Issuu on Google+

Anno II – n. 9 – Gennaio 2013

Sommario di Aurelio Mozzetta

1. L’editoriale: Buon Natale 2. Preghiera per le vocazioni

BUON NATALE

- Natale 2012

4. Luigi Maria e dintorni 5. Con Maria, come Maria 6. Glossolalie: Appunti, ricordi e saluti dal mondo

7. Vita di Famiglia 8. Il mio grazie a P. Monti 9. Forse non tutti sapevate che…

10. I vostri messaggi 11. Riconoscere vocazioni 12. La Porta Aperta 13. Nelle mani di un Amore più grande

14. XIX Mostra Artistica del Presepe

15. Orari Santuario ***

Penso a Maria, la vergine immacolata madre, di cui questa stagione è pienamente intrisa; e al suo sì a Dio, che non è omaggio accondiscendente a qualcuno padrone della sua vita, ma affermazione di volontà personale, di desiderio acceso e non più azzerabile, di scelta decisa e coerente. Poi penso a tutte le famiglie in difficoltà, ai no che sono costrette a dire e ai sì difficili che non riescono più neppure a pronunciare. Un pensiero preghiera. Preghiera quotidiana, continua, intensa, sofferta, accorata, pressante, fiduciosa, per tutti quelli che sperimentano la paura di fronte alle costrizioni della crisi; e per quelle famiglie, la cui difficoltà non è solo economica, ma coinvolge il futuro proprio e dei propri figli. La Madre porti la nostra supplica davanti al trono di Dio, suo figlio.

SANTUARIO BEATO LUIGI MARIA MONTI Via A. Legnani, 4 21047 - Saronno (VA) : 02 96 702 105 : 02 96 703 437 e-mail: santuario@padremonti.org sito web: www.padremonti.org C.F.: 93054190892 Conto corrente bancario intestato a: Santuario Padre Monti Cod. IBAN: IT27 C 08374 50520 00000 8801111 Cod. Bic.: ICRAITMMAE0 presso: Banca di Credito Cooperativo di Barlassina – Filiale di Saronno Causale: Offerte pro-Santuario o Sante Messe

1

- Parole montiane

Molte sono le sollecitazioni della stagione natalizia che darebbero contenuto a questa pagina, ma nessuna di esse m’è sembrata adeguata. Di fronte al mistero di un Dio che accetta di sottomettersi al dolore umano, non c’è parola che possa reggere. Di fronte alle sofferenze degli uomini, che spesso affannosamente si domandano perché Dio le permetta, non c’è parola che basti.

qui ho posto il cuore

3. Una preghiera per…


PREGHIERA PER LE VOCAZIONI

ATTIRA ANCORA A TE O Gesù, divino pastore delle anime, che hai chiamato gli apostoli per farne pescatori degli uomini, attira ancora a te anime ardenti e generose di giovani, per renderli tuoi seguaci e ministri; rendili partecipi della tua sete universale di redenzione, per la quale rinnovi ogni giorno il tuo sacrificio. Tu, o Signore, sempre vivo a intercedere per noi, dischiudi gli orizzonti del mondo intero, ove il muto supplicare di tanti fratelli chiede luce di verità e calore di amore; affinché rispondendo alla tua chiamata prolunghino quaggiù la tua missione, edifichino il tuo Corpo mistico, che è la Chiesa, e siano sale del mondo e luce della terra. (Paolo VI)

Natale 2012

È il bambino del Sud Sudan, che scappa con la sua mamma ai soldati che gli hanno ucciso il papà. È il bambino della striscia di Gaza che non riesce a capire perché a casa sua debba sentirsi straniero e sfollato. Se mai dovessimo dimenticarci di questi bambini, il bambolotto che mettiamo nel presepe sarebbe solo una beffa, un insulto, una bestemmia contro la vita. Gesù, carne martoriata dalla cattiveria dell’uomo, accetta di tornare, uomo tra di noi, per incontrare l’anima dell’uomo e ridarle lo splendore per cui il Padre l’ha creata.

qui ho posto il cuore

È il bambino di Kabul, che ogni notte non riesce a dormire per la paura dei nemici che continuano a sparare.

2

Gesù che nasce non è il bambolotto che mettiamo nel presepe.


* Preghiamo per Luisella, 62 anni, colpita da aneurisma aortico e operata d’urgenza a inizi dicembre. Padre Monti interceda per la sua salute e le favorisca la guarigione. * Per Suor Ida, nella sua grave infermità. * Per Fabio, 18 anni, in coma dopo un grave incidente con il motorino. * Per la piccola Michela, 5 anni: P. Monti l’aiuti a superare la malattia e sostenga la sua mamma in questo difficile momento.

