Issuu on Google+

   

 

     

I  FABBISOGNI  FORMATIVI   IN  PROVINCIA  DI  GROSSETO   Un  modello  di  analisi  e  valutazione   per  la  programmazione  dell’offerta  formativa  provinciale  1     Aprile  2011    

INDICE     1.  Introduzione.  Le  dimensioni  dell’innovazione:  istituzionale,  sociale,  formativa ........................... 2   2.  La  formazione  professionale  nel  sistema  economico  della  provincia  di  Grosseto:  una  prima   fotografia ........................................................................................................................................ 4   3.  Analizzare  i  fabbisogni  partendo  dai  settori  economici................................................................ 7   4.  Le  acquisizioni  trasversali  ai  settori ............................................................................................. 8   5.  Sintesi  delle  indicazioni  sui  fabbisogni  formativi  per  settore...................................................... 11   Settore  rurale ............................................................................................................................ 11   Settore  Turismo......................................................................................................................... 12   Settore  Economia  del  mare ....................................................................................................... 13   Settore  sociale  e  socio-­‐sanitario ................................................................................................ 14   Settore  Ambiente,  Ecologia  ed  Energie  rinnovabili..................................................................... 16   Settore  Commercio  e  grande  distribuzione ................................................................................ 16   Settore  Estetica  e  benessere  (servizi  alla  persona) ..................................................................... 18   Settore  edilizia  e  costruzioni ...................................................................................................... 22   Settore  manifatturiero  (agroalimentare  e  metalmeccanico)...................................................... 25   Settore  dell’artigianato  artistico  e  attività  dello  spettacolo ....................................................... 26   6.  Appendice.  Le  opzioni  metodologiche ....................................................................................... 27     1

Il presente rapporto – curato da Romano Calvo di Studio Méta & Associati - costituisce una sintesi dei lavori realizzati per conto della Provincia di Grosseto nell’ambito del progetto approvato con atto dirigenziale n. 24 del 08.01.2009. I report settoriali ed i dati raccolti sono integralmente disponibili sul sito web della Provincia di Grosseto. Pag.  1  di  30  


1.  Introduzione.  Le  dimensioni  dell’innovazione:  istituzionale,  sociale,  formativa     Non   sono   in   molti   a   sapere   che   la   Provincia   di   Grosseto   ogni   anno   investe   mediamente   circa   3   milioni   di   euro   per   la   formazione   professionale   dei   lavoratori   e   dei   disoccupati;   nonostante   la   diminuzione   generalizzata   di   risorse   a   disposizione   per   questo   tipo   di   interventi,   da   quando   il   Governo  nazionale  e  le  Regioni  hanno  deciso,  a  fronte  della  crisi,  di  riorientarne  una  quota  molto   consistente  verso  gli  ammortizzatori  sociali.   Come  tutte  le  altre  Province  toscane,  anche  Grosseto  si  trova  quindi  oggi  in  una  situazione  (e  in   una   prospettiva)   di   risorse   decrescenti,   e   nella   necessità   conseguente   di   doverle   riservare   alle   iniziative   che   garantiscono   la   massima   efficacia   formativa   per   le   imprese   e   per   lo   sviluppo   del   territorio,   e  la   migliore   aderenza   alle   esigenze   professionali   e  di   vita   dei   giovani   e   delle  persone  in   cerca  di  lavoro.   Ma   come   si   possono  prevedere   le   nuove   professionalità   e   le   nuove   prospettive   di   lavoro   verso   cui   orientare   ed   accompagnare   i   giovani,   i   disoccupati,   ma   anche   coloro   che   intendano   cambiare   occupazione?   E  in  coerenza  con  questo,  come  si  possono  conoscere  in  anticipo  i  fabbisogni  formativi?     In   base   a   quale   criterio   la   Provincia   può   decidere   quali   corsi   di   formazione   possono   assicurare   maggiore  efficacia  di  altri,  e  risultare  davvero  utili  alle  persone,  alle  imprese,  al  territorio?   Nel   tempo,   nel   nostro   Paese,   due   sono   state   le   modalità   tipiche   per   affrontare   questo   tipo   di   problemi   da   parte   delle   Province,   che   hanno   in   genere   la   responsabilità   della   programmazione   dell’offerta  formativa:   da  un  lato  l’affidamento  a   società  o   istituti   di   ricerca  specializzati  di  indagini   sui   fabbisogni   di   formazione,   con   la   richiesta   agli   Enti   di   formazione   di   adeguarsi   ai   risultati;   e   dall’altro,   all’opposto,   l’affidamento   agli   Enti   stessi   della   responsabilità   di   analizzare   i   fabbisogni   prima  di  proporre  i  propri  corsi.   Ognuna   delle   due   modalità   ha   mostrato   limiti   e   criticità,   tanto   che   nel   tempo   si   è   consolidata   l’immagine  di  un  sistema  di  formazione  professionale  distante  dai  fabbisogni  reali,  autoreferente,   più  guidato  dalle  esigenze  degli   Enti  che  organizzano  l’offerta  che  non  da   quelle  delle  persone  e   delle  imprese.   La  Provincia  di  Grosseto  tre  anni  fa  ha  deciso  invece  di  innovare  profondamente  il  proprio  modo   di   affrontare  questo  problema  cruciale,  e  di  investire  le  risorse  finanziarie  a  sua  disposizione;  ed  ha   accettato  la  sfida  di  una  nuova  e  più  efficace  programmazione  delle  risorse  finanziarie,   in  aderenza   con   le   esigenze   del   territorio   e   in   sintonia   con  il  ‘nuovo   sistema   delle   competenze’   promosso   dalla   Regione.   Anziché   delegare   agli   esperti   il   compito   di   definire   i   fabbisogni,   o   di   attribuirne   la   responsabilità   agli  Enti  di  formazione,  il  nuovo  metodo  introdotto  dalla  Provincia  prevede  infatti  la  realizzazione   di   un  processo  di   analisi   partecipato,   coordinato  e   guidato  dalla   Provincia,   la  cui   finalità   principale   è  quella  di  fare  emergere  e  valorizzare  l’enorme  know-­‐how  già  presente  nel  territorio  sui  diversi   temi   di   indagine   (e   che  rischia   altrimenti   di   rimanere   letteralmente  ‘inutilizzato’),   aggiungendovi   il   valore  ulteriore  del  coinvolgimento  attivo,  del  protagonismo,  della  relazione  e  del  confronto  tra  i   diversi  soggetti  dello  sviluppo  locale.   In   altre   parole,   realizzare   la   ‘analisi   dei   fabbisogni’   con   il   metodo   adottato   dalla   Provincia   di   Grosseto  significa  dare  concreta  realizzazione  ad  almeno  due  ‘principi-­‐guida’  oggi  molto  evocati  sia   nel  dibattito  politico-­‐istituzionale  che  in  quello  tecnico-­‐specialistico:  il  principio  del  ‘management   della  conoscenza’,  e  quello  del  ‘capitale  sociale’.   Pag.  2  di  30  


Per   progettare   e   implementare   questo   nuovo   metodo,   nel   2008   è   stato   affidato   un   progetto   a   Studio  Méta  &  associati  (che  una  delle  società  con  maggiore  esperienza  e  capacità  di  innovazione   su   questi   temi   nel   nostro   Paese)   e   che   ha   tra   l’altro   svolto   un   ruolo   di   rilievo   anche   nella   costruzione  del  ‘nuovo  sistema  regionale  delle  competenze’  della  Regione  Toscana.       In   che   cosa   è   consistito   il   lavoro   che   in   questi   tre   anni   i   dirigenti   e   i   funzionari   della   Amministrazione   provinciale   hanno   svolto   insieme   a   Studio   Méta   &   associati?   E   quali   sono   i   risultati  di  grande  interesse  che  il  progetto  ha  già  consentito  di  raggiungere?   I  ‘prodotti’  del  progetto  sono  pubblicati  sul  sito  web  della  Provincia  e  contengono  sia  un  ampio  e   dettagliato   studio   sui   principali   settori   produttivi   della   Provincia   (12   settori,   complessivamente),   sia  una  nota  di  sintesi  sulla  metodologia  adottata  e  sul  processo  di  coinvolgimento,  partecipazione   mobilitazione  di  tutte  le  energie  e  le  intelligenze  del  territorio.   Una   sintesi   è   stata   presentata   nel   corso   della   tavola   rotonda   organizzata   dalla   Provincia   sabato   16   aprile  scorso.     E’   inoltre   in   corso   di   completamento   da   parte   della   Provincia   un   nuovo   sito   web   specifico   sui   fabbisogni  formativi,  dal  quale  sarà  possibile  scaricare  tutti  i  materiali  prodotti,  relativi  a  ciascuno   dei  settori  coinvolti.   Alcuni  dati  possono  meglio  aiutare  comprendere  la  portata  del  lavoro  svolto:   •

sono  stati  realizzati  20  ‘tavoli  tematici  settoriali’  (ciascuno  con  diversi  incontri,  realizzati  a   partire  da  una  istruttoria  tecnica  sui  materiali  di  ricerca  disponibili  e  messa  a  disposizione   dalla  Provincia  con  la  consulenza  di  Studio  Méta  &  associati)  a  cui  hanno  partecipato  130   persone   in   rappresentanza   delle   principali   associazioni   di   categoria,   dei   sindacati,   dei   Comuni  e  di  altri  enti  territoriali  

sono  state  condotte  50  interviste  individuali  ad  imprese  ed  esperti  di  sviluppo  economico  

sono  state  coinvolte  le  40  agenzie  formative  più  attive  del  territorio,  sia  mediante  i  tavoli   ‘tematici’,   sia   mediante   una   specifica   sperimentazione   su   un   tema   cruciale   per   dare   concretezza  alle  analisi  svolte:  ‘come  si  progetta  un  corso  di  formazione  in  coerenza  con  i   fabbisogni   rilevati   e   con   il   nuovo   sistema   regionale   delle   competenze’   realizzata   nel   secondo  semestre  del  2010  

sono  stati  redatti  rapporti  di  analisi  sui  fabbisogni  formativi  relativi  a  12  settori  economici:   agricolo-­‐rurale,   industria   agro-­‐alimentare,   turismo,   commercio,   servizi   sociali   e   socio-­‐ sanitari,   ecologia   ed   energie   rinnovabili,   edilizia,   manifatturiero,   estetica   e   benessere,   economia  del  mare,  artigianato  artistico  e  spettacolo  

sono   stati   realizzati   4   seminari   pubblici   a   cui   hanno   complessivamente   partecipato   circa   300  persone  

sono  stati  prodotti  specifici  rapporti,  uno  per  ciascuno  dei  12  settori  analizzati  

Tutte   le   attività   sono   state   realizzate   in   stretta   collaborazione   con   i   responsabili   ed   i   funzionari   del   Settore   Formazione   Professionale   della   Provincia,   al   fine   di   garantire  loro   la   completa   acquisizione   del   metodo   di   lavoro   e   di   assicurare   agli   uffici   la   capacità   di   proseguire   autonomamente   questo   tipo  di  attività  in  futuro,  senza  dovere  fare  ulteriore  ricorso  alla  consulenza,  che  in  questa  fase  di   progettazione  e  testing  del  nuovo  impianto  è  invece  risultata  essenziale.   Per  realizzare  tutto  ciò,  in  tre  anni  la  Provincia  ha  investito  complessivamente  196mila  euro:  se  si   considera  che  tale  importo  equivale  al  costo  del  lavoro  di  un  collaboratore  amministrativo  e  mezzo   a  tempo  pieno,  e  si  considera  la  quantità  e  la  qualità  dei  prodotti  finora  ottenuti,  non  si  può  che   Pag.  3  di  30  


esprimere   una   valutazione   di   estrema   positività   dei   risultati,   sia   in   termini   di   efficacia,   che   in   termini  di  efficienza,  che  in  termini  di  qualità.   Ma  il  vero  risultato  –  come  sottolinea  l’Assessore  G.  Chelini  –  ‘è  avere  riportato  la  formazione  al   centro   del   dibattito   pubblico,   coinvolgendo   attivamente   e   non   solo   virtualmente   le   imprese,   le   associazioni  di  categoria  e  le  istituzioni,  cioè  tutti  coloro  che  ancora  credono  che  si  possa  realizzare   una  formazione  professionale  al  servizio  dello  sviluppo  economico  e  sociale  del  nostro  territorio.   Con   questo   metodo   inoltre   abbiamo   non   solo   proposto   alle   agenzie   formative   di   aprirsi   maggiormente  alle  esigenze  delle  imprese,  ma  anche  creato  nei  fatti  le  condizioni  perché  ciò  possa   avvenire’.   La   responsabile   del   Settore   Formazione   Professionale   della   Provincia,   Paola   Parmeggiani,   conferma   che:   ‘Le   indicazioni   emerse   sia   dalle   indagini   che   dalle   consultazioni   con   gli   attori   sociali,   sono  già  entrate  a   far   parte  dei  nuovi  criteri  con  i  quali  la  Provincia  programma  gli  stanziamenti   finanziari   del   Fondo   Sociale   Europeo:   il   nuovo   metodo   funziona,   e   produce   risultati   concreti   per   migliorare  il  sistema  di  formazione  locale,  e  il  suo  impatto  sulla  economia  del  territorio’.  

