Issuu on Google+

SPORT CAMPIONATO ITALIANO OFF-ROAD CROSS

1) Ivano Nicoletta In volo con il suo nuovo Mini Country Proto. 2) La Suzuki Cosworth di Riccardo Bottaro.

SVOLTA IN PISTA P

7li TUTTD Fuoristrada

er oltre trent'anni il punto di riferimento agonistico del fuoristrada in circuito è stato il Civf (Campionato Italiano Velocità Fuoristrada) che da quest'anno, però, ha lasciato spazio al neonato Campionato Italiano Off-Road

Cross organizzato dal Tim Cross e dal Veglio 4x4. Se il nome cambia, la disciplina rimane sostanzialmente la stessa, con guida veloce e piste estremamente spettacolari. Le categorie di gara coprono un ampio spettro di veicoli, da

quelli di serie (pur se con le opportune modifiche ai fini della sicurezza) sino ai mostri con due motori motociclistici, veri missili terra-aria (visti anche gli spettacolari "voli" che caratterizzano la specialità). Dopo la prima tappa disputatasi


SPORT CAMPIONATO ITALIANO OFF-ROAD

ad inizio maggio sul crossodromo la Veggia di Castellarano, il campionato è tornato in campo con la gara di Sassello presso il Crossodromo Giardinetti. Un caldo torrido e un clima festoso sono stati i leit motiv di una gara che ha visto

un Ivano Nicoletta mettere in chiaro da subito le sue intenzioni bellicose. Con il suo nuovo Mini Country Proto spinto da due motori Yamaha, infatti, si è dimostrato imprendibile dagli avversari sin dalle prime battute, chiudendo in testa

PILOTA Ivano Nicoletta LucaRigheUi Simone Parlamento Riccardo Bottaro Benito Bertuzzi Andrea Ferrando SUvioPeretto Riccardo Tonino William Niatl

MEZZO Mini Country Proto 1000x2 Suzuki Samurai Turbo 1300 JeelTj Cosworth 2000 Suzuld Coswrorth Proto BmwrM3 3000 Suzuki Samurai Siena 1300 T Proto Cosworth R 2000T Suzuki Samurai 1300 Suzuki Samurai - Swrtft 1300

TEMPO 43'03"8 a4'20"6 a5'12"3 a 5'35"2 aó'irv a6'47"6 a7'3r2 a 7'55" a8'27"9

TUTTO Fuoristrada 75


SPORT CAMPIONATO ITALIANO OFF-ROAD CROSS

1) Mario Gilardì e Guido Orbassano autori dì uno spettacolare cappottamento. 2) Marco Cavanna undicesimo al traguardo. 3) Benito Bertuzzi e il suo potente Proto BMW MS 3.000.

76 TUTTO Fuoristrada

nella classifica generale con oltre quattro minuti di vantaggio. Se Nicoletta ha avuto modo di esultare, Stefano Fioroni, Massimo Reggiani, Enrico Giudici e Gianluca Nigro sono stati afflitti da noie meccaniche che li hanno fatti fermare rispettivamente in quindicesima, sedicesima, diciannovesima e ventunesima posizione. A trarre vantaggio dai loro problemi è stato Luca Righelli che, con i 185 cavalli

del suo Suzuki Samurai Turbo 1.300, ha conquistato una prestigiosa medaglia d'argento (oltre a quella d'oro nel gruppo A) . Bella prova anche per Simone Parlamento, in coppia con Sandro Monteleone, terzo al traguardo (primo nel gruppo B) sulla sua nuova Jeep TJ Cosworth 2.000. Battaglia sul filo dei secondi tra Riccardo Bottaro (quarto) e Benito Bertuzzi (quinto), con quest'ultimo capace dì dare

fondo a tutta la sua esperienza di guida per ottenere tale prestazione. Sesta piazza per Andrea Ferrando e il suo Suzuki Samurai Sierra 1.300T e settima per Silvio Perette e Umberto Parlamento, rallentati da un ammortizzatore piegato. É stato il giovane Riccardo Tonino a fare sua la ottava piazza (primo nel gruppo FL), nono William Niati e decima piazza per la coppia Andrea Rizzato e Mauro Borrini (vincitori


SPORT CAMPIONATO ITALIANO OFF-ROAD

del gruppo N). Un accenno va fatto a Mario Gilardi e Guido Orbassano che, con il Suzuki Samurai 1.300, sono stati autori di un ribaltamento, al termine del quale sono atterrati sulle quattro ruote ripartendo

immediatamente, riuscendo a chiudere dodicesimi. Anche la Fiat Panda 4x4 Proto 1.900 Td di Franco Regalli è stata protagonista di una similare dinamica, andando però a piazzarsi ventesima a fine gara

m TUTTO Fuoristrada 77


Tuttofuoristradasett7