Page 39

abbondante peperoncino e aglio), la "bruschetta caprese" (con pomodoro e mozzarella), e la "parmigiana di melanzane" (che molto spesso viene servita come primo piatto). Un capitolo a parte è da dedicare al piatto più tipico della tradizione Campana: la buonissima Pizza. In tutta la Campania, ma soprattutto a Napoli, la preparazione della Pizza è un vero e proprio culto e per questa ragione quella napoletana è considerata la più buona pizza in assoluto. Legata alle vicende storiche della Regina Margherita di Savoia (dalla quale prende il nome l'omonima pizza) la pizza viene preparata ancora oggi secondo l'antica tradizione e condita con i più buoni prodotti campani come la mozzarella di bufala, i pomodorini del Vesuvio ed il basilico fresco.

Formaggi e salumi Le dolci colline Campane sono l'ambiente ideale per l'allevamento di bovini e ovini che contribuiscono alla produzione di ottimi formaggi e salumi. Tra i formaggi più importanti sono sicuramente da ricordare la classica "mozzarella di bufala", la "ricotta di bufala" ed il "mascarpone di bufala". Altri prodotti caseari degni di nota sono poi il "caciocavallo", il "burrino", la "caciotta campana", la "scamorza" e il buonissimo "Auricchio". Molto importante è anche la produzione di salumi ed insaccati. Il più tipico è senza dubbio il "salame di bufalo" ma sono sicuramente da ricordare anche la buonissima “salsiccia Napoli” piccante o non, la "lonza", la "coppa", il "fiocco di prociutto", la "pancetta tesa o coppata", il "capicollo" e la "sopressata".

Dolci Per quanto riguarda la produzione dolciaria Partenopea, bisogna sottolineare come alcuni prodotti siano non solo appannagio della tradizione del posto, ma anche molto conosciuti ed apprezzati in tutto il mondo. Tra i più apprezzati ricordiamo il tradizionale "babà al rum" (che può essere farcito con la panna o la crema), la "pastiera napoletana" e le delicatissime "sfogliatelle", classico della pasticceria Partenopea. Ed ancora, ad arricchire la lista, ci sono gli "struffoli", le "zeppole", il "sanguinaccio" (fatto col sangue del maiale), la "zuppa inglese napoletana", i "mostaccioli", i "roccocò", il "migliaccio" ed i "cannoli alla Sorrentina".

Vini e bevande Anche dal punto di vista enologico la Campania non ha nulla da invidiare alle altre regioni Italiane. Dai suoi vigneti e dalle sue cantine escono dei vini di gran pregio che, per la loro grande bontà, vengono esportati ed apprezzati ovunque. Sono da ricordare il "Greco di Tufo", il "Taurasi", il "Taburno" ed i "Campi Flegrei" come rappresentanti della categoria. Tra gli altri meritano menzione il "Vesuvio Lacryma Christi", il "Sannio", l' "Ischia", il "Sant'Agata", il "Castel San Lorenzo" ed il "Galluccio". Accanto ai vini troviamo i liquori tipici della regione che vedono il loro rappresentante nel celebre "Limoncello" preparato con i meravigliosi e succosi limoni di Sorrento. Altri liquori apprezzabili sono: la "crema di melone", il "liquore alla liquirizia" e le varie "Grappe" che vengono prodotte nella regione.

39

storia enogastronomia nazionale  
storia enogastronomia nazionale  

storia della enogstronomia ad uso studenti alberghiero

Advertisement