Page 1

Ci.F.Informa

Anno XXXVIII, n.5 maggio 2013

Circolo Fotografico Isontino - B.F.I. Via Cipriani, 69

Editoriale Cari Soci, quattro parole tra noi sui programmi futuri del nostro Circolo. I prossimi incontri con l’autore avranno per protagoniste le donne. E’ una constatazione di fatto che oramai la fotografia si declini sempre più al femminile. Ed è un bene che non sia legata ad un sesso specie se questo debba essere, per forza di cose, essere quello supposto ”forte” fino ad ora. E’ certo che fino ad adesso  la fotografia sia stata vista e proposta da una gran parte di uomini pur nell’eccellenza di alte figure femminili che hanno concorso a tracciare la storia della arte visuale. Ora però, ed è un bene lo ripeto, che questo modo di vedere e di intendere la realtà sia mediato dallo sguardo attento delle donne. Non c’è compiacimento in queste mie parole ma, è evidente, che la sensibilità femminile gioca ed esprime bene le molte sensazioni che la fotografia è in grado di proporre a chi la guarda. L’occhio femminile è curioso e attento senza dubbio e ne dà prova costantemente. Maggio e giugno avranno serate dedicate proprio alla sensibilità fotografica di due validissime esponenti della fotografia di questi nostri luoghi: Lorella Klun e Laura Zambelli. Due modi diversi eppur uguali di esprimere e rappresentare, con il mezzo fotografico, temi ed argomenti tra i più

disparati. Avremo modo di vedere assieme quanto loro hanno fatto e conseguentemente discuterne tra di noi. Questo discorso è altresì valido al nostro interno. Chiara Gatta prima e Ilenia Brajnik poi faranno altrettanto proponendoci il loro modo di vedere il mondo attraverso le lenti di un obiettivo. Credo che questo modo di vedere le cose non solo ci permetta di ampliare le nostre conoscenze ma, tutto sommato ci permetta contemporaneamente di discuterne in maniera critica e costruttiva. Serve, in buona sostanza, ad essere critici essenzialmente verso se stessi guardando e valutando il metodo di lavoro degli altri. Tale lavoro è essenziale, credo, per crescere nella cultura visuale anche per superare il trito binomio “piace/non piace” che non aggiunge né toglie nulla alla capacità di osservare e che dimostra sempre di più essere un limite alla visione critica di ciò che ci si presenta sotto gli occhi. Buona lettura e Buona Luce a Tutti voi. Agostino


I venerdì del circolo alle ore 21.00

• 3 maggio Polivalente in via Baiamonti Serata dedicata all’incontro con l’autore. Sarà da noi Lorella Klun che ci intratterrà con le sue opere. • 17 maggio Polivalente in via Baiamonti Serata di fotografia con la nuova socia Ilenija Brajnik. • 24 maggio Sede sociale in via Cipriani 69 Serata di fotografia dedicata all’argomento della mostra tra i Circoli della Provincia Isontino dal tema “Contaminazioni”.

Nota di Agostino

Ho riscoperto, grazie all’amico Maurizio, la rivista “Il fotografo” che al piccolo costo di 4.90 € ogni mese dà conto di come si è sviluppata la fotografia oggi e dei metodi di lettura che ad essa vengono applicati. Una rivista dalle scelte estetiche e formali molto lineari, ben stampata, che presenta le foto in maniera adeguata corredandole da interventi critici di spessore. Non è, per contro, una delle tante riviste che si occupa anche di tecnica fotografica e la cui dipendenza dal mercato diventa ridondante quando, allo stesso tempo, si trovano testate diverse negli scaffali dei giornalai che finiscono per contenere articoli tecnici del medesimo tenore perché centrati sullo stesso tipo di prodotto. Una bella rivista con ottimi autori, da consigliare vivamente a tutti anche per l’ampio spazio che dà a fotoamatori come noi che cercano, anche a fatica, il modo corretto di comunicare il proprio linguaggio ad altri.

