Page 9

Cremona

Venerdì 20 Gennaio 2012

Sabato mattina il funerale di Giuseppe Telli

Si tiene sabato mattina alle 10, presso la chiesa di Sant’Ambrogio, il funerale di Giuseppe Telli (nella foto), storico tifoso cremonese, stroncato da un malore martedì scorso. L’uomo, 64 anni, era uno storico frequentatore della curva,

da ormai 40 anni. Al cordoglio dei famigliari si uniscono il presidente Arvedi, il consiglio d’amministrazione, la dirigenza, i tecnici, i calciatori della prima squadra e del settore giovanile e tutti i dipendenti. «Di Beppe ricordiamo il grande

FORZE DELL’ORDINE

Polizia Locale, in aumento l’attività di Polizia giudiziaria e le denunce

attaccamento e la passione verso i colori grigiorossi- si legge in un comunicato stampa - sempre presente in tutti i ritiri precampionato e in tutti gli stadi dove la Cremo ha giocato. Come dimenticare il suo striscione “Telli el ghè”».

Calcioscommesse, nell’inchiesta spunta un’altra partita di serie A

Sono 120 le persone iscritte al registro degli indagati. Carobbio conferma le combine

S

di Sara Pizzorni

ono 41 i nomi degli indagati della procura di Cremona nell’inchiesta sul calcio scommesse (nella seconda tranche). Si tratta dei giocatori di cui aveva parlato lo scorso 28 dicembre l’ex di Cremonese e Piacenza, Carlo Gervasoni e la cui iscrizione è stata ultimata in questi giorni. Complessivamente, nell’ambito dell’inchiesta cremonese, gli indagati sono 120. Giovedì, intanto, il procuratore della Repubblica Roberto di Martino ha interrogato Filippo Carobbio, centrocampista dello Spezia, ex di Siena, Grosseto e AlbinoLeffe. Sono cinque le partite che avrebbe manipolato o cercato di manipolare per gli “zingari”: quattro con la maglia del Grosseto fra marzo e maggio del 2010 (GrossetoMantova, Ancona-Grosseto, Grosseto-Reggina, GrossetoEmpoli) e una con quella del Siena (Siena-Piacenza del 19 febbraio 2011). Nel suo interrogatorio, il giocatore ha raccontato di altre partite “truccate”. Si tratta in particolare di alcuni incontri del periodo in cui giocava nell’AlbinoLeffe, ma ha anche parlato di un incontro di serie A, la cui combine è però rimasta a livello di tentativo. Gli inquirenti che lo hanno sentito si sono dichiarati “abbastanza soddisfatti” e lo hanno definito “collaborativo”. Carobbio ha detto più cose rispetto a quanto dichiarato in precedenza ed ha confermato il

Rade Trajkovski respinge le accuse

Ha respinto l’accusa di essere uno degli scommettitori, Rade Trajkovski, 28 anni, il macedone coinvolto nell’inchiesta sul calcioscommesse, arrestato ad Atene il 19 dicembre scorso e poi estradato in Italia. Per gli inquirenti, Trajkovski sarebbe uno dei membri, insieme ai ricercati Hristyan Ilievski e Almir Gegic, del gruppo che avrebbe cercato di combinare alcune partite secondo le direttive impartite dall'organizzazione di Singapore. Interrogato dal gip Guido Salvini nel Tribunale di Cremona, l’uomo ha respinto le accuse di fare parte della banda degli scommettitori degli zingari, puntando però di fatto il dito contro l’altro macedone coinvolto, Hristyian Ilievski, ritenuto personaggio di spicco della banda. Assistito dall'avvocato Mario Gesualdo Murgo, Trajkovski ha riconosciuto di essere amico di Ilievski, ma al contempo ha affermato di non essere a conoscenza delle sue attività di scommettitore. L’uomo ha anche ammesso di essersi trovato il 18 e 19 del 2011 presso l'Hotel Excelsior di Siena, dove era in ritiro la squadra del Piacenza, in occasione di un incontro che si sospetta essere stato manipolato ma, ha fatto mettere a verbale Trajkovski: «Io in albergo non ho parlato con giocatori. Per quanto concerne Hristyian (Ilievski, ndr) non lo so. Del resto non siamo stati insieme tutto il tempo. Questa è l'ultima volta che sono venuto con lui in Italia. Abbiamo litigato perché c’erano delle cose che non mi piacevano in lui». Nel suo racconto davanti al magistrato, il macedone ha anche spiegato: «Quando abbiano passato il confine con la Svizzera a bordo della vettura dell'amico di Hristyian quest'ultimo, controllato dai doganieri, è stato trovato in possesso di 240mila euro. Una somma che non sapevo che avesse e ho visto anche che aveva un documento bulgaro che, ovviamente, era falso». racconto di Carlo Gervasoni. Agli investigatori ha ammesso di aver manipolato le quattro partite con la maglia del Grosseto, mentre ha detto di essere venuto a conoscenza della partita del Siena e di Atalanta-Piacenza. Per Siena-Novara, invece, c’era una proposta degli zingari. Nell’interrogatorio del 20 dicembre scorso davanti al gip Guido Salvini, l’in-

