Page 1

Autorizzazione del Tribunale di Torino n. 1788 del 29.3.1966

DA PALAZZO CISTERNA

Una Provincia sempre più europea

19 OTTOBRE 2012

www.provincia.torino.gov.it

Cronache NUMERO 26 - serie IV - anno XVII

TERRITORIO, PRIORITARIA LA SICUREZZA All’interno “LaVoce del Consiglio”

Un premio per i virtuosi della raccolta differenziata


Sommario La Voce della Giunta

Un premio per i virtuosi della raccolta differenziata ................

7

Nodo idraulico di Ivrea, scelte condivise........................ ...............

Gli appuntamenti di lavoro diventano passeggiate sotto i portici .........................................

Territorio, prioritaria la sicurezza........................................

7

ATTIVITÀ ISTITUZIONALI

PRIMO PIANO

3 3 Una Provincia sempre più europea ......................................... 4 Progetto Mia: studiare all’estero senza spese ................ 5 I vertici dell’Università in Giunta ....................................... 6 Sistemi elettorali europei a confronto ..................................... 6

Monitoraggio ambientale a Torrazza Piemonte .....................

8 Parte il reclutamento per il nuovo Club Med di Pragelato.....9 Indesit, Chiama: ”senso di responsabilità di tutti” .............. .9 Per il Crab serve il sostegno della Regione Piemonte ........... 10

EVENTI Quarto appuntamento con “Agrico/ultura ..........................

11

La stagione della neve alle porte con “Fisi in Tour”...........

12

Onore agli atleti di Londra 2012...............................

12

La Voce del Consiglio Sintesi della seduta del 16 ottobre 2012 .......................

13

In copertina: Interventi dopo l’alluvione In IV copertina: Novità sulla pagina Facebook della Provincia di Torino

Tornano i bus-navetta della Provincia per le visite

Luigi Spazzapan in mostra al Castello di Miradolo

A

pre al pubblico sabato 20 ottobre nelle sale storiche del Castello di Miradolo, a San Secondo di Pinerolo, la mostra dedicata a Luigi Spazzapan, uno dei protagonisti più liberi, indipendenti e creativi della scena artistica novecentesca. La retrospettiva, curata dal professor Francesco Poli, porta sul territorio pinerolese un artista prolifico e attivo tra le due guerre e negli anni Cinquanta e permette alla Fondazione Cosso di presentare al pubblico l’opera di Spazzapan (1889-1958) sottolineandone l’importanza culturale. Nelle storiche sale del Castello di Miradolo è allestito un percorso espositivo che presenta oltre cento opere provenienti da musei pubblici, fondazioni, gallerie e da alcuni collezionisti. La mostra è visitabile il mercoledì, giovedì e venerdì dalle 14 alle 18, il sabato, la domenica e il lunedì dalle 10 alle 18,30. Com’è ormai tradizione, in occasione della mostra la Provincia di Torino, prevede un servizio gratuito di bus navetta da Torino al Castello di Miradolo. Il servizio è in programma nelle giornate di sabato 17 novembre, sabato 15 dicembre e sabato 12 gennaio. La partenza avviene da piazza Carlo Felice alle 14,30. Per informazioni e prenotazioni si può telefonare al numero 0121-502761. Michele Fassinotti

Luigi Spazzapan: Autoritratto con tavolozza

Direttore responsabile: Carla Gatti Vicedirettore: Lorenza Tarò In redazione: Cesare Bellocchio, Lorenzo Chiabrera, Michele Fassinotti, Antonella Grimaldi, Andrea Murru, Carlo Prandi, Alessandra Vindrola Grafica: Marina Boccalon, Giancarlo Viani Foto Archivio Fotografico Provincia di Torino “Andrea Vettoretti” (AFPT): Cristiano Furriolo, Leonardo Guazzo Amministrazione: Barbara Pantaleo, Luca Soru, Maria Maddalena Tovo, Patrizia Virzi Hanno collaborato: Anna Randone, Valeria Rossella MediaAgencyProvincia di Torino: via Maria Vittoria, 12 - 10123 Torino - tel. 011 8612204 - fax 011 8612797 - stampa@provincia.torino.it - www.provincia.torino.gov.it Chiuso in redazione: ore 12.00 di venerdì 19 ottobre 2012 Progetto grafico e impaginazione: Ufficio Grafica della Provincia di Torino Provincia di Torino

2

CRONACHE DA PALAZZO CISTERNA


La Voce della Giunta

Nodo idraulico di Ivrea, scelte condivise Saitta scrive una lettera all’Ativa

Apprendo con soddisfazione che è stato avviato l’iter per l’approvazione del vostro progetto definitivo di adeguamento dell’autostrada; ma mi corre l’obbligo di segnalare che la complessità del nodo idraulico richiede scelte condivise con il territorio, pesantemente segnato dagli eventi alluvionali e preoccupato degli impatti che un’infrastruttura così importante potrebbe avere sui delicati equilibri idraulici e ambientali dell’area”. Con queste parole, indirizzate al presidente dell’Ativa, il presidente della provincia di Torino Antonio Saitta è intervenuto in merito al dibattito sul progetto per mettere in sicurezza l’autostrada A5 Torino-Ivrea-Quincinetto dalle piene alluvionali della Dora Baltea. Il progetto, presentato dalla società autostradale nei giorni scorsi in conferenza dei servizi, ha incontrato il parere contrario di una parte dei sindaci del nodo idraulico di Ivrea. Saitta nella lettera ha ricordato sia l’impegno della Provincia sulla messa in sicurezza del nodo e la realizzazione, su delega di Aipo e Regione Piemonte, di molte delle opere del sistema arginale a difesa degli abitati della zona, sia di aver sollecitato gli enti competenti (Anas, Ministero delle infrastrutture, Autorità di bacino del Po, Aipo) affinché si intervenisse per mettere in sicurezza i tratti autostradali che restano sommersi dalla piena. “Il problema si è rivelato essere di complessa soluzione, e siamo consapevoli dell’importanza di questo collegamento che tramite il tunnel del Monte Bianco collega l’Italia con i paesi d’oltralpe” ha sottolineato Saitta, invitando quindi Ativa a condividere il progetto in corso di approvazione “con lo specifico gruppo di lavoro, di cui la Provincia fa parte, che ha l’obiettivo di approfondire le dinamiche fluviali nell’area del paleoalveo del rio Ribes, con cui la struttura autostradale interferisce”. Alessandra Vindrola