Ricordiamo i defunti: - ricordiamo KI, morta il 27 novembre scorso. Il Signore l’ha accolta nelle sue braccia; noi l’abbiamo accompagnata con la nostra preghiera. - per Suor Annalisa Casati, delle Suore Apostoline, nata nel 1950 e morta il 30 novembre scorso:

“mentre la Liturgia faceva riascoltare, nella festa dell’Apostolo Andrea, il Vangelo della chiamata di Gesù sulle rive del lago, Gesù Maestro ha fatto risuonare la sua voce per lei, nel definitivo invito “Vieni dietro di me”.

Niuna madre sinceramente affezionata ai propri figli impiegherà così verso i medesimi le sue materne cure, come il Fratello Ospitaliere dovrà impiegare l’assistenza e servitù agl’infermi poverelli di Gesù Cristo. Quale Angelo consolatore mandato da Dio e dall’Immacolata sua Madre si appresserà al letto del loro dolore incessantemente, per sollevarli, per alleviare con amore le pene ed aiutarli in tutti i loro corporali bisogni, di giorno e di notte. (Costituzioni CFIC del 1881, capo V, Dell’Ospitalità ossia del servizio ai poveri infermi, 1)

qui ho posto il cuore

3

Fai pervenire la tua intenzione di preghiera all’indirizzo mail: unapreghieraper@padremonti.org e la comunità dei Frati di Casa Madre ti ricorderà nella preghiera del Rosario. Non dimenticare di scrivere il tuo nome e il paese da dove ci scrivi.


di Marco Perfetti

Non temere

qui ho posto il cuore

Salire alla Montina oggi, partendo da Bovisio Masciago, è un’esperienza di una manciata di minuti. Si raggiunge con una comoda carrareccia sulla quale transitano, senza difficoltà, le comuni automobili. Sulla cima, la vecchia e cadente cascina dei signori Galli è stata abbattuta per fare posto una nuova costruzione: un ristorante. Giorgio – il titolare – intelligentemente, ha utilizzato per ricostruire l’immobile, i canoni costruttivi settecenteschi tipici di questa zona. Il risultato finale è un complesso di edifici in cui, su tutto, risalta la sobria eleganza del manufatto in sasso e laterizio. Ha così conservato, con sapienza, il sapore del rifugio sicuro. Un luogo di ricovero per uomini fuggenti le chiassosità, luci, traffico delle nostre invivibili città. A dispetto dei cambiamenti, Luigi Monti non faticherebbe a riconoscere questa “cima” tanto amata. Gli alberi si sono naturalmente rinnovati, ma il sentiero che attraversa questi boschi è lo stesso: ti porta, con placido passo, ai laghetti, dall’altra parte della collinetta. Il senso di pace è immutato: lo avverti fin sotto la pelle. La Montina è un luogo privilegiato da Luigi e i suoi giovani amici. Qui trovavano sfogo alle ristrettezze degli ambienti in cui vivevamo. In quel tempo, in pochi locali, convivevano fratelli, genitori, nonni; a volte, i locali, erano anche invasi dai bachi da seta, tradizionale ed unica forma di reddito. Una composita e forse piacevole umanità, ma sicuramente riduceva allo zero lo spazio personale. Qui, alla Montina, si può respirare aria buona e muoversi liberamente, fare una corsa, giocare. Luigi sapeva poi ricomporre i ragazzi e immergersi con loro nella meditazione e preghiera. Una giornata nei boschi dove semplicità, gioiosità, preghiera, si mischiano con la natura, permette di trovare, senza fatica, la presenza benevola di Dio. È la ricetta di Luigi, buona ancora oggi per noi. Arrivo e partenza alla Montina erano sempre accompagnati da canti e allegria. Quei ragazzi, una volta, erano saliti in processione, partendo da Bovisio, tutti in fila dietro una lignea croce. La ritroviamo ancora sopra il pozzo, all’interno del ristorante. È l’unico manufatto giunto a noi direttamente dalle mani del Beato. Quando lascio la Montina per ritornare a casa, sorrido per il nome altisonante dato a questa collinetta, ma capisco che per quei giovani era come scalare una vetta altissima. La Montina è la collina più alta di tutte nei dintorni: per loro, quella più vicina al cielo di Dio. Non temere.

