Page 1

In questo numero:

Combinazione di laser a diodi 810 nm ad alta potenza e radiofrequenza bipolare condotta, per il trattamento epilazione

Body Contouring: Velashape II tecnologia con alta potenza di RF Bipolare con controllo della temperatura del tessuto sub-superficiale

Il futuro della medicina estetica. La fusione delle società Syneron e Candela

Sublative rejuvenation: versatilità di Ematrix, ringiovanimento per tutti i tipi di pelle

numero•due•anno•nove•dicembre•duemiladieci

Semestrale - Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in a. p. 45% - art. 2 comma 20, lettera b, Legge 662/96, filiale di Savona - contiene I.P. In caso di mancato recapito rinviare all’Ufficio Postale di Savona CPO per la restituzione al mittente che si impegnerà a pagare la relativa tassa.


s o m m a r i o Editoriale

3

Servizi

4 Combinazione di laser a diodi 810 nm ad alta potenza e radiofrequenza bipolare condotta, per il trattamento epilazione Neil S. Sadick, MD, FACP, FAACS, R. Stephen Mulholland M.D., James Shaoul M.D.

8 Body Contouring: Velashape II tecnologia con alta potenza di RF Bipolare con controllo della temperatura del tessuto sub-superficiale Ruthie Amir MD, Yossi Adanny MSc, Avner Rozenberg PhD, Tal Nachlieli MD, Haim Epstein PhD, Dima Dubitsky, BSc, Boris Vaynberg, PhD

10 Il futuro della medicina estetica. La fusione delle società Syneron e Candela Shimon Eckhouse

12 Sublative rejuvenation: versatilità di Ematrix, ringiovanimento per tutti i tipi di pelle Tavola rotonda

Forma news Medicina e Chirurgia Estetica Semestrale di informazione tecnica e scientifica

numero•due•anno•nove•dicembre•duemiladieci Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in a. p. 45% - art. 2 comma 20, lettera b, Legge 662/96, filiale di Savona - Autorizzazione Tribunale di Asti n. 6/02 del 9/12/2002 Direttore Responsabile Gianpiero Nobbio Progetto Grafico Angelo Dadda Paolo Veirana Segreteria e PR marketing@smei.it Editore

Smei S.r.l. P.zza Alfieri, 61 14100 Asti (AT) Tel. +39 0142 455445 Fax +39 0142 455446

Redazione e Service

Dogma S.r.l. Via Domenico Cimarosa 55 R 17100 Savona Tel. +39 019 838411 Fax +39 019 8384141

info@dogma.it Stampa Erredi Grafiche Editoriali Via Trensasco 11 16138 Genova Website www.smei.it/formanews Servizio Abbonamenti Numero Verde 800-812017 Abbonamento annuale: 20 euro

Informativa Privacy: ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs 196/2003, la informiamo che i Suoi dati, finalizzati all’invio della presente rivista, sono stati estratti da pubblici registri, atti o documenti conoscibili da chiunque, e saranno trattati in forma scritta e/o con l’ausilio di strumenti informatici. Titolare del trattamento dei dati è SMEI S.r.l., con sede legale in Asti, P.zza Alfieri 61 e sede amministrativa in Casale Monferrato (AL), Via F. Negri 15. Responsabile del trattamento è DOGMA S.r.l. con sede legale e amministrativa in Savona, Via Domenico Cimarosa 55 R. La informiamo inoltre che Lei può esercitare i diritti di cui all’art. 7 del citato decreto e che quindi in ogni momento potrà avere accesso ai propri dati e potrà richiederne l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione o la cancellazione.

2

FORMA news dicembre 2010 numero due


e d i t o r i a l e Carissimi lettori, la continua ricerca nel campo medico estetico e dermatologico ha reso possibile, negli ultimi anni, la messa a punto di trattamenti progressivamente meno invasivi con downtime sempre più brevi. Questo il filo conduttore che caratterizza gli articoli di questo numero, estremamente ricco di contenuti. Si inizia con la presentazione dei risultati di due studi clinici. Il primo è volto a valutare la metodologia per l’epilazione non invasiva con tecnologia elos che utilizza eMax - DSL. Il secondo si focalizza su Velashape II, tecnologia ad alta potenza di RF Bipolare, in grado di garantire un trattamento di body contouring estremamente efficiente. L’intervista a Shimon Eckhouse in merito alla fusione di Syneron e Candela, che apre uno scenario di grande respiro sul futuro della medicina estetica, introduce idealmente Sublative Rejuvenation cui è dedicato l’ultimo articolo: uno straordinario trattamento per il ringiovanimento a livello globale con eMatrix con cui è stato raggiunto il perfetto equilibrio tra i risultati consistenti dei trattamenti ablativi e il downtime e il disagio minimo di quelli non ablativi. Viene da chiedersi: il “tutto e subito” è davvero un’utopia? Buona lettura e Buon Anno! Gianpiero Nobbio

C a l e n d a r i o Parigi 6-9 gennaio 2011 13° Annual Meeting IMCAS - International Master Course on Aging Skin - Palais de Congrès - www.imcas.com Bologna 25-27 febbraio 2011 14° Congresso SIES - Novità ed aggiornamenti in medicina e chirurgia estetica - Centro Congressi Centergross - Bologna www.sies.net Roma 4-6 marzo 2011 2nd International Meeting - “High Technology in Dermatology” ISPLAD - Ergife Palace Hotel - www.isplad.org Roma 1-3 Aprile 2011 IV Master SIDEC - Dermatologia Estetica Correttiva www.sidec.org Roma 6-8 maggio 2011 XXXII Congresso Nazionale SIME - Società Italiana Medicina Estetica - Centro Congressi Cavalieri Hilton www.lamedicinaestetica.it Milano 27-30 Settembre 2011 60° Congresso Nazionale SICPRE Società Italiana Chirurgia Plastica Ricostruttiva Estetica - Milan Marriott Hotel www.sicpre2011.com Milano 13-15 ottobre 2011 13° Congresso Internazionale Medicina Estetica Agorà – Centro Congressi Milan Marriott Hotel www.societamedicinaestetica.it

I corsi SMEI Per informazioni contattare il numero verde

800 812017

FORMA news dicembre 2010 numero due

3


Combinazione di laser a diodi 810 nm ad alta potenza e radiofrequenza bipolare condotta, per il trattamento epilazione Neil S. Sadick, MD, FACP, FAACS Professore Clinico di Dermatologia presso il Weill Medical College of Cornell University New York, New York, USA. R. Stephen Mulholland M.D. Chirurgo Plastico presso Spa Medica, Los Angeles, USA e Toronto, Canada James Shaoul M.D. Hebrew university, Gerusalemme, Israele

Introduzione Nell’ultimo decennio il laser a diodi si è dimostrato uno strumento eccellente per l’epilazione non invasiva. La giusta scelta dei parametri unitamente alla superiorità tecnica sui laser a stato solido pompati a flash-lamp sono la naturale scelta per il trattamento epilazione. 810 nm è una lunghezza d’onda ideale per l’epilazione, grazie all’alta profondità di penetrazione, e allo stesso tempo non compromette l’assorbimento della melanina. La profondità di penetrazione del 810 nm è di circa 3 mm e quindi può mirare alla maggior parte del follicolo pilifero fino alla papilla. L’assorbimento da parte della melanina è inferiore rispetto al laser Ruby (694 nm) o al laser Alexandrite (755 nm), ed è quindi adatto per trattare i tipi di pelle più scura. Per un’efficace epilazione l’energia laser deve essere pulsata, per riscaldare in modo selettivo il follicolo pilifero alla temperatura della coagulazione, mentre viene preservato il tessuto circostante. In teoria la durata ottimale dell’impulso dovrebbe essere più lunga del tempo di rilassamento termico della pelle e più breve rispetto al tempo di rilassamento termico del follicolo pilifero. Scegliere la giusta durata dell’impulso è estremamente importante poiché questa