  2.   La   formazione   professionale   nel   sistema   economico   della   provincia   di   Grosseto:  una  prima  fotografia     La  Provincia  di  Grosseto  è  abitata  da  225mila  persone  di  cui  200mila  hanno  una  età  di  oltre  14  anni   (Fonte  Istat  anno  2009).     La  popolazione  anziana  è  in  costante  aumento  così  come  l’immigrazione  straniera  (2800   ingressi   nell’anno  2008).   A   Grosseto   si   produce   un   PIL   di  5,7   miliardi   di   euro   (anno   2009)   con   un   valore  procapite   di   26.200   euro,  la  quarta  posizione  in  Regione  ed  in  linea  con  la  media  nazionale.   Il  valore  aggiunto  è  prodotto  dai  settori:   • agricoltura:  5,5%  (contro  una  media  italiana  del  2,1%)   • manifatturiero:  11,6%  (contro  una  media  italiana  del  21,4%)   • costruzioni:  7,1%  (contro  una  media  italiana  del  6,1%)   • servizi:  75,8%  (contro  una  media  italiana  del  70,5%)   Le  imprese  attive  in  Provincia  sono  oltre  27mila  così  distribuite:    

Agricoltura,  caccia  e  silvicoltura  

     9.855    

Pesca,piscicoltura  e  servizi  connessi  

           124    

Estrazione  d i  m inerali  

             27    

Attività  manifatturiere  

     1.849    

Energia  elettrica,  gas  e  acqua  

             12    

Costruzioni  

     3.542    

Commercio  

     5.490    

Alberghi  e  ristoranti  

     1.798    

Trasporti  

           564     Pag.  4  di  30  


Intermediaz.  f inanziaria  

           384    

Att.immob.noleggio,informat.ricerca        2.144     Istruzione  

             53    

Sanità  e  a ltri  servizi  sociali  

             67    

Altri  servizi  

     1.157    

Fonte:  Camera  di  commercio  di  Grosseto,  dati  2008.  

  Gli   occupati   sono   98Mila   (Fonte   Istat   dati   2009),   il   tasso   di   occupazione   15-­‐54anni   è   del   66,4%   contro  una  media  italiana  del  57,5%.   Gli  occupati  sono  presenti  nei  seguenti  settori:   • agricoltura:  14.500  (14,8%)   • industria:  9.500  (9,7%)   • costruzioni:  16.800  (7,5%)   • servizi:  66.800  (68,1%)   Gli  occupati   dipendenti  sono   il   62,5%  (contro  una   media  italiana   del  75%)  e  gli  indipendenti  sono   il   37,5%  (contro  una  media  italiana  del  25%).   Il   profilo   di   questa   provincia   si   caratterizza   per   una   produzione   lorda   pro-­‐capite   nella   media   italiana   ma   con   una   spiccata   vocazione   agricola   ed   una   forte   presenza   dei   servizi   in   particolare   collegati  al  turismo.     La  crisi  ha  fatto  sentire  i  suoi  effetti  sia  sul  fatturato  che  sull’occupazione,  specialmente  nel  settore   manifatturiero  e  nell’edilizia;  i  consumi  sono  in  forte  calo  ed  il  turismo  ne  ha  risentito.     Gli   effetti   sono   stati   tuttavia   mitigati   dal   particolare   profilo   economico   e   sociale   di   questo   territorio.   Le  persone  in  cerca  di  occupazione  sono  5.200  con  un  tasso  di  disoccupazione  pari  al  5%  (contro   un  tasso  nazionale  del  7,8%)  che  diventa  però  dell’8%  per  le  donne  e  del  2,8%  per  gli  uomini  (fonte   Istat  dati  2009).   Il  mercato  del  lavoro  –  che  con  la  crisi  ha  subito   drastici  ridimensionamenti  –  presenta  ancora  tassi   di   disoccupazione   relativamente   contenuti   (concentrando   il   problema   sulla   disoccupazione   femminile)  ed  una  presenza  significativa  del  lavoro  Indipendente.   Il  sistema  della  formazione  e  dell’istruzione  vede  una  consistente  presenza  della  scuola   pubblica   in   tutti   i   suoi   gradi   ed   in   tutti   i   principali   indirizzi   previsti   dalla   normativa   (dal   classico   all’artistico,   dal   nautico  ai  tecnici  industriali,  dal  commerciale  ai  sociale).     Interessante   è   anche   la   presenza   dell’istruzione   privata   che,   per   il   recupero   degli   esami   di   maturità,  attira  ogni  anno  centinaia  di  persone  da  fuori  provincia.   L’Università  è  presente  mediante  la  sede  decentrata  dell’università  di  Siena  con  n.  9  corsi  di  laurea   delle  facoltà  di  economia,  giurisprudenza,  lettere,  medicina  e  scienze.   La  formazione  professionale  vede  una  folta  presenza  di  agenzie  formative:  circa  70  di  cui  50  con   sede  legale  ed  operativa  in  Provincia.   Il  Fondo  Sociale   Europeo  (POR-­‐FSE)  per  il  periodo   2007-­‐2013  stanziava  per  la  Provincia  di  Grosseto   oltre  29  milioni  di  euro  per  la  formazione  professionale  e  le  politiche  attive  del  lavoro.     Pag.  5  di  30  


Nel  corso  del  2009  e  2010  sono  stati  tuttavia  operati  consistenti  ridimensionamenti  per  sostenere  i   costi  degli  ammortizzatori  sociali  in  deroga.     I  dati  che  seguono  devono  pertanto  essere  depurati  sia  delle  riduzioni  operate  dalla  Regione,  sia   delle  risorse  destinate  alle  politiche  attive  del  lavoro  ed  al  Centro  per  l’impiego:     Assi  FSE  

Risorse  previste  dal  POR  

adattabilità    

€  6.410.950,00  

occupabilità  

€  18.619.317,00  

inclusione  sociale  

€  1.767.799,00  

capitale  umano  

€  2.566.730,00  

Totale  FSE  2007-­‐2013  

€  29.364.796,00  

  Nella   programmazione   FSE   del   2000-­‐2006   la   Provincia   di   Grosseto   per   la   sola   formazione   professionale  aveva  investito  26,1  milioni  di  euro,  finanziando  1.212  corsi  di  formazione,  264.000   ore,  15.000  partecipazioni  di  utenti  e  1.000  formati.  

 

Pag.  6  di  30  


3.  Analizzare  i  fabbisogni  partendo  dai  settori  economici     La   fondamentale   opzione   metodologica   di   questo   lavoro   consiste   nell’analizzare   (e   mobilitare)   il   sistema   economico   locale   suddividendolo   secondo   quelle   che   alcuni   definiscono   ‘comunità   professionali’   e   che   noi   abbiamo   individuato   come   i   settori   di   attività   più   significativi   sia   per   le   performance  occupazionali  che  per  l’impatto  sui  temi  della  formazione  professionale.     I  settori  individuati  sono  stati  i  seguenti:     Settori  

Descrizione  

1.

Rurale  e  agriturismo  

Tutta  l’agricoltura  (anche  le  viti  e  l’olio)  l’allevamento  d i  animali  e  l’agriturismo  

2.

Industria  alimentare  

Industria  di  trasformazione  d egli  alimenti:  (ortaggi,  formaggi,  carne,  pasta,   vino  e  olio)  

3. Industria  meccanica  ed   elettromeccanica  

Produzione  macchinari,  impianti  e  veicoli  m eccanici,  lavorazione  d ei  m etalli,   produzione  apparati  elettrici  ed  elettronici  

4.

Edilizia  e  costruzioni  

Edilizia,  costruzioni  di  grandi  opere,  impiantistica  civile  

5.

Economia  d el  mare  

Produzione  natanti,  attività  d ei  porti  (ormeggi,  rimessaggio,  servizi  portuali);   pesca  e  ittiturismo  

6.

Alberghi  e  turismo  

Attività  ricettive  (anche  campeggi)  e  l’organizzazione  d el  turismo  (agenzie)  

7.

Servizi  socio  sanitari  

Servizi  educativi,  servizi  sociali,  servizi  socio-­‐sanitari  

8.

Servizi  a lla  persona  

Estetica,  cura  della  persona,  sport,  massaggi,  palestre  

9.

Ambiente,  ecologia,  energie   rinnovabili  

Rifiuti,  foreste,  d isinquinamento,  energie  rinnovabili,  servizi  ecologici,   consulenza  ambientale,  sicurezza  del  lavoro  

10. Commercio  e  grande   distribuzione  

Commercio  al  d ettaglio  d i  qualsiasi  t ipo  e  grande  d istribuzione  o rganizzata  

11. Artigianato  a rtistico  e  attività   dello  spettacolo  

Attività  con  contenuto  a rtistico  e/o  a rtigianale,  spettacolo  d al  vivo,  cinema  e   TV  

12. Trasporti  e  logistica  

Trasporti  v ia  t erra,  via  mare,  via  f errovia  e  aerea,  agenzie  di  trasporti,   immagazzinamento  e  gestione  d ella  logistica  

  Vi   è   la   consapevolezza   di   avere   fino   ad   ora   trascurato   attività   importanti   del   terziario,   come   i   servizi   assicurativi,   bancari,   informatici   e   legali   oltre   al   servizio   pubblico,   scuola   e   sanità   in   particolare.     In   un’ottica   di   priorità   si   è   tuttavia   valutato   che   quelli   analizzati   sono   i   settori  che   hanno   maggiore   impatto   sulla   programmazione   della   formazione   professionale   mentre   questi   ultimi   ne   sono   investiti  soltanto  marginalmente.     Valutazione   che   è   stata   confermata   nel   corso   del   progetto,   fatta   eccezione   per   il   12°   settore,   quello  dei  trasporti  e  logistica  che  –  alla  luce  degli  approfondimenti  svolti  -­‐   riveste  per  l’economia   grossetana   un   peso   marginale   e   non   presenta   peraltro   un   particolare   impatto   sui   temi   della   formazione  professionale.     Pag.  7  di  30  


La   prospettiva   settoriale   postula   una   programmazione   della   formazione   professionale   per   settore-­‐ comparto-­‐filiera;  una  prospettiva  che  consente  di:   a) affrontare  unitariamente  le  problematiche  professionali  e  formative  dello  specifico  settore   b) garantire  una  maggiore  aderenza  tra  i  progetti  formativi  ed  i  fabbisogni  delle  imprese  del   settore   c) individuare  e  destinare  a  ciascun  settore  un  ammontare  di  risorse  certo   d) favorire  una  maggiore  specializzazione  e  sviluppo  di  know  how  delle  agenzie  formative  su   specifici  settori  e  comparti   e) condividere  e  monitorare  con  le  parti  sociali  interessate  gli  effetti  di  tali  interventi  in  vista   della  programmazione  successiva.  

  4.  Le  acquisizioni  trasversali  ai  settori     Nel   corso   delle   indagini   e   delle   consultazioni   sono   emerse   indicazioni   che   investono   significativamente   l’attuale   sistema   di   programmazione   provinciale   della   formazione   professionale   ma  che  sono  trasversali  (cioè  comuni)  ai  vari  settori  indagati.     Nel  seguito  se  ne  propone  una  sintesi.     1.  Difficoltà  dell’impresa  manifatturiera  ad  accedere  alla  formazione  finanziata.     Un  tema  che  ha  attraversato  trasversalmente  tutte  le  interviste  è  la  difficoltà  (che  in  alcuni  casi  si   può   anche   tradurre   in   diffidenza   ed   in   altri   semplicemente   non   conoscenza)   delle   imprese   ad   accedere  alla  formazione  finanziata,  sia  di  parte   provinciale  (fondi  FSE,   legge  236,  ecc.)  e  sia  dei   Fondi  interprofessionali  di  categoria.     In  sintesi  ciò  ha  due  conseguenze  per  chi  programma  la  FP  finanziata:   a) necessità   di   fornire   assistenza   tecnica   alle   imprese   (medie   e   piccole)   sulle   modalità   di   accesso   alla   formazione   finanziata.   Deve   far   riflettere   il   fatto   che   le   interviste   da   noi   condotte  in  alcuni  casi  siano  diventate  l’occasione  per  far  maturare  l’idea  di  affiancare  un   eventuale   corso   finanziato   ai   processi   di   riorganizzazione   e  revisione   dei   sistemi   infornativi   aziendali.  Si  tratta  di  imprese  che  investono  ingenti  risorse  per  la  formazione  continua  del   proprio  personale.  E  danno  per  scontato  che  questo  rappresenti  un  onere  da  sostenere  con   risorse   proprie.   Appena   si   prospetta   la   possibilità   di   accedere   ad   eventuali   finanziamenti   pubblici,   la   richiesta   è   di   ricevere   una   precisa   informativa   che   illustri   costi   e   benefici   (e   soprattutto  i  vincoli  temporali)  di  tali  finanziamenti.   b) Difficoltà  ad  adattare  il  setting,  i  tempi,  la  modulistica  e  le  procedure  amministrative  della   formazione  finanziata  con  le  esigenze  di  una  formazione  aziendale  fortemente  intrecciata   al  processo  produttivo.  Per  alcune  imprese  le  rigidità  di  una  progettazione  formativa  (che   costringe   a   prefigurare   con   precisione   inderogabile   spazi,   tempi   e   modalità   della   formazione)  costruita  6-­‐12  mesi  prima  di  poter  essere  erogata,  rappresenta  un  ostacolo  di   tale   portata   da   indurle   a   rinunciare   a   priori   a   tale   opportunità.   Per   i   responsabili   della   programmazione   formativa   pubblica   ciò   non   costituisce   una   novità.   E   tuttavia   rimane   un   problema,   non   fosse   altro   perché   l’asse   adattabilità   del   Fondo   Sociale   Europeo   è   specificamente   dedicato   alla   formazione   degli   occupati   ed   i   fondi   della   legge   236/1993   sono  destinati  ai  piani  formativi  aziendali.   Pag.  8  di  30  


