Page 1

2/2018

QUATTRO.ZERO LE OFFICINE DEL FUTURO

L’ECONOMIA CHE SFIDA LA CRISI OGGI È UN’IMPRESA POSSIBILE SETTE AZIENDE PUNTANO A VINCERLA

Prima tappa del viaggio nelle associate di Federlazio: sette realtà imprendito­ riali diverse, che operano in differenti settori e devono sopravvivere in quel­ la giungla di cavilli e norme stringenti chiamata burocrazia. La passione per il lavoro, la voglia di crescere e uscire dall’impantanamento di una crisi senza precedenti. Ma anche storie di uomini e di donne che si im­ pegnano, ce la fanno e raccon­ tano strutture occupa­zionali in corsa verso il futuro. Perché l’obiettivo che li unisce è quello di essere pro­ tagonisti della quarta rivolu­ zione indu­ striale, quella in cui tecnologia, digitalizzazione e know-how sempre più per­ formante sono gli ingredienti di un rinnovato modo di fare impresa. E sistema. Allegato al quotidiano

Testi Giulia Abbruzzese e Alessandra Celani

Concessionaria di pubblicità Pubblicittà srl

Progetto grafico Stefania Lucchetti

Via Fedele Calvosa snc ufficio.pubblicitta@gmail.com Tel. 0775 1890720

Direttore responsabile Dario Facci

Società editrice EDITRICE ITALIANA SRL

Direttore editoriale Gianluca Trento

Via Marittima, 330

Tipografia Polygraph

Impresa iscritta al R.O.C n.26730

Via Cellaro 03039 - Sora (FR)

Registrazione del Tribunale di Frosinone n.270 del 7 Aprile 1999

Tel. 0776 815181

Responsabile del progetto editoriale Giulia Abbruzzese


2

QUATTRO.ZERO

Tipografia da LA POLYGRAPH GUARDA SEMPRE AL FUTURO Enzo Canettieri racconta la storia di un’azienda nata nel secolo scorso con il nonno Bernardo Poi la modernità, il digitale e le nuove frontiere

C

resciuto a pane e inchiostro, sin dai

stemi digitali, oggi Enzo Canettieri, titolare di Roma nel 2007. Per un costo di ventimila

tempi del nonno Bernardo. Un mes­

della Polygraph di Sora, ricorda ancora con euro e una soddisfazione che non ha prezzo.

tiere, quello del tipografo, che lui non ha mai

orgoglio il prodotto che lo ha fatto entrare Canettieri ha portato avanti una tradizione

considerato un lavoro, nel senso più faticoso

nel guinness dei primati. Un catalogo di 264 di famiglia: la sua prima tipografia l’ha aperta

del termine.

pagine, delle dimensioni di un metro e ses­ ad Arpino, poi in località Anitrella, a Mon­

P

iuttosto un’arte, un piacere.

santa per un me­tro e sessanta, commissionato te San Giovanni Campano e, da dodici anni,

E così, appassionato prima dei mac­

da un tour operator e sponsorizzato dalla Fly a Sora, in via Cellaro. Accanto a lui la mo­

chinari tipografici e via via approdato ai si­

Emirates, in mostra alla Fiera del Turismo glie, Alessandra Venafro, che si occupa della contabilità e dell’impostazione del lavoro. All’interno dello stabilimento, una struttura di circa 350 metri quadrati tra uffici e labora­ tori, macchinari vecchi e nuovi, stampanti, carta, inchiostro, prototipi e prodotti finiti. Nonostante i passi velocissimi di internet e del digitale, il settore tipografico è riuscito a tenere il passo con i suoi sistemi, incre­ mentando la produzione per le imprese locali e non, cercando di migliorare il legame tra grafica-stampa-tipografo al fine di ottenere prodotti e servizi sempre più adeguati per il cliente finale. <Il grande vantaggio dell’avvento del di­ gitale – spiega Canettieri che oggi serve non soltanto la provincia di Frosinone ma riceve commissioni anche da fuori regione – è quello di poter realizzare anche un pezzo singolo,


guinness

QUATTRO.ZERO 3

CONTATTI Via Cellaro 03039 - Sora (FR) Tel. 0776 815181

operazione che in precedenza, con gli alti

la zona di Reggio Emilia: ho realizzato dei delle riscossioni, in assenza di una tutela del

costi d’impianto, era pressoché impensa­

banner sui quali erano raffigurati polmoni credito che, in molti casi, potrebbe aiutare le

bile>. Ed è sempre Canettieri il “padre”

sporchi di fumo. Fu una pubblicità assoluta­ piccole e medie imprese a tenersi a galla in

del segnale di limitazione della velocità a 30

mente impattante, tanto che le centraline di una che si accredita tra le recessioni econo­

chilometri orari che oggi troviamo su tutte

rilevamento dello smog segnarono un pro­ miche più aggressive per il nostro Paese.