4

controlla l’efficacia e la sicurezza della procedura di epilazione. Le durate di impulso fino a 350 msec sono ideali per l’epilazione e possono essere facilmente generate da laser a diodi ad alta potenza. Un altro punto, ma non di minore importanza, che ha reso i laser a diodi più popolari per l’epilazione, è che il diodo è una tecnologia a stato solido e quindi altamente affidabile e dalla durata di milioni di impulsi. Gli svantaggi dei laser a diodi sono tipici di tutte le altre apparecchiature laser o luce utilizzate per l’epilazione. Il pelo con poca melanina non risponde al trattamento a causa di un basso assorbimento da parte dello stelo pilifero. Come conseguenza, viene generata una quantità limitata di calore verso il follicolo pilifero e i risultati clinici sui peli di colore chiaro sono scarsi. La stessa osservazione è stata trovata solitamente quando si trattano i peli sottili. Inoltre, il trattamento della pelle scura è ancora associato a un rischio di effetti collaterali, a causa dell’alto assorbimento da parte della melanina nell’epidermide. L’obiettivo di questo articolo è presentare uno studio clinico con un’apparecchiatura che combina laser a diodi e radiofrequenza condotta, utilizzando la tecnologia elos - Electro Optical Synergy. L’apparecchiatura usata per lo studio è eMax (applicatore DSL) prodotto da Syneron Medical Ltd., Yokneam, Israele. Tecnologia elōs eMax è una piattaforma multifunzionale, comprendente anche un manipolo (DSL) che combina due forme di energia - la luce di un laser a diodi (energia

FORMA news dicembre 2010 numero due

ottica) e la radiofrequenza condotta (RF), che vengono indirizzate al tessuto in modo simultaneo. Usando due diversi tipi di energia, è possibile ridurre l’energia ottica a un livello sicuro persino per la pelle scura. L’efficacia del trattamento non è compromessa grazie all’aggiunta di RF bipolare condotta che riscalda in modo selettivo il follicolo pilifero. Il meccanismo di selettività della RF condotta non è interessato dall’assorbimento da parte della melanina della pelle (sicurezza dell’epidermide), né da parte della melanina del bulbo pilifero (efficacia sui peli chiari e sottili). L’impulso del laser a diodi 810 nm riscalda lo stelo pilifero attraverso un assorbimento selettivo dell’energia da parte della melanina contenuta nello stesso stelo. Il calore è poi dissipato verso il follicolo e lo colpisce, danneggiandolo. Lo stelo pilifero quindi agisce come scambiatore di calore (figura 1a). Il meccanismo di selettività della RF condotta è diverso rispetto a quello della luce e non dipende dalla concentrazione di melanina nel pelo. Il campo della RF con sistema bipolare è controllato dalle caratteristiche di impedenza relative al tessuto; la corrente fluirà sempre attraverso la zona di minima impedenza tra gli elettrodi. Vi sono due principali fattori che controllano l’impedenza del tessuto: il Materiale - lo stelo pilifero contiene per lo più cheratina, che non è conduttiva, quindi la RF è costretta a circondarlo e riscaldare direttamente il follicolo (figura 1b); e la Temperatura - man mano che la temperatura aumenta, l’impedenza o la resistenza diminuiscono. Il laser crea una zona pre-riscaldata all’interno

del tessuto e la RF è focalizzata nella zona pre-riscaldata a causa di questa sua minore impedenza verso il tessuto circostante. Ciò si traduce in calore nel follicolo target. La figura 1c mostra l’effetto combinato di luce e RF sullo stelo pilifero e sul follicolo. Il profilo del calore è uniforme attraverso il target e quindi i risultati sono eccellenti e il rischio minimo. Le prove cliniche a lungo termine sull’epilazione di più zone hanno dimostrato che eMax è sicuro e mostra risultati superiori per la rimozione dei peli superflui.

Follicle

Shaft

1a. Lo stelo è riscaldato dalla luce

Follicle

Shaft

1b. Il follicolo è riscaldato dalla RF

Follicle

Shaft

1c. Il profilo combinato del riscaldamento

Figura 1 Il profilo della temperatura della struttura del pelo


La teoria alla base di eMax è quella della termolisi selettiva. In base a questo principio i parametri dell’energia ottica e della RF (spettro, durata dell’esposizione e densità dell’energia) sono scelti e ottimizzati per distruggere in modo selettivo il follicolo pilifero senza danneggiare il tessuto circostante. Proprietà ottiche di eMax-DSL : la fonte luminosa che viene usata nell’apparecchiatura eMax è un laser a diodi ad alta potenza 810 nm. Questo è il laser più adatto per il trattamento epilazione, grazie alla profondità di penetrazione e all’assorbimento della melanina ottimali. La densità dell’energia ottica può raggiungere un valore di 50J/cm².

zone del corpo da trattare. Alla prima seduta è stato fatto un calcolo dei peli. Le zone da trattare sono state rasate prima del trattamento. L’area trattata è stata raffreddata durante il trattamento con aria fredda (Zimmer cryo 5) per ridurre al minimo l’eritema post-trattamento, e anche il dolore associato alla procedura. Non sono state applicate creme anestetiche o altri anestetici. Nello studio, il range della densità dell’energia laser usata variava da 30 a 42J/ cm², mentre il range della RF era di 30-40 J/cm³. Figura 2 – follicolo pilifero trattato con eMax DSL (laser : 30 J/cm² / RF: 30 J/cm³). Il follicolo estratto dalla pelle è mostrato con un ingrandimento di 40 volte

Proprietà della RF bipolare condotta in eMax-DSL: eMax può emettere RF bipolare fino a 50 J/cm³.

follicolo non è totalmente evaporato, mentre il follicolo è completamente distrutto. Il danno alla cute e al tessuto circostante è minimo, conseguenza dei parametri ottimizzati che si sono utilizzati.

inseriti nell’applicatore del sistema e messi in contatto con la superficie della pelle. La geometria degli elettrodi è stata ottimizzata per offrire una profondità di penetrazione dell’energia di parecchi millimetri.

