Page 1

Reader’s Bench

tutto il mondo dei libri su una panchina speciale Natale 2013

www.readers-bench.com


Reader’s Bench: Direttore editoriale: Clara Raimondi

Direttore responsabile: Simone di Biasio

Creative designers: Francesco Miserendino, Veronica di Biasio Vicedirettore: Diego Rosato

Cover: Claudio Turetta Redazione: Mattia Galliani Cristina Monteleone Claudia Peduzzi Chiara Silva Nicoletta Tul Claudio Turetta Floriana Villano Claudio Volpe Daniele Campanari Si ringraziano: Stefania Capati Matteo Farinella

www.readers-bench.com readersbench@gmail.com Reader’s Bench Tutto il mondo dei libri su una panchina Blog letterario

Reader’s Bench è una rivista culturale senza scopo di lucro, pertanto non rappresenta una testata giornalistica in quanto i contenuti vengono aggiornati senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001. Reader’s Bench is licensed under a Creative Commons. Attribuzione-Non commerciale- Non opere derivate 3.0- Unported License. Note Legali: Reader’s Bench comunica che le informazioni, le immagini e il testo contenuti nella rivista sono protette dalla legge sul copyright ed autorizza la visualizzazione e lo scaricamento dei materiali disponibili presso questo magazine online ad uso strettamente personale, non a fini commerciali. Nel caso in cui sulla rivista vengono utilizzate contenuti di terzi, essi possono chiedere la rimozione degli stessi. Non é consentito modificare, né riprodurre, né trasmettere i materiali presenti nella rivista. Reader’s Bench proibisce l’uso del contenuto senza un preliminare permesso scritto della redazione eccetto il caso in cui si voglia visualizzare il contenuto sullo schermo del computer e stamparne una copia qualsiasi, solo per uso privato, senza scopo di profitto o altro autorizzato dalla legge.


Non la pace, ma la spada

Qualche tempo fa, un po' per gioco, un po' per provocazione, mi sono divertito ad immaginare quali libri sarebbero oggi inclusi nell'Indice dei Libri Proibiti (e, pur non potendoli menzionare tutti, ne trovai tanti, ma tanti, proprio tanti). Oggi, dato che la Magna Direttrice Clara ha avuto l'infausta decisione di chiedermi un articolo natalizio, ho pensato bene di scovare un romanzo che in quell'indice meriterebbe un posto d'onore, ma che, come da requisiti, parla del Natale. Il libro in questione è “La bugia di Natale” di Seth Grahame-Smith e so già che farà storcere il naso ai più ferventi spiriti natalizi. Intorno all'anno 2 a.C. il Medio Oriente è percorso dalla leggenda del “Fantasma di Antochia”, un inafferrabile ladro, tanto astuto quanto lesto con la spada. Balthazar, questo il nome del fuorilegge più ricercato dagli eserciti di tutto l'Impero Romano d'Oriente, è in cima alla lista

dei nemici di Erode, il malato e paranoico re dei Giudei, ma, quando quest'ultimo riesce ad acciuffarlo, Balthazar riesce a fuggire, insieme con due compagni di cella, travestiti da sacerdoti. Nella loro rocambolesca fuga, troveranno riparo in una stalla di Betlemme, dove un carpentiere e la sua giovane sposa hanno appena avuto il loro primo figlio. La strana compagine si troverà alle calcagna tutto l'esercito di Erode ed il meglio dell'esercito romano e dovrà unire le forze per sfuggire alla potenza militare di Roma, ai sortilegi di un mago ed alle avversità naturali. L'idea di scrivere uno pseudo-vangelo non è certo nuova (la miglior opera di Christopher Moore è uno pseudo-vangelo, ad esempio), come non è nuova per l'autore quella di dissacrare miti della letteratura (Orgoglio e pregiudizio zombie), della storia (Abramo Lincoln cacciatore di vampiri) e ora della religione, ma in questo caso invece di umanizzare il


di Diego Rosato

“La bugia di Natale” di Seth Grahame.Smith, Edizioni Multiplayer.it, 335 pagg, 14,90 euro

