Issuu on Google+

Invio dei bilanci nazionali PSI a

La Provincia di Cremona

febbraio 2012

i conti PSI Il PSI in seguito al caso Margherita ha deciso, unico, di rendere pubblici i suoi conti come atto di trasparenza nei confronti dei propri elettori. Da diversi anni il PSI ha sollevato il problema del finanziamento ai partiti rilevando che è inammissibile che lo percepiscano partiti non più attivi così come è intollerabile che lo percepiscano quei partiti che non rispettano l'art.49 della Costituzione che obbliga gli stessi a darsi delle forme democratiche. Tra i partiti della seconda repubblica, lega nord in testa, ce ne sono diversi che si reggono su strutture piramidali prive di fondamenta democratiche e che pertanto si organizzano in palese violazione dei dettami costituzionali. E' pure assurdo, come sostiene il segretario nazionale dei socialisti Nencini, che il denaro pubblico non assegnato ai partiti che non superano lo sbarramento vada ridistribuito agli altri partiti, tali somme dovrebbero, secondo logica tornare nelle casse dello Stato. Con amarezza riceviamo giorno dopo giorno la conferma di quanto i socialisti sostengono da anni, cioè che alcuni partiti della seconda repubblica sembrano sempre più delle società finanziarie, ed il sospetto è che tali finanziarie abbiano lo scopo di arrichhire i vertici del partito stesso, in questi casi i tesorieri altro non sono se non degli strumenti in mano a chi regge le sorti del partito.

Paolo Carletti (PSI) Cremona


12.02.00_la provincia_cremona_i conti PSI