Issuu on Google+

CREMASCO Il

PICCOLO

Direttore responsabile: Sergio Cuti • Società editrice: Promedia Soc. Coop. via Del sale 19, Cremona • Amministrazione e diffusione via S. Bernardo 37/a Cremona tel. 0372 435474 Direzione e redazione via Tensini Crema tel. 0373 83041 • email cremasco@cuticomunicazione.it • Stampa: I.G.E.P. Srl - Industria Grafica Editoriale Pizzorni - Cremona Pubblicità: Immagina srl tel. 0372 435474 direzione@immaginapubblicita.it • Aut. del Tribunale di Crema n° 165 del 31/05/2012 Poste Italiane S.p.a. Sped. in A.P.-45%-art. 2 comma 20/B legge 662/96 - Cremona • Numeri Arretrati: http://www.immaginapubblicita.it

€ 0,02 Copia Omaggio

ANNO II • NUMERO 33 • SABATO 31 AGOSTO 2013

Sempre più numerosi gli episodi di violenza in città nei quali sono protagonisti clandestini ed extracomunitari

ACCATTONI, CRESCE LA TENSIONE ▲

IL PUNTO DI VISTA/1

IL PUNTO DI VISTA/2

alle pagine 10-11

Che cosa serve per ripartire

«L'oro di Dongo» Il Pci, un evasore?

S

di Renato Ancorotti rancorotti@gmail.it

S

FESTA DEMOCRATICA: ORIGINALITA'

a pagina 13,

Country, il ballo con gli stivali E tanta milonga

DRAMMATICA TESTIMONIANZA

econdo Massimo Caprara, segretario di Palmiro Togliatti dal 1944 al 1964, la sede storica del Pci a Roma in via Botteghe Oscure fu acquistata con il danaro del «tesoro di Dongo», dal nome del piccolo paese situato nell’alto lago di Como. Ecco di che cosa si tratta. Mussolini e alcuni gerarchi furono fermati il 27 aprile 1945 sulla strada tra Musso e Dongo. Portavano con sé soldi gioielli e oro per alcuni miliardi di lire che oggi possono essere valutati in circa 100 milioni di euro. Una somma enorme che in parte fu trafugata dagli abitanti del luogo, ma la gran parte finì nelle casse del Partito comunista italiano. Sempre Massimo Caprara nel suo libro («Quando le Botteghe erano Oscure») indica l’avvocato Renato Cigarini - grande eminenza grigia delle finanze del Pci - come la persona che trafugò in Svizzera una consistente parte del «tesoro di Dongo» e che faceva la spola per portare denaro a Roma in via Botteghe Oscure. Il PCI si rese responsabile, quindi, di quello che alcuni giornali americani chiamarono «the great Dongo's robbery», cioè il grande furto di Dongo. Il danno fu non solo la non restituzione allo Stato italiano di quell’enorme somma di danaro, ma venne così inaugurata anche la stagione dell'evasione fiscale dall’Italia alla Svizzera. Il Pci si trasformò, poi, in Pds, in Ds, in Pd, ma in ogni caso nessuno ha mai voluto approfondire l'argomento, accettando l'eredità del partito comunista, e diventando così complici del furto e successivamente dell'evasione fiscale. Si è detto che è impossibile che Berlusconi non sapesse dell’evasione fiscale di Mediaset; sicuramente è impossibile che Togliatti, Longo, Occhetto, Cossutta, D'Alema e compagni vari non sapessero e non sappiano dell’«oro di Dongo» e di quella evasione fiscale. Diceva Mark Twain : «Non è saggio usare la morale nei giorni feriali. Succede che poi la troviamo in disordine la domenica».

a pagina 12

Così massacrano cani e gatti nei canili di Spagna

di Alessandro Ratini a.ratini@regi.it

iamo al solito rientro dalle vacanze, che per molti si è tradotto nella gita fuori porta o nelle varie feste locali e nulla più, utili per rimandare fino all’ultimo il pensiero di cosa ci aspetta da settembre. Ci sono state diverse notizie, alcune positive con il direttore di Bankitalia che dice che in diversi indicatori si vede una lenta ripresa o con dati della Confcommercio che analizza a giugno e luglio un saldo positivo fra chiusure e aperture negozi, ma altre notizie sono negative con il centro studi Cna che dice che a fine anno, senza un deciso intervento, si potrebbe arrivare a 3,5 milioni di disoccupati. Non c’è una risposta univoca su che cosa ci aspetta. Credo che parte della risposta dipenda - più che dalla tenuta del governo - dalla volontà delle forze politiche di attuare le riforme e i tagli agli sprechi, partendo va bene dalla giustizia e dalla legge elettorale, ma prima di tutto da quella sul lavoro; serve una riforma profonda che coinvolga sindacati e associazioni e che porti alla cancellazione di quei privilegi acquisiti da alcuni e che mettono sempre più a discapito il diritto di tutti. L’Italia ripartirà se prima di tutto ripartirà la capacità degli italiani di generare reddito; è necessario, quindi, tagliare gli sprechi e non la spesa, servono investimenti che permettano di produrre posti di lavoro, anche flessibili, ma in Italia. Le prospettive per tornare grande l’Italia le ha, ma dobbiamo lavorare seriamente tutti in questa direzione mettendo da parte gli interessi propri o di parte per quelli di tutti. Questa crisi ci ha visto fra i più penalizzati in Europa: abbiamo avuto aziende e artigiani falcidiati in maniera contagiosa, come ai tempi della peste, come in una guerra. E’ partendo da questo che dobbiamo rivivere un nuovo Rinascimento, una nuova ricostruzione industriale, avendo il coraggio di cancellare quel sistema e quei meccanismi inadeguati che ci hanno penalizzato.


CREMONA CENTRO FUMETTO

Concorso nazionale “I love Pazienza”

In occasione del venticinquesimo anno dalla scomparsa di Andrea Pazienza, l'omonimo Centro fumetto di Cremona istituisce un concorso nazionale denominato “I love Pazienza”. Il con-

corso rientra nel programma delle celebrazioni del venticinquesimo anniversario dell’apertura del Centro Fumetto, che avranno come momento centrale la mostra evento “I love fumetti”.

Nidi, ancora polemiche sulle iscrizioni

Passo indietro del Comune, che istituisce un fondo per andare incontro alle famiglie. I sindacati: «Atto dovuto, ma non basta»

I

di Laura Bosio

l calo di iscrizioni agli asili nido comunali (150, invece che le 200 previste) conseguente all'aumento delle tariffe ha evidentemente preoccupato l'Amministrazione comunale, tanto che è stata approvata, nei giorni scorsi, una delibera con cui si discilplinano la realizzazione e le modalità di utilizzo di un “fondo asili nido” (40.000 euro per il periodo settembre/dicembre 2013 e 80 per il periodo gennaio/giugno 2014) a sostegno delle tariffe dovute dalle famiglie fino ad un reddito Isee (Indicatore di situazione economica equivalente) di 20.000 euro, nonché per l’attuazione di interventi di integrazione al reddito familiare valutati dal Settore Politiche Sociali. Un'iniziativa che interessa i nuclei familiari con due genitori che lavorano ed i nuclei familiari monogenitoriali. Il fondo è inoltre finalizzato agli interventi di sostegno al reddito familiare, per nuclei familiari che presentino condizioni tali da richiedere, in base a valutazione del settore Politiche Sociali, accesso prioritario alle prestazioni secondo quanto previsto dal Regolamento dell’accesso ai servizi del Comune di Cremona. In conseguenza dei criteri individuati, alle famiglie interessate verrà applicata una riduzione da 140 a 170 euro in relazione alla fascia di Isee di competenza, con una gradualità di intervento tra il 46% e il 36% a partire dalle fasce con reddito Isee inferiore. «Finalmente il Comune ha messo in campo le proposte che noi avevamo fatto da tempo, anche se vogliono farle passare per idee loro» afferma Donata Bertoletti (Cgil scuola). «In ogni caso, per quanto positiva sia

Maura Ruggeri (Partito Democratico): «Il calo delle utenze dimostra che il fondo non è sufficiente. Presto un’interrogazione per conoscere il dato definitivo»

questa svolta, il piano del Comune di incremento delle tariffe resta un passo assolutamente negativo. Tanto che ha comportato la rinuncia all'iscrizione da parte di numerose famiglie. Tra l'altro quelle 50 iscrizioni in meno sono di persone che l'anno scorso avevano iscritto i propri figli con tanta fatica e sacrificio e che stavolta hanno dovuto rinunciare perché non ce la fanno più». Una rinuncia che rischia di essere dannosa per i bambini stessi: «Il nido è un'importante opportunità educativa per il bambino, ed è negativo il fatto che ad alcuni debba essere negato» spiega ancora Bertoletti. «In una fase in cui alla crisi finanziaria, già pesantissima, si affianca anche una crisi di tipo sociale, la scuola è uno dei luoghi in cui si costruiscono i valori della solidarietà».

Motivo per cui il Pd si ritiene non soddisfatto di un passo indietro che «era la necessaria e doverosa mediazione rispetto a scelte che erano errate fin dall'inizio, dettate da necessità di bilancio puramente ragionieristiche, ma che sono andate a colpire le fasce più basse della popolazione. Fasce che, nonostante il fondo, resteranno comunque quelle che dovranno pagare più di tutti. Dunque l'aumento esagerato delle rette, unito agli effetti della crisi, porterà probabilmente ad un ridimensionamento del servizio, con buona pace della centralità della famiglia e delle politiche per favorire la conciliazione tra lavoro e famiglia». Per questo motivo il Pd presenterà presto un'interrogazione, per chiedere il dato definitivo delle iscrizioni. Stessa richiesta è pervenuta anche dai sindacati, nel corso dell'ultimo incontro con il Comune: «Vogliamo una verifica delle utenze su tutti i serviti rivolti a infanzia e adolescenza, in quanto il problema dell'aumento delle rette non riguarda solo i nidi, ma anche servizi come i centri estivi» spiega ancora Bertoletti. «Questo sarà importante per realizzare quella rivisitazione dei servizi comunali che noi chiediamo da tempo, nell'ambito di una più fruttuosa collaborazione tra pubblico e privato, in modo da ottimizzare l'azione di quest'ultimo. Ricordiamo infatti che finora le operazioni dell'amministrazione comunale nell'ambito della scuola e dell'educazione non hanno affatto favorito il privato, anzi: hanno solo ottenuto l'effetto di far perdere decine di posti di lavoro».

Anche l'opposizione è intervenuta sulla questione, manifestando la propria preoccupazione e sottolineando come un calo nelle iscrizioni fosse «ampiamente prevedibile», come ha sottolineato il capogruppo del Pd in consiglio comunale, Maura Ruggeri. «Come poteva essere diversamente, considerato che gli aumenti sulla retta minima, quindi solo sulle fasce Isee più basse, prevedono un passaggio da 70 euro a 200 mensili a cui si aggiungono, per la prima volta, altri 150 euro per i consumi di materiale? Molte famiglie evidentemente ritengono di non potersi permettere di portare i figli al nido e ritengono che il fondo messo a disposizione per le fasce più povere, dietro la spinta del confronto con i sindacati, non costituisca una misura sufficiente a risolvere i loro problemi».

Sede legale via del Sale 19 Cremona iscritta al Registro Imprese di Cremona - C.F.e numero iscrizione 01307070191 iscritta al R.E.A. di Cremona n°160143 - n° iscrizione Albo Società Cooperative A111855

Iscritta al REA di Cremona al n. 152478

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2012 Ai sensi dell’articolo 9 della Delibera 219/02/CONS dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

ATTIVO B IMMOBILIZZAZIONI B.I Immobilizzazioni immateriali lorde COSTI STORICI AMMORTAMENTI B.II

BIII

C C.I C.II C.IV

D.

31.12.12 31.12.11

389.471 244.452 408.566 (19.055) 56.911 -

Immobilizzazioni materiali COSTI STORICI AMMORTAMENTI

43.462 86.362 (42.900)

IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE TOTALE IMMOBILIZZAZIONI

29.875 29.875 462.868 331.238

ATTIVO CIRCOLANTE Rimanenze Crediti Disponibilità liquide

684.307 927.373 1.920 38.013

TOTALE ATTIVO CIRCOLANTE

686.227 965.386

RATEI E RISCONTI ATTIVI TOTALE ATTIVO

1.149.035 1.129.624

PASSIVO A A.I A.IV A.VIII A.IX

PATRIMONIO NETTO Capitale Riserva legale Utili (perdite) portati a nuovo Utile (perdita) dell’esercizio TOTALE PATRIMONIO NETTO

C.

TRATT. FINE RAPP. LAVORO SUBORDINATO

D.

DEBITI entro 12 mesi oltre 12 mesi Ratei e risconti TOTALE PASSIVO

50.400 982 7.876 (4.637) 54.620

18.656

50.400 872 5.776 2.210 59.258

18.395

1.074.273 1.217.515 857.493 216.780 1.486 1.456 1.149.035 1.296.624

CONTO ECONOMICO A VALORE DELLA PRODUZIONE A.1 Ricavi delle vendite e delle prestazioni A.5 Altri ricavi e proventi A.5b Ricavi e proventi diversi TOTALE VALORE DELLA PRODUZIONE

B. B.6

COSTI DELLA PRODUZIONE Per materie prime sussidiarie di consumo e di merci B.7 Per servizi B.8 Per godimenti di beni di terzi B.9 Per il personale B.9.a Salari e stipendi B.9.b Oneri sociali B.9.c Trattamento fine rapporto B.10 Ammortamenti e svalutazioni B.10a Amm.to delle immobilizazioni immater. B.10b Amm.to delle immobilizazioni materiali B.14 Oneri diversi di gestione TOTALE COSTI DELLA PRODUZIONE Differenza tra valore e costi produzione (A-B) C. PROVENTI E ONERI FINANZIARI C.16 Altri proventi finanziari C.16.d Proventi diversi dai precedenti C.16.d4 Proventi diversi dai precedenti da altre imprese C.17 Interessi ed altri oneri finanziari C.17.d Interessi ed altri oneri finanziari verso altri TOTALE ONERI E PREVENTI FINANZIARI (15+16-17)

E. PROVENTI E ONERI STRAORDINARI E.20 Proventi straordinari E.20.a. Plusvalenze da alienazione E.20.b. altri proventi straordinari E.21 Oneri straordinari E.21.b Imposte relative a esercizi precedenti E.21.c. Altri oneri straordinari TOTALE PROVENTI E ONERI STRAORDINARI (20-21)

Risultato prima delle imposte (A-B+-C+-D+-E) 22 Imposta sul reddito dell’esercizio, correnti, differite e anticipate 22.a Imposte correnti sul reddito dell’esercizio 23 Utile(Perdite) dell’esercizio

Ai sensi dell’articolo 9 della Delibera 219/02/CONS dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

31.12.12

31.12.11

982.463 2.308 2.308 984.771

982.436 5.267 987.703

11.995

454.218

797.469 15.968 95.057 70.224 20.914 3.919 15.106 981 14.125 11.298 946.893 37.878

357.717 28.565 88.599 6.869 5.931 941.899 45.804

21 21

8 34.010 (34.002)

35.918 (35.897) 1.981 6.618 6618 (4.637)

ELENCO DELLE TESTATE IN ESCLUSIVA ALLA DATA DI PUBBLICAZIONE DEL BILANCIO: IL PICCOLO GIORNALE DI CREMONA - IL PICCOLO GIORNALE DEL CREMASCO

In risposta alle numerose richieste di aiuto pervenute da parte della cittadinanza, la Giunta ha istituto lo "Sportello sostegno affitto per il grave disagio economico - anno 2013", approvando lo schema di bando pubblico da emanare. Ha quindi assunto l’impegno di concorrere al finanziamento del contributo per una quota pari al 40% dei fondi regionali determinati dalla Regione Lombardia a favore degli aventi diritto con una spesa presunta di 54.000 euro. Lo Sportello sarà attivo dal 2 settembre al 31 ottobre 2013. La deliberazione di Giunta regionale prevede che i Comuni, per ammettere gli aventi diritto al beneficio economico finalizzato a sostenere il pagamento dei canoni di locazione nel mercato privato, debbano istituire dal 2 settembre 2013 (che sarà attivo sino al 31 ottobre 2013) lo Sportello Sostegno Affitto 2013, definendo il relativo bando sulla base dei criteri approvati dalla Regione, e aderire alla costituzione del Fondo finalizzato alla erogazione dei contributi, attraverso la messa a disposizione di risorse proprie fissate nel 40% dei contributi spettanti agli aventi diritto. La Regione ha limitato alle famiglie in condizioni di indigenza con morosità incolpevole e a famiglie con grave disagio economico il beneficio per il sostegno alla locazione nel mercato privato prevedendo i seguenti criteri: la presentazione della domanda per il contributo a sostegno delle famiglie con dimostrata morosità incolpevole è consentita a soggetti con Isee-Fsa dichiarato pari o inferiore al canone di locazione annuo e comunque con un canone non superiore a 6.000 euro; per le famiglie con grave disagio economico è consentita ai soli soggetti con Isee-Fsa fino a 4.131,66 euro e ai nuclei familiari con un Isee-Fsa fino a 8.263,31 euro derivante da redditi certificati di due pensioni al minimo. Il valore massimo del contributo erogabile ai beneficiari titolari di contratti sul libero mercato è fissato in 1.000,00 euro (1.500 per le famiglie in condizioni di indigenza). I Comuni devono provvedere autonomamente alla raccolta delle domande oppure possono avvalersi della collaborazione dei Caaf.

PROMEDIA Società Cooperativa

IMMAGINA S.r.l.

Sede legale Via S. Bernardo n. 37 - 26100 Cremona - Capitale Sociale € 10.400,00 int. vers. Codice fiscale e partita IVA n. 01217270196 - Iscritta al Registro delle Imprese di Cremona C.F. e C. iscrizione 01217270196

STATO PATRIMONIALE

Sostegno agli affitti per famiglie con grave disagio economico

-

125 1 124

11.926 9.716 9.716 2.210

STATO PATRIMONIALE

ATTIVO

31-12-2012 31-12-2011 CONTO ECONOMICO A A.I

B IMMOBILIZZAZIONI B.I.90 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LORDE B.I.91 FONDI AMMORTAMENTO IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

127.110 (116.046)

TOTALE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

11.064

B.II.90 IMMOBILIZAZIONI MATERIALI LORDE B.II.91 FONDI AMMORTAMENTO IMMOBILIZZAZIONI

16.978 (15.689)

TOTALE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

1.289

TOTALE IMMOBILIZZAZIONI

12.253

C ATTIVO CIRCOLANTE C.I CREDITI CHE NON COSTITUISCONO IMMOBILIZZAZIONI 257.502 esigibili entro l’esercizio successivo 255.877 C.III ATTIVITA’ FINANZIARIE CHE NON COSTITUISCONO IMMOBILIZZAZIONI 300 C.IV DISPONIBILITA’ LIQUIDE 1.325 TOTALE ATTIVO CIRCOLANTE D D.II

257.5023

RATEI E RISCONTRI ATTIVI ALTRI RATEI E RISCONTRI ATTIVI

TOTALE ATTIVO

PASSIVO A PATRIMONIO NETTO A.I CAPITALE A.IV RISERVA LEGALE A.VII ALTRE RISERVE DISTINTAMENTE INDICATE A.VIII UTILI (PERDITE) PORTATI A NUOVO A.IX UTILE (PERDITA) DELL’ESERCIZIO) TOTALE PATRIMONIO NETTO D DEBITI esigibili entro l’esercizio successivo E RATEI E RISCONTRI PASSIVI E.I ALTRI RATEI E RISCONTRI PASSIVI

TOTALE PASSIVO

199 270.054

31-12-2012 37.375 1.997 2.022 (39.436) (71.856) 69.900 239.954

31-12-2012 31-12-2011

VALORE DELLA PRODUZIONE RICAVI DELLE VENDITE E DELLE PRESTAZIONI ALTRI RICAVI E PROVENTI RICAVI E PROVENTI DIVERSI

290.438 127.110 A.II 500 A.III 500 (109.118) TOTALE VALORE DELLA PRODUZIONE 290.938 17.992 B COSTI DELLA PRODUZIONE B.6 COSTI PER MATERIE PRIME, 15.585 SUSSIDIARIE, DI CONSUMO E DI MERCI 4 (15.572) B.7 COSTI PER SERVIZI 337.457 B.8 COSTI PER GODIMENTI DI 13 BENI DI TERZI 7.547 B.10 AMMORTAMENTI E SVALUTAZIONI 7.045 18.005 B.10.a AMMORTAMENTO DELLE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 6.928 B.10.b AMMORTAMENTO DELLE IMMOBILIZZAZIONI 117 B.14 ONERI DIVERSI DI GESTIONE 4.040 228.893 TOTALE COSTI DELLA PRODUZIONE 356.089 227.574 DIFFERENZA TRA VALORE E COSTI DELLA PRODUZIONE (65.151) 300 1.019 C PROVENTI E ONERI FINANZIARI C.16 ALTRI PROVENTI FINANZIARI 228.893 C.16.d PROVENTI DIVERSI DAI PRECEDENTI C.16.d.4 PROVENTI DIVERSI DAI 199 PRECEDENTI DA ALTRE IMPRESE C.17 INTERESSI ED ALTRI 247.097 ONERI FINANZIARI (6.705) C.17.d.INTERESSI ED ALTRI 31-12-2011 ONERI FINANZIARI VERSO ALTRI (6.705) TOTALE PROVENTI E 40. 375 ONERI FINANZIARI 1.512 RISULTATO PRIMA DELLE IMPOSTE 939 22 IMPOSTE SUL REDDITO (39.436) DELL’ESERCIZIO, CORRENTI, DIFFERITE E ANTICIPATE 1.615 22.a IMPOSTE CORRENTI SUL REDDITO DELL’ESERCIZIO 5.005 23 UTILE (PERDITE) 239.670 DELL’ESERCIZIO

2.422

2.422

247.097

247.097

288.981 380 4 262.532 7.459 7.210 6.928 282 466 278.047 10.934 (7.516) (7.516)

(6.705)

(7.516)

(71.856)

3.418

-

1.803

-

1.803

(71.856)

1.615

PROSPETTO DEI RICAVI DEL BILANCIO D’ESERCIZIO AL 31/12/2012 RICAVI DA VENDITA COPIE RICAVI DAPUBBLICITÀ ALTRI RICAVI EDITORE

288.655 326 326

290.438 500


4

Cronaca

Sabato 31 Agosto 2013

Rapina al Bocciodromo

Botte e spray urticante arrestato un 25enne

Ha rapinato il bar del bocciodromo di piazza Azzurri d'Italia a Cremona, ma è stato acciuffato poco dopo dai carabinieri, con l'aiuto di un militare-atleta. A finire nei guai per rapina aggravata e lesioni è stato H.Z., nato nel 1988. Erano circa le 21 di giovedì quando due persone si sono introdotte nel bar, in chiusura, mentre la titolare stava controllando l'incasso. Constatata l'assenza di clienti, i due hanno spinto a terra la donna mentre in faccia al marito veniva spruzzato dello spray al peperoncino (10 giorni di prognosi per la donna e uno per l'uomo). I due sono quindi fuggiti con l'incasso, consistente in 255 euro in contanti ed un assegno da 230 euro, ma senza andare lontano. Chiamati dai coniugi, i carabinieri del nucleo operativo radiomobile sono intervenuti in pochi minuti con una pattuglia che si trovava nelle vicinanze. Nel frattempo, uno dei due rapinatori, H. Z., veniva bloccato da un militare del 4° Regg. Alpini di Verona, che stava partecipando ad un allenamento di atletica alla pista ciclabile. Il 25enne è stato condotto a Ca' del Ferro in attesa di giudizio. I carabinieri sono ora sulle tracce del complice, fuggito con il bottino. Inoltre, da parte degli inquirenti sono in corso accertamenti per verificare se i due malviventi possano essere anche gli autori di altri colpi messi a segno nei giorni scorsi, ad esempio all'edicola di via Castelleone.

Riprendono le attività dell’Uisp di Cremona

Riprendono le attività del comitato provinciale Uisp di Cremona, con la Lega Calcio intenzionata a consolidare i positivi risultati raggiunti nella stagione appena conclusa. Il Campionato provinciale di calcio 11 decollerà verso fine settembre con la “Supercoppa di Lega” e con il calendario ufficiale, ossia Coppa di Lega e Campionato (le iscrizioni terminano l’11 settembre). Altra novità sono i campionati di calcio a 5 e a 7 e la Rassegna nazionale denominata “Matti per il calcio” prevista a Montalto di Castro (VT) il 12, 13 e 14 settembre. La rassegna è riservata ai Dipartimenti di Salute Mentale ed alle Polisportive sociali che operano nell’area del disagio mentale, e la novità per la nostra città è costituita dalla partecipazione di una rappresentativa cremonese legata all’Azienda Ospedaliera locale: l“Associazione I Fermi”.

Il saluto del comandante Cozzolino: «Lascio con tristezza. Grazie a tutti» «Lascio con tristezza un'ottima squadra ed un incarico, quello del comandante provinciale, che ritengo la miglior esperienza per un ufficiale». Così il comandante provinciale dell'Arma Michele Arcangelo Cozzolino ha salutato Cremona ieri mattina, nella sala briefing del comando di Viale Trento Trieste, gremita di carabinieri. Al suo posto è atteso il tenente colonnello

Cesare Lesti, in arrivo dal comando di Aosta. Ai carabinieri, alla loro dedizione ed ai loro sacrifici («noi siamo sempre presenti, anche quando gli altri fanno festa»), il comandante ha espresso la sua gratitudine, come anche alla cittadinanza ed all'amministrazione, ricordando la «grande considerazione sempre ricevuta». Il tenente colonnello Cozzolino è diretto a Perugia, dove sa-

rà a capo dell'ufficio logistico della Regione. «Vado verso una bella città. Purtroppo il trasferimento fa parte della professione di carabiniere, eppure ciò non toglie di lasciare non senza mestizia»: un po' con l'amaro in bocca di chi, come Claudio Bisio in "Benvenuti al Nord", «piange due volte: una quando arriva, l'altra quando parte».

Vacanze, un lusso per ricchi e fortunati?

A Cremona la spesa per la villeggiatura crolla del 36% ma regge il comparto dei servizi turistici

La crisi lascia a casa 33 milioni di italiani. In Lombardia niente vacanze per 2 famglie su 5

R

di Michele Scolari

inunce, tagli di spesa e riduzione dei giorni di villeggiatura: per gli italiani l’estate 2013, come già quella del 2012, è stata all’insegna del risparmio.Il Codacons rende noti i dati ufficiali delle spese delle famiglie durante la villeggiatura: sono 33 milioni gli italiani che quest’estate sono stati costretti a riunciare alle ferie senza poter trascorrere neppure un giorno di vacanza in Italia o all’estero. «Sei milioni in più rispetto agli anni passati», precisa il presidente dell’associazione, Carlo De Rienzo. E se ad influenzare negativamente la stagione ci si è messa anche una situazione climatica che soltanto dalla seconda metà di luglio si è stabilizzata, il peso preponderante e' attribuibile alla minore disponibilità di spesa. La metà delle famiglie che hanno potuto permettersi una vacanza, hanno trascorso fuori casa un periodo tra i 7 e i 10 giorni, mentre soltanto il 35% ha optato per una vacanza di almeno due settimane, superate solamente dal 15% di chi è partito. E l’estate all’insegna delle rinunce non ha risparmiato neppure la Lombardia: 4 milioni di persone (circa 2 famiglie su 5). In quasi tutte le province lombarde sono in aumento le

famiglie che scelgono di non partire per le ferie estive, optando per brevi escursioni “fuori porta” nei finesettimana: a Monza e Brianza, dove comunque i vacanzieri superano la media lombarda, resteranno in città più persone rispetto allo scorso anno (dal 33% al 41%). In controtendenza Milano, dove le famiglie che rinunciano alle ferie passano dal 40% dello scorso anno al 27%. A Brescia andrà in vacanza meno di uno su due. Una situazione che si riflette anche su Cremona, testimoniata dai dati

trasmessi a luglio dalla Camera di commercio di Milano sulla base dei dati Banca d’Italia 2013 e 2012 (che indicano come la spesa media dei cremonesi sia calata drasticamente del 36,4% rispetto al 2012, nonostante Cremona si posizioni al primo posto in regione per la crescita dei servizi delle agenzie viaggi e dei tour operator). Anche tra i cremonesi coloro che si possono permettere vacanze di 15 o più giorni sono quelli che (sempre meno numerosi) possono contare sulla fortuna di una casa propria o di amici. Altrimenti, la scel-

ta impone vacanze più brevi e all’insegna del low cost, segliendo soluzioni più economiche: più di due famiglie cremonesi su 10 non hanno rinunciato alla partenza abbassando però i costi, riducendo la durata del soggiorno (10%), scegliendo soluzioni più economiche (10%) rimandando la data delle ferie nei periodi di bassa stagione (5%). Molti sono partiti a giugno o partiranno a settembre. Numerose sono state anche le partenze “mordi e fuggi”, magari dilazionate in più riprese di pochi giorni e concentrate soprattutto nei week end. In questo caso, sono i bed & breakfast o gli agriturismi le strutture più predilette. Ma anche tra i cremonesi, molti hanno purtroppo dovuto completamente rinunciare alle ferie. Una realtà testimoniata anche dalla quantita' di esercizi ed attività rimaste aperte persino nei giorni a cavallo di Ferragosto. Sono soprattutto la scarsità di risorse economiche, le necessità produttive delle aziende o l’obbligo di restare “reperibili” (soprattutto per i lavoratori in mobilità o in cassa integrazione) a indurre la rinuncia alle ferie. Le quali, conclude il Codacons, «dovrebbero rappresentare il meritato e salutare riposo di chi ha lavorato tutto l’anno e invece sembrano diventare, di anno in anno, sempre più un lusso per ricchi».


5

Cronaca

Sabato 31 Agosto 2013

Telelaser: sicurezza stradale o balzello? Intensificati i controlli sulla “tangenziale”, pioggia di multe. L’opposizione accusa il Comune di «voler fare cassa»

sconto del 30%: la normativa

Da alcune settimane anche le multe avranno il loro periodo di "saldo". Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della legge di conversione del "decreto del fare", infatti, sono entrate in vigore le norme che introducono la possibilità di ridurre del 30% le sanzioni amministrative in ordine ad alcune violazioni del Codice della Strada. Il trasgressore, il proprietario del veicolo o qualsiasi altro obbligato in solido può pagare la somma pari al minimo fissata dalle singole norme ridotta del 30%. Il beneficio della riduzione può valere anche chi riceve per posta - a partire dal 21 agosto - un verbale per una violazione commessa prima di tale data. Dalla stessa data, quando il pagamento della sanzione è effettuato entro 5 giorni dalla contestazione o dalla notificazione del verbale (se il quinto giorno è festivo, conta il primo feriale utile) per le violazioni alle norme del Codice della Strada - che prevedono il pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria -, si gode della riduzione. La riduzione è esclusa nei seguenti casi: violazioni per le quali non è consentito il pagamento in misura ridotta; violazioni di natura penale (es. guida in stato di ebbrezza); violazioni per cui è prevista la sanzione accessoria della confisca del veicolo (non è compresa la confisca, eventuale, prevista per la mancanza di assicurazione); violazioni per cui è prevista la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida.

come pagare

Sul verbale sarà chiaramente indicato se il versamento in forma ridotta è ammesso e l'importo che dovrà essere versato entro 5 giorni dalla contestazione o dalla notificazione. All'interessato saranno fornite le indicazioni per l'effettuazione del pagamento secondo le modalità di gestione adottate da ciascun organo di polizia. Si ricorda che i soggetti inclini a proporre ricorso al Prefetto o al Giudice di Pace non devranno effettuare il pagamento della sanzione. In generale, nel caso di pagamento oltre il termine di 5 giorni, o in misura inferiore a quella prevista, l'obbligazione non si considera estinta: la somma versata è trattenuta come acconto e, se non sarà effettuato il pagamento in misura ridotta senza sconto entro 60 giorni dalla contestazione o notificazione, sarà iscritta a ruolo una somma pari alla differenza tra la metà del massimo della sanzione edittale (più le spese di procedimento) e l'acconto versato.