In  questo  senso  il  settore  formazione  professionale  da  alcuni  anni  ha  in  corso  una  revisione  delle   procedure,   ne   è   una   dimostrazione   la   forte   diffusione   del   Voucher   formativo,   proprio   per   la   maggiore  flessibilità  di  utilizzo  che  esso  consente.     Soprattutto  dal   punto   di  vita  amministrativo  occorre   ricercare  il  migliore  equilibrio  tra   il   rispetto   dei   criteri   di   trasparenza   ed   accountability   tipici   delle   politiche   pubbliche,   e   le   esigenze   di   flessibilità  nell’erogazione  della  formazione  all’interno  delle  imprese.   Lo   snellimento   e   la   semplificazione   della   modulistica,   la   maggiore   chiarezza   nei   criteri   di   assegnazione  del  finanziamento  (anche  nei  massimali  per  i  costi  orari  delle  docenze),  la  maggiore   flessibilità   nella   definizione   dei   tempi   minimi   e   massimi   di   svolgimento   dell’intervento   e   nel   numero   e   tipologia   dei   partecipanti,   una   maggiore   finalizzazione   dei   controlli   alla   sostanza   anziché   infierire   soltanto   sugli   aspetti   burocratico   amministrativi,   rappresentano   alcune   delle   direzioni   sulle  quali  è  ancora  necessario  procedere.     2.   Il   territorio   sollecita   corsi   brevi   di   aggiornamento   specialmente   rivolti   agli   addetti   nel   settore:   richiesta  che  spesso  configge  con  gli  standard  emanati  dalla   Regione  Toscana  (cfr.  Delibera  della   Giunta   Regionale   02   agosto   2010,   n.   731)   dove   sono   fissati   elevati   requisiti   minimi   di   ore   di   formazione  per  ciascun  livello  EQF  e  dove  viene  privilegiata  l’utenza  dei  disoccupati.     3.  Emerge  una  richiesta  di  corsi  brevi  rivolti  a  disoccupati  immediatamente  disponibili  a  lavorare:   molte  delle  figure  richieste  dalla   imprese  sono  compatibili  con  percorsi  minimi  di  formazione   in  cui   –   senza   necessariamente   acquisire   una   qualifica   riconosciuta   –   si   mette   l’utente   nelle   condizioni   perlomeno   di   candidarsi   a   svolgere   quel   lavoro,   previo   un   breve   periodo   di   praticantato,   eventualmente   formalizzato   come   tirocinio.   Da   questo   punto   di   vista   lo   strumento   del   voucher   può   rispondere   adeguatamente   all’esigenza,   a   patto   di  consentirne   una   rapida  attivazione  e  con   utenti   realmente   intenzionati   a   lavorare   nel   settore.   A   questo   scopo   sarebbe   utile   un   diretto   intervento  di  selezione,  orientamento  ed  accompagnamento  di  questa  utenza  da  parte  dei  Centri   per  l’Impiego.     4.  Alta  qualificazione:  la  formazione  universitaria  e  l’alta  formazione  dipendono  dai  fondi  statali  e   regionali.   La   Provincia   dovrebbe   a   questo   scopo   attivare   maggiori   sinergie   tra   le   Università,   le   istituzioni  formative  ed  il  mondo  dell’impresa  nella  prospettiva  dell’Istruzione  Tecnica  Superiore.     5.  Favorire  una  maggiore  partnership  tra  le  scuole  e  agenzie  formative  con  le  imprese  del  territorio,   condividendo   un   sistema   di   rilevazione   permanente   dei   fabbisogni   delle   imprese,   valorizzando   a   fini   conoscitivi   l’esperienza   del   tirocinio   e   consolidando   un   sistema   unificato  di   monitoraggio  degli   esiti  della  formazione,  rilevando  regolarmente  a  sei  e  dodici  mesi  gli  inserimenti  lavorativi,  il  loro   grado   di   coerenza   con   il   percorso   di   formazione,   il   gradimento   degli   utenti   e   delle   imprese   e   le   eventuali  proposte  di  miglioramento.     6.   Favorire   una   maggiore   connessione   tra   la   programmazione   della   FP   e   la   programmazione   negoziata,   stabilendo   delle   priorità   per   i   soggetti   proponenti   e   per   i   progetti   formativi   formulati   nel  contesto  dei  distretti  e  dei  vari  patti  negoziali  per  lo  sviluppo.     Pag.  9  di  30  


7.   Ottimizzare   le   risorse   destinate   all’adattabilità   affinché   raggiungano   le  imprese   ed   i   loro   addetti   in  progetti  di  formazione  e  riqualificazione  professionale  tagliati  sulle  esigenze  dei  destinatari,  sia   dal   punto   di   vista   dei   contenuti   di   competenza   che   delle   modalità   organizzative,   avendo   particolare  riguardo  a  percorsi  brevi,  flessibili  e  rapidamente  attivabili.     8.   Costruire   più   efficaci   modalità   di   raccordo   tra   l’azione   della   Provincia   e   la   programmazione   formativa  dei  fondi  bilaterali  di  settore,  al  fine  di  evitare  sovrapposizioni  o  al  contrario  scoperture   nelle  esigenze  di  formazione  continua.     9.   Valorizzare   la   proposta   formativa   delle   scuole   e   degli   istituti   tecnici   e   professionali   rivolta   ai   giovani:   • promovendo  questa  opzione  formativa  presso  i  giovani  e  le  famiglie;   • collegando  maggiormente  i  percorsi  istituzionali  di  istruzione  con  le  esigenze  delle  imprese;   • inserendo   nei   percorsi   istituzionali  l’acquisizione  di   qualifiche   e   specializzazioni   rispondenti   alle  indicazioni  della  Provincia.     10.  Sviluppare  le  potenzialità  dei  voucher  formativi  -­‐  cui  continua  ad  essere  destinato  il  25%  delle   risorse   FSE   –   indirizzando   maggiormente   le   proposte   delle   agenzie   formative   verso   percorsi   coerenti  con  la  programmazione  provinciale.  Da  questo  punto  di  vista  la  domanda  degli  individui   dovrebbe   essere   meglio   orientata   mediante   l’accesso   ad   un   vero   e   proprio   catalogo   e   tendenzialmente   anche   grazie   ad   un   supporto   info-­‐orientativo   erogabile   dai   centri   per   l’impiego   ai   disoccupati.     11.   Innalzare   il   livello   qualitativo   dell’esperienza   didattica   erogata   dalle   agenzie   formative   della   rete   provinciale,   promuovendo   una   maggiore   partecipazione   in   aula   degli   esperti   di   settore;   un   utilizzo  dello  stage  sempre  più  finalizzato  all’apprendimento,  un  consolidamento  della  pratica  della   formazione   formatori   ed   una   maggiore   specializzazione   delle   agenzie   formative   sulle   filiere   produttive,  sulle  tecnologie  e  sui  prodotti  e  mercati  cui  finalizzare  l’azione  formativa.   A  questo  proposito  si   impone  una   riflessione  che  non   riguarda  più  soltanto   il  ‘cosa’  o   il   ‘quanto’   della  formazione  ma  il  ‘come’.  Una  riflessione  che  spieghi  perché  una  quota  di  persone  formate  e   qualificate,   in   alcuni   seppur   limitati   casi,   non   trovano   lavoro   coerente   con   la   qualifica   mentre   le   imprese  dichiarano  di  esserne  alla  ricerca.  Le  possibili  risposte  dovrebbero  condurre  ad  un  riesame   di:   • contenuti  formativi   • qualità  e  professionalità  della  docenza   • intreccio  tra  formazione  ed  esperienza  diretta  nei  contesti  lavorativi   • sostegno  alla  fase  di  placement  dell’allievo  al  termine  del  corso   • informazione  alle  imprese  in  merito  alla  presenza  di  allievi  qualificati   • capacità  delle  imprese  di  ‘dare  valore’  alla  qualificazione  della  manodopera    

Pag.  10  di  30  


5.  Sintesi  delle  indicazioni  sui  fabbisogni  formativi  per  settore     Settore  rurale   Le   indicazioni   desunte   dalle   analisi,   dalle   ricerche   e   dalle   consultazioni   delle   parti   sociali,   hanno   evidenziato   le   seguenti   figure   professionali   e   competenze   come   rilevanti,   pertinenti   e   relativamente  prioritarie  per  lo  sviluppo  del  settore:   a)  qualifica  professionale   • Cantinieri,  assistenti  di  cantina  e  di  frantoio   • Addetti  potatura  (vite,  olivo,  frutta)   • Operai  specializzati  in  macchine  agricole   • Operai  zootecnici  e  mungitori   • Trattoristi  e  conduttori  di  macchine  agricole   • Agenti  di  commercio  e  venditori   • Addetti  all’accoglienza  in  agriturismo   b)  diploma  di  istruzione  o  specializzazione   • Enologi  e  tecnici  vitivinicoli   • Tecnici  di  allevamento   • Tecnici  agricoltura  biologica   • Tecnici  di  certificazione  (di  prodotto  e  di  qualità),  esperti  in  normativa  di  settore   • Erboristi  ed  esperti  in  piante  officinali   c)  istruzione  tecnica  superiore  o  post  diploma  o  specializzazione  post  laurea   • Esperti   in   marketing,   commercializzazione,   internazionalizzazione   e   promozione   prodotti   tipici   • Agenti  di  sviluppo  e  marketing  dell’agriturismo   d)  laurea   • Agronomi.     Le   aree   di   attività   sulle   quali   indirizzare   prioritariamente   la   programmazione   della   formazione   continua:   • Certificazioni  europee   • Certificazione  qualità   • Riconoscimento  DOP   • Normativa  sulla  certificazione  di  prodotto   • Normativa  sulla  sicurezza  e  qualità  alimentare;   • Certificazione  ambientale   • Tecniche  di  conservazione  e  confezionamento  dei  prodotti  agroalimentari     Pag.  11  di  30  


• Piante  autoctone  della  Regione  Toscana   • Pratiche  di  cantina  e  di  controllo  dei  lotti  di  produzione   • Biomasse  compost   • Normativa  fiscale  per  agriturismo   • Potatura  viti,  Potatura  olivi,  potatura  piante  frutticole   • Viticoltura   • Olivicoltura   • Normative  e  tecniche  della  coltivazione  biologica   • Fitopatologie  e  fitoprofilassi  della  vite  e  dell'olivo   • Gestione  impianti  (Vigneto-­‐  Frutteto-­‐  Oliveto)   • Prodotti  tipici   • Manutenzione  dei  macchinari  agricoli   • Conduzione  dei  macchinari  agricoli   • Lingue  straniere:  inglese  e  tedesco   • Gestione  siti  web     Settore  Turismo   Le   indicazioni   desunte   dalle   analisi,   dalle   ricerche   e   dalle   consultazioni   delle   parti   sociali,   hanno   evidenziato   le   seguenti   figure   professionali   e   competenze   come   rilevanti,   pertinenti   e   relativamente  prioritarie  per  lo  sviluppo  del  settore.   Le  figure  professionali  sulle  quali  indirizzare  prioritariamente  la  programmazione  formativa:   a)  qualifica  professionale   • Cameriere   • Barista   • Commis  di  bar   • Addetto  ricevimento  (alberghiero)   • Cameriere  ai  piani   • Governante  ai  piani   • Facchino  d’albergo   • Cuoco   • Aiuto  cuoco   • Cuoco  capo  partita   • Pizzaiolo     • Portiere  di  notte   • Estetista   • Operatore  termale   Pag.  12  di  30  


b)  diploma    di  istruzione  o  specializzazione   • Tecnico  di  gestione  siti  web  e-­‐commerce  per  il  turismo   • Maitre   • Sommelier   • Chef  de  rang   c)  istruzione  tecnica  superiore  o  post  diploma  o  specializzazione  post  laurea   • Guida  turistica  in  lingua  tedesca  (ed  in  subordine  lingua  inglese  e  francese)   • Tecnici  incoming  turistico   • Progettista  sviluppatore  siti  web  e-­‐commerce  per  il  turismo   d)  laurea   • Responsabili  di  servizi  di  incoming  turistico   Le   aree   di   attività   sulle   quali   indirizzare   prioritariamente   la   programmazione   della   formazione   continua:   • Aggiornamento  personale  APT  su  gestione  informazioni  turistiche  via  web   • Aggiornamento  personale  APT  sui  pacchetti  turistici  di  Incoming   • Inglese  e  tedesco  di  base  per  personale  di  front  office  alberghiero   • Inglese  e  tedesco  di  base  per    reception  alberghiera   • Gestione  siti  web   • Haccp   • Tradizioni  e  cultura  della  maremma  per  gestori  di  agriturismo  e  strutture  recettive  medio   piccole     Settore  Economia  del  mare   Le   indicazioni   desunte   dalle   analisi,   dalle   ricerche   e   dalle   consultazioni   delle   parti   sociali,   hanno   evidenziato   le   seguenti   figure   professionali   e   competenze   come   rilevanti,   pertinenti   e   relativamente  prioritarie  per  lo  sviluppo  del  settore:     COMPARTO  PESCA  E  ACQUACOLTURA   • Corso   di   incoming   per   pescaturismo   ed  ittiturismo   (Formazione   degli   operatori   del   settore,   in  particolare  rivolto  alle  donne  che  coadiuvano  queste  attività).   • Operatore   subacqueo   specializzato   nella   gestione   delle   gabbie   off-­‐shore   (Specializzare   i   subacquei  professionisti  nella  manutenzione,  gestione  e  vigilanza  delle  gabbie  utilizzate  per   l’allevamento  ittico  a  mare).   • Operatore   di   vigilanza   sulla   pesca   sportiva   (Formazione   di   esperti   nella   vigilanza   delle   pratiche   di   pesca   sportiva,   con   conoscenze   estese   a   normativa,   biologia,   idrogeologia   e   oceanografia.).   • Realizzatore   professionale   reti   da   pesca   e   nasse   (Figure   professionali   specializzate   nella   realizzazione  di  reti  da  pesca  e  nasse).   Pag.  13  di  30  


