Issuu on Google+

PVB NEWS

Periodico di informazione del PVB Group

OTTOBRE 2010 - n. 3

Le sfide per l’autotrasporto:

Poste Italiane Spa - Spedizione in Abbonamento Postale 70% - CNS Trento

logistica, intermodalitĂ , ambiente e sicurezza

Una burocrazia a misura d'impresa

Biomassa: arriva il "motore a legna"

I pannelli ibridi per la cogenerazione solare

La certificazione Leed per gli edifici esistenti


Consulenze Assicurative

Proteggiamo i Vostri interessi assicurando i Vostri bisogni

Famiglia

Professionisti

Aziende

Rischi Tecnologici

M&S ... C A via Driopozzo, 2 38068 Rovereto (TN) tel 0464 438285/486982 fax 0464 423531 info@msconsulenzeassicurative.it www.msconsulenzeassicurative.it


Editoriale

Una burocrazia a misura d’impresa di Sergio Bortolotti

È

un dato ormai acquisito che la competizione globale non si vince solo disponendo di imprese innovative, altamente professionaliz-

zate e capaci di leggere, anzi di prevenire, le dinamiche del mercato.

In questo numero

Si fa sempre più strada, al contrario, l’idea che anche la migliore delle imprese perda gran parte delle sue chance, se opera in un territorio

Le sfide per l’autotrasporto................................ 4

difficile o inefficiente. Infatti, se i trasporti non funzionano, se le reti

Con PVB POWER, in valle del Primiero vince l’idroelettrico............................................ 7

energetiche non sono sufficientemente potenti e radicate, se la qualità

La sostenibilità ambientale dei porti è all’apice con l’ARPAV...................................... 8 A Bolzano torna il progetto dedicato ai giovani per la sensibilizzazione ambientale.. 9 Nuove prospettive energetiche nell’impiego di biomassa: Il motore a legna... 10

della vita e dell’ambiente sono degradati, risulta nei fatti molto difficile mantenere viva una sfida che non ha ormai né confini né quartiere. Tra questi svantaggi, ce n’è uno del tutto particolare sul quale spesso non si riflette con sufficiente attenzione: il sovraccarico burocratico. Tutti sanno che il rapporto con le istituzioni e il loro intricato sistema

PVB Group: nuova identità, nuovo sito web.... 14

di regole non è facile, anzi, è davvero pesante. Tuttavia non è auto-

Nasce con la partnership di SEA “Ambiente Lab”, Associazione di servizi alle imprese...... 15

matico che a questi svantaggi venga dato un peso economico: cioè

PVB RETAIL si fa strada nella distribuzione di carburanti..................................................... 16

che si comprenda a pieno quanto danno alle imprese provocano le lentezze dei molti passaggi

PVB SOLUTIONS: maggiori opportunità per il fotovoltaico in ambito privato................ 18

da un ufficio all’altro, spesso non coordinati,

Rubriche

ve riferire. È dai primi anni ’90 che le pubbliche

RINNOVABILI.................................................... 20

istituzioni dichiarano di voler cambiare le cose.

Novità normative ...................................... 21

Efficienza, efficacia, economicità e attenzione al

Sostenibilità................................................ 22

cittadino utente sono parole d’ordine che ormai

l’incertezza del quadro normativo a cui ci si de-

Sergio Bortolotti

si sono consumate nel tempo senza risultati significativi. E intanto le imprese soffrono e accanto alla pressione del mercato devono rispondere all’oppressione, non meno dannosa,

PVB NEWS Rivista trimestrale della PVB GROUP SPA Via Ernesto Sestan, 3 - Trento Redazione: Via Ernesto Sestan, 3 Direttore: Sergio Bortolotti Direttore responsabile: Mauro Marcantoni

della burocrazia. Di recente il Ministro Brunetta ha approvato la legge numero 15 del 2009 e il relativo decreto di attuazione n. 150, che propongono innovazioni profonde e strumenti di reazione da mettere in campo quando le cose non procedono come dovrebbero. Auguriamoci che

Coordinamento generale: Maria Liana Dinacci

dopo 20 anni di promesse inutili qualcosa si muova. Auguriamoci che

Responsabile scientifico: Lorenzo Strauss

un’impresa non debba più aspettare tempi inaccettabili per ottenere

Comitato di redazione: Daniele Bortolotti, Mauro Dossi, Francesca Garbari, Luca Maurina

una risposta. Che per avviare un nuovo progetto non debba più ras-

Layout grafico: Gianfranco Rizzoli Stampa: Tipolitografia Effe & Erre - Trento Registrazione tribunale di Trento: n° 1149 del 26/11/2002

segnarsi a chiedere un numero incredibilmente alto di autorizzazioni (per realizzare una centralina idroelettrica in Trentino sono ben 14) e a restare in attesa per anni, mantenendo inutilmente in sospeso idee, uomini e risorse aziendali. n OTTOBRE 2010

- 3


Primo piano

Le sfide per l’autotrasporto Logistica, intermodalità, ambiente e sicurezza privatizzazione, dipende in pre-

concorrenza spietata dei paesi

valenza dalle scelte del sogget-

entrati recentemente nell’Unio-

U

to pubblico. Oggi i privati hanno

ne europea hanno causato una

n tratto comune dei Pae-

qualche voce in capitolo sulla

forte contrazione dei margini

si più sviluppati è il peso

gestione, ma le grandi infrastrut-

economici e un notevole stress

sempre più incisivo che acquisi-

ture rimangono una responsabi-

per le imprese. La crisi di questi

sce l’articolato ed eterogeneo

lità tipicamente pubblica e, dati i

ultimi due anni, con la drastica

settore dei servizi. La crescente

tempi necessari (pensiamo solo

riduzione degli scambi che ha

apertura verso i mercati esteri e

al traforo del Brennero, che do-

comportato, ha ulteriormente

la diffusione dei processi di inter-

vrebbe essere operativo entro il

aggravato una situazione già di

nazionalizzazione rendono le eco-

2020-2022), non resta altro che

per sé molto difficile.

nomie nazionali più dinamiche,

aspettare e sperare.

Nonostante questo quadro di

ma allo stesso tempo più legate

Nell’ambito del trasporto su

partenza non incoraggiante, su

alla presenza di efficienti servizi

gomma, il ragionamento è di-

cui si sono concentrate recen-

di telecomunicazione, finanziari,

verso. La rete stradale è in gran

temente sia le attenzioni del le-

logistici e di trasporto.

parte già strutturata, pur con tutte

gislatore nazionale (si pensi agli

Senza i trasporti, ad esempio, il

le lacune che si conoscono, e lo

aggiornamenti normativi italiani

mondo si ferma. Si ferma l’eco-

spazio operativo dei privati è sicu-

introdotti durante l’estate del

nomia, ma si ferma anche la vita

ramente più ampio: la presenza

2010) che di alcuni governi locali

collettiva. L’attenzione a questo

di aziende di autotrasporto priva-

(un esempio è la manovra anti-

cruciale ambito deve essere ele-

to efficienti e di qualità è infatti

crisi a favore dell’autotrasporto

vata e costante.

una delle condizioni essenziali

messa in campo dalla Provincia

Prendendo in considerazione il

per garantire al sistema la mas-

autonoma di Trento con l’istitu-

nord-est italiano, i trasporti ae-

sima funzionalità.

zione del “Fondo Olivi”), negli

rei e quelli marittimi sono poco

Nel nord est, tuttavia, le logiche

ultimi mesi si sono registrati

significativi, almeno per quanto

tradizionali dell’autotrasporto

segnali positivi di ripresa. A con-

riguarda la mobilità interna. Ad

sono entrate fortemente in cri-

fermare queste linee di tendenza

avere un ruolo preponderante

si. Fattori come l’elevata fram-

è anche Thomas Baumgartner,

sono la ferrovia e il trasporto su

mentazione del comparto in una

Amministratore Delegato di

gomma. Il primo, anche dopo la

miriade di piccole imprese e la

FERCAM, azienda alto atesina

di Maria Liana Dinacci

4

- OTTOBRE 2010


Il Giornale dell’Energia

leader del settore con 54 filiali

più disposti a veder risalire le ta-

(In Italia, Europa e Marocco) e

riffe. A mio avviso, le aziende di

2.200 unità di trasporto: “L’inter-

trasporto sono troppe. Mi augu-

scambio Italia-estero nel 2009 ha

ro che la recente normativa, con

registrato un ridimensionamento

tutti i vincoli che ha introdotto,

del 30%. Durante il 2010 è sta-

contribuisca a selezionare quelle

to recuperato il 10% del terreno

più valide e strutturate”.