Francesco Bordi: «Troppo spesso i limiti non vengono rispettati». Magnoli: «Come solito manca una programmazione»

C

di Laura Bosio

he le multe Cremona siano un modo surrettizio per fare cassa? Di certo abbiamo un forte incremento di postazioni mobili di autovelox lungo le principali direttrici cremonesi, e soprattutto lungo quella che viene impropriamente chiamata "tangenziale" (e che in realtà è una strada urbana a doppia corsia). Numerosi sono stati i messaggi di protesta giunti alla redazione. «Ho preso due multe nel giro di una settimana, sempre nello stesso punto» scrive un lettore. «Va bene punire le trasgressioni, ma a me questo sembra un vero e proprio programma finalizzato ad arricchire il Comune». Un altro lettore si lamenta di aver preso una multa in zona via Eridano, in prossimità del limite dei 70 km/h: «Quando ho visto la postazione autovelox ho rallentato, e ho visto che andavo a 75 chilometri orari, quindi pensavo di poter stare tranquillo (5 km/h in più non vengono sanzionati). Invece poi mi è arrivata la multa, in cui era scritto che viaggiavo a 80 chilometri orari; ovviamente non posso dimostrare che non sia così. Come se non bastasse ho dovuto fare i conti con la disorganizzazione statale in fase di pagamento: essendo entrata da poco in vigore la normativa secondo cui per chi paga entro 5 giorni c'è uno sconto del 30%, mi sono recato presso la Banca Popolare di Cremona, uno dei soggetti preposti per ricevere il pagamento, ma non sapevano nulla. Allora mi sono recato presso l'Ica e lì finalmente, non senza qualche difficoltà, sono riuscito a pagare». Il Pd, intanto, accusa il Comune di volere a tutti i costi "fare cassa", e, nelle prossime settimane, presenterà un’interrogazione in tema di Tele-

laser/incidentalità in città «per avere conferma che tale strumento in quel tratto di tangenziale è del tutto inutile e serve solo per far cassa» sottolinea la consigliera Caterina Ruggeri, già assessore alla Polizia municipale. «Trovo assolutamente ingiustificata la presenza del Telelaser in quel tratto di tangenziale, in cui l’incidentalità - in confronto con altri assi della città - è del tutto irrilevante. Cito per tutti l’incrocio S. Ambrogio/F.Filzi e tutta quell’area che gravita attorno alle Figlie di San Camillo fino all’ingresso del Centro ricreativo: un'area pericolosa con un alto tasso di incidentalità». Secondo la consigliera, quindi, le multe che in questi giorni sono "piovute" sui cittadini sono «un vero e proprio balzello, che si aggiunge all'aumento sconsiderato delle tariffe dei parcheggi». «Bisogna trovare l'equilibrio tra il sanzionare un comportamento scorretto, corsa legittima, ed essere

Numerose segnalazioni dei cittadini

dei controllori troppo vigili» aggiunge Titta Magnoli, segretario provinciale del Pd. «Se davvero il numero di trasgressori è talmente elevato che con il telelaser si multano anche 100 persone al giorno, significa che c'è un problema di disciplina tra i cittadini, che deve essere contrastato; servono quindi diversi modi per ridurre la velocità e per educare la gente a comportarsi in modo corretto». I sistemi per scoraggiare gli automobilisti "dal piede pesante" del resto non mancano, volendo, senza dover ricorrere al telelaser. «Non voglio pensar male e convincermi che sia solo una questione di cassa, ma sono convinto che la scelta di sistemi alternativi alle multe sia solo una questione di volontà. Anche perché la multa è solo un palliativo, non risolve il problema. E' il problema storico di questa Giunta, che come al solito non ragiona in prospettiva, nè con dei piani concreti per la città. Ragionano sull'immediato, e visto che i soldi delle multe fanno comodo, mi chiedo se non

vogliano solo limitarsi a "mettere delle trappole", senza risolvere il problema». Ma l'assessore Francesco Bordi rimanda le accuse al mittente, sottolineando che da parte del Comune «non vi è assolutamente alcun intento di fare cassa, stiamo solo mettendo in atto il programma di sicurezza cittadina avviato a inizio dell'anno, e che terminerà a dicembre. Il controllo della velocità lungo le strade rientra a pieno titolo in questo programma. Si tratta di mantenere la sicurezza in una direttrice, come via Nazario Sauro, in cui troppo spesso i limiti di velocità non vengono rispettati. Con la presenza del telelaser si vuole educare il cittadino a rispettare tali limiti. Un sistema che peraltro si rivela efficace, infatti la velocità dei veicoli si è già ridotta. Quando non verranno più fatte sanzioni, significherà che finalmente la gente ha imparato a ridurre la velocità. Ricordiamo inoltre che quella che comunemente viene chiamata tangenziale è in realtà una strada urbana».

IN BREVE

Bus, si potrà fare il biglietto a bordo Importante accordo raggiunto sul trasporto pubblico a seguito di una lunga trattativa tra Km S.p.A. e le organizzazioni sindacali. Uno dei punti fondamentali condivisi sarà la possibilità di effettuare da parte dei conducenti l'emissione dei biglietti a bordo permettendo a tutta l'utenza di poter usufruire del servizio a fronte di un sovrapprezzo, come già in uso in altre realtà. Questa opportunità verrà pubblicizzata in ogni fermata con cartelli scritti non solo in Italiano, ma anche con traduzione in altre lingue e questa attività diventerà operativa entro il 2013. I conducenti inoltre frequenteranno un corso di formazione specifico che li doterà delle autorizzazioni necessarie per effettuare l'accertamento e la verifica dei titoli di viaggio a bordo. Si è lavorato anche sulla riduzione delle emissioni inquinanti in atmosfera grazie ad un dispositivo installato a bordo che avvertirà l'autista in caso di eccessivo consumo di carburante e conseguente maggior inquinamento.

“Difesa in rosa” al via Mercoledì 4 settembre prende il via "Difesa in rosa", corso di autodifesa riservato alle donne promosso da Regione Lombardia e dal Comune di Cremona, con la collaborazione del Kodokan. Il corso è riservato a coloro che si sono iscritte nelle scorse settimane. Per le iscritte del turno A (lunedì-mercoledì) il primo appuntamento sarà mercoledì 4 settembre, alle ore 18, all'ingresso del Parco delle ex Colonie Padane. Per le iscritte al turno B (martedì-giovedì) il corso inizierà giovedì 5 settembre, stessa location e stessa ora. Le iscritte sono invitate a presentarsi agli appuntamenti anche in caso di maltempo.

Prestiti del patrimonio pubblico

La Giunta ha autorizzato l’utilizzo del violino “Vesuvius” del 1727, violino di Antonio Stradivari, perché sia suonato dal M° Antonio De Lorenzi durante il concerto in occasione del “Festival della Bellezza”, a Sabbioneta, sabato 31 agosto. Con la stessa motivazione è stato autorizzato il prestito delle opere appartenenti alle collezioni civiche: Francesco Monti, "Ruth e la suocera Noemi" e Alessandro Tiarini (cerchia di), Santa Francesca Romana e l’angelo per esporle alla mostra “Il Pane. Cibo per la vita nell’arte dal 1500 ad oggi”, a Romano di Lombardia.

Atelier estivo Si svolgerà dal 2 al 6 settembre, presso i laboratori del corso di laurea in Scienze e tecnologie alimentari, della sede di Cremona, la seconda edizione 2013 dell’atelier estivo dal titolo “L’anello Incantato: da Fleming ai plasmidi”. Obiettivo principale dell’iniziativa è l’approfondimento di un tema di grande attualità: la trasmissione dell’antibiotico resistenza, considerata dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) una delle tre più serie minacce alla salute pubblica globale. Il percorso vedrà la partecipazione di 15 studenti provenienti dagli Istituti di Istruzione Superiore di Cremona e provincia che, affiancati dai ricercatori del Centro Ricerche Biotecnologiche, avranno modo di sperimentare tecniche di biologia molecolare e microbiologia.


6

Cronaca

Sabato 31 Agosto 2013

Cassa integrazione, ritardi pesantissimi

Molte le famiglie in difficoltà a causa della mancata corrispondenza della cassa in deroga. Sbaruffati: «Per il primo semestre si sta risolvendo»

I dati della crisi continuano a essere preoccupanti, con incremento dei licenziamenti (+44%) e del ricorso a cassa ordinaria e straordinaria

S

di Laura Bosio

i sono registrati, in Lombardia, notevoli ritardi (anche di 7/8 mesi) nel pagamento delle somme relative alla Cassa integrazione in deroga: come possono tirare avanti le famiglie? Se lo chiedono anche i sindacati, che nelle scorse settimane hanno lavorato per capire cosa stesse accadendo e per sbloccare la situazione. «I motivi di tale ritardo, per quanto riguarda il primo semestre del 2013, sono di due ordini: da un lato un forte rallentamento da parte dello Stato nell'erogare le risorse per finanziare gli ammortizzatori sociali, dall'altro lato ci sono state delle disfunzioni interne alla Regione Lombardia, che hanno impedito un celere disbrigo delle pratiche» spiega Giuseppe Sbaruffati (Cisl Cremona). «La situazione si sta sbloccando proprio in questi giorni, dopo che le parti sociali, nel mese di agosto, hanno appurato che vi erano oltre 9.000 domande - che vanno da gennaio a giugno - ancora da decretare». Dopo l'intervento dei sindacati, sono iniziate le procedure per decretare circa 7.000 domande, e proprio in questi giorni si sta avviando la corresponsione. «Alcune aziende hanno già ricevuto i soldi, come la cooperativa "L'alternativa" di Crema» spiega ancora il sindacalista. «In questi giorni dovrebbero essere evasi tutti i pagamenti, mentre le domande che ancora devono essere decretate verranno finanziate entro settembre». Ovviamente, questi ritardi hanno messo in grande difficoltà moltissime persone. E ancora peggio sarà per il secondo semestre, in quanto il sistema è stato modificato. «Da che è nata la cassa in deroga, infatti, i fondi vengono stanziati sulla base del numero di ore richieste dalle aziende. Tuttavia, di fatto ne venivano utilizzate solo il 38 per cento» spiega Sbaruffati. «Non si sa dove andassero a finire i fondi di

cui non si usufruiva. Per questo motivo si è deciso di erogare i finanziamenti sulla base delle effettive ore utilizzate, e quindi verranno calcolati al termine del periodo di cassa. Questa è una cosa positiva, ma naturalmente crea non pochi problemi ai lavoratori: se la cassa inizia a luglio e dura tre mesi, infatti, il lavoratore riceverà i soldi non prima di quattro mesi, ossia verso la fine di ottobre». Ciò crea un pesante intervallo per il lavoratore. «A questo proposito, vi è un tavolo regionale che sta lavorando per la creazione di un fondo di garanzia che intervenga a favore dei lavoratori che vanno a chiedere in banca l'anticipo della Cassa integrazione» conclude Sbaruffati. «Erano 42.000 i lavoratori in attesa su domande del primo semestre 2013 rimaste in sospeso per la mancanza di risorse» fa sapere la Cgil Lombardia, la quale però ricorda che «per poter decretare tutte le domande di cassa in deroga fino al 31 dicembre 2013, sulla base dell’andamento delle domande stesse, occorrerebbe una nuova copertura finanziaria da parte del gover-

no, attraverso l’invio di risorse aggiuntive pari a circa 100 milioni». I dati continuano a essere preoccupanti: aumenta ancora il ricorso alla cassa integrazione ordinaria e straordinaria, mentre la quantità di riduzione della cassa in deroga è dovuta in parte alla contenuta autorizzazione delle domande pervenute a causa dei precedenti ritardi delle coperture economiche da parte del Governo, e in parte al cambiamento della situazione in conseguenza delle tante chiusure di attività e di aziende e della riduzione del tessuto produttivo, in particolare del comparto artigiano, del commercio e delle Pmi. Complessivamente, nel mese di luglio 2013, si registra una crescita delle ore autorizzate di Cig del 2,67% (147.222.954 ore), una crescita della cassa ordinaria del 12,19% (66.696.032 ore) e della cassa straordinaria del 38,71% (62.651.630 ore), mentre, per le ragioni sopra esposte, si riduce solo formalmente la cassa in deroga del 53,90% (17.875.292 ore). I settori che registrano tassi di crescita della cassa sono legati all’energia

«Fondo di garanzia per chi chiede l”anticipo in banca»

Sistri, Cna: «Sistema che genera disagi alle imprese» «Avremmo preferito una soluzione più radicale per controllare la tracciabilità dei rifiuti, mentre il governo ha deciso di ripartire dal Sistri, un modello tanto complesso e costoso quanto inefficace». E questo quello che affermano Cna e Rete Imprese Italia dopo la comunicazione da parte del governo che il Sistri resta in vigore. «Benché esso sia stato opportunamente limitato ai soli rifiuti pericolosi – prosegue Cna - dal primo ottobre per i trasportatori e i gestori il sistema rimane identico al precedente, generando pesanti difficoltà e disagi alle imprese». Infatti è stato previsto che alla data del primo ottobre 2013 il sistema partirà solo per i gestori di rifiuti pericolosi e non anche per i produttori degli stessi. Dai 70mila previsti, il sistema interesserà così alla sua partenza i 17mila utenti che trattano i rifiuti a maggior rischio. Per i produttori di rifiuti pericolosi il Sistri partirà

invece il 3 marzo 2014 mentre per gli enti e le imprese intermediarie di rifiuti non pericolosi si mantiene per ora il sistema dei registri cartacei, demandando a un decreto ministeriale da adottarsi entro il 3 marzo 2014 la individuazione di ulteriori categorie tenute ad aderire. «Negli scorsi mesi abbiamo più volte sollecitato il governo – afferma Giovanni Bozzini Presidente di Cna Cremona – perché si decidesse di chiudere defi-

Grosso felino a Soresina, tavolo in Prefettura In seguito alle segnalazioni pervenute nei giorni scorsi in merito alla presunta presenza, in territorio comunale di Soresina, di un felino, di grosse dimensioni, presumibilmente un cucciolo di animale non ancora ben identificato, la Prefettura di Cremona ha convocato una Riunione Tecnica di Coordinamento Interforze, allargata alla presenza del Corpo Forestale dello Stato, dei Vigili del Fuoco, della Polizia Provinciale, nonché dell’Azienda Sanitaria Locale di Cremona. A scopo precauzionale ed in attesa di acquisire elementi di maggiore certezza sulla verosimiglianza del felino avvistato ad un puma o ad altro eventuale genere di animale, è stata disposta l’intensificazione dei dispositivi di vigilanza e controllo del territorio nel Comune stesso, con particolare attenzione

alla zona a Sud del centro abitato di Soresina, località “Zerbi”( Cascina Livelli Rossi), a cui si accede sia dalla Discarica (Piazzola Ecologica) sia dalla Stazione Ferroviaria e che corrisponde all’incirca alla ciclabile delle “Città Murate” e alla Nuova Tangenziale. La Prefettura informa la popolazione che al momento non sussisterebbero pericoli; tuttavia «occorre che chiunque si trovi in quell’area osservi le norme di comune cautela fin quando non sarà acclarato il genere di appartenenza dell’animale avvistato». La Prefettura, sin da subito, ha convocato per le ore 17di lunedì 2 settembre, un tavolo tecnico a cui parteciperanno le Forze dell’ordine nonché l’amministrazione provinciale, il sindaco del Comune di Soresina, i Vigili del fuoco e l’Asldi Cremona per fare il punto situazione.

nitivamente il Sistri visto il malfunzionamento evidente che lo ha contraddistinto fin dalla sua prima emanazione. Da quando è entrato in vigore abbiamo costantemente segnalato Si va invece nella direzione opposta e non siamo soddisfatti visto anche la confusione che deriva da questa nuova emanazione. Ora si tratta di utilizzare al meglio il congelamento di sei mesi previsto per l’entrata in vigore del sistema, adottando strumenti di reale semplificazione a misura delle piccole imprese che consentano comunque alla fine di superare il modello del Sistri». Per questi motivi, Cna e Rete Imprese Italia chiedono con grande forza al ministro Orlando l’attivazione in tempi brevi di un tavolo di confronto che dovrà farsi promotore di una proposta per un nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti in grado di garantire il rispetto delle regole e della legalità.

(105%), al commercio al minuto ( 61%), all’industria lapidei (61%), agli impianti di installazione per l’edilizia (38,%), all’industria edile (34%), alle attività connesse all’agricoltura (34%), alla lavorazione minerali (31%), alle metallurgiche (25%), alla meccanica (13%) e all’artigianato edile (12%). Anche il dato relativo ai licenziamenti preoccupa molto i sindacati: «Nel rapporto tra il periodo gennaio-luglio 2013 e gennaio-luglio 2012, aumentano del 44,83%, con 17.287 licenziamenti in totale; i licenziamenti di giugno-luglio sono 4.783» fa sapere la Cgil. «La linea generale è quella di un aumento della disoccupazione in ragione della perdita dei posti di lavoro. Un fenomeno del tutto coerente con il crollo del sistema produttivo». «Il 2013 vede il consolidarsi della crisi industriale, e di quella dell’Italia e della Lombardia, che da troppo tempo non crescono» dichiara Giacinto Botti (Cgil Lombardia). «Le analisi e gli studi dei vari istituti, compresa la Banca d’Italia confermano le nostre denunce e le nostre forti preoccupazioni: siamo un paese e una regione in piena depressione, con una situazione economica e industriale gravissima. In cin-

que anni abbiamo avuto il crollo degli investimenti del 17%, con un tasso di variazione della produzione industriale cumulata italiana pari a -21%. Siamo a un punto di non ritorno; se non si ferma la de-industrializzazione in atto e non si interviene subito mettendo in campo politiche economiche e sociali, risorse pubbliche e private alternative alle attuali e di sostegno al mercato interno e al tessuto produttivo, il Paese rischia il tracollo e rimane incapace di prospettare il suo futuro e quello delle giovani generazioni. Le prospettive di crescita del Pil del nostro Paese per il 2013 sono molto più basse della media europea, mentre i sussulti di ripresa che si intravedono, purtroppo, oltre a essere timidi, sono per ora più di ordine congiunturale che strutturale. Inoltre queste prospettive sono contraddittorie perché accompagnate dai dati negativi sull’occupazione, in particolare quella giovanile, e dalle difficoltà del nostro sistema produttivo e industriale e degli stessi imprenditori a reggere dopo anni di crisi, senza una prospettiva e un adeguato sostegno finanziario e creditizio». Di fatto, dal 2007 il nostro Paese e la nostra Regione hanno bruciato rispettivamente 10 e 11 punti di Pil. «Il nodo della Lombardia - aggiunge Botti - resta quello di creare lavoro e di ri-progettare una struttura produttiva innovata e di qualità, senza la quale sarà tecnicamente impossibile creare le condizioni per la crescita e lo sviluppo del Paese, insieme all’occupazione. E’ un allarme che abbiamo lanciato da tempo, rimasto irresponsabilmente inascoltato: in questi cinque anni di crisi, lo ribadiamo, si è perso il 25% del tessuto produttivo, si è avuto il crollo del manifatturiero di oltre il 20%, e si sono registrati l’aumento della disoccupazione e la riduzione del tasso di attività, oltre al crollo dei consumi e delle attività commerciali».

Rassegna sulla cinematografia sud-coreana "Lo sguardo insolito di Hong Sang-Soo” è il titolo della rassegna promossa dall'associazione Antani, dedicata alla scoperta della cinematografia sud-coreana attraverso un omaggio a Hong Sang-soo, regista di "In an other country". L'iniziativa - che si svolgerà presso il Teatro Filo alle ore 21, a partire dal 2 settembre - vuole offrire l'opportunità di scoprire una cinematografia molto significativa, ma poco nota come quella sud coreana attraverso "lo sguardo insolito" di un regista che ha partecipato con le sue opere ai più importanti festival internazionali. Tre sono i film previsti, con un biglietto di ingresso di tre euro per i soci Antani, e cinque euro per tutti gli altri. Il ciclo sarà

quindi inaugurato il 2 settembre con un aperitivo, accompagnato da alcune specialità asiatiche, a partire dalle 20 al costo di tre euro (indispensabile la prenotazione). Il buffet sarà allestito nel cortile retrostante della Società Filodrammatica Cremonese. Successivamente, alle 21, verrà proiettato il film “Ah ah ah”, che racconta dell'incontro di due vecchi amici, per raccontarsi le ultime avventure. Due disadattati, in un modo o nell'altro, sognatori e un po' cialtroni. Tra una bevuta e l'altra, ripercorrono la loro estate, col tacito accordo di rievocare solo gli avvenimenti più gradevoli. Appuntamento successivo sarà quindi il 9 settembre, con “The day he arrives", mentre il 16 sarà la volta di Oky's Movie.


Cronaca

Sabato 31 Agosto 2013

Ripresa in arrivo? Si, ma...

Secondo Bankitalia si percepiscono i primi segnali di un miglioramento della situazione economica

Manasse: «Per alcuni Paesi, come l’Italia, la ripartenza potrebbe essere molto lenta e piena di incognite» Bankitalia, questa volta, si sbilancia: in Italia si percepiscono i primi segnali di ripresa. Lo ha detto pochi giorni fa, durante il Meeting di Comunione e Liberazione a Rimini, il direttore generale della Banca d'Italia, Salvatore Rossi: "in diversi indicatori" per il nostro Paese si trova conferma di "una lenta ripresa economica, o almeno di un arresto della caduta". Del resto, "i danni della crisi sono stati da noi mag-

P

giori che in altri Paesi". La notizia non può che rallegrare, anche perché al Paese sarebbe tanto necessaria una robusta dose di ottimismo, da accompagnare certo ad indicatori macro e microeconomici attendibili, ma capace di ricreare quella spinta a credere nel futuro che è fondamentale. L’Eurostat ha segnalato, peraltro, una crescita complessiva dell’Eurozona e della intera Unione Europea pari allo

rofessor Manasse, si può parlare di inizio di ripresa, o magari anche solo di “ripresina”? «I dati che abbiamo a disposizione grazie agli enti preposti alla ricerca in ambito economico sono concordi sul fatto che l'ultimo trimestre di quest'anno sarà caratterizzato, per la prima volta dopo cinque anni, dal segno più. Questa è senza dubbio una buona notizia, che però va inserita in uno sfondo denso di incognite: da un lato le questioni della politica interna, dall'altro uno scenario internazionale piuttosto complicato. Ci troviamo quindi di fronte a questioni di importanza decisiva, che potrebbero soffocare sul nascere la ripresa». Ha parlato di uno scenario internazionale complicato: a cosa si riferisce? «Ci troviamo di fronte a fattori positivi, come la ripresa dell'economia americana e di quella tedesca, ma ci sono anche situazioni che destano incognite, come il rallentamento dell'economia dei paesi emergenti - Cina e Brasile sopra a tutti che rappresentano i principali sbocchi per i nostri mercati. Anche l'attuale crisi siriana potrebbe penalizzarci: se Stati Uniti, Inghilterra e Francia decidessero di attaccare, la finanza europea subirebbe pesanti ripercussioni». Il commissario europeo agli affari economici Olli Rehn mette però in guardia da troppo facili entusiasmi: resta l’enorme problema della disoccupazione... «Ci sono sostanzialmente due questioni: da un lato il mercato del lavoro in genere reagisce in ritardo e le imprese ricominciano ad assumere solo quando la ripresa si dimostra consolidata; dall'altro lato normalmente occorre una crescita sostenuta affinché il trend della disoccupazione si arresti e inverta la tendenza. Vi sono poi dei problemi più strutturali legati al mercato del lavoro in Italia, che

Paolo Manasse

è soggetto a nodi non ancora sciolti, come ad esempio la questione della flessibilità, su cui tra l'altro il governo pare stia facendo marcia indietro, e che non permette alle aziende di assumere. Accanto a questo, non dimentichiamoci la zavorra di un eccessivo costo del lavoro, che il nostro Paese si porta dietro da tempo e che non permette alle nostre imprese di salire sulla carrozza della ripresa internazionale». Tutti i Paesi europei saranno coinvolti nel processo di ripresa? O avremo un’Europa a due o più velocità, con il rischio concreto di implodere? «Temo che ci troveremo con un'Europa divisa in due. Ci sono Paesi come la Germania, che hanno fatto riforme importanti, a volte anche dolorose, che sapranno trasformare la ripresa in nuova occupazione; ci sono altri Paesi che hanno fatto importanti investimenti dal punto di vista dell'innovazione e della tecnologia, che ora potranno essere più competitivi. Infine ci sono i Paesi come l'Italia, che non hanno fatto riforme nè investito sull'innovazione, e che quindi dovranno arrancare».

«Ci troveremo con un’Europa divisa in due»

Il 1 settembre si celebra la giornata per la salvaguardia del Creato Appuntamento con l’ottava Giornata per la salvaguardia del creato domenica 1° settembre sul tema “La famiglia educa alla custodia del creato”. In diocesi di Cremona la Giornata si celebrerà alla "Fattoria della Carità" di Cortetano dove da diversi anni un gruppo di "somarelli" è utilizzato per la pet-therapy a favore di persone diversamente abili. Famiglie, ma anche gruppi associativi e parrocchiali sono attesi fin dalle ore 15 per conoscere questi simpatici animali, ma anche per riflettere e pregare per questo nostro mondo sempre più minacciato e sfruttato.

0,3%, nel secondo semestre dell’anno, rispetto al trimestre precedente. La Germania pare molto bene avviata su questo percorso: e l’Italia? Ha ragione Bankitalia? Lo chiediamo a Paolo Manasse, docente di Professore di Macroeconomia e di Politica Economica all’Università di Bologna e Ph.D alla London School of Economics. Daniele Tamburini

C’è una stretta correlazione tra il futuro del Governo e l’eventuale allonamento di Berlusconi, ma la caduta del Governo provocherebbe il venir meno della fiducia da parte dei mercati finanziari internazionali» Si nota che lo stile di vita delle persone ha assunto, giocoforza o meno, caratteri più parchi: meno faciloneria, meno sprechi. La ripresa è conciliabile con il mantenimento di queste “nuove” abitudini, che, almeno per alcuni aspetti, non sono di segno completamente negativo? «Ritengo che certi comportamenti siano da considerarsi ormai "acquisiti", e dubito che cambieranno con la ripresa, specialmente per quanto riguarda gli sprechi. In fase di rilancio economico la gente tornerà a spendere di più, come è giusto che sia, in quanto l'economia si basa anche sui consumi interni, ma molto probabilmente si continuerà a prestare maggiore attenzione agli acquisti, evitando quelli inutili».

terrogativo è strettamente intrecciato alla prima parte della domanda... «La questione italiana è senza dubbio complicata, in quanto c'è una stretta correlazione tra il futuro del governo e l'eventuale allontanamento di Berlusconi. Il centrodestra non è ancora in grado di sostituire il proprio leader, essendo un partito ancora molto personalistico; dunque il venir meno di Berlusconi dalla scena politica potrebbe compromettere l'esistenza del partito stesso, e di qui il tentativo di rovesciare il governo, legittimando Berlusconi attraverso una sorta di "voto popolare". Un'azione del genere, tuttavia, costituirebbe un pericoloso precedente, in quanto si andrebbero a scavalcare le decisioni della giustizia, e questo farebbe venir meno la divisione dei poteri. Senza contare il fatto che la caduta del governo provocherebbe il venir meno della fiducia da parte dei mercati finanziari internazionali. Possiamo comunque sperare nel fatto che, se si andasse a nuove elezioni, i centrodestra potrebbe uscirne abbastanza malconcio, e questa consapevolezza potrebbe ridurre la spinta a far cadere il governo. Così come dovrebbe bloccare tale spinta anche il fatto che in un momento in cui già i nostri mercati non godono di particolare fiducia, il Paese non trarrebbe certo vantaggi da una crisi di governo; chiunque abbia a cuore il destino del nostro Paese non metterà in campo azioni che potrebbero affossarlo. Mi chiede se ce la faremo? Mi auguro di sì, ma la realtà non è certo rosea. Nel migliore degli scenari possibili, ammettendo quindi che il governo possa continuare a lavorare e che la situazione internazionale non abbia impatti gravi sui nostri mercati, la nostra ripresa sarà molto lenta, anche in virtù del fatto che il nostro attuale governo non è in grado di fare riforme importanti, e che quindi i problemi che da sempre ci portiamo dietro resteranno tali». Laura Bosio

«Si continueranno a evitare gli sprechi»

Vorrei farle una domanda sull’influenza che i fatti politici del nostro Paese in queste settimane possano avere sull’economia, e in particolare su Berlusconi che intende far saltare il banco, ma passo oltre e le chiedo, come ho già fatto altre volte: ce la faremo? Ma mi accorgo che l’in-

7

confesercenti

«No alle promozioni della Gdo nel settore dell’editoria scolastica»

Continua la campagna di Confesercenti della Lombardia Orientale, contro la diffusione di promozioni della Grande distribuzione nel settore dell'editoria scolastica. Il presidente della sede territoriale di Cremona, Giuseppe Bini, nelle scorse settimane ha inviato una lettera a sindaco, assessore alle attività produttive e comandante della Polizia Municipale di tutti i Comuni della provincia di Cremona contenente «la richiesta di ripristino della legalità contro questo fenomeno». L’associazione di via Ruffini ritiene che tali promozioni siano illegittime «in quanto in aperta violazione della Legge Levi, recante la Nuova disciplina del prezzo dei libri, che fissa lo sconto massimo consentito nei confronti del consumatore sul prezzo di copertina di un libro al 15%». Per mezzo dei cosiddetti buoni spesa, invece, svariate catene della Grande Distribuzione «propongono uno sconto ben superiore al 15% che, anziché prodursi immediatamente sull’acquisto del prodotto librario, dispiega i suoi effetti su un eventuale acquisto successivamente effettuato in altre categorie merceologiche, dove, in presenza di margini di ricavo più generosi, l’operazione recupera una valenza commerciale» spiega Bini. «In un contesto già difficile e ulteriormente aggravato dalla perdurante crisi economica, la Legge Levi, unica benché esigua – norma a difesa della libreria indipendente in Italia (in quanto costituisce garanzia di una minima sostenibilità economica delle librerie e cartolibrerie indipendenti, che non potrebbero altrimenti reggere la concorrenza della Grande Distribuzione e delle varie Catene librarie, spesso controllate dai Grandi Gruppi Editoriali) viene oggi palesemente scavalcata nell’ambito dell’editoria scolastica, dove peraltro librai e cartolibrai hanno i minori margini di guadagno».

Manutenzione di via Zaist e via San Francesco d’Assisi

L’Assessore ai lavori pubblici Francesco Zanibelli ha informato la Giunta che Aem Cremona procederà, nel 2013, alla manutenzione straordinaria di via Zaist e della rotatoria di via Persico per un importo complessivo di 363.000 euro, nonché alla manutenzione straordinaria via S. Francesco d’Assisi per un importo di 68.000 euro. Con le somme a disposizione di entrambi i progetti, si procederà alla sistemazione della pavimentazione stradale di via San Savino, nel tratto compreso tra la via San Felice e la nuova strada di lottizzazione/via Negromante. L’importo complessivo di

431.000 euro trova copertura finanziaria nel Piano delle Opere Pubbliche 2013. «Per quanto riguarda via Zaist - dichiara Zanibelli - è prevista la realizzazione di opere di riasfaltatura delle infrastrutture stradali di competenza del Comune di Cremona. In particolare sarà risanata la pavimentazione dei seguenti tratti: via Zaist, tra la rotatoria di via Persico e la rotatoria di via Mantova (sola corsia di marcia) e la rotatoria di via Persico. Nel secondo caso avverrà il risanamento della pavimentazione stradale di via S. Francesco d’Assisi del tratto tra via Naviglio e via Boschetto.”


8

Cronaca

Sabato 31 Agosto 2013

Temperature da fine estate fino a metà settembre

Fine settimana di bel tempo, ma da metà settembre arriva il freddo Esauritasi l'ondata di maltempo che nei giorni scorsi ha colpito tutta la penisola, da nord a sud, provocando numerosi danni ano che nel Cremonese, sembra che finalmeno te il tempo volga a un miglioramento, e che potremo godere di una sorta di "estate seto tembrina", con un fine settimana dalle temo perature decisamente estive. Secondo i meteorologi, nei prossimi giorni avremo quindi prevalenza di bel temo po, a parte il passaggio di alcuni sistemi nuo volosi dal Nordafrica che attraverseranno l’estremo Sud portando qualche isolato roo vescio o temporale. Per il resto, gli italiani

potranno godere di un clima gradevole, tio pico di fine estate. «La forte instabilità che è stata alimentata dalla grande energia dio sponibile per effetto dei cambiamenti clio matici in atto - sottolineano gli esperti - ha abbandonato le nostre regioni a partire dai settori occidentali». Le temperature sono in rialzo al Nordest e al Centro: la colonnina di Mercurio arriverà a segnare 26-28 gradi al Nord (dove potrebbe però fare incursione qualche perturbazione atlantica), 28-30 gradi al Centro, e addirittura oltre trenta grao di al Sud. Caldo sì, ma senza afa. Temperao tura piacevole quindi sia per chi gode degli

ultimi scampoli di ferie che per chi è tornao to a lavoro. Questa situazione dovrebbe protrarsi anche per la prima settimana de mese. La prima decade sarà senza dubbio la migliore dal punto di vista meteo. Gli esperti parlano di un prolungamento dell’estate. Già dalla seconda metà del meo se però arriverà il freddo, soprattutto al Nord Italia. Anche le precipitazioni saranno superiori alla media stagionale soprattutto nel settore Nord e nell’area media alta Tiro renica. Ottobre 2013 sarà, dal punto di vio sta meteorologico, un mese instabile e moo vimentato.

Il virus del Nilo in arrivo verso il Po? Preoccupano i casi di malattia che si sono manifestati in diverse province dell’Emilia

Finalmente l'estate è arrivata, e con essa la voglia di muoversi, viaggiare, passare un fine settimana fuori porta e partire per le vacanze. Il Cta Acli promuove una serie di gite e viaggi per tutti i gusti. • Dal 01 al 08 settembre Soggiorno al mare, in Puglia, presso il Rosa Marina Resort 4****. Durante il soggiorno si effettueranno Escursioni a Ostuo ni, Locorotondo e Alberobello. • Dal 02 al 07 settembre e dal 09 al 14 settembre - Paco chetto comprensivo di due turni di viaggio per le cure termali a Salsomaggiore e Tabiano. • Dal 19 al 22 settembre Minicrociera nell’arcipelago toscano con la visita dell’ Isola d’Elba, dell’Isola del Giglio e di Pisa. • 22 settembre - Giornata dedicata al complesso del Sacro Monte di Varallo (Patrimonio Unesco) definito la “Nuova Gerusalemme” tra arte, antichità e storia. x• Dal 27 al 29 settembre Tour ‘Istria, itinerario dell’epoca veneziana’. Si visiteranno: Pareno zo, Pola, Isole Brioni e Rovigno. • Dal 27 al 29 settembre Tour ‘Istria, itinerario dell’epoca veneziana’. Si visiteranno: Pareno zo, Pola, Isole Brioni e Rovigno. • 29 settembre - Giornata dedicata a Bellagio … un vero e proprio Paradiso … tra scorci, ville e natura. • 6 ottobre - Giornata dedio cata alla visita di Venezia, città unica al mondo, e dell’ Isola di Murano famosa per le sue ineo guagliabili vetrerie. • Dal 08 al 12 ottobre - Tourpellegrinaggio a San Giovanni Rotondo. Si potranno vedere inoltre: San Marco in Lamis, Monte Sant’Angelo, Castel del Monte e Canosa di Puglia. • Dal 19 al 20 ottobre Weekend dedicato all’Eurochoo colate (Perugia) con stand, deguo stazioni gratuite, sculture, negoo zi, spettacoli, tutti all’insegna della dolcezza del cioccolato. Si visiterà inoltre anche Assisi. • 10 novembre - Giornata all’insegna dello shopping all’Outlet di Serravalle Scrivia dove sono presenti oltre 180 negozi delle migliori marche. Le iscrizioni e tutte le informazioni relative agli eventi saranno fornite presso la sede di via Cardinale G. Massaia, 22 o contattando i numeri di tel. 0372.800423, 800429. Sito: www.ctacremona.it

Il Pd: «Avevamo chiesto mesi fa al Comune che si procedesse alla disinfestazione; cosa è stato fatto?»