le aste delle corsie Telepass, dal nord al sud

gressivo abbassamento dei livelli di inquina­ <Vede – dice dispiaciuto – questo territorio,

dell’Italia. <Un altro lavoro che fece molta

mento>.

presa sull’opi­nione pubblica è stato quello

Ma oggi, come tante aziende della Ciocia­ quella del posto di lavoro e non del lavoro>.

contro l’inquinamento da polveri sottili nel­

ria, anche quella di Canettieri vive il dramma La sua è una constatazione, non un alibi.

questa zona patiscono una cultura sbagliata:

Depliant, modulistica aziendale, biglietti da dotti più richiesti da privati e aziende che si rivolgono alla Polygraph, dal fatturato me­

Da tre anni sono associato a Federlazio e sono membro delegato del direttivo

dio annuo di circa quattrocentomila euro. Da tre anni l’azienda è iscritta a Federlazio e Canettieri è componente del Direttivo, con delega a Immagine e Comunicazione. <Un bel sodalizio di imprenditori di medio-alto livello> dice mentre pensa a suo figlio, lau­ reando in Giurisprudenza, e si domanda se in futuro rileverà la sua tipografia. <In fondo

visita e pannelli giganti: questi sono i pro­

l’attività sarà sua quando andrò in pensione> sorride. Ma lui è un imprenditore e si capisce da come accarezza i suoi macchinari e mostra le sue creazioni che quel giorno è ancora molto lontano.


QUATTRO.ZERO

4

LA SANITÀ CHE FA CENTRO È SOTTO IL SEGNO DI ADITERM Ampi spazi, macchinari e strumenti di ultima generazione per visite specialistiche e accertamenti diagnostici

U

n centro medico polispecializzato nel settore della diagnostica per imma­

N

el centro, immerso nella tranquillità macchinario da 1,5 Tesla. Ridotti i tempi di del verde delle campagne di Feren­ esecuzione degli esami dai quali si possono

gini. L’Aditerm, o Terme Santa Maria Mad­ tino, si effettuano risonanze magnetiche su ottenere immagini di altissima qualità, oltre dalena, è un’eccellenza del nostro territorio con sede a Ferentino. Una struttura all’avan­ guardia, all’insegna dell’innovazione, che inizia a muovere i primi passi nel 1993 presso le Terme Pompeo. Negli anni, segnati da una continua evoluzione, si è sentita la neces­ sità di ampliare gli spazi e l’offerta sanitaria, con medici altamente specializzati. Da qui la decisione nel 2008 di trasferire l’attività alle Terme Santa Maria Maddalena. Nei nuo­ vi locali più ampi e confortevoli sono state installate apparecchiature di ultima genera­ zione, che permettono oggi di dare risposte in termini di diagnostica per immagini di al­ tissima qualità ed efficienza, il tutto a benefi­ cio del paziente.


QUATTRO.ZERO 5 alla possibilità di eseguire sequenze di ima­ ging RM avanzata. Questo apparecchio può effettuare anche l’imaging avanzato nel set­ tore neuroradiologico. In particolare, sono disponibili sequenze di diffusione utili per la diagnosi precoce dell’ischemia cerebrale, sequenze di perfusione e di spettroscopia RM, particolarmente utili per la caratte­ rizzazione dei tumori cerebrali e nel caso di recidive tumorali. Inoltre è possibile usu­ fruire di tutte le sequenze angiografiche per lo studio, anche con mezzo di contrasto, dei distretti arterioso e venoso di tutto il corpo. Vengono anche eseguite RM cardiache con studio della perfusione miocardica, RM del­ la mammella e naturalmente, RM body e dei distretti articolari. E poi ancora le risonanze magnetiche su macchinario aperto, adatto ai pazienti che soffrono di claustrofobia. Con questo macchinario si effettuano esami al gi­ nocchio, risonanza magnetica della caviglia, del piede, della mano, del polso. E ancora: l’Angio-TC e Angio RM, TC Multistrato, Dentascan, Colonscopia Virtuale, M.O.C. Dexa (si esegue l’esame con tempi di scan­ sione di 30 secondi e a questo è abbinato un