Durata dell’impulso: come discusso nell’introduzione, la durata ottimale dell’impulso per una sicura ed efficace epilazione dovrebbe essere più lunga rispetto al tempo di rilassamento termico della pelle (circa 10 msec) e più corta del tempo di rilassamento termico del follicolo pilifero (fino a 350 msec). Gli impulsi della RF e del laser in eMax (DSL) sono impostati nel mezzo di questo range. Con la durata dell’impulso di 150 - 200 msec, eMax (DSL) si è dimostrato estremamente efficace nella coagulazione dell’intera struttura del pelo e nel raggiungimento del danno permanente ai follicoli piliferi. Nella figura 2 possiamo vedere un follicolo pilifero ad alto ingrandimento, trattato con applicatore DSL eMax. Lo stelo all’interno del

Obiettivi dello studio Lo scopo di questo studio clinico multicentrico è stato quello di valutare una nuova metodologia e apparecchiatura per l’epilazione, eMax - DSL, che utilizza elos - Electro Optical Synergy (Sinergia Elettro-Ottica). Il concetto base di questa metodologia è diminuire l’energia ottica a un livello sicuro per tutti i tipi di pelle, compensando al tempo stesso la diminuzione della luce tramite l’uso di un’energia aggiuntiva che non è ottica, ma è assorbita selettivamente dalla struttura del pelo. L’altro requisito chiave per l’energia selezionata è stato quello di non avere effetto sulla melanina dell’epidermide. È stata applicata la radiofrequenza (RF) bipolare condotta attraverso gli elettrodi

Procedure Pazienti Per lo studio sono stati scelti 45 pazienti maschi e femmine, d’età compresa tra 21 e 53 anni, con tipi di pelle da II a VI Fitzpatrick e con peli di vario colore. La tabella 1 qui sotto mostra la distribuzione dei pazienti per tipo di pelle. Sono state trattate varie zone del corpo: gambe, inguine e ascelle, e anche la schiena (uomini). Tutti i partecipanti hanno firmato un consenso informato e sono state identificate e fotografate le TIPO DI PELLE II III IV V VI

Tecnica e protocollo di trattamento Un sottile strato di gel conduttivo trasparente è stato applicato alla zona da trattare. È stata fatta una leggera pressione con l’applicatore per assicurare un buon contatto degli elettrodi sulla superficie della pelle. Si praticava una sovrapposizione di trattamento (overlap) fino al 20%. La densità dell’energia laser è stata impostata in base al tipo di pelle. La densità della RF condotta è stata impostata in base alla zona del corpo, allo spessore e alla densità del pelo, così come alla tolleranza del dolore da parte del paziente. Ciascun paziente ha effettuato tre sedute a intervalli di due mesi. Una seduta di mantenimento è stata effettuata sei settimane dopo il terzo trattamento. Sono state scattate fotografie ed è stato effettuato un calcolo dei peli durante la seduta di mantenimento. NUMERO DI PAZIENTI 6 15 13 7 4

Tabella 1

FORMA news dicembre 2010 numero due

5


Risultati Risposta immediata Il sistema eMax utilizza un picco di intensità dell’energia ottica più basso, prevenendo l’evaporazione dello stelo pilifero, diversamente da altre apparecchiature puramente ottiche. La RF ha effetto principalmente sul follicolo del pelo e combinata all’energia ottica ne permette la coagulazione. Un efficace raffreddamento ha protetto l’epidermide da eritemi e si è osservato solo uno schiarimento intorno al follicolo dopo il trattamento. In molti casi, edema ed eritema intorno al follicolo sono apparsi in ritardo, dopo 10/15 minuti. Osservazione del mantenimento Durante la prima settimana post-trattamento non si è vista una significativa riduzione dei peli. Questa è stata la risposta che ci si aspettava, a causa del tempo impiegato dal pelo per fuoriuscire dal follicolo. La riduzione massima dei peli è stata osservata a partire da 2 settimane fino a 2 mesi dopo un singolo trattamento.

ZONA ASCELLE INGUINE GAMBE SCHIENA Tabella 2

trattamento. La figura 3 mostra una tipica fotografia prima e dopo dell’ascella di una donna di 30 anni con tipo di pelle III e folti peli neri. Parametri di trattamento: Laser 36 J/cm², RF 34 J/cm³. Figura 3 Prima (foto in alto) e 6 mesi dopo (foto in basso) il terzo trattamento con eMax - DSL

Valutazione del miglioramento dei peli I pazienti dello studio sono stati osservati 6 mesi dopo il terzo trattamento. Sono stati effettuati un esame clinico e il calcolo dei peli per valutare l’efficacia dei trattamenti. Il miglioramento (vedere tabella 2) è stato valutato tenendo conto del rapporto tra il valore del calcolo dei peli alla seduta iniziale, preso immediatamente prima del trattamento, e il valore ottenuto col calcolo dei peli 6 mesi dopo il

Figura 4

6

MIGLIORAMENTO MEDIO 72% 78% 75% 65%

FORMA news dicembre 2010 numero due

Conclusioni EMax - DSL, con la tecnologia elōs, rappresenta un nuovo ed appassionante approccio rispetto alle metodologie per l’epilazione già esistenti. L’attuale studio di una combinazione di RF condotta ed energia ottica per l’epilazione, come troviamo in eMax - DSL, ha dimostrato che un impulso di energia sufficientemente forte per causare la distruzione del follicolo pilifero può essere emesso in sicurezza senza danneggiare il tessuto circostante. I trattamenti sono stati ben tollerati dai soggetti quando si è usato il sistema di raffreddamento ad aria Zimmer in concomitanza, nessuno ha richiesto anestesie topiche o altre anestesie. L’unico effetto collaterale post-trattamento che si è osservato è stato un eritema passeggero, che è scomparso dopo poche ore. L’efficacia, l’assenza di effetti collaterali avversi, e la tolleranza del trattamento da parte dei pazienti, mostrati in questo studio clinico, hanno confermato che la combinazione di RF bipolare condotta ed energia ottica (laser diodi 810 nm) emessa dal sistema eMax DSL è un’eccellente metodologia per la

riduzione permanente dei peli in un’ampia sezione di popolazione. Bibliografia 1. W. W. Lou, A. T. Quintana, R. G. Geronemus, M. C. Grossman, Prospective study of hair reduction by diode laser (800 nm) with long-term follow-up, Derm. Surgery 200, 26:428-432 2. Campos VB, Dierickx CC, Farinelli WA, Lin TYD, Manuskiatti W, Anderson RR. Hair removal with an 800-nm pulsed diode laser. J Am Acad Dermatol 2000;43:442-7. 3. M.C. Grossman C. Dierickx, W. Farinelli, T. Flotte, R. Anderson, Damage to hair follicle by normal mode ruby laser pulses. J Am Acad Dermatology 1996, 35: 889-894 4. S. Gabriel, et al., The dielectric properties of biological tissues: III. Parametric models for dielectric spectrum of tissues. Phys Med Biol 41: 2271-2293, 1996 5. Anderson R. R., Parrish J. A., Selective phothermolysis: precise microsurgery by selective absorption of pulsed radiation, Science 220:524, 1983 6. Goldberg DJ, Marmur ES, and Hussain M, Journal of Cosmetic & Laser therapy, 7(1): 25-28, 2005 7. Yaghmai D, Garden JM, Bakus AD, Spenceri A, Hruxa GJ, and Kilmer SL, Journal of Cosmetic & Laser therapy,6(4): 201207, 2004 8. Sadick NS, and Shaoul J, Journal of Cosmetic & Laser therapy, 6: 21-26, 2004


eMax TM, la soluzione medico-estetica globale, grazie alla tecnologia non invasiva elos™, vi permette di trattare con successo un’ampia gamma di patologie ed inestetismi. Non si tratta di una luce pulsata, o laser, o radiofrequenza, bensì di una combinazione di tali energie, associate sinergicamente all’interno di ogni singolo applicatore, in un unico impulso sincronizzato. Matrix RF TM, la NUOVA ed unica tecnologia di Radiofrequenza Frazionata in grado di creare un’ablazione ed impatto di resurfacing regolabili. L’applicatore Matrix RF, compatibile con i sistemi eMax, eLight, eLaser è il primo dispositivo basato solo su radiofrequenza in grado di simulare gli effetti di differenti tipi di laser frazionali per ablazione/coagulazione/riscaldamento per un’ampia gamma di applicazioni medico-estetiche.