Territorio, prioritaria la sicurezza

“La Provincia di Torino è sempre stata, e continua ad essere, attenta nel considerare come prioritario il problema della sicurezza del territorio e dei cittadini. E anche se ora “cambierà pelle”, diventando città metropolitana, resta fondamentale la sua vocazione a organo di governo di area vasta, specialmente in tema di pianificazione territoriale, tutela del territorio e prevenzione dei rischi naturali”. Con queste parole l’assessore provinciale Roberto Ronco ha portato i saluti della Provincia al convegno promosso dall’Agenzia Interregionale per il Fiume Po “IPo – Interazioni – Previsione, gestione, informazione e responsabilità negli eventi idrologici estremi” che si è svolto giovedì 18 ottobre a Torino, incentrato sull’analisi dei problemi legati alla prevenzione, alla gestione e all’informazione degli eventi idrologi estremi. Ronco ha ricordato la lunga collaborazione intercorsa fra la Provincia di Torino e l’Aipo, per esempio come soggetto attuatore di opere di difesa del territorio come il nodo idraulico di Ivrea e nella gestione di protezione civile delle emergenze, auspicando che queste competenze restino in capo anche in futuro. a.vi

CRONACHE DA PALAZZO CISTERNA

3


Primo Piano

Una Provincia sempre più europea Raddoppiati i progetti europei approvati

S

empre più europeo il respiro della Provincia di Torino. Negli ultimi sei anni, con il periodo di programmazione dei fondi strutturali 2007-2013 si è quasi raddoppiato il numero di progetti europei e internazionali che la Provincia di Torino si è vista approvare e finanziare da Bruxelles. “In un periodo come questo di drammatiche difficoltà economiche e di tagli alla spesa pubblica come quello che viviamo - commenta il presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta - da tempo abbiamo intensificato il lavoro dei nostri progettisti europei per non disperdere preziose occasioni di fare rete con territori italiani e stranieri. Sono molto soddisfatto che i risultati ci stiano dando ragione. Continueremo e intensificheremo queste scelte per finanziare sempre di più attività e investimenti sul territorio cui altrimenti dovremmo rinunciare”. Tra i progetti europei che la Provincia di Torino sta sviluppando, meritano una particolare segnalazione quelli rivolti ai temi dell’ambiente e delle politiche energetiche (ad esempio il progetto sul programma LIFE + dedicato al riutilizzo dei pneumatici per asfalto, oppure il progetto sul programma Spazio Alpino dedicato al patto dei sindaci per l’energia), così come quelli rivolti all’innovazione tecnologica per PERIODO NUMERO PROGETTI VALORE TOTALE le imprese (ad esempio, i progetti DI PROGRAMMAZIONE APPROVATI DEI PROGETTI sul programma Interreg IVC dedica28 ti sia ad accompagnare la crescita 2000 - 2006 53.431.518euro di cui 8 come capofila delle piccole medie imprese sia alla 44 creazione di nuovi talenti). 2007-2013 88.209.443 euro di cui 11 come capofila

Si asfalta utilizzando il polverino ricavato dai vecchi pneumatici (Progetto europeo Tyrec4LIFE)

4

CRONACHE DA PALAZZO CISTERNA

Carla Gatti


Primo Piano

G

razie al progetto europeo “Mia– Mobilità individuale degli Alunni Comenius”, gli studenti del 3° e 4° anno delle scuole superiori possono sperimentare un periodo di studio all’estero trascorrendo dai 3 ai 10 mesi presso una scuola e una famiglia di un altro paese europeo. A differenza della gran parte delle associazioni private che si occupano di soggiorni di studio all’estero, il Mia, grazie al partenariato tra le scuole di partenza e di arrivo, organizza i trasferimenti dei ragazzi sulla base di progetti condivisi: le scuole partner pianificano insieme il programma di studio, in modo che al ritorno in Italia l’esperienza all’estero degli studenti sia valorizzata appieno dagli insegnanti della loro scuola. Altro indiscutibile vantaggio è che con il progetto Mia non ci sono costi per le famiglie: i fondi europei coprono le spese di viaggio e garantiscono al

Progetto Mia

ragazzo una cifra forfettaria mensile per le spese minute (vitto e alloggio sono a carico della famiglia ospitante). È importante tenere presente che gli studenti possono partecipare solo se la loro scuola presenta il progetto. Tutte le scuole possono accedere, a condizione che abbiano già preso parte a un progetto europeo. In Piemonte sono circa 60 le scuole che hanno già i requisiti, ma i dati di adesione sono ancora molto bassi: su 124 domande presentate a livello nazionale nel 2012, solo 3 provengono dalla nostra regione. Le scuole che non hanno ancora i requisiti possono presentare un partenariato quest’anno e accedere al Mia l’anno successivo. Gli incontri sul progetto Mia sono realizzati dallo Europe Direct in collaborazione con il Miur - Ufficio scolasti-

studiare all’estero senza spese e con programmi concordati tra le scuole co regionale per il Piemonte, nell’ambito degli “infodays Llp”, cioè momenti informativi sui Life learning programmes (fra i quali vi sono Comenius, Erasmus, Leonardo), misure per l’istruzione permanente a cui le scuole possono aderire ottenendo così finanziamenti europei. Il progetto Mia sarà illustrato in una serie di incontri che si terranno a Palazzo Cisterna (Sala Consiglieri, via Maria Vittoria 12, Torino). I primi saranno martedì 23 ottobre 2012 alle ore 18 per studenti e famiglie e mercoledì 24 ottobre dalle 9.30 alle 12.30 per i dirigenti scolastici e docenti. Mercoledì 21 novembre 2012 si parlerà di partenariati scolastici Comenius, e di come richiedere una sovvenzione per finanziare la collaborazione tra istituti. Mercoledì 12 dicembre della possibilità di avere un insegnante assistente dall’estero e le opportunità formative per i nostri insegnanti. a.vi

