Nel Cuore di Dio - Guida COMPLETO

Page 1

Quaderni Operativi

Guida Didattica

nel Cuore di Dio

nel Cuore di Dio

Percorso di IRC nella Scuola dell’Infanzia

Per l’insegnamento della Religione Cattolica nella Scuola dell’Infanzia

N M e IS . E. Gu l Cu BN G id o -9 ior a D re 78 da id di -8 ni at Di 8- - A t i c o 47 . a 2- Ulg 34 e 86 lmo -4

M. Elisabetta Giordani - Antonella Ulgelmo

PERCORSO DI IRC NELLA SCUOLA DELL’INFANZIA

anni

M. Elisabetta Giordani - Antonella Ulgelmo

PERCORSO DI IRC NELLA SCUOLA DELL’INFANZIA

anni

di Dio

5

PERCORSO DI IRC NELLA SCUOLA DELL’INFANZIA • Strutturato seguendo il CALENDARIO LITURGICO

nel Cuore di Dio

M. Elisabetta Giordani - Antonella Ulgelmo

Guida Didattica

nel Cuore di Dio

M. Elisabetta Giordani - Antonella Ulgelmo

per l’insegnamento della Religione Cattolica nella Scuola dell’Infanzia

per l’insegnamento della Religione Cattolica nella Scuola dell’Infanzia

con CD-Audio

STRUTTURATA SEGUENDO IL CALENDARIO LITURGICO CON ATTIVITÀ DI ASCOLTO, RIFLESSIONE, GIOCO E COSTRUZIONE

• LAVORETTI per Natale, Pasqua e l’Arca di Noè

• Strutturato seguendo il CALENDARIO LITURGICO

Guida Didattica

anni

• LAVORETTI per Natale, Pasqua e l’Arca di Noè

• Strutturato seguendo il CALENDARIO LITURGICO

M. Elisabetta Giordani Antonella Ulgelmo

M. Elisabetta Giordani Antonella Ulgelmo

nel Cuore di Dio

nel Cuore di Dio nel Cuore 3 di Dio 4 nel Cuore M. Elisabetta Giordani - Antonella Ulgelmo

•C D-Audio con canzoni • Collegamenti ai Quaderni Operativi “nel Cuore di Dio”

Guida Didattica

•S chede operative strutturate seguendo il CALENDARIO LITURGICO • Attività per lo sviluppo delle competenze IRC • L AVORETTI per Natale, Pasqua e l’Arca di Noè

M. E. Giordani A. Ulgelmo

Questo volume, sprovvisto del talloncino a fronte (o opportunamente punzonato o altrimenti contrassegnato), è da considerarsi copia di SAGGIO-CAMPIONE, ­GRATUITO, fuori commercio (vendita e altri atti di disposizione vietati: art. 17, c. 2 L. 633/1941). Esente da I.V.A. (D.P.R. 26-10-1972, n° 633, art. 2 lett. d). Esente da bolla di accompagnamento (D.P.R. 6-10-1978, n° 627, art. 4 n° 6).

• LAVORETTI per Natale, Pasqua e l’Arca di Noè

con CD-Audio

€ 25,00

STRUTTURATA SEGUENDO IL CALENDARIO LITURGICO CON ATTIVITÀ DI ASCOLTO, RIFLESSIONE, GIOCO E COSTRUZIONE



Guida Didattica M. Elisabetta Giordani - Antonella Ulgelmo

nel Cuore di Dio

per l’insegnamento della Religione Cattolica nella Scuola dell’Infanzia


PRESENTAZIONE Nell’ottica di un inserimento adeguato dell’IRC nei Piani dell’Offerta Formativa scolastica, la Guida Didattica e i Quaderni Operativi Nel Cuore di Dio offrono a insegnanti e bambini della Scuola dell’Infanzia un percorso educativo-didattico volto allo sviluppo integrale della personalità dei bambini, valorizzandone la dimensione religiosa e favorendone la maturazione personale. Il progetto segue il calendario liturgico cosicché il fluire dell’anno scolastico sia accompagnato dalla scoperta dei più importanti episodi dell’Antico e del Nuovo Testamento e delle figure dei principali Santi, oltre al riconoscimento dell’importanza di sentirsi parte della famiglia della Chiesa e di portare nella propria vita il messaggio di Cristo. Ogni pagina dei Quaderni Operativi è legata a un’attività in Guida, che accompagna il bambino nella scoperta dell’argomento trattato attraverso i seguenti passaggi:

ascolto ascolto di un racconto a carattere religioso.

comprendo attraverso semplici domande, il bambino è guidato alla comprensione del testo.

canto ascolto di una canzone, per interiorizzare alcuni degli episodi più importanti della vita di Gesù e il valore di essere cristiani.

creo attività laboratoriali di costruzione per creare un manufatto simbolo dell’argomento trattato.

2


INDICE L’IRC A SCUOLA PER UN’EDUCAZIONE INTEGRATA � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � 4 I DOCUMENTI MINISTERIALI � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � 6 LA PROGET TAZIONE CON SCANSIONE MENSILE � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � 7 LA TABELLA DI PROGET TAZIONE � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � 8 LA CREAZIONE � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � 14 L’ANGELO CUSTODE � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � 22 SAN FRANCESCO � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � 28 NOÈ � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � 34 MOSÈ � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � 40 SAN MARTINO � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � 48 SIAMO TUT TI AMICI 01 � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � 54 L’ANNUNCIAZIONE 02 � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � 60 VERSO BETLEMME � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � 66 LA NOT TE DI NATALE 03 - 04 � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � 70 I RE MAGI 05 � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � 78 L’INFANZIA DI GESÙ 06 � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � 82 IL BAT TESIMO � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � 86 LA CHIAMATA DEGLI APOSTOLI 07 � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � 92 GESÙ PARLA AI BAMBINI � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � 96 I MIRACOLI 08 � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � 100 LE PARABOLE 09 � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � 106 L’INGRESSO A GERUSALEMME 10 � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � 112 LA PASQUA DI GESÙ 11 - 12 � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � 116 MARIA, LA MAMMA DI GESÙ � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � 130 LA CHIESA 13 � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � 136 IL PAPA, GUIDA DELLA CHIESA � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � 142 TUT TI FRATELLI 14 � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � 146 3


L’IRC A SCUOLA PER UN’EDUCAZIONE INTEGRATA L’IRC nella scuola, specialmente nella Scuola dell’Infanzia, deve fare tesoro del modello pedagogico più volte professato da Papa Francesco: un’educazione integrata che coltivi testa, cuore e mani dei propri alunni. L’integrazione armonica dei diversi saperi, dice il Papa, aiuterà l’alunno a costruire la propria personalità. L’educazione, quindi, non è soltanto impartire conoscenze e alimentare la mente, ma anche coinvolgere e parlare all’emotività dei propri studenti. Solo dal bilanciamento di queste parti, che compongono l’unità del singolo individuo, è possibile accompagnare i propri alunni in quel percorso di crescita che li porterà ad essere gli adulti del domani.

4


Una didattica di integrazione armonica, quindi, che non dimentichi di essere al tempo stesso sostenibile. Il bambino deve essere in grado di sostenere il carico di questa didattica, e lo stesso vale per l’insegnante. Senza puntare a risultati immediati, che spesso si dimostrano effimeri, una didattica sostenibile porterà a risultati duraturi, che saranno le fondamenta per nuovi apprendimenti. La scuola come istituzione ha il compito di sviluppare nel soggetto il desiderio di apprendere. Ogni alunno, in virtù della sua singolarità, possiede un sentire e un modo di esprimersi prettamente personale. La scuola deve essere al servizio di questa singolarità e al tempo stesso deve farsi luogo dove essere parola e dare parola. Essere parola vuol dire farsi ponte tra i propri alunni e il desiderio di apprendere; dare parola equivale a offrire ai propri alunni la possibilità di esprimersi e aiutarli così a districarsi nella realtà che li circonda. Ogni bambino porta con sé un bagaglio, formato dalla sua storia, dal suo vissuto. Compito di ogni insegnante – e soprattutto di un insegnante IRC – è quello di aver cura di quel bagaglio, anche andando a rintracciare le domande e le richieste che vi sono all’interno. La risposta a queste domande e richieste, però, non deve essere sterile ma coltivare nel bambino il germe della curiosità, vero motore della motivazione che lo porta a entrare in contatto con la dimensione della ricerca, la quale si tramuterà in ricerca di significato per poi approdare a una comprensione di quel significato stesso. Questa spinta alla ricerca porterà il bambino a scoprire nuove dimensioni, che non saranno mai slegate dal proprio sentire emotivo. A ogni modo, l’insegnante deve tener sempre bene a mente che ogni argomento proposto deve partire dall’esperienza del bambino stesso, per evitare di disorientarlo; e, sempre in quest’ottica, occorre rimanere ancorati al reale: le situazioni presentate, i problemi affrontati devono essere autentici e non esulare dalla realtà che sostanzia la vita del bambino. In questo modo, il bagaglio del bambino si allargherà, per fare spazio a tutto ciò che di nuovo incontrerà lungo il cammino e che genererà ulteriori domande foriere di nuove ricerche e nuove conquiste.

5


I DOCUMENTI MINISTERIALI Si riportano, in quanto documento di riferimento, le integrazioni in appendice alle Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo d’istruzione 2012, relative all’insegnamento della Religione Cattolica, come da D.P.R. dell’11 febbraio 2010. «Nella scuola dell’infanzia, le attività in ordine all’insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono occasioni per lo sviluppo integrale della personalità dei bambini, aprendo alla dimensione religiosa e valorizzandola, promuovendo la riflessione sul patrimonio di esperienze e contribuendo a rispondere al bisogno di significato di cui anch’essi sono portatori. Per favorire la loro maturazione personale, nella sua globalità, i traguardi relativi all’IRC sono distribuiti nei vari campi di esperienza. Di conseguenza ciascun campo di esperienza viene integrato come segue, relativamente alla religione cattolica: il sé e l ’ altro

Scopre nel Vangelo la persona e l’insegnamento di Gesù, da cui apprende che Dio è Padre di ogni persona e che la Chiesa è la comunità di uomini e donne unita nel suo nome, per iniziare a maturare un positivo senso di sé e sperimentare relazioni serene con gli altri, anche appartenenti a differenti tradizioni culturali e religiose. il corpo e il movimento

Esprime con il corpo la propria esperienza religiosa per cominciare a manifestare adeguatamente con i gesti la propria interiorità, emozioni e immaginazione. immagini , suoni , colori

Riconosce alcuni linguaggi simbolici e figurativi tipici della vita dei cristiani (feste, preghiere, canti, spazi, arte), per esprimere con creatività il proprio vissuto religioso. i discorsi e le parole

Impara alcuni termini del linguaggio cristiano, ascoltando semplici racconti biblici, ne sa narrare i contenuti riutilizzando i linguaggi appresi, per sviluppare una comunicazione significativa anche in ambito religioso. la conoscenza del mondo

Osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, riconosciuto dai cristiani e da tanti uomini religiosi come dono di Dio Creatore, per sviluppare sentimenti di responsabilità nei confronti della realtà, abitandola con fiducia e speranza.»

6


LA PROGETTAZIONE CON SCANSIONE MENSILE Le attività presenti in guida possono essere suddivise con scansione mensile, tenendo conto del calendario liturgico e delle ricorrenze. Settembre • La Creazione

Ottobre • Angelo custode • San Francesco • Noè

Febbraio • Il Battesimo • Gli amici di Gesù • Gesù parla ai bambini

Marzo • I miracoli • Le parabole

Novembre Aprile • Mosè • San Martino • Tutti amici

Dicembre • L’Annunciazione • Verso Betlemme • Il Natale

• L’ingresso a Gerusalemme • La Pasqua di Gesù

Maggio • Maria, la mamma di Gesù • La Chiesa

Giugno Gennaio • I Re Magi • L’infanzia di Gesù

• Il Papa guida la Chiesa • Tutti fratelli

7


LA TABELLA DI PROGETTAZIONE argomento

8

traguardi

obiettivi

attività

La Creazione

•A scoltare semplici racconti biblici e saperne narrare i contenuti. • Osservare con meraviglia ed esplorare con curiosità il mondo. • Riconoscere il mondo come dono di Dio Creatore. • Sviluppare sentimenti di responsabilità nei confronti della realtà, abitandola con fiducia e speranza.

•C onoscere il racconto biblico della Creazione. • Scoprire nel gesto della Creazione l’amore di Dio. • Favorire atteggiamenti di cura e rispetto nei confronti del Creato.

• ASCOLTO La Creazione • COMPRENDO • CREO

Angelo Custode

•A pprendere che Dio è Padre di tutti e che la Chiesa è la comunità di uomini e donne unita nel suo nome. • Riconoscere alcuni linguaggi simbolici e figurativi caratteristici delle tradizioni e della vita dei cristiani.

•S coprire la figura dell’Angelo Custode. • Acquisire consapevolezza di far parte di una famiglia.

• ASCOLTO L’Angioletto Azzurro • COMPRENDO • CREO

San Francesco

•A pprendere che Dio è Padre di tutti e che la Chiesa è la comunità di uomini e donne unita nel suo nome. • Riconoscere alcuni linguaggi simbolici e figurativi caratteristici delle tradizioni e della vita dei cristiani.

•C onoscere la figura e gli insegnamenti di San Francesco. • Intuire il significato di fratellanza.

• ASCOLTO San Francesco d’Assisi • COMPRENDO • CREO

Noè

•A scoltare semplici racconti biblici e saperne narrare i contenuti riutilizzando i linguaggi appresi.

•C onoscere la figura e il ruolo di Noè. • Intuire la presenza e la bontà di Dio.

•A SCOLTO La storia di Noè e della sua Arca • COMPRENDO • CREO


argomento

traguardi

obiettivi

attività

Mosè

•A scoltare semplici racconti biblici e saperne narrare i contenuti riutilizzando i linguaggi appresi.

•C onoscere la figura e il ruolo di Mosè. • Scoprire l’alleanza istituita tra Dio e l’uomo.

• ASCOLTO La storia di Mosè • COMPRENDO • CREO

San Martino

•A pprendere che Dio è Padre di tutti e che la Chiesa è la comunità di uomini e donne unita nel suo nome. • Riconoscere alcuni linguaggi simbolici e figurativi caratteristici delle tradizioni e della vita dei cristiani.

•C onoscere la figura e gli insegnamenti di San Martino. • Intuire il significato della carità.

•A SCOLTO San Martino e il mantello • COMPRENDO • CREO

Siamo tutti amici

•S viluppare un positivo senso di sé e sperimentano relazioni serene con gli altri.

•S coprire e rispettare la fraternità. • Sviluppare il senso di appartenenza a un gruppo. • Riconoscersi come parte di un gruppo.

•A SCOLTO Gli amici di Anna • COMPRENDO • CANTO Girotondo dell'amicizia • CREO

L’Annunciazione

•S coprire nei racconti del Vangelo la persona e l’insegnamento di Gesù. • Imparare alcuni termini del linguaggio cristiano. • Ascoltare semplici racconti biblici e saperne narrare i contenuti riutilizzando i linguaggi appresi.

•C onoscere il racconto biblico dell’Annunciazione. • Conoscere la figura di Maria e dell’Angelo Gabriele. • Cogliere il messaggio di speranza nel progetto di Dio.

•A SCOLTO Arriva un bambino • COMPRENDO • CANTO L’Annunciazione • CREO

Verso Betlemme

•S coprire nei racconti del Vangelo la persona e l’insegnamento di Gesù. • Imparare alcuni termini del linguaggio cristiano. • Ascoltare semplici racconti biblici e saperne narrare i contenuti riutilizzando i linguaggi appresi.

•C onoscere il racconto biblico dell’arrivo a Betlemme di Maria e Giuseppe e del censimento.

• ASCOLTO In viaggio verso Betlemme • COMPRENDO • CREO

9


argomento

10

traguardi

obiettivi

attività

La notte di Natale

•S coprire nei racconti del Vangelo la persona e l’insegnamento di Gesù. • Riconoscere alcuni linguaggi simbolici e figurativi caratteristici delle tradizioni e della vita dei cristiani. • Imparare alcuni termini del linguaggio cristiano. • Ascoltare semplici racconti biblici e saperne narrare i contenuti riutilizzando i linguaggi appresi.

•C onoscere il racconto biblico della Natività. • Cogliere il messaggio cristiano del Natale. • Condividere momenti di festa e di gioia.

•A SCOLTO La nascita di Gesù • COMPRENDO • CANTO È la notte di Natale È nato Gesù • CREO

I Re Magi

•S coprire nei racconti del Vangelo la persona e l’insegnamento di Gesù. • Imparare alcuni termini del linguaggio cristiano. • Ascoltare semplici racconti biblici e saperne narrare i contenuti riutilizzando i linguaggi appresi.

•C onoscere il racconto biblico dei Re Magi.

•A SCOLTO La visita dei Re Magi • COMPRENDO • CANTO La Stella Cometa • CREO

L’infanzia di Gesù

•S coprire nei racconti del Vangelo la persona e l’insegnamento di Gesù. • Imparare alcuni termini del linguaggio cristiano. • Ascoltare semplici racconti biblici e saperne narrare i contenuti riutilizzando i linguaggi appresi.

•C onoscere il racconto biblico dell’infanzia di Gesù. • Riconoscere che Gesù è stato bambino.

•A SCOLTO L’infanzia di Gesù • COMPRENDO • CANTO Gesù, bambino come me • CREO

Il Battesimo

•S coprire nei racconti del Vangelo la persona e l’insegnamento di Gesù. • Apprendere che Dio è Padre di tutti e che la Chiesa è la comunità di uomini e donne unita nel suo nome. • Riconoscere nei segni del corpo l’esperienza religiosa propria e altrui. • Riconoscere alcuni linguaggi simbolici e figurativi caratteristici delle tradizioni e della vita dei cristiani.

•C onoscere il sacramento del Battesimo. • Scoprire i principali segni e simboli della religione cristiana.

•A SCOLTO Il Battesimo di Gesù • COMPRENDO • CREO


argomento

traguardi

obiettivi

attività

La chiamata degli apostoli

•S coprire nei racconti del Vangelo la persona e l’insegnamento di Gesù. • Imparare alcuni termini del linguaggio cristiano. • Ascoltare semplici racconti biblici e saperne narrare i contenuti riutilizzando i linguaggi appresi.

•C onoscere il racconto biblico della chiamata degli apostoli. • Conoscere gli amici di Gesù: gli apostoli.

•A SCOLTO Gesù chiama gli apostoli • COMPRENDO • CANTO Gesù chiama • CREO

Gesù parla ai bambini

•S coprire nei racconti del Vangelo la persona e l’insegnamento di Gesù. • Imparare alcuni termini del linguaggio cristiano. • Ascoltare semplici racconti biblici e saperne narrare i contenuti riutilizzando i linguaggi appresi.

•C onoscere il racconto biblico di Gesù e i bambini.

•A SCOLTO Gesù e i bambini • COMPRENDO • CREO

I miracoli

•S coprire nei racconti del Vangelo la persona e l’insegnamento di Gesù. • Imparare alcuni termini del linguaggio cristiano. • Ascoltare semplici racconti biblici e saperne narrare i contenuti riutilizzando i linguaggi appresi.

•S coprire che cosa sono i miracoli. • Conoscere alcuni miracoli compiuti da Gesù. • Intuire nei miracoli la manifestazione dell’amore e della cura di Dio nei confronti dell’uomo.

•A SCOLTO Le nozze di Cana Una pesca abbondante • COMPRENDO • CANTO I miracoli • CREO

Le parabole

•S coprire nei racconti del Vangelo la persona e l’insegnamento di Gesù. • Imparare alcuni termini del linguaggio cristiano. • Ascoltare semplici racconti biblici e saperne narrare i contenuti riutilizzando i linguaggi appresi.

•C onoscere alcune parabole raccontate da Gesù. • Comprendere il significato delle parabole ascoltate. • Intuire come Gesù, attraverso le parabole, riveli l’amore e la misericordia di Dio.

•A SCOLTO La pecora smarrita Il buon samaritano • COMPRENDO • CANTO Le parabole • CREO

11


argomento

12

traguardi

obiettivi

attività

L’ingresso a Gerusalemme

•S coprire nei racconti del Vangelo la persona e l’insegnamento di Gesù. • Imparare alcuni termini del linguaggio cristiano. • Ascoltare semplici racconti biblici e saperne narrare i contenuti riutilizzando i linguaggi appresi.

•C onoscere il racconto biblico della Domenica delle Palme.

•A SCOLTO Gesù entra a Gerusalemme • COMPRENDO • CANTO Gesù a Gerusalemme • CREO

La Pasqua di Gesù

•S coprire nei racconti del Vangelo la persona e l’insegnamento di Gesù. • Riconoscere alcuni linguaggi simbolici e figurativi caratteristici delle tradizioni e della vita dei cristiani. • Imparare alcuni termini del linguaggio cristiano. • Ascoltare semplici racconti biblici e saperne narrare i contenuti riutilizzando i linguaggi appresi.

•C onoscere il racconto biblico relativo alla Passione, Morte e Resurrezione di Gesù. • Intuire nella morte di Gesù il gesto più alto d’amore per l’uomo. • Vivere la Resurrezione di Gesù con gioia. • Conoscere il significato dei principali segni pasquali.

•A SCOLTO La cena pasquale Al Getsemani La Passione di Gesù La Resurrezione di Gesù • COMPRENDO • CANTO Dolce Pasqua La campanella di Pasqua • CREO

Maria, la mamma di Gesù

•S coprire la figura di Maria, madre della Chiesa.

•S coprire il ruolo di Maria nella Chiesa e come renderle omaggio.

•A SCOLTO Il suono della campana • COMPRENDO • CREO

La Chiesa

•S coprire nei racconti del Vangelo la persona e l’insegnamento di Gesù. • Apprendere che Dio è Padre di tutti e che la Chiesa è la comunità di uomini e donne unita nel suo nome. • Riconoscere alcuni linguaggi simbolici e figurativi caratteristici delle tradizioni e della vita dei cristiani.

•C onoscere il racconto biblico della Pentecoste. • Scoprire i luoghi di culto. • Comprendere che la Chiesa è la casa e la famiglia dei cristiani.

•A SCOLTO La Pentecoste • COMPRENDO • CANTO La Chiesa • CREO


argomento

traguardi

obiettivi

attività

Il Papa, guida della Chiesa

•A pprendere che Dio è Padre di tutti e che la Chiesa è la comunità di uomini e donne unita nel suo nome. • Riconoscere alcuni linguaggi simbolici e figurativi caratteristici delle tradizioni e della vita dei cristiani.

•S coprire la figura e il ruolo del Papa nella Chiesa. • Intuire di far parte della comunità dei cristiani.

•A SCOLTO Il primo Papa • COMPRENDO • CREO

Tutti fratelli

•S viluppare un positivo senso di sé e sperimentare relazioni serene con gli altri.

•R iconoscere il valore della fratellanza. • Sviluppare il senso di appartenenza a un gruppo. • Riconoscersi come parte di un gruppo.

•A SCOLTO Uno e 7 • COMPRENDO • CANTO Tutti fratelli • CREO

13


LA CREAZIONE obiettivi:

- conoscere il racconto biblico della creazione - scoprire nel gesto della creazione l’amore di dio - favorire atteggiamenti di cura e rispetto nei confronti del creato

ascolto Invitiamo i bambini a sedersi in cerchio e leggiamo il seguente racconto.

