Page 1

quotidiano

NUOVA EDIZIONE

Anno 10 n. 103 - Martedì 7 giugno 2011 - Sant’Antonio Maria Gianelli

l’informazione free press

Direttore Responsabile: Giuseppe Tagliente - Registrato al Tribunale di Vasto n. 102 del 22/06/2002 Redazione: Corso Italia n. 1 VASTO Tel. & Fax 0873.362742 - Pubblicità: Editoriale Quiquotidiano Corso Italia,1 VASTO - mail: redazione@quiquotidiano.it Stampa Edizioni Il Castello - Martano Editrice (BA) www.quiquotidiano.it in distribuzione gratuita tutti i giorni tranne la domenica e lunedì

Onestamente, occorre dirlo A Vasto è accaduto che un qualcuno abbia voluto introdurre, nel rapporto stampa e istituzioni, il concetto di onestà/disonestà: un parametro comportamentale che non attiene – a suo dire - all’obiettività o alla falsità delle notizie, ma al come ti rapporti con chi ha in mano le leve del governo di un luogo. Qualcuno prima di reagire si è anche documentato e ha appreso che, per quanto disdicevole e inappropriato. il termine “disonesto” non appare poi così offensivo! Eppure la nostra società, sia che si esprima in termini politici, sia su temi che attengono alla vita individuale o civile, è bene che torni a interrogarsi sui valori fondanti per un suo corretto sviluppo. In Croazia, il Papa ha riproposto all’attenzione della platea e dei media il tema fondamentale dei giovani e della famiglia. Si può essere d’accordo o meno fideisticamente con la Chiesa sulle unioni coniugali, sempre più estemporanee e privatistiche, ma non si può negare che il corretto rapporto coniugale e poi famigliare sta alla base “del come” un uomo e una donna affronteranno, nella vita e per essa, rapporti privati e pubblici; non a caso la famiglia è considerata embrione della stessa società civile. Al contrario, un’intellettualità che si dice ‘progressista’, in realtà tuttora condizionata dall’ideologia ateo-marxista o da un liberismo edonista frutto della perdita delle idealità spirituali, va affermando che è possibile fare, in ogni settore della vita privata e consociata, tutto ciò che si vuole. Viene detto “uno spirito nuovo e moderno”, un “sano laicismo”, di fatto ha introdotto nelle coscienze un deleterio relativismo materiale e socio-compartamentale. I risultati sono quelli che conosciamo: individualismo gretto e prevaricatore, sino alla facile soppressione Migliaia didell’altro, visite ognifamiglie giorno,inesistenti o disgregate, obiettivi ‘politici’ strumentali alla conquista del contenuti extra, video e... potere socio-ecomico. la tua TV 24 ore su 24 sempre sulla notizia! Giuseppe F. Pollutri Continua a pg. 2

quotidiano on line

WebTV

Traffico e pericoli in aumento sulla Statale 16 Un’altra estate alle porte: sollecitano più sicurezza i residenti di Vasto Marina

Aspettando la tanto attesa variante alla Statale 16, in cima ai ‘sogni’ bipartisan di esponenti politici di centrosinistra e centrodestra (tanto per citare due esempi, il sindaco Luciano Lapenna e il consigliere regionale Antonio Prospero), torna d’attualità la pericolosità dell’arteria nazionale, in particolare nel tratto in direzione San Salvo in territorio di Vasto Marina, in località San Tommaso. Con l’estate che ormai si avvicina a grandi falcate si riempiono ancora di più di persone i nume-

Seguici su www.quiquotidiano.it quotidiano on line Seguici su

www.quiquotidiano.it

rosi complessi residenziali sorti nell’area, in particolare quelli a destra della strada in direzione sud. Realtà per lo più ‘extraur-

bana’ fino a qualche anno fa, ora la Statale, nel punto considerato, è di fatto una strada urbana. Continua a pag. 2

In volo su Vasto

Servizio a pag. 5

e scrivici a redazione@quiquotidiano.it


VASTO quotidiano l’informazione free press

di Travaglini Nicola

martedì 7 giugno 2011

2

Infissi in alluminio e alluminio-legno, Infissi in PVC, cassonetti in PVC, Infissi in legno e Legno-Alluminio, Porte passa camere in legno e alluminio Tapperelle in Alluminio - Ringhiere in Alluminio

