore in

no signal

posizione. ▸▸ Se necessario riducete la potenza, senza peró perdere il segnale. ▸▸ Eseguite rapidi movimenti a croce

no signal

no signal

fino alla perdita del segnale su ogni lato. Individuate il punto di seppelli-

no signal

mento al centro della croce. 1.5 LOCALIZZAZIONE ESATTA Obiettivo: Individuare con esattezza il punto di seppellimento. ▸▸ Usate la sonda per confermare la localizzazione esatta e per determinare la profonditá di seppellimento. I seguenti 4 parametri influiscono sulla potenza del segnale RECCO: ▸▸ Impostazione del volume ▸▸ Orientamento del detettore ▸▸ Vicinanza/lontananza ▸▸ Direzione Modificate solo un parametro per volta durante qualsiasi fase di ricerca.

24


!

2.1 RICERCA FRA SOCCORRITORI

La riduzione della potenza

Con la pratica sarete in grado di eseguire la ricerca in presenza di altri soccorritori anche quando questi dovessero essere equipaggiati di riflettori.

puó diminuire le interferenze dovute ai segnali di disturbo provenienti dai soccorritori vicini. Tuttavia ricordate che

PARTE TEORICA

2. TECNICHE AVANZATE DI RICERCA

quando riducete la potenza riducete anche la portata.

di detettore RECCO: ▸▸ Chiedete ai soccorritori se siano dotati di riflettori RECCO. ▸▸ Chiedete ai soccorritori di posizionarsi alle vostre spalle (se possibile almeno 5 m dietro di voi). ▸▸ Usate il vostro corpo come schermo: posizionatevi fra il detettore e gli altri soccorritori. ▸▸ Puntate il detettore verso la neve e non verso gli altri soccorritori. Con la pratica e l´esperienza riuscirete a operare a pochi metri di distanza da altri soccorritori. 25

PARTE PRATICA

Per aumentare le vostre possibilitá di successo in qualitá di operatori


2.2 RICERCA SUGLI SCI Su una zona di accumulo relativamente piana é possibile eseguire la ricerca sugli sci. Tuttavia sugli sci gli spostamenti sono piú rapidi e pertanto si rendono necessari alcuni aggiustamenti alla vostra tecnica di ricerca.

▸▸ Riducete la larghezza dei corridoi di ricerca (non perdete altitudine troppo velocemente). ▸▸

Riducete l’ampiezza del movimento laterale del braccio.

▸▸ Orientate il detettore piú in basso, verso la neve. ▸▸ In presenza di un forte pendio potreste trovare piú facile e efficace eseguire la ricerca puntando il detettore lungo il vostro lato a monte piuttosto che lungo il lato a valle o davanti a voi.

!

Fate attenzione ai segnali di disturbo causati da sci o da fibbie di scarponi.

26


PARTE TEORICA

2.3 RICERCA MULTIPLA

Sistema dei 3 cerchi concentrici Quando le vittime sepolte sono o si pensa che siano piĂş di una, dovete scandagliare la zona intorno alla prima vittima localizzata e nella direzione del punto di rilevazione del primo segnale. Avanzate di 3 m nella direzione di provenienza e con la schiena rivolta verso la vittima.

poter rilevare di nuovo solo il se-

Ritornante nel punto in cui ave-

gnale riflesso dalla prima vittima.

te rivelato il primo segnale e che

Mantenete il detettore rivolto

avete marcato, se possibile con il

verso la neve. Eseguite un cerchio

detettore regolato sulla massima

attorno alla vittima localizzata,

potenza.

mantenendo un raggio di 3 m.

Riprendete la ricerca sistematica

Ripetete la ricerca eseguendo

in corridoi della superficie non es-

ulteriori 2 cerchi, allontanando-

plorata, avendo cura di riporatare

vi ogni volta di 3 m dal cerchio

il volume alla potenza massima.

precedente.

27

PARTE PRATICA

Aggiustate il volume in modo da


Seppellimento tandem Se il segnale percepito ĂŠ molto ampio, avanzate verso il centro dellâ&#x20AC;&#x2DC;area di rilevazione, fino alla perdita completa del segnale. Fermatevi e marcate il punto.

Procedete quindi con la localizzazione esatta. Roteate il detettore con un leggero movimento del polso a sinistra e a destra, in alto e in basso, riducendo progressivamente la potenza senza perdere il segnale. Stabilite le direzioni finali verso i due riflettori.

28


2.4 RICERCA DI APPARECCHI

Molti apparecchi elettronici, alcuni dei quali inclusi nell´elenco qui a destra, possono riflettere un segnale RECCO anche da spenti. La portata sará peró in questo caso molto limitata (da qualche centimetro a qualche metro).

▸▸ ARTVA ▸▸ Apparecchi radio ▸▸ Telefono cellulare ▸▸ Macchina fotografica

PARTE TEORICA

ELETTRONICI

digitale ▸▸ Ricevitori GPS ▸▸ Torcia da testa

Per cercare apparecchi elettronici dovete procedere lentamente e in maniera metodica. Eseguite la ricerca tenendo il detettore molto vicino alla neve e regolato sulla massima potenza.

