Page 1

1

SETTORE SVILUPPO ECONOMICO

REPORT DELLE INIZIATIVE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA DEDICATE AI TERRITORI COLPITI DAL SISMA

A)

Bando POR FESR Asse 4 Attività 4.3.2 “Sostegno alla localizzazione delle

imprese” Le domande

delle imprese complessivamente pervenute sul bando (scadenze:

7

settembre e 1 Ottobre 2012, 12 Febbraio 2013 ) sono state 81, (di cui 3 di competenza della Provincia di Modena e ad essa inoltrate). Delle 78 istanze di competenza della Provincia di Bologna : nr. 7 imprese (1° call) figurano nella “Graduatoria agibili”, di cui nr. 2 non ammesse; nr. 71 imprese (di cui 55 della 1° call, 11 della 2° call, 5° della 3° c all ) figurano nella “Graduatoria inagibili”. Di queste nr. 19 non sono state ammesse (di cui 13 della 1° call, 5 della 2° call, 1 della 3° call ), per complessive nr. 21 istanze non ammissibili e restanti n. 57 istanze ammesse. Ad oggi n. 3 Imprese inagibili (1° call) hanno rinunciato al contributo per vari motivi: abbandono del progetto di delocalizzazione, cessazione, impossibilità di ottenere un prestito dall'istituto di credito, per circa € 40.000,00 di economie. Si tratta di due imprese di Crevalcore e 1 di san Giovanni in Persiceto. Ad oggi le istanze finanziabili sono quindi 56 (un'impresa ammessa con riserva é stata esclusa dal bando in fase di concessione) di cui 52 già finanziate in quanto perfezionati gli atti di concessione. Restano in attesa di concessione, previa delibera regionale, n° 3 imprese della terza call (che saranno finanziate mediante le economie maturate sulle call precedenti). Sono cinque le imprese che si sono delocalizzate in Comune diverso da quello di origine, di cui 2 fuori provincia.


2

Sulla prima call abbiamo due aziende (inagibili) di Pieve di Cento che si sono spostate, rispettivamente, nel comune di Cento e nella frazione di San Matteo della Decima (S. Giovanni in Persiceto) e una azienda di Crevalcore (agibile) che Giovanni in Persiceto.

si trasferisce a San

Della seconda e terza call abbiamo due aziende inagibili di

Crevalcore che, rispettivamente, si spostano una a S. Agata Bolognese, l'altra fuori provincia (Comune di Bomporto, Provincia di Modena).

Investimenti: Complessivamente le aziende hanno presentato investimenti per un ammontare di circa â‚Ź 1.740.000,00, di cui ammissibile 990.000,00 circa, prevalentemente dedicati ad acquisto di arredi ed attrezzature di ufficio, tinteggiature, piccoli lavori di ristrutturazione, intonaci etc.. In Crevalcore si segnala in particolare l'intervento relativo al gruppo di 5 aziende costituito in Comitato che tramite l'acquisto delle casette in legno ha potuto implementare uno specifico progetto di aggregazione denominato "Happy Centro".

Contributi concessi. L'ammontare complessivo delle risorse messe a disposizione della Provincia di Bologna ammonta a circa 660.000,00. In merito alla composizione delle aziende beneficiarie, per tipologia , il seguente prospetto mette in evidenza che le imprese del commercio sono quelle che numericamente hanno avuto piĂš fabbisogno, rappresentando circa il 60% delle risorse complessive impegnate sul bando. Ammontare agevolazioni approvate per settore

AGEVOLAZIONI PER SETTORE

Importo totale dei contributi concessi (1^ e 2^ call) Importo totale dei contributi prossimi alla concessione (3^ call)

Importo totale dei contributi

TOTALE

Artigianato (Sezione Industria (Sezione Commercio (Sezione Serv izi (Sezioni I-J-K-LC - Artigianato artistico c) G) M-N-Q-R-S) e di serv izio)

617.098,48

15.000,00

45.000,00

391.174,18

165.924,30

43.789,60

0,00

0,00

0,00

43.789,60

660.888,08

15.000,00

45.000,00

391.174,18

209.713,90


3

Nel dettaglio qui di seguito si evidenzia invece la composizione per Settore e per Comune delle somme già concesse o prossime alla concessione su tutte e tre le call.