Elezioni, velleità e resistenze

L’incontro con iscritti e simpatizzanti del PdL presso l’hotel Sabrina, convocato dal consigliere Guido Giangiacomo, ha avuto il merito di chiarire, se mai ve ne fosse stato bisogno, le velleità, le resistenze e le invidie di personaggi che avevano in già dato dimostrazione del proprio valore. Non voglio dire che qualcuno non avesse il diritto di indicare in Tagliente, più che in Prospero, il colpevole della debacle elettorale: non posso però fare a meno di fare

Dalla prima Parallelamente i giovani oggi hanno sempre minori possibilità e capacità di avere gli strumenti per uno sviluppo personale e poi collettivo. E’ dovuto – sia chiaro - non a una “politica sbagliata”, ma a politici che, persino individualmente, predicano bene (e neppure più tanto)

alcune osservazioni che ritengo pertinenti. Senza voler indicare una priorità nelle accuse cominciamo con quella che appare ribadita. C’è bisogno di una nuova classe dirigente, i giovani, forze nuove, ecc. Questa l’accusa più frequente nei confronti di Tagliente: ci può stare? Certo che ci può stare, ma il rovescio di questa medaglia è costituito dal fatto che evidentemente i suoi coetanei e compagni di cordata, a partire da Pietrocola, Desiati e defilati vari dove

erano? Dove sono stati? Quale contributo personale hanno portato al rinnovamento/ringiovanimento del partito? Chi c’era nei direttivi prima e dopo la “fusione”? Quanti direttivi ed assemblee sono state fatte? Altra accusa nei confronti di Tagliente si riferisce alla scelta del candidato Della Porta, considerato inadeguato per “età” e per “vastesità”: a parte il fatto che il nome è venuto fuori dopo oltre otto mesi di incontri e trattative, dopo che una serie di nomi, per un motivo o per l’altro erano stati oggetto di veti incrociati e di ritiri spontanei e non, risulta che sul tavolo di Fabrizio Di Stefano e Mauro Febbo sia arrivata la proposta con le firme dei coordinatori del PdL: o non è così? O, se c’erano altre riserve, perché queste non sono state avanzate nelle sedi opportune?. Nessuno si è posto la domanda del perché fosse stato scelto un nome che era e doveva essere al di sopra delle parti, un nome di garanzia

Onestamente, occorre dirlo e razzolano male. Il termine “disonestà” dunque potremmo forse utilizzarlo meglio ad un modo di essere uomini pubblici (non solo politici) che non possono certamente dirsi esempio per i giovani, nè attori adeguati per dare ad essi sprone, possibilità sociali, occupazione.

Per restare all’Italia: celebrazioni per l’Unità Patria, onore alla bandiera, momumenti alla Costituzione dei Padri ..., certo, ma se “siamo alle pezze” (individualmente e nelle istituzioni) a chi o cosa lo dobbiamo? Onestamente... Giuseppe F. Pollutri

come si suol dire, che aveva l’unico scopo di evitare lo scontro tra “visioni diverse”, con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti, nel senso che qualcuno della coalizione non ha avallato le decisioni adottate nella sera del “quasi apparentamento”. Un elettore ingenuo, quanto sprovveduto, farebbe questo ragionamento: il gruppo Tagliente - Prospero (colpevole di aver scelto Della Porta) non può non averlo votato!, il gruppo Giangiacomo - Sigismondi ((coordinatori del PdL) non può non averlo votato. Restano i gruppi UDC e Progetto per Vasto sui quali esprimo riserve nel senso che, al di là delle persone, il fatto che l’UDC faccia la politica dei tre forni, a destra, al centro e a sinistra, ne pone in risalto l’ambiguità a livello nazionale e locale. Non è chiaro neanche il comportamento del gruppo Desiati a cominciare dal manca-

Dalla prima

to apparentamento, per finire con la sua assenza dal palco durante il comizio di chiusura: fatto che i cittadini hanno interpretato come una presa di distanza dagli accordi prima sottoscritti. Senza contare che non si può pretendere, come ha fatto Desiati il commissariamento del PdL (prontamente concesso) e poi dichiararsene autonomo! E’ roba di comiche finali! Anzi le comiche finali sono state raggiunte dall’ex sindaco Pietrocola già soddisfatto di essere stato l’artefice della prima sconfitta del centro destra con una amministrazione piuttosto scadente ed ancor più soddisfatto della nuova sconfitta. Corretta l’analisi di D’Alessandro su cui si può non essere d’accordo su tante cose ma su tante altre ha mostrato una visione “politica” e non personalistica delle vicende vastesi. Elio Bitritto

