Page 12

12

Crema

Sabato 17 Novembre 2012

cronaca nera

Furto con destrezza a Ricengo Un pensionato di 77 anni, vedovo, di Ricengo, ha denunciato ai carabinieri di Camisano che mercoledì 14 novembre, uno sconosciuto, presentatosi nella sua abitazione simulandosi dipendente delle Poste, riusciva ad impossessarsi di 1.000 euro che si trovavano sul comò della stanza da letto. Il ladro si è dato, poi, alla fuga facendo perdere le proprie tracce.

Rapina a pensionata di Ombriano

A Ombriano, una pensionata di 70 anni, vedova, veniva avvicinata da un individuo a volto scoperto che le scippava l’orologio dal polso scaraventandola a terra e dandosi alla fuga. Immediatamente soccorsa e trasportata all’ospedale di Crema la vittima, fuori pericolo di vita, è stata trattenuta in osservazione per le ferite e le lesioni riportate alla testa a seguito della caduta.

Le hanno strappato un collier Alle ore 20.30 di mercoledì 14 novembre, i carabinieri di Pandino e Bagnolo Cremasco intervenivano a Spino d’Adda in via Monsignor Quaini dove, una donna di 65 anni, casalinga, mentre a piedi percorreva quella strada, veniva raggiunta da due sconosciuti, a volto scoperto, che le strappavano di dosso un collier e un bracciale in oro giallo, per poi darsi alla fuga.

Ruba un furgone. Denunciato I carabinieri di Camisano hanno deferito alla procura di Lodi un artigiano albanese di 35 anni, di Sergnano, perché ritenuto responsabile di furto. L’uomo, giovedì 8 novembre, a Zelo Buon Persico (Lo), rubava un furgone Nissan di proprietà di R.R., 34enne artigiano di Spino che ne aveva denunciato il furto. Il veicolo è stato trovato presso l’abitazione dell’albanese, recuperato e restituito.

La bacia e la palpeggia, poi scappa Martedì 13 novembre, all’interno di un centro di bellezza cremasco, un’estetista di 28 anni, cremasca, al momento sola, veniva raggiunta da un extracomunitario che, presentandosi come massaggiatore, le sollevava la maglia baciandola, palpeggiandola e proponendole un rapporto sessuale. L’energica reazione della vittima ha messo in fuga lo sconosciuto.

Smantella gli arredi della discoteca Giovedì scorso, agenti del commissariato di Crema hanno arrestato per furto aggravato O.C., di 62 anni, di Castelleone. L’uomo è stato sorpreso all’interno della discoteca. Dal successivo intervento della polizia scientifica si è scoperto che l’uomo aveva praticamente smantellato tutti gli arredi, persino i bagni, e li aveva riposti in maniera che presumibilmente durante la notte, potesse caricarli.

Libera artigiani di Crema. Convegno nella sala Da Cemmo al Sant'Agostino

Giannino lunedì a Crema L

di Gionata Agisti

unedì, alle 16.30, nella sala Pietro da Cemmo del Centro culturale Sant'Agostino, avrà inizio il convegno organizzato dalla Libera Artigiani in occasione del suo Sessantesimo e dedicato a un tema quanto mai d'attualità: la stretta del credito nei confronti delle piccole e medie imprese. Per comprendere quale potrà essere il futuro e quale ruolo potranno ricoprirvi i Confidi e le associazioni di categoria, sono stati invitati: Carlo Milani, economista del Centro Europa Ricerche, Paola Rossi, dirigente della sede milanese della Banca d'Italia, Pietro Galbiati, direttore generale della Federazione lombarda delle Bcc e Fabrizio Guido Guelpa, del Servizio Studi e Ricerche di Intesa SanPaolo. L'ospite di grido, però, sarà il giornalista ed economista Oscar Giannino, chiamato a moderare la tavola rotonda. La Libera Artigiani non si è fatta trovare impreparata dalla crisi che ormai da qualche anno sta mettendo a soqquadro il settore produttivo del Paese. Sei anni fa, sulla scia di Basilea 2 e delle nuove norme europee per le banche, è nato Artfidi, a garanzia del credito erogato agli artigiani lombardi, in grado di fornire un servizio di eccellenza in questa difficile fase di recessione. Ma non basta: come segnala il vice presidente del Confidi lombardo, Giacomo Gorlani, anche l'attività di Artfidi ha subito una certa restrizione nel corso dell'anno. «La maggior parte delle richieste riguarda l'esigenza di liquidità e il ripiano dei debiti, ma c'è anche una certa ripresa negli investimenti,

Da sinistra: Giacomo Gorlani, Cristian Tacca, Marco Bressanelli, Mario Tagliaferri e Giuseppe Zucchetti

Il futuro è solo produrre per l'estero Mercoledì 7 novembre 2012, nella sede del Consorzio Crema Ricerche e Reindustria a Crema, si è svolto un importante incontro tra le associazioni di categoria del territorio e un gruppo di aziende cremasche e cremonesi appartenenti al settore della meccanica: OMZ Officina meccanica Zanotti, GVN Acciaio Inox, C.I.M.I dei Fratelli Ghilardi, Comferr di Capellini Giuseppe & C, CAME di Laura Francioli & C, Luigi Carulli srl. All’incontro ha partecipato anche la Camera di Commercio di Cremona che ha prestato grande attenzione alle richieste delle aziende. L’evento rientra all’interno del progetto CR.NET presentato sul bando Ergon 2 il cui obiettivo è quello di creare una rete tra le associazioni territoriali (Libera Associazione Artigiani di Crema, Confapindustria Cremona, Associazione Autonoma Artigiani Cremaschi, CNA Cremona, Associazione Industriali di Cremona) a supporto delle imprese locali sia del