• Le  nuove  regole  comunitarie:  il  Piano  del  Mediterraneo  (Aggiornamento  sulle   nuove  norme   previste   dal   Piano   del   Mediterraneo:   nuove   maglie   delle   reti,   taglie   minime   del   pescato,   biologia  ed  ecologia  del  Mediterraneo).     COMPARTO  NAUTICA  DA  DIPORTO,  CANTIERISTICA  E  SERVIZI  CONNESSI   • Saldatori   /   verniciatori   e   operatori   specializzati   nella   lavorazione   dei   materiali   (anche   di   materiali   innovativi   e   recipienti   in   pressione),   (Figure   professionali   multitask   in   grado   di   inserirsi   nel   bacino   di   sub-­‐fornitura   della   filiera   nautica.   Nel   caso   della   lavorazione   della   vetroresina,   la   specializzazione   è   unica   in   considerazione   della   complessità   del   profilo   professionale)   • Operatore   specializzato   in  carpenteria   navale   (Formazione   di   specialisti  in   grado  di  operare   nella   produzione  e   restauro  di  scafi  in   legno  e   imbarcazioni  d’epoca,  con   conoscenze  anche   nel  capo  dei  materiali  innovativi  ed  elementi  di  progettazione).   • Impiantisti,   esperti   in   elettronica,   impiantistica   e   tecnologie   innovative,   sistemi   radar   e   informativi  (Figure  professionali  specializzate  nell’installazione  e  riparazione  di  impianti  di   posizionamento,  trasmissione  e  automazione).   • Corsi   di   inglese   e   alfabetizzazione   informatica   per   operatori   già   insediati   (Migliorare   la   versatilità   degli   operatori   della   sub-­‐fornitura   mediante   elementi   di   inglese   tecnico   (interpretazione   manuali   tecnici,   ecc.)   e   apprendimento   di   elementi   base   dell’informatica   fino  all’uso  del  web).   • Allestimento  interni  (Operatori  orientati  alla  progettazione  e  realizzazione  di  allestimenti  e   complementi  interni  per  le  imbarcazione).     COMPARTO  DIPORTISMO,  ATTIVITA’  SUBACQUEE,  SPORT,  AMBIENTE   • Guide  ambientali  subacquee  (Formazione  di  soggetti  titolati  nel  campo  dell’escursionismo   subacqueo).   • Operatori   specializzati   in   accoglienza   portuale   e   stewardship   di   bordo,   port   concierge;     Operatori   specializzati   nella   gestione   dei   servizi   portuali   (Costituire   e/o   specializzare   imprese   operanti   nella   fornitura   di   servizi   ai   diportisti   in   transito.   Conoscenze   tecniche,   culturali,  lingue  straniere  e  informatica  sono  alla  base  di  questo  profilo  professionale).   • Operatore  subacqueo  di  basso  fondo  (Costituzione  di  figure  professionali  specializzate  nei   servizi  portuali  subacquei,   da  formare  sugli  elementi  di  base  di   oceanografia,  meteorologia,   biologia,  attività  di  immersione,  lavoro  subacqueo,  elementi  di  navigazione).     Settore  sociale  e  socio-­‐sanitario   Le   indicazioni   desunte   dalle   analisi,   dalle   ricerche   e   dalle   consultazioni   delle   parti   sociali,   hanno   evidenziato   le   seguenti   figure   professionali   e   profili   formativi   come   rilevanti,   pertinenti   e   relativamente  prioritari  per  lo  sviluppo  del  settore:   • Assistente  familiare  (badante);  il  profilo:  ADDETTO  ASSISTENTE  FAMILIARE  in  Toscana  non   è  più  attivabile  ed  ora  è  prevista  unicamente  la  FORMAZIONE  OBBLIGATORIA  PER  OPERARE   NELL'AMBITO   DELL'ASSISTENZA   FAMILIARE   aperta   a   chiunque   intenda   operare   a   patto   di   aver  superato  l’obbligo  scolastico.;  (Certificazione  competenze  -­‐  300  ore).   Pag.  14  di  30  


• Addetto  all’assistenza  di  base;  l’AdB  si   occupa  di  assistenza  diretta,  specie  in  situazioni  di   bisogno   particolari,   e   di   cura   dell'ambiente   di   vita,   sia   a   domicilio   dell'utente   che   nelle   strutture   di   cura   residenziali.   Opera   in   collegamento   con   i   servizi   e   con   le   risorse   sociali;   Qualifica   professionale   (600   ore).   Requisiti   di   ingresso:   Istruzione   primo   ciclo,   diploma   di   scuola   secondaria   di   primo   ciclo   oppure   assolvimento   di   obbligo   scolastico   con   licenza   elementare  +  esperienza  lavorativa  triennale;  compimento  del  18°  anno  di  età  alla  data  di   avvio  del  percorso  formativo.   • Operatore   prima   infanzia   (o   assistente   all’infanzia);   il   profilo   di   OPERATORE   FAMILIARE   PER   L'INFANZIA   in   Toscana   non   è   più   attivabile   (dal   2007).   Esistono   molti   corsi   privati   per   Operatore  socio  assistenziale  per  l’infanzia  ma  sono  privi  di  riconoscimento.  E’  previsto  il   profilo   di  TECNICO   ESPERTO   IN   EDUCAZIONE   PER  LA   PRIMA   INFANZIA;   Superamento   del  2°   anno  del  corso  di  laurea  in  Scienze  dell’Infanzia,  presso  le  Università,+  500  ore.   • Mediatore   culturale;   TECNICO   QUALIFICATO   IN   MEDIAZIONE   CULTURALE   E   LINGUISTICA   PER   IMMIGRATI;   Istruzione   secondo   ciclo:   titolo   attestante   il   compimento   del   percorso   relativo   al   secondo   ciclo   dell'istruzione   (sistema   dei   licei   o   sistema   dell'istruzione   e   formazione   professionale);   oppure   Formazione   professionale:   qualifica   professionale   di   II   livello   corrispondente   a   profilo  professionale   nel   settore/subsettore   di   riferimento;   oppure   Istruzione  primo  ciclo:  diploma  di  scuola  secondaria  di  primo  ciclo  +  esperienza  lavorativa   biennale   nel   settore   di   riferimento   per   le   persone   di   nazionalità   italiana   competenze   di   lingua   inglese   o   francese   al   livello   ALTE   B1,   per   le   persone   di   nazionalità   estera,   competenze  di  lingua  italiana  al  livello  ALTE  B1  +  600  ore.   • Animatore   sociale;   secondo   l’articolo   5   del   Regolamento   Regione   Toscana   ex   art.   62   L.R.   41/2005,   l’animatore   socio-­‐educativo   deve   possedere   uno   dei   seguenti   titoli:   di   studio   o   qualifiche   professionali;   diploma   di   tecnico   dei   servizi   sociali;   diploma   di   dirigente   di   comunità;   attestato   di   qualifica   rilasciato   dal   sistema   della   formazione   professionale   nel   relativo  profilo.  Quest’ultimo  è  previsto  come:  TECNICO  QUALIFICATO  PER  L'ANIMAZIONE   DI   COMUNITÀ;   Istruzione   secondo   ciclo:   titolo   attestante   il   compimento   del   percorso   relativo   al   secondo   ciclo   dell'istruzione   (sistema   dei   licei   o   sistema   dell'istruzione   e   formazione   professionale);   oppure   Formazione   professionale:   qualifica   professionale   di   II   livello   corrispondente   a   profilo  professionale   nel   settore/subsettore   di   riferimento;   oppure   Istruzione  primo  ciclo:  diploma  di  scuola  secondaria  di  primo  ciclo  +  esperienza  lavorativa   biennale  nel  settore  di  riferimento,  +  600  ore.   • Mediatore  familiare;  ESPERTO  MEDIATORE  FAMILIARE;  Istruzione  universitaria:  diploma  di   laurea   di   1°   livello   -­‐   corso   di   laurea   in   psicologia,   sociologia,   giurisprudenza,   neuropsichiatria  infantile,  psichiatria,  scienze  dell'educazione,  pedagogia;  oppure  Corso  di   laurea  per  Assistente  Sociale  +  600  ore.   • Facilitatore   sociale;   non   previsto   in   Toscana,   sono   però   previsti   i   seguenti   corsi:   TECNICO   ESPERTO   PER   LA   MEDIAZIONE   SOCIALE   E   PENALE   oppure   TECNICO   ESPERTO   IN   MEDIAZIONE   E   TRASFORMAZIONE   DEI   CONFLITTI   SOCIALI   E   INTERCULTURALI   oppure:   TECNICO   ESPERTO   IN   MEDIAZIONE   DEI   CONFLITTI   E   CONCILIAZIONE   SOCIALE   (si   tratta   di   moduli  professionalizzanti  riservati  alle  Università).   • Mediatore   penale   minorile;   non   previsto   in   Toscana,   è   però   previsto   il   seguente   corso:   TECNICO   ESPERTO   PER   LA   MEDIAZIONE   SOCIALE   E   PENALE   (MODULO   PROFESSIONALIZZANTE   RISERVATO   ALLE   UNIVERSITA’).   Questa   figura   professionale   non   ha   ancora   ricevuto   in   Italia   una   formalizzazione   e   un   riconoscimento   giuridico,   tuttavia   le   sperimentazioni   locali   sul   territorio   prevedono   come   requisito   base   il   possesso   di   una   diploma   di   laurea   in   Psicologia,   Servizio   Sociale,   Sociologia,   Giurisprudenza,   Scienza   della   Pag.  15  di  30  


Formazione   e   precedenti   esperienze   di   lavoro   nell’ambito   della   devianza   minorile.   In   alternativa  è  necessario  avere  la  qualifica  di  Educatore  Professionale  o  Assistente  Sociale.   In  alcuni  casi  è  richiesta  anche   l’iscrizione  all’ordini  professionale  degli  Psicologi  e/o  degli   Avvocati.     Per   conseguire   il   titolo   di   Mediatore   Penale   Minorile   è   necessario   frequentare   con   successo   un   corso   di   specializzazione   post-­‐laurea   (minimo   180   ore)   in   Mediazione   Penale  Minorile  presso  un’agenzia  formativa.   • Tecnico   di   clownerie   in   strutture   socio-­‐sanitarie;   TECNICO   QUALIFICATO   NELLE   ARTI   DI   CLOWNERIE   NELLE   STRUTTURE   SANITARIE   E   SOCIO-­‐SANITARIE   (CLOWN   IN   CORSIA;   ISTRUZIONE  SECONDO  CICLO  +    620  ore.   • Responsabile   Attività   Assistenziali;   TECNICO   ESPERTO   IN   GESTIONE   DI   STRUTTURE   SANITARIE   ASSISTENZIALI   E   ASSISTITE;   MODULO   PROFESSIONALIZZANTE   RISERVATO   ALLE   UNIVERSITA’     Settore  Ambiente,  Ecologia  ed  Energie  rinnovabili   Le   indicazioni   desunte   dalle   analisi,   dalle   ricerche   e   dalle   consultazioni   delle   parti   sociali,   hanno   evidenziato   le   seguenti   figure   professionali   e   profili   formativi   come   rilevanti,   pertinenti   e   relativamente  prioritarie  per  lo  sviluppo  del  settore:   a) Corso  di  aggiornamento  per  lavoratori  autonomi  sulla  certificazione  energetica  degli  edifici.   b) Corso   di   aggiornamento   per   lavoratori   ed   imprese   di   installazione   e   progettazione   di   impianti  ad  energie  rinnovabili  (  solare  termico  e  fotovoltaico).   c) Corso   di   formazione   post-­‐laurea   di   Esperto   in   risparmio   energetico   e   fonti   di   energia   rinnovabili.   Si   rimanda   al   report   del   settore   ed   al   verbale   del   tavolo   ambiente   dell’11/06/2009   per   l’approfondimento   in   merito   alle   esigenze   di   sensibilizzazione   vasta   ed   informazione   sui   temi   ambientali,   in   merito   al   sostegno   alla   formazione   continua   che   le   principali   imprese   del   settore   hanno   in   programma   ed   in   merito   alla   possibile   costituzione   di   un   ‘centro   ricerche   o   centro   di   competenze’   in   accordo   con   i   Comuni   che   già   operano   su   questo   campo,   la   Provincia,   l’Enel,   le   Università  e  le  imprese  del  settore,  sottoscrivendo  protocolli  di  collaborazione  in  cui  accanto  alle   iniziative   di   sostegno   alla   produzione,   realizzazione   di   nuovi   impianti   e   promozione,   diventi   possibile  sviluppare  anche  la  ricerca  applicata.   Si   rimanda  inoltre   anche   all’iniziativa,  in   corso  di  costituzione  da   parte  della   Provincia  di   Grosseto,   della  Fondazione  Istruzione  Tecnica  Superiore  per  l’ambiente  e  le  energie  rinnovabili.     Settore  Commercio  e  grande  distribuzione   Emerge  una  generalizzata  carenza   di  commessi  e   addetti  alla  vendita  ed   in  particolare  si  segnala   la   carenza  di  addetti  alla  vendita  specializzati  in  grado  di  offrire  consulenza  tecnica  durante  l’acquisto   ed  un  servizio  di  assistenza  post-­‐vendita.     La   chiusura   di   molti   piccoli   esercizi   alimentari   ed   il   parziale   abbandono   di   alcuni   mestieri   tradizionali  (panettiere,  macellaio,  salumiere,  ecc)  ha  poi  determinato  la  carenza  di  tali  figure  nei   grandi  esercizi  de-­‐specializzati.     Tra   le   figure   più   richieste   si   segnalano,   infatti,   l’addetto   al   banco   macelleria,   l’addetto   al   banco   gastronomia  e  l’addetto  al  banco  pesce.   Pag.  16  di  30  


