Page 1

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE

VINCENZO GIOBERTI RMIS014002 - DISTRETTO IX - C.F. 97198390581 Via della Paglia, 50 - 00153 ROMA

ESAME DI STATO

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

CLASSE V sez. E anno scolastico 2009 - 2010


2

ELENCO DOCENTI della classe V sez. E

DISCIPLINA

DOCENTE

ITALIANO

Panaccione Rita

STORIA

Stellato Stefania Anna Maria

ECONOMIA E GESTIONE DELLE AZIENDE DI RISTORAZIONE

Fratini Marco

ALIMENTI E ALIMENTAZIONE

Di Tommaso Salvatore

LEGISLAZIONE

Ramondelli Manuela

LAB.ORGANIZ. E GESTIONE DEI SERVIZI RISTORATIVI

Gaudiano Francesco

INGLESE

Bernacchia Rosanna

FRANCESE

Briamonte Michele

MATEMATICA ED INFORMATICA

Toti Daniela

EDUCAZIONE FISICA

Rocchi Sabina

RELIGIONE

Cicu Maria Gabriella

SOSTEGNO

Mastroianni Michele

SOSTEGNO

Vitale Anna Maria

FIRMA

RAPPRESENTANTI DEGLI STUDENTI: BERDUCCI Giorgiana SCARFO’ Michela

Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


3

EVOLUZIONE E PROFILO DELLA CLASSE V SEZ. E TECNICO DEI SERVIZI DELLA RISTORAZIONE La classe V sez. E è formata da 19 studenti provenienti da qualifiche professionali differenti quali sala-bar e cucina. Due di essi, con PEI, sono ben inseriti nel gruppo classe e ben disposti al dialogo educativo. Uno di loro è peggiorato nel suo stato di salute nel corso dell’anno scolastico, come risulta dai verbali relativi ai diversi GLH svolti, sì da dover essere ricoverato in ospedale per indagini e cure in due diversi periodi, di cui l’ultimo si protrarrà probabilmente fino alla fine delle lezioni. Nonostante ciò, per quanto possibile la sua presenza è stata costante ed il suo impegno positivo. Il secondo studente diversamente abile, quasi sempre presente, ha effettuato con buoni risultati un corso pratico professionalizzante organizzato dalla Comunità di Sant’Egidio (in collaborazione con il nostro Istituto) della durata di due anni, per il completamento del quale il Consiglio di Classe decide di far frequentare allo studente ancora per un anno la stessa classe quinta, con il consenso dei genitori. Il percorso formativo svolto dall’intera classe è risultato piuttosto faticoso ed impegnativo. Certamente bisogna dire che la maggior parte dei docenti della classe presenti lo scorso anno sono stati trasferiti e ne sono venuti di nuovi, inducendo così gli alunni ad un impegno maggiore per adattarsi ai nuovi metodi di insegnamento. Ma, nonostante ciò, alcuni studenti hanno collaborato positivamente al dialogo educativo raggiungendo una preparazione finale adeguata, mentre altri si sono mostrati meno disposti ad un impegno scolastico costante e proficuo. Per i primi il dialogo culturale - così come è stato strutturato e programmato dal consiglio di classe- è risultato senza dubbio positivo. Per gli altri, invece, sono stati approntati interventi di recupero delle lacune e delle carenze manifestate durante l'anno scolastico. Alcuni di loro hanno risposto in modo positivo, altri meno. Per questi ultimi - poco presenti alle lezioni e, soprattutto, poco disponibili ad un lavoro sistematico a casa - i risultati ottenuti sono inferiori alle aspettative e non pienamente adeguati alle loro effettive capacità, nonostante il Consiglio di Classe si sia prodigato fino alla fine per stimolarli ad un lavoro più costante ed organico, anche attraverso l’apertura di sportelli didattici (sempre frequentati da pochi) in quelle discipline che risultavano più difficoltose per gli alunni (matematica e francese). Le verifiche in tutte le discipline sono state costanti ed anche sono state effettuate un congruo numero di simulazioni delle prove scritte. Si riportano di seguito la tipologia e i testi delle prime due tra le terze prove somministrate durante l'anno ed un suggerimento di griglie di valutazione per gli esami scritti ed orali.

Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


4

SIMULAZIONI TERZA PROVA 1) SIMULAZIONE del 15 febbraio 2010 Per la simulazione si è scelto di somministrare la tipologia mista B e C: 2 domande a trattazione sintetica e 4 domande a scelta multipla. Materie coinvolte: Storia, Legislazione, Matematica, Francese tempo concesso: 1h 30min. ► MATERIA: STORIA Tipologia “B” 1) Quali sono state le conseguenze storiche della marcia su Roma? 2) Quale era il programma politico di Hitler in “Mein Kampf”? Tipologia “C” 1) Le leggi di Norimberga sono: a) Leggi razziali b) Leggi per la pace nel mondo c) Patto d’amicizia tra Hitler e Mussolini d) Patto tra Stato e Chiesa 2) Cosa si intende per “notte dei cristalli”? a) Celebrazione di tipo religioso b) Distruzione di sinagoghe e abitazioni ebree c) Celebrazione dell’annessione dell’Austria d) Celebrazione del regime 3) La guerra di Etiopia di Mussolini a) lasciò indifferenti le democrazie occidentali b) accrebbe il prestigio di Mussolini a livello internazionale c) provocò la seconda guerra mondiale d) provocò una serie di sanzioni economiche all’Italia da parte delle democrazie europee 4) Quali categorie di persone furono destinate ai lager? a) solo ebrei b) ebrei e oppositori del regime c) omosessuali, disabili, zingari d) solo donne e bambini

Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


5 ► MATERIA: LEGISLAZIONE BARRA LA RISPOSTA CHE RITIENI ESATTA : 1) E’ un modo satisfattorio di estinzione delle obbligazioni : a) la remissione b) l’impossibilità di sopravvenuta c) la compensazione d) la prescrizione 2) La liquidazione del danno deve comprendere: a) la perdita subita b) il mancato guadagno c) entrambe se il danno era prevedibile d) entrambe se sono conseguenza diretta e immediata dell’inadempienza 3) Paolo, convinto da Giacomo, ha acquistato l'imitazione di un orologio che scopre non essere di marca: a) il contratto è nullo b) il contratto è annullabile c) il contatto è rescindibile d) il contratto è risolvibile 4) Il contratto di compravendita non è un contratto: a) a effetti reali b) reale c) consensuale d) a effetti obbligatori RISPONDI ALLE SEGUENTI DOMANDE : 1) Definisci gli obblighi del venditore 2) Spiega la differenza tra la condizione sospensiva e risolutiva

Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


6 ► MATERIA: MATEMATICA QUESITI A RISPOSTA SINGOLA: 1) Data la funzione:

y=

3x − 1 x 2 − 2x

2) Data la funzione:

y=

x2 − 4 x

individuare il suo campo di esistenza e di positività individuare le intersezioni con gli assi

QUESITI A RISPOSTA MULTIPLA (scegli l’affermazione corretta): x2 − 1 1) La funzione y = x2 a) ha come dominio il campo dei numeri reali b) ha come dominio il campo dei numeri reali ad esclusione dello zero c) per x = 0 è y = -1 d) ha come dominio il campo dei numeri reali ad esclusione di 1 2) Dall’analisi del grafico individuare l’affermazione a) lim f ( x) = 0

corretta:

x→ − ∞

f ( x) = 1 b) xlim → +∞ f ( x) = + ∞ c) xlim → +∞ f ( x) = 0 d) lim x→ 1 3) La funzione a) b) c) d)

è è è è

y = x2 − 3

positiva nell’intervallo (-∞, -3) ∪ (+3, +∞) negativa nell’intervallo − 3 ,+ 3 positiva nell’intervallo − 3 < x < + 3 sempre positiva

(

)

x+ 5 x non presenta intersezioni con gli assi presenta una sola intersezione con l’asse y presenta una sola intersezione con l’asse x presenta due intersezioni nei punti P1(0, +5) e P2(-5, 0)

4) Il grafico della funzione y = a) b) c) d)

Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


7 ► MATERIA: FRANCESE Tipologia B Répondez aux questions suivantes (5 lignes) 1) Qu’est-ce que c’est la cuisine minceur (types et façons de cuisson)?: 2) Quelles sont les différences fondamentales entre la cuisine commerciale et la cuisine sociale (3 indication au moins)? Tipologie C 1) Le sigle SRC signifie : a) Société à Responsabilité Collective b) Société de Restauration Collective c) Société de Restauration et Catering d) Société de Restauration dans les Croisières 2) La cuisson en croute est à base de: a) huile b) eau c) sel d) beurre 3) Dans l’Alsace, Saverne est : a) un fleuve b) une montagne c) un lac d) une ville 4) La « chaucrute » est un plat à base de : a) poisson b) poisson et légumes c) viande d) viande et légumes

Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


8 2) SIMULAZIONE del 26 marzo 2010 Per la simulazione si è scelto di somministrare la tipologia mista B e C: 2 domande a trattazione sintetica e 4 domande a scelta multipla. Materie coinvolte: Inglese, Matematica, Legislazione, Ristorazione tempo concesso: 1h 30min. ► MATERIA: INGLESE Tipologia “B”: rispondi in modo esaustivo ed entro 5 righe 1) Which are the Critical moments of risk of food contamination? 2) Kitchen technology. Which are the advantages and the disadvantages of cook-chill? Tipologia “C”: leggi attentamente la frase e completala con l’alternativa corretta. Una sola è giusta. 1)When working in a restaurant, you should be careful to how …………….. A you hand food B you get food in touch C you handle food D you tackle food 2) HACCP focuses on ………………………………….. food contamination. A making sure that there certainly is B helping spreading C preventing risks of D updating measure to enhance 3) Critical control points (CCPs) are ………………………………………………. A points in reviewing the system to help hazards double B points in operations where food hazards may happen C. measures to implement hazards development D analysis of hazards to prevent food safety 4) The sous-vide system is a …………….. A vacuum pre-cooking system to keep food B packing system to store food C vacuum steaming system to seal food D packaging way to deliver food

Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


9 ► MATERIA: MATEMATICA QUESITI A RISPOSTA SINGOLA: Data la funzione:

y=

4x + 1 x2 − 9

individuare:

1) campo di positività 2) valore dei limiti della funzione agli estremi del campo di esistenza QUESITI A RISPOSTA MULTIPLA: 3x 2 1) Data la funzione y = 2 individuare l’affermazione corretta: x −1 a) il grafico della funzione presenta due asintoti verticali b) il grafico della funzione presenta un solo asintoto verticale c) il grafico della funzione non presenta alcun asintoto d) il grafico della funzione non presenta asintoti orizzontali 2) La funzione y = x − 1 a) ha come dominio il campo dei numeri reali b) ha come dominio il campo dei numeri reali ad esclusione dello zero c) per x = 0 è y = 1 d) ha come dominio il campo dei numeri reali ad esclusione di 1 3) Data la funzione y = f ( x) = 0 a) xlim → −∞

2 x 2 − 3x individuare l’affermazione corretta: 4x − 1

1 2 lim f ( x) = + ∞

b) lim f ( x) = x→ + ∞

c)

x→ + ∞

d)

x→

lim f ( x) = 0 1 4

4) Data la funzione y = f ( x) = + ∞ a) xlim → 3−

x+ 1 individuare l’affermazione corretta: x− 3

f ( x) = + ∞ b) xlim → 3+

c)

lim f ( x) = + ∞

x→ + ∞

f ( x) = 0 d) lim x→ 0

Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


10 ► MATERIA: LEGISLAZIONE BARRA LA RISPOSTA CHE RITIENI ESATTA : 1) Nella compravendita segna il passaggio del rischio contrattuale: a) il momento della consegna b) il momento del consenso c) il momento del verificarsi della condizione d) il momento del pagamento del prezzo 2) Spettano al conduttore le spese: a) di piccola manutenzione b) necessarie a mantenere il bene in condizioni tali da servirsene all'uso convenuto c) di straordinaria amministrazione d) sono sempre a carico del locatore in quanto è il proprietario del bene 3) La somministrazione d'uso: a) trasferisce la proprietà b) conferisce il godimento c) è in generale continuativa d) riguarda in genere l' erogazione di gas , energia elettrica, acqua 4) Nel franchising affiliante e affiliato sono : a) legati da un rapporto di lavoro subordinato b) legati da un rapporto societario c) l'affiliante deve essere comunque un imprenditore d) sono due imprenditori giuridicamente indipendenti RISPONDI ALLE SEGUENTI DOMANDE : 1) Spiega la differenza tra deposito regolare e irregolare 2) Descrivi quali elementi deve contenere il contratto di franchising

Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


11 ► MATERIA: RISTORAZIONE Sez. 1 1) Quali sono i principali contenuti del “Manifesto della cucina futurista”? 2) Cosa si intende con il termine “polibibita”? Sez. 2 1) La R.S.S. è: a) Un ricettario di cucina medioevale dedicato agli infermi b) Un trattato rinascimentale sulla qualità delle viti e dell’uva c) Il primo ricettario in cui è descritta la confezione delle paste alimentari secche d) Un trattato di igiene degli alimenti e della persona composto dai medici della Scuola Salernitana del XII sec. 2) “La scienza in cucina e l’arte del mangiar bene” è: a) Un libro di moderna scienza degli alimenti destinato ad educare le famiglie dell’Italia post-unitaria b) Un ricettario scritto da P. Artusi nel ‘400 in cui è descritta per la prima volta la ricetta dei “Maccheroni alla siciliana” c) Un libro di cucina pubblicato alla fine dell’’800 e destinato a nazionalizzare i costumi della tavola nell’Italia post-risorgimentale 3) Cosa si intende con il termine “disrumore”? a) Nella cucina futurista è un suono che accompagna una pietanza in contrasto con le altre percezioni sensoriali proposte al commensale b) Il rumore prodotto da una tavola “tattile” c) E’ il termine che F.T. Marinetti utilizzava per descrivere la sensazione sgradevole prodotta dal cattivo abbinamento di una pietanza con un vino d) E’ il titolo di una aereovivanda elaborata dai poeti rumoristi 4) Cosa si propone il Dizionario della cucina futurista? a) La nazionalizzazione dei termini e delle tecniche enogastronomiche per emancipare la cultura alimentare italiana dal lessico francese b) E’ un piccolo dizionario in cui vegono descritti i Pranzi Perfetti c) E’ un “manifesto” pubblicato nel ’31 da Marinetti e si propone di abolire gli spaghetti che “appesantiscono il corpo degli italiani e ne mortificano lo spirito alla guerra e all’azione...” d) Il dizionario di cucina futurista propone di diffondere, anche in cucina, la tecnica parolibera che i futuristi componimenti poetici

Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


12

GRIGLIE DI VALUTAZIONE Si riportano di seguito le griglie di valutazione discusse e proposte dal consiglio di classe . Per la prima prova scritta: ITALIANO Punteggi: Insufficiente Mediocre Sufficiente Buono

Ottimo

1-7

14-15

8-9

10-11

12-13

Punteggio

Indicatori conoscenza dell'argomento capacitĂ argomentativa uso del lessico specifico correttezza ortografica correttezza sintattica apporto critico aderenza alla tipologia scelta comprensione del testo (solo per analisi testuale) Totale

........................./15

Per la seconda prova scritta: ECONOMIA AZIENDALE Nullo

Insufficiente Scarso

Mediocre Sufficiente Discreto Buono

Ottimo

Eccellente

1-3

4-5

8-9

13

14-15

6-7

10

INDICATORI

11

12

nul ins scar med suff disc buo

ott

ecc pesi punti

Interpretazione e congruenza con la traccia

3

Conoscenza ed utilizzo del linguaggio appropriato

3

Conoscenza dei contenuti

3

Elaborazione dei concetti ritenuti

2 Totale Punteggio proposto:

Documento di classe

Classe V sez. E

.........../15

Esami di Stato 2010


13 Per la TERZA PROVA CONOSCENZE : PUNTI 6

PUNTI

Foglio in bianco o indicazioni non pertinenti al quesito

1

Il candidato possiede conoscenze: Scorrette

2

Limitate

3

Corrette ma non approfondite

4

Corrette con qualche imprecisione

5

corrette

6

COMPETENZE: PUNTI 6 Foglio in bianco o indicazioni non pertinenti al quesito

1

Il candidato: Elenca le nozioni indicate in modo incompleto e/o inorganico, usa un linguaggio non adeguato

2

Elenca le nozioni assimilate in modo incompleto utilizzando un linguaggio poco appropriato

3

Sa cogliere i problemi ed organizza i contenuti dello studio in modo sufficientemente completo

4

Coglie i problemi ed organizza i contenuti dello studio in modo completo, con linguaggio adeguato

5

Coglie con sicurezza i problemi proposti, sa organizzare i contenuti con sintesi complete ed efficaci

6

CAPACITA': PUNTI 3 Foglio in bianco o indicazione non pertinente al quesito

1

Il candidato: Espone i problemi in modo sufficientemente chiaro

2

Si esprime in modo chiaro e corretto

3 TOTALE

Documento di classe

Classe V sez. E

/15

Esami di Stato 2010


14 Per il COLLOQUIO Parametri

Indicatori valutativi

Trattazione esauriente, precisa e molto approfondita Conoscenza Argomenti trattati in modo pertinente e approfondito e grado di approfondime Conoscenze proprie e coerenti nto degli argomenti Conoscenza superficiale o lacunosa degli argomenti trattati Conoscenza frammentaria e/o scarna degli argomenti Capacità di analisi e comprension e di testi e procedure

6 3-5 0-2

Testi e procedure analizzati in alcuni aspetti

4

Lettura corretta ma elementare di testi e procedure

3

Analisi condotte in modo non sempre soddisfacente

2

Esposizione scorrevole e organica Capacità di esposizione e Esposizione semplice e schematica padronanza della lingua Esposizione incerta e non sempre organica Particolari difficoltà espositive

0/1 5 4 3 2 0/1

Colloquio ricco di spunti interpretativi originali e pertinenti

5

Elaborazioni personali pertinenti

4

Spunti personali pertinenti

3

Spunti personali non pertinenti allo sviluppo del colloquio

2

Colloquio condotto in modo schematico, banale e impersonale Collegamenti efficaci e organici allo sviluppo del colloquio Sviluppo del colloquio lineare nel collegamento tra le Capacità di discipline effettuare collegamenti Collegamenti semplici e schematici ma corretti interdisciplina Collegamenti spesso incoerenti ri Collegamenti del tutto incoerenti o assenza di collegamenti interdisciplinari Capacità progettuali e coerenza del percorso espositivo presentato dal candidato