S

di Laura Bosio

i è creata una certa preoccupazione ano che a Cremona per il virus West Nile, veio colato dalle zanzare. I recenti casi verificatisi nell'area emiliana dimostrano che il rischio possa essere reao le, tanto che il servizio veterinao rio dell'Asl di Cremona (così come quelli di Parma e Piaceno za) ha avviato una campagna di monitoraggio delle zanzare che coinvolgerà tutta la provincia. Già nelle prossime ore verrano no posizionate alcune "trappoo le" particolari, in grado di cato turare gli insetti considerati "sensibili". Il virus viene trasportato dalla zanzara comune o dalla zanzao ra “tigre”, che vengono a loro volta infettate da cornacchie, piccioni, corvi o gazze. La mao lattia è prevalentemente asino tomatica, ma, tra i casi sintoo matici, circa il 20% presenta febbre alta, mal di testa, vomio to, linfonodi ingrossati e sfoghi cutanei, nonché problemi di tio po neurologico. Nei casi più gravi, il virus può arrivare a scao tenare un’encefalite letale. L’alo larme riguarda soprattutto l’area rivierasca del Po. Nell'area piacentina, il West Nio le è stato individuato in camo pioni di insetti e uccelli selvatio

Sintomi, trasmissione e cura della malattia Trasmissione del virus Le zanzare, ed in particolare il genere Culex, sono i principao li vettori del virus, e tutti i fattori che favoriscono la proliferazione delle zanzare come le piogo ge abbondanti, irrigazioni o temperature alte fanno quindi aumentare il numero dei casi di cono tagio. Gli uccelli, siano essi stanziali, migratori o domestici, giocano un ruolo cruciale nella diso seminazione del virus: gli uccelli migratori permettono lo spostamento del virus dall'Africa alo le zone temperate; le zanzare che pungono gli uccelli migratori asportano così sangue infetto, infettando sé stesse e ogni altro animale, uomo compreso, di cui assumono il sangue succeso sivamente. Sintomi nell'uomo I sintomi dell'infezione moderata da virus del Nilo occidentale soo no rappresentati da febbre moderata dopo pochi giorni di incubazione, che dura da tre a sei giorni, accompagnata da malessere generalizzato, anoressia, nausea, mal di testa, dolore ocuo lare, mal di schiena, mialgie (dolori muscolari), tosse, eruzioni cutanee, diarrea, linfadenopatia e difficoltà a respirare. In meno del 15% dei casi, negli anziani e nei soggetti più deboli, poso sono aggiungersi gravi complicazioni neurologiche quali meningite o encefalite. Generalmeno te il malato si rimette spontaneamente in 3-5 giorni, ma la malattia può essere anche mortale in individui anziani e immunodepressi. Cura Contro il virus non esistono trattamenti specifici. È possibile solamente attenuare i sintomi della malattia. ci monitorati lungo il fiume. Una situazione che ha provoo cato la reazione anche del mondo politico cremonese, in particolare del Pd, che, lo scoro so aprile, aveva chiesto all'amo ministrazione comunale, con una interrogazione consiliare, di intervenire al più presto con una capillare disinfestazione delle zanzare: questo in seguio to ad alcune dichiarazioni dell'assessore Francesco Boro di, secondo il quale «non vi erao no risorse economiche per procedere agli usuali trattao

menti larvicidi». «Nella risposta all'interrogazio ne l'assessore rassicurava che i trattamenti sarebbero stati comunque eseo guiti e affidati all'Aem» dichiara Roberto Poli, consigliere coo munale del Pd. «Ci auguriamo che la nostra solo lecitazione sia stata davvero presa in considerazione e che gli interventi siamo stato eseo guiti nei tempi e nei modi opo

portuni, visto che come era ampiamente prevedibile e preo visto dagli esperti le condizioni meteo climatiche della primao vera erano favoo revoli ad una proliferazione di zanzare comuni e tigre con poo tenziale nocivo per la salute dei cittadini». "I cambiamenti macro climatici di riscaldamento globale e la forte piovosità di questa ultima stagione sono elementi favoo

«Gli esperti avevano previsto la proliferazione di zanzare»

renti una elevata riproduzione delle zanzare", si legge nel doo cumento allora presentato dai consiglieri Pd Roberto Poli e Caterina Ruggeri. "Gli interveno ti di monitoraggio e prevenzioo ne della proliferazione delle zanzare con trattamenti larvicio di di tombini, caditoie e ristagni di acqua in zone pubbliche, con disinfestazione di aree ad alta densità, con interventi di lotta biologica sono indispeno sabili insieme agli interventi preventivi dei cittadini in aree private".

Adeguamento tariffario del trasporto pubblico, Zanibelli: «Nessuna stangata»

Nell'ambito dell’adeguamento tariffario per l’anno 2013 dei servizi di trasporto pubblico regionale, disposto da Regione Lombardia, il Comune di Cremona ha affrontato la questioo ne cercando di evitare una "stangata" sui prezzi. «Grazie a piccoli arrotondamenti e senza ulteriori esborsi, siamo riusciti a conteo nere gli aumenti dei titoli di viaggio» fa sapeo re l’assessore alla Gestione Mobilità, Traffico e Viabilità Francesco Zanibelli. «Pertanto, tranne i tre abbonamenti annuali che aumeno tano di un euro, tutti gli altri titoli restano ino variati. Sono confermate anche le agevolazioo ni per cittadini over 70. Per questi ultimi la duo

rata della validità del biglietto raddoppia, paso sando da 90 a 180 minuti, mentre per tutti gli altri titoli da 75 a 90 minuti. Sono soddisfatto di tale risultato che favorisce il servizio di trao sporto pubblico pochi giorni prima dell’entrao ta in vigore dell’orario invernale, dal prossimo 12 settembre. Questo risultato si aggiunge al positivo lavoro che abbiamo fatto durante gli incontri realizzati nei vari quartieri, costrueno do, insieme all’utenza, la nostra proposta». Qui di seguito le tariffe in vigore dal 1° seto tembre 2013 così come approvate dalla Giunta: biglietto corsa semplice: 1,20 euro (validità 90 minuti anziché 75); biglietto coro

sa semplice a bordo: 2,50 euro; biglietto gioro naliero: 2,80 euro; abbonamento settimanao le 10,20 euro; carnet 10 corse: 10,70 euro; abbonamento mensile: 29,50 euro; abbonao mento mensile “Io viaggio in famiglia 2° fio glio”: 23,50 euro; abbonamento annuale stuo denti: 210 euro; abbonamento annuale 12 mesi: 232 euro; abbonamento annuale 12 mesi “Io viaggio in famiglia 2° figlio”: 186 euo ro; abbonamento trimestrale “90 centro”: 60 euro; abbonamento trimestrale “90 argento”: 60 euro; Sono confermate le agevolazioni per gli utenti di età superiore ai 70 anni.

IN BREVE

Si parla di famiglia: torna anche quest’anno l’iniziativa “Chiacchiere in cortile” “Sulla scia dell’ottimo risultato dello scorso, il Centro per le Famio glie ripropone anche quest'anno l’iniziativa ‘Chiacchiere in Cortile’. Le tematiche, oltre ad essere, soo prattutto in questo momento, di strettissima attualità, aiutano a rio flettere in un’ottica di prevenzione di alcuni fenomeni. Copromotori della manifestazione sono il Ceno tro Interculturale Mondinsieme, il Cisvol nell'ambito del Bando Voo lontariato 2012 e, nello specifico, del progetto Reti Nella Città. La piccola rassegna, pur sulla scorta della precedeno te esperienza, si ripropone quest'anno con una formula ampliata e, in parte, rinnovata: cinque gli appuntamenti in calendario tra cui un evento speciale promosso da una reo te territoriale di soggetti. Ogni serata, rivolta ad un pubblio co adulto, è centrata su una tematica specifica di caratteo re famigliare affrontata attraverso ottiche diverse, confero

mando quelle espressivo e comuo nicative dello scorso anno, ma sottolineando quella dell’associao zionismo: approccio espressivo, tramite il coinvolgimento dell’autoo re di un’opera letteraria, approccio che avviene tramite il coinvolgio mento di una figura specifica, apo proccio di promozione del volono tariato con il coinvolgimento del referente di un’associazione. La letteratura in questo caso non è ino tesa solo come rapporto con le parole e con il racconto. ma è anche esperienza condivisa e condivisibile. Da qui parte la nuova proposta di quest'anno che, oltre allo sguaro do degli autori e degli esperti, evidenzia la dimensione viro tuosa dell'associazionismo. Esperti, autori, cittadini attivi ed impegnati contribuiranno, nel corso dei vari appuntao menti, alla riflessione, all'analisi e al racconto della famiglia e delle multiformi relazioni che maturano al suo interno.

Festa dedicata al Perù Le Feste estive dell'Associazione Latinoamerio cana si stanno avviando alla conclusione; ne rio mangono ancora due: una il 1 settembre e l'altra l'8. La prima di queste, quella di domenica 01 seto tembre sarà dedicata al Perù. Le feste si terranno in Via Gioconda 3 a Cremona dalle 18 alle 23. Le feste si terranno anche in caso di pioggia. La cuo cina sarà interamente dedicata a questo paese ano dino, così come la musica, inoltre verranno proieto tati video sul paese e la sua cultura. Verranno approntati spazi scenografici che poro teranno il visitatore a percorrere le strade incaiche che conducono al Machu Picchu. Una occasione per conoscere un po' di più l'America Latina. «Invitiamo le signore peruviane che partecipeo ranno alla festa ad indossare abiti di colore rosso e bianco, ricordando la bandiera del proprio paeo se - dicono gli organizzatori. «A tutti i peruviani che parteciperanno alla festa verrà praticato uno scono to del 10% su tutte le consumazioni».

Sagra Settembrina

Appuntamento a Cremona Solidao le con la 22° Sagra Settembrina, che si svolgerà il 6, 7, e 8 settembre, con tema “Evviva Verdi!". Primo appuntao mento il 6 settembre (ore 15.15) con la 4° edizione de “La Corrida, dilettano ti e non allo sbaraglio”. Il 7 (ore 15.30) tocca a "Musica della nostra terra" con lo Stradivari Group. L'8 settemo bre (ore 15.30) appuntamento con "Omaggio a Verdi", con la partecipao zione del Coro Vertova Ponchielli.


Lettere & Opinioni "

punto di vista

Mancano la parola e l’esempio di grandi uomini Signor direttore, per chi, come il sottoscritto, nato immediatamente dopo una guerra che agì da frullatore, divenne imperativo distinguere e saper distinguere e gli fu insegnato dall’esempio di grandi uomini; per chi è nato negli anni del “post distinguo” diventa naturale bere il frullato derivato dalla melassa storica del fine ’900-inizio 2000 dimenticando ideologie, sentimenti, princìpi, valori e moralità. Probabilmente fra qualche anno (con l’aiuto della crisi?) si sentirà di nuovo il bisogno di distinguere e saper distinguere (ma anche già da oggi): forse manca la parola e l’esempio di grandi uomini. A. Gusperti Cremona ***

"

in regione

Ancora una volta l’assessore Fava è stato smentito dalla sua Giunta Egregio direttore, non è la prima volta che l’assessore regionale all’Agricoltura Fava viene smentito dalla sua stessa Giunta perché dice cose diverse. Tuttavia, pare incredibile che in ogni occasione emergano queste contraddizioni. Durante la discussione sull’assestamento di Bilancio, è passato un ordine del giorno che chiedeva la definizione di un metodo oggettivo di calcolo nella ripartizione delle risorse, maggiore certezza e stabilità e un contributo economico-finanziario e amministrativo da parte di Regione Lombardia. L’assessore al Bilancio Garavaglia, quindi la Giunta, quindi anche Fava che era inspiegabilmente assente dall’aula, diede parere negativo, ma ciononostante l’odg venne approvato a maggioranza. Ci fa piacere che un mese dopo Fava si accorga che esistono questi problemi e che si dica d’accordo con noi, nonostante il parere contrario della Giunta di cui fa parte. Agostino Alloni Consigliere regionale del Pd ***

"

polemica

La questione sui premi ai dirigenti statali non deve essere accantonata Signor direttore, notiamo con piacere che la polemica sui cospicui premi ai dirigenti è lungi dall’essersi sopita. Molti sono stati gli interventi di semplici cittadini, del nostro Movimento 5 Stelle, oltre a rappresentanti locali delle diverse fazioni politiche che a giusta ragione evidenziano l’incongruenza delle considerevoli cifre erogate (stipendi e premi), in un momento economico e sociale gravemente particolare della nostra nazione. Non dimentichiamo inoltre, vergogna delle vergogne, per stilare le pagelline dei dirigenti è previsto l’incarico a consulenti esterni che sono costati 30mila euro per l’amministrazione Provinciale ed 20mila euro circa per quella comunale. E poi il Comune è in deficit, bisogna aumentare tasse, rette scolastiche, tagliare l’assistenza nel sociale, il sistema di trasporti locale in crisi, chiudere utenze dei morosi anche se indigenti, ecc. ecc. C’è però un intervento assolutamente fuori luogo: quello del dirigente Vescovi nonché rappresentante sindacale di questa categoria, il quale si è sentito in “dovere” di specificare che «siamo professionisti e lavoratori e come tali, da contratto, veniamo retribuiti». La cittadinanza e noi per primi ringraziamo di questa illuminante specifica che peraltro già conoscevamo, ma che risulta decisamente fuori luogo. E’ come dire: che colpa ne abbiamo noi se il popolo muore di fame? Noi abbiamo diritti previsi dalla “legge divina” e pertanto che colpe ci attribuite? Cio’ che succede fuori dai nostri palazzi non è affar nostro. Ricordiamo al “professionista” Vescovi che ci sono migliaia di giovani (e non piu’ giovani) disoccupati e che altrettanti si debbono accontentare di lavori precari, gestiti spesso da Cooperative che hanno rapporti con le amministrazioni comunali, con una paga da fame e con disponibilità giornaliera, notturna e nelle festività. Appartengono forse ad una razza inferiore, per cui non dovrebbero scandalizzarsi del trattamento ben diverso riservato ai burocrati pubblici, premiati, dopo esser già stati lautamente pagati, per aver fatto semplicemente il loro dovere? Ci saremmo aspettati invece un atto di “buon sen-

Sabato 31 Agosto 2013

magari le prime scosse e poi penseremo a muoverci quando forse sarà troppo tardi? (Ovviamente spero davvero di sbagliarmi). Gualtiero Nicolini Cremona ***

Condominio: viene reintrodotta la mediazione Buongiorno avvocato, vorrei sapere essendo tornata in vigore la mediazione per le controversie condominiali, quali sono le novità apportate in materia? Gennaro *** Come è noto, il DL 69/2013, cosiddetto decreto del Fare, ha reintrodotto la mediazione obbligatoria per tutte le liti in condominio. Da oggi pertanto chi vorrà intraprendere una causa che abbia ad oggetto una materia condominiale dovrà prima procedere al tentativo di mediazione. In particolare, l’istanza di mediazione andrà presentata presso un organismo abilitato nel luogo del giudice territorialmente competente per la controversia, ossia del luogo dove si trova il condominio. L’amministratore è legittimato a partecipare al procedimento, ma solo previa autorizzazione di apposita delibera assem-

A cura di Emilia Rosemarie Codignola*

"

bleare da assumere con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell’edificio. Anche la proposta di mediazione deve essere approvata dall’assemblea con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell’edificio. Se

*** analisi politica

Siamo vittime di una dittatura: quella del pensiero Signor direttore, siamo ormai all’assurdo e cioè che il processo al “giusto” Berlusconi venga paragonato a quello di Cristo. Quello che ormai demoralizza e toglie ogni fiducia, non sono tanto gli spropositi che vengono ogni giorno enunciati da una parte o dall’altra dei nostri politici, quanto l’impossibilità di ridefinire la differenza tra onestà e delinquenza, tra legge e illegalità. Siamo un Paese tenuto in ostaggio e sotto ricatto da un ricco signore che ha commesso una serie di reati a non finire e che sta tenendo in pugno una coorte di pseudo politici e non solo, trascinando nel precipizio un’intera nazione. Si è creato un circolo vizioso con l’instaurazione di un diritto personale, secondo la legge del più forte che ha scardinato le più elementari leggi del diritto e dà un esempio deleterio ai nostri figli e nipoti e segna il declino culturale di un Paese. Abbiamo una classe di dirigenti che si sta accapigliando per difendere l’indifendibile e il proprio potere senza pensare ai gravi problemi dei cittadini. Abbiamo stravolto il contenuto delle parole: legge, onestà, delinquenza, diritto. Siamo blindati da una delle peggiori dittature: quella del pensiero. Lucia Zanotti Cremona ***

"

tasse

Con la service tax per i cittadini praticamente non cambierà nulla

so”, riconoscendo che questa legge con questi diritti non è piu’ attuale e che va cambiata: è compito di un valido rappresentante sindacale, fare l’interesse della sua categoria, ma in linea con le condizioni di mercato. Riteniamo la questione ancora aperta e da sottoporre al Parlamento. Movimento 5 Stelle Cremona

"

9

gussola

Ancora una volta l’amministrazione ha sottovalutato i problemi Egregio direttore, come cambiano gli umori degli amministratori di maggioranza del Comune di Gussola è sintomatico del loro modo di improvvisatori, di vivere alla giornata la cosa pubblica, di affrontare i problemi senza una corretta programmazione. Una dimostrazione di tutto questo deriva da come è sistemato il parco giostre quest’anno. Da quando è stata rifatta la piazza, nessuna giostra poteva essere posizionata sulla nuova pavimentazione: le motivazioni erano le più disparate, tra le quali che il fondo della pavimentazione non avrebbe retto a tali pesi. La cosa che mi urta e che urta tanti i cittadini di Gussola è la collocazione di una giostra proprio su una strada di collegamento: questa ubicazione fa in modo che un negozio importante come la Coop sia tagliato fuori dalla piazza e di conseguenza irraggiungibile in auto. L’amministrazione comunale non poteva fare una scelta così penalizzante verso questo negozio e per giunta an-

detta maggioranza non viene raggiunta, la proposta di mediazione si deve intendere non accettata. E’ necessario che il condominio si presenti alla mediazione insieme al proprio avvocato, in quanto solo in presenza dell’avvocato, in caso di insuccesso della mediazione, si potrà agire in tribunale. E’ stata prevista la possibilità

dando ad occupare una parte di suolo privato di proprietà della stessa Coop (mentre scrivo, nessuno che proviene da via Marconi può raggiungere la piazza perché completamente transennata). In un momento di festa, come è la fiera, dove i soldi dovrebbero girare con più facilità, si fa la scelta di penalizzare un negozio. Queste osservazioni le avrei fatte anche se questa ingiustizia fosse stata perpetrata verso altri negozi. Amministrare correttamente significa anche avere il quadro del paese sotto controllo e non accorgersi che due alberi danno fastidio a questa giostra quando è in attività e quindi tagliarli con urgenza in modo quasi clandestino. Una mattina della fiera, mentre affiggevo sulla bacheca un manifesto sui costi della politica e sui costi della burocrazia, sentivo i malumori che serpeggiavano tra la gente che passava in modo precario tra il muro della Coop e la giostra e un cittadino ha bisbigliato: «Siamo tornati indietro di 100 anni». A certi amministratori comunali di maggioranza vorrei ricordare che non basta ogni cinque anni fare un articolo dove si invoca l’unità in una sola lista, l’unità la si cerca con i comportamenti e la si crea con i fatti. Mi ha stupito inoltre il silenzio della locale sezione Soci, un silenzio che sa tanto di sottovalutazione del problema economico a cui è sottoposto il negozio Coop di Gussola. Se la Sinistra ha l’ambizione di amministrare in futuro Gussola, non deve seguire certamente queste impostazioni e queste sottovalutazioni. Gerelli Sante Socio Coop vicinato Lombardia di Gussola ***

"

provocazione

Che fine hanno fatto i ministeri traslocati a Monza? Egregio direttore, sarei curiosa di essere informata che fine abbiano fatto i ministeri (misteri) traslocati da Roma a Monza tanto voluti e sponsorizzati dalla Lega. Se gentilmente fossi informata anche dei costi per arredare e via discorrendo di questa geniale o diversamente intelligente trovata pubblicitaria da parte dei signori padani le sarei immensamente grata. Postilla: consiglierei a questi signori pseudo-padani che invece di ritenere socialmente inutile il ministero della signora Kyenge di occuparsi dei loro ministeri locati a Monza. Giulia Xu Cremona ***

"

diatriba

La ripresa dei lavori parlamentari deve avvenire in modo concreto Signor direttore, la ripresa dalla pausa estiva dei lavori alla Camera è iniziata tra le polemiche. La presidente Boldrini ha accusato il M5S di immaturità dopo le accuse dello stesso gruppo per lo spreco di soldi per la convocazione esclusivamente per il Decreto Legge sul femminicidio. La ri-

di trasformare l’accordo conciliativo in titolo esecutivo con la semplice sottoscrizione degli avvocati che certificano la conformità alle norme imperative e all’ordine pubblico. Mentre è necessaria l’omologazione del presidente del tribunale se l’accordo non è firmato dai legali. Il procedimento dovrà concludersi obbligatoriamente in tre mesi. Sono previsti degli sconti sui prezzi della mediazione, infatti, la riduzione per legge prevista per chi ha i requisiti di accesso al gratuito patrocinio, si applica anche alla mediazione obbligatoria. *Avvocato Stabilito del Foro di Milano emiliacodignola@libero.it

sposta giunge dai banchi del Movimento 5 Stelle da parte del sottoscritto, chiedendo una ripresa concreta dei lavori e non una mera ritualità di approvazione dei Decreti dall’esecutivo. L’assegnazione di un provvedimento alle commissioni, secondo la dottrina parlamentaristica, ha come conseguenze che le commissioni vengano convocate e che abbiano inizio i lavori, per permettere di portare a conclusione l’esame del decreto nei 60 giorni previsti. Senza contare che le eventuali pregiudiziali dovranno essere affrontate prima della fine della pausa estiva. Diventa perció fondamentale che i lavori, quelli veri, vengano sin da subito ripresi. Danilo Toninelli Deputato Movimento 5 Stelle ***

"

ipotesi

Ho il sopetto che i tanti sismi siano colpa dell’uomo Signor direttore, a mia memoria storica non ricordo di aver mai avuto notizia di così tanti piccoli (ripeto per fortuna piccoli) terremoti in giro per l’Italia come in questi ultimi periodi (senza contare poi quelli molto più evidenti e a volte disastrosi che spero però abbiano diversa natura, ma che mi pare comunque siano aumentati come frequenza rispetto al passato). Non sono un esperto in materia, ma il dubbio che almeno una parte di questi movimenti tellurici possano dipendere dalla corsa agli stoccaggi e alle centrali di pompaggio non credo sia proprio così “peregrina”. Il dubbio infatti “sorge spontaneo” allorquando lo stesso ministero che autorizza gli stoccaggi, le centrali di pompaggio ed i lunghi metanodotti afferma testualmente qualora la sismicità registrata, in un raggio d’azione di 10 km dai “fondo-pozzo” dello stoccaggio, durante le operazioni di gestione dello stoccaggio stesso, anche successivamente al fermo dell’impianto,eguagli o superi la magnitudo locale di 3.0, dovranno essere adottati tutti gli accorgimenti opportuni atti a riportare la magnitudo locale massima dei sismi a valori inferiori a 2.0. Il ministro attuale sta quindi infatti proseguendo tranquillamente nella politica del governo Monti e dell’ultimo decennio autorizzando a tutto rischio dei cittadini opere che servono a trasportare il gas ed a commerciarlo a favore di aziende private. Sono interessati al problema, vicino a Cremona, i Comuni di Sergnano e di Bordolano e, garda caso, la terra se non sbaglio di recente ha cominciato a tremare anche nella zona di Lodi. Coincidenze? Mentre i Comuni interessati puntano ad opere di compensazione, non risulta che le nostre altre istituzioni si stiano interessando al problema e parlo dei Comuni vicini (che non credo oltretutto possano guadagnare qualcosa dal-l’operazione in corso ) della Provincia e della Prefettura in quanto “giustamente” non pensano sia corretto prendere posizioni antigovernative. Ma non è forse ora che i cittadini comincino invece a farsi sentire? Oppure aspettiamo tutti insieme e con calma

Signor direttore, un tempo l’Ici (Imu) non esisteva. Fu introdotta nel 1992 dal governo Amato. Doveva essere un imposta straordinaria e, quindi, temporanea, ma divenne definitiva. La tassa sulla nettezza urbana è stata introdotta nel 1993. Prima di queste date le relative tasse erano ricomprese nella fiscalità generale, vale a dire che il contribuente pagava le tasse all’interno delle quali erano comprese l’Ici e quella sulla nettezza urbana. Potremmo definirle delle addizionali comunali alle quali va aggiunta l’addizionale comunale, vera e propria, sull’Irpef. Quindi, ben tre tipologie di tasse aggiuntive. Ora à stata abolita l’Imu (vecchia Ici) per il 2013, ma non restituita quella del 2012 come promesso da qualche esponente partitico. L’abolizione dell’Imu è una buona notizia per il contribuente oberato dalle tasse, alla quale, però, fa immediatamente seguito una brutta: l’istituzione della tassa sui servizi, a partire dal 2014, detta service tax (in inglese suona meglio). Quindi le tre tasse comunali (addizionale Irpef, e Imu nettezza) saranno sostituite da tre tasse comunali (addizionale Irpef, nettezza e service tax). Cosa cambierà per il cittadino contribuente? Praticamente nulla. Primo Mastrantoni Segretario Aduc ***

"

presa di posizione

Il mondo agricolo ha deciso di difendere la Cun Egregio direttore, «dall’incontro in Camera di Commercio a Modena il mondo agricolo, compatto, ha ritenuto di dover intervenire per difendere la Cun, l’unico strumento pienamente operativo con l’accordo nazionale del 2008. Il momento è difficile per tutti e non ci può essere lo spazio per posizioni strumentali da parte di nessun operatore economico. E bene ha fatto l’assessore Fava a richiamare tutti al senso di responsabilità per non vanificare gli sforzi della filiera a dialogare perché ci sia stabilità nel mercato dei suini». Così ha dichiarato Pier Emilio Sbarra, presidente della Sezione suini dell’Associazione provinciale allevatori di Mantova, che ha coordinato la riunione fra i rappresentanti del mondo suinicolo lombardo ed emiliano, in merito all’attuale situazione organizzativa ed economica del settore. In particolare, nell’occasione, a tenere banco tra i rappresentanti di Coldiretti, Cia, Confagricoltura, Unapros e Anas c’è stata la recente posizione di Assica che vorrebbe disconoscere il ruolo della Cun suini. Tant’è vero che si è poi tenuto al ministero delle Politiche Agricole un incontro tra i rappresentanti delle organizzazioni agricole e Assica (la rappresentanza confindustriale dei macellatori) per giungere ad un accordo per far tornare da subito operativa la Cun di Mantova. Dall’incontro è emerso chiaro il compattamento del mondo allevatoriale rispetto ad una posizione ritenuta discutibile da parte di Assica, dopo che la stessa aveva scritto al ministero delle Politiche agricole di non ritenere «di dover riconoscere la validità del Regolamento di funzionamento della Cun suini da macello». Una posizione, quella di Assica, che anche per Antenore Cervi, rappresentate di Agrinsieme e vice presidente di Unapros, ha etichettato come «poco comprensibile rispetto allo sviluppo di progetti di filiera che stanno anche alla base del protocollo di intesa firmato con le Regioni del nord lo scorso 8 luglio. Ecco perché chiediamo un ripensamento e rilanciamo l’opportunità di avviare sperimentazioni e progetti condivisi per valorizzare il lavoro di filiera e non di affossamento delle cose positive che abbiamo costruito». Coldiretti, rappresentata nell’occasione dal presidente della federazione di Mantova Paolo Carra, ha aggiunto: «Oggi più che mai allevatori e macellatori hanno bisogno di stabilità economica per affrontare un mercato sempre più difficile». Opas - Unapros


10

CREMA

Sabato 31 Agosto 2013

Torna il problema della paura in città. Il Carroccio attacca il sindaco: si comporta come lo struzzo

Lega chiede l’ordinanza anti-accattoni Zanibelli (Pdl)

«La sicurezza, un tabù per il centrosinistra» «Tutti cittadini di Crema, ma non solo, desiderano una città viva, bella, sicura, attraente, che lavora. Per i nostri figli, per i nostri anziani, per le nostre famiglie, per tutte quelle persone che venendo a Crema desiderano conoscere d'una città , la cultura, le tradizioni, le opportunità. Benvengano, quindi, tutte quelle iniziative che Crema sa mettere in Laura Zanibelli campo nonostante le difficoltà. Ma perché trincerarsi continuamente dietro un “non e' vero”, sostenere che i dati della Prefettura dicono che la delinquenza non sta aumentando, è solo una percezione, non bisogna creare allarmismi, eccetera? Mai una volta che il sindaco e la sua maggioranza prendano in considerazione le tante proposte fatte proprio per non creare allarmismo, comprovare i fatti, proporre soluzioni o ascoltarne di altre». «E’ cosi' difficile fare un consiglio aperto con la partecipazione delle istituzioni e delle forze dell'ordine, per tranquillizzare se il caso e proporre nuove soluzioni? Tant'è che è stato bocciato con la mozione relativa in consiglio comunale. E’ stato detto di no anche a una commissione ad hoc, per conoscere ed esaminare i dati, e così , se il caso , contribuire a non creare allarmismo. Ricordiamo ancora la dichiarazione del capogruppo Pd in consiglio comunale, non in un luogo qualsiasi: bocciamo la mozione, ma ci impegniamo a formulare una proposta sul tema sicurezza! Son trascorsi più di 4 mesi, di proposte neanche una». «A noi consiglieri, almeno di minoranza, non sono stati distribuiti i dati citati se non quelli dell'ottobre scorso, così non possiamo neanche "tranquillizzare " i cittadini che incontriamo. Non vogliamo mettere in dubbio le parole del sindaco, ma perché non ascoltare chi ci interroga su un tema così delicato? E su cosa si fonda la percezione di insicurezza allora? Notizia sulla stampa, passa parola, fatti avvenuti, incertezza generale che impedisce di vedere come stanno le cose veramente? Qualsiasi sia il motivo, merita di esser preso sul serio da parte di un'amministrazione che vuole esser vicina ai suoi cittadini. Laura Zanibelli Capogruppo PdL consiglio comunale Crema

D

ue episodi sicuramente non connessi tra di loro (un giovane extracomunitario che aggredisce un cremasco di 71 anni in via Mazzini, e lo stupro in un bar del territorio di una giovane operaia da parte di un egiziano clandestino ), ma che fanno salire la tensione in città. Se a questa insofferenza che sta crescendo verso i mendicanti stranieri sempre più numerosi e invadenti, si aggiungono i frequenti episodi di cronaca nera in cui gli autori sono proprio gli extracomunitari, ma anche la crisi, l’aumento delle tasse e l’incertezza del futuro, si potrebbe temere un aumento della tensione in città. E proprio sulla percezione della mancanza di sicurezza dei cittadini si è fatta portavoce la Lega di Crema. Che ha puntato il dito contro il sindaco Stefania Bonaldi, che nasconde questa realtà (e il primo cittadino ha risposto a queste accuse (vedi articolo in questa pagina). «Non c’è», ha avvertito il segretario del Carroccio, Dino Losa «un assessorato alla Sicurezza, non è stata distribuita una delega e neppure è stato istituita una commissione a doc. Non solo: il sindaco conti-

Dino Losa

nua ad ignorare le sollecitazioni della Lega, compresa la raccolta firme per chiedere chiarimenti in merito alla moschea. Un atteggiamento che corrisponde a uno sputo in faccia ai cittadini, che hanno firmato, ma non hanno avuto risposte». Secondo la Lega, Crema si sta avviando verso un clima insostenibile e spetta alla maggioranza di centrosinistra dare un concreto segnale di esistenza e di azione, dandosi da fare per stroncare la criminalità prima che questa degeneri, divenga endemica e costringa i cittadini a fare da soli, vista la latitanza degli amministratori pubblici» Che fare? «La Lega chiede, ormai da un anno a

Stefania Bonaldi: «Non faccio lo sceriffo. Me lo impedisce la legge»

«Sono consapevole della percezione di insicurezza a seguito di alcuni episodi di violenza di cui sono state vittime dei nostri concittadini e me ne rammarico, ma sono costantemente in contatto con le forze dell’ordine; questura e prefettura, dati alla mano, ci dicono che non c’è un’escalation di criminalità». Così il sindaco Stefania Bonaldi, attaccata duramente dalla Lega Nord, risponde all’accusa di non ammettere l’esistenza di un problema sicurezza in città e di non volerlo affrontare. «I dati reali parlano chiaro. Già lo scorso autunno avevamo voluto approfondire il tema della sicurezza appellandoci al Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza presieduto dal prefetto. A un’ulteriore sessione del Comitato abbiamo partecipato all’inizio dell’estate io ed il comandante della Polizia urbana, Bisighini. I dati forniti ci dimostrano che, negli anni, i reati sono in diminuzione. Non siamo, come amministrazione, indifferenti alla percezione della gente, tuttavia riteniamo che le forze dell’ordine svolgano un ottimo lavoro di prevenzione e repressione. Alimentare costantemente

che avrebbe regolato il fenomepaure crea solo allarmismo. Bisono dei mendicanti in alcune città, gna stemperare dalla carica emoè fuorviante dal momento che tiva, comprensibile, gli episodi basta cercare in internet e si scoviolenti che si sono verificati in pre che sono tutte illegittime, per città. Tuttavia rinnovo l’impegno, carenza dei presupposti di fatto e già dichiarato, a mantenere semdi diritto per la loro emanazione». pre alta l’attenzione e la vigilanza La medesima sorte era toccaaffinché episodi come quelli acta all’ordinanza emessa, a suo caduti non si ripetano». tempo, dalla giunta Bruttomesso Per quanto riguarda il potere, e giudicata illegittima dal Tar. da parte del sindaco, di emettere «Aggiungo che secondo la noordinanze sul tema sicurezza il stra concezione una modalità per primo cittadino specifica che lo garantire la sicurezza dei cittadini stesso deve rimanere nei limiti dei è anche quella di rendere la norimedi concessi dalla legge. «Instra città più viva e più frequentananzitutto mendicare non è reato. Stefania Bonaldi ta, di giorno e di sera. In questo E’ reato invece mendicare usansenso vanno le innumerevoli iniziative messe a do minori o farlo in modo molesto. In entrambi i punto dall’amministrazione e dall’assessorato alla casi ci vuole la flagranza di reato o la denuncia da Cultura nel periodo estivo. Se la Lega vuole un parte del molestato. Se mancano tali elementi, sindaco sceriffo, non sono disponibile a ricoprire non è possibile contestare alcunché. Il tema delle questo ruolo». ordinanze anti-accattonaggio, di cui parla la Lega,

Manifesti di Crema: ancora “niet”! Il Pdl non demorde. Laura Zanibelli, capogruppo di questo partito in Consiglio comunale, rivela che rimangono ancora sconosciute, dopo almeno tre mesi, le risposte dal comune alle domande tecniche di chiarimento sulla manifestazione chiamata «I manifesti di Crema». «Sembrerebbe» dice, «che non sappiano il costo preventivato per i singoli eventi, che non sappiano quanto diano gli sponsor, che non sappiano come saranno gestiti i ricavi. Ed ecco le domande inviate all’amministrazione comunale, senza ancora risposta. «Alla faccia della trasparenza» commenta il centrodestra.