4

LA MONTINA


qui ho posto il cuore

Cara Maria, questa sera desidero parlare a te e di te, nostra madre beata, che dal cielo ci accompagni con amore affettuoso, tenero, forte. Se ne fossi capace, raccoglierei i sentimenti più cari di tutti noi, di Luigi Monti per primo, per offrirli a te come segno d'amore filiale, ma soprattutto a noi stessi per ravvivare e fortificare quell'amore. Non è facile parlare di te, Vergine benedetta. Si rischia sempre di caricare d’eccessivi toni le parole, quasi che tu fossi una dea irraggiungibile ed onnipotente, o di enunciare astratte teorie, inutile perdita di tempo, alle quali quasi mai la vita corrisponde; oppure si rischia la mitizzazione, l'apologia acritica, il miracolismo, la superficialità sentimentale… Nessun figlio parlerebbe così di sua madre. Magari, sì, affermerebbe che è la migliore delle madri, ne idealizzerebbe la bellezza e la carica affettiva, ma certo non ne farebbe una statua fredda e cristallizzata. Quando penso a mia madre, morta da trent'anni, ne ricordo i gesti, le parole, gli atteggiamenti del viso… ne ricordo perfino l'odore! Buonissimo odore di madre. Che sapeva di intimità (quando l'abbracciavo o quando, da piccolo, mi rifugiavo sul suo seno), di cose di casa, di lavoro e sudore, di pane, di farina, di legna da ardere, dell'acqua dei piatti da lavare… Una garanzia di concretezza. Un amore fatto di terra e di carne, ma fatto anche dei lunghi, monotoni e tanto dolci rosari sgranati le sere d'inverno davanti al fuoco, mentre lei preparava la cena e noi bambini pencolavamo con le nostre teste assonnate ad ogni "Ave Maria". E allora, lei lasciava le pentole, si avvicinava, raddrizzava la testa di uno o prendeva la più piccola in braccio e se la portava con sé, di nuovo tra pentole e fornelli, la testolina addormentata sulla sua spalla… cantilenando ancora avemaria, santamaria… Sto parlando di un mondo che non c'è più, cara madre mia, di una famiglia che non c'è più, di un'atmosfera che non era affatto magica; al contrario era dura, era molto faticosa, e faceva tanto freddo. Però era quella dell'infanzia, di tanti come me. Dolce nel ricordo e definitivamente morta. Anche il tuo mondo, Maria, non c'è più. E se noi volessimo farlo rivivere saremmo soltanto dei poveri stolti. Tu - come ogni madre "che non c'è più" - parli oggi ad un mondo e ad un figlio non più bambini, ma cresciuti, avviati su strade completamente diverse da quelle della tua giovinezza e della tua stessa giovane maternità. In questo mondo diverso, su queste strade nuove, ti ritroviamo madre, non con un sospiro di nostalgia né di vecchi odori ammuffiti né di rimpianto, ma con un sussulto vivo della vita che tu ci dai! Ti abbraccio forte. Abbracciami anche tu.

5

LETTERA A MARIA, la sera di NATALE


"PER STARE IN PIEDI dobbiamo stare prima in ginocchio". Credo che in questa linea sia nascosta la chiave della santità, non solo per noi religiosi, ma anche per tutti credenti. È la magna carta per tutti quelli che cercano il vero senso della vita. This idea has always been vague in my mind, but I have never found words to coin it as you have done. I almost broke down when you explained the implications of our crisis. I could not follow you further to the commentary on the readings. I believe the Lord will see us through and unveil his message embeded in our crisis. I can guess your sufferings. They are not unnoticed. I stand by you. Elvis

6 qui ho posto il cuore

Mentre aspetto pazientemente il mio turno nel negozio affollato del fornaio, recito mentalmente, sillabando: “Dacci oggi il nostro pane quotidiano” La commessa annuncia: “Servo il n° 25: che cosa desidera, bella signora?” Chiedo sette etti di bocconcini, un po’ croccanti, in parte morbidi: la fornitura necessaria e sufficiente per la settimana e per una dieta equilibrata. E mentre pago il contenuto, ancora caldo e profumato del sacchetto biodegradabile che stringo tra le braccia, può succedere che una grande pace mi invade. Companatico misterioso, impensato e miracoloso: non mi viene direttamente dal Cielo, ma dal sorriso della cassiera che mi dà il resto, dal breve dialogo con una vicina, dal ricordo d’una carezza trovata sul computer all’alba, dal grazie fin tropo umile sussurato dal primo mendicante col quale condivido un panino sulla strada. Continua spontaneamente la preghiera: “Rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori”. E la striscia di Gaza presente anche nel mio cammino, si fa sentiero fiorito e ponte da valicare per andare incontro all’altro o per lasciarmi raggiungere, finalmente! Fuggono fantasmi, paure, conflitti: forse cercheranno di persuadere altre vittime a cedere al male… ma non fanno i conti con Colui che è appena uscito, dopo quaranta giorni, dal deserto: vittorioso, dopo avere vinto le tre tentazioni che portano alla guerra e alla morte. A Lui chiedo, convinta , implorando: “Non permettere che io tradisca la tua fiducia. Fammi ritrovare la Tua pace, e rinnova in me, ogni giorno la forza e il desiderio di condividere pane e companatico con ogni persona che incontro e che non voglio più chiamare nemico”! Amen. SILOM