La Creazione In principio Dio creò il cielo e la terra. Ma tutto era confuso: la terra era mescolata col cielo e con le acque, e immersa nel buio. E sopra le acque, forte come il vento, scorreva lo spirito di Dio. Allora Dio disse: “Sia fatta la luce” e tutto all’improvviso fu illuminato. A Dio piacque la luce e decise di separare la luce dal buio. Chiamò la luce “giorno” e il buio “notte”. E così venne la sera e poi il mattino del primo giorno. Dio disse: “Sia fatto il cielo. Sorga come una grande cupola sopra le acque che coprono la terra”. E il cielo si estese da tutte le parti sopra la terra, la avvolse e la protesse col suo grande manto celeste. E fu di nuovo sera e poi il mattino. E passò il secondo giorno. Dio disse: “Si raccolgano tutte le acque sopra la terra, e si veda l’asciutto”. Allora le acque della terra si separarono e si raccolsero nei mari e nei laghi, nei fiumi e nei torrenti. E affiorarono le valli e i monti, le pianure e i deserti. A Dio piacque, e disse ancora: “Adesso voglio che la terra germogli e si ricopra di piante. Le piante crescano e facciano i semi”. E la terra germogliò e le valli, le pianure e i monti si ricoprirono di erbe, fiori e alberi da frutto. E le erbe fiorirono e sugli alberi crebbero foglie e frutti. E quando i frutti furono maturi, lasciarono cadere i loro semi, e dai semi germogliarono altre piante che crebbero e ornarono la terra. E fu la sera e il mattino del terzo giorno. Dio disse: “Compaiano due grandi luci nel cielo che dividano il giorno dalla notte. Luci per illuminare e scaldare la terra e aiutare a contare i giorni e i mesi, le stagioni e gli anni”. E nella volta celeste comparve il grande disco rosso del sole che illumina e riscalda la terra durante il giorno. 14


E quando scese la sera apparve il disco della luna, che rischiara le cose con i suoi raggi d’argento. E accanto a lei apparvero migliaia di stelle, che con le loro piccole luci brillano nella notte scura. E fu la sera e il mattino del quarto giorno. Dio disse: “Creature e pesci di ogni genere nuotino nelle acque dei mari, dei laghi e dei fiumi. E il cielo sia rallegrato dal volo degli uccelli”. Le acque dei mari si riempirono di meduse, calamari, seppie, balene, delfini e tonni. Le acque dei laghi e dei fiumi di lucci, trote, carpe e salmoni e tanti altri pesci. E il cielo fu solcato da rondini, passeri e merli, gufi e civette, aquile, gabbiani e tanti altri uccelli. Dio era molto contento e li benedisse tutti: “Crescete e moltiplicatevi. Riempite le acque e il cielo” disse. E fu la sera e il mattino del quinto giorno. Dio disse: “La terra sia piena di animali. Ci siano bestie selvatiche, rettili che strisciano sulla terra e bestie di tutte le specie”. E la terra fu popolata di animali selvatici piccoli e grandi che abitavano le valli e le pianure, i monti e i deserti. Farfalle e mosche, serpenti e tartarughe, leoni, tigri, elefanti e rinoceronti, cervi e stambecchi, lepri e conigli, castori e tanti altri. Dio era molto contento. Disse: “E adesso facciamo l’uomo. Voglio che sia simile a me e custodisca tutti gli animali che nuotano nelle

15


acque, che volano nei cieli e che camminano sulla terra”. E così Dio creò l’uomo, creò un maschio e una femmina e li benedisse: “Amatevi e fate dei figli. E i vostri figli facciano altri figli. Abitate la terra, governate tutti gli animali e abbiate cura di loro. Per voi e per loro ho creato semi, erbe e frutti saporiti: mangiateli e nutritevi”. Dio vide che tutto ciò che aveva fatto era molto buono. E fu la sera e il mattino del sesto giorno. Il settimo giorno Dio smise di creare, perché ormai aveva già creato tutto: il cielo, la terra e le sue creature. Allora benedisse tutto quanto aveva fatto. E si riposò. P. Parazzoli - A. Abbatiello, La Creazione. Storie della Bibbia, Corriere della Sera

comprendo uidiamo i bambini alla comprensione del testo con alcune semplici domande: G - Chi ha creato il mondo? - Che cosa ha creato Dio in principio? - Come ha popolato il cielo, la terra e le acque? - A chi ha affidato il mondo? Dopo aver individuato le varie fasi della Creazione, aiutiamo i bambini a riflettere su quanto è bello il Creato e sull’importanza del compito che Dio ha affidato all’uomo: prendersi cura del mondo. Invitiamo i bambini a pensare a come possono prendersi cura del mondo e a rappresentarlo graficamente.

la Creazione 16


NEL QUADERNO Proponiamo ai bambini di completare le pagine del quaderno operativo. LA CREAZIONE…

DEL MONDO

STRAPPA E INCOLLA PEZZETTI DI CARTA DORATA SUL SOLE. ASCOLTA LA STORIA DELLA CREAZIONE.

STRAPPA E INCOLLA PEZZETTI DI CARTA ARGENTATA SULLA LUNA. QUANDO LA LUNA SPLENDE IN CIELO? DI GIORNO O DI NOTTE?

Conoscere il racconto biblico della Creazione.

4

Scoprire nel gesto della Creazione l’amore di Dio.

IN GUIDA pag. 14

I DISCORSI E LE PAROLE

3 ANNI pag. 5

LA CREAZIONE…

DEL MONDO

Conoscere il racconto biblico della Creazione.

IN GUIDA pag. 14

I DISCORSI E LE PAROLE

Scoprire nel gesto della Creazione l’amore di Dio

5

DEL MONDO

REALIZZA IL SOLE E LA LUNA SU UN FOGLIO E INCOLLALI AL POSTO GIUSTO. CHE COSA FANNO GLI ANIMALI DI GIORNO? E DI NOTTE? ASCOLTA LA STORIA DELLA CREAZIONE.

Conoscere il racconto biblico della Creazione.

5 ANNI pag. 4

LA CONOSCENZA DEL MONDO

4 ANNI pag. 5

LA CREAZIONE…

I DISCORSI E LE PAROLE

5

COLORA PUNTINANDO CON I PENNARELLI GLI ANIMALI DEL CREATO. CONOSCI ALTRI ANIMALI CHE VIVONO SULLA TERRAFERMA? E ALTRI CHE VIVONO NEL MARE? IN GUIDA pag. 14

4 ANNI pag. 4

4

LA CONOSCENZA DEL MONDO

3 ANNI pag. 4

STRAPPA E INCOLLA PEZZETTI DI CARTA DORATA SUL SOLE E DI CARTA ARGENTATA SULLA LUNA. QUANDO È GIORNO? QUANDO È NOTTE? ASCOLTA LA STORIA DELLA CREAZIONE. 4

IN GUIDA pag. 14

IN GUIDA pag. 14

COLORA IL CREATO CON I PASTELLI, POI DISEGNA UN ANIMALE CHE VIVE SULLA TERRA E UN ANIMALE CHE VIVE NEL MARE, RITAGLIALI E INCOLLALI AL POSTO GIUSTO.

Scoprire nel gesto della Creazione l’amore di Dio.

IN GUIDA pag. 14

LA CONOSCENZA DEL MONDO

5

5 ANNI pag. 5

17


creo Proponiamo ai bambini la realizzazione del Libro della Creazione. materiale modelli fogli A3 bianchi computer stampante pinzatrice

cartoncino giallo e rosso carta velina blu e azzurra tempera nera, azzurra e arancione spugne pennelli

pastelli a cera pennarelli forbici colla vinilica

fasi 1

Predisporre a computer su fogli A3 la copertina e le pagine del Libro della Creazione – copertina e pagine avranno ognuna la propria frase –, stampare in base al numero di bambini e distribuire; le frasi da riportare nei fogli A3 saranno: - copertina: dio si guardò intorno e disse: “sono solo, mi farò un mondo” - pagina 1: in principio non c’era nulla, proprio nulla, solo dio… allora volle creare il mondo. - pagina 2: e così fece… - pagina 3: … il sole… - pagina 4: … la luna e le stelle… - pagina 5: … i mari… - pagina 6: … la terra con le piante e gli animali… - pagina 7: … e poi creò gli uomini, li chiamò e donò loro il mondo intero… - pagina 8: … noi tutti ora abitiamo il mondo. grazie!

2

Invitare ciascun bambino a colorare con i pennarelli l’interno della scritta della copertina e a disegnare a piacere gli elementi della Creazione.

3

Distribuire pagina 1 e far colorare, senza coprire la scritta, con il pennello intinto nella tempera nera.

copertina

la Creazione 18


4

Distribuire pagina 2 e far colorare, senza coprire la scritta, strisciando con i pastelli a cera di vari colori.

5

Distribuire pagina 3 e far colorare, senza coprire la scritta, con il pennello intinto nella tempera azzurra; poi, avvalendosi del modello, ritagliare un sole dal cartoncino giallo, farlo incollare nella pagina e farlo spugnare al centro con la tempera arancione.

pagina

1

pagina

2

pagina

3

6

Distribuire pagina 4 e far incollare, senza coprire la scritta, un foglio di carta velina blu; poi, avvalendosi del modello, ritagliare luna e stelle dal cartoncino giallo e farle incollare nella pagina.

7

Distribuire pagina 5 e far colorare, senza coprire la scritta, strisciando con il pastello a cera azzurro; poi, avvalendosi del modello, ritagliare tre pesci dal cartoncino rosso e farli incollare nella pagina insieme a due strisce di carta velina blu e a una striscia di carta velina azzurra che formeranno le onde.

8

Distribuire pagina 6 e far disegnare con i pennarelli e i pastelli a cera piante, terra e acque; poi, avvalendosi del modello, far colorare gli animali, farli ritagliare e incollare nella pagina.

pagina

4

pagina

5

pagina

6 19


9

Distribuire pagina 7 e far disegnare con i pennarelli l’uomo e la donna.

Distribuire 10

pagina 8 e far disegnare con i pennarelli il mondo come i bambini lo vedono nella loro quotidianitĂ (ad esempio, case, alberi, bambini, animali, ecc.).

11

Far disegnare a piacere una scena della Creazione nel foglio che fungerĂ da retro di copertina, poi rilegare il libro con alcuni punti di pinzatrice sul dorso sinistro.

pagina

7

pagina

8

modelli

la Creazione 20

retro


21


L’ANGELO CUSTODE obiettivi:

- scoprire la figura dell’angelo custode - acquisire consapevolezza di far parte di una famiglia

ascolto Invitiamo i bambini a sedersi in cerchio e leggiamo il seguente racconto.

L’Angioletto Azzurro L’Angioletto Azzurro era un Angelo piccino piccino. Volava da una nuvoletta all’altra e guardava i bambini che giocavano sulla Terra. Spesso pensava: – Chissà quando mi manderanno sulla Terra e mi affideranno un bambino. I bambini mi piacciono tanto: sono così belli, così buoni... Finalmente Gesù lo mandò a chiamare e gli disse: – L’Angelo Custode di Michele si è ammalato. Deve stare a riposo per tanto tem‌po e tu prenderai il suo posto. Michele è un buon bambino, ma non sta mai fermo e ne combina di tutti i colori. Mi raccomando, stagli sempre vicino. – Sì, sì, Gesù, gli starò sempre vicino! – rispose l’Angioletto Azzurro tutto con‌tento. Con un volo arrivò sulla Terra proprio nel momento in cui Michele face‌va i capricci perché non voleva andare a scuola. L’Angioletto Azzurro rimase piuttosto male, ma si mise subito vicino al bambi‌no che gli aveva affidato Gesù. A scuola, poi, l’Angioletto Azzurro diventò tutto rosso per la vergogna perché Michele sporcò tutto il banco con il pennarello rosso, bisticciò con un compa‌gno, calpestò i fiori del giardino. Ritornato a casa, Michele continuò a fare il monello: fece la puntura al cane, rovesciò il vaso dei pesciolini rossi, ruppe un vetro con il pallone. E l’Angioletto Azzurro sempre dietro, sempre attento perché Michele non si facesse male. Finalmente venne buio e fu ora di andare a letto. L’Angioletto Azzurro era stanchissimo: le ali gli facevano tanto male ed era tutto sudato. – Mi piaceva tanto fare l’Angelo Custode... – sospirò l’Angioletto Azzurro – ma è una faticaccia. Questo Mi‌chele è un disastro; chiederò a Gesù di affidarmi un altro bambino.

22


Intanto Michele, infilato il pigiama, si era inginocchiato per dire le preghiere: – Angelo di Dio, che sei il mio custode, illuminami, custodiscimi, proteggi‌mi... – pregava Michele. L’Angioletto Azzurro, ascoltando la preghiera, si commosse e sorrise felice, mentre due lacrimoni gli scendevano sul viso. Non andò da Gesù a chiedere di cu‌stodire un altro bambino: sarebbe rimasto sempre vicino a Michele. 100 Giorni, Carlo Signorelli Editore

23


comprendo uidiamo i bambini alla comprensione del testo con alcune semplici domande: G - Qual è il compito dell’Angelo Custode? - L’Angelo Custode di Michele è contento di come si comporta il bambino? - Che cosa fa Michele per far felice il suo Angelo? Invitiamo i bambini a raccontare che cosa li ha colpiti del racconto, poi chiediamo se anche a loro è mai capitato di comportarsi come Michele e se hanno chiesto scusa al proprio Angioletto. NEL QUADERNO Proponiamo ai bambini di completare le pagine del quaderno operativo. UN ANGELO PROTEGGE ME…

E LA MIA FAMIGLIA

SAI CHE UN ANGELO È SEMPRE AL TUO FIANCO PER PROTEGGERE TE E LA TUA FAMIGLIA? COLORA LA TUNICA DELL’ANGELO CON I PASTELLONI.

RACCONTA CHE COSA FAI CON LA TUA FAMIGLIA, POI COLORA CON LA TECNICA CHE PREFERISCI.

Scoprire la figura dell’Angelo Custode.

6

IN GUIDA pag. 22

IMMAGINI, SUONI, COLORI

Acquisire consapevolezza di far parte di una famiglia. IN GUIDA pag. 22

IL SÉ E L’ALTRO

3 ANNI pag. 6

3 ANNI pag. 7

UN ANGELO CI PROTEGGE

UN ANGELO CI PROTEGGE

SAI CHE UN ANGELO È SEMPRE AL TUO FIANCO PER PROTEGGERE TE E LA TUA FAMIGLIA? RIPASSA I TRATTEGGI DELLE ALI, POI COLORA CON I PENNARELLI.

SAI CHE UN ANGELO È SEMPRE AL TUO FIANCO PER PROTEGGERE TE E LA TUA FAMIGLIA? DISEGNATI INSIEME ALLA TUA FAMIGLIA, POI COLORA CON I PENNARELLI.

Scoprire la figura dell’Angelo Custode.

6

IMMAGINI, SUONI, COLORI

4 ANNI pag. 6

l’Angelo Custode 24

7

IN GUIDA pag. 22

Scoprire la figura dell’Angelo Custode.

6

IMMAGINI, SUONI, COLORI

5 ANNI pag. 6

IN GUIDA pag. 22


creo Proponiamo ai bambini di realizzare un angioletto da portare a casa per ricordarsi che c’è sempre qualcuno che veglia su di loro. materiale modelli fermacampioni

cartoncino bianco colla stick

pennarelli forbici

fasi 1

Predisporre per ciascun bambino i modelli dell’angelo, rinforzarli con del cartoncino bianco e distribuire.

2

Invitare i bambini a colorare con i pennarelli e a ritagliare.

3

Praticare dei fori, dove indicato, nelle varie parti che compongono l’angelo.

4

Far assemblare le varie parti fissando con i fermacampioni.

25


modelli

l’Angelo Custode 26


27


SAN FRANCESCO obiettivi:

- conoscere la figura e gli insegnamenti di san francesco - intuire il significato di fratellanza

ascolto Invitiamo i bambini a sedersi in cerchio e leggiamo il seguente racconto.

San Francesco d’Assisi Sua madre l’aveva chiamato Giovanni ma il padre, Pietro di Bernardone, tornando a casa da uno dei suoi viaggi in Francia, gli aveva cambiato nome. Decise che si sarebbe chiamato Francesco, in onore della Nazione dove riusciva sempre a concludere buoni affari. Francesco crebbe circondato dalla ricchezza e dagli amici. Sognava di diventare cavaliere, conquistare la gloria in battaglia. Quando però in guerra ci andò davvero, scoprì che non era come nelle storie di paladini che gli raccontava sua madre da bambino.

28


Fu fatto prigioniero e rimase molti mesi in carcere, ammalato, prima di essere riscattato e tornare a casa. Ma non era più lo stesso. Sempre più spesso, infatti, pensava di volersi mettere al servizio di un “padrone” ben più grande di un nobile e più importante persino dell’Imperatore. Lui voleva servire Dio. Francesco rinunciò a tutte le ricchezze di suo padre e, vestito di una rozza tunica, si ritirò a vivere solo di elemosine. Presto però si unirono a lui altre persone, a cominciare da qualcuno dei suoi vecchi amici. Vivevano semplicemente e poveramente, aiutando i malati e predicando il Vangelo. Francesco amava la natura e voleva bene a tutti gli animali e loro lo ascoltavano e gli obbedivano! Un giorno, seduto in un prato insieme a frate Leone, udì un usignolo che gorgheggiava dolcemente e anche lui si mise a cantare. Francesco aveva una bella voce, limpida e forte, e mentre cantava lui, l’uccello stava zitto; poi riprendeva. Continuarono a lungo così, alternandosi, finché il Santo non ebbe più voce, mentre l’uccello ancora trillava; allora Francesco dovette riconoscere: fratello usignolo mi ha vinto nel lodare il Signore! Un’altra volta andò incontro a un lupo feroce, che terrorizzava gli abitanti di Gubbio e lo convinse a lasciarli in pace, in cambio nessuno avrebbe più dato la caccia al lupo e anzi gli avrebbero offerto del cibo. Il lupo allungò la zampa e il patto fu fatto. Francesco compose un cantico in cui lodava Dio per tutte le cose belle del Creato: fratello Sole, sorella Acqua, fratello Vento, sorella Luna con le stelle, sorella Terra. Adattamento da M. Vago - D. Montanari, Piccole storie di grandi Santi, Edizioni Messaggero Padova

comprendo uidiamo i bambini alla comprensione del testo con alcune semplici domande: G - Chi era Francesco? Che cosa sognava di fare da grande? - Che cosa gli successe durante la guerra? - Quando tornò a casa che cosa decise di fare? - Che cosa amava in particolare e a chi voleva molto bene Francesco? Invitiamo i bambini a dire che cosa li ha colpiti della storia del santo e a ragionare sul fatto che, con la sua bontà e la sua fede, San Francesco è riuscito a parlare proprio a tutti, anche a un animale feroce come il lupo. 29


NEL QUADERNO Proponiamo ai bambini di completare le pagine del quaderno operativo. SAN FRANCESCO…

E IL LUPO

INCOLLA PEZZETTI DI STOFFA MARRONE SUL SAIO DI SAN FRANCESCO. ASCOLTA LA STORIA DI SAN FRANCESCO.

Conoscere la figura e gli insegnamenti di San Francesco.

8

IN GUIDA pag. 28

LA CONOSCENZA DEL MONDO

INCOLLA FILI DI LANA GRIGIA SUL CORPO DEL LUPO. SAI CHE SAN FRANCESCO CONSIDERAVA FRATELLI TUTTI GLI ANIMALI?

Intuire il significato di fratellanza.

IN GUIDA pag. 28

LA CONOSCENZA DEL MONDO

3 ANNI pag. 8 SAN FRANCESCO E IL LUPO

SAN FRANCESCO E IL LUPO

INCOLLA PEZZETTI DI CARTA MARRONE CHIARO E MARRONE SCURO SUL SAIO DI SAN FRANCESCO E GRIGIO CHIARO E GRIGIO SCURO SUL LUPO. ASCOLTA LA STORIA DI SAN FRANCESCO.

AIUTA SAN FRANCESCO A RAGGIUNGERE IL LUPO, TRACCIA IL PERCORSO GIUSTO CON IL PENNARELLO. ASCOLTA LA STORIA DI SAN FRANCESCO.

Conoscere la figura e gli insegnamenti di San Francesco.

IN GUIDA pag. 28

LA CONOSCENZA DEL MONDO

9

3 ANNI pag. 9

Conoscere la figura e gli insegnamenti di San Francesco.

7

IN GUIDA pag. 28

4 ANNI pag. 7

LA CONOSCENZA DEL MONDO

7

5 ANNI pag. 7

creo Proponiamo ai bambini di realizzare il copricapo del lupo di San Francesco per poi drammatizzare tutti insieme l’episodio di San Francesco e il lupo di Gubbio. materiale modelli colla stick San Francesco 30

cartoncino bianco, giallo e nero carta crespa nera e rosa

pennarello nero pinzatrice

forbici


fasi 1

Avvalendosi del modello, riportare su cartoncino nero le varie parti che compongono il muso e la testa del lupo, su cartoncino bianco i denti, su cartoncino giallo gli occhi e su carta crespa nera e rosa le orecchie.

2

Fissare con alcuni punti di pinzatrice la striscia che forma la base del copricapo, adattandola alla misura della testa dei bambini.

3

Fissare con la pinzatrice la seconda striscia alla prima striscia, posizionandola a mo’ di arco nella parte superiore del copricapo.

4

Incollare gli occhi sulla striscia che funge da base e completare con il pennarello nero disegnando le pupille.

5

Predisporre le orecchie del lupo sovrapponendo l’interno in carta crespa rosa all’esterno in carta crespa nera e fissare con la pinzatrice sulla striscia che funge da base in prossimità degli occhi.

6

Predisporre il muso praticando dei tagli sul cartoncino nero e fissare con la pinzatrice sovrapponendo i vari lembi, così da rendere il muso tridimensionale.

7

Fissare con la pinzatrice all’interno del muso il cartoncino bianco sagomato a formare i denti.

8

Unire con punti di pinzatrice il muso così preparato alla striscia che funge da base al copricapo.

9

Invitare, a turno, un bambino a impersonare il lupo e un bambino a impersonare San Francesco, per drammatizzare insieme l’episodio della vita del santo. 31


modelli

ripetere 2 volte

San Francesco 32


ripetere 2 volte

33


NOÈ obiettivi:

- conoscere la figura e il ruolo di noè - intuire la presenza e la bontà di dio

ascolto Invitiamo i bambini a sedersi in cerchio e leggiamo il seguente racconto.