perduto, ma molte ditte di auto-

Dello stesso avviso è anche An-

trasporto, specialmente dell’Est

drea Gottardi, Presidente della

Europa, hanno risolto le flotte o

Sezione Autotrasporti di Con-

hanno chiuso l’attività in quanto

findustria Trento e titolare della

si sono accorti che viaggiavano

Gottardi Autotrasporti, azienda

sotto costo. Attualmente la do-

di Trento nata nel 1949 che og-

manda è forte e i prezzi sono au-

gi con 25 automezzi di proprie-

mentati del 15%. È di massima

tà lavora prevalentemente con

importanza che gli autotraspor-

porfido e derivati, materie prime

tatori facciano i prezzi corretti,

per le cementerie e frutta: “È un

in base ai propri costi, tenendo

momento di grave crisi, ma sono

anche in considerazione che con

fiducioso. I segnali positivi ci so-

l’introduzione dei tachigrafi digi-

no e la recente normativa intro-

nel 1925: “Oltre a trasportare

tali la produttività degli autisti è

dotta a livello italiano, obbligando

sul territorio nazionale prodotti

scesa del 20%”.

ad esempio alla firma di contratti

zootecnici e alimentari per la

La concorrenza basata sulla lo-

scritti tra trasportatori e clienti,

Grande Distribuzione Organiz-

gica del ribasso indiscriminato

contribuirà anche a far sì che

zata, muovendo ogni giorno 120

delle tariffe ha causato già trop-

vengano selezionate le aziende

mezzi di proprietà e 130 mezzi di

pi danni, non solo alle imprese

più qualificate e non quelle che

terzi − riferisce Simone Roma-

di trasporto, ma anche ai clienti

fanno il prezzo più basso”.

gna, titolare dell’azienda, non-

stessi. Il prezzo di un servizio,

Il futuro dell’autotrasporto è in

ché Presidente della sezione

infatti, non può continuare a es-

mano alle imprese serie che

vicentina della Federazione

sere calcolato senza considerare

garantiscono un servizio rapi-

Autotrasportatori Italiani − ab-

la ricaduta negativa (in termini

do e sicuro: lo devono com-

biamo creato una società di logi-

economici, ma anche di imma-

prendere i clienti, ma anche gli

stica che gestisce magazzini in

gine aziendale) dei disguidi, della

stessi trasportatori. Per avere

outsourcing, seguendo le merci

merce che arriva a destinazione

maggiori chance di uscire de-

in tutte le fasi, dallo scarico allo

in ritardo, o peggio, in cattive

finitivamente dalla crisi, infatti,

stoccaggio”.

condizioni.

gli operatori dell’autotrasporto

Un altro fronte di fondamentale

“Finché il prezzo del servizio che

devono muoversi con convinzio-

importanza per rilanciare le azien-

offriamo non aumenta – sostiene

ne su una pluralità di versanti.

de di trasporto, in un intreccio vir-

Franco Vicentini, titolare della

Innanzitutto, è necessario che

tuoso di efficienza e sostenibilità,

veronese Vicentini Trasporti

le aziende investano nelle solu-

è l’integrazione delle possibilità

(50 Autotreni 90 semirimorchi di

zioni innovative come i sistemi

offerte dai sistemi di trasporto

proprietà) – credere nella ripresa

di controllo satellitare dei mezzi

diversi (ferrovia in particolare).

resta difficile. Con la crisi dell’an-

e degli spostamenti della merce

L’intermodalità, quando possi-

no scorso il costo del carburante

e nell’offerta di servizi logistici ad

bile, è una soluzione che ha il

è sceso e la nostra categoria si

ampio raggio, sempre più richie-

duplice vantaggio di snellire il

è adeguata abbassando i prez-

sti dal cliente. In questa direzione

servizio di trasporto e di ridurne

zi. Nell’ultimo anno il costo del

si sono mosse, ad esempio, sia

l’impatto ambientale deconge-

gasolio è cresciuto di nuovo del

FERCAM che la Trasporti Ro-

stionando un sistema stradale

30%, ma i clienti ora non sono

magna, azienda vicentina nata

spesso sovraccarico. Un’azien-

I servizi di logistica sono sempre più richiesti dai clienti delle aziende di trasporto

OTTOBRE 2010

- 5


Trentino News

L’Amministratore Delegato di FERCAM Thomas Baumgartner

da fortemente impegnata sia

o civile c’è stata una tale riduzio-

neano Nicola Defant e Mirco

sul versante dell’intermodalità

ne di emissioni nocive come nel

Ballarini, Area manager di PVB

che della riduzione dell’impatto

comparto dei camion stradali”.

Fuels, azienda del PVB GROUP

ambientale è sicuramente FER-

Un simile risultato non può che

che si occupa della commercia-

CAM: “Ove possibile – conferma

essere considerato più che po-

lizzazione di prodotti petroliferi

l’A.D. Baumgartner – utilizziamo

sitivo, soprattutto in considera-

– non è destinato nel prossimo

l’intermodale. Inoltre investia-

zione del fatto che il trasporto su

futuro a scomparire, ma a con-

mo da tempo in mezzi ecologi-

gomma – nonostante il pesante

tinuare a crescere in maniera

camente all’avanguardia. Negli

carico che ancora comporta a

proporzionale allo sviluppo eco-

ultimi 10 anni, abbiamo ridotto

livello ambientale e le proble-

nomico dei Paesi più avanzati”.

al minimo le emissioni di NOX

matiche legate al progressivo

Uno sforzo condiviso e convinto,

e particelle e con i futuri motori

esaurimento dei giacimenti di

da parte sia pubblica che privata,

Euro 6 verranno ulteriormente

petrolio – è destinato ancora per

per individuare le strategie e le

ridotte le emissioni CO2. I nuovi

molto tempo ad essere impre-

soluzioni più adatte a migliorare

esperimenti con i motori a gas

scindibile per il funzionamento

efficienza, economicità e im-

metano permetteranno un ulte-

di ogni sistema economico, sia

patto ambientale del settore è

riore abbattimento delle emissio-

esso locale, nazionale o globale.

quindi non solo auspicabile, ma

ni. In nessun settore industriale

“L’autotrasporto – come sottoli-

necessario. n

Autotrasporto e sicurezza sul lavoro. Al fianco dell’impresa c’è SEA

N

el settore dell’autotrasporto, l’impresa deve garantire la sicurezza dei dipendenti non solo quando sono in strada, ma anche durante le operazioni di scarico e carico merci e nella gestione dei magazzini. Se per gli autisti una buona parte delle norme viene stabilita dal codice della strada, per la sicurezza dei luoghi di lavoro va fatto riferimento al Decreto legislativo n. 81 del 2008 (in cui è stato completamente trasfuso il D.LGS n. 626 del 1994), recante il nuovo Testo unico della sicurezza sul lavoro. Per la gestione di tutte le procedure e gli adempimenti previsti dalla legge, le aziende devono nominare l’RSPP, il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione. Per ricoprire questo ruolo, le imprese possono affidarsi a consulenti esterni specializzati come i professionisti messi a disposizione da SEA: “Il nostro ruolo – evidenzia l’ingegner Rolando Micheli, responsabile SEA dell’area sicurezza – è di valutare i rischi presenti nei luoghi di lavoro e di accompagnare l’azienda in tutti i passaggi necessari per mettersi in regola, per evitare sanzioni e soprattutto infortuni”. La normativa nazionale è molto vasta ed è facile trovarsi disorientati. Un monitoraggio puntuale e costante da parte di figure professionali ad hoc diventa imprescindibile per individuare con certezza quali sono le aree critiche e i gli interventi da effettuare. “In SEA oggi seguiamo quasi 400 incarichi di RSPP – conferma l’ingegner Marcello Maiorca, consulente dell’area sicurezza di SEA, attualmente anche RSPP in FERCAM –. Ci occupiamo di sicurezza dal 1994. Oltre all’analisi completa dei rischi nelle diverse sedi che le aziende hanno in Italia offriamo anche la possibilità di gestire la formazione specifica al personale in modo che non ci sia interruzione tra