La struttura di Ferentino è accreditata con il servizio sanitario nazionale del Lazio Attualmente conta venti dipendenti

consulto gratuito specialistico in grado di determinare i fattori di rischio del paziente legati all’osteoporosi), Radiologia Digitale, Mammografie, Ecografie e Oct. Una sola apparecchiatura di risonanza magnetica può arrivare a eseguire anche 80 esami al giorno. Le immagini vengono consegnate su Cd, sempre accompagnate dal referto su carta (la struttura possiede una banca dati che archivia gli esami per cinque anni).

I

l centro Aditerm, accreditato con il Servizio sanitario nazionale del Lazio,

può contare su un numero di 20 collabora­ tori, tra amministrazione, segreteria, te­ c­ nici, medici e consulenti. L’organizzazione è strutturata in modo che gli esami venga­ no eseguiti sempre in presenza di specialisti dedicati a quella particolare branca (neuro­ radiologia, senologia, articolazioni eccetera).

Il centro – spiega l’amministratore dele­ gato Michele Ferrante, medico specializ­

zato in Radiologia che si è sempre dedicato alla neuroradiologia – è stato il primo in pro­ vincia, nel 1995, a installare la risonanza ma­ gnetica”.

Immagini di altissima qualità La banca dati archivia gli esami per 5 anni

CONTATTI Via Casilina Km 77, 600 03013 Ferentino - Frosinone Email: aditerm@libero.it Tel. 0775 271606 Fax 0775 271247


QUATTRO.ZERO

6

FAR CRESCERE Profima leader nella consulenza H

a le idee chiare Enzo Altobelli, in­

ca 50 milioni di euro di contributi pubblici

e trovare così la strada più consona alla

gegnere specializzato in manage­

a fondo perduto e credito di imposta alle

sua attività. Noi facciamo riferimento

ment delle imprese e fondatore di Profi­

aziende che ci hanno chiesto assistenza.

alle risorse pubbliche finanziarie per gli

ma, di cui è amministratore. Una società

Contiamo oltre 6000 progetti, tra quelli

in­vestimenti: andiamo in azienda, verifi­

di consulenza, nata nel 2010, per affiancare

già presentati e quelli in lavorazione. Il

chiamo come è strutturata, studiamo il

le imprese in fase di espansione e cresci­

nostro team è composto da 60 dipenden­

piano industriale e poi sviluppiamo tutte

ta, attraverso scelte strategiche necessarie

ti e collaboratori e il nostro fatturato è a

le opportunità di finanziamento che la

allo sviluppo del business, ottimizzando

doppia cifra pur essendo partiti soltanto

Commissione europea, lo Stato, le Regio­

gli investimenti e utilizzando strumenti

nel 2010>.

ni, le Camere di Commercio, le Province e

come finanza agevolata, europrogetta­

A

ltobelli snocciola una serie di dati

altri enti mettono a disposizione per

che lasciano ben sperare anche nei

aiutare le imprese. Facciamo un vero e pro­

a Profima lavora in tutta Italia con

momenti più difficili. <Per uscire dal pe­

prio studio delle opportunità da 12, 24 e 36

oltre 1500 clienti <ai quali – spiega

riodo buio ogni imprenditore deve es­

mesi>. L’ambito principale in cui Profi­

Altobelli - siamo riusciti a far ottenere cir­

sere in grado di guardare oltre l’ostacolo

ma si muove è quello manifatturiero e dei

zione, private equity.

L

La società fondata nel 2010 da Enzo Altobelli è al fianco delle aziende che vogliono centrare gli obiettivi di sviluppo e incrementare il business

L’ingegnere Enzo Altobelli, fondatore della Profima Srl


QUATTRO.ZERO 7

LE IMPRESE

CONTATTI ROMA Tecnopolo Tiburtino Via Ardito Desio, 60 00131 Roma

servizi, ma anche commercio e agricoltura.