protagonista come ha fatto Saramago o redimere un antagonista come lato meno cinico di quel che potrebbe sembrare. Non mancano citazioni hanno fatto Archer e Moloney, si dà un tocco di colore ad una delle figu- e “camei” di personaggi storici come Ponzio Pilato, Cesare Augusto e re secondarie della vicenda e lo si trasforma in protagonista. perfino Nerone. Devo dire che purtroppo qua e là non manca nemmeno qualche refuso, perlopiù su accenti ed apostrofi, ma in generale la Balthazar è un uomo votato alla vendetta, che dà la caccia al suo perso- scrittura di Grahame-Smith rappresenta quella giusta via di mezzo tra nale fantasma e cerca di uccidere quanti più Romani gli è possibile. È semplicità e ricercatezza: il testo è scorrevole e non banale. un uomo scettico ed incredulo ed alle preghiere preferisce l'azione, un anti-eroe che si trova suo malgrado a dover combattere per un bene su- In attesa che la Warner Bros ne faccia un film (i diritti sono già stati periore. Un uomo che è abituato a contare solo sulle sue forze, ma che in acquisiti per due milioni di dollari), tutti voi che come me pensate che questo caso avrà bisogno in più di un'occasione di un deus ex machina il mondo sarebbe un posto migliore se fossimo più buoni tutto l'anno in(nel vero senso della parola) per cavarsi d'impaccio. vece che solo a Natale (ma l'ipocrisia non è peccato?), gustatevi le avventure di Balthazar: sarà un ottimo modo per sfuggire alle bugie di Natale. La narrazione scorre fluida, inframmezzata dai flashback che raccontano il passato del Fantasma di Antiochia e ne svelano il lato umano, un


La Forza è possente nei fumetti

Qualche tempo fa vi ho detto che l'Universo espanso di Star Wars è cominciato con il primo capitolo della trilogia di Thrawn e certamente questo è stato il primo contenuto relativo alla saga prodotto dopo la trilogia classica (Episodi IV, V e VI). In realtà l'Universo espanso ha avuto inizio prima, esattamente nel 1976, quando George Lucas ancora non sapeva se il primo film, in fase embrionale, avrebbe avuto successo e se gli altri episodi avrebbero mai visto la luce del proiettore.

dopo la distruzione della Morte Nera, non va da Jabba a saldare il suo debito, per poi tornare dai Ribelli?), ma anche sbagliando qualcosina.

Se da un lato infatti troviamo un Jabba The Hutt decisamente troppo umanoide, dall'altro è chiaro che il materiale di partenza su cui il fumetto è stato disegnato (la sceneggiatura ed i disegni preparatori del primo film) era ben più povero di informazioni di qualche dettaglio fisico, dato che dall'opera in alcuni punti appare evidente che Darth Vader e AnaIn quel periodo infatti, il regista più celebre della galassia lontana lonta- kin Skywalker sono due persone diverse (e non dite che sto spoilerando, na ha preso contatti per la realizzazione di un fumetto, fumetto che do- perché, se non sapevate che sono la stessa persona, vuol dire che non veva anticipare l'uscita del film, per attirare l'attenzione su di esso. Erano avete mai visto la Saga e meritate una giusta punizione!). nati i fumetti di Star Wars che sarebbero stati pubblicati dalla Marvel in America e dalla Panini Comics in Italia. Ovviamente questi piccoli difetti fanno poco danno e, anzi, rendono il tutto più interessante, senza contare che il fumetto contiene anche alcuIl primo albo, in vendita dal 1 Luglio 1977 al costo di 30 cents, narrava ne “scene tagliate” che piacciono tanto ai fan. Questi albi inoltre costigli episodi della primissima porzione dell'episodio IV, coperto in totale tuiscono un'arma importante nella continua lotta tra fan di Star Wars e dai primi sei albi. Dato il successo riscontrato dal fumetto, che scalò ra- di Star Trek, perché consentono di dimostrare che il termine Borg era pidamente le classifiche delle vendite nelle fumetterie, la serie proseguì, presente nell'opera di Lucas molto prima che il capitano Picard fosse seguendo la direttiva ben precisa di non approfondire il personaggio di nato (beccatevi questa, trekkie!). Darth Vader ed il rapporto tra Luke e Leila, perché in caso di flop cinematografico questo tema sarebbe stato oggetto di un romanzo. Così le Ora starete pensando che il motivo per cui vi parlo di queste cose è avventure dei protagonisti, sono andate avanti in modo parallelo allo raccontarvi l'ennesima curiosità sulla mia saga preferita, o farvi venire sviluppo dei film, colmando qualche lacuna (ad esempio, perché Ian, la voglia di cercare in qualche mercatino rare copie di vecchi fumetti


