Page 8

8

CREMA

Sabato 8 Marzo 2014

«E’ davvero emergenza sicurezza»

IL FONDO

Più vigili? Ma per carità! Più polizia e più carabinieri

L’onorevole Cinzia Fontana si è rivolta ad Alfano. Il sindaco Bonaldi ora incontra i cremaschi

Delle richieste di Laura Zanibelli non condividiamo il richiamo agli agenti della polizia urbana, meglio conosciuti in città come i vigili. Secondo il capogruppo del Nuovo centrodestra sono in numero risicato, mentre dovrebbero essere impiegati come vigili di quartiere. Per carità! A Crema, chissà perché, ad ogni cambio di amministrazione, lo sport preferito dai sindaci è quello di infoltire il numero dei vigili che, chissà perché, sono sempre troppo pochi. O almeno se ne vedono in giro davvero pochi. A Crema sono stati assunti persino i musicisti di una scuola non dell’obbligo, quindi aspettiamoci di tutto. Finché i cittadini non si stuferanno di continuare a pagare incrementi di tasse ad ogni bilancio. Per colpa dei politici. Preferiamo la proposta dell’onorevole Fontana. A Crema, sostiene il deputato, devono esserci più poliziotti e carabinieri. E loro devono occuparsi della sicurezza nei quartieri. Per tanti motivi: sono formati e preparati a questo compito, hanno al loro interno una collaudata intelligence, si esercitano al poligono, sanno come utilizzare i confidenti sul territorio, e, diciamoci la verità, di ladri e rapinatori ne hanno preso tanti in questi anni.Ecco perché Cinzia Fontana si è rivolta, giustamente, al ministro Alfano, e non al sindaco Bonaldi. I vigili? Che si occupino della sola viabilità. Organizzandosi, però. Perché c’è un vigile a Crema che verso le ore 14 multa, giustamente, per carità, quell’una o due auto ferme senza dar alcun fastidio alla circolazione - davanti al “Circolino”, la trattoria ex Arci che sorge sull’ampia e per nulla trafficata via Montello, a Castelnuovo. Sanzioni per divieto di sosta che stanno mettendo in difficoltà i titolari del “Circolino” che stanno perdendo clienti. Invece, per mettere i puntini sulle «i», la strada che dal mercato porta in via Ponte Furio, decretata zona a «traffico limitato» con tanto di cartello, attraversata da molti pedoni e ciclisti, si è trasformata in un’autostrada imboccata anche da chi non è autorizzato a farlo. C’è un vigile qui, in pieno centro storico, che multi i trasgressori? Si accettano scommesse.

F

di Gionata Agisti

inalmente, qualcosa si muove sul terreno della sicurezza. L’amministrazione Bonaldi ha deciso di prendere in mano la situazione, dopo che da quasi due anni si è registrato un aumento di episodi criminosi in tutto il Cremasco, soprattutto furti in abitazioni. A lungo, si era chiesto alla giunta di intervenire, salvo sentirsi rispondere che la Prefettura riteneva la situazione nella media, a livello provinciale, e dunque sotto controllo. Peccato che non sempre la media si rivela uno strumento valido, di fronte a picchi di aggressività registrati in singoli territori. Ora, per l’incalzare degli eventi, sembra che qualcosa a Cremona si muova e, con più coraggio, il sindaco di Crema ha deciso di passare all’azione. È infatti ai nastri di partenza un ciclo di incontri nei quartieri, per discutere di sicurezza e informare i cittadini dell’attività svolta dalle forze dell’ordine. Si comincia mercoledì 12 marzo, alle 21, presso la scuola primaria di Ombriano, dove interverranno, insieme al sindaco, Stefania Bonaldi, il vice questore, Daniel Segre, e il capitano dei carabinieri, Antonio Savino. Organizzati direttamente dall’amministrazione comunale, gli incontri sono stati per l’appunto decisi nel vertice con Pre-

Il calendario stilato dalla giunta: si parte subito da Ombriano fettura, Questura e forze dell'ordine della settimana scorsa, a Cremona. «Abbiamo suddiviso la città in quattro zone» precisa il sindaco, «e nell'arco dei prossimi mesi saremo presenti a questi appuntamenti con i cittadini. Il primo incontro si rivolge ai due quartieri di Ombriano e Sabbioni, che ci sono parsi meritevoli di priorità, dove i temi della sicurezza sono stati più avvertiti nei mesi scorsi. Lo scopo è in primis rassicurare