Altre   carenze   riguardano   le   competenze   nelle   aree   del   marketing,   della   comunicazione,   delle   tecniche   di   vendita   ed   esposizione,   della   gestione   commerciale   e   finanziaria,   delle   nuove   tecnologie  informatiche  (Internet).   Sempre  maggiore  importanza  assume  quindi  la  formazione  che  si  occupa  di  temi  quali:     • accoglienza   • tecniche  di  vendita  e  psicologia  del  cliente   • visual  merchandising   • inglese  commerciale   • contabilità  di  magazzino  e  gestione  delle  scorte   • Internet  e  posta  elettronica  a  supporto  della  vendita   Per   quanto   riguarda   infine   le   figure   professionali   da   formare   o   da   aggiornare   per   sostenere   lo   sviluppo  di  questo  settore,  è  utile  tenere  distinti  4  ambiti:   a) La  grande  distribuzione   b) I  piccoli  negozi   c) Le  officine  di  riparazione  autoveicoli   d) I  rappresentanti  di  commercio  e  gli  intermediari     a)

La  grande  distribuzione  

Le  figure  professionali  di  questo  comparto  sono  sufficientemente  conosciute  e  ben  descritte.     L’offerta   formativa   esistente   proviene   essenzialmente   dalle   grandi   aziende   della   GDO   o   loro   consorzi  e  comunque  da  soggetti  che  si  muovono   su  scala  nazionale  attingendo  a  risorse  proprie  o   finanziamenti   nazionali.   Vi   sono   margini   di   intervento   da   parte   della   Provincia   di   Grosseto   in   questo  ambito?  E  se  esistono,  è  ritenuto  opportuno  e/o  prioritario  impegnarsi  su  questo  fronte?     b)

I  piccoli  negozi  

Nonostante   la   crisi,   la   caduta   dei   consumi   e   la   riduzione   degli   addetti,   questo   settore   mantiene   una  rilevanza  notevole  per  il  benessere  economico  e  sociale  del  territorio  provinciale.  Tuttavia  la   formazione   professionale   che   viene   erogata   a   questo   ambito   è   assai   circoscritta   alla   formazione   obbligatoria   (REC,   HAACCP,   Sicurezza   sul   lavoro)   e   poco   rivolta   ai   temi   evolutivi   dell’attività   commerciale  sopra  segnalati,  come:   • accoglienza     • tecniche  di  vendita  e  psicologia  del  cliente   • visual  merchandising   • inglese  commerciale   • contabilità  di  magazzino  e  gestione  delle  scorte   • Internet  e  posta  elettronica  a  supporto  della  vendita   Inoltre  occorre  prestare  più  attenzione  alla  formazione  dei   nuovi  aspiranti  titolari  di  piccoli  esercizi   commerciali  ed  all’aggiornamento  professionale  degli  attuali  titolari  di  negozi.     Pag.  17  di  30  


c)

Le  officine  di  riparazione  autoveicoli  

Le  attività  di  vendita,   riparazione  e  manutenzione  di  autoveicoli,  motoveicoli  (e  mezzi  agricoli  oltre   che   di   biciclette)   rappresentano   un   pezzo   importante   del   commercio   in   provincia   e   segnalano   difficoltà   a   reperire   il   personale   tecnico   qualificato   (meccanici,   aggiustatori,   carrozzieri,   elettrauto,   ecc.).     d)

I  rappresentanti  di  commercio  e  gli  intermediari  

Oltre  alla  formazione  obbligatoria  per  l’iscrizione  al  RAR,  non  si  segnalano  iniziative  formative  per   il   segmento   professionale   probabilmente   più   in   crisi   di   tutto   il   settore.   In   realtà   il   sistema   distributivo  ed   i   rapporti  tra  produttori  e  venditori  si  è  profondamente  modificato   con  l’avvento   della   globalizzazione,   della   grande  distribuzione   e   del   low   cost,  rendendo   in   alcuni   casi   obsoleta   la   figura   dell’agente   di   commercio   o   comunque   necessario   un   riposizionamento   professionale,   rispetto   al   quale   la   formazione   oltre   che   il   supporto   delle   associazioni   di   categoria,   potrebbe   fornire  un  contributo  importante.     Settore  Estetica  e  benessere  (servizi  alla  persona)   Ogni   anno   (dal   2004   al   2009)   dai   corsi   di   formazione   (sia   finanziati   ed   ancor   più   da   quelli   a   pagamento  riconosciuti  dalla  Provincia)  si  qualificano  da  un  minimo  di  80  ad  un  massimo  di  100  tra   estetiste  ed  acconciatori.   Le   aziende   in   grado   di   assorbire   queste   figure   professionali   sono   538   (secondo   i   dati   2009   della   Camera  di  Commercio).   Gli   avviamenti   per   queste   figure   (registrati   al   CPI)   nel   2008   sono   stati   282;   si   tenga   però   conto   che   la  stessa  persona  potrebbe  essere  avviata  (a  tempo  determinato)  più  volte  nel  corso  dell’anno.  Il   numero  di  apprendiste  è  relativamente  basso  (14/15  l’anno).   La  domanda  di  formazione  in  questo  campo  è  piuttosto  elevata  e  non  si  manifestano  problemi  di   reperimento  di  utenza  ai  corsi.   La  traduzione  di  tali  elementi  quantitativi  in  indicazioni   per  la  programmazione  formativa  futura,  si   deve  avvalere  del  contributo  degli  operatori  sul  campo.     A  questo  scopo  sono  state  realizzate  tre  interviste  il  cui  testo  è  riportato  di  seguito.     Il  punto  di  vista  di  Confartigianato  Grosseto   Il   settore   estetica   e   benessere   di   Confartigianato   associa   circa   140   imprese,   di   cui   110   ACCONCIATORI  e  32  di  ESTETICA.   Mentre  gli  acconciatori  si  occupano  dei  capelli  (e  barba  per  gli  uomini)  le  estetiste  si  occupano  di     massaggio   estetico,   solarium,   pedicure   e   manicure   ed   anche   di   tatuaggi   e   piercing   (sebbene   per   ognuna   di   queste   attività   occorrano   autorizzazioni   e   siano   prescritti   specifici   percorsi   di   aggiornamento  professionale  ricorrente).   Confartigianato,   come   peraltro   anche   la   CNA   e   le   associazioni   del   Commercio,   organizza   e   rappresenta  anche  questo  specifico  segmento  di  imprese,  costituito  perlopiù  da  donne,  sia  come   imprenditrici  che  come  collaboratrici  e  dipendenti.   Anche   a   queste   imprese   CONFARTIGIANATO   propone   servizi   formativi   soprattutto   per   l’aggiornamento   professionale   di   chi   già   opera.   A   questo   scopo   si   avvale   della   propria   agenzia   Pag.  18  di  30  


formativa  (Formimpresa  CONFARTIGIANATO  Grosseto)  oltre  a   collaborare   con   il  Cedit  Toscana  che   è  l’agenzia  regionale  di  formazione  di  CONFARTIGIANATO.   Eroghiamo   corsi   per   le   imprese,   di   aggiornamento   e   riqualificazione   degli   imprenditori   ed   imprenditrici.   Riceviamo   molte   richieste   per   il   cd.   ‘terzo   anno’,   poiché   l’accesso   al   mestiere   di   estetista   può   avvenire  acquisendo  la  qualifica  mediante  apprendistato  o  mediante  i  corsi  di  qualifica  biennali.     Se   però  la   persona   vuole   avviare   una   impresa   deve   dimostrare   un   anno   di   lavoro   e   partecipare   ad   un  corso  di  ulteriori  300  ore  oppure  partecipare  ad  un  corso  di  900  ore  se  non  ha  l’esperienza  di   lavoro  (appunto  il  cd.  Terzo  anno).   Un   decennio   fa   a   Grosseto,   mancando   una   scuola   di   estetica,   le   ragazze   erano   costrette   ad   andare   fuori  per  ottenere  la  qualifica.   Successivamente   (2005-­‐2006)   alcune   agenzie   formative   di   nuova   costituzione   hanno   organizzato   corsi  di  qualifica  per  estetiste,  pur  non  possedendo  uno  specifico  background  in  questo  settore.   La   Provincia   nella   prima   fase   della   vecchia   programmazione   FSE   ha   finanziato   alcuni   corsi   di   qualifica   di   estetista   per   disoccupati   ma   poi   ha   smesso   (nel   2006   con   CNA   abbiamo   presentato   un   corso   di  qualifica   per   estetista   ma   la   Provincia   non   lo   ha  finanziato)   ed   allora   queste   agenzie   e   noi   stessi  abbiamo  utilizzato  il  voucher  il  quale  finanzia  almeno  in  parte  il  corso  a  pagamento.   Negli  ultimi  bandi  però  (quelli  del  FSE  2007-­‐2013)  il  nostro  settore  è  stato  un  po  penalizzato.   In  questo  momento  operiamo  con  il  Fondo  interprofessionale  FART  che  però  finanzia  soltanto  la   formazione  per  i  dipendenti  e  quindi  riguarda  pochissime  aziende  del  settore  (anche  se  funziona   molto  bene).   Il   FSE   è   invece   molto   rigido,   concentrando   i   controlli   su   dettagli   poco   importanti   e   non   sulla   sostanza   dell’apprendimento   e   questo   danneggia   parecchio   la   piccola   impresa   dove   non   si   può   fare  tutto  in  aula  come  se  si  fosse  a  scuola.   Il   grosso   problema   dei   corsi   di   qualifica   sono  i   tempi   e   l’organizzazione:   come   si  fa   ad   avere   già  10   ragazzi   disponibili   prima   di   presentare   il   progetto?   E   poi,   se   questo   viene   finanziato,   quando   parte   il   corso,   ci   saranno   ancora  i   ragazzi?  E   come   si  fa  a   farli   stare   in   aula   a  luglio   e   agosto   quando   tutti   hanno  un  qualche  lavoro?   La   Regione   Toscana   ha   recentemente   messo   a   bando   azioni   di   formazione   per   imprenditori   di   piccole   aziende   che   avevano   già   messo   in   formazione   i   dipendenti   tramite   il   Fondartigiano.   Il   nostro  progetto  ‘sviluppo  competenze  manageriali’   ha  coinvolto  una  decina  di  imprenditori  ed  è   stato   un   successo   proprio   perché   è   stato   possibile   utilizzare   nuove   modalità   formative,   come   la   formazione  outdoor,  fuori  dalla  aula,  individualizzata,  coaching,  viaggi  studio,  ecc.   Questa   è   la   strada   da   seguire:   integrare   la   formazione   ai   dipendenti   (fatta   mediante   il   fondo   interprofessionale)   con   la   formazione   agli   imprenditori   (che   dovrebbe   essere   in   parte   finanziata   dalla  provincia  o  dalla  regione,  sull’asse  adattabilità).   In   ogni   caso   riteniamo   che   a   questo   punto   sia   necessario   rallentare   il   finanziamento   ai   corsi   di   qualifica   di   estetiste   per   disoccupati   (per   non   illudere   i   giovani   rispetto   al   futuro   lavorativo)   ed   incrementare  la   formazione   per   chi  già  opera  nel   settore,  cioè  le   imprese  esistenti.  Si  tratta  cioè  di   una   strategia   congiunta   volta   a   rafforzare   le   imprese   esistenti,   contribuendo   peraltro   anche   a   combattere  la  piaga  del  lavoro  nero.   Nell’estetica   e   benessere   il   lavoro   sommerso   è   elevato   poiché   alcuni   lavorano   nel   proprio   appartamento.   Soltanto   là   dove   vi   è  l’utilizzo   di   tecnologie   impegnative   (come   il   solarium)   diventa   difficile  lavorare  nel  sommerso.  La  nostra  organizzazione  persegue  ed  appoggia  tutti  gli  sforzi  per   Pag.  19  di  30  