6

- OTTOBRE 2010

la consulenza tecnica fatta dal RSPP e ciò che viene detto ai collaboratori”. La specifica conoscenza di SEA nel settore dell’autotrasporto è maturata non solo con il rapporto quotidiano con le varie aziende del settore ma anche con la collaborazione con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ed il suo Comitato Centrale dell’Albo Nazionale delle Imprese dell’Autotrasporto per la realizzazione di un progetto sperimentale volto ad introdurre i Sistemi di Gestione della Sicurezza nelle aziende dell’autotrasporto e svoltosi su tutta Italia. Anche la scelta di FERCAM di affidarsi a SEA può essere certamente letta come una conferma della qualità e della competenza messe in campo. “Per un’azienda di trasporto e logistica delle dimensioni di FERCAM, l’ambito della sicurezza è una delle aree più critiche da gestire. Assieme al valido contributo di SEA – evidenzia Thomas Baumgartner, A.D. di FERCAM –, i rischi maggiori sono stati individuati nella circolazione stradale, nella sicurezza al carico/scarico e fissaggio delle merci e nei magazzini di logistica con la manipolazione delle merci. Noi abbiamo sposato da tempo lo spirito della legge 626 prima e della 81/2008 poi, introducendo in azienda la politica ‘Health & Safety’. Con l’apporto di SEA sono state introdotte tutte le misure necessarie non soltanto per soddisfare le normative di legge, ma per garantire ai propri collaboratori la massima sicurezza. In questo senso, tutti gli autisti seguono regolarmente corsi di guida sicura e corsi per il corretto stivaggio e fissaggio delle merci. In tutti i magazzini sono state introdotte le procedure adatte per garantire il massimo grado di sicurezza agli operai che movimentano le merci”. n


Trentino News

Con PVB POWER, in valle del Primiero vince l’idroelettrico Dopo 7 anni è arrivata l’approvazione del VIA per il progetto

L’

attaccamento al territorio, la

anni per la centrale sul Lozen) e

ci, che porti a sintesi le diverse

forte propensione all’innova-

impegnativo iter burocratico che

valutazioni, che stabilisca in che

zione, l’attenzione per la tutela

ha comportato. Questo è un pun-

modo armonizzare i criteri adot-

ambientale e il consolidato asse

to particolarmente dolente per

tati nelle singole aree. Così, ogni

di collaborazione con le ammini-

PVB POWER, un’azienda forte-

fase progettuale non può che

strazioni locali hanno permesso

mente vocata all’innovazione e

venire condotta per tentativi ed

a PVB POWER di compiere di

disposta a investire molto nello

errori, con un evidente spreco di

recente un altro importante pas-

sviluppo delle fonti alternative,

risorse non solo da parte dell’a-

so nel campo della produzione

ma purtroppo costretta a fare i

zienda, ma anche dello stesso

di energia da fonti rinnovabili: è

conti con un sistema burocratico

ente provinciale. “Una delle sfide

stata infatti approvata la Valu-

ancora troppo complesso. “Noi

che il futuro ci impone – conclude

tazione di Impatto Ambientale

cerchiamo di mantenere un at-

Mauro Dossi – è di lavorare con

del progetto che prevede la rea-

teggiamento di massima colla-

le amministrazioni locali affinché

lizzazione sul torrente Lozen (in

borazione e disponibilità con gli

si riducano i tempi burocratici

Trentino, nella valle del Primie-

uffici provinciali – ci tiene a sot-

e si arrivi ad un modello di ge-

ro) di una nuova mini centrale

tolineare Mauro Dossi, Direttore

stione più snello e più al passo

idroelettrica.

generale di PVB POWER –, ma

con i tempi”. Un ragionamento

PVB POWER non è nuova a que-

nonostante un assoluto rispetto

che vale a maggior ragione se

sto tipo di operazione. È infatti

per l’ambiente, testimoniato an-

spostato dal locale al nazionale:

l’azienda che si occupa delle

che dalle compensazioni ambien-

“In un momento in cui il mondo

iniziative del PVB GROUP nel

tali che introduciamo nelle aree in

intero è sollecitato a ridurre le

campo delle fonti rinnovabili, sia

cui realizziamo le centrali, qui in

emissioni di CO2 – sottolinea

in Italia che all’estero (in parti-

Trentino il sistema di valutazione

Luciano Zeni, Presidente dell’AC-

colare in Bulgaria e Croazia). In

dei progetti finisce per diventare

SM Primiero Energia – l’Italia ne

Trentino, PVB POWER sta cer-

un ostacolo quasi insormontabi-

ha prodotte il 17% in più, cau-

cando da tempo di portare avanti

le”. L’iter valutativo e autorizzati-

sando un danno economico che

alcuni progetti relativi a piccole

vo, infatti, prevede il passaggio

si aggira intorno ai 5 miliardi di

centrali idroelettriche in compar-

dei progetti attraverso 14 diversi

euro di ammenda che dovranno

tecipazione con i comuni in cui

uffici provinciali, a ciascuno dei

pagare gli utenti finali”. Se il Tren-

vengono costruite.

quali compete il controllo su un

tino vuole contribuire ad invertire

L’approvazione del VIA per la cen-

ambito diverso. Nulla di male a

questa tendenza, ha le caratteri-

trale sul Lozen è un traguardo

voler tenere sotto controllo una

stiche e le potenzialità per farlo,

non indifferente, non solo per il

molteplicità di aspetti – in tema

ma deve muoversi con decisione

valore intrinseco che ha lo svilup-

di rispetto dell’ambiente l’atten-

nella direzione di facilitare e non

po dell’energia da fonti rinnovabili

zione non è mai troppa –, ma

ostacolare lo sfruttamento delle

sul territorio trentino, ma anche

purtroppo manca un organo che

fonti rinnovabili presenti sul ter-

in considerazione del lungo (7

coordini l’attività dei diversi uffi-

ritorio. n

Ortofoto di insieme dell’impianto idroelettrico previsto sul Torrente Lozen. In alto a sinistra, un’immagine dell’alvo del torrente

MLD OTTOBRE 2010

- 7


Veneto News

La sostenibilità ambientale dei porti è all’APICE con l’ARPAV Il porto di Genova

8

- OTTOBRE 2010

G

overni, Regioni e Province

dello stato dell’ambiente e il

operazione Territoriale MED. Le

hanno maturato negli ultimi

supporto tecnico alla Pubblica

finalità internazionali del proget-

anni un profondo interesse verso

Amministrazione.

to sono di definire il contributo

le tematiche dell’inquinamento,

Uno dei temi su cui di recente

delle diverse sorgenti di inqui-

una realtà che minaccia non solo

l’Agenzia ha impiegato risorse

namento dell’aria nelle cinque

paesaggi e salute, ma la qualità

ed energie è quello dell’inqui-

aree portuali: Venezia, Genova,

della vita in tutte le sue forme.

namento nei porti, luoghi che da

Barcellona, Marsiglia e Salonicco

In Veneto, al riguardo, con la

sempre rivestono importanza

e di valutare gli scenari di svilup-

Legge Regionale n. 32 del 18

fondamentale per il commercio

po territoriale che tengano conto

ottobre 1996 è stata istituita

italiano e per il turismo. Già a fine

degli aspetti ambientali e socio-

l’ARPAV - Agenzia Regionale per

2009 l’Istituto Superiore per la

economici. Attraverso A.P.I.C.E si

la Prevenzione e Protezione Am-

Protezione e la Ricerca Ambien-

conta inoltre di rafforzare la go-

bientale del Veneto. Operativa

tale (ISPRA) e l’Associazione dei

vernance sulle aree costiere e di

dal 3 ottobre 1997, l’ARPAV ha

Porti Italiani (Assoporti) hanno

facilitare e promuovere accordi

ereditato i compiti nel campo

evidenziato l’importanza che “al

volontari tra le amministrazioni

del controllo e della prevenzio-

processo di sviluppo logistico ed

locali, le autorità portuali, i pro-

ne ambientale che fino al 1993

economico e al crescente uso

prietari e responsabili dei mezzi

erano di competenza del Servizio

del mare come via di comunica-

navali e tutti i soggetti che possa-

Sanitario Nazionale e delle ULSS.

zione e trasporto, si accompagni

no concretamente contribuire a

Gli obiettivi che l’ARPAV perse-

la tutela dell’ambiente delle aree

migliorare le condizioni ambien-

gue al fine di consentire la mas-

portuali”. L’ARPAV si è mossa in

tali. La prima fase del progetto,

sima efficacia nell’individuazione

questa direzione ed è diventata

durante la quale l’ARPAV avrà

e nella rimozione dei fattori di

il principale Leader partner del

anche il compito dello sviluppo di

rischio per l’uomo e per l’am-

Progetto A.P.I.C.E “Common

modelli matematici per l’analisi

biente sono quattro: la preven-

Mediterranean strategy and local

comparata del rischio ambientale

zione finalizzata alla promozione

practical Actions for the mitiga-

e della vulnerabilità del territo-

della sostenibilità ambientale, il

tion of Port, Industries and Cities

rio attraverso l’applicazione di

controllo delle fonti di pressioni

Emissions” scelto – insieme ad

scenari modellistica, è partita a

ambientali determinate dalle

altri 51 progetti – dal Comitato di

luglio del 2010 e si concluderà a

attività umane, il monitoraggio

Selezione del Programma di Co-

novembre del 2012. n

FG


Alto Adige News

A Bolzano torna il progetto dedicato ai giovani per la sensibilizzazione ambientale