Mostre da visitare “La Cicchetteria”

Via Petrarca, 2, Gorizia Esposta fino al 12 maggio la mostra fotografica personale di Nicola Boscarol • KC “Lojže Bratuž” Viale XX Settembre, Gorizia E’ ancora visitabile su appuntamento la mostra fotografica: “Tra storia ed immagini: Religiosità nei luoghi della memoria 1915-2013” realizzata dal Circolo Fotografico Isontino per la Festa dei Patroni della città.

• “Galleria ‘75” S.Floriano del Collio, loc. Bucuie Fino all’11 maggio è visitabile la mostra collettiva di fotografia “Punti di vista 2013” con la partecipazione degli autori Rebeka Bernetič, Ilenija Brajnik, Deborah Brugnera, Shana Carrara, Stane Lokar. • Bar “Torino” Corso Italia, Gorizia Dal 3 aprile personale fotografica di Renzo Bean


lui è Elliott Erwitt

Un’icona della fotografia mondiale, che ha curato personalmente una mostra delle proprie 50 immagini più significative che Leica ha presentato alla scorsa Photokina in esclusiva, e che nel 2013 verrà esposta in tutte le Leica Gallery del mondo. Immagini che fanno parte di “Personal Best”, il volume edito da teNeues che racconta in dettaglio il lavoro del reporter americano, che attraverso le proprie immagini ha fermato i momenti e i personaggi più importanti della storia del dopoguerra.

Dall’iconica immagine che ha raccontato il razzismo in North Carolina al funerale di JFK, dallo scontro Nixon-Kruscev ai ritratti di Marylin Monroe e dei più grandi divi di Hollywood. Nato a Parigi nel 1928 da genitori russi, Elio (questo il suo nome prima di americanizzarlo in Elliott) Romano Erwitt visse i suoi primi dieci anni a Milano, per poi trasferirsi nel 1939 a New York e tre anni più tardi a Los Angeles. Nel 1946 tornò a New York, e cominciò a scattare foto. Non ha più smesso, affiancando alle sue “business camera” (come le chiama lui) dedicate ai lavori commissionati, la sua “hobby camera”, la fidata Leica M3 che lo segue da più di 50 anni e con cui ha scattato migliaia di rullini di Tri-X. E proprio tra questi negativi bianconero si trovano le immagini più straordinarie di Erwitt, frutto di occhio, rapidità mentale e un pizzico di fortuna. “f/8 and be there”, come erano


soliti dire i reporter quando gli si chiedeva qual era il segreto delle fotografie migliori, ma anche – ed è il caso di Erwitt – una incredibile capacità di “predire” il momento decisivo, tanto per citare il suo amico Henri Cartier-Bresson, che lo volle a tutti i costi con sé in Magnum Photos. A volte anche di crearlo, questo momento decisivo: Elliott usava portare con se una trombetta da bicicletta, e usava suonarla a sorpresa per vedere, e riprendere, le reazioni dei cani – uno dei suoi soggetti preferiti – per le strade. La bellissima immagine del cihuahua con tutte e quattro le zampe staccate da terra fu ripresa così, e la stessa trombetta è servita spesso per far girare, sorpresa e stupita, anche qualche persona, catturata subito dalla sua Leica. “Secondo me la fotografia è arte dell’osservazione. Si tratta di trovare qualcosa di interessante in un posto ordinario... Ho scoperto che ha poco a che fare con le cose che vedi, mentre si basa completamente sul modo in cui tu le vedi.” Elliott Erwitt

sito web www.cifigorizia.it facebook www.facebook.com/cifigorizia

Antonio Fabris a.fabris2@tin.it Agostino Colla agostino.colla@fastwebnet.it

CIFINFORMA 05_2013  

Newsletter mensile redatta dai soci del Circolo Fotografico Isontino BFI - Maggio

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you