regolamentare   l’accesso  alle   professioni  ed  ai  mestieri.  La  legge  46/90  e  s.m.  ha  dato  infatti  un  bel   colpo  al  sommerso  nell’impiantistica  civile.  La  stessa  cosa  va  fatta  per  le  lavanderie  e  tintorie  e  per   l’estetica  e  benessere.     La  formazione  e  riqualificazione  degli  addetti  ed  imprenditori  è  parte  di  questa  strategia.   Ad   esempio   abbiamo   recentemente   realizzato   due   positive   esperienze   di   aggiornamento   degli   imprenditori   sul   marketing   e   sulle   competenze   tecniche   e,   con   dieci   aziende,   su   tecniche   del   massaggio  e  linfodrenaggio.   L’anno  scorso  abbiamo  ripresentato  alla  Provincia  progetti  similari  ma  non  sono  più  stati  finanziati.   Ricordiamo   inoltre   che   oltre   all’aggiornamento   tecnico,   le   imprenditrici   chiedono   corsi   di   lingua   (inglese  e  francese)  e  competenze  nel  customer  care.   Per  quanto   riguarda  invece  la  formazione  tecnica,  teniamo  conto  che  le  estetiste  possono  vendere   prodotti  fitoterapici  a  base  di  erbe  e  devono  essere  ben  istruite  sul  loro  uso.   Voucher   e   L.   236   non   prevedono   tra   gli   utenti   gli   imprenditori   ma   solo   i   dipendenti,   mentre   un   fabbisogno   formativo   ci   sarebbe.   Tra   l’altro   le   nuove   normative   del   settore   impongono   la     formazione  obbligatoria  per  i  vari  operatori  estetici  (aggiornamento  periodico).   Come   dicevamo,   a   Grosseto   una   vera   e   propria   scuola   di   estetica   non   esiste.   Le   due   agenzie   prima   citate  sono  accreditate  ma  non  hanno  tutte  le  attrezzature  che  sarebbero  necessarie  per  gestire   un  laboratorio  di  estetica.   Anche  la  nostra  Agenzia  è  accreditata  dalla  Regione  ma  non  abbiamo  le  attrezzature  necessarie.   Se   però   vi   fosse   un   input   da   parte   del   decisore   pubblico   potremmo   collegarci   ad   un   centro   di   estetica   specializzato   e   dare   vita   ad   una   vera   scuola   di   estetica.   Oggi   i   nostri   corsi   di   aggiornamento  li  facciamo  nelle  cabine  dei  centri  estetici  e  non  nella  sala  formazione  dell’agenzia   (che  pure  sarebbe  lo  spazio  previsto  dall’accreditamento).   In   ogni   caso   se   riusciamo   a   trovare   un   partner   azienda   che   ci   supporti   sulle   attrezzature,   con   la   CNA  potremo  ripresentare  la  nostra  candidatura  ai  prossimi  bandi  provinciali.   Un’ultima  osservazione  sulla  formazione  per  apprendisti.   La  legge  prevede  che  siano  organizzate  120  ore  di  formazione  esterna  di  cui  40   professionalizzanti,   40   di   base   e   40   trasversali.   Con   le   recenti   innovazioni   sembra   che   le   40   ore   professionalizzanti   siano   delegate   all’imprenditore.   Finora,   in   mezzo   a   tante   difficoltà,   siamo   riusciti   ad   organizzare   anche   la   parte   professionalizzante,   mettendo   insieme   3   o   4   apprendiste   a   seconda   dei   bacini   di   territorio   provinciale   e   fornendo   una   formazione   coerente   con   il   loro   mestiere,   coinvolgendo   estetiste  professioniste  come  docenti.  Tuttavia  vediamo  che   il   numero  degli  apprendisti  in  estetica   che   ci   vengono   inviati   in   formazione   dal   Centro   per   l’Impiego   si   assottiglia   sempre   più   ed   ormai   ne   seguiamo   soltanto   una   ventina   l’anno   su   tutta   la   provincia,   mentre   il   numero   di   apprendisti   in   questo  settore  è  assai  più  elevato.     Il  punto  di  vista  di  CNA  Grosseto     Le   imprese   associate   a   CNA   del   settore   estetica   ed   acconciatura   sono   circa   220.   Nell’area   Benessere   nel   2008   è   stato   erogato   un   corso   di   ‘Addetto   ai   servizi   di   front-­‐line   per   il   wellness   e   termalismo’.   Il   corso   rispondeva   alle   esigenze   manifestate   dalla   azienda,   che   andrà   a   gestire   le   terme   presenti   nel   Comune   di   Orbetello,   per   la   formazione   di   personale   addetto   ai   sevizi   di   accoglienza   e   assistenza   del   cliente.   Durante   il   percorso   formativo   in   aula   sono   stati   approfonditi  i   Pag.  20  di  30  


temi   relativi   alla   struttura   di   un'azienda   termale,   ai   processi   di   accoglienza,   alla   comunicazione   efficace,   tutto   finalizzato   all'erogazione   di   un   servizio   qualitativamente   elevato   che   rispecchi   le   attese   di   una   clientela   particolarmente   esigente   come   quella   legata   al   turismo   termale   e   del   wellness.   A   completamento   del   percorso   è   stato   previsto   uno   stage,   di   durata   significativa,   per   fare   acquisire   agli   allievi,   sulla   scorta   di   un   adeguato   bagaglio   di   competenze   teoriche,   una   effettiva  capacità  operativa  nell'ambiente  di  lavoro  e  con  l'obiettivo  di  concretizzare  l'esperienza  di   training  in  un  reale  sbocco  occupazionale.     Per  quando  riguarda  il  settore  Estetica,  oltre  ai  continui  corsi  di  aggiornamento  che  nella  maggior   parte   dei   casi,   sono   organizzati   dalle   case   cosmetiche   fornitrici,   a   dicembre   2009   è   iniziato   un   Corso   di   Perfezionamento   in   Scienze   Estetiche.   Possono   accedere   al   corso   cittadini   comunitari   ovunque   residenti   e   cittadini   extracomunitari   legalmente   soggiornanti   in   Italia   in   possesso   del   diploma  di  scuola  media  superiore  e  del  diploma  di  qualifica  professionale  di  estetista.   Il   corso   rilascia   un   attestato   di   frequenza   ed   è   organizzato   in   collaborazione   con   l’Università   di   Firenze.   Nell’ambito   Servizi   alla   persona,   le   aziende   associate,   caratterizzate   da   imprese   artigianali   di   piccole   e   medie   dimensione   (composte   da   circa   5-­‐6   dipendenti),   spesso   a   conduzione   familiare,   lamentano  sempre  più  l’esigenza  di  formare  i  propri  dipendenti  su  tematiche  relative  a  :   Tecniche  di  comunicazione  e  relazione  con  la  clientela;   Valutazione   dei   rischi   nell’ambito   delle   mansioni   svolte   (corsi   già   organizzati   in   passato   in   convenzione  con  l’ASL  9);   Alfabetizzazione   Informatica   e   Linguistica   (in   un’ottica   di   sviluppo   futuro   diviene   necessario   che   anche  la  realtà  territoriale  della  Provincia  di  Grosseto  si  adotti  di  strumenti  informatici,  ad  es.  per     l’archiviazione   della   clientela   e   di   personale   in   possesso   almeno   di   una   lingua   straniera,   vista   la   vicinanza  a  zone  ad  alta  ricettività  turistica).   In  particolar  modo,  negli  ultimi  periodi  ,  nel  settore  estetica  si  è  vista  una  crescente  domanda  di   corsi  di  :  Onicotecnica  (tecnica  di  ricostruzione  delle  unghie)  e  Marketing  e  Comunicazione.   Nell’ambito   ‘Acconciatura’,   per   difficoltà   logistiche   (sarebbe   difficile   reperire   aule   e   adeguata   strumentazione)   CNA   si   avvale   del   contributo   della   scuola   privata   ‘Labriola’   di   Grosseto.   Dal   punto   di  vista  prettamente  normativo   la  legge  174/2005  parla  di  un   riordino   dell’intero  settore,  ma  ad   oggi  non  vi  sono  ancora  decreti  attuativi.   Nell’area   ‘Fitness’,   da   poco   è   entrato  in   vigore   un  regolamento   che   dà   la   possibilità   di  inserire   altri   servizi,   oltre   quelli   caratteristici   di   tale   settore,   se   tra   l’organico   vi   è   presente   una   persona   in   possesso   della   Laurea   in   Scienze   Motorie.   Questo  ha   visto   il   proliferare   all’interno   delle   palestre   di   solarium  e  veri  e  propri  Centri  Benessere.   CNA   eroga   anche   corsi   nell’ambito   dell’Apprendistato   professionalizzante   focalizzando   principalmente  la  propria  offerta  formativa  su  Competenze  organizzative/gestionali;  Competenze   comunicative/relazionali  e  Norme  in  materia  di  sicurezza.   Un   fenomeno  in  fase   di   estensione,   ma   ancora   poco   conosciuto   in   Grosseto   è   quello   dei   Tatuatori   e  operatori  di  Piercing.  Una  realtà  marginale  e  residua  a  livello  provinciale  (esistono  poche  realtà  e   principalmente   nella   zona   costiera)   mentre   a   livello   regionale,   attraverso   il   regolamento   sancito   dalla  Regione  si  contano  circa  600  Tatuatori  e  circa  100  Operatori  di  trucco  semipermanente.  

Pag.  21  di  30  


Settore  edilizia  e  costruzioni     Il  settore  vede  l’attiva  presenza  degli  Enti  bilaterali  come  la  Scuola  Edile  ed  il  CPT  i  quali  da  anni   rispondono   alle   esigenze   di   formazione   e   qualificazione   degli   addetti   del   settore,   pesando   in   minima  misura  sulla  programmazione  FSE  provinciale.   Nella   ricerca   condotta   dall’associazione   costruttori   della   provincia   di   Grosseto   (ANCE)   nel   2009   emergeva  il  seguente  elenco  di  figure  professionali  considerate  prioritarie:   1.

Addetto  alla  realizzazione  di  opere  murarie  

2.

Addetto  alle  operazioni  di  intonacature,  stuccatura,  gessatura  

3.

Addetto  alla  realizzazione  di  strutture  in  calcestruzzo  armato  

4.

Addetto  alle  operazioni  di  scavo,   carico,  scarico,   conglomerato  di  cemento  e  trasporto   materiali  

5.

Addetto  alle  operazioni  di  pittura,  stuccatura,  rifinitura  e  decorazione  edilizia  

6.

Addetto   alla   realizzazione   di   lavori   di   rivestimento/piastrella   tura   di   superfici   con   materiali  ceramici,  marmo,  pietra  naturale,  cotto  

7.

Addetto  alla  conduzione  di  gru  

8.

Addetto  alla  saldatura  

9.

Tecnico   della   realizzazione   di   elaborati   grafici   con   l’uso   di   strumenti   informatici   e     programma  CAD  

10. Tecnico   addetto   alla   preventivazione   e   contabilità   dei   lavori   negli   appalti   pubblici   e   privati.     L’analisi  dei  fabbisogni  condotta  da  Scuola  edile  nel  2010     Il   funzionamento   operativo   della   Scuola   Edile   Grossetana   è   strettamente   connesso   al   fatto   che   l’intero   sistema   della   formazione   professionale   è,   tutt’oggi,   un   ‘work   in   progress’   che   deve   costantemente   interrogarsi,   per   rispondere   alle   molteplici   domande   che   provengono   dai   nuovi   scenari   di   varia   natura:   legislativi,   economici,   sociali.   Nonostante   la   difficoltà   a   quantificare   ed   analizzare  in  modo  preciso  la  tipologia  di  domanda/offerta,  qualche  nuovo  scenario  è  comunque   identificabile  e  quindi  percorribile.     La  lettura  che  emerge  dai   dati   raccolti  fin   dalla  costituzione  dell’agenzia   formativa,  rappresenta  un   significativo   punto   di   partenza   per   attivare   processi   formativi   in   grado   di   accompagnare   tutti   gli   operatori  del  settore  edile  nei  diversi  processi  di  cambiamento:  le  esigenze  del  mercato  del  lavoro,   l’evoluzione  tecnico-­‐organizzativa  dei  sistemi  imprenditoriali,   le  aspettative  da  parte  degli  utenti  di   una  sicura  crescita  professionale.  In  questo  quadro,  quindi,  le  parti  sociali,  che  gestiscono  la  Scuola   Edile   Grossetana   ed   il   Comitato   Paritetico   Territoriale   della   provincia   di   Grosseto,   consapevoli   dell’importanza   che   riveste   la   formazione   professionale,   al   fine   di   avere   un   quadro   esatto   ed   aggiornato   delle   reali   necessità   formative   del   settore   delle   costruzioni,   hanno  ritenuto  opportuno,   tramite  l’invio  di  un  questionario,  informare  le  imprese  associate  sulle  attività  formative  a  catalogo   degli  Enti  suddetti  ed  ottenere,  così,  una  segnalazione  di   interesse  che  consentirà  di  predisporre   una   programmazione   formativa,   rispondente   alle   reali   esigenze   della   categoria.   La   possibilità   di   esaminare  i  dati   raccolti   consente,   inoltre,  di  entrare  nel  merito  degli  aspetti  di  criticità  del  settore   Pag.  22  di  30  


edile   che   opera   sul   territorio   grossetano,   e   cioè   sulla   scarsità   di   imprese   strutturate   e   sulla   difficoltà  di  reperire  manodopera  qualificata.   L’analisi  dei  fabbisogni   ha  avuto  inizio  con  l’invio   di  un  questionario  alle  630  aziende  attive,  iscritte   presso  la  Cassa  Edile  di  Grosseto  alla  fine  del   2009.  Il  questionario  spedito  a  fine  febbraio  2010  che   doveva  essere  restituito,  debitamente  compilato  e  sottoscritto,  entro  il  31/03/2010,  ha  visto  una   risposta  complessiva  di  86  aziende  (13.65%)  residenti  principalmente  nel  territorio  provinciale.   La   proposta   formativa   contemplava   complessivamente   50   corsi,  di   cui  18   (36%)   dovuti   per  legge   e   32   (64%)   non   obbligatori   e   riguardava   tre   macro   aree:   area   sicurezza,   area   gestionale,   area   tecnico-­‐professionale.   I   corsi   dell’area   sicurezza   (20)   rappresentavano   il   40%   del   totale,   quelli   dell’area  gestionale  (8)  il  16%  ed  infine  quelli  dell’area  tecnico-­‐professionale  (22)  il  44%.   Le   segnalazioni   di   interesse   per   i   corsi   proposti,   ricevute   da   parte   delle   86   imprese,   sono   state   complessivamente   477,   evidenziando   una   richiesta   di   formazione   molto   variegata   e   ripartita,   seppur  con  diverse  percentuali,  nelle  tre  macro  aree  individuate.     Corsi  di  formazione  e  n.  richieste  rilevate   Addetti  alla  conduzione  dei  carrelli  elevatori    