L’

anno scolastico 2010/2011 è iniziato e con esso l’impegno a formare bambini e giovani per essere gli uomini del domani. Il punto di partenza, tuttavia, è imparare ad essere responsabili già nel presente. In questa prospettiva, il rinnovato progetto “Ambiente.scuola” dell’Agenzia provinciale per la protezione dell’ambiente (APPA) di Bolzano intende sensibilizzare i ragazzi a una mobilità sostenibile, al riciclo, all’uso parsimonioso delle materie prime e alla tutela dell’udito dalle conseguenze dovute al rumore. L’iniziativa non è una novità: già l’anno scorso l’APPA – in collaborazione con Consorzio dei Comuni, Ripartizione foreste e Ufficio parchi naturali – ha coinvolto nei progetti ambientali circa 800 classi, per un totale di quasi 13mila alunni, circa il

40% degli studenti di tutta la provincia. L’educazione ambientale ha acquistato e continua a guadagnare un posto importante nelle unità didattiche delle scuole dell’Alto Adige: anche quest’anno, quindi, verranno riproposti programmi educativi riguardanti clima, rifiuti e rumore, con la novità di un ciclo di lezioni sull’uso responsabile dell’acqua. Quest’anno inoltre la partecipazione ai progetti sarà legata all’azione “Un albero per...”: per ogni classe che avrà aderito ad almeno un progetto la Ripartizione foreste pianterà un albero o un arbusto, prediligendo una varietà di

piante autoctone per sottolineare l’importanza di proteggere la bio-diversità. Maggiori informazioni sul sito www.provinz. bz.it. n

Al via il secondo Premio Ambiente Euregio Tirol - Alto Adige - Trentino 2010

I

n avvio per il secondo anno consecutivo il bando di

biente e che si siano sviluppati in Tirolo-Alto Adige-Trentino

concorso su ambiente e sostenibilità per il Tirolo, l’Alto

nel biennio 2009/2010. Nella categoria “Impegno ed attivi-

Adige e il Trentino. Dedicato a privati e persone

tà” potranno invece concorrere solo le persone

giuridiche residenti o con sede legale in Tirolo-

giuridiche, presentando le loro attività svolte

Alto Adige-Trentino, il concorso ha l’obiettivo di sensibilizzare e motivare una tutela dell’am-

finora, i loro provvedimenti e rispettivamente il 0 201

loro impegno in termini di tutela ambientale. I

biente attiva e di incentivare l’innovazione nel

privati vincitori riceveranno dei buoni viaggio,

settore ambientale. Il premio infatti consente

mentre le persone giuridiche lingotti d’oro (il

alle imprese di presentare i progetti innovativi

valore complessivo del premio è ripartito in

sviluppati ed offre a singoli privati la possibilità di

categorie, 2000 euro al primo, 1000 e 500

proporre idee per concretizzare misure di tutela

euro al secondo e terzo classificato).

ambientale. Quest’anno il premio ambiente viene bandito

Le adesioni dovranno pervenire entro e non oltre il 5

per due categorie. Per “Progetti ed idee”, dedicato a tutti,

novembre 2010. Per scaricare il modulo di adesione e

potranno essere presentate idee e proposte di migliora-

avere maggiori informazioni: www.transkom.it oppu-

mento oppure veri e propri progetti che riguardano l’am-

re info@transkom.it. n

OTTOBRE 2010

- 9


Per saperne di più

Nuove prospettive energetiche nell’impiego di biomassa: Il motore a legna Elettricità e calore da impianti a cippato di piccola taglia Lorenzo Strauss (T.E.S.I. Engineering S.r.l.)

I

l sistema descritto potrebbe provocatoriamente essere presentato come un “motore a legna”, ovvero un motore primo alimentato con sottoprodotti lignei. Più precisamente 10

- OTTOBRE 2010

si tratta di un motore endotermico, raffreddato ad acqua, ciclo Otto aspirato, alimentato con biogas derivante da un processo di pirolisi di cippato di pezzatura medio-piccola. Storicamente qualcosa di simile si era visto durante la seconda guerra mondiale, quando l’indisponibilità di carburanti raffinati aveva indotto

alcuni costruttori (tra cui una nota azienda termomeccanica roveretana) ad installare su qualche automezzo dell’epoca piccoli gasogeni, costruiti su licenza tedesca, installati nel bagagliaio, caricati a lignite e preposti all’alimentazione del motore primo. Beneficiando degli enormi progressi intervenuti nel frattempo


Il Giornale dell’Energia

Il “motore a legna” è alimentato da sottoprodotti lignei come i cascami e gli scarti della lavorazione del legno in ambito edilizio

nei vari comparti della tecnica, questo processo viene oggi riproposto, non già per la mancanza di carburanti, ma per il responsabile impegno ad evitarne un uso indiscriminato. La parte originale dell’assieme risiede evidentemente nel processo di pirolisi, con il quale viene prodotto un biogas di livello e costanza di qualità notevoli. Il cuore risiede in un reattore cilindrico ad asse verticale, all’interno del quale si sviluppa la gassificazione, ovvero una combustione parziale, in forte difetto d’aria, tale da innescare una combustione assolutamente incompleta ed avente come prodotto in uscita il biogas in questione. Dopo un transitorio iniziale di messa a regime privo di criticità, il processo decorre in modo continuo e stazionario, basandosi su un regime termico stabile, sia in verticale, che in orizzontale, grazie alla omogenea alimentazione di aria nella regione inferiore del reattore, per mezzo di un distributore opportunamente sviluppato. Il carico del reattore avviene dall’alto per caduta e con convogliamento per mezzo di un sistema di coclee, così come dall’alto si verifica il prelievo del biogas generato, mentre da una tramoggia inferiore viene estratto il residuo incombusto (ceneri). Un agitatore a bassa velocità provvede al continuo rimescolamento della biomassa nel reattore, assicurando l’omogeneità del contenuto e l’uniformità radiale della reazione pirolitica. I fumi così ottenuti sono avviati ad un processo di lavaggio e filtrazione, eseguiti in regime rispettivamente

umido e secco. Il lavaggio avviene in un apparecchio entro cui il biogas entra in intimo contatto con il liquido di lavaggio (biodiesel), che abbatte le impurità inglobandole nella fase liquida, la quale si separa per gravità e viene ricircolata per mezzo di una pompa. Il gas così lavato si avvia verso un elemento di filtrazione, che provvede alla separazione delle particelle residue facendolo transitare attraverso un letto di materiale sottile (cippato fine), entro i cui interstizi restano intercettate le impurità del fluido. Si noti che la scelta dei mezzi di lavaggio e filtrazione, orientata a prodotti di origine vegetale, da un lato assicura la natura totalmente rinnovabile del combustibile prodotto (senza pregiudicarne la caratteristica di biomassa), dall’altro ne permette il riciclo completo nel processo stesso: il biodiesel viene periodicamente reintegrato, giacché una parte seppur contenuta viene trascinata dal gas lavato e trattenuta nella successiva filtrazione, dove viene assorbita dal cippato fine, di tanto in tanto sostituito e riciclato nella materia prima (cippato). Nel processo non viene pertanto introdotto nulla di diverso da biomas-

sa, mentre le caratteristiche del gas così ottenuto permettono di alimentare il sistema di cogenerazione vero e proprio. Quest’ultimo è basato su un sistema modulare, basato cioè su tre propulsori di identiche caratteristiche, montati affiancati su un unico skid e ciascuno direttamente accoppiato ad un alternatore asincrono a quattro poli raffreddato ad aria. In particolare, questa caratteristica degli alternatori nella fase di avviamento consente la messa a regime dei motori termici, finché gli stessi, erogando potenza, portano la macchina elettrica dalla condizione di scorrimento negativo (motori) a quella di scorrimento positivo (generatori). I motori endotermici sono quindi sprovvisti di motorino d’avviamento, di alternatore e di pompa del combustibile, disponendo della sola pompa del lubrificante: essi sono pertanto assolutamente scarni ed essenziali, grazie anche alla tradizionale esecuzione a quattro cilindri in linea. Questi elementi assicurano la massima affidabilità ma, soprattutto, Attraverso il processo della pirolisi, il “motore a legna” produce un biogas di livello e costanza di qualità notevoli