Traffico e pericoli in aumento sulla Statale 16

Il limite di velocità di 50 chilometri orari esiste ed è evidenziato lungo la percorrenza, il problema è che molti automobilisti lo superano, e nemmeno di poco, mettendo oltremodo a rischio soprattutto i pedoni che attraversano sulle strisce pedonali e non solo. Un ultimo incidente, qualche sera fa, con una donna investita nei pressi di un albergo della zona, conferma come il tratto in questione

sia effettivamente insidioso. I residenti e i turisti ‘cittadini provvisori’ chiedono maggiore attenzione, sia da parte delle forze dell’ordine per i controlli che dagli amministratori comunali. Il semaforo all’ingresso di Vasto Marina, all’inizio di viale Dalmazia, ad esempio - sottolineano alcuni abitanti dell’area -, è continuamente fuori uso e questo pure accresce rischi e pericoli.


STUDIO PARRUCCHIERI

VASTO quotidiano l’informazione free press

Via Lago, 27 (Portale S. Pietro) VASTO - Tel. 0873 368077

martedì 7 giugno 2011

“Dimenticate le sonore bocciature passate?”

Confronto nel centrodestra: parla Prospero Intervento del consigliere regionale di Rialzati Abruzzo

"Sarebbe facile replicare, con cattiveria che non mi appartiene, agli attacchi personali che mi hanno rivolto esponenti locali della mia area politica. Mi limito soltanto a ricordare loro la sonora bocciatura ricevuta dagli elettori nelle precedenti elezioni comunali del 2006. In quella competizione elettorale l’amministrazione uscente PietrocolaGiangiacomo e il partito di Forza Italia conseguirono appena il 10% delle preferenze degli elettori. Il sottoscritto, invece, poco più di due anni fa è stato

eletto in Regione in una lista civica, senza l’ausilio di alcuna struttura di partito, e solo grazie alla stima e all’affetto degli elettori". Così Antonio Prospero, consigliere regionale di Rialzati Abruzzo, in merito alle accuse piovutegli addosso (coinvolto con lui il collega alla Regione del Pdl Giuseppe Tagliente) a poca distanza dall'incontro "Centrodestra, il giorno dopo", promosso dal consigliere comunale Guido Giangiacomo. "Concordo con le analisi del voto fatte da D’Alessandro e Della Porta, al quale va

un ringraziamento e tutta la mia stima personale. Detto questo - aggiunge Prospero - invito tutti gli esponenti locali del centrodestra ad abbandonare i vecchi personalismi, le smanie di visibilità seppellendo per sempre gli antichi risentimenti. Solo insieme possiamo lavorare per il bene di Vasto e ricreare una nuova classe dirigente da presentare alla collettività nei prossimi appuntamenti elettorali. In tutte le liste che hanno sostenuto Della Porta ci sono dei validi giovani con la passione per la politica. Da loro e con loro dobbiamo ripartire per rifondare il centrodestra vastese. Concludo ricordando a tutti che abbiamo ancora a disposizione 3 anni di amministrazione di centrodestra in Provincia e in Regione che dovranno essere sfruttati al meglio per portare benefici al nostro territorio".

3

Rapina al Conad: arresto bis L’episodio il 15 aprile in via Alfieri E’ fissato ad oggi, in Tribunale a Vasto, l’interrogatorio di garanzia di Corrado Piazzese, il 32enne arrestato dalla Polizia per la seconda volta in poche settimane, ritenuto responsabile della rapina messa a segno il 15 aprile all’interno del supermercato Conad di via Alfieri a Vasto. Piazzese, assieme al 34enne sansalvese Luca Torricella, era stato arrestato il giorno dopo l’azione. Le telecamere del discount avevano filmato una persona col volto travisato da passamontagna che faceva irruzione nel punto vendita, minacciando con un coltello madre e figlia quattordicenne vicino al banco freschi. Erano stati alcuni testimoni ad aiutare gli agenti a ricostruire la targa dell'automobile e da quell'indizio gli investigatori erano riusciti a risalire a Torricella. La sera stessa veniva eseguito anche l'arresto di Piazzese, che si

Il Mondo della Chiave

di Caserio Andrea

centro duplicazioni chiavi serrature - casseforti - porte blindate SERVIZIO A DOMICILIO