8    

Addetti  alla  conduzione  delle  gru  -­‐  base    

11    

Addetti  alla  conduzione  delle  gru  –  certificazione  delle  competenze    

8    

Addetti  alla  conduzione  delle  macchine  movimento  terra  -­‐  base    

6    

Addetti  alla  conduzione  delle  macchine  movimento  terra  –  certificazione  delle  competenze     6     Addetti  alla  movimentazione  dei  carichi    

5    

Addetto  al  pronto  soccorso    

19    

Addetto  al  pronto  soccorso  –  Aggiornamento  triennale    

22    

Addetto  alla  prevenzione  incendi,  lotta  antincendio  e  gestione  dell’emergenza    

30    

Addetto  alla  prevenzione  incendi,  lotta  antincendio  e  gestione  dell’emergenza    

3    

Addetto  alle  operazioni  di  montaggio,  uso  e  smontaggio  di  ponteggi  su  ruote  ‘trabattelli’    

13    

Addetto  alle  operazioni  di  rimozione,  bonifica  e  smaltimento  dell’amianto    

5    

Applicazione  del  modello  di  organizzazione  e  gestione  inerente  la  R.A.  delle  imprese  in   base  al  D.L.   231/01     8     Applicazione  del  sistema  di  gestione  ambientale  per  l'impresa  di  costruzioni    

7    

Applicazione  del  sistema  di  gestione  della  sicurezza  sul  lavoro    

11    

Certificato  energetico  del  fabbricato    

6    

Decorazione  muraria    

3    

Dirigente  alla  rimozione  amianto    

4    

Dirigenti  e  preposti  alla  sicurezza  dei  lavoratori    

0    

Disegno  Tecnico  I  livello    

4    

Disegno  Tecnico  II  livello  -­‐  AUTOCAD    

4    

Gestione  cantiere  stradale    

9  

Gestione  risorse  umane    

8   Pag.  23  di  30  


Informatica  I  livello    

5  

Informatica  II  livello    

6  

Lavoratori   e   Preposti   addetti   alle   operazioni   di   montaggio,   smontaggio   o   trasformazione   di   ponteggi     35   Libretto  del  fabbricato    

6    

Linee  Guida  per  PIMUS  (Titolari,  RSPP,  Tecnci,  Coordinatori)    

17    

Linee  Guida  per  POS  (Titolari  d’impresa,  RSPP,  Tecnici  d’impresa,  Coordinatori  della  sicurezza)    20     Linee  Guida  Valutazione  dei  rischi  (Titolari,  RSPP,  Tecnici,  Coordinatori)    

21    

Muratura    

3    

Normativa  tecnica  sulle  costruzioni    

5    

Opere  pubbliche:  appalti,  preventivazione  e  contabilità    

14    

Organizzazione  aziendale  -­‐  base    

8    

Piastrellista    

3    

Posatore  di  parquet    

2    

Preventivazione  e  contabilità  lavori    

15    

Programmazione  e  Controllo  di  Gestione  nelle  imprese  edili    

10    

Rappresentante  dei  Lavoratori  per  la  Sicurezza    

21    

Rendimento  energetico  in  edilizia    

5    

Responsabile  Servizio  di  Prevenzione  e  Protezione  Aggiornamento  ATECO  3    

4    

Responsabile  Servizio  di  Prevenzione  e  Protezione  Modulo  A    

6    

Responsabile  Servizio  di  Prevenzione  e  Protezione  Modulo  B  ATECO  3    

5    

Responsabile  Servizio  di  Prevenzione  e  Protezione  Modulo  C    

5    

Responsabile  Servizio  di  Prevenzione  e  Protezione  titolare  di  impresa    

13    

Rilievo  e  Tracciamento  con  strumenti    

8    

Rischio  rumore    

12    

Rischio  vibrazioni    

12    

Sistema  gestione  sicurezza  in  azienda    

8    

Tecnologie  per  l’isolamento  termo-­‐acustico  degli  edifici    

8    

TOTALI  RICHIESTE    

477    

  La   formazione   obbligatoria,   dovuta   per   legge,   ha   logicamente   ricevuto   il   maggior   numero   di   richieste,   soprattutto   sulle   tipologie   di   corsi   recentemente   riformati   dal   decreto   81   (RSPP,   RLS,   Pronto  soccorso,  Antincendio,  Addetto  montaggio  ponteggi,  POS,  PIMUS,  DVR).   Si   evince   tuttavia   una   richiesta   soddisfacente   in   termini   di   formazione   non   obbligatoria,   con   un   particolare   interesse   per   la   formazione   immediatamente   spendibile   nel   contesto   lavorativo   che,   in   pratica,  consente  a  breve  termine,  un  incremento  della  capacità  produttiva  dell’azienda.    

Pag.  24  di  30  


Da   segnalare   inoltre,  l’alto   numero   di   richieste   per   corsi   teorico-­‐giuridici   relativi   alla   gestione   delle   risorse  umane,  alla  preventivazione  e  contabilità   dei  lavori  pubblici,  alla  creazione   di  un  modello  di   organizzazione  e  gestione  ambientale  e  della  sicurezza  in  azienda,  oltre  alla   programmazione  ed  al   controllo   di   gestione.   Infine   circa   il   4%   delle   segnalazioni   sono   state   fatte   in   campo   informatico,   relativamente   all’alfabetizzazione   di   base   e   al   disegno   tecnico   di   base   e   avanzato   (Autocad   bidimensionale  e  tridimensionale.     Settore  manifatturiero  (agroalimentare  e  metalmeccanico)   Nel   periodo   giugno   –   novembre   2010,   su   indicazione   dell’Associazione   Industriali,   sono   state   intervistate  alcune  aziende  manifatturiere  di  particolare  rilevanza  per  il  territorio  grossetano.  Per   tutte   è   stata   posta   la   questione   relativa   al   fabbisogno   di   figure   professionali   ed   ai   fabbisogni   di   formazione   dei   propri   operatori   (e   la   questione   relativa   alle   modalità   con   le   quali   le   aziende   rispondono  a  tali  fabbisogni).   Si   tratta   di   9   imprese   di   medie   dimensioni,   rappresentative   dei   settori   meccanica,   siderurgia,   gomma,  plastica  ed  agro-­‐alimentare.  La  sintesi  delle  indicazioni  emerse  è  riassunta  nei  punti  che   seguono.   1.  Marketing,  commerciale,  export   L’industria  manifatturiera  è  fortemente  proiettata  sui  mercati  nazionali  ed  internazionali  e  ciò  tra   l’altro   significa   doversi   misurare   con   le   problematiche   di   tipo   legale,   commerciale   e   culturale   di   paesi   profondamente   diversi.   Le   figure   dedicate   al   commerciale   estero   rappresentano   la   risorsa   chiave   delle   imprese   manifatturiere.   Il   territorio   grossetano,   con   un   debole   retroterra   culturale-­‐ industriale,   non   è   in   grado   di   fornire   figure   di   questo   tipo   che   devono   pertanto   essere   reperite   presso  altri  territori.  A  questo  livello  ciò  che  le  aziende  chiedono  al  territorio  ed  alle   istituzioni   non   è  tanto  di  formare  le  figure  professionali  quanto  di  fornire  servizi  ed  assistenza  tecnica  per  l’export   e  la  commercializzazione.   2.  Ingegneri,  ricerca  e  sviluppo   L’industria   manifatturiera   ed   in   particolare   il   comparto   metal-­‐meccanico,   richiede   figure   di   elevata   qualificazione   tecnico-­‐ingegneristica   (processi   industriali,   automazione,   progettazione,   ricerca   e   sviluppo,  nuovi  materiali,  ecc.)  che   il  territorio  non  è  in  grado   di  formare.  Anche  in  questo  caso,   pur   trattandosi   di   piccoli   numeri,   queste   figure   sono   cercate   e   trovate   aldifuori   del   contesto   provinciale.  Questo  fenomeno   non  è  tuttavia  vissuto  in  modo   problematico,  perché  altre   regioni   d’Italia   possono   fornire   una   buona   offerta   di   queste   figure   e   la   qualità   di   vita   della   maremma   è   attrattiva  nei  loro  confronti.     3.  Lingue  straniere     Anche  l’industria  manifatturiera  pone  il  problema  della  conoscenza  delle  lingue  straniere  (inglese   ma  anche  tedesco),  analogamente  a  quanto  già  rilevato  per  il  settore  turistico  alberghiero.  Ciò  si   ripercuote   sia   nei   requisiti   di   accesso   all’impiego   dei   neo   assunti   (sebbene   più   per   le   figure   commerciali)   che   nella   formazione   continua   di   chi   è  già   occupato.   E’   importante   considerare   come   le  principali   industrie  grossetane  svolgano  ordinariamente  al  proprio   interno  corsi  di   lingua  inglese   e  di  conversazione  per  i  propri  operatori.   4.   Manutenzione   e   riparazione   di   macchinari   elettromeccanici,   impiantisti   elettricisti   ed   idraulici,   montatori  meccanici,  operatori  macchine  CN,  disegnatori  CAD-­‐CAM.   Le   sopra   citate   figure   tecniche   di   media  qualificazione   confermano  i   dati  di  Excelsior   e   dimostrano   che   nonostante   la   crisi   e   nonostante   i   processi   di  de-­‐industrializzazione,   queste   sono   e  rimangono   le  figure  professionali  più  ricercate  e  più  difficili  da  reperire.   Pag.  25  di  30  


In   questo   senso   deve   essere   considerata   virtuosa   l’esperienza   di   collaborazione   tra   scuola   (ad   esempio   ITIS   Arcidosso)   ed   imprese   (ad   esempio   Tosti   srl)   che   dimostrano   che   nonostante   la   fortissima   vocazione   turistica   e   rurale   della   maremma,   esistono   spazi   per   la   valorizzazione   di   competenze  tecnico-­‐industriali.   Tutti  i   comparti   industriali   dichiarano   che  rimangono  fondamentali   quelle  figure   tecniche   in   grado   di   mantenere   e   riparare   i   macchinari   elettro-­‐meccanici,   montare   macchine,   eseguire   lavorazioni   meccaniche,  realizzare  disegni  industriali,  ecc.  e  che  queste  non  sono  affatto  facili  da  reperire.   Come   è   già   stato   rilevato   per   il   comparto   dell’industria   nautica,   occorrono   figure   multi-­‐task,   in   grado   di   presidiare   sia   la   componente   meccanica   quanto   quella   elettrica   ed   idraulica,   intervenendo  in  fase  di  progettazione  e  più  ancora  di  produzione  e  riparazione.   L’elemento   interessante   è   che   queste   figure   sono   per   certi   aspetti   trasversali   a   tutta   l’industria   manifatturiera,   a   prescindere   dai   comparti   (alimentare,   meccanica,   nautica,   legno,   gomma,   plastica)  e  che  presentano  un  notevole  difficoltà  sia  nel  reperimento  sui  mercati  locali  e  sia  nella   fidelizzazione  (causa  l’alta  mobilità  e  lo  scarso  riconoscimento  sociale  di  queste  professioni).   Da   questo   punto   di   vista   rimane   prezioso   l’apporto   formativo   delle   scuole   tecniche   superiori   presenti  sul  territorio,  sebbene  esso  necessiti  di  essere  integrato  dall’apprendimento  on  the  job,   da  svolgersi  cioè  inevitabilmente  presso  l’impresa,  mediante  percorsi  tradizionali,  purtroppo  poco   ambiti  dai  giovani,  quali  l’apprendistato.   6.  Operatori  pulizie  industriali     Deve   far   riflettere   quanto   dichiarato   da   alcune   aziende   in   merito   alle   figure   addette   alle   pulizie   industriali,  poiché  solitamente  tali  mansioni  sono   considerate  di  basso  livello,  mentre  le  normative   sulla   sicurezza,   specie   alimentare,   ne   stanno   facendo   figure   di   notevole   criticità,   cui   sono  richieste   competenze   non   banali   in   materia   di   prodotti   e   processi.   Il   fatto   che   tali   mansioni   diventino   prerogativa   della   manodopera   straniera   è   significativo   della   loro   scarsa   attrattiva   verso   la   manodopera  locale.  Ciò  nonostante  si  tratta  di  mansioni  che  richiedono  formazione  professionale   alla  quale  risponde  la  grande  industria  fornitrice  di  prodotti  chimici  per  la  pulizia  e  sanificazione.   7.  Formazione  di  base  per  operare  nell’industria  alimentare   Come  rilevato  da  Copaim  con  il  pieno  assenso  delle  altre  industrie  alimentari  intervistate,  haccp,   sicurezza   sul   lavoro   e   tutela   dell’ambiente,   rappresentano   ormai   tre   ambiti   sui   quali   obbligatoriamente  le  imprese  devono  fare  formazione.     Sarebbe   tuttavia   utile   (sia   per   i   disoccupati   che   per   le   imprese)   se   gli   aspiranti   tecnici   ed   operai   dell’industria   potessero   presentarsi   in   azienda   già   con   una   conoscenza   di   base   rispetto   alle   questioni  fondamentali  che  riguardano  i  temi  della  sicurezza  alimentare,  la  sicurezza  sul  lavoro  e  la   gestione  dei  rifiuti.     Si  dovrebbe  trattare  di  una  sorta  di  patentino  per  l’ingresso  nel  mondo  dell’industria.     Settore  dell’artigianato  artistico  e  attività  dello  spettacolo     L’attività   di   indagine   e   confronto   con   gli   operatori   del   settore   è   tuttora   in   corso   e   sarà   conclusa   entro  il  mese  di  maggio  2011.  I  dati  saranno  pubblicati  sul  sito  web  della  Provincia  di  Grosseto.    