FROSINONE Piazzale De Matthaeis, 9 03100 Frosinone Fax +39 0776 18.00.404 email: e.altobelli@profima.it

<Il profilo – spiega ancora Altobelli - può andare dall’impresa che vuole migliorare le proprie prestazioni ai soggetti privati che intendono avviare un’attività impren­ ditoriale. Siamo in grado di risolvere molte problematiche: reperimento, gestione e rendicontazione di risorse pubbliche per investimenti; progettazione, gestione e rendicontazione di progetti di forma­ zione finanziata; assistenza nei progetti di ricerca e sviluppo e innovazione tec­ nologica; ingegnerizzazione e prototipa­ zione. Questo significa capire esattamente

di cosa ha bisogno quell’impresa in quel

L’obiettivo di accompagnare l’impresa

determinato contesto e momento. Nuovi

verso l’industria 4.0 è la sfida culturale di

investimenti? Nuove tecnologie? Merca­

cui Profima si sta facendo portavoce con la

ti esteri? Una volta definiti gli obiettivi,

propria squadra, composta da consulenti

elaboriamo uno studio di tutte le oppor­

di impresa, project manager e specialisti.

tunità pubbliche e private agevolate che possono aiutarci a raggiungerli>.

P

tal fine sono state avviate collabo­ razioni con scuole di formazione,

rofima, con sedi a Frosinone e Roma,

per preparare tecnici e progettisti a ripen­

è attiva nell’ambito del Piano Na­

sare oggetti e prodotti realizzandoli con

zionale Industria 4.0, lanciato dal Minis­

le nuove logiche di produzione fornite

tero dello Sviluppo Economico. Si pone

dalle tecnologie disponibili, e con Busi­

come partner progettuale, formativo e

ness School, per offrire ai propri clienti la

informativo per accompagnare l’impresa

possibilità di formare una classe dirigen­

verso Industria 4.0: un reale supporto alle

ziale che ripensi processi aziendali e linee

aziende che vogliono cogliere le occasioni

produttive.

legate alla quarta rivoluzione industriale, me­diante strumenti ed opportunità finan­ ziarie a supporto degli investimenti come:

Foto Andrea Sellari

A

P

rofima ha pensato anche a un hub per la contaminazione virale di innova­

zione, un luogo fisico collocato al Tec­

credito d’imposta ricerca&sviluppo; su­

nopolo tiburtino, dove poter creare mo­

perammortamento;

iperammortamen­

menti di incontro tra aziende innovative

to; Nuova Sabatini; patent box; credito

e aziende old economy (corporate) che

d’imposta Formazione 4.0; centri di com­

intendono partecipare alle start-up al fine

petenza ad alta specializzazione; fondo

di acquisirne l’innovazione da apportare al

di garanzia; start-up e Pmi innovative.

proprio modello di business.


8

QUATTRO.ZERO

Quaranta operatori, due psichiatri, sei psicologi e otto infermieri

VITA NEL VERDE per tornare a sorridere

La comunitĂ terapeutica Gesti Var ospita fino a quarantaquattro pazienti per la riabilitazione psichiatrica. Ă&#x2030; diretta da Giovanni Agresti, presidente Federlazio Salute regionale


QUATTRO.ZERO 9

N

asce come bancario e consulente finanzia­

aiutiamo con le ‘borse lavoro’ a reinserirsi nella

rio. Poi, convinto da alcuni amici, diventa

società ma quando parliamo di patologia cronica

socio fondatore e oggi responsabile unico del­

il discorso cambia perché la situazione clinica è

la ‘Gesti Var’, la comunità terapeutica in via San

molto più complessa da gestire. Con noi lavorano

Francesco, a Roccasecca. Giovanni Agresti, presi­

40 operatori, due psichiatri, 6 psicologi, 8 infer­

dente regionale Federlazio per la categoria Salute

mieri, oltre a educatori sociosanitari. Durante il

e con un’importante esperienza politico-ammi­

giorno – prosegue Agresti - i ragazzi sono coin­

nistrativa alle spalle, si è ‘lanciato’ in questa av­

volti in una serie di attività: musicoterapia, labora­

ventura nel 2002.

torio di cucina, pasticceria, decoupage. Abbiamo

“U

n gruppo di amici – racconta emozio­

anche una squadra di calcetto che recentemente è

nato - mi ha illustrato l’idea: realizzare

stata impegnata nel torneo della comunità. I nos­

una struttura di riabilitazione psichiatrica e mi ha

tri ospiti vengono coccolati come figli: sono con­

chiesto un aiuto per l’aspetto dei finanziamenti,

trollati, seguiti, curati. Alcuni di loro vivono una

essendo questo il mio campo operativo. Due di

si­tuazione lavorativa che li soddisfa. Oltre al di­

loro, tra l’altro, avevano già esperienza nel settore.