7-9

5

Esposizione efficace, precisa e organica

0/1 5 4 3 2 0/1

Percorso efficace e pianificato con coerenza

5

Percorso coerente e consequenziale

4

Percorso semplice e schematico ma corretto

3

Percorso non sempre organico e consequenziale

2

Percorso disorganico e del tutto privo di logica consequenziale

Documento di classe

Classe V sez. E

Punt

10

Testi e procedure analizzati nei loro aspetti salienti

Capacità analitiche non rilevabili

Capacità di rielaborazion e personale

Misuratori

0/1

Esami di Stato 2010


15 VALUTAZIONE COMPLESSIVA

GRAVEMENTE INSUFFICIENTE

0/8

INSUFFICIENTE

9/16

MEDIOCRE

17/21

SUFFICIENTE

22

DISCRETO / PIÙ CHE DISCRETO

23/28

BUONO /DISTINTO

29/34

OTTIMO

35

CANDIDATO

Documento di classe

Voto Complessivo

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


16

TERZA AREA TECNICO ADDETTO AI BANCHETTI E RICEVIMENTI Quadro orario I CICLO MODULO Spagnolo (microlingua e conversazione) Informatica Primo Soccorso Diritto Gestione dâ&#x20AC;&#x2122;impresa Gestione del magazzino Banqueting Cucina territoriale Enogastronomia Pasticceria Tecnica della comunicazione Stage

Documento di classe

TOT ORE 30 15 15 12 12 8 11 26 16 25 8 120

II CICLO MODULO Spagnolo (microlingua e conversazione) Informatica Primo Soccorso HACCP- 626 Cucina Regionale Banqueting Sala Banqueting Cucina Enologia Tecniche di pasticceria Gestione del personale Promo e tecniche di vendita Stage

Classe V sez. E

TOT ORE 30 15 10 8 25 9 10 25 26 10 10 120

Esami di Stato 2010


17

STAGE COGNOME E NOME

STRUTTURA

ABATE Arianna

RISTORANTE GUSTO (RISTORANTE)

B

ASCENZI Simone

HOTEL JOLLY VITTORIO VENETO

B

BAIOCCHI Elisa

RISTORANTE IL SANLORENZO

B

BERDUCCI Giorgiana

RISTORANTE LE GRONDICI

A

BONIFAZI Eleonora

RISTORANTE GUSTO (PIZZERIA)

B

BRECCIA Ilaria

OSTERIA DELLA FREZZA

B

DESTITO Eleonora

ANTICO CIRCOLO A VOLO

B

DI CARLO Fabio

CALIFORNIA CATERING

A

FIGUEIREDO Marco

HOTEL CHAMPAGNE PALACE

B

MANDOLESI Marco

C

MORETTI Daniele

RISTORANTE IL FUNGO HOTEL EUROSTARS ROMA CONGRESS RISTORANTE GUSTO' 28

RENZETTI Dario

CALIFORNIA CATERING

A

ROMANO Filippo

CALIFORNIA CATERING

B

HOTEL REX

C

SCARFO' Michela

HOTEL REX

C

SUPPA Gianluca

RISTORANTE IL FUNGO

A

VASCU Cristina Ana Maria

ANTICO CIRCOLO A VOLO

B

MANGIANTE Simone

SANCHEZ Ernesto

Hernandez

William

VALUTAZ

C B

Legenda: A: Eccellente B: Ottimo-Buono C: Discreto D: Sufficiente E: Insufficiente

Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


18

PROGRAMMI E RELAZIONI DELLE SINGOLE DISCIPLINE: DISCIPLINA: ITALIANO INSEGNANTE: Rita Panaccione LIBRO DI TESTO IN ADOZIONE: LIEM : letteratura italiana europea modulare : il Novecento / Marta Sambugar, Gabriella Salà. – La Nuova Italia CONTENUTI DEL 5° ANNO STRUTTURAZIONE IN MODULI MOD. 1.: La letteratura tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento U.D. 1.: Positivismo, Naturalismo e Verismo U.D. 2.: Decadentismo MOD. 2.: La poesia nella prima metà del Novecento U.D. 1.: Giovanni Pascoli U.D. 2.: Gabriele D’Annunzio U.D. 3.: I Crepuscolari: Guido Gozzano MOD. 3.: Le Avanguardie U.D. 1.: Il Futurismo MOD. 4.: La narrativa nella prima metà del Novecento U.D. 1.: Luigi Pirandello U.D. 2.: Italo Svevo MOD. 5.: La poesia tra le due guerre U.D. 1.: Giuseppe Ungaretti U.D. 2.: Salvatore Quasimodo U.D. 3.: Umberto Saba U.D. 4.: Eugenio Montale MOD. 6.: Neorealismo U.D. 1.: Italo Calvino U.D. 2.: Primo Levi MOD. 7.: Percorsi tematici di approfondimento U.D. 1.: Il cibo nella letteratura. Lettura del racconto di Carlo Emilio Gadda, Risotto alla milanese: ricetta di C. E. Gadda U.D. 2.: Letteratura e cinema. L’esperienza di Pier Paolo Pasolini U.D. 3.: Letteratura e mafia. Il giorno della civetta di Leonardo Sciascia OBIETTIVI DELLA DISCIPLINA In termini di conoscenze • Conoscere le linee di sviluppo della letteratura italiana dall’‘800 al ‘900, con uno sguardo anche alla letteratura europea; • Conoscere i contenuti storico-letterari; • Conoscere i caratteri peculiari di un autore e di un genere letterario; • Conoscere i metodi e gli strumenti fondamentali per l’interpretazione delle opere letterarie. In termini di competenze • Leggere e comprendere un testo inserendolo in un confronto con le opere dello stesso e di altri autori; Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


19 • Riconoscere i caratteri fondamentali di un testo letterario e saper classificare i vari generi letterari; • Collegare il testo con il genere letterario a cui appartiene e con la realtà storicoculturale in cui si situa; • Riconoscere le tematiche fondamentali di un periodo storico-culturale; • Costruire un testo (analisi del testo, saggio breve, ecc.) finalizzata alla prima prova scritta dell’Esame di Stato; • Possedere correttezza espressiva orale e scritta; • Mettere a confronto interpretazioni critiche e formulare, sulla base di valide argomentazioni, un giudizio personale. PROGRAMMA SVOLTO L’età del realismo: il Positivismo, il Naturalismo, il Verismo. Caratteri generali del Naturalismo francese. Differenze tra Naturalismo e Verismo. Il Verismo: caratteri e tematiche del movimento. Giovanni Verga: la vita e le opere. Il pensiero e la poetica. La prima produzione. I romanzi veristi. I Malavoglia: contenuto, temi e personaggi. Mastro-don Gesualdo: contenuto, temi e personaggi. La crisi del Positivismo. Il Decadentismo e il Simbolismo. Evoluzione delle poetiche decadenti in Italia. Giovanni Pascoli: la vita e le opere. Il pensiero e la poetica. La poetica del fanciullino. Lettura dei seguenti testi: da Myricae: Il tuono; Il lampo; da Canti di Castelvecchio: La mia sera; da Il fanciullino: È dentro di noi un fanciullino. Gabriele D’Annunzio: la vita e le opere. Il pensiero e la poetica. Il percorso letterario. Lettura dei seguenti testi: da Il piacere: Una guarigione incerta; da Alcyone: La sera fiesolana; La pioggia nel pineto. Il Crepuscolarismo: caratteri e tematiche del movimento. Guido Gozzano: la vita e le opere. Il pensiero e la poetica. Lettura e analisi del seguente brano: da I Colloqui: La Signorina Felicita ovvero la felicità. Il Futurismo: caratteri e tematiche del movimento. Filippo Tommaso Marinetti: la vita e le opere. Il pensiero e la poetica. Lettura del Manifesto del Futurismo. Lettura e analisi del seguente brano: da Zang Tumb Tumb: Il bombardamento di Adrianopoli. Aldo Palazzeschi: la vita e le opere. Il pensiero e la poetica. Lettura e analisi del seguente brano: da L’incendiario: E lasciatemi divertire. La narrativa nella prima metà del Novecento. Luigi Pirandello: la vita e le opere. Il pensiero e la poetica. L’umorismo. Il teatro. Lettura e analisi delle seguenti opere: da L’umorismo: Il sentimento del contrario; da Il fu Mattia Pascal: Cambio treno; da Sei personaggi in cerca d’autore: La condizione di «personaggi». Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


