Page 1

il

PICCOLO

Direzione e redazione: Via S. Bernardo, 37/A • Tel. 0372 45.49.31 - 45.13.14 • Fax 0372 59.78.74 • Numeri Arretrati: www.immaginapubblicita.it/archivioilpiccolo.html • E-mail: ilpiccolocremona@fastpiu.it Pubblicità: Immagina srl - Via S. Bernardo, 37 - Cremona • Tel. 0372 45.39.67 - 43.54.74 • Fax 0372 59.78.60 • Sped. in A.P.-45%-art. 2 comma 20/B legge 662/96 - Cremona

Anno X • n° 31 • VENERDI’ 31 LUGLIO 2009

Settimanale • € 0,02 Copia Omaggio

LUNGHE CODE E ATTESE SNERVANTI

PASSAGGI A LIVELLO, CREMONESI INFURIATI I più contestati sono quelli in via Brescia e in via Milano. Protestano non solo i cittadini, ma anche i commercianti. In un giorno le sbarre rimangono abbassate da un minimo di 2 ore e mezzo ad un massimo di 5 ore. Eliminarli costerà caro. Il piano di intervento del Comune.

I

No alcol agli under 16, ma ci vuole una legge

Camera di Commercio

Presidenza Linea Group

Spunta l’ipotesi Pasquali a pagina 3

I cremonesi preferiscono Bersani alle pagine 4-5

DATI TERZO TRIMESTRE

Per ora solo lievi segnali positivi ▲

PD: Nostro sondaggio

in cui non si applichino le proibizioni. Da sottolineare l’apprezzamento espresso dal presidente del consiglio Berlusconi, che ha commentato: «una idea eccellente, una ottima iniziativa, spero che venga ripresa da tutte le amministrazioni», scordandosi che con un semplice Decreto Legge il governo avrebbe potuto far applicare le norme restrittive a tutto il Paese, senza delegare i comuni a gestire problemi di tali dimensioni. Altra considerazione va fatta sulla capacità delle amministrazioni locali di verificare e sanzionare i comportamenti sia degli esercenti che dei ragazzi, obbligando le polizie locali a compiti che vanno dai controlli di coloro che frequentano le prostitute alla lotta alla delinquenza comune, in un crescendo sanzionatorio che rischia di non avere neppure un ruolo di deterrente. Se non si può comunque negare l’esigenza di sanzionare comportamenti contro la legge si deve in egual misura riconoscere l’esigenza di educare famiglie e giovani nonché la necessità di togliere al consumo di alcolici la fama errata di essere produttore di benessere ed allegria. Dunque passaggi ragionati e graduali: una legge dello Stato, educazione in famiglia e nelle scuole, messaggi corretti e sanzioni pesanti; e basta morti a cui un’ammenda di 500 euro non potrà ridare vita. Enrico Tupone tuponee@alice.it

recenti provvedimenti emessi, o annunciati, da alcuni comuni lombardi introducono per la prima volta il divieto di somministrazione, vendita, consumo e cessione a titolo gratuito di bevande alcoliche a chi sia al di sotto dei sedici anni, fissando una pesante sanzione per i trasgressori. Il codice penale prevedeva già da tempo sanzioni per gli esercenti che vendevano alcolici ai minori di 16 anni, norma ampiamente disattesa o superata con semplici espedienti da parte dei giovani, come dimostrato più volte anche in inchieste televisive. Indubbiamente queste iniziative cercano di contrastare il fenomeno del consumo di bevande alcoliche fra i giovani e porre termine a tutte le assurde morti che costellano la cronaca nera dei giornali dopo i fine settimana; dunque iniziative che meritano attenzione ma che meritano anche considerazioni per valutarne l’efficacia ed applicabilità e per verificare che ancora una volta sul tema della sicurezza non vengano fatti provvedimenti “annuncio”, ad uso elettorale o propagandistico, ma di scarso impatto. Una prima considerazione va fatta sull’applicazione a macchia di leopardo dei provvedimenti, situazione che rende possibile trovare locali che somministrano alcolici nei comuni vicini, aumentando inoltre il rischio che i ragazzi si spostino in macchina per trovare luoghi

a pagina 6

Secondo i dati della Camera di Commercio di Cremona, che ha presentato l'andamento del settore manifatturiero nel secondo trimestre 2009, la caduta degli indicatori economici sta rallentando; ma la cassa integrazione sta ancora volando.

FRODI ALIMENTARI - Sequestrati formaggi mal conservati in un discount cremonese. Operazioni in tutto il Nord • A pag. 8


Cronaca

Venerdì 31 Luglio 2009

3

Il sindaco di Cremona, Oreste Perri: «Per fare una valutazione seria bisogna avere una rosa di almeno 4 o 5 nomi»

Presidenza Linea Group, spunta l'ipotesi Pasquali

Nei giorni scorsi avrebbe dovuto svolgersi l'assemblea degli azionisti, ma è andata deserta. Tiranti: «Non commento»

L

di Silvia Galli

e distanze dalle segreterie dei partiti le prende il sindaco Oreste Perri. Avrebbe, infatti, dovuto tenersi nei giorni scorsi (giovedì 30 luglio) l’assemblea degli azionisti di Linea Group Holding, la multiutility che opera nei territori di Cremona, Pavia, Lodi, Rovato (Bs) e Crema. Nonostante, però, fossero in scadenza presidente e Consiglio di amministrazione, l’assemblea è andata deserta. Gli azionisti, che sono appunto i comuni di Cremona, di Crema, di Pavia, di Lodi e la Cogeme (Rovato) non si sono

presentati e la nuova riunione, per il momento, non è stata riconvocata. L’attuale presidente Giuseppe Tiranti ha dichiarato che «l'assemblea degli azionisti non ci sarà e non è stata riconvocata. Per il momento preferisco non commentare». A questo punto, se ne riparlerà a settembre. E tra i motivi del rinvio c'è stata l’indicazione di Perri ad Aem (al Comune di Cremona spetta la designazione del presidente), di non esprimere nessun nome. «Non eravamo pronti»ha spiegato il primo cittadino. « Vogliamo scegliere tra una rosa di vari candidati. Anche scegliendo, se sarà necessario, fuori dai partiti».

Andrea Pasquali, ex leader dei Giovani Industriali

Oreste Perri, sindaco di Cremona

L’attuale Consiglio di amministrazione di Linea Group è composto dal presidente Giuseppe Tiranti (per Cremona), dal vicepresidente Nicola Adavastro (Pavia), dall'amministratore delegato Fabrizio Scuri (Rovato), Alessandro Galli (Lodi), Massimiliano Salini (Crema), neo presidente della Provincia. Secondo quanto stabiliscono i patti parasociali, il presidente di Linea Group deve essere indicato dal Comune di Cremona, il vicepresidente da Pavia, i due consiglieri da Crema e Lodi, l'amministratore delegato da Rovato. L'assemblea degli azionisti, chiamata ad eleggere il nuovo Cda era stata convocata giovedì alle 10. Ma nessuno

dei soci si è presentato: Franco Albertoni (Aem), Gianluca Delbarba (Cogeme), Andrea Albergati (Asm), Carlo Coltri (Astem), Corrado Bonoldi (Scrp). Nella sede di Aem, il presidente Albertoni spiega di avere avuto «indicazione da parte del mio azionista (il Comune, ndr) di non esprimere nessuna considerazione in attesa che l'azionista si formi un giudizio complessivo sulla disegnazione di sua competenza». Il sindaco Perri, dal canto suo, spiega così la sua decisione di rimandare tutto a settembre: «Eravamo pronti a suggerire il presidente. Una valutazione seria va fatta su una rosa di 3/4, anche 5 nomi di persone

che potrebbero essere le più adatte per quel ruolo chiave, a prescindere dalle appartenenze politiche. La gente vuole concretezza, è stanca di sentir parlare di destra e sinistra. Se i partiti non faranno nessun nome, si dovrà avere il coraggio di sceglierlo al di fuori dai raggruppamenti politici». Caldeggiata dal vicepresidente della giunta regionale Gianni Rossoni, era circolata l'ipotesi Mino Jotta, cooordinatore provinciale del Pdl e presidente dell'Aler. Anche Crema non ha proposto un suo uomo, diversamente da Pavia, Lodi e Rovato. Le trattative sul rinnovo del Cda sono state condotte a livello regionale. Sul rinvio delle nomine oltre ai dubbi di Perri, hanno pesato lo scontro tra Pdl e Lega per la spartizione dei tre poltrone di consiglieri in quota al centrodestra e il rapporto non idilliaco tra Giovanni Fava, deputato mantovano della Lega, e l'ad Scuri. E' spuntato anche il nome di Andrea Pasquali, ex leader dei Giovani industriali. «È un buon nome» ha commentato a caldo Perri. «Senz'altro lo prenderemo in considerazione».

caso ato

«Gli amministratori costano molto meno»

Pieremilio Bergonzi , presidente dell'Ato

La proposta di abolire l’Ato (avanzata dal presidente della Provincia, Massimiliano Salini) assicurando alla Provincia le competenze sul ciclo idrico, rientra nel dibattito sulla riforma istituzionale degli enti locali. «E' un tema caro all’opinione pubblica e ugualmente urgente nell’agenda politica» dichiara il presidente Pieremilio Bergonzi. «Tuttavia il progetto di riforma degli enti del ministro Calderoli, approvato dal Consiglio dei ministri, non ha previsto la soppressione degli Ato. Visto nell’ottica dell’efficienza e dalla riduzione dei costi, in linea teorica, il progetto (anche quello proposto dal presidente della Provincia) appare oggettivamente affascinante e in grado di incontrare un sentimento comune. In realtà il costo degli amministratori del Consorzio è inferiore a quelli sostenuti in passato, quando Ato era parte della Provincia. Per quanto riguarda i compensi va puntualizzato che le cifre si sono abbassate dal luglio 2008. Così, i compensi liquidati nel 2006 sono stati di 26.514,20 euro, quelli relativi al 2007 sono risultatidi 30.151,96. Da allora i costi si sono ridotti: 3.690,14 euro da novembre a dicembre 2007. 17.314,69 nel 2008 e 2.913,99 nei primi sei mesi del 2009.


l'inchiesta

Cronaca

Pd Cremonese: il 55% è per Bersani segretario

Nostro piccolo sondaggio. Franceschini prende un 10%, mentre Marino per ora non viene scelto da nessuno. Ma il 35% è ancora incerto

A ottobre il Partito Democratico tirerà le fila ed eleggerà il segretario con la tradizionale formula delle pri-

Luciano Pizzetti: «Sono per Bersani, perché credo sia una persona dotata di autorevolezza. Le differenze programmatiche sono lievi tra i candidati, ma bisogna avere anche un certo carattere per guidare un partito. Penso che Bersani abbia in testa l’idea di una classe dirigente innovativa, e questo va coniugato con autorevolezza nel presentare un progetto concreto».

Luciano Pizzetti

Giuseppe Torchio: «Per quanto mi riguarda sono sulle posizioni di Enrico Letta, il quale sostiene Luigi Bersani. Del resto, chi ha avuto esperienza amministrativa è vicino a un candidato come Bersani. Io ho avuto tanto dal

marie. A questo proposito abbiamo chiesto a un campione di membri cremonesi del partito (20) quale sarà la

Giuseppe Torchio

partito, dalla gente e dagli elettori, e quanto ho avuto lo voglio rendere facendomi portavoce della mia esperienza e dei valori da sostenere. Il congresso dunque non deve finire nella disputa tra i candidati alla segreteria, ma in un rilancio complessivo del partito. Per questo la Lista Torchio ha deciso di federarsi con il Pd, e rafforzare la sua presenza a livello territoriale, che esce anche dal partito. Dobbiamo coinvolgere quelle persone che cercano una identità». Annamaria Abbate: «Il mio voto andrà a Bersani. Premesso che le mozioni dei tre candidati sono tutte elemento di arricchimento del dibattito, e che tutte le posizioni rientrano

loro scelta. Le loro risposte indicano un 55% di preferenze per Bersani (11 in tutto), il 10% per Franceschini (2), in una cornice di ricostruzione di intenti, preferisco quella di Bersani perché vi ho riconosciuto quello che da sempre vorrei nella costituzione del partito. Dal radicamento sul territorio all’apertura con le primarie, ma fatte bene. Voglio un partito popolare, il recupero di tematiche che vanno valorizzate come il lavoro. Spero che si preservi anche l’idea di bipolarismo. Sono stati, questi, anni di sconfitte politiche ed elettorali per noi. E Bersani ha avuto il coraggio di mettere in discussione quanto fatto, tornando verso l’idea originaria del Partito democratico. Ha dimostrato di essere una grande mente politica e di sintesi».

Annamaria Abbate

mentre nessuno ha dichiarato di votare Marino. Infine, ben il 35% (7) si dichiara ancora indeciso sulla scelta.

biamento. Il tutto in un clima di confronto e cultura comune che indichi che sono stati fatti passi avanti rispetto ai partiti inziali».

Andrea Virgilio

Andrea Virgilio: «Sostengo la mozione di Bersani che è quella che mi convince di più. Tra l’altro, io sono il referente della sua mozione a livello provinciale. Confido in un congresso che sia fatto di dibattito politico, anche schietto, dove però emergono i contenuti rispetto ai personalismi. Bersani mi dà proprio l’idea di un approccio concreto, di un segretario che saprà prendere per mano il partito e condurlo verso il futuro. Confido anche che questo nuovo approccio possa garantire un salto generazionale della classe dirigente del partito».

Maura Ruggeri

Maura Ruggeri: «Sto ancora cercando di approfondire il discorso, ma per ora mi sto orientando verso la mozione di Bersani perché credo che sia la persona più convincente tra quelle che si presenteranno. Tuttavia non credo che sia il momento di assumere posizioni fortemente di parte. Serve un dibattito congressuale importante, ma che deve svolgersi in un clima di grande serenità. Per quanto riguarda i candidati, vi sono delle accentuazioni nella mozione di Bersani che trovo particolarmente convincenti, specialmente per quanto riguarda l’accompagnamento al cam-

Pierattilio Superti

Pierattilio Superti: «Non ho ancora deciso da che parte stare, ci penserò al ritorno dalle vacanze. Senza dubbio il punto fondamentale è la costruzione di un partito strutturato e serio, che ha in mente il futuro del Paese, che non consideri una penitenza l’andare ad attaccare i manifesti, che sappia stare tra i cittadini, che non rinunci al bipolarismo e che si ricordi che ci proponiamo per governare».


Venerdì 31 Luglio 2009

Paolo Bodini: «Ancora non ho deciso a chi darò le preferenze, sto ancora valutando le varie mozioni».

Cesare Mainardi: «Sto con Bersani, perché credo dia la proposta più innovativa che si possa trovare oggi nell’ambito del partito. Si tratta di una proposta politica seria, e inoltre si ripropone il radicamento del partito nella società».

Giovanni Biondi

Caterina Ruggeri

Giovanni Biondi: «Per quanto riguarda la mia preferenza al congresso, sono ancora in un momento di riflessione».

Cesare Mainardi

Stefano Campagnolo

Stefano Campagnolo: «Sto con Franceschini, perché credo che sia l’unica maniera per il Pd di sviluppare le proprie potenzialità. La candidatura di Bersani mi sembra un passo indietro, il ritorno ad un’idea di partito strutturato, rassicurante per certe persone, che può anche portare all’idea di una vittoria, ma non dà l’idea di un partito che racchiude tutti i democratici. Mi allarma il fatto che certi sostenitori di Bersani, come la Bindi, non si fanno problemi a parlare di scissioni. Questi sono atteggiamenti gravi. Non è giusto pensare di arrivare a una scissione del partito pur di aver un gruppo unito».

Gian Carlo Corada: «Mi sto informando proprio in questi giorni, ma credo che la mia preferenza sarà per Bersani, anche se mi convincono molto le idee di Franceschini. Bersani però sottolinea due aspetti fondamentali: l’accentuazione dell’as-petto federalistico territoriale e un aspetto organizzativo di importanza data alla struttura. L’ideale sarebbe fare un congresso senza polemiche: non è uno scontro epocale, ma semplicemente un confronto tra persone valide».

Caterina Ruggeri: «Sto leggendo le varie proposte, e sono ancora in fase di riflessione, anche se posso dire che per ora la figura che mi ispira maggiormente è quella di Pier Luigi Bersani, perché mi pare sia quello che possa dare maggiori prospettive al partito. Tuttavia confesso che mi ritrovo molto anche in altre proposte, come quella, per esempio, di Ignazio Marino».

Paolo Bodini

Deo Fogliazza: «Ho letto tutto con attenzione e trovo diverse cose condivisibili nei programmi di tutti e tre i candidati. Se deciderò di schierarmi, sarà con Bersani, attraverso la posizione di Rosi Bindiche ha una grande attenzione per il tema del rinnovamento del partito e dell’apertura del Pd. Bersani è una persona che convince, come leader».

Daniele Soregaroli

Franco Verdi

Daniele Soregaroli: «Non ho ancora preso nessuna decisione, avevo altri problemi da risolvere. Dovrò, quindi, guardarmi bene tutta la documentazione prima di decidere».

Franco Verdi: «Le mie preferenze vanno a Bersani, La ragione della mia scelta è una continuità rispetto al mio passato: sono entrato in assemblea nazionale seguendo la linea di Enrico Letta, e ora ritengo di seguire Bersani sulla mediazione dello stesso Letta. Bersani, secondo me, rappresenta la figura che ha saputo caratterizzare meglio la notevole modernità dal punto di vista amministrativo, un'ottima capacità di governare e una visione seria e politica dello strumento partito che deve essere fatto di militanza, servizio e presenza sul territorio, e non di messaggi mediatici».

Leone Lisè

Leone Lisè: «Ancora non ho preso una decisione su quali saranno le mie preferenze. Voglio cercare di capire bene le indicazoni che sono presenti nei vari programmi prima di prendere una decisione definitiva». Daniele Burgazzi

Gian Carlo Corada

Dario Franceschini

Dario Franceschini (Ferrara, 19 ottobre 1958) è un politico, avvocato e scrittore italiano. La sua attività politica inizia a livello studentesco, al liceo Scientifico «Roiti» di Ferrara nell'autunno del 1974 quando fonda l'Associazione Studentesca Democratica, di ispirazione cattolica e centrista. Si iscrive alla Democrazia Cristiana dopo l'elezione di Benigno Zaccagnini e viene eletto delegato provinciale giovanile. Nel 1980 diventa consigliere comunale di Ferrara e nel 1983 capogruppo consiliare. Successivamente decide pertanto di aderire al movimento dei Cristiano sociali, fondando il movimento a Ferrara e divenendone consigliere nazionale. Dopo le scissioni interne al Ppi e l'adesione dello stesso all'Ulivo, rientra nel partito e, dal 1997 al 1999, ne è vicesegretario nazionale e successivamente entra a far parte della direzione nazionale e dell’ufficio di se-

5

greteria con l’incarico per le politiche della Comunicazione. Entra nel secondo Governo D'Alema come sottosegretario alla presidenza del consiglio con delega alle Riforme Istituzionali, riconfermato poi dal successivo Governo Amato. Alle elezioni politiche del 2001 viene eletto deputato nel collegio maggioritario di Ferrara e diventa componente della Giunta delle elezioni e della Prima Commissione permanente Affari costituzionali. Tra i fondatori della Margherita, nel luglio 2001 entra a far parte del comitato costituente del partito, del quale diventa coordinatore dell'esecutivo nazionale. È membro del direttivo del Partito Democratico Europeo. Rieletto deputato alle elezioni politiche del 2006, è divenuto presidente del gruppo parlamentare dell'Ulivo alla Camera dei Deputati. Con la nascita del Partito Democratico il 14 ottobre 2007 e l'ascesa alla segreteria di Walter Veltroni, è divenuto vicesegretario del nuovo partito. Viene eletto nuovamente deputato alle elezioni politiche del 2008. Il 21 febbraio 2009, dopo le dimissioni di Walter Veltroni[4], viene eletto segretario del Partito Democratico con 1047 preferenze.

Daniele Burgazzi: «Ho deciso per la mozione di Franceschini perché mi sembra quella più nuova e diversa. Mi è sembrato che in questi mesi si sia mosso bene, e credo sia giusto dargli ancora una nuova possibilità. L’importante ora è rinnovare il partito, sia a livello nazionale che locale».

Deo Fogliazza

Roberto Mariani: «Sono schierato sulla mozione di Bersani, anche se devo ancora finire di documentarmi La mia scelta dipende dal fatto che egli ha in mente una struttura di partito che risponde meglio alle esigenze di questi tempi».

Pier Luigi Bersani

Pier Luigi Bersani è nato a Bettola, in provincia di Piacenza il 29 settembre 1951, in una famiglia di artigiani. Suo padre Giuseppe era meccanico e benzinaio. E' laureato in Filosofia, con una tesi in storia del Cristianesimo, centrata sulla figura di Papa Gregorio Magno. Giovanissimo, è Vice Presidente della Comunità montana piacentina, quindi vice presidente del Comitato comprensoriale piacentino. Eletto consigliere regionale per la

circoscrizione di Piacenza, assume incarichi di giunta fino al 1990 quando ne diventa Vice Presidente. Il 6 luglio 1993 è eletto Presidente della Regione Emilia-Romagna. Nelle elezioni regionali dell'aprile 1995, le prime con l'indicazione diretta del Presidente, Bersani viene eletto dal 54% dei cittadini che hanno votato la lista di centrosinistra “Progetto Democratico”. Dal gennaio al luglio del 1995 ricopre l'incarico di presidente di turno della Conferenza dei presi-

Ignazio Marino

Ignazio Marino (Genova, 10 marzo 1955) è un medico e politico italiano. Senatore dal 2006, attualmente svolge il ruolo di presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sull'efficacia e l'efficienza del Servizio sanitario nazionale, nonché membro della Commissione igiene e sanità del Senato della Repubblica nella XVI Legislatura. È il primo di tre fratelli, è sposato e ha una figlia. Si è laureato in Medicina e chirurgia all'Università Cattolica, sede di Roma. Ha lavorato nei centri trapianti di Cambridge (il Transplant Center dell'Università di Cambridge) e di Pittsburgh (il Pittsburgh Transplantation Institute dell'University of Pittsburgh). Nel 1992 è stato nominato direttore associato del National Liver Transplant Center del Veterans Affairs Medical Center di Pittsburgh, l'unico dipartimento per trapianti d'organo appartenente al Go-

Maria Rosa Zanacchi

Roberto Mariani

denti delle Regioni e delle Province Autonome. Dal 18 maggio 1996 al 22 dicembre 1999 ricopre la carica di ministro dell'Industria, del Commercio, dell'Artigianato e del Turismo nel Governo Prodi I. Dal 23 dicembre 1999 al 3 giugno 2001 ricopre la carica di ministro dei Trasporti e della Navigazione. Alle elezioni politiche del 2001 viene eletto deputato nel collegio 30 FidenzaSalsomaggiore; componente della X Commissione Attività Produttive della Camera. Alle elezioni europee del 2004 viene eletto parlamentare europeo nella circoscrizione nordovest. Dal 17 maggio 2006 all'8 maggio 2008, ha ricoperto la carica di Ministro dello Sviluppo Economico nel Governo Prodi II. Dal 9 maggio 2008 è ministro ombra dell'Economia per il Pd.

verno degli Stati Uniti. Nel 1999 ha fondato l'Ismett a Palermo, il primo centro trapianti di fegato in Sicilia. Nel marzo 2006 si è candidato come indipendente nelle liste dei Democratici di Sinistra per il Senato; nell’aprile 2006 è stato eletto Senatore della Repubblica Italiana e dal 6 giugno 2006 è stato presidente della XII Commissione Igiene e Sanità. Rieletto a Palazzo Madama alle elezioni politiche del 2008 con il Partito Democratico, è attualmente presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sull'efficacia e l'efficienza del Servizio Sanitario Nazionale, e membro della Commissione igiene e sanità del Senato. Come medico e uomo politico, Marino, di fede cattolica, afferma di avere una visione laica della politica e di mantenere sui temi etici una linea indipendente. Il 16 gennaio dello stesso anno aderisce all'appello lanciato dal Partito Radicale Transnazionale che, sull'esempio di quanto fatto negli Usa dal comitato inaugurale di Barack Obama, invita i cittadini italiani a dedicare un giorno di servizio alla propria comunità.

Maria Rosa Zanacchi: «Non ho ancora deciso quale sarà la mia scelta, mancano ancora parecchi elementi. Voglio vedere come si muoveranno i candidati rispetto alle alleanze e alla forma di partito. Avrei preferito venisse fuori una figura diversa, come candidato, qualcuno che portasse davvero elementi di novità. Sono contenta della candidatura di Martino, ma non credo sia il segretario ideale per il futuro».

Graziella della Giovanna

Graziella della Giovanna: «Sto leggendo con attenzione le mozioni, perché voglio fare una scelta motivata. Per ora posso dire che mi ha influenzata positivamente la freschezza della mozione di Marino, ma al contempo ammiro molto anche il candidato Bersani. Prima di scegliere, però, voglio vedere come si svilupperà il dibattito: vi saranno numerosi momenti di confronto, in cui si potrà scegliere in modo motivato. In ogni caso mi auguro che venga scelto un candidato che sappia portare avanti decisioni prese collegialmente».


6

Cronaca

Venerdì 31 Luglio 2009

Economia: lievi segnali positivi Ma il problema dell'occupazione e il calo del fatturato sono sempre più forti nel secondo trimestre 2009

S

di Laura Bosio

enza dubbio parlare di ripresa. è ancora presto. Non si può negare, però, che le cose inizino ad andare «meno peggio»: la caduta degli indicatori economici sta progressivamente rallentando. I dati che arrivano dall'indagine della Camera di Commercio relativa al secondo trimestre del 2009 - per il settore manifatturiero - portano così una lieve brezza di sollievo. La rilevazione, per quanto riguarda il settore industria, si svolge in collaborazione con l’Associazione industriali e, per quanto riguarda il settore dell’artigianato, con Confartigianato e Cna, e coinvolge ogni trimestre due campioni distinti di aziende del comparto manifatturiero per un totale di circa 200 imprese rappresentative di tutte le principali attività presenti in provincia. Le variazioni dei principali indicatori (produzione, ordini e fatturato) sono ancora quasi tutte negative e, soprattutto quelle tendenziali, con valori che restano importanti, ma sono in generale miglioramento rispetto al trimestre scorso. «I segnali incoraggianti non mancano» sottolinea il presidente della Camera di Commercio, Gian Domenico Auricchio. «Si rileva infatti un importante incremento della domanda estera (+8% rispetto al primo trimestre 2009) confermato anche dai dati riferiti all’intera Lombardia (+2%)». Un altro fattore importante riguarda le scorte: il livello si sta ormai riducendo, e questo dovrebbe creare le premesse per la futura ripresa della produzione. Infatti risulta crescere leggermente la percentuale di imprenditori che hanno aspettative di incremento della produzione per il prossimo periodo, pur rimanendo negativo il saldo tra chi prevede aumenti e coloro

Gian Domenico Auricchio, presidente della Camera di Commercio

che invece ritengono più probabile un’ulteriore diminuzione della produzione. Nel nostro territorio il calo produttivo praticamente si dimezza rispetto all’indagine scorsa, passando dal -2% al -1%, così come la domanda interna (dal -2,9% al -1,5%) ed il livello occupazionale che si riduce dell’1% contro il precedente -1,6%.

«Rimane un nodo che è fondamentale: il sostegno al credito» Rimangono ovviamente difficoltà sul versante del fatturato, -3,7% per quello di provenienza interna e -1,4% per quello estero, motivate dalla congiuntura negativa dei mesi passati. Purtroppo anche dal punto di vista lavorativo i problemi continuano a farsi sentire, prendendo di mira senza pietà le tasche dei lavoratori. «L’attuale difficoltà del mercato del lavoro pro-

vinciale è attestata anche dai dati sui ricorsi alla Cassa integrazione guadagni che continuano ad aumentare» spiega Auricchio: «si passa infatti dalle 484.000 di ore autorizzate negli ultimi tre mesi del 2008 alle 1.156.000 del primo trimestre 2009, per giungere alle 1.733.000 del secondo trimestre». Le variazioni tendenziali, rispetto cioè al corrispondente trimestre del 2008, rimangono negative e confermano i valori della scorsa indagine. I dati corretti per il differente numero dei giorni lavorativi indicano decrementi della produzione industriale del 6,4%, degli ordini interni dell'8%, del fatturato interno ed estero rispettivamente del 13% e dell’8% e un livello occupazionale in calo del 3,2%. Solo il dato sulla domanda estera presenta un positivo + 4% confermando il segno della variazione congiunturale. La provincia di Cremona riesce comunque a mantenere il proprio indice destagionalizzato (esso mostra la "tendenza" di una serie temporale in cui sono eliminate le oscillazioni periodiche a breve termine - fluttuazioni

stagionali) della produzione industriale abbondantemente al di sopra del dato di partenza: a quota 110 contro il 93,3 medio lombardo, risultato migliore fra tutte le province lombarde. «Il confronto delle variazioni tendenziali del livello della produzione con le altre province lombarde, ancora tutte negative, permette di notare come il dato di Cremona sia ancora tra i migliori e come l’attuale situazione continui a penalizzare maggiormente le province a più marcata vocazione industriale» sottolinea il presidente della Camera di Commercio. I dati sottolineano anche la tenuta del settore alimentare, che con il +1% è l’unico dato positivo, ed il comportamento migliore rispetto alla media dei “minerali non metalliferi” e del settore della carta. Tutti le altre sezioni di attività, senza particolari eccezioni, sono connotate dal segno negativo. Riguardo alla dimensione aziendale, si conferma la migliore tenuta delle imprese industriali di maggiore dimensione, con più di 200 addetti, evidentemente più attrezzate strutturalmente a sostenere gli impatti della crisi. Per le altre classi dimensionali il calo produttivo tendenziale è invece più consistente. Il clima recessivo del settore manifatturiero si riscontra anche nel comparto artigiano, dove però la situazione rimane negativa anche a livello congiunturale. Gli arretramenti si ripetono per tutte le variabili principali con la produzione al -3,4%, il fatturato e gli ordini interni oltre il -4%, occupazione a -1,8%. Neanche il settore estero dà all’artigianato quel segnale positivo commentato invece nell’industria e la domanda internazionale arretra sensibilmente nel trimestre dal +7% al -0,5%. «L’indagine relativa al secondo trimestre 2009 fa registrare qualche segnale incoraggiante ma non bisogna dimenticare che restano in-

certe la cadenza temporale e la forza della ripresa» dichiara Auricchio. «Indubbiamente le politiche attuate dagli enti pubblici anche a livello locale potranno sostenere la ripresa. A livello di stato centrale sono state prese misure per assicurare la liquidità del sistema finanziario, per rafforzare la stabilità delle banche, per sostenere la domanda e l'occupazione. A livello locale, come Camera di Commercio abbiamo deliberato di sostenere l’accesso al credito delle nostre imprese tramite la concessione di importanti finanziamento ai Consorzi fidi».

confermato anche il contributo “una tantum” pari ad 10mila euro a favore degli organismi che si aggregano in realtà più strutturate e più efficienti. Un occhio va al tema del lavoro: la Camera ha stanziato 100mila euro per interventi a sostegno dell’occupazione, da attuarsi in accordo con le forze sociali e con l’amministrazione provinciale. «Anche il sostegno all’innovazione deve essere incrementato: indubbiamente le imprese più innovative e in grado di operare creando alleanze sinergiche sono le meglio attrezzate ad affrontare la recessione» sottolinea Auricchio. « Per que-

La Camera di Commercio di Cremona

Dunque il rapporto con le banche è al primo posto tra gli interventi che verranno posti in essere. Per favorire l’accesso al credito delle imprese cremonesi la Camera ha deliberato un contributo di 300mila euro a favore degli organismi di garanzia fidi che si vanno ad aggiungere ai 500mila destinati all’operazione “Confiducia” e ai 240mila già erogati, sempre a favore dei Consorzi fidi di primo livello. E’ stato inoltre

sto abbiamo stanziato 120mila euro per il rifinanziamento del bando innovazione e 50mila per il rifinanziamento del bando “Innova retail», volto a favorire investimenti nelle imprese commerciali». Ulteriori 120mila sono stati inoltre destinati ad interventi volti a favorire l’internazionalizzazione delle aziende, per assecondare la tenenza positiva dell'aumento degli ordinativi esteri».