CINEMA Programmazione settimanale settimanale Programmazione CREMONA

Spaziocinema Cremonapo (0372-803674) www.spaziocinema.info • Elysium

• Monsters University/3D • La variabile umana • Turbo

• Red 2 • Shadow hunters - Città di ossa • L'Evocazione -

The Conjuring

Chaplin (0372-453005) Starbuck - 533 figli e... non saperlo

Filo (349.8310931)

Una canzone per Marion

CREMA Porta Nova (0373-218411) www.multisalaportanova.it • Shadow hunters • Monsters University • L'Evocazione • Turbo • Elysium • Red 2 Over 60 • Shadow hunters

Camera dei Deputati (www.camera. it) è facilmente reperibile il resoconto di una seduta nella quale l’allora ministro degli Interni, Anna Maria Cancellieri (oggi ministro della Giustizia), in risposta a un’interrogazione parlamentare del 17 ottobre 2012, riguardante le iniziative per incrementare e migliorare l’impiego delle forze di polizia nel contrasto allo sfruttamento dei disabili a scopo di accattonaggio, oltre a ricordare come dietro a tale fenomeno sia presente un vero e proprio “racket”, ha testualmente affermato: “lo sfruttamento dell’accattonaggio potrà essere contrastato anche con specifiche ordinanze adottate dai sindaci in base all’articolo 54 del Testo Unico degli Enti Locali, dando attuazione al decreto ministeriale che, nel contesto della sicurezza urbana, fa esplicito riferimento a tale fenomeno”». In sostanza? La Lega chiede che il sindaco emetta, ovviamente rivista rispetto a quella bocciata dal Tar ed emessa dall’ex sindaco Bruno Bruttomesso, una ordinanza anti-accattonaggio. «E’ nei poteri del sindaco», ha sottolineato Losa « proprio in base all’articolo 54 del codice degli enti locali».

questa parte, che gli uomini della polizia locale vengano maggiormente preposti a attività di prevenzione, monitoraggio e controllo costante sul territorio e di tutti coloro che dimostrano essere sospetti, come i tantissimi che bighellonano giorno e sera nella piazze e nei giardini della nostra città. Non si può tollerare oltre questo stato di continuo svilimento dell'ordine pubblico che finisce con il penalizzare i cremaschi». A dare man forte a Losa, è intervenuto il parlamentare leghista, Guido Guidesi. «La situazione di Crema è grave anche perché c’è disinteresse da parte dell’amministrazione comunale. Sono necessarie ordinanze specifiche e controlli di polizia perché la maggior parte delle persone che chiede l’elemosina è clandestina. Fino ad ora, di rispose dall’amministrazione non ne abbiamo avuto. La posizione della giunta è chiaramente ideologica. Infatti, dare risposte significa ammettere il problema e di conseguenza dare ragione a noi». Quali provvedimenti può prendere il sindaco Bonaldi? Lo ha sottolineato Losa: « Dal sito ufficiale della

PIEVE FISSIRAGA Cinelandia (0371-237012) www.cinelandia.it • Elysium • L'evocazione The Conjuring • Monsters University • Red 2 • Shadowhunters:

Città di ossa • Turbo

• L’idea dei «Misteri di Crema» è stata del Comune? • E’ stata chiesta la disponibilità ad altre associazioni a “collaborare”»? E sempre che l’idea sia stata del Comune, «non era forse caso di fare un bando per cercare il migliore e più vantaggioso partner possibile?». Perché non si è presa in considerazione la Fondazione del Teatro S. Domenico? Non avrebbe potuto, una volta tanto, mettere a disposizione il proprio “know how” senza rischi economici? O il loro “core” è da ritenersi inferiore a quello messo in campo dall’associazione «Le Muse»?

• L’associazione “Le Muse” guadagna qualcosa ed eventualmente quanto? • Se vi sono (o saranno), debiti chi li ripianerà? • Oltre al contributo del Comune previsto in 10.000 euro, qual è il costo del personale comunale? • Le sponsorizzazioni vanno direttamente al Comune o all’associazione «Le Muse»? In questo secondo caso in base a che cosa gli sponsor erogano all’associazione «Le Muse» i contributi di una manifestazione voluta e ideata dal Comune a totale copertura dei costi?

• Gli sponsor come Padania Acque Gestione, Linea Group o Scs Gestioni avrebbero finanziato un’ associazione senza un intervento diretto dell’amministrazione comunale e del suo sindaco? • Quanto costa complessivamente ogni manifestazione in calendario? • Quanto costa ogni manifestazione al comune? • Come mai è il sindaco di Crema a rappresentare il Comune di Crema nella stipula della convenzione in attuazione della deliberazione della giunta municipale? • Come mai il sindaco compare come membro della Direzione insieme ad altri? Compare a titolo personale o in rappresentanza dell’amministrazione comunale?

Fine settimana al cinema Bentornati! Dopo la pausa estiva una serata al cinema in questo weekend ci sta bene sopratutto perché ci aspettano delle interessanti novità. Prima fra tutti il ritorno di Neil Blomkamp con il suo fantascientifico Elysium. Ambientato in un lontano 2159, il mondo è abitato da due classi di persone: quelle molto ricche, che vivono su un'incontaminata stazione spaziale creata dall'uomo e chiamata Elysium, e il resto, che vive su una sovrappopolata Terra in rovina. Gli umani riusciranno nuovamente a raggiungere l'eguaglianza e a riconquistare i diritti fondamentali? Se necessitata di più adrenalina è in programma il secondo capitolo delle avventure assurde degli ex

agenti speciali della Cia: Red 2, con un cast di tutto rispetto (Bruce Willis, Catherine Zeta-Jones) che fa della parodia la protagonista assoluta e non fa rimpiangere il primo capitolo. Per tutta la famiglia sono in programmazione la grande rivelazione animata della stagione, Turbo, una straordinaria lumaca con il sogno di correre e vincere una gara di corsa, e il racconto di come iniziò la grande amicizia dei mostriciattoli più famosi del grande schermo: Monsters University. Il cinema nazionale offre un dramma dai contorni noir, un po' sofferente, ma con un cast di tutto rispetto: Silvio Orlando, Giuseppe Battiston e Sandra Ceccarelli sono i

protagonisti de La variabile umana. Infine per il palato degli spettatori più giovani è finalmente uscito nelle sale l'adattamente del best-seller di Cassandra Clare: Shadowhunters – Città di ossa che tenta di strappare il primato del botteghino a vampiri e supereroi antichi. Buona visione!


Crema

Episodi che hanno scatenato la polemica politica: anziano aggredito da extracomunitario

Volano le offese e poi i pugni

U

n extracomunitario lo avrebbe aggredito in via Mazzini. Probabilmente fra il cremasco di 71 anni - stanco dell’ennesima richiesta di denaro - e l’accattone sono violati alcuni epiteti. Il risultato è che l’anziano, colpito alla testa, ha riportato contusioni alla testa ed è stato ricoverato all’ospedale. Numerosi i testimoni del fatto, i quali, però, per la fulmineità del litigiosa discussione, non sono riusciti a fermare il violento. Che è stato subito ricercato dalla polizia. Chi ha assistito al al tafferuglio, non credeva ai propri occhi. Un’aggressione in centro città, a metà mattina. I venditori stranieri e i questuanti di colore stanno diventando sempre più numerosi e insistenti nel parcheggio dell’ospedale e nel centro città, soprattutto nei giorni di mercato. Ci sono cittadini che si lamentano, a volte anche ad alta voce di fronte a richieste di denaro sempre più pressante, ed è possibile che vengano pronunciate anche frasi forti che fanno scattare reazioni scomposte. Si sta arrivando, insomma, a un pericoloso livello di guardia.

Clandestino accusato di stupro Voltini, Chiringuito e Manifesti: da chiarire «I vetri del palazzo comunale non sono poi così trasparenti, anzi mi sembrano un poco sporchi». I cremaschi hanno vissuto gran parte del mese di agosto sulle conferenza stampa di Simone Beretta che ha messo la giunta Bonaldi sulla graticola. Colpevole di non fornire risposte agli interrogativi del Pdl. Ma soprattutto per alcuni episodi e scelte da chiarire. Vediamo. Il futuro del Voltini (polemica con il consigliere allo Sport, Walter Della Frera). «Devo dire che questo signore è un pò sbadato, evidentemente per pura convenienza. Non ho mai voluto costruire un nuovo stadio anche se mi sarebbe piaciuto. Valutai un’idea di Briganti. Tanto perché lo sappia, quella proposta non aveva le gambe ed i soldi per camminare, non arrivò mai né in assessorato né in giunta. Non ho mai forzato la mano ad alcuno. Della Frera, inoltre, dimentica fra l’altro che l’area del Voltini è parte di una delle tre aree polifunzionali destinate a subire profonde trasformazioni volute da Alloni, compreso l’obiettivo evidente di trovare una diversa collocazione al Voltini». Chiringuito ai giardini di Porta Serio. Beretta ha puntato il dito contro Matteo Gramignoli. Il motivo? Non avere fatto una gara. «Dopo la mia denuncia relativa alla mancanza di una delibera e di una convenzione lui ha voluto rispondere dicendo che era una sua proposta. Insomma ci ha

Simone Beretta

voluto dire e ricordare che per il solo fatto che sia stato lui a proporlo, allora tutto va bene, madama la marchesa. Ho dichiarato che l’idea era buona, ma questo non significa che debba essere fatta senza seguire le regole. Questi amministratori alla Gramignoli sono capaci di rovinare anche una buona cosa con le loro stesse mani. A volte penso che siano solo inesperti e ingenui, altre volte che facciano i furbini. Incomincio a propendere per quest’ultima sensazione». Sotto accusa anche «I manifesti di Crema» organizzati in collaborazione con la società le Muse. «Non si capisce per quale motivo nella convenzione il comune si impegna a trovare gli sponsor per la manifestazione. Questo significa che d’ora in poi dovrà impegnarsi a trovare gli sponsor per chiunque voglia fare una manifestazione o un evento a Crema. Non è compito del comune trovare gli sponsor per una manifestazione di privati».

Il 16 agosto i carabinieri di Crema hanno sottoposto a fermo un ventunenne egiziano clandestino ponendolo a disposizione della procura della Repubblica in quanto presunto responsabile di violenza sessuale, lesioni personali aggravate e resistenza a pubblico ufficiale. Alle ore 22 del 15 agosto scorso, affrontandola nell’antibagno, spingendola e torcendole un braccio, avrebbe infatti costretto un’operaia cremasca a ritornare nei servizi di un bar di un paese del Cremasco, ed a subire atti sessuali. La donna uscita dolorante ha chiesto aiuto a un’amica che l’ha accompagnata in ospedale più vicino, ed è stata indirizzata alla nota clinica Mangiagalli, a Milano, dove è stata raggiunta dal genitore. I carabinieri, informati, hanno condotto immediati accertamenti e raccolto informazioni durante la notte; il mattino successivo hanno rintracciato presso un artigiano dove aveva cercato lavoro l’indagato che si era vantato del gesto compiuto con un amico.

Da scrivere sulla vostra agenda Ecco le segnalazioni giunte dall'Ufficio relazioni col pubblico del Comune di Crema. Servizio dei Notai di Crema nel mese di settembre: nei giovedì 5-12-19-26 dalle 9.30 alle 12 presso l‘Urp del Comune un no-

taio della città di Crema sarà gratuitamente a disposizione di ogni cittadino per consultazioni in materia notarile. Trasporto pubblico locale e tratte dei bus. Autoguidovie informa la clientela, che a partire da

Al momento dell’identificazione con un pretesto ha tentato di sottrarsi al controllo, ha spinto il maresciallo per terra e ha colpito al basso ventre il secondo carabiniere. Bloccato nel vecchio campo sportivo del paese e condotto in caserma, al termine degli accertamenti, avvisato il pubblico ministero di turno, è stato condotto in carcere a Cremona.

Festa della bertolina in piazza Duomo Ritorna la festa della Bertolina. Sabato7 settembre dalle ore 16 alle 23, e domenica 8 settembre dalle 10 alle 19. Sempre in piazza Duomo. Ad organizzare questo evento, che è arrivato alla 38sima edizione l’associazione «Olimpia cultura e sport». Chiuderà la manifestazione un «concerto in piazza», organizzato dall’associazione musicale «Il Trillo», orchestra dei Fiati di Crema, diretta da Davide Pedrazzini. Il ricavato della manifestazione sarà devoluto a favore di Aima, Associazione italiana malattia di Alzheimer.

giovedì 12 settembre inizierà il nuovo servizio scolastico su tutte le linee. Si possono verificare gli orari dei servizi di trasporto sul sito internet http://www.autoguidovie. it/provinciacremona/ o contattando il call center al n. 840 620000. Da lunedì 2 settembre a venerdì 6 settembre sarà chiusa la via Viviani al flusso da piazzale Croce Rossa direzione via IV Novembre per problemi sul teleriscaldamento. Informazioni: contattare Daniele Silvani, responsabile del Servizio Viabilità Trasporti e Protezione Civile. Uffici: Piazza Duomo, 25. Tel. 0373 894344, fax 0373 894300, cell. 320 4358082, e-mail d.silvani@comune.crema.cr.it.

11

Sabato 31 Agosto 2013

L’opinione

Le priorità del Paese

Il Governo sta cercando di tirare un coperta sempre più corta per cercare di coprire tutti i buchi di bilancio che ad oggi non risultano avere copertura. Parliamo di IMU, di cassa integrati, di aumenti IVA, di precari, di TARES, di aumenti del costo dei servizi pubblici, di incentivi alle aziende, di defiscalizzazione dei salari e così via. Problemi che da soli basterebbero a riempire per mesi le pagine dei quotidiani, ma che invece si vedono confinati nelle pagine interne perché la prima pagina è occupata da mesi dai guai giudiziari di Berlusconi e dalla necessità di evitargli l’interdizione ai pubblici uffici e di conseguenza l’impossibilità di ricoprire cariche elettive. Da cittadino mi chiedo come sia possibile che in un paese che vanta un livello abnorme di evasione fiscale un politico condannato dopo tre gradi di giudizio dalla Corte di Cassazione per evasione fiscale e costituzione di fondi neri all’estero trovi ancora difensori fra le persone comuni che lavoranoe che ogni giorno pagano fior di imposte in silenzio. Qualcuno obietta che altri evasori non hanno subìto la medesima sorte non ricordando però che non si trattava di personaggi politici che avevano ricoperto ruoli di governo, o che avevano rappresentato il paese all’estero, o che guidavano una formazione politica importante. Ma questo paese riesce a ritrovare finalmente l’orgoglio della legalità ? Legalità che non vuol dire persecuzione ma salvaguardia delle persone che non commettono reati nei confronti di coloro che li commettono, che vuol dire non permettere l’elezione di cittadini condannati in via definitiva, che vuol dire avere una faccia pulita da presentare, che vuol dire basta con la corruzione pubblica e privata. Che vuol dire ritrovare la dignità sia personale sia del paese in cui viviamo. Enrico Tupone tuponee@alice.it


12

Crema

Sabato 31 Agosto 2013

Luigi Dossena

Famoso in Italia per la sua Bibbia

Il suo nome e la «Bibbia di Arcore» - che ripercorre la storia di Silvio Berlusconi con immagini e vignette - sono diventati famosi in tutta Italia. Il Fatto Quotidiano, Repubblica TV, Huffington Post, Il Giorno, l’Ansa, Il Mattino di Padova, TgCom24, Lettera 43, Il Giornale dell’Umbria, la Gazzetta di Mantova, la Tribuna di Treviso… Sono solo alcuni dei media nazionali dove si è parlato del cremasco Luigi Dossena. Dopo 5 anni di lavoro, la sua «Bibbia di Arcore» in 5 volumi, giudicata dai media come una «geniale satira amanuense» sta diventato un caso della rete. Gli è bastato presentarsi davanti al tribunale di Milano in occasione della sentenza sul processo Ruby per attirare l’attenzione dei giornalisti e portare a casa articoli e video. L’ultima novità: il suo primo volume è già su Amazon, un'azienda di commercio elettronico statunitense con sede a Seattle, nello stato di Washington, Stati Uniti d'America. Mentre domenica scorsa, Luigi Dossena, definito da Repubblica «autore satirico e vignettista», è apparso in fotografia in terza pagina sul «Corriere della Sera» e in seconda pagina su «La Stampa» mentre mostra la sua opera. «La Bibbia di Arcore» è solo uno dei volumi scritti da Dossena che è anche autore di «Hevanghelario Ruby e D’Addario», «Secondo Corano di Cormano», «Salterio Macherio» e «Codex purpuperus mediolanensis»; dentro ci sono tutti tutti i protagonisti della prima e della seconda repubblica. «Una delle mie opere» avverte l’autore, « è stata anche autografata da Andreotti».

Il gruppo di minoranza «Rinnova Bagnolo» è stato molto critico soprattutto in riferimento al modello di amministrazione ed alla visione del paese del gruppo «Progetto Bagnolo», capeggiato dal primo cittadino: «L'ultima stangata da 120.000 euro sui cittadini e l'approvazione dell'ultimo piano triennale delle opere sono state la conferma di un mandato che non riteniamo per nulla soddisfacente. In un momento difficilissimo per l'Italia e per i cittadini, la soluzione adottata è stata l'elevato aumento della pressione fiscale. Le riduzioni di spesa avrebbero potuto essere maggiori e gestite attraverso la programmazione che spesso abbiamo invano sollecitato». In merito alle opere pubbliche, Zuccotti, Bombelli e Peretti rimarcano le

L’hanno preso a Rivergaro in val Trebbia dopo 5 settimane di vacanza a sbafo

Quanti ne ha truffati? Incredibile!

I

carabinieri di Rivergaro (Piacenza), in val Trebbia, hanno deferito in stato di libertà al tribunale di Piacenza F.B., 45enne, sedicente manager di una fantomatica azienda farmaceutica, da tempo abitante con la famiglia nel circondario di Crema, per truffa in danno di un agriturismo di Ancarano. La piacentina titolare della struttura ricettiva ha denunciato ai carabinieri che l’uomo ha trascorso, in vacanza, quasi 5 settimane lasciando un falso acconto di mille euro, scappando di nascosto. Aveva stampato una ricevuta di un bonifico inesistente. È arduo quantificare il numero delle truffe a lui attribuite. Appare un uomo mite, affidabile, un esperto affabulatore. Fino al 1995 era stato dipendente di una ditta produttrice emiliana di sanitari, e rappresentante di commercio dal 1996, dopo qualche anno è stato condannato per appropriazione indebita, poi per truffe, in solvenza fraudolenta. Arrestato nel 2011 per un cumulo di pene è stato scarcerato nel 2012, separatosi dalla moglie, viene ora ripudiato

dalla famiglia d’origine in quanto ha cre-

ferramenta di Ricengo, si appropriava di

ato problemi coinvolgendo in qualche occasione l’anziana madre. Le vacanze a scrocco sono solo l’ultima trovata. A titolo di esempio si possono ricordare alcuni episodi. Nel 1999, procacciatore d'affari, senza la rappresentanza di una società di

diversi milioni di lire, gli acconti dei committenti; nel 2003 stipulava a Castelleone un contratto per la fornitura di un impianto condizionatore scomparendo dopo l’acconto; lo stesso anno a Piacenza è stato condannato per aver acquistato in Caorso nel 1999 telefoni cellulari per

129 milioni di lire con un assegno finito protestato. E ancora: nel maggio 2007 in Montichiari sparisce con l’acconto di 20mila euro ricevuto per consegnare vasche per idromassaggi di una nota marca; nell’ottobre 2009 denunciato per insolvenza fraudolenta a Castelleone; nel marzo 2010 non paga il conto in albergo, circa 2200 euro a Castelleone, dove aveva alloggiato con la madre; nel gennaio 2011 a Lazise è denunciato dal titolare di società produttrice di abbigliamento intimo, per un rilevante comportamento infedele; nel febbraio 2011 noleggia un’utilitaria a Cremona senza pagare o restituirla; nel febbraio 2011 truffa due signore bresciane dalle quali aveva ricevuto 5mila euro per la costituzione di una ditta per la commercializzazione di macchinari per la magneto-terapia, nel luglio 2013 ha truffato per 6.200 euro una commerciante di Montodine. Nel 2009 si è prestato ad un’operazione finanziaria a Milano, si è intestato un ristorante a Milano in via Vincenzo Monti, fallito nel 2012.

Allucinante: così si uccidono gli animali nei canili spagnoli Non tutti sanno che ogni giorno in, un posto non lontano da qui, muoiono nei formi crematori migliaia di cani e gatti. Si tratta dei canili municipali spagnoli, le cosiddette perreras, luoghi orribili, veri e propri lager sovraffollati e sudici, in cui i randagi o gli animali abbandonati dalle loro famiglie vengono stivati in attesa della morte. Purtroppo nella maggior parte delle Comunità Autonome della penisola iberica vige una truce legge che consente il massacro di cani e gatti (non importa che siano sani e adottabilissimi) dopo 10 giorni o poco più dalla loro entrata in canile. Entrare in una perrera lascia un segno indelebile nel cuore di chi guarda quegli occhi terrorizzati, di chi ascolta quei lamenti strazianti e inascoltati, come fossero muti. Perché a nessuno importa del dolore di quei poveri animali impietriti dalla paura, dal panico dell’abbandono: i grandi vengono messi con i piccoli e diventa impossibile per loro qualunque accesso al pochissimo cibo che viene gettato

Per una donazione: POSTEPAY: 4023600599057884 intestata a Claudia Conte Codice Fiscale CNTCLD84R41F205V BONIFICO BANCARIO: intestato a "Associazione VITA" IBAN: IT29K0335901600100000016854 BIC: BCITITMX (solo per bonifici dall'estero) PAYPAL: claudiaconburgos@gmail.com www.unazampaperlaspagna.org

tra gli escrementi. La pena più grande è vedere le famiglie che abbandonano per i motivi più futili chi fedelmente è stato loro accanto. Nessuno tornerà a prenderli... fino all’ultimo troverai in perrera sguardi speranzosi, convinti di

trovarsi in quella gabbia minuscola e squallida forse per una punizione che finirà presto, ma passeranno i giorni e la solitudine si trasformerà in disperazione. I metodi della mattanza sono quasi sempre cruenti e orribili: nessun controllo, nessuna

compassione. Spesso è la mancanza di cibo e acqua a portare alla morte, o le ferite mai curate. Entrano ogni giorno cani incidentati che non ricevono nessun tipo di assistenza. Altre volte l’insostenibilità di quell'orrore porta ad infarti letali. Se si può pensare a un posto vagamente simile all’inferno questo posto è sicuramente una perrera spagnola. Ci sono cani che mentre state leggendo stanno per morire bruciati, come il nostro Thunder, mortificato e umiliato, in una gabbia senza luce solare, con la voglia di amare e la paura nel cuore. L’Associazione Vitauna zampa per la Spagna lotta ogni giorno per salvare cani e

gatti da questa morte atroce. Senza il vostro aiuto nulla sarebbe possibile, per questo ringraziamo con tutto il nostro cuore chi negli anni ci ha seguito condividendo con noi gioie, dolori, successi e fatica, il tutto sempre ripagato dagli sguardi pieni di fiducia e speranza dei piccoli amici che abbiamo salvato... loro più che mai dobbiamo ringraziare, per essere così speciali, per darci ogni volta con il loro amore che mai vacilla una lezione di vita che pochi umani saprebbero dare... Vi prego, aiutateci ad aiutarli, senza il vostro sostegno non possiamo farcela. Claudia Conte

Bagnolo: a meno di un anno dal voto parte un laboratorio di discussione civica perplessità: «Il completamento del percorso della ciclabile di via Crema, che ha portato a compimento un'idea già prevista dalla giunta Peretti, è un fatto positivo. Tuttavia la decisione di transennare ogni dove è discutibile anche da un punto di vista della sicurezza. Non ultimo c’è l'idea di costruire una ciclabile transennata lungo tutta via Europa, dal semaforo di Via Marconi all'incrocio con via Lodi. Questo progetto non è per nulla condivisibile né da un punto di vista progettuale

né da un punto di vista economico dato l’impegno di spesa di 150.000 euro. Le priorità dei cittadini sono altre: manutenzioni delle strade, delle scuole e delle case popolari, la sistemazione di Piazza Aldo Moro, della Salita S. Stefano e degli ambulatori». Lo sguardo non può che essere rivolto alle elezioni del 2014. «Il nostro desiderio è di costruire un programma che possa rendere il nostro paese vivo, sicuro e caratterizzato dalla partecipazione, dove

Bagnolo Cremasco possa ritrovare una propria identità, anche urbanistica, sociale e culturale. Inoltre dobbiamo uscire dall’isolamento nei confronti del territorio cremasco attraverso iniziative comuni dal punto di vista sociale, culturale, economico e amministrativo. I cittadini ci guideranno per la costruzione di un grande gruppo, che punti su di un’amministrazione efficiente e solidale». Carlo Peretti annuncia: «Io non mi ricandiderò. Seguirà il mio esempio anche

Carlo Peretti

l’amico Carlo Locatelli, vice sindaco nel mio mandato amministrativo. Dopo tanti anni di politica attiva sempre nell’interesse del nostro amato paese continueremo a supportare il gruppo con il nostro contributo e con la nostra dedizione pur non candidandoci. Spazio a nuove figure».

Previsioni meteo a cura di Dominique Citrigno per SPAZIOMETEO.com e Meteowebcam.it

Sabato 31 agosto

Domenica 1 settembre

Lunedì 2 settembre

MArtedì 3 settembre

Mercoledì 4 settembre


13

Crema

Sabato 31 Agosto 2013

Gli ultimi giorni della Festa democratica. Qualcosa di originale?

Guardia di Finanza: cambio della guardia

Country: il ballo con gli stivali

C

ountry line dance, un ballo con gli stivali. Ha più di cento anni il ballo che praticavano gli americani del Far West. Durante le loro feste, al rientro dal lavoro con le mandrie, alla fine del raccolto o per i loro matrimoni, erano soliti divertirsi con la «Line dance» che poteva essere di coppia oppure anche ballata singolarmente. Negli

Da lunedì 19 agosto il tenente Naiqué Palla ha assunto il comando della Tenenza della Guardia di Finanza di Crema. Nata a Roma il 16 agosto 1989 e diplomatasi in lingue, l’ufficiale si è arruolato nella Guardia di Finanza nel 2008 ed ha concluso il percorso formativo presso l’Accademia – articolato su un triennio alla sede di Bergamo ed un biennio di Applicazione svolto alla sede di Roma – laureandosi, con il massimo dei voti, in Scienze della Sicurezza Economico-Finanziaria. Il tenente Giovanni Salis, che ha ceduto il comando del reparto assunto dall’8 agosto 2011, è stato assegnato all’Accademia della Guardia di Finanza di Bergamo come ufficiale istruttore.

U.s.a. questa danza è sempre stata molto popolare, mentre in Italia ha preso piede da qualche anno. Il fascino di questo ballo, oltre alle splendide musiche risultato dell'insieme tra la musica tradizionale del sud degli Stati Uniti, caratterizzata dal violino e dal banjo, e la musica folk degli immigrati anglo-irlandesi, è che vi sono moltissime coreografie dal-

presenti al Podere domenica prossima 1° settembre. Per chi desiderasse avere qualche informazione in più o volesse provare gratuitamente, Letizia potrà darvi ogni precisazione al numero 338-1710800, oppure presso l'Accademia di Danza in Via Stazione 19 a Crema, dove, a partire da giovedì 5 settembre alle ore 19.30, inizieranno i corsi con due ore di lezioni gratuite. Per altre informazioni, consultare anche il sito www.gipsycountrylinedance.it

le più semplici alle più complicate. Un'altra prerogativa da non sottovalutare è che si può ballare anche senza un partner (sappiamo quanto agli uomini non piaccia ballare!). Ultimo, ma non meno importante, è il dispendio calorico che tale danza comporta: è più divertente che andare in palestra. E’ stato possibile ammirare il ballo country alla Festa democratica di Ombrianello lunedì scorso 26 agosto. Gli allievi del «Gipsy country» saranno ancora

Tango argentino: per imparare l’ocho, la sacada, la volcada, il voleo... da», «calecita & carpa», «caminada cruzada», «gancio» e «doppio gancio», «volcada» e «voleo»), si ricordano gli ultimi giorni di questo lunghissimo calendario. Sabato 31 agosto: stage di Cangengue. Esibizione dei maestri Jolanda Beretta e Roberto Comini. Pre-

Sta tenendo ancora banco alla Festa democratica di Ombrianello il tango argentino. Per gli appassionati di questo ballo e per i numerosi cremaschi si fermano ogni sera ad osservare i tangueri impegnati nelle figure classiche dello stile milonguero («ocho», «sacada», «parada», «barri-

Sabato 31

Martedì pomeriggio, una signora ultranovantenne, che stava passeggiando per strada nel quartiere di San Bernardino, è stata avvicinata da una donna che le ha proposto di fare uno scambio di collana, mostrandole una apparentemente d'oro. Approfittando del momento di sbigottimento conseguente a quest’inusuale richiesta, la malvivente è riuscita a sfilare dal collo dell'anziana la collana d'oro, lasciandole in cambio un'altra collana, che si è chiaramente accertato essere di metallo non altrettanto nobile. Dopo il rapido furto, la ladra si è allontanata a bordo di una berlina di grossa cilindrata con targa straniera, condotta da un complice che la stava attendendo. Poichè nei giorni scorsi è stato commesso un furto con le medesime modalità, sempre ai danni di un anziano, non si esclude che questi malviventi possano tornare a colpire in zona.