OTTOBRE 2010

- 11


Per saperne di più

Nel motore a legna possono essere utilmente impiegati anche i residui di legname derivanti dall’esbosco.

economicità del propulsore: la filosofia dell’impianto, infatti, non prevede elevate sofisticazioni nel processo di trasformazione dell’energia chimica in energia meccanica, quanto la generazione di un biogas con caratteristiche elevate e costanti nel tempo. La regolazione del processo di combustione avviene per mezzo di una modulazione del combustibile e del comburente derivati dai rispettivi collettori e controllati indipendentemente per mezzo di valvole a farfalla motorizzate, comandato dal sistema di controllo a microprocessore dell’assieme. Il recupero termico avviene per raffreddamento dei monoblocchi dei motori, oltre che dal raffreddamento dei fumi e da quello del biogas prodotto prima della sua introduzione 12

- OTTOBRE 2010

nei motori stessi. Una frazione modesta ma non trascurabile del calore viene dissipata per irraggiamento e dispersione delle parti calde dell’assieme, vale a dire del complesso di pirolisi e dei tre motori endotermici: il calore sviluppato viene allontanato dalla cofanatura di insonorizzazione per mezzo di circolazione forzata d’aria, in generale scaricata nell’ambiente di accumulo del cippato (previa interposizione di serranda tagliafuoco): un adeguato livello di essiccamento viene ottenuto da un breve periodo di stazionamento nell’accumulo a monte del processo, sopra un pavimento riscaldato e ventilato con l’aria calda derivata dal processo stesso. Quanto descritto è stato messo a punto su una serie di prototipi, attualmente tutti in funzione presso il costruttore, ad indicare che, una volta individuati l’organizzazione e l’assetto del cuore del processo, le

fasi successive hanno rappresentato uno sviluppo di razionalizzazione e di industrializzazione del prodotto, che ha mantenuto l’originaria configurazione ed affidabilità. La delicatezza del sistema evidentemente risiede nella possibile variabilità di caratteristiche del biogas e nella accidentale presenza di impurità, in ragione della potenziale variabilità del prodotto alimentato, a seconda della provenienza (esbosco, cascami industriali di prima o seconda lavorazione, raccolta differenziata, ecc): il processo ha peraltro dimostrato di avvenire con regimi e stabilità termici tali da assicurare un’elevata costanza delle caratteristiche del biogas, unitamente ad una capacità di intercettarne scorte e impurità. Va tuttavia ribadito che il costruttore, perfettamente consapevole di quanto detto, ha ritenuto di concentrare la propria attenzione sul processo


Il Giornale dell’Energia

di pirolisi, per orientare la scelta dei motori verso unità di limitato costo e di elevata robustezza: in tal senso l’analisi di mercato svolta ha permesso di individuare un propulsore di grande semplicità, affidabilità ed economicità, derivato dal mercato dell’autotrazione, seppur a parziale detrimento delle prestazioni, che i più recenti ed aggiornati propulsori (esecuzioni pluricilindriche, sovralimentate con intercooler) sono in grado di offrire a prezzo però di costi di primo acquisto incomparabilmente maggiori. Va in proposito aggiunto che, a garanzia della affidabilità del sistema proposto, i suddetti propulsori sono gestiti per erogare una potenza a 1500 giri/min di circa 30 kW ciascuno, pari a circa un terzo della potenza nominale dei motori stessi (90 kW ad oltre 3000 giri/min.). Sul piano energetico il processo descritto può essere scomposto in due sezioni: • la pirolisi, in cui l’energia introdotta sotto forma di cippato si trasforma in biogas con un’efficienza prossima all’80%, con perdite termiche emesse sotto forma di aria calda canalizzabile (il residuo 20%); • la combustione interna del biogas prodotto, con cogenerazione di elettricità (22%) e calore (49% sotto forma di acqua calda), e perdite termiche sotto forma di aria calda canalizzabile (3%), dispersioni e calore residuo dei prodotti della combustione. • l’efficienza energetica globale ammonta al 71% (elettricità e calore sotto forma di acqua calda), ma sale al 94% se si conteggia il contributo dell’aria calda (23%), in generale utilizzabile nel processo di essiccamento. Al di là di questa ragguardevole prestazione globale, vale la pena di rilevare come il 22% di resa elettri-

ca netta superi nettamente i valori (nell’ordine del 18%) che sono in grado di offrire i più aggiornati cicli ORC (Organic Rankine Cycle). Questi ultimi sono peraltro disponibili per taglie ben superiori (in generale oltre 1 MWe), mentre l’affiancamento di più moduli da 3 x 30 kW nominali permette alla tecnologia qui proposta di essere competitiva per potenze inferiori (si può assumere in linea di larga massima il valore di 1 MW quale soglia tra le due tecnologie). È evidente che il sistema descritto intenda proporre ad un tempo i vantaggi che possono derivare sia dalla cogenerazione (sfruttamento del ca-

Lo skid in avanzato allestimento: reattore pirolitico (a destra) e moduli di cogenerazione (a sinistra)

lore come scarto della generazione di elettricità), che dallo sfruttamento di biomassa nella generazione elettrica (certificati verdi o tariffa onnicomprensiva). Al di là di questi interessanti incentivi, resta comunque la straordinaria prospettiva di sfruttare cascami di legno per la produzione di elettricità e calore, con particolare riferimento a piccole unità artigianali e/o industriali del settore. n Lo skid pronto per essere pannellato e spedito: i moduli di cogenerazione sono cofanati

OTTOBRE 2010

- 13


Attualità

PVB Group: nuova identità, nuovo sito web

I

l 18 giugno 2010, al MART di Rove-

aggregazione progressiva di nuove

sito del gruppo. All’indirizzo web www.

reto si sono dati appuntamento tutti

aziende al nucleo originario Petrolvilla

pvbgroup.com sarà presto disponibile

i soci, gli amministratori, i dipendenti

S.p.A., di un’identità più compatta e co-

l’homepage ufficiale del PVB GROUP.

e i partners del Gruppo Petrolvilla. Alla

erente. Un’identità capace di includere

“Si tratterà – come riferisce Miche-

presenza del Presidente della Provin-

sotto il cappello dello stesso brand un

le Bortolotti, marketing manager del

cia di Trento Lorenzo Dellai, più di 500

ventaglio di servizi molto ampio (dal-

Gruppo – di un sito progettato per

persone hanno così celebrato il tren-

la fornitura di prodotti petroliferi alla

consentire all’utente di accedere nel

tesimo compleanno di Petrolvilla, ma

gestione calore, dalla produzione di

modo più intuitivo e rapido possibile

non solo. L’evento, oltre che un modo

energia da fonti rinnovabili alla progetta-

alle informazioni che sta cercando.

per riconoscere e riaffermare la rile-

zione e realizzazione di impianti ad alto

A seconda che l’utente sia un cliente,

vanza dei traguardi raggiunti dal 1980

contenuto tecnologico), senza tuttavia

un fornitore o uno dei nostri partner,

ad oggi, è stato un’occasione per pre-

disorientare il cliente con un’eccessiva

potrà seguire il percorso di navigazione

sentare pubblicamente il nuovo nome

frammentazione.

più adatto alle sue esigenze”. In questa

e il nuovo marchio del Gruppo.