Zanibelli (Ncd): «Più agenti nei quartieri» «Finalmente, il sindaco ha accettato di prendere atto di quel che accade”, è il commento di Laura Zanibelli, capogruppo del Nuovo Centrodestra (Ncd), in Consiglio comunale. «Da quanto tempo diciamo che serve una maggiore conoscenza dell'entità del problema, per sapere quale rimedio potrebbe servire. Fatto questo passo, non ci aspettiamo però che il sindaco continui a far ricadere solo sugli altri le uniche decisioni e azioni possibili. È infatti a lei, soprattutto, che i cittadini si rivolgono. Chiedendo una maggiore presenza degli agenti di quar-

tiere, che sicuramente rappresenterebbero un punto di riferimento per tante persone, seppure con compiti diversi dalle forze dell'ordine. Oggi, sono solo 3 per tutta la città». «Spiegherà, poi, il sindaco in base a quali criteri ha deciso di non aumentare l'organico della polizia locale, né a tempo indeterminato né a tempo determinato? dal 2012 al 2013 nessun incremento, nonostante le richieste anche interne» continua Laura Zanibelli. «Eppure la possibilità ci sarebbe stata, perché per il corpo di polizia è prevista una deroga sulle

La soddisfazione dei leghisti per i futuri incontri in periferia

Lega: «Si sono comunque persi due anni»

Soddisfazione per la decisione dell’amministrazione comunale da parte della Lega: «Dopo aver appreso dell’organizzazione di incontri informativi nei quartieri sul tema della sicurezza, non possiamo non manifestare il nostro ringraziamento nei confronti degli organi preposti alla sicurezza per la loro disponibilità, nonché per l’impegno profuso ogni giorno. Grazie anche all’amministrazione comunale, per aver finalmente preso atto, seppur dopo quasi due anni dal suo insediamento, delle

Crema, circa la costante presenza degli enti preposti, impartendo eventuali istruzioni per i comportamenti da assumere per prevenire illeciti e naturalmente ascoltare segnalazioni e richieste. Apprezzo molto questa collaborazione tra i carabinieri, la polizia e l’amministrazione che, con dedizione ed esperienza, desiderano dare una risposta concreta alle istanze della città». I prossimi incontri, compatibilmente con gli impegni delle

forze dell’ordine e le festività del mese di aprile, si rivolgeranno ai residenti dell’area delle Villette, di Santa Maria e Santo Stefano il 14 aprile; di San Bernardino e Castelnuovo il 29 aprile e del centro storico, il 7 maggio. Quanto a Cinzia Fontana, deputata del Pd, nei giorni scorsi, ha presentato un’interrogazione al ministro dell’Interno, Angelino Alfano. La Fontana, quando una ventina d’anni fa era sindaco di Vailate, si era distinta come uno dei primi cittadini più sensibili alla questione sicurezza. «La situazione, oggi, però, si è aggravata» ci spiega. «Siamo di fronte a un fenomeno definito di “pendolarismo”, da parte di bande di criminali, che si spostano da un luogo all’altro, dopo aver razziato quanto possibile. È un problema che sta riguardando un po’ tutta l’Italia e le critiche sollevate in questo periodo nei confronti dei sindaci sono ingenerose, perché non tengono conto delle loro competenze limitate». «Il lavoro delle forze dell’ordine è ottimo» osserva ancora la deputata del Pd, «e i Comuni fanno quel che possono, pur nella difficoltà dovuta alla mancanza di risorse. È evidente che tocca allo Stato intervenire garantendo più mezzi e risorse, soprattutto laddove - ed è il nostro caso - si è deciso di sopprimere l’importante presidio costituito dal tribunale. È quanto ho chiesto al ministro»

Dino Losa, segretario Lega

numerose inchieste giornalistiche, degli atti e delle interrogazioni presentate in Consiglio dalla Lega Nord, riguardo alla questione sicurezza».

«A questo punto» continua il comunicato della Lega, «attendiamo che il sindaco relazioni quanto prima in Consiglio sugli esiti della riunione in prefettura, oltre a rispondere alle domande formulate nell’interrogazione presentata alcune settimane orsono, vale a dire: ritiene di sollecitare il Consiglio comunale a prendere una decisione sul luogo in cui affrontare e discutere di sicurezza? Ovvero: commissione o tavolo? E quali interventi ritiene di mettere in campo in tempi brevi?».

Arrestato cameriere lodigiano Il furto risaliva ad 8 anni fa I carabinieri della stazione di Crema hanno tratto in arresto nella comunità di Crema un cameriere di una nota pizzeria lodigiana, Massimo B. trentatreenne in esecuzione dell’ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Lodi, dovrà scontare la pena di quattro mesi di reclusione oltre al pagamento di 200 euro di multa per un furto con scasso commesso nel 2006 a Lodi presso l’abitazione di una signora che aveva sporto denuncia ai carabinieri di Lodi. Questi ultimi che ben conoscevano l’uomo ritenuto socialmente pericoloso, per i suoi numerosi trascorsi e destinata-

rio di avviso orale, svolte le indagini di rito, acquisiti indizi a suo carico l’avevano deferito tempestivamente all’Autorità Giudiziaria.