Aperte le iscrizioni ai corsi di nuoto e fitness

Progetto Start 2013 per chi avvia una nuova impresa Mercoledì 11 settembre 2013 dalle ore 11 alle ore 12.30, presso la Sala dei ricevimenti del Comune di Crema in piazza Duomo 25, si terrà la presentazione del bando START 2013, promosso e finanziato da regione Lombardia, Camera di Commercio di Cremona e altre Camere di Commercio lombarde che aderiscono al progetto. Il progetto si rivolge a persone disoccupate, in cassa integrazione, in mobilità, residenti/domiciliate in Lombardia, che intendono avviare una nuova impresa o diventare lavoratori autonomi, mettendo a disposizione servizi gratuiti di formazione, assistenza e per favorire l’accesso al credito. In occasione dell’incontro verranno illustrate le modalità per accedere alle attività previste dal bando, con possibilità di fare domande agli esperti.

notazioni: 338-1980563. A seguire: notte di tango con El Zorro Gris Martedì 3 settembre: tango con El Nico. Mercoledì 4 settembre: serata conclusiva: follie di tango. Esibizione dei maestri Alberto Scarico e Sabrina Rovelli. Musicalizza Walter Zorro Gris

S. Bernardino: come rubo le collane d’oro

Si avvisano i cremaschi e gli utenti del centro natatorio che sono aperte le iscrizioni ai corsi di nuoto e fitness per la nuova stagione invernale 2013-2014. Tutti i corsi inizieranno il 16 settembre e ci saranno alcune novità. Per i bambini tra gli 8 e i 9 anni e le bambine tra i 7 e gli 8 anni che hanno una buona base natatoria e che aspirano a entrare un giorno in una squadra agonistica sono stati istituiti i corsi di pre-agonistica. Novità anche per il fitness: per chi vuole tonificarsi divertendosi è disponibile l’«AquaZumba», mentre chi preferisce scaricare le propri tensioni in modo più aggressivo e cer-

domenica 1

Sabato 31

ca un lavoro più intenso puòservirsi dell’AquaCombat. Entrambi i corsi sono adatti anche a un’utenza maschile. Tutte le info riguardanti questi corsi, i classici corsi di nuoto adul-

domenica 1

07.40 09.30 10.50 11.30 12.00 14.00 14.45 15.30 16.45 18.55 19.35 20.30 21.20 23.10 01.05

caro maestro. fiction benvenuti a tavola. Fiction ricette all'italiana. att tg4 Telegiornale/meteo la signora in giallo. tf tg4 Telegiornale/meteo lo sportello di forum. att ieri e oggi in tv. att perry mason. Film TV tg4 Telegiornale/meteo tierra de lobos. fiction tempesta d'amore. soap the mentalist. telefilm inserzione pericolosa. f tg4 night

10.00 11.00 11.30 12.00 12.55 14.00 14.40 15.50 17.05 18.50 19.35 21.30 23.10 01.50

santa messa (foggia) pianeta mare. Attualità tg4 telegiornale/meteo pianeta mare. Attualità slow tour. Attualità tg4 telegiornale/meteo donnavventura. Doc il colosso di rodi. f la collera del vento. Film tg4 telegiornale/meteo il comandante florent. tf tempesta d'amore. soap amori segreti. film tg4 night news

new art attack. Cartoni voyager factory il nostro amico charly. tf la nave dei sogni. film tv tG2 giorno/tg motori delitti in paradiso. tf il commissario herzog. tf OSSESSIONE PERICOLOSA.F REGATA STORICA DI VENEZIA tg2 lis CASTLE. tf tg2 notizie hawaii five-o. tf under the dome. tf la domenica sportiva. Sport

08.00 09.10 10.00 11.00 13.00 13.40 14.10 16.10 18.00 20.00 canale 5 20.40 21.10 23.25 01.30 02.00

tg5 mattina il mammo. sitcom melaverde. Attualità forum. Attualità Tg5 Telegiornale/meteo better with you. sitcom hart of dixie. Telefilm che fatica fare la star. f rosamunde pilcher. f Tg5 Telegiornale/meteo paperissima sprint. Varietà viaggi di nozze. Film io non dimentico. Film tg5 notte/meteo paperissima sprint. Varietà

08.50 09.10 11.00 12.00 13.00 13.40 14.00 16.05 16.45 18.00 20.00 20.40 21.10 23.30 01.30

tgcom la corsa di virginia. film la lontra. doc melaverde. Attualità tg5 telegiornale/meteo l'arca di noè. attualità il falco e la colomba. fic belli dentro. sit fratelli benvenuti. fic rosamunde pilcher. film tg5 telegiornale/meteo paperissima sprint. Varietà un'estate ai caraibi. Film terrore nel buio. film tg5 notte

new york new york. tf TG3/meteo3 telecamere salute. att prima della prima. att passepartout. att tg regione/tg3 pane, amore e... film timbuctu. doc squadra speciale vienna. tf tg3/tg regione/meteo blob. Varietà the defenders. tf john rabe. film tg3 regione missione di pace. Film

07.00 07.20 09.50 10.55 11.55 12.45 13.30 17.00 17.45 italia 1 17.55 18.30 19.00 19.20 21.10 23.20

quelli dell'intervallo. Sitcom Cartoni animati g.p. gran bretagna moto g.p. gran bretagna prove g.p. gran bretagna moto2 studio aperto/sport g.p. gran bretagna prove la vita secondo jim. sitcom life bites. sitcom magazine champion league studio aperto/meteo mr bean. Sitcom il topolino maty 2. Film stuart little 2. Film air force two. film

09.50 10.30 11.00 11.25 11.30 12.40 13.10 13.40 15.30 16.15 18.30 19.00 19.15 21.25 00.15

g.p. gran bretagna moto2 g.p. gran bretagna motogp g.p. gran bretagna moto3 studio aperto/meteo g.p. di germania superbike fuori giri sport mediaset xxl g.p. di gran bretagna g.p. di germania superbike rudy maialino dispettoso. f studio aperto/meteo così fan tutte 2. sitcom arturo. film mistero adam kadmon. Att speciale sport

09.10 10.05 11.40 13.30 14.35 15.25 16.15 17.00 17.15 17.45 18.50 20.00 20.35 21.15 00.15

DREAMS ROAD 2010 la casa del guardaboschi. Tf un ciclone in convento. Tf Tg1 telegiornale linea blu. Attualità road italy. Attualità quark atlante. doc tg1 telegiornale a sua immagine. Attualità HOMICIDE HILLS. Tf reazione a catena. game show tg1 telegiornale/tg sport techetechetè,vista la rivista l'uomo che sussur. ai cavalli.F tg1 notte

09.05 09.55 10.30 10.55 12.00 12.20 13.30 14.00 15.55 16.00 18.50 20.00 20.40 21.15 23.25

dream road 2010. Att linea verde estate. Att a sua immagine. attualità santa messa recita dell'angelus linea verde estate. att tg1 telegiornale paura di amare. fiction tg1 telegiornale/che tempo fa esibizione frecce tricolore reazione a catena. game show tg1 telegiornale/tg sport techetechetè,vista la rivista kokowaah. film SPECIALE TG1

10.05 10.45 12.10 13.00 13.30 14.00 15.40 16.25 17.10 18.00 18.45 20.30 21.05 23.10

SULLA VIA DI DAMASCO. Att il nostro amico charly la nostra amica robbie tg2 giorno sereno variabile estate. Att tutte le strade portano a casa. film squadra spec. colonia. Tf squadra spec. stoccarda. tf squadra spec. lipsia. tf voyager factory sea patrol/castle.tf tg2 notizie legend. film tg2 notizie

09.35 10.00 10.45 11.30 13.00 13.45 14.45 15.45 17.30 18.05 19.40 20.30 21.05 21.50 23.30

10.40 12.00 12.15 12.45 13.10 14.00 14.45 16.00 16.35 18.10 19.00 20.00 20.25 21.05 23.05

il momento più bello. f tg3/sport notizie/meteo3 tgr il settimanale. att timbuction. Doc kingdom. tf tg regione/tg3 pane, amore e gelosia. F tg3 lis mein fuhrer. Film i misteri di murdoch. tf tg3/tg regione/meteo blob. varietà common law. tf uomini dal passo pesante. F tg3/ tg regione

11.15 12.00 12.25 12.55 13.25 14.00 14.30 17.45 18.10 19.00 20.00 20.20 21.05 23.25 23.40

rete 4

ti, nuoto ragazzi e bambini, genitori bambino, gestanti e anni verdi le potete trovare sul nostro sito, www.piscinacrema.it! Sotto la voce corsi si trova quando iscriversi, il piano dei corsi e le modalità di iscrizione! Attenzione gli orari di iscrizione potrebbero variare di settimana in settimana: si consiglia di verificare sempre sul sito! Oppure per ulteriori informazioni si può chiamare in segreteria al numero 0373-202940. Per frequentare i corsi, è necessario il certificato medico di idoneità sportiva “non agonistica” in corso di validità che andrà consegnato all’istruttore il primo giorno di lezione.

Sabato 31

la 7

domenica 1

09.20 11.10 11.40 13.30 14.00 14.40 16.30 18.10 20.00 20.30 21.10 23.35 23.40 00.35

totò truffa '62. f in onda estate. Attualità jane doe. film tg la7 tg la7 cronache. attualità cuore d'africa.telefilm the district. telefilm la libreria del mistero. F Tv tg la7 in onda estate. att atlantide. doc tg la7 sport confessioni di una mente pericolosa. film tg la7 sport

07.50 09.45 11.45 13.30 14.00 14.40 16.30 18.10 20.00 20.30 23.00 23.55 00.10

il coraggio. Film jack hunter Film jane doe. film tg la7 tg la7 cronache. att come uccidere vostra moglie. film the district . telefilm la libreria del mistero segreti e nostalgie. f tg la7 grey's anatomy. telefilm saving hope. telefilm tg la7 sport n.y.p.d. telefilm

07.00 08.15 09.30 11.00 13.30 14.00 16.30 19.00 19.40 20.00 20.30 21.00 21.40 23.00

buongiorno cremona Le città della musica dentro l'impresa i giovani e la fede Tg cremona i giovani a confronto. att Cremona Grandi Eventi tg cremona tg nazionale le storie i giovani e la fede Carlo Maria Martini Cremona Grandi Eventi Tg cremona

07.00 11.00 12.00 12.15 13.00 13.30 14.00 16.00 18.00 18.30 19.00 19.30 20.05 22.25 22.50

buongiorno cremona-meteo Santa Messa. da Cremona Angelus i giovani e la fede Gioielli sotto casa tg della domenica Cremona Grandi Eventi fatti d'arte le città della musica cosa bolle in pentola tg della domenica le storie ProPatria – Cremonese Il dopo partita Pergolettese – Alessandria


14

Speciale Serie A

La Juve resta la favorita per lo scudetto Sabato 31 Agosto 2013

L’EDITORIALE

S

e il buon giorno si vede dal mattino... la Juventus può legittimamente ambire a un fantastico tris. Siamo solo alle prime battute di una stagione intensa, che precede il Mondiale brasiliano, ma la forza con la quale i bianconeri hanno strapazzato la Lazio nella sfida di Supercoppa, è un segnale inequivocabile che la squadra di Conte sia la grande favorita per la riconquista del campionato, soprattutto dopo l’ingaggio di Tevez (decisivo all’esordio con la Samp). Sulla carta, una delle poche formazioni in grado di impensierire la Juve è il Napoli, rinnovato sia in campo che in panchina: ma si sa, quando si cambia molto, non è facile ottenere subito grandi risultati. Dipenderà dalle indiscusse capacità del tecnico Benitez, pilotare i partenopei in zona scudetto, anche senza un finalizzatore come Cavani. Il sostituto (Higuain) è di indubbio valore, ma non è un goleador come l’uruguaiano, quindi il Napoli dovrà vincere le partite con una manovra corale: giocare, insomma, in modo molto diverso da come era abituato con Mazzarri. E l’inizio con il Bologna è sicuramente confortante. La terza pretendente alla vittoria è l’ambiziosa Fiorentina di Montella, che con gli innesti di Joaquin, Ambrosini, Ilicic e soprattutto Mario Gomez, rischia di diventare un avversario ostico per tutti, anche perché parte da una base di bel gioco che aiuta la crescita di un gruppo affamato di vittorie. Le altre squadre rischiano di essere solo delle comparse, almeno nella lotta per il titolo: per Milan (subito ko a Verona), Inter, Roma, Lazio e Udinese il vero obiettivo è restare in corsa per il terzo posto, nella speranza che Napoli e Fiorentina sbaglino stagione. In caso contrario, centrare i preliminari di Champions, può diventare un’impresa titanica, riuscita anche grazie alla buona sorte della scorsa stagione ai rossoneri. Se la lotta al vertice si annuncia interessante, la stessa cosa si può dire per la corsa alla salvezza. Scegliere tre candidate alla retrocessione è praticamente impossibile e questa incertezza rende affascinante anche la parte meno nobile della classifica. Per conoscere meglio le protagoniste della serie A 2013-2014, proponiamo ai lettori uno speciale di due puntate. In questo numero presentiamo le formazioni di seconda fascia, mentre la settimana prossima sarà la volta delle “big” del campionato. Buona stagione a tutti... Fabio Varesi

Sulla carta solo Napoli e Fiorentina possono contrastare la corsa dei bianconeri

N

ella presentazione delle squadre di serie A, partiamo dall’Atalanta, che finalmente ha iniziato la stagione senza punti di penalizzazione. Per il riconfermato tecnico Colantuono, l’obiettivo è raggiungere la salvezza senza affanni, puntando a qualche successo di prestigio. La colonna portante delle formazione titolare è rimasta immutata e per i tifosi la conferma di Denis e Bonaventura è motivo di soddisfazione. La dirigenza orobica si è preoccupata soprattutto di puntellare la difesa, ingaggiando il laterale rumeno Nica (prelevato dalla Dinamo Bucarest) e il centrale colombiano Yepes, reduce

T

ra i tanti tecnici confermati, c’è anche Stefano Pioli, che a Bologna ha trovato il luogo ideale per lavorare in serenità. Giocare in rossoblu non è semplice, a causa di un passato glorioso che spesso diventa un fardello per chi deve accontentarsi di lottare per conservare la categoria. Ma il competente pubblico di Bologna ha capito che i tempi sono cambiati e il raggiungimento della salvezza viene salutato con grande soddisfazione. Nel corso del mercato, la dirigenza rossoblu si impegnata nel confermare i due nazionali della rosa, ma l’impresa è riuscita solo con Diamanti, mentre per Gilardino non c’è stato nulla da fare. L’ex attaccante del Milan, campione del mondo con Lippi in Germania e tornato in Nazionale grazie al Bologna, è rien-

Atalanta

dall’esperienza al Milan. In mezzo al campo, dopo il ritorno di Biondini al Genoa, è arrivato l’esperto Migliaccio, che a Palermo ha disputato alcune stagioni da protagonista. Ma il pezzo forte dell’Atalanta resta il reparto offensivo, composto dal tridente Bonaventura, Denis e Livaja. Insomma, una provinciale in grado di ben figurare nella massima serie, grazie anche a un pubblico sempre numeroso e appassionato (a volte anche troppo...), che rende lo stadio orobico un fortino difficile da espugnare. L’esordio non è stato positivo, ma più nel risultato che nella prestazione, ma sin da domani sera contro il Torino, la musica potrà cambiare.

Bologna

Alessandro Diamanti

trato al Genoa, dal quale era arrivato in prestito. Al suo posto la società ha ingaggiato Rolando Bianchi, che ha lasciato il Torino non senza polemiche. Bianchi è una garanzia in zona-gol e la sua voglia di rivalsa nei confronti della sua ex squadra, potrebbe aiutare l’attaccante bergamasco a non far rimpiangere il “Gila”. L’altro innesto importante nella formazione titolare è il laterale difensivo Cech, arrivato dai turchi del Trabzonspor per coprire la fascia sinistra (al quale si è aggiunto Mantovani). Il resto della squadra è rimasto immutato, con Curci tra i pali, Garics, Antonsson e Cherubin in difesa, Khrin, Della Rocca, Kone, Lazaros e Diamanti in mezzo al campo. Basterà per raggiungere la salvezza? Vedremo, anche se la partenza di Taider ha indebolito ulteriormente la rosa e il pesante ko di Napoli non ha certo alimentato l’ottimismo.


15

Speciale Serie A

Sabato 31 Agosto 2013

Cagliari

L’

Nainggolan in azione contro l’Atalanta

C

on la retrocessione del Palermo, il Catania è rimasto da solo a difendere l’onore della Sicilia. Dopo la strepitosa stagione targata Montella, qualcuno poteva temere un rilas-

Gonzalo Bergessio

orgoglio calcistico della Sardegna è tornato a casa. Dopo tante peripezie, legate al nuovo stadio (Is Arenas) e i dolorosi esili a Trieste (l’ultimo nell’esordio vincente con l’Atalanta). Il Cagliari torna quindi a giocare al Sant’Elia, lo stadio costruito subito dopo la conquista dello storico scudetto griffato Gigi Riva. La questione stadio ha tenuto banco forse più del mercato, incentrato sulla conferma dei “pezzi pregiati” della rosa. Chi voleva strappare Agazzi, Astori, Nainggolan e Pinilla al presidente Cellino, doveva svenarsi e in tempi di crisi, questo non è avvenuto. A meno di clamorosi colpi di scena dell’ultima ora, la confermata coppia di allenatori formata da Pulga e Lopez potrà ancora contare sui quattro moschettieri (ai quali aggiungiamo il talentuoso Sau) che hanno trascinato la squadra a una tranquilla salvezza nell’ultima stagione. Insomma, tra le provinciali, il Cagliari sembra quella più attrezzata per dispu-

tare una stagione senza patemi, sognando di fare lo sgambetto a qualche grande, come è accaduto nel recente passato. Come detto, in serie A è stata la società che ha operato meno sul mercato, anche perché non ne aveva biso-

gno. Dalla Sardegna sono partiti solo l’attaccante Thiago Ribeiro (ceduto al Santos) e il centrocampista Casarini (tornato al Bologna), mentre è arrivato il giovane difensore greco Oikonomou, elemento tutto da scroprire.

Catania samento della squadra cara al presidente Pulvirenti, che invece con Maran ha fatto ancora meglio, cullando per gran parte della stagione il sogno di qualificarsi all’Europa League. Insomma, il progetto di puntare sui giocatori

argentini, continua a dare grandi soddisfazioni, anche se cambiano gli allenatori e i direttori sportivi. In pratica, nell’undici titolare troviamo addirittura nove argentini, che garantiscono qualità è carattere alla squadra. Nel corso dell’estate tre sono state le partenze eccellenti: Gomez (ceduto ai russi del Metalist), Lodi e Marchese (approdati al Genoa). Al loro posto sono arrivati i difensori Peruzzi e Monzon e il centrocampista Tachtsidis, reduce da una stagione in chiaro-scuro alla Roma. In più c’è l’attaccante Maxi Lopez, che non vorrebbe restare in Sicilia (dopo stagioni poco esaltanti al Milan e alla Samp), ma per ora è a disposizione di Maran. Difficile dire se i rossoazzurri riusciranno a ripetersi ancora a grandi livelli, ma di certo la conquista di una salvezza anticipata appare traguardo fin troppo riduttivo per una rosa di buon livello, che ha ben impressionato all’esordio a Firenze.

Il tecnico Maran


16

Speciale

Sabato 31 Agosto 2013

Andata 25-8-2013

1ª giornata

Ritorno 19-1-2014

Andata 1-9-2013

2ª giornata

Ritorno 26-1-2014

Andata 15-9-2013

3ª giornata

Ritorno 2-2-2014

Andata 22-9-2013

4ª gior

Cagliari - Atalanta

-

-

Atalanta - Torino

-

-

Fiorentina - Cagliari

-

-

Atalanta-F

Fiorentina - Catania

-

-

Bologna - Sampdoria

-

-

Inter - Juventus

-

-

Bologna

Inter - Genoa

-

-

Catania - Inter

-

-

Lazio - Chievo

-

-

Cagliari-S

Lazio - Udinese

-

-

Chievo - Napoli

-

-

Livorno - Catania

-

-

Catania

Livorno - Roma

-

-

Genoa - Fiorentina

-

-

Napoli - Atalanta

-

-

Chievo-U

Napoli - Bologna

-

-

Juventus - Lazio

-

-

Parma - Roma

-

-

Genoa-L

Parma - Chievo

-

-

Milan - Cagliari

-

-

Sampdoria - Genoa

-

-

Juventus

Sampdoria - Juventus

-

-

Roma - Verona

-

-

Torino - Milan

-

-

Milan-N

Torino - Sassuolo

-

-

Sassuolo - Livorno

-

-

Udinese - Bologna

-

-

Roma

Verona - Milan

-

-

Udinese - Parma

-

-

Verona - Sassuolo

-

-

Sassuo

Andata 20-10-2013

8ª giornata

Ritorno 9-3-2014

Andata 27-10-2013

9ª giornata

Ritorno 16-3-2014

Andata 30-10-2013

10ª giornata

Ritorno 23-3-2014

-

Atalanta - Lazio

-

-

Bologna - Livorno

-

-

Atalanta - Inter

-

-

Cagliari - Catania

-

-

Catania - Sassuolo

-

-

Cagliari - Bologna

-

-

Fiorentina - Juventus

-

-

Chievo - Fiorentina

-

-

Fiorentina - Napoli

-

-

Genoa - Chievo

-

-

Inter - Verona

-

-

Genoa - Parma

-

-

Livorno - Sampdoria

-

-

Juventus - Genoa

-

-

Juventus - Catania

-

-

Milan - Udinese

-

-

Lazio - Cagliari

-

-

Livorno - Torino

-

-

Roma - Napoli

-

-

Napoli - Torino

-

-

Milan - Lazio

-

-

Sassuolo - Bologna

-

-

Parma - Milan

-

-

Roma - Chievo

-

-

Torino - Inter

-

-

Sampdoria - Atalanta

-

-

Sassuolo - Udinese

-

-

Verona - Parma

-

-

Udinese - Roma

-

-

Verona - Sampdoria

-

Andata 1-12-2013

14ª giornata

Ritorno 13-4-2014

Andata 8-12-2013

15ª giornata

Ritorno 20-4-2014

Andata 15-12-2013

16ª giornata

Ritorno 27-4-2014

Andata 22-12-2013

17ª gio

-

Atalanta - Roma

-

-

Bologna - Juventus

-

-

Catania - Verona

-

-

Atalanta -

-

Cagliari - Sassuolo

-

-

Cagliari - Genoa

-

-

Chievo - Sampdoria

-

-

Bologna

-

Catania - Milan

-

-

Inter - Parma

-

-

Fiorentina - Bologna

-

-

Cagliari

-

Chievo - Livorno

-

-

Livorno - Milan

-

-

Genoa - Atalanta

-

-

Inter -

-

Fiorentina - Verona

-

-

Napoli - Udinese

-

-

Juventus - Sassuolo

-

-

Livorno -

-

Genoa - Torino

-

-

Roma - Fiorentina

-

-

Lazio - Livorno

-

-

-

Inter - Sampdoria

-

-

Sampdoria - Catania

-

-

Milan - Roma

-

-

Sampdori

-

Juventus - Udinese

-

-

Sassuolo - Chievo

-

-

Napoli - Inter

-

-

Sassuolo -

-

Lazio - Napoli

-

-

Torino - Lazio

-

-

Parma - Cagliari

-

-

Torino -

-

Parma - Bologna

-

-

Verona - Atalanta

-

-

Udinese - Torino

-

-

Verona

2-1 2-1 2-0 2-1 0-2 3-0 0-0 0-1 2-0 2-1

Roma - C


17

Serie A

rnata

Ritorno 9-2-2014

Andata 25-9-2013

5ª giornata

Ritorno 16-2-2014

Andata 29-9-2013

6ª giornata

Ritorno 23-2-2014

Andata 6-10-2013

7ª giornata

Ritorno 2-3-2014

Fiorentina

-

-

Bologna - Milan

-

-

Atalanta - Udinese

-

-

Bologna - Verona

-

a-Torino

-

-

Chievo - Juventus

-

-

Cagliari - Inter

-

-

Catania - Genoa

-

Sampdoria

-

-

Inter - Fiorentina

-

-

Catania - Chievo

-

-

Chievo - Atalanta

-

a-Parma

-

-

Lazio - Catania

-

-

Fiorentina - Parma

-

-

Inter - Roma

-

Udinese

-

-

Livorno - Cagliari

-

-

Genoa - Napoli

-

-

Juventus - Milan

-

Livorno

-

-

Napoli - Sassuolo

-

-

Milan - Sampdoria

-

-

Lazio - Fiorentina

-

s-Verona

-

-

Parma - Atalanta

-

-

Roma - Bologna

-

-

Napoli - Livorno

-

Napoli

-

-

Sampdoria - Roma

-

-

Sassuolo - Lazio

-

-

Parma - Sassuolo

-

a-Lazio

-

-

Torino - Verona

-

-

Torino - Juventus

-

-

Sampdoria - Torino

-

olo-Inter

-

-

Udinese - Genoa

-

-

Verona - Livorno

-

-

Udinese - Cagliari

-

Andata 3-11-2013

11ª giornata

Ritorno 26-3-2014

Andata 10-11-2013

12ª giornata

Ritorno 30-3-2014

Andata 24-11-2013

13ª giornata

Ritorno 6-4-2014

-

Bologna - Chievo

-

-

Atalanta - Bologna

-

-

Bologna - Inter

-

-

Lazio - Genoa

-

-

Cagliari - Torino

-

-

Livorno - Juventus

-

-

Livorno - Atalanta

-

-

Catania - Udinese

-

-

Milan - Genoa

-

-

Milan - Fiorentina

-

-

Chievo - Milan

-

-

Napoli - Parma

-

-

Napoli - Catania

-

-

Fiorentina - Sampdoria

-

-

Roma - Cagliari

-

-

Parma - Juventus

-

-

Genoa - Verona

-

-

Sampdoria - Lazio

-

-

Sampdoria - Sassuolo

-

-

Inter - Livorno

-

-

Sassuolo - Atalanta

-

-

Torino - Roma

-

-

Juventus - Napoli

-

-

Torino - Catania

-

-

Udinese - Inter

-

-

Parma - Lazio

-

-

Udinese - Fiorentina

-

-

Verona - Cagliari

-

-

Roma - Sassuolo

-

-

Verona - Chievo

-

ornata

Ritorno 4-5-2014

Andata 5-1-2014

18ª giornata

Ritorno 11-5-2014

Andata 12-1-2014

19ª giornata

Ritorno 18-5-2014

- Juventus

-

-

Catania - Bologna

-

-

Atalanta-Catania

-

a - Genoa

-

-

Chievo - Cagliari

-

-

Bologna - Lazio

-

- Napoli

-

-

Fiorentina - Livorno

-

-

Cagliari - Juventus

-

Milan

-

-

Genoa - Sassuolo

-

-

Inter - Chievo

-

Udinese

-

-

Juventus - Roma

-

-

Livorno - Parma

-

Catania

-

-

Lazio - Inter

-

-

Roma - Genoa

-

3 turni infrasettimanali

ia - Parma

-

-

Milan - Atalanta

-

-

Sampdoria - Udinese

-

25 settembre 2013 mercoledì

Fiorentina

-

-

Napoli - Sampdoria

-

-

Sassuolo - Milan

-

30 ottobre 2013 mercoledì

- Chievo

-

-

Parma - Torino

-

-

Torino - Fiorentina

-

26 marzo 2013 mercoledì

a - Lazio

-

-

Udinese - Verona

-

-

Verona - Napoli

-

4 soste

8 settembre 2013 sosta Nazionale 13 ottobre 2013 sosta Nazionale 17 novembre 2013 sosta Nazionale 29 dicembre 2013 sosta natalizia


18

Speciale Serie A

Sabato 31 Agosto 2013

Chievo

Q

uella appena iniziata (con un buon pari a Parma) è la stagione numero 12 del Chievo in serie A. Un traguardo straordinario per una società modello, nata tra i dilettanti e cresciuta fino a diventare una realtà importante della massima serie. Lo scorso campionato, iniziato molto male, è poi terminato con una salvezza tranquilla, grazie alla direzione tecnica di Corini, subentrato a Di Carlo. L’ex centrocampista non ha però trovato l’accordo con la società per la riconferma e al suo posto è arrivato Sannino, uno dei tecnico più preparati e disponibili sulla piazza. E’ stato un corteggiamento lungo quello del Chievo al tecnico campano, che alla fine si è liberato dal Palermo ed è arrivato a Verona per proseguire la striscia di stagioni positive, interrotta (non per colpa sua) in Sicilia. Per Verona è una stagione importante, perché ritrova il derby Chievo-Hellas e la squadra del presidente Campedelli ci tiene molto a vincere la sfida con i gialloblu, che in bacheca possono vantare uno scudetto. Squadra che vince non si cambia, sembra essere il moto della dirigenza scaligera, che ha dovuto fare a meno dello svincolato Andreolli e di Cofie, tornato al Genoa. Se ne è poi andato l’ultimo

Il tecnico Sannino

protagonista delle stagioni targate Delneri, il brasiliano Luciano, autore di annate indimenticabili con la maglia gialloblu. Confermata in blocco la difesa (portiere compreso), la dirigenza ha rinforzato il

centrocampo con gli innesti di Acosty (in prestito dalla Fiorentina), Sestu e Radovanovic. L’attacco è ancora affidato a Thereau, Paloschi e Pellissier, ai quali si è aggiunto il promettente Improta (prestato

dal Genoa). L’ultimo arrivato, in ordine di tempo, è il difensore brasiliano Claiton, alternativa importante alla coppia di centrali formata da Dainelli e Cesar, alla quale si aggiunge il forte rumeno Papp.

Genoa

Andrea Bertolacci

S

i chiama Liverani la scommessa di Preziosi. Il nuovo tecnico del Genoa è alla sua prima esperienza tra i professionisti e ha già constatato in Coppa Italia e all’esordio in campionato contro l’Inter, quanto sua dura la vita nel calcio che conta. Alla fine il patron dei rossoblu non ha confermato Ballardini, protagonista di una salvezza non certo agevole e spera di vivere una stagione tranquilla, dopo due campionati molto sofferti. Per prima cosa la dirigenza ha sfoltito la rosa, puntando su acquisti mirati. Ma per settimane l’operazione più importante ero lo scambio BorrielloGilardino, che però non è mai andato in porto, quindi Borriello è rimasto alla Roma e il “Gila” è tornato al Genoa (sempre che resti...). Tra i titolari ha salutato il portiere Frey, approdato ai turchi del Bursaspor. Al suo posto dovrebbe giocare Perin, tornato dopo l’esperienza al Pescara, ma non è escluso che possa essere ingaggiato un portiere di esperienza. In difesa i due rinforzi sono il laterale Vrsaljko

(ex Dinamo Zagabria) e Gamberini, arrivato dal Napoli insieme al centrocampista Santana. In più ci sono Lodi e Cofie a garantire qualità in mezzo al campo, insieme ai confermati Ber-

tolacci e Kucka. Insomma, una rosa di qualità, che deve finalmente rendere per quel che vale, soprattutto se Gilardino confermerà la vena realizzativa di Bologna.


19

Speciale Serie A

I

Il brasiliano Paulinho

Sabato 31 Agosto 2013

Livorno

l Livorno è la dimostrazione dell’imprevedibilità del calcio. Nel giugno del 2012 festeggiava una salvezza raggiunta solo all’ultima giornata e 12 mesi dopo, con un rosa praticamente immutata, ha conquistato la promozione in serie A, dopo tre anni di assenza. Ora l’obiettivo dei labronici è conservare la massima serie, anche se non sarà facile. Il confermato tecnico Nicola farà ancora affidamento sulle colonne della squadra (Emerson e Bernardini in difesa, Berlingheri, Dionisi e Paulinho in attacco), alle quali la società ha affiancato alcuni giovani promettenti, in particolare la punta Emeghara (al quale si sono aggiunti Masquera e Biagianti). Tra i pali spazio a Bardi, reduce dall’Europeo Under 21 e voglioso di emergere in serie A. In difesa il rinforzo è Valentini (prelevato dal Rosario Central), mentre in mezzo al campo il confermato Gemini giostrerà con Duncan, Greco e Benassi. Una rosa interessante, ma tutta da verificare nella massima serie. Molto dipenderà dalla vena realizzativa del

brasiliano Paulinho, irresistibile tra i cadetti, ma che dovrà dimostrare di non accusare il salto di categoria. Il presidente Spinelli ha fatto di tutto per non cederlo alla

Parma Antonio Cassano

S

quadra che convince, non si cambia. Il Parma, reduce da una stagione molto positiva, ha effettuato poche manovre di mercato, ma mirate ad elevare la qualità della rosa. Il fiore all’occhiello della campagna acquisti è sicuramente Antonio Cassano, arrivato in Emilia nell’operazione che ha portato alla cessione del promettente Belfodil all’Inter. Una bella scommessa per il tecnico Donadoni, che è chiamato a gestire un talento

non sempre continuo. Ma con il Mondiale alle porte, il barese farà di tutto per essere protagonista e convincere Prandelli a portarlo in Brasile. Se ci riuscirà, farà le fortune dei ducali, che su Cassano puntano per stazionare stabilmente nella parte sinistra della classifica. Gli altri due innesti di peso sono il difensore Cassani, ex azzurro e il centrocampista Munari, pronto a sostituire l’ex capitano Morrone, ceduto al Latina. Hanno lasciato Parma anche l’attaccante Pa-

bon, i difensori Modesto e Santacroce, oltre a molti elementi di secondo piano, raramente protagonisti la scorsa stagione. Insomma, una squadra interessante che può schierare elementi di valore come Biabiany, Amauri, Parolo e appunto Cassano, che poche provinciali possono vantare. Qualcuno a Parma sogna di lottare per un posto in Europa, ma Donadoni preferisce volare basso, anche se sa di poter puntare a qualcosa in più della salvezza.

Sampdoria e spera di aver fatto la scelta giusta per centrare la salvezza. Ma l’esordio con la Roma ha confermato con l’obiettvo non sarà facile da raggiungere.


20

T

Sabato 31 Agosto 2013

Speciale Serie A

Sampdoria

anta buona volontà, ma poca qualità. Questa, in sintesi, la prestazione dei doriani al cospetto di sua maestà Juventus. E’ bastato un lampo di Pogba, finalizzato da Tevez, per mandare al tappeto una Samp troppo leggera in attacco. E’ presto per dare giudizi definitiva, ma senza Icardi (ceduto all’Inter) il reparto offensivo di Delio Rossi rischia di far fatica anche con avversari di pari livello dei liguri. Gabbiadini, arrivato a Genova via Juve, è un buon giocatore, ma non è certo una punta centrale e la stessa cosa si può dire di Eder. Serve al più presto un rinforzo in attacco, ma a questo punto del mercato non è facile trovare buoni elementi a prezzi non esorbitanti. Il resto della squadra è rimasto simile alla scorsa stagione, anche se le partenze di Poli e Munari hanno indebolito il centrocampo. La società ha deciso di puntare sul giovane e promettente Regini, ma potrebbe non bastare per puntare a una tranquilla salvezza. In un campionato molto equilibrato, spesso sono i gol degli attaccanti a fare la differenza e non sempre il gioco basta a mascherare le lacune della rosa. Delio Rossi è un tecnico fin troppo esperto per non sapere cosa serve e sicuramente chiederà alla società almeno un paio di rinforzi. Vedremo se sarà accontentato...

Manolo Gabbiadini

Sassuolo

B

envenuta matricola! Dopo tanti campionati di vertice tra i cadetti, la piccola società modenese (che ha scelto però di giocare a Reggio Emilia) ha raggiunto il paradiso calcistico con pieno merito, puntando sui giovani e senza fare spese folli, malgrado le indubbio potenzialità economiche di patron Squinzi. Quindi anche in serie A, fedele alla sua filosofia, il Sassuolo ha deciso di affidarsi alla linea verde come gli attaccanti Zaza (cecchino infallibile nelle file dell’Ascoli) e Farias (arrivato dal Chievo), che sono stati inseriti in una rosa collaudata. In più sono arrivati elementi più esperti come i difensori Ziegler (ex Juve) e Acerbi, il centrocampista Kurtic (prelevato dal Palermo) e il laterale Schelotto, in cerca di rivincite dopo il flop all’Inter. Il resto è affidato all’entusiasmo di una squadra che non ha nulla da perdere e che cercherà senza assilli di restare in serie A. Del resto, il tecnico Di Francesco è consapevole che servirà un’impresa per centrare la salvezza e la netta sconfit-

Il tecnico Di Francesco

ta con il Torino all’esordio conferma le difficoltà della squadra neroverde. Ma le imprese non sono impossibili, an-

che perché in pochi la scorsa stagione avevano pronosticato il Sassuolo tra i candidati alla promozione ed invece...


Speciale Serie A

E’

Torino la stagione delle conferme per la gloriosa società granata. Dopo aver faticosamente riconquistato la se-

rie A, l’obiettivo primario era conservarla ed è stato centrato con qualche patema di troppo nel finale di campionato. Ora il presidente Cairo spera di

Alessio Cerci

Verona

M

eglio di così non poteva iniziare la stagione dell’Hellas. Tornata in serie A dopo 11 anni (durante i quali è precipitata anche in serie C) la gloriosa società gialloblu ha subito trovato la vittoria contro il Milan, vittima preferita del Verona, che al Bentegodi ha perso ben due scudetti (1973 e 1990). Un successo meritato, perché gli scaligeri hanno giocato con grande coraggio e non si sono abbattuti una volta passati in svantaggio. Eroe della giornata è stato l’eterno Luca Toni, che a 36 anni ha messo in scacco la statica difesa rossonera, sognando una doppietta da favola. Ma tutta la squadra ha fornito un’ottima prestazione, che fa ben sperare per il prosieguo della stagione, anche se Mandorlini preferisce restare con i piedi per terra, perché ci sarà da lottare per conquistare la salvezza. Ma il nuovo Verona non è solo Toni: in estate sono arrivati anche i centrocampi-

assestarsi almeno a metà classifica, anche se la prematura eliminazione in Coppa Italia ha allarmato non poco l’ambiente. Ma il popolo granata da tempo è abituato a soffrire e non si deprime alle prime battute d’arresto. Tanto più che sulla carta il Toro si è rinforzato con gli innesti dei difensori Moretti e Dossena, dei fantasisti Bellomo e El Kaddouri e dell’attaccante Immobile (che ha il duro compito di sostituire Rolando Bianchi). Giovani talenti che possono sbocciare sotto la sapiente guida di Ventura, che ha avuto in dote dal presidente la conferma di Cerci. L’attaccante romano, protagonista anche in Nazionale, è stato il giocatore decisivo per la salvezza nella scorsa stagione e con lui il Toro è sicuramente più pericoloso (come conferma il gran gol segnato al Sassuolo). Purtroppo i granata hanno perso (per squalifica) il portiere Gillet, ma con Padelli il ruolo dovrebbe essere coperto per tutta la stagione.