Corso Mazzini, 391 - VASTO - Cell. 347.3625387

dichiarava innocente adducendo di essere stato in tutt'altro luogo al momento del reato e l'uomo veniva scarcerato. Ma sabato scorso, su ordine di custodia cautelare emesso dal Gip, Anna Rosa Capuozzo, su richiesta del Pm Giancarlo Ciani, il 32enne è finito di nuovo in carcere. "Le nuove indagini, eseguite tramite la "comparazione del Dna", ha sottolineato il dirigente del Commissariato di Polizia Cesare Ciammaichella, avrebbero "dimostato la responsabilità di Piazzese nell’evento delittuoso". Secondo l'avvocato Angela Pennetta, legale di Piazzese, "l'arresto si basa sulla chiamata in correità effettuata da Torricella, mentre i risultati della prova del Dna non sono ancora depositati dal perito, il dottor Scuppia". Il difensore dell'indagato chiederà la scarcerazione. Decisivi saranno gli esiti della perizia sul Dna.

quotidiano l’informazione free press

3 000 copie in distribuzione gratuita per la pubblicità Giuseppe Giannone

Edda Di Pietro

333 3799353 - 339 8135256


VASTO quotidiano l’informazione free press

martedì 7 giugno 2011

Impresa Edile

4

Di Spalatro Costruzioni realizza e vende

Via M. Polo 24/B 66054 VASTO Tel. 0873 366062

Piccoli artisti (...e cittadini) crescono

Parlo di Artibus-Lab, di Bruno Scafetta & Daniela Madonna, artista l’uno, critico d’arte l’altra. L’arte, tutta di qualità, utilizzata non solo per fini estetico-comunica-

tivi ma – con le sue iniziative didattiche - come strumento di formazione e comunicazione. Usufruendo delle capacità e preparazione degli animatori, “i laboratori dedicati ai giovanissimi intendono sviluppare le attitudini disegnative, manipolative e pittoriche stimolando l’inventiva attraverso mirate scelte tematiche e tecniche”. Al tempo stesso, cosa non meno importante, “le performances dei giovani artisti favoriscono lo sviluppo di autonomia, la socializzazione e la collaborazione”, in ultima analisi “una crescita armoniosa e soddisfacente” di quelli che forse non diverranno artisti ma, in tal modo, sicuramente cittadini attenti alla bellezza della natura e della cultura crea-

tiva, al decoro e al rispetto delle cose, di sé e degli altri, del proprio habitat. L’occasione di questa mia nota trae spunto dalla Festa di fine anno, presso la sede del Laboratorio. Si è soprattutto evidenziata un’entusiastica partecipazione elaborativa, riassumibile nella fierezza del dire ...“questo l’ho fatto io!” Un qualcosa che appare infantile e in realtà indica una base di consapevolezza verso la partecipazione del singolo nella società e al contesto civico d’appartenenza. Dal punto di vista più artistico, non meno occorre rilevare nei lavori esposti un’accentuata qualità d’immagine e un’apprezzabile armonia cromatica nei manufatti decorativi, e, nella tematica paesaggi e ritratti,

chiari segni di una capacità pur a questa età di elaborare visioni e interpretazioni del mondo che ci accompagna e ci circonda. GFP

ARTIBUS è a Vasto, in Via Messina 2. Per maggiori approfondimenti e notizie si veda il sito www.laboratorioartibus.it


VASTO quotidiano l’informazione free press

martedì 7 giugno 2011

5

In volo su Vasto Uno sguardo suggestivo, a bordo di un piccolo aereo che sorvola la città, ammirando Vasto da un punto di vista diverso e affascinante. L'opportunità, concreta, la offre il gruppo del 'Volo Vasto' grazie a mezzi e strutture del campo volo di località Incoronata, nelle vicinanze del Parco Aqualand. Sabato, in occasione di una speciale 'Giornata del Volo', porte aperte a curiosi, appassionati e visitatori. E il fotoreporter Pierfrancesco Nardizzi, con la piena disponibilità del sodalizio, ha potuto... 'prendere il volo' e compiere così qualche scatto che vi proponiamo a corredo di questo articolo. In pista diversi ultraleggeri e due piccoli elicotteri oltre ad alcuni pezzi di aeromodellismo per gli amanti del settore. Ha fatto gli onori di casa il presidente Luigi Ciancaglini. Per molti il “battesimo del volo” con una fresca coppa di champagne.