La protesta

Cadute verticali degli indicatori economici per le piccole e medie industrie. L'Api lancia l'allarme: «Servono misure eccezionali»

Marco Davò, direttore dell'Api

Il grido d'allarme sale dalle piccole e medie industrie, che sottolineano una situazione decisamente difficile. A sottolinearlo è il direttore dell'Api Marco Davò. «Nel semestre appena trascorso infatti rilevia-

mo cadute verticali e senza appello, dei principali indicatori rispetto alla seconda parte del 2008 che già manifestava un diffuso e pesante segno meno. Picchi negativi mai evidenziati dalle precedenti rilevazioni. Il 70% delle aziende denuncia una diminuzione della produzione, il 75% delle aziende accusa una diminuzione degli ordini, il 66% di aziende registra la diminuzione del fatturato, il 35% rileva una diminuzione della occupazione. Queste cifre non lasciano adito a particolari elucubrazioni: la crisi c’è stata e c’è ed è la più dura del secondo

dopoguerra. Considerando l’andamento della produzione risulta in aumento per il 4,92%, stazionario per il 21,31% e in diminuzione per il 70,49% delle aziende. Non ha risposto il 3,28%. L'andamento degli ordini è stato in aumento per il 5,74% delle aziende, stabile per il 15,57% e in diminuzione per il 75,41%. Il fatturato è stato in aumento per l’8,20% delle aziende, stabile per il 18,03% ed in diminuzione per il 65,57%. Il 51,64% delle aziende segnala una invarianza nei livelli della occupazione, che sono invece diminuiti per il 35,25% e sono risul-

tati in aumento per l’ 1,64%. Hanno effettuato investimenti nel semestre trascorso il 34,43% delle aziende, mentre il 59,02% non ne ha effettuati. Il 36,07% delle aziende denuncia un accesso al credito d’impresa uguale, mentre il 50,00% lo denuncia più difficoltoso e il 3,28% più agevole. «Un discorso a parte merita il rapporto con le banche. Esce confermato, anche in questa sede, che questo è attualmente il nodo scorsoio che rischia di strangolare le Pmi» continua Davò. «Stretta del credito, aumento dei tassi e dei

costi collaterali stanno mettendo in ginocchio la resistenza di una miriade di Pmi, già alle prese con un ricorso massiccio ed abnorme alla Cassa integrazione guadagni, tanto che è legittimo porsi la domanda di come sarà l’autunno alle porte, con il rischio tangibile che queste Casse si traducano in licenziamenti. I provvedimenti di politica economica assunti dal Governo per contrastare la crisi sono stati certamente utili, ma assolutamente insufficienti. La nostra semplice filosofia per la sopravvivenza è “in tempi eccezionali misure eccezionali”».


Conosciamoli meglio

Venerdì 31 Luglio 2009

7

francesco bordi 17 agosto 1960. DATA DI NASCITA: emona. CITTA' NATALE: Cr gato. STATO CIVILE: Coniu FIGLI: Si, tre. : Perito Agrario. TITOLO DI STUDIO di Cremona. ISTITUTO: Itc Stanga Chimica. TICA PREFERITA: MATERIA SCOLAS lla prevenzione. ATTIVITà: Tecnico de TA: Milan. SQUADRA preferi nte. INTERESSI: Ambie a. icletta, lettura e cinem ia aperta, gite in bic 'ar all a Vit S: IE BB HO r. ITO: Azione e thrille GRAFICO PREFER GENERE CINEMATO orico e thriller. IO PREFERITO: St GENERE LETTERAR za il rock. : Tutta, ma in prevalen MUSICA PREFERITA ITA: Documentari. LEVISIVA PREFER TRASMISSIONE TE EFERITO: Nessuno. , Edd & Eddy. TELEGIORNALE PR on, Spongebob e Ed ps Sim I : ITO ER EF O PR CARTONE ANIMAT : Primi. PIATTO PREFERITO

Francesco Bordi, con delega all'Ambiente, Energia e Rifiuti, parla delle sue idee su come tutelare una città sostenibile

Isola del Giglio. VACANZE IDEALI: are e non dire». UNA CITAZIONE: «F : «In questo momento da raggiungere che mi ero prefissato». ancora o ell un obiettivo ho già raggiunto tutto qu

Dagli uffici dell'Arpa a palazzo comunale

L

di Laura Bosio

a natura e l'ambiente sono la sua più grande passione, e quello di diventare assessore con delega proprio su questi temi era la sua massima aspirazione: Francesco Bordi, membro della lista Perri, è lanciato dentro la macchina amministrativa. La sua carriera. Era approdato alcuni anni all'Arpa - dove tuttora è dipendente - come tecnico della prevenzione. «Prima dell'Arpa ho lavorato all'Istituto zooprofilattico sperimentale della regione Lombardia ed Emilia Romagna, quindi all'Asl di Cremona al servizio veterinario» spiega l'assessore, che ricopre le deleghe alle Politiche ambientali ed Agenda 21, Politiche energetiche, Sviluppo sostenibile, Politiche di gestione dello smaltimento rifiuti e degli impianti di trattamento. Un assessore giovane in una giunta in cui l'età media è decisamente bassa, con un diploma di perito agrario e un passato politico notevole. Francesco Bordi è una persona comune, con interessi, passioni e hobby. CoFacendo due chiacchiere con lui scopriamo che è sposato ed ha tre figli, tifa per il Milan («Più che altro per abitudine, del calcio mi interesso poco»). Tra i suoi interessi principali ci sono la natura e l'ambiente. Ama la vita all'aria aperta, le gite in bicicletta, ma anche leggere e il cinema. «Apprezzo molto i film d'azione e i thriller, e anche nelle letture prediligo questo genere, insieme a libri di storia». Il neo assessore si dice complessivamente soddisfatto della sua vita.

L'assessore Francesco Bordi

«Ho militato nei Verdi Arcobaleno, poi sono passato a FI» «Obiettivi ancora da raggiungere? Con la nomina ad assessore credo di aver raggiunto tutto quello che volevo». Vediamo, allora, qua è il suo curriculum politico. «Ho iniziato a interessarmi di politica oltre 20 anni

fa: dapprima nei Verdi Arcobaleno, di cui sono stato l'ultimo presidente, prima che si riunissero con i Verdi del Sole che Ride. Sono stato anche uno dei soci fondatori dell'associazione Cremona Pulita, che era stata fondata per contrastare la nascita dell'inceneritore, e che aveva proposto il primo e unico referendum fatto a Cremona proprio contro questa struttura. Successivamente, sono entrato in Forza Italia in cui mi sono occupato delle politiche ambientali di Comune e Provincia di Cremona. Infine

avevo deciso di abbandonare ogni attività politica». Che cosa l'ha indotta a rimettersi in gioco? «Il fatto di aver conosciuto Oreste Perri: ho trovato in lui un'ottima persona da subito, e ci siamo trovati in una concordanza di obiettivi sulle politiche ambientali. Abbiamo le stesse idee. Così mi è venuto naturale seguirlo, e appoggiare la sua campagna elettorale, diventando membro della sua lista civica. Una volta vinte le elezioni, lui mi ha fortemente voluto all'assessorato all'Ambiente, e gli sono gra-

to della fiducia che ha voluto darmi». Come è stato il suo primo impatto con l'amministrazione pubblica? «E' stato devastante. Da fuori non ci si rende conto della complessità della macchina pubblica. Dalla mentalità di tecnico che avevo e che ho tuttora, ho dovuto cambiare cercando di diventare un po' più politico. Se coloro che vogliono diventare assessori provassero quest'esperienza solo per un mese, molti di loro abbandonerebbero quest'idea». Quali sono, ora, le sue priorità? «Al di sopra di tutto c'è la tematica relativa alla Tamoil. Subito dopo, a pari merito, ci sono molte altre tematiche: il problema del canile, quello del gattile e l'organizzazione del «Laboratorio energia» (una tre giorni importante, dedicata ai temi energetici). Fondamentale sarà rivedere le problematiche inerenti i rifiuti, il piano d'azione di Agenda 21, il piano di risanamento acustico. Da non trascurare, poi, il discorso ambientale della mobilità a Cremona: si vuole cercare una soluzione che ne riduca l'impatto, venendo però incontro ai bisogni della città». Qual è la sua idea di Cremona, ambientalmente parlando? «L'ordine prioritario è la pulizia urbana perché ci siamo resi conto che è una città abbastanza sporca. A questo proposito, a settembre inizieremo una collaborazione intensiva con Aem, e partirà una campagna di sensibilizzazione per i cittadini. Con Aem stiamo, inoltrem pensando anche di rivedere il discorso della raccolta differenziata. Cremona, sotto quel punto di vista,

è già a ottimi livelli, con percentuali che altre città neppure si sognano. Vogliamo però implementare ulteriormente e rafforzare il servizio».

Sei nuove centraline sparse per Cremona monitoreranno l'aria Quali sono le sue idee per il futuro di Cremona? «L'idea principale è quella di far nascere un ufficio che raggruppi tutti i problemi legati all'ambiente, e che si occupi del contatto diretto con i cittadini. Un altro momento importante sarà quello di fissare un incontro, entro la fine dell'anno, per la revisione del “Regolamento locale di igiene tipo” in cui si tratteranno tematiche come amianto, serbatoi interrati e via di seguito. Dovremo, poi, affrontare la nascita del Terzo ponte, che comporterà notevoli problematiche legate all'impatto ambientale. Anche se sul territorio comunale questa infrastruttura non toccherà zone di pregio ambientale in quanto passerà nell'area industriale, dovremo vigilare affinché ci si attenga alle prescrizioni di riduzione di impatto ambientale. Infine, tra le numerose cose che voglio mettere in atto il prima possibile, c'è quella dell'installazione di un sistema di controllo con quattro centraline fisse e due mobili, che permetteranno di tener monitorata l'aria in zone strategiche. Le centraline saranno collegate in rete e forniranno dati costanti sullo stato dell'aria».


8

Cronaca

Venerdì 31 Luglio 2009

Erano conservati male. Operazioni contro le frodi alimentari in tutto il Nord Italia

Sei tonnellate di formaggi sequestrate dai Nas in un discount di Cremona

F

di Sara Pizzorni

ormaggi e carni scadute o senza etichetta di tracciabilità, pane biologico addizionato con antimicotici vietati dalla legge, addirittura un´azienda di cosmetici che, forse a causa della crisi, si era messa a confezionare abusivamente cioccolatini. Sono alcuni dei casi più eclatanti tra le diverse irregolarità alimentari portate alla luce in diverse regioni del Nord Italia dai carabinieri del Nucleo antisofisticazione di Cremona. L´operazione «Cibo sicuro» ha portato complessivamente al sequestro di 900 tonnellate di prodotti alimentari e alla denuncia di circa 20 persone tra Lombardia, Piemonte, Veneto, Friuli, Liguria ed Emilia Romagna. A Cremona, gli uomini del maresciallo Raffaele Marongiu hanno sequestrato 4.628 confezioni di prodotti alimentari vari: formaggi, yogurt, dolci e latte conservati in frigoriferi a temperature di 12 gradi, anziché 4, come previsto dalla normativa sulla costituzione. Le 6 tonnellate di latticini, per un valore di 10mila euro, sono state requisite all'interno di un discount. I carabinieri hanno denunciato all'autorità giudiziaria due persone, i responsabili del punto vendita, per la violazione delle norme.

Il comandante dei Nas, Raffaele Marongiu

A Bagnolo Cremasco, invece, c'è stato il sequestro di oltre 26 mila confezioni di cioccolatini impacchettati abusivamente da una ditta di cosmetici, senza rispettare le norme igieniche. I controlli effettuati a Brescia hanno invece permesso di sequestrare 8mila chili di formaggio scaduti o mal conservati e di denunciare il responsabile di una ditta della zona. In provincia di Verona, il Nas di Cremona ha sottoposto a sequestro 24.300 confezioni di ravioli freschi, con funghi e grana padano, per un valore di 85mila euro circa, che riportavano sull'etichetta il logo del Consorzio Formaggio Grana Padano senza la prevista autorizzazione. A Lemignano, frazione del comu-

ne di Collecchio, in provincia di Parma, i militari hanno sequestrato in un grosso caseificio 300 chili di mozzarella, perché "sovraccarichi" di ricotta per aumentarne la resa, e oltre 835.200 chili di semilavorato per mozzarelle, per un valore di 3,5 milioni di euro, per mancanza di tracciabilità del prodotto. Tra i diversi casi scoperti nel milanese, parecchi riguardano l'adulterazione di formaggi a pasta filata, in cui finivano cellulosa microcristallina, biossido di titanio, latte in polvere e altre sostanze vietate. In due caseifici sono stati sequestrati 3,5 tonnellate di prodotti caseari in cattivo stato di conservazione e 2,7 tonnellate di formaggi con sostanze non ammesse durante la produzione. Quattro,

in questo caso, le persone denunciate. Sono state inoltre sequestrate 5.200 bottiglie di bevande analcoliche prodotte in America Latina, valore 12mila euro, contenenti additivi chimici oltre il limite consentito. I militari hanno anche denunciato per frode in commercio sette persone, titolati di altrettante aziende del capoluogo lombardo e dell'hinterland, accusate di aver prodotto e commercializzato integratori alimentari a base di fermenti lattici vivi: peccato che dei fermenti riportati sull'etichetta non ci fosse traccia. Nelle province di Genova e Torino, nella rete dei carabinieri del Nucleo antisofisticazione sono finite oltre 18mila confezioni di pane di segale integrale e farro addizionate con ortofenilfenolo, un antimicotico usato per gli agrumi. In un centro di imballaggio di uova in provincia di Treviso sono state sequestrate 40mila uova prive di etichetta regolare. In altri due stabilimenti di Trieste e Gorizia sono stati sequestrati oltre 30mila chili di prodotti caseari conservati e congelati in modo irregolare. Tutti i cibi sequestrati dal commercio saranno distrutti. Sull'operazione è intervenuto anche il Codacons per chiedere che ai responsabili di frodi alimentari «sia proibito per sempre di poter tornare ad operare in questo settore».

POLSTRADA

Federica Deledda, nuovo comandante

Farà il suo ingresso ufficiale il primo settembre presso il comando della polizia stradale di via Massarotti, il vice questore Federica Deledda, ormai ex vice comandante della Stradale di Brescia e da settembre comandante della polstrada di Cremona. La Deledda, 37 anni, nata a Cremona, sostituirà il collega Marco Tangorra, trasferito a Lucca. Federica Deledda, sposata con il collega di Brescia, Flavio, mamma di una bambina, ha seguito in tutto e per tutto la tradizione della sua famiglia, da sempre in polizia. E con ottimi risultati. Lascia Brescia dopo anni di lavoro passati principalmente in Questura. «Brescia mi ha dato molto anche a livello umano e io penso di avere dato il mio contributo sul fronte della sicurezza» ha detto la Deledda, distintasi sin da subito

alla sezione omicidi della Mobile. Numerose le operazioni bresciane portate a termine grazie al suo fiuto investigativo e alla capacità di dirigere la sua squadra creando motivazioni. Ora il vice questore Federica Deledda torna nella città in cui è cresciuta da ragazza prima di entrare in polizia. Per il momento farà la "pendolare" sull'asse Brescia-Cremona, poi si vedrà.

VIABILITÀ

Quei famigerati tombini Incuriositi dalla lettera giuntaci in redazione, a firma di una lettrice cremonese, siamo andati a vedere i famigerati tombini di via San Bernardo: abbiamo verificato che sporgono di alcuni centimetri dall'asfalto, rendendo il transito pericoloso per bici e motorini, e a rischio di danni per le autovetture. Speriamo che il Comune intervenga. Celermente.

Cerchi Lavoro? Offri Lavoro? Cerchi o offri lavoro? Contatta, con una mail, la redazione del Il Piccolo. In un momento di crisi economica, che ricade inevitabilmente sul mondo del lavoro (e colpisce soprattutto i giovani), cerchiamo di mettere in contatto le persone che vogliono lavorare e le aziende pronte ad assumerle. Un servizio gratuito che mettiamo a disposizione dei nostri lettori e delle aziende stesse. All’interno del nostro giornale, infatti, ospiteremo in uno spazio GRATUITO gli annunci di chi cerca e di chi offre LAVORO (anche interinale), con relativo recapito.

CERCHIAMO LAVORO

45enne in Mobilità, ultra decennale esperienza aziende multinazionali: customer care, back office,assistenza clienti pre e post vendita,commerciale,marketing, e-commerce. Ottima conoscenza della lingua Inglese e Francese parlata e scritta. Conoscenza PC,Internet, e-Commerce. Cerca lavoro impiegatizio e/o ufficio commerciale. Disponibile a trasferte e a viaggiare anche all’estero. Valuto offerte,se interessati: Massimo Tel 0373/90875, email: stargazer63@libero.it Ventottenne Ottima conoscenza della lingua inglese scritta e parlata, ottimo livello utilizzo PC (diploma E.C.D.L) Cerco un lavoro di tipo impiegatizio in cui posso sfruttare la mia conoscenza avanzata dell’inglese e, se possibile, essere a contatto con la gente. Tel. 0373-648250 e-mail: dianadario81@gmail.com Giovane neolaureato magistrale nel percorso traduttologico del corso di laurea in “Lingue e letterature europee ed extraeuropee” presso l’Università degli Studi di Milano, esperienza di un anno di lavoro in Francia come lettore di lingua italiana, insegnante precario con all’attivo 513 giorni di servizio preruolo, cerca occupazione, preferibilmente stabile, in cui poter mettere a frutto le competenze e le abilità linguistiche -e non solo- acquisite. Disponibile a trasferte Italia/ estero. Serio, motivato e con curriculum di tutto rispetto. Astenersi perditempo e ciarlatani. Tel. 339-8611559 Signora italiana, 36 anni, referenziata, molto efficiente, seria ed affidabile cerca lavoro come collaboratrice domestica. Disponibile una mattina alla settimana (h 9.00/13.00) e tre pomeriggi (h 13.00/16.00). Zona compresa tra Crema, Castelleone Soncino e limitrofi. Cell. 340 7164423 Simo.

OFFRIAMO LAVORO

AZIENDA SERVIZI ALBERGHIERI Cerca 10 cameriere ai piani con esperienza per hotel in Cremona. Inviare curriculum al fax 0444 926246 o info@cegalingroup.com

Scriveteci all’indirizzo: direzione@immaginapubblicita.it


Cronaca

9

Passaggi a livello, una croce per i cremonesi Venerdì 31 Luglio 2009

Le proteste dei cittadini, dell'Unione Consumatori e delle associazioni dei commercianti

U

di Elisa Milani

n suono come di campana: quello è il primo avvertimento, mentre il semaforo diventa rosso, e le sbarre iniziano a scendere, lente ed inesorabili. E' la croce degli automobilisti, quella dei passaggi a livello, che sul nostro territorio sono ben 91, su 146 chilometri di linee, per un totale di 5 linee ferroviarie.

Luigi Bellini, Unione Consumatori

16 sono situati su strade provinciali, 3 su ex statali e 72 su strade comunali. 44 su 91 sono in zone urbanizzate, con edifici nelle vicinanze, tali da condizionare la realizzazione di sottopassi o sovrappassi. I tempi di chiusura dei passaggi a livello variano dai 140 ai 290 minuti al giorno. cioè da 2 ore e 20 minuti a 4 ore e 50 minuti. A lanciare la protesta sono le associazioni dei consumatori, quelle dei commercianti, ma anche i cittadini stessi. «Il problema dei passaggi a livello

l'abbiamo rilevato da tempo, ed è una cosa inaudita e assurda» spiega il presidente dell'Unione Consumatori, Luigi Bellini. «Il problema maggiore sono i tempi: si abbassano le sbarre quando il treno arriva in stazione, piuttosto che alla partenza. In via Brescia si formano delle file chilometriche, specialmente nelle ore di punta. E spesso una volta che sono risalite le sbarre in vias Brescia, si chiudono quelle in via San Bernardo. Crea ingorghi e caos anche il passaggio a livello di via Milano che si trova a ridosso dell'incrocio con via Massarotti. Il cittadino ormai si è rassegnato, non ha più neppure la forza di lamentarsi». Un altro problema è legato ai tempi dei treni: i continui ritardi si ripercuotono sugli utenti fermi alle sbarre. «Spesso passo in via Brescia, e mi fa infuriare quando devo star fermo per un pezzo, per poi veder passare un treno con su pochissime persone.

Claudio Pugnoli, Ascom

Tempi d'attesa lunghissimi si vedono anche al passaggio a livello di Casalbuttano, un altro punto delicato». Ma le associazioni dei consumatori rilanciano la questione: «Il discorso passaggi a livello meriterebbe una campagna, per ricordare che le soluzioni esistono, e sono tecnicamente possibili» conclude Bellini.

Ernesto Fervari, Confesercenti

Anche i commercianti sono sul piede di guerra. «E' un discorso che riguarda la viabilità nel suo complesso» sottolinea Ernesto Fervari, presidente di Confesercenti Cremona. «Sono problematici, e spesso rischiano di intasare il traffico. Noi queste cose le facemmo notare fin dai primi tempi della giunta Corada, e infatti venne avviata una programmazione. Mi risulta che il passaggio a livello di via Persico sia già stato finanziato, e i lavori dovrebbero iniziare entro la fine dell'anno». Ma se da una parte l'eliminazione dei passaggi viene vista positivamente, per alcuni commercianti limitrovi c'è una preoccupazione le-

Passaggi a livello totali

91

Passaggi a livello su strade comunali

72

Passaggi a livello su strade provinciali

19

Tempi di chiusura minimi

141 min.

Tempi di chiusura massimi

290 min.

gata al passaggio delle auto. «Ad esempio, il bar che si trova a ridosso del passaggio a livello di via Persico, nel caso di realizzazione di un sottopasso, si troverebbe a non aver più nessuno che passa davanti al suo esercizio e teme di dover chiudere. Dunque bisogna trovare delle soluzioni prima di far partire i lavori, in modo che l'impatto per chi lavora in quelle zone non sia pesante. Mi au-

«L'anno prossimo si interverrà per eliminarli»

Il passaggio a livello di Via Brescia. Sotto, Francesco Zanibelli, assessore ai Lavori Pubblici

Zanibelli: «Partiremo da quello di via Brescia» Il Comune non sta con le mani in mano: il discorso dei passaggi a livello è tutt'altro che finito nel dimenticatoio. «Stiamo valutando quali dei passaggi a livello presenti in territorio comunale siano effettivamente eliminabili» spiega Francesco Zanibelli,

assessore ai Lavori Pubblici. «Bisogna verificare sia i costi che la fattibilità tecnica. Ad esempio,

quello in via Ghinaglia risulta il più difficile su cui intervenire, perché procedere ai lavori po-

trebbe portare a problemi di cedimenti strutturali per le abitazioni circostanti». Uno dei primi passaggi a livello sui quali il Comune interverrà il prossimo anno è quello di via Brescia. «Stiamo valutando l'ipotesi di aggirarlo con un sottopasso realizzato nella via accanto». E i costi per l'eliminazione? Decisamente ingenti: si parla di alcuni milioni di euro, forse anche una decina, per quanto ora sia difficile poter fare una stima. «Dovremo poi coinvolgere le Ferrovie dello Stato, che dovrebbero sovrintendere i lavori, per gestirli al meglio rispetto al transito dei treni». In questo discorso dovrà ovviamente rientrare anche la regione Lombardia, a cui il Comune farà riferimento per porre in essere una progettualità ben definita. «Sto pensando di creare un momento di incontro con l'assessore Cattaneo, a questo proposito» spiega Francesco Zanibelli. «Dopo quello di via Brescia, valuteremo anche gli altri».

guro che sappiano trovare soluzioni anche per quello di via Ghinaglia, che risulta essere problematico». A lamentarsi invece di quello di via Brescia - dove ogni dieci minuti c'è un treno che passa - è il presidente dell'Ascom, Claudio Pugnoli. «I passaggi a livello infastidiscono notevolmente, e tagliano la città in 3 o 4 porzioni. Una situazione che negli anni Duemila non dovrebbe

Tempi di attesa troppo lunghi e code infinite più accadere». A confermare il problema del nodo “via Brescia-via San Bernardo” sono anche le addette del Centro Studi di Cremona, situato proprio tra le due strade e i due passaggi a livello. «Spesso si rischiano anche incidenti, perché quando scendono le sbarre i semafori diventano lampeggianti, e le auto non sanno più come muoversi» sottolineano.

LA NATUROPATA RISPONDE di Ermanna Allevi

Diplomata presso la scuola di Naturopatia dell'istituto RIZA Iscritta alla FINR (federazione italiana naturopati RIZA) Cosa posso usare per le scottature da sole? Gianna Gentile sig. Gianna, la prima cosa, importante, sarebbe evitare le scottature, nel caso in cui non sia possibile provi a trattarle con Calendula Officinalis T.M. disinfiammante e lenitiva, 40 gocce in un bicchiere d’acqua e faccia delle spugnature fino alla scomparsa del dolore. In commercio trova anche la Calendula in pomata, molto più pratica ma con effetto un po’ meno immediato. Buongiorno gentilissima naturopata, per caso ho letto la sua rubrica su “Il Piccolo” e ho trovato molto interessanti le sue risposte e i suoi consigli. Per questo ho deciso di sottoporle il mio problema (…..). a suo parere i rimedi che mi sono stati consigliati sono adeguati? Possono portare benefici al mio quadro clinico? E’ possibile riuscire a diminuire l’Eutirox? E per l’amenorrea è possibile ristabilire il ciclo? Grazie Elisa Gentile sig. Elisa, le avevo chiesto un appuntamento perché l’argomento che lei ha sottoposto alla mia attenzione è complesso, le risponderò (in par-

te) cercando di essere semplice e concisa. Mi chiede se i rimedi che le sono stati consigliati sono adeguati e le dico che sì, ogni rimedio è specifico, ma sta anche assumendo rimedi per trattare problematiche che fanno parte degli effetti collaterali rispetto al malessere primario. Personalmente tratterei in modo diverso la sua situazione tenendo presente che le problematiche da lei sottoposte sono tutte in “ipo”, per questo oltre a prodotti specifici per il malessere di base (che lei, in parte, già sta assumendo) considererei anche che: il rallentamento dell’attività tiroidea è spesso il correlato somatico di un atteggiamento psicologico di rinuncia dell’espressione di sé, per questo le suggerirei anche un fiore che aiuta a sviluppare la capacità di esprimere e realizzare sé stessi al fine di migliorare anche la funzione tiroidea. Se l’associazione della terapia allopatica più i rimedi naturali da lei utilizzati faranno rientrare i valori, sarà il suo medico a decidere se ridurre e/o sospendere la cura. Le ricordo che il naturopata è una figura di sostegno al benessere, ma è sempre il medico che fa la diagnosi e stabilisce la cura.

Ermanna Allevi risponde alle vostre domande scrivendo a

info@naturopatia-cremona.com

Oppure a: ilpiccolocremona@fastpiu.it Riceve a Cremona in via Pallavicino 6 - tel. 0372-412372.