dagato ha spiegato che «in occasione di Grosseto-Empoli, l’Empoli era già d’intesa con noi per un 2-2. Gli slavi concordavano sul risultato e dicevano che volevano combinare la partita, ma poi non si era fatto nulla perché le quote erano diventate troppo basse. Era finita in pareggio. Preciso che non sono stato io a prendere gli accordi con i

giocatori dell’Empoli - ha spiegato il calciatore - ma mi sono limitato a passare le informazioni agli slavi. Non so chi si è attivato per prendere contatti con i giocatori delle due squadre». La settimana di interrogatori si chiude venerdì pomeriggio con Andrea Masiello, ex giocatore del Bari e attualmente in forza all’Atalanta, che ha chiesto di poter essere sentito dal procuratore. Masiello è stato tirato in ballo da Gervasoni in relazione ad una presunta combine di Palermo-Bari del campionato 20102011. Queste le parole di Gervasoni a verbale: «In occasione dello scorso interrogatorio mi sono dimenticato di riferire di un'altra partita di serie A combinata del campionato 2010-2011. Sto parlando di Palermo-Bari, terminata 2-1 per il Palermo, laddove il risultato concordato era di un over con la sconfitta del Bari con almeno due gol di scarto. Si tratta di notizie che mi ha riferito Gegic nell’immediatezza della partita in quanto ho scommesso sulla medesima. Ricordo che, sempre secondo quanto mi riferì Gegic, era stato Carobbio a mettersi in contatto con i giocatori del Bari o con qualcuno che gli stesse vicino. Gegic mi riferì che era stati corrotti i seguenti giocatori del Bari: Padelli, Bentivoglio, Andrea Masiello, Parisi e Rossi. Il risultato concordato non venne raggiunto in quanto Miccoli sbagliò il rigore che era stato volutamente provocato. Miccoli non sapeva nulla della combine».

LA VOSTRA COPIA GRATUITA Acli La Cafetera Caffe Del Corso Bar Supermoka Bar Aurora Bar Cittanova Bar Garibaldi Osteria Garibaldi Caffe' Dimeglio Bar Cremonino Ospedale Portineria Unione Consumatori Caffe’ Porta Romana Banca Del Monte Tabacchi Persico Comune Di Cremona A.P.T Macelleria Ruggeri Rio Bar Bar Fiume Dimeglio Banca Di Roma Parrucchiere Bertoletti Bar Stradivari Il Planetario Viaggi Banca Popolare Bar Oasi Distributore Esso Cittadella Dimeglio Bar Da Walter Distributore Agip Caserma Col Di Lana Bar Stella Sapore Di Mare Bar Pit Stop Da Pietro Snack Bar Agip Bar Signorini