di Diego Rosato

introvabili, ma vi sbagliate. Il motivo è che, qualora anche quest'anno cercaste un regalo da nerd, sappiate che la Panini Comics ha deciso di ripubblicare tutto il corpus con diversi volumi dal titolo “Star Wars Omnibus” e, mentre il primo volume (sottotitolo “Tanto tempo fa”) è stato pubblicato l'anno scorso, il secondo (“L'impero colpisce ancora”) è arrivato in libreria/fumetteria il 12 Dicembre scorso. Entrambi i volumi superano le 450 pagine in formato 18.3x27.7 e sono rilegati con copertina rigida e sovracoperta: decisamente poco maneggevoli, ma ben robusti. Due libri che non possono mancare (come quelli che seguiranno) nella libreria dei fan accaniti, a patto di essere disposti a spendere 49,00 euro per ognuno di essi!


Decorazioni di natale a maglia ai ferri di Arne & Carlos di Claudia Peduzzi

Arne & Carlos sono due designer scandinavi che nel 2002 hanno fondato una casa di mode di abbigliamento femminile. Fin qui nulla di strano - percentualmente gli stilisti maschi sono probabilmente più delle donne – ma il norvegese Arne Nerjordet e lo svedese Carlos Zachrison non si limitano a disegnare capi e ad abbinare tessuti e colori, ma sono anche degli appassionati sferruzzatori. Quando gli uomini decidono d'invadere un campo di pertinenza generalmente femminile amano farlo in grande stile. I due designers hanno quindi deciso d'immortalare le loro creazioni in una serie di pubblicazioni che hanno avuto un successo “planetario”. I loro libri sono stati tradotti dal norvegese in dieci lingue (inglese, tedesco, francese, italiano, giapponese, olandese, svedese, finlandese e islandese) ed altre tre sono previste per il 2014 (spagnolo, russo e coreano). Ogni libro è monografico: c'è quello sulle bambole (Knitted dolls), sul giardino (Knit and crochet Garden), sulle decorazioni pasquali (Easter Knits) ed infine quello sulle decorazioni natalizie, l'unico per ora tradotto anche in italiano (disponibile dal 30 di novembre scorso) Decorazioni di Natale a maglia ai ferri: 55 palle per l'albero di Natale. Pubblicato in Norvegia all'inizio di ottobre 2010 è giunto alla quarta edizione e ha venduto 37.000.

hanno delle strane abitudini!). Quell'anno il tema erano appunto i Julekuler e a Parigi ne furono così entusiasti da ordinarne ben 400. I due designers pensavano che le loro palle sarebbero servite come decorazioni per il negozio parigino, invece le videro in vendita a ben 100 € l'una. Benchè secondo la direzione della maison questo prezzo fosse solo una provocazione, Arne&Carlos decisero di raccogliere i modelli in un libro in modo da permettere a chiunque di realizzarle da soli. Ovviamente bisogna essere capaci di lavorare a maglia, abilità che mi pare che in Scandinavia sia data per scontata.