Ammontare agevolazioni concesse per settore e Comune ( 1° , 2° e 3° call) AGEVOLAZIONI AMMESSE PER SETTORE

%

TOTALE

Comune di Crevalcore

64,93%

Comune di Pieve di Cento

18,47%

Comune di S. Giovanni in Persiceto

11,24%

Comune di S. Pietro in Casale

1,10%

Comune di Malalbergo Fraz. Altedo

4,25%

429.117,68 122.096,80 74.284,00 7.280,00 28.109,60 660.888,08

Totale

Artigianato (Sezione Industria (Sezione Commercio (Sezione Servizi (Sezioni I-J-K-LC - Artigianato artistico c) G) M-N-Q-R-S) e di servizio)

15.000,00 0,00 0,00 0,00 0,00 15.000,00

30.000,00 0,00 15.000,00 0,00 0,00 45.000,00

298.953,38 47.936,80 44.284,00 0,00 0,00 391.174,18

85.164,30 74.160,00 15.000,00 7.280,00 28.109,60 209.713,90

N.B. Si consideri che nell'ambito della categoria servizi sono stati ricompresi la ristorazione (cod I ) e gli artigiani di servizio (tra cui i parrucchieri e

riparatori e

manutentori) .

Stato dell'arte della fase attuativa del bando. Allo stato attuale sono state rendicontate esclusivamente domande finanziate di aziende della prima call. Sono state presentate 17 rendicontazioni di cui 9 su Crevalcore, 6 su Pieve di Cento, 1 su San Giovanni in Persiceto, 1 su San Pietro in Casale. Nove sono le aziende pagate di cui 5 su Crevalcore e 4 su Pieve di Cento per un totale di circa € 94.000,00 . Qui di seguito le rendicontazioni già pagate nel dettaglio per Comune e tipologia:


4 Ammontare agevolazioni erogate per settore e Comune 1^ call non agibili Artigianato Industria (Sezione (Sezione C c) Artigianato artistico e di serv izio)

Commercio (Sezione G)

Serv izi (Sezioni IJ-K-L-M-N-Q-R-S)

15.000,00

34.483,58

0,00

0,00

0,00

15000

14792

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

Comune di San Pietro in Casale

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

Totale

94.275,58

15.000,00

15.000,00

49.483,58

0,00

AGEVOLAZIONI EROGATE

TOTALE

Comune di Crevalcore

64.483,58

15.000,00

Comune di Pieve di Cento

29.792,00

Comune di San Giovanni in P.

Allo stato attuale risulta che le imprese che stanno rendicontando hanno utilizzato integralmente il contributo; le economie per minore spesa ammontano infatti attualmente a â‚Ź 3.300,00.


5

B) POR FESR Asse 4 Attività 4.3.1 “Allestimento di aree destinate ad attività economiche di servizio" Sono state presentate tre domande di cui ammissibile la sola domanda del Comune di Crevalcore relativa al progetto dedicato al Centro Agricoltura e Ambiente Giorgio Nicoli S.r.l. per una spesa ammessa di € 215.446,00.

E' già stata approvata e sottoscritta

l'apposita convenzione tra la Provincia di Bologna e il Comune di Crevalcore. L'intervento ha lo scopo di mantenere, presso la prestigiosa sede del Castello dei Ronchi, di proprietà del Comune, il Centro Agricoltura e Ambiente e le sue attività di ricerca e sperimentazione in campo ambientale garantendo l'operatività dei laboratori di ricerca. le attività sono in fase di implementazione operativa : è già stato redatto il computo di massima dell'opera

(quadro economico complessivo)

con la previsione di una

compartecipazione finanziaria da parte del Comune di Crevalcore.

Si prevede

internamente di ricoprire i ruoli di responsabile del procedimento, progetto architettonico ed impiantistico, direzione lavori, mentre sono in corso di affidamento gli incarichi di progettazione e direzione lavori degli elementi strutturali, e del collaudo statico in corso d'opera.


6

C) Report relativo allo stato di attuazione bando provinciale per interventi urgenti di salvaguardia dei centri commerciali naturali Nel Luglio del 2012 la Provincia di Bologna ha messo a disposizione risorse in conto capitale per interventi urgenti di salvaguardia dei centri commerciali naturali: la dotazione complessiva di 150.000,00 è così stata suddivisa: € 90.000,00 al Comune di Crevalcore, € 40.000,00 al Comune di Pieve di Cento e € 20.000,00 al Comune di S. Giovanni in Persiceto per l'attuazione di interventi sulle seguenti due principali linee direttive: . a) allestimento di aree attrezzate a fini di delocalizzazione collettiva; allestimento di aree mercatali pubbliche; interventi di messa in sicurezza di immobili di proprietà del Comune ai fini della immediata riapertura degli esercizi commerciali delle cd “zone rosse”. b) concessione di contributi a fondo perduto in regime “de minimis” ai sensi del Regolamento 1998/2006, per il ripristino e il riallestimento degli esercizi commerciali colpiti dal sisma. Entro il 31 dicembre si è provveduto ad erogare a ciascun comune una anticipazione pari al 50% delle risorse assegnate. Questo lo stato attuale dell'arte. S. Giovanni in Persiceto: Il fondo di € 20.000,00 è stato finalizzato alla concessione di contributi alle imprese danneggiate dal sisma, tramite procedura ad evidenza pubblica per la presentazione delle manifestazioni di interesse e la ripartizione dei contributi tramite apposito Avviso. Allo stato attuale sono state finanziate 3 imprese per una cifra complessiva pari a circa 12.000,00. Pieve di Cento In merito alle risorse concesse dalla Provincia si informa che il contributo di €. 40.000 è stato regolarmente impegnato. Questa somma, assieme con ulteriori €. 80.000 circa di fondi comunali, saranno utilizzati per la sistemazione definitiva della Piazza Andrea Costa, sede naturale e principale del mercato settimanale e delle altre iniziative commerciali. Poichè sono ancora in corso lavori di altri cantieri sulla Pinacoteca comunale, sul Palazzo municipale e su alcuni edifici privati, tutti affacciantisi sulla Piazza stessa, i lavori di rifacimento della Piazza avverranno a conclusione degli altri cantieri, a partire, presumibilmente, dal mese di luglio 2013.