Via S. Antonio del Fuoco 9/A Cremona C.So V. Emanuele 14 Cremona C.So V. Emanuele 84 Cremona Corso Campi 39 Cremona C.so Garibaldi 228 Corso Garibaldi 114 Cremona Corso Garibaldi 219 Cremona Corso Garibaldi 38 Cremona Corso Garibaldi 85 Cremona Corso Matteotti 2 Cremona Ospedale Cremona Piazza San Michele 2 Cremona Piazza IV Novembre 17 Cremona Piazza Cadorna 1 Cremona Piazza Cadorna 13 Cremona Piazza Del Comune Cremona Piazza Del Comune 5 Cremona Piazza Della Liberta' 7 Cremona Piazza Della Pace 2 Cremona Piazza Fiume 6 Cremona Piazza Marconi 15/A Cremona Piazza Roma 20 Cremona Piazza Roma 29 Cremona Piazza Roma 7/B Cremona Piazza Stradivari 17 Cremona Viale Po 83 Cremona Via Bergamo 221 Cremona Via Bergamo 91 Cremona Via Bissolati 38 Cremona Via Boschetto 93 Cremona Via Brescia 128 Cremona Via Brescia 219 Cremona Via Brescia 189 Cremona Via Brescia 27 Cremona Via Cappuccini 8 Cremona Via Castelleone 10 Cremona Via Castelleone 29/A Cremona Via Castelleone 49 Cremona Via Castelleone 7 Cremona

Bar Trattoria Italmark Teatro Monteverdi Bar Lancia Bar San Giorgio Fotoline Re Mida Caseificio Il Colle Sister Caffe’ Angolo Del Gusto Bar Il Cacciatore Bar le torri Torrione Cafe’ Dico Caffe'ghisleri Esselunga Tango Bar Pasticceria Caffe’ Betti Crai Bonseri Fornaio Bar I 3 Gradini Dimeglio Bar - Figlie Di San Camillo Bibi Bar Bottega Del Gusto Gelateria Matisse Panificio Usberti Bar Pasticceria S. Remo Agip Cafe' Gio' Bar Associazione Commercianti Montecarlo - Slot Machine Caffe' Parking Autobar Bar Roma Bar Mincio Bar Il Cantuccio Edicola Caffe' Boldori Bar Primavera

9

de

Via Cipressi 3/B Cremona Via Dante 102 Cremona Via Dante 149 Cremona Via Dante 185 Cremona Via Dante 2 Cremona Via Dante 31 Cremona Via Dante 87 Cremona Via Del Giordano 131 Cremona Via Del Giordano 65 Cremona Piazza Risorgimento 30 Cremona Via Filzi 19 Cremona Via F. Filzi Via Ghinaglia 104 Cremona Via Ghinaglia 49 Cremona Via Ghisleri 46 Cremona Via Ghisleri 53/A Cremona Via Giuseppina 11/B Cremona Via Giuseppina 11/B Cremona Via Giuseppina 27 Cremona Via Grado 20 Cremona Via Grado 40 Cremona Via Lazzari Cremona Via Litta 50 Cremona Via Mantova 133 Cremona Via Mantova 141/B Cremona Via Mantova 101 Cremona Via Mantova 1 Cremona Via Mantova 141/B Cremona Via Mantova 81 Cremona Via Manzoni 2 Cremona Via Massarotti 15 Cremona Via Massarotti 19/A Cremona Via Massarotti 42 Cremona Via Mazzini 7 Cremona Via Mincio 2 Cremona Via Mincio 34 Cremona Via Nino Bixio 20 Cremona Via Nino Bixio 8 Cremona Via Persico 2 Cremona

In occasione di San Sebastiano, venerdì 20 gennaio alle ore 10.30 nella chiesa di San Francesco (via Fatebefratelli, quartiere Zaist) verrà presentato il compendio della polizia municipale. Nella sua introduzione il sindaco ha sottolineato l’importanza del ruolo svolto dagli agenti Polizia Locale, «le cui competenze, in questi ultimi anni, sono significativamente aumentate. Rispettare le regole non significa dovere sottostare a imposizioni, bensì esercitare i propri diritti senza ledere quegli degli altri». Entrando nello specifico dell’attività della Polizia Locale, il sindaco ha quindi evidenziato le importanti progettualità svolte in materia di sicurezza urbana e nel campo quanto mai importante dell'educazione stradale svolto in collaborazione con le scuole. «Lo sportello unico e la nuovissima centrale operativa sono il vero fiore all’occhiello del corpo di Polizia Locale sia dal punto di vista tecnologico che da quello organizzativo - ha detto Perri - un’attività intensa quella svolta dagli agenti per quanto riguarda il controllo della città, la presenza davanti alle scuole, il servizio svolto in occasione di incidenti stradali, il tutto sempre dimostrando professionalità e dedizione». Fabio Sebastiano Germanà Ballarino, comandante della Polizia Municipale, ha invece illustrato i dati più significativi dell’attività svolta e ha approfondito particolari aspetti. In particolare l’attività di Polizia Giudiziaria risulta in notevole crescita, passando da 785 (2010) a 877 (2011). Si mantiene abbastanza stabile il numero delle notizie di reato (263), calano le persone indagate (da 106 a 86). Incrementano invece le denunce ricevute.