La storia di Noè e della sua Arca Un giorno Dio decise di mandare sulla Terra il Diluvio Universale, per punire gli uomini dei loro peccati. Ma prima disse a Noè di costruire un’enorme barca e di chiamarla Arca. Sull’Arca, con Noè, doveva salire ogni creatura vivente. – Quando arriverà il Diluvio io salverò te e tutti gli animali che saranno con te sull’Arca – disse Dio. Con l’aiuto dei suoi figli Noè iniziò a costruire l’Arca. I loro vicini li guardavano e ridevano. – Che idea sciocca costruire una barca così lontano dal mare! – dicevano. Ma loro non avevano ascoltato le parole del Signore. Quando l’Arca fu terminata, Noè iniziò a caricare gli animali. Che confusione! Gli elefanti rischiarono di schiacciare le formiche... Le tigri inseguirono le scimmie. Le scimmie continuavano a correre di qua e di là... E le zebre mangiavano i giacigli degli altri animali. Finalmente tutti gli animali, dal topolino all’elefante, furono a bordo. Noè chiuse le porte e gli oblò: proprio in quel momento iniziò a piovere. Le gocce cadevano sul tetto producendo un suono sordo, simile a quello del tamburo. Gli animali erano un po’ spaventati. Roar! Oink! Oink! Squitt! Beee! Grrr! Muuu! Muuu! Che tempesta! C’erano lampi e tuoni... il vento soffiava forte. Tutto questo continuò per 40 giorni e 40 notti senza mai cessare, finché la Ter34


ra intera fu sommersa dall’acqua e persino le montagne scomparvero tra le onde. Ma Noè e gli animali erano al sicuro e al caldo dentro l’Arca. Noè dovette lavorare molto in quei giorni. Ogni mattina Noè e i suoi figli si alzavano per nutrire tutti gli animali. Banane per le scimmie. Grano per i topolini. Frutta per i pipistrelli. Semi per gli uccelli. Fieno per le zebre. Noccioline per gli elefanti. E poi c’erano i recinti da pulire! Quanto lavoro! Poi, una mattina, mentre Noè era intento a contare i conigli nati da poco, successe qualcosa di meraviglioso! – Oh! Ha smesso di piovere! – esclamò Noè, guardando fuori da un oblò. Gli abitanti dell’Arca però dovettero attendere settimane prima che il livello dell’acqua scendesse. Alla fine l’Arca si arenò sulla cima di una montagna. Una mattina Noè annunciò che avrebbe mandato una colomba a cercare la terraferma. Tutti aspettavano con ansia il ritorno della colomba. Finalmente, al tramonto, la videro arrivare in lontananza con un ramoscello d’ulivo nel becco. Aveva trovato la terraferma! Finalmente arrivò il momento di scendere dall’Arca. Noè aprì tutte le porte e gli animali corsero fuori, tra mille schiamazzi di eccitazione. Dio li aveva salvati! Poi Dio fece a Noè una promessa: – Non manderò più il Diluvio a spazzare via la Terra! Ci saranno ancora piogge torrenziali, ma, ogni volta che cesseranno, spunterà un arcobaleno, come testimonianza del mio amore per voi! La famosa storia di Noè e della sua incredibile Arca, IdeeAli

comprendo uidiamo i bambini alla comprensione del testo con alcune semplici domande: G - Che cosa mandò Dio sulla Terra? Perché? - Che cosa ordinò a Noè? - Chi salì sull’Arca? - Come capì Noè che il Diluvio era terminato? - Che cosa mandò Dio in segno di pace? Invitiamo i bambini a raccontare che cosa li ha colpiti maggiormente della storia di Noè e dell’Arca e aiutiamoli a ragionare sul fatto che i comportamenti negativi hanno sempre conseguenze, come è successo agli uomini con il Diluvio, ma che Dio è sempre pronto a fare pace, come ci dimostra l’arcobaleno. 35


NEL QUADERNO Proponiamo ai bambini di completare le pagine del quaderno operativo. L’ARCA…

DI NOÈ

COLORA L’ARCA CON LA DIGITOPITTURA MARRONE. ASCOLTA LA STORIA DI NOÈ.

NOMINA GLI ANIMALI CHE VEDI SULL’ARCA. RACCONTA PERCHÉ NOÈ HA COSTRUITO L’ARCA.

Conoscere la figura e il ruolo di Noè.

10

Intuire la presenza e la bontà di Dio.

IN GUIDA pag. 34

I DISCORSI E LE PAROLE

3 ANNI pag. 11

NOÈ…

E L’ARCA

Conoscere la figura e il ruolo di Noè.

IN GUIDA pag. 34

I DISCORSI E LE PAROLE

E L’ARCA DELL’ALLEANZA

5 ANNI pag. 8

36

I DISCORSI E LE PAROLE

NOÈ…

Conoscere la figura e il ruolo di Noè.

Noè

Intuire la presenza e la bontà di Dio.

4 ANNI pag. 9

I DISCORSI E LE PAROLE

11

COLORA L’ARCA STAMPANDO CON IL TAPPO DI PENNARELLO INTINTO NELLA TEMPERA MARRONE. RACCONTA PERCHÉ DIO HA MANDATO IL DILUVIO UNIVERSALE. IN GUIDA pag. 34

4 ANNI pag. 8

RIPASSA I TRATTEGGI DELL’ARCA POI COLORA CON LE TEMPERE E I PENNELLI. ASCOLTA LA STORIA DI NOÈ. 8

I DISCORSI E LE PAROLE

3 ANNI pag. 10

COLORA IL MANTELLO DI NOÈ STAMPANDO CON IL TAPPO DI PENNARELLO INTINTO NELLA TEMPERA ROSSA. ASCOLTA LA STORIA DI NOÈ. 8

IN GUIDA pag. 34

9

RIPASSA CON I PENNARELLI I TRATTEGGI DELL’ARCOBALENO E DELLA PAROLA, POI COLORA CON IL DITO INTINTO NELLA TEMPERA. RACCONTA QUANDO APPARE L’ARCOBALENO.

Intuire la presenza e la bontà di Dio.

IN GUIDA pag. 34

IN GUIDA pag. 34

I DISCORSI E LE PAROLE

5 ANNI pag. 9

9


creo Proponiamo ai bambini la realizzazione del Libro dell’Arca di Noè. materiale fogli A4 bianchi pastelli a cera

cartoncino A4 bianco spirale per rilegare

pennarelli

fasi 1

Predisporre un cartoncino A4 bianco e scrivere pagina fungerà da copertina del libro.

2

Suddividere i bambini in gruppi di due o tre e assegnare a ciascun gruppo una delle otto pagine che andranno a formare il libro.

3

Al primo gruppo far disegnare su un foglio A4 bianco con i pennarelli l’Arca con gli animali, Noè e l’arcobaleno, poi far colorare lo sfondo con i pastelli a cera e completare con la scritta questa è la storia di noè…

4

Al secondo gruppo far disegnare su un foglio A4 bianco con i pennarelli Noè che svolge l’attività di contadino, la sua casa, un albero di mele, il sole, il cielo, un uccello; poi far colorare lo sfondo con i pastelli a cera e completare con la scritta noè era un contadino che amava molto gli animali...

pagina

1

libro dell’arca di noè;

pagina

questa

2

37


5

Al terzo gruppo far disegnare su un foglio A4 bianco con i pennarelli alcuni uomini che combattono a cavallo e altri con le armi in mano, poi far colorare lo sfondo con i pastelli a cera e completare con la scritta ... gli uomini erano sempre in guerra...

6

Al quarto gruppo far disegnare su un foglio A4 bianco con i pennarelli Noè e i suoi figli che costruiscono l’Arca, poi far colorare lo sfondo con i pastelli a cera e completare con la scritta ... dio ordinò a noè di costruire un’arca...

pagina

3

pagina

4

7

Al quinto gruppo far disegnare su un foglio A4 bianco con i pennarelli l’Arca con Noè, gli animali, il Sole, un grande nuvolone, poi far colorare lo sfondo con i pastelli a cera e completare con la scritta ... tutti gli animali salirono a coppie sull’arca...

8

Al sesto gruppo far disegnare su un foglio A4 bianco con i pennarelli l’Arca tra le onde, una balena e la pioggia, poi far colorare lo sfondo con i pastelli a cera e completare con la scritta ... iniziò un furioso diluvio. piovve per quaranta giorni...

pagina

Noè 38

5

pagina

6


9

Al settimo gruppo far disegnare su un foglio A4 bianco con i pennarelli l’Arca con tutti gli animali, la balena, le acque, il sole, le nuvole e la colomba, poi far colorare lo sfondo con i pastelli a cera e completare con la scritta ... una colomba tornò con un ramoscello d’ulivo nel becco: terra!

10 All’ottavo

gruppo far disegnare su un foglio A4 bianco con i pennarelli e con i pastelli a cera gli animali, gli alberi, le montagne, un ruscello, il prato e il cielo e completare con la scritta ... gli animali scesero sulla terra... tutto ricominciò!

11

Predisporre un cartoncino A4 bianco a mo’ di copertina di chiusura del libro e rilegare copertina e pagine interne con una spirale sul lato sinistro.

pagina

7

pagina

8

39


MOSÈ obiettivi:

- conoscere la figura e il ruolo di mosè - scoprire l’alleanza istituita tra dio e l’uomo

ascolto Invitiamo i bambini a sedersi in cerchio e leggiamo il seguente racconto.

La storia di Mosè Con il passar del tempo, salì al potere un nuovo faraone che disse: – Ecco che il popolo dei figli d’Israele è più numeroso e più forte di noi. Per timore che in caso di guerra si alleassero con gli avversari, il faraone fece lavorare gli Israeliti come schiavi. Ma il popolo d’Israele cresceva e allora il faraone ordinò: – Gettate nel Nilo ogni figlio maschio che nascerà. In una famiglia ebrea, della tribù dei Levi, nacque un bambino. La madre lo tenne nascosto per tre mesi, poi lo pose in un cesto di papiro e lo depose tra i giunchi sulla riva del Nilo. Intanto la sorella del bambino si nascose lì vicino. Quando la figlia del faraone scese al fiume per fare il bagno, scorse il cesto, lo mandò a prendere e vide che il bambino piangeva. La sorella del bambino disse alla figlia del faraone: – Devo andare a chiamarti una nutrice tra le donne ebree, che lo allatti? La fanciulla andò a chiamare sua madre e la figlia del faraone le disse di portare con sé il bambino e di allattarlo, in cambio di un salario. Quando il bambino fu cresciuto, la madre lo portò alla figlia del faraone che lo tenne come un figlio e lo chiamò Mosè dicendo: – Io l’ho tratto dalle acque! Diventato adulto, un giorno Mosè andò a trovare i suoi fratelli ebrei ai lavori forzati e vide un egiziano colpire un ebreo. Si guardò attorno e, visto che non c’era nessuno, lo uccise e lo seppellì nella sabbia.

40


La notizia però arrivò anche al faraone, che fece cercare Mosè per condannarlo a morte. Allora Mosè fuggì lontano e si fermò nel territorio di Madian, dove sposò la figlia del sacerdote. Dopo molto tempo il faraone morì e gli Israeliti soffrivano tantissimo per la schiavitù. Un giorno, Mosè stava pascolando il gregge sul monte Oreb e l’angelo di Dio gli apparve in una fiamma di fuoco in un roveto, che bruciava ma non si consumava. Mosè si avvicinò e Dio gridò: – Mosè, Mosè! Mosè rispose: – Eccomi! Dio gli disse che voleva liberare il suo popolo dalla schiavitù e aggiunse: – Io ti mando dal faraone. Fa’ uscire dall’Egitto il mio popolo. Io sarò con te! Affinché fosse ascoltato, Dio diede a Mosè un bastone che diventava un serpente e aggiunse: – Porta con te tuo fratello Aronne, che sa parlare bene. Terrai in mano questo bastone: con esso tu compirai i segni. Mosè prese la moglie e i figli, li fece salire sull’asino, portò con

41


sé il bastone di Dio e tornò nella terra d’Egitto. Una volta arrivati, Mosè e Aronne radunarono tutti gli anziani degli Israeliti: Aronne parlò al popolo, Mosè compì i segni e gli Israeliti capirono che Dio era con loro. Mosè e Aronne andarono dal faraone e gli dissero: – Così dice il Dio d’Israele: “Lascia partire il mio popolo!”. Il faraone non ascoltò e allora Dio mandò grandi castighi. Dio disse a Mosè: – Di’ ad Aronne di battere il bastone sulle acque degli Egiziani, perché diventino sangue. Tutte le acque si mutarono in sangue. Ma il faraone non ascoltò. Allora Dio mandò un’invasione di rane in ogni luogo. E il faraone non ascoltò. Dio trasformò la polvere del suolo in zanzare che invasero tutta la terra d’Egitto. Ma il faraone non ascoltò. Allora Dio mandò sciami di tafani, e la terra d’Egitto fu devastata. Ma anche questa volta il faraone non ascoltò. Dio allora mandò una malattia che uccise tutto il bestiame degli Egiziani, ma neppure un capo di bestiame degli Israeliti. E poi un’altra malattia che colpì con ulcere sia gli uomini che le bestie. E il faraone non ascoltò. Dio fece allora cadere una grandinata così violenta che colpì gli uomini e le bestie, i campi e gli alberi. Ma il faraone non ascoltò. Dio mandò un’invasione di cavallette che divorò ciò che era stato lasciato dalla grandine. E il faraone ancora una volta non ascoltò. Dio allora mandò le tenebre: fu talmente buio per tre giorni che nessuno poté muoversi, ma dove abitavano gli Israeliti c’era luce. Ma il faraone non ascoltò. Dio disse: – Manderò ancora una terribile piaga: morirà ogni primogenito nella terra d’Egitto. Ciò non accadrà agli Israeliti perché Dio fa distinzione tra l’Egitto e Israele. Spiegò poi che ogni famiglia doveva arrostire un agnello e mangiarlo con azzimi ed erbe amare, ma in fretta, indossando i sandali e la cintura ai fianchi, pronti a partire. Mosè 42


Con il sangue dell’agnello, gli Israeliti dovevano fare un segno sugli stipiti e sull’architrave della porta, così Dio sarebbe passato oltre, salvando i loro figli. E così fu: Dio colpì ogni primogenito sulla terra d’Egitto e un grande grido di dolore si alzò nella notte. Allora finalmente il faraone disse: – Alzatevi e abbandonate il mio popolo. Prendete anche il vostro bestiame e partite! Dio condusse il suo popolo nel deserto verso il Mar Rosso. Il faraone però si pentì di aver lasciato partire gli Israeliti e li inseguì con i suoi soldati. Quando gli Egiziani li raggiunsero, il popolo d’Israele si spaventò e allora Dio disse a Mosè: – Ordina agli Israeliti di riprendere il cammino. Tu alza il bastone, stendi la mano sul mare e dividilo, perché gli Israeliti entrino nel mare all’asciutto. Gli Israeliti entrarono nel mare all’asciutto, mentre le acque erano per loro un muro a destra e a sinistra. Gli Egiziani entrarono dietro di loro in mezzo al mare, ma le acque tornarono e sommersero i carri e i cavalieri dell’esercito del faraone. M.E. Giordani – A. Ulgelmo, La Bibbia, Raffaello Ragazzi

43


comprendo opo aver suddiviso l’ascolto del brano in più momenti, guidiamo i bambini alla D comprensione del testo con alcune semplici domande: - Perché il piccolo Mosè venne nascosto in un cesto? - Chi lo salvò dalle acque del Nilo? Dove fu allevato? - Quale compito diede Dio a Mosè? Come lo convinse? - Che cosa mandò Dio per convincere il faraone a lasciare andare via gli Israeliti? - Che cosa fece Mosè per salvare gli Israeliti dagli Egiziani che li inseguivano? Invitiamo i bambini a raccontare che cosa li ha colpiti maggiormente della storia di Mosè, a rappresentarlo graficamente su un foglio, trascrivendo poi la spiegazione di quanto rappresentato. NEL QUADERNO Proponiamo ai bambini di completare le pagine del quaderno operativo. MOSÈ

MOSÈ

STRAPPA E INCOLLA PEZZETTI DI CARTA ROSSA SU MOSÈ E BLU SUL MARE. ASCOLTA LA STORIA DI MOSÈ.

STRAPPA E INCOLLA PEZZETTI DI CARTE COLORATE SULLE VESTI E SUL MARE. ASCOLTA LA STORIA DI MOSÈ.

Conoscere la figura e il ruolo di Mosè.

10

I DISCORSI E LE PAROLE

4 ANNI pag. 10

Mosè 44

IN GUIDA pag. 40

Conoscere la figura e il ruolo di Mosè.

10

I DISCORSI E LE PAROLE

5 ANNI pag. 10

IN GUIDA pag. 40


creo Proponiamo ai bambini la realizzazione del bigliettino pop-up di Mosè che attraversa il Mar Rosso, liberando così il popolo d’Israele dalla schiavitù; in questo modo si vuole simbolizzare l’importanza di avere fede nelle promesse che Dio ci ha fatto. materiale modelli pastelli

cartoncino azzurro 24x60 cm carta velina blu e azzurra

forbici colla stick

fasi 1

Distribuire a ciascun bambino un cartoncino azzurro 24x60 cm e pieghiamolo così da creare due linguette apribili lunghe 10 cm.

2

Predisporre per ciascun bambino un modello di Mosè che attraversa il Mar Rosso e un modello delle onde.

3

Far colorare con i pastelli il modello con raffigurato Mosè, poi far strappare strisce di carta velina blu e azzurra e farle incollare sulle onde.

4

Far incollare le due parti che formano le onde del mare sulle linguette apribili.

5

Far tirare verso l’esterno le linguette con le onde, così da scoprire Mosè che attraversa il Mar Rosso.

45


modelli

Mosè 46


47


SAN MARTINO obiettivi:

- conoscere la figura e gli insegnamenti di san martino - intuire il significato della carità

ascolto Invitiamo i bambini a sedersi in cerchio e leggiamo il seguente racconto.

San Martino e il mantello San Martino era un bel soldato, giovane e forte. Se ne andava, in un giorno di novembre, lungo una strada di campagna e si riparava dalla pioggia con un pesante mantello che l’avvolgeva tutto. – Che brutta stagione! – disse guardandosi attorno. Gli alberi avevano perduto le loro foglie e alzavano i rami stecchiti e nudi verso il cielo grigio, tutto uguale, che prometteva pioggia per chissà quanto tempo. Non c’era un fiore nei prati; quella poca erba era tutta inzuppata d’acqua e in mezzo vi saltavano le rane e facevano gre gre. La strada era deserta, tutti stavano riparati dentro le case. Soltanto un mendicante se ne stava seduto sopra un paracarro, al margine della strada e tremava sotto la pioggia, cercando di ripararsi sotto pochi cenci che ormai erano intrisi d’acqua e non servivano più a nulla. – Poveretto! – disse Martino, fermandosi davanti a lui. – Vorrei tanto aiutarti, ma i soldati sono poveri e ti dico la verità che in tasca non ho neppure una moneta per farti bere qualcosa che ti scaldi. – Non importa – rispose il poveretto rannicchiato sotto l’acqua. – Mi hai detto una buona parola. Anche questa è carità. Non capita spesso… – Aspetta! – disse a un tratto Martino. – Qualcosa ce l’ho. Trasse la spada e tagliò il mantello in due parti. – Ecco qua – disse contento. – Mezzo per uno e staremo abbastanza caldi tutti e due. Posò il mantello sulle spalle del vecchio che lo guardava con riconoscenza e proseguì lietamente il suo cammino. Poco dopo incontrò un altro mendicante, anche questi lacero e tremante sotto la pioggia gelida che veniva giù. 48


– Quanti poveri ci sono al mondo! – disse fra sé Martino e la sua bella contentezza era svanita. Lo spettacolo della miseria gli aveva rattristato il cuore. Senza neppure pensarci su un momento, si tolse la metà del mantello che si era gettato sulle spalle e lo regalò al mendicante. Martino camminava e pregava Dio per la povera gente e si sentiva il cuore pieno di amore e di pietà. Era così assorto nei suoi pensieri che non si era neppure accorto che aveva smesso di piovere. Guardandosi attorno pensò di sognare. Il cielo si era schiarito e le pozzanghere erano piene di riflessi azzurri. All’orizzonte era apparso un bellissimo arcobaleno e il sole era caldo e luminoso. Le siepi erano fiorite. E gli uccellini, sugli alberi, cantavano lietamente. Non pareva più autunno, ma la dolce e tiepida primavera. Dio aveva voluto ricompensare l’atto generoso di Martino e gli aveva mandato un segno della sua benevolenza. Da allora, nel pieno dell’autunno, c’è sempre qualche giornata tiepida, il sole splende e i rami spogli provano anche a mettere qualche gemma. Gli uomini dicono che quella è l’estate di San Martino che il Cielo, ogni anno, manda sulla terra per ricordare l’atto pietoso del Santo che regalò il suo mantello ai poveri. M. Menicucci, San Martino, www.lapappadolce.net

49


comprendo uidiamo i bambini alla comprensione del testo con alcune semplici domande: G - Com’era il tempo quando Martino era fuori con il suo cavallo? - Chi incontra lungo il percorso e come lo aiuta? - Che cosa succede dopo che Martino ha compiuto il suo gesto? Invitiamo i bambini a ragionare sul comportamento del santo e su quale sentimento lo guida, poi aiutiamoli a comprendere come Dio premia le nostre buone azioni. NEL QUADERNO Proponiamo ai bambini di completare le pagine del quaderno operativo. SAN MARTINO…

E IL POVERO

STRAPPA E INCOLLA PEZZETTI DI TOVAGLIOLI ROSSI SUL MANTELLO DI SAN MARTINO. SAI LA STORIA DI SAN MARTINO?

Conoscere la figura e gli insegnamenti di San Martino.

12

IN GUIDA pag. 48

LA CONOSCENZA DEL MONDO

3 ANNI pag. 12

STRAPPA E INCOLLA PEZZETTI DI TOVAGLIOLI AZZURRI SULLA VESTE DEL POVERO. QUANDO SEI STATO GENEROSO CON UN AMICO?

Intuire il significato della carità.

IN GUIDA pag. 48

LA CONOSCENZA DEL MONDO

3 ANNI pag. 13

SAN MARTINO E IL POVERO

SAN MARTINO E IL POVERO

RIPASSA I TRATTEGGI DELLA VESTE DEL POVERO E DEL MANTELLO, POI COLORA CON I PENNARELLI. ASCOLTA LA STORIA DI SAN MARTINO.

COLORA PUNTINANDO L’INCONTRO TRA SAN MARTINO E IL POVERO. ASCOLTA LA STORIA DI SAN MARTINO.

Conoscere la figura e gli insegnamenti di San Martino.

IN GUIDA pag. 48

LA CONOSCENZA DEL MONDO

4 ANNI pag. 11

San Martino 50

13

Conoscere la figura e gli insegnamenti di San Martino.

11

IN GUIDA pag. 48

LA CONOSCENZA DEL MONDO

5 ANNI pag. 11

11


creo Proponiamo ai bambini la realizzazione del lavoretto di San Martino, per rivivere in modo interattivo la bellezza del suo gesto e il dono che Dio fa per premiare la sua bontà : l’estate in pieno autunno. materiale modelli colla stick

cartoncino bianco e rosso fermacampioni

pennarelli forbici

fasi 1

Predisporre per ciascun bambino il primo modello con raffigurate le varie fasi della storia di San Martino e far colorare con i pennarelli.

2

Rinforzare con del cartoncino bianco il modello appena colorato.

3

Riportare il secondo modello su cartoncino rosso e far ritagliare.

4

Forare ciascun modello dove indicato e far inserire un fermacampione cosicchÊ le due parti che formano il lavoretto possano scorrere una sull’altra.