eMax TM è espandibile sino ad 11 applicatori: la piattaforma più versatile del mercato RADIOFREQUENZA BIPOLARE + LUCE PULSATA: SR Ringiovanimento della pelle/macchie/couperose/lesioni superficiali vascolari e pigmentate benigne; SRA Stessi trattamenti SR, ma con prestazioni maggiori per lesioni ostinate, melasmi e carnagioni di colore più chiaro; DS Epilazione su qualunque colore di pelle e di peli; AC Trattamento dell’acne; RADIOFREQUENZA BIPOLARE + LUCE A INFRAROSSI: ST Distensione della pelle/rassodamento/tonificazione; RADIOFREQUENZA BIPOLARE + LASER: WRA Trattamento rughe superficiali e profonde; LV Lesioni vascolari e vene; LVA Lesioni vascolari avanzate/lesioni resistenti vasi piccoli/teleangectasie; DSL Epilazione più veloce per zone ampie; RADIOFREQUENZA BIPOLARE + LASER FRAZIONALE: MATRIX IR L’unico laser frazionale non invasivo che unisce Laser e Radiofrequenza per il trattamento di rughe profonde RADIOFREQUENZA FRAZIONATA REGOLABILE: MATRIX RF Trattamenti cutanei frazionali ablativi e di resurfacing - rughe - cicatrici - irregolarità - lassità cutanea

Per informazioni ed una prova gratuita www.smei.it


Body Contouring: Velashape II tecnologia con alta potenza di RF Bipolare con controllo della temperatura del tessuto sub-superficiale Ruthie Amir1 MD, Yossi Adanny1 MSc, Avner Rozenberg1 PhD, Tal Nachlieli2 MD, Haim Epstein1 PhD, Dima Dubitsky1, BSc, Boris Vaynberg1, PhD, 1 Syneron Medical, Yokneam Illit, Israel 2 Assuta Medical Center, Haifa, Israel

Meccanismo di azione Il meccanismo di azione di questa tecnologia è basato sulla combinazione di RF Bipolare e energia ottica trasmessa nelle zone del derma/ipoderma. Il deposito di energia nei target è ulteriormente facilitato tramite la simultanea applicazione di vacuum. L’energia ottica colpisce principalmente il derma, mentre l’energia RF colpisce soprattutto l’ipoderma provocando uno stress termico controllato. L’applicazione di energia termica al derma causa un’ immediata contrazione del collagene ed innesca anche una sequenza di risposte fisiologiche all’interno dei fibroblasti del derma (le cellule che producono collagene), per stimolare e promuovere neocollagenesi (nuova formazione di collagene). La neocollagenesi è ulteriormente potenziata dalla maggior vascolarità del derma derivata dallo stress termico indotto. Il vacuum potenzia la neocollagenesi tramite lo stress meccanico imposto ai fibroblasti del derma. Neocollagenesi e contrazione del collagene contribuiscono ulteriormente all’arricchimento e rafforzamento del tessuto connettivo. Studio I pazienti sono stati trattati nelle aree addome/fianchi e sono stati trattenuti durante e fino a diverse ore post trattamento. Sono stati posizionati aghi termo-

8

rilevatori (thermocouple) a livello di tre strati ipodermici, per misurare la temperatura a diversi livelli di energia. Sono stati comparati i dati relativi ai differenti livelli di energia. I profili di temperatura sono stati correlati alle sensazioni dei pazienti. Risultati È stata notata una differenza massima di 7,5° C. in tutti gli strati trattati immediatamente dopo il trattamento. Un’ora dopo il trattamento, le misurazioni delle temperature in vivo mantenevano ancora un incremento di 3,5 ° C e rimanevano a questo livello per almeno una ulteriore ora. I pazienti percepivano sensazione di calore nell’area trattata per diverse ore dopo il trattamento. È interessante notare che differenti livelli di energia fornivano profili di temperatura simili. Conclusioni La modalità combinata delle energie di RF Bipolare e Infrarosso dirette al derma/ipoderma tramite manipolazione meccanica è da tempo considerata una modalità per il body contouring non invasiva ed efficiente. I nostri dati ci suggeriscono che le risposte fisiologiche dei pazienti sono state innescate da questa tecnologia, supportando ulteriormente il concetto che il meccanismo di azione

BEFORE Photos courtesy of Ruthie Amir, MD

Figura 3

FORMA news dicembre 2010 numero due

Figura 1 Modello biologico relativo al meccanismo di azione del trattamento con combinazione di RF Bipolare, Infrarosso e manipolazione meccanica per il rimodellamento corporeo

Figura 2 Misurazioni della temperatura in vivo alla profondità di 5 mm.( rosso), 10 mm. (blu) e 15 mm. (verde) al di sotto della superficie della pelle, dopo 20 minuti dal trattamento con combinazione di RF Bipolare, Infrarosso e manipolazione meccanica

sotto la superficie della pelle, per la riduzione dei volumi, deve avere come target termico il tessuto adiposo ipodermico. Oltre ad ampliare le nostre conoscenze su

POST 5 TREATMENTS

BEFORE

questa tecnologia, questi dati ci forniscono una valutazione oggettiva circa l’efficacia del trattamento (Fig. 3).

POST 5 TREATMENTS


Il futuro della medicina estetica. La fusione delle società Syneron e Candela L’opinione di Shimon Eckhouse, innovatore nell’industria medicale. Pioniere nella rivoluzione della medicina estetica non invasiva e fondatore di Syneron, ci fornisce la sua prospettiva sulla incorporazione di Syneron e Candela e sul futuro della medicina estetica.

Shimon Eckhouse

Siamo andati dritti alla fonte, cercando un punto di vista sulla unione di Syneron e Candela: il fondatore di Syneron, Shimon Eckhouse. Ed ecco la sua opinione “Personalmente questa fusione chiude un cerchio che iniziò per me nel 1992, quando fondai ESC Medical (oggi Lumenis). In quel periodo Candela rappresentava un modello, a cui seguì l’invenzione della IPL. Ora avere Syneron e Candela combinate in un’unica azienda mi dà una grande soddisfazione, sapendo che la tecnologia di Candela, che ammiravo nei primi anni 90, oggi gioca ancora un ruolo esclusivo nella medicina estetica. Inoltre, l’unione di Candela e della tecnologia elōs crea realmente la miglior combinazione nel settore dei trattamenti basati su sistemi non invasivi. Dopo aver condiviso una breve storia su entrambe le società Shimon Eckhouse ci ha illustrato come queste tecnologie possono lavorare insieme in futuro “Candela è stata la prima azienda al mondo ad introdurre dispositivi basati su energie nel settore della medicina estetica. A metà degli anni 80 Candela ha lanciato commercialmente il Dye Laser pulsato, il primo strumento che i dermatologi hanno potuto