Per info e iscrizioni EUROPE DIRECT TORINO Centro di informazione europea via Maria Vittoria 12 tel 011 8615431 www.provincia.torino.gov.it/europa/europedirect Per maggiori informazioni sul programma europeo LLp: www.programmallp.it

CRONACHE DA PALAZZO CISTERNA

5


Primo Piano

L

Incontro istituzionale tra la Provincia di Torino e i vertici dell’Università torinese, durante una seduta di Giunta a Palazzo Cisterna. Il presidente della Provincia Antonio Saitta si è confrontato con il rettore Ezio Pellizzetti, il pro rettore Sergio Roda e il vice rettore Salvatore Coluccia su quanto il mondo accademico torinese, con la sua antica e importante tradizione, possa oggi mettere in gioco il proprio patrimonio intellettuale per contribuire ad Confronto del presidente Saitta elaborare pensiero a vantaggio della politica locale, del con i rappresentanti del mondo mondo delle amministrazioni pubbliche, della rappreaccademico torinese sentanza socio economica. “Sento l’esigenza - ha commentato Saitta – che, nonostante la crisi, la difficile contingenza che tutti ci troviamo ad affrontare, l’Università torinese compia uno sforzo di uscire da quel ripiegamento su noi stessi che ci sta caratterizzando un po’ tutti, a vario livello. Ritengo che le istituzioni locali, un tempo maggiormente in sintonia e in relazione fra loro sui grandi temi dello sviluppo, oggi più che mai a causa delle difficoltà che attraversano possano e debbano ricevere dalla tradizione accademica torinese lo stimolo alla riflessione alta su temi quali ad esempio la difesa delle autonomie locali, della Costituzione, temi che fino a pochi anni fa non si pensava minimamente di mettere in discussione. All’Università torinese chiedo un aiuto a sostenere la classe dirigente locale con il proprio apporto intellettuale di studio, di analisi”. Tra gli esempi che Saitta ha portato all’attenzione dei vertici di via Po, il caso Fiat: “su problematiche di questo rilievo internazionale, le dichiarazioni e il movimentismo dei singoli esponenti dei partiti o delle istituzioni locali non servono. Dall’Università invece mi aspetto analisi di ampio respiro che ci aiutino a comprendere le macroquestioni economiche e sindacali, ad esempio”. Da sinistra gli accademici Roda, Pellizzetti, Coluccia e l’assessore Bertone in Giunta

I vertici dell’Università in Giunta

c. ga

Sistemi elettorali europei a confronto Palazzo Cisterna ha ospitato il 16 e 17 ottobre “Forma di governo e sistema elettorale, due variabili indipendenti?”, una due giorni seminariale, aperta ai cittadini, sui sistemi elettorali internazionali e, in particolare, europei e italiano. I contributi informativi sono giunti da docenti delle università di Torino, Genova e Firenze, Parigi e Madrid, coordinati dal professor Bovero dell’Ateneo torinese promotore dell’iniziativa.

6

Gli interventi hanno presentato e confrontato a un tempo i modelli elettorali di Francia, Spagna, Germania passando per quelli di Gran Bretagna e Stati Uniti, con la finalità di giungere all’analisi e valutazione dell’attuale situazione italiana con la legge elettorale oggi al centro dell’attenzione di tutte le forze politiche. L’iniziativa, coronata da un buon successo di pubblico, è stata organizzata, in collaborazione con la Provincia, dalle associazioni “Scuola per la buona politica“ e “Teoria politica”. “Il tema del seminario - hanno spiegato i promotori - è stato

CRONACHE DA PALAZZO CISTERNA

scelto a partire dalla convinzione che la superficialità e la strumentalità del dibattito in corso sulle riforme elettorali rischia di rafforzare nei cittadini il disinteresse, se non il rigetto, per la politica. Ma voltarsi dall’altra parte sarebbe un errore. Dalla legge elettorale, ma anche dalla chiara definizione dei poteri del parlamento e del governo, dipende in buona misura la qualità di una democrazia: la possibilità per i cittadini di “contare” davvero, influendo sulle decisioni politiche”. Paolo Vinai


Primo Piano

Un premio per i virtuosi della raccolta differenziata

Un concorso della Provincia per le scuole

P

otranno iscriversi fino al 31 ottobre le scuole che desiderano partecipare al bando di concorso indetto per il secondo anno consecutivo dalla Provincia di Torino per l’ideazione di progetti di riduzione e/o raccolta differenziata dei rifiuti. Il bando è rivolto a tutti gli istituti scolastici pubblici, dalle scuole materne alle superiori, e i progetti dovranno essere attuati entro la fine dell’anno scolastico in corso. Due le categorie di scuole individuate: materne ed elementari, medie e superiori. Per ogni categoria sono previsti 4 premi, di 2500 euro il primo, di 2000 gli altri. Il progetto che avrà ottenuto il maggior punteggio assoluto, indipendentemente dalla categoria di appartenenza e oltre agli otto vincitori, beneficerà di un premio di 3000 euro. “La nostra provincia ha da tempo superato il 50% di raccolta differenziata” commenta l’assessore all’Ambiente della Provincia di Torino Roberto Ronco, “ma occorre proseguire su questa strada e su quella della riduzione della produzione di rifiuti, e le scuole possono dare un importante sostegno”.