Fratel Gianluca con il Superiore Generale CFIC, Fr. Ruggero Valentini

qui ho posto il cuore

Fratel Gianluca Ferrara, in “arte” Fragian, si è consacrato a Dio per tutta la vita, durante una toccante cerimonia celebrata nel nostro Santuario il giorno dell’Immacolata, 8 dicembre. Insieme al P. Generale Fratel Ruggero, che ha accolto i voti, erano presenti Fratelli di varie Comunità, insieme ai familiari e tanti amici, tra cui il Coro di Brembilla (BG) che ha animato l’Eucaristia con preziosi canti, e lo staff di Radio Mater (il carissimo don Mario in primis), che ha trasmesso in diretta la cerimonia. Si è trattato di un momento intenso e spirituale. L’Immacolata e il Beato Monti accompagnino Gianluca nel suo cammino di donazione.

7

Si è tenuto presso l’Istituto Padre Monti, domenica 25 novembre, l’incontro internazionale di donne per parlare di pace intorno a una buona tazza di tè. Momento di eccezionale tensione estetica e spirituale (“sogno di leggere la pace insieme a te, su un tessuto di seta e di poesia, in tutte le lingue del mondo, con gli occhi delle donne e l’odio viscerale d’ogni madre contro la guerra”), durante il quale donne di diverse nazionalità hanno interpretato poesie sulla pace scritte nella propria lingua (italiano, spagnolo, francese, inglese, tedesco, giapponese, russo), con accompagnamento musicale e canto finale del coro di bambini. Un inno alla pace, all’accoglienza dei migranti, alla convivenza pacifica, alla collaborazione. Un’esperienza da ripetere.


Fratel Gioacchino Santoro

È partito durante i giorni della Novena dell’Immacolata, verso la sua nuova missione a Foz do Iguaçu, Stato del Paranà, Brasile, Fr. Gioacchino Santoro, giovane in ogni sua fibra (“non mi arrendo mai”), anche se si porta appresso i suoi buoni 63 anni. Su L’Albero di Luz, num. 23, del 4 dicembre scorso, ha scritto un articolo di saluto dove, tra l’altro, diceva: è molto difficile capire i piani di Dio, ma se il Vangelo conta qualcosa, anche io posso dire: Grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente e Santo è il suo nome… Dio si sta servendo per realizzare i suoi piani di una persona povera, non importante, vecchia e piena di acciacchi. So che sto lasciando tante sicurezze, tanti amici, tante cose buone ed il cuore è un po’ a pezzi. Ma ho capito una cosa: mi devo fidare di Lui. Gioas, noi ci fidiamo di te! E ti ringraziamo della tua disponibilità. Con la nostra preghiera in accompagnamento.

qui ho posto il cuore

Cari fratelli in Cristo, Dio è per noi rifugio e forza, aiuto sempre vicino nelle difficoltà. (Salmo 46,2) Il mio nome è Stefan S. e io sono uno studente di teologia cattolica, seminario prete Germania. I Santi sono per me modello di fiducia e la fede in Dio. Attraverso la mia guida spirituale, ho imparato a conoscere Beato Luigi Maria Monti e la grande forza della lui intercessione. In una grave crisi di fede, ho pregato a Beato Luigi Maria Monti. Lui mi ha aiutato! Come il Santo Papa ha proclamato l'Anno della Fede, vedo questo come un segno speciale di grazia e di benedizione. Così mi sento molto collegato a Beato Luigi Maria Monti e lo scelse per essere il mio Santo Patrono. Quindi vi chiedo cortese e umile per una reliquia del Beato Luigi Maria Monti. Una reliquia sarebbe una grande benedizione è destinato anche al culto pubblico nel nostro seminario sacerdote. Vorrei diffondere la devozione del Beato Luigi Maria Monti nel mio seminario prete. Sarei molto grato per i biglietti di preghiera, brochure e altre informazioni per dare ai miei amici e colleghi. Se una donazione è richiesta, per favore fatemelo sapere. Vi ringrazio per il vostro sforzo in anticipo. Uniti nella preghiera santa. Il Signore ci benedica. Stefan S.