Analogamente alle collezioni di maglieria anche le decorazioni proposte per le 55 palle natalizie (traduzione poco elegante del più poetico termine norvegese Julekuler) riprendono i temi tipici della tradizione scandinava: fiocchi di neve, renne stilizzate, motivi geometrici, ecc. L'idea di realizzare delle decorazioni natalizie in maglia fu originato dall'invito della maison francese Comme des Garçons a realizzare una mini collezione natalizia. Carlos Zachrison decise di sfruttare una vecchia tradizione di famiglia, quella di dare una festa con parenti e amici durante la quale realizzare ai ferri decorazioni natalizie a tema (sì, gli scandinavi

In Italia il libro è edito da Il Castello e il prezzo di € 19,50 non è proprio popolare, ma vi assicuro che sarebbe un regalo di Natale molto gradito da qualsiasi appassionata di lavoro a maglia. A questo proposito Arne&Carlos hanno dichiarato che, anche se ai master che tengono partecipano prevalentemente donne, ogni tanto c'è anche qualche uomo. La loro pagina FaceBook conta quasi 18.000 fan e molti sono proprio uomini, come il gruppo italiano Magliauomini – Uomini che fanno la maglia. Auguri di un lanoso Natale a tutti!

Benchè l'idea sia venuta da Carlos Zachrison il più esperto con i ferri pare sia Arne Nerjordet e alle sue mani si devono tutte le decorazioni immortalate nelle fotografie che arricchiscono il libro, scattate nell'originale laboratorio di Valdres (Norvegia) una ex-stazione ferroviaria ristrutturata. Arne afferma di poter realizzare tre palle al giorno, ma suggerisce ai principianti di cominciare con una per prendere confidenza con la tecnica. I suoi consigli prevedono anche un bicchiere di vino, da sorseggiare durante le pause di lavoro mentre si leggono le leggende tradizionali inframezzate ai pattern e alle fotografie.


Presepe morente


di Simone di Biasio

Non hanno condonato la capanna, cresce il condominio di vetro con pannelli solari (è sostenibile - dicono più della croce, insopportabile e minuscola) le stelle passano e non si fermano la luce ora è quella fissa di un lampione la processione rimbalza per inerzia, si scontra con madonne e san Giuseppe che viaggiano sui superjet privati e atterrano a Betlemme in cinque stelle fuori i rumori non sono ciaramelle sono le bombe che esplodono in testa melodia di una santissima guerra, ma i santi non pregano più neanche per sé i Magi sono maghi della finanza, regalano bond e BTP poi dicono che è crisi, che è crisi nera: quel bambino crescerà in culle scricchiolanti e sorriderà a quei carillon d’oro assordanti come questo ennesimo Natale.


Biscotti di natale decorati

ingredienti: per 30 biscotti circa per la pasta frolla : pasta 250 g di farina, 150 g di burro ammorbidito, 100 g di zucchero semolato, 1 tuorlo , un pizzico di sale per la decorazione: pasta di zucchero colorata, stampini, pennello e acqua


di Stefania Capati

in un impastatrice mettete la farina con il tuorlo a fate mescolare, poi aggiungete lo zucchero, il burro e il sale e fate mescolare di nuovo, poi passate l'impasta su un piano di lavoro e finite d'impastarlo a mano. Avvolgetelo nella pellicola trasparente e mettetelo in frigo per almeno un'ora. Accendete il forno a 180째 . Stendete la pasta frolla e con le formine intagliate i soggetti desiderati , disponeteli su una teglia ricoperta con della carta forno e infornate per 10 minuti. Sfornateli e lasciateli freddare bene. Stendete la pasta di zucchero e con le stesse formine dei biscotti intagliatela e mettetela sui biscotti attaccandola con un po di acqua aiutandovi con il pennello. Potrete fargli anche un buchino sopra , infilarci un nastro e attaccarli all'albero di Natale come decorazione . Insieme alla pasta frolla, troverete tante idee da cucinare nel mio libro "SONO IO LA Pi첫 BRAVA IN CUCINA" ...io sono Stefania Capati e vi auguro un dolcissimo Natale !