seppure concentrati più che altro nel settore del commercio». «L'economia è in ginocchio e così molte nostre aziende» sottolinea il presidente della Libera artigiani di Crema, Marco Bressanelli. «Non pretendiamo di offrire una ricetta, ma un'occasione per discutere del tema e far emergere le possibili soluzioni». Il merito dell'organizzazione del convegno va al vice presidente dell’associazione cremasca, Cristian Tacca, e al segretario dell’organizzazione, Giuseppe Zucchetti, che hanno trovato nell'Ordine dei Commercialisti

settore cosmetico che metalmeccanico. La situazione attuale presenta sia il problema che la soluzione: da una parte la consapevolezza che il mercato italiano sia completamente fermo e che puntare esclusivamente su di esso vuol dire per l’azienda recitare il "de profundis", dall’altra parte la consapevolezza che l’eccellenza italiana nel campo metalmeccanico sia un valore riconosciuto in ogni angolo del mondo. Oggi, l’unica possibilità per le aziende del comparto di uscire dalla crisi e di tornare a marciare come in passato è di unire le forze e puntare insieme su mercati stranieri. Perché se in Italia non ci sono prospettive, fuori dai confini nazionali le possibilità di lavoro sono molte e il know-how Made in Italy è una garanzia che fa gola a molti, ma se non si da vita a un progetto serio e realmente condiviso questo desiderio da parte di migliaia di committenti internazionali rimarrà tale.

unprezioso collaboratore, con cui in futuro la sinergia sarà sempre più stretta. Ha commenta il presidente dell'Ordine di Crema, Mario Tagliaferri. «La collaborazione è importante, perché siamo un osservatorio privilegiato, in quanto le operazioni economiche passano tutte da noi e poi perché è necessario unire le forze a livello locale, che sono già poche. Le banche hanno la loro parte di colpa per la situazione che si è determinata, ma gli imprenditori non sono esenti da responsabilità: la nostra intenzione, tramite la collaborazione con la Libera, è

Banca Popolare di Crema

Prima riunione del Comitato per lo Sviluppo

Il Comitato per lo Sviluppo Crema della Divisione Popolare di Lodi, convocato dal responsabile della Divisione, Fabrizio Marchetti, si è insediato. Il Comitato, dotato di compiti consultivi, svolge funzioni di raccordo tra le strutture commerciali dell’area e il Cremasco. In particolare il Comitato è chiamato a sviluppare relazioni con le associazioni di categoria e, in generale, con tutte le entità di natura associativa. L’obiettivo dell’organismo è quello di promuovere l’attività commerciale della Popolare di Crema assicurando il collegamento alla realtà socioeconomica e produttiva del territorio anche grazie al rapporto con l’Associazione Popolare Crema per il Territorio. La composizione del Comitato per lo Sviluppo è caratterizzata dalla presenza di esponenti di rilievo delle categorie economiche e delle associazioni di categoria più rappresentative del Cremasco. I componenti del Comitato sono: Luigi

Donarini, Michele Frignati, Mauro Sottili, Renato Ancorotti, Franco Tessadori, Antonello Gaffuri, Maria Angela Marchetti, Giulio Cerioli. Nella seduta odierna il Comitato, oltre a effettuare un’ampia ricognizione sui propri compiti e prerogative, ha provveduto a nominare il presidente nella persona di Luigi Donarini. Alla seduta di insediamento hanno partecipato, anche Gian Luigi Corsi, presidente del Comitato Territoriale Lodi, Stefano Bolis, responsabile della Direzione Territoriale Lodi, Paolo Landi, responsabile Sviluppo Divisione Bpl e Silvio Vailati, responsabile Area Affari Crema. «L’istituzione del Comitato per lo Sviluppo Crema completa in modo ideale il presidio territoriale dell’istituto cremasco» ha commentato Stefano Bolis, «grazie alla collaborazione di tanti professionisti e imprenditori, possiamo essere presenti al meglio e assecondare le forze e le opportunità del territorio».

anche quella di trasmettere loro la cultura finanziaria sufficiente ad apprendere il modo migliore per rapportarsi agli istituti di credito. A volte, gli imprenditori conoscono bene il mestiere, ma poco le caratteristiche della loro azienda: quelle che interessano alle banche, perlomeno». Ha concluso Zucchetti: «Imprese e banche devono cercare l'unità. Il nostro è un Paese che deve vivere di interrelazioni. Per anni, si è puntato sulla conflittualità, ma piccoli o grandi che siano le imprese devono essere unite nella lotta».

romanengo: torna «salotto musica» Sabato 17 novembre alle 21.30 al Galilei di Romanengo torna «Salotto Musica». Si esibiranno tre voci: Denis Guerini, Flavio Pirini ed Annamaria Quaglia. Denis Guerini, cremasco, tre dischi all’attivo in quarto in preparazione sale sul palco accompagnato da Francesco Guerini e Mattia Manzoni. Flavio Pirini, milanese, considerato assieme a Walter Leonardi il più credibile allievo di Giorgio Gaber propone uno spettacolo che si muove tra cabaret, narrazioni, recuperi da avanspettacolo e citazioni di grandi autori milanesi. Annamaria Quaglia, cremasca, si è fatta notare sull’interno del laboratorio del Tess di Fausto Lazzari.

Il Piccolo del Cremasco  

17 novembre 2012

Il Piccolo del Cremasco  

17 novembre 2012

Advertisement