Mentre in questi mesi sono stati com-

prospettiva, il sito non presenterà im-

L’operazione di rebranding – il passag-

pletati i passaggi burocratici e pratici

mediatamente all’utente tutte le singo-

gio alla denominazione PVB (derivata

che il cambio di denominazione com-

le aziende di cui il Gruppo è composto

dalle radici Petrol, Villa e Bortolotti) – è

porta (aggiornamento della documen-

(PVB Fuels, PVB Solutions, PVB Power,

motivata da una pluralità di esigenze:

tazione ufficiale, modifica di insegne,

PVB Retail, ecc), ma offrirà un’idea

prima fra tutte, quella di dotare il Grup-

cartellonistica, veicoli, ecc), particolare

sintetica ma completa delle soluzioni

po, cresciuto per

attenzione è stata dedicata alla predi-

che l’intero gruppo PVB mette a dispo-

sposizione del nuovo

sizione. Ulteriore valore aggiunto sarà poi lo spazio dedicato nell’homepage alla fornitura di informazioni di servizio legate al mondo dell’energia e dell’ambiente. n

MLD

Foto sopra: al Mart di Rovereto soci e dipendenti hanno celebrato i 30 anni di attività del PVB GROUP A sinistra: un’anteprima dell’aspetto grafico dell’homepage www.pvbgroup.com

14

- OTTOBRE 2010


Attualità

Nasce con la partnership di SEA “Ambiente Lab”, Associazione di servizi alle imprese

N

asce “Ambiente Lab”, un’associazione di servizi alle imprese che mette in comune competenze professionali diverse e coordinate a supporto della certificazione e dei controlli dei materiali utilizzati nella Green Building e nell’edilizia sostenibile. L’associazione, inserita nell’avveniristico contesto del distretto “Habitech”, il distretto tecnologico trentino con sede a Rovereto e composto da oltre 300 fra imprese, enti di ricerca e agenzie pubbliche per un totale di 8.000 addetti e un volume d’affari generato di circa un miliardo di euro, vede la partnership di SEA S.r.l. che mette a disposizione delle aziende, dei privati e delle pubbliche amministrazioni, la sua esperienza ventennale in materia di analisi chimiche dei terreni, delle acque, delle polveri, dei rifiuti, nelle analisi ambientali rispetto alle polveri, Segreteria di Ambiente Lab Tel. 0464 486344

ai rumori, oltre che ovviamente a tutto quanto di sua competenza. Oltre a SEA S.r.l., “Ambiente Lab” prevede la partnership di altre tre consolidate realtà pubbliche e private, unite per fare fronte alle esigenze anche di certificazione. Fra queste CET Sevizi S.r.l., competente in materia di prove chimico fisiche sui materiali edili, I.C.M.Q. S.p.A. leader nella certificazione dei materiali da costruzione per le caratteristiche di sostenibilità e di efficienza, ed infine il Museo civico di Rovereto, che mette a disposizione le sue consolidate competenze in campo della sostenibilità ambientale e della geofisica applicata con prove su terreni, fondazioni ed edifici per vibrazioni, dispersioni termiche, inquinamenti indoor, habitat naturale, ed altro ancora. L’Associazione presenta il grande vantaggio per i soggetti interessati, in particolar modo quelli operanti nel distretto “Habitech” ma più in generale a tutti coloro che operano nel settore della

“Green Building”, di avere un’unica interfaccia in grado di soddisfare tutte le esigenze, comprensive della certificazione finale. Scopo dell’associazione, oltre a quello di fornire supporto in materia di Green Building, è quello di creare sinergie di sostenimento di innovazione e progetti di ricerca di prodotti e processi produttivi. Questo attraverso le proprie competenze trasversali. n di Daniele Carlini Consulente Area Sicurezza Gruppo SEA

OTTOBRE 2010

- 15


Attualità

PVB RETAIL si fa strada nella distribuzione di carburanti L’azienda del PVB Group fa il suo ingresso nel settore della distribuzione stradale di carburanti. L’obiettivo è ampliare la rete commerciale a marchio PVB sia con impianti di proprietà che con impianti convenzionati.

P

VB RETAIL è una delle due aziende che gestiscono la business unit Prodotti Petroliferi del PVB Group. In particolare, mentre PVB FUELS è attiva nel commercio e nella distribuzione di prodotti di tipo petrolifero ed energetico, la neonata PVB RETAIL controlla e sviluppa la rete dei distributori di carburante sulle strade. Grazie anche ai solidi Senza rapporti di collaboPiombo €/Litro razione e all’autorevolezza che legano DieSeL €/Litro PVB Group alle sue principali società fore-DieSeL €/Litro nitrici, negli scorsi mesi PVB RETAIL ha condotto importanti trattative per applicare il marchio PVB ad

alcuni degli impianti stradali di distribuzione di carburante di cui è proprietaria, ma che finora erano vincolati da contratti di convenzionamento. Uno step iniziale positivo nella prospettiva più ampia di accrescere e coordinare una rete autonoma di impianti di distribuzione, portando il brand PVB sulle strade italiane. Attualmente gli impianti di proprietà PVB sono cinque. I primi due (uno di Vicenza e uno di Verona) sono vincolati ad altri marchi ancora per qualche anno, mentre gli altri tre (uno a Zevio nel veronese e due nel vicentino, a Sossa-

bar

Lavaggio

16

- OTTOBRE 2010

no e a Chiampo) stanno passando dal marchio austriaco OMV a quello italiano PVB. “Gli allestimenti, le insegne, la cartellonistica e gli altri particolari che andranno a caratterizzare l’aspetto degli impianti PVB saranno pronti in autunno − riferiscono Diego Santoni, Responsabile PVB Retail, e Daniele Bortolotti, Direttore Commerciale di PVB FUELS −. Parallelamente, stiamo lavorando anche ad un vero e proprio manuale che descriva per linee guida come uniformare i vari elementi di comunicazione dei distributori, creando un’immagine condivisa, di immediata riconoscibilità, propria del nuovo marchio”. L’obiettivo di PVB è di sviluppare il canale rete attraverso un numero crescente di stazioni di servizio a marchio PVB dislocate nelle principali arterie stradali e la strategia è


Il Giornale dell’Energia

equilibrata rappreza e possibilità di PVB FUELS è la prima senta un punto di scelta”. Quello dei azienda in Italia forza che la rende distributori stradali nella distribuzione è oggi un mercato affidabile e attenta di prodotti petroliferi più vivace rispetto al mercato, qualifial cliente finale, duplice: crescere dal punto di vista candola in maniera ad un tempo; si è contando ogni anno distintiva rispetto ai dell’assetto proprietario, lentamente risvegliato e cerca 33 mila clienti forniti e 350 milioni di litri principali player. ma in maniera costante, e allacciare maggiori possibilità commercializzati. Per il gestore di un nuovi rapporti di convenzionamento di differenziazione Dispone inoltre di con i gestori, caratterizzando sul terimpianto lavorare e personalizzazione 100 collaboratori, 11 ritorio il marchio PVB. con PVB Group vuol delle attività. depositi commerciali In prospettiva il Vedire garanzia sulla Per raggiungere questi obiettivi, e 63 autobotti. qualità e disponiPVB RETAIL può contare innanzitutneto può essere bilità del prodotto, to sull’appartenenza ad un gruppo considerato il precome se si rapportasse con le grandi che commercializza annualmente un cursore del passaggio dalle compavolume di 350 milioni di litri di commajor internazionali, ma anche una gnie di bandiera ai privati; anche il gestione più snella, bustibile e che le Trentino è predisposto positivamenveloce e meno impermette quindi di te verso questo tipo di novità e sta PVB RETAIL pegnativa. Riprengarantire con coniniziando a manifestare l’esigenza di gestisce a fianco dendo le parole di tinuità quantitativi fare cultura imprenditoriale in quedi PVB FUELS la business unit molto elevati di apDaniele Bortolotti: sto senso. “Prodotti Petroliferi” “Il gestore ha finalprovvigionamenti Le recenti trattative della RETAIL handi PVB GROUP , mente l’opportunità e un servizio di alno avuto successo anche dal punto occupandosi dello ta qualità. “Le condi uscire dalla lodi vista del convenzionamento: atsviluppo della rete di gica univoca delle segne in gestione tualmente gli impianti convenzionati distributori stradali di − aggiunge Diego royalty sui volumi PVB sono tre e si trovano a Verona, carburante, Villalagarina e Ledro (Trento). Si tratdi vendita, che gli Santoni − vengodella loro lascia un margine di no fatte dai nostri terà di distributori riforniti in escluorganizzazione dipendenti con i noazione basso, e può siva che porteranno l’immagine del e della loro immagine. brand PVB. n attivarsi in vari modi stri automezzi abilitati. I nostri camion per incrementare i volumi di vendita e farsi ‘più imprensono tutti dotati di contalitri verificati ditore’. Anche per il consumatore annualmente dall’ispettore metrico per tenere sotto controllo i cali che l’effetto sarà indubbiamente positivo, Diego Santoni, perchè un nuovo marchio sul merpossono intervenire dal prelievo in Responsabile PVB RETAIL raffineria all’arrivo effettivo per i camcato significa maggiore concorrenbiamenti di temperatura. Nel caso in cui si registrino cali che superano le PVB RETAIL percentuali previste dal protocollo 15 milioni di litri tramite d’intesa che abbiamo sottoscritto, il 5 distributori di proprietà benzinaio viene correttamente rim(di cui 3 a brand PVB): Sossano (VI), borsato”. Zeno (VR), Chiampo (VI), Vicenza, Verona Oltre ad offrire in termini di solidità Un’idea di massima di come dovrebbero prossimamente essere allestiti i distributori di carburante PVB di proprietà

tutti i vantaggi di una grande impresa, PVB RETAIL intende allo stesso tempo mantenere l’agilità e la flessibilità di una piccola azienda, più a misura d’uomo: questa doppia natura ben