Natale con tè

Vi ha mai sfiorato l'idea di organizzare un tea party probizionista per Natale o Capodanno? Beh è proprio quello a cui ho pensato io, un tea party come quelli che si organizzavano a Chicago o New york negli anni Venti e Trenta durante il periodo del proibizionismo americano, durante il quale l'alcol era assolutamente proibito e quindi lo si beveva all'interno di tazze da tè all'inglese. Vi do qualche consiglio su come organizzare un evento del genere magari bevendo pure un pò di tè oltre che l'alcol:)

le foglie di tè o le altre aggiunte e fate raffreddare togliendo dal fuoco. Dopo circa dieci minuti filtrate e conservate lo sciroppo in frigo. Lun Jin Fizz 50 ml di gin secco un goccio di limone fresco 20 ml di sciroppo di tè verde lun jin preparato come la ricetta sopra acqua tonica per coprire

Io amo usare le foglie di tè per creare dei sciroppi aromatizzati da usare poi per creare cocktails unici, come il mio famosissimo Lun Jin Fizz o un Miscelate nello shaker gin, limone e sciroppo con qualche cubetto di Sencha Elderflowetr Collins. ghiaccio. Versate nella coppa da Martini con i bordi zuccherati e fate "top up" con Per gli sciroppi di tè: l'acqua tonica. 10 grammi di tè in foglie (verde, nero, oolong, aromatizzato) aggiunte varie (cannella, noce moscata, zenzero fresco o tutto quello che più vi piace) Sencha Elderflower Collins 100 gr di zucchero bianco 60 gr di acqua 50 ml gin secco un goccio di limone Portate al bollore acqua e zucchero (se volete uno sciroppo più liquido fetta di limone e foglia di menta aggiungete altri 30 ml di acqua) e dopo un paio di minuti aggiungete 10 ml sciroppo di tè verde sencha preparato come sopra


di Nicoletta Tul

10 ml sciroppo di fiori di sambuco Soda Agitate nello shaker gli sciroppi, il gin e qualche cubetto di ghiaccio, Versate in un bicchiere alto da tè freddo, aggiungi limone e menta e fate "top up" con la soda. Very Smoky Martini 50 ml vodka o gin secco una spruzzata di dry vermouth 10 ml di whisky torbato scozzese come Tallisker invecchiato 15 anni 10 ml di sciroppo di tè nero Lapsang souchong oppure tè nero Keemun, preparato come sopra una fetta di limone Agita tutti gli ingredienti nello shaker e poi aggiungi una fetta di limone. Vi piacciono i cocktails vecchio stile? Allora non potete perdervi questo piccolo libricino: Gatsby cocktails- CLASSIC COCKTAIL FROM THE JAZZ AGE, www.raylandpeters.com Non può assolutamente mancare nel vostro mobiletto bar assieme a tutti i vostri romanzi di Fitzgerald ovviamente! E se volete qualcosa di simpatico da leggere o regalare a Natale ecco delle idee orientaleggianti e davvero divertenti e sfiziose. Racconti Straordinari di Liaozhai, Sedici racconti taoisti Pu Songling, La vita felice edizioni, 11.50 euro, 198 p. E' uno dei testi cinesi più importanti a cavallo fra le dinastie Ming e Qing. Pu Songling non riuscì mai a passare l'esame di stato per diventare mandarino di alto grado, e questo rimase il suo grande cruccio, ma nel frattempo riuscì a raccogliere in questa personalissima raccolta alcuni dei più belli e divertenti oltre che romantici racconti tradizionali di tutto il paese.  Li mise per iscritto e li raccontò con il suo grande humor. Dopo la sua morte un nipote pubblicò l'opera che ebbe un enorme successo e anche letta ai giorni attuali risulta piacevole e magico con la delicata fusione di leggende popolari legate a fate, maghi e donne-volpi con la natura e lo stato delle cose.

Eca de Queiroz, IL MANDARINO Passigli editori, 8.5 euro, 123 p.