10

utilizzare per trattare in modo efficace le lesioni vascolari e in particolare le port-wine stains”. Il Dr. Eckhouse ha poi riportato che Candela fu la prima azienda a “commercializzare” il concetto della foto termolisi selettiva, mettendola nelle mani dei medici e ricorda come la società si è evoluta da pioniere, circa 25 anni fa, a caposaldo nel campo della medicina estetica. Per quanto riguarda Syneron, Eckhouse continua “Syneron è nata nel 2001, e grazie alla tecnologia elōs ha fatto fare un passo in avanti ai dispositivi basati su energia, offrendo una combinazione unica di efficacia e sicurezza non esistente prima, permettendo ad un più ampio range di professionisti di entrare nel campo della medicina estetica. Ora la combinazione dei brand, le piattaforme installate e la fetta di mercato delle due società combinate, ci pone in una posizione unica per aprire nuove frontiere nella medicina estetica, con una grande varietà di nuove ed entusiasmanti applicazioni e modelli di business. Il fatto di combinare le tecnologie esclusive sviluppate da ogni singola azienda, unendole in una sola realtà crea la più forte base tecnologica della nostra industria. Guardando al futuro, intendiamo fare leva su questa unione per rafforzare la nostra leadership nell’industria della medicina estetica.” Alla domanda: “Cosa la entusiasma maggiormente, circa la scienza dell’Estetica?” Eckhouse ci ha confidato “La Medicina Estetica rappresenta per me l’abilità di far sentire bene le persone con loro stesse e con il loro aspetto, facendolo in modo sicuro e permettendo al maggior numero di professionisti di poter offrire questi trattamenti, coinvolgendo un crescente numero ed una svariata tipologia di pazienti in tutto il mondo. Questo è per me uno degli aspetti più appassionanti della medicina estetica. Guardando al futuro, posso vedere una ulteriore diffusione dell’uso delle nostre tecnologie con una più ampia gamma di applicazioni e con una più ampia penetrazione demografica, sia in termini geografici, di età e ceto sociale“.

FORMA news dicembre 2010 numero due

L’opinione di alcuni professionisti medici del settore. Sono stati intervistati alcuni Luminari: Michael Gold, M.D. Medico Chirurgo Dermatologo, fondatore di Gold Skin Care Center and Advanced Aesthetic Med-Spa, Nashville, Tennessee. Moshe Lapidoth, M.D., M.P.H., Dermatologo, Direttore della Laser Unit, Dermatology Dpt., Rabin Medical Center, Israele. Henry Chan, M.D, Dermatologo e Venerologo, Dermatology and Laser Surgery Centre - Hong Kong. Eric Bernstein, M.D., Medico Ricercatore e innovatore nel campo della dermatologia e dei laser. Presso Center for Cosmetic Laser Surgery – Philadelphia. Come esperto Luminare, quale beneficio ritiene di poter avere dalla fusione delle due aziende e cosà potrà cambiare nel mercato? Bernstein: “Due leader del mercato con una grande quantità di piattaforme installate.. Ora insieme con una insolita sinergia e con una lieve sovrapposizione di prodotti; è una fusione che cambierà le strategie di mercato”. Chan: “Credo che ne beneficeremo tutti , grazie alla crescita nella scienza che verrà apportata all’industria”. Gold: “Credo che arriveremo ad una industria più globale, con un maggior portfolio di prodotti e con un miglior marketing. Confido anche in una tecnologia ulteriormente migliorata che mi permetta di svolgere una buona attività a livello medico come pure a livello di servizi per l’estetica” Lapidoth: “Il cambiamento più significativo è unirmi alle menti di Syneron e Candela, due grandi team di Ricerca e Sviluppo, ognuno con differenti obiettivi, ma con tecnologie complementari. Questo accrescerà la linea di prodotti.” Da quanto tempo utilizza le attrezzature Syneron o Candela e perché ha deciso di inserirle nel suo studio? Bernstein: “Utilizzo prodotti Candela dal 1992, quando iniziai con un Pulsed Dye Laser.

Ho avuto un rapporto stretto ed accademico con Candela per circa 20 anni.. Onestà, qualità e buona collaborazione sin dal primo giorno. Dopo la fusione ho avuto modo di fare nuove conoscenze. Ora utilizzo prodotti Syneron, tra le altre tecnologie presenti nel mio studio. Lapidoth : “Utilizzo dispositivi Syneron da quando la società è nata, e apparecchiature Candela da oltre 3 anni”. Quali apparecchiature Syneron e Candela utilizza e che trattamenti offre? Ci dica qualcosa sui risultati. Bernstein: “Ho 3 Vbeam Perfecta, 2 AlextriVantage, GentleMax, GentleLase, GentleYag, 2 Smoothbeam, QuadraLase, eMatrix e VelaShape II. Offro ogni tipo di trattamento. Se mi manca qualcosa, vorrei averlo nel mio studio già da oggi. Non potrei esercitare senza questi sistemi. Sono alla base del mio studio, che si è ampliato grazie a loro.” Chan: “Ho il Vbeam, GentleLase, AlexTriVantage, eLight, eMatrix e Velashape. Sono tutte attrezzature importanti nella mia attività giornaliera.” Gold: “Al momento ho il Vbeam Perfecta, Velashape II ed eMatrix. Lavoriamo con le varie testine e protocolli di eMatrix e trattiamo la cellulite con il sistema Velashape II. Non spengo mai il Vbeam durante il giorno. Dispongo delle tecnologie più nuove ed è entusiasmante: il nostro studio è grande, forniamo servizi di dermatologia generale, laser e ringiovanimento, medical spa e centro ricerche, un po’ di tutto a chiunque ne abbia bisogno.” Lapidoth: “Con il Vbeam Perfecta, trattiamo decine di pazienti ogni giorno – dai neonati agli adulti – con eccellenti risultati e down-time minimo. Per quanto riguarda i prodotti Syneron, utilizzo eLaser, eMax, VelaShape ed eMatrix. Per lesioni combinate, sia superficiali che profonde – vene delle gambe o malformazioni vascolari, utilizziamo il Vbeam in combinazione sia con eLaser che con eMax. Abbiamo ampliato moltissimo l’offerta terapeutica ai pazienti.”


Science guidati dalla scienza. Results forniamo risultati. Trust che hanno guadagnato fiducia. La vostra fiducia in noi e la fiducia dei vostri clienti in voi.

Syneron & Candela due marchi importanti, un leader globale. Ora un’unica nuova società in grado di offrire il più ampio portafoglio di tecnologie e apparecchiature nel mercato della medicina estetica. L’abilità di Syneron nella continua innovazione con terapie estetiche per viso e corpo come la rivoluzionaria tecnologia elos, e l’esperienza di Candela, con 40 anni di storia nell’industria laser. Insieme per supportarvi nel costruire il vostro studio medico di successo.


Sublative rejuvenation: versatilità di Ematrix, ringiovanimento per tutti i tipi di pelle La Sublative Rejuvenation, tramite il dispositivo a RF eMatrix, è caratterizzata dalla possibilità di poter regolare l’energia da erogare fornendo trattamenti su diversi livelli/strati della pelle. Questa peculiarità sta raccogliendo molta attenzione, dimostrandosi una metodica da tenere in considerazione per il ringiovanimento a livello globale. Gli esperti concordano che questa nuova alternativa al laser per il ringiovanimento, appartiene definitivamente ad una categoria a se stante, confermando che la Radiofrequenza è più versatile di quanto si credesse prima. Tavola rotonda tra 4 dermatologi estetici che condividono le loro conoscenze e gli aspetti clinici della Sublative Rejuvenation con eMatrix. Questi medici hanno tutti una lunga esperienza sul ringiovanimento cutaneo con modalità ad ampio spettro.