20 Italo Svevo: la vita e le opere. Il pensiero e la poetica. Il superamento degli schemi ottocenteschi. Lettura e analisi del seguente brano: da La coscienza di Zeno: L’ultima sigaretta. La poesia tra le due guerre. Giuseppe Ungaretti: la vita e le opere. Il pensiero e la poetica. Lettura e analisi delle seguenti opere: da L’allegria: I fiumi, San Martino del Carso, Soldati; da Sentimento del tempo: La madre. L’Ermetismo: caratteri e tematiche del movimento. Salvatore Quasimodo: la vita e le opere. Il pensiero e la poetica. Lettura e analisi della seguente opera: da Acque e terre: Ed è subito sera. Umberto Saba: la vita e le opere. Il pensiero e la poetica. Lettura e analisi delle seguenti opere: da Il Canzoniere: A mia moglie; La capra. Eugenio Montale: la vita e le opere. Il pensiero e la poetica. Lettura e analisi delle seguenti opere: da Ossi di seppia: Meriggiare pallido e assorto; Spesso il male di vivere ho incontrato; da La bufera e altro: La bufera. Il Neorealismo: caratteri e tematiche del movimento. Primo Levi: la vita e le opere. Lettura e analisi dei seguenti brani: da Se questo è un uomo: Considerate se questo è un uomo; I sommersi e i salvati. Italo Calvino: la vita e le opere. Il pensiero e la poetica. Lettura e analisi del seguente brano: da Il sentiero dei nidi di ragno: La pistola. Approfondimenti: Lettura e analisi del racconto di Carlo Emilio Gadda, Risotto alla milanese: ricetta di C. E. Gadda. Il cinema di Pier Paolo Pasolini. Lettura e analisi de Il giorno della civetta di Leonardo Sciascia. METODI, MEZZI E STRUMENTI ADOTTATI Metodi: • Lezione frontale; • Lezioni interattive e partecipate; • Lettura e analisi guidata dei testi presi in esame. Strumenti: • Libro di testo; • Materiale riprodotto, fornito dal docente; • Mappe concettuali. VERIFICA E VALUTAZIONE Verifiche: • Verifiche orali; • Discussioni in classe; • Esercitazioni (rispondenti alle diverse tipologie dell’Esame di Stato). Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


21 Valutazione: Nella correzione degli elaborati scritti sono presi in considerazione i seguenti criteri: la leggibilità e la scorrevolezza, l’ortografia, la correttezza morfologica e sintattica, l’aderenza alla traccia, l’organicità nell’espressione, la ricchezza e l’adeguatezza delle idee e gli aspetti personali del contenuto e la capacità di affrontare e sviluppare le varie tipologie, evidenziando possesso di maturità ed originalità. Nella verifica orale sono oggetto di valutazione il grado di assimilazione delle conoscenze letterarie e il livello di comprensione dei contenuti, le abilità linguistiche ed espressive, le capacità logico-analitiche. La valutazione si basa, inoltre, sull’applicazione costante, sulla frequenza continua e sulla partecipazione attiva a tutte le attività svolte in classe. OSSERVAZIONI GENERALI È necessario precisare che la classe, a causa probabilmente di una discontinuità didattica e della presenza, dunque, di una nuova docente di italiano per l’ultimo anno scolastico, presenta un livello di conoscenze e capacità caratterizzato da una preparazione non sempre adeguata, nei metodi e nei contenuti. I risultati non sono stati sempre completamente soddisfacenti, dal momento che gli standard di raggiungimento degli obiettivi generalmente sono stati appena sufficienti per più alunni. Questa situazione è dovuta principalmente ad una scarsa motivazione e ad un esiguo interesse degli alunni ai contenuti e alle attività didattiche svolte. La preparazione di base, pertanto, è abbastanza disomogenea e per alcuni allievi si evidenziano lacune pregresse; una parte della classe comunque presenta un impegno positivo, seppur passivo, nel lavoro didattico, con pochi momenti di partecipazione attiva. Il lavoro è stato piuttosto faticoso, potendo contare raramente su attenzione, impegno e determinazione; di conseguenza, talvolta è apparso difficile ottenere il riscontro continuo delle attività svolte.

Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


22

DISCIPLINA: STORIA INSEGNANTE: Stellato Stefania Anna Maria LIBRO DI TESTO IN ADOZIONE: Calvani V., “IL GUSTO DELLA STORIA” CONTENUTI DEL 5° ANNO L'EMIGRAZIONE ITALIANA (TUTTA L'UNITa' 3) VENTI DI GUERRA :La Belle Epoque e tutta l'unità 4. La Prima guerra mondiale tutta l'unità 5 Dal modulo 5 La notte della democrazia L'unità 1 Il dopoguerra tutto il capitolo Unità 2 - La Rivoluzione sovietica Unità 3- Il Fascismo Unità 6-Il Nazismo Dal modulo 6 Unità1- La seconda guerra mondiale Unità 4-Il periodo della guerra fredda Dal modulo 8 Unità 2 L'Italia dello sviluppo Unità 3 La storia attuale STRUTTURAZIONE IN MODULI Dal modulo 4 Unità 3, 4, 5. Dal modulo5 Unità 1, 2, 3, 4, 5, 6. Dal modulo 6 Unità 1, 4. Dal modulo8 Unità 2, 3. OBIETTIVI DELLA DISCIPLINA In termini di conoscenze Comprendere l'arretratezza dell' Italia postunitaria; Acquisire consapevolezza delle condizioni di vita dei nostri emigranti nei paesi che li ospitano e della ricchezza prodotta; ricostruire l'intero arco di problemi e di soluzioni creati dall'emigrazione; Riconoscere i vari tipi di nazionalismo; Passare in rassegna i problemi delle nazioni europee; La Prima guerra mondiale: seguire gli eventi sui diversi fronti, collegare il progressivo uso di armi moderne alla preesistenza di tattiche tradizionali; Conoscere i costi umani della guerra; Analizzare il contesto politico-economico del fascismo; Comprendere la linea economico-politica di stalin; Comprendere il nesso tra razzismo e programma politico di Hitler; Valutare i costi umani della seconda guerra mondiale; Comprendere la dottrina Truman; Comprendere come le superpotenze realizzarono l'equilibrio internazionale.

Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


23 In termini di competenze Saper ricostruire criticamente i contesti storici analizzati; Saper ricostruire cause problematiche legate all'emigrazione; Formarsi uno spirito critico sulla problematica dei nazionalismi; Saper cogliere la connessione tra problematiche economiche e socio-politiche; Saper costruire un quadro d'insieme della realtà attuale italiana ed europea. CRITERI DIDATTICI ADOTTATI Discussioni guidate, spiegazioni e lettura in classe di articoli di giornale attinenti ai temi trattati Compiti in classe, questionari. PROGRAMMA SVOLTO Il programma svolto è quello analizzato e specificato sopra in unità didattiche. METODI, MEZZI E STRUMENTI ADOTTATI Appunti, fotocopie da altri libri, lavagna,una visita guidata presso il museo dell'emigrazione italiana. VERIFICA E VALUTAZIONE Sono state effettuate prevalentemente verifiche scritte , supportate da colloqui orali. La valutazione ha tenuto conto soprattutto per le verifiche orali della partecipazione attiva dell'alunno al processo di apprendimento. OSSERVAZIONI GENERALI La classe ha mostrato una discreta partecipazione al processo di apprendimento della materia. Spesso ho dovuto constatare un notevole numero di assenze da parte degli alunni ; questo ha inevitabilmente creato dei ritardi e lungaggini per lo svolgimento armonico del programma.

Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


24

DISCIPLINA: INGLESE INSEGNANTE: Bernacchia Rosanna LIBRO DI TESTO IN ADOZIONE N.Jordan "New Main Course English" ed. Il Capitello CONTENUTI DEL 5째 ANNO E PROGRAMMA SVOLTO MICROLINGUA - MODULO 1: Diets and diseases: food and health, teenagers and food, eating disorders,food related diseases, difference between fast food and slow food -MODULO 2: Food safety precautions: HACCP Kitchen technology, cook freeze and cook chill,shock freezing, blast chilling Organic food and genetically modified organisms -MODULO 3: Different kinds of catering: catering on railways, flight catering, school catering - MODULO 4: Catering Banqueting The Food and Beverage Manager's professional profile FUNZIONI E NOZIONI GRAMMATICALI Le strutture grammaticali sono quelle delle situazioni comunicative autentiche che l'indirizzo richiede . Si ripassano le pi첫 importanti nozioni e funzioni linguistiche affrontate negli anni precedenti e in special modo: -Simple Past e Present Perfect -Future tenses: will and going to -must, have to, need, should, be forbidden, be allowed - Could and be able to - Comparatives and Superlatives - Would you like...( offer, accept, refuse) - Ask and give suggestions - Explanations and instructions AREE LESSICALI Terminologia specifica di settore. Lessico inerente il settore del Catering e del Banqueting, delle tecnologie di conservazione dei cibi e dei problemi legati all'igiene. Terminologie inerenti i disturbi alimentari e le malattie legate al cibo.

Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


25 OBIETTIVI DELLA DISCIPLINA L'allievo che ha completato i moduli con successo si situa al livello B1 del Quadro comune europeo. La sua competenza linguistica può essere descritta come segue: Ha una conoscenza delle principali strutture linguistiche e funzioni comunicative oggetto di studio degli anni precedenti. Comprende testi specifici di indirizzo, sia scritti che orali, e sa riassumerli e relazionarli oralmente in modo semplice, ma efficace. VERIFICA E VALUTAZIONE a)valutazione continua o in itinere, essenzialmente formativa nell'intento,prevalentemente soggettiva nelle modalità, olistica nella prospettiva e aperta al contributo dell'autovalutazione e della valutazione reciproca tra allievi; b) valutazione in momenti specifici o "puntuale", essenzialmente sommativa, prevalentemente oggettiva, analitica ed effettuata con l'aiuto di griglie di controllo. Le verifiche hanno ricalcato le tipologie delle prove somministrate agli esami di stato. OSSERVAZIONI GENERALI Riguardo gli argomenti di microlingua la classe ha dimostrato un sufficiente interesse, ma non sempre è apparsa motivata e desiderosa di approfondire ed ampliare i contenuti della disciplina. L'impegno non è stato sempre costante, specie nello studio a casa. Durante le mie ore di lezione frontale il comportamento dei ragazzi è stato a volte vivace, ma sempre corretto, così come nelle dinamiche relazionali di classe. Nel complesso posso dire che la maggior parte della classe ha raggiunto gli obiettivi minimi prefissati in sede di programmazione conseguendo un profitto ed una preparazione finale nel complesso sufficiente.

Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


26

DISCIPLINA : FRANCESE INSEGNANTE: Briamonte Michele TESTO ADOTTATO: Secteur Restauration, ed. Calderoni CONTENUTI DEL 5° ANNO: - Organizzazione di una struttura alberghiera; - La ristorazione commerciale e sociale; - Igiene, sicurezza e qualità dei prodotti alimentari; - La gestione del ristorante, assunzione del personale; - Elementi di civiltà della Francia: geografia fisica, politica ed aspetti socio-economici. STRUTTURAZIONE IN MODULI Tutto il lavoro dell'anno scolastico è stato ripartito in due moduli distinti, in ogn'uno dei quali sono stati trattati argomenti professionali e di civiltà. OBIETTIVI DELLA DISCIPLINA conoscenze: 1) consolidamento ed ampliamento delle strutture linguistiche; 2) arricchimento della microlingua settoriale; 3) consolidamento delle funzioni specifiche professionali; competenze: 1) sviluppo della rielaborazione di testi professionali, scritti e orali; 2) capacità di analizzare un testo ed extrapolare informazioni implicite ed esplicite; 3) uso di dizionari, testi di consultazione, manuali e supporti professionali. CRITERI DIDATTICI ADOTTATI Le attività svolte hanno avuto come obiettivo lo sviluppo di capacità critiche, di sintesi e di rielaborazione personale attraverso il raggiungimento di una competenza comunicativa globalmente soddisfacente, e di organizzare in modo logico le conoscenze acquisite effettuando collegamenti tra le varie discipline. PROGRAMMA SVOLTO - ripasso delle strutture grammaticali e sintattiche di base; - la Provence et l'Alsace; - La modification des aliments; - Le système HACCP; - L'hygiène des aliments; - La conservation des aliments; - Les boissons: vin, champagne et cognac; - L'hygiène des locaux et desequipements. Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


27 METODO, MEZZI E STRUMENTI ADOTTATI Lezioni frontali, attività di gruppo e lavori di ricerca; gli strumenti utilizzati sono stati i libri di testo ( professionale e grammatica) , fotocopie elaboratore CD e internet. VERIFICA E VALUTAZIONE Le verifiche sono state di un congruo numero, scritte e orali, per ogni quadrimestre. Esse hanno compreso colloqui, dibattiti, interventi, e la valutazione è stata in decimi. OSSERVAZIONI GENERALI La preparazione globale della classe è piuttosto mediocre. Diversi alunni hanno stentato a raggiungere gli obiettivi minimi a causa di gravi lacune di base non sempre colmate, di una discontinuità di partecipazione al dialogo educativo, sottolineata da molte assenze, e da un impegno ed applicazione non adeguati alle esigenze della disciplina. Altri invece hanno raggiunto risultati accettabili, sia per conoscenza dei contenuti che per espressione linguistica.

Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


28

DISCIPLINA: MATEMATICA INSEGNANTE: Toti Daniela CONTENUTI del 5° ANNO (strutturati in moduli): Modulo A: Recupero dell’algebra di primo e secondo grado • equazioni di primo grado intere e fratte • disequazioni di primo grado intere e fratte • equazioni di secondo grado intere e fratte • disequazioni di secondo grado intere e fratte Modulo B: Analisi infinitesimale - Le funzioni • Generalità sulle funzioni – funzioni biunivoche, inverse, funzioni composte • Funzioni algebriche razionali intere e fratte • Campo di esistenza di una funzione (dominio) • Intervalli di positività e negatività di una funzione • Intersezioni con gli assi cartesiani Modulo C: Analisi infinitesimale - I limiti • Concetto di limite • Nozioni elementari di tipologia su R: Intorni - Punti di accumulazione, punti isolati, punti di frontiera • Limite di una funzione f(x) per x tendente ad un valore finito • Limite di una funzione f(x) per x tendente a più o meno infinito • Limite destro e sinistro di una funzione • Limiti che si presentano in forma indeterminata • Teoremi sui limiti • Continuità delle funzioni - funzioni continue in un punto o in un intervallo • Punti di discontinuità di una funzione • Applicazione dei limiti alla rappresentazione grafica delle funzioni: asintoti Modulo D: Analisi infinitesimale - Le derivate • Concetto di derivata di una funzione di una variabile • Significato geometrico della derivata • Derivabilità e continuità di una funzione • Andamento grafico nell’intorno di un punto di una funzione ivi continua, ma non derivabile • Equazione della retta tangente ad una curva in un suo punto • Teoremi sul calcolo delle derivate • Derivazione delle funzioni composte • Derivazione di ordine superiore • Teoremi fondamentali sul calcolo differenziale: teorema di de l’Hôpital e sue applicazioni • Crescenza e decrescenza di una funzione • Massimi e minimi assoluti e relativi di una funzione - Flessi • Rappresentazione grafica di una funzione Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


29 PROGRAMMA SVOLTO

I limiti

Le funzioni

disequazioni- Equazioni e

UD

Competenze

Conoscenze

 Equazioni di I e II Risolvere equazioni di I e II grado intere e fratte grado intere e fratte Risolvere disequazioni di I e II grado intere e  Disequazioni di I e II fratte grado intere e fratte  Risolvere sistemi lineari e di II grado  Sistemi di I e II grado  

Definire una funzione Riconoscere i vari tipi di funzioni Definire il campo di esistenza di una funzione Determinare il campo di esistenza di una funzione algebrica razionale intera o fratta  Determinare il campo di positività di una funzione algebrica razionale intera o fratta  Determinare le intersezioni della funzione con gli assi cartesiani  Comprendere il significato di limite finito di una funzione razionale per x che tende a x0, a + ∞ e a -∞  Comprendere il significato di limite infinito di una funzione razionale per x che tende a x 0, a + ∞ e a -∞  Comprendere il significato di limite destro e sinistro di una funzione  Comprendere il significato di una funzione continua in un intervallo  Eseguire operazioni sui limiti riconoscendone    

le forme indeterminate (del tipo: ∞ − ∞ ,

∞ ∞

)

Calcolare i limiti di semplici funzioni razionali intere e fratte  Applicazione dei limiti alla rappresentazione grafica delle funzioni: asintoti (verticali ed orizzontali) 

Documento di classe

Classe V sez. E

Le funzioni Funzioni f: R→R razionali  Campo di esistenza di una funzione  Campo di positività  Intersezioni con gli assi cartesiani  

I limiti Limiti che si presentano in forma indeterminata  Teoremi sui limiti  Asintoti verticali ed orizzontali  

Esami di Stato 2010


30 UD

Competenze Comprendere il significato geometrico di derivata di una funzione  Definire la derivata di una funzione in un punto x0 del suo campo di esistenza  Definire e determinare il massimo e il minimo relativi e assoluti di una funzione  Calcolare le derivate di funzioni elementari algebriche razionali intere e fratte  Calcolare la derivata di una somma di funzioni  Eseguire lo studio completo di funzioni ax + b ax 2 + bx + c razionali del tipo y = ; y= e a1 x + b1 b1 x + c1 ax + b y= e rappresentarne il grafico nel 2 a1 x + b1 x + c1 piano cartesiano.

Conoscenze

Derivate e studio di funzione

Documento di classe

Classe V sez. E

Le derivate Massimi e minimi assoluti e relativi di una funzione  Rappresentazione grafica di una funzione  Studio completo di una funzione  

Esami di Stato 2010


31 OBIETTIVI MINIMI •

• • •

Saper riconoscere la diversa tipologia delle funzioni algebriche Saper calcolare i limiti di una semplice funzione algebrica razionale Saper calcolare la derivata prima e seconda di una semplice funzione algebrica razionale Saper portare a compimento lo studio di una semplice funzione razionale intera o fratta con relativa rappresentazione geometrica sul piano cartesiano

METODI, MEZZI E STRUMENTI ADOTTATI Poiché il carattere fondamentale dell’educazione matematica è il porre e risolvere problemi, ho ritenuto opportuno condurre l’insegnamento per problemi, portando lo studente a scoprire le relazioni matematiche che sottostanno a ciascuno di essi e quindi a collegare razionalmente e a sistemare progressivamente le nozioni teoriche apprese. Il metodo usato non è stato deduttivo, quanto, invece, induttivo, poiché non proponeva a priori nozioni astratte, ma le faceva scaturire dai problemi incontrati, attraverso un procedimento razionale che faceva uso anche delle nozioni già note in precedenza. Sono state quindi svolte lezioni frontali, arricchite dalla collaborazione diretta degli alunni, i quali sono stati interpellati per cercare attraverso le proprie conoscenze di giungere alla dimostrazione dei nuovi argomenti. Oltre alla più classica lezione frontale, sono state quindi utilizzate metodologie tipo: 1. scoperta guidata 2. problem solving 3. lavoro di gruppo VERIFICHE Strumenti di verifica in itinere (formativa): o controllo e correzione dei compiti svolti a casa o lezione dialogata o risoluzione di esercizi in classe o ripetizione dell’argomento spiegato Tali strumenti sono stati utilizzati durante ogni lezione e hanno verificato il conseguimento degli obiettivi intermedi. Strumenti di verifica sommativa (alla fine di ogni modulo): o verifiche tradizionali (esercizi da risolvere) o prove strutturate di tipo: - scelta multipla

Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


32

DISCIPLINA : LEGISLAZIONE INSEGNANTE: Ramondelli Manuela LIBRO DI TESTO IN ADOZIONE : Diritto per le aziende della ristorazione, S.Crocetti A.Papa. Edizione Tramontana CONTENUTI DEL 5° ANNO Le obbligazioni , la teoria generale del contratto , la compravendita , la locazione , l'affitto la somministrazione , il deposito, il franchising , il catering , il banqueting, il contratto di albergo, la disciplina giuridica del lavoro subordinato, il contratto collettivo nazionale del settore turistico. STRUTTURAZIONE IN MODULI Modulo1:leobbligazioni-Modulo2:ilcontratto–Modulo3:icontratti dell'impresa ristorativa Modulo 4 : il contratto di lavoro e il contratto collettivo nazionale di lavoro del settore. turistico OBIETTIVI DELLA DISCIPLINA In termini di conoscenze Conoscere i principali istituti di diritto civile , conoscere i principali contratti dell'impresa ristorativa , conoscere la disciplina giuridica del rapporto di lavoro subordinato. In termini di competenze Saper utilizzare nuovi codici linguistici,saper applicare la normativa a semplici casi pratici saper individuare la funzione commerciale dei contratti ristorativi, essere consapevoli dei diritti e dei doveri derivanti dal raporto di lavoro subordinato METODI, MEZZI E STRUMENTI ADOTTATI La metodologia didattica utilizzata è stata basata sia sulla tradizionale lezione frontale , per l'esposizione teorica dei contenuti , sia sulla lezione partecipata che permettendo l'intervento spontaneo degli alunni alla lezione, ha reso possibile la verifica della comprensione dei concetti teorici esposti e la loro capacità di ragionamento. Il ricorso ad attività di “problem solving” ,basata sulla risoluzione di semplici casi pratici, ha permesso inoltre agli studenti di confrontarsi con la realtà e di misurarsi con l'applicazione di regole a situazioni concrete. Oltre al libro di testo , strumento indispensabile per l'acquisizione dei contenuti, è stato utilizzato anche il Codice Civile per la lettura , il commento e l'analisi degli articoli più significativi . La costruzione di mappe concettuali ha facilitato l'assimilazione dei contenuti e reso possibile l'acquisizione di un metodo di studio corretto ed adeguato. PROGRAMMA SVOLTO Le obbligazioni : il rapporto obbligatorio, le obbligazioni con pluralità di soggetti, le classificazioni delle obbligazioni in base all'oggetto, la prestazione , le fonti delle obbligazioni, l'estinzione delle obbligazioni, l'inadempimento e la rsponsabilità , la mora del debitore, la mora del creditore La teoria generale del contratto : il contratto in generale, la conclusione del contratto, l'autonomia contrattuale e i suoi limiti, gli elementi essenziali del contratto, gli elementi accidentali del contratto, gli effetti del contratto, l'invalidità del contratto, la rescissione del contratto, la risoluzione del contratto, la classificazione dei contratti. Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


33 I contratti tipici :la compravendita, la locazione, l'affitto, la somministrazione, il deposito, Il deposito in albergo. I contratti atipici : il franchising, il catering, il tiket restaurant, il il banqueting, il contratto d'albergo. Il contratto di lavoro subordinato : il contratto individuale di lavoro, la costituzione del rapporto, il sistema del collocamento della manodopera, i soggetti del rapporto di lavoro, gli obblighi e i diritti dei lavoratori, gli obblighi e i poteri del datore di lavoro , la sospensione del rapporto di lavoro, la cessazione del rapporto di lavoro. Il contratto collettivo nazionale del settore turistico : il contratto collettivo nazionale del turismo, la struttura del Ccnl del Turismo e l'ambito di applicazione, la classizione del personale, il rapporto di lavoro, le norme di comportamento. VERIFICA E VALUTAZIONE Le verifiche effettuate sono state sia formative , per accertare la comprensione dei concetti esposti , sia sommative per verificare l'assimilazione di parti piĂš ampie di programma e le capacitĂ di collegamento dei diversi contenuti. Le verifiche sono state effettuate sia in forma scritta (domande a risposta chiusa) per verificare le abilitĂ  logiche degli alunni, sia in forma orale per accertare le capacitĂ  espositive nell'uso del linguaggio specifico della disciplina. Hanno rappresentato elementi per la valutazione la verifica dei contenuti, l'uso di un linguaggio preciso e pertinente, la rielaborazione personale dei contenuti, la partecipazione, l'impegno e la progressione nell'apprendimento.

Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


34

DISCIPLINA:

ECONOMIA E RISTORATIVE

GESTIONE

DELLE

AZIENDE

INSEGNANTE: Fratini Marco LIBRO DI TESTO IN ADOZIONE: “Economia e gestione dell’impresa ristorativa” Autori: De Luca e Fantozzi; casa editrice Liviana CONTENUTI DEL 5° ANNO: - LE RISORSE DELL’IMPRESA: le risorse umane, le risorse tecniche e le risorse finanziarie; - L’ORGANIZZAZIONE DELLE RISORSE E LA GESTIONE: la gestione economica, la gestione amministrativa, la programmazione e il budget, la gestione commerciale ( il marketing ). STRUTTURAZIONE IN MODULI: MODULO N. 1: a) Le risorse umane b) Le risorse tecniche: il patrimonio c) Le risorse finanziarie MODULO N. 2: d) La gestione economica e) La gestione amministrativa f) La programmazione e il business plan MODULO N. 3: g) La programmazione: il budget h) La gestione commerciale: il marketing OBIETTIVI DELLA DISCIPLINA In termini di conoscenze: Lo studente conosce tutte le problematiche relative al personale dipendente; conosce il prospetto del patrimonio e le fonti di finanziamento delle imprese; conosce le varie tipologie relative ai costi e ai ricavi; conosce i costi fissi e i costi variabili;conosce le principali variazioni finanziarie ed economiche che determinano il metodo della P. D.; conosce la normativa civilistica relativa al Bilancio di esercizio; conosce gli indici di bilancio patrimoniali, finanziari ed economici; conosce il concetto di programmazione aziendale; conosce le problematiche relative al marketing. In termini di competenze: Lo studente sa redigere il break even point e le sue applicazioni; è competente nella redazione del Bilancio di esercizio e nell’applicazione degli indici finanziari, patrimoniali ed Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


35 economici; sa redigere il business plan e i budget settoriali; pone a confronto il budget economico con il Conto Economico e ne coglie le differenze( scostamenti ); è competente nella redazione del marketing dell’impresa ristorativa. CRITERI DIDATTICI ADOTTATI. Il criterio didattico adottato per tutto l’anno scolastico è stato quello di affrontare le argomentazioni economico-aziendali dapprima dal punto di vista teorico e poi da quello pratico. PROGRAMMA SVOLTO: 1) LA GESTIONE AMMINISTRATIVA: - la contabilità aziendale - il bilancio di esercizio - le imposte ( cenni ) - gli indici di bilancio 2) LA PROGRAMMAZIONE E IL BUDGET: - la programmazione aziendale - il budget 3) LA GESTIONE ECONOMICA: - il sistema costi-ricavi-reddito - il controllo della gestione ( da affrontare ) 4) -

LE RISORSE UMANE ( da affrontare ): l’assunzione del personale l’organizzazione del lavoro il costo del lavoro

5) -

LE RISORSE TECNICHE ( da affrontare ): il patrimonio o capitale dell’impresa la struttura finanziaria dell’impresa analisi delle fonti di finanziamento

6) LA GESTIONE COOMERCIALE ( da affrontare ): - il marketing METODI, MEZZI E STRUMENTI ADOTTATI: Il principale metodo adottato è stato quello frontale collaborativo. Gli studenti partecipano alle lezioni con interventi e indicazioni relativamente ai vari argomenti affrontati. Le esercitazioni, numerose perché avvenute quasi esclusivamente in classe, sono state affrontate con la creazione di gruppi di lavoro, costituiti a volte da due, a volte da quattro persone. Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


36 VERIFICA E VALUTAZIONE: Le verifiche sono state numerose e prevalentemente scritte. Per quanto riguarda i criteri di valutazione, posso dire che di volta in volta sono state applicate griglie di valutazione nelle quali sono stati indicati in modo trasparente le modalità di valutazione applicate alla verifica. OSSERVAZIONI GENERALI: Il sottoscritto docente ha incontrato enormi difficoltà nell’affrontare l’insegnamento della disciplina, dovute essenzialmente al fatto che gli studenti non hanno dimestichezza con lo studio, per così dire a tavolino, essendo abituati fino al terzo anno prevalentemente ad applicazioni pratiche. Si aggiunga a ciò la particolare caratteristica degli studenti, i quali, eccetto per alcuni casi, non hanno alcuna motivazione personale all’apprendimento. E’ mancata pure quella adeguata conoscenza e competenza relativa ai concetti basilari economico- aziendali necessari per impostare all’inizio dell’anno scolastico un proficuo e più incisivo cammino. Il sottoscritto docente ha dovuto, nell’affrontare tutti gli argomenti del quinto anno, dapprima verificare la bontà dell’apprendimento di concetti base della disciplina, e tutte le volte ha dovuto prendere atto che questi mancavano o erano del tutto inadeguati. Non ha potuto, infine, affrontare in modo esauriente le problematiche del programma che di volta in volta erano sviluppate e ciò a causa di un notevole numero di ore di insegnamento perse, vuoi per lo stage effettuato dai ragazzi ( 21 giorni ), per le feste natalizie e pasquali ( insolitamente lunghe queste ultime ), per gli scioperi a cui gli studenti hanno aderito, per le assenze, infine, degli studenti, che in alcuni casi ha raggiunto anche il 70% delle ore totali.

Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


37

DISCIPLINA:

ALIMENTI ED ALIMENTAZIONE

INSEGNANTE: Di Tommaso Salvatore LIBRO DI TESTO IN ADOZIONE: P.PARADISI-G.CASTELLI, SCIENZA DELL’ALIMENTAZIONE, ED. LE MONNIER CONTENUTI DEL 5° ANNO LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI.-IGIENE DEGLI ALIMENTI-LA SICUREZZA E QUALITA’ DEGLI ALIMENTI-COSTRUZIONE DI UNA DIETA INDIVIDUALIZZATADIETOLOGIA-DIETOTERAPIA. STRUTTURAZIONE IN MODULI MODULO 1 LA CONSERVAZIONE.-MODULO 2 IGIENE DEGLI ALIMENTI.-MODULO 3 SICUREZZA E QUALITA’ DEGLI ALIMENTI.-MODULO 4 COSTRUZIONEE DI UNA DIETA INDIVIDUALIZZATA.-MODULO 5 DIETOLOGIA. OBIETTIVI DELLA DISCIPLINA In termini di conoscenze Conoscere i fattori responsabili delle alterazioni degli alimenti. Conoscere le modificazioni organolettiche, chimico-fisiche e nutrizionali che subiscono gli alimenti sottoposti a trattamenti di conservazione. Conoscere le principali tecniche di conservazione e la loro influenza sulle caratteristiche degli alimenti. Conoscere la classificazione e le proprietà essenziali degli additivi chimici. Conoscere le cause principali della contaminazione chimica degli alimenti. Conoscere l'origine, i modi e le conseguenze della contaminazione biologica. Conoscere le norme fondamentali dell'igiene personale. Acquisire le conoscenze di base per il controllo igienico, la disinfezione e la disinfestazione di ristoranti, alberghi e servizi collettivi in genere. Conoscere le norme generali sull'igiene degli alimenti. Conoscere gli aspetti essenziali della normativa in materia di qualità nel settore agroalimentare (certificazioni).Conoscere i criteri essenziali per la costruzione di una dieta individualizzata. Conoscere nel dettaglio i Livelli di assunzione raccomandati di nutrienti (LARN).Conoscere nel dettaglio le dieci Linee guida per una sana alimentazione italiana. Conoscere i tipi di dieta più idonei in relazione alle varie fasce di età e a condizioni fisiologiche particolari, in base alle più moderne teorie alimentari. Conoscere le principali caratteristiche dei più diffusi modelli alimentari e di alcuni tipi di diete "alternative”. In termini di competenze Saper scegliere per ogni alimento la tecnica dì conservazione più idonea. Saper eseguire correttamente il rifornimento del frigorifero. Saper eseguire correttamente lo scongelamento degli alimenti. Saper riconoscere la presenza di alterazioni attraverso l'osservazione dei contenitori e/o dei caratteri organolettici degli alimenti. Saper individuare gli alimenti che possono aver subito una contaminazione chimica o biologica. Saper distinguere le malattie di origine alimentare più comuni. Saper applicare in ambito lavorativo le norme igieniche personali e ambientali fondamentali, al fine di prevenire le contaminazioni e la trasmissione di malattie infettive. Saper utilizzare correttamente il linguaggio specifico relativo alle tematiche trattate. Saper attuare le norme di base inerenti Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


38 all'igiene degli alimenti. Saper riconoscere la qualità degli alimenti. Sapersi difendere dalle frodi alimentari. Saper applicare, qualora fosse necessario, il sistema e la certificazione di qualità. Saper determinare qual è il fabbisogno energetico e di nutrienti di un individuo sano in base al sesso, l'età, l'attività svolta. Saper realizzare, di conseguenza, diete equilibrate individualizzate. Saper leggere ed interpretare le tabelle LARN e le tabelle di composizione chimica degli alimenti. Saper utilizzare gli strumenti quali formule e tabelle per valutare il peso ideale di una persona. Saper elaborare una dieta razionale. ed equilibrata per persone sane. CRITERI DIDATTICI ADOTTATI. Stimolare l’osservazione e la curiosità sulle problematiche quotidiane e/o professionali come elemento iniziale di imput alla lezione nei suoi contenuti specifici. Partendo dalle esperienze individuali, esamina dei contenuti disciplinari per apportare eventuali correzioni professionalmente o salutisticamente non corretti. PROGRAMMA SVOLTO BLOCCO TEMATICO 1: La conservazione e gli additivi alimentari Fattori di alterazione degli alimenti: enzimi, microrganismi, fattori ambientaliMetodi fisici di conservazione: uso del freddo, uso del calore, sottrazione di acqua, uso delle radiazioni, modificazione di atmosfera.Metodi chimici di conservazione: con sostanze chimiche naturali o con additivi chimici.Metodi fisico-chimici e biologici di conservazione: affùmicamento e fermentazione.Gli additivi chimici alimentari: distinzione in base alle funzioni, rischi per la salute e Dose Giornaliera Accettabile. BLOCCO TEMATICO 2: Igiene della ristorarione e quaÌità degli alimenti: Contaminazione chimica degli alimenti: contaminazione da metalli,da contenitori per alimenti, da fertilizzanti e pesticidi, da pratiche zootecniche e veterinarie. Cenni sulle contaminazioni radioattive. Contaminazioni biologiche degli alimenti: virus, batteri, protozoi e metazoi, cenni sulla biologia degli agenti contaminanti e relative malattie da contaminazione. Prevenzione delle contaminazioni e controllo igienico degli alimenti: igiene degli ambienti di lavoro, igiene del personale, cenni sulla sicurezza nel lavoro, sistema di controllo HACCP. Qualità degli alimenti: qualità chimica, nutrizionale, microbiologica, legale, organolettica.I sistemi per promuovere e tutelare Ì prodotti agro-alimentari: marchi europei di origine DOP. IGP, STG e marchi italiani DOC e DOCG. Il controllo di qualità: cenni sulle norme ISO 9000, VISION 2000, ISO 14000. Frodi alimentari: alterazione, adulterazione, sofisticazione, contraffazione. BLOCCO TEMATICO 3: Dietologia e costruzione di una dieta personalizzata Concetto di peso teorico o ideale: calcolo,costituzione corporea e tipi morfologici, Indice di Massa Corporea calcolo e valori di riferimento per l'uomo e per la donna, grafico dell'IMC. Fabbisogno energetico: Metabolismo Basale, Azione Dinamico Specifica degli alimenti, Metabolismo di Attività e Livello di Attività Fisica, calcolo del Metabolismo Totale con le tabelle della Commissione CE del 1996, valutazione del Fabbisogno energetico totale giornaliero conoscendo il Metabolismo Basale e il LAF. Fabbisogno nutrizionale: concetto di dieta equilibrata e LARN - revisione del 1996, fabbisogno proteico, lipidico e glucidico, fabbisogno di vitamine e di sali minerali. Linee guida per una sana alimentazione revisione del 2003. Criteri per l'elaborazione di una dieta equilibrata: ripartizione calorica giornaliera dei Principi Nutritivi nell'alimentazione equilibrata, dell'adulto e dell'adolescente, ripartizione delle calorie nel corso della giornata. Alimentazione equilibrata per fasce di età e tipologie dietetiche: alimentazione della prima infanzia, nella seconda infanzia e Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


39 nell'adolescenza, alimentazione nell' età adulta e nella terza età, alimentazione dello sportivo. La dieta mediterranea: caratteristiche, la piramide della dieta mediterranea, le diete vegetariana e vegan. Diete specifiche e particolari. METODI, MEZZI E STRUMENTI ADOTTATI Lezione frontale e dialogata con l’ausilio del maxi schermo e computer. Occasionalmente lettura selettiva del libro di testo. Distribuzione individuale di schede riassuntivesemplificative e mappe, alternative al libro di testo. VERIFICA E VALUTAZIONE :

Test semistrutturati.

OSSERVAZIONI GENERALI In considerazione dei livelli cognitivi medi della classe nel suo insieme, delle capacità, delle possibilità per i singoli studenti di uno studio efficace e continuativo al di fuori della lezione, è stato necessario snellire e adattare i contenuti nonché semplificare le verifiche, al fine di rendere gli argomenti accessibili e quanto più ritenibili nel bagaglio culturale e mnemonico del maggior numero di allievi possibile. La classe nel corso dell’a.s. ha dimostrato un buon interesse per la materia in generale e per molteplici degli argomenti trattati in particolare, evidenziando quasi sempre un atteggiamento costruttivo e una partecipazione sentita al dialogo educativo. I risultati raggiunti sono nel complesso sufficienti e soddisfacenti.

Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


40

DISCIPLINA: RISTORAZIONE INSEGNANTE: Gaudiano Francesco LIBRO DI TESTO IN ADOZIONE: “L’Esperto in ristoratore”, L. Santini , Ed. Poseidonia CONTENUTI DEL 5° ANNO 1. Le origini del discorso gastronomico dall’alto medioevo a Pellegrino Artusi. 2. La dietetica medioevale e la Regola Sanitaria Salernitana 3. Il novecento e la cucina futurista. 4. Il menu : storia ed evoluzione, la lista delle vivande; tipologie e strategie di vendita. 5. Le professioni della tavola .dallo Scalco al food and beverage maneger . 6. I prodotti di qualità e i marchi di protezione. STRUTTURAZIONE IN MODULI Quasi l’intero primo quadrimestre è stato dedicato ai seguenti argomenti: a) la qualità dei prodotti; b) metodi di conservazione delle derrate alimentari c) le varie tipologie di menu. A partire dal 7 gennaio e fino alle vacanze di Pasqua la proposta formativa ha inteso volgere uno sguardo più attento alla cultura gastronomica e alla tradizione vitivinicola italiana. A partire da Pier De’ Crescenzi (XII SEC.) fino a Luigi Veronelli, per quello che riguarda il vino. Dai ricettari trecenteschi fino alla proposta della cucina futurista per ciò che riguarda la cucina. Di ritorno dalle vacanze di Pasqua ,il 7 aprile , il lavoro in classe si è svolto focalizzando obiettivi e percorsi per la prova di Maturità cercando pertinenze e interdisciplinarietà tra il sapere gastronomico e gli altri saperi curricolari: dalla dietetica antica alla moderna scienza degli alimenti; il ventennio fascista e l’alimentazione autarchica; il Futurismo e i Pranzi Perfetti. L’emigrazione e il valore identitario del cibo I temi affrontati possono essere cosi riassunti: OBIETTIVI DELLA DISCIPLINA In termini di conoscenze Il tecnico della ristorazione deve essere un operatore creativo, colto , capace di mettersi in mostra, di comunicare e scoprire continuamente nuove pertinenze. Deve essere libero da ogni pregiudizio e operare in maniera onesta con i suoi ospiti. Deve essere accogliente al punto, insegnava il maestro F:Cardona di evocare il miracolo dell’ospitalità :-qui si sta bene e in questo luogo vi metteremo 3 tende (cfr. Il vangelo di Matteo) In termini di competenze. In termini di competenze, l’operatore della ristorazione deve saper accogliere e fidelizzare l’ospite mettendo in mostra i suoi saperi oltre a quelle legate alla gestione dei servizi di enogastronomia e ospitalità.

Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


41 CRITERI DIDATTICI ADOTTATI. Ho sottoposto all’attenzione degli studenti cataloghi e antologie di ricettari, articoli di giornali ,ricette impossibili, manuali di cucina, opere e trattati dei grandi cuochi a partire dai rosticcieri medioevali fino a Suor Germana, da A. Bourdaine a Nonna Papera da H. P. Pellaprat al manuale del sapiente Frate indovino. PROGRAMMA SVOLTO METODI, MEZZI E STRUMENTI ADOTTATI. La carota ed il bastone sembrano essere, seppur semplici, ancora strumenti efficaci e appropriati. I criteri sono stati modellati ad una classe in po’ impigrita proprio vicino al traguardo, proprio in prossimità dell’arrivo. Noi dobbiamo educare le nuove generazioni ad un dinamismo che rischia di andare perduto e che invece è sempre stato caratteristica qualificante del nostro popolo di ristoratori, viaggiatori, poeti santi e cucinieri. VERIFICA E VALUTAZIONE Le verifiche dell’apprendimento sono state realizzate con test, con i colloqui individuali e di gruppo. La valutazione è scaturita dalla osservazione costante dei progressi in termini di conoscenze/competenze, del grado di coinvolgimento e della costanza nella partecipazione al processo educativo. OSSERVAZIONI GENERALI Ho trovato alunni affettuosi ma svogliati, dotati di interesse e intelligenze lodevoli ma mal esercitate. Modesti la curiosità e l’entusiasmo di partecipare. Nella maggior parte dei casi i buoni risultati sono stati ottenute con l’ impegno a volte ostinato da parte dei docenti del C.d.C.

Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


42

DISCIPLINA: EDUCAZIONE FISICA INSEGNANTE: Rocchi Sabina LIBRO DI TESTO IN ADOZIONE Vivere lo Sport PROGRAMMA SVOLTO Il programma è stato svolto per il conseguimento degli obiettivi specifici della disciplina, tenendo conto, il più possibile, degli interessi degli alunni, disponibilità di spazio e attrezzature. Incremento della resistenza: corsa prolungata esercitazioni a corpo libero e con l’ausilio di piccoli attrezzi (funicella) Incremento della forza: esercizi di potenziamento degli arti superiori ed inferiori. Incremento della mobilità articolare: esercizi di mobilizzazione eseguiti a corpo libero. Incremento dell’elasticità muscolare: esercizi di streching. Avviamento allo sport: Pallavolo: fondamentali di gioco (battuta, bagher, palleggio, schiacciata, muro). Organizzazione di partite anche con altre classi. Partecipazione al torneo interno. Tennis tavolo: organizzazione di partite individuali e in doppio. Scacchi: organizzazione di partite. Dama: organizzazione di partite. Teoria: Cenni sull’apparato scheletrico. I Paramorfismi Sport di squadra: regolamento della pallavolo, regole e tecniche di gioco. Scacchi: regole di gioco. Dama: regole di gioco METODI, MEZZI E STRUMENTI ADOTTATI Per la metodologia seguita, c’è stata un’alternanza dal metodo globale all’analitico a seconda delle situazioni e del tipo di attività proposto. Molto spazio è stato dato ad esercizi ed attività che richiedessero l’uso della palla: Il gioco naturalmente è stato privilegiato per buona parte dell’anno scolastico mettendo sempre naturalmente in risalto gli aspetti tecnici e cercando un continuo miglioramento di questi, inserendo strategie e qualche piccolo schema di gioco. Anche l’acquisizione delle regole di gioco è avvenuta durante lo svolgimento delle attività pratiche con piccole interruzioni e brevi spiegazioni allorché si rendeva necessario. VERIFICA E VALUTAZIONE Dopo un’iniziale valutazione delle conoscenze, abilità e capacità degli alunni, attraverso una serie di verifiche nel corso dell’anno scolastico, si è proceduto a verificare il Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


43 progressivo sviluppo della personalità e delle competenze via via acquisite sui vari piani: cognitivo, operativo, decisionale e relazionale. OSSERVAZIONI GENERALI Gli studenti, con eterogenee personalità non sono stati tutti allo stesso modo interessati alla materia, ma tutti si sono comportati in modo sereno ed educato creando rapporti di reciproco rispetto anche nei confronti del docente. Il livello di preparazione generale può considerarsi nel complesso discreto. Alcuni studenti hanno partecipato con impegno ai giochi sportivi studenteschi ed ai vari tornei organizzati all’interno dell’istituto.

Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


44

DISCIPLINA: RELIGIONE INSEGNANTE: Cicu Maria Gabriella LIBRO DI TESTO IN ADOZIONE “La sapienza del cuore” CONTENUTI DEL 5° ANNO E PROGRAMMA SVOLTO 1. L’uomo contemporaneo: la demoralizzazione a. Religiosità, religione e fede b. Modelli contemporanei – rapporti tra le persone e l’etica cristiana. c. Diverse proposte religiose. d. Le sette religiose contemporanee. e. La persona umana, la ricerca dell’identità 2. La dignità della persona e il personalismo cristiano a. I diritti umani fondamentali. b. La violenza e la cultura della pace. c. Il razzismo attuale. d. L’incontro con l’altro, identità e differenza. 3. Il primato dell’amore (il senso della vita, la vita oltre la vita, il progetto di vita, criteri di ricerca e realizzazione) a. La famiglia, la sessualità, l’amicizia. b. La libertà e la legge, la pace e la giustizia. OBIETTIVI DELLA DISCIPLINA In termini di conoscenze - Gli alunni dovrebbero definire il concetto di persona come è stato elaborato dal pensiero cristiano del nostro secolo. - Descrivere i modelli dominanti nella cultura contemporanea e rivelarne i limiti e i valori. - Apprezzare la necessità di vivere in coerenza con le proprie scelte morali. METODI, MEZZI E STRUMENTI ADOTTATI Lezioni frontali e dialogiche, libro di testo e varie letture-analisi dei giornali quotidiani, mezzi audiovisivi. Per la modalità si è ricorsi all’osservazione di atteggiamenti adeguati: ascolto, riflessione, interventi significativi, rispetto per la diversità, interventi scritti e orali. VERIFICA E VALUTAZIONE Le verifiche, tenendo conto dello scarso tempo a disposizione in questa materia, sono state finalizzate all’accertamento dell’interesse e il grado di partecipazione e alla qualità di tale partecipazione di ogni singolo alunno. In tutti gli argomenti è stato raggiunto un buon risultato. OSSERVAZIONI GENERALI La classe composta da 19 alunni di cui 4 non si avvalgono dell’insegnamento. In questa classe ho potuto svolgere 23 lezioni. Il programma è stato elaborato a partire dalle loro domande di carattere antropologicoesistenziale e di cultura religiosa.

Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010


45 In tutti gli argomenti è stato raggiunto un buon risultato,la loro partecipazione è stata assidua, adeguata e attinente alla proposta didattica. La condotta è stata ottima.

Documento di classe

Classe V sez. E

Esami di Stato 2010

5E Alberghiero  

Documento Consiglio di Classe 5E Alberghiero