1m

I corridoi di ricerca non dovranno

!

Fate attenzione ai segnali di disturbo provenienti dagli altri soccorritori e dal vostro equipaggiamento (scarponi da sci...)

29

PARTE PRATICA

essere piú larghi di 1-2 metri.


2.5 RICERCA CON DUE

ON

DETETTORI

OFF

Quando per perlustrare una va-

RECCO

sta zona di ricerca vengono utilizzati 2 detettori, si rende neces-

ALT

sario adoperare la funzione ALT e quindi impostare i detettori su dovrá essere rivolto verso l´alto

SENSITIVITY

canali diversi. L‘interruttore ALT ON

OFF

in un detettore e verso il basso

<5m 4 - 20 m 18 - 60 m

RECCO

ALT

SENSITIVITY

nell´altro.

<5m

457

4 - 20 m 18 - 60 m

457 ON OFF

Per evitare segnali di disturbo,

ON OFF

non puntate i detettori l´uno contro l´altro. Maggiore é lo spazio che separa i detettori, minore é il rischio di interferenza. É utile marcare con bandiere il percorso di ricerca al fine di identificare quali zone siano state esplorate e quali no.

30


3. RICERCA CON FUNZIONE ARVA

eseguite

una

ricerca

PARTE TEORICA

Quando

ARTVA dovete impostare il detetON

tore sulla funzione 457 kHz inte-

OFF

grata. RECCO

1.

DETETTORE RECCO

ALT

- In posizione ”ON” SENSITIVITY

2. RICEVITORE 457 kHz - In posizione ”ON” e impostato sulla potenza 15-60 m

<5m 4 - 20 m 18 - 60 m

457 ON

3. RICERCA SIMULTANEA

OFF

- Segnale RECCO - Segnale ARTVA - Potete eseguire la ricerca con entrambe le tecnologie

ON

OFF

RECCO

SENSITIVITY

ALT

<5m 4 - 20 m 18 - 60 m

457 ON

PARTE PRATICA

OFF

31


Attenzione: quando eseguite la ricerca con la funzione

!

457 kHz, tutti gli ARTVA devono essere regolati in modalitá ricezione oppure spenti. Prima di eseguire la ricerca di una zona valutate sempre i rischi a cui sottoponete voi e i vostri compagni.

RICEVITORE 457 ANALOGICO Segnale acustico semplice che, con il giusto orientamento, aumenta

progressivamente

man

mano che l´unitá ricevente si avvicina all´unitá trasmittente. ANTENNA RICEVITORE 457 L’antenna del ricevitore 457 kHz si trova alla base dell´impugnatura del detettore. RILEVAZIONE DEL SEGNALE 457 kHz Potete localizzare un ARTVA anche con il detettore R9 e i metodi di ricerca a tangente o a croce.

32


TEST DI VERIFICA DELLA COMPETENZA DI BASE Localizzare 2 riflettori in meno di 7 minuti e con il seguente scenario: ▸▸ Dimensione area di ricerca 50 x 50 m.

PARTE TEORICA

4. TEST DI VALUTAZIONE

▸▸ 2 riflettori su bersagli RECCO e/o in zaini (20 x 30 cm circa) sepolti a 50 cm di profonditá.

TEST DI VERIFICA DELLA COMPETENZA AVANZATA Localizzare 3 riflettori in presenza di segnali di disturbo e rilevare un segnale ARTVA in meno di 10 minuti con il seguente scenario: ▸▸ Dimensione area di ricerca 50 x 50 m. ▸▸ 2 riflettori su bersagli RECCO e/o in zaini (20 x 30 cm circa) sepolti a 50 cm di profonditá e a circa 3 metri di distanza l´un dall´altro 2 riflettori. ▸▸ 1 ARTVA in modalitá di trasmissione sepolto a 50 cm di profonditá. ▸▸ Alcuni riflettori fissati su pali o inseriti in zaini e situati all´interno della zona di ricerca per simulare soccorritori equipaggiati di riflettori.

33

PARTE PRATICA

▸▸ 1 riflettore su bersaglio RECCO o in zaino e lontano dagli altri


5. CONSERVAZIONE Per tempi di conservazione superiori a 30 giorni: ▸▸ Asciugate e pulite il detettore con un panno ▸▸ Conservate il detettore in luogo fresco e asciutto ▸▸ Conservate il detettore con batteria a carica piena e disconnesso dal caricabatteria ▸▸ Non ricaricate il detettore durante la conservazione ▸▸ Prima dell´inizio dell´inverno ricaricate il detettore e eseguite il controllo delle sue funzioni

6. MATERIALE SUPPLEMENTARE DI FORMAZIONE ▸▸ Disponibile su www.recco.com o su richiesta a info@recco.com

RECCO AB Radiovägen 3A, S-181 55 Lidingö, Sweden. Phone: +46-8-731 59 50 www.recco.com

34


PARTE PRATICA

PARTE TEORICA

APPUNTI

35


RECCO.COM

RECCO R9 Quick Guide ITA v04  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you