Tutte le informazioni e il bando scaricabile su www.provincia.torino.it/ambiente/rifiuti/programmazione/concorso_scuola

Cesare Bellocchio

GLI APPUNTAMENTI DI LAVORO DIVENTANO PASSEGGIATE SOTTO I PORTICI

“Gli amministratori pubblici possono e devono dare l’esempio ai cittadini che camminare fa bene all’ambiente e alla salute. Io per primo come assessore all’ambiente della Provincia di Torino metto in pratica questo concetto”. Lo ha detto l’assessore Roberto Ronco intervenendo a Bologna a un convegno in occasione della “prima giornata nazionale del camminare”. “Dedico tempo ogni martedì a incontrare associazioni e cittadini - ha detto Ronco - e non non li accolgo più negli uffici dell’assessorato, ma dando loro appuntamento per una passeggiata nel centro di Torino che notoriamente è la città con la maggior estensione di portici”. Le passeggiate di lavoro a vantaggio dell’ambiente e della salute sono iniziate martedì scorso: a mezzogiorno, primo appuntamento dell’assessore Ronco con l’associazione CinemAmbiente e il suo presidente Gaeteno Capizzi, per pianificare le attività del 2013 camminando sotto i portici di via Roma. c.ga

L’assessore Ronco sotto i portici

CRONACHE DA PALAZZO CISTERNA

7


Attività Istituzionali

Monitoraggio ambientale a Torrazza Piemonte

A

ncora i temi ambientali di Torrazza Piemonte al centro dell’attenzione e di incontri per l’assessore provinciale all’Ambiente della Provincia Roberto Ronco. Dopo aver incontrato la scorsa settimana il sindaco Simonetta Gronchi, il 9 ottobre a Palazzo Cisterna è stata la volta di un gruppo di cittadini di Torrazza Piemonte e di alcune associazioni ambientaliste interessate ad esporre in prima persone i motivi di preoccupazione legati alla costruzione di una centrale a biomasse collegata a una serra per la coltivazione idroponica di fragole, segnalando un peggioramento della qualità dell’aria, dei carichi di traffico e di qualità della vita del paese. “Siamo a conoscenza dei carichi ambientali che gravano su Torrazza, come peraltro su tutto il territorio provinciale, uno dei più antropizzati e industrializzati d’Italia – ha detto loro l’assessore provinciale Ronco – e proprio per la particolarità di questo Comune, l’autorizzazione della nuova centrale subordina la costruzione alla preventiva autoriz-

8

zazione alla costruzione delle serre da parte del Comune in modo da avere certezza che il calore prodotto sia effettivamente utilizzato. Tale vincolo, unito a severe prescrizioni in tema di rendimento complessivo e di limiti di emissione, dimostra l’attenzione con cui gli uffici provinciali hanno trattato questa delicata materia. Questo meccanismo consente al Comune e agli organi di controllo di avere titolo per verificare che serre e centrale siano operazioni strettamente collegate”. I cittadini hanno preso a t t o della volontà di collaborazione e della

CRONACHE DA PALAZZO CISTERNA

trasparenza nella gestione della vicenda da parte della Provincia di Torino; hanno raccomandato attenzione anche al rispetto delle norme urbanistiche da parte dell’azienda proponente. La Provincia di Torino peraltro ha messo a disposizione dell’Ufficio Tecnico del Comune di Torrazza la professionalità di un funzionario provinciale esperto di Piani Regolatori, che sta già coadiuvando i tecnici comunali nell’opera di vigilanza sul rispetto delle prescrizioni contenute nell’autorizzazione provinciale e sull’adeguatezza dei percorsi urbanistici. Al termine dell’incontro l’assessore e i rappresentanti dei cittadini hanno concordato di monitorare congiuntamente questa situazione, proponendosi inoltre di confrontarsi sulle altre questioni ambientali che interessano Torrazza, in particolare la discarica per rifiuti pericolosi e il recupero ambientale di alcune cave. c. be


Attività Istituzionali

Parte il reclutamento per il nuovo Club Med di Pragelato Le selezioni del personale in

I

n vista dell’apertura del nuovo Resort di Pragelato Vialattea, programmata per il prossimo 16 dicembre, Club Med ha organizzato tre giornate di preselezione per il reclutamento delle diverse figure professionali che lavoreranno nella struttura nella stagione invernale 20122013. Si comincerà venerdì 19 e sabato 20 ottobre, dalle 10.30 alle 16, presso il ristorante “La capanna del sole” di Pragelato, in via Val Troncea 3. I candidati, di età compresa tra i 20 e i 40 anni, dovranno presentarsi con il proprio curriculum vitae aggiornato e con una foto. I profili migliori saranno selezionati per accedere alla seconda fase del reclutamento che si svolgerà lunedì 22 ottobre, di concerto con il Centro per l’Impiego di Pinerolo, dalle 10 alle 16 presso l’ex Circondario della Provincia di Torino, in viale Alpi Cozie.

collaborazione con il Centro per l’Impiego di Pinerolo

“Grazie alla continuità della collaborazione con Club Med” commenta l’assessore al Lavoro della Provincia di Torino Carlo Chiama, “i Centri per l’Impiego della Provincia di Torino sono in grado di veicolare un’opportunità di lavoro in un segmento di mercato, il turistico-alberghiero, che rappresenta uno dei tradizionali e peculiari settori di sviluppo economico di un territorio fortemente colpito dalla crisi”. Tutte le posizioni aperte per il Resort di Pragelato sono consultabili su www.clubmedjobs.it www.provincia.torino.gov.it.

