Issuu on Google+

ci sono piccoli mondi. cosa mi chiede


cosa mi chiede ogni oggetto? Quale posto trova nelle scalinate percorse all'indietro, sottosopra, nel mio corpo verso il fondo della memoria su cui giace il mio nome? Omini dai nomi che non riesco a ritrarre si annidano negli angoli delle mie vene negli intersizi


Omini dai nomi che non riesco a ritrarre si annidano negli angoli delle mie vene negli interstizi dove il muscolo si aggrappa al tendine. mi guardo intorno e mille e piĂš pagine di parole mi affascinano solo per il semplice motivo di poter essere


mi guardo intorno e mille e pi첫 pagine di parole mi affascinano solo per il semplice motivo di poter essere aperte e scoperte. sottolineature. ripercorrono le mie terminazioni nervose su fino al cervello, gi첫 in punta nel sottile spazio tra l'unghia e la carne


sottolineature. ripercorrono le mie terminazioni nervose su fino al cervello, giĂš in punta nel sottile spazio tra l'unghia e la carne dell'alluce.

tutto è piccolo, cosÏ piccolo. mi servirebbe una


tutto è piccolo, cosÏ piccolo. mi servirebbe una lima per affilare i miei polpastrelli ora troppo goffi.

move on me. forse


il sentimento sale lungo il condotto dello stomaco alla gola. mi solletica l'esofago. un poco pi첫 sotto.

mi osservo mentre


mi osservo mentre rifletto nel nero del monitor. in fin dei conti le rughe che allevano la rada barba, i pori allargati dal fumo. mi piace.


chi sei?

troppo spesso,


troppo spesso, chiuso nella mia testa, nella pre-


... testa, nella preoccupazione di capire il mondo, perdo la coscienza della mia immagine e ancora


magine e ancora di piÚ sono lontano da ciò che gli altri hanno di me.

manuali, istruzi-


manuali, istruzioni dal sapore un po' di muffa ritagliano un orizzonte passato di archeologico futuro. come ren


futuro. come rendere il proprio corollario vivibile e il passaggio da essere ad essere continuo.

il gesto scompos-


il gesto scomposto in ogni sua minima fase, di differenza in differenza, sembrava parlare dell'origine della possibilitĂ . poi la mia


ità. poi la mia realtà ha percorso il suo bivio ed è arrivata a qui.

le altre realtà


le altre realtĂ  sono ancora potenziali.

da qualche parte,


da qualche parte, in un altro tempo.

o forse


ora.

o forse

ma


ma non qui.


ci sono piccoli mondi. cosa mi chiede


FRANCESCO BERTELÉ