10

Azione disciplinare per la Forleo: ha lasciato 4.753 processi pendenti

Cronaca

Venerdì 31 Luglio 2009

S

di Sara Pizzorni

i profilano nuovi guai per il gip Clementina Forleo. Il magistrato milanese, dopo esser stato trasferito d'ufficio dal Csm per incompatibilità ambientale, dovrà difendersi da una nuova azione disciplinare della Procura generale della Cassazione. Secondo la Pg della Cassazione, il giudice, che lavora a Cremona, avrebbe violato «i doveri di diligenza e laboriosità perché avrebbe ritardato in modo reiterato, grave e ingiustificato il compimento di atti e l'adozione di provvedimenti relativi all'esercizio delle proprie funzioni di giu-

Il gip Clementina Forleo

dice per le indagini preliminari». Nel suo vecchio ufficio di Milano, la Forleo ha lasciato infatti un'eredità pesante: un arretrato di 4.753 procedimenti pendenti. Il giudice si è

difeso sottolineando la complessità dei procedimenti di cui, in quel periodo, si è occupato, come quelli sul terrorismo internazionale e sulle scalate bancarie, «ai quali si è dovuto dedicare - sono pa-

Alberto Spagna in Cna alimentare Lombardia Il cremonese Alberto Spagna, rieletto nelle scorse settimane a presidente della Cna alimentare di Cremona, è entrato a far parte della presidenza di Cna alimentare Lombardia. La nomina è avvenuta durante l’assemblea regionale tenutasi negli scorsi giorni a Milano. E’ un importante riconoscimento per l’unione cremonese che, dopo soli due anni dalla sua costituzione, entra nel prestigioso organo regionale. Cna Alimentare Cremona, nasce infatti nel ottobre del 2007, grazie alla volontà delle numerose imprese alimentari iscritte all’asso-

ciazione che, dopo aver realizzato diverse iniziate, hanno deciso di dare vita al raggruppamento. Anni che dal 2007 ad oggi, sono stati di attività intensa, indotta anche dal lavoro dell’unione regionale che ha sempre fornito spunti cui attingere, per poi calare nelle attività territoriali, le iniziative locali.Insieme al presidente Spagna, fanno parte della presidenza cremonese il Vice Presidente Giuseppe Scolari dell’azienda Caffè Scolari di Cremona, Elisa Lazzaroni dell’impresa Punto e Pasta di Corte de’ Cortesi, Giuseppe Carletti titolare dell’omonima ditta di

Vacanze a rischio e/o sfumate UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI Comitato di Cremona Piazza San Michele, 2 Tel. e Fax: 0372/28370

I fatti - e misfatti - di questi ultimi giorni richiederebbero ben altro che una breve norta! Cercheremo tuttavia di fare una sintesi utile per chi si trova nella situazione specifica di aver prenotato vacanze ed or si ritrova a casa, senza niente di più di un pezzo di carta; oppure di quanti, avendo versato una somma - e spesso l'intero importo del viaggio - ora si ritrovano nel dubbio di partire per le pessime notizie che giungono spesso dai luoghi in cui era previsto il viaggio in tema di "influenza suina." Per prima cosa diciamo subito che è di fondamentale importanza un'attentissima lettura della documentazione rilasciata dall'Agenzia, tenendo presente che esistono due tipi di “caparra” e cioè la "confirmatoria" e la

"penitenziale". Se si tratta di quest'ultima non ci sono problemi in quanto si perde l'importo versato e tutto finisce lì... Nel caso invece della "confirmatoria" la cosa è più complicata, per cui quanto meno bisognerebbe: a) verificare bene se proprio esistono condizioni di pericolo tali da far rinunciare al viaggio; b) chiedere - se mpre e soltanto a mezzo raccomandata a/r di dirimere la coontroversia eventuale in sede di Commissione di Conciliazione specifica o della Camera di Commercio; c) tener presente che neppure per le controparti è semplice ed automatico ottenere la condanna; d) tener presente che i tempi della giustizia ordinaria sono sempre lunghissimi e che sinoa dopo metà settembre tutto è fermo.

Pescarolo, Marco Facchini dell’azienda il Cascinetto di Salvirola. «Sono felice e orgoglioso» ha affermato Alberto Spagna «che l’Unione della Cna alimentare di Cremona abbia avuto il riconoscimento che merita a livello regionale. Il lavoro da fare è tanto e non sarà facile, ma riuscendo a “fare forza e fare squadra” si possono ottenere grandi soddisfazioni. Il nostro settore è un settore ricco di diversità: i lavori e le aziende diversi fra loro e le idee e i progetti non possono che non essere differenziati a seconda dell’attività di ognuno».

role del suo legale - con un impegno fuori dalla norma». E intanto non si ferma il braccio di ferro tra il Csm e l'ex gip. Il plenum di Palazzo dei Marescialli ha deciso infatti di impugnare davanti al Consiglio di Stato la sentenza con la quale nel maggio scorso il Tar del Lazio aveva annullato il trasferimento d'ufficio disposto dal Csm un anno fa a carico del giudice e di chiedere la sospensione della sua esecuzione. Erano state soprattutto le denunce della Forleo, rilasciate a stampa e tv, sull'esistenza di poteri forti che avrebbero interferito nella sua attività giurisdizionale all'epoca in cui si occupava delle inchieste sulle scalate bancarie, a spingere il Csm a trasferirla d'ufficio. Decisione annullata dal Tar del Lazio, che ha accolto il ricorso dell'ex gip milanese: secondo i giudici amministrativi di primo grado, quel trasferimento venne deciso «in carenza dei presupposti previsti dalla legge». Interpretazione contestata dai consiglieri di Palazzo dei Marescialli, che a maggioranza hanno deciso di impugnare il provvedimento: «Il trasferimento d'ufficio è apparso al Csm» è scritto tra l'altro nella delibera approvata dal plenum «come indispensabile per la restaurazione della credibilità, dell'autorevolezza e dell'imparzialità dell'amministrazione giudiziaria». Sono questi i "principi" ai quali l'organo di autogoverno si è attenuto, svolgendo una «completa ed esaustiva istruttoria» su «fatti realmente incidenti».

DALLA PARTE DEI CITTADINI

di Damiano Talamazzini

Responsabile Provinciale Patronato Epaca

Questa rubrica rappresenta un luogo d'incontro a disposizione dei nostri lettori, nato per rispondere a dubbi e quesiti in materia di diritti previdenziali e assistenziali. Le lettere rivolte al Patronato Epaca possono essere indirizzate alla nostra redazione, per posta o via e-mail, oppure direttamente al Patronato Epaca (epaca.cr@ coldiretti.it). Egregio Responsabile del Patronato Epaca, i familiari di un cittadino extracomunitario deceduto a causa di un incidente stradale hanno diritto ad accedere ad un risarcimento del danno anche se risiedono all’estero? I familiari superstiti del cittadino extracomunitario deceduto in un incidente stradale hanno diritto ad accedere al risarcimento del danno a prescindere dalla cittadinanza e senza la verifica della condizione di reciprocità. Il principio di reciprocità di cui all'art. 16 delle preleggi non può trovare applicazione nei casi di richiesta di risarcimento del danno a carico del Fondo di garanzia per le vittime della strada da parte di un cittadino straniero non comunitario, in seguito al decesso di un familiare a causa di un incidente stradale con un veicolo non identificato. Trattandosi di un risarcimento del danno legato alla tutela di diritti fondamentali come quelli alla vita, all'incolumità e alla salute, esso va assicurato senza alcuna disparità di trattamento a tutte le perso-

Via la pensilina: ripararla sarebbe un costo inutile La promessa fatta in campagna elettorale sarà mantenuta. La pensilina di Piazza Stradivari sarà o smontata o definitivamente demolita. E’ stato il sindaco Oreste Perri ad annunciarlo. «All’amministrazione la riparazione costerebbe circa 50mila euro, sarebbe un costo inutile e la manutenzione sarebbe molto costosa» ha detto. «Vista la programmazione di eventi, stiamo valutando quale possa essere il periodo migliore per aprire il cantiere» ha continuato l’assessore ai lavori pubblici Francesco Zanibelli. «Avrà la durata di una sessantina di giorni. La tensostruttura sarà smontata con il nuovo anno, pensiamo a febbraio. Se ci saranno enti che ce la chiederanno, la stoccheremo nell’ex area del Macello. A carico loro sarà il rimontaggio, altrimenti verrà demolita». Contestata, contrastata, fin dal suo primo apparire nel bel mezzo di piazza Straviari nell’ormai lontano dicembre 1998, la pensilina fu fortemente voluta dall’amministrazione di Paolo Bodini. La struttura fu oggetto anche di un sondaggio rivolto ai cittadini. Sondaggio voluto dallo stesso Bodini, i cui risultati furono resi noti nel ‘99. E la bocciatura fu netta: la pensilina non piaceva ed era inutile per il 48% dei cremonesi, non piaceva ma era considerata uti-

le dal 20%, piaceva ma era considerata inutile dal 5%, piaceva ed era considerata utile dal 21% degli interpellati. Ma nonostante il parere contrario dei cittadini, la struttura rimase dov’è. Ci ha pensato Perri, da buon canoista, a dare una rapida virata alla vicenda. «Non si tratta di togliere un’opera perché fatta dalle precedenti amministrazioni, ma perché è la gente che ce lo ha suggerito» ha concluso il primo cittadino. A settembre sarà predisposto anche quel concorso di idee, rivolto ai cremonesi, per riqualificare la piazza. «Crediamo molto a questo bando. Per una questione di metodo vogliamo ripartire dalla ricerca della bellezza, ci vogliamo misurare con la città» ha spiegato la scorsa settimana il vicesindaco con la delega all’urbanistica Carlo Malvezzi. «E con questo concorso ci vogliamo misurare con tutti. Sì ai professionisti, ma anche ai giovani architetti e geometri. Dobbiamo uscire dalla logica degli incarichi degli amici degli amici, e far mettere le ali ai nuovi talenti». SG

“LA PAROLA ALL’AVVOCATO” è sospesa durante … il periodo di sospensione feriale dei termini processuali previsto dall’art. 1 della legge 7 ottobre 1969 n. 742 (dal 1 agosto al 15 settembre di ciascun anno). La rubrica riprenderà regolarmente a partire dal 18 settembre 2009. Buone vacanze a tutti.

Incidente stradale mortale, come ottenere il risarcimento

ne, indipendentemente dalla cittadinanza comunitaria o extracomunitaria. La Corte di Cassazione in proposito è chiara: gli immigrati non devono essere considerati cittadini di “serie B”, e se muoiono a causa di un incidente stradale va assicurato un congruo risarcimento ai familiari, anche se risiedono all’estero. La quarta sezione penale della Suprema Corte si è così pronunciata a seguito del ricorso presentato da alcuni familiari di un cittadino straniero deceduto per un incidente stradale. La loro richiesta di risarcimento danni per la morte del congiunto era stata negata dalla Corte d’Appello, per il motivo che essi non sono residenti in Italia. La Corte di Cassazione ha invece accolto la loro richiesta, e alla base della motivazione c’è il principio che se il cittadino straniero in vita ha gli stessi diritti d un cittadino italiano, perché ad altri soggetti suoi congiunti dovrebbero essere negati gli effetti giuridici dopo la morte? Negare il risarcimento ai parenti di un cittadino straniero deceduto per incidente nel nostro Paese significherebbe non considerare la perdita, anche economica, che queste persone subiscono. Se si negasse il risarcimento, a questo punto la vita umana di un cittadino straniero non avrebbe lo stesso “valore” di quella di un cittadino italiano. Senza dimenticare che il rapporto dello straniero con il nostro Paese non è quasi mai occasionale, ma dovuto ad una richiesta di lavoro dal quale l’Italia stessa trae notevoli benefici. La Suprema Corte ha così stabilito un importante principio in

materia di discriminazione fondata sulla nazionalità nell’ambito di un procedimento penale per omicidio colposo a seguito di incidente stradale. Così ha parlato la Corte, con questa sentenza che va ad unirsi ad altre che tentano di mettere ordine nel complicato ambito del diritto dell’immigrazione. Si tratta di una branca del diritto assai difficile, perché tocca i diritti, ma anche le coscienze. Ed essendo questa differente da persona a persona, diventa più arduo trovare punti di incontro. Gli immigrati non sono cittadini di “serie B”, e quindi se hanno diritti in vita, è legittimo che li abbiano anche quando muoiono. La decisione della Corte sembra più che giusta, e le sue pronunce risuonano spesso come veri e propri principi di diritto. Per maggiori informazioni e chiarimenti i nostri uffici Epaca in Cremona e provincia sono a disposizione di tutti i cittadini interessati. Sempre disponibili per tutti i Cittadini interessati, per fornire un'adeguata informazione, consulenza e chiarimenti, i nostri uffici Epaca in Cremona e Provincia, si trovano: • CREMONA Via D. Ruffini, 28 (adiacente Hotel IBIS) Tel. 0372/435620 • CREMA Via Macello, 34 Tel. 0373/256501 • CASALMAGGIORE Via Cairoli, 3 Tel. 0375/42132 • SORESINA Via Matteotti, 12 Tel. 0374/342329 • CREMONA Via Ala Ponzone, 8 Tel. 0372/499811


News

Venerdì 31 Luglio 2009

Tempo di vacanze, tempo di spostamenti

Attenzione ai Tutor autostradali

T

empo di vacanze, che sia mare lago o montagna, il mezzo per raggiungere le località di villeggiature di gran lunga preferito dagli italiani rimane pur sempre la macchina e quindi l’autostrada. Allora attenzione ai limiti di velocità, perché sono sempre più numerosi i tratti autostradali vigilati dal Tutor, il sistema di rilevamento automatico della velocità. In questi giorni sono stati installati nuovi Tutor. I tratti autostradali interessati sono: A8, tra Busto Arsizio e Origgio Ovest in direzione sud; A8, Legnano e Gallarate in direzione nord; A30, tra Nola e Castel San Giorgio in direzione sud; A30, tra Nocera Pagani e l’allacciamento A30-A1 in direzione nord.

Cantone e Busalla in direzione sud; A7, tra Genova Bolzaneto ed Isola del Cantone in direzione nord; A26, tra l’Allacciamento A26 direzione Predosa-Bettole e Ovada in direzione sud; A26, tra l’al-

È stata inoltre estesa, fa sapere la Società Autostrade, la copertura in A7 ed in A26. In particolare sono le tratte su: A7, tra Isola del

lacciamento A26-A10 e l’allacciamento A26-direzione Predosa-Bettole in direzione nord. Dopo queste nuove instal-

Sono sempre più numerosi e rilevano automaticamente la velocità

lazioni il Tutor arriva, ad oggi, ad essere attivo su ben 2.220 km della rete autostradale. Questo nuovo sistema di rilevazione nasce nel 2004, quando Autostrade per l'Italia avvia lo sviluppo del progetto sulla base di un'idea condivisa con la Polizia Stradale e le Associazioni dei Consumatori. Dopo una fase di sperimentazione, viene sottoposto all'iter di omologazione ministeriale, conseguita nel dicembre 2004. Parte così il primo strumento in Italia che consente il sanzionamento automatico delle violazioni dei limiti di velocità senza la presenza su strada dell'agente di Polizia. Questo sistema, infatti, riesce autonomamente a rilevare la velocità media di un veicolo. A differenza dei sistemi tradizionali, il Tutor permette di rilevare l'eccesso di velocità come comportamento abi-

tuale di guida ed è, inoltre, in grado di funzionare in qualsiasi condizione atmosferica e di illuminazione (di notte, con pioggia, in presenza di nebbia con visibilità fino a 30/40 metri). Inoltre è uno strumento, come detto, completamente automatico. Funziona grazie a sensori e portali con telecamere, che sono in grado di rilevare la velocità media lungo tratte autostradali di lunghezza variabile, tra 10 e 25 Km. La velocità media è calcolata in base al tempo di percorrenza: il sistema monitora tutto il traffico e ne registra gli orari di passaggio sotto i portali posti all'inizio ed alla fine della tratta controllata. I dati relativi ai veicoli la cui velocità media non supera quella consentita vengono automaticamente eliminati. Mentre per chi ha percorso il tratto rilevato ad una velocità superiore ai limiti, scatta una proceduta che porta ad individuare attraverso la targa il proprietario del veicolo al quale giungerà la multa. Dato che le multe sono salate, non rovinatevi le vacanze. Guidate rispettando i limiti e occhio ai Tutor.

Febbre da Superenalotto. Montepremi ricchissimi. Ma il vero vincitore è lo Stato

Il banco vince sempre

Sono tanti i milioni in palio per il Superenalotto, ma chi guadagna di più è sicuramente lo Stato, che solo nella settimana dal 21 al 25 luglio ha incassato in giocate la ragguardevole cifra di 129 milioni di euro, con un aumento del 42% rispetto all’estrazione di tre settimane prima. Lo Stato ha in-

11

Pillole...

L’Europa invasa da 20 euro taroccati

Pericolo banconote false

Sono le banconote da 20 euro quelle maggiormente falsificate. E l'Europa ne è invasa. Sono realizzate in modo quasi impeccabile con i più avanzati sistemi della tecnica tipografica. La conferma di questo impressionante giro gestito da abilissimi falsari dopo un maxisequestro di banconote per 7,3 milioni di euro trovate in una stamperia in provincia di Caserta. Si tratta di falsari molto abili, dotati di apparecchiature sofisticate. La scelta della “pezzatura” piuttosto bassa della banconota, venti euro, sarebbe indice secondo gli esperti e anche secondo il Codacons, della crisi che sconsiglia di utilizzare banconote di maggior va-

lore nominale. E infatti la banconota tarroccata da 20 euro supera tutte le altre. Le regioni di maggiore diffusione sono quelle del Nord, seguite dal Centro e dal Sud. Per scoprire le banconote false dato l’alto livello “qualitativo” raggiunto dalle stamperie clandestine: bisogna fare molta attenzione alla filigrana, ai registri di stampa sia fronte che retro, alle microscritture che devono essere sempre molto nitide ed alla lamina oleografica. Si ipotizza che, per far fronte al fenomeno, le autorità bancarie europee siano intenzionate a cambiare i tagli delle banconote per rendere più difficile la vita ai falsari.

somma trovato una fonte di entrate impensabile fino a qualche anno fa, una gallina dalle uova d’oro, dato che l’erario col Superenalotto ha la più alta percentuale di guadagno. Sono ben 1,4 miliari di euro i soldi incassati dallo Stato, frutto delle giocate degli ultimi sei mesi.

Allatta davanti a tutti: cacciata Peccato che sia accaduto proprio in un family hotel di Madonna di Campiglio

Un gesto naturale come l'allattamento che dà scandalo. Con tutto quello che succede in tv e su internet... Cosa è accaduto? Una mamma allatta al seno la sua bimba in hotel e il direttore d'albergo le chiede di «nascondersi», e spiega: «Non è colpa mia se qualche cliente ha protestato». A rivelare la vicenda è stata Roberta Rossini, cardiologa trentaseienne di Bergamo, sposata con un collega e madre di due bimbe, che in una lettera al "Corriere della Sera" ha raccontato la "discriminazione" subita durante una breve vacanza a Madonna di Campiglio. «Mio marito ed io — spiega la dottoressa — viaggiando spesso per lavoro, con le

nostre bimbe al seguito nel limite del possibile, ci siamo resi conto che l'accoglienza negli alberghi standard non è molto favorevole ai più piccini. Anche per questo motivo, in vista della vacanza in

montagna, avevamo selezionato un family hotel, a 4 stelle. Scelta azzeccata. L'albergo di Madonna di Campiglio si è rivelato all'altezza delle aspettative, per quanto riguarda i servizi e l'attenzione

ai bambini. Poi, è accaduto quell'episodio, davvero sgradevole. Premetto che non sono un'esibizionista né una femminista spinta. Anzi. Tengo al rispetto e alla sensibilità degli altri. Dunque, ero solita allattare la piccola Bianca in camera, prima di scendere al ristorante. In due occasioni soltanto, mentre eravamo già seduti al tavolo, è capitato che la bimba si mettesse a piangere. Allora, l'ho presa in braccio e, con discrezione, l'ho allattata per pochi minuti al seno; si è addormentata, l'ho rimessa nella carrozzina». Fin qui i fatti. Le rimostranze arrivano la sera successiva. Alla faccia del family hotel.

Gli italiani sono delusi dalle ferie estive

Un vacanziere su 5 torna a casa scontento «Un italiano su 5, al ritorno, denuncia ritardi, problemi con le strutture ricettive o depliant ingannevoli», sostiene Carlo Rienzi, presidente dell’associazione dei consumatori. Quindi Il 20% degli italiani, stando alle stime del Codacons, torna a casa dopo le ferie non contento della villeggiatura. Sempre per Il Codacons che ha elaborato una classifica delle lamentele: al primo posto i turisti italiani si lamentano dei trasporti (cancellazione voli, perdita bagagli), mentre al secondo ci sono le agenzie di viaggio che non mantengono ciò che promettono. Le proteste sono soprattutto per i cataloghi non conformi alla realtà, ma in questo caso la responsabilità, più che delle agenzie, è dei tour operator.


12

Con la collaborazione di

Venerdì 31 Luglio 2009

COSTUME & SOCIETÀ

http://informagiovani.comune.cremona.it

Pianeta Giovani

Minorenne avvisato... mezzo salvato

E’ entrata in vigore a Milano la legge che multa gli under 16 trovati a bere bevande alcoliche, anche in altre città pensano di introdurre la restrizione

D

di Diego Corsini

allo scorso week end nella città di Milano, è entrata in vigore una legge che impone a qualsiasi minore di 16 anni trovato dalle forze dell’ordine mentre assume bevande alcoliche, una multa di 450 euro e la stessa somma la dovrà pagare anche il commerciante che ha fornito il minore la bevanda alcolica. E' ciò che ha deciso il sindaco di Milano Letizia Moratti, dopo che la Giunta del Comune da lei rappresentato ha approvato la sopraindicata sanzione. Tale legge ha ottenuto il plauso di svariate cariche dello Stato, tra cui il presidente del consiglio Silvio Berlusconi, che recentemente ha affermato: «Da Milano sempre buone idee,

provvedimento saggio e legato alla prevenzione della salute e dell’educazione dei più giovani». Sulla stessa linea d’onda è il presidente della provincia di Milano Guido Potestà che, apprezzando la medesima, auspica anche un’attuazione della stessa nei 138 Comuni facenti parte la provincia della città meneghina. Anche i sindaci di altre città ammirano questo decreto e lo vorrebbero attuare anche all’interno delle proprie mura, prima su tutti è la città di Genova che a breve adempirà a tale direttiva. Come al solito a ogni imponente decisione ad opera delle amministrazioni il popolo si divide; molti sono a favore di tale provvedimento e indicano il medesimo come una accurata azione dello Stato su un problema attuale e ampiamente svi-

luppato nel mondo giovanile, altri invece sono contrari e reputano tale legge come l’ennesima scusa per derubare le tasche dei poveri genitori che, ignari del comportamento dei figli, si vedono togliere parte dello stipendio per un reato del quale non ne erano consapevoli.

A mio modesto parere credo che la somma imposta sia un po’ eccessiva e in ogni caso fare carico di questa ingente valuta sui genitori di ragazzi ancora troppo giovani per capire l’errore che stanno commettendo, non è sicuramente il modo migliore per affrontare il problema; ciò

MUSICA: E’ l’ultimo album del dj più gettonato del momento

Bob Sinclar... Born in 69

“Born in 69” è il titolo dell’ultimo album del dj più popolare del momento a livello internazionale, Bob Sinclar. Molti lo hanno soprannominato “Mr. Wind” dato che nel nostro paese ogni sua canzone è utilizzata come colonna sonora nella pubblicità dell'omonima compagnia telefonica. Ma il signor Bob, all’anagrafe Christophe Le Friant (nella foto), è molto più di un semplice tormentone pubblicitario. Attivo dall’86, nel ’98 è uscito il suo primo album, “Paradise” e da allora il dj francese nato a Douarnenez, ha sfornato decine

MODA

Siete davvero sicuri di sapere tutto per essere al top anche in spiaggia?

di successi, tra i quali ricordiamo “Love is the answer”, nel ’91, “Love generation” nel 2005, “Rock this party” nel 2006, “Sound of freedom” nel 2007 e il tormentone di quest’estate “La la song” scritto in collaborazione con la Sugarhill Gang. “Born in 69” è sicuramente uno degli album meglio riusciti di questo dj internazionale, disco allegro e festoso, che farà saltare tutte le piste del mondo. Abbordabile anche il prezzo: 15 euro per un album che vanta al suo interno ben 12 tracce.

Appuntamenti Sabato 1 agosto Al cocktail bar “Zanzibar” di Crema, in via Miglioni, si tiene il concerto della "Matteo Lotti band", per una serata all’insegna del divertimento, dove il “cantare tutti insieme” la fa da padrone. Un repertorio vastissimo proposto dal cantate di Treviso (nella foto) e dalla sua band, che spazia dal pop al rock, dal reggae alla musica leggera, in uno spettacolo emozionante e mai banale. Inizio del concerto alle ore 21.30.

Happy hour a Cantoon Fumaana

Una nuova realtà invade la città del Torrazzo. Presso il ristorante “Cantoon Fumaana” di Persico Dosimo, località a 4 km da Cremona, è nata “L’isola che non c’è”, un evento più che un locale, che propone una assoluta novità. Ogni domenica, infatti, si tiene presso la piscina del medesimo locale, un aperitivo, con un ricco buffet, un dj set live e una innovativa quanto curiosa animazione. Tutto ciò inizia dalle 18.30 di ogni domenica d’estate, ma già dal primo pomeriggio c’è la possibilità di godere della vasta piscina che il ristorante offre, all’interno del suo giardino, per un

non toglie però che il problema vada affrontato di petto da parte delle autorità e al più presto possibile. In conclusione mi sento di far notare ai lettori, che la legge contro il consumo di alcolici da parte dei minori di 16 anni esiste già e impedisce a ogni esercente pubblico o privato di ven-

dere qualsiasi bevanda alcolica ai minori di tale età, dove nel momento in cui un minorenne si avvicina al bancone di un bar e chiede una birra, un cocktail o quant’altro, sta già commettendo un reato, e il barista deve fargli presente che tale bevanda non è a lui consentita. In caso contrario, se il minore sarà fornito di tale bevanda, a doverne fare le spese sarà colui che ha svolto l’inopportuno servizio. Con ciò non voglio giustificare questo comportamento, qualunque sia la quantità di alcol consumata a qualunque età voi la consumiate, fa sempre male, ma prima di approvare nuove leggi, credo sia necessario far rispettare le leggi che già sono scritte in quel libro nominato da tanti ma letto da pochi, chiamato Costituzione.

bagno rigenerante o semplicemente per crogiolarsi al sole aspettando la festa imminente. Tale innovazione è stata pensata, gestita e organizzata da Luca Nicoletto, titolare del “Caffè della Galleria”, locale situato in Galleria XXV Aprile a Cremona, il quale ha deciso di portare anche nel Cremonese una nuova realtà già presente in moltissime località marittime e del lago di Garda. “L’isola che non c’è” darà una svolta alle nottate cremonesi, in quello che si pone come evento principe della bella stagione ed in particolare nel mese più caldo come agosto.

Giovedì 6 agosto "Andar per Musica" è una rassegna internazionale di folk contemporaneo, giunta alla 25ª edizione, affermatasi come una tra le più longeve in Italia e confermatasi tra le più importanti del genere in Europa. Si tratta di una trentina di eventi sparsi sul territorio bergamasco, ambientati in luoghi che hanno per la maggior parte una grande valenza storica, artistica e turistica. L'appuntamento per la sera di giovedì 6 agosto è a Spinone al Lago presso il lungolago Marinai d’Italia, dove si esibisce la Wolfstone, ovvero la più celebrata band di folk rock che arriva direttamente dalla Scozia.

Come vestirsi sotto l’ombrellone

Molti degli articoli che hanno caratterizzato questa pagina, avevano una natura prettamente maschile, e sicuramente molte ragazze non gli hanno giustamente prestato attenzione. Stavolta, invece, abbiamo deciso di dedicare un intero articolo al gentil sesso, che spero apprezzerà. I tormentoni dell’estate è meglio conoscerli sia per seguirli, che per evitarli. Se sposate la prima corrente di pensiero dovete portarvi in valigia dei costumi e vestiti con i pois: è il must di questa stagione estiva. Secondariamente non dimenticatevi gli eterni e mai fuori moda shorts, scegliete voi la lunghezza che meglio vi aggrada, anche se la moda di quest’anno impone gli hot-pants americani da abbinare a bikini ridotti con paillettes. In ogni caso, l’imperativo dell’estate 2009 è: vestitevi da “pin up”, tutte con gonne svasate, occhialoni, zeppe e cap-

pello a tese larghe. Mai come quest’anno sono tornati gli anni '60 a farla da padroni. Per quanto riguarda la tecnologia, invece, quest’anno va di moda la web cam in spiaggia: per giocare e per servire al meglio i clienti degli stabilimenti balneari. Le telecamere saranno collegate al web sia per parlare con gli altri ombrelloni, sia per ordinare un drink al bar. La moda ovviamente arriva da Riccione, città principe del divertimento giovanile. E sempre dalla città romagnola arriva un’iniziativa anche per i più sfortunati: si chiama “Abbronzati o rimborsati” ed è un progetto nato da alcuni bagni posti sul litorale, dove se avete prenotato un ombrellone per tutta la settimana, e proprio durante quella settimana il tempo inclemente si presenta nuvoloso, il bagnino del bagno vi rimborserà la cifra pagata per il servizio. D.C.