Indesit, Chiama: “senso di responsabilità di tutti”

Nell’assenza di una politica industriale per il settore del bianco, così strategico per il nostro Paese, per cui non è stato possibile garantire la continuità produttiva dell’Indesit di None, l’accordo siglato il 10 ottobre scorso è positivo perchè garantisce la parziale reindustrializzazione del sito produttivo di None e la ricollocazione dei dipendenti. Tutto ciò avviene grazie all’impegno del Comune di None, della Provincia di Torino e della Regione Piemonte e al senso di responsabilità delle organizzazioni sindacali”. Lo dice l’assessore al Lavoro della Provincia di Torino Carlo Chiama, in merito al raggiungimento

Per informazioni: Centro per l’Impiego di Pinerolo tel. 0121.325711/325706 Cesare Bellocchio

dell’accordo siglato presso il Ministero dello Sviluppo economico tra Indesit, Enti Locali ed Organizzazioni Sindacali sul futuro del sito di None “La Provincia parteciperà al comitato tecnico presieduto dalla Regione, per monitorare il raggiungimento degli impegni presi dall’azienda in sede di accordi” conclude l’assessore Chiama. c.ga

CRONACHE DA PALAZZO CISTERNA

9


Attività Istituzionali

La situazione finanziaria del Crab, il Centro di Riferimento per l’Agricoltura Biologica (che ha sede legale presso la Provincia e sede operativa a Luserna San Giovanni), è molto delicata”: la precisazione viene dagli assessori provinciali alle Attività Produttive e all’Agricoltura, Ida Vana e Marco Balagna, dopo le voci incontrollate circolate nelle ultime settimane. “Siamo consapevoli del valore sociale di una struttura che la Provincia di Torino ha fortemente voluto e sostenuto– sottolineano Vana e Balagna. - Dobbiamo però tener conto dei problemi di gestione e finanziari che, negli ultimi due anni, hanno messo in forse l’equilibrio della società consortile. La legislazione nazionale, oltre a ridurre drasticamente le disponibilità di bilancio, ha infatti imposto alla Provincia una profonda revisione delle proprie partecipazioni azionarie. “Nonostante la stretta imposta dalla Legge Finanziaria del Governo Berlusconi

per il 2009, eravamo riusciti a salvaguardare il Crab, ma le nuove disposizioni del Governo Monti pongono forti limiti all’erogazione di contributi pubbliPreoccupazione della Provincia per ci per attività ritela situazione finanziaria del Centro nute dalla legge e dalla magistratura contabile non perdel Crab non significherebbe tinenti”. In occasione dell’ultila fine dell’attività del Centro, ma assemblea dei soci, la Rema una fase transitoria, che gione Piemonte ha annunciato vedrebbe l’eventuale liquidal’impossibilità di garantire tore impegnato a concretizquegli affidamenti di servizi zare la prosecuzione dell’atche permettevano alla società tività con modalità gestionali di raggiungere quantomeno il diverse”. “Rivolgiamo quindi pareggio di bilancio. Vana e un appello alla Regione PieBalagna annunciano che, “alla monte, affinché la sinergia tra luce delle attuali disposizioni Enti locali e soggetti privati inlegislative, stiamo valutando teressati alle attività del Crab insieme agli altri soci una sepossa garantire un futuro a rie di ipotesi, che vanno dalla una realtà di ricerca scientiprivatizzazione della società fica applicata che ha pochi ad un diverso raccordo con aleguali in Italia” concludono tre società, anche pubbliche, gli assessori Vana e Balagna. che svolgano attività complePer saperne di più sull’attività mentari. I due Assessori predel Crab: www.ilcrab.it cisano inoltre che “una eventuale messa in liquidazione Michele Fassinotti

Il Crab a Luserna San Giovanni

10

CRONACHE DA PALAZZO CISTERNA

Per il Crab serve il sostegno della Regione Piemonte


Eventi

Quarto appuntamento con “Agrico/ultura” All’ex Foro Boario di Moncalieri il 28 ottobre

Produttori agricoli al l’ex Foro Boario

D

omenica 28 ottobre nell’ex Foro Boario di Moncalieri è in programma il quarto appuntamento con le manifestazioni inserite nel progetto “Agrico/ultura”, promosso dalla Città di Moncalieri e dalla Provincia di Torino. Nelle due ali esterne del mercato vengono posizionati i banchetti dei produttori agricoli e artigiani del territorio del Patto Torino Sud, selezionati dalle associazioni di categoria. Il mercato è aperto al pubblico dalle 10 alle 18. Nello spazio coperto si tengono laboratori di cucina, in collaborazione con agricoltori, professionisti ed artigiani del comparto agroalimentare. L’iniziativa è curata dall’associazione culturale P.E.P.A (acronimo di “Palati Educati – Palati Appagati”). Il 28 ottobre dalle 10 alle 12 si tiene il laboratorio “Lievito Madre e Pane figlio”, con la creazione del lievito madre del mercato ed esempi di panificazione. Nello spazio coperto del mercato è stata realizzata una “Stanza degli ospiti”, dove si tiene un appuntamento curato da Almateatro. Domenica 28 ottobre alle 15 è in programma “Il Pane - Il lievito madre”, un evento che prevede incontri con i coltivatori di grano, con i panificatori locali e con donne arabe che illustrano la ricetta del pane tradizionale dei loro Paesi. Il tutto si conclude con lo spettacolo “Pane e pace”, con letture teatralizzate di leggende sul lievito madre. m.fa

CRONACHE DA PALAZZO CISTERNA

11


Eventi

La stagione della neve alle porte con “Fisi in Tour”