Carabinieri, attenzione massima sui furti nelle abitazioni Prevenzione e controllo: queste le parole d’ordine dei Carabinieri di Cremona, che nei giorni scorsi hanno presentato il bilancio delle attività del 2011. L’aumento dei furti è il primo dato che balza all’occhio rispetto all’anno scorso: sono 3.972 quelli denunciati. «E’ una problematica su cui ci stiamo concentrando in modo particolare, cercando di prevenire il fenomeno, specialmente in abitazione spiega Cozzolino, comandante dell’Arma di Cremona - il dato evidenzia anche un aumento del numero dei reati denunciati che però è un dato parziale, in quanto non comprende il dato complessivo rilevato da tutte le forze dell’ordine. Nella fattispecie i reati sono stati complessivamente 8.297. Ad aumentare sono anche gli arresti per droga, che sono stati 91. «Molte, infine, sono le violazioni al codice della strada, un problema abbastanza costante, che cerchiamo di prevenire con numerosi controlli sul territorio».

NECROLOGIE è mancato all'affetto dei suoi cari

Giuseppe Gagliardi di anni 65

Ne danno il doloroso annuncio la moglie Giuseppina, i figli Simone e Silvia, la sorella Marisa con Luciano ed i parenti tutti. Non fiori ma devolvere eventuali

offerte all'A.C.C.D. Si ringraziano anticipatamente quanti ne vorranno onorare la memoria. Cremona 20 gennaio 2012.

la trovate qui:

Panetteria Quarantani Bar Gallo Smeg Centro Sportivo Sanzeno Coffee Time Q.In Forneria Pan&Piu Bar Dragone Distributore Agip Non Solo Piada Bar Zanzibar A.E.M. Fattorie del gusto Camera Del Lavoro Tabacchi Universita' Cattolica Politecnico Di Milano Il Beccofino Cremona Po Bar Greco Les Clandestines Intimo Seven Caffè Latteria Plac Politiche Educative Farmacia Zamboni Noemi Pasticceria Tosi Bar Smile Macalli Medic Center Pane E Amore Bar Tabacchi Edicola Ortenilla Edicola Compiani Panetteria Merlini Panetteria Merlini Farmacia Leggeri Immobiliare B&G La Bottega del Gelato

Via Platina 34 Cremona Via Rosario 49 Cremona Via Ruffini 6 Cremona Via San Zeno 53 Cremona Via Solferino 9 Cremona Via XI Febbraio 64 Cremona Via XX Settembre 32/A Cremona Via Vittori 2 Cremona Viale Po 139 Cremona Viale Po 68 Cremona Viale Trento Trieste 36 Cremona Viale Trento Trieste 38 Cremona Via Massarotti 46/D Cremona Via Mantova 25 Cremona Piazza Migliavacca 6 Cremona Via Milano 24 Cremona Via Sesto 39 Cremona Via F.Soldi 2 Cremona Piano 2° Musetti Caffe' Cremona Corso Campi 5 Cremona Via Mercatello 11 Cremona Piazza S. Anna Cremona Corso Vittorio Emanuele Cremona Via Vecchio Passeggio 1 Cremona Via Oglio 5 Cremona Via Aporti 43 Cremona Via Aselli 29 Cremona Via Cadore Corso Vittorio Emanuele 43 Cremona Via Giuseppina 21 Cremona Via Tonani 24 Cremona Battaglione Bonemerse Cremona Due Gadesco Via Cesare Battisti 47/B Gadesco Via San Savino 17 -San Savino Persichello Piazza Roma 8 Vescovato Via Cavallotti 25 Piadena

Il Piccolo Giornale del Cremasco  
Il Piccolo Giornale del Cremasco  

20 gennaio 2012

Advertisement