Salute

Venerdì 31 Luglio 2009

GLI ORARI

PRESIDIO OSPEDALIERO DI CREMONA CUP Centro Unificato di Prenotazione Dove: padiglione n. 12, a fianco del Centro Prelievi, prospiciente Largo Priori Orari di apertura al pubblico: lunedì - venerdì dalle 7.30 alle 18.00 in orario continuato, il sabato dalle ore 8.00 alle ore 12.00; Prenotazioni telefoniche: è possibile telefonare al numero verde 800.638.638, da lunedì a sabato dalle 08.00 alle 20.00. PRENOTAZIONI CHE NON SI EFFETTUANO AL CUP Attraverso il CUP si prenotano tutte le prestazioni ad eccezione delle seguenti, che devono essere prenotate direttamente presso le singole unità operative o servizi come indicato di seguito: ANATOMIA PATOLOGICA secreti e agoaspirati (non Tac e non Ecoguidati) Dove: Poliambulatori, piano Terra. Orario: giovedì dalle 15 alle 16. Per prenotare contattare la segreteria dell’Anatomia Patologica dal lunedì al venerdì, dalle 10.30 alle 16.00. Telefono: 0372 405477, dalle 9.30 alle 16.00. Consegna campioni istologici e citologici La consegna dei campioni citologici urinari è prevista, presso il padiglione 5, da lunedì a venerdì, dalle 08.00 alle 09.30; per gli altri esami da lunedì a vnerdì dalle 08.00 alle 16.00 (accesso diretto). RADIOLOGIA Dove: piano 1, corpo H (ala destra). TC, risonanza magnetica, ecografie urgenti e richiesta di prestazioni con bollino verde Le prenotazioni vanno effettuate di persona o via fax. Orario: da lunedì a venerdì dalle 08.00 alle 13.00, sabato dalle 08.00 alle 12.00. Tel: 0372 405760. Angiografia Le prenotazioni vanno effettuate di persona. Orario: da lunedì a venerdì dalle 08.00 alle 15.30. Telefono: 0372 405367. SENOLOGIA: screening mammografico preventivo biennale Asl Cremona (45-69 anni) Tutti i giorni dalle 8.30 alle 12.30, il mercoledì dalle 14 alle 16. La prenotazione va effettuata al CUP dell'Asl 800 318 999. prestazioni con carattere di urgenza, risonanze alla mammella, agoaspirati, ecografie Dove: piano 1, corpo M. Orario: da lunedì a venerdì dalle 11.00 alle 13.00. Telefono: 0372 405614. Per ulteriori informazioni è stata inoltre attivata una nuova linea telefonica dotata di risponditore automatico in funzione 24 ore su 24: 0372 405612. FISIOTERAPIA Esclusa la visita specialistica che si prenota presso il CUP-Cassa, le prenotazioni vanno effettuate di persona. Dove: piano 1, corpo C (ala sinistra), monoblocco ospedaliero. Orario: lunedì dalle 08.00 alle 14.00; da martedì a venerdì dalle 10.00 alle 13.00. Tel: 0372 405346 per informazioni. RADIOTERAPIA E MEDICINA NUCLEARE Dove: piano Cantina, (utilizzare la scala o ascensore a sinistra vicino l'Ufficio Informazioni nell'atrio di ingresso) corpo M, monoblocco ospedaliero. Orario:da lunedì a venerdì dalle 07.30 alle 17.30. Telefono: 0372 405485. MEDICINA DEL LAVORO: Dove: Medicina del Lavoro, padiglione 10 Impegnativa del medico curante. Allergologia per sospetti professionali Tel. 0372 408178 da lunedì a venerdì, dalle 10.30 alle 13.00; oppure, personalmente presso l’Ambulatorio di Allergologia dalle 09.00 alle 13.00 da lunedì a venerdì. Visite specialistiche di medicina del lavoro Tel: 0372 405777 da lunedì a venerdì, dalle 08.00 alle 15.30; oppure, personalmente presso l’Ambulatorio Spe-

cialistico di Medicina del Lavoro negli stessi orari. CENTRO DIABETOLOGICO Dove: piano 6, corpo H (lato destro), monoblocco ospedaliero. Orario: da lunedì a venerdì dalle 08.00 alle 13.30 (prima visita per inquadramento diagnostico-terapeutico e visita di controllo per monitoraggio metabolico e screening delle complicanze croniche). Per le prime visite è preferibile che la prenotazione avvenga di persona comunque possibile prenotare telefonicamente da lunedì a venerdì, dalle 11.00 alle 13.30. Telefono: 0372 405715. SERVIZIO DIETETICO valutazioni e controlli nutrizionali La prima visita si prenota al CUP. Dove: piano 4, ala sinistra. Orario: da lunedì a venerdì dalle 09.30 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 16.00. Telefono: le prenotazioni per il controllo nutrizionale può essere effettuata telefonicamente da lunedì a venerdì dalle 09.30 alle 15.30 ai numeri 0372 405732, 0372 405634, 0372 405631. centro prelievi LABORATORIO ANALISI accesso diretto da parte dei cittadini, con la richiesta del Medico di famiglia o dello specialista. Dove: Centro Prelievi all'ingresso dell'ospedale. Orario: da lunedì a venerdì dalle ore 07.30 alle 10.30. Telefono: 0372 405663 - 0372 405452 CENTRO EMOSTASI E TROMBOSI Monitoraggio delle terapie anticoagulanti. previsto accesso con prenotazione al numero 0372 405666 - 0372 405663. Dove: Presso la palazzina del Cup Orario: dalle ore 07.30 alle 12.00 da lunedì a venerdì. CENTRO AZIENDALE DI ALLERGOLOGIA Dove: presso la Medicina del Lavoro, Padiglione 10 Accesso avviene mediante impegnativa del medico curante. Le prenotazioni vengono effettuate telefonando al 0372 408178 da lunedì a venerdì dalle ore 10.30 alle ore 13.00; oppure personalmente presso l’Ambulatorio di Allergologia da lunedì a venerdì dalle ore 09.00 alle 13.00. IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE: Emotrasfusioni, salassi, autotrasfusioni, terapia marziale endovenosa, preparazione di nuovi emocomponenti ad utilizzo non trasfusionale: Gel Piastrinico, - Concentrato Leucopiastrinico. Dove: Piano terra, corpo D, monoblocco ospedaliero. Tel: 0372 435887 - 0372 405461 dalle 10.00 alle 17.00 da lunedì a venerdì GENETICA Dove: piano 2 lato destro del monoblocco ospedaliero. Prenotazioni telefoniche: 0372 405783 da lunedì a venerdì dalle ore 13.00 alle ore 14.30. MEDICINA LEGALE Prenotazioni presso Direzione Medica di Presidio piano Rialzato monoblocco ospedaliero. Tel: 0372 405200. PSICOLOGIA Dove: piano Rialzato, ala sinistra. Prenotazioni da lunedì a venerdì dalle ore 09.00 alle ore 10.00 presso il servizio di Psicologia, oppure anche telefonicamente agli stessi orari al numero 0372 405409. ONCOLOGIA MEDICA Dove: piano 4 ala Destra Prenotazione in reparto da lunedì a venerdì dalle ore 8.00 alle ore 17.00. Tel: 0372 405248 TERAPIA DEL DOLORE Dove: palazzina n. 9 La prenotazione pu essere effettuata telefonicamente al numero 0372 405330 dalle 11.00 alle 15.00, da lunedì a venerdì. Negli altri orari è possibile chiamare lo stesso numero lasciando un messaggio in segreteria telefonica con il nome e numero di telefono: al più presto sarete richiamati.

13

Viaggiare con la malattia si può, ma bisogna prestare attenzione ad alcune cose. Mai trascurare una corretta alimentazione e l'attività fisica

In vacanza con il diabete

A

di Laura Bosio

nche i diabetici possono andare in vacanza, pur nella consapevolezza di dover prestare particolare attenzione ad alcune cose. A rassicurare chi soffre di questa patologia è Patrizia Ruggeri, responsabile del Centro diabetologico dell'Ospedale Maggiore di Cremona. «Essere diabetici non significa dover rinunciare a viaggi e vacanze: l'importante è organizzare con attenzione gli spostamenti, e prevenire situazioni impreviste» spiega. Cosa fare prima di intraprendere un viaggio, dunque? «E' sempre bene cercare di stabilizzare i valori della glicemia: il diabetico può andare in vacanza, ma il diabete no. Meglio quindi rivolgersi al proprio medico, e sottoporsi ad un controllo, prima di partire. I cambiamenti che intervengono durante le vacanze, dall'alimentazione, agli orari, all'attività fisica, comportano grande attività di autocontrollo». Quali sono le principali regole per chi vuol partire? «Sarà fondamentale avere sempre con se tutto l'occorrente per una migliore gestione del diabete, in modo da poter far fronte ad eventuali imprevisti o emergenze: parliamo quindi di farmaci, insuline, materiale per l'autocontrollo (riflettometro, strisce e pungidita). Per chi viaggia in aereo è consigliare tenere tutte queste cose nel bagaglio a mano. Altra cosa importante per chi sceglie viaggi aerei, è portare con sè il certificato del diabetologo, che attesti lo stato di diabetico, la terapia in corso e l'indicazione del trasporto di materiali per l'autocontrollo. Meglio che sia redatto anche in lingua inglese, per facilitare le cose. Il Centro diabetologico rilascia spesso certificati di questo tipo. Se chi va in aereo è un paziente in terapia insulinica, deve stare attento agli orari di sommi-

Lo staff del Centro Diabetologico dell'Ospedale Maggiore

nistrazione delle terapie stesse rispetto al fuso orario. Per questo è bene che prima di partire consulti il diabetologo, stilando una tabella degli orari della somministrazione. Chi invece non ha trattamenti insulinici, non ha di questi problemi». E chi va in auto? «Chi viaggia in autovettura, specialmente se fa viaggi lunghi, dovrebbe stare attento sia all'alimentazione durante il viaggio, premunendosi di spuntini a cui ricorrere in caso di bisogno, sia al livello glicemico, in quanto rischierebbe di andare in ipoglicemia». E una volta arrivati là? «Per alcuni andare in vacanza vuol dire non fare movimento, restare nell'ozio. Bisogna però ricordare che nella cura del diabete l'attività fisica è uno degli elementi fondamentali. Dunque è meglio approfittare del tempo libero per fare almeno 40 minuti al giorno di movimento, che siano passeggiate o giri in bicicletta». Quali sono i rischi? «Il problema del diabete è che se non ci si cura bene possono intervenire alcune complicanze croniche: reti-

nopatie, nefropatie, malattie cardiovascolari, neuropatie, arteriopatie, possibili lesioni al piede (il cosidetto “piede diabetico”). A questo proposito è bene stare attenti anche in vacanza, per prevenire lesioni al piede: meglio non camminare a piedi nudi per evitare di ferirsi. Per chi va in montagna è invece meglio stare attenti alle calzature, in modo che non provochino ferite». Parliamo del centro diabetologico... «Siamo due medici, quattro infermieri, un'ausiliaria, una dietista, una psicologa, un consulente oculista. Abbiamo in cura 5100 pazienti. Del resto il diabete è una malattia che richiede un team dedicato di persone e l'integrazione con figure specialistiche. Per questo in ospedale il Centro ha attivato dei collegamenti per facilitare il percorso di cura del malato: con il nefrologo, con il cardiologo, con il ginecologo (per il diabete gestazionale), con l'andrologo. Il paziente diabetico ha un rischio molto maggiore di ospedalizzazione rispetto alla popolazione generale. Per questo durante i ri-

coveri il personale del centro garantisce consulenza nei reparti, garantendo una continuità di cura, e interviene con un lavoro di educazione terapeutica nei pazienti che vengono dimessi con terapia insulinica. L'educazione terapeutica è parte integrante della cura, e per questo al Centro organizziamo degli incontri individuali (per parlare di autocontrollo, terapia, alimentazione, prevenzione e cura del piede) e di gruppo». Quali sono le novità della terapia? «La tecnologia in questi anni ha fatto passi da gigante, e per i pazienti di tipo uno è sempre più utilizzata la terapia con microinfusione, un'opzione che permette una certa flessibilità. Nell'ultimo periodo poi si sono introdotti sistemi di monitoraggio continuo della glicemia (holter glicemico), e diversi pazienti utilizzano questo strumenti con ottimi risultati. Fondamentale, ai fini della cura, sono gli aspetti psicosociali nella gestione della malattia. Questo rende indispensabile la presenza della psicologa».


14

Lettere

Venerdì 31 Luglio 2009

politica

Basta con i privilegi dei parlamentari europei Egregio direttore, dal 14 luglio scorso è entrata in vigore, dopo oltre 4 anni dall’approvazione del nuovo statuto dei deputati Ue, una norma che prevede la parità degli stipendi o indennità di base dei 736 deputati, compresi i 72 nostri europarlamentari Italiani eletti a Strasburgo si passerà dai 134mila euro lordi per la sola paga base agli 81mila euro lordi all'anno, e si ridurranno le diarie del 50%. Diversi dei nostri euro parlamentari hanno già protestato perché a loro dire con stipendi cosi bassi non possono vivere degnamente, alla faccia dei pensionati con pensioni da fame dei disoccupati e cassintegrati Italiani; ma come sempre c’è una scappatoia: infatti gli stati membri possono derogare alle nuove norme, che tradotto significa che il governo Italiano può intervenire, per non demoralizzare i suoi deputati Europei noti per essere i più pagati di tutti, i più assenteisti, inefficienti, trasformisti, inaffidabili, con anche il vizietto di fare la “cresta” sui rimborsi dei biglietti aerei. [...] Nel nostro parlamento i nostri deputati negli anni sono stati immortalati dalle telecamere innumerevoli volte a votare per i colleghi assenti, nella completa indifferenza di tutto e tutti, e mancanza di interventi giuridici della magistratura a dispetto dalle cronache di questi ultimi anni che invece hanno visto una magistratura severa condannare per il reato di truffa aggravata punire molti impiegati che timbravano per i colleghi assenti con il licenziamento. Ma scusate questi impiegati hanno messo in atto lo stesso comportamento dei nostri parlamentari, timbravano per gli assenti e come mai loro sono stati licenziati mentre i nostri parlamentari se la ridono? [...] Per la cronaca nel 2001 feci una denuncia al comando dei carabinieri di Cremona e alla procura della repubblica per presunto furto aggravato ai danni dello stato per i deputati che intascavano la diaria di 500.000 lire al giorno senza essere presenti, alle votazioni e di concorso in reato di truffa aggravato per coloro che votavano in loro vece, chiedendo alla procura di Roma di acquisire i filmati mandati in onda da striscia la notizia che testimonia-

www.aclicremona.it Il decreto sicurezza recentemente approvato dal parlamento ritrae fedelmente un paese intrappolato dalla paura come sostiene il famoso intellettuale bulgaro, ma soprattutto un paese miope governato da una classe dirigente incapace di perseguire interessi di lungo periodo. Un decreto che asseconda gli istinti più bassi degli individui in un processo di “regressione identitaria” che non solo appare contro la storia e la cultura solidale del nostro paese, ma che rischia di rivelarsi anche contrario all’interesse economico e alla qualità della vita di molti italiani. Da anni i rapporti annuali sullo stato dell’immigrazione mostrano come l’economia italiana non possa fare a meno degli immigrati ormai essenzia-

vano l’accaduto, ma come ampiamente previsto non se ne fece nulla, e tutti vissero felici e contenti. Attualmente per votare e necessario il riconoscimento delle impronte digitali, ma alcuni esponenti politici, per protesta, non hanno permesso di prendere loro le impronte digitali; infatti per chi non vorrà utilizzare il nuovo sistema, resterà in uso quello vecchio, solo con l’obbligo di rendere pubblico il loro nominativo. Ma come sempre l’Italiano ha già trovato l’Italico rimedio voterà con il guanto di lattice sul dito per simulare le impronte digitali del collega assenteista ed il gioco è fatto. Elia Sciacca *** scuola

I professori parlino italiano, senza inflessioni dialettali Egregio direttore, i professori dovrebbero parlare un italiano senza inflessioni dialettali, già troppo presenti in televisione, e aiutare i nostri giovani ad eliminare espressioni gergali ed errori di grammatica e sintassi. Il nostro problema è, non solo conoscere poco le altre lingue, ma anche parlare un italiano spesso incomprensibile. Cristiana Muscardini Parlamento Europeo *** casa

La crisi colpisce anche il mercato immobiliare Caro direttore, da una statistica fatta, se una famiglia lombarda usasse tutte le proprie risorse economiche per acquistare un appartamento medio, ci metterebbe circa otto anni e mezzo. Ancora più tempo servirebbe a una famiglia di Sondrio che, rinunciando anche al mangiare, impiegherebbe poco più di 9 anni per acquistare un appartamento, quasi come una famiglia di Milano (9 anni). Più fortunati i potenziali acquirenti di Cremona, Dove servirebbero ‘solo' 5,3 anni. Sono alcuni dei dati che emergono dalla «Rilevazione dei prezzi degli immobili sul I° semestre 2009». La crisi sul mercato immobiliare lombardo si tocca soprattutto nel volume di transazioni, che in un anno è diminuito del 16,6%. Tengono invece i prezzi, con una contra-

zione degli immobili residenziali dello 0,1%, registrata tra il primo semestre del 2009 e i primi sei mesi del 2008. E a Brescia, Lecco e Sondrio si registrano variazioni dal segno positivo, rispettivamente +0,7%, +0,1% e +0,9%. I primi segnali della crisi si misurano ora anche nel segmento industriale: in Lombardia in un anno gli scambi si sono ridotti mediamente del 9%. E oggi i prezzi di uno spazio industriale sono più bassi del 4,8% rispetto allo scorso anno. «Per tracciare una fotografia corretta del mercato immobiliare di oggi, dobbiamo andare a leggere quello che sta sotto la cenere che la crisi ha lasciato. Della casa non si può fare a meno, e dopo due anni di contrazioni in termini di numero di compravendite è quasi fisiologico attendersi una ripresa del mercato, anche considerando che il costo del denaro è ai minimi storici. E per il prossimo futuro è lecito aspettarsi certamente delle “scosse di assestamento” ma non una riduzione incisiva dei prezzi, soprattutto in una zona come la Brianza, dove gli immobili restano ancora oggi un buon investimento». Andrea Delindati *** verdi

L'ambientalismo va legato alle scelte economiche Caro direttore per fortuna di Verdi come Ladina in Italia, nella nostra provincia, a Cremona ce ne sono pochi. Ladina fa una disanima del risultato elettorale addossando le colpe a tutti meno che a se stesso, che ha voluto, rifiutando qualsiasi proposta di lista unitaria, una corsa in solitaria dei Verdi sia per la Provincia che per il Comune di Cremona, dove si è attestato allo 0,83. Ladina guarda ancora all’ambientalismo di vent’anni fa. A quell’ambientalismo trasversale, che non deve essere né di sinistra né di destra. Non la pensano come lui, ad esempio, Grazia Francescato, portavoce nazionale dei Verdi, e tanti esponenti locali di questa organizzazione, ma nemmeno il Prof. Gianni Mattioli, noto ambientalista di riconosciuto valore nazionale ed internazionale, che nei giorni scorsi è stato presente per intervenire contro le scelte del governo di destra, che intende reintrodurre l’uso

del nucleare in Italia. Dopo anni e anni come non vedere che l’ambientalismo slegato dalle scelte da compiere in materia di sviluppo economico, slegato dalle scelte in materia di difesa e rappresentanza del mondo del lavoro, slegato dalle battaglie per i diritti individuali e per la laicità dello stato, delle istituzioni, della scuola pubblica, non porta da nessuna parte? Sinistra e Libertà fa dell’ambientalismo, della difesa del territorio e dei beni comuni, il nucleo centrale della sua proposta politica. Un ambientalismo coniugato con una nuova proposta di sviluppo economico ecocompatibile, che possa dare nuovi posti di lavoro e che, guardando alle esigenze delle imprese, torni ad essere attento ai diritti dei lavoratori. Sono molti i Verdi, anche a livello locale, che ritengono necessaria l’affermazione di questa nuova e unitaria proposta politica, che si stanno impegnando perchè l’ambientalismo e una nuova idea di sviluppo economico possano diventare idee e proposte centrali per contrastare le attuali scelte dei governi locali e di quello nazionale, rapprentati dal duopolio formato da Lega e PdL. Sinistra e Libertà sul nostro territorio è già una realtà. E’ un soggetto libero ed aperto a tutti coloro che vogliono farlo crescere. E’ chiaro che per collaborare bisogna liberarsi di quella sorta di sindrome di Stendhal, che affligge alcuni esponenti del ceto politico un pò troppo innamorati di se stessi. Sinistra e Libertà –Cremona *** GENERAZIONE MILLE EURO

Spiegateci come si può vivere così Caro direttore, ho letto il fondo della scorsa settimana sulla generazione Mille Euro. Mi trovo perfettamente d'accordo quando leggo che un livello retributivo così basso impedisce di progettare un futuro. Ma la mia domanda è questa? Tutti questi vecchi papaveri che oggi dicono che la soluzione è la flessibilità, che cosa avrebbero fatto al posto dei 30enni di oggi se avessero guadagnato loro i famosi mille euro al mese? Che cosa si può fare oggi con mille euro? Rate della macchina, mutuo o affitto, spese per il cibo e i vestiti, e poi? E i figli? E il sogno di una casa pro-

«La paura dei barbari è cio’ che rischia di renderci barbari»

li in molti settori industriali ed in particolare nelle aree più produttive del paese. Oltre ad attenuare gli squilibri demografici ed il tasso di dipendenza (il rapporto tra popolazione con 65 anni e popolazione in età di lavoro) di un paese che invecchia (nel rapporto annuale di Banca di Italia, si stima che l’immigrazione abbassi di circa due punti percentuali questo rapporto), sembra sempre più confermata l’idea di una generale complementarità dei lavoratori stranieri con gran parte della popolazione italiana (tendenza peraltro simile a quella già registrata in altri paesi avanzati come Stati Uniti, Gran Bretagna e Germania). Sempre in base ai dati presentati nell’ultima relazione annuale della Banca di Italia si registrerebbe una lievissima fles-

sione dei salari dovuta all’aumento dell’immigrazione solo nelle categorie occupazionali meno qualificate, mentre, in generale, nelle regioni con una maggiore presenza straniera si osserva un effetto particolarmente positivo sull’offerta di lavoro femminile e sulle prospettive occupazionali della popolazione italiana più qualificata. Vivere in aree con una maggiore densità di immigrati e’ chiaramente associato ad una minore percentuale di donne che si dichiarano casalinghe e ad un aumento delle donne che scelgono il parttime come soluzione alternativa al lavoro domestico. E l’effetto è significativamente piu’ forte per le donne più qualificate. Dall’analisi dell’indagine sulle forze di lavoro nel triennio (2006-2008) emerge come la presenza

degli immigrati abbia un impatto determinante sulla qualità della vita e sulle opportunità lavorative degli italiani. Innanzitutto vi si trova conferma del fatto che gli immigrati tendono a coprire un tipo di domanda di lavoro scomodo, il 14% svolge orari notturni. Molti di questi dati sono determinati dalle badanti e dalle collaboratrici domestiche, ma non solo, anche limitando l’analisi alla popolazione straniera maschile occupata nell’industria o nei servizi vi e’ evidenza di una maggiore propensione a coprire orari di lavoro disagiato rispetto alla popolazione italiana. Inoltre, la maggiore presenza di immigrati in alcune province e’ chiaramente associata ad una minore probabilità degli italiani di lavorare in orari o giorni scomodi e

dunque ad un significativo miglioramento della qualità lavorativa della popolazione nativa. Se la politica fosse intellettualmente onesta e responsabilmente lungimirante affronterebbe la paura con la forza dei dati, anche alla luce delle esperienze di paesi che da anni fronteggiano questo problema. Invece di inseguire ed alimentare il sentimento di insicurezza diffuso nelle persone, la classe dirigente di questo paese dovrebbe scommettere sull’immigrazione e creare gli incentivi e le regole perchè gli stessi immigrati scommettano sull’Italia come terra di opportunità e non di razzie, guidando gli italiani verso una più completa e fondata comprensione del fenomeno. Osea Giuntella Da www.benecomune.net

pria? E le vacanze? Finiamola di prenderci in giro. Ai vecchi papaveri non gliene frega niente dei 30enni e dei 40enni di oggi, ma c'è una punizione...Infatti il mondo che ci è stato messo davanti e che sembra offrire solo precarietà ormai colpisce tutti. Anche i figli dei vecchi papaveri... Sonia Gandini *** la polemica

Era proprio necessaria Una nuova scrivania? Egregio Signor Direttore, ho letto sul quotidiano locale che il nuovo presidente della Provincia, dottor Salini, avrebbe cambiato l’arredamento del suo ufficio acquistando, immagino a spese della Amministrazione, una nuova scivania pagata 9mila euro. La notizia confesso mi è apparsa inverosimile, ma se il giornale l’ha pubblicata non ho motivo di dubitare che non sia vera. Pertanto chiedo al Signor Presidente: era proprio necessario, nel momento in cui anche lei dichiara che soldi non ce ne sono, cambiare la scrivania?. Quella che ha trovato non andava bene? Era malridotta? Dall’articolo pubblicato sembrerebbe di no. E poi, non andava bene una più economica? Leggo anche che avrebbe acquistato una lampada alogena. Alla faccia del risparmio energetico!. Pensavo che le lampadine alogene non le facessero più. E’ possibile sapere da quale ditta di arredamento è stato acquistato il mobilio? Lo chiedo perché spendere 9mila euro per una scrivania a me sembra una offesa ai cittadini. Dopo l'assunzione del fratello, anche questa. Sono delusa. Marini G. *** caso tamoil

La Giunta Perri prosegue con quanto già iniziato Egregio Direttore, notiamo con molto piacere che le prime mosse della giunta Perri in merito all’inquinamento Tamoil sono la normale prosecuzione dell’attività già in corso dalla giunta Corada. Il nuovo assessore sta seguendo minuziosamente l’Iter amministrativo del dlgs 152/2006, le indagini approvate durante le varie conferenze di servizi e il confronto con le società canottieri e la società Tamoil, esattamente come aveva fatto il suo predecessore. Riguardo ai pozzi, è bene ribadire che l’ordinanza sindacale era stata fatta tempestivamente dalla precedente amministrazione a fine precauzionali il 21 luglio del 2007, dopo che era stato accertato l’inquinamento (famosa conferenza di servizio del 3 luglio 2007) Ora la notizia della revoca ci pare un fatto positivo dopo 4 campagne di monitoraggio dei pozzi, due anni di controlli serrati e continui tra Comune, Asl, Arpa. Crediamo sia doveroso, ora che si hanno garanzie di poter utilizzare l’acqua dei pozzi, consentire alle società di usufruire di questi volumi d’acqua anziché dell’acqua potabile. Daniele Burgazzi Cristina Manfredini *** Siamo convinti che il tema dell’inquinamento e della Tamoil vada seguito con estrema attenzione in particolar modo quando riguarda luoghi frequentati come le Canottieri. Partiti, organi di stampa, associazioni e semplici cittadini devono continuare a sollecitare l’Amministrazione perché sia sempre vigile e solerte.


All’aria aperta

Dilaga la moda dell'Happy Hour, anche sotto il Torrazzo, specialmente nelle torride serate estive, dove la corsa alla ricerca di un cocktail fresco è una delle maggiori aspirazioni dei giovani cremonesi. L'Happy hour, espressione in lingua inglese che significa letteralmente "ora felice", è la fascia oraria in cui alcuni bar e altri esercizi pubblici praticano sconti, tipicamente sulle bevande alcoliche e sui salatini. Ma il significato originale è stato oggi molto cambiato: chi si reca ad un happy hour sa che troverà un'ampia scelta di bevande di ogni tipo, adatte all'aperitivo, e pagando un prezzo fisso avrà diritto anche a servirsi ad un apposito buffet. Si trattava originariamente di una pratica di promozione delle vendite nata nei paesi anglosassoni per attirare la

clientela nei pub dopo l'uscita dal lavoro con l'offerta di consumazioni a prezzo ridotto per una o due ore nel tardo pomeriggio, coprendo tipicamente l'intervallo tra le 17 e le 18. In Italia l'happy hour nei locali che la propongono comincia in genere più tardi che in Gran Bretagna, e si prolunga nella serata, spesso fino alle 20 o alle 21. Nel caso di locali notturni, gli sconti sulle consumazioni sono praticati nelle prime ore di apertura. Non mancano comunque casi di esercizi che pubblicizzano happy hour in altri momenti della giornata. In Italia il termine "Happy Hour" è spesso utilizzato impropriamente in sostituzione del termine "aperitivo". Questo perché, a differenza dei paesi anglosassoni, non si offrono consumazioni a prezzo ridotto ma semplicemente

Venerdì 31 Luglio 2009

15

Happy hour, la moda dell’estate

la possibilità di mangiare stuzzichini vari spesso a fronte di una maggiorazione del prezzo delle bevande. L'estate è particolarmente adatta a questo tipo di pratica, purché venga realizzata all'aria aperta, per godere delle serate estive di città e campagna. Chi ha degli spazi a disposizione, non disdegna spesso di organizzare veri e propri Happy Hour casalinghi, per la gioia degli amici. Volete organizzare una festa divertente e leggera a casa vostra? Puntate sull'happy hour! Sfizioso e goloso l'happy hour "fatto in casa" soddisferà anche i palati più difficili. L'efficacia di questo tipo di party sarà che gli invitati potranno chiacchierare mentre stuzzicano allegre composizioni senza che si crei un imbarazzante silenzio, po-

tranno conoscersi senza impegno sorseggiando una fresca bevanda. Il tutto accompagnato da una colonna sonora scelta appositamente per l'occasione: la scelta delle musiche è molto importante per ogni festa che si rispetti, specialmente l'Happy Hour. Le bevande saranno la parte essenziale dell'aperitivo.Gli ospiti assaggeranno, giudicheranno e converseranno sulle bevande che si saranno preparate per loro. Dovranno essere abbastanza leggere, dolci ma soprattutto non dovranno essere banali. Non basterà stappare una bottiglia di campari o un crodino, bando alle solite coca-cole o aranciate.Le bevande "fatte a mano" creeranno ancor più l'atmosfera giusta e regaleranno al party una marcia in più. Ma come organizzare la festa? Almeno sette giorni prima si mandano gli inviti, meglio ancora se scritti a mano, ma se sono troppi va benissimo anche un'e-mail o una telefonata. Quattro giorni prima si acquistano gli alimenti non deperibili e le bevande, ricordando che per 12 persone bastano 3 bottiglie d'acqua e che una bottiglia di vino riempie 8 bicchieri. A tre giorni dalla festa si

Stuzzichini e cocktali da gustare in giardino

prepara il ghiaccio, tenendo conto che per un party di 20 perone ci vorranno almeno 150 cubetti. Due giorni prima si fa la spesa dei prodotti freschi e si ripongono le bevande nel frigorifero. Il giorno prima meglio ricontrollare di aver preso tutto: bevande, alimenti, tovaglioli, stuzzicadenti, e gli ingredienti per gli stuzzichini. Controllare an-

che che non manchino vassoi, brocche e bicchieri. Il giorno della festa, di mattina va allestita la tavola, mentre al pomeriggio si preparano cocktails e stuzzichini e so ripongono in frigorifero. Un'ora e mezza prima dell'arrivo degli ospiti si toglie tutto dal frigorifero, e un quarto d'ora prima si versa il ghiaccio nelle brocche.