S

uccesso di pubblico e di immagine per la manifestazione “Fisi in Tour: gli sport invernali sbarcano in città”, che, per iniziativa della Federazione Italiana Sport Invernali, venerdì 12 e sabato 13 ottobre allo Stadio Olimpico e in Piazza d’Armi, ha proposto

due giornate di promozione degli sport invernali nel capoluogo subalpino, con un fitto programma di eventi sportivi, spettacolari e mediatici, rivolti sia al grande pubblico che ai media. Venerdì 13 il Comitato regionale Alpi Occidentali della Fisi ha tenuto il tradizionale appuntamento di

inizio stagione per la presentazione ufficiale delle squadre regionali di sci alpino, sci nordico, biathlon, snowboard e sci alpinismo. Sabato 14, invece, a pochi giorni dall’inizio della stagione dello sci alpino (la Coppa del Mondo inizierà sabato 27 e domenica 28 ottobre sul ghiacciaio austriaco di Soelden), si è tenuta nello Stadio Olimpico la presentazione delle squadre nazionali delle discipline invernali affiliate alla Fisi. Tra le autorità presenti alla cerimonia il vicepresidente e assessore allo Sport della Provincia, Gianfranco Porqueddu, il presidente della Fisi, Flavio Roda, il presidente della F.I.B.T. (la Federazione Internazionale Bob e Skeleton), il torinese Ivo Ferriani. Sono stati presentati anche gli atleti italiani impegnati nelle selezioni per la prossima edizione degli Special Olympics.

Il vicepresidente Porqueddu con gli atleti valsusini Francesca e Matteo Marsaglia

m.fa

Onore agli atleti di Londra 2012

Molti torinesi tra i campioni olimpici premiati dalla Regione

M

artedì 16 ottobre il presidente della Regione, Roberto Cota, e l’assessore allo Sport, Alberto Cirio, hanno voluto esprimere la riconoscenza del Piemonte a tutti gli atleti che hanno reso onore al territorio in occasione delle Olimpiadi e Paralimpiadi di Londra. Alla premiazione, ospitata nella Sala Mostre del Palazzo della Regione in piazza Castello, era presente il vicepresidente della Provincia e presidente del Coni Piemonte, Gianfranco Porqueddu. Numerosi gli atleti olimpici e paralimpici residenti o in attività in provincia di Torino premiati dalla Regione. Tra di essi Elisabetta Mijno (argento paralimpico nel tiro con l’arco), Chiara Boggiatto (olimpionica nel nuoto), Silvia De Maria (atleta paralimpica nel canottaggio), Clara Giai Pron (olimpionica nella canoa), Francesca Piccinini (olimpionica di pallavolo e giocatrice della Pallavolo Chieri), Fabio Cerutti (olimpionico nell’atletica), Andrea Macrì (atleta paralimpico nella scherma in carrozzina), Davide Manenti (olimpionico nell’atletica).

12

CRONACHE DA PALAZZO CISTERNA

I campioni olimpici premiati in Regione


Consiglio LA VOCE DEL

IN QUESTO NUMERO Seduta del 16/10/2012

Seduta del 16 ottobre 2012

a cura di Michele Fassinotti

Il Consiglio provinciale ha affrontato i seguenti argomenti:

Quesiti a risposta immediata Bus studenti per Condove, quali soluzioni dalla Provincia?

Carlo Giacometto (PdL) ha lamentato la soppressione di un collegamento automobilistico pomeridiano. L’assessore Bertone ha precisato che la corsa in questione è stata soppressa a seguito del taglio delle risorse erogate dala Regione.

Il futuro dei giovani apprendisti di Intesa San Paolo

Al quesito sulla mancata assunzione definitiva da parte di Intesa San Paolo di 15 lavoratori apprendisti, illustrato dal Consigliere Maurizio Tomeo (PdL), ha risposto l’assessore Carlo Chiama, ricordando che è in corso una trattativa tra azienda e sindacati per la riduzione dei costi del personale. Il consigliere PdL Tomeo

Situazione Viberti di Nichelino

L’assessore Chiama ha riassunto i termini della vertenza, che riguarda 104 lavoratori in cassa integrazione. Il ventilato insediamento in zona di un operatore della grande distribuzione risolverebbe il problema del ricollocamento dello stabilimento Viberti in un’area meno ampia.

13


Consiglio LA VOCE DEL

Seduta del 19 ottobre 2012

Interrogazioni Pista ciclopedonale sulla SP 108, nove anni di parole (parole, parole) di Sindaci e Consiglieri Provinciali Carlo Giacometto (PdL) ha chiesto se la Provincia intenda ancora finanziare la realizzazione dell’opera. L’assessore Avetta ha risposto che la Provincia è disponibile a riprendere il confronto con il Comune per la realizzazione della Variante e della pista ciclabile.

Sicurezza stradale della Strada Provinciale 6

Giampiero Tolardo (PD) ha ricordato la disponibilità di alcune aziende agricole di Piossasco a cedere i terreni per realizzare una rotatoria che permetterebbe di accorciare i percorsi tra le abitazioni degli agricoltori e i campi coltivati. L’assessore Avetta si è detto disponibile a convocare un tavolo di lavoro sul tema.

Perché sono fermi i lavori sulla ex 393?

Gian Luigi Surra (PdL) ha fatto riferimento ai problemi tecnici ed alla lentezza dei lavori, chiedendo una maggiore vigilanza sul rispetto dei tempi e sul completamento corretto dei lavori appaltati. L’assessore Avetta ha precisato che i lavori per la realizzazione delle nuove rotatorie sulla S.P. 393 debbono concludersi entro il 26 aprile 2013.

Interrogazione “Trasporto pubblico locale in provincia di Torino. Riduzione del servizio” Interpellanza “Tagli al trasporto pubblico locale”

Daniela Ruffino (PdL) ha accusato la Giunta di non aver fatto proposte per il mantenimento dei servizi. Renzo Rabellino (Lega Padana Piemont) ha accusato le forze politiche che sostengono il Governo nazionale e quello regionale di non aver impedito il taglio delle risorse per il trasporto pubblico locale. L’assessore Bertone ha replicato che, per ovviare alla diminuzione dei trasferimenti regionali, la Provincia ha cercato di applicare alcuni precisi criteri-guida, si è confrontata con i territori ed è disponibile a correggere eventuali errori.