8

riportiamo così come la scrive, in un bellissimo miscuglio linguistico mitteleuropeo, la lettera di Stefan


… a spulciar gli archivi e rimescolar le carte della storia, per sapere…

MP

qui ho posto il cuore

Caro Lorenzo Non puoi immaginare il piacere provato nel rivederti, ormai uomo, raccontare dall’ambone del Santuario di Padre Monti a Saronno la tua storia di volontario in Perù. La commozione che di solito si prova la prima volta che devi parlare di te a tanta gente, ti ha fatto inciampare nelle parole. Tuttavia hai saputo, ed è quello che conta, trasmetterci l’emozione del tuo dare la mano a quei bambini bisognosi, e con la forza della tua giovinezza ci hai sottoposto la necessità di una scuola con la richiesta di aiuto per realizzarla. La commozione è girata a noi. A me in particolare. Voglio così raccontarti un episodio che certo non ricorderai, eri molto piccolo. In un giorno d’estate intorno al 1995, siamo andati con i tuoi genitori e altri, sulla cima del monte Legnoncino. È una bella montagna che corona il lago di Como, ti fa godere, con una semplice salita, una

stupenda vista sul lago. Con noi i religiosi Fratel Ruggero e Padre Franco. Ci siamo fermati a mangiare al sacco. Poi tu, i tuoi fratelli, i bambini della compagnia, e il sottoscritto, abbiamo giocato, immaginando di essere una tribù di cacciatori primitivi. Ci mancava tutto e dovevamo inventarci utensili e armi per la caccia. Un gioco bellissimo che ci ha impegnato per ore. Ognuno doveva fare qualcosa per sfamare il gruppo. Tu, il più piccolo, a un tratto mi hai chiesto il ruolo che coprivo all’interno dei cacciatori. Ovvio, ero il grande vecchio. Da solo e in silenzio hai interpretato: “Questo è il Presidente”. Alla fine del gioco siamo ritornati alla Baita di Don Miro dove avevamo lasciato le automobili. Lì abbiamo deciso di chiudere la bella giornata con una sosta a Cermenate in una Pizzeria, al Settimo Cielo – il nome della pizzeria. Tu, con i tuoi, sei arrivato prima di noi. Avete fatto predisporre i tavoli per il numeroso gruppo che seguiva. Quando mi sono presentato nella sala con Padre Franco, mi hai guardato stupito e hai detto “Anche voi, Presidente, siete qui con noi. Che bello!” Il buon prete ha raccolto immediatamente questa tua affermazione. Per lui e altri sono stato il “Presidente” per molti anni a seguire. Ora dopo averti rivisto e sentito, vorrei tanto che riprendessi tu il titolo di ”Presidente”. Lo hai meritato e volentieri lo cedo indietro al suo autore, nella speranza che tu cresca ancora sano, generoso e bravo come sei ora. Grazie per la tua testimonianza.

9

… presidente. lettera a lorenzo


La rivista è molto bella e ricca

Grazie per il giornale. Auguri per la Festa della Congregazione e ricordi nella preghiera, sr. Ana Marija

Un augurio, caldo come i fogli del giornale che ho stampato (stampare è come togliere pane dal forno caldo!), perchè ho il tempo per leggere e far leggere “Qui ho posto il cuore” con più calma. Un abbraccio.

Auguri e preghiere assicurate. La rivista è molto bella e ricca.

Congratulazioni per il giornalino QPC che hai mandato. Molto interessante... L'ho letto tutto e adesso ti scrivo per ringraziarti. Ti ricordo nella messa. Dal Perù, padre Italo.

L’Immacolata ci mantenga nella fedeltà gioiosa! Lucio

Ringrazio di cuore per il bollettino e porgo i più sentiti e affettuosi auguri per la vostra Festa, anche a nome della Madre Generale che si trova in India. Assicuro una preghiera particolare secondo le intenzioni: la Vergina Immacolata conceda ciò che più vi sta a cuore. Sr. Paola.

10

Gracias. Comenzamos a prepararnos para nuestra fiesta, la fiesta de la familia montiana. Agradezco el envio siempre puntual de "Qui ho posto il cuore". Un abrazo fraterno y saludos a la comunidad, siempre unidos en oracion. Hno Cesar

Grazie per le tue preghiere, da tutto noi. Il Notiziario diventa sempre più ricco.