Aperti per Ferie

Guasti ed emergenze in estate? Ecco gli elettricisti e gli idraulici aperti

A chi rivolgersi, in estate, se si rompe un tubo dell'acqua? Dove sbattere la testa se l'impianto elettrico "fa le bizze" in pieno agosto? Anche quest’anno l’Associazione artigiani - con il patrocinio dell’Amministrazione provinciale - risponde alle esigenze dei cittadini propo-

mendo l’iniziativa «Aperto per Ferie 2009», un servizio reso possibile dai Gruppi elettricisti ed idraulici dell'associazione stessa. Dal 15 luglio al 15 settembre 2009, dunque, è attiva questa opportunità per tutta la provincia, in un periodo nel quale, soprattutto le persone

Un servizio offerto da Confartigianato di Cremona

sole e anziane, in caso di emergenza hanno difficoltà nel reperire un installatore professionalmente qualificato ed onesto e, spesso, cadono vittime di pseudo artigiani che, con tariffe gonfiate, creano confusione e discredito verso tutta la categoria. Per attuare l’iniziativa è stato realizzato un elenco (a disposizione presso gli Uffici dell’Associazione e presso i Comuni del territorio), con indirizzo, telefono e periodo di reperibilità di tutti gli installatori (elettrici ed idraulici) che hanno aderito all’iniziativa. «Aperti per ferie» è stata presentata nei giorni scorsi. Giuseppe Ferrari ha introdotto l’iniziativa spiegando le motivazioni che hanno spinto i responsabili ad attuarla ed ha espresso soddisfazione per il proseguimento del rapporto con l’Amministrazione Provinciale anche dopo il “cambio di conduzione”. Nel ringraziare anche gli stessi artigiani che si sono resi disponibili nel periodo indicato, Ferrari ha sottolineato come l’artigianato dimostri di essere sempre attivo e presente nella società «non a parole, ma con fatti concreti». Lo stesso Presidente Salini ha espresso il plauso personale per gli artigiani «che lavorano e che sanno dare risposte alla gente». «Questo vostro impegno,

Ernesto Cabrini, Massimilano Salini, Pierluigi Rivieri e Giuseppe Ferrari

questo mettersi a disposizione per un servizio pubblico» ha detto Salini «significa saper fare il proprio mestiere. Per questo aderisco volentieri a ciò che già c’è, perché dimostra il valore di questa società. Con il vostro servizio dimostrate che non avete perso di vista le vere necessità, soprattutto in questo periodo di ferie e di crisi ed è per me un conforto vedere che Confartigianato Cremona mette in campo queste forze». Salini ha concluso sottoli-

neando che questa non è un’iniziativa della Provincia («noi siamo solo un veicolo per arrivare a tutti») ma di imprenditori che hanno a cuore il bene comune. La parola è quindi passata al Capo Gruppo elettricisti, Pierluigi Rivieri, il quale ha ricordato che, ad integrare il valore del servizio sono stati anche realizzati due volantini, uno sul risparmio energetico nelle case ed il secondo sull’utilizzo del fotovoltaico. Ha concluso l’incontro Ernesto Cabrini, capo del

Gruppo idraulici, che ha fatto un richiamo al grave problema della mancanza di “ricambio generazionale” nel settore fra i giovani italiani, carenza per la quale servirebbero mirate azioni di governo e interventi anche a livello locale. «Caro Presidente» ha detto Cabrini rivolgendosi a Salini «le faccio una richiesta provocatoria: voi lasciateci lavorare e noi daremo lavoro ai nostri giovani che desiderano impegnarsi nell’artigianato».


Venerdì 31 Luglio 2009

17

Gennari Paolo Via Acquanegra, 38 - Fengo tel. 335 7291889. Dal 15/7/09 al 31/7/09 e dal 20/8/09 al 15/9/09. G.E.A.R. di Gerevini A. Via Donatori Sangue, 8 Sospiro - tel. 0372 621330. 15/7/09 - 7/8/09 e 17/8/09 - 15/9/09. Marabotti Silvio e c. snc Via Tonani, 26 - CR tel. 0372 430142. Sempre aperto. Mascaretti Aldo Via Circonvallazione, 3 Spino d’Adda tel. 347 7952830. Sempre aperto.

ELETTRICISTI A.B.F. snc Via delle Industrie 8/10, CR tel. 0372 460834. Sempre aperto. A. Paganini snc di Catoni Sergio & C. Via Bonomelli, 38/A - CR tel. 0372 21440. Sempre aperto. Aviel Sas di Azzali via Sesto, 76/C - CR tel. 0372 471701. Dal 15/7/09 al 7/8/09 e dal 24/8/09 al 15/9/09.

Bianchin Sergio Via S.Canzio, 20 Casalmaggiore tel. 0375 599013. Dal 15/7/09 al 8/8/09 e dal 24/8/09 al 15/9/09. Digi System Via delle Industrie, 4 Sesto ed Uniti tel. 0372 710996. Dal 15/7/09 al 8/8/09 e dal 17/8/09 al 31/8/09. Electric Line snc Via Mazzini, 34 - Pescarolo tel. 0372 836295. Sempre aperto.

Baretta Mancini srl Via Antiche Fornaci, 26 - CR tel. 335 1431509. Sempre aperto.

Elettropiù di Ruggeri I. & C. snc Via Gardinali, 20 - Castelverde - tel. 0372 427004. Dal 15/7/09-31/7/09 e 20/8/09-15/9/09.

BDM di Bozzetti P.I. Davide e Matteo Via Mentana, 8 - Gussola tel. 0375 260089. Sempre aperto.

Elettrotecnica Nol-Gar snc Via Artigiani, 19 - CR tel. 0372 411833. Dal 15/7/09 al 7/8/09 e dal 17/8/09 al 15/9/09.

Merlini e Ferrari snc Via Ostiano, 88 Persico Dosimo tel. 0372 54051. Sempre aperto. Rossi Livio Via Garibaldi, 106 - Gussola tel. 0375 260052. Dal 15/7/09 al 7/8/09 e dal 17/8/09 al 15/9/09. Rossi Sistemi impianti antifurto e telefonici Via delle Industrie, 16/18 - CR tel. 0372 35942. Sempre aperto. Sarti Maurizio Via Alieri, 10 - Cremona tel. 338 7403087. Sempre aperto. Storci Daniele Via Darlerio, 6 - CR tel. 0372 461350. Dal 15/7/09 al 20/8/09 e dal 7/9/09 al 15/09/09. Scaglioni Martino Via Giuseppina 10/A Cella Dati - tel. 0372 67937 Sempre aperto.

IDRAULICI Chiari Liliano Viale Marconi, 41 Spinadesco tel. 0372 492204. Dal 20/7/09 al 31/7/09 e dal 18/08/09 al 28/8/09 . Euro Impianti di Banin Andrea Via Calabria, 20 Pizzighettone tel. 347 1581435. Dal 15/7 al 27/7 e dal 3/8 al 15/9. Galletti Gianluigi & C. Snc Via Verzelletti, 10 CR (Cavatigozzi) tel. 338 1682670. Sempre aperto. Lusiardi Giuseppe Via G. Galilei, 13/15 Paderno Ponchielli tel. 0374 67713. Sempre aperto. I.D.M. di Maestri Diego Via Attilio Bettega, 36 Isola Dovarese tel. 340 6087932. Sempre aperto.

Nuova Tecnoclima Service Via Roma, 50 Castelvetro Piacentino tel. 0523 823299. Dal 15/7 al 8/8 e dal 17/8 al 15/9. Pessina G. Snc di Cacciatori Fabio e C. Via Livelli, 1 - CR tel. 0372 450731. Aperto agosto, escluso sabato e festivi. Sali Francesco (solo assistenza caldaie Baxi/Ocean/Argoclima)

Via S. Savino, 9 - CR tel. 0372 58439. Sempre aperto. Scudellari Alfredo Via Circonvallazione, 8 Cingia de’ Botti tel. 0375 96187. Dal 3/8/09 al 28/8/09. Telli Luigi e Sebastiano snc Vicolo Alfieri, 14 Corte de’ Frati tel. 0372 93224. Sempre aperto.


18

Venerdì 31 Luglio 2009

L'estate è il momento ideale per scegliere la vita all'aria aperta e le giornate fuori. D'altro canto sono molte le aree che permettono questo tipo di attività, sempre più amata da tutti. Dalle piscine, pubbliche e private, ai parchi naturali, alle rive dei fiumi, alle aree attrezzate: chi volesse vivere una giornata fuori, non ha che l'imbarazzo della scelta. Ma quali sono le attività che si possono praticare all'esterno?

Vivere l’estate in tutta libertà: dai pic-nic alle giornate in piscina

zione sociale e ludica e non solamente alimentare. L’etimologia del termine va attribuita al termine composto

E' spesso possibile usufruire dei parchi, ma nel rispetto delle dovute regole

Il Pic-nic Con il termine picnic si identifica quel tradizionale pasto all’aperto compiuto in un contesto turistico o comunque che abbia una fun-

All’aria aperta

piquenique, che in un francese arcaico abbina "pique" (prendere, rubacchiare) e "nique" (oggetto di poco valore). Il termine sembra si sia cominciato a diffondere alla

fine del 1600 ed inizialmente si riferiva alla frugalità dell’evento, eseguito al di fuori dei riti imposti dal pranzo, composto da pochi e semplici cibi sottratti direttamente alla cucina. Nel picnic, come ai nostri giorni, essenziale era il piacere del contatto con la natura e la partecipazione di più persone che provvedevano a portare singolarmente il cibo che veniva poi condiviso, senza avere l’ufficialità e lo sfarzo della classe nobiliare. Nel XIX secolo ci si riferiva al picnic come alla consumazione di un pasto in allegria e in clima rilassato da effettuarsi sui prati, in riva ad un fiume o sulla spiaggia, perdendo il desiderio di aggregazione in favore di un approccio più intimo, ideale contorno per il corteggiamento. Solitamente erano privilegiati i piatti freddi precedentemente preparati, come pane, salumi, formaggi, uova, insalate, frutta, torte, il tutto accompagnato da bevande generalmente analcoliche o da vini e birre a bassa gradazione. Ai giorni nostri l’idea del picnic è più legata alla gita fuori porta, spesso più in ambito familiare che amichevole. Si è tuttavia sviluppato un movimento culturale che, di comune accordo con le isti-

tuzioni locali, punta a utilizzare il pic-nic come strumento per riappropriarsi della vita all'aria aperta, conoscere le ville e i parchi del territorio, iniziare un percorso di tutela ambientale e rispetto civile.

In piscina La giornata in piscina è un altro must dell'estate e della vita all'aria aperta. Si può arrivare nelle piscine già dal mattino, per sfruttare appieno l'intera giornata. Molti amano portare da casa le vivande, mentre c'è chi non disdegna qualcosa consumato al bar. A questo proposito ogni piscina offre diverse cose: dalle macchinette automatiche a veri e propri servizi ristorante. Anche le piscine sono tra le più diverse: immerse nel verde, con gli scivoli, con idromassaggi ed altri servizi di wellness. La scelta va fatta in base alle proprie esigenze e a quanto si vuole spendere. Al di là dell’aspetto esteriore, dell’estetica complessiva della struttura che è comunque importante, l’attenzione va posta sulla materia prima che riempie la piscina, sulla sua componente primaria - l’acqua - senza la quale l’insieme non avrebbe ragione di esistere.

La piscina nasce per scopi ludici, ricreativi, curativi, agonistici:

in ogni caso si basa sull’acqua ed è fondamentale che essa rispetti i requisiti fondamentali legati alla presenza di cloro e di altri elementi che ne garantiscono la ‘salute’. Il

non dimenticando che vi sono delle regole da rispettare. A partire proprio dal rispetto delle aree verdi, al non rovinare fiori e piante, all'atten-

valore del pH è il primo parametro da tenere sotto controllo, perché responsabile del tipico bruciore agli occhi che si verifica spesso quando si fa il bagno in piscina.



zione alla flora ma anche alla fauna del posto. L'attività umana va svolta senza turbare la quiete del parco: quindi niente schiamazzi eccessivi né attività troppo rumorose. Questo non significa che non ci si possa divertite, ma che tutto va fatto entro una certa misura. Una volta terminata la giornata è sempre opportuno ripulire la zona dall'eventuale sporcizia lasciata.

Nei parchi La parola d'ordine è rispetto. Innanzitutto si guardi se non vi è divieto di fare pic nic. In caso non si trovi tale divieto, è possibile fermarsi ed usufruire del parco, sempre


Risparmio Energetico

Venerdì 31 Luglio 2009

19

Il risparmio energetico parte dalla casa: ecco come attuarlo e valorizzare l'immobile

Il risparmio energetico è oggi la vera alternativa per il futuro del Paese, in un mondo in cui le risorse sono sempre più scarse. A questo proposito l'edilizia gioca un

ruolo fondamentale, in quanto può, attraverso le più innovative tecniche di costruzione, realizzare abitazioni con grande risparmio di energia. Nella fase di crisi econo-

mica che il paese sta attraversando, esiste una gamma di piccoli e medi interventi che proprietari di immobili ed amministratori condominiali possono compiere per

I problemi del riscaldamento centralizzato e come risolverli

Nei condomini dotati di impianto di riscaldamento centralizzato a caloriferi privi di controllo e regolazione dell’intensità del calore in ingresso nell’appartamento e di contabilizzazione dei consumi vengono sempre lamentati due problemi dai residenti: 1) impossibilità di regolare la temperatura dei locali per cui a volte si soffre il freddo ed altre si è costretti ad aprire le finestre per il troppo caldo. 2) Addebito dei costi del riscaldamento in base alla tabella millesimale, con impossibilità di gestire l’impianto per ottimizzare i costi, soprattutto in caso di assenza dall’abitazione. Queste problematiche che a volte risultano di grave disagio per chi le subisce, sono il focolaio delle solite discussioni e liti in seno al condominio e mettono in discussione l’efficacia dell’impianto di tipo centralizzato

che in realtà è la soluzione più ecologica ed economica del riscaldamento degli immobili in condominio. Al primo punto si può facilmente ovviare applicando le valvole detentrici e termostatiche che consentono di controllare e frazionare l’ingresso del fluido nel calorifero e di conseguente permettono di regolare la temperatura dell’ambiente. Il secondo aspetto viene risolto applicando dei misuratori di calore su ogni calorifero che, con una opportuna programmazione ed analisi, consentono la contabilizzazione dei consumi e la distribuzione dei costi in base a questi valori, consentendo di acquisire una parziale autonomia di gestione dell’impianto. L’applicazione di questo sistema, statisticamente consente risparmi variabili tra il 10 e il 20 sulla spesa del metano (o del calore in caso di teleriscaldamento).

L’assemblea condominiale può deliberare l’intervento con le maggioranze ordinarie, ovvero 1/3 dei millesimi e la maggioranza degli intervenuti in assemblea, inoltre è possibile, istruendo una semplice pratica, ottenere lo sgravio fiscale del 36% di tutte le spese sostenute. Se l’intervento viene abbinato alla sostituzione della caldaia con installazione di modelli a condensazione, è possibile ottenere un maggior vantaggio con sgravio fiscale del 55% della spesa totale. L’investimento si ammortizza in un periodo variabile tra i 3 ed i 7 anni ed è pertanto sempre estremamente vantaggioso e risolve contemporaneamente più problemi, da la possibilità di decidere la temperatura nei locali della propria abitazione e di misurare il proprio consumo, valorizzando nello stesso tempo la propria abitazione.

ottenere immediati risultati sul piano del risparmio energetico delle loro abitazioni, sortendo così nel contempo una valorizzazione dell’immobile, una riduzione dei

costi di gestione ed in molti casi – grazie agli incentivi statali in atto – con modeste cifre garantendosi veri e propri investimenti vantaggiosi.

Tre buoni motivi per installare un impianto fotovoltaico

Ci sono almeno tre buoni motivi che possono indurre il proprietario di un medio-piccolo immobile ad installare oggi un impianto fotovoltaico in aderenza al tetto del proprio alloggio, usufruendo degli incentivi attivati dallo Stato attraverso il nuovo “Conto Energia”, approvato con la Legge Finanziaria 2008, utilizzando le tariffe del cosiddetto “scambio sul posto” (autoconsumo dell’energia elettrica prodotta). Il primo motivo è costituito dal risparmio dei costi determinati dai consumi elettrici. Se un impianto è stato correttamente dimensionato (ossia leggermente al di sotto del fabbisogno reale, stimato sulla base dei comportamenti attesi e dei prevedibili stili di vita dei residenti, della superficie dell’alloggio, nonché della dotazione di apparecchiature elettriche installate), la sua attivazione comporterà infatti, fin da subito, l’azzeramento della bolletta elettrica mensile. Il secondo motivo è rappresentato dall’investimento economico che l’impianto può rappresentare, in un momento in cui per altro risulta sempre più difficile selezionare prodotti finanziari o settori di mercato nei quali effettuare con serenità modesti investimenti di denaro con garanzie di ritorno e buoni rendimenti. Se esposto correttamente a sud (ma sono tollerabili anche orientamenti a sud-est o sudovest), non ombreggiato da ostacoli fisici (alberi, comignoli o altri edifici) e felicemente inclinato (33° rispetto al suolo), un impianto da 6 kw può – ad esempio – far riconoscere al proprietario di un edificio sul cremonese fino ad 58.000 € di incentivi in 20 anni, a fronte di un costo di installa-

zione, manutenzione e gestione non superiore ai 40.000 euro, aggiungendo quindi (dopo i primi 12-13 anni in cui l’incentivo ripaga l’investimento) al risparmio energetico (pari a circa 1.200 euro/ anno) un ritorno economico concreto di circa 3.000 euro l’anno. Il terzo ed ultimo motivo è, invece, di carattere squisitamente civico-ambientale, e consente a quel proprietario di alloggio, in maniera tangibile e concreta, di contribuire alla riduzione delle emissioni di CO2 in atmosfera, al contenimento degli sprechi, all’impiego di risorse energetiche economiche, pulite e rinnovabili in luogo degli idrocarburi, costosi, inquinanti ed esauribili. Si tratta di un argomento a cui, fortunatamente, un numero sempre maggiore di cittadini sente di essere sensibile, convinto di non doversi arrendere ad essere la prima generazione che lascia ai propri figli un mondo peggiore di quello ricevuto dai padri.

Come moltiplicare gli incentivi: basta rinnovare il tetto dell'abitazione

Se la scelta di installare un impianto fotovoltaico si accompagna a quella di porre mano al vecchio tetto di casa di cui nessuno più da anni si era occupato, magari in lastre di fibrocemento amianto, magari per cogliere l’occasione di coibentare e riqualificare l’intero manto di copertura, allora le occasioni possono moltiplicarsi. Lo Stato Italiano infatti riconosce oggi, col «Conto Energia», una maggiorazione degli incentivi pari al 5% della classe di tariffa in cui l’impianto in oggetto ricade, se si realizza un impianto “integrato” (complanare ed incassato nella falda di tetto) eliminando coperture in eternit, ed altri “premi” se l’intervento di coibentazione, nel suo complesso, consegue una riduzione del fabbisogno energetico

dell’edificio di almeno il 10%. Per gli interventi edili diversi si potrà inoltre ricorrere al benefit del recupero 36%, mentre in taluni casi potrà in alternativa essere richiesto ed ottenuto lo sgravio del 55%, riservato agli interventi di documentato risparmio energetico. Gli impianti fotovoltaici sono ammessi al contributo del 36% ma la tariffa incentivante viene, ai sensi dell’art.2 - comma 8 del Decreto sul Conto Energia, ridotta del 30%. Gli impianti Fotovoltaici, già incentivati attraverso il «Conto energia», non potranno inoltre usufruire degli sgravi fiscali al 55%. Tale divieto alla cumulabilità degli incentivi è stato fissato dalla risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n°207/E del 20.5.2008 disponibile sul sito della

Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Possono beneficiare degli incentivi le persone fisiche, le persone giuridiche, i soggetti pubblici ed i condomini di unità abitative e/o di edifici che risultino proprietari dell’immobile ove è stato installato l’impianto, o che dispongano dell’autorizzazione sottoscritta dai proprietari, e che abbiano conseguito tutte le autorizzazioni necessarie per la costruzione e l’esercizio dell’impianto, nel rispetto degli eventuali vincoli storici, architettonici ed ambientali. Un condominio può installare un impianto fotovoltaico previa approvazione da parte dell’assemblea condominiale e conseguimento del titolo edificatorio. Il proprietario di un appartamento in condominio può installare un impianto

fotovoltaico esclusivo purchè abbia ottenuto l’autorizzazione da parte dell’assemblea condominiale ed abbia conseguito titolo edificatorio dal Comune. In molte regioni, tra cui la Lombardia, parrebbero da qualche mese realizzabili impianti mediante la sola comunicazione al Comune, senza invio di un progetto. Tuttavia la disposizione legislativa del dicembre scorso che esenterebbe dall’obbligo di DIA, fa riferimento esclusivamente ad impianti cosiddetti “integrati”, quasi sempre impossibili da installare senza porre mano sostanzialmente al manto di copertura, cosi che diventa indispensabile il ricorso a Permesso di Costruire o DIA per le opere edili, a quel punto contemperanti anche la posa dei pannelli e dell’impianto.


20

Taccuino

Venerdì 31 Luglio 2009

VIABILITA’

NUMERI UTILI COMUNE DI CREMONA www.comune.cremona.it Centralino: 0372-4071 Urp: 0372-407291

Via Bergamo (Migliaro) Lavori stradali attuati per conto di A.E.M. S.p.A. Fine lavori: 7 Agosto

Via Litta (via Ceccopieri via dei Cipressi ) Lavori stradali attuati per conto di A.E.M. S.p.A. Fine lavori: 30 Ottobre

via Dalmazia via Montegrappa Lavori stradali attuati per conto di A.E.M. S.p.A. Fine lavori: 7 Agosto

Via San Predengo Lavori stradali attuati per conto di A.E.M. S.p.A. Fine lavori: 7 Agosto

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE www.provincia.cremona.it Centralino: 0372-4061 Urp: 0372-406233 PREFETTURA Centralino: 0372-4881 CARABINIERI Pronto intervento: 112 Centralino: 0372-5581 COMANDO FORESTALE DELLO STATO Centralino: 0372-410307

Via trento e Trieste (via Porta del Tempio Piazza Libertà ) Lavori stradali attuati per conto di A.E.M. S.p.A. Fine lavori: 7 Agosto

Via Acquaviva Lavori stradali attuati per conto di A.E.M. S.p.A. Fine lavori: 30 Settembre

GUARDIA DI FINANZA Centralino: 0372-21576 Pronto intervento: 117 Nucleo di polizia tributaria: 0372-28968 POLIZIA MUNICIPALE Centrale operativa: 0372-407427 Pronto intervento: 0372-454516

Via Serio Lavori stradali attuati per conto di A.E.M. S.p.A. Fine lavori: 7 Agosto

Via Marmolada Lavori stradali attuati per conto di A.E.M. S.p.A. Fine lavori: 7 Agosto

Via Del Sale (via Vecchia via dei Navaroli) Lavori stradali attuati per conto di A.E.M. S.p.A. Fine lavori: 8 Agosto

POLIZIA STRADALE Comando provinciale Centralino: 0372-499511 QUESTURA Centralino: 0372-4881 Pronto intervento: 113 VIGILI DEL FUOCO Centralino: 0372-4157511 Pronto intervento: 115 PROCURA Centralino: 0372-548233

• Via Acquaviva: cantiere per la posa della nuova tubazione del gas metano (Fine lavori: 30 settembre). • Via S.Predengo: ristrutturazione della rete di distribuzione dell'illuminazione pubblica (Fine lavori: 7 agosto) • Via Dalmazia, via Montegrappa: ristrutturazione della rete di distribuzione energia elettrica (Fine lavori: 7 agosto). • Via Marmolada: cantiere per la realizzazione degli allacci alla rete del teleriscaldamento e della fognatura (Fine lavori: 7 agosto). • Via Serio: ristrutturazione della rete di distribuzione energia elettrica e rifacimento allacci gas metano; attualmente il tratto di via interessato dai lavori parte dalla Rotonda a viale Po (Fine lavori: 7 agosto).

L’Oroscopo Della Settimana

OSPEDALE DI CREMONA www.ospedale.cremona.it Centralino: 0372-4051 Centro unificato di prenotazione: 800 638 638 Emergenza sanitaria: 118

• Via Bergamo (Migliaro): cantiere per la ristrutturazione del marciapiede con relative bocche di lupo. Asfaltatura della banchina. (Fine lavori: 7 agosto). • Viale Trento e Trieste (tratto V.Porta del Tempio-P.zza Libertà): cantiere per la realizzazione degli allacci alla rete del teleriscaldamento, del gas metano e dell'acquedotto (Fine lavori: 7 agosto). • Via Litta (tratto V.Ceccopieri-Via Cipressi): cantiere per il rifacimento dei sottoservizi e della sede stradale, nell'ambito del programma di riqualificazione di Borgo Loreto. (Fine lavori: 30 ottobre). • Via del Sale (tratto V.Vecchia-V.Navaroli): cantiere per la realizzazione degli allacci alla rete del teleriscaldamento e del gas metano.(Fine lavori: 8 agosto).

a cura di: www.oroscopo-2009.com

Esporre il lato romantico del proprio essere farà sì che i single si trovino spesso al centro delle attenzioni da parte del sesso opposto, calamitato dal vostro charm.

Una piacevole intesa col partner vi infonderà forza e sicurezza nell’affrontare la quotidianità ed al tempo stesso vi spingerà a fare progetti dopo le vacanze.

Il pessimismo dei mesi scorsi adesso lascia lo spazio alla soddisfazione per i frutti che vi apprestate a cogliere per quanto avevate seminato.

La stagione calda sembra ripercuotersi negativamente sulle forze che sarete chiamati ad elargire nello svolgimento della vostra attività. Riposatevi.

La frizzante sfera amorosa non vi distoglierà da quelli che sono i vostri impegni, ma anche le ambizioni in campo lavorativo. Buone LE probabilità di successo.

Alcune tensioni nel rapporto di coppia necessitano di continue rassicurazioni da parte vostra. Cercate progetti comuni con il partner.

Cercate di uscire dagli schemi e non interrogatevi troppo sugli eventi di cui sarete partecipi: solo così riuscirete a godere serenamente delle emozioni.

Soddisfazione dalla sfera sentimentale. Infatti inizia un periodo propizio per consolidare le unioni e pianificare una prossima convivenza od un matrimonio.

Nelle prossime settimane vivrete nella più totale armonia il rapporto di coppia, l’amore ne beneficerà offrendo al partner attenzione e rinnovate conferme.

Il lavoro vi apparirà meno gravoso del solito in virtù della notevole energia di cui disporrete in questo periodo. Sfruttate l’occasione propizia.

Valutate attentamente alcune possibilità occupazionali che però vi lasceranno alquanto perplessi in quanto prive di evidente concretezza. Non disperate.

A agosto vi riscoprirete romantici e desiderosi di attenzioni. Bene le coppie che potranno godere di una grande armonia e rafforzare così la loro unione.

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI CREMONA www.aslcremona.it Centralino: 0372-4971 Urp: 0372-497215

FARMACIE DI TURNO Dal 31 Luglio al 7 Agosto 2009 PIZZIGHETTONE FERRARI MARIO Via Montegrappa, 4 26026 Pizzighettone Tel. 0372-743007

GRONTARDO MELEGARI ETTORINA Via Roma, 15 26044 Grontardo Tel. 0372-89396

CREMONA ZILIOTTI GUIDO PIAZZA LIBERTÀ, 4 Piazza Libertà, 4 26100 Cremona Tel. 0372-415023

ORARI DI APERTURA Mattino: 08:30 - 12:30 Pomeriggio: 15:30 - 19:30

ORARI DI APERTURA Mattino: 09:00 - 12:30 Pomeriggio: 15:00 - 19:30

ORARI DI APERTURA Mattino: 08:30 - 12:30 Pomeriggio: 15:30 - 19:30

Giorno di chiusura settimanale: SABATO POMERIGGIO

Giorno di chiusura settimanale: NO

STAGNO LOMBARDO AMADEI AMILCARE In appoggio fino alle ore 24.00 Via Amendola, 2 26049 Stagno Lombardo Tel. 0372-57041

CASALBUTTANO CARNEVALI DANIELA Via Cavallotti, 10 26011 Casalbuttano Tel. 0374-362285

CREMONA - FARMACIA 13 A.F.M. DI CREMONA S.P.A. VIA CASTELLEONE, 108 In appoggio fino alle ore 24.00 26100 Cremona Tel. 0372-560041

ORARI DI APERTURA Mattino: 09:00 - 12:30 Pomeriggio: 15:00 - 19:30

ORARI DI APERTURA Mattino: 08:30 - 12:30 Pomeriggio: 15:30 - 19:30

ORARI DI APERTURA Mattino: 09:00 - 13:00 Pomeriggio: 15:30 - 19:30 Venerdi e sabato: 09:00-20:00

Giorno di chiusura settimanale: MERCOLEDÌ POMERIGGIO

Giorno di chiusura settimanale: MERCOLEDÌ

Giorno di chiusura settimanale: NO

Giorno di chiusura settimanale: SABATO POMERIGGIO

METEO WEEK-END

TEMPERATURE MASSIME PREVISTE IN LOMBARDIA Città Venerdì Sabato Domenica Bergamo 29 31 30 Brescia 32 32 32 Como 29 30 28 CREMONA 34 34 34 Lecco 29 30 28 Lodi 32 32 32 Mantova 35 35 36 Milano 33 34 33 Pavia 34 34 33 Sondrio 30 32 30 Varese 30 31 28

SABATO 1 AGOSTO 2009

DOMENICA 2 AGOSTO 2009

Settimanale di informazione direttore responsabile: Sergio Cuti ilpiccolocremona@fastpiu.it direttore editoriale: Daniele Tamburini Società editrice: Promedia Società Cooperativa Via del Sale, 19 - Cremona Amministrazione e diffusione Via S. Bernardo 37/A - 26100 Cremona Tel. 0372 43.54.74 • Fax 0372 59.78.60 Direzione, redazione e prestampa Via S. Bernardo 37/A - 26100 Cremona Tel. 0372 45.49.31 - 45.13.14 Fax 0372 59.78.74

Pubblicità Tel. 0372 43.54.74 Fax 0372 59.78.60 www.immaginapubblicita.it Stampa: SEL - Società Editrice Lombarda 26100 Cremona Autorizz. del Tribunale di Cremona n° 357 del 16/05/2000

Pubblicazione associata all’Uspi (Unione Stampa Periodica Italiana) Progetto Grafico: Gianluca Galli Numero chiuso in tipografia: Giovedì 30 Luglio ore 24,00


Per la Pubblicità su telefona allo 0372.43 54 74 • 45 39 67

Cultura &Spettacoli pettacoli

Passione e seduzione argentina grazie al “Divino Tango”

M

di Federica Ermete

ercoledì 5 agosto, alle ore 21.15, la passione e la seduzione fanno di nuovo capolino all’Arena Giardino. Nel composito cartellone del “Festival di Mezza Estate” è, infatti, arrivato il turno dell’atteso spettacolo di danza “Divino Tango”, grazie alla compagnia “Pasiones Company” e per la regia di Adrián Aragón. Classico e contemporaneo insieme, “Divino Tango” è una nuova magistrale creazione con una messa in scena seducente, superba, agile, poetica e struggente. Le storie che determinano il filo conduttore, storie in bianco e nero o colorate dalla passione, fanno emergere le meravigliose ed affascinanti scene di una Argentina viva e piena di speranza. Erica Boaglio e Adrián Aragón, protagonisti indiscutibili di questo spettacolo mozzafiato capace di fulminare i sensi, accompagnano gli astanti nell’anima di un paese ricco culturalmente, dove l'immaginazione viaggia tanto velocemente quanto la voglia di uscire da un’eterna crisi che colpisce di continuo. Sfondo onnipresente delle vicende messe in scena è l'eros, inteso nella sua

Annullata l’Iliade

telefona allo 0372.43 54 74 • 45 39 67

Sbandieratori di Isola Dovarese

I due protagonisti sul palco

Niente Iliade e neppure La Divina Commedia. Il Festival di Mezza Estate deve rinunciare ai due appuntamenti per motivi di natura tecnica. L'Iliade era prevista mertedì 4 agosto, mentre “La Divina Commedia – L’opera” era in programma l'11 e 12 settembre prossimi. Chiunque volesse ottenere informazioni sul rimborso dei biglietti acquistati durante la prevendita, può rivolgersi alla segreteria dell’organizzazion ai numeri 0372-407230 - 407048. Altre informazioni sul sito www. festivalmezzaestate.it

accezione più esplicita e concreta del termine. L’amore non di certo platonico, emerge con fare sottile e delicato, e comunque mai volgare, quando la coppia va oltre al ballo... E il ballo altro non è che una conseguenza di due corpi che ci suggeriscono il dopo, che comunicano il desiderio! Le luci, le coreografie e le musiche, studiate ed articolate senza fessure per questo spettacolo elegante, sensuale e di alto impatto emotivo, rialzano ancora di più l'elevato livello artistico dei componenti della “Pasiones Company”. La colonna sonora è sta-

Per la Pubblicità su

Tanti applausi per le vie di Praga

Il gruppo degli sbandieratori a Praga

ta accuratamente selezionata al fine di conferire personalità all’opera, apportando ad ogni coreografia gli elementi sensibili che la storia richiede. Per tale

Protagonisti Erica Boaglio e Adrian Aragon finalità sono state scelte composizioni di Carlos Gardel, Astor Piazzolla e Francisco Canaro, a cui sono affiancate nuove creazione di Luis Corallini.