Immaginate di poter ereditare in sogno premendo un pulsante immaginario l'eredità di un ricchissimo mandarino cinese, che non conoscete minimamente. Lo fareste? Premereste quel pulsante? Il protagonista del libro lo fa, diventa improvvisamente ricchissimo ed ossessionato dal fantasma del Fosco Maraini, Viaggiator Curioso, Conversazione con Maria Pia Si- vecchio estinto, fino a diventare pazzo ed a pentirsi di aver premuto, ma monetti non prima di partire per il lungo viaggio che lo porterà da Lisbona alla Passigli Editori, 7.23 euro, 92.p Cina. Un'intervista bellissima al più grande viaggiatore italiano, assieme al Ed ora dateci dentro con i vostri cocktail natalizi in compagnia di un suo grande maestro Giuseppe Tucci. Fosco racconta come per caso lesse buon libro come sempre! l'annuncio del professor Tucci su un pezzo di giornale che serviva per avvolgere i suo scarponi da sci e decise così di proporsi e di partire con lui per il Tibet (e da questo viaggio nascerà il sublime "Segreto Tibet"), e poi tutti i suoi amori, le sue principesse, i viaggi, il grande amore per il Giappone, la guerra e gli amici persi e ritrovati. Una piccola chicca per tutti quelli che adorano il grande maestro.


Il perfetto natale da Reader


di Clara Raimondi

Il perfetto Natale da Reader inizia con largo anticipo. Diciamo che ogni lettore che si rispetti ha bisogno di qualche giorno per preparare l’atmosfera e non parlo della decorazione della casa o della scelta del vischio per la porta. Parlo dell’atmosfera di cui ogni Reader ha bisogno e che si crea solo con largo anticipo, Già da venerdì direi che possiamo pensare al libro o ai libri che ci accompagneranno almeno durante il primo weekend di Natale. Lasciate perdere il libro sul comodino e dedicatevi piuttosto a quel romanzo che da troppo tempo attende di essere letto. Ma potreste prendervi del tempo per rileggere il vostro romanzo preferito o un grande classico. La parola d’ordine: relax! E la giornata di venerdì è già andata. Sabato è tempo di preparare il nido, il posto dove passeremo le ore in compagnia dei nostri libri. Il luogo ideale sarebbe davanti al camino, magari in penombra con la luce diffusa dell’albero ... Sto esagerando? Allora mettetevi a leggere nel vostro posto preferito, staccate il telefono, spegnete il cellulare. Fatevi inebriare dal profumo della pagine (anche l’e-reader è perfetto ma concorderete con me che è meno romantico) e godetevi il momento più atteso dell’anno dopo le ferie estive. E’ necessaria una tazza di tè o di cioccolata calda? Direi indispensabile! Mentre si può fare certamente a meno della musica ma sì lasciamo che siano solo i protagonisti delle storie e le vicende contenute nei nostri romanzi a darci la compagnia di cui abbiamo bisogno. Possiamo leggere in compagnia? Ma certo! E’ una delle condizioni ideali del perfetto Natale da Reader ma ad una sola condizione: che il nostro compagno, marito, amante sia un lettore appassionato come noi. Le indicazioni prescritte sono necessarie per il periodo Natale. Mi raccomando cercate di seguirle alla lettera almeno per tutto il primo weekend anche perché con le feste in arrivo (parlo della vigilia, del pranzo di Natale e di Santo Stefano) non se avremo abbastanza tempo. Ma voi dovrete imporvi di approfittare di ogni momento: dalle pause “riflessive” post abbuffata, alla sera o al bagno rilassante prima di andare a letto. Completano il piano perfetto: un plaid avvolgente e molto caldo, abiti comodi e luci soffuse. Applicarsi nella perfetta resa almeno una volta al giorno durante le ferie e se partite per Capodanno tenete bene a mente queste parole: niente e nessuno potrà mettersi in mezzo tra voi e la vostra voglia di leggere, è Natale! N.B. Affinché tutto vada secondo i piani sarebbe meglio che riceveste almeno un libro tra i vostri regali, non sarà l’ideale per il nostro programma ma rimpinzerà la libreria e la voglia di leggere.


Speciale Natale 2013  

book; magazine; lifestyle;

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you