21

Sabato 31 Agosto 2013

sti Donati dal Palermo, Jankovic dal Genoa e Romulo dalla Fiorentina, che garantiscono qualità alla rosa, senza dimenticare che in

panchina c’è un certo Cacia, trascinatore dei gialloblu nella passata stagione. Insomma, niente male per una matricola, che finalmente

ha raggiunto i cugini del Chievo nella massima serie. Sicuramente nei due derby di Verona ci sarà battaglia e spettacolo.

Luca Toni


SPORT

lo lettere@ilpiccologiornale.it

Responsabile Fabio Varesi

MOTOMONDIALE

Marc Marquez va a caccia della cinquina

Prosegue in MotoGp il dominio del giovane talento Marc Marquez, che è risultato il più veloce anche nelle prove libere del Gp di Silverstone. Lo spagnolo è reduce da quattro successi consecutivi e va a caccia di una storica cinquina, grazie alla quale

potrebbe ipotecare il titolo mondiale. Attualmente il ventenne catalano comanda la classifica con 26 punti di vantaggio su Pedrosa. Per Valentina Rossi l’obiettivo in Inghilterra è centrare il podio. Appuntamento con la gara è per domani alle 15.30.

Il Milan cede Boateng Serie B, il Palermo di Gattuso Tennis, quattro italiane Arrivano Matri e Kakà cerca gloria contro l’Empoli in corsa agli Us Open DALL’ITALIA & DAL MONDO

Dopo l’esordio shock in campionato, il Milan ha salvato per il momento la stagione travolgendo il Psv nei playoff di Champions, accedendo così alla fase ai gironi. Il rossoneri hanno pescato nell’urna Barcellona, Ajax e Celtic, tutte formazioni che hanno vinto la Champions, anche se centrare almeno il secondo non posto sembra un’impresa titanica. La Juventus, invece, sfiderà Real Madrid, Galatasaray e Copenaghen. Girone di ferro, infine, per il Napoli, inserito nel raggruppamento con Arsenal, Marsiglia e soprattutto Borussia Dortmund. Tornando al Milan, la notizia bomba di ieri mattina è la cessione di Boateng allo Schalke 04, mentre arriva in rossonero Matri, per una cifra simile a quella incassata dalla squadra tedesca. In più Allegri dovrebbe ricevere in regalo Kakà, che non fa più parte del progetto di Ancelotti al Real. Sarà un cavallo di ritorno vincente? Vedremo... Per quanto riguarda l’Europa League, la Fiorentina ha pescato Dnipro, Paços Ferreira e Pandurii, mentre la Lazio sfiderà Trabzonspor, Legia Varsavia e Apollon LImassol. Nulla da fare per l’Udinese, ancora eliminata ai preliminari.

Stasera la serie B torna in campo per la seconda giornata. Vedremo se tutte le favotite per la promozione usciranno allo scoperto, oppure alcune mostreranno di faticare, come è accaduto nella prima giornata. I fari sono puntati su Palermo, dove i rosanero di Gattuso cercano la prima vittoria in campionato (dopo quella ottenuta in Coppa Italia contro la Cremonese). Ma il compito per i siciliani è arduo, visto che affrontano la mina vagante Empoli, battuta solo nella finale playoff la scorsa stagione e partita alla grande contro il Latina. L’altra favorita (il Siena) ha invece esordito con un largo successo e cerca conferme sul campo del Novara, un’altra squadra ambiziosa. La terza grande del campionato è il Pescara: dopo aver travolto la Juve Stabia, misura lunedì sera la forza della neopromossa Trapani, che ha esordito espugnando Padova. 1ª GIORNATA (24-8) Avellino-Novara 2-1, Brescia-Virtus Lanciano 2-2, Cesena-Varese 1-0, Empoli-Latina 3-1, Modena-Palermo 1-1, Padova-Trapani 0-2, Pescara-Juve Stabia 3-0, Reggina-Bari 0-0, Siena-Crotone 5-2, SpeziaCittadella 0-0, Ternana-Carpi 1-0. 2ª GIORNATA (31-8 h 20.30) Bari-Brescia, Carpi-Padova, CittadellaTernana, Crotone-Cesena, Juve Stabia-Spezia, Latina-Avellino, Novara-Siena (h 18), Palermo-Empoli, Trapani-Pescara (2-9 h 20.30), Varese-Modena, Virtus Lanciano-Reggina.

Quattro italiane al terzo turno e una sicuramente agli ottavi degli Us Open. Prosegue il momento magico del tennis femminile italiano, che è protagonista anche nell’ultima slam del 2013. Sono ancora in corsa la rediviva Flavia Pennetta, che ha travolto la più quotata Sara Errani per 6-3 6-1, Roberta Vinci che si è sbarazzata della Safarova (4-6 6-1 6-2), l’emergente Karin Knapp (6-1 6-4 alla Vesnina) e Camila Giorgi, vittoriosa 6-4 7-6 sulla taiwanese Hsieh. Ora la Vinci se la vedrà con la Knapp in un derby molto interessante, mentre la Pennetta sfiderà la quotata Kuznetsova, vincitrice a New York nel 2004. La Giorgi, infine, dovrà compiere un’impresa per piegare la danese Caroline Wozniacki, ex numero 1 del mondo. Meno lusinghiero il bilancio in campo maschile: quattro azzurri sono stati eliminati al primo turno (doloroso il ko di Fognini) e solo Seppi ha passato il turno. Ieri notte l’altoatesino ha sfidato l’indiano Davvarman. CICLISMO Il ceco Zdenek Stybar ha vinto in volata la 7ª tappa della Vuelta di Spagna. Vincenzo Nibali resta in maglia rossa con 3” di vantaggio sull’americano Nicolas Roche.

La Cremo vuol partire col piede giusto

Con l’ingaggio del difensore esterno Abbate si è completata una campagna acquisti sulla carta di grande qualità

LEGA PRO C’è grande attesa tra i tifosi per l’esordio in campionato domani sera a Busto Arzizio

F

di Matteo Volpi

inalmente si parte. Domani sera, allo “Speroni” di Busto Arsizio, inizia l’avventura della Cremonese di mister Torrente in quello che tutti sperano sia il campionato de “la volta buona”. Scongiurato uno sciopero che avrebbe avuto del ridicolo, domani si apriranno ufficialmente le danze. Il debutto si terrà con le luci artificiali (inizio previsto alle ore 20.30) e dovrebbe essere subito accompagnato da una gran numero di tifosi al seguito. Una notizia importante, quest’ultima, che la dice lunga su quello che è l’entusiasmo venutosi a creare in queste ultime settimane tra appassionati e fedelissimi, galvanizzati dai tanti arrivi di spessore e anche dalle ottime indicazioni fornite nelle prime uscite. Mister Torrente, peraltro, è di per sé una piccola garanzia: un allenatore giovane ed ambizioso che accetta di scendere di categoria pur avendo offerte dalla serie B, sposando il progetto presentatogli dall’amico Simoni vorrà senz’altro iniziare nel migliore dei modi, onde evitare di perdere punti preziosi per strada sin dalle prime

DOMANI LA PRIMA GIORNATA

Cremonese in azione contro il Vireggio (foto L. Dassi)

battute. Quanto ai giocatori, l’arrivo dell’esterno destro Abbate ha chiuso il cerchio dell’ennesima rivoluzione grigiorossa, garantendo però elementi importanti per fare il salto di categoria. I favori

dei pronostici degli addetti ai lavori ormai non fanno più né caldo né freddo, anche perché non hanno mai portato fortuna. Ora si tratta di concretizzare fin da subito sul campo gli sforzi fatti dalla società e il

1ª GIORNATA (1-9) Feralpi Salò-Unione Venezia, Lumezzane-Pro Vercelli, Pro Patria-Cremonese, San Marino-Carrarese, Savona-AlbinoLeffe, SudTirol-Reggiana, Virtus Entella-Como, Vicenza-Pavia. 2ª GIORNATA (8-9) AlbinoLeffe-SudTirol, Carrarese-Virtus Entella, Como-Vicenza, Cremonese-Feralpi Salò, Pavia-Savona, Pro Vercelli-Pro Patria, Reggiana-San Marino, Unione Venezia-Lumezzane. La gara AlbinoLeffe-Cremonese, valevole per la 3ª giornata, sarà disputata venerdì 13 settembre alle ore 20.45 con diretta su RaiSport 1. Ricordiano che in Prima Divisione, va direttamente in B la prima di gni girone, mentre accedono ai playoff le squadre classificate dal 2° al 9° posto. In questa stagione non vi sono retrocessioni. gran lavoro svolto in fase di preparazione estiva. Partire con una vittoria all’esordio sarebbe una importante iniezione di fiducia per tutto il gruppo, oltre che per un ambiente pronto a fare da dodicesimo

uomo in campo come ai tempi di Prisciandaro. La Pro Patria si presenta all’appuntamento con una formazione imbastita di giovani e un ex di lusso come Matteo Serafini, ormai bandiera dei bustocchi, arrivato nel calcio che conta soprattutto grazie alla Cremonese guidata da Nanu Galderisi. PROBABILE FORMAZIONE (4-3-3): Bremec, Abbate, Caracciolo, Moi, Visconti, Martina Rini, Loviso, Palermo, Carlini, Abbruscato, Casoli. All.: Torrente. *** ABBONAMENTI Oggi e domani le biglietterie di via Cardinal Massaia a Cremona resteranno aperte con orario 10-13 per la sottoscrizione degli abbonamenti della stagione sportiva 2013-2014 e della supporter card. CREMO IN TV Per la stagione 2013-14 Cremona 1 si è aggiudicata in diritti per la trasmissione delle dirette esterne e delle differite delle partite in casa della Cremonese. Il primo appuntamento è per domani sera dallo stadio “Speroni” di Busto Arsizio per Pro Patria-Cremonese. Collegamento a partire dalle ore 20 con la presentazione dell’incontro.

Casalese in campo Pergolettese, da domani si fa sul serio con il Biancazzurra

LEGA PRO Dopo l’eliminazione in Coppa, i gialloblu esordiscono in campionato con l’Alessandria di Tiziano Guerini

La Pergolettese è stata eliminata dalla Coppa Italia: viva la Coppa Italia se sarà servita a meglio assestare la squadra in vista del campionato che sta per partire. Perché le due partite con il Renate e con il Como delle indicazioni precise le hanno date. Certamente non basta capire qual è il meglio per agire di conseguenza, perché si fa il pane con la farina che si ha; però i campanelli d’allarme sono suonati. Nel confronto casalingo con il Renate (squadra di medesima categoria) alla fine si è trovato un pareggio (1-1), sia pure spendendo molte energie; con il Como, squadra di categoria superiore, il Pergo ha resistito fino ai tempi di recupero, per poi farsi infilare due volte (risultato 3-1). Non sono mancate le note positive, legate soprattutto alla voglia dei giocatori di correre e di aggredire gli spazi e la palla; né qualche attenuante come il tempo pessimo nella prima frazione nella gara con il Como, o in entrambe le partite, arbitri non sempre al meglio, oppure l’assenza, a Meda,

Jeda e Tacchinardi

di Alessio Jovine che nel primo confronto era parso fra i migliori. Si sono visti però anche alcuni difetti, primo fra tutti il rischio che la squadra vada fuori giri per eccesso di agonismo. Va bene essere grintosi, ma il Pergo che si è visto nelle due partite di Coppa Italia con punti in palio, è parso troppo arrembante e quindi dal gioco troppo dispendioso e rischioso: difficile mantenere alto il ritmo per tutta una partita, compreso il recupero e ancor più difficile mantenerlo per diverse partite di seguito; e poi con 5 ammonizioni

con il Renate e 4 con il Como, oltre una espulsione a partita (Emanuele Bardelloni in casa e Nicolò Esposito a Meda) non si va molto lontano! Ci sono dei momenti durante una partita, in cui occorre saper tirare il fiato, prender tempo, saperla gestire, insomma. Per questo è del tutto condivisibile quanto l’allenatore Alessio Tacchinardi – che pur predica velocità e agonismo – va ripetendo: a questa squadra mancano due uomini di esperienza e soprattutto un riferimento di qualità a centrocampo. Senza nulla togliere ai giocatori che hanno dato tutto. Ma è proprio questo che preoccupa: che si debba sempre e comunque dare tutto! Un campionato difficile e lungo come quello che attende il Pergo non lo si può affrontare sempre con il coltello fra i denti. Che a questo possano servire il già acquisito attaccante Jeda Capucho Neves e il probabile Filippo Sambugaro è quanto tutti si augurano. Anche se il primo ha cambiato 10 squadre da che è arrivato in Italia e il secondo è reduce da due stagioni nella Cremonese con poche presenze perché si è

sottoposto a un duplice intervento chirurgico. Intanto domani arriva la prima di campionato (ore 15 al Voltini) con il Pergo che ospita l’Alessandria. I “grigi” del presidente Luca Di Masi non sono più la squadra che seppe crescere un campione come Gianni Rivera, ma sono comunque considerati fra i favoriti del campionato. L’allenatore Egidio Notaristefano è soddisfatto dagli incontri di Coppa Italia e carica la squadra per fare un ottimo campionato. Una curiosità: nell’Alessandria gioca da quest’anno una vecchia conoscenza del pubblico cremasco, Michele Marconi che nella stagione 2010-2011 fece parte della formazione gialloblu. L’Alessandria partirà pure con il pronostico favorevole, ma per ora tutte le squadre sono a zero: i veri favoriti usciranno dalle vittorie ottenute sul campo. Per questo “forza Pergo!”. 1ª GIORNATA (1-9 h 15) Bassano-Rimini, Bra-Vecomp Verona, Castiglione-Real Vicenza, Mantova-Bellaria (h 20.30), Monza-Delta Porto Tolle (h 20.30), Pergolettese-Alessandria, Renate-Spal, Santarcangelo-Forlì, Torres-Cuneo.

PROMOZIONE

Che la Coppa serva soprattutto per rodare la squadra in vista del campionato spesso è vero, a volte è una scusa per giustificare brutte figure di inizio preparazione. Per la Casa-lese e il suo tecnico Terenzio Agazzi il discorso non fa una piega. La Casalese 2013-2014 è ancor più giovane della recente tradizione: valga la constatazione che il più “vecchio” in rosa è classe 1990. Questo preambolo per dire che sul campo del Brescello, dove i biancocelesti hanno esordito domenica scorsa in Coppa Emilia perdendo 4-2, l’obiettivo era soprattutto quello di crescere dal punto di vista atletico e dell’amalgama. E su entrambi i fronti Agazzi può dirsi soddisfatto: contro una squadra come quella reggiana, data tra le protagoniste del campionato, la Casalese è andata sotto 0-4 (sprecando in verità alcune ghiotte chance), poi ha segnato due reti arrivando addirittura nel finale vicino a rimettere in discussione il risultato. Proprio per questo, la condizione atletica sembra a buon punto e il carattere ai ragazzi non manca di certo. Domenica, intanto, si chiude il capitolo di Coppa Italia: in Baslenga alle 15.30 arriva il Biancazzurra. Vanni Raineri


Sport

23

Sabato 31 Agosto 2013

CANOTTAGGIO

Poca fortuna per Cagna ai Mondiali coreani

L’avvicendamento tra casalaschi (Cagna per Raineri), non ha portato risultati concreti per il quattro di coppia ai Mondiali di Chungju in Corea del Sud. Una barca storica, oro a Sydney e argento a Pechino, che da un paio d’anni è lontano dai migliori del mondo. Per il giovane Gabriele Cagna (insieme a Rambaldi, Venier e Montrone) è arrivato un deludente 5° posto in semifinale, che non può certo soddisfare i tecnici federali. La strada che porta a Rio 2016 è lunga e tutta in salita per il quadruplo azzurro. Intanto, ieri sono arrivate molte soddisfazioni e medaglie dalle specialità non olimpiche. Gli ori sono stati conquistati da Zaharia, Amarante, Molteni, Barbaro, Oppo, Serpico, Schisano, Di Girolamo (timoniere D'Aniello) nell’otto Pesi Leggeri e da

Parlato, Abbagnale (timoniere D'Aniello) nel due con. Poi c’è stato l’argento di Goretti-Luini nel due senza Pesi Leggeri e i bronzi di Masserano, Marasca, Pollini, Trivella nel quattro di coppia Pesi Leggeri donne e di Ghidini, Mulas, Cereda, Rigon nel 4 di coppia Pesi Leggeri. Piazzamento (5° posto) per Basadonna, Bellio, Vannucci, Noseda nel quattro senza femminile, mentre l’atteso doppio di Fossi-Battisti è giunto terzo in semifinale e in finale punta a una medaglia. Sempre in tema di Mondiali (a Trakai in Lituania), nel mese di agosto il remo provinciale ha esultato per l’affermazione di Valentina Rodini (della Bissolati) nel quattro di coppia femminile (primo oro ai Mondiali Junior in questa specialità per l’Italia). Insieme alla Rodini, hanno gareggiato

Valentina Iseppi (Sc G. D’Annunzio), Stefania Gobbi (Sc Padova) e Chiara Ondoli (Sc De Bastiani). In tutto l’Italia ha vinto 6 medaglie (2 d’oro, 3 d’argento e 1 di bronzo), terza nel medagliere. «E’ stato un mondiale positivo - ha detto il tecnico azzurro Claudio Romagnoli - che chiude la stagione internazionale junior in maniera eccellente e per questo voglio ringraziare il direttore tecnico Giuseppe La Mura, per la fiducia accordatami, e tutti i miei collaboratori e, in maniera particolare, il mio coadiutore Massimo Casula. E’ grazie a loro, se l’Italia ha ottenuto il successo di Trakai. Grazie anche a tutti gli allenatori societari che hanno dato la loro disponibilità a lavorare con la Nazionale e alle società per il loro prezioso contributo».

Il quattro di coppia della Rodini (© Canottaggio.org - ph Mimmo Perna)

Vanoli al lavoro per essere competitiva In attesa di completare il roster la rinnovata formazione biancoblu si allena con impegno in vista dei primi test

LEGA A Con tanti nuovi innesti, il lavoro di coach Gresta si annuncia impegnativo, ma non impossibile

L

di Giovanni Zagni

unedì scorso, il 27 agosto, è suonata la campanella per le “truppe Vanoli”. Sono finite le vacanze ed il gruppo, invero ancora incompleto, ha iniziato presso la Canottieri Baldesio il lavoro in vista del campionato di serie A che vedrà il suo start la seconda settimana di ottobre (a lato il calendario dei biancoblu) con l’esordio sul campo dei campioni d’Italia di Siena. Dopo il primo impatto tra Baldesio e PalaRadi, la squadra si trasferirà a Carisolo per una settimana, dove dovrebbe disputare il primo test contro Trento. Il primo incontro amichevole a Cremona è fissato con Varese per il 18 settembre. Seguiranno altri test amichevoli e tornei per arrivare rodati all’esordio. Si diceva di qualche assenza il primo giorno e più precisamente riguardanti Jason Rich e Ben Woodside per ragioni burocratiche destinate a risolversi nel breve, mentre Jackson è rientrato nei ranghi a metà settimana. Più problematico l’arrivo a Cremona di Olasewere, che sta giocando l’Afrobasket e sarà disponibile tra una settimana circa. Insomma, ancora qualche giorno di pazienza e poi ci saranno tutti i “nostri eroi” a sgobbare per trovare insieme le giuste motivazioni e l’amalgama necessario al buon esito della nuova avventura. Ci pare superfluo fare previsioni sull’esito del campionato. Lasciamo lavorare in pace tecnici e preparatori, nonché lo staff medico ed alle prime uscite potremo farci un’idea,

A Groppi-Gambazza l’ultima notturna

Con un altro successo “straniero” si è concluso il trofeo “Lomar”, ottava (ed ultima) manifestazione notturna del calendario cremasco: significativa la partecipazione dei giocatori (ben 104 formazioni!) e tanto pubblico attorno alle corsie di gioco per la fase finale. Sul gradino più alto del podio della gara (separata al possibile) e organizzata dalla Polisportiva Madignanese sono saliti, con pieno merito, i codognesi Massimo Gambazza e Mario Groppi. Superato l’insidioso scoglio del recupero contro la famiglia Visconti (12-8), Gambazza e Groppi s’imponevano sui milanesi Suardi e Santi ancora per 12-8 ed in semifinale eliminavano GattiValdameri per 12-7. Dall’altra parte del tabellone in evidenza Luca Pedrini e Carlo Desenzani. I portacolori della “Soms” Torre battevano nel recupero i milanesi Travagliati e Andreoli (12-9), nei quarti di finale i lodigiani Ganelli-Bignami (12-6) ed in semifinale avevano la meglio sui cremaschi Rossi-Ferrari per 12-9. Nulla da fare in finale per i pur bravi cremonesi che trovavano disco rosso contro Gambazza e Groppi: punteggio finale 12-5. Ha diretto la gara Franco Stabilini coadiuvato dagli arbitri di finale Ermanno Barbati e Alessandro Morena.

1ª GIORNATA (A 13-10-2013 • R 19-01-2014) Siena-Cremona

9ª GIORNATA (A 08-12-2013 • R 23-03-2014) Cremona-Venezia

2ª GIORNATA (A 20-10-2013 • R 26-01-2014) Cremona-Bologna

10ª GIORNATA (A 15-12-2013 • R 30-03-2014) Reggio Emilia-Cremona

3ª GIORNATA ´ (A 27-10-2013 • R 02-02-2014) Brindisi-Cremona

11ª GIORNATA (A 22-12-2013 • R 06-04-2014) Cremona-Pesaro

4ª GIORNATA (A 03-11-2013 • R 16-02-2014) Cremona-Sassari

12ª GIORNATA (A 26-12-2013 • R 19-04-2014) Milano-Cremona

5ª GIORNATA (A 10-11-2013 • R 23-02-2014) Pistoia-Cremona

13ª GIORNATA (A 29-12-2013 • R 27-04-2014) Cremona-Varese

6ª GIORNATA (A 17-11-2013 • R 02-03-2014) Cremona-Cantù

14ª GIORNATA (A 05-01-2014 • R 04-05-2014) Cremona-Caserta

7ª GIORNATA (A 24-11-2013 • R 09-03-2014) Cremona-Roma

15ª GIORNATA (A 12-01-2014 • R 11-05-2014) Montegranaro-Cremona

8ª GIORNATA (A 01-12-2013 • R 16-03-2014) Avellino-Cremona

Altri eventi: Supercoppa l’8 ottobre 2013, Coppa Italia il 7-8-9 2014 febbraio e l’All Star Game il 14 aprile 2014.

almeno sulle nostre effettive potenzialità come gruppo, per poi accostare questo dato a quello degli avversari che qualcuno vuole meno attrezzati del passato, se si esclude l’Armani Milano. Intanto, auguriamoci che la preparazione proceda senza incidenti ed il gruppo si formi il più presto possibile con tutti i suoi effettivi in buona salute fisica e

psicologica. A Gigio Gresta il nostro particolare in bocca al lupo, poichè lo attende un lavoro non facile alle prese con una squadra semi nuova e tutta da costruire. IL ROSTER ATTUALE DELLA VANOLI Brian Chase, Klaudio Ndoja, Travis Jermaine Watson, Sime Spralja, Jarrius Jackson, Jason Rich, Benjamin

SERIE A2

Il Basket Team Crema lunedì torna a lavorare

Jason Rich

Woodside, Jamal Olasewere, Andrea Conti. Coach Gresta. NAZIONALE INCEROTTATA LE ASSENZE Dopo Danilo Gallinari, Daniel Hackett e Andrea Bargnani, anche il capitano Stefano Mancinelli dovrà saltare l’Europeo per infortunio. Per Pianigiani fare risultato nella rassegna continettale diventa un’impresa.

Si parte. Lunedì prossimo il Basket Team Crema torna ad allenarsi sotto la guida del neo coach Luca Visconti. Sarano cinque settimane di intenso lavoro che dovranno portare la squadra nelle migliori condizioni in vista dell’esordio in campionato il 13 ottobre contro Ancona, attesa sul parquet della Cremonesi. Intanto, ad agosto la società ha lavorato sodo per allestire un roster competitivo, del quale fanno ancora parte Martina Picotti e Barbara Gibertini, confermate anche per la prossima stagione. Poi nelle ultime settimane la società ha ufficializzato l’arrivo in maglia azzurra di Cecilia Zagni e Marta Scarsi. Due giovani promettenti, arrivate a Crema in prestito ed con il doppio tesseramento per dare loro l’opportunità di giocare con la squadra di appartenenza, l’Assi Cremona, nel campionato Under 19 Open dove avranno ancora modo di ritagliarsi quel ruolo da protagoniste che le ha portate ad ottenere ottimi risultati in ambito giovanile e di conseguenza a meritarsi la chiamata nelle rappresentative nazionali. Ecco il precampionato delle azzurre (ancora provvisorio): 7 settembre Basket Team Crema-Lussana Bergamo (A3) alle 18); 14 settembre Broni-Crema; 25 settembr: Geas Sesto San Giovanni-Crema; 5-6 ottobre Torneo Pasquini con Crema, Geas, Broni e Sanga Milano.

BOCCE

Miglioli è implacabile nel trofeo “Beccari” di Massimo Malfatto

Sono stati i bocciofili di casa nostra i veri protagonisti sulle corsie piacentine, al di là del ponte, nel memorial “Brenno Beccari”. Una vittoria impressionante quella dei cremonesi giunta nei numeri: en plein nei primi quattro posti della classifica generale. Il marchio è di Oscar Miglioli, una vittoria sofferta ma ampiamente meritata. Iscritti 143 giocatori (una quarantina di Cremona!) alla gara regionale ben organizzata dalla bocciofila Coop di Castelvetro. Miglioli superava nei quarti il piacentino Attilio Marzolini (12-7) ed in semifinale s’imponeva (sul filo di lana) su Maurizio Vicardi, con una bocciata decisiva al volo di tre punti. Nella parte bassa del tabellone in evidenza Giorgio Tessadri.

Il portacolori del “Ferroviario” aveva la meglio negli ottavi su Stefano Mancin (12-8), di seguito superava il beniamino di casa Claudio Bulfari (12-10) ed in semifinale annichiliva il compagno di società Enrico Mereni con un perentorio 12-2. Finale a senso unico dove prevaleva la maggior tecnica di Miglioli su Tessadri: punteggio finale 12-2 e secondo successo stagionale per il portacolori della “Brescia Bocce”. Ha diretto la gara Gianluca Giulivi, arbitri di finale Luigi Bravi, Alfredo Briggi e Sergio Perdoni. Alle finali presenti, tra gli altri, il presidente del comitato di Piacenza Remo Beccari (la gara era in ricordo del fratello!) ed il vicesindaco di Castelvetro Silvia Granata, mentre gli onori di casa sono stati fatti dal presidente della bocciofila Gianni Cofferati.

Oscar Miglioli premiato da Remo Beccari, il nipote Marcello, assessore allo sport e dal vice sindaco

Il mondo delle bocce piange Favalli Mattia Visconti, show a Cremosano

Il mese di agosto è stato contrassegnato da attività agonistica, ma soprattutto da un grave lutto che ha colpito lo sport cremonese delle bocce. Nel tardo pomeriggio di sabato 10 a San Daniele Po, in un incidente stradale, è morto Carlo Favalli che ha lasciato costernati i familiari ed i tanti amici che lo conoscevano. Persona semplice, seria, molto professionale e sempre disponibile Favalli, 59 anni, era andato in pensione da pochi mesi. Giocava da un paio di anni alla bocciofila Astra con discreti risultati (lo ricordiamo nel 2012 con Botta vincitore

del trofeo Marcheselli) ed in precedenza aveva indossato, tra l’altro, la maglia delle Querce e del “Ferroviario”. Spesso mi ero confrontato con lui scambiando varie opinioni. Proprio il giorno precedente il tragico evento, al Comunale e con il suo solito sorriso mi aveva manifestato: «Ora che sono in pensione ed ho tempo libero, mi allenerò e preparati che ti farò scrivere parecchio!». Io ero pronto, ma purtroppo così non è stato e l’ultima pagina è quella che non avrei mai voluto narrare. M.M.

Lucido, spietato nelle giocate (da applausi), determinato e concentrato: stiamo parlando di un Mattia Visconti semplicemente perfetto, che ha dominato i trofei Italo Manclossi, Francesco Costi ed Osvaldo Cremonesi organizzati dalla bocciofila Cremosanese. Dopo essersi sbarazzato di Giuseppe Chiellino (12-3), l’allievo Visconti superava Francesco Tomella per 12-7. Approdava in finale anche Alberto Pedrignani che eliminava nel recupero Gianpietro Frattini, nei quarti Roberto Visconti (12-8), mentre in semifinale aveva la meglio su Giuseppe Lacchini per 12-11. Finale equilibrata e questa volta era l’allievo (Visconti) ad

avere la meglio sul professore (Pedrignani): punteggio finale 12-10, ma tanti applausi del numeroso pubblico per entrambi i bocciofili. Ha diretto la gara Francesco Lanzi, arbitri di finale Lorenzo Stabilini e Morrys Vailati. ITALIANI JUNIORES A Roma, presso il Centro Tecnico Federale, sono in programma i campionati maschili e femminile che vedranno la partecipazione di 272 atleti. Nella categoria Ragazzi questa mattina (ore 9) in corsia Nicholas Testa, unico rappresentante cremasco così come Cremona che sarà presente con Mattia Visconti nella categoria Allievi. M.M.


24

Sport

Sabato 31 Agosto 2013

CORSE IN PROVINCIA

Gazzoli trionfa a Soncino, la Reggiolese a Piadena

(F.C.) La società ciclistica Reggiolese l’ha fatta da padrona a Piadena nel Trofeo Officina Sinelli, raduno per la categoria Giovanissimi, organizzato dal Gruppo Ciclistico Amatoriale, vincendo quattro delle sei gare: con Daniele Costa Pellicciari (G1), Leonardo Longagnani (G2), Osama Essadqui (G3) e Nicolò Costa Pellicciari (G4) si è garantita il frofeo a punti. Nelle altre due prove riservate alla G5 e G6 hanno prevalso Davide Colombacci (Team Barba) e Mattia Pinazzi (Pol. Torrile). L’Imbalplast di Soncino

terzo posto nella G3, di Matteo Bertesago (Imbalplast) quartonella G4, Gabriele Coloberti (Imbalplast) terzo nella gara riservata alla G5 e Simon Curlo (Imbalplast) al posto d’onore nella G6 e quarto posto per Michele Guarnieri (CC Cremonese-Arvedi). MICHELE GAZZOLI PIU’ VELOCE A SONCINO Michele Gazzoli (argento nella Corsa a punti su pista e bronzo

ha vinto il trofeo per il maggior numero di partenti. Nulla da fare per i virgulti provinciali, che hanno devovuto accontentarsi del quinto posto del casalese Federico Bini (Gioca in Bici Oglio Po) nella gara dei 7 anni; nella G2 posti d’onore per Mirko Coloberti (Imbalplast) e Federica Ven-turelli (CC Cremonese-Arvedi). Buona anche la prova di Manuel Mosconi (Imbalplast),

agli italiani su strada a Boario Terme), 14enne di Ospitaletto (Bs) ha trionfato nel “13° Trofeo Zuccotti Assicurazioni Groupama” a Soncino, gara unica per Esordienti, patrocinata dalla ciclistica Imbalplast. Gazzoli è stato il più veloce, con otto successi nel 2013 e all’arrivo ha preceduto il trentino Daniele Cattani (CC Forti e Veloci Trento) e il cremonese Andrea Manini (CC Cremo-

nese 1891-Arvedi). Diego Bosini (CC Cremonese 1891-Arvedi) è salita sul trono dei tredicenni del primo anno, davanti al varesino Noel Guizon (Gs Prealpino) e il cremasco Paolo Rocco (Gs Corbellini). La volata è stata viziata da una caduta ai 300 metri dall’arrivo nella quale sono rimasti coinvolti due corridori subito soccorsi e trasportati al vicino ospedale per accertamenti.

CC Cremonese e Imbalplast sugli scudi CICLISMO Belle affermazioni degli atleti provinciali ed in particolare di Diego Bosini sulle strade di Salvirola

R

ivisitando l’ultimo mese di gare, Il Club Cicistico Cremonese 1891-Arvedi si è aggiudicato il 1° Trofeo Cicli Francesconi a Salvirola, patrocinato dalla Uc Cremasca, grazie al cremonese Diego Bosini, che ha così conquistato corsa e titolo di campione provinciale degli Esordienti del 1° anno e con Davide Gastaldi quello del 2° anno. La lettura del la corsa? Dopo aver scremato il gruppo Diego, con un’ altra “sgasata” delle sue, tutto solo ha vinto tra i tredicenni. Il gruppo è giunto a soli 6” ed è stato regolato dal salvirolese Anselmo Francesconi COLOBERTI, MOSCONI E CURLO OK A RICENGO Nel 10° Trofeo Comune di Ricengo, l’Imbalplast di Soncino, società organizzatrice, ha fatto centro nel torneo a punti e in quello per il maggior numero di partecipanti. Nella classe 2005, Mirko Coloberti dell’Imbalplast ha preceduto il compagno di squadra Marco Dadda, mentre tra i nati nel 2004 Manuel Mosconi (sempre dell’Imbalplast) ha avuto la meglio sul brianzolo Thomas Chianello (Lissone). Gloria anche per Simon Curlo (Imbalpast), che si è imposto tra i nati 2001, davanti a Shaaban El Haddad (Gs Corbellini Ortofrutta

La volata di Genivolta (foto Giuseppe Belli)

Crespiatica) e alla lodigiana Lucrezia Francolino (Sc Muzza ’75). Simon Curlo si è poi ripetuto a Dosimo nel “3° Trofeo Sagra di Santa Colomba”, organizzata dal Gruppo Sportivo di Persichello, con il patrocinio del CC Cremonese-Arvedi, che ha visto l’affermazione nel torneo a punti del team bresciano Gs Sprint Ghedi. Sei gare dai 7 ai 12 anni, con un solo lampo casereccio, appunto di Simon Curlo, dodicenne ber-

gamasco dell’Imbalplast, che con una volata rabbiosa non ha concesso spazio ai suoi avversari battendoli nettamente sotto lo striscione d’arrivo. Secondo Luca Rizzi (Sprint Ghedi), terzo Shaaban El Haddad (Gs Corbellini Crespiatica). Gli altri vincitori: G1 Elia Montezzani (Pedale Castellano), G2 Daniele Colombo (Caluschese), G3 Matteo Bicelli (Sprint Ghedi), G4 Michael Cattani (Pol. Torrile), G5 Giorgio Cominetti (Romanese).