scorso della psicoterapia, che svolgono con i me­

Solo dopo alcuni incontri, per definire la strada da

dici, c’è tutta la parte della terapia farmacologica

percorrere, mi hanno proposto di entrare in

con lo psichiatra. Io sono molto soddisfatto del

società. In quel periodo ero sindaco, assessore al

lavoro che facciamo perché al centro c’è l’uomo e

bilancio della Provincia di Latina e consulente

io vivo la comunità al cento per cento>.

finanziario, non avevo alcuna intenzione di ‘im­ barcarmi’ in questo mondo sconosciuto. Alla fine mi hanno convinto. Ho cominciato in sordina per

O

rgoglio e soddisfazione nelle parole di Agresti che oggi ricopre anche un ruo­

lo importante come presidente della Federlazio

arrivare oggi a occuparmene completamente”.

Salute regionale. La ‘Gesti var’ è accreditata con

Il complesso ‘Gesti Var’, immerso nel verde, di­

la Regione Lazio: <L’inserimento nella nostra

spone di camere che garantiscono agli ospiti la

comunità – spiega ancora Agresti - avviene at­

giusta privacy e di spazi comuni per il relax e le

traverso il centro di salute mentale di Frosinone,

attività riabilitative, motorie e di laboratorio. Gli

Colleferro, Roma A, B, Latina. Lavoriamo me­

interni e gli arredi creano l’atmosfera di una casa

diamente con 10 Asl. La percentuale maggiore

accogliente. Nelle vicinanze della struttura c’è la

ovviamente arriva da Frosinone. Tra Roma 5 e

fermata del bus che permette agli ospiti di poter

Frosinone siamo al 70 per cento, il 30 per cento

raggiungere il centro abitato e vivere la loro quo­

dalle altre province. L’unica nota negativa è che

tidianità normalmente. Tra l’altro la comunità di

in Italia si investe poco nella psichiatria mentre la

Roccasecca ha accolto questa realtà con grande

Regione deve essere più vicina a queste strutture:

spirito di convivenza civile. I ragazzi sono parte

quelle del Lazio sono le meno pagate del Paese>.

integrante della società.

E in chiusura annuncia una novità: <Stiamo fa­

“Noi siamo autorizzati per 44 posti letto – spiega

cendo un investimento immobiliare per migliora­

Agresti - Prossimamente apriremo anche una casa

re il servizio ed essere sempre più vicini a queste

famiglia, sempre in via San Francesco, per malati

persone. Che non sono diverse da noi e si devono

psichiatrici in fase di recupero. Dove possibile, li

sentire importanti>.

Il presidente Federlazio Salute regionale Giovanni Agresti

CONTATTI Borgo San Tommaso Via San Francesco 2 Roccasecca (FR) Tel. 0776567403 0776567405 email: borgosantommaso@yahoo.it


10

QUATTRO.ZERO

Le radici nel passato e un futuro da leader per CAPOGNA GROUP S

e riavvolgessimo il nastro del tempo di

Daniele di 35) si trova a Boville Ernica, in

comprende i più disparati lavori di edilizia.

cinquant’anni ci troveremmo davanti

via Foreste 16. Ma la firma di un’impresa

Accanto a questi anche la possibilità di no­

un giovanissimo Ercole Capogna mentre

leader nel settore di opere edili e costru­

leggiare una vasta gamma di attrezzature

esegue lavori di carpenteria in una piccola

zioni per pubblici e privati va ben oltre il

per cantieristica: da ponteggi ed escavatori

azienda. Il suo aspetto sarebbe certamente

perimetro della Ciociaria e del Lazio. Nel

a bobcat e pannelli.

diverso da quello di oggi, così come la sua

2018 l’azienda Capogna è una delle più

esperienza e il suo know-how nel settore

rinomate del settore: chi decide di sceglier­

dell’edilizia. Ma la passione sarebbe la stes­

la per costruire, ristrutturare o restaurare

sa, immutata nonostante il trascorrere degli

un immobile è perché cerca il privilegio di

che nell’azienda si occupa prevalentemente

anni e tramandata ai suoi figli che ora sono

una firma di qualità.