51


modelli

San Martino 52


53


SIAMO TUTTI AMICI obiettivo:

- scoprire e rispettare la fraternità - sviluppare il senso di appartenenza a un gruppo - riconoscersi come parte di un gruppo

ascolto Invitiamo i bambini a sedersi in cerchio e leggiamo il seguente racconto.

Gli amici di Anna Mi chiamo Anna e questa è la mia scuola. Ieri la maestra Michela ci ha detto: – Parlate del vostro migliore amico. Ma io ne voglio presentare quattro. Ecco Giuseppe, naso a patata e bocca sempre in movimento. Prima lo chiamavano “ciccione”. Poi lui si è messo a dare pugni e calci e adesso lo chiamano “brutto ciccione”. Dicono che è un bambino aggressivo. Per me Giuseppe è un bambino dolce e tenero, come le sue caramelle molli di liquerizia. È forte, sa alzare cose pesantissime. Quando sono stanca, mi porta lo zainetto. Federico è piccolino. Lo chiamano “tappo” e lui piange. Allora lo chiamano “tappo piagnone”. Federico è molto simpatico e ha sempre le battute pronte. Sa fare tante facce buffe. Quando ride si vede che è felice. Dice che gli piace divertire la gente. Da grande vuole diventare un comico della televisione o un pagliaccio del circo.

54


Ecco Luca. Lo chiamano Lu-lu-c-c-ca, perché spesso balbetta. Quando la maestra ci ha detto di presentarci, Luca non è riuscito a dire neppure il suo nome tutto intero. Tutti si sono messi a ridere. Ridono ogni volta che parla. Allora Luca sta sempre zitto. Quando Luca parla la lingua degli uccelli non balbetta. Sa fare il verso del passero, e quello del merlo e quello del fringuello. Quando Luca cinguetta sembra di essere in un boschetto. La mia amica Chiara, se prova a scrivere le lettere dell’alfabeto, sbaglia sempre e deve fare mille cancellature. Così la chiamano “pasticciona”. Lei si vergogna e sta quasi sempre con la testa abbassata. Chiara sa fare dei disegni meravigliosi. Le casette con il fumo che esce dal camino, i bambini che si tengono per mano, gli uccelli, i gatti sul cuscino, i prati pieni di fiori. E questa sono io: Anna. Ho tanti capelli rossi e le lentiggini. Mi chiamano “pelo di carota” e “rossa malpelo”, ma tanto io me lo aspetto e so cosa fare: tiro fuori la lingua che è bella lunga e faccio gli sberleffi. Dicono che le rosse sono antipatiche. Forse è proprio così. O forse no. A me non piacciono le persone che offendono. Non sopporto di veder trattare male i bambini e gli animali. Così sono andata da Giuseppe, da Federico, da Luca e da Chiara e ho chiesto: – Volete essere miei amici? E loro hanno risposto di sì. Adesso siamo amici per la pelle e insieme ci divertiamo molto. Abbiamo capito che ci vogliamo bene così come siamo. Punto e basta. N. Bertelle – M.L. Giraldo, Gli amici di Anna, San Paolo

55


comprendo uidiamo i bambini alla comprensione del testo con alcune semplici domande: G - Chi è Anna e come sono i suoi amici? - Gli altri bambini come si comportano con gli amici di Anna? - Che cosa, invece, non sopporta Anna? - Che cosa hanno capito Anna e i suoi amici? Invitiamo i bambini a ragionare sul fatto che ognuno di noi ha delle caratteristiche e, a volte, è facile ferire i propri compagni prendendoli in giro proprio per quello che li caratterizza; aiutiamo, poi, i bambini a comprendere quanto è prezioso il consiglio che dà Anna, la protagonista del racconto: l’importante è essere amici e volersi bene così come siamo. Spieghiamo ai bambini che bisogna imparare a compiere gesti di amicizia gli uni verso gli altri, ad accogliere e a condividere i momenti di gioco e le esperienze, cercando di superare i problemi e i litigi con il sorriso.

siamo tutti Amici 56


NEL QUADERNO Proponiamo ai bambini di completare le pagine del quaderno operativo. SIAMO TUTTI AMICI…

01

E GIOCHIAMO INSIEME

COLORA I BAMBINI COME INDICATO DAI PUNTONI. CHI SONO I TUOI AMICI?

OSSERVA I BAMBINI: CON CHE COSA STANNO GIOCANDO? E TU, CONDIVIDI I GIOCHI CON I TUOI AMICI?

Scoprire e rispettare la fraternità.

14

Sviluppare il senso di appartenenza a un gruppo.

IN GUIDA pag. 54

IL SÉ E L’ALTRO

IN GUIDA pag. 54

3 ANNI pag. 15

SIAMO TUTTI AMICI…

E GIOCHIAMO INSIEME

01

OSSERVA I BAMBINI E DESCRIVI CHE COSA FANNO. COLORA COME INDICATO DAI CONTORNI.

Sviluppare il senso di appartenenza a un gruppo. IN GUIDA pag. 54

IL SÉ E L’ALTRO

IN GUIDA pag. 54

4 ANNI pag. 13

SIAMO TUTTI AMICI…

E GIOCHIAMO INSIEME

OSSERVA I BAMBINI: CHI SI STA COMPORTANDO IN MODO CORRETTO E CHI NO? COLORA CON I PASTELLI. IL SÉ E L’ALTRO

5 ANNI pag. 12

IN GUIDA pag. 54

13

TI È MAI CAPITATO DI LITIGARE CON UN AMICO? HAI POI FATTO PACE? RACCONTA.

Scoprire e rispettare la fraternità.

12

IL CORPO E IL MOVIMENTO

4 ANNI pag. 12 01

15

QUALI GIOCHI TI PIACE FARE CON I TUOI AMICI? RACCONTA.

Scoprire e rispettare la fraternità.

12

IL CORPO E IL MOVIMENTO

3 ANNI pag. 14

Sviluppare il senso di appartenenza a un gruppo.

IN GUIDA pag. 54

IL CORPO E IL MOVIMENTO

13

5 ANNI pag. 13

57


canto Invitiamo i bambini ad ascoltare questa canzone sull’amicizia.

Girotondo dell'amicizia Su diamoci la mano e giriamo tutto in tondo. Tanti giri noi faremo proprio come fa il mondo! Rit: Io giro con te, tu giri con me! Al centro tutti andiamo e vedrai ci divertiamo. Tutti stretti ce ne stiamo e un gran bene ci vogliamo! Rit. Ora in coppia noi giochiamo e le mani ci prendiamo. Il tuo nome dillo a me, il mio nome dico a te! Rit. Siamo amici tutti quanti e facciamo un girotondo e girando e rigirando l’amicizia va aumentando! Rit.

siamo tutti Amici 58

01

Quanti amici ho trovato facendo un girotondo e chissà se tutti insieme cambieremo un po’ il mondo! Rit. (x2)


creo Proponiamo ai bambini la rappresentazione grafica “interattiva” di un momento di condivisione vissuto con un amico. materiale fogli A4 bianchi pennarelli nastrino colorato

cartoncini colorati cartoncino bianco di recupero forbici

colla stick bucatrice

fasi 1

Distribuire ai bambini i fogli A4 bianchi e invitarli a disegnare se stessi, un amico con cui hanno vissuto un momento di condivisione e l’oggetto condiviso.

2

Far ritagliare le due sagome e far incollare su un cartoncino colorato.

3

Far colorare e decorare con i pennarelli la scena rappresentata arricchendola con particolari.

4

Ritagliare l’oggetto condiviso e rinforzarlo con un cartoncino bianco di recupero.

5

Forare con la bucatrice sia il cartoncino sia l’oggetto condiviso.

6

Tagliare un pezzo di nastrino per fissare l’oggetto condiviso al cartoncino, in modo che l’oggetto possa passare da un bambino all’altro, così da rappresentare il momento della condivisione.

59


L'ANNUNCIAZIONE obiettivi:

- conoscere il racconto biblico dell’annunciazione - conoscere la figura di maria e dell’angelo gabriele - cogliere il messaggio di speranza nel progetto di dio

ascolto Invitiamo i bambini a sedersi in cerchio e leggiamo il seguente racconto.

Arriva un bambino Già da tanto tempo Dio aveva promesso agli uomini di donare il suo unico Figlio, per insegnare a tutti come vivere nella pace e nell’amore. Quando si accorse che gli uomini lo pregavano poco e non si volevano più tanto bene, Dio cercò una famiglia che potesse prendersi cura di suo Figlio. Il Signore sapeva che in un piccolo paese della Palestina, chiamato Nazareth, viveva una ragazza di nome Maria; una sera, mandò un Angelo di nome Gabriele ad annunciarle che sarebbe diventata mamma di Gesù: il Figlio di Dio. All’inizio, Maria era confusa, non capiva come potesse diventare mamma. Ma l’Angelo le disse: – Lo Spirito Santo scenderà su di te e tu sarai mamma del Figlio di Dio. Allora Maria rispose: – Sì.

60


L’Angelo Gabriele andò anche da Giuseppe, il falegname del paese e fidanzato di Maria, chiedendogli di prendersi cura della mamma e del bambino. Anche lui all’inizio non capì, ma accettò. Maria e Giuseppe si sposarono e insieme formarono una famiglia. La Nostra Famiglia, La nostra Bibbia, Edizioni Messaggero Padova

comprendo uidiamo i bambini alla comprensione del testo con alcune semplici domande: G - Chi era e dove viveva Maria? - Chi mandò Dio da lei? - Che cosa le annunciò l’Angelo Gabriele? - Maria come rispose? Invitiamo i bambini a ragionare sul grande regalo che Dio fa agli uomini, mandando il suo Figlio sulla Terra, e a quanto è importante il compito che viene affidato a Maria e a Giuseppe, che si prenderanno cura e cresceranno con amore Gesù. Spieghiamo ai bambini che non sempre è facile comportarsi come Maria e rispondere “Sì” a qualcosa che ci viene detto (ad esempio, un compito affidatoci dall’insegnante o da un genitore), ma se si ha fiducia in chi ci parla scopriremo che una cosa che ci sembra difficile da portare a termine ci regalerà grande gioia. 61


NEL QUADERNO Proponiamo ai bambini di completare le pagine del quaderno operativo. 02

L’ANNUNCIAZIONE

MARIA RICEVE LA VISITA DELL’ANGELO

COLORA L’ANGELO GABRIELE CON GLI ACQUERELLI. ASCOLTA IL RACCONTO DELL’ANNUNCIAZIONE.

COLORA LA VESTE DI MARIA CON GLI ACQUERELLI. CHE COSA HA RISPOSTO MARIA ALL’ANGELO?

Conoscere il racconto biblico dell’Annunciazione.

16

02

Conoscere la figura di Maria.

IN GUIDA pag. 60

I DISCORSI E LE PAROLE

IN GUIDA pag. 60

3 ANNI pag. 17

L’ANNUNCIAZIONE

L’ANGELO VISITA MARIA

COLORA LA VESTE DI MARIA CON GLI ACQUERELLI. ASCOLTA IL RACCONTO DELL’ANNUNCIAZIONE.

02

Conoscere la figura di Maria e dell’angelo Gabriele.

IN GUIDA pag. 60

I DISCORSI E LE PAROLE

IN GUIDA pag. 60

L’ANNUNCIAZIONE

MARIA RICEVE LA VISITA DELL’ANGELO

I DISCORSI E LE PAROLE

5 ANNI pag. 14

62

15

4 ANNI pag. 15

COLORA L’ANGELO GABRIELE E MARIA CON GLI ACQUERELLI. SAI CHE MARIA SARÀ LA MAMMA DI GESÙ?

Conoscere il racconto biblico dell’Annunciazione.

l’Annunciazione

IL SÉ E L’ALTRO

4 ANNI pag. 14

CONDUCI L’ANGELO DA MARIA E TRACCIA IL PERCORSO CON IL PENNARELLO. ASCOLTA IL RACCONTO DELL’ANNUNCIAZIONE. 14

17

COLORA L’ANGELO GABRIELE CON GLI ACQUERELLI. SAI PERCHÉ L’ANGELO È ANDATO A TROVARE MARIA?

Conoscere il racconto biblico dell’Annunciazione.

14

IL SÉ E L’ALTRO

3 ANNI pag. 16

IN GUIDA pag. 60

Conoscere la figura di Maria e dell’angelo Gabriele.

IN GUIDA pag. 60

IL SÉ E L’ALTRO

5 ANNI pag. 15

15


canto Invitiamo i bambini ad ascoltare la canzone per ricordare quanto è importante il “Sì” di Maria.

L'Annunciazione

02

Rit: Eccomi! Sono qui! Al Signore dico il mio Sì! Al Signore dico il mio Sì! Questa di Maria è la risposta alla domanda che le è stata posta. L’Angelo ha bussato alla sua porta, del Signore il saluto le porta.

Maria ha un tesoro da portare: un bambino da far crescere e amare. La sua gioia è infinita… Evviva il Signore! Evviva la vita! Rit.

Rit.

63


creo Proponiamo ai bambini la costruzione, con materiale di recupero, dell’Angelo Gabriele, per decorare così la sezione e iniziare ad addobbare la scuola in vista del Natale. materiale modello fili dorati paglia bianca carta igienica tovaglioli di carta rosa

tempera gialla e azzurra vasetti di yogurt da bere fogli di carta di recupero cartoncino ondulato marrone pennarelli nero e rosso a punta fine

pennelli filo di nylon forbici colla vinilica colla a caldo

fasi 1

Con la collaborazione delle famiglie reperire i vasetti di yogurt da bere, tanti quanti sono i bambini, privarli della striscia di carta o plastica che li ricopre, lavarli e farli asciugare.

2

Distribuire un vasetto a bambino e invitarli a colorare con la tempera gialla o azzurra, a loro scelta, mescolata alla colla vinilica; per facilitare la coloritura inserire un foglio di carta arrotolato all’interno da usare come impugnatura.

3

Lasciare asciugare e, successivamente, togliere il foglio di carta.

4

Avvalendosi del modello, ritagliare le ali e i piedi dell’angelo dal cartoncino ondulato marrone e fissarli sul vasetto di yogurt con la colla a caldo.

5

Far realizzare la testa dell’angelo appallottolando carta igienica, poi far ricoprire la pallina formata con un tovagliolo di carta rosa e inserire all’interno del vasetto.

l’Annunciazione 64


6

Completare la testa dell’angelo fissando con la colla a caldo della paglia bianca per formare i capelli e disegnare con i pennarelli a punta fine i particolari del viso.

7

Far tagliare pezzetti di filo dorato e farli attaccare sul davanti, a mo’ di bottoni.

8

Legare attorno al collo dell’angioletto del filo di nylon per poterlo appendere in sezione. modello

65


VERSO BETLEMME obiettivo:

- c onoscere il racconto biblico dell’arrivo a betlemme di maria e giuseppe e del censimento

ascolto Invitiamo i bambini a sedersi in cerchio e leggiamo il seguente racconto.

In viaggio verso Betlemme Gesù, intanto, cresceva nella pancia della mamma. In quel tempo l’Imperatore di Roma ordinò che si facesse un censimento perché voleva sapere quanta gente viveva nelle sue terre: per questo, ogni persona dovette ritornare nel suo paese di nascita. Anche Maria e Giuseppe si misero in viaggio per Betlemme, il paese dove era nato Giuseppe. Arrivarono a Betlemme di notte e Maria era molto stanca... Cercarono una casa dove poter abitare, ma ormai era tutto occupato... Alla fine trovarono una grotta che era usata come stalla ed entrarono. La Nostra Famiglia, La nostra Bibbia, Edizioni Messaggero Padova

comprendo uidiamo i bambini alla comprensione del testo con alcune semplici domande: G - Dove dovettero andare Maria e Giuseppe? Perché? - Quando arrivarono a Betlemme? Dove trovarono posto? Invitiamo i bambini a osservare alcune foto della città di Betlemme oggi e invitiamoli a rappresentare come, secondo loro, era Betlemme ai tempi di Maria e Giuseppe. 66


NEL QUADERNO Proponiamo ai bambini di completare le pagine del quaderno operativo. IN CAMMINO…

VERSO BETLEMME

ASCOLTA IL RACCONTO DELL’ARRIVO A BETLEMME DI MARIA E GIUSEPPE. SAI A CHE COSA SERVIVA IL CENSIMENTO?

COLORA IL PERCORSO RISPETTANDO IL RITMO DI COLORE PER CONDURRE MARIA E GIUSEPPE A BETLEMME.

Conoscere il racconto biblico del Censimento.

16

IN GUIDA pag. 66

I DISCORSI E LE PAROLE

Conoscere il racconto biblico del Censimento.

IN GUIDA pag. 66

4 ANNI pag. 16

I DISCORSI E LE PAROLE

17

4 ANNI pag. 17

IN CAMMINO…

VERSO BETLEMME

PRIMA

INFINE

DOPO

COLORA LE TRE SCENE CON LA TECNICA CHE PREFERISCI. ASCOLTA IL RACCONTO DEL VIAGGIO DI MARIA E GIUSEPPE VERSO BETLEMME.

Conoscere il racconto biblico del Censimento.

16

IN GUIDA pag. 66

I DISCORSI E LE PAROLE

PROVA A RACCONTARE IL VIAGGIO DI MARIA E GIUSEPPE USANDO I CONNETTIVI TEMPORALI: PRIMA, DOPO, INFINE. SAI A CHE COSA SERVIVA IL CENSIMENTO?

Conoscere il racconto biblico del Censimento.

IN GUIDA pag. 66

5 ANNI pag. 16

I DISCORSI E LE PAROLE

17

5 ANNI pag. 17

creo Proponiamo ai bambini la rappresentazione grafica “interattiva” del viaggio di Maria e Giuseppe verso Betlemme. materiale modello pennarelli acquerelli pennelli

cartoncini A3 bianchi cartoncino di recupero cannucce colla vinilica

colla a caldo forbici taglierino

67


fasi 1

Predisporre per ciascun bambino il modello con raffigurati Maria e Giuseppe in viaggio, far colorare con i pennarelli e poi ritagliare.

2

Rinforzare con del cartoncino di recupero il modello appena colorato.

3

Predisporre per ciascun bambino il modello con raffigurata la cittĂ di Betlemme, far colorare con i pennarelli e ritagliare.

4

Predisporre per ciascun bambino un cartoncino A3 bianco e praticare un taglio nel cartoncino lasciando 10 cm dalla base del cartoncino e lasciando 6 cm dal lato sinistro e 6 cm dal lato destro.

5

Far colorare con l’acquerello marrone la parte inferiore del cartoncino (sotto al taglio) e la parte superiore di azzurro, poi lasciar asciugare.

6

Far incollare la cittĂ di Betlemme a destra, in corrispondenza della fine del taglio praticato nel cartoncino.

7

Fissare con la colla a caldo sulla cannuccia le figure di Maria e Giuseppe in viaggio, poi inserire la cannuccia nel taglio praticato nel foglio.

8

Invitare i bambini a muovere le figure di Maria e Giuseppe per rappresentare il loro viaggio verso Betlemme.

verso Betlemme 68


modello

69


LA NOTTE DI NATALE obiettivi:

- conoscere il racconto biblico della natività - cogliere il messaggio cristiano del natale - condividere momenti di festa e di gioia

ascolto Invitiamo i bambini a sedersi in cerchio e leggiamo il seguente racconto

La nascita di Gesù Maria e Giuseppe si recarono insieme a Betlemme per il censimento che era stato organizzato: l’Imperatore romano che governava il loro Paese voleva sapere quante persone lo abitavano, in modo da poter imporre loro le tasse. Maria e Giuseppe non riuscirono a trovare un posto in cui alloggiare: tutte le camere erano occupate. Solo un gentile locandiere offrì loro un riparo, in una stalla insieme agli animali. Quella notte nacque il bambino di Maria. La mamma avvolse il piccolo in fasce e lo sistemò nella mangiatoia piena di paglia. Su una collina situata fuori città, alcuni pastori badavano alle loro greggi. Stavano vicini accanto a un fuoco per riscaldarsi. Mentre erano appisolati, una luce luminosissima brillò davanti a loro. Apparve loro l’Angelo Gabriele, ed essi avevano paura. – Pace a voi. Vi porto una notizia meravigliosa! – disse l’Angelo. – Di che cosa sta parlando? – si domandarono i pastori. – Stanotte è nato un bambino speciale – annunciò loro l’Angelo. – È il re che aspettavate, il Salvatore, il Figlio di Dio. Andate a Betlemme e lo troverete in una mangiatoia. Improvvisamente apparvero centinaia di angeli, che cantavano: – Gloria a Dio in cielo e pace in terra agli uomini che egli ama. I pastori erano sbalorditi. Subito andarono a vedere il re appena nato. C. Doyle - G. Chapman, La mia prima storia di Gesù, Elledici

70


comprendo uidiamo i bambini alla comprensione del testo con alcune semplici domande: G - Dove nacque GesĂš? - Che cosa fece Maria per proteggerlo dal freddo? - Chi avverte i pastori che quella era una notte speciale? - Che cosa fanno i pastori? Invitiamo i bambini a raccontare che cosa li ha colpiti del racconto della nascita di GesĂš e a ragionare su quali sentimenti albergano nei cuori di Maria e di Giuseppe e nei cuori dei pastori. Esortiamo i bambini a confrontarsi su quali emozioni suscitano in loro il Natale. Invitiamo i bambini a rappresentare un momento della nascita di GesĂš.

71


NEL QUADERNO Proponiamo ai bambini di completare le pagine del quaderno operativo. LA NOTTE…

03

DI NATALE

COLORA CON I PASTELLI A CERA. SE VUOI, INCOLLA BRILLANTINI SULLA STELLA COMETA. ASCOLTA IL RACCONTO DELLA NASCITA DI GESÙ.

ANCHE TU FAI IL PRESEPE A CASA? RACCONTA COME FESTEGGI IL NATALE CON LA TUA FAMIGLIA.

Conoscere il racconto biblico della Natività.

18

IN GUIDA pag. 70

I DISCORSI E LE PAROLE

LA NOTTE…

DI NATALE

IN GUIDA pag. 70

DI NATALE

COMPLETA CON I PENNARELLI COME INDICATO DAI GRAFISMI. SE VUOI, INCOLLA BRILLANTINI SULLA STELLA COMETA. ASCOLTA IL RACCONTO DELLA NASCITA DI GESÙ.

la notte di Natale

IN GUIDA pag. 70

19

20

L’ALBERO DI NATALE

04

RIPASSA CON IL PENNARELLO IL TRATTEGGIO DELL’ALBERO, POI DISEGNA LE DECORAZIONI COME INDICATO DALLA LEGENDA E COMPLETA. FAI L’ALBERO DI NATALE A CASA?

Cogliere il messaggio cristiano del Natale.

IN GUIDA pag. 70

IN GUIDA pag. 70

IMMAGINI, SUONI, COLORI

4 ANNI pag. 20

COME FESTEGGI IL NATALE CON LA TUA FAMIGLIA? PROVA A DISEGNARE SU UN FOGLIO E RACCONTA.

Conoscere il racconto biblico della Natività.

72

Condividere momenti di festa e di gioia.