26 GENNAIO 2013 ORE 21,00 AUDITORIUM ISTITUTO PADRE MONTI SARONNO

qui ho posto il cuore

Con la vicinanza di sempre vivo la novena con te e con voi e l'augurio per la solennità è carico di fraternità e partecipazi one. sr. Goretta


Vorrei imitarli sempre: essi sanno sperare, anche sull’orlo dell’abisso, e osano pensare con indiscutibile fiducia in Dio che le cose evolveranno in meglio grazie alla preghiera! Essi credono che la crisi si supera gettando l’anima al di là dell’ostacolo… Gli Oranti del Salterio hanno l’ardire di pretendere la gioia da Dio, addirittura la anticipano, la reclamano, come le sentinelle che si levano prima dell’aurora, e sperano che il loro canto, il loro cuore, le arpe e le cetre diano la sveglia al sole. Essi mi insegnano che la felicità è una virtù operaia; se non si presenta all’ora convenuta, bisogna inseguirla, precederla, correre a destarla, laddove essa sonnecchia e dorme… Quando questa vita si rivela triste, l’unico modo per cambiarla è imparare a guardarla in una maniera diversa, dal punto di vista degli Oranti, i quali credono che ciò che si prega presto o tardi arriverà: con la preghiera essi gettano i sentimenti al di là dell’ostacolo, aspettando che il corpo possa presto raggiungerli. L’Orante non è uomo in dissolvenza, che ha già imparato a sublimare e nobilitare ciò che è selvatico; al contrario egli è uomo di carne e d’ossa, che conosce collera, violenza e sdegno, aggressività e furore, depressione, pace, tenerezza e amore, tradimento, silenzio e danza, morte e vita, dolore, gioia e risurrezione! Egli impara a guardare in faccia la realtà senza mascherarla, e non si stanca di chiedere che venga trasfigurata in Dio; un’antologia di minuscole cose concrete, spesse come la creta, eppure così ansiose di assumere la foggia dell’infinito e trasformarsi in supplica, in lode, in ringraziamento. Dove c’è un cuore con la fiamma accesa della nostalgia d’infinito, lì c’è un orante. Egli è un povero. Dove c’è un cuore povero che prega Gesù, lì c’è Gerusalemme. Dove c’è Gerusalemme, c’è la profezia, luogo di Speranza. La Speranza anima la preghiera. Sulle tue mura Gerusalemme ho posto sentinelle, non taceranno. Voi che rammentate le promesse, non prendete riposo finché non abbia ristabilito Gerusalemme e non l’abbia resa il vanto della terra. Prima che mi invochino io risponderò; mentre ancora parlano io già li avrò ascoltati (Isaia). La preghiera è parola da poveri, solo chi è ricco pensa di farne a meno. Amen, Alleluja! Maranatha! una monaca

qui ho posto il cuore

C

hi sono gli Oranti, perché esistono, che fanno? La tradizione cristiana e le mie letture rispondono: sono i custodi del desiderio di Dio, che sintetizzano nella propria condizione gli elementi del mondo a lode del Creatore… Sono sacerdoti dell’universo, che cercano Dio, là dove Egli aspetta; non si lasciano illudere dall’immaginario, ma credono in Chi ha costituito l’essere umano con un’anima immortale. Gli Oranti sanno stare sulle ali dell’aurora e negli abissi della terra… sono in mezzo, tra una riva e l’altra della vita, anzi dentro la vita del mondo pur sfiorando quella del cielo, gaudium et spes condividendo con tutti, nel mistero di una chiamata davanti alla quale ammutolire, come Giobbe… nel silenzio che si fa canto e grido e musica e lamento e danza. Gli Oranti pregano senza stancarsi, secondo il comando del Vangelo, perché custodiscono il desiderio di Dio, come fiamma accesa. “Se non vuoi interrompere la preghiera, non interrompere il desiderio. Il tuo incessante desiderio è la tua incessante voce di preghiera. Taci quando smetti di amare… Il raffreddarsi dell’amore è l’ammutolirsi del cuore. Il fuoco dell’amore è il grido del cuore” (Agostino). È la preghiera che produce gli Oranti, custodi della nostalgia di Dio. Sono poeti e profeti, operai e sentinelle, martiri sulle mura della Gerusalemme invisibile, poveri, esposti alla fragilità delle creature e alle intemperie della malvagità, feriti e guariti dalla luce sfolgorante di Pasqua; mangiano e bevono, faticano e si stancano, piangono e ridono, dormono e si svegliano, si ammalano e guariscono, cadono e si rialzano, fiduciosi e supplicanti, desiderosi e sponsali, camminano pur stando fermi… vegliano nella notte, nell’attesa certa dell’alba. Nella mia preghiera cerco di sintonizzarmi agli Oranti del Salterio, perché mi fido di loro. Desidero partecipare alla loro sinfonia. Essi mi affascinano perché inneggiano a Dio non solo quando le cose vanno bene, ma spesso proprio perché le cose vanno male o sono terribilmente neutre; e non hanno paura di chiamare bene e male per nome, perché hanno da perdere solo sé stessi, per una giusta causa: la ricerca del volto di Dio Padre.

11

Clausura e oranti. Chi sono gli oranti, perché esistono, che fanno?