Momento magico per Francesconi ESORDIENTI

E’ un momento magico per il cremasco Anselmo Francesconi (Uc Cremasca) Esordiente del primo anno: in Toscana ha battuto il campione italiano Davide Frequintini (Olimpia Valdarnese) e Alessandro Del Ry (Gs Bustese). Non sazio, Francesconi è sfrecciato anche a Calvagese della Riviera (Bs), lasciando alle spalle il campione provinciale cremonese Diego Bosini (CC CremoneseArvedi) e il cremasco Paolo Rocco (Gs. Cor-bellini Crespiatica). Infine, sul traguardo di Arcore, a braccia alzate il tredicenne cremasco ha centrato la sesta vittoria stagionale, imponendosi ancora su Bosini. Simone Moro, infine, campione italiano della velocità su pista Allievi, ha vinto allo sprint il 72° Gp San Rocco di Isorella (Bs). Ha preceduto Coccoli (Feralpi Monteclarense) e Petri (Vc Bottagna). F.C.

La Pomì lavora duramente per crescere

TRIATHLON

VOLLEY A1

Cresce l’attesa per il “Città di Cremona”, in programma domani e valido per il rank italiano (500 gli iscritti) La manifestazione è organizzata del Triathlon Cremona Stradivari e si disputa sulla distanza Sprint: 750 metri a nuoto, 20 km in bicicletta, 5 km di corsa. L’evento è ospitato dal centro sportivo Stradivari (in via Milano 13 G a Cremona), dove si svolge la prova di nuoto (nella piscina da 50 metri) e sono posizionate la zona cambio e la zona d’arrivo. I percorsi esterni in bicicletta (2 giri da 10 km) e di corsa (1 giro da 5 km) sono interamente chiusi al traffico per garantire agli atleti il massimo della sicurezza. La partenza della prima batteria è fissata alle ore 10. A Cremona tutto è pronto, dunque, per le mille emozioni dello spettacolo chiamato triathlon. Nel frattempo, lo scorso week end gli atleti del Triathlon Stradivari si sono messi in luce. Nel Triathlon Super Sprint in Val Gardena, Mirko Bonfiglio ha colto un ottimo terzo posto a 10” dal vincitore. Nell’Italy Man Triathlon K113 a Melgrate, Claudio Tavecchio è entrato tra i primi 10, cogliendo un positivo 8° posto. Bene anche Eddy Guadrini, giunto al traguardo con il 13° tempo. Hanno terminato la prova anche Maurizio Manfredini (26°) e Roberto Paracchini (36°).

Prosegue senza soste la preparazione della Pomì Casalmaggiore, che nei giorni scorsi ha accolto Florencia Aguirre Perdomo, che appena arrivata dall’Uruguay, ha vestito pantaloncini e maglietta ed è scesa sul parquet della Baslenga per partecipare alla seduta della squadra. Una partecipazione non attiva, essendo ancora vivo l’effetto del fuso orario, ma che non ha impedito alla sudamericana di fare assistenza alle compagne, di osservarle durante i vari esercizi e di prendere parte alla fase di streaching. E’ iniziata così l’avventura con la maglia rosa di Florencia, che poi affermato: «Sono felice di essere arrivata in Italia ed in particolare alla Pomì. Per me prendere parte a questa avventura è una grande occasione che intendo sfruttare per dimostrare tutto il mio valore. Dispiace non aver preso parte all’allenamento, ma la stanchezza del viaggio me lo ha impedito, ho voluto comunque stare vicino alla quadra per conoscere le mie nuove compagne. Il campionato italiano è un ottimo palcoscenico, se sono qui è perché voglio imparare ancora molto e la Pomì

Domani si disputa il “Città di Cremona”

FORNONI E CORBETTA DEL CCCARVEDI DA APPLAUSI Il lecchese Alessio Fornoni, Juniores del CC Cremonese-Arvedi, ha strappato applausi a Cimbro nel Varesotto, dove è salito sul podio con il terzo posto, nella corsa vinta da Federico Burchio (Lions Team) davanti a Luca Busulto ( Esperia Piasco). Dominio straniero nell’ internazionale Trofeo Emilio Paganessi per Juniores a Verteva (Bg): la vittoria è andata al russo Dmitry Strakhov (Team Lokosphinx), con lo Junior lombardo Nicolò Corbetta (CC Cremonese-Arvedi) giunto quarto. MEMORIAL MARCO NOCI” Stefano Moro, bergamasco della Romanese, ha dettato legge nel “14° Memorial Marco Noci” a Genivolta, classica di Ferragosto, organizzata dall’Imbalplast di Soncino, con al timone di regia il direttore sportivo Alessandro Terenzi. Moro, ciclisticamente cresciuto nel vivaio dell’Imbalplast, si è imposto su Imerio Cima (Feralpi Montecla-rense) e a Thomas Valota (Pol. Ravasio). Sesto posto per Michele Sambusiti (CC Cremonese-Arvedi), che si è così laureato campione provinciale. Stefano Moro, ha coperto i 78 km in 1h56’, media 40,345 km/h. Fortunato Chiodo

La Pomì durante la presentazione

mi è sembrato l’ambiente giusto per poterlo fare». Oltre alla sudamericana, altre due giocatrici si sono aggregate alla squadra, Tina Lipicer e Geraldina Quiligotti che i tifosi casalaschi avevano potuto conoscere in sede di presentazione della squadra prima della partenza per il ritiro di Forte dei Marmi. Per il giovane libero toscano, ancora in fase di recupero dall’infortunio al piede riportato dopo un incidente in motorino nella sua Livorno, qualche esercizio riabilitativo e di rinforzo della parte interessata. L’attaccante slovena è

invece arrivata a salutare le compagne e lo staff al termine dell’allenamento. Un allenamento che ha visto le giocatrici cimentarsi con i primi attacchi, da tutte le zone, dalla prima come dalla seconda linea. Apprezzabile la fase di salto esternata da tutte, a segnalarsi per potenza e precisione Lucia Bacchi, ma ad impressionare sono stati anche i colpi di attacco della centrale serba Jovana Stevanovic e la disinvoltura di Valentina Zago. Insomma, la Pomì cresce e dimostra di trovarsi a proprio agio con i carichi di lavoro ed i ritmi

imposti dal preparatore tecnico Riccardo Ton e dei tecnici Alessandro Beltrami e Giorgio Bolzoni. Naturalmente non sono presenti le due azzurre, Letizia Camera e Alessia Gennari impegnate in Giappone nel World Grand Prix. Malgrado le sconfitte, per entrambe le giocatrici si tratta di un’esperienza probante, ma costruttiva: la palleggiatrice piemontese per ora ha avuto poche occasioni per scendere in campo, mentre la Gennari ha invece avuto modo di trovare spazio come libero stante l’indisponibilità della Di Gennaro. Un ruolo insolito per lei, abituata a giostrare in posto quattro, ma comunque importante per permetterle di mettersi in mostra e di misurarsi con il livello di gioco di una competizione internazionale. IL ROSTER Palleggiatrici Letizia Camera e Beatrice Agrifoglio; liberi Imma Sirressi e Geraldina Quiligotti; centrali Jovana Stevanovic, Florencia Aguirre e Rossella Olivotto; opposte Valentina Zago e Giuliana Grazietti; banda Lucia Bacchi, Alessia Gennari e Tina Lipicer.


LOMBARDIA 250.000 EURO

Progettare la parità, bando per le associazioni

Latte: servono misure per tutelare il sistema

S

i torna a parlare della questione latte, in una situazione che si presenta sempre più tesa tra produttori e trasformatori. Un tema su cui è intervenuto nei giorni scorsi l'assessore all'Agricoltura della Regione Lombardia Gianni Fava, invitando le parti alla responsabilità verso l'attuale condizione di mercato. «Il muro dei 50 centesimi al litro superato a Lodi per le quotazioni di latte spot (in cisterna, ndr), commercializzato al di fuori dei contratti annuali o semestrali, rilancia la questione del prezzo e dei rapporti fra allevatori e industria di trasformazione, sui quali è bene riflettere» ha sottolineato Fava. «Agli industriali del settore lattiero-caseario chiediamo di chiudere in fretta la vertenza sul prezzo anche con chi è rimasto fuori dall'accordo di luglio, rendendo così equa la quotazione per tutti i produttori. Non possiamo tollerare altre tensioni a lungo su questo segmento di mercato, anche alla luce dei dati Agea, che descrivono una flessione delle produzioni in Lombardia del 2,45 per cento nel primo semestre del 2013, rispetto allo stesso periodo di un anno fa». La questione dei dati Agea è un'altro problema da non sottovalutare, e che fanno emergere chiaramente una situazione di difficoltà, «in cui gli allevatori risultano vittime di più fattori» fa sapere Fava. «Se nulla si può fare per intervenire sui prezzi di un libero mer-

DOTE V ANNO

di tonnellate di latte, perdendo il 2,45 per cento su base tendenziale, - prosegue Fava - dobbiamo preoccuparci e richiamare l'attenzione non solo del Ministero delle Politiche agricole, ma di tutto l'Esecutivo». La preoccupazione dell'assessore

cato, ancora una volta mi trovo a sollecitare il Governo a prendere in mano la situazione e dare volto a una politica, che metta le imprese agricole e zootecniche in condizioni di produrre. Quando leggiamo che la produzione lombarda si è fermata a 2,351 milioni

Contributi per cultura, musica e danza Verrà pubblicato in questi giorni l’Avviso unico per la concessione di contributi destinati alla promozione educativa e culturale, alle biblioteche, ai musei, alla musica e danza. L'Avviso Unico è articolato in 4 sezioni, ognuna riferita a uno specifico ambito culturale: invito per la presentazione di progetti di promozione educativa e culturale di preminente interesse regionale (l.r. 9/1993); invito per la presentazione di progetti per la valorizzazione di biblioteche e archivi storici di enti locali o di interesse locale (l.r. 81/1985); invito per la presentazione di progetti per la valorizzazione di musei di enti locali o di interesse locale, sistemi museali locali e reti regionali di musei (l.r. 39/74 e l.r. 1/2000); invito per la presentazione di progetti di stagioni di musica, rassegne, festival e circuiti di musica e danza (l.r. 21/2008).

Le risorse complessivamente disponibili per sostenere tali progetti sono pari a 2.407.000 euro. Di questi 850.000 sono destinati a progetti di promozione educativa e culturale, così ripartiti: 450.000 per progetti di promozione e valorizzazione di attività culturali di rilevanza regionale; 150.000 per progetti di valorizzazione delle identità culturali e diffusione delle conoscenze delle tradizioni e della memoria riguardanti le comunità locali della Lombardia; 250.000 per progetti che favoriscono lo scambio culturale e il processo di integrazione europea. Altri 450.000 vanno a biblioteche e archivi storici di enti locali o di interesse locale, mentre 637.000 per progetti e attività relativi a musei, raccolte museali, sistemi museali locali e reti regionali di musei e 470.000 per stagioni di musica, rassegne, festival e circuiti di musica e danza.

I MERCATI AGRICOLI - TABELLA AGGIORNATA A VENERDI’ 30 AGOSTO 2013 (Fonte: Coldiretti Cremona) FRUMENTO tenero buono mercantile

UNITA’ DI MISURA

CREMONA (28 agosto)

MILANO (27 agosto)

MANTOVA (29 agosto)

BOLOGNA (29 agosto)

Tonn.

178-185

195-198

190-194

(fino) 199-204 buono m. 190-195

PRODOTTO

UNITA’ DI MISURA

CREMONA (31 luglio)

MONTICHIARI (30 agosto)

MANTOVA (29 agosto)

VACCHE Frisone 1ª qualità peso vivo

kg.

p.v. 1,06-1,22 p.m 2,40-2,65

1,13-1,20

da macello 1,13-1,23

MODENA (26 agosto)

Tonn.

196-198

210-211

202,5-205,5

202-206

VACCHE Frisone 2ª qualità peso vivo

Kg.

pv 0,82-0,95 pm 1,95-2,20

0,83-0,93

0,92-1,02

SEMI di SOIA Nazionale

Tonn.

n.q.

n.q.

n.q.

n.q.

VACCHE Frisone 3ª qualità peso vivo

kg.

pv 0,55-0,60 pm 1,40-1,60

0,60-0,70

0,71-0,81

ORZO naz. Peso spec. 55-60 peso spec. 66-68

Tonn.

176-182 184-188

199-203 208-210

Fino a 65 203-207 Fino a 70 208-213

(p.spec. 62-64) 189-193 (p.spec. 66-67) 199-203

MANZE SCOTTONE 24 mesi

kg.

pm 2,50-3,00

1,20-1,30

1,29-1,46

Sorgo nazionale n.q.

VITELLI BALIOTTI

1,40-1,70

MONTICHIARI (1° q. 56/60 kg) 1,40-1,50

(da 46 a 55 kg) 1,40-1,60

(45-55 kg) 1,50-2,90

kg.

3,00-4,00

MONTICHIARI 3,85-4,00

3,50-4,10

(pregiate 70 kg) 3,99-4,58

UNITA’ DI MISURA

CREMONA (28 agosto)

MILANO (26 agosto)

MANTOVA (29 agosto)

MODENA (26 agosto)

past. 3,30 centr. 4,00

3,20

Zangolato di creme X burrificaz. 2,75

5,05-5,20

n.q.

--

n.q.

PARMIGIANO REGGIANO 12 mesi 8,45-9,00

GRANOTURCO ibrido naz.14% um.

Tonn.

Triticale 190-193 Sorgo n.q.

CEREALI MINORI CRUSCA Alla rinfusa

141-142

VITELLI BALIOTTI p.vivo (50-60 kg) pie blue belga

kg.

Tonn.

158–160

147–148

152-155

FIENO Maggengo Agostano

Tonn.

145–165 loietto: 145–165

120-165 n.q

Mag. 1° t. 2013 in campo 150-155

PRODOTTO

PAGLIA press. (rotoballe)

Tonn.

85-95

90-100

Paglia di frum. casc. 45-50

BURRO pastorizzato

kg.

3,85

UNITA’ DI MISURA

CREMONA (28 agosto)

MILANO (26 agosto)

MANTOVA (29 agosto)

MODENA (26 agosto)

PROVOLONE VALPADANA fino a 3 mesi

kg.

(dolce) 5,10-5,25

PROVOLONE VALPADANA oltre 3 mesi

kg.

(piccante) 5,30-5,55

PRODOTTO

lombardo è che questa situazione possa avere pesanti ripercussioni sull'intera filiera lattiero-casearia, anche sul piano occupazionale. «Le imprese hanno bisogno di ossigeno, di ritrovare competitività, di poter contare su un sistema-Paese che le accompagni nella valorizzazione del prodotto, compreso l'export delle eccellenze casearie» sottolinea Fava. «Tale arretramento ai livelli del 2011 rischia di porre altre imprese fuori mercato e proprio in quest'ottica andava interpretata la richiesta degli assessori delle Regioni del Nord Italia al Ministero delle Politiche agricole di concedere nuovamente ai produttori la deroga introdotta dalla legge 166/2009, per consentire una diminuzione della trattenuta sul latte fuori quota». «Nessuna volontà di favore verso alcuni o punitiva verso altri - ha osservato Fava -, ma semplicemente un atto di buon senso nei confronti di tutti gli allevatori, per evitare quanto appunto si sta verificando e cioè la chiusura di stalle per mancanza di futuro». A questo proposito Fava annuncia «di proseguire con azioni di sensibilizzazione verso il Ministero, il Governo e, se necessario, anche direttamente a Bruxelles, per consentire a tutte le imprese zootecniche e alla filiera del latte di affrontare lo scenario del libero mercato, previsto per il 1 aprile 2015, in una condizione di competitività con il resto dell'Europa».

STANZIATE RISORSE PER 2.407.000 EURO

Al via la "Dote V anno", che consente l’accesso al percorso annuale di Istruzione e formazione professionale (articolo 15, comma 6, del DLgs. n. 226/05) finalizzato a sostenere l’esame di Stato, utile all’accesso all’Università e all’Alta formazione artistica, musicale e coreutica. L’offerta formativa può essere presentata dalle Istituzioni Formative che abbiano portato a termine nell’anno formativo precedente un percorso di quarta annualità riferito all’area professionale del progetto che intendono presentare. Ad ogni Istituzione Formativa è riconosciuto un numero massimo di doti pari al 13% dei propri allievi diplomati nell’anno formativo 2012/2013. In ogni caso il numero massimo di doti riconoscibili per classe è pari a 20. Il valore massimo della Dote è pari a 4.800 euro per destinatario, nel rispetto del costo orario standard di 4,93 euro.

PRODOTTO

25

Preoccupazione dell’assessore Fava per i dati Agea, che registrano, nel 1° trimestre 2013, un calo di produzione del 2,45%

E' stato pubblicato il bando "Progettare la Parità in Lombardia 2013" che prevede uno stanziamento di 250.000 euro messi a disposizione dalla Giunta a favore di associazioni femminili, Comuni e altre Istituzioni, che contribuiscano all'effettiva attuazione del principio di parità e di pari opportunità nel territorio lombardo. Possono presentare richiesta di contributo le associazioni e i movimenti, tra quelli iscritti nel 2012 all'Albo regionale per le Pari opportunità, che non perseguano fini di lucro e gli Enti locali aderenti alla Rete regionale dei Centri risorse locali di parità. Il contributo massimo erogabile è pari a 10.000 euro e deve corrispondere, al massimo, al 50 per cento del bilancio complessivo del progetto. Le domande di contributo possono essere presentate solo in forma di partenariato (da almeno tre soggetti) e il capofila può essere solo uno dei soggetti indicati. Le domande devono essere consegnate entro venerdì 11 ottobre 2013.

Contributi per la formazione artistica, musicale e coreutica

Sabato 31 Agosto 2013

a cura di Laura Bosio

SUINI Lattonzoli locali

15 kg

3,740

3,79

n.q.

3,740

SUINI Lattonzoli locali

25 kg

2,710

2,77

n.q.

2,710

SUINI Lattonzoli locali

30 kg

2,480

2,54

n.q.

2,470

SUINI Lattonzoli locali

40 kg

2,120

2,14

n.q.

2,110

SUINI da macello

156 kg

(da 145 a 160 kg) 1,660

1,695

n.q.

(da 144 a 156 kg) 1,645

SUINI da macello

176 kg

(da 160 a 180 kg) 1,720

1,695

n.q.

(da 156 a 176 kg) 1, 695

SUINI da macello

Oltre 176 kg

(oltre 180 kg) 1,690

1,660

n.q.

(da 11,4980 kg) 1,679

GRANA scelto stag. 9 mesi

kg.

GRANA scelto stag. 12-15 mesi

kg.

5,25-5,50

Vitelloni femm. da macello pez. nere (kg. 450-500) p.v. 1,37–1,52 pm 2,64-3,94

6,75-7,00

6,70-7,00

6,70-6,90

PARMIGIANO REGGIANO fino a 24 m 9,90-10,50

7,75-7,95

7,70-8,55

7,75-7,95

PARMIG. REGG. 30 mesi e oltre 11,25-12,30

N.B. Le quotazioni del bestiame bovino e del foraggio sul mercato di Cremona avvengono il 1° e il 3° mercoledì del mese. Le quotazioni del mercato di Milano avvengono, per la “Granaria”, il martedì (comparto dei cereali e derivati). Per la zootecnia da latte si porta come riferimento anche Montichiari, che quota il venerdì. Il mercato di Mantova avviene il giovedì. Modena il lunedì. Il mercato di Bologna, che con la Granaria di Milano fa da riferimento per i cereali, quota il giovedì. Tutti gli aggiornamenti della tabella mercati, insieme ai collegamenti alle principali borse, sono sul sito: www.cremona.coldiretti.it.

Lavoratori colpiti dalla crisi, riqualificazione Regione Lombardia prosegue la collaborazione interistituzionale con gli Uffici Giudiziari lombardi, per la realizzazione di progetti di riqualificazione certificata delle competenze da effettuare mediante attività formative e on the job. Possono presentare il progetto gli operatori iscritti all’Albo regionale degli enti accreditati per l’erogazione dei servizi al lavoro in Lombardia. Gli operatori accreditati al lavoro interessati a partecipare all’iniziativa verificano i requisiti d’accesso dei destinatari, acquisendo la documentazione prevista, ed accompagnano il lavoratore con l’accoglienza, l’accesso ai servizi e il colloquio specialistico. La domanda di partecipazione all’avviso, presentata mediante il sistema informativo Gefo, è sottoscritta con Crs dal Rappresentante legale dell'ente capofila. Si presenta a partire dalle ore 12 del 10 ottobre 2013.

FARMACIE DI TURNO Dal 30 Agosto al 6 Settembre Distretto di Cremona

Casalmaggiore

BONEMERSE VOLPICELLI PIA VIA ROMA, 9 Tel. 0372 496375 Orari di apertura Mattino: 09.00 - 13.00 Pomeriggio: 15:30 - 19:30 Giorno di chiusura settimanale SABATO POMERIGGIO

CASALMAGGIORE FARMACIA - A.F.M. PIAZZA GARIBALDI, 8 26041 Casalmaggiore Tel. 0375 200542 Orari di apertura Mattino: 08:30 - 12:30 Pomeriggio: 15:30 - 19:30 Giorno di chiusura settimanale

GRUMELLO CREMONESE S. RITA DI ASTORRI VIA MARTIRI LIBERTÀ, 19 Tel. 0372 729335 Orari di apertura Mattino: 08:00 - 12:30 Giovedì: 08:00 - 13:00 Pomeriggio: 15:30 - 19:30 Giorno di chiusura settimanale GIOVEDÌ POMERIGGIO

SAN GIOVANNI IN CROCE FRANZINI S.N.C. VIA MATTEOTTI, 89 26037 San Giovanni in Croce Tel. 0375 91014 Orari di apertura Mattino: 08:30 - 12:30 Pomeriggio: 15:00 - 19:00 Giorno di chiusura settimanale

CREMONA - FARMACIA 6 A.F.M. DI CREMONA S.P.A. PIAZZA IV NOVEMBRE, 2 26100 Cremona Tel. 0372-433017 ORARI DI APERTURA Mattino: 08:30 - 12:30 Pomeriggio: 15:30 - 19:30 Giorno di chiusura settimanale: SABATO POMERIGGIO

MARTEDÌ

GIOVEDÌ POMERIGGIO


CASALMAGGIORE

FESTA FINALE DEL CENTRO ESTIVO DI MUNICIPIA

SCANDOLARA RAVARA - Tra la felicità della numerosa gente coinvolta, ragazzi, genitori e nonni, si è svolta la festa del Centro Estivo Creattivamente 2013 proposto dall’Unione Municipia, comuni di Motta Baluffi e Scandolara Ravara. Nell’occasione sono stati esposti i lavoretti fatti dai ragazzi, che hanno partecipato in gran numero all’iniziativa, che si è svolta nei mesi di luglio e agosto. Tra l’altro un generoso contributo di Fondazione Banca Popolare di Cremona ha consentito di mantenere invariate le rette. Quest'anno il tema era indirizzato a far conoscere ai bimbi gli antichi mestieri, e sono risultati graditissimi i laboratori, garantiti da tecnici specializzati della cooperativa Umana Avventura. L'augurio di tutti, in primis dell’assessore delegato Velleda Rivaroli, è che il centro possa riconfermarsi nel prossimo anno.

TANGENZIALE SÌ AUTOSTRADE NO: RACCOLTA FIRME Una raccolta firme per chiedere al sindaco di Casalmaggiore Claudio Silla di convocare al più presto un’assemblea pubblica. Il motivo è presto detto: per chiedere l’immediata realizzazione della tangenziale di Casalmaggiore e l’accantonamento dei progetti sulle due autostrade Ti-Bre e Cremona-Mantova. A lanciare la petizione sono alcuni gruppi di ambientalisti il Coordinamento dei Comitati contro le autostrade Cr-Mn e Ti-Bre, l’associazione Persona-Ambiente, il Coordinamento Comitati Ambientalisti Lombardia e Salviamo il Paesaggio Cremonese Cremasco e Casalasco. L’intenzione, afferma il comunicato stampa, è quella di “dare certezze alla popolazione circa l'impegno del Consiglio Comunale e dell'Amministrazione Comunale di Casalmaggiore nella realizzazione di tale opera (la tangenziale, ndr) e nella ricerca delle risorse pubbliche necessarie al suo finanziamento, a partire dai 10 milioni di euro che la Regione Lombardia e la Provincia di Mantova stanzieranno come contributo a favore del Ti-Bre, nonchè dai 108 milioni di euro che Regione Lombardia vorrebbe sperperare per finanziare i primi (ed ultimi?) 14 km di un’altrettanto inutile autostrada, la Cremona-Mantova; per sottrarre la popolazione alla morsa dei pericolosissimi inquinanti di prossimità”. La raccolta delle firme avverrà in tre distinti momenti: oggi, sabato 31 agosto, dalle 9 alle 12,30 presso il banchetto allestito in piazza Garibaldi a Casalmaggiore, fino a domenica 1 settembre in occasione della festa di Rive Gauche al Lido Po, e sabato 7 settembre in occasione della terza edizione della Discesa del Po.

CELEBRATO ROSSANO VISIOLI A 20 ANNI DALLA MORTE Casalmaggiore ospiterà sabato 14 settembre una cerimonia per ricordare Rossano Visioli, il parà ucciso a Mogadiscio il 15 settembre del 1993. L'iniziativa è partita dalla famiglia di Rossano e dalla Associazione Paracadutisti di Cremona, che hanno chiesto al Comune l'utilizzo di una sala idonea ad ospitare la cerimonia. Il Comune, per decisione della giunta, ha messo a disposizione l'Auditorium Santa Croce ed ha deciso di patrocinare l'evento, al quale saranno invitate parecchie autorità sia civili che militari. Il parà casalese fu colpito da proiettili mentre assieme a Giorgio Righetti stava facendo jogging nel corso della missione in Somalia. Colpi sparati da cecchini somali, fu l'immediata ricostruzione, anche se sullo svolgersi dell'episodio alcune circostanze rimangono misteriose. Entrambi morirono, e a dare la notizia al TG3 fu Ilaria Alpi, anche lei uccisa sei mesi dopo a Mogadiscio.

casalmaggiore@ilpiccologiornale.it

Il rottweiler fa sempre pipì davanti a casa, lei si stanca e sparge un disinfettante. Il padrone la denuncia

Dai bisogni del cane al Tribunale

I

di Giovanni Gardani

l cane, un rottweiler, le fa pipì in continuazione davanti alla porta e al garage di casa, e la proprietaria dell’abitazione si becca pure una denuncia. Detta così, suona decisamente strana e allora urge una spiegazione. La vicenda rimane per larghi tratti grottesca, perché basterebbe davvero poco per risolvere la diatriba (perché, ad esempio, non portare il cane a passeggiare in un’altra strada, dato che la campagna non è lontana?). Comunque sia, il dissidio, iniziato qualche settimana fa, ha decisamente tracimato negli ultimi giorni. Il padrone ha continuato a portare il cane a spasso nella stessa via, il rottweiler ha continuato a fare pipì davanti a casa della signora, e questa, dopo che le raccomandazioni vocali non hanno colto nel segno, ha provveduto spargendo creolina sulla zona “colpita”, onde

A sinistra l'immagine di repertorio di un rottweiler, a destra l'area incriminata utilizzata dal cane a Vicomoscano

evitare che l’episodio si ripetesse. La creolina, venduta regolarmente sul mercato, è un disinfettante, che come tale non fa benissimo alla salute, specie degli animali: va detto che la signora è stata consigliata da un vicino di casa, che ha a che fare con parecchi amici a quattro zampe e che comunque la stessa sostanza viene spesso utilizzata per disinfettare cucce e canili. Tuttavia qualche

animale potrebbe essere allergico (su internet si parla anche di esemplari morti dopo essere entrati a contatto con la sostanza). L’animale, per inciso, sta benone, ma il padrone del cane ha preferito sporgere denuncia: incredula la signora, quando alla sua porta si sono presentati due agenti della polizia locale. «Ma come? Mi fa pipì sul portone e vengo denunciata?». La verità, in

questi casi, sta spesso nel mezzo e l’unico consiglio che è arrivato alla donna, per ora, è stato quello di appendere un cartello che segnali l’utilizzo di creolina quando questa viene sparsa. Ma la stessa, combattiva, non vuole sentire ragioni. La querelle prosegue: e pensare che basterebbe portare a spasso l’amico a quattro zampe solo qualche decina di metri più in là…

Piadena, impianto ad energia solare sugli spogliatoi

Il Comune ha presentato un progetto al Gal per ottenere il finanziamento. Cavenaghi: «Sennò ci penseremo noi»

PIADENA – Più di trentamila euro di investimento, ma la spesa per il comune potrebbe essere molto più limitata: l’amministrazione di Piadena ha infatti partecipato ad un bando del Gal Oglio Po in scadenza a metà agosto per ricevere contributi al fine di finanziare un nuovo impianto solare per gli spogliatoi del campo da calcio comunale “Borrini”, la casa del Gruppo Sportivo Martelli. Il contributo nella fattispecie, se tutto dovesse andare per il verso giusto, potrebbe anche coprire la spesa quasi per intero. «E’ necessario» spiega Gianfranco Cavenaghi, sindaco in pectore dopo la morte del primo cittadino in carica Bruno Tosatto «modernizzare e rifare l’impianto dell’acqua calda per le docce e più in generale per il riscaldamento degli spogliatoi. Per questo abbiamo pensato a questo nuovo sistema di caldaie alimentate con l’impianto solare». Spesso confuso con il fotovoltaico, il solare in realtà presenta caratteristiche diverse: lo stesso fotovoltaico (da 100 kwatt per la precisione) è, del resto, già attivo dal 2011 sempre a Piadena,

L'impianto che ospita le gare di calcio della Martelli intitolato a Borrini

sui tetti della palestra comunale. E’ logico che il progetto sarà attuato in caso di risposta positiva dal Gal, che dovrebbe arrivare entro un mese. Altri 30 giorni circa serviranno poi per la costruzione dell’impianto nelle strutture del “Borrini”. Entro fine ottobre, dunque, la Martelli Calcio potrebbe avere un nuovo impianto di riscaldamento. E se il Gal dicesse di no? «Potremmo arrivare a coprire la spesa - spiega Cavenaghi

- con qualche ritaglio di bilancio, ma il patto di stabilità, al quale da quest’anno dobbiamo sottostare, non ci consente grandi margini di manovra». Motivo per cui l’altra grande opera di ammodernamento della quale necessita il “Borrini”, ossia il rifacimento del campo di allenamento, spesso ridotto ad acquitrino nei mesi piovosi, dovrà giocoforza attendere.

Gev, i controlli servono se poi seguono le adeguate sanzioni Le Guardie Ecologiche Volontarie di Casalmaggiore non ci stanno più. E tramite il capogruppo Carlo Gardani fanno sapere all’amministrazione comunale che l’andazzo deve cambiare. A far traboccare il vaso tanti piccoli episodi che, secondo Gardani, testimoniano di una certa sufficienza nel valutare l’operato della decina di volontari che si dà da fare per la difesa dell’ambiente e per sanzionare i trasgressori. Soltanto lunedì scorso le Gev hanno “pizzicato” un agricoltore

dalle parti di Cappella, frazione di Casalmaggiore, mentre dal suo trattore sversava illegalmente concime nei campi. Nulla di tossico,

per inciso, ma serve comunque un’autorizzazione per queste azioni. Gardani si chiede ironicamente che fine farà ora quel verbale. Le Gev, si precisa, non ce l’hanno con la polizia locale, con la quale la collaborazione è continua. Il problema però, secondo il gruppo casalese, è che l’amministrazione per il momento non ha ancora dato alle stesse Gev la possibilità di erogare sanzioni: manca, insomma, quella fase-2 promessa ma che per il momento non si vede. Terminato cioè il percorso di

Qui trovate la vostra copia GRATUITA de

26

Sabato 31 Agosto 2013

Bar Giulia GR2 di Rivieri Gianfranco Fermata KM Polo Romani Via Pascoli Sportime Bar Barracuda Portici del Municipio Bar Italia Farmacia Comunale Bar Tavola Calda Distrib. carburante ENI Distr. carburante Ariete Rist. Pizz. Piccolo Paradiso Cartoleria Cartol. Tabacch. Campanini Alim. Tabaccheria Vicini Cartoleria Giamei Alim. Tabacch. Tosi Remo Bar La Nuova Luna Portici del Comune Portici Caffè Roma Edic. Tabacch. Camozzi Edic. Tabacch. Lorenzini Bar Time Out Sido Café Fermata KM Tabaccheria Venturini

informazione e prevenzione (già alla fine del 2012), alle Gev non è ancora arrivato il nulla osta dal comune per calcare la mano sui trasgressori. Passaggio formale che deve essere concordato con la stessa amministrazione. Il rischio, secondo Gardani e i volontari che lo affiancano nell’opera di sorveglianza quotidiana, è che alla fine il deterrente di queste guardie giurate particolari non basti più, se non si comincia a toccare nel vivo (ossia nel portafoglio) chi continua, imperterrito, a fare il furbo.

angolo Conad Casalmaggiore via Guerrazzi 4 Casalmaggiore via Trento 20 Casalmaggiore via Giovanni Pascoli 28 Casalmaggiore via E. Fermi 19 Casalmaggiore via Martelli 2 Casalmaggiore piazza Garibaldi Casalmaggiore piazza Garibaldi Casalmaggiore piazza Garibaldi Casalmaggiore Centro Commerc. Padano Casalmaggiore via Repubblica rotonda Diotti Casalmaggiore via Repubblica 76 Casalmaggiore via Molossi 47 Vicobellignano via Dante Alighieri 9/B Vicobellignano via Manzoni 39/B Vicomoscano via Gioberti 74 Quattrocase via Nicolò Tommaseo 101 Casalbellotto via Canzio 100 Roncadello via Roma 7 Torricella del Pizzo piazza Italia Scandolara Ravara via Mazzini 3 Castelponzone via Giuseppina 97 Solarolo Rainerio via Matteotti 113 San Giovanni in Croce via Giuseppina 103 Cingia de' Botti via della libertà 46/b Martignana di Po via Bardellina Martignana di Po piazza Comaschi Gussola via Roma 93 Gussola


Casalmaggiore WEEK END

Festa con costumi medioevali a Solarolo Rainerio SOLAROLO RAINERIO – E’ in corso la Fiera Settembrina, iniziata ieri sera. Oggi serata a tema medioevale, con cena in piazza e all’oratorio con stracotto d’asino, trippa e specialità locali. Dalle 22 la Compagnia di San Giovanni in Croce “Quelli che... il musical” presenterà “Memories”. Domani alle 15 sfilata in piazza con costumi medioevali, che sostituisce la tradizionale corsa con gli asini, soppressa. Replay della cena, e alle 21 spettacolo di danza “Shake” con la Chango Danza, spettacolo latino-americano. Serata più tranquilla quella conclusiva di lunedì, con prosa e poesia protagoniste davanti al comune, con premiazione dei migliori elaborati degli studenti. Ogni sera funziona un servizio bar con staff della Pro Loco, e sono aperte mostre di artisti locali oltre al museo contadino presso le scuole elementari.