LA NOTTE…

5 ANNI pag. 18

L’ALBERO DI NATALE

RIPASSA I TRATTEGGI, POI COLORA LE DECORAZIONI COME INDICATO DALLA LEGENDA E COMPLETA. FAI L’ALBERO DI NATALE A CASA? IL SÉ E L’ALTRO

4 ANNI pag. 19

I DISCORSI E LE PAROLE

IN GUIDA pag. 70

IMMAGINI, SUONI, COLORI

3 ANNI pag. 20 04

4 ANNI pag. 18 03

20

Cogliere il messaggio cristiano del Natale.

IN GUIDA pag. 70

I DISCORSI E LE PAROLE

19

COME FESTEGGI IL NATALE CON LA TUA FAMIGLIA? RACCONTA.

Conoscere il racconto biblico della Natività.

18

Condividere momenti di festa e di gioia.

IL SÉ E L’ALTRO

3 ANNI pag. 19

COMPLETA CON I PENNARELLI COME INDICATO DAI PUNTONI. SE VUOI, INCOLLA BRILLANTINI SULLA STELLA COMETA. ASCOLTA IL RACCONTO DELLA NASCITA DI GESÙ. 18

COLORA LE DECORAZIONI DELL’ALBERO COME INDICATO DALLA LEGENDA, POI COMPLETA. FAI L’ALBERO DI NATALE A CASA?

Cogliere il messaggio cristiano del Natale.

IN GUIDA pag. 70

3 ANNI pag. 18 03

L’ALBERO DI NATALE

04

Condividere momenti di festa e di gioia.

IL SÉ E L’ALTRO

5 ANNI pag. 19

19

20

IMMAGINI, SUONI, COLORI

5 ANNI pag. 20

IN GUIDA pag. 70


canto Invitiamo i bambini ad ascoltare le canzoni per festeggiare insieme la bellezza del Natale.

È la notte di Natale

03

È la notte di Natale e una voce sentirai, dice a tutto il mondo: “Pace e amor, amor!”. Rit: È la notte di Natale! È la notte di Natale! Alleluia! Alleluia! Se tu ti unisci a noi, presto presto capirai quanta pace c’è nei cuor, quanta pace c’è nei cuor! Rit. Tutti insieme noi cantiam e vogliamo a te gridar: “Quanta gioia, mio Signor, tanta pace e amor, amor!”. Rit.

73


È nato Gesù Rit: Se ti guardo nel presepe, tu, Gesù, fai tanta luce. Sei piccino più di me, ma sei grande come un re! Ora è Natale e nella capanna c’è un dolce bimbo con la sua mamma. C’è tanto freddo, c’è tanto gelo, e per coprirlo nemmeno un velo. L’asino e il bue, sdraiati a lato, gli fanno caldo con il loro fiato. Rit.

la notte di Natale 74

04


creo Proponiamo ai bambini di costruire il Presepe per abbellire la scuola e festeggiare, tutti insieme, la nascita di GesĂš. materiale tempere stuzzicadenti carte veline lane colorate filo dorato paglietta

scatola di cartone coni di cartone bottiglietta di yogurt da bere carta da pacchi marrone chiaro pennarelli a punta fine palline di polistirolo

colla vinilica colla a caldo pinzatrice forbici bottoni spugne

fasi 1

Predisporre le tempere di vari colori e le spugne.

2

Distribuire a ciascun bambino un cono di cartone, a cui è stata tagliata la punta con le forbici, e invitare a colorare spugnando quello che sarà il corpo del proprio personaggio.

3

Realizzare GesĂš utilizzando una bottiglietta di yogurt da bere e colorare con una miscela di tempera azzurra e colla vinilica.

75


4

Utilizzare una pallina di polistirolo per fare le teste dei personaggi e inserire uno stuzzicadenti, come impugnatura, per effettuare la coloritura.

5

Colorare le teste dei personaggi spugnando con la tempera rosa e lasciare asciugare infilzando gli stuzzicadenti in una base.

6

Inserire le teste nei coni e fissare con la colla a caldo.

7

Disegnare i particolari del viso con i pennarelli a punta fine e utilizzare lane colorate per fare i capelli, fissando con la colla a caldo.

8

Completare i vari personaggi con mantelli, scialli, foulard e copricapi ritagliati dalla carta velina, e con bottoni sul davanti, sempre fissati con la colla a caldo; per Maria predisporre il velo di carta velina azzurra e per GesĂš del filo dorato da mettere intorno al collo come guarnizione.

la notte di Natale 76


9

Creare la capanna utilizzando una scatola di cartone e pinzando tutt’attorno un foglio di carta da pacchi marrone chiaro.

10 Posizionare

all’interno della capanna Maria e Giuseppe ai lati e al centro GesÚ, appoggiato sulla paglietta; poi disporre intorno alla capanna gli altri personaggi.

77


I RE MAGI obiettivi:

- conoscere il racconto biblico dei re magi

ascolto Invitiamo i bambini a sedersi in cerchio e leggiamo il seguente racconto.

La visita dei Re Magi Poco tempo dopo la nascita di Gesù, Maria ricevette una visita insolita: alcuni uomini importanti e sapienti, i Magi, erano giunti da lontano, dall’Oriente, per vedere il bambino. Avevano seguito una Stella che, in cielo, sembrava muoversi davanti a loro. Avevano letto, nei libri che studiavano, che una Stella del genere indicava che sarebbe nato un personaggio molto speciale: un re! La Stella li guidò dapprima a Gerusalemme, la città più importante d’Israele. I Magi pensarono che avrebbero trovato là il nuovo re. Si presentarono al palazzo reale, ma Gesù non si trovava in quel palazzo. Il re Erode li mandò a Betlemme: temeva che il nuovo re potesse prendere il suo posto e non voleva assolutamente che questo accadesse. I Magi si recarono a Betlemme, dove trovarono Gesù con sua madre Maria. Offrirono a Gesù i doni che gli avevano portato. – Io offro oro, adatto a un re – disse il primo visitatore. – Il mio dono è l’incenso, perché quando crescerà questo bambino sarà anche un sacerdote – affermò il secondo. Il terzo aprì un vaso che conteneva mirra. – Questa spezia che ha un buon profumo si riferisce alla morte che, da grande, questo bambino subirà per ciò che avrà detto e fatto.

78


I doni dei Magi erano molto costosi. Maria non sapeva che cosa fare. Pensava che quella visita fosse molto importante e si domandava che cosa intendessero esprimere quei visitatori. Quando i Magi si misero in viaggio per tornare al loro Paese, non passarono da Erode, perché Dio li aveva messi in guardia dal farlo. C. Doyle - G. Chapman, La mia prima storia di Gesù, Elledici

comprendo uidiamo i bambini alla comprensione del testo con alcune semplici domande: G - Chi sono i Magi? - Che cosa li guida fino a Gesù? - Che cosa offrono in regalo a Gesù? Invitiamo i bambini a raccontare che cosa li ha colpiti del racconto della visita dei Re Magi a Gesù e a ragionare sull’importanza di ciò che hanno portato in dono.

NEL QUADERNO Proponiamo ai bambini di completare le pagine del quaderno operativo. I RE MAGI

COLORA CON LA TECNICA CHE PREFERISCI. ASCOLTA LA STORIA DEI RE MAGI. SAI CHI LI HA GUIDATI FINO ALLA CAPANNA DI GESÙ? I DISCORSI E LE PAROLE

3 ANNI pag. 21

IN GUIDA pag. 78

I DISCORSI E LE PAROLE

4 ANNI pag. 21

05

CONDUCI I RE MAGI ALLA CAPANNA, TRACCIANDO IL PERCORSO. ASCOLTA LA STORIA DEI RE MAGI. SAI CHE DONI HANNO PORTATO A GESÙ?

Conoscere il racconto biblico dell’arrivo dei Re Magi.

21

I RE MAGI

05

TROVA E UNISCI CON UNA LINEA I PARTICOLARI, POI COLORA. ASCOLTA LA STORIA DEI RE MAGI. SAI CHE COSA HANNO PORTATO IN DONO A GESÙ?

Conoscere il racconto biblico dei Re Magi.

IN GUIDA pag. 78

I RE MAGI

05

Conoscere il racconto biblico dei Re Magi.

21

IN GUIDA pag. 78

I DISCORSI E LE PAROLE

21

5 ANNI pag. 21

79


canto Invitiamo i bambini ad ascoltare la canzone per ricordarsi come la Stella Cometa guida i cuori verso Gesù.

La Stella Cometa

05

È una notte speciale, è la notte di Natale. C’è una stella splendente con la coda lucente.

È la Stella Cometa, che indica la meta. C’è un Bimbo nella paglia e una luce che abbaglia.

Rit: Stella, Stella Cometa, che risplendi una notte lassù, brilla non solo a Natale ma in ogni istante quaggiù.

Rit. È il Bambin Gesù, che tutto cambia quaggiù. C’è l’emozione di un momento, che fa il cuore contento. Rit.

i Re Magi 80


creo Proponiamo ai bambini di costruire un telescopio per poter osservare la Stella Cometa, che ci guida da Gesù. materiale tempera blu taglierino pennelli forbici

supporti dei rotoli di carta casa foglio di plastica trasparente pennarelli indelebili

bicchieri di carta scotch trasparente scotch di carta

fasi 1

Predisporre per ogni bambino un supporto del rotolo di carta casa e un bicchiere di carta.

2

Eliminare dal bicchiere di carta il fondo, aiutandosi con il taglierino.

3

Attaccare il bicchiere al supporto del rotolo di carta casa fissando, all’interno, con lo scotch di carta.

4

Dipingere il telescopio con la tempera blu, dipingendo anche l’interno del bicchiere.

5

Una volta asciutto, appoggiare il telescopio al foglio di plastica trasparente, tracciare un cerchio della misura del bicchiere e ritagliare.

6

Disegnare con un pennarello indelebile giallo una Stella Cometa al centro del tondo di plastica.

7

Fissare all’estremità più larga del telescopio il tondo con la Stella utilizzando lo scotch trasparente.

8

Decorare il telescopio a piacere con i pennarelli indelebili.

81


L’INFANZIA DI GESÙ obiettivi:

- conoscere il racconto biblico dell’infanzia di gesù - riconoscere che gesù è stato bambino

ascolto Invitiamo i bambini a sedersi in cerchio e leggiamo il seguente racconto.

L’infanzia di Gesù Morto Erode, un angelo apparve in sogno a Giuseppe per avvertirlo che poteva tornare nella terra d’Israele. Ma quando venne a sapere che nella Giudea regnava il figlio di Erode, Giuseppe ebbe paura di andarvi e, avvertito ancora da Dio in sogno, si ritirò nella regione della Galilea. Giuseppe, Maria e Gesù andarono ad abitare in una città chiamata Nazaret, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo dei profeti: – Sarà chiamato Nazareno. Il bambino cresceva e si fortificava, pieno di sapienza, e la grazia di Dio era su di lui. M.E. Giordani – A. Ulgelmo, La Bibbia, Raffaello Ragazzi

comprendo uidiamo i bambini alla comprensione del testo con alcune semplici domande: G - Che cosa dice l’Angelo in sogno a Giuseppe? - Dove vanno ad abitare Gesù e la sua famiglia? - Come cresceva Gesù? Invitiamo i bambini a riflettere sul fatto che anche Gesù è stato un bambino come loro e a immaginare quali fossero le cose che Gesù faceva (con cosa giocava, se anche lui andava a scuola, ecc.). Invitiamo i bambini a rappresentare graficamente come immaginano l’infanzia di Gesù, trascrivendo poi la verbalizzazione su foglio. 82


NEL QUADERNO Proponiamo ai bambini di completare le pagine del quaderno operativo. 06

GESÙ, UN BAMBINO COME ME

COLORA CON I PASTELLI A CERA E DESCRIVI CHE COSA VEDI. ASCOLTA IL RACCONTO DELL’INFANZIA DI GESÙ.

Conoscere il racconto biblico dell’infanzia di Gesù.

22

IN GUIDA pag. 82

IL SÉ E L’ALTRO

3 ANNI pag. 22 06

GESÙ, UN BAMBINO COME ME

COLORA CON I PENNARELLI E RACCONTA CHE COSA VEDI. ASCOLTA IL RACCONTO DELL’INFANZIA DI GESÙ.

COLORA DI ARANCIONE I VESTITI DI CHI STA IN ALTO E DI VERDE I VESTITI DI CHI STA IN BASSO. CHE GIOCHI TI PIACE FARE CON I TUOI AMICI?

Conoscere il racconto biblico dell’infanzia di Gesù.

22

Condividere momenti di gioco.

IN GUIDA pag. 82

IL SÉ E L’ALTRO

ANCHE IO GIOCO CON I MIEI AMICI

IN GUIDA pag. 82

4 ANNI pag. 22 06

GESÙ, UN BAMBINO COME ME

ANCHE IO AIUTO LA MIA FAMIGLIA

COLORA CON I PENNARELLI. CHE COSA FA GESÙ? ASCOLTA IL RACCONTO DELL’INFANZIA DI GESÙ.

IL SÉ E L’ALTRO

5 ANNI pag. 22

23

4 ANNI pag. 23

CHE COSA FAI PER AIUTARE I TUOI GENITORI? PROVA A DISEGNARE UN EPISODIO.

Conoscere il racconto biblico dell’infanzia di Gesù. 22

IL SÉ E L’ALTRO

Condividere momenti di attività in famiglia.

IN GUIDA pag. 82

IN GUIDA pag. 82

IL SÉ E L’ALTRO

23

5 ANNI pag. 23

83


canto Invitiamo i bambini ad ascoltare la canzone per ricordarsi come anche Gesù è stato un bambino.

Gesù, bambino come me

06

Caro, caro Gesù, che sei stato anche tu piccino, piccino come me, dammi la Tua mano e restami sempre vicino.

Caro, caro Gesù, tu che lo sai, insegnami ad essere buono, buono come Te, ascolta le mie preghiere e guida il mio cammino.

Rit: Gesù, bambino come me, com’è bello averti vicino, averti con me. Gesù è un bambino come me, Gesù è un bambino come me.

Rit.

creo Proponiamo ai bambini di realizzare un puzzle raffigurante un momento di gioco durante l’infanzia di Gesù, da poter poi lasciare in sezione. materiale modello pastelli a cera

cartoncino bianco di recupero carta plastificata trasparente

colla stick forbici

fasi 1

Predisporre il modello e invitare i bambini a colorare con i pastelli a cera.

2

Incollare il modello colorato su un cartoncino bianco di recupero, plastificare, poi ritagliare lungo le linee tratteggiate.

3

Invitare i bambini, a turno o a piccoli gruppi, a ricostruire il puzzle.

l’infanzia di Gesù 84


modello

85


IL BATTESIMO obiettivi:

- conoscere il sacramento del battesimo - scoprire i principali segni e simboli della religione cristiana

ascolto Invitiamo i bambini a sedersi in cerchio e leggiamo il seguente racconto

Il Battesimo di Gesù Prima che Gesù nascesse, sua madre Maria era andata a far visita a sua cugina Elisabetta, che stava per avere un bambino. Ormai il figlio di Elisabetta, Giovanni, era cresciuto, proprio come Gesù. Giovanni viveva nel deserto e mangiava miele selvatico e cavallette; indossava un vestito fatto di peli di cammello e attorno ai fianchi portava una cintura di cuoio. – Pentitevi. Chiedete a Dio di perdonarvi per i vostri peccati e fatevi battezzare per indicare che i vostri peccati sono lavati via – diceva. Molte persone si recavano al fiume Giordano per farsi battezzare da Giovanni. – Sta per venire un uomo molto più importante di me. Io non sono degno neppure di allacciargli i sandali – diceva spesso Giovanni. La gente si domandava di chi parlasse. Un giorno, anche Gesù si recò al fiume Giordano per farsi battezzare da Giovanni.

86


– Sono io che avrei bisogno di essere battezzato da te e tu invece vieni da me? – protestò Giovanni. Ma Gesù rispose: – Lascia stare, perché così noi facciamo la volontà di Dio. Così Giovanni battezzò Gesù. Quando Gesù emerse dall’acqua del fiume, il cielo si aprì e lo Spirito Santo, come una colomba, scese su di lui. E dal cielo venne una voce: – Questo è il Figlio mio, che io amo. Io l’ho mandato. C. Doyle – G. Chapman, La mia prima storia di Gesù, Elledici

comprendo uidiamo i bambini alla comG prensione del testo con alcune semplici domande: - Chi era Giovanni? - Dove battezzava le persone? - Che cosa successe quando Gesù fu battezzato? Invitiamo i bambini a raccontare che cosa li ha colpiti del racconto del Battesimo di Gesù e facciamoli riflettere sull’atto di fiducia di Gesù, che con il Battesimo si affida a Dio. Avviamo una conversazione su che cosa sanno i bambini del giorno del proprio battesimo (racconti dei genitori, foto, video, ecc.), ricordando che con il Battesimo si entra a far parte della comunità della Chiesa.

87


NEL QUADERNO Proponiamo ai bambini di completare le pagine del quaderno operativo. IL BATTESIMO DI GESÙ

COLORA GIOVANNI BATTISTA E GESÙ CON LA DIGITOPITTURA. ASCOLTA IL RACCONTO DEL BATTESIMO DI GESÙ.

Conoscere il sacramento del Battesimo.

IN GUIDA pag. 86

IL SÉ E L’ALTRO

23

3 ANNI pag. 23 IL BATTESIMO DI GESÙ

IL MIO BATTESIMO

COLORA GIOVANNI BATTISTA E GESÙ CON LE TEMPERE E I PENNELLI. ASCOLTA IL RACCONTO DEL BATTESIMO DI GESÙ.

COLORA CON I PENNARELLI E RACCONTA CHE COSA VEDI. CHE COSA SAI DEL TUO BATTESIMO?

Conoscere il sacramento del Battesimo.

24

Scoprire i principali segni e simboli della religione cristiana. IN GUIDA pag. 86

IL SÉ E L’ALTRO

4 ANNI pag. 25

IL BATTESIMO DI GESÙ

IL MIO BATTESIMO

Conoscere il sacramento del Battesimo.

IL SÉ E L’ALTRO

5 ANNI pag. 24

il Battesimo 88

IL SÉ E L’ALTRO

4 ANNI pag. 24

RIPASSA CON IL PENNARELLO I TRATTEGGI DELLA PAROLA, POI COLORA LA SCENA CON LE TEMPERE E I PENNELLI. ASCOLTA IL RACCONTO DEL BATTESIMO DI GESÙ. 24

IN GUIDA pag. 86

IN GUIDA pag. 86

25

COLORA CON I PASTELLI E RACCONTA CHE COSA VEDI. CHE COSA SAI DEL TUO BATTESIMO? PROVA A DISEGNARE SU UN FOGLIO.

Scoprire i principali segni e simboli della religione cristiana.

IN GUIDA pag. 86

IL SÉ E L’ALTRO

5 ANNI pag. 25

25


creo Proponiamo ai bambini la rappresentazione grafica “interattiva” del Battesimo di Gesù. materiale modelli pastelli a cera

cartoncino bianco di recupero taglierino

colla stick forbici

fasi 1

Predisporre il modello di Gesù e Giovanni e invitare i bambini a colorare con i pastelli a cera.

2

Predisporre il modello della colomba, rinforzarla con il cartoncino bianco di recupero e ritagliare.

3

Ritagliare dal cartoncino di recupero una striscia della misura di 2x15 cm.

4

Piegare la striscia a metà, poi piegare le due estremità in fondo a due centimetri dal bordo e incollare la parte centrale, così da formare una T.

89


5

Incollare la T di cartoncino dietro la colomba.

6

Praticare un taglio con il taglierino lungo il tratteggio presente nel modello di GesĂš e Giovanni.

7

Inserire il supporto applicato sul retro della colomba nella fessura creata, cosĂŹ da poter muovere in alto e in basso la colomba.

modelli

il Battesimo 90


modelli

91


LA CHIAMATA DEGLI APOSTOLI obiettivi:

- conoscere il racconto biblico della chiamata degli apostoli - conoscere gli amici di gesù: gli apostoli

ascolto Invitiamo i bambini a sedersi in cerchio e leggiamo il seguente racconto.

Gesù chiama gli apostoli Passando lungo il mare di Galilea, Gesù incontrò due pescatori, Simone e suo fratello Andrea, che gettavano le reti e disse loro: – Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini. Subito lasciarono le reti e lo seguirono. Proseguendo il cammino, Gesù vide Giacomo, suo fratello Giovanni e il loro padre Zebedeo, che riparavano le reti della barca. Subito li chiamò ed essi lasciarono il padre nella barca con i garzoni e andarono dietro a lui. […] In quei giorni andò sul monte a pregare e passò tutta la notte pregando Dio. Quando fu giorno, chiamò i suoi discepoli e ne scelse dodici, dando loro il nome di apostoli: Simone, al quale diede anche il nome di Pietro; Andrea, suo fratello; Giacomo, Giovanni, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso, Giacomo figlio di Alfeo; Simone, detto Zelota; Giuda figlio di Giacomo e Giuda Iscariota, che poi lo tradì. M.E. Giordani – A. Ulgelmo, Il Vangelo, Raffaello Ragazzi

92


comprendo uidiamo i bambini alla comprensione del testo con alcune semplici domande: G - Chi furono i primi discepoli e dove li incontrò Gesù? - Che mestiere svolgevano i primi discepoli scelti? - Quanti furono i discepoli che Gesù scelse? Invitiamo i bambini a riflettere sul perché Gesù sceglie i dodici apostoli: “apostoli” significa “inviati”, persone scelte da Gesù per testimoniare e divulgare la parola di Dio. Avviamo una conversazione, invitando i bambini a ragionare su quali possono essere i gesti concreti da fare ogni giorno per seguire Gesù. NEL QUADERNO Proponiamo ai bambini di completare le pagine del quaderno operativo. GESÙ CHIAMA…

07

I DODICI APOSTOLI

ASCOLTA IL RACCONTO DELLA CHIAMATA DI GESÙ AGLI APOSTOLI.

COLORA LE VESTI DEGLI APOSTOLI COME INDICATO DAI CONTORNI. SAI QUALI ERANO I LORO NOMI?

Conoscere il racconto biblico della chiamata degli apostoli. 26

Conoscere gli amici di Gesù: gli apostoli.

IN GUIDA pag. 92

IL SÉ E L’ALTRO

IN GUIDA pag. 92

4 ANNI pag. 26

4 ANNI pag. 27

GESÙ CHIAMA…

I DODICI APOSTOLI

07

GIACOMO di Alfeo

GIUDA figlio di Giacomo

GIOVANNI

FILIPPO

ANDREA fratello di Pietro

BARTOLOMEO

SIMONE detto PIETRO

GIACOMO Maggiore

ASCOLTA IL RACCONTO DELLA CHIAMATA DI GESÙ AGLI APOSTOLI.

IL SÉ E L’ALTRO

5 ANNI pag. 26

TOMMASO

SIMONE Zelota

27

MATTEO

GIUDA ISCARIOTA

COLORA LE VESTI DEGLI APOSTOLI COME INDICATO DAI CONTORNI. PROVA A IMPARARE I LORO NOMI.

Conoscere il racconto biblico della chiamata degli apostoli. 26

IL SÉ E L’ALTRO

Conoscere gli amici di Gesù: gli apostoli.

