Page 18

Speciale Sposi

Venerdì 20 Gennaio 2012

CREATIVITA' NEL BOUQUET

18

Un abito da sposa indimenticabile non può che essere accompagnato da un altrettanto romantico bouquet: anche in questo caso, la tradizione può lasciare spazio a tocchi di creatività, senza rinunciare per questo all'eleganza e al buon gusto. Accanto ai più classici bouquet da tenere in mano, composti da fiori che riprendono i colori predominanti dell'abito e delle decorazioni, le soluzioni a disposizione della sposa sono le più varie e possono rispondere ad esigenze non solo estetiche, ma anche di praticità. E' il caso dei bouquet a borsetta, che presentano pratici e romantici manici a reggere un piccolo cestino intercciato o di tessuto colmo di fiori, che la sposa può reggere tra le mani oppure appoggiare elegantemente al polso. In alternativa, è possible optare per i bouquet da polso, fermati al braccio della sposa con raffinati nastri in tinta con l'abito. Si tratta, solitamente, di rametti o composizioni dalle piccole dimensioni, che ben si adattano alla sposa che desidera il massimo della comodità nei movimenti e sceglie di indossare un abito particolarmente romantico ed elaborato, che non necessita di particolari dettagli ulteriori, oppure semplice ed essenziale, da vivacizzare con un piccolo tocco di colore più acceso. Le amanti dell'originalità non mancheranno di apprezzare invece i bouquet a sfera: sorretti da eleganti corde o nastri raffinati, i fiori sono tagliati con gambo corto e fissati stretti tra loro a formare una gioiosa sfera che colora l'intero abito. Accanto alla scelta della forma, fondamentale è la scelta della tipologia di fiori: da preferire le composizioni con fiori di stagione, più semplici da reperire e con la garanzia della loro freschezza. tra le soluzioni più creative vi sono poi i bouquet senza fiori, realizzati in stoffa o con elementi alternativi, per una composizione colorata e vivace adatto ad una sposa fresca e giovane. I fiori del boquet possono essere valorizzati con rametti e tocchi di verde, per un aspetto ancor più naturale, oppure con bacche e piccoli frutti che conferiscano un tocco di colore ad una composizione dai toni più tenui. I colori del bouquet possono essere abbinati alle decorazioni già presenti nel luogo del ricevimento e della cerimonia, oppure creare un elemento di originale stacco e riprendere solamente gli elementi principali di definzione dell'abito della sposa, magari in linea con dettagli presenti anche nella mise dello sposo, come il colore della cravatta, per un matrimonio che non lascia assolutamente nulla al caso e per un effetto armonico assicurato.

Il vestito della sposa deve riflettere appieno la personalità e la femminilità

C

osa c'è di più rappresentativo dell'abito da sposa, quando si parla di matrimonio? Il vestito costituisce uno degli elementi più importanti e in grado di focalizzare l'attenzione: un dettaglio, certo, ma di grande significato e impatto. Non a caso, la scelta del vestito nuziale costituisce un momento cruciale per la sposa, che vede in esso rappresentato tutte le speranze e la fiducia riposta nell'inizio di una nuova vita accanto all'uomo amato. Non un vestito qualunque, l'abito da sposa deve poter riflettere appieno la personalità della donna che lo indossa ed esaltarne al meglio la figura: non esiste un abito perfetto in assoluto, ma esiste l'abito che si adatta alla perfezione alla sposa che lo sceglie. Individuare tale modello, però, nella giungla di negozi e stilisti, non è sempre facile: a fare da discriminante interviene certamente il costo, ma molti altri fattori devono essere presi in considerazione, dal tessuto alla linea fino ai dettagli decorativi. Mentre una donna minuta potrà scegliere liberamente un abito dalle maniche importanti, una sposa che viceversa necessita di slanciare una figura non troppo snella, dovrà preferire un abito dalle linee morbide e cadenti che scivolino dolcemente. Per le magrissime, sono particolarmente indicate linee fluide e maniche lunghe, anche velate d'estate, per non evidenziare braccia troppo esili. Chi ha le spalle piccole può invece dare proprio a queste ultime la massima importanza sbizzarrendosi con giochi di volumi rigidi. Per i fianchi larghi e l'addome pronunciato, lo stile impero può cotituire un'ottima soluzione, con il taglio sotto il seno che si allarga leggermente scendendo verso il basso. Le figure robuste ma alte, è preferibile che scelgano invece una linea cadente e un drappeggio morbido, distogliendo in tal modo l'attenzione dalla vita e valorizzando piuttosto le curve. Alla sposa molto alta, infine, si addice perfettamente un abito dal bustino aderentissimo completato da una gonna vaporosa: il punto vita, cosi sottolineato, “spezza” efficacemente la figura riproporzionandola. Fondamentale, inoltre, l'attenzione per i dettagli, che completano e valorizzano l'intera figura. A questo proposito è bene

Il giorno più bello in un abito da sogno

non sottovalutare l'aspetto dell'abito per quanto riguarda la schiena: apparentemente secondaria, è in realtà la parte della sposa più in mostra per tutta la durata della cerimonia, e che pertanto merita di

essere trattata con la stessa cura ed attenzione di qualsiasi altro dettaglio, per un vestito che davvero possa essere indimenticabile, proprio come il giorno del matrimonio.

Il Piccolo Giornale del Cremasco  
Il Piccolo Giornale del Cremasco  

20 gennaio 2012

Advertisement