14


Consiglio LA VOCE DEL

Seduta del 19 ottobre 2012

Ordini del giorno Solidarietà al Sindaco di Sant’Antonino di Susa, Antonio Ferrentino

L’ordine del giorno è stato illustrato, a nome di tutti i Capigruppo, da Silvia Fregolent (PD). A sostegno del documento sono intervenuti anche Raffaele Petrarulo (IdV), Loredana Devietti (UDC), Nadia Loiaconi, Eugenio Gambetta e Maurizio Tomeo (PdL), Patrizia Borgarello e Giovanni Corda (Lega Nord), Domenico Pino (Gruppo Misto). Il consigliere Ferrentino ha parlato del clima di intimidazione instaurato da alcune frange del movimento anti Tav in Valsusa. Il presidente Saitta ha chiesto al Ministro Cancellieri di effettuare l’annunciata visita al cantiere di Chiomonte, per dare un segnale di fermezza. Inoltre ha chiesto un rafforzamento del pool di magistrati che si occupa dei disordini, dei danneggiamenti e delle intimidazioni in Valsusa. L’ordine del giorno è stato approvato all’unanimità.

Interpellanze Circondari

All’interpellanza illustrata da Nadia Loiaconi (PdL) l’assessore D’Acri ha risposto che la soppressione dei Circondari e il trasferimento del personale ai Centri per l’Impiego sono dettati dalla necessità di ridurre le spese e rendere più efficiente il lavoro. Il circondario di Pinerolo

Il resoconto giornalistico completo e l’archivio delle sedute sono consultabili sul portale Internet della Provincia alla pagina

www.provincia.torino.gov.it/organi/consiglio/sedute/archivio.htm

15


LA PROVINCIA DI TORINO AL SALONE DEL GUSTO Sala blu to 2012 s u G l e d Salone - ore 15 5 ottobre Giovedì 2

I TERRITORi" E I R A T N ent IME TICHE AL tori e città "resili I L O P , A V TTI erri NE COLLE alimentare per t O I Z A di Torino R O T Provincia ica RIS t i l e Montano o le p ra i A Ru d o M AM nte Svilupp zionale ork) PROGR Strategie ella Dirige w o interna no del

B nter enari Food Net lena Di rino, all'i T” nal Urban e sullo sc cia di To eg "ACT Modera E troduttiv ova IUFN (Internatios en Villes” Grenoble in La Provin europeo Interr i Territori I N IO k o per la lastica a RELAZ ta-Brain Sup ore Associazione “Terre progetto one Consumator a riiessione zi a di Torin sco (Alimenta ieri), ha avviato un ttiva per lo Marke onnefoy Dirett a Provinciella ristorazione ll e d al lle o nt co ro e tt B sf e n e e g os Tran li g razion ro tt r to p ca pe e ris il lo S ris : lla ri ICHE groalimentari sul ruolo de politiche alimenta oli locali e E PRAT a ric sviluppo diti e produttori ag alimentare, E BUONone dei prodotti ani L a ot di Torino od em zi st urb a si ti ri l zz dei pr e en ri de p ut i lo i ri n a Università zz to u v ga re m i at o ra o tr i at C al e i rc i e e ni gl n ic bi no de bito urba na tutti i bam Torino e dro Cerutti R primi fra scolastiche dell’am periurba e Piemonte se dell’area di Commercio di Torino e e Veterinaria Region Alessan te n delle men o torinese. ima tt ta gi n le a se zion er re en la m an p ev rb Ca p rbani Pr a riu lla iv e ra o tt de e pe pp ttor ne itori periu uno svilu ta prospe Un Comu ittone LaboratorioLoia Direttore del Se In ques dei territori ad produzioni città e terr r e V p t re e lo ia le ta on o g n r Pa rizzi n aspirazi o nce alime nco Co che valo contra co une di Torin o e governa Gianfra sostenibile tari locali si in città e delle i politica ente “Slow Food” e edilizia scolastica Com t City” Comune di Torin d I Z agroalimen prescindibile delle i modelli di IZ ar id IR m es ne D io Pr “S uz im to re IN tr a et e sa s og e Is e pr or GLI , e ss d ia a l'esigenz politane di ripen re non solo r se rg or u As Fl ne o ae e l’e oB tagna, Faun aree metro onamento alimenta repentini di Robert razia Pellerinlitiche per l’ambiente rale e Mon ria G lta Assessore Po ed iluppo Ru approvvigi rsi ai cambiamenti ziari a Sv , M ra tu ol ta o v -nan per adat ssore Agric economico- per ricostruire Enzo La gna Asse scenario anche rco Bala a li, ma a alimentare. ta M en e bi d e u am Concl rino ACTTzione con sempr democrazi nta incia di To processi di quadro emerge iche agricole Territori 1 AliCome Parchi Prov nsumatori ri 861613 lie In questo iarezza che le polit no di piu' 1 1 0 l. Transfronta te .it er e: o ch nt n e br l'i ri or to al gi o ot e .t rit in mag tro il 20 incia essere inse alimentare RPSV en rimont@prov dovranno strategie di politica prima che al mail: ag complesse priorità al nutrire ta cui sia da produrre.