IN GUIDA pag. 92

IN GUIDA pag. 92

IL SÉ E L’ALTRO

27

5 ANNI pag. 27

93


canto Invitiamo i bambini ad ascoltare la canzone per ricordarsi come Gesù ha scelto i suoi apostoli, chiamandoli per nome, per portare nel mondo la buona notizia.

Gesù chiama

07

Rit: Gesù ci chiama! Gesù ci ama! Gesù ci chiama! Gesù ci ama!

I discepoli subito si sono fidati, quando il Signore li ha chiamati: allora tutto hanno lasciato e un grande amico hanno trovato.

Gesù degli amici sinceri ha cercato, che lo accompagnassero nel suo mandato: la buona notizia a tutti annunciare e l’amore di Dio nel mondo portare.

Rit.

Rit.

la Chiamata degli apostoli 94


creo Proponiamo ai bambini di creare ognuno una collana con il proprio pesce, simbolo del nostro essere “pescatori di uomini�. materiale modello spago pastelli

cartoncino bianco bucatrice

colla stick forbici

fasi 1

Predisporre il modello del pesce e invitare i bambini a colorare con i pastelli, decorando il pesce a piacere.

2

Far ritagliare il pesce e rinforzarlo con un cartoncino bianco.

3

Predisporre il modello della scritta e farla incollare sul retro del pesce.

4

Forare con la bucatrice il pesce, infilare lo spago e annodare per creare una collana.

VI FARĂ’ PESCATORI DI UOMINI

modello

95


GESÙ PARLA AI BAMBINI obiettivi:

- conoscere il racconto biblico di gesù e i bambini

ascolto Invitiamo i bambini a sedersi in cerchio e leggiamo il seguente racconto.

Gesù e i bambini Un giorno, mentre Gesù si stava dirigendo verso la Galilea, come di consueto una gran folla accorse verso di Lui per ricevere dal Maestro aiuto e consiglio. Talvolta le persone volevano semplicemente una parola, un sorriso o una benedizione. Tutti lo riconoscevano come il salvatore inviato da Dio e volevano almeno toccarlo. Quel giorno, molte mamme erano giunte con i loro bambini perché desideravano che Gesù li benedicesse, ma i discepoli, credendo di fare bene, li allontanavano. Perché disturbare Gesù che aveva già tanto da fare, presentandogli dei bambini che comunque non potevano capire il suo insegnamento? Ma Gesù si indignò e disse loro: – Lasciate che i bambini vengano a me e non glielo impedite, perché a chi è come loro appartiene il Regno dei Cieli. I bambini dunque non solo avevano il diritto di vedere Gesù come tutti gli altri, ma in particolare il Messia pensava che i bambini, che hanno il cuore puro, erano più vicini a Dio degli adulti. Perciò aggiunse: – In verità vi dico: chi non accoglie il Regno di Dio come un bambino, non entrerà in esso. Poi prendendo i bambini tra le braccia, imponeva loro le mani e li benediva. Gesù e le belle storie della Bibbia, Ed. De Agostini

96


comprendo uidiamo i bambini alla comprensione del testo con alcune semplici domande: G - Perché le persone portavano i bambini da Gesù? - Che cosa fecero i discepoli? - Che cosa fece, invece, Gesù? Avviamo una conversazione, invitando i bambini a riflettere su quanto Gesù voglia bene ai bambini: li tiene tra le braccia e li benedice, perché “essere come i bambini” significa essere semplici e sinceri, con il cuore puro, e solo comportandosi in questo modo è possibile entrare nel Regno di Dio. Invitiamo i bambini a ragionare su quali possono essere le azioni che dimostrano di essere dei puri di cuore. NEL QUADERNO Proponiamo ai bambini di completare le pagine del quaderno operativo. GESÙ PARLA AI BAMBINI

GESÙ PARLA AI BAMBINI

COLORA LE VESTI DI GESÙ E DEI BAMBINI PUNTINANDO CON I PENNARELLI. ASCOLTA IL RACCONTO DI GESÙ CHE ACCOGLIE I BAMBINI.

COMPLETA CON I PENNARELLI LE VESTI DI GESÙ E DEI BAMBINI COME INDICATO DAI GRAFISMI. ASCOLTA IL RACCONTO DI GESÙ CHE ACCOGLIE I BAMBINI.

Conoscere il racconto biblico di Gesù e i bambini.

24

IL SÉ E L’ALTRO

3 ANNI pag. 24

IN GUIDA pag. 96

GESÙ PARLA AI BAMBINI

COMPLETA CON I PENNARELLI LE VESTI DI GESÙ E DEI BAMBINI COME INDICATO DAI GRAFISMI, POI RIPASSA IL TRATTEGGIO DELLA PAROLA. ASCOLTA IL RACCONTO DI GESÙ CHE ACCOGLIE I BAMBINI.

Conoscere il racconto biblico di Gesù e i bambini.

28

IL SÉ E L’ALTRO

4 ANNI pag. 28

IN GUIDA pag. 96

Conoscere il racconto biblico di Gesù e i bambini.

28

IL SÉ E L’ALTRO

IN GUIDA pag. 96

5 ANNI pag. 28

97


creo Proponiamo ai bambini di creare un poster da appendere in sezione, dove tutti quanti si tengono per mano insieme a Gesù. materiale modello pastelli

scotch trasparente pennarelli fasi

1

Predisporre il modello di Gesù e chiedere ai bambini di decidere tutti insieme come colorarlo.

2

Predisporre il modello della sagoma e invitare i bambini a trasformare la sagoma in un loro ritratto.

3

Far ritagliare Gesù, precedentemente colorato, e tutte le sagome dei bambini.

4

Incollare le sagome tra loro sovrapponendo le mani, avendo cura di posizionare Gesù al centro, in mezzo a tutti i bambini.

5

Appendere in sezione con lo scotch trasparente.

Gesù parla ai bambini 98

colla stick forbici


modello

99


I MIRACOLI obiettivi:

- scoprire che cosa sono i miracoli - conoscere alcuni miracoli compiuti da gesù - i ntuire nei miracoli la manifestazione dell’amore e della cura di dio nei confronti dell’uomo

ascolto Invitiamo i bambini a sedersi in cerchio e leggiamo i seguenti racconti.

Le nozze di Cana Gesù fu invitato a un matrimonio a Cana, in Galilea. Vi fu una grande festa e tutti si divertivano molto. A un certo punto, mancò il vino. – Non hanno più vino – disse a Gesù Maria sua madre. Gesù sapeva che cosa Dio voleva che egli facesse. Disse ai servi di riempire d’acqua sei grandi recipienti di pietra, poi fece assaggiare un po’ del contenuto al capotavola. Questi commentò: – È eccellente. Tutti servono prima il vino buono e poi, quando si è già bevuto molto, servono il vino più scadente. Tu invece hai conservato il vino buono fino a questo momento. Non sapeva che Gesù aveva compiuto un miracolo: aveva trasformato l’acqua in vino. Centro Evangelizzazione e Catechesi “Don Bosco” (a cura di), Esploriamo la Bibbia, Elledici

100


Una pesca abbondante Gesù si trovava sulla riva del Lago di Galilea. Molte persone si stringevano intorno a lui per ascoltarlo. Gesù vide sulla riva due barche vuote: i pescatori erano scesi e stavano lavando le reti. – Posso salire sulla vostra barca? Così, potrò farmi ascoltare più facilmente – domandò Gesù a uno dei pescatori, Simone. Allora Simone e suo fratello Andrea fecero salire Gesù sulla loro barca e si allontanarono un po’ dalla riva. Quando ebbe finito di parlare, Gesù disse a Simone: – Prendi il largo e poi gettate le reti per pescare. Ma Simone gli rispose: – Maestro, abbiamo lavorato tutta la notte senza prendere nulla; però, se lo dici tu, getterò le reti. Così Simone e Andrea gettarono le reti e, con grande sorpresa, catturarono una quantità così grande di pesci che le loro reti cominciarono a rompersi. Subito Simone disse ai suoi compagni: – Presto, venite ad aiutarci. Gli altri pescatori andarono ad aiutarli e riempirono di pesci le loro barche a tal punto che quasi affondavano. Simone era sbalordito. Si rese conto di ciò che stava accadendo e si gettò ai piedi di Gesù. – Allontanati da me, Signore, perché sono un peccatore – affermò. – Non temere, d’ora in poi tu sarai un pescatore di uomini – gli disse Gesù. Allora Simone, Andrea, Giacomo e Giovanni abbandonarono tutti e seguirono Gesù. C. Doyle – G. Chapman, La mia prima storia di Gesù, Elledici

101


comprendo uidiamo i bambini alla comprensione dei testi con alcune semplici domande: G Le nozze di Cana - Dove si trovava Gesù? A quale festa fu invitato? - Di che cosa si accorse sua madre? Cosa disse a Gesù? - Che cosa fece Gesù? - Che cosa era successo all’acqua? Una pesca abbondante - Perché Gesù si trovava sulla riva del Lago di Galilea? - Cosa disse a Simone, uno dei pescatori? Cosa fecero Simone e suo fratello Andrea? - Che cosa successe, una volta gettate le reti? - Chi chiamarono ad aiutarli? Avviamo una conversazione, spiegando ai bambini che i miracoli sono fatti straordinari compiuti da Gesù durante la sua vita terrena, segno dell’amore e della potenza di Dio: i miracoli sono fatti inspiegabili per la scienza ma richiedono solo un atto di fede. Invitiamo i bambini a riflettere su quali emozioni avrebbero provato se si fossero trovati ad assistere a un miracolo.

i Miracoli 102


NEL QUADERNO Proponiamo ai bambini di completare le pagine del quaderno operativo. LA PESCA MIRACOLOSA

08

COLORA IL PESCE SEGUENDO IL RITMO DI COLORE INDICATO. ASCOLTA IL RACCONTO DELLA PESCA MIRACOLOSA.

Conoscere i miracoli compiuti da Gesù: la pesca miracolosa.

IN GUIDA pag. 100

25

IL SÉ E L’ALTRO

3 ANNI pag. 25 LE NOZZE DI CANA

08

08

LA PESCA MIRACOLOSA

COLORA CON IL PASTELLO A CERA ROSSO L’ACQUA PRESENTE NELLE GIARE, PER TRASFORMARLA IN VINO. ASCOLTA IL MIRACOLO DELLE NOZZE DI CANA.

DISEGNA CINQUE PESCI NELLA RETE DEI PESCATORI, POI COLORALI. ASCOLTA IL RACCONTO DELLA PESCA MIRACOLOSA.

Conoscere i miracoli compiuti da Gesù: le nozze di Cana.

IN GUIDA pag. 100

Conoscere i miracoli compiuti da Gesù: la pesca miracolosa.

IL SÉ E L’ALTRO

29

30

4 ANNI pag. 29

4 ANNI pag. 30

LE NOZZE DI CANA

08

08

CONTA LE PERSONE E LE GIARE E REGISTRA LE QUANTITÀ NELL’ISTOGRAMMA, POI COLORA. ASCOLTA IL MIRACOLO DELLE NOZZE DI CANA. IL SÉ E L’ALTRO

5 ANNI pag. 29

LA PESCA MIRACOLOSA

CONTA I PESCI NELLA RETE, POI COLORA QUATTRO PESCI DI BLU, DUE DI ARANCIONE E UNO DI GIALLO. ASCOLTA IL RACCONTO DELLA PESCA MIRACOLOSA.

Conoscere i miracoli compiuti da Gesù: le nozze di Cana

IN GUIDA pag. 100

IN GUIDA pag. 100

IL SÉ E L’ALTRO

Conoscere i miracoli compiuti da Gesù: la pesca miracolosa.

29

30

IL SÉ E L’ALTRO

IN GUIDA pag. 100

5 ANNI pag. 30

103


canto Invitiamo i bambini ad ascoltare la canzone per ricordarsi come Gesù ha compiuto miracoli per mostrare agli uomini la potenza e l’amore di Dio.

I miracoli

08

Rit: Se fermamente tu credi, osserva bene ciò che vedi, perché... Nulla è impossibile a Dio! Nulla è impossibile a Dio!

Chi era pieno di spavento ha visto nella tempesta placarsi il vento. Chi la vita aveva lasciato grazie a Gesù in vita è tornato.

Chi ha sete e fame ora ha tanto pane. Chi nel corpo ha una malattia la vede andare via.

Rit.

Rit.

creo Proponiamo ai bambini di realizzare una giostrina con tanti pesciolini da appendere in sezione per ricordare il miracolo della pesca miracolosa. materiale matita pennelli rafia blu mattarelli i Miracoli 104

sottotorta di plastica bianca stampini a forma di pesce vassoi di polistirolo tempera rossa e blu

panetto di das bucatrice forbici


fasi 1

Distribuire un po’ di das a ciascun bambino e invitare ad ammorbidirlo, a formare una palla e a schiacciarla sul piano di lavoro.

2

Mettere a disposizione i mattarelli e gli stampini così da realizzare tanti pesciolini.

3

Posizionare i pesciolini su vassoi di polistirolo, praticare con una matita un foro sulla testa e, una volta asciutti, far colorare con la tempera rossa.

4

Predisporre quattro fili di rafia lunghi 40 cm e annodare due pesciolini per filo.

5

Predisporre un filo più lungo e annodare quattro pesciolini.

6

Disegnare e ritagliare un cerchio all’interno del sottotorta, in modo da avere un bordo di 2 cm.

7

Colorare il cerchio ricavato dal sottotorta con pennellate di tempera blu e lasciare asciugare.

8

Praticare con la bucatrice quattro fori equidistanti tra loro nel cerchio e annodare i fili di rafia con le coppie di pesciolini.

9

Tagliare altri quattro fili, fissarli al cerchio, annodarli tra loro verso l’alto chiudendo con un’asola, poi inserire al centro, annodando sull’asola, il filo con quattro pesciolini.

Appendere 10

in sezione, in prossimità della porta d’entrata o lungo una parete.

105


LE PARABOLE obiettivi:

- conoscere alcune parabole raccontate da gesù - comprendere il significato delle parabole ascoltate - i ntuire come gesù, attraverso le parabole, riveli l’amore e la misericordia di dio

ascolto Invitiamo i bambini a sedersi in cerchio e leggiamo i seguenti racconti.

La pecora smarrita Gesù parlò di un pastore che aveva cento pecore. Il pastore si prendeva cura di tutte le sue cento pecore: si accertava che avessero erba a sufficienza e acqua fresca e le proteggeva dagli animali selvatici. Un giorno, il pastore riscontrò che una delle sue pecore mancava. Uscì subito a cercarla, lasciando le altre novantanove nel recinto. Cercò ovunque; dove poteva essere? Dopo un po’, sentì un flebile belato: era la pecora che aveva smarrito. Il pastore se la mise sulle spalle e la portò a casa. Era così felice di aver ritrovato la sua pecora che invitò gli amici e i vicini a fare festa con lui. Gesù concluse: – Dio è come quel pastore e si preoccupa se una delle sue pecore si smarrisce. Centro Evangelizzazione e Catechesi “Don Bosco” (a cura di), Esploriamo la Bibbia, Elledici

106


Il buon samaritano Un Maestro della Legge voleva tendere un tranello a Gesù. Per questo gli disse: – So che devo amare Dio e il mio prossimo. Ma chi è il mio prossimo? Per spiegarglielo, Gesù gli raccontò questa storia: – Un uomo scendeva da Gerusalemme verso Gerico, quando incontrò i briganti. Gli portarono via tutto, lo presero a bastonate e poi se ne andarono lasciandolo mezzo morto. Per caso passò di là un sacerdote; vide l’uomo ferito, passò dall’altra parte della strada e proseguì il suo cammino. Anche un Levita del Tempio passò per quella strada; anche lui lo vide, lo scansò e proseguì. Invece un uomo della Samaria, che era in viaggio, gli passò accanto, lo vide ed ebbe compassione di lui. Gli andò vicino e medicò le sue ferite. Poi lo caricò sul suo asino e lo portò a una locanda e fece tutto il possibile per aiutarlo. Il giorno dopo tirò fuori due monete d’argento, le diede al padrone dell’albergo e gli disse: “Abbi cura di lui e anche se spenderai di più pagherò io quando ritorno.” A quel punto Gesù domandò al Maestro della Legge: – Secondo te, chi di questi tre si è comportato come prossimo per quell’uomo che aveva incontrato i briganti? Il Maestro della Legge rispose: – Quello che ha avuto compassione di lui. Gesù allora disse: – Va’ e comportati allo stesso modo. C. Doyle – G. Chapman, La mia prima storia di Gesù, Elledici

107


comprendo uidiamo i bambini alla comprensione dei testi con alcune semplici domande: G La pecora smarrita - Che cosa faceva il pastore per il suo gregge? - Che cosa successe un giorno a una delle sue pecore? - Come si comportò il pastore? - Che cosa fece dopo che l’ebbe ritrovata? Il buon samaritano - Chi sono i protagonisti della storia che Gesù racconta? - Che cosa successe all’uomo sulla strada di Gerico? - Chi si fermò ad aiutarlo? - Che cosa fece per lui? Avviamo una conversazione, spiegando ai bambini che le parabole sono racconti semplici, usati da Gesù per spiegare come ci si deve comportare per far parte del Regno di Dio. Invitiamo i bambini a riflettere e a confrontarsi tra di loro su come fare tesoro di questi insegnamenti che Gesù ci dà e applicarli nella vita di tutti i giorni.

le Parabole 108


NEL QUADERNO Proponiamo ai bambini di completare le pagine del quaderno operativo. LA PECORELLA SMARRITA

09

RIPASSA IL TRATTEGGIO DELLA PECORELLA CON IL PENNARELLO, POI COLORA CON I PASTELLI A CERA. ASCOLTA LA PARABOLA DELLA PECORELLA SMARRITA.

Conoscere le parabole raccontate da Gesù: la pecorella smarrita.

26

IN GUIDA pag. 106

IL SÉ E L’ALTRO

3 ANNI pag. 26 LA PECORELLA SMARRITA

09

IL BUON SAMARITANO

09

CHIUDI IN UN CERCHIO LE PECORE CHE SONO RIMASTE CON IL PASTORE E SEGNA CON UNA X LA PECORELLA SMARRITA. ASCOLTA LA PARABOLA DELLA PECORELLA SMARRITA.

COLORA CON I PENNARELLI E RACCONTA CHE COSA VEDI. ASCOLTA LA PARABOLA DEL BUON SAMARITANO.

Conoscere le parabole raccontate da Gesù: la pecorella smarrita.

IN GUIDA pag. 106

IL SÉ E L’ALTRO

COLORA CON I PASTELLI E OSSERVA LA SCENA. ANCHE TU AIUTI CHI HA BISOGNO?

Conoscere le parabole raccontate da Gesù: il buon samaritano. 31

32

LA PECORELLA SMARRITA

09

Comprendere il significato delle parabole ascoltate. IN GUIDA pag. 106

IL SÉ E L’ALTRO

4 ANNI pag. 31

IN GUIDA pag. 106

4 ANNI pag. 33

IL BUON SAMARITANO

ANCHE IO AIUTO CHI HA BISOGNO

09

COLORA LE PECORE E DISEGNA QUELLA SMARRITA. ASCOLTA LA PARABOLA DELLA PECORELLA SMARRITA.

COLORA CON I PASTELLI E RACCONTA CHE COSA VEDI. ASCOLTA LA PARABOLA DEL BUON SAMARITANO.

5 ANNI pag. 31

31

32

IL SÉ E L’ALTRO

5 ANNI pag. 32

33

E TU, HAI MAI AIUTATO QUALCUNO CHE NE AVEVA BISOGNO? PROVA A COMPLETARE LA SCENA E RACCONTA.

Conoscere le parabole raccontate da Gesù: il buon samaritano. IL SÉ E L’ALTRO

IL SÉ E L’ALTRO

4 ANNI pag. 32

Conoscere le parabole raccontate da Gesù: la pecorella smarrita. IN GUIDA pag. 106

ANCHE IO AIUTO CHI HA BISOGNO

Comprendere il significato delle parabole ascoltate.

IN GUIDA pag. 106

IN GUIDA pag. 106

IL SÉ E L’ALTRO

33

5 ANNI pag. 33

109


canto Invitiamo i bambini ad ascoltare la canzone per ricordarsi dell’importanza delle parabole, storie semplici per insegnare come portare il Regno di Dio nella propria vita.

Le parabole

09

Rit: Storie semplici per insegnare il messaggio che il Signore vuol mandare, da vivere con impegno ogni giorno e condividere con chi ci sta intorno.

Le parabole di Gesù ricordale anche tu, ci insegnano cosa fare per distinguere il bene dal male.

Con esempi di vita vera Gesù spiega alla sua maniera com’è il Regno di Dio e cosa posso fare io.

Rit.

Rit.

creo Proponiamo ai bambini di realizzare una morbida pecorella, simbolo del grande amore di Dio che si preoccupa di ciascuno di noi, come fa il pastore con ogni sua pecora. materiale lana bianca occhi mobili scotch biadesivo le Parabole 110

forbici pongo bianco o beige colla a caldo pasta alimentare dura (penne) bottiglietta di yogurt da bere con tappo


fasi 1

Distribuire un po’ di lana a ciascun bambino e invitare a tagliare a piccoli pezzi.

2

Lavare la bottiglietta di yogurt, asciugare e avvitare il tappo.

3

Fissare alcune strisce di scotch biadesivo sulla bottiglietta di yogurt, a esclusione del fondo.

4

Incollare sullo scotch biadesivo i ciuffetti di lana cosĂŹ da realizzare il manto morbido della pecorella.

5

Realizzare una pallina di pongo bianco o beige, attaccarla sul fondo della bottiglia e plasmare per formare il musetto.

6

Incollare con la colla a caldo quattro penne di pasta dura per fare le zampe.

7

Incollare con la colla a caldo gli occhi mobili sul musetto.

111


L’INGRESSO A GERUSALEMME obiettivi:

- conoscere il racconto biblico della domenica delle palme

ascolto Invitiamo i bambini a sedersi in cerchio e leggiamo il seguente racconto.

Gesù entra a Gerusalemme Gesù sapeva che era tempo che si recasse a Gerusalemme. Dopo che lui e i suoi discepoli ebbero raggiunto un villaggio alle pendici del Monte degli Ulivi, poco fuori della città, Gesù chiamò due di loro e disse: – Andate nel villaggio vicino. Là troverete un’asina e il suo puledro, legati. Slegateli e portateli a me. Se qualcuno vi domanda qualcosa, dite così: è il Signore che ne ha bisogno, ma poi li rimanda indietro subito. I due discepoli fecero ciò che Gesù aveva detto loro. Portarono l’asina e il puledro, misero addosso a quest’ultimo i mantelli e Gesù vi salì sopra. Così entrarono nella città di Gerusalemme.

