__MAIN_TEXT__

Page 1

0-

6

i 45

G iu s

72

-2

N ep 97 on pe 8- n Ca 88 a l -4 Ida icet

BN IS

40 Giuseppe Caliceti

Un tenero racconto sul profondo sentimento di affetto e di fiducia che lega i più piccoli ai più anziani.

LEGGO FACILE

Per semplificare la lettura del testo, si è usato un carattere di facile leggibilità.

Il libro è dotato di approfondimenti online su www.raffaellodigitale.it

I S B N 978-88-472-2450-6

788847 224506

E 7,00

Nonna Ida

Giuseppe Caliceti è insegnante di scuola primaria. Ha scritto numerosi libri per adulti, ragazzi, bambini. Nel 2003 ha vinto il premio letterario Elsa Morante – L’Isola di Arturo. È responsabile per il comune di Reggio Emilia del servizio di promozione della lettura e della scrittura creativa.

9

ROSSA SERIE

Questo volume sprovvisto del talloncino a fronte è da considerarsi copia di SAGGIO-CAMPIONE,­GRATUITO, fuori commercio. Esente da I.V.A. (D.P.R. 26-10-1972, n° 633, art. 2 lett. d).

Gioia e Ida sono alte uguali. Ma Gioia è una bambina di otto anni. E Ida è sua nonna. Quando sono insieme hanno sempre un sacco di cose da fare. Innaffiano le piante. Cucinano. Disegnano. Ritagliano. Cuciono. Organizzano viaggi e spettacoli. Giocano a carte e a dama. Fanno finta di andare a feste meravigliose. O, addirittura, di avere un fidanzato a testa. Ma soprattutto: parlano in continuazione e volano alte e lontane sulle ali della loro fantasia. Gioia è curiosa, si fa sempre tante domande. Come è fatta una nonna? Perché si veste così? Quanti ricordi ci sono dentro di lei? Cosa pensa? Come fa ad essere così paziente? Cosa fa tutto il giorno? Ma soprattutto: perché abita da sola? Non ha paura?

ROSS E I R SE anni

A

Giuseppe Caliceti

dai 7

Nonna Ida Il tenero sentimento che lega i più piccoli ai più anziani


IL MULINO A VENTO

IL MULINO A VENTO Per volare con la fantasia

IL MULINO A VENTO

IL MULINO A VENTO Collana di narrativa per ragazzi

40


Editor: Paola Valente Coordinamento Redazionale: Emanuele Ramini Team grafico: AtosCrea, Raffaella De Luca Ufficio stampa: Salvatore Passaretta Printed in Italy 1a Edizione 2016 Ristampa 7 6 5 4 3 2 1 0

2023 2022 2021 2020 2019 2018 2017 2016

© 2016 Tutti i diritti sono riservati Raffaello Libri S.p.A. Via dell’Industria, 21 60037 - Monte San Vito (AN) www.raffaelloeditrice.it www.grupporaffaello.it www.ilmulinoavento.it info@ilmulinoavento.it

www.facebook.com/RaffaelloEditrice È assolutamente vietata la riproduzione totale o parziale di ­questo libro senza il permesso scritto dei titolari del copyright.


Giuseppe Caliceti

NONNA IDA

Illustrazioni di

Sacco e Vallarino


a mia mamma


Babysitter

Quando mamma e papĂ sono tutti e due

al lavoro, mia nonna viene a casa nostra a farmi compagnia. Quando invece mamma e papà vanno al ristorante da soli, oppure al cinema a vedere un film solo per grandi, mi lasciano a casa di nonna. Lei è gentile e mi fa da babysitter gratis. Appena arrivo a casa sua, è sempre felice di vedermi e spegne subito il televisore. E ogni volta anche a me passa la voglia di guardare la tv, anche se in onda ci sono i miei programmi preferiti. Voglio dire: i programmi mi piacciono sempre, solo che preferisco guardarli senza stare ferma davanti alla tv seduta sul divano, ma facendo delle altre cose con mia nonna. 5


Certe volte mia nonna, alla domenica, viene a casa nostra a pranzo. In inverno, quando c’è la neve, si ferma anche a dormire da noi perché abbiamo un divano letto. È bello stare con lei quando viene da noi, ma io preferisco andare a casa sua perché là tutto è più avventuroso e io mi sento più libera. La sua casa è più antica della nostra, è più bella da esplorare perché non la conosco bene come la mia e poi perché lì ci sono cose più strane. Per esempio, una sera ho trovato in un cassetto della sua camera una pelle di coccodrillo arrotolata. Ma non una pelle di coccodrillo finto, una vera! Da piccola, un giorno che avevo la febbre e aveva la febbre anche la nonna, i miei genitori hanno chiamato una vera babysitter. Si chiamava Gloria. Era giovane. Bellissima. Con gli occhi verdi e tutti i capelli biondi a riccioli. Ha giocato con me quattro ore. Era molto simpatica ma io preferisco mia nonna. 6


Per me le nonne sono bravissime babysitter perché non si stancano mai. Mentre giocano a carte non guardano ogni due minuti l’orologio per vedere che ore sono. Non hanno sempre il cellulare che squilla. Insomma, a me sembra che mia nonna si diverta veramente a stare con me. Io me ne accorgo. Poi per le nonne stare con i loro nipotini non è un lavoro. Certe volte, per non sporcarmi, appena arrivo a casa sua, prima di iniziare a fare tutto quello che dobbiamo fare, mi tolgo i vestiti e indosso quelli che mi dà mia nonna. Poi mi metto delle ciabatte che lei ha comprato apposta per me. Così posso lavorare meglio e non preoccuparmi se mi sporco un po’, perché dopo mi cambio. A casa di nonna faccio cose diverse da quelle che si fanno a scuola o a casa mia. Per esempio pulisco il pavimento con la scopa elettrica. Sguscio le noci. Preparo degli antipasti o una torta di riso o la pasta per fare le tagliatelle o i cappelletti. 7


Oppure provo a friggere in padella una fetta di salame. Poi lavo i piatti. Innaffio i fiori e le piante che ci sono sul suo balcone. Oppure giochiamo insieme, io e lei.

8


Nomi

Un bambino o una bambina, quando na-

scono, hanno sempre quattro nonni: due sono maschi e due sono femmine. Due sono il papà e la mamma della sua mamma. Altri due sono il papà e la mamma di suo papà. I nonni possono essere più o meno anziani, dipende da quanti anni hanno. Oppure possono essere morti. Però, anche se sono morti, sono sempre i tuoi nonni. 9


Anch’io ho quattro nonni. Però tre di loro sono morti, cioè sono andati in cielo prima che io nascessi e si sono trasformati in stelle, perciò qui sulla terra mi è rimasta solo una nonna: la mamma di mio papà. I miei genitori mi hanno raccontato che io, quando sono nata, avevo i capelli biondi, anche se il papà e la mamma hanno i capelli neri. E anche i genitori di mia mamma li avevano tutti e due neri. Il papà di mio papà era pelato e sua mamma li aveva castani. Poi hanno scoperto che da bambina la mamma di papà, cioè mia nonna, aveva i capelli biondi. È per questo che io ho i capelli un po’ biondi e un po’ castani. Di solito le nonne hanno nomi strani tipo Genoveffa, Teodolinda, Adelina, Eulalia, Tecla, Dolorice, Zelmira, Esmeralda, Desdemona, come le fate antiche. 10

Profile for Gruppo Editoriale Raffaello

Nonna Ida  

Nonna Ida