7

Crevalcore: Per quanto riguarda l' allestimento aree attrezzate ai fini della delocalizzazione collettiva, si è proceduto all' allestimento dell'area di delocalizzazione collettiva denominata "HAPPY CENTRO" (n. 8 attività commerciali e di servizio) e sono stati realizzati interventi di allaccio a rete idrica e elettrica e installazione segnaletica verticale e guard-rail; Per quanto riguarda l' allestimento di aree mercatali pubbliche è stata installata una nuova segnaletica verticale presso il parcheggio del centro commerciale "CREVALCORE 2" che costituisce la nuova area mercatale; Sono stati inoltre messi in campo interventi di messa in sicurezza immobili di proprietà comunale per immediata riapertura esercizi commerciali , in particolare sono in corso i lavori di messa in sicurezza del Teatro Comunale ubicato nl centro storico, Via Matteotti. Per quanto riguarda la concessione di contributi a fondo perduto per ripristino e riallestimento singoli esercizi commerciali, al momento non risulta destinata nessuna somma.


8

PANORAMICA SULLO STATO ATTUALE DELLE ATTIViTA' COMMERCIALI DEL CENTRO STORICO IN TERMINI DI CHIUSURE, DELOCALIZZAZIONI, RIENTRO NELLE SEDI ORIGINARIE

San Giovanni in Persiceto Si fa rilevare che i centri storici di San Giovanni in persiceto e di San Matteo della Decima non hanno subito crolli e quasi tutte le imprese si sono attivate per interventi di ristrutturazione ovvero di riprisitono dell'agibilità sostepesa. Nei casi più gravi si sono delocalizzate in locali prossimi nella zona. Peraltro alcune imprese provenienti dalle zone più fortemente colpite dal sisma si sono trasferite nel Comune di S. Giovanni, in particolare 4 aziende, di cui due provenienti da Crevalcore (abbigliamento e produzione e vendita birra), e due dalla Provincia di Modena (Cavezzo e Concordia sulla Secchia) abbigliamento e attività di fustellatura.

Pieve di Cento In merito alle delocalizzazioni, sono pervenute 13 richieste, tutte autorizzate, 3 delle quali per sedi fuori Comune. Ad oggi la maggioranza di tali delocalizzazioni sembra avere carattere permanente o, comunque, per tempi molto lunghi. Le chiusura di esercizi direttamente imputabile ai danni da terremoto sembrano essere pochissime, mentre più numerose sono le chiusure dovute alla situazione economica generale che, ovviamente, il terremoto ha peggiorato. In generale si riscontra un notevole appesantimento della situazione degli esercizi commerciali e delle attività di artigianato di servizio (in particolare del Centro storico), anche a causa del decentramento periferico del mercato settimanale e di altre iniziative commerciali, visto il perdurare della situazione di parziale inagibilità della Piazza e di parte delle vie circostanti.

Crevalcore: La situazione attuale degli esercizi commerciali nel centro storico risulta essere:

13 attività chiuse o in sospensione 30 attività delocalizzate 8 attività che hanno ripreso nei locali originari .


9

REPORT SULL'ATTUAZIONE DELLE INIZIATIVE DI ANIMAZIONE POST TERREMOTO TRAMITE CONTRIBUTO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA La Provincia di Bologna ha stanziato € 42.000,00 correnti dedicate ad azioni di animazione dei territori della Provincia colpiti dal sisma. Il coordinamento e l'organizzazione delle azioni delle azioni è stato affidato, tramite convenzione gestionale, ad Agen.ter. In allegato il report delle attività ad oggi avviate .

Provincia bologna report azioni post sisma commercio  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you