spese del personale. L’amministrazione ha preferito, però, fare altre scelte, sottovalutando evidentemente il problema sicurezza e l'evidenza dei fatti. Fintanto che anche alcuni consiglieri di maggioranza hanno alzato la voce e addirittura parlamentari, quali Cinzia Fontana e Franco Bordo, hanno intrapreso azioni, seppur verso destinatari di altro calibro. Ad ognuno la sua responsabilità». Termina il consigliere: «Attendiamo ancora la finalizzazione della convenzione con i carabinieri in pensione, annunciata da settimane e pro-

posta dagli stessi ormai da tempo, anche senza che fosse già disponibile la sede prevista presso la stazione della polizia. E visto che il tema sicurezza non ha colore politico, perché non riproporre il tema dei varchi elettronici con gli altri sindaci del territorio? Con l'evoluzione della tecnologia non si potrebbe attuare un progetto più sostenibile? Non si pretendono soluzioni risolutive al cento per cento, in quanto alcune sono necessarie per rispondere nel breve periodo, dato l'acuirsi del problema, e altre potranno avere effetto più a lungo e non di-

Laura Zanibelli

pendono solo dalla politica locale. Nell'insieme, però, daranno ai cittadini sicurezza e la percezione di sentirsi ascoltati e potranno costituire quelle azioni di deterrente tali da non far credere il nostro territorio facile preda».

Agazzi: «In via Cadorna, sono poco sicuri» abbandono di rifiuti lungo la via in Sulla sicurezza in città anche Anquestione e presso l'area del Parco tonio Agazzi, consigliere comunale del Serio immediatamente adiacendi Crema per il gruppo «Servire il te» Cittadino» ha presentato un’interpelAgazzi continua: «Nel settembre lanza perché venga messa all'ordine 2012, per esempio, i giardini del del giorno dei lavori del prossimo Parco del Serio erano divenuti zona consiglio comunale. «Da anni» ha di raduno diurno e notturno di un scritto, «i residenti del tratto di via gruppo di giovani, con cani al seguiCadorna che costeggia il Serio, prito, i quali bivaccavano in quell'area ma a titolo individuale poi collettivabevendo alcolici, ascoltando musimente, inoltrano segnalazioni al CoAntonio Agazzi ca a tutto volume, sporcando, rommune», e alle forze dell’ordine, «sotpendo le panchine e i cestini della spazzatura, intoponendo una serie di problematiche inerenti la sultando le persone. Le numerose, reiterate segnasicurezza pubblica (raduni di persone non proprialazioni alle autorità competenti, a detta dei residenmente rassicuranti, atti vandalici, episodi di spacti, o sono rimaste lettera morta - quindi, prive di ricio lungo le rive limitrofe del Serio, disturbo della scontro - oppure hanno sortito risposte vaghe e quiete...), ma anche alla SCS, in tal caso denuninterventi limitati e non risolutivi». ciando il perpetuarsi di situazioni incresciose di

Le ricerche sono rivolte a candidati dell’uno e dell’altro sesso (L:903/77 e L. 125/91) Trattamento dati personali secondo D.Lgs. 196/2003 visionabile sul sito www.maxwork.it • Aut. Min. Prot. N° 1239 - SG del 22/12/2004 Maxwork S.p.A. - Agenzia per il lavoro Sede Legale – via Dell’Esquilino, 38 – 00185 Roma Sede Amministrativa e Direzione Generale - Largo Porta Nuova, 14 - 24122 Bergamo

PIEGATORE/PUNZONATORE CON ESPERIENZA SU MACCHINE CNC PER CARPENTERIA MATELLICA. SEDE DI LAVORO: VICINANZE CREMA. STAMPATORE FLESSOGRAFICO PER AZIENDA DEL LODIGIANO OPERANTE NEL SETTORE GOMMA-PLASTICA. RICHIESTA LA PREGRESSA ESPERIENZA NELLA MANSIONE. MAUTENTORE MECCANICO CON ESPERIENZA NELLA MANUTENZIONE DI MACCHINARI INDUSTRIALI. SEDE DI LAVORO: VICINANZE CREMA. NEODIPLOMATI ‘PERITO CHIMICO’ PER ATTIVITA’ DI LABORATORIO E CONTROLLO QUALITA’ PRESSO AZIENDA COSMETICA DEL CREMASCO. PERSONALE ISCRITTO ALLE LISTE REGIONALI DI MOBILITA’ (L.223/91) PER AZIENDE OPERANTI IN DIVERSI SETTORI. MAXWORK S.P.A. - FILIALE DI CREMA • Via Lago Gerundo, 18/3 - 26013 Crema (CR) Tel. 0373 200471 - Fax. 0373 203449 • mail: maxddlcrema@maxwork.it • www.maxwork.it

Settimanale Il Piccolo  
Settimanale Il Piccolo  

8 marzo 2014

Advertisement