VASTO quotidiano l’informazione free press

martedì 7 giugno 2011

6

“Coltiviamo un orto a scuola”, riconoscimenti per la primaria “Ritucci Chinni”

In bici per l’Unità d’Italia

Concorso regionale a Teramo

Tappa a Vasto nell’ambito del percorso Bari-Reggio Emilia

Presso la ludoteca tecnicoscientifica del Parco della Scienza di Teramo, gli alunni delle classi quarte, della scuola primaria “Ritucci Chinni”, hanno ricevuto un premio in denaro per essersi qualificati primi nel concorso del Progetto Speciale Multiasse ”Reti per la conoscenza e l’orientamento tecnicoscientifico per lo sviluppo della competitività” (RE.C.O.TE.S.S.C.). Gli alunni hanno partecipato al concorso con il progetto “Coltiviamo un orto a scuola”, che è parte di un progetto più ampio di riqualificazione dell’area verde comunale di pertinenza

della scuola, che coinvolge gli alunni dell’intero plesso scolastico. Molto graditi, sono stati i complimenti fatti agli alunni e ai loro insegnanti, dal direttore scientifico della Ludoteca, per la particolarità del progetto che è risultato molto interessante, per il suo carattere pratico e allo stesso tempo innovativo, per la riscoperta della Terra come fonte di ricchezza produttiva ed emotiva. Tale riconoscimento, premia l’impegno, la dedizione e la caparbietà degli insegnanti, degli alunni e di tutto il personale della scuola “Ritucci Chinni”.

In pieno corso il progetto nazionale “La strada giusta”

Ha fatto tappa anche a Vasto l’iniziativa sulle due ruote ‘La strada giusta’, progetto ideato per celebrare i 150 anni di Unità d’Italia dal Comune di Chiaravalle (Ancona) in collaborazione con la Federazione Italiana ‘Amici della Bicicletta‘. Domenica l’arrivo sulla tratta Foggia-Vasto, ieri mattina la ripartenza destinazione Alba Adriatica. Il tutto nell’ambito di uno dei sei percorsi proposti a livello nazionale (quello che ha interessato Vasto è Bari-Reggio Emilia)

per il progetto ‘La strada giusta’ che si concluderà a Torino. “L’obiettivo - spiegano i promotori dell’appuntamento - è di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza che l’Unità d’Italia ha avuto nella nostra storia, senza tralasciare anche gli aspetti negativi, con la consapevolezza che qualsiasi riflessione critica è opportuna per il miglioramento della vita di ogni individuo e, quindi, del Paese nella sua totalità“. Per certificare l’effettiva percorrenza in bici da un capo all’altro d’Italia, è

previsto che nelle cittàtappa i sindaci appongano su di una pergamena che riporta un estratto della Costituzione, timbro e firma di annullo (e così è stato anche ieri mattina a Vasto). La ripartenza del gruppo, nove persone che hanno fatto sosta all’Hotel Rio della Marina, c’è stata intorno alle 8.30. I cicloamatori hanno percorso un tratto della pista ciclabile della riviera, sottolineandone la bellezza a ridosso della spiaggia. Michele Tana


SPORT quotidiano l’informazione free press

martedì 7 giugno 2011

7

Iannone in Spagna, il riscatto non c’è “Sono molto dispiaciuto per i fan e le persone che credono in me. Come sempre, il nostro obiettivo era ottenere un buon risultato ma la posizione in griglia non ci ha aiutati e il dritto non ha reso la situazione più semplice. Ce l’ho messa tutta e ho fatto il possibile, ma le cose si sono complicate in questo momento. Spero solo che tutto si sistemi al più presto e di poter tornare a divertirmi e lotta-

re con i piloti più veloci in pista”. A caldo è quanto dichiarato dal pilota vastese Andrea Iannone che, al Gran Premio di Catalunya, quinto appuntamento del Motomondiale, ha chiuso al quindicesimo posto. A Barcellona, sul circuito di Montmelò, il portacolori dello Speed Master Team era partito 22esimo in griglia, dopo la caduta del giorno precedente che, evidentemente, ha compromesso piazzamento

e condizione fisica. Per Andrea, dunque, rimonta parziale, risultando il più veloce nel warm up. A vincere la Moto 2, per la terza volta in questa stagione, su cinque Gp disputati, è stato il tedesco Stefan Bradl che consolida il suo primo posto nella graduatoria iridata. Dopo aver segnato la pole in ogni sessione di qualifica finora disputata, Bradl è salito ancora una volta sul gradino più alto del

podio grazie a velocità e, soprattutto, a intelligenza e tranquillità, ingredienti che, a quanto pare, sono richiesti dalla categoria. Iannone resta, comunque, in zona alta in classifica generale, anche se il suo distacco dal leader comincia a essere piuttosto pesante: è terzo, a quota 49 punti. Domenica prossima nuova tappa del Motomondiale con il Gran Premio d’Inghilterra a Silverstone.