Erica Boaglio e Adrián Aragón, i due creatori tangueri di questo musical innovativo a ritmo di tango, fanno assaporare agli spettatori la tipica atmosfera di una vera “noche argentina”, ricostruita sul palcoscenico attraverso un impetuoso crescendo di luci, colori e musica dal vivo. L’effetto viene inoltre enfatizzato soprattutto dall’energia prorompente e senza eguali sprigionata dai venti componenti della compagnia, tra cui figurano ballerini, musicisti e cantanti, tutti dotati di un talento tanto straordinario quanto ammaliante. Quello che viene proposto non è soltanto una carrellata di personaggi di inizio '900 nei fiumi peccaminosi delle Milonghe; ciò che i registi-protagonisti vogliono infatti trasmettere è l’essenza del tango, il magico potere alchemico che si cela sotto quest’arte, che solo banalmente può essere definita danza. Come lo stesso Adrián Aragón ha avuto modo di dire «il Tango non si impara, si vive! Il Tango è parte della nostra anima argentina... oggi... come ieri… come domani. E se la nostra anima è Divina, lo è anche il nostro Tango!» Prezzo del biglietto 16 euro (posto unico).

Un successo oltre ogni aspettativa. Con queste parole si potrebbe riassumere la trasferta in Repubblica Ceca (a Praga) del gruppo storico Sbandieratori e Musici dei Dovara di Isola Dovarese. La comitiva, composta da 40 persone, ha partecipato al Festival Internazionale del Folklore “Prague Folklore Days”, ed è stata l’unica formazione storica a rappresentare l’Italia fra i 36 gruppi presenti da tutta Europa e oltre. Venerdì mattina e sabato mattina il gruppo ha eseguito due spettacoli nelle piazze più belle della città, Old Town Square e Piazza Venceslao e sabato pomeriggio una lunga e grande sfilata per le vie del centro storico; una grandissima emozione, certamente mai provata prima, data principalmente dalle piazze e dalle vie del centro letteralmente stracolme di pubblico, cittadini di Praga e moltissimi turisti

della compagnia di Danza Antica Tripudiantes Dovarensis e alla Compagnia Teatro all’Improvvista. Venerdì sera, al Centro Congressi Clarion, è stata organizzata la serata ufficiale di consegna delle targhe di partecipazione: presenti al completo tutti 36 i gruppi partecipanti, in una grande sala stipata di colori e lingue e culture diverse. La sfilata del sabato pomeriggio ha visto fra i primi gruppi ad aprire il lungo corteo nelle vie principali del centro storico, dove in alcuni punti i protagonisti hanno faticato a passare fra le due ali di folla assiepate ai lati delle strade. Da sottolineare anche il calore dei numerosi turisti italiani in visita alla città che, appena saputo della presenza di un gruppo di connazionali, sono accorsi per godersi lo spettacolo. «L’occasione di questa tra-

che durante le esibizioni hanno regalato lunghi e calorosi applausi. Durante gli spettacoli il gruppo storico di Isola Dovarese ha offerto al pubblico una performance ad hoc, alternando spettacoli di bandiera e tamburi, danza rinascimentale, giullari e sputafuoco, con l’intento di offrire uno spaccato delle atmosfere rinascimentali. Questo grazie agli Sbandieratori e Musici dei Dovara e alle rappresentanze

sferta è stata anche l’occasione per consegnare i diplomi ai due nuovi sbandieratori che hanno appena concluso il corso annuale di bandiera e che sono entrati ufficialmente nel gruppo: Luca Camerini e Omar Azzoni, ai quali sono andati i complimenti dei maestri di bandiera che li hanno seguiti durante la preparazione e di tutto il gruppo al completo», hanno rivelato i responsabili del sodalizio cremonese.

A CREMA

Brividi... La musica si fa leggera

Domenica 2 agosto, alle 21 in via D. Alighieri, la manifestazione di CremArena “E...state in città” propone il concerto dal titolo “Brividi... La musica si fa leggera”. Uno spettacolo straordinario in cui si susseguono famosi brani di celeberrimi cantautori ed interpreti italiani e stranieri: da Elton John a Giorgia, da Gianna Nannini a Whitney Houston, da Lucio Dalla a Bryan Adams. Protagonista della serata musicale è un complesso di grandi nomi. L’Accademia delle Opere, nata nel 2005, è infatti un’orchestra di musicisti già impegnati presso formazioni prestigiose (la Filarmonica Toscanini, la Scala di Milano e il Maggio

Concerto con brani di cantanti famosi Musicale...) che vanta un curriculum denso di collaborazioni e produzioni significative. Come solisti emergono i nomi di Elena Festini (vocalist) e di Alessandro Lupo Pasini (pianoforte, sintetizzatori ed arrangiamenti), duo che collabora stabilmente dal 2007 esibendosi con un repertorio che spazia dal jazz alla musica leggera. Lupo Pasini si esibisce spesso anche come solista, riscuotendo consensi da parte di pubblico e criti-

ca, in città italiane, europee ed extraeuropee come pianista, organista e continuista. Nell’ensemble in scena a Crema ci sono anche i nomi di Fabio Crespiatico e Vittorio Marinoni. Il primo suona il basso come solista e come outsider girando sia in Italia che in Europa nei teatri, nei festival, nei maggiori jazz club nonché in televisione. Marinoni, batterista attivo nell’area jazzistica italiana, spicca per la collaborazione, ormai ventennale, con l’ottetto di G. Trovesi col quale ha realizzato 3 dischi tutti vincitori del premio come miglior disco dell’anno proposto dalla rivista “Musica jazz”. F.E.


22

Cultura

Venerdì 31 Luglio 2009

SFOGLIANDO a cura di Edizione Nuovi Autori

«Per insieme» Autore: Carola Nava

L’adolescenza è definita come il periodo di vita di un individuo che si interpone tra l’infanzia e la vita adulta ed è caratterizzata da una molteplicità di cambiamenti, su svariati fronti, che spesso si ripercuotono anche all’interno del contesto familiare. La percezione di una valutazione negativa da parte “degli altri”, può comportare nell’adolescente ansia, frustrazione e depressione: insomma, una vera crisi di identità. Carola ha vissuto questo turbinìo di emozioni ed è riuscita nel difficile tentativo di esternarlo: Per insieme è un concentrato di ricordi scritti in uno stile deciso e determinato, è come un duello, un faccia a faccia con un nemico che alla fine viene sconfitto, perché l’amore per se stessa e per la propria famiglia è più forte. Benito è la figura fondamentale nel processo di crescita di Carola, è il suo confronto positivo con l’esterno, con la Vita, è l’unica persona capace di ricreare in lei autostima e fiducia.

V

di Federica Ermete

enerdì 31 luglio Piazza Matteotti di Romanengo si offre come scenografia per una serata dal gusto e dall’atmosfera orientale. All’interno della rassegna “Odissea 2009”, il “Gruppo Taiko” propone lo spettacolo “Taiko no koe La voce del tamburo”, con Rita Superbi, Marilena Bisceglie e Catia Castagna. Lo spettacolo rappresenta un connubio suggestivo di musiche e danze che si ispira alla tradizione giapponese, ma che viene altresì arricchito con elementi tipici della cultura occidentale. In un percorso non solo uditivo, ma anche attraverso momenti di particolare impatto visivo, i protagonisti riescono a coinvolgere il pubblico in modo del tutto inaspettato, facendolo diventare parte attiva ed integrante dello spettacolo stesso. La leggenda narra che l'odaiko, il grande tamburo giapponese, ripropone il suono del battito del cuore ampliandolo ed interpretandone accelerazioni e sussulti: una vibrazione profonda che risuona già nell'aria anticipata dal gesto preparatorio quasi una danza - del musicista che si accinge a percuotere il tamburo. Oltre ai tamburi vengono suonati cimbali e campane tibetane;

A Romanengo il corpo e la mente danzano al ritmo del tamburo

vengono inoltre ritagliati anche momenti di matrice decisamente più melodica, al suono dello shamisen, tipico strumento a corde sempre di origine giapponese. Come insegna il maestro Kurumaya Masaaki, «la pelle del tamburo è uno specchio che riflette ciò che si fa, quindi se si suona con il cuore (kokoro) si trasmettono e si ricevono emozioni, facendo vibrare l’anima di chi ascolta». La spettacolarità dell’esibizione è amplificata dall'uso del fuoco come danza rituale al suono dei tamburi e dalla danza con la

spada dell’Aikido. “Taiko” è l'unico gruppo italiano di tamburi giapponesi al femminile in grado di mescolare sapientemente eleganza, potenza dei movimenti e precisione nell’esecuzione, senza la pretesa di “essere giapponesi”. La Compagnia è stata fondata nel 1994 da Rita Superbi che, 6 anni prima si era recata in Giappone, presso il gruppo di percussionisti “Ondekoza”, appositamente per studiare la tecnica del Taiko. Il nome Taiko Do significa “La via del tamburo” e rappresenta

Cala il sipario sul “Festival Odissea”

Cala il sipario sull’edizione 2009 del “Festival Odissea”. Sabato 1° agosto, presso la ex filanda di Soncino, la kermesse viene chiusa da uno spettacolo

decisamente innovativo ed intrigante, capace di stuzzicare il pubblico più esigente e in grado di venire incontro ai gusti di più persone. Mario e Adelly del Cirko Vertigo

“Circo su tela”, proposto dalla scuola “Cirko Vertigo”, è infatti uno show che unisce due realtà ben distinte ed apparentemente inconciliabili: l’arte figurativa e l’arte circense. Lo spettacolo, curato dalla regista Luisella Tamietto, trae spunto dall'attrazione fatale che l’arte figurativa, in special modo tra il XX e il XXI secolo, ha sviluppato verso il mondo del circo, rappresentandone spesso e volentieri i suoi protagonisti: dai giocolieri agli acrobati, dai trapezisti, ai clown... Durante "Circo su tela" gli artisti circensi mettono a disposizione la loro tecnica e la loro forza fisica per animare i soggetti di celebri tele dipinte dai grandi protagonisti della pittura. In un’alternanza continua, si susseguono numeri virtuosistici, storie ed immagini sul trapezio, sul cerchio, a terra o sul palo cinese; l'equilibrista sul filo fa rivivere una foto di Hartfield; il verticalista dà corpo a un'opera di Chagall; la ballerina danza ispirata da un costume disegnato da Picasso e poi ancora immagini ispirate dalle opere d'arte di altrettanti grandi artisti come Leonardo, Botticelli, Mantegna e molti altri. Tra le principali discipline chia-

mate in causa si contano: acrobatica, verticalismo, tessuti, cerchio, trapezio, corda verticale e filo teso. La Scuola “Cirko Vertigo”, diretta da Paolo Stratta, è stata fondata dal medesimo, con Chiara Bergaglio, nel 2003. L'obiettivo è quello di riavvicinare il grande pubblico al mondo del circo attraverso attività di formazione, produzione di spettacoli e creazione di eventi. L’accademia “Cirko Vertigo”, che rappresenta l'Italia nel consiglio direttivo della Fedec (Federazione europea delle Scuole Professionali di Circo), ha sede a Grugliasco. Nonostante l’esplicita vocazione allo spettacolo, la scuola ha sede presso la Casa del Teatro di Strada e del Circo Contemporaneo ed in uno chapiteau, a testimonianza dell’importante relazione con il circo tradizionale e nel rispetto delle pur importanti differenze. Le strutture, necessarie per gli esercizi e gli allenamenti dei suoi artisti, si trovano nel Parco Culturale “Le Serre” nel centro di Grugliasco, luogo in cui, durante l’anno, vengono allestite mostre, esposizioni e vari eventi culturali. La scuola e le sue attività rive-

l’armonica fusione tra corpo, mente e ritmo. I ritmi utilizzati partono da quelli dei percussionisti giapponesi, ma vengono poi elaborati e sviluppati in sinergia con i movimenti del corpo, particolarmente presenti in questo lavoro. Fondamentale è quindi l’allenamento fisico. Il Taiko Do è stato presente in molti festival internazionali, rassegne di teatro, danza e musica e ha partecipato a diverse trasmissioni televisive. In caso di pioggia lo spettacolo viene rappresentato presso il Teatro G. Galilei.

Matteo Frau (foto Simona Albani)

stono un ruolo di grande valenza culturale; ciò è testimoniato non solo dal fatto che dal 2001 il Parco “Le Serre” è la sede del Festival Internazionale di Circo Contemporaneo “Sul Filo del Circo”, di cui dal 2006 la Scuola cura la direzione artistica, ma anche dai patrocini ottenuti dal Comune e dalla Provincia di Torino, dalla Regione Piemonte e dal Comitato Uni-Cuba dell'Università degli Studi di Torino. Per il gran finale di una manifestazione che ha allietato per più di un mese le serate nella valle dell’Oglio, rischi e paradosso si sposano con l’arte figurativa, portando in scena il sogno comune di essere catapultati fuori dalla realtà quotidiana, sgranando gli occhi per lo stupore. F.E.

Palio dei Rioni 2009: a Sospiro grande attesa per la sfida

Tutto pronto per il gran finale del consueto Palio dei Rioni di Sospiro. Domenica 2 agosto, infatti, viene decretato chi, tra Aquila, Drago, Toro e Torre si aggiudica il titolo di vincitore dell’edizione 2009. In un felice connubio di cultura e tradizione, unito alla voglia di stare insieme dei sospiresi e a quel tocco di folklore che non fa mai male, il Palio di Sospiro affonda le sue radici alla fine degli anni '60 per volontà di alcuni giovani di creare qualcosa di divertente e particolare per il paese ed i suoi abitanti. Questo gruppo di ragazzi si organizzò successivamente per formare la

prima e storica Pro Loco di Sospiro, organizzatrice e promotrice del Palio per tutti gli anni a venire. Sospiro venne diviso in quattro rioni: Aquila, Drago, Toro e Torre. Negli anni '70 la manifestazione, che inizialmente si svolgeva nel mese di giugno, ma col passare del tempo venne spostata alla seconda metà di luglio e divenne l’appuntamento più atteso di tutto l’anno a Sospiro. Ogni rione aveva dei responsabili per ogni tipologia di gara e, durante il periodo invernale, i vari gruppi si trovavano per affinare al meglio le strategie e per raccoglie-

re le adesioni degli atleti che avrebbero gareggiato nelle competizioni. Tra le attività più apprezzate e divertenti per i sospiresi vanno citati il “calcio pesante”, dove solo atleti che avessero almeno 50 anni o con una determinata corporatura si sfidavano a calcio e il tradizionale tiro alla fune. Dopo una breve interruzione alla fine degli anni '70, causata da problemi organizzativi, il Palio conobbe una ripresa negli anni ‘80 e andò incontro ad un successo ancora maggiore negli anni '90, quando anche le frazioni furono inglobate nella mappa riona-

le. All’inizio del XXI secolo, sia la Pro Loco che il Palio, che storicamente dipendono l’una dall’altro, furono nuovamente sospesi, ma dal 2007 la determinazione dell’attuale Consiglio di amministrazione ha esortato i sospiresi a rimettersi a gareggiare per i propri rioni e l’edizione 2007 è stata un vero successo. Fiduciosi che anche le prossime edizioni richiameranno l’impegno dei sospiresi per difendere i colori del proprio Rione, non rimane che aspettare di conoscere il trionfatore! F.E.


Appuntamenti

Venerdì 31 Luglio 2009

ARTE & cultura

Fino al 30 settembre Pieve San Giacomo Mostra Opere d'arte di Graziella Borgna Esposizione di opere di pittura e scultura di Graziella Borgna presso il Centro d'arte "Il Torchio". Orario: tutti i giorni esclusivamente su appuntamento. Ingresso libero e gratuito. Per informazioni: 346-3231792. *** Fino al 13 settembre Cremona Mostra Arte d' Estate Pittura d'autore dedicata ai grandi artisti del 900 italiano presso la galleria d'arte "La Saletta" in corso Mazzini 55. Ingresso libero e gratuito. Orario: solo il mattino dalle 10 alle ore 12; festivi e lunedì chiuso. Per informazioni: 335-6004582. *** Fino al 25 agosto Offanengo Evento Estate Offanenghese Tradizionale appuntamento estivo con musica, teatro, cinema e intrattenimento che allieterà le sera-

SPETTACOLO Venerdì 31 luglio Romanengo Teatro Odissea Destini e Desideri Appuntamenti culturali nell'ambito del Festival della Valle dell'Oglio nelle piazze e nei luoghi storici del Borgo. 31 luglio Gruppo Taiko. Taiko no Koe alle ore 21.30 in Piazza Matteotti. Ingresso gratuito. Per informazioni: 0373-729263. *** Fino a sabato 26 settembre Crema Evento Cremarena 2009. E...state in città Tradizionale appuntamento estivo di spettacoli e musica organizzato a CremArena in via D. Alighieri 45. Prossimi appuntamenti: 2 agosto Brividi... la musica si fa leggera. 29 agosto Madame Butterfly.

zoom

I Tamburi del Bronx dopo le ferie

Dopo una paio di settimane di pausa, il Festival di Mezza Estate proporrà ancora uno spettacolo musicale particolare, ma nel contempo di grande qualità. Mercoledì 26 agosto alle ore 21, all'Arena Giardino, si esibiranno infatti I Tamburi del Bronx (nella foto). I PROTAGONISTI In un'ora e mezza di urla virili e battiti cardiaci c'è il succo di un gruppo nato quasi per caso quindici anni fa, alla periferia di Never in Francia. Lì c'è un Bronx che avvolge le vite di ragazzi cresciuti sulla strada, abituati ai fumi delle ciminiere, alla musica dei martelli pneumatici. Nello spettacolo c'è tutto lo stress metropolitano, la saturazione industriale che si è impossessata del nostro modo di vivere, la fretta della costruzione di qualcosa che presto si distruggerà; ma c'è anche il sapore della terra battuta, della polvere e del fango, di tutta quella primitività tribale che fissa le sue radici in Africa, culla dell'umanità.

te estive sino al 25 agosto con il grande concerto di fine estate. Dalle 21 nei cortili e palazzi del centro storico. Ingresso libero e gratuito. Per informazioni 0373-24731. *** Fino al 31 dicembre cremona Mostra Collezione d'archi Sau-Wing Lam

7 settembre Base per altezza diviso due. 10 settembre After Dinner. 26 settembre Sogno...notte di tango. *** Sabato 1 agosto Soncino Teatro Cirko Vertigo La Compagnia del Teatro Cirko Vertigo presenta l'opera "Circo su Tela". Appuntamento alle ore 21 presso gli spazi dell'Ex Filanda. Ingresso libero e gratuito. Per informazioni: 0373-729263. *** Martedì 4 agosto (ANNULLATO) CREMONA Teatro ILIADE, IL SUBLIME E L'EROICO Sebastiano Lo Monaco, uno dei più versatili interpreti della tradizione teatrale italiana, accetta la sfida di tradurre in scena il più grande poema epico e diventa così il cantore che cuce, in una nuova rapsodia, i brani degli antichi racconti.

Il metallo dei bidoni e il legno, la ricreazione di rumori ferroviari e l'utilizzo dell'urlo umano, i movimenti meccanici alternati a quelli di una danza millenaria. Ogni passo, ogni suono, ogni dettaglio di questo concerto mette

Nella Sala delle Colonne del Museo Civico Ala Ponzone in via U. Dati 4. Orario: feriali dalle 9 alle 18, festivi dalle 10 alle 18. Lunedì chiuso. Per informazioni: 0372-407269. *** Fino a domenica 30 agosto cremona Mostra Passages Mostra fotografica del noto autore

Ma per problemi tecnici lo spettacolo è stato annullato. Per informazioni: 0372-407230 - 407048. *** Mercoledì 5 Agosto Cremona danza DIVINOTANGO PASIONES COMPANY Classico e contemporaneo al tempo stesso, “Divino Tango” è una magistrale creazione con una messa in scena seducente, superba, agile e struggente. Storie in bianco e nero, o colorate dalla passione. L´eros sottilmente presente quando la coppia va oltre al ballo... E il ballo è una conseguenza di due corpi che ci suggeriscono il dopo. Appuntamento alle ore 21.15 presso l’Arena Giardino (16 euro posto unico). Per informazioni: 0372-407230 - 407048. *** Mercoledì 5 agosto Motta Baluffi Rassegna

in luce il movimento forsennato tra questi due estremi: il passato selvaggio e il futuro frenetico. Immaginate una poesia di Marinetti come accompagnamento ad una danza propiziatoria del centro Africa. Ecco Les Tambours du Bronx.

Roberto Cavalli, presso l'Hotel Dellearti di via Bonomelli 8. Ingresso ad orario liberi Per informazioni: 0372-23131. *** Da venerdì 31 luglio a domenica 2 agosto pianengo festa Festa dello sport ai blocchi La venticinquesima edizione della festa dello sport ha luogo presso

Burattini in Cascina - L'albero dei segreti La Compagnia Teatro laboratorio del mago presenta l'opera "L'albero dei segreti". Appuntamento alle 21.30 presso il Centro Anziani di Motta Baluffi. Per informazioni: 0372-414160. *** Giovedì 6 agosto Cremona Rassegna Burattini d'estate 2009 - Il sogno di tartaruga Lo spettacolo in programma è intitolato "Il baule volante". Appuntamento fissato alle ore 21.30 presso la Cascina "Il Cambonino Vecchio" in via Castelleone 51. Ingresso libero e gratuito. Dopo lo spettacolo di burattini, è in programma una serata musicale con Elena Ravelli & Simone Borsi. Lo spettacolo partecipa all'iniziativa "Libruzzo: un libro per l'Abruzzo", a favore delle popolazioni terremotate. Per informazioni: 0372-414160.

fuori provincia

Venti capolavori di Monet a Milano

Claude Monet (nato a Parigi 14 novembre 1840 e morto a Giverny il 6 dicembre 1926 è stato sicuramente tra i maggiori esponenti dell'Impressionismo. Le sue opere da sempre richiamato tantissimi visitatori e la mostra a lui dedicata dal titolo "Claude Monet - Il tempo delle ninfee" rimane aperta al pubblico fino al 27 settembre, nelle sale di Palazzo Reale a Milano (orario: lunedì 14.30-19.30, martedì-domenica 9.30-19.30, giovedì 9.30-22.30.). Il cuore del percorso espositivo è costituito da 20 capolavori di Claude Monet, mai usciti in questa quantità e qualità dal Museo Marmottan di Parigi, la maggiore collezione al mondo di opere del maestro. Venti grandi tele che Monet ha dipinto tra il

1900 e il 1923 e che ci restituiscono il percorso che lo ha portato a cercare di trasferire dal suo giardino alla sua arte i salici piangenti, le ninfee, i ponti giapponesi, i fiori di ciliegio e gli iris che lo popolano. Una ricerca, per certi versi ossessiva, che per molto tempo il grande pubblico ignora, preferendo identificare Monet con la più facile pittura impressionista. LA STORIA Nel 1890 Claude Monet acquista la casa e il giardino di Giverny, lungo la Senna, a nord di Parigi. Ha cinquant'anni ed è l'esponente più rappresentativo dell'Impressionismo. Quella dei giardini è una passione della prima ora, che Monet ha già vissuto a Vétheuil e poi ad Argenteuil. Ma Giverny è finalmente il sogno di una vita, il suo

vero grande progetto. Nella casa di Giverny Monet vivrà il resto della sua lunga vita, cercando senza sosta di realizzare quella che considera l'opera d'arte in assoluto più importante: il suo giardino. Accanto al giardino francese, con i fiori che ha piantato in un primo tempo, con fatica e tenacia e perfino con l'aiuto del presidente Clemenceau, costruirà un giardino acquatico e, in uno stagno, circondato da cotogni, felci, salici, rododendri e azalee, metterà a dimora le più diverse specie di ninfee: è il suo giardino giapponese, oggi il più visitato al mondo. Quegli anni, dall'ultimo decennio dell'Ottocento al 1926, saranno per Monet il tempo delle ninfee, quello a cui è interamente dedicata la mostra di Palazzo Reale a Milano.

23

l'oratorio di Pianengo e propone, come sempre, buona cucina, ottima musica e giochi per i più piccoli. Per informazioni: 0373-750145 *** Giovedì 6 agosto Cremona Incontro I Giovedì d'autore - Il compito di un gatto di strada Margherita Oggero presenta "Il compito di un gatto di strada" (edito da Einaudi) presso il gazebo di Piazza Roma. *** Domenica 9 agosto Pieve d'Olmi festa Festa del Volontariato Estesa su tutta la giornata presso il parco della scuola matrerna, la festa prenderà il via con il pranzo rivolto soprattutto agli anziani. Alla sera si riapriranno le cucine per tutti i presenti. Per l'intrattenimento serale si sta valutando se proporre un momunto musicale o se organizzare uno spettacolo teatrale dialettale. Per informazioni: 0372-626131. *** Venerdì 14 agosto crema evento XXIX TORTELLATA CREMASCA Alle ore 21.30, in piazza Aldo Moro, si svolgerà la tanto attesa "Tortellata Cremasca" con l'orchestra spettacolo di Toni Todisco. Metà degli introiti sarà devoluta in beneficenza a favore delle organizzazioni no profit del territorio cremasco. Ingresso gratuito. Per informazioni: 0373-259452 - 31501.

MUSICA Domenica 2 agosto Spineda Concerto L' opera galleggiante - Terre d'Acqua 2009 - Osteria del Fojonco I violini di Santa Vittoria presentano "Osteria del Fojonco" con gli arrangiamenti a cura di Davide Bizzarri. La serata musicale inizierà alle ore 21.30 presso l'Area dello Sport ingresso 5 euro. Per informazioni: 347-7556898. *** Dal 31 luglio al 6 settembre Capralba EVENTI E MUSICA Sono in programmauna serie di eventi e concerti per allietare l'estate. 31 luglio Concerto Band Cover. 14 agosto Mercatini e musica con "Capralba sotto le stelle". 15 agosto Serata danzante con "Gli agrodolce". 6 settembre Gita alle Cinque Terre, organizzata dalla biblioteca comunale in collaborazione col Gruppo giovani. Per informazioni: 0373-452121 oppure 452120.


Per la Pubblicità su telefona allo 0372.43 54 74 • 45 39 67

Televisione &Cinema

Per la Pubblicità su telefona allo 0372.43 54 74 • 45 39 67

Programmi televisivi da Sabato 1 a Venerdì 7 Agosto 2009

I militari di “THE UNIT” su Rete 4

V

a in onda su Rete 4 la seconda inedita stagione di “The Unit”, il military drama che segue le vicende di una squadra delle forze speciali americane impegnata in tutto il mondo in segretissime e pericolose missioni contro il terrorismo internazionale.

