Page 50

Marche Storia Marche

Le sono una regione molto particolare e degna di attenzione per la sua immensa bellezza dal punto di vista naturale che riesce a colpire per la varietà ed i colori dei paesaggi. Nelle Marche è possibile inebriarsi del profumo di salsedine in riva al mare per poi voltarsi e volgere lo sguardo alle alture del Conero e della zona Appenninica. Anche dal punto gastronomico, le Marche rappresentano una sorta di anello di congiunzione e punto d’incontro fra le cucine del Nord e quelle del Sud. Grazie alle contaminazioni effettuate dalle tradizioni culinarie delle regioni vicine, infatti, la cucina Marchigiana riesce a mettere d’accordo tutti i palati puntando su ricette semplici, genuine e davvero gustose sia a base di pesce che di carne.

Ricette e tradizioni La gastronomia Marchigiana si caratterizza per la presenza di sapori forti e decisi, in cui domina la carne, e sapori delicati e leggeri in cui la fa da padrone il pesce. Tra i piatti più conosciuti della cucina marchigiana spicca la famosa “porchetta”, preparata ancora oggi seguendo scrupolosamente la più antica tradizione contadina. Altro vanto della gastronomia delle Marche sono i tartufi, sia bianchi che neri, che si trovano nei boschi ed il più pregiato dei quali è il “Tuber magnatum Pico”. La tradizione culinaria delle zone marittime è costellata da una lunga serie di ricette a base di pesce che trovano la loro massima espressione in uno dei piatti più tipici della cucina Marchigiana: il “brodetto di pesce”. Di questa celebre ricetta esistono due diverse interpretazioni: quella Anconetana secondo la quale, le tredici varietà di pesce previste dalla ricetta, vanno cotte con pomodoro, cipolla, prezzemolo, olio ed aceto; contrapposta a quella di Porto Recanati che vuole il pesce rosolato e cotto in un sugo allo zafferano. Altri piatti molto apprezzati sono quelli con lo stoccafisso che viene cucinato in svariati modi: in umido, con le patate ed in “potacchio”, cioè brasato con l’aggiunta di pomodoro, peperoncino, acciughe, aglio, rosmarino e prezzemolo. Allo stesso modo, in alcune città della costa, viene preparata una deliziosa “coda di rospo”. Varietà di pesce altrettanto utilizzate nella preparazione di ricette tipiche sono i crostacei, il pesce azzurro ed i frutti di mare. Da ricordare è, inoltre, la grande e fortunata produzione marchigiana di olive che danno vita al piatto regionale più celebre: le “olive all’ascolana”.

Formaggi e salumi I salumi prodotti in territorio marchigiano sono molto particolari e completamente a base di carne di maiale che viene allevato ancora oggi con ghiande e pastoni. Il

50

storia enogastronomia nazionale  

storia della enogstronomia ad uso studenti alberghiero

Advertisement