Trofeo Città del Vasto, festa del podismo e dello Sport Quasi duemila atleti alla competizione valida per il campionato nazionale Master Fidal di corsa su strada Tanto entusiasmo e tanta soddisfazione dei partecipanti e degli organizzatori sono stati gli ingredienti principali della bellissima giornata di sport, quello con la esse maiuscola, che la città ha vissuto con il Trofeo Podistico ‘Città del Vasto’, giunto all’ottava edizione e, quest’anno, abbinato alla prova nazionale del campionato Master Fidal di corsa su strada. Domenica 5 giugno indimenticabile per la città vestita a festa per accogliere i circa 2.000 atleti giunti da tutta Italia, accompagnati da parenti e amici: non da meno la massiccia presenza nel ‘villaggio’ predisposto vicino al PalaBCC di Via dei Conti Ricci, ‘cuore logistico’ della competizione sportiva organizzata dalla Podistica Vasto presieduta dal dinamico Luigi D’Angelo.

Tra i partecipanti, con età minima 35 anni, anche ultraottantenni, come Mario Ferracuti e il Campione del Mondo Sergio Agnoli della Podistica Roma, in gara per la categoria M85. Il lungo ‘serpentone’ di corridori è partito dall’Istituto Tecnico ‘Filippo Palizzi’ ed ha affrontato un percorso duro e suggestivo per i continui saliscendi del circuito cittadino con gli arrivi, tra gli applausi dei presenti, sulla passerella rossa sistemata al traguardo, sempre su Via dei Conti Ricci. Al termine della gara, sono poco più di 1.200 a tagliare il traguardo: il primo, in 31’42”, è stato il pugliese Gennaro Bonvino; in campo femminile, invece, la prima è stata Paola Gabrielli, dell’Avis Perugia, con il tempo di 37’38”. Nono posto per il vastese Alessandro Brattoli, vinci-

tore dell’ultima edizione di Correre per Vivere, che ha corso con la squadra di Pescara. Il primo degli atleti di casa, invece, è stato Giovanni Viti, mentre per la Podistica San Salvo ha tagliato il traguardo in testa Massimo Miri. Una volta smaltita la fatica, spazio a premiazioni e riconoscimenti all’interno del palazzetto dello sport. Di seguito, i risultati nel maschile: per la categoria M35, primo assoluto Gennaro Bonvino (Nuova Atletica Giovinazzo), secondo Maurizio Leone (Cosenza K42) e terzo Antonio Gravante (Atletica Potenza Picena); M40 Antonello Baretta (Atletica Isaura Valle dell’Irno), M45 Giuseppe Pagano (Atletica Altopiano Trieste), M50 Francesco Barletta (Padania Sport), M55 Michele Gallo (Podistica Valtenna), M60 Giuseppe

Attolico (Montedoro Noci), M65 Nazario Cruciano (Podistica Sannicandro), M70 Bruno Manzetti (Athlon Bastia), M75 Antonio Nicola Ianniciello (Podistica Lucera), M80 Giampiero Alessio (Asv Schlern Bolzano), M85 Sergio Agnoli (Podistica Roma). In campo femminile, invece, Paola Gabrielli (Avis Perugia), Roberta Poggiatto (Running Roma) e Donatella Vinci (Road Runners Milano) sono arrivate prime nelle rispettive categorie F35, F40 e F45. Ancora: F50 Maria Loren-

zoni (Atletica 85 Faenza), F55 Chiara Boschini (Atletica 85 Faenza), F60 Franca Costantini (Podistica Amatori Teramo), F65 Teresa Di Carlo (Podistica Amatori Teramo), F70 Ofelia Mariani (Runners Chieti). Per la classifica riferita ai gruppi, il primo posto nel maschile è andato all’Avis Perugia, a seguire Podistica Valtenna e Atletica Isaura Valle dell’Irno (maschile); nel femminile, Atletica 85 Faenza, Runners Chieti e Atletica Avis Perugia. Michele Del Piano


Qui 7 giugno 2011  

Qui 7 giugno 2011

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you