Con eMatrix, l’energia RF viene erogata tramite una testina sulla quale è posizionata una griglia ricoperta di piccolissimi elettrodi, o pins, che forniscono la modalità frazionata. La cute sana è delimitata in modo preciso nello spazio tra i piccoli punti colpiti dagli elettrodi. Secondo Michael H. Gold, M.D., direttore del Gold Skin Center e Tennessee Clinical Research Center (Nashville), ciò che distingue eMatrix non è semplicemente il nuovo utilizzo della RF, ma come questa energia viene erogata “a differenza della maggior parte delle altre modalità di ringiovanimento cutaneo, la Sublative Rejuvenation non è basata su laser o luce. Un’altra caratteristica unica è che l’aspetto del danno termico è a forma di piramide e non di cono: pertanto il danno avviene attraverso un piccolo punto di penetrazione ed è maggiore sotto la superficie, dove avviene un profondo riscaldamento volumetrico subsuperficiale”. Come spiegato dal Dr. Gold, l’erogazione dell’energia è variabile utilizzando tre livelli programmati: Programma A (meno aggressivo), Programma B e Programma C (più aggressivo). Sono inoltre disponibili due tipi di testine, differenti a livello di densità degli elettrodi: standard con copertura

12

5% e 64 pins, e high density con copertura 12,5% e 144 pins. “Tra queste due distinte testine posso scegliere una minor copertura con un’energia più alta per raggiungere il derma profondo, oppure una copertura più alta con energia inferiore per avere un impatto sull’epidermide, a seconda di cosa devo trattare”. Dal momento che la Sublative Rejuvenation non è basata su luce, il trattamento è sicuro per tutti i tipi di pelle. Il rischio di effetti collaterali, quali iperpigmentazioni postinfiammatorie, è notevolmente ridotto; questa peculiarità è molto importante in quanto apre le porte ai trattamenti di ringiovanimento per pazienti con pelle scura. “Il trattamento è anche “permissivo” in quanto è molto sicuro, non dico che sia necessario esagerare, ma eMatrix non è così sensibile alla tecnica, come nel caso di utilizzo di luce” ha riportato il Dr. Gold. “La Sublative Rejuvenation è molto facile da utilizzare. Il dispositivo stesso è piccolo e facilmente trasportabile, il che è ottimo per due ragioni importanti: non occupa molto spazio utile, e si può muovere da una camera all’altra o addirittura da uno studio all’altro. Grazie alla sua efficacia, versatilità, facilità di utilizzo e sicurezza, è verosimilmente possibile che la Sublative Rejuvenation potrà essere considerata come un’innovazione nel trattamento dello skin aging ancora più importante di quanto sia stata la IPL” ha puntualizzato Gold. Quali casi usa trattare con la Sublative Rejuvenation?

David J. Golberg, M.D. eMatrix rappresenta un approccio straordinariamente efficace per il ringiovanimento e lo skin tightening non chirurgico su tutto il viso. Lo utilizziamo principalmente per le cicatrici da acne e il ringiovanimento viso con resurfacing. Non esagero dicendo che è il miglior metodo per i tipi di

FORMA news dicembre 2010 numero due

pelle più scura. Si può facilmente combinare eMatrix con i fillers o neurotossine, e lo facciamo spesso.

Amy F. Taub, M.D. Sublative Rejuvenation è ottima per la texture, linee sottili e tonificazione - una combinazione di problematiche viste nelle pelli anziane – con poco downtime e pressoché senza rischi. eMatrix è anche notevole sulle cicatrici, anche con tipi di pelle scura non ho avuto incidenze di iperpigmentazione. Non abbiamo avuto neanche un caso che presentasse complicazioni persistenti. Aree difficili da trattare, come le periorbitali, periorali e regione del collo sono buoni target. È anche possibile utilizzarla su una particolare area, senza trattare tutto il viso, in quanto il potenziale di variazione pigmentaria o rossore post-trattamento è irrilevante. La nuova testina High Density, per trattamenti superficiali più aggressivi, rappresenta uno sviluppo entusiasmante.

Mark B. Taylor, M.D. Sublative Rejuvenation sembra lavorare bene su alcune aree contro le quali abbiamo lottato per molto tempo, come le smagliature, le cicatrici con texture increspata, cicatrici da acne, pori dilatati, quando i pazienti richiedono trattamenti senza troppo downtime. Ed anche pelle invecchiata, texture alterata, danneggiata dal sole, raggrinzita – tutti questi pazienti rispondono molto bene a questo trattamento e sono molto soddisfatti dei risultati.

Michael Gold, M.D. Ho incominciato con il miglioramento delle cicatrici e poi sono passato al ringiovanimento globale. Ora sto utilizzando eMatrix per le pigmentazioni e le smagliature. Il maggior vantaggio

della Sublative Rejuvenation è la versatilità, di cui dobbiamo ancora renderci completamente conto. Con i vari parametri di energia regolabili ed il nuovo design delle testine, le nostre opportunità crescono a pari passo con lo sviluppo delle innovazioni. Non possiamo ancora dire di aver sfruttato pienamente questa nuova tecnologia. Syneron sta impegnando grandi risorse per esplorarne le potenzialità. Rispetto ad altre modalità di ringiovanimento, quanto è versatile eMatrix? Dr. Gold – Abbiamo provato che la Sublative Rejuvenation è utile per le linee sottili e le rughe, lo skin tightening, le cicatrici da acne e da trauma; può trattare le cicatrici più velocemente di alcune altre modalità. I miei risultati indicano che posso trattare le cicatrici in una o due sedute, con minor downtime rispetto ad una ablazione con CO2. I problemi di pigmentazione sono il nostro focus, specialmente nelle pelli scure, dal momento che la maggioranza della popolazione mondiale ha un tipo di pelle più scura. Dobbiamo essere sicuri di massimizzare le prestazioni di eMatrix per questi problemi, quali le iperpigmentazioni post infiammatorie, ed a questo riguardo i risultati sono positivi. Dr. Taylor – Ho trovato che a differenza di altri dispositivi per il ringiovanimento, si possono trattare parti al di fuori del viso in modo sicuro e ottenere miglioramenti significativi con condizioni tradizionalmente difficili, come cicatrici da acne, striae, texture increspata, con poche sessioni e downtime gestibile. È difficile trattare in modo aggressivo le aree diverse dal viso con altre metodiche, in quanto il processo di guarigione è generalmente un problema, mentre utilizzare un approccio conservativo non produce risultati adeguati. Con eMatrix siamo in grado di gestire l’aggressività per trattare il collo, il petto, le mani e le braccia, come pure altre aree sulle quali altri dispositivi non hanno successo. La regolazione dell’aggressività con eMatrix rende possibile questo equilibrio. Si può variare l’energia erogata, la profondità di trattamento o il numero di


passaggi. Generalmente io utilizzo parametri piuttosto aggressivi. Dr. Taub - La Sublative Rejuvenation è molto efficace per i pori dilatati e le rughe superficiali. Apporta miglioramenti significativi anche sulle rughe molto profonde - problema prima risolvibile solo con una ablazione totale – come le rughe glabellari, rughe frontali e pieghe naso-labiali. Non ha lo stesso effetto dei neuro modulatori e fillers, ma esiste una gran parte di popolazione che è decisamente contraria agli iniettabili; questa metodica potrebbe rappresentare per loro un’opzione. Inoltre si ottengono risultati più significativi sullo skin tightening, rispetto ad altre metodiche destinate specificatamente a questo problema. Quando si dice che la Sublative Rejuvenation appartiene ad una categoria di trattamenti a sè stante, cosa significa? Dr. Gold – Il meccanismo di azione di eMatrix ci impone di adottare un sistema completamente differente. Il fotoringiovanimento utilizza laser o altre fonti di luce, come la IPL, con le quali il danno termico è concentrato sulla superficie e si attenua o perde l’impatto viaggiando verso la profondità. Con eMatrix il cono del danno è invertito; il tipo di risultato clinico visto con Sublative Rejuvenation è differente rispetto a quello visto con i laser. Noi medici, con diversi anni di esperienza, otteniamo grandi risultati con i laser, ma credo che la Sublative Rejuvenation sia più facile da utilizzare ed impiega minor energia ed aggressività con risultati equivalenti, con conseguenti grandi vantaggi. Dr. Taub – Con la Sublative Rejuvenation c’è ablazione ma senza sanguinamento; il downtime è inferiore rispetto alle terapie ablative e si ottiene un maggior tightening rispetto alle terapie non ablative. L’aspetto ablativo non è l’unico metodo di ringiovanimento. Al contrario è il modo in cui la RF penetra all’interno del derma. La geometria degli elettrodi sulle testine di eMatrix permette alla RF di passare da un elettrodo a quello successivo; più energia viene erogata, maggiore è la profondità di penetrazione. I laser ablativi