12 qui ho posto il cuore

Sono una persona serena, consapevole di aver ricevuto molti doni: genitori che hanno svolto la loro opera secondo le leggi dell’amore intelligente e della coerenza; una sorella che è proprio “sorella” e molto di più; amici sui quali posso contare; un lavoro che amo; colleghi competenti e cordiali; un capo che è un vero punto di riferimento. Proprio su quest’ultima persona vorrei soffermarmi. È una dirigente scolastica che sa muoversi con alta professionalità nell’intricato garbuglio della scuola, che sa osservare, coordinare e ringraziare. All’inizio dell’anno accoglie gli insegnanti con un discorso che mette a fuoco un tema su cui lavorare. Un anno ci accolse donandoci idealmente una conchiglia ed espose considerazioni di autori sudamericani, aneddoti su Piaget, riferimenti a Nietzsche. Dal suo racconto seppi che Piaget, prima di dedicarsi agli studi di psicologia dell’apprendimento, faceva ricerche sui molluschi di lago. S’interessava di esseri dotati d’un corpo molle e indifeso, potenziali bocconcini per i voraci che abitano i fondali. I molluschi sarebbero scomparsi, se non avessero avuto la capacità di costruirsi conchiglie dure e bellissime: la loro protezione dai predatori. Non si sa cosa abbia indotto Piaget ad abbandonare i molluschi per la psicologia dell’apprendimento umano, ma è bello immaginare che abbia scelto secondo il principio della continuità. Inserito in una natura di predatori, l’essere umano è dotato di un corpo indifeso. Abbandonato alla natura col suo solo corpo, egli avrebbe avuto vita breve. Dalla debolezza è sorta la sua forza: il pensiero!, la conchiglia che l’uomo costruisce per poter sopravvivere. Il pensiero si evolve per rispondere a sfide vitali; si sviluppa nell’uomo come strumento per costruire la conchiglia, che la natura non gli ha dato. Proseguendo sulla scia con Zarathustra di Nietzsche, emerge che accanto ad una componente utilitaristica, denominata Ferramenta e volta a risolvere i problemi d’ogni giorno, esiste una componente inutile, ludica, chiamata Giocattolo, fonte del gusto e della gioia di vivere. L’uomo non solo parla, ma anche canta; non solo cammina, danza; non solo mangia, banchetta. Per sopravvivere coltiviamo ortaggi e sviluppiamo la scienza per migliorare la coltivazione, ma spendiamo tempo e forza nella produzione di cose inutili, come le rose, che non servono alla sopravvivenza, ma orientano i nostri sforzi all’appagamento della bellezza che ci abita. Le conchiglie sono funzionali alla sopravvivenza, ma sono anche oggetti stupendi: i molluschi sono geometri competenti nella costruzione di case, ma anche artisti che le rendono belle. La conchiglia può essere un simbolo dell’azione educativa. Lo scopo dell’educazione è quello di insegnare alle giovani generazioni a costruire case. È necessario che le case siano solide, per garantire la sopravvivenza ed ecco che la scuola insegna la scienza; ma bisogna anche che siano belle: la vita vuole gioia. Ed ecco che la scuola insegna le arti, educa i sensi. Le due domande su cui fummo chiamati a confrontarci, nella scelta delle attività da progettare e da realizzare con i ragazzi, furono: 1 Ciò che sto insegnando è uno strumento buono? Potrà l’alunno utilizzarlo per costruire la conchiglia, la sua casa? 2 Ciò che sto insegnando, contribuisce a far sì che il mio alunno diventi più sensibile alla bellezza? Aumenta la sua possibilità di armonia, di gioia, di stupore? Ferramenta e giocattolo, utilità e bellezza. Ferramenta e giocattolo, il riassunto dell’educazione. Anna Maria B.


Nelle mani di un Amore più grande ANNO DELLA FEDE (11 ottobre 2012 – 24 novembre 2013)