112


Una gran folla aveva saputo che Gesù stava per arrivare e gremiva le strade della città. Alcuni stesero i mantelli lungo la strada che Gesù aveva percorso, per formare una sorta di tappeto. Altri tagliarono rami dagli alberi e li agitarono. Tutti gridavano: – Osanna! Gloria a Dio! Benedetto colui che viene nel nome del Signore! Tutti erano entusiasti di Gesù. C. Doyle – G. Chapman, La mia prima storia di Gesù, Elledici

comprendo uidiamo i bambini alla comprensione del testo con alcune semplici domande: G - In che modo Gesù entra a Gerusalemme? - Come lo accoglie la folla? - Che cosa dicevano le persone per manifestare la loro gioia? Avviamo una conversazione, spiegando ai bambini che la Chiesa chiama questo giorno Domenica delle Palme, per ricordare appunto le palme che gli abitanti di Gerusalemme e i pellegrini, riuniti nella città santa per le feste pasquali, gettarono al passaggio di Gesù, per salutarlo e accoglierlo. Spieghiamo ai bambini che l’ingresso di Gesù a Gerusalemme segna l’inizio della Settimana Santa, che culmina con la domenica di Pasqua, quando Gesù risorge. NEL QUADERNO Proponiamo ai bambini di completare le pagine del quaderno operativo. GESÙ ENTRA A GERUSALEMME

10

10

GESÙ ENTRA A GERUSALEMME

COLORA LE PALME STAMPANDO CON IL TAPPO DI PENNARELLO INTINTO NELLA TEMPERA VERDE. ASCOLTA IL RACCONTO DELL’INGRESSO DI GESÙ A GERUSALEMME. IL SÉ E L’ALTRO

3 ANNI pag. 27

GESÙ ENTRA A GERUSALEMME

COLORA LA SCENA CON LE TEMPERE E I PENNELLI. ASCOLTA IL RACCONTO DELL’INGRESSO DI GESÙ A GERUSALEMME.

Conoscere il racconto biblico della Domenica delle Palme.

IN GUIDA pag. 112

10

COLORA LA SCENA CON IL COTTON FIOC INTINTO NELLA TEMPERA. ASCOLTA IL RACCONTO DELL’INGRESSO DI GESÙ A GERUSALEMME.

Conoscere il racconto biblico della Domenica delle Palme.

27

34

IL SÉ E L’ALTRO

4 ANNI pag. 34

Conoscere il racconto biblico della Domenica delle Palme.

IN GUIDA pag. 112

34

IL SÉ E L’ALTRO

IN GUIDA pag. 112

5 ANNI pag. 34

113


canto Invitiamo i bambini ad ascoltare la canzone per vivere anche attraverso il canto la gioia dell’ingresso di Gesù a Gerusalemme.

Gesù a Gerusalemme

10

È una domenica speciale tutta da festeggiare. Gesù entra a Gerusalemme su un’asina lemme lemme.

Un Re che viene da lontano e che porta un grande regalo. Un segno vuole lasciare: insegnare a tutti ad amare.

Rit: Osanna, osanna al figlio di Davide! Osanna nel più alto dei cieli! Osanna, osanna al figlio di Davide! Osanna nel più alto dei cieli!

Rit.

Tanta gente lo accoglie e sventola rami e foglie. Qualcuno vuol sapere chi è e la folla risponde: “È un Re”. Rit.

l’ingresso a Gerusalemme 114


creo Proponiamo ai bambini di realizzare ciascuno la propria palma per poi sventolarle tutti insieme e ricordare così la gioia provata dal popolo d’Israele all’ingresso di Gesù a Gerusalemme. materiale matita forbici

cartoncino verde pennarello nero

colla stick

fasi 1

Distribuire il cartoncino verde, riportare cinque volte la sagoma della mano di ciascun bambino e ritagliare.

2

Ricavare dal cartoncino verde strisce 5x30 cm e distribuirne una per bambino.

3

Distribuire le cinque sagome delle manine a ciascun bambino e invitarli a incollarle sulla striscia per creare la foglia della palma.

4

Scrivere con il pennarello nero “Osanna” sulla striscia.

5

Invitare i bambini a sventolare le palme tutti insieme.

115


LA PASQUA DI GESÙ obiettivi:

- conoscere il racconto biblico relativo alla passione, morte e resurrezione di gesù - intuire nella morte di gesù il gesto più alto d’amore per l’uomo - vivere la resurrezione di gesù con gioia - conoscere il significato dei principali segni pasquali

ascolto Invitiamo i bambini a sedersi in cerchio e leggiamo i seguenti racconti (è possibile suddividere la lettura in più giornate).

La cena pasquale Dopo essere entrato in Gerusalemme, Gesù trascorse circa una settimana a insegnare alle persone che incontrava. I capi religiosi si irritarono con lui, perché Gesù aveva spiegato che molte cose che essi facevano non erano giuste. Per questo cominciarono a complottare per sbarazzarsi di lui. Giuda, uno dei dodici discepoli di Gesù, aveva già concordato con loro un modo per tradirlo. Quando fu tempo di celebrare la festa di Pasqua, Gesù riunì i suoi discepoli in una stanza ubicata al piano superiore di una casa, si legò un asciugamano intorno ai fianchi, versò acqua in un catino e lavò i piedi a tutti i suoi amici. Poiché normalmente questo servizio veniva compiuto dai servi, Pietro inizialmente non voleva che Gesù gli lavasse i piedi. Gesù però gli disse: – Ora tu non capisci quello che io faccio; lo capirai dopo. Mi avete visto fare questo, e dovete imparare ad amarvi e servirvi a vicenda nello stesso modo. Dopo, a tavola, Gesù benedisse il pane, lo spezzò e lo distribuì ai discepoli dicendo: – Prendete e mangiate; questo è il mio corpo. Fate questo in memoria di me. Poi prese il calice del vino, lo benedisse e lo passò a tutti i discepoli dicendo:

116


– Questo è il mio sangue. Così, Gesù lasciò ai suoi discepoli un mezzo potente per diventare come lui: assumere addirittura la sua carne e il suo sangue. Questo è l’Eucarestia. C. Doyle – G. Chapman, La mia prima storia di Gesù, Elledici

Al Getsemani Dopo che ebbero mangiato insieme, Gesù condusse i discepoli in un giardino chiamato Getsemani. Era tardi e i discepoli erano stanchi. Gesù sapeva che presto sarebbe stato arrestato, processato e ucciso. Non era rimasto molto tempo, prima che accadesse questo, Gesù si allontanò dagli altri facendosi accompagnare solo da tre discepoli, a cui disse: – Fermatevi qui e restate svegli con me, mentre io prego il Padre mio dei cieli. Gesù andò un po’ avanti e pregò così: – Padre mio, se è possibile, allontana da me questo calice di dolore! Però non si faccia come voglio io, ma come vuoi tu. Quando tornò dai tre discepoli che lo avevano accompagnato, Gesù li trovò addormentati. Li svegliò e per altre due volte chiese loro di restare svegli mentre lui pregava. Al suo ritorno, tutte le volte li trovò addormentati. Gesù era molto triste. – Non avete potuto restare svegli con me nemmeno per un’ora? – domandò loro. Allora arrivarono diversi soldati nel giardino, per arrestarlo. Le loro torce brillavano nell’oscurità. Era con loro Giuda, che bisbigliò a uno dei soldati: – Quello che bacerò è lui. Prendetelo. Giuda si avvicinò a Gesù e lo baciò. Subito i soldati catturarono Gesù e lo portarono via. C. Doyle – G. Chapman, La mia prima storia di Gesù, Elledici

117


La Passione di Gesù Gesù fu condotto davanti a Pilato, il governatore romano. – Che cosa ha fatto di male quest’uomo? – domandò Pilato. Il Sommo Sacerdote accusò Gesù di causare disordini e di affermare di essere un re. – Sei tu il re dei Giudei? – gli domandò allora Pilato. – Tu lo dici – rispose Gesù. – Che cosa devo fare di quest’uomo? – domandò Pilato alla folla. – In croce! – risposero i presenti. Pilato non pensava che Gesù avesse commesso qualcosa di male, ma non voleva scontentare la folla. Consegnò dunque Gesù ai soldati perché lo facessero morire. I soldati misero addosso a Gesù una veste rossa e gli sistemarono sul capo una corona di spine. Gesù fu condotto dai soldati in un luogo detto Golgota dove lo crocifissero. Sul suo capo fu appeso un cartello sui cui era scritto: “Il re dei Giudei”. Maria, la madre di Gesù, era là. A mezzogiorno, Gesù invocò a gran voce Dio, poi esalò l’ultimo respiro e morì. Il corpo di Gesù fu tolto dalla croce, venne avvolto in un lenzuolo e sistemato con cura in una tomba che apparteneva a Giuseppe d’Arimatea. Davanti alla porta della tomba fu fatta rotolare una grossa pietra. I discepoli pensavano che non avrebbero mai più rivisto Gesù per questo tornarono a casa e piansero. Centro Evangelizzazione e Catechesi “Don Bosco” (a cura di), Esploriamo la Bibbia, Elledici

la Pasqua di Gesù 118


La Resurrezione di Gesù Passarono tre giorni tristi. La domenica mattina presto, alcune donne si recarono alla tomba di Gesù con gli aromi che avevano preparato per la sepoltura. Che sorpresa le attendeva! La pesante pietra che si trovava all’ingresso era stata tolta e la tomba era vuota. Il corpo di Gesù non era più là: tutto ciò che rimaneva era il tessuto che aveva avvolto il suo corpo. Improvvisamente apparvero due uomini con vesti splendenti, che dissero loro: – Non cercate Gesù qui: egli è vivo! Le donne corsero subito a raccontare ciò che avevano visto e sentito agli amici di Gesù. Nei giorni successivi, Gesù apparve a tutti i suoi discepoli. Inizialmente, alcuni non erano certi che si trattasse di Gesù: Tommaso, ad esempio, non ci credette finché non ebbe visto le ferite sul suo corpo e sulle sue mani. Presto però tutti seppero che Gesù era davvero vivo. Nei giorni che seguirono la sua Resurrezione, Gesù vide i suoi amici molte volte. Un giorno, fece loro questa raccomandazione: – Non allontanatevi da Gerusalemme, ma aspettate il dono che il Padre ha promesso e del quale vi ho parlato: lo Spirito Santo. Quando scenderà su di voi, sarete in grado di parlare di me in tutto il mondo. Dopo quaranta giorni, Gesù salì in cielo: fu nascosto da una nube alla vista dei suoi amici ed essi non lo videro più. Mentre i discepoli stavano a guardare, due uomini vestiti di bianco si avvicinarono a loro e dissero: – Perché ve ne state a guardare il cielo? Gesù un giorno ritornerà come lo avete visto partire. Centro Evangelizzazione e Catechesi “Don Bosco” (a cura di), Esploriamo la Bibbia, Elledici

119


comprendo uidiamo i bambini alla comprensione dei testi con alcune semplici domande: G La cena pasquale - Che cosa fece Gesù per festeggiare la festa di Pasqua? - Perché Pietro si stupì che Gesù lavasse loro i piedi? Gesù come rispose? - Quali gesti compì Gesù a tavola? Perché? Al Getsemani - Dove andò Gesù, dopo la cena? - Che cosa fece allora Gesù? Quando tornò dai discepoli, come li trovò? - Che cosa fecero i soldati? Come riconobbero Gesù? La Passione di Gesù - Di che cosa fu accusato Gesù? - Dove fu condotto Gesù? Che cosa gli fu messo sul capo? - Chi era con lui quando morì? - Che cosa successe poi? E dove fu portato il corpo di Gesù? La Resurrezione di Gesù - Che cosa successe tre giorni dopo che Gesù morì? - Che cosa videro le donne che erano andate al sepolcro? - Che cosa dissero i due uomini con le vesti splendenti? - Che cosa successe nei giorni successivi? Avviamo una conversazione, invitando i bambini a riflettere sull’importanza degli avvenimenti della Settimana Santa: Gesù accetta di compiere la volontà di Dio per poter salvare tutti noi uomini. Spieghiamo ai bambini che Gesù, in questa ultima settimana sulla Terra, ci mostra ancora una volta come dobbiamo comportarci: saper essere umili e condividere, come durante la lavanda dei piedi e l’ultima cena; pregare e affidarsi alla volontà di Dio, come nel Getsemani; saper perdonare anche chi ci ha fatto del male, come sulla croce; vivere la gioia della Resurrezione.

la Pasqua di Gesù 120


NEL QUADERNO Proponiamo ai bambini di completare le pagine del quaderno operativo. L’ULTIMA CENA

GESÙ È RISORTO!

STRAPPA E INCOLLA PEZZETTI DI CARTA LUCIDA AZZURRA SULLA VESTE DI GESÙ. ASCOLTA IL RACCONTO DELL’ULTIMA CENA.

IN GUIDA pag. 116

30

3 ANNI pag. 30

GESÙ CENA…

COLORA LA SCENA CON I PASTELLI. ASCOLTA IL RACCONTO DELLA LAVANDA DEI PIEDI.

INSIEME AGLI APOSTOLI

INCOLLA FARINA DI MAIS SUL PANE E CARTA LUCIDA ORO SUL CALICE. ASCOLTA IL RACCONTO DELL’ULTIMA CENA.

Conoscere il racconto biblico della Lavanda dei piedi.

SAI PERCHÉ QUESTA CENA È IMPORTANTE? PROVA A RACCONTARLO.

Conoscere il racconto biblico dell’Ultima Cena.

IL SÉ E L’ALTRO

35

36

4 ANNI pag. 35

Scoprire il sacramento dell’Eucarestia.

IN GUIDA pag. 116

IL SÉ E L’ALTRO

IN GUIDA pag. 116

4 ANNI pag. 36 NELL’ORTO DEGLI ULIVI

Conoscere il racconto biblico del Getsemani.

4 ANNI pag. 38

IL SÉ E L’ALTRO

37

4 ANNI pag. 37 SULLA CROCE

COLORA CON GLI ACQUERELLI E ASCOLTA IL RACCONTO DI GESÙ NELL’ORTO DEGLI ULIVI. CHI ERA CON GESÙ A PREGARE? IL SÉ E L’ALTRO

IN GUIDA pag. 116

IMMAGINI, SUONI, COLORI

3 ANNI pag. 29

LA LAVANDA DEI PIEDI

38

Scoprire il significato dei principali segni pasquali. 29

IL SÉ E L’ALTRO

3 ANNI pag. 28

IN GUIDA pag. 116

INCOLLA CARTE COLORATE SULL’UOVO DI PASQUA.

Conoscere il racconto biblico della Resurrezione di Gesù.

IN GUIDA pag. 116

IL SÉ E L’ALTRO

L’UOVO DI PASQUA

12

COLORA L’ANGELO E IL SEPOLCRO CON I PENNARELLI. SAI CHE COSA DICE L’ANGELO ALLE DONNE CHE VISITANO IL SEPOLCRO?

Conoscere il racconto biblico dell’Ultima Cena.

28

11

IN GUIDA pag. 116

RIPASSA CON I PENNARELLI I TRATTEGGI DELLA CROCE E DELLE VESTI E COLORA CON I PASTELLI. ASCOLTA IL RACCONTO DELLA PASSIONE DI GESÙ.

Conoscere il racconto biblico della Morte di Gesù.

IN GUIDA pag. 116

IL SÉ E L’ALTRO

39

4 ANNI pag. 39

121


GESÙ È RISORTO!

11

LA COLOMBA DI PASQUA

COMPLETA CON I PENNARELLI COME INDICATO DAI GRAFISMI. CHE COSA DICE L’ANGELO ALLE DONNE CHE VISITANO IL SEPOLCRO?

STRAPPA E INCOLLA PEZZETTI DI TOVAGLIOLI BIANCHI SULLA COLOMBA.

Conoscere il racconto biblico della Resurrezione di Gesù.

40

Conoscere il significato dei principali segni pasquali.

IN GUIDA pag. 116

IL SÉ E L’ALTRO

IN GUIDA pag. 116

IMMAGINI, SUONI, COLORI

4 ANNI pag. 40 GESÙ CENA…

RIPASSA CON I PENNARELLI I TRATTEGGI DELLE VESTI, POI COLORA CON I PASTELLI. ASCOLTA IL RACCONTO DELLA LAVANDA DEI PIEDI.

Conoscere il racconto biblico dell’Ultima Cena.

IL SÉ E L’ALTRO

35

36

IN GUIDA pag. 116

IL SÉ E L’ALTRO

5 ANNI pag. 35

IL SÉ E L’ALTRO

5 ANNI pag. 38

IL SÉ E L’ALTRO

5 ANNI pag. 37

COLORA CON I PENNARELLI COME INDICATO DAI PUNTONI. ASCOLTA IL RACCONTO DELLA PASSIONE DI GESÙ.

Conoscere il racconto biblico del Getsemani.

122

Scoprire il sacramento dell’Eucarestia.

SULLA CROCE

COLORA CON GLI ACQUERELLI E ASCOLTA IL RACCONTO DI GESÙ NELL’ORTO DEGLI ULIVI. CHE COSA FACEVANO GLI APOSTOLI?

la Pasqua di Gesù

DISEGNA SU UN FOGLIO L’ULTIMA CENA E PROVA A SPIEGARE PERCHÉ È IMPORTANTE. RACCONTALO CON PAROLE TUE. IN GUIDA pag. 116

5 ANNI pag. 36 NELL’ORTO DEGLI ULIVI

38

INSIEME AGLI APOSTOLI

DISEGNA UNA PAGNOTTA E UN CALICE PER OGNI APOSTOLO CHE VEDI A TAVOLA CON GESÙ. ASCOLTA IL RACCONTO DELL’ULTIMA CENA.

Conoscere il racconto biblico della Lavanda dei piedi.

41

4 ANNI pag. 41

LA LAVANDA DEI PIEDI

IN GUIDA pag. 116

12

IN GUIDA pag. 116

Conoscere il racconto biblico della Morte di Gesù.

IN GUIDA pag. 116

IL SÉ E L’ALTRO

5 ANNI pag. 39

39

37


GESÙ È RISORTO!

11

I SIMBOLI DI PASQUA

RIPASSA CON I PENNARELLI I TRATTEGGI DELLA VESTE DI GESÙ E DELLA PAROLA, POI COLORA CON I PASTELLI. CHE COSA DISSE GESÙ AGLI APOSTOLI, PRIMA DI SALIRE IN CIELO?

COLLEGA E UNISCI CON UNA LINEA GLI INSIEME CHE CONTENGONO LA STESSA QUANTITÀ DI ELEMENTI.

Conoscere il racconto biblico della Resurrezione di Gesù.

40

IN GUIDA pag. 116

IL SÉ E L’ALTRO

5 ANNI pag. 40

12

Conoscere il significato dei principali segni pasquali.

IN GUIDA pag. 116

IMMAGINI, SUONI, COLORI

41

5 ANNI pag. 41

canto Invitiamo i bambini ad ascoltare le canzoni per festeggiare insieme la gioia della Pasqua.

Dolce Pasqua

11

Una campana festosa e una colomba gioiosa: questa è la Pasqua!

Un uovo di cioccolato e un dolce mandorlato: questa è la Pasqua!

Rit: Dolce Pasqua d’amore e di pace: è questo il messaggio che vale! Dolce Pasqua d’amore e di pace…

Rit.

Un ramo di ulivo e un canto giulivo: questa è la Pasqua! Rit.

La pace nel mondo un grande girotondo: questa è la Pasqua! La pace nel mondo un grande girotondo: questa è la Pasqua!

123


La campanella di Pasqua È Pasqua, è Pasqua nei paesi e le città: oggi è festa, è festa di bontà. Non più guerre, ma pace e amore e tanta gioia in ogni cuore.

12

Questo sarà un giorno di gran felicità per ogni bambino con mamma e papà. L’uovo di cioccolato si romperà… Evviva la Pasqua, che gioia ci dà! Rit.

Rit: Din don, din don, din don dan, suona allegra la campanella. Din don, din don, din don dan, annuncia al mondo la lieta novella. Tutto il giorno suonerà la campanella, la sentirà la bianca pecorella, ma anche la bella coccinella, nascosta sulla mano della pastorella. Rit.

la Pasqua di Gesù 124

Din don, din don, din don dan!


creo A conclusione del percorso di scoperta della Pasqua di Gesù, su richiesta dei bambini, racchiudiamo in un libro i momenti più significativi, perché resti, a ciascuno di loro, la documentazione e il ricordo della Passione e Resurrezione di Cristo. materiale modelli pinzatrice pennarelli pastelli

pastelli a cera piccoli rami d’ulivo cartoncino verde fogli di acetato trasparente

fogli A4 bianchi colla forbici scotch

fasi 1

Predisporre il modello dell’immagine di Gesù con la scritta la pasqua di gesù, che fungerà da copertina, distribuire a ciascun bambino perché colori, poi ritagli e incolli sul cartoncino verde.

2

Invitare i bambini a disegnare la Domenica delle Palme colorando prima lo sfondo con i pastelli a cera strisciati, disegnando con i pennarelli Gesù che entra a Gerusalemme sull’asina e la gente che lo accoglie in festa e incollando, con lo scotch, un rametto di ulivo tra le sue mani; poi completare con la scritta: gesù entra a gerusalemme: è la domenica delle palme.

3

Predisporre il modello di Gesù che spezza il pane e benedice il calice sulla tavola, distribuire ai bambini, poi invitarli a sfumare lo sfondo con il pastello a cera giallo, a colorare Gesù e a disegnare e colorare i discepoli con i pennarelli; completare con la scritta: l’ultima cena di gesù con gli apostoli.

copertina

pagina

1

pagina

2 125


4

5

6

Predisporre il modello di Gesù incatenato di fianco al centurione, distribuire ai bambini, poi invitarli a colorare lo sfondo con i pastelli a cera strisciati e a disegnare e colorare con i pennarelli altri soldati, gli alberi e le tre croci in lontananza; completare con la scritta: la cattura e la morte di gesù. Predisporre il modello del sepolcro, distribuire ai bambini, poi invitarli a colorare con i pennarelli e con i pastelli a cera; su un foglio a parte, far disegnare Gesù risorto, farlo colorare con i pennarelli, ritagliare e incollare sul davanti del sepolcro; completare con la scritta: gesù risorge, è pasqua!

3

pagina 4 Ricoprire la copertina con un foglio di acetato trasparente e rilegare le pagine del libro nell’ordine di realizzazione, con alcuni punti di pinzatrice sul dorso sinistro.

LA PASQUA DI GESÙ

modelli

la Pasqua di Gesù 126

pagina


127


la Pasqua di Gesù 128


129


MARIA, LA MAMMA DI GESÙ obiettivi:

- scoprire il ruolo di maria nella chiesa e come renderle omaggio

ascolto Invitiamo i bambini a sedersi in cerchio e leggiamo i seguenti racconti.

Il suono della campana A Roma, tanti anni fa, la Basilica di Santa Maria Maggiore era ancora circondata dalla campagna e il suono delle sue campane, specialmente alla sera, arrivava molto lontano e invitava alla preghiera tutti gli abitanti delle casette sparse nei dintorni. Da una di quelle casette uscì un giorno una bambina, Maria, per andare a far visita ad alcuni parenti che abitavano in aperta campagna. Maria credeva di conoscere bene la strada, invece, sopraggiunta la notte, non seppe più orientarsi e si smarrì tra sentieri e stradicciole, senza più riuscire a trovare la strada di casa. Dopo aver girato e rigirato senza concludere nulla, anzi confondendosi sempre più, si mise a sedere su una pietra e scoppiò in un pianto dirotto. Ma nessuno passava di notte per quelle strade e nessuno poteva aiutarla. Si ricordò della Madonna e incominciò a recitare l’Ave Maria. Arrivata alle parole “Prega per noi, adesso...” sentì il suono di una campana. Il suono si prolungava, si ripeteva, come una voce insistente nella notte. La bambina seguì quella voce e, di sentiero in sentiero, si ritrovò alla Basilica di Santa Maria Maggiore e poté tornare a casa. B. Ferrero, Ave o Maria, Elledici

130


comprendo uidiamo i bambini alla comprensione del testo con alcune semplici domande: G - Che cosa successe alla bambina che era andata a trovare i parenti? - Quali sentimenti provò la bambina quando capì che si è persa? Che cosa decise di fare? - Come la aiutò Maria? Avviamo una conversazione, invitando i bambini a riflettere su come Maria sia un modello di fede e di carità; è la madre di Gesù e per questo anche madre della Chiesa, di cui facciamo parte, e ascolta le preghiere che i fedeli le rivolgono. Spieghiamo ai bambini che la Chiesa, per onorare Maria, ha istituito varie feste durante l’anno (ad esempio, 15 agosto, 8 settembre, 8 dicembre) e le ha dedicato il mese di maggio, chiamato appunto mese mariano.