provocano una contrazione lineare sull’asse X-Y, come pure tightening sull’asse Z. Sublative Rejuvenation crea piuttosto un circuito di forma circolare, con un cono invertito ed un maggior danno sotto la pelle, quindi di forma invertita rispetto ai laser. Ciò significa che spinge la pelle verso l’alto, alzandola e facendola apparire meno flaccida. Questo è cosa intendo con il termine “inversion rejuvenation”. Sublative Rejuvenation lavora come un dispositivo ablativo, ma con minor downtime. Con un makeup si può ritornare al lavoro il giorno successivo o addirittura lo stesso giorno del trattamento. Dr. Goldberg – La verità è che la Sublative Rejuvenation rappresenta un approccio radicalmente differente nello skin tightening e nel ringiovanimento. La RF Bipolare non è nuova, ma la configurazione ad elettrodi multipli e l’utilizzo di ablazione, riscaldamento e coagulazione in questo particolare modo è una novità. L’analogia più facile è il laser frazionato, di cui ci sono diverse versioni che lavorano tutte bene, ma sono basate su luce e hanno tutte lo stesso meccanismo di azione. L’impatto sul tessuto di eMatrix è molto differente, ed è per questo che lavora così bene su ogni tipo di pelle. I laser colpiscono principalmente la superficie e gli effetti vengono dissipati man mano che si va in profondità. eMatrix è il contrario. Non c’è nulla di uguale. Non è da paragonare ai risultati che si vedono con la chirurgia, ma dobbiamo considerare la relativa mancanza di rischi ed il downtime, oltre ad una generale riduzione del disagio. Ci esponga per favore, il suo protocollo di trattamenti con eMatrix Dr. Goldberg - Preferisco fare trattamenti senza anestesia, ma alcune volte applico un anestetico topico locale, se utilizzo parametri aggressivi. La pelle deve essere pulita molto bene, con alcool o con altri agenti sgrassanti al fine di eliminare ogni residuo oleoso sulla pelle. Non è necessario indossare occhiali protettivi come per i laser e non copriamo gli occhi dei pazienti, così non hanno problemi di claustrofobia. Successivamente

passo l’applicatore sulla pelle, tracciando una sorta di percorso; l’intero viso può facilmente essere trattato il 15 o 20 minuti. C’è un po’ di eritema e rossore posttrattamento che tende a risolversi da uno a tre giorni. Generalmente abbiamo trattato i pazienti in 3 sedute. Dr. Taylor – Utilizziamo un raffreddatore Zimmer durante il trattamento ed un leggero unguento dopo, che il paziente continua ad utilizzare nel post. I pazienti si trovano bene e sono contenti dei risultati. Credo che sia un grande vantaggio che il trattamento possa essere effettuato senza sedazione e medicazione. Questo riduce i rischi ed i pazienti possono venire ed uscire da soli dallo studio senza assistenza. Cosa differenzia i risultati clinici di eMatrix da quelli ottenuti con le più conosciute tecniche di ringiovanimento come i laser frazionali ablativi? Dr. Taylor – La Sublative Rejuvenation fa ritornare la luminosità alla pelle, in maniera unica. I pazienti sono contenti di ottenere brillantezza e luce sulla loro cute. Inoltre ammorbidisce la superficie rendendola più sana, radiosa e con un aspetto più giovane, con minori trattamenti rispetto ad altre metodiche. Eseguo molto trattamenti ablativi aggressivi quando tratto le cicatrici. Quando si è aggressivi con un laser ablativo si ha un rossore che tipicamente dura per qualche settimana, sino a qualche mese, con un più alto rischio di infezione ed inoltre è necessario proteggere la pelle dal sole molto più a lungo. Questo non accade con eMatrix. Infine, se otteniamo grandi risultati dai trattamenti con laser ablativi – generalmente si ottengono con 1 solo trattamento – il paziente ha come conseguenza un maggior downtime, maggior disagio e maggior rischio rispetto a quanto abbiamo visto con eMatrix. Dr. Taub - È difficile documentare o discutere, francamente, ma eMatrix fa di più di un semplice tightening. Si ha un rassodamento ed una tonificazione che è diversa da quella vista con altre metodiche. È come avere un viso più raggiante e i pazienti lo gradiscono molto.

Il viso invecchiato diventa, come dire, rilassato; normalmente quanto distendi la pelle, diventa più soda, correggendo la lassità. Per esempio con i dispositivi per il tightening si ottiene un effetto “lifting” ed una contrazione ma bisogna essere cauti sulle guance, in quanto non bisogna appiattirle troppo. Con la Sublative Rejuvenation si ottiene per lo più un rimodellamento che io chiamo “inversion tightening”. Invece di compattare solo la pelle, si ha anche un maggior volume. Con i laser ablativi è necessario fare un passaggio a livello superficiale ed uno a livello più profondo per ottenere un rimodellamento sia a livello epidermico che dermico. Cosa differenzia le caratteristiche del downtime rispetto a quello delle altre tecnologie ablative? Dr. Gold – Con eMatrix il downtime è variabile in funzione dell’aggressività dei parametri, come per le altre apparecchiature. Ed ancora, il trattamento più aggressivo richiede al massimo circa tre giorni, sino a quasi nulla utilizzando i parametri più bassi. Semplicemente con il programma A, un giorno, B due giorni e C tre giorni. Dr. Taub – Il downtime con eMatrix è molto breve, forse un giorno, dipende dai parametri utilizzati, e si può facilmente tornare al lavoro subito. Ogni rossore svanisce entro le 24 ore. L’edema può essere pronunciato e raccomando steroidi per due giorni, per evitare il downtime. Si formano sottili e minuscole crosticine in corrispondenza dei punti di ablazione, ma sono a malapena visibili. È possibile anche trattare solo una parte del viso dal momento che non causa problemi di pigmentazione o linee di demarcazione, a differenza dei laser per il resurfacing con i quali è necessario prestare molta attenzione. Dr. Goldberg – Se si pensa in termini di trasudazione o sanguinamento, visibili con alcuni laser frazionali ablativi, ciò non accade con eMatrix. Se viene utilizzato un approccio meno aggressivo il downtime è zero. Se viene utilizzato quello più aggressivo, generalmente impiegato per le rughe profonde, i pazienti