del settore amministrativo, anche se spes­

le sue fidate e robuste spalle. Quella che è diventata la Capogna Group Srl, sulle basi costruite dal capofamiglia, è una realtà im­

O

<H

o iniziato da ragazzino a seguire le orme di mio padre prima e di

mio fratello subito dopo – spiega Daniele

pere strutturali, cemento armato, ca­

so controlla e segue da vicino i cantieri – e

pannoni industriali, ristrutturazioni,

sono cresciuto in un contesto familiare in

iniziative immobiliari, pavimentazioni e

cui il lavoro è sempre stato il valore più im­

prenditoriale solida e affidabile. Il centro

scavi, costruzione di piscine e grandi infra­

portante. Tutti e tre insieme, con sacrificio

operativo di un team molto affiatato (con

strutture come ponti, gallerie, acquedotti:

e tenacia, abbiamo inseguito il nostro

Ercole lavorano anche Moreno, 38 anni e

il raggio d’azione della Capogna Group

o­ biettivo: crescere e trasformarci in una


QUATTRO.ZERO 11

CONTATTI

Boville Ernica (FR), Via Foreste n. 16 Tel. 0775379255 - Fax 07751890866 email: infocapognagroup@libero.it

Moreno Capogna responsabile del settore tecnico

Ercole Capogna il fondatore

realtà imprenditoriale affermata, ricono­

Group guarda sempre al futuro: oltre al

il loro impegno costante, la preparazione

sciuta, apprezzata. Oggi posso dire, con

continuo incremento di attrezzature, mac­

e la professionalità che mio padre Ercole,

orgoglio, che tutto questo si è verificato.

chinari e automezzi, cura costantemente la

mio fratello Moreno e io abbiamo sempre

Ma non posso certamente lasciar credere

formazione dei propri dipendenti e colla­

messo al primo posto per garantire lavori e

che siano tutte rose e fiori>. Il settore edile,

boratori per creare un gruppo sempre più

servizi di assoluta qualità>.

infatti, subisce un peso che Daniele, come

qualificato.

tanti altri imprenditori del nostro territo­ rio e non solo, ritengono il più gravoso: una burocrazia lenta e farraginosa che o­staco­

L’

attenzione ai dettagli, la facile ma­ nutenzione degli impianti, la loro

Daniele Capogna responsabile del settore amministrativo

D

a tre anni la Capogna Group srl è associata Federlazio e proprio il più

giovane dei due fratelli è consigliere sia nel

conservazione nel tempo e l’utilizzo dei

Direttivo Federlazio Edilizia sia nel Diret­

la e lentamente uccide le aziende, anche

materiali più innovativi sono tutte carat­

tivo Federlazio Frosinone. <Per noi è un

quelle più solide. <Oltre alle difficoltà

teristiche di un’azienda che ha acquisito

punto di riferimento assolutamente impor­

create dal sistema bancario – dice Daniele

un’esperienza sempre più solida nei di­

tante – fa sapere Daniele – non soltanto per

– anche i ritardi nei pagamenti da parte di

versi settori d’intervento con un fatturato

le questioni burocratiche ma anche per la

strutture ed enti pubblici, uniti all’assenza

medio annuo di circa due milioni di euro.

normativa, il codice degli appalti e qualsiasi

di una cultura d’impresa, rendono vita dif­

<Il nostro punto di forza - tiene a preci­

altra legge regoli il settore che ci riguarda.

ficile alla nostra categoria>. Ma la Capogna

sare Daniele - sono soprattutto le persone,

Siamo onorati di farne parte>.


QUATTRO.ZERO

12

LO SVILUPPO POGGIA I PIEDI PER TERRA Costruire con passione Domenico e Antonino Perciballi sono i titolari della Sacedil Srl Fanno impresa dal 1989 e oggi con loro lavorano i figli