131


NEL QUADERNO Proponiamo ai bambini di completare le pagine del quaderno operativo. UN FIORE PER MARIA

MARIA, LA MAMMA DI GESÙ

RIPASSA CON I PENNARELLI I TRATTEGGI DEL FIORE E COLORA CON I PASTELLI. SAI CHE IL MESE DI MAGGIO È DEDICATO A MARIA?

COLORA PUNTINANDO LA VESTE DI MARIA. SAI CHE MARIA È LA MAMMA DI GESÙ E DELLA CHIESA?

Scoprire come rendere omaggio a Maria.

42

IN GUIDA pag. 130

IMMAGINI, SUONI, COLORI

Scoprire il ruolo di Maria nella Chiesa.

IN GUIDA pag. 130

4 ANNI pag. 43

UN FIORE PER MARIA

MARIA, LA MAMMA DI GESÙ

COMPLETA LA SIMMETRIA DEL FIORE CON I PENNARELLI E COLORA CON I PASTELLI. DISEGNA SU UN FOGLIO UN FIORE PER MARIA. SAI CHE MAGGIO È IL MESE MARIANO? IMMAGINI, SUONI, COLORI

5 ANNI pag. 42

Maria, la mamma di Gesù 132

IN GUIDA pag. 130

43

COLORA MARIA CON LA TECNICA CHE PREFERISCI. SAI CHE MARIA È LA MAMMA DI GESÙ E DELLA CHIESA?

Scoprire come rendere omaggio a Maria.

42

IL SÉ E L’ALTRO

4 ANNI pag. 42

Scoprire il ruolo di Maria nella Chiesa.

IN GUIDA pag. 130

IL SÉ E L’ALTRO

5 ANNI pag. 43

43


creo Proponiamo ai bambini di realizzare un mazzo di fiori da appendere a in sezione per offrirlo a Maria. materiale modello forbici cartoncino rosa

fogli A4 rosa scuro, giallo e verde pongo rosa, rosso e verde bicchieri di plastica gialli

colla a caldo colla stick

fasi 1

Avvalendosi del modello, predisporre le parti del fiore sui fogli A4 rosa scuro, giallo e verde.

2

Distribuire a ciascun bambino un cartoncino rosa e le varie parti del fiore, cosicchĂŠ ogni bambino possa formare quattro fiori, incollandoli sul cartoncino.

3

Tagliare un bicchiere a metà , lungo l’altezza, posizionarlo a una certa distanza dai fiori incollati e fissare con la colla a caldo.

133


4

Invitare i bambini a manipolare il pongo verde, formando lunghe strisce per realizzare gli steli, poi posizionare gli steli sul cartoncino rosa per collegare ciascun fiore al vasetto, facendo una leggera pressione.

5

Per decorare il vasetto, invitare i bambini a manipolare pongo rosa e rosso e a realizzare tante palline.

6

Posizionare le palline sui bordi del bicchiere, alternando i colori, e fissare con una leggera pressione.

7

Realizzare con il pongo verde alcune foglioline e, sempre premendo, posizionare sugli steli per completare i fiori.

Maria, la mamma di GesĂš 134


modello

135


LA CHIESA obiettivi:

- conoscere il racconto biblico della pentecoste - scoprire i luoghi di culto - comprendere che la chiesa è la casa e la famiglia dei cristiani

ascolto Invitiamo i bambini a sedersi in cerchio e leggiamo il seguente racconto.

La Pentecoste Cinquanta giorni dopo la Resurrezione di Cristo, a Gerusalemme arrivarono molti Ebrei, non solo dalla Palestina, ma anche da paesi lontani dove si parlavano lingue diverse, in cui alcuni di loro erano andati a vivere. [‌] Gli apostoli stavano pregando tutti insieme, chiusi in una casa, quando, all’improvviso, sentirono un rumore come quello di un forte temporale, videro una grande luce e delle fiamme scesero su di loro.

136


Capirono di aver ricevuto lo Spirito Santo: si sentirono forti e coraggiosi, pronti a fare quello che Gesù aveva chiesto loro. Uscirono sulla piazza piena di persone e cominciarono a parlare in lingue diverse, facendosi capire da tutti. La gente era meravigliata e si chiedeva chi fossero e perché si comportassero in quel modo. Pietro si alzò e ricordò a tutti chi era Gesù, cosa avesse detto e fatto, come fosse morto e risorto. Poi disse: – È lo Spirito Santo, che oggi abbiamo ricevuto in dono da Gesù Risorto, che ci permette di farci capire da tutti. Se anche voi volete diventare suoi amici chiedetegli scusa per tutte le volte che vi siete comportati male e fatevi battezzare: lui vi perdonerà e darà anche a voi lo Spirito Santo. Tutti gli credettero e fecero come aveva detto. P. Parazzoli – A. Abbatiello, Storie dalla Bibbia, Corriere della Sera

comprendo uidiamo i bambini alla comprensione del testo con G alcune semplici domande: - Che cosa facevano gli apostoli? Che cosa sentirono? - Come si manifestò lo Spirito Santo? Quale effetto produsse su di loro? - Che cosa disse Pietro? Come si comportò la gente? Avviamo una conversazione, spiegando ai bambini che grazie allo Spirito Santo l’amore di Dio è entrato negli apostoli, come una fiamma, rendendoli più buoni e più forti: da quel momento, infatti, non hanno più paura di portare il messaggio di Gesù nel mondo. Spieghiamo ai bambini che con la discesa dello Spirito Santo sugli apostoli nasce la Chiesa, che non è soltanto l’edificio in cui ci si riunisce per pregare Dio, ma è la comunità di tutti i cristiani.

137


NEL QUADERNO Proponiamo ai bambini di completare le pagine del quaderno operativo. LA MIA CHIESA

13

COLORA LA CHIESA PUNTINANDO CON I PENNARELLI. RACCONTA DI UNA VOLTA CHE SEI ANDATO IN CHIESA.

Scoprire i luoghi di culto: la chiesa.

IN GUIDA pag. 136

IL SÉ E L’ALTRO

31

3 ANNI pag. 31 LA NOSTRA CHIESA

IN CHIESA, PARLIAMO CON DIO

AIUTA I BAMBINI A TROVARE LA STRADA PER ARRIVARE ALLA CHIESA. RIPASSA I TRATTEGGI PRIMA CON IL DITO E POI CON IL PENNARELLO.

COLORA LA SCENA CON LA TECNICA CHE PREFERISCI. TU HAI MAI PARTECIPATO ALLA MESSA?

Scoprire i luoghi di culto: la chiesa.

44

IN GUIDA pag. 136

IL SÉ E L’ALTRO

Comprendere che la Chiesa è la casa e la famiglia dei cristiani. IN GUIDA pag. 136

4 ANNI pag. 44

Scoprire i luoghi di culto: la chiesa.

5 ANNI pag. 44

la Chiesa 138

45

IN CHIESA, PARLIAMO CON DIO

CONDUCI I BAMBINI ALLA CHIESA PASSANDO PER TUTTE LE CAMPANE. COME SI CHIAMA LA CHIESA CHE FREQUENTI? IL SÉ E L’ALTRO

IL SÉ E L’ALTRO

4 ANNI pag. 45

LA NOSTRA CHIESA

44

13

IN GUIDA pag. 136

13

COLORA LA SCENA CON I PENNARELLI POI DISEGNATI ALL’INTERNO DELLA CHIESA. TU HAI MAI PARTECIPATO ALLA MESSA?

Comprendere che la Chiesa è la casa e la famiglia dei cristiani.

IN GUIDA pag. 136

IL SÉ E L’ALTRO

5 ANNI pag. 45

45


canto Invitiamo i bambini ad ascoltare la canzone che ci ricorda quanto è meravigliosa la Chiesa, la comunità dei cristiani.

La Chiesa

13

Rit: La Chiesa è una grande famiglia… Che meraviglia! Che meraviglia! La Chiesa non è fatta di mattoni, ma di gesti e uomini buoni. Dove si ricorda Gesù, lì c’è Chiesa e molto di più. Rit. Ciascuno a casa si sente, la voce del cuore non mente. E chi di questa casa si cura? C’è il Papa: non abbiate paura! Rit. (x2) Che meraviglia! Che meraviglia!

139


creo Proponiamo ai bambini la realizzazione della chiesa da tenere in sezione. materiale modello acquerelli pennelli

scatole da scarpe carta da pacchi bianca muschio

forbici colla stick

fasi 1

Stendere la colla sull’esterno della scatola da scarpe e ricoprire con la carta da pacchi bianca.

2

Predisporre il modello della chiesa e invitare i bambini a colorare con gli acquerelli.

3

Ritagliare la chiesa, stendere la colla sul retro e incollare sul davanti della scatola, lasciando un po’ di spazio alla base e facendo in modo che il campanile svetti all’esterno della scatola.

4

Stendere la colla alla base della chiesa e invitare i bambini a incollare il muschio per fare il prato.

5

Completare il cielo colorando con gli acquerelli.

la Chiesa 140


modello

141


IL PAPA, GUIDA DELLA CHIESA obiettivi:

- scoprire la figura e il ruolo del papa nella chiesa - intuire di far parte della comunità dei cristiani

ascolto Invitiamo i bambini a sedersi in cerchio e leggiamo il seguente racconto.

Il primo Papa Un giorno Gesù chiede ai suoi discepoli: – La gente che cosa dice di me? Gli rispondono: – Qualcuno dice che sei Giovanni il Battista o Elia o Geremia o qualcuno dei Profeti. – E voi chi dite che io sia? – domanda Gesù. – Tu sei il Cristo, il Figlio di Dio – risponde Simone. Gesù allora dice: – Dio stesso ti ha suggerito questa risposta. Io ti do un nome nuovo, Pietro, perché tu sei la pietra su cui costruirò la mia Chiesa. Infatti i discepoli riconoscono Simon Pietro come loro capo, alla morte di Gesù. È lui il primo a entrare nel sepolcro vuoto; è lui che guida la prima comunità di cristiani a Gerusalemme; a lui si rivolge chi ha dubbi. Allora il re Erode (il nipote di quell’altro Erode, che aveva cercato di uccidere Gesù Bambino) lo fa mettere in prigione, ma un Angelo gli toglie le catene e lo libera. Pietro lascia la Palestina e va a Roma, e anche lì è alla guida della piccola Chiesa che sta nascendo: è perciò il primo Papa. Quando Nerone diventa Imperatore, i cristiani sono perseguitati e Pietro viene ucciso verso l’anno 64. Sulla sua tomba verrà costruita una chiesa che col tempo diventerà sempre più grande. Oggi, la Basilica di San Pietro è la Basilica più grande del mondo. M. Vago – D. Montanari, Il grande racconto della Bibbia, Edizioni Messaggero Padova

142


comprendo uidiamo i bambini alla comprensione del testo con alcune semplici domande: G - Che cosa chiede Gesù ai suoi discepoli? Chi gli risponde correttamente? - Che nome dà a Simone? Perché? - Chi diventa Pietro? Dove va? - Chi è oggi alla guida della Chiesa? Qual è il suo nome? Avviamo una conversazione, invitando i bambini a riflettere sull’importante compito che Gesù affida a Pietro: essere il padre della comunità dei cristiani. Spieghiamo ai bambini che il Papa è il successore di Pietro e porta avanti la missione affidata da Gesù, ovvero di essere guida dei fedeli, portando nel mondo il messaggio di pace e di amore di Dio.

143


NEL QUADERNO Proponiamo ai bambini di completare le pagine del quaderno operativo. IL PAPA…

GUIDA DELLA CHIESA

RIPASSA I TRATTEGGI CON I PENNARELLI E COLORA. SAI QUAL È IL NOME DEL PAPA?

COLORA I VESTITI DEI BAMBINI CON I PENNARELLI. SAI CHE IL PAPA GUIDA LA CHIESA?

Scoprire la figura del Papa.

46

Scoprire il ruolo del Papa nella Chiesa.

IN GUIDA pag. 142

IL SÉ E L’ALTRO

IL SÉ E L’ALTRO

4 ANNI pag. 46

4 ANNI pag. 47

IL PAPA…

GUIDA DELLA CHIESA

COLORA I VESTITI DEI BAMBINI COME PREFERISCI. QUALI AZIONI CONOSCI PER ESSERE TUTTI FRATELLI? RACCONTA.

Scoprire la figura e il ruolo del Papa nella Chiesa.

IN GUIDA pag. 142

IL SÉ E L’ALTRO

47

COMPLETA IL VESTITO DEL PAPA. SAI QUAL È IL RUOLO DEL PAPA NELLA CHIESA? CONOSCI IL SUO NOME?

Intuire di far parte della comunità dei cristiani.

46

IN GUIDA pag. 142

IN GUIDA pag. 142

5 ANNI pag. 46

IL SÉ E L’ALTRO

47

5 ANNI pag. 47

creo Proponiamo ai bambini di realizzare un portaritratti decorato con all’interno l’immagine del Papa. materiale modello pennarelli

cartoncino bianco ganci appendi ritratti adesivi

il Papa, guida della Chiesa 144

pastelli colla stick


fasi 1

Predisporre il modello e far colorare l’immagine del Papa con i pastelli.

2

Invitare i bambini a disegnarsi di fianco al Papa.

3

Far colorare la cornice con i pennarelli.

4

Incollare il ritratto su un cartoncino bianco per rinforzarlo.

5

Per poter appendere il ritratto, applicare un gancio appendi ritratto adesivo sulla parte alta del retro. modello

145


TUTTI FRATELLI obiettivi:

- riconoscere il valore della fratellanza - sviluppare il senso di appartenenza a un gruppo - riconoscersi come parte di un gruppo

ascolto Invitiamo i bambini a sedersi in cerchio e leggiamo il seguente racconto.

Uno e 7 Ho conosciuto un bambino che era sette bambini. Abitava a Roma, si chiamava Paolo e suo padre era un tranviere. Però abitava anche a Parigi, si chiamava Jean e suo padre lavorava in una fabbrica di automobili. Però abitava anche a Berlino, e lassÚ si chiamava Kurt, e suo padre era un professore di violoncello.

146


Però abitava anche a Mosca, si chiamava Juri, come Gagarin, e suo padre faceva il muratore e studiava matematica. Però abitava anche a New York, si chiamava Jimmy e suo padre aveva un distributore di benzina. Quanti ne ho detti? Cinque. Ne mancano due: uno si chiamava Ciù, viveva a Shanghai e suo padre era un pescatore; l’ultimo si chiamava Pablo, viveva a Buenos Aires e suo padre faceva l’imbianchino. Paolo, Jean, Kurt, Juri, Jimmy, Ciù e Pablo erano sette, ma erano sempre lo stesso bambino che sapeva già leggere e scrivere e andava in bicicletta senza appoggiare le mani sul manubrio. Paolo era bruno, Jean biondo, e Kurt castano, ma erano lo stesso bambino. Juri aveva la pelle bianca, Ciù la pelle gialla, ma erano lo stesso bambino. Pablo andava al cinema in spagnolo e Jimmy in inglese, ma erano lo stesso bambino, e ridevano nella stessa lingua. Ora sono cresciuti tutti e sette, e non potranno più farsi la guerra, perché tutti e sette sono un solo uomo. G. Rodari, Uno e 7, Emme Edizioni

147


comprendo uidiamo i bambini alla comprensione del testo con alcune semplici domande: G - Quanti sono i bambini presenti nella storia? Che caratteristiche hanno? - Che cosa li fa essere lo stesso bambino? - Che cosa succede ai bambini quando diventano grandi? Avviamo una conversazione, invitando i bambini a riflettere sull’importanza di rispettarsi gli uni con gli altri, nonostante le differenze: solo così possiamo farci portavoce del messaggio d’amore di Dio. Spieghiamo ai bambini che Dio ha affidato loro il compito di volersi bene gli uni gli altri, così da diventare in futuro uomini e donne di pace. NEL QUADERNO Proponiamo ai bambini di completare le pagine del quaderno operativo. SIAMO FRATELLI!

14

SIAMO FRATELLI!

14

COLORA I BAMBINI CON LA TECNICA CHE PREFERISCI. SIAMO TUTTI FRATELLI!

COLORA I BAMBINI CON LA TECNICA CHE PREFERISCI. SIAMO TUTTI FRATELLI!

Riconoscere il valore della fratellanza.

32

IL SÉ E L’ALTRO

3 ANNI pag. 32

tutti Fratelli 148

SIAMO FRATELLI!

14

COLORA I BAMBINI CON LA TECNICA CHE PREFERISCI. SIAMO TUTTI FRATELLI!

Riconoscere il valore della fratellanza.

IN GUIDA pag. 146

48

IL SÉ E L’ALTRO

4 ANNI pag. 48

Riconoscere il valore della fratellanza.

IN GUIDA pag. 146

48

IL SÉ E L’ALTRO

5 ANNI pag. 48

IN GUIDA pag. 146


canto Invitiamo i bambini ad ascoltare la canzone che ci ricorda quanto è bello essere tutti fratelli e vivere un mondo di pace.

Tutti fratelli

14

Voglio che i bimbi di tutto il mondo possano essere sempre felici. Voglio che i bimbi di tutto il mondo possano guardarsi come amici. In questo mondo tanto diverso, regni la pace nell’universo.

Noi bimbi di tutto il mondo chiediamo una cosa a GesĂš Bambino: vogliamo la pace in tutto il mondo come nel nostro cuore piccino, col cielo che splende come il sorriso che la Madonna porta in viso.

Rit: Bambini di tutto il mondo prendiamoci per mano, col nostro girotondo possiamo andare lontano. Preghiamo per la pace, preghiamo con il cuore, la guerra non ci piace, a noi piace l’amore!

Rit.

149


creo Proponiamo ai bambini di realizzare un mandala della pace e della fraternitĂ . materiale modello pennarelli pastelli

cartoncino bianco di recupero ganci appendi ritratti adesivi

forbici colla stick

fasi 1

Predisporre il modello e far colorare l’immagine dei bambini che si tengono per mano con i pennarelli.

2

Invitare a colorare il resto del mandala con i pastelli.

3

Ritagliare e rinforzare il mandala con del cartoncino di recupero.

4

Per poter appendere il mandala, applicare un gancio appendi ritratto adesivo sulla parte alta del retro.

tutti Fratelli 150


modello

151


TEAM GRAFICO Stefania Rossini, Nicoletta Moroni, Ester Ciceroni COORDINAMENTO M. Elisabetta Giordani REDAZIONE Giulia Eusebi

© 2020 Raffaello Libri S.p.A. Via dell’Industria, 21 60037 - Monte San Vito (AN) www.grupporaffaello.it - info@grupporaffaello.it

ILLUSTRAZIONI Fabiola Zardoni, Laura Giorgi, Marco Troiani STAMPA Gruppo Editoriale Raffaello

Ristampa: 5

4

3

2

1

0

2025

Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione dell’opera o di parti di essa con qualsiasi mezzo compresa stampa, fotocopia, microfilm e memorizzazione elettronica se non espressamente autorizzate dal titolare del copyright. L’Editore è a disposizione degli aventi diritto con i quali non è stato possibile comunicare, nonché per eventuali omissioni o inesattezze nella citazione delle fonti.

2024

2023

2022

2021

2020

SISTEMA DI GESTIONE CERTIFICATO



Quaderni Operativi

Guida Didattica

nel Cuore di Dio

nel Cuore di Dio

Percorso di IRC nella Scuola dell’Infanzia

Per l’insegnamento della Religione Cattolica nella Scuola dell’Infanzia

N M e IS . E. Gu l Cu BN G id o -9 ior a D re 78 da id di -8 ni at Di 8- - A t i c o 47 . a 2- Ulg 34 e 86 lmo -4

M. Elisabetta Giordani - Antonella Ulgelmo

PERCORSO DI IRC NELLA SCUOLA DELL’INFANZIA

anni

M. Elisabetta Giordani - Antonella Ulgelmo

PERCORSO DI IRC NELLA SCUOLA DELL’INFANZIA

anni

di Dio

5

PERCORSO DI IRC NELLA SCUOLA DELL’INFANZIA • Strutturato seguendo il CALENDARIO LITURGICO

nel Cuore di Dio

M. Elisabetta Giordani - Antonella Ulgelmo

Guida Didattica

nel Cuore di Dio

M. Elisabetta Giordani - Antonella Ulgelmo

per l’insegnamento della Religione Cattolica nella Scuola dell’Infanzia

per l’insegnamento della Religione Cattolica nella Scuola dell’Infanzia

con CD-Audio

STRUTTURATA SEGUENDO IL CALENDARIO LITURGICO CON ATTIVITÀ DI ASCOLTO, RIFLESSIONE, GIOCO E COSTRUZIONE

• LAVORETTI per Natale, Pasqua e l’Arca di Noè

• Strutturato seguendo il CALENDARIO LITURGICO

Guida Didattica

anni

• LAVORETTI per Natale, Pasqua e l’Arca di Noè

• Strutturato seguendo il CALENDARIO LITURGICO

M. Elisabetta Giordani Antonella Ulgelmo

M. Elisabetta Giordani Antonella Ulgelmo

nel Cuore di Dio

nel Cuore di Dio nel Cuore 3 di Dio 4 nel Cuore M. Elisabetta Giordani - Antonella Ulgelmo

•C D-Audio con canzoni • Collegamenti ai Quaderni Operativi “nel Cuore di Dio”

Guida Didattica

•S chede operative strutturate seguendo il CALENDARIO LITURGICO • Attività per lo sviluppo delle competenze IRC • L AVORETTI per Natale, Pasqua e l’Arca di Noè

M. E. Giordani A. Ulgelmo

Questo volume, sprovvisto del talloncino a fronte (o opportunamente punzonato o altrimenti contrassegnato), è da considerarsi copia di SAGGIO-CAMPIONE, ­GRATUITO, fuori commercio (vendita e altri atti di disposizione vietati: art. 17, c. 2 L. 633/1941). Esente da I.V.A. (D.P.R. 26-10-1972, n° 633, art. 2 lett. d). Esente da bolla di accompagnamento (D.P.R. 6-10-1978, n° 627, art. 4 n° 6).

• LAVORETTI per Natale, Pasqua e l’Arca di Noè

con CD-Audio

€ 25,00

STRUTTURATA SEGUENDO IL CALENDARIO LITURGICO CON ATTIVITÀ DI ASCOLTO, RIFLESSIONE, GIOCO E COSTRUZIONE