FORMA news dicembre 2010 numero due

13


Figura 3

vengono trattati il venerdì. Saranno rossi durante il weekend, ma saranno a posto il lunedì. Dr. Taylor – In generale il downtime non è particolarmente significativo, quasi nulla se parliamo di downtime sociale. La Sublative Rejuvenation deve essere considerata minimamente ablativa perché infrange la barriera epidermica, ed è buono non avere perdite o sanguinamento dei punti colpiti dai pins, come avviene con i laser frazionali ablativi. Il post trattamento è meno complicato e più semplice del più leggero laser frazionale ablativo. Mi sono sottoposto a questo trattamento e, anche se ero un po’ rosso e leggermente segnato per pochi giorni, ho continuato a lavorare, avendo un look rispettabile. Come la Sublative Rejuvenation amplia la sua tipologia di pazienti? Dr. Taub – La risposta è facile, in quanto eMatrix è ora il nostro trattamento preferito per le pelli più scure. Le pelli scure invecchiano diversamente, ma la cosa più importante è che anche questi pazienti vogliono essere trattati ed il fiore all’occhiello dei dispositivi semplicemente non lo può fare, nella maggior parte dei casi. Questo è valido sia per il ringiovanimento che per le cicatrici. Anche nelle pelli caucasiche, tratta diversi problemi che i dispositivi ablativi non possono fare senza un significativo downtime ed un disagio, trovando un giusto equilibrio tra non-ablativo ed ablativo. Abbiamo pochissimi pazienti disposti ad effettuare procedure completamente ablative a fronte di paura, disagio, breve sfiguramento e perdita di tempo. Dr. Taylor – Abbiamo usato eMatrix quasi su ogni colore

14

di pelle e non abbiamo avuto problemi sia di ipopigmentazione che iperpigmentazioni postinfiammatorie, quindi sembra straordinariamente sicuro, nonostante sia moderatamente aggressivo. Sono leggermente sorpreso che funzioni così bene, perché spesso è rischioso creare infiammazione e cambiamenti con ablazione nella pelle di pazienti che hanno tendenza di iperpigmentazione. I pazienti che abbiamo trattato non hanno avuto quel tipo di problema, ed è gratificante. So che potrebbe accadere ed è importante chiedere ai pazienti se hanno tendenza ad iperpigmentarsi dopo una ferita o dopo l’acne, ma sino ad ora siamo stati in grado di trattare ogni tipo di pelle senza problema. eMatrix, può anche essere usato per quasi tutti i gruppi di età. Nei pazienti più giovani non si trattano i danni provocati dal sole, ma si tratteranno le cicatrici. Nei teenagers, si potrebbe usare per trattare le cicatrici da acne. Poi i pazienti fra i trenta e quarant’anni che hanno preso troppo sole ed iniziano ad avere una texture della pelle irregolare. Questa è un’ottima età per utilizzare questo dispositivo. I pazienti più anziani tendono ad avere il collo e le mani raggrinzite, le macchie sulle braccia ed altre manifestazioni da foto danneggiamento. Inoltre, la possibilità di trattare le zone al di fuori del viso è un modo per accrescere l’interesse di questa metodica. Come hanno reagito i pazienti a eMatrix? Cosa cercano e cosa fornisce? Dr. Taylor – Un fatto semplice, quando si confronta eMatrix ai laser, è che si può applicare il

FORMA news dicembre 2010 numero due

makeup per coprire la zona trattata per i pochi giorni di downtime che ci potrebbero essere. Si può essere leggermente arrossati e segnati, ma il tutto è gestibile già dal giorno dopo il trattamento. Non devi interrompere il lavoro o evitare eventi sociali. Questo, oltre alla qualità del miglioramento, è molto interessante per i pazienti ed è uno dei maggiori vantaggi della Sublative Rejuvenation. Dr. Taub – I pazienti vogliono qualcosa che funziona e che non richieda astensione dal lavoro per il tempo di recupero, con un minima interruzione della vita quotidiana. Questo non è un segreto, è il trend, ed è una certezza dire che “ più risultati con meno downtime” rappresenta il Santo Graal della medicina estetica. Sappiamo tutti che si può fare un resurfacing ablativo ed ottenere il miglior risultato e probabilmente non saremo mai in grado di ottenere quel risultato senza downtime, ma questo è ciò che la gente vuole. Inoltre i pazienti hanno paura degli interventi e delle possibili complicazioni. Credo che ciò che fa eMatrix è vicino ai risultati ottenuti nel derma con un laser ablativo. La cosa veramente differente è la variazione di forma dell’impatto. Nulla è mai privo di complicazioni, ma non abbiamo osservato nessun effetto collaterale significativo o complicanze che necessitassero di ulteriori trattamenti. Ci sono altri argomenti relativi alla Subaltive Rejuvenation che vuole condividere? Dr. Gold – Prima di tutto bisogna comprendere cosa significa ogni nuovo termine; questo aiuterà a capire eMatrix. L’altro punto è che per trattare le cicatrici, generalmente tratto prima l’intero viso, con un secondo passaggio sulla cicatrice da trattare. Questo metodo sembra funzionare bene. Dr. Taylor – Quando tratto il viso, eseguo un full face, poi, dopo circa 15 minuti, riesco a vedere dove sono passato, ed è semplice in quanto riconoscibile dal rossore. Faccio quindi un secondo passaggio nei punti più critici, dove voglio ottenere un miglioramento più evidente. Dr. Goldberg – Credo che la cosa principale da considerare sia che la

Sublative Rejuvenation richiede una pelle molto pulita ed asciutta per assicurare una giusta erogazione di energia, ed è un cambiamento per quelli come me abituati ad utilizzare terapie laser. Una pulizia profonda prima del trattamento con una soluzione ad alto contenuto di alcool è essenziale. Quali sono i vostri commenti finali per i lettori? Cosa vedete per il futuro con eMatrix? Dr. Taub – Credo che eMatrix sarà una grande arma contro l’invecchiamento, per la media dei pazienti, inclusa la crescente popolazione con pelle scura interessata a trattamenti estetici. Riempie una nicchia di mercato molto grande. La combinazione unica di rimodellamento del derma e breve downtime è affascinante. La possibilità di trattare zone delimitate senza la preoccupazione di dover trattare tutto il viso, con una conseguente minor spesa per il paziente, rappresenta un ulteriore vantaggio. L’altra nicchia è la popolazione giovane. I pazienti cercano il ringiovanimento sempre prima, quando non hanno ancora molto danno – eMatrix accontenta anche quel target. Dr. Taylor – Ci tengo a ribadire come sia importante avere un dispositivo che può trattare con successo le zone al di fuori del viso con parametri in qualche modo aggressivi ottenendo risultati meritevoli. Dr. Gold – Il potenziale di questo dispositivo è molto entusiasmante. Syneron continuerà a sviluppare nuove punte e parametri di trattamento che amplieranno ulteriormente la versatilità della Sublative Rejuvenation. Possiamo quindi ottimizzare questo trattamento scoprendo nuove combinazioni di terapie. C’è molto da scoprire con questa macchina, sviluppando e definendo protocolli con questa nuova modalità. Con la fusione di Syneron e Candela, mi piacerebbe vedere le loro tecnologie di punta unite insieme per produrre nuovi e potenti strumenti. Questo potrebbe aiutarci a farci ritornare dall’estetica alla medicina, grazie a nuove indicazioni cliniche.


Se non ricevi la rivista puoi abbonarti gratuitamente chiamando il n. verde 800 812 017 Consultabile anche on line www.smei.it

Forma News Dicembre 2010  

Forma News Medicina e Chirurgia Estetica Semestrale di informazione tecnica e scientifica