10 milioni di litri tramite 3 distributori convenzionati Verona, Villalagarina (TN), Ledro (TN)

OTTOBRE 2010

- 17


Attualità

PVB SOLUTIONS: maggiori opportunità per il fotovoltaico in ambito privato L’azienda in rapida evoluzione taglia progressivamente nuovi traguardi anche nel campo delle energie rinnovabili e nello specifico nel fotovoltaico. Obiettivi e progetti concreti non più solo nel pubblico, ma anche nel settore privato grazie ad una formula capace di garantire nel tempo l’efficienza e la produttività degli impianti. i suoi servizi anche ai settori residen-

pliare il nostro raggio di azione e rag-

ziale, terziario, industriale e real estate.

giungere una maggiore espansione

Una scelta ed una spinta al cambia-

sul territorio. Intendiamo collocarci a

uando l’impegno è costante e i

mento che si riflettono anche nel

livello nazionale e disponiamo della

progetti sono guidati dall’innova-

recente mutamento di nome della

struttura produttiva e della flessibilità

zione tecnologica e dalla motivazione,

società, passato da Energy Service

necessaria per aprire nuovi cantieri e

i successi non tardano ad arrivare.

a PVB SOLUTIONS, con l’obiettivo di

raggiungere questi risultati”.

La recente riorganizzazione del gruppo

offrire al cliente soluzioni integrate per

Offrendo uno standard di servizio ele-

Petrolvilla − oggi PVB GROUP − ha

un ambiente sostenibile.

vato, negli ultimi mesi nel campo del

condotto anche PVB SOLUTIONS ad

La struttura di PVB SOLUTIONS è

fotovoltaico l’azienda si è aggiudicata

ampliare il proprio raggio operativo

attualmente in grado di sviluppare la

in ambito privato importanti progetti.

aprendosi al settore privato e raffor-

progettazione, la costruzione e la ge-

Recentemente, sono stati siglati tre

zando la propria expertise nel settore

stione degli impianti per la produzione

contratti per conto di società private,

del fotovoltaico.

di energia da fonti rinnovabili, tra cui

operanti negli investimenti finanziari,

Già forte di numerose collaborazio-

biomasse, impianti di teleriscaldamen-

nel territorio abruzzese per la realizza-

ni con istituzioni ed enti pubblici, in

to e fotovoltaico.

zione di impianti da circa 1 megawatt

particolare in ambito sanitario, PVB

Come afferma Stefano Ober, Diret-

cadauno “a terra”: due in provincia di

SOLUTIONS ha accettato la sfida di

tore Commerciale canale privato di

Teramo, per conto di Sistema Solare

entrare nel mercato privato, per offrire

PVB SOLUTIONS “La sfida è di am-

S.p.A. e uno in quella di Chieti per

di Cinzia Zeni

Q

18

- OTTOBRE 2010


Il Giornale dell’Energia

PVB Solutions sta realizzando in territorio abruzzese tre impianti fotovoltaici da circa 1 megawatt cadauno “a terra”

data da una forma di fideiussione ban-

le prime opportunità all’interno di un

caria rilasciata da PVB SOLUTIONS al

settore fortemente competitivo ed in

committente, in modo da assicurare

continua evoluzione dal punto di vista

una determinata produzione in termini

tecnologico e normativo come quello

Iniziative Solari S.r.l. Parallelamen-

di kilowatt ora.

del fotovoltaico e delle energie rinno-

te, è stato firmato un contratto con

Legato al contratto EPC, PVB SOLU-

vabili in genere”, riporta Stefano Ober.

l’impresa Santoni per la costruzione

TIONS formalizza un ulteriore accordo

A supporto della sua vocazione ad

di un impianto “su copertura” della

che la lega nei confronti del commit-

essere un’azienda multiservizio, PVB

medesima potenza in Trentino, a Ce-

tente per un periodo di 20 anni. Que-

SOLUTIONS utilizza entrambe le sue

niga di Dro.

sto tipo di contratto, denominato O&M

due divisioni aziendali: Total Facility

Come riferisce Luca Visintin, Diretto-

(Operation & Maintenance), riguarda

Management (TFM), impegnata nella

re Engineering di PVB SOLUTIONS,

la manutenzione ed ha inizio a partire

gestione del calore, del servizio ener-

“gli impianti del teramano sono iniziati

dal momento stesso in cui avviene il

gia e nelle cosiddette soft e hard fa-

nello scorso mese di agosto 2010 e

collaudo definitivo. In questo modo, in

cilities, e Tecnologie Innovative (TIN),

dovranno essere terminati entro la fine

cambio dell’assegnazione dell’incarico

legata all’impiantistica e allo sviluppo

di novembre, mentre quello di Chie-

di manutenzione, l’azienda garantisce

di fonti alternative di produzione dell’e-

ti, la cui costruzione è stata avviata

la piena performance dell’impianto.

nergia, tra cui in particolare il fotovol-

sempre ad agosto, sarà operativo il

“I recenti contratti sono frutto di una

taico. Grazie a questo tipo di struttura,

prossimo 30 ottobre. Per l’impianto

forte azione commerciale intrapresa

è in grado di personalizzare continua-

della località trentina invece, i lavori

e del buon nome che PVB SOLU-

mente la propria proposta aziendale

avranno inizio alla fine di settembre

TIONS si è creta nel tempo, a livello

e supervisionare ad ampio raggio le

per concludersi entro la fine del 2010”.

nazionale, nel campo del Total Facility

mutazioni tecnologiche che trovano

Ma non è tutto. L’azienda ha avviato

Management e delle installazioni tec-

applicazione nel campo dell’impian-

trattative per la realizzazione di altri im-

nologiche. Questo mix di fattori ha per-

tistica tecnologica ed in particolare

pianti con una capacità complessiva di

messo a PVB SOLUTIONS di creare

delle energie rinnovabili. n

oltre 10 megawatt in un’area che coinvolge la regione ligure, il Friuli Venezia Giulia, la Puglia e l’Abruzzo. In questo modo PVB SOLUTIONS, che finora contava come zone di competenza la Lombardia, il Trentino Alto Adige e parte dell’Emilia Romagna, non è più radicata esclusivamente nelle regioni del Nord Italia, ma inizia a trovare la sua collocazione a livello nazionale. I contratti aggiudicati da PVB SOLUTIONS rientrano nel Conto Energia GSE 2010 e nella cosiddetta tipologia EPC (Engineering Procurement & Construction), in base alla quale la società costruttrice deve provvedere a tutti gli adempimenti necessari per la realizzazione dell’impianto fotovoltaico. A differenza di quanto prescritto da un normale contratto di costruzione, viene garantito da PVB SOLUTIONS anche il livello di performance dell’impianto nel tempo. La garanzia viene


Rinnovabili

Gli impianti fotovoltaici installati in montagna presentano rese energetiche lievemente superiori

Solare termico o fotovoltaico? Entrambi, grazie! Pannelli ibridi, la cogenerazione solare

L

a quota di energia incidente su un

ficienza elettrica: per questa ragione,

se viceversa adeguatamente limita-

pannello fotovoltaico e da questo

oltre che per la maggiore insolazione

to (30-40 °C) consente un esercizio a

non trasformata in elettricità viene

conseguente alla minore attenuazione

regimi termici inferiori rispetto ad un

inevitabilmente degradata in calore,

della radiazione solare, gli impianti in

fotovoltaico tradizionale, consentendo

determinando un incremento di tem-

montagna presentano rese energeti-

un recupero di efficienza.

peratura della superficie e la disper-

che lievemente superiori.

Il solare ibrido si candida dunque ad

sione verso l’ambiente circostante.