IL DESIDERIO DI DIO

qui ho posto il cuore

L’uomo porta in sé un misterioso desiderio di Dio: «Il desiderio di Dio è inscritto nel cuore dell'uomo, perché l'uomo è stato creato da Dio e per Dio; e Dio non cessa di attirare a sé l'uomo e soltanto in Dio l'uomo troverà la verità e la felicità che cerca senza posa» (Catechismo Chiesa Cattolica, 27). Una tale affermazione, che anche oggi in molti contesti culturali appare del tutto condivisibile, quasi ovvia, potrebbe invece sembrare una provocazione nell’ambito della cultura occidentale secolarizzata. Molti nostri contemporanei potrebbero infatti obiettare di non avvertire per nulla un tale desiderio di Dio. Per larghi settori della società Egli non è più l’atteso, il desiderato, quanto piuttosto una realtà che lascia indifferenti, davanti alla quale non si deve nemmeno fare lo sforzo di pronunciarsi... Ogni desiderio che si affaccia al cuore umano si fa eco di un desiderio fondamentale che non è mai pienamente saziato. Indubbiamente da tale desiderio profondo, che nasconde qualcosa di enigmatico, non si può arrivare direttamente alla fede. L’uomo, in definitiva, conosce bene ciò che non lo sazia, ma non può immaginare o definire ciò che gli farebbe sperimentare quella felicità di cui porta nel cuore la nostalgia. Non si può conoscere Dio a partire soltanto dal desiderio dell’uomo. Da questo punto di vista rimane il mistero: l’uomo è cercatore dell’Assoluto, un cercatore a passi piccoli e incerti. E tuttavia, già l’esperienza del desiderio, del «cuore inquieto» come lo chiamava sant’Agostino, è assai significativa. Essa ci attesta che l’uomo è, nel profondo, un essere religioso, un «mendicante di Dio»... Dobbiamo pertanto ritenere che sia possibile anche nella nostra epoca, apparentemente tanto refrattaria alla dimensione trascendente, aprire un cammino verso l’autentico senso religioso della vita, che mostra come il dono della fede non sia assurdo, non sia irrazionale. Sarebbe di grande utilità, a tal fine, promuovere una sorta di pedagogia del desiderio, sia per il cammino di chi ancora non crede, sia per chi ha già ricevuto il dono della fede. (Dobbiamo) imparare o re-imparare il gusto delle gioie autentiche della vita... Educare sin dalla tenera età ad assaporare le gioie vere, in tutti gli ambiti dell’esistenza – la famiglia, l’amicizia, la solidarietà con chi soffre, la rinuncia al proprio io per servire l’altro, l’amore per la conoscenza, per l’arte, per le bellezze della natura –, tutto ciò significa esercitare il gusto interiore e produrre anticorpi efficaci contro la banalizzazione e l’appiattimento oggi diffusi. Anche gli adulti hanno bisogno di riscoprire queste gioie, di desiderare realtà autentiche, purificandosi dalla mediocrità nella quale possono trovarsi invischiati. Diventerà allora più facile lasciar cadere o respingere tutto ciò che, pur apparentemente attrattivo, si rivela invece insipido, fonte di assuefazione e non di libertà. E ciò farà emergere quel desiderio di Dio di cui stiamo parlando… Il dinamismo del desiderio è sempre aperto alla redenzione. Anche quando esso si inoltra su cammini sviati, quando insegue paradisi artificiali e sembra perdere la capacità di anelare al vero bene. Anche nell’abisso del peccato non si spegne nell’uomo quella scintilla che gli permette di riconoscere il vero bene, di assaporarlo, e di avviare così un percorso di risalita, al quale Dio, con il dono della sua grazia, non fa mancare mai il suo aiuto. Tutti, del resto, abbiamo bisogno di percorrere un cammino di purificazione e di guarigione del desiderio. Siamo pellegrini verso la patria celeste, verso quel bene pieno, eterno, che nulla ci potrà più strappare.

13

(Benedetto XVI, Udienza generale 7 novembre 2012 - brani scelti)


qui ho posto il cuore

14


ORARIO DELLE CELEBRAZIONI DEL SANTUARIO GIORNI FERIALI 6.30 7.00 9.00 18.50

Lodi del Mattino (lunedì in cripta) Santa Messa (lunedì in cripta) Santa Messa Rosario e Vespro

TUTTI I GIOVEDÌ

15

18.30 Adorazione Eucaristica per le Vocazioni qui ho posto il cuore

DOMENICA E FESTIVI 8.30 Lodi del Mattino 9.00 Santa Messa 19.00 Santa Messa Sacerdoti a disposizione in Santuario P. Aurelio Mozzetta, rettore

P. Pierino Sosio

P. Roy Puthuvala

P. Elvis Lukong

QUI HO POSTO IL CUORE Direttore: Saverio Clementi. Redazione: Aurelio Mozzetta, Raffaele Mugione Hanno collaborato per questo numero: P. Aurelio Mozzetta, Marco Perfetti, Silom, Stefan S., P. Elvis Lukong, MP, una monaca Anna Maria B., Raffaele Mugione. Direzione: Via San Giacomo, 5 - 21047 – Saronno (VA) : 02 96 702 105 : 02 96 703 437

e-mail: quihopostoilcuore@padremonti.org

sito web: www.padremonti.org

(Nessun collaboratore percepisce compenso. Questo Notiziario è realizzato da volontari)


Qui ho posto il cuore Gennaio 2013