I PROTAGONISTI The Unit è formato da un gruppo di coraggiosi marines, all’apparenza semplici soldati dell’esercito americano, che in realtà fanno parte di un’unità segreta dell’esercito pronta a tutto per la patria: il colonnello Tom Ryan (Robert Patrick), che risponde del suo operato direttamente al presidente degli Usa e al se-

gretario della Difesa, il tenente Jonas Blane (Dennis Dexter Haysbert), Bob Brown (Scott Foley), Mack Gerhardt (Max Martini), Charles Grey (Michael Irby) ed Hector Williams (Demore Barnes). E mentre i valorosi militari

La squadra delle forze speciali è impegnata in tutto il mondo in missioni segrete e pericolose

raiuno

raidue

raitre

la 7

sabato 1

sione dal gruppo. NOVITA’ Tante le novità di questa seconda stagione a cominciare dall’ingresso nel cast di due nuovi personaggi: Crystal (Summer Glau), che complicherà la già problematica relazione tra Mack

I protagonisti della fiction: Christiane Filangieri e Flavio Insinna

I protagonisti della serie tv e a lato la locandina

sono impegnati e rischiano la vita in pericolose e delicate missioni antiterrorismo (delle quali non possono rivelare nulla ai familiari) ad attenderli a casa, impazienti e con ansia, sono le loro mogli, legate dallo stesso affiatamento che unisce i mariti: Tiffy Gerhardt (Abby Brammell), Molly Blane (Regina Taylor) e Kim Brown (Audrey M. Anderson). Anche da loro dipende la vita dei sottoposti: se fossero sospettate di parlare ad altri dell’esistenza della squadra speciale i loro mariti rischierebbero l’espul-

tv

HO SPOSATO UNO SBIRRO

domenica 2 Lunedi’ 3

e Tiffy, e Jeremy Erhart (Daniel Wisler), un nuovo soldat o c h e v e r r à re c l u t a t o dall’unità. E galeotto fu il set per le new entry, visto che la Glau e Wisler si sono fidanzati! Per quanto riguarda la trama, invece, la squadra trepiderà per il possibile passaggio di Bobby alla Cia e per le inchieste che coinvolgeranno prima il colonnello Ryan e poi tutti i soldati del gruppo con il rischio dell’estinzione dell’unità stessa. Rete 4, mercoledì ore 23.20

Martedi’ 4

Flavio Insinna abbandona l’Arma dei Carabinieri e il ruolo del maresciallo Anceschi in Don Matteo per “arruolarsi” in Polizia. L’ex conduttore dei “pacchi” è protagonista il lunedì in prima serata della fiction “Ho sposato uno sbirro”. LA TRAMA Gli episodi, in onda su Raduno, raccontano le vicende di una coppia, nella vita e sul lavoro: commissario lui, Flavio Insinna nel ruolo di Diego Santamaria, ispettrice lei, Christiane Filangieri (lanciata dallo spot della Tim all’inizio degli anni Duemila) che interpreta la borghese ribelle Stella Morini. I due si trovano a vivere insieme 24 ore su 24, a condividere i casi da risolvere e,

mercoledi’ 5

in contemporanea, a gestire la pur difficile vita matrimoniale. Affiancano la coppia, le rispettive madri morbose (Giovanna Ralli e Barbara Bouchet) e l’ingombrante ex fidanzata ancora innamorata, il pm Lorenza Alfieri, interpretata da Luisa Corna, che mette in continuazione a rischio la stabilità del matrimonio. Completano il cast Antonio Catania (abbonato al ruolo di assistente di Polizia dopo l’esperienza al fianco di Abbatantuono), Giulietta Ravel e Marco Bocci. A fare da sfondo, Roma, raccontata attraverso i suoi squarci più suggestivi. Raduno, lunedì ore 21.20

giovedi’ 6

venerdi’ 7

12.35 13.30 14.00 15.40 17.00 17.10 17.40 17.45 18.50 20.00 20.30 21.20 23.20 23.25 00.25

la signora in giallo. Tf Tg 1/ tg1 sport linea blu. Attualita' gli occhi del leopardo tg1 - che tempo fa a sua immagine. Attualita' tg1 l.i.s. L'ISPETTORE DERRICK reazione a catena. Quiz Tg1 - tg1 sport SUPERVARIETA' vogliamo essere amici? tg1 premio louis braille 2009 l'appuntamento. attualita'

10.55 12.00 12.20 13.10 13.30 14.00 16.00 16.30 16.35 18.05 19.05 20.00 20.40 21.30 23.30

ss messa - angelus recita dell'angelus linea verde estate pole position sport tg1 varieta'. spec. panariello aspettando miss italia tg1 l.i.s. il prezzo dell'anima. film l'ispettore derrick. Tf il commissario rex. Tf Tg1 - Rai Tg Sport supervarieta' provaci ancora prof3 speciale tg1

11.30 11.40 13.30 14.10 15.00 17.00 17.15 18.00 18.50 20.00 20.30 21.20 23.25 23.30

tg1 telegiornale la signora in giallo Tg 1 / tg1 economia verdetto finale. Attualita' un medico in famiglia 5 tg1 telegiornale/meteo le sorelle mcleod. Tf il commissario rex reazione a catena. quiz Tg1 - telegiornale supervarieta' ho sposato uno sbirro tg1 telegiornale un viaggio in america latina. Attualita'

11.30 11.40 13.30 14.10 15.00 17.00 17.15 18.00 18.50 20.00 20.30 21.20 23.10 23.20

tg1 telegiornale la signora in giallo Tg 1 / tg1 economia verdetto finale. Attualita' un medico in famiglia 5 tg1 telegiornale le sorelle mcleod. Tf il commissario rex. Tf reazione a catena. quiz Tg1 supervarieta'. Varieta' il commissario montalbano. film tg1 telegiornale porta a porta. Attualita'

11.30 11.40 13.30 14.10 15.00 17.00 17.15 18.00 18.50 20.00 20.30 21.20 23.30 23.35

Tg 1/che tempo fa la signora in giallo tg1/economia verdetto finale. Attualita' un medico in famiglia 5 tg1 telegiornale le sorelle mcleod il commissario rex reazione a catena. quiz Tg1 - tg sport supervarieta' mettiamoci all'opera. film tg1 telegiornale passaggio a nord ovest. doc.

10.40 11.30 11.40 13.30 14.10 15.00 17.00 17.15 18.00 18.50 20.00 20.30 21.20 23.30 23.35

14° distretto. telefilm Tg 1 telegiornale la signora in giallo Tg 1 / tg1 economia verdetto finale. Attualita' un medico in famiglia 5 tg1 telegiornale le sorellemcleod. Tf il commissario rex reazione a catena. quiz tg1 telegiornale supervarieta' superquark tg1 telegiornale mare latino. varieta'

10.40 11.25 11.40 13.30 14.10 15.00 17.00 17.15 18.00 18.50 20.00 20.30 20.45 22.50 22.55

14° distretto. Telefilm Tg 1/che tempo fa la signora in giallo Tg 1 / tg1 economia verdetto finale. Attualita' un medico in famiglia 5 tg1 telegiornale le sorelle mc leod il commissario rex. Tf reazione a catena. quiz Tg1 telegiornale rai sport calcio juventus-Villareal tg1 telegiornale pianeta terra. doc.

11.15 13.00 13.25 14.00 15.30 16.15 17.35 18.00 18.10 18.55 20.25 20.30 21.05 22.40

qualitaliadop. attualita' tg2 giorno sereno variabile estate quel lupo mannaro di mio marito. film l'africa nel cuore. tf streghe. Telefilm due uomini e mezzo. Tf tg2 notizie/meteo 2 jag-avvocati in divisa. Tf nuoto campionati mondiali estrazioni del lotto tg2 notizie storm cell. film anna winter. telefilm

10.30 11.30 13.00 13.45 15.20 16.40 17.45 17.55 20.30 21.05 22.35 23.35 00.50 01.10

tg2 mattina l.is. nancy drew. film tg2 giorno/motori turbo. fiction jane doe. film il commissario kress. tf tg2/meteo nuoto. Campionati mondiali tg2 notizie il sentiero di hope rose. Film life on mars. Telefilm la domenica sportiva tg2 notte sorgente di vita

11.25 13.00 13.50 14.00 14.25 16.00 16.40 17.25 17.45 18.05 19.05 19.35 20.30 21.05 23.40

orgoglio. film tg2 - costume e societa' medicina 33. rubrica 7 vite. sit-com numb3rs. telefilm alias. telefilm las vegas. telefilm due uomini e mezzo. Tf cartoni animati tg 2 - flash/sport 7 vite. sit-com squadra speciale lipsia tg2 notizie lost. Telefilm stracult show. varieta'

11.25 13.00 13.50 14.00 14.25 16.00 16.40 17.25 18.05 19.05 19.35 20.30 21.05 21.50 23.35

orgoglio. fiction tg2 - costume e societa' tg2 medicina 33 7 vite. sit-com numb3rs. telefilm alias. telefilm las vegas. Telefilm due uomini e mezzo. Tf tg 2 - rai sport 7 vite. sit-com squadra speciale lipsia tg2 notizie ghost whisperer-presenze lr visioni di ellie. film supernatural. telefilm

13.00 13.50 14.00 14.25 16.00 16.40 17.25 17.45 18.00 18.30 19.05 19.35 20.30 21.05 21.50

tg2 giorno tg2 medicina 33 7 vite. sit-com numb3rs. telefilm alias. telefilm las vegas. Telefilm due uomini e mezzo. Tf cartoni animati tg 2 flash tg2 notizie 7 vite. sit-com squadra speciale lipsia Tg 2 notizie ghost whisperer-presenze brothers & sister. Tf

13.00 13.50 14.00 14.25 16.00 16.40 17.25 18.05 18.10 18.30 19.05 19.35 20.30 21.05 22.40

tg2 - costume e societa' medicina 33. rubrica 7 vite. Sit Com numb3rs. telefilm alias. telefilm las vegas. Telefilm due uomini e mezzo. Tf tg sport/flash l.i.s. tg2 sport tg2 notizie 7 vite. sit-com squadra speciale lipsia tg2 notizie criminal minds. Telefilm life on mars. Telefilm

13.00 13.50 14.00 14.25 16.00 16.40 17.30 18.05 18.30 19.05 19.35 20.30 21.05 22.40 23.45

tg2 - costume e societa' tg2 eat parade 7 vite. Sit Com numb3rs. telefilm alias. telefilm las vegas. Telefilm due uomini e mezzo. Tf tg2 flash - sport tg2 notizie 7 vite. sit-com squadra speciale lipsia tg2 notizie la vendetta dell'amore anna winter. tel. terapia d'urgenza. tel.

08.00 08.55 14.00 14.50 18.55 19.00 20.00 20.20 21.05 23.00 23.20 01.30 01.35

sotto i cieli del mondo pallanuoto campionati mondiali tgr meteo -tg3 - pixel pallanuoto campionati mondiali tg3 meteo Tg Regione - tg3 blob. Varieta' i misteri di murdoch. tf er piu'. film Tg Regione - tg3 gangster story. film fuori orario abbandonati nello spazio

09.25 12.10 12.25 12.55 13.25 14.00 14.30 14.50 16.00 18.00 19.00 20.00 20.20 21.00 23.25

nuoto campionati mondiali tg3 agenda dal mondo telecamere okkupati passepartout Tg 3 - tgr - meteo tg3 saluteinforma spec.e' domenica papa' anastasia mio fratello ARSENIO LUPIN. tf Tg Regione - tg3 - meteo blob. Varieta' pronto elisir. att alle falde del kilimangiaro l'aria salata. film

13.05 14.00 14.45 14.55 15.00 16.30 17.15 18.00 18.25 19.00 20.00 20.15 20.35 21.05 23.15

terra nostra Tg Regione - tg 3 cominciamo bene estate tg3 flash tresibonda atletica leggera squadra speciale vienna geo magazine tg 3 meteo tg3 - tg regione blob wind at my back. telefilm un posto al sole. soap circo massimo show tg regione linea notte

09.05 10.25 13.05 14.00 14.45 15.00 16.30 17.15 18.00 19.00 20.00 20.15 20.35 21.10 23.50

la citta' si difende.film cominciamo bene estate terra nostra. soap Tg Regione - tg 3 cominciamo bene estate tresibonda atletica leggera squadra speciale vienna geo magazine tg3 - tg regione Blob wind at my back. telefilm un posto al sole rugantino. film viziati 3 attualita'

10.55 13.05 14.00 14.45 15.00 16.30 17.15 18.00 18.25 19.00 20.00 20.15 20.35 21.10 23.15

cominciamo bene estate terra nostra. soap Tg Regione - tg 3 cominciamo bene estate tresibonda sci nautico squadra speciale vienna geo magazine tg3 meteo tg3 - tg regione Blob wind at my back. telefilm Un posto al sole. Soap amore criminale. docum tg3 notte

10.30 13.05 14.00 14.45 14.55 15.00 16.30 17.15 18.00 19.00 20.00 20.15 20.35 21.10 23.10

cominciamo bene estate terra nostra. soap Tg Regione - tg 3 cominciamo bene estate tg3 flash tresibonda basket italia francia squadra speciale vienna geo magazine tg3 - tg regione Blob wind at my back. telefilm Un posto al sole. Soap gioco a due. film tg3 regione notte

10.30 13.05 14.00 14.45 14.55 15.00 16.30 18.00 19.00 20.00 20.15 20.35 21.05 21.10 23.15

cominciamo bene estate terra nostra. soap Tg Regione - tg 3 cominciamo bene estate tg3 flash tresibonda ciclismo gran premio geo magazine tg3 regione-meteo Blob. varieta' wind at my back. telefilm un posto al sole. soap tg3 telegiornale la grande storia. film tg3 regione notte

09.45 10.45 12.30 12.55 13.00 14.00 15.00 16.00 18.00 20.00 20.30 21.10 23.05

il tocco di un angelo.Tf ponzio pilato. film tg la7 - sport 7 sport 7 new tricks. telefilm i signori della truffa superbike. diretta mia moglie e' una pazza assasina?. film e' arrivato mio fratello. film tg la7 doctorology. telefilm l'ispettore barnaby Telefilm chi protegge il testimone

06.00 07.30 09.20 09.35 10.30 12.30 12.55 13.00 13.30 15.30 16.35 20.00 20.30 21.30 23.45

tg la7 l'inafferrabile 12. film la settimana. Attualita' il tocco di un angelo. tf i prepotenti. film tg la7 sport 7 tg la7/sport7 i normanni. film superbike gran premio anatomia di un omicidio tg la7 s.o.s. tata missione natura cold squad. telefilm

10.25 11.30 12.30 12.55 13.00 14.00 16.05 17.10 18.05 19.00 20.00 20.30 21.10 23.00 23.25

cuore e batticuore mike hammer. Telefilm Tg La7 - sport 7 sport 7 hardcastle & mccormick io, io...e gli altri. Film star trek enterprise la7. Doc. due south. Telefilm murder call. Telefilm Tg La7 otto e mezzo-diario l'imperatore di capri. film la valigia dei sogni.film le motorizzate

10.30 11.30 12.30 13.00 14.00 16.05 17.10 18.05 19.00 20.00 20.30 21.10 23.35 00.30

cuore e batticuore mike hammer. Telefilm Tg La7 - sport 7 hardcastle & mccormick congiura di spie. film star trek enterprise la7 doc due south - due poliziotti a chicago murder call. Telefilm speciale Tg La7 grazie al cielo sei qui the district. Telefilm vie della seta. Attualita' tg la7

10.15 10.30 11.30 12.30 13.00 14.00 16.05 17.10 18.00 19.00 20.00 20.30 21.10 23.20

due minuti un libro cuore e batticuore mike hammer. Telefilm Tg La7 - sport 7 hardcastle & mccormick 6 simpatiche carogne star trek enterprise la 7 doc. Doc due south. Telefilm murder cal. Telefilm Tg La7 victor victoria. varieta' la gaia scienza. Documentario cold squad. telefilm

10.15 10.30 11.30 12.30 13.00 14.00 16.00 17.10 18.05 19.00 20.00 20.30 21.10 23.30

due minuti un libro cuore e batticuore mike hammer. Telefilm Tg La7 - sport 7 hardcastle & mccormick al soldo di tutte le bandiere. film star trek enterprise la7 doc due south. telefilm murder call. Telefilm tg la7 cool stuff. varieta' 23 passi dal delitto cold squad. telefilm

10.15 10.25 11.30 12.30 13.00 14.00 16.05 17.10 18.05 19.00 20.00 20.30 21.10 23.45

due minuti un libro cuore e batticuore mike hammer. Telefilm Tg La7 - sport 7 hardcastle & mccormick cuore d'africa. telefilm star trek enterprise la7 doc. Doc. due south-due polizziotti a chicago murder call. Telefilm Tg La7 niente di personale vivo per miracolo. film cold squad. film


Venerdì 31 Luglio 2009

cinema programmazione settimanale Cremona Megacine Cremonapo (199.404.406) www.cremona.megacine.it • Baby Mama • Coraline E La Porta Magica • Harry Potter E Il Principe Mezzosangue • La Rivolta Delle Ex • Transformers - La Vendetta Del Caduto • Una Notte Da Leoni

Filo (0372 411252) Riposo Arena Giardino (333.3955235) • Un matrimonio all'inglese (sabato 1) • Mamma mia! (Domenica 2) • Vicky Cristina Barcelona (Lunedì 3) • Il Giardino di Limoni (Giovedì 6) • Diverso da Chi? (Venerdì 7)

Tognazzi (0372 458892) • Harry Potter E Il Principe Mezzosangue

crema

pieve fissiraga Cinelandia (0371 237012) www.cinelandia.it • Baby Mama • Harry Potter E Il Principe Mezzosangue • I Love Radio Rock • Transformers La Vendetta Del Caduto • Viaggio Al Centro Della Terra 3d

SEX MOVIE IN 4D

Porta Nova (0373 218411) www.multisalaportanova.it •Harry Potter E Il Principe Mezzosangue • I Love Radio Rock • Amore E Altri Crimini • Transformers La Vendetta Del Caduto • La Rivolta Delle Ex • Una Notte Da Leoni

25

Prossimamente...

Ian Lafferty (Josh Zuckerman) ha 18 anni e vive come un serio problema il fatto di essere ancora vergine, anche perché ha paura che la cosa gli renda problematica la vita al college. Sbeffeggiato dal fratello maggiore Rex (James Marsden) e surclassato addirittura da quello minore, sfoga le proprie pulsioni online, vantando doti che ovviamente non ha. In una chat conosce Ms. Tasty, una rossa tutto pepe che però vive a Knoxville, dall'altra parte del paese. Ian decide allora di prendere a prestito la Pontiac del fratello maggiore (senza che questi lo sappia) e cogliere la palla al balzo, prima che sia troppo tardi. Parte così per un viaggio di 750 chilometri insieme agli amici Lance (Clark Duke) e Felicia (Amanda Crew). Il viaggio, però, sarà tutto tranne che tranquillo...

Martedì e Mercoledì Cineforum - Over 60 • L'amore Nascosto Giovedì - Cineforum • Crossing Over

Regia: Sean Anders

Genere: Commedia

CINEMA - “Transformers: La vendetta del caduto” è diretto da Michael Bay

Torna Sam, l’eroe che ha salvato l’universo

In “Transformers: La vendetta del caduto” ritroviamo Sam Witwicky (Shia LaBeouf), l’eroe che ha salvato l’universo dall’apocalittica battaglia tra robot alieni Autobots e Decepticons. Sam è ancora il ragazzo semplice incontrato nel primo film della saga, con decisioni difficili da prendere, il college e una bellissima ragazza di

nome Mikaela (Megan Fox). Non manca però il suo fidato amico “robot” di nome Bumblebee. Quanto successo nel recente passato non può però essere cancellato con un colpo di spugna. Sector 7 è stato smantellato e il suo più fedele soldato, l’Agente Simmons (John Turturro), è stato liquidato senza troppi convenevoli. Al suo posto è nata una nuova agenzia, la Nest, che si avvale di esperti comandanti di campo come Lennox (Josh Duhamel) ed Epps (Tyrese Gibson), che lavorano al fianco degli Autobots al fine di evitare un ennesimo confronto fatale con i Decepticons. Sfortunatamente il consulente della sicurezza nazionale, Theodore Galloway (John Benjamin Hickey) non è abbastanza lungimirante da rendersi conto degli

sabato 1

canale 5

italia 1

rete 4

domenica 2 Lunedi’ 3

Genere: Azione

di Michael Bay

inesorabili cambiamenti che stanno per verificarsi. Desideroso di controllare tutte le organizzazioni preposte alla difesa e di gestirne il potere, e deciso a disfarsi di ciò che considera un superfluo bureau governativo, Galloway vorrebbe chiudere la Nest, convinto che le minacce di guerra siano ormai acqua passata. Proprio nel momento in cui Sam ha da poco fatto il suo ingresso nella sua nuova scuola, improvvisamente viene colto da visioni che gli attraversano il cervello come lampi. Preoccupato di soffrire della stessa malattia che ha colpito suo nonno, Sam non rivela a nessuno il suo problema, fino a quando non può più fare a meno di ignorare i messaggi e i simboli che si fanno strada nella sua mente.

Cast: Megan Fox, Shia LaBeouf, Hugo Weaving, Rainn Wilson, Josh Duhamel, John Turturro, Frank Welker, Isabel Lucas, Tyrese Gibson Durata: 147 minuti Produzione: Universal Pictures - Usa 2009

Sopra una scena del film e a lato la locandina

Martedi’ 4

mercoledi’ 5

giovedi’ 6

venerdi’ 7

07.55 traffico - meteo 5 08.00 tg5 mattina 08.35 due madri per eero. film 09.30 finalmente arriva kalle 10.30 speciale giffoni. att 10.40 in ricchezza e in poverta' 13.00 tg5 - meteo 5 13.45 belli dentro. telefilm 14.10 un matrimonio impossibile 16.40 il giudice mastrangelo 19.00 carabinieri 7. Telefilm 20.00 Tg 5 - meteo 5 20.30 paperissima sprint 21.10 scherzi a parte story 23.30 gli insoliti ignoti. Film

07.55 08.00 08.35 09.50 11.00 13.00 13.40 15.50 17.45 20.00 21.20 22.50 00.30 01.30

traffico - meteo 5 tg5 mattina posta del cuore. film finalmente arriva kalle. Tf dave-presidente per un giorno. film Tg 5 - meteo 5 elisa di rivombrosa hudson hawk. film l'amore in gioco. film Tg 5 - meteo 5 i cesaroni 2. fiction zelig off. Varieta' damages. telefilm tg5 notte

08.00 08.30 08.35 11.00 13.00 13.40 14.10 14.45 16.35 18.50 20.00 20.30 21.10 23.35 01.30

tg5 mattina miracoli degli animali una ragazza sfrenata forum. attualita' Tg5 - meteo beautiful. soap centovetrine. Soap l'amore non ha prezzo carabinieri 7. Telefilm sarabanda Tg 5 - meteo 5 paperissima sprint the skeleton key. film birth. film tg5 notte

08.00 08.30 08.35 11.00 13.00 13.40 14.10 14.45 16.30 18.50 20.00 20.30 21.20 00.15 02.15

tg5 mattina miracoli degli animali un uomo in prestito forum. attualita' Tg5 - meteo beautiful. soap centovetrine. Soap inga lindstrom. Film carabinieri 7. Telefim sarabanda. Quiz Tg 5 - meteo 5 paperissima sprint contatto finale. film arrenditi dorothy. Film tg5 notte/meteo 5

08.30 08.35 11.00 13.00 13.40 14.10 14.45 16.30 18.50 20.00 20.30 21.20 23.30 01.30 02.00

miracoli degli animali in corsa con il sole. film forum. attualita' Tg5 - meteo beautiful. soap centovetrine. Soap noblesse oblige. film carabinieri 7. telefilm sarabanda. Quiz Tg 5 - meteo 5 paperissima sprint dreamer. film matrix. Attualita' tg5 notte/meteo 5 paperissima sprint

08.30 09.00 11.00 13.00 13.40 14.10 14.45 16.30 18.50 20.00 20.30 21.10 24.00 01.00

finalmente soli. tf duetto a tre. film forum. attualita' Tg5 - meteo beautiful. soap centovetrine. Soap rosamunde pilcher: le ali della speranza carabinieri 7. Telefilm sarabanda. Quiz Tg 5 - meteo 5 paperissima sprint north cauntry. film terra! estate. attualita' tg5 notte

08.30 08.35 11.00 13.00 13.40 14.10 14.45 16.30 18.50 20.00 20.30 21.20 23.20 01.30 02.00

miracoli degli animali avviso di chiamata. film forum. attualita' Tg5 - meteo beautiful. soap centovetrine. Soap la vita di sarah.film carabinieri 7. Telefilm sarabanda. Quiz Tg 5 - meteo 5 paperissima sprint scherzi d'amore. Film american gigolo'. Film tg5 notte paperissima sprint

07.50 10.45 11.45 12.25 13.00 13.40 14.05 16.05 17.55 18.30 19.00 19.30 21.10 23.05

cartoni animati perche' a me. telefilm aliens in america. tf studio aperto - meteo studio sport le regole dell'amore.tf french for beginners l'isola del tesoro e il mistero della pietra. film give me five. telefilm studio aperto/meteo mr. bean. telefilm air buddies. film il topolino marty. film monster ark. film

07.00 07.45 11.45 12.25 13.00 13.55 16.00 16.45 18.05 18.30 19.00 20.45 22.40

cleopatra 2525. tf cartoni animati aliens in america. tf studio aperto - meteo le regole dell'amore tremors 2. film tremors 4 - la leggenda. film tg com/meteo give me five. telefilm studio aperto - meteo un ciclone in famiglia2 prey la caccia e' aperta. Film standoff. telefilm

11.20 12.25 13.00 13.40 15.00 15.50 16.50 17.30 18.30 19.00 19.25 19.40 20.15 21.10 22.50

baywotch. Telefilm studio aperto - meteo studio sport cartoni animati dawson's creek. Telefilm il mondo di patty. Tf the sleepover club. Tf cartoni animati Studio Aperto - meteo studio sport love bugs 3 Sit-com buona la prima. Sit-Com mercante in fiera mai dire candid road trip. film

11.20 12.25 13.00 13.40 15.00 15.50 16.55 17.30 18.30 19.25 19.40 20.15 21.10 22.05 00.55

baywatch. Tf studio aperto - meteo studio sport cartoni animati dawson's creek. Telefilm il mondo di patty. Tf the sleepover club cartoni animati Studio Aperto - meteo love bugs 3 Sit-com buona la prima. Sit-Com mercante in fiera big daddy. film bionic woman. telefilm my name is earl. telefilm

11.15 12.25 13.00 13.40 15.00 15.50 16.55 17.30 18.30 19.25 19.40 20.15 21.10 23.10

baywatch. Tf studio aperto - meteo studio sport cartoni animati dawson's creek. Telefilm il mondo di patty. Tf the sleepover club. Tf cartoni animati Studio Aperto - meteo love bugs 3 Sit-com buona la prima mercante in fiera mistero. Attualita' non aprite quella porta. film

11.15 12.25 13.00 13.40 15.00 15.50 16.55 17.30 18.30 19.00 19.25 19.40 20.15 21.10 23.00

baywatch. Tf studio aperto - meteo studio sport cartoni animati dawson's creek. Telefilm il mondo di patty. Tf sleepover club. Tf cartoni animati Studio Aperto - meteo studio sport love bugs 3 Sit-com buona la prima mercante in fiera life. telefilm prison brek. telefilm

11.15 12.25 13.00 13.40 15.00 15.55 16.55 17.30 18.30 19.25 19.40 20.15 21.10 23.10 01.05

baywatch. Tf studio aperto - meteo studio sport cartoni animati dawson's creek il mondo di patty. Tf sleepover club. Tf cartoni animati Studio Aperto - meteo love bugs 3 Sit-com buona la prima mercante in fiera vita smeralda. film the shield. telefilm talent 1 player

08.00 08.25 09.20 09.45 11.30 11.40 12.25 13.30 14.05 18.55 19.35 21.10 23.15 24.00 01.40

nonno felice magnum p.i. stasera a teatro i segreti del vulcano tg4/ notizie traffico cuochi senza frontiere distretto di polizia 5 Tg 4 - meteo 4 perry mason. Telefilm Tg 4 - meteo 4 nikita. Telefilm law &order. Telefilm shark. Telefilm n.y.p.d. Telefilm tg4 rassegna stampa

09.30 10.00 11.00 11.30 12.10 13.30 14.05 14.30 17.00 18.55 19.35 21.30 23.30

marche - document Santa Messa Pianeta mare Tg 4 - notizie traffico Melaverde tg4 telegiornale/meteo le comiche di stanlio e ollio lo spaccone. film ursus nella terra di fuoco. film tg4/meteo commissario cordier. Tf gsg 9. Telefilm eros. film

10.20 10.35 11.40 12.25 13.30 14.05 16.10 16.35 18.55 19.35 19.50 20.30 21.10 23.20 00.20

febbre d'amore giudice amy. telefilm doc. Telefilm distretto di polizia 5 Tg 4 - meteo 4 big man. film sentieri. soap accadde un'estate. film tg4 - meteo 4 ieri e oggi in tv tempesta d’amore. Soap nikita. Telefilm l'onore e il rispetto. Film top secret Terrorism avenger. film

09.20 10.20 10.35 11.40 12.25 13.30 14.00 16.30 18.55 19.35 19.50 20.30 21.10 00.10

vivere. soap febbre d'amore giudice amy. telefilm doc. Telefilm distretto di polizia 5 Tg 4 - meteo 4 big man. film il principe e la ballerina. film tg4 - meteo 4 ieri e oggi in tv tempesta d’amore. Soap nikita. Telefilm il grande sentiero. Film profondo rosso. film

10.20 10.35 11.40 12.25 13.30 14.05 16.30 18.55 19.35 19.50 20.30 21.10 23.20 01.20 01.45

febbre d'amore. soap giudice amy. telefilm doc. Telefilm distretto di polizia 5 Tg 4 - meteo 4 big man. film un maledetto imbroglio tg4 - meteo 4 ieri e oggi in tv tempesta d’amore. Soap nikita. Telefilm julie lescaut. Telefilm the unit. Film tg4 rassegna stampa clip parade 23

10.35 11.40 12.25 13.30 14.05 16.10 16.30 18.55 19.35 19.50 20.30 21.10 23.30

giudice amy. telefilm doc. Telefilm distretto di polizia 5 Tg 4 - meteo 4 big man. film sentieri. Soap peggy sue si e' sposata. film tg4 - meteo 4 ieri e oggi in tv tempesta d’amore. Soap nikita. Telefilm abbronzatissimi 2. film ricchi, ricchissimi... praticamente in mutande

09.20 10.20 10.35 11.40 13.30 14.00 16.30 18.55 19.35 19.50 20.30 21.10 23.15 01.55

vivere. soap febbre d'amore. soap giudice amy. telefilm doc. Telefilm Tg 4 - meteo 4 big man. film davide e betsabea. film tg4 - meteo 4 ieri e oggi in tv tempesta d’amore. Soap nikita. Telefilm il commisario navarro. film the abyss. film tg4 rassegna stampa

prey - la caccia è aperta

the skeleton key

Domenica 2 - Italia 1 - Ore 20.45

Lunedì 3 - Canale 5 - Ore 21.10

Durante un safari in una riserva in Africa, una madre e i due figli si perdono nella vegetazione. Mentre cercano di ritrovare la strada, si imbattono in un gruppo di leoni affamati che intendono divorarli. Per la famiglia inizia un incubo…

Dopo essere stata assunta per badare ad un anziano signore in una casa fatiscente della Louisiana, Caroline, si trova coinvolta in strane vicende di riti woodoo. Girando per la casa, scoprirà che una stanza nasconde un segreto...