Questa considerazione ha portato al-

impieghi in circostanze un po’ parti-

Come noto, nel processo fotovoltaico

cuni costruttori a concepire e svilup-

colari, dal preriscaldamento di acqua

l’alta temperatura del pannello influ-

pare un tipo di pannello solare ibrido,

sanitaria, al riscaldamento di piscine

isce poi negativamente sulla sua ef-

ovvero un componente in grado di

coperte. Il bilancio energetico di un

produrre allo stesso tempo sia elet-

fotovoltaico ibrido, riferito al metro

tricità che acqua calda. Rispetto ad

quadro di pannello esposto in condi-

un tradizionale pannello termico, una

zioni nominali può essere sintetizzato

parte di energia captata viene resti-

come di seguito indicato:

tuita sotto forma di elettricità anziché di calore: l’efficienza energetica pri-

potenza incidente

1000 W/mq

maria del pannello ne trae beneficio,

potenza elettrica netta 150 W/mq

essendo l’elettricità più pregiata del

potenza termica netta 450 W/mq

corrispondente calore.

perdite complessive

400 W/mq

L’aspetto critico di questa tecnologia

Un pannello solare ibrido è in grado di produrre allo stesso tempo sia elettricità che acqua calda

20

- OTTOBRE 2010

risiede nel livello termico del fluido

I primi esemplari sono in fase di in-

termovettore (acqua calda) che, se

stallazione e permetteranno la verifica

troppo elevato (60-70 °C) compromet-

sul campo di criticità e prestazione nel

te l’efficienza termica del pannello,

volgere di breve tempo. n

LS


Novità normative

BIOMASSA

a cura di TESI Srl

Soglia minima per l’efficienza energetica per cogenerazione in provincia di Trento. Agli impianti di cogenerazione installati in Provincia di Trento, di potenza termica in ingresso superiore a 100 kW, si applica tuttora il Decreto del Presidente della Provincia n.29-136/Leg del 30 luglio 2008. In mancanza di specifiche direttive emanate dall’APPA (Agenzia Provinciale per la Protezione dell’Ambiente), tra le norme transitorie esso fissa all’80% il grado minimo di efficienza energetica complessiva, inteso come rapporto tra l’energia prodotta (termica e/o elettrica e/o frigorifera) effettivamente utilizzata e l’energia termica introdotta come combustibile (articolo 5, comma 4).

Un esempio di impianto di generazione elettrica alimentato a biomasse

È evidente l’intento del normatore di prevenire forme di utilizzo inefficiente dei combustibili, in modo particolare di

fissato risulta molto elevato e restrittivo, anche per impianti

quelli rinnovabili che, grazie alla incentivazione economica

energeticamente performanti: anche le più avanzate tra

fissata dall’attuale quadro normativo, possono risultare re-

le centrali termoelettriche del parco italiano, quelle a ciclo

munerativi anche in regime di mera generazione elettrica,

combinato (efficienza elettrica nell’ordine del 55 %), non

ovvero con dissipazione del calore generato. In questo la

sono in grado di rispettare questo limite prescrittivo. È ve-

normativa locale finisce con l’essere in aperto contrasto

ro che l’idroelettrico assicura alla nostra provincia un buon

con lo spirito che ha animato l’incentivazione della genera-

bilancio energetico; ma non è che in una prescrizione così

zione elettrica da biomassa. Va poi osservato che il limite

limitativa vada letto un atteggiamento vagamente “nimby”?

Sicurezza

a cura di SEA Srl

AMBIENTE

a cura di SEA Srl

Sicurezza sui cantieri: cambia la tessera di riconoscimento degli

Nuove proroghe per il SISTRI, il

addetti.

sistema di controllo della traccia-

Con la pubblicazione da parte del Parlamento sulla Gazzetta Ufficiale n.

bilità dei rifiuti.

196 del 23 agosto 2010, la Legge n. 136/2010, dal titolo “Piano straor-

Con il decreto ministeriale 28 settem-

dinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di norma-

bre 2010, pubblicato sulla Gazzetta

tiva antimafia” ha introdotto importanti novità.

Ufficiale n. 230 del 1° ottobre 2010 si

In materia di sicurezza sul lavoro, all’articolo 5 (Identificazione degli ad-

prevedono due importanti proroghe: al

detti nei cantieri) viene puntualizzato che sulla tessera di riconoscimento

30 novembre 2010 per la distribuzione

(prevista dall’art. 18, comma 1, lettera u del Decreto Legislativo 81/08)

dei dispositivi (black box, le chiavette

dovrà essere precisata anche la data di assunzione e, in caso di subap-

Usb e i nuovi software aziendali)

palto, la relativa autorizzazione.

e al 31.12.2010 per il termine

Inoltre, nel caso di lavoratori au-

della fase

tonomi, la tessera di riconosci-

sperimentale.

mento, prevista dall’articolo 21, comma 1, lettera c, del decreto legislativo 81/08 dovrà con-

Ulteriori

tenere anche l’indicazione del

informazioni

committente.

sono disponibili

Il provvedimento, in vigore dal

sul sito del

7 settembre 2010, è visionabile

ministero

sul sito del Ministero degli In-

dell’ambiente:

terni: www.interno.it

http://www. minambiente.it

OTTOBRE 2010

- 21


Sostenibilità

A cura del Consorzio Habitech

PROGETTO LEED IFAD International Fund for Agricultural Development - ROMA CERTIFICATO LEED® EBO&M v3 Gold

LEED per gli edifici esistenti: l’apripista italiano è l’IFAD Con il supporto di Habitech, la sede di Roma dell’International Fund for Agricultural Development (agenzia specializzata delle Nazioni Unite) è il primo edificio in Italia certificato LEED® EBO&M v3 Gold.

I

l convegno internazionale “LEED® Italia per i territori e quartieri ecosostenibili”, organizzato a Roma dal GBC Italia Il 23 settembre 2010, è il contributo nazionale al World Green Building Week, evento mondiale creato dal World Green Building Council insieme ai suoi membri, presenti in più di 80 paesi, per promuovere a livello globale il tema dell’edilizia sostenibile. Il convegno di Roma rappresenta la terza tappa del tour di presentazione di LEED Italia, partito da Trento il 14 aprile e proseguito il 22 giugno a Milano. Un intervento importante in programma nel convegno romano riguarda la sede IFAD-International Fund for Agricultural Development (agenzia specializzata delle Nazioni Unite) a Roma, il primo edificio in Italia certificato LEED EBO&M v3/2009, il rating LEED di sostenibilità ambientale per gli edifici esistenti. Il risultato è stato raggiunto grazie al lavoro dello staff Habitech, che ha seguito il progetto lungo tutto l’iter di certificazione e ha accompagnato il committente al raggiungimento del risultato. Con 8 pia-

22

- OTTOBRE 2010

ni fuori terra e 2 interrati e 27.000 mq di superficie, la sede IFAD ospita giornalmente 800 persone. La certificazione ufficiale è stata rilasciata il mese scorso dall’organismo statunitense di edilizia sostenibile Green Building Council. Fra le quattro possibili certificazioni LEED (Certified, Silver, Gold, Platinum) l’edificio è stato classificato “Gold”. 800 persone rappresentano una comunità numerosa e riuscire a individuare policy di gestione sostenibile inducendo comportamenti personali consapevoli è un obiettivo ambizioso e coerente con il concetto di sostenibilità. Pensare infatti alla sostenibilità come misura delle caratteristiche ambientali di un involucro e dei suoi impianti è importante, ma limitativo se non vengono coinvolte le persone. Passiamo una parte importante della nostra vita in edifici, lavorando in comunità con altre persone. Riuscire a coniugare ambienti confortevoli e comportamenti virtuosi avendo un obiettivo ambientale comune è importante. Nel caso della comunità IFAD, fra i più

importanti livelli prestazionali raggiunti si possono annoverare: una riduzione dei consumi energetici annui di circa il 10%; il tasso di riciclaggio dei rifiuti prodotti da beni di consumo pari all’88% e quello da beni durevoli pari al 100%; il 100% dell’energia elettrica utilizzata proveniente da fonti rinnovabili e certificata RECs; l’82% di tutte le apparecchiature elettriche ad elevato risparmio energetico e certificate Energy Star; le materie prime per gli arredi contenenti legno certificato FSC e materiale riciclato. Infine, si è incentivato l’uso dei mezzi pubblici e della bicicletta, offrendo uno shuttle bus gratuito che collega la fermata metro e la bus Laurentina. Questo tipo di certificazione LEED, per i suoi contenuti e gli obiettivi che persegue, ha una grande potenzialità di diffusione. Non solo. Produce un significativo impatto su tutto l’indotto della gestione dei patrimoni, dagli acquisti verdi e a km zero fino alla gestione delle pulizie. Gianni Lazzari A.D. di Habitech società consortile a r.l.


www.digitalof ficetn.it

Le miglior i soluzioni int egr at e per il tuo uf f icio.

O f f i c e

g l o b a l

s o l u t i o n s

D I G I T A L O F F I C E S . R . L . V i a G . B . Tr e n e r 10 / B - 3 8121 Tr e n t o Tel. 0461.821177 Fax 0461.821172 inf o@digit alof f ice tn.it


Giornale Energia Ottobre 2010