“C

ostruiamo troppi muri e non ab­

lutamente apprezzabili. Edifici residenziali

bastanza ponti” diceva Isaac New­

privati in un primo momento, poi una serie

ton. È con lo spirito e la volontà di rendere

di opere infrastrutturali commissionate da

la costruzione un processo di inclusione

un’importante azienda emiliana che ha af­

sociale, di edificazione non soltanto della

fidato ai Perciballi anche la rea­lizzazione

materia ma della persona stessa che i fratelli

di un depuratore a Trevi nel Lazio e della

Perciballi hanno deciso di seguire le orme del

Facoltà di Ingegneria dell’Università di

padre dando vita, il 3 luglio 1989, alla Sacedil

Cassino, fino alle opere edili per il filobus

Srl. Originari di Boville Ernica, Domenico e

di Roma, valse alla Sacedil qualcosa come 14

Antonino – che è l’amministratore dell’im­

milioni di euro.

presa – sono i titolari di un’azienda che dal 2001 ad oggi ha registrato un mo­vimento di circa 55 milioni di euro, con un fattura­

D

ieci anni fa, quando con il ‘sistema Italia’ anche la provincia di Frosinone

è rimasta schiacciata nella morsa di una delle

to medio annuo attuale di circa tre milioni.

peggiori congiunture economiche, l’impre­

Appena diplomati – Domenico, il maggiore,

sa dei fratelli di Boville Ernica ha mostrato

è perito industriale mentre suo fratello, 53

coraggio, realizzando in proprio una serie di

anni e 4 meno di lui, è geome­tra – hanno

villini a schiera ad Alatri. <Ci teniamo in pie­

avviato l’azienda di famiglia, che nel corso

di nonostante la crisi> dice l’amministratore

del tempo ha conservato lo stesso stampo e

del gruppo che, come tutti gli imprenditori

la stessa idea con i quali è nata: affidabilità,

del territorio, spera di uscire da un impanta­

impegno e rispetto per dipendenti e for­

namento generale, reso ancora più gravoso

il capitale umano più importante. Regolari

nitori. Un forte radicamento nel territorio

da una burocrazia ostacolante e matrigna,

contratti di assunzioni, benefit aziendali,

di ori­gine – le maestranze sono state sem­

da norme e procedure stringenti che frena­

formazione e specializzazione per offrire

pre selezionate in provincia di Frosinone,

no il processo di espansione e sviluppo delle

lavori e servizi di altissima qualità. Stesso di­

adeguatamente formate e specializzate nei

imprese, creando loro sempre maggiori dif­

casi per i fornitori, che vengono saldati con

diversi ambiti del settore – che non ha im­

ficoltà. Ma la Sacedil ha le spalle forti e dei

regolarità. L’azienda risponde a numerose

pedito loro di lavorare per grandi imprese di

loro dipendenti (negli “anni d’oro” contava

gare d’appalto e opera anche nell’ambito

costruzioni fuori regione, con risultati asso­

fino a 55 unità, oggi sono una decina) ne fa

degli adeguamenti sismici: di recente rea­


QUATTRO.ZERO 13

Il personale impiegato è altamente specializzato e preparato attraverso corsi di formazione

Tra le grandi opere realizzate la facoltà di Ingegneria dell’Università di Cassino

CONTATTI Frosinone - Via Vittorio Gassman 6 Int. 1 Tel. 0775 824203 Email: info@sacedil.it lizzazione quello per la scuola elementare

sacrificio, ai loro due figli. Quello di Anto­

di Federlazio e Antonino è componente del

di Castelliri. Attualmente i fratelli sono in

nino è un geometra di 28 anni, Andrea; suo

Consiglio Direttivo. Anche per loro l’asso­

trasferta ad Ancona, nel cantiere dove si

cugino, figlio di Domenico, è un ingegnere:

ciazione è un punto di riferimento impor­

lavora all’open fiber, la fibra ottica a banda

si chia­ma Luca e ha 31 anni. Ad Ancona ci

tante per operare bene, superare imprevisti

ultralarga: il contatto con i mezzi, i mate­

sono pure loro da febbraio: inalano polvere,

e ostacoli nel ginepraio di leggi e appalti ma,

riali e i loro uomini non lo hanno mai perso

toccano pietre, misurano altezze. La loro

soprattutto, per continuare a crescere nel

negli anni. Piuttosto lo hanno tramandato,

idea di costruire è esattamente quella dei

solco della tradizione con lo sguardo sempre

con la stessa passione e lo stesso spirito di

padri. La Sacedil è da sempre un’associata

dritto all’innovazione e al futuro.