Salone del Gusto 2012 Pad. 2 "Terra zza per tutti" Venerdì 26 ottobre - o re 14.30

NUOVI DIS/ L'agricoltu OCCUPATI costruzion ra in tempo di crisi: e e di futuro sperienze d i cambia La nuova di

mento e

so soltanto lim ccupazione oggi non ita è maniera cre ta ai giovani ma intere più PROGRA scente anch MMA e gli “over 40ssa in single o pa dr ritrovano im i/madri di famiglia, ch/45”, Modera Ele na Di Be pr e si dopo anni ovvisamente senza lla Dirigente la di Sviluppo Ru aziende priva impegno professiona voro Introduzione rale e Monta le m te, in u no Provincia si pi cco ca le le a cura de attività imppr di Torino enditoriale in o grandi, o di UNA FO ll ’a ss oc ia Il rimettersi pr zi TO one Terrater GRAFIA DEL in gioco in qu oprio. GLI INTERV ra M ER senza sprofo esti tempi di CA TO DEL LAVOR ENTI PER G comporta un ndare nello scoraggiamfficili Cristina O PROVINCI a Romagn LI “OVER 45” ALE NELLA e una ricog grande attivazione di en ento o CRISI: ll i Di nizione prof er rig gi ente Coordina onda delle pr e PREC capacità, desid E A mento Centri RYART - L’ar op er rie i e pe ta lenti, spesso r l’Impiego Pr te di vivere trascurati. nascosti o Lettura teatra ovincia di To co rino In questo qu Bordin e m lizzata di e con El n dignità: ritorno alla ena Ruzza usica dal vi mondo rura adro l’attività agricola in collabora terra vo le possono e il punto di rifer rappresentar zione con G IL CORAGGIO im e abriella DI la pena punt ento e un obiettivo a cu un Pa ar i vale squale C RICICLARSI, tre casi es La Provincia e. a em p u pl a ar n F i: di a i miglia M az Torino e l’a teatrale Terra ssociazio iretto di ienda agricola “La Capra Ca reali dalla viv terra presenteranno tre ne Valter Love rier produttoOstana produttori agric mpa” di Cantalupa, produtto che con cora a voce di altrettante pe casi oli di patate re di formag re di birre pa gg rso gio di montagn rticolari a M gioco ed hann io e fatica si sono rimes ne Conclude Marco a arentino, Balagna in attività o ritrovato la propria bu se in Parchi Provincia di As se ss ore Agricoltu Torino ss ola ag ric ole ra, Sviluppo “lanciando Rurale e Mon il cuore al di imprenditoriali, Final tagna, Faun e là dell’ostac a e Flora e olo” con in musica assa

ggi dei prod

otti presen

tati

ACTT

Alimentazione Consumatori Transfrontali Territori eri


IL FONDO MORSELLI Acquisito nel 2001 è costituito da una vastissima collezione di materiali in lingua piemontese, liriche, dizionari, almanacchi, testi teatrali raccolti da Erminio Morselli in oltre 20 anni. Si tratta di un migliaio di pezzi compositi (libri, manoscritti, dépliant, brochure, pezzi d’occasione) che coprono un arco temporale che va dal 1564 al 1930.

La Gerusalemme liberata in dialetto monferrino In una rassegna bibliografica condotta nel 1966 da Alessandro Tortoreto, risultano censite una quindicina di traduzioni, in vari dialetti italiani, della Gerusalemme liberata. L’estensione cronologica va dal 1628 (bolognese antico) al 1948 (sardo), e comprende anche il manoscritto inedito del canonico Giuseppe De Conti, vicario della Diocesi di Casale, vissuto tra la fine del XVIII e l’inizio del XIX secolo (morì nel 1819). L’opera, dedicata al marchese Francesco Grisella, è una traduzione integrale del poema tassiano in dialetto monferrino. L’autore, membro con lo pseudonimo de Il Guidante dell’Accademia degli Unanimi di Torino, era una singolare figura di studioso con interessi storici, che ci lasciò anche interessanti studi come il Ritratto della città di Casale (1794, manoscritto in folio) e perfino un libretto

d’opera, anche questo in dialetto monferrino, La difesa di sei terre del Monferrato nella fuga del Duca di Mantova (1780). Nel 1774, in occasione del Giubileo dell’anno seguente, partì per Roma in compagnia di un amico e collega e di un servitore: di questo viaggio, con molte tappe e deviazioni,

fra cui Napoli e Venezia, il De Conti scrisse un diario, un mosaico di riflessioni e testimonianze sull’Italia dell’epoca, pubblicato nel 2007 da Interlinea. La Gerusalemme tradotta dal De Conti risale al 1792 e consta di 427 pagine. L’autore provvide a sostituire il tono epico e patetico del Tasso con un linguaggio popolaresco, ma non volgare, utilizzando per le similitudini ambientazioni casalesi e tentando di rivendicare l’ascendenza autoctona di taluni personaggi, come Tancredi, qualificato “della prosapia degli antichi Alerami, marchesi del Monferrato” (e monferrinizzando così i Crociati al suo seguito). Il tono popolaresco della traduzione si può notare fin dalla prima strofa, in cui Goffredo di Buglione viene fatt Cap d’l’armada anss i doi pè. Numerosi sono poi i riferimenti alla vita casalese del tempo, come nella tredicesima strofa la descrizione dell’arcangelo Gabriele che in volo era pù alger d’un balon volant: immagine che si richiama alla prima mongolfiera levatasi a Casale nel 1783 davanti ad un pubblico ammirato e sbalordito.


ier

nt

ab

b ia

it à mo t ante no v

in

ca

ne

ite gu

ci

di Anna Rand o

Se

e!

INO TOR

ÀS UL L

Da questa settimana l’immagine di copertina di Fb cambia, si rinnova e annuncia i temi pubblicati nei post. Questa settimana l’argomento è l’ambiente. Prossimamente curiose informazioni su prodotti tipici, cultura, Europa,turismo e molto altro ancora. Altra novità: il lancio del concorso “Indovina di cosa si tratta”. Ad inizio settimana il fan Maurizio Mazzotta riconoscendo il castello di Masino ha vinto un ingresso valido per due persone al castello in occasione della giornata Fai che si svolgerà domenica 21 ottobre.

DI

NOVIT

FB DELLA PR OV IN

A CI

A

PA

A GIN

Cronache da Palazzo Cisterna 26  

19 ottobre 2012

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you