Con: Jamie Bartlett, Conner Dowds.

i FILM in TV

Con: Kate Hudson, Gena Rowlands.


26

Coffee Break

Venerdì 31 Luglio 2009

LA STORIA La protagonista del sexgate cerca di rifarsi una vita

D

di Emilia Codignola

opo anni di silenzio, improvvisamente la rete ha iniziato a pubblicare immagini di Monica Lewinsky, corredate dalla domanda: Che fine ha fatto la stagista più famosa al mondo? E la curiosità si è fatta strada tra i frequentatori di internet. Logico, quindi, rispondere al quesito anche sulla carta stampata. DALLA CELEBRITA’ ALL’OBLIO La Lewinsky è diventata una delle donne più popolari del momento a metà degli anni ’90 per lo scandalo scoppiato a seguito della sua relazione con Bill Clinton, allora presidente degli Stati Uniti, giornalisticamente nota come “Sexgate”. In quegli anni tutti la volevano, affinché rivelasse particolari piccanti sulla sua relazione con Clinton. Poi di colpo è scomparsa dalla circolazione, dopo essere ingrassata parecchi chili. Ospite a Edimburgo 5 anni fa, aveva difeso strenuamente la sua scelta di raccontare tutto: «Sarei stata un’idiota a non farci dei soldi. Pubblicità, stazioni televisive, conduttori, tutti ci hanno fatto dei soldi» - disse la Lewinsky spie-

MONICA LEWINSKY Dalla celebrità all’oblio Monica Lewinsky com'è oggi, sicuramente sovrappeso

gando di aver ricevuto 718mila dollari solo per l’intervista al network britannico Channel 4. Da allora la Lewinsky, che nel frattempo ha compiuto 35 anni e non ha perso un etto, ha cercato di vivere lontana dai riflettori, evitando i paparazzi che continuavano a ronzarle intorno. Nel frattempo si è laureata alla London School of Economics in psicologia sociale con una tesi dal significativo titolo “Alla ricerca della giuria imparziale: riflessioni sulle conseguenze della pubblicità prima del processo”. «Sta cercando di fare la sua vita, non vuole essere un personaggio pubblico, ma il più possibile anonima» - ha dichiarato la sua ex addetta stampa Barbara Hudson, ma non siamo sicuri che sia stato facile superare quel ciclone che la travolta. Soldi a parte, valeva la pena?

IL CASO Su Italia 1 quattro puntate (discutibili) condotte dalla Gregoraci

In tv gli interventi estetici della Nielsen Più volte abbiamo criticato i format televisivi, sempre meno di qualità. Ma al peggio non c’è fine, visto che pur di fare share

si invade la sfera privata e con le telecamera si filma morbosamente di tutto. Colpa del telespettatore, s’intende, che mostra

di gradire, eccome. L’ULTIMA FOLLIA Dopo essere andato in onda su Sky lo scorso dicembre, lo show sui nuovi interventi chirurgici di Brigitte Nielsen approda anche sulla tv in chiaro: quattro puntate, dal 10 agosto in prima serata su Italia 1, per altrettante operazioni cui è stata sottoposta l’ex moglie di Sylvester Stallone. A presentare il programma ci sarà Elisabetta Gregoraci (o signora Briatore, se preferite), che dopo tanti tentativi a vuoto, è finalmente riuscita a diventare conduttrice e poco importa quale sia il programma. Sullo schermo si potrà quindi assistere a un lifting facciale, due liposuzioni e una riduzione del seno, programmati per riportare allo splendore dei suoi 20 anni la 45enne Brigitte. Ma anche seguire le tappe e preparatorie, le settimane di rico-

Brigitte Nielsen e a lato Elisabetta Gregoraci

vero e quelle di convalescenza. Insomma, un Grande Fratello ad personam. Vedremo se gli italiani re-

steranno in caso a guardarlo oppure usciranno a godersi il fresco della sera. Voi che fareste?

sportcafè

F1 in crisi si aggrappa a Schumi

Michael Schumacher

Non solo il calcio deve tirare la cinghia. La recessione colpisce fortemente anche la Formula 1, che in fatto di sperpero di denari non è certo seconda a nessuno. LA FUGA Il rischio che il campionato 2010 non andasse in scena ha forse mascherato il vero problema economico, che sta ridimensionando un carrozzone che fa però fatica a pensare in piccolo. Dopo la Honda, ad annunciare l'abbandono dalle gare è un altro colosso dell'automobile mondiale: la Bmw. Una notizia che fa scalpore, ma che non sorprende gli addetti ai lavori. Eppure la casa tedesca adduce motivi diversi (ecologici per la precisione), ma non è un caso che arrivi in piena crisi economica. A questo punto la Fia (Federazione internazionale dell'automobilismo sportivo), per paura di nuove defezioni, mette le mani avanti: «Ormai è chiaro - spiega in una nota che per qualche tempo il mondo del motorismo sportivo non potrà ignorare la crisi economica mondiale. Non ci si può aspettare che le case costruttrici di auto continuino a spendere cifre ingenti in Formula 1 quando la loro stessa sopravvivenza dipende dalla riduzione dei costi e dall'aiuto di chi paga le tasse». Il rischio e che i manager delle scuderie non siano capaci di far esaltare l'aspetto sportivo, da anni sotterrato dagli enormi interesse economici. Ma, come si dice, di necessità... virtù. RITORNO NON CASUALE E' vero che senza l'infortunio di Massa questa apportunità non si sarebbe creata, ma suscita più di un sospetto il ritorno alle gare di Michael Schumacher, più volte escluso dallo stesso pilota tedesco. In un momento di crisi della F1, priva di grandi personaggi, ripescare un mito del recente passato può riportare entusiasmo non solo in casa Ferrari. Almeno per quattro Gp avremo qualcosa da dire. In attesa di tempi migliori. fa


Lo Sport

Per la Pubblicità su telefona allo 0372.43 54 74 • 45 39 67

Per la Pubblicità su telefona allo 0372.43 54 74 • 45 39 67

Ultimo collaudo, la Cremo è pronta Le divise dei Grigiorossi con i nuovi sponsor. Sopra la Formazione dell'amichevole con l'Atalanta (foto US Cremonese)

B

CALCIO ESTIVO - Malgrado la sconfitta con l’Atalanta (3-1), la formazione grigiorossa ha giocato bene

Eugenio Grignani

RENTONICO (TN) Il nome del paesino della Vallagarina suona nordico. Scendendo giù dall’alto Trentino verso il Lago di Garda si intravedono diversi castelli costruiti sul cucuzzolo di colli sparsi sulle due rive dell’Adige. Sembrano, e sono, testimonianze mute ma storiche di antichi desideri di possesso tra i devoti sudditi di “Cecco Beppe” imperatore d’Austria, perennemente proteso verso il possesso dello sbocco sull’Adriatico e delle quiete valli del Lago di Garda.. Scendendo dai duemila e passa metri di un silenzioso angolo del parco dell’Adamello, isolato dal mondo e proibito persino ai cellulari (zona non coperta da rete) raggiungiamo il campo sportivo di Brentonico con qualche minuto di ritardo. Sul bel prato verde pieno sono già in amichevole lizza l’Atalanta e la Cremonese. Scopro di aver lasciato a Cremona le tessere di rito. La gentilezza, senza tante balle, di Lello Mandutti mi accompagna alla terrazzastampa, dove conosco in qualche secondo Bruno

ATALANTA - CREMONESE 3-1 RETI: 31’ Valdes, 34’ Guidetti, 35’ st Caserta, 41’ st Tiboni ATALANTA: Coppola, Madonna (16’ st Garics), Talamonti (16’ st Manfredini), Pellegrino (16’ st Bianco), Peluso (16’ st Bellini), Layun, Barreto, Radovanovic (16’ st Guarente), Valdes (27’ st Padoin), Tiribocchi (34’ st Tiboni), Acquafresca (27’ st Caserta). Allenatore: Gregucci. CREMONESE Primo tempo: G. Bianchi (23’ Paoloni), Sales, Viali, Galuppo, Malacarne, Zerzouri, Tacchinardi, Burrai, Pizzetto, Guidetti, Musetti. Secondo tempo: Paoloni, Sales, A. Bianchi, Galuppo (31’ Alloisio), G. Rossi, Gori, Carotti, Fietta, Mauri, Pasciuti, Coda. Allenatore: Venturato. ARBITRO: Cisaria di Trento.

Sottoriva, Chiara Bille (addetti stampa) e Loris Cavagna, tutti Apt prestati per l’occasione al calcio. Mi siedo alla destra di Giorgio B., che non si meraviglia del ritardo, anche un suo fotografo e un paio di altri colleghi ci raggiungeranno dopo una buona mezz’ora, responsabili due incidenti uno a nord e l’altro a sud di Rovereto: siamo ritardatari incolpevoli. A suon di verità vedo una buonissima Cremo tener testa e addirittura costringere la forte bergamasca del pri-

Una fase di gioco di Cremonese - Atalanta (foto US Cremonese)

mo tempo a subire il momentaneo pareggio, gol di Guidetti. Venturato non deve dubitare del suo lavoro con la nuova Cremonese, non possono dubitare dei progressi visibili, ad occhio nudo, i pochi affezionati amici presenti sui gradoni naturali (di erba) di un campo senza tribune, come è giusto che sia, visto che ospita qualche partita di livello forse un paio di volte all’anno. Mi devo allontanare per impegni precedenti dieci minuti prima della fine. Non

assisterò all’espulsione di A. Bianchi (proteste, và a ciapàa di ratt, arbitro Cisaria, è un’amichevole…) al quasi gol del nostro Sales e alle due reti finali di una squadra di serie A. Ruberò al telefono dell’amico Barbieri una frase incoraggiante di Venturato, in sala stampa. «Continuerò anche in questi giorni a lavorare per raggiungere più preparato l’incontro con il Chioggia». Il grande capo vuole da me un pronostico per la partita di coppa Tim, allo Zini domenica 2 agosto alle

SPORT&SPETTACOLO - Il canottiere ha preso parte all’X Terra World Tour

La Lega Pro ha ufficializzato il gironi del campionato 2009/2010. PRIMA DIVISIONE GIR. A: Alessandria Arezzo Benevento Como Cremonese Figline Foligno Lecco Lumezzane Monza Novara Paganese Pergocrema Perugia Pro Patria Sorrento Varese Viareggio

20.30, contro la squadra delle cozze e delle anguille. Mi ero preparato un bel pistolotto interrogando i vari personaggi dell’attuale direttorio grigiorosso. Arrischio solo di mio, e se sbaglio perdonatemi, non ho nessuna sfera intorno al mio pc, non gioco più a calcio da quando mi sono seduto tra quelli della stampa - in tutte le tribune che contano - per la prima volta almeno trent’anni fa. I ragazzi in mutande rosse supereranno il Chioggia e mi auguro con onore. Saluti.

• Nei giorni scorsi è stato presentato il primo sponsor ufficiale per la stagione 20092010. Sulle maglie della prima squadra e del settore giovanile sarà apposto il marchio E´ PIU´ della Padania Alimenti Srl, azienda di Casalmaggiore specializzata nel trattamento e confezionamento di latte fresco, panna fresca e derivati freschi del latte. • Nuovo arrivo nella rosa grigiorossa. Si tratta di Alberto Galuppo, difensore classe 1985, arrivato dal Parma con la formula del prestito con diritto di riscatto, la scorsa stagione (da febbraio) in serie B con il Treviso. • Buone prestazioni della Cremonese nel Triangolare Birra Forst. Dopo aver battuto 2-0 il Merano (con reti di Viali e Coda), i grigiorossi hanno ceduto di misura (0-1) al Torino. • Domenica 2 agosto alle 20.30 allo Zini la Cremonese affronta il Chioggia nel primo turno della Coppa Italia Tim. In caso di successo, sfiderà il 9 agosto il Vicenza (in trasferta) per il 2° turno.

BILANCIO - E’ stata un’annata non facile

Simone Raineri superman in Sardegna Il pugilato va in vacanza Simone Raineri, con i colleghi della nazionale azzurra di canottaggio Rossano Galtarossa ed Elia Luini, è stato protagonista di un week end particolare in Sardegna. A Galtelli i campioni azzurri hanno partecipato all'X Terra World Tour, una serie di prove miste tra sport, spettacolo, divertimento e, soprattutto, avventura lungo i fantastici scenari della Valle del Cedrino. «Faticoso, ma ci siamo divertiti all'ennesima potenza» - ha dichiarato al termine della competizione durata due giorni il campione olimpico, che si è classificato al terzo posto alle spalle dello sciatore Simone Orgione, specialista del km lanciato (a 254 km orari) e del compagno di squadra in azzurro Elia Luini. Tra gli altri hanno partecipato alla gara lo sciatore Peter Runggaldier, il rugbista Francesco Mazzariol, la campionessa di triathlon Silvia Ricco, la tuffatrice Francesca Dallapè, recente medaglia d’argento ai mondiali di Roma, il pilota di rally Renato Travaglia e, infine, l'americana Hannah

Simone Raineri, in alto a sinistra, con alcuni campioni che hanno partecipato alla gara

Cornett che, oltre a maglietta e scarpe sportive, veste spesso anche gli abiti di attrice e modella e che ha vinto la gara femminile. I concorrenti hanno prima sostenuto una prova di regolarità in auto, quindi una discesa verso il Golfo di Orosei in mountainbike. Da qui le prove di “avventura estrema” come calarsi in corda doppia da un dirupo di una trentina di metri, un tratto di

“orienteering” con passaggio su un ponte tibetano e scendere con un cavo sul costone opposto della montagna. Per ultimo, ancora mountainbike, cartina e bussola per raggiungere il traguardo nella località di Galtelli. Tutta la registrazione della gara andrà in onda su Sky Sport 2 alle ore 19 di venerdì 31 luglio e quindi alle 18 di domenica 2 agosto.

Chiusura di stagione per il pugilato cremonese, che riprenderà l’attività agonistica solo nel mese di settembre con la ripertura della Palestra di via Postumia. «E’ stata un’annata abbastanza difficile – dice il presidente Marco Bottoni – nella quale abbiamo dovuto fare i conti con diverse situazioni non certo facili, ma dalla quale usciremo negli ultimi mesi dell’anno». Difficotà di quale ordine? «Anzitutto, abbiamo risentito del lungo periodo in cui è rimasta inutilizzabile la Palestra Spettacolo. Qualche ragazzo ha forzatamente trascurato la preparazione, qualcun altro addirittura ha cessato la frequenza. Abbiamo avuto un paio di ragazzi alle prese con gli esami di maturità (Dernini soprattutto), poi Lodovico Orsini, uno dei ragazzi di punta, costretto al palo da due interventi chirurgici che lo hanno tenuto fermo per quasi dodici mesi e Udrea che non ha potuto allenarsi per problemi di lavoro. Riprenderanno comunque tutti a settembre e siamo convinti che recupereranno in fretta i mesi perduti. Poi abbiamo registrato il ri-

Dernini e Colombo sul ring

torno all’attività di Zanotti e Lucini, ormai completamente recuperati e avremo pure il debutto di almeno quattro ragazzi su cui contiamo per recuperare il potenziale che abbiamo perduto con il distacco dalla palestra di Cicognara, con cui permane però una stretta collaborazione». Manifestazioni in programma a Cremona? «Sicuramente a fine settembre o ai primi di ottobre, non appena saremo in grado di poter presentare almeno sette-otto pugile sul ring. Nel frattempo vorrei avvertire tutti coloro che volessero intraprendere l’attività (agonistica o no) di venirci a trovare in palestra, dal 1 settembre in poi, a partire dalle ore 18».


28

M

Sport

Vanoli, manca un ultimo tassello

Venerdì 31 Luglio 2009

La società è sulle tracce di un’ala piccola, ma già così il mercato è soddisfacente

di Giovanni Zagni

anca meno di un mese all'inizio del raduno per la preparazione al campionato 2009-2010, il primo per la Vanoli in serie A, ed il primo di così alto livello per il basket di casa nostra. La compagine di patron Triboldi, alla cui guida tecnica sarà ancora Stefano Cioppi, si avvicina con l'animo sgombro da timori reverenziali al massimo palcoscenico nazionale in virtù di ottimi ingaggi estivi, che dovrebbero garantire un campionato tranquillo. Ed il riuscirci sarà fondamentale non solo per la Vanoli, ma per tutto il movimento cremonese, che si aspetta tanti anni di serie A da godere tutti insieme al Palasomenzi e da quest'anno anche sui teleschermi di Sky-basket. MERCATO Ora stiamo aspettando l'ultimo tassello "da quintetto" nel ruolo di ala piccola, probabilmente uno statunitense dalla mano "calda". Ma di mani bollenti

Ufficiale

BONETTI (EX JUVI) NELLA SOCIETÀ In settimana s'è concretizzato, anche a livello burocratico, l'ingresso nella finanziaria di Matteo Bonetti, ex presidente della JuVi, che ha portato in dote un po' di giovani da inserire nelle compagini di categoria che prenderanno parte, di diritto, a tornei giovanili di grande prestigio. Le squadre saranno denominate Gruppo Triboldi, mentre gli organici e gli staff tecnici sono in fase di definizione. • LOGO Con l'ingresso di Bonetti è stato anche definito il nuovo logo sociele. G.Z.

Il greco Vangelis Sklavos, ex Rieti, ultimo arrivato alla Vanoli. A lato coach Cioppi

dovrebbe essere ricco il roster di Cioppi, che forse ha il suo tallone d'Achille nei non troppi centimetri complessivi, peraltro mascherabili con grinta e generosità, attributi

di cui pare ricco l'organico. Il penultimo tassello è stato annunciato in settimana. Trattasi del greco Vangelis Sklavos, ala forte, trentunenne che ha contribuito la

scorsa stagione, in modo decisivo, alla salvezza della neopromossa Rieti. Un altro combattente, abituato al gioco molto fisico che si pratica "impunemente" sotto i tabelloni in Europa. Ci si consenta "l'impunemente", ma noi abbiamo sempre privilegiato la qualità

tecnica all'agonismo puro, ma i tempi in cui si giocava di fioretto e non di spada, purtroppo, sono lontani. La Vanoli comunque ci pare attrezzata anche nella realtà tecnica e fisica di oggi, perché ribadiamo che la campagna rafforzamento è stata del tutto adeguata alle circostanze.

Certamente ci saranno scontri dal pronostico quasi chiuso matematicamente, ma non dimentichiamoci che non pretenderemo i miracoli dai nostri ragazzi, ma sempre lo spirito giusto per lottare sino all'ultimo, anche quando l'avversario per blasone e potenzialità sarà superiore.

CICLISMO - Ottimo successo del velocista del Ccc Arvedi. Positivo il terzo posto di Mancuso in Toscana

Edo Costanzi, sprint regale in Piemonte

Mancuso è salito sul podio in Toscana

Dopo un inizio di stagione che non era parso troppo soddisfacente, probabilmente a causa della giovane età di quasi tutti i componenti il team del Ccc Arvedi-UndeltaLucchini, la boa di metà stagione, che coincide anche con il termine delle scuole (molti degli atleti erano impegnati quest’anno con gli esami di maturità) ha coinciso con un netto cambio di tendenza: vittorie e piazzamenti di rilievo hanno cominciato ad arrivare a cadenza praticamente settimanale. EDO OLE' E’ tornato a vincere soprattutto Edo Costanzi, il velocista della squadra che sembrava avere smarrito la via del successo da quel terribile incidente del 26 aprile del 2008, che lo aveva costretto all’immobilità per una quarantina di giorni, ed è tornato a piazzarsi Salvatore Mancuso, l’uomo su cui si puntava in special modo per le gare di maggiore impegno, ma hanno cominciata a farsi

vedere anche i vari Franzini, Pavan, Alafaci. Nel frattempo, è iniziato il periodo delle corse del martedì, tanto care a Costanzi nel 2007 e il 21enne portacolori del Ccc Arvedi ne ha subito approfittato. A Sale (Alessandria) grazie all'aiuto dei suoi compagni di squadra,ha stroncato il treno della Bottoli, il più forte in circolazione da tutta la stagione, e con uno sprint vecchia maniera, ha schiantato uno sprinter del valore di Giacomo Nizzolo. Proprio mentre Nizzolo ha forse accusato il peso di una lunga stagione peraltro coronata di successi in questa Coppa Sant’Anna, si è assistito alla rinascita di Edoardo Costanzi, che sembra in netta ripresa. Primi tre giri pedalati ad altissima andatura, ma a gruppo sempre compatto fino all’inizio del quarto giro, quando evadono in sei, Turaev (Uzb-Delio Gallina), Graziato (Bottoli), Velati (Viris), Vicini (Team Aurora), Trappa e Stiven Fanelli (Ccc Arvedi-Unidelta-Lucchini) che trovano subito un buon accordo e raggiungono un vantaggio massimo di 50” proseguendo uniti fino al penultimo giro quando il gruppo ha completato l’inseguimento. In questa fase da sottolineare il tentativo di aggancio operato da Vilella (Pregnana) e Cicciari (Peda-

GUARNIERI CAMPIONE ITALIANO CON LA LIQUIGAS Jacopo Guarnieri, dopo il quinto posto ottenuto ai Mondiali con il quartetto dell'inseguimento a squadre, ha riconquistato a Pordenone il titolo italiano che già aveva vinto lo scorso anno con la Liquigas-Marchiol. Della forte squadra veneta, facevano parte anche Oss, Cimolai e Viviani. Professionista il primo con Guarnieri nella Liquigas, dilettanti gli altri due con la Marchiol, squadra strettamente collegata alla Liquigas. Viviani, tra l'altro, ha figurato benissimo alla Sei Giorni di Cremona ed è considerato una delle migliori speranze della pista italiana.

Edo Costanzi è tornato al successo

lando in Langa), ma anche quelli di Baffi (C Arvedi) e Farkhutdinov (Parmense). Ricompattatosi il gruppo, ad una decina di chilometri dall’arrivo, sono Pavan e Zanelli prima e Salvatore Mancuso poi, tutti del Ccc-Arvedi-Lucchini, a tentare l’avventura ma, più probabilmente, a costringere la “Bottoli-Nordelettrica-Ramonda” all’inseguimento. I continui attacchi dei biancorossi hanno finito per guastare il treno della Bottoli che si è trovato spesso ad inseguire e ricucire gli strappi negli ultimi tre chilometri. Solo Pavan e Alafaci se ne sono rimastri tranquilli in gruppo e al momento giusto hanno pilotato il loro compagno di squadro verso il rush degno dei suoi tempi migliori per battere la concorrenza e conquistare la terza vittoria stagionale. Così Costanzi si è preso una bella rivincita sui due rappresentanti della Bottoli, ma soprattutto su Nizzolo che lo aveva preceduto pochi giorni prima sul traguiardo di Pontecu-

rone, sempre in provincia di Alessandria. PODIO IN TOSCANA La domenica precedente aveva sfiorato il successo pieno proprio Mancuso (a Bivigliano nel Trofeo Petroli Firenze-Memorial Pelatti) ove il successo è andato al giovane toscano Diego Borgi al termine di una finale di corsa combattuto e tirato, in cui è riuscito ad avere la meglio sul vivacissimo Serafino, mentre Mancuso (Ccc Arvedi) che aveva perso qualche metro, ha cercato vanamente in extremis di riportarsi sui due che hanno concluso con 10 metri di vantaggio. All’edizione 2009 della corsa di Bivigliano hanno preso il via 128 corridori di 17 società. La corsa è vissuto su tre episodi oltre al tiratissimo finale. Il primo lungo i sei giri del Lago di Bilancino, zona cara al compianto campione di quella località del Mugello, Gastone Nencini, protagonisti per una ventina di chilometri 40 corridori, cui seguivano la fuga di Rosini e Anichini, e quella più consistente protagonisti Stefani, Bani L., Belli e Banelli raggiunti dal gruppo a 8 Km dal traguardo. Da allora lungo il tratto in salita del “Miglio” ma anche sui continui saliscendi verso il traguardo, si assisteva a una continua girandola di azioni che vedevano tra i più intraprendenti e battaglieri in assoluto, Serafino, Durante, Iattici, Mancuso, Borgi, Randazzo, Borchi, Tintori, Majka. Si lottava aspramente per la vittoria e alla fine a mille metri dall’arrivo, l’uscita di Serafino subito ripreso da Borgi con gli altri a pochi metri. In volata il pisano della Maltinti superava Serafino e vinceva chiaramente, mentre Mancuso finiva vicinissimo ed aveva un gesto di stizza per il terzo posto conquistato davanti a Borchi e Durante. Cesare Castellani

Ecco gli impegni del Ccc Arvedi nel prossimo weekend DA VENERDÌ 31 LUGLIO A MARTEDÌ 4 AGOSTO Giro delle Valli Cuneesi Venerdì 31 luglio 1ª tappa Sommariva Bosco – Lequio Berria, km 116,5. Partenza ore 9.30. Sabato 1 agosto 2ª tappa Cuneo – Sampeyre, km 157. Partenza ore 9.30. Domenica 2 agosto 3ª tappa Racconigi – Carrù, km 149. Partenza ore 9.30. Lunedì 3 agosto 4ª tappa Savigliano - Colle del Preit Altopiano della Gardetta, km 135,8. Partenza ore 9.30. Martedì 4 agosto 5ª tappa Fossano - Frazione Bagni di Vinadio, km 145. Partenza ore 9. Corridori in gara: Vincenzo Bernardelli, Salvatore Mancuso, Emanuele Moschen, Omar Lombardi, Lorenzo Pavan e Matteo Tonni. SABATO 1 AGOSTO Vitolini (Firenze). Gara a carattere nazionale che prevede, dopo il via (ore 12,50), un circuito di 16 chilometri che tocca gli abitati di Vitolini, Sovigliana e Vinci. Dopo aver affrontato per otto volte il circuito iniziale i corridori si dirigeranno verso un tratto in linea tra Vitolini, San Giusto, Castra, Limite sull’Arno, Sovigliana e Vitolini. 151 chilometri. Corridori in gara: Luca Benedetti, Daniele Bettinsoli, Nicola Danesi, Patrick Facchini, Stiven Fanelli, Moreno Moser, Federico Sulas, Mikhail Zaffaina e Renzo Zanelli.


30

Cucina

Venerdì 31 Luglio 2009

Gastronomia italiana

Le ricette gustose alla portata di tutti

luigi gazzo natura morta con frutta particolare, 1869 - 1955

Il menù della settimana

Antipasto: Cocktail di Polpelmo e Granchio Difficoltà facile Tempo 20 minuti - Per 8 personA Ingredienti: • 4 pompelmi maturi • 200 g. di polpa di granchio • maionese

• 1 cucchiaio di succo di limone • 1 cucchiaio di aceto • salsa tabasco.

preparazione • Sbucciate i pompelmi e tagliateli a fette e poi a pezzettini. • Sfaldate la polpa di granchio lessata e lasciatela raffreddare (se la polpa è in scatola sgocciolatela bene e togliete le parti cartilaginose). Suddividete pompelmo e granchio in coppe di cristallo.

• Mescolate in una grossa tazza la maionese con 1 cucchiaio di succo di limone, 1 cucchiaio di aceto e qualche goccia di tabasco. • Versate la salsina nelle coppe e mescolate delicatamente. • Tenete al fresco prima di servire.

Primo piatto: Insalata di Riso alla Catalana

Secondo piatto: Bracioline al Marsala

Difficoltà facile - Tempo 45 minuti Per 4 persone

Difficoltà facile - Tempo 30 minuti Per 4 persone

Ingredienti: • 150g. di riso • 2 peperoni di medie dimensioni • 150g. di piselli già sgranati • 80g. di tonno sott'olio • 1 cucchiaio di capperi

• 50g. di olive nere • 1 bustina di zafferano • 3 cucchiai di olio d'oliva extravergine • un cucchiaio di aceto • sale e pepe.

preparazione • Fate cuocere i piselli al vapore per 20/30 minuti. • Togliete i semi dai peperoni e tagliateli a quadratini. • Sgocciolate il tonno e snocciolate le olive. In una terrina mettete i peperoni, i piselli, il tonno , i capperi, le olive e condite il

tutto con un cucchiaio di olio extravergfine d’oliva, un cucchiaio di aceto e un pizzico di sale e pepe. • Scolate il riso cotto al dente, passatelo sotto l'acqua fredda, scolatelo nuovamente e versatelo in una terrina. • Fate sciogliere lo zafferano con un cucchiaio d'acqua, versatelo sopra il riso e mescolate ben bene. • Aggiungete il resto dell'olio e un pizzico di sale e pepe, e mescolate. • Unite al riso tutti gli altri ingredienti precedentemente preparati, mescolate di nuovo e tenete l'insalata di riso in frigorifero fino al momento di servire in tavola.

Dessert: Gelato di ricotta e limoncello Difficoltà media - Tempo 30 minuti Per 6 persone Ingredienti: • 250 g di ricotta • 200 g di panna da montare

• 1 pizzico di sale • 70 g di zucchero • 4 cucchiai di limoncello preparazione • Montate la panna; rendete cremosa la ricotta aggiungendo un pizzico di sale e lo zucchero, incorporatela delicatamente alla panna montata. • Aggiungete il limoncello e mettere il tutto nella gelatiera. intere.

Ingredienti: • 500g. di carne di vitello • farina

• burro • marsala • sale e pepe.

preparazione • Tagliate la carne di vitello o fatevela tagliare dal macellaio, a fettine sottili che batterete bene Infarinatele e fatele rosolare nel burro, unendo un pò di acqua e lasciate cuocere le bracioline coperte.

• Alla fine unitevi un pò di marsala e lasciate cuocere scoperto fino a che il vino sia evaporato. • Servite calde o tiepide.

La Bottiglia CA’ DELL’OCA ROSSO Azienda Agricola Anteo Oltrepo’ Pavese

Si tratta di un grande Pinot Nero vinificato in purezza dal sapore pieno, armonico, vellutato, di grande eleganza nella chiusura leggermente ammandorlata tipica del vitigno. Si abbina ad arrosti e pollame nobile. Adatto al lungo invecchiamento.


Il Piccolo di Cremona  

31 luglio 2009

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you