14

QUATTRO.ZERO

L’ECCELLENZA

La Centro Costruzioni srl nel gotha dell’aerospazio

L’imprenditore anagnino Domenico Beccidelli

La mia soddisfazione più grande è quella di aver potuto ripagare questo territorio


QUATTRO.ZERO 15

CHE VOLA ALTO

CONTATTI

Via S. Isidoro Loc. Varano,snc Anagni (Fr) Tel. 0775 769591 - 0775 769569 0775 769357

D

a ragazzino a farlo volare era la fan­

tornio e fresa al mercato di Porta Portese.

ti quelli che sono ubicati all’interno della

tasia. Di mattina la scuola, un istituto

Così nasce “BetaMecca­nica”: prima tre, poi

struttura: costruzioni meccaniche con an­

tecnico di Colleferro. Subito dopo, finite

otto fino a quattordici unità impiegate per

nessi uffici di ingegneria di progettazione;

le le­zioni, chiunque lo cercasse lo avrebbe

produrre componenti meccaniche. Nel due­

manutenzioni aeronautiche su elicotteri

trovato soltanto in un posto: l’officina mec­

mila una nuova struttura, molto più grande,

civili e militari (certificazione Enac Easa

canica di Antonio Tintori, un toscano tra­

dove si iniziano a produrre anche parti più

par 145 e Armaereo Emar 145) e reperto

piantato in Ciociaria che gli ha insegnato a

delicate dei velivoli: quella di Beccidelli è

cnd (controlli non distruttivi) con certifi­

muovere i primi passi, usare le prime attrez­

una delle prime aziende in Ciociaria ad avere

cato Nadcap. Ma l’obiettivo di Beccidelli è

zature. Lui lo definisce il ‘maestro d’arte’.

una sala con macchine a controllo numerico.

ancora più nobile: re­stituire al territorio le

ino a che, nel 2005, i capannoni e lo

opportunità che lui stesso ha avuto e sfrut­

spazio di la­ voro raddoppiano: circa

tato. Ecco che da tre anni ha messo a di­

Era il 1979 quando impara la saldatura, la tornitura, la fresatura oltre a tecniche di ma­ nutenzione e controllo. La car­riera di Do­

F

1250 metri quadrati nella zona industriale di

sposizione dell’Ares 118 l’elisuperficie “Co­

menico Beccidelli, imprenditore ana­gnino

Anagni. L’azienda inizia a ottenere le cer­

lacicchi Caetani”, l’unica privata notturna

di 57 anni ancora da compiere, amministra­

tificazioni Iso e tutte quelle necessarie per

certificata Enac che tra Roma e Frosinone

tore unico della “Centro Costruzioni Srl”

produrre componenti di velivoli militari:

può contribuire a salvare vite. Non solo: la

e dal 2013 della “Heli World scarl”, società

è Agusta Westland il primo committente

Centro Costruzioni Srl è convenzionata con

specializzata nelle attività di maintenance

importante di quella che poi diventerà l’at­

diverse Università del Lazio e contribuisce a

e revisioni sugli aerei civili e militari, vice­

tuale “Centro Costruzioni Srl” con una

formare i ragazzi degli istituti tecnici attra­

presidente regionale di Fe­derlazio con de­

squadra, a pieno regime, di cento dipenden­

verso stage aziendali.

lega nel settore Aero­spazio e dal 2015 com­

ti (tra interni e colla­boratori esterni) che si

ponente del Cda dell’Asi, è iniziata proprio

estende su una superficie di oltre cinquan­

da lì. Apprendista, operaio, capo officina

tamila metri quadrati (di cui 11.000 coperti)

fino a diventare responsabile tecnico. E’ alla

andando a rilevare lo stabilimento che fu di

estremamente soddisfatto perché mi per­

fine degli anni ottanta che, con l’esperien­

Ra­pisarda Caterpillar, sempre nella zona in­

mette di ripagare il territorio per le oppor­

za di artigiano meccanico, apre la sua prima

dustriale della città dei papi.

tunità che mi ha offerto>. Il suo motto, non

attività in un garage di 70 metri quadrati di proprietà del padre, dopo aver comprato

O

<S

iamo anche un centro di formazione per tecnici e piloti di droni – sot­

tolinea Beccidelli – e tutto questo mi rende

ggi è tra le aziende leader del settore

a caso, è assolutamente significativo: “Chi

a livello europeo. Tre reparti distin­

ha, mette”.


Quattro punto zero N 02  
Quattro punto zero N 02  
Advertisement