Pag.  26  di  30  


6.  Appendice.  Le  opzioni  metodologiche     Il  processo  socio-­‐tecnico-­‐istituzionale  di  programmazione  dell’offerta  formativa   La   consulenza   e   la   direzione   provinciale   hanno   ideato   e   condiviso   le   opzioni   fondamentali   del   progetto   ed   in   particolare   il   fatto   che   le   informazioni   sulla   domanda   di   professionalità   e   competenze  emergente  dai  trend  settoriali  e   dal   mondo   delle  imprese,  costituiscono  la  condizione   necessaria   ma   NON   sufficiente   per   fondare   una   decisione   di   programmazione   dell’offerta   formativa   provinciale   metodologicamente   corretta,   ma   anche   pertinente   e   strategicamente   motivata.   La   definizione   di   quali   bisogni   meritino   di   ricevere   un   risposta   formativa   o   che   semplicemente   possano   averla   (date   le   risorse   disponibili)   è   una   decisione   propria   del   processo   pubblico   di   programmazione,  per  istruire   la  quale  occorre  considerare  in   modo   integrato  una   serie   complessa   di  informazioni:   • la   ‘domanda’   di   professionalità   e   competenze   emergente   dai   trend   settoriali   dal   mondo   delle  imprese   • ‘la  ‘domanda’  individuale/personale  intercettata  dai  soggetti  intermedi  (scuole  ed  agenzie   formative;  centri  di  educazione  permanente;  strutture  di  orientamento  e  CPI;  etc.)  oppure   espressa  personalmente  dai  soggetti  (es.  vouchers)   • la  valutazione  ex-­‐post  delle  attività  formative  già  realizzate  ed  il  loro  esito/impatto   • la  valutazione  dell’offerta  formativa  attuale   • la  valutazione  delle  risorse  finanziarie  disponibili/mobilitabili   • l’analisi  degli  indirizzi  di  programmazione  eventualmente  cogenti  associati  alla  dotazione  d i   risorse  (es.  FSE)   • l’analisi  delle  scelte  e  delle  priorità  politico-­‐strategiche  della  Amministrazione  provinciale  in   quanto   soggetto   di   programmazione   (legate   realisticamente   al   proprio   programma   di   sviluppo  poliennale).   In   altre   parole,   la   domanda   esplicitamente   formulata   dalle   imprese   e   rilevabile   sul   campo,   costituisce   nello   stesso   tempo   qualcosa   di   più   e   qualcosa   di   meno   di   ciò   che   sarà   definito   come   ‘fabbisogno   formativo’   da   parte   della   Provincia   (dei   suoi   organi   di   governo)   in   esito   al   processo   decisionale.   Il   processo   decisionale   che   fonda   una   politica   pubblica   non   è   meccanicamente   deducibile   dalle   risultanze  di  una  ricerca,  poiché  richiede  in  ogni  caso  di  passare  attraverso  il  consenso  degli  attori   cioè   attraverso   un   ‘processo   socio-­‐istituzionale’   di   negoziazione,   in   cui   devono   trovare   spazio   i   valori  ed  il  progetto  di  società  politica  perseguito  da  chi  infine  decide.   La   dirigenza   provinciale   e   Studio   Méta   hanno   pertanto   condiviso   una   metodologia   che,   accanto   all’analisi  rigorosa   dei   dati   e   delle   ricerche,   richiede   anche   l’implementazione   di   un   processo   che   è   allo  stesso  tempo  culturale  e  politico  oltre  che  tecnico-­‐scientifico,  in  cui  importanti  energie  sono   spese  nel  coinvolgimento  degli  attori  locali  e  nella  costruzione  di  un  consenso  informato  attorno   alle  linee  programmatiche  della  formazione  professionale  finanziata  dal  POR-­‐FSE  2007-­‐2013.   Il   tutto   con   una   forte   attenzione   verso   la   struttura   interna   al   fine   di   garantire   una   autonoma   presa   in   carico   dei   contenuti   e   della   metodologia   da   parte   dei   collaboratori   e   funzionari   del   settore   Formazione  Professionale.     Pag.  27  di  30  


Il  perimetro  istituzionale  in  cui  si  inserisce  questo  lavoro     Non   bisogna   mai   dimenticare   che   il   riferimento   e   quindi   il   senso   ultimo   di   questo   lavoro,   è   il   supporto  alla  programmazione  della  formazione  professionale  provinciale.     Non   è   dunque   secondario   ricordare   che   la   sfera   d’azione   della   programmazione   della   F.P.   provinciale   riguarda  il   conseguimento   di   qualifiche   di   medio   livello   ed   è   rivolta   in  prevalenza   verso   utenti   disoccupati   ed   in   misura   minore   verso   utenti   occupati   per   il   loro   aggiornamento   professionale.   Quindi  la  programmazione  della  F.P.  provinciale  non  ha,  od  ha  scarse  possibilità  di  intervento  su:   • L’istruzione  superiore  che  pure  forma  figure  professionali  rilevanti  per  l’economia  locale   • Le   università   che   pure   gestiscono   corsi   di   laurea   rilevanti   per   le   specializzazioni   professionali  di  alta  qualificazione   • La  formazione  continua  degli  occupati  nelle  imprese  aderenti  ai  Fondi  Interprofessionali   • La  collocazione   lavorativa   di  figure  di  scarsa  o  nulla  qualificazione  (per   le  quali  non  viene   richiesta  formazione)     I  vincoli  oggettivi  che  sovrastano  la  programmazione  della  FP   La   contestualizzazione   dell’analisi   dei   fabbisogni   formativi   all’interno   del   perimetro   di   una   provincia,   costringe   a   doversi   misurare   con   vincoli   oggettivi   che   limitano   sia   le   possibilità   conoscitive  e  sia  le  possibilità  di  azione  della  stessa  programmazione  delle  politiche  pubbliche.   Infatti:   • Le   imprese   non   hanno   la   sfera   di   cristallo   e   quando   anche   l’avessero   non   sarebbero   in   grado  di  tradurre  i  loro  fabbisogni  formativi  e  professionali  in  termini  di  quantità  finanziarie   pubbliche  ed  in  termini  di  contenuti  formativi   • Il   mercato   del   lavoro   di   una   provincia   non   ha   recinti   e   nulla   impedisce   ai   cittadini   di   spostarsi  altrove  (in  entrata  ed  in  uscita)  per  inseguire  le  proprie  strategie  di  vita   • Le  fonti  di  dati  sono  parziali  ed  imperfette  e  per  alcuni  settori  sono  addirittura  inesistenti   • Lo   sviluppo   economico   di   un   territorio   non   dipende   soltanto   dagli   investimenti   formativi   pubblici   Vi  sono  inoltre  obiettive  complessità  nel  governo  dell’intero  processo  che  va  dalla  rilevazione  del   fabbisogno   formativo   fino   all’inserimento   lavorativo   dei   partecipanti   ai   corsi   di   formazione,   passando   per   la   pubblicazione   di   un   bando   pubblico   e   la   successiva   valutazione   dei   progetti   ammessi  a  finanziamento.     Come  è  facile  intuire  si  tratta  di  una  catena  in   cui   la  presenza  di   un  solo  anello  debole  è   in  grado  di   inficiare  il  risultato  atteso  finale.   Ponendosi   nella   prospettiva   del   decisore   pubblico   che   ha   interesse   a   programmare   una   formazione  professionale  in  grado  di  sviluppare  competenze  realmente  spendibili  e  coerenti  con  le   esigenze   di   sviluppo   delle   imprese,   è   dunque   necessario   considerare   che   quando   anche   vi   fosse   piena   e   totale   trasparenza   in   merito   ai   fabbisogni  delle   imprese,   ciò   non   rappresenterebbe   ancora   una   garanzia   di   coerenza   per   gli   esiti   della   formazione   professionale,   poiché   esso   rappresenta   soltanto  uno   degli  anelli   di  una  catena  che  potrebbe  spezzarsi  in  ragione   della  debolezza  degli  altri   anelli.   Per   questo   motivo,   in   una   logica   di   ‘quality   assurance’   del   processo,   l’attenzione   deve   essere  posta   simultaneamente  su  tutti  gli  anelli  che  nel  loro  insieme  rappresentano  la  ‘catena  del   Pag.  28  di  30  


valore’:   fabbisogni   delle   imprese,   figure   professionali   e   competenze,   progettazione   della   formazione,   erogazione   della   formazione,   apprendimenti   (e   loro   certificazione),   placement,   sbocchi  sul  mercato  del  lavoro  e  programmazione  della  formazione  professionale.   In  merito  a   quest’ultimo  aspetto,  che  è  poi  quello   più  politicamente  sensibile,   non  va  nascosto  che   in  ogni  caso  lavori  come  quelli  qui  presentati,  rappresentano  una  estensione  del  verbo  ‘informare   il  decisore’;  tenendo   conto  che  alla   fine   il   decisore  ha  la  facoltà  di  decidere  anche  a  prescindere   dalle  informazioni  ricevute.     Rimane  tuttavia  la  necessità  di  esplicitare  i  criteri  con  i  quali  le  decisioni  sono  state  prese.     I  criteri  della  programmazione  formativa   Se   la   programmazione   delle   politiche   pubbliche   non   è   operazione   arbitraria,   ha   dunque   la   necessità  di  criteri  cui  ispirarsi.     Il   criterio   fondamentale   che   il   presente   progetto   ha   in   qualche   modo   sponsorizzato   è   quello   di   avvicinare   quanto   più   possibile   la   programmazione   formativa   alle   esigenze   del   territorio   e   delle   imprese  in  esso  operanti,  esigenze  espresse  ed  inespresse,  esplicite  o  latenti  che  siano.   Tuttavia   i   criteri   che   tipicamente   –   anche   se   non   sempre   consapevolmente   –   ispirano   la   programmazione  dell’offerta  formativa  pubblica  nel  nostro  paese  sono:   1. Il   criterio   di   lasciar   decidere   alle   agenzie   (anche   ai   fini   del   consolidamento   del   sistema   formativo  territoriale)   2. Il  criterio  di  assecondare  le  richieste  degli  utenti  (es.  voucher  o  dote)   3. Il  criterio  dell’investimento  per  la  sopravvivenza  di  comparti  produttivi  in  crisi   4. Il  criterio  della  programmazione  negoziata  e/o  della  concertazione  con  le  parti  sociali   5. Il   criterio   che   finanzia   solo   i   corsi   che   hanno   avuto   esito   occupazionale   positivo   o   quelli   con   garanzia  di  assunzione  ex  ante  presso  le  imprese   6. Il  criterio  del  posizionamento  sull’offerta  formativa  fuori  mercato  (anticipazione)   Il   risultato   del   presente   lavoro   è   stato   di   rendere   consapevoli   i   decisori   pubblici   sul   fatto   che   qualsiasi  criterio  essi  intendano  adottare,  è  comunque   necessario  che  il   processo  decisionale  sia   quanto   più   possibile  ‘informato’   ed   è   necessario  governare   tutti   gli   anelli   della  ‘catena   del   valore’,   includendo   gli   attori   sociali,   più   o   meno   organizzati,   che   in   questa   materia   operano   e   sono   portatori  di  conoscenza  oltre  che  di  interessi.    

Pag.  29  di  30  


Il  processo  di  analisi  dei  fabbisogni  formativi:  lo  schema  delle  fasi    

  a)  Mappatura  del  settore:   •   Raccolta  e d  e laborazione  fonti  informative   •   Individuazione  di  ricerche  esistenti  e  fonti  informative  locali  specifiche  per  settore   •   Analisi  offerta  formativa  (pregressa  ed  attuale)   •   Analisi  dati  ISTAT,  CPI,  Excelsior  e  Camera  di  Commercio  

  b)  Animazione  e  coordinamento  tavoli  di  settore:   •   Individuazione  dei  referenti   •   Coinvolgimento  degli  assessorati  provinciali  competenti  del  settore   •   Convocazione  t avoli  (gestione  delle  presenze  e  delle  mancate  presenze)   •   Definizione  condivisa  delle  tappe  del  percorso  possibile   •   Verbalizzazione,  validazione  e  pubblicazione  

  c)  Analisi  di  campo  sul  settore:   •   Interviste  ad  esperti  di  imprese  del  settore   •   Approfondimenti  qualitativi  su  figure  critiche  del  settore   •   Interviste  ad  agenzie  formative  del  settore   •   Analisi  degli  esiti  dei  corsi  già  realizzati  

  d)  Elaborazione  report  finali  e  loro  pubblicizzazione:   •   Alimentazione  base  dati  provinciale  e  sito  web  

  e)  Traduzione  delle  indicazioni  emerse  in  decisioni  e  programmi  di  policy:   •   Operando   all’interno   dei   vincoli   normativi   e   delle   risorse   finanziare   disponibili   e   confrontandosi   con   le   opzioni   politiche  degli  organi  di  governo  

Pag.  30  di  30  


I fabbisogni formativi in provincia di Grosseto