Da venerdì via alla 47ª edizione del Palio di Isola Dovarese ISOLA DOVARESE – Prende il via venerdì 6 settembre il 47° Palio di Isola, quando alle ore 19 la piazza gonzaghesca e i suoi dintorni inizieranno a trasformarsi con un suggestivo tuffo all’indietro di parecchi secoli, con spettacoli, mercato e taverne. Alle 23 previsto lo spettacolo notturno degli arcieri, con lanci di frecce infuocate, duelli e assalto al castello. Sabato e domenica il clou della manifestazione, di cui informeremo dettagliatamente nel prossimo numero.

La celebre rock band The Gang alla festa di Rive Gauche al Lido E’ giunta al giro di boa la festa di Rive Gauche al Lido Po di Casalmaggiore. Stasera grande appuntamento per gli amanti del rock con l’esibizione alle 21,30 di The Gang, special guest Pin Cunshion Queen. Domani dibattito su “Scuola bene comune”, coordinato dal professor Giancarlo Roseghini con la partecipazione di esponenti del mondo sindacale, e alle 21,30 “Match d’improvvisazione teatrale... al pubblico l’ultima parola”, proposto dalla rinomata scuola d’improvvisazione teatrale “Improponto Les Gramelots Scuola d’Improvvisazione”.

Una festa con al centro la donna Rivarolo ricorda la grande Mina RIVAROLO DEL RE – Una festa all’oratorio con al centro la donna. Dopo l’incontro pubblico inaugurale di ieri sera, stasera la festa prosegue con uno stand gastronomico alle 21 con bgoli al torchio, stracotto d’asino e grigliate miste di carne e pesce. Alle 21,30 “Mago D”, spettacolo teatrale di magia. Domenica alle 9 in piazza motoraduno d’epoca quindi tour in moto per Sabbioneta, Villa Pasquali, Breda Cisoni, Commessaggio, Brugnolo, Cividale, Rivarolo Mantovano, Villanova e rientro per il pranzo in oratorio delle 12,30. Alle 17 Fantavolley per bambini dai 6 ai 12 anni. Alle 20 stand gastronomico e alle 21 tributo a Mina in occasione del 55° anno del suo debutto, quando, allora col nome di Baby Gate, si presentò sul palco della Fiera rivarolese nel suo vero esordio: canterà Stefania Martin, suonerà l’orchestra tributo “Avanzi di Balera”. La festa proseguirà mercoledì 4 e giovedì 5 settembre con i giochi tra le contrade, venerdì toccherà al gruppo folk “I Giorni Cantati” di Calvatone con “La donna nel canto popolare”. Chiusura sabato 7 e domenica 8. La mostra “Donna... non solo corpo” rimarrà aperta fino al 17 settembre.

A Vicoboneghisio due serate con la festa di Santa Margherita VICOBONEGHISIO – Fine settimana di festa per la parrocchia della frazione casalese. Sia venerdì 30 che sabato 31 agosto funzionerà un servizio di bar cucina. Sabato alle 19 visita guidata alla chiesa parrocchiale di S. Margherita. Dalle ore 21 musica dal vivo e spazio giochi con laboratorio artistico, del riciclo, dei travestimenti e trucca bombi oltre a gonfiabile. Alle 23,30 risottata.

Sabato 31 Agosto 2013

Piatti, bicchieri e posate biodegradabili con Casalasca spa

Feste e sagre casalasche diventano ecocompatibili

F

di Giovanni Gardani

este, fiere e sagre eco-compatibili? Sin qui hanno rappresentato la scelta di una ristretta nicchia, rispettosa dell’ambiente anche a costo di spendere qualche euro in più nell’acquisto di materiale, come piatti, bicchieri e posate per il cibo. Presto però, molto probabilmente da gennaio 2014, saranno un’opportunità. A garantire l’accelerata all’iniziativa il gruppo Gasalasco, sia per l’Ecofiera del 2012, che per la prossima, al via il 7 settembre, sia il gruppo Persona Ambiente, che ha pensato per la sagra di Fossacaprara, la settimana scorsa, di utilizzare materiale compostabile e biodegradabile. Iniziative di singoli che hanno però coinvolto la Casalasca Servizi, ditta di San Giovanni in Croce specializzata in raccolta, smaltimento e riciclo dei rifiuti, tanto che i vertici della stessa Spa hanno deciso di stilare un regolamento. «Da gennaio il contributo per l’acquisto di materiale compostabile o biodegradabile» spiega Emanuele Bernardelli, responsabile tecnico di Casalasca «sarà una voce a bilancio. L’intenzione è di premiare qualsiasi festa, fiera o sagra dotata di tovagliette, piatti, posati, bicchieri e quant’altro in forma compostabile - ossia ricavato dall’amido di mais, dal legno e da sostanze di derivazione cellulosica - con la targa di eco-festa. Parliamo ovviamente di eventi che prevedano un servizio bar o cucina». Più della targa, immaginiamo, interesserà il contributo. «Esatto: dato che il materiale biodegradabile o compostabile ha un costo di mercato superiore alla plastica pura, Casalasca contribuirà alla spesa. Tutto questo da

Il presiedente di Casalasca Servizi si congratula e mostra il manifesto per l’uso di stoviglie ecologiche nel corso della recente sagra di Fossacaprara

regolamento». La Fiera di San Carlo dovrebbe aderire dal 2015, perché c’è ancora molto materiale “in casa” alla Pro Loco e sarebbe un peccato sprecarlo, fa sapere Bernardelli. Intanto però il solco è stato tracciato. «Precisiamo - aggiunge il responsabile - che Casalasca raccoglierà ancora i rifiuti delle feste non eco-compatibili, ma tutto questo avrà un costo maggiore per il comune, che potrà poi rivalersi sugli organizzatori stessi. Non ci sono multe, insomma, ma le spese di raccolta e smaltimento lieviteranno». L’obiettivo, al solito, è ridurre la quantità di rifiuti da smaltire: e il materiale compostabile o biodegradabile - “scomparendo”, di fatto, da solo - è un alleato davvero concreto in questa strategia.

Feste benefiche? L’area sia gratis

La proposta viene dal Listone, che chiede anche di unire gli enti

Niente più tassa sul plateatico a chi organizza feste su suolo pubblico, il cui ricavato venga assegnato in beneficenza a La Rete o, più in generale, venga girato dal comune di Casalmaggiore ai bisognosi. E’ questa la proposta che il Listone, gruppo politico capeggiato dal consigliere comunale Carlo Gardani, sottopone all’amministrazione. «Ci sembra giusto premiare chi fa del bene» spiega il consigliere. «Parliamo di beneficenza a tutto tondo, che riguardi la distribuzione di cibo, medicinali o materiale di studio. Insomma, di tutte le iniziative che La Rete sta portando avanti». In questo momento il regolamento sul plateatico non prevede forme di rimborso chiare, spiega Gardani: «Può darsi che qualche premio dall’amministrazione arrivi comunque, ma dato che siamo per la massima trasparenza, chiediamo che il comune cambi il regola-

WEEK END

27

Sabbioneta celebra la bellezza con Stradivari e Tiziano SABBIONETA – La citta ducale anticipa il Forum della Bellezza 2014, ideato dai Borghi più Belli d’Italia, tra oggi e domani. Oggi alle 10,30 presso il Teatro all’Antica saranno presentati i temi della prima edizione del Forum che si svolgerà nel maggio 2014, e presentati i partner. Alle 16 si inaugureranno in Palazzo Ducale le mostre “Frammenti del Bello”. Alle 17 sarà scoperto nel teatro il celebre ritratto di Giulia Gonzaga dipinto da Tiziano, proveniente da una collezione privata, nel 500° anniversario della nascita di colei che fu indicata quale la donna più bella del Cinquecento. Alle 20,30 nella chiesa di S. Maria Assunta si terrà il concerto per violino Stradivari “Vesuvius” (1727) e organo con Antonio De Lorenzo al violino e Marco Fracassi all’organo. Alle 21,30 infine, presso il Teatro all’Antica, lo spettacolo di danza contemporanea “La bellezza del gesto” in collaborazione con l’Opera Galleggiante Festival. Domenica il Teatro all’Antica ospiterà alle ore 10 il convegno ”Una legge per la bellezza”, dedicato all’illustrazione della proposta di legge di Legambiente: dovrebbe presenziare anche il ministro per gli Affari Regionali Graziano Del Rio.

“Quattrocase e le sue zucche” con cibo, musica e spettacolo QUATTROCASE – La frazione casalese celebra la zucca, in attesa che a breve lo faccia il capoluogo. “Quattrocase e le sue zucche” ha aperto i battenti ieri all’insegna del jazz, e prosegue oggi con la gara di motocross “1° Trofeo GP Fusadon” alle 17,30. Quindi serata liscio con l’Orchestra Jolanda Moro. Domenica 1 settembre alle ore 9 Vesparaduno, alle 18,30 gnocca e gnocco fritto (anche da asporto), quindi in serata “Happy Hour Show” con il talento locale Alessandro Zaffanella. Presenti gonfiabili per bambini, oltre naturalmente a diverse offerte gastronomiche a base di zucca.

Da giovedì prende il via la fiera di San Serafino a Martignana MARTIGNANA PO – Inaugurerà giovedì 5 settembre la Fiera di San Serafino, con la commedia dialettale in oratorio “Sartur da dona” della Compagnia Avis di Casalmaggiore dalle ore 21. Venerdì 6 serata live con i “Strada Facendo”. Altre serate sabato 7 e domenica 8 settembre, quando sarà aperto anche lo stand gastronomico (venerdì menu ristretto). In Biblioteca mostra fotografica “Presenze silenziose” e mostra mercato del libro, oltre all’esposizione dei lavori del corso di pittura 2013.

Casteldidone, con il liscio si chiude la Sagra del Marubino CASTELDIDONE – Serata conclusiva oggi della “Sagra del marubino” organizzato dalla Pro Loco e dal Centro Anziani in piazza. Ad esibirsi e far ballare sarà l’Orchestra Mario Telli. Dalle ore 19 aperto lo stand gastronomico con piatti tradizionali.

Raspelli intervista Nizzoli alla Festa della Zucca 2012

mento in modo limpido, per non dare adito a possibili illazioni. Non è giusto improvvisare forme di rimborso, più corretto sarebbe modificare le regole a monte, evitando di fare pagare il plateatico». Naturalmente l’esenzione dalla tassa riguarderà solo le feste di beneficenza e non quelle, ad esempio, che servono per finanziare l’attività delle stesse società promotrici. La seconda proposta del Listone, legata alla prima, è

la possibilità di unificare gli enti che erogano gli aiuti ai bisognosi: «Chiediamo che non esistano più tante “parrocchie” o tanti “punti vendita”. Meglio un solo punto di raccolta per tutti, per evitare confusione o doppioni e per avere un migliore controllo della situazione. Inoltre, chiediamo che siano distribuiti cibo, medicinali o altro materiale, ma non soldi, perché sappiano che molti utilizzano quei contanti per andare a giocare a slot machines o similari».

E nel prossimo fine settimana Ecofiera... a misura di bambino Una fiera studiata a misura di bambino, ma con tanti eventi ed iniziative anche per i più grandi. Il 7 e 8 settembre a Casalmaggiore presso il Parco della Posta si terrà la seconda edizione dell'“Ecofiera Oglio Po”, manifestazione organizzata dall’Associazione Gasalasco Oglio Po. La Manifestazione, patrocinata dal Comune e dalla Pro Loco di Casalmaggiore, dal Gal Oglio Po Terre d'Acqua e da quest'anno, entrata a far parte delle manifestazioni direttamente pubblicizzate e promosse da Regione Lombardia, comprenderà una parte espositiva con stand suddivisi per tematiche: cibo biologico a km zero, tessile e calzature sostenibili, mobilità ciclabile, commercio Equo e Solidale, editoria Green e di settore, Movimenti e Associazioni. Sul prossimo numero pubblicheremo il programma approfondito. Per il programma completo l'invito è a collegarsi a www.ecofiera.gasalasco.org


28

Salute

Sabato 31 Luglio 2013

GLI ORARI CUP Centro Unificato di Prenotazione Dove: padiglione n. 12, a fianco del Centro Prelievi, prospiciente Largo Priori Orari di apertura al pubblico: lunedì - venerdì dalle 7.30 alle18.00 orario continuato, il sabato dalle 8.00 alle 12.00; Prenotazioni telefoniche: è possibile telefonare al numero verde 800.638.638, da lunedì a sabato dalle 08.00 alle 20.00. PRENOTAZIONI CHE NON SI EFFETTUANO AL CUP Attraverso il CUP si prenotano tutte le prestazioni ad eccezione delle seguenti, che devono essere prenotate direttamente presso le singole unità operative o servizi come indicato di seguito: ANATOMIA PATOLOGICA secreti e agoaspirati (non Tac e non Ecoguidati) Dove: Poliambulatori, piano Terra. Orario: giovedì dalle 15 alle 16. Per prenotare contattare la segreteria dell’Anatomia Patologica dal lunedì al venerdì, dalle 10.30 alle 16.00. Telefono: 0372 405477, dalle 9.30 alle 16.00. Consegna campioni istologici e citologici La consegna dei campioni citologici urinari è prevista, presso il padiglione 5, da lunedì a venerdì, dalle 08.00 alle 09.30; per gli altri esami da lunedì a venerdì dalle 08.00 alle 16.00 (accesso diretto). RADIOLOGIA Dove: piano 1, corpo H (ala destra). TC, risonanza magnetica, ecografie urgenti e richiesta di prestazioni con bollino verde Le prenotazioni vanno effettuate di persona o via fax. Orario: da lunedì a venerdì dalle 08.00 alle 13.00, sabato dalle 08.00 alle 12.00. Tel: 0372 405760. Angiografia Le prenotazioni vanno effettuate di persona. Orario: da lunedì a venerdì dalle 08.00 alle 15.30. Telefono: 0372 405367. SENOLOGIA: Screening mammografico preventivo biennale Asl Cremona (45-69 anni) Tutti i giorni dalle 8.30 alle 12.30, il mercoledì dalle 14 alle 16. La prenotazione va effettuata al CUP dell'Asl 800 318 999. Prestazioni con carattere di urgenza, risonanze alla mammella, agoaspirati, ecografie Dove: piano 1, corpo M. Ora: da lunedì a venerdì dalle 11.00 alle 13.00. Telefono: 0372 405614. Per ulteriori informazioni è stata inoltre attivata una nuova linea telefonica dotata di risponditore automatico in funzione 24 ore su 24: 0372 405612. RADIOTERAPIA E MEDICINA NUCLEARE Dove: piano Cantina, (utilizzare la scala o ascensore a sinistra vicino l'Ufficio Informazioni nell'atrio di ingresso) corpo M, monoblocco ospedaliero. Orario: da lunedì a venerdì dalle 07.30 alle 17.30. Telefono: 0372 405485. MEDICINA DEL LAVORO: Visite specialistiche di medicina del lavoro Tel: 0372 405777 da lunedì a venerdì, dalle 08.00 alle 15.30; oppure, personalmente presso l’Ambulatorio Specialistico di Medicina del Lavoro negli stessi orari.

PRESIDIO OSPEDALIERO DI CREMONA

Raddoppiati i casi di epatite A in chi ha consumato frutti di bosco surgelati L'Aduc fa notare che sono raddoppiati i casi di epatite A in persone che hanno consumato frutti di bosco surgelati. La notizia viene da Epicentro, il portale dell'epidemiologia della sanita' pubblica. Le indagini di laboratorio sugli alimenti, fino a ora condotte presso la rete degli Istituti zooprofilattici sperimentali (Iizzss) tra i quali principalmente l’Izsler, hanno permesso di isolare il virus dell’epatite A (Hav) su 4 diversi campioni di frutti di bosco surgelati corrispondenti ad altrettanti prodotti mix a base di ribes rossi, mirtilli neri, more e lamponi. In seguito al

CENTRO DIABETOLOGICO Dove: piano 6, corpo H (lato destro), monoblocco ospedaliero. Orari: da lunedì a venerdì dalle 08.00 alle 13.30 (prima visita per inquadramento diagnostico-terapeutico e visita di controllo per monitoraggio metabolico e screening delle complicanze croniche). Per le prime visite è preferibile che la prenotazione avvenga di persona comunque possibile prenotare telefonicamente da lunedì a venerdì, dalle 11.00 alle 13.30. Telefono: 0372 405715. CENTRO PRELIEVI - LABORATORIO ANALISI accesso diretto da parte dei cittadini, con la richiesta del Medico di famiglia o dello specialista. Dove: Centro Prelievi all'ingresso dell'ospedale. Orario: da lunedì a venerdì dalle ore 07.30 alle 10.30. Telefono: 0372 405663 - 0372 405452 CENTRO EMOSTASI E TROMBOSI Monitoraggio delle terapie anticoagulanti. previsto accesso con prenotazione al numero 0372 405666 - 0372 405663. Dove: Presso la palazzina del Cup Orario: dalle 07.30 alle 12.00 da lunedì a venerdì. CENTRO AZIENDALE DI ALLERGOLOGIA Test di tolleranza al lattosio e patch test Accesso con impegnativa del medico curante Le prenotazioni si effettuano telefonicamente al numero 0372/408178 da lunedì a venerdì, dalle 10.30 alle 12; oppure di persona presso l’Ambulatorio di Allergologia (Padiglione 10) da lunedì a venerdì dalle 9.00 alle 13.00. IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE: Emotrasfusioni, salassi, autotrasfusioni, terapia marziale endovenosa, preparazione di nuovi emocomponenti ad utilizzo non trasfusionale: Gel Piastrinico, Concentrato Leucopiastrinico. Dove: Piano terra, corpo D, monoblocco ospedaliero. Tel: 0372 435887 - 0372 405461 dalle 10.00 alle 17.00 da lunedì a venerdì GENETICA Dove: piano 2 lato destro del monoblocco ospedaliero. Prenotazioni telefoniche: 0372 405783 da lunedì a venerdì dalle 13.00 alle 14.30. MEDICINA LEGALE Prenotazioni presso Direzione Medica di Presidio piano Rialzato monoblocco ospedaliero. Tel: 0372 405200. PSICOLOGIA Dove: settimo piano a sinistra. Prenotazioni da lunedì a venerdì dalle ore 09.00 alle ore 10.00 presso il servizio di Psicologia, oppure anche telefonicamente agli stessi orari al numero 0372 405409. ONCOLOGIA MEDICA Dove: Piano 4 ala Destra Prenotazione i n reparto da lunedì a venerdì dalle ore 8.00 alle ore 17.00. Tel: 0372 405248. TERAPIA DEL DOLORE Dove: palazzina n. 9 La prenotazione può essere effettuata telefonicamente al numero 0372 405330 dalle 11.00 alle 15.00, da lunedì a venerdì. Negli altri orari è possibile chiamare lo stesso numero lasciando un messaggio in segreteria telefonica con il nome e numero di telefono: al più presto sarete richiamati.

a cura della dottoressa Annalisa Subacchi Nutrizionista, specialista in test intolleranze alimentari e diete personalizzate, Test del DNA (Lattosio, Celiachia, Breath Test) Master in Nutrizione, Fitness e Sport Presidente ALIAC Onlus di Cremona Gentilissima dottoressa Subacchi, sono ormai tornata dalla pausa estiva da circa due settimane. Quest’estate al mare grazie a passeggiate e molto movimento sono calata 2 kg che pero’ ho ripreso immediatamente al mio ritorno a casa. Inoltre dopo i pasti, circa due ore dopo, ho fame. Come mi devo comportare? E’ normale? Grazie Gaia. Gentilissima Gaia, ecco la prima mia rubrica dopo la pausa estiva e la sua domanda cade proprio a fagiolo! Durante le vacanze estive siamo molto rilassati e ci muoviamo di più, perciò anche se esageriamo con l’alimentazione le calorie vengono bruciate rapidamente e, come nel tuo caso è normale perdere peso. Il probIema è che il “rilassamento da cibo” continua anche ritornati dalle ferie, e la vita sedentaria di ufficio non permette più di bruciare calorie. Perciò, abituati a mangiare maggiormente ingrassiamo. Come fare per recuperare il peso forma? Iscriversi in palestra, approfittare delle belle giornate per una passeggiata a piedi oppure in bicicletta, alimentarsi con frutta e verdura di stagione ed eliminare tutti gli snack e dolci fuori-pasto. Questi ultimi sono infatti la causa principale dei chili superflui. A proposito degli attacchi di fame immediatamente dopo mangiato di cui mi accennavI, un consiglio è quello di iniziare il pasto con verdura fresca, seguita da pochissimi carboidrati (pane e pasta) e un secondo abbondante di pesce o carne bianca. Se non riusciamo a rinunciare al pane e alla pasta suggerisco i cereali integrali che sono piu’ ricchi di fibre come farro, kamut, miglio, orzo. I cereali integrali sono infatti meno calorici dei derivati raffinati ed inoltre la fibra contenuta allevia il senso di fame molto piu’ a lungo dato che la fibra è difficilmente digerita dal nostro organismo oltre a favorire un corretto transito intestinale. Se questi piccoli accorgimenti non bastano, durante la giornata, consiglio di consumare piccoli snack dietetici a base di verdura che “croccano” (diffidare dagli snack dolci pubblicizzati come “light”!) come per esempio carote, finocchio oppure sedano. Il “croccare” e la lentezza con cui vengono consumati sono una distrazione per il cervello che desidera invece prodotti dolci e calorici.

riscontro di positività (2) in 4 campioni (Mix Bosco Reale lotto 13036 della ditta Asiago Food; 2 Mix Bosco Buono della ditta Green Ice lotto 13015 e lotto 13079; mix frutti di bosco della ditta Erica) è stata lanciata un’allerta non solo al territorio nazionale ma a tutti gli Stati membri della Ue che ha consentito di ritirare dal commercio i lotti contaminati e di avviare la raccolta inform ativa sulla tracciabilità dei prodotti e delle materie prime. Consigli? Sarebbe opportuno sospendere il consumo di frutti di bosco surgelati in attesa di ulteriori indagini.

Il caldo-umido della stagione estiva porta con sè il rischio di contrarre infezioni da funghi o lieviti

Micosi: prevenzione e trattamento

L’

di Laura Bosio

estate porta spesso con sè il rischio di contrarre micosi: il caldo umido, l'utilizzo di farmaci, un'igiene non ottimale, sono fattori di rischio da non trascurare. Le micosi sono infezioni cutanee, che possono avere due diversi tipi di cause: vi sono quelle originate da lieviti e quelle originate da funghi. Ne parliamo con il dottor Enrico Pezzarossa, dermatologo dell'Ospedale di Cremona. «I lieviti sono principalmente la candida e il pityrosporum ovale. I funghi rilevati in dermatologia sono invece detti dermatofiti, e si distinguono sostanzialmente in tre gruppi: i funghi antropofili, che si acquisiscono da altri esseri umani; i funghi zoofili, che vengono trasmessi dal contatto con animali; i funghi geofili, che si acquisiscono attraverso il contatto con il terreno. Le infezioni da funghi vengono chiamate tinea, e si diversificano in base alla loro localizzazione: tinea capitis, tinea faciei, tinea corporis, tinea manus, tinea pedis, ecc. Si tratta di infezioni molto frequenti e comuni, soprattutto quelle localizzate sui piedi o sulle unghie». Quali sono le cause? «I fattori che determinano la comparsa di una infezione fungina sono molteplici: la natura del fungo, le condizioni dell'ospite (età, sesso, ecc) e il suo stato immunologico. Ricordiamo che i funghi antropofili sono particolarmente difficili da eliminare, in quanto essendo ben tollerati dall'organismo comportano una scarsa risposta immunitaria. Al contra-

rio quelli zoofili vengono scarsamente tollerati, e di conseguenza provocano una risposta infiammatoria più marcata». Parliamo dei lieviti... «Abbiamo la pitiriasi versicolor, che è una dermatosi frequente e spesso recidiva, soprattutto nella stagione calda e in presenza di un clima caldoumido. Si manifesta attraverso piccole macule color caffelatte, con desquamazione. Si tratta di lieviti che fanno parte della nostra normale flora micotica, ma che nel periodo caldo possono prendere il sopravvento». Che dire di quella micosi che viene comunemente denominata "candida"... «Anche le candide sono lieviti che fanno parte della nostra normale flora intestinale, ma che possono diventare patologici, provocando forti fastidi a livello di cute e mucose. I più colpiti sono i soggetti immunodepressi, diabetici, obesi, anziani inconti-

nenti. Tuttavia vi sono anche altri fattori che possono provocare la comparsa di tale micosi, come l'utilizzo prolungato di antibiotici e cortisonici, che alterano l'equilibrio gastrointestinale, rendendo l'organismo maggiormente predisposto allo sviluppo della micosi. Esistono numerose forme di candida: quella di tipo orale si manifesta con placchette biancastre, all'interno del cavo orale. Quella di tipo genitale è più frequente nelle donne, mentre quella denominata intertrigine colpisce inguine, ascelle, ecc». Parliamo della prevenzione delle micosi... «Bisogna limitare i fattori che favoriscono le infezioni fungine. Ad esempio è importante contrastare la macerazione della cute negli spazi tra le dita dei piedi, per evitare la tinca pedis. A questo proposito è buona norma non indossare per troppe ore delle scarpe non traspiranti, e fare ricorso a polveri con effetto essi-

cante a base di derivati azolici. Coloro che devono utilizzare pannolini, sia bambini che adulti, dovrebbero effettuare ricambi frequenti, seguiti da un'accurata detersione. A scopo preventivo è anche bene utilizzare pomate a base di ossido di zinco. Per chi deve assumere antibiotici, può essere utile accompagnarli con vitamina B e fermenti lattici». Come si trattano le micosi? «Esse si giovano di terapie di tipo topico o sistemico. Se le forme sono localizzate, è sufficiente il trattamento di tipo topico a base di derivati azolici: emulsioni nelle zone di pelle umida, creme per piedi o mani. Se invece la micosi risulta diffusa, è necessaria anche una terapia sistemica. In ogni caso, visto che spesso non è facile riconoscere una micosi, può essere necessario anche un esame micologico e la visita di un dermatologo esperto. La cura "fai da te" è da evitare»

di Ermanna Allevi

Diplomata presso la scuola di Naturopatia dell'istituto RIZA

Iscritta alla FINR (federazione italiana naturopati RIZA) Gentile Naturopata, ho sempre cercato di corrispondere alle altrui richieste, ho sempre cercato di stare nei binari, ho sempre cercato di essere nella norma e mi ritrovo depressa e con attacchi di panico. Può spiegarmi per favore cosa mi sta succedendo? Non ne posso più! Mi faccia anche sapere se è già rientrata dalle ferie, perchè vorrei chiamarla per un appuntamento. Una mia amica mi ha detto che lei è veramente molto brava e che rende semplici le cose complicate. Grazie Lory

La dottoressa Subacchi risponde alle vostre domande scrivendo a: info@nutrizionistabiologo.it • oppure a: ilpiccolocremona@fastpiu.it www.nutrizionistabiologo.it • Facebook: Lisa Nutrizionista • Cell. 366-4759134

Il conformismo e i comportamenti sempre nella norma, in apparenza ci rassicurano, in realtà ci spengono perchè soffocano l'istinto. Per quieto vivere e/o perchè ci crediamo, facciamo quello che fanno tutti e spesso pensiamo anche come pensano tutti, mettendo così a tacere l'istinto, che invece serve per farci percorrere la nostra strada, la sola adatta a noi. Facendo tacere l'istinto, si spegne quell'energia vitale che è la nostra strada, il nostro cammino. Molte depressioni latenti e molti attacchi di panico possono nascere da questo atteggiamento nei confronti della nostra vita, più ci allontaniamo dal nostro centro, più ansia e panico diventani i nostri compagni di viaggio. In questi casi bisogna imparare a dare spazio all'imprevisto, alla novità, uscire dai soliti schemi e abitudini quotidiane, bastano piccole cose, ma il cambiamento arriva. Togliere gli occhiali con cui si è soliti guardare il mondo, ritrovare un nuovo sguardo, ci aiuterà a far scorrere più liberamente il fiume dell'istinto. Mi chiami quando vuole.

La dottoressa Annalisa Subacchi riceve a: CREMONA: Ambulatorio MEDICENTER Via Giuseppina n.21 tel. 0372/434988 CREMONA: Ambulatorio MED Gadesco Pieve Delmona tel. 0372/803801 CREMA: Ambulatorio Santa Claudia Via La Pira n.8 cell. 366 4759134 MANERBIO: Poliambulatorio MINERVIUM Via Verdi 64 – 030 9937552

Ermanna Allevi risponde alle vostre domande scrivendo a: info@naturopatia-cremona.com Oppure a: ilpiccolocremona@fastpiu.it • Riceve a Cremona in via Pallavicino 6 tel. 0372-412372. • Riceve a Crema telefonando al 388 9037275.


Un progetto dell’Ospedale Sacco di Milano

In Lombardia sovrappeso un bambino su due

Si parla spesso di obesità infantile e non meno frequentemente si presentano studi e progetti, programmi e iniziative per combatterla. Se però

anche i suoi familiari, genitori e nonni, e dove non si parla solo di diete ed esami, ma anche di sport e di cucina. Il team che accoglie bambino e parenti è composto da un pediatra, un dietista, uno psicologo e un trainer sportivo; all’inizio è il pediatra a visitare il bambino e prescrivere gli esami necessari, quindi è il dietista a tracciare un quadro complessivo delle abitudini alimentari dell’assistito: ai colloqui viene affiancato un programma interattivo dotato di oltre 10 mila immagini di piatti, suddivisi in tre ta-

le statistiche tuttora rilevano che attualmente in Italia un bambino su tre (secondo alcune fonti in Lombardia uno su due) è in sovrappeso, significa che quanto fatto finora non è ancora abbastanza. Fattore rilevante è che a non essere in grado di affrontare il problema sono innanzitutto i familiari del bambino obeso. Da questa constatazione sono partiti gli specialisti dell'ospedale Sacco di Milano per elaborare un nuovo approccio, denominato Parental Training, in cui non viene coinvolto solo il bambino ma

glie, dalla più morigerata alla più abbondante, così da stabilire non solo che cosa si mangia, ma quanto e come. Terzo momento l’incontro con lo psicologo. Per un intero anno la famiglia e il ragazzo sono seguiti attraverso incontri, sia di sostegno psicologico sia di educazione alimentare e consumo consapevole: si tratta di veri e propri laboratori dallo spirito ludico, dove si insegna a preparare merende, sughi e piatti, e talvolta addirittura come fare la spesa.

29

in parlamento

Pericolo psicofarmaci ai bambini, interrogazione

Da Ici 2013 esce la notizia di un passo avanti che potrebbe gettare le basi per annullare gli effetti collaterali

Rigetto dei trapianti, nuove prospettive D

di Giulia Sapelli

a Ici 2013 (International congress of immunologt) esce la notizia di un nuovo passo avanti che potrà forse consentire un giorno ai pazienti trapiantati di evitare tutti gli effetti indesiderati della terapia con farmaci immunosoppressivi. Le cellule regolatrici che si stanno sperimentando a questo scopo, infatti, possono essere seguite una volta infuse nei malati: ciò permetterà di capire se sopravvivono, resistono, raggiungono il loro scopo, che è quello di convincere il sistema immunitario a ignorare i tessuti estranei provenienti dal donatore. I trapianti infatti salvano la vita a molti malati, ma devono essere seguiti per tutta la vita da cure indispensabili per evitare il rigetto: queste, inibendo indiscriminatamente tutte le difese dell’organismo, espongono però al rischio di infezioni e tumori. Il gruppo dell’Istituto San Raffaele Telethon per la Terapia Genica guidato da Maria Grazia Roncarolo ha presentato al congresso nuovi dati che confermano anche nei pazienti i dati ottenuti in laboratorio e pubblicati pochi mesi fa sull’importante rivista Nature Medicine. Nuove prospettive La linea di ricerca si inserisce in un approccio antirigetto molto più mirato di quello attualmente in uso perché, invece di sopprimere tutto il sistema immunitario, usa particolari cellule regolatrici, chiamate Tr1, per bloccare solo la risposta che si rivelerebbe dannosa in quel particolare caso. «Queste cellule - spiega Maria Grazia Roncarolo, che per prima le ha scoperte quando lavorava presso il DNAX Research Institute of Molecular and Cellular Biology di Palo Alto, in California - possono essere utilizzate in modo da insegnare all’organismo a tollerare l’organo trapiantato, per esempio, oppure tessuti contro cui si sono scatenate rea-

zioni autoimmuni, come nel caso del diabete di tipo 1». La strategia è stata già sperimentata in una condizione purtroppo frequente dopo i trapianti di midollo osseo, in cui sono proprio le cellule del sistema immunitario del donatore, infuse nel paziente per esempio per curare leucemie e linfomi, ad aggredire il paziente, e che per questo è chiamata “graft versus host disease”, malattia del trapianto verso l’ospite. «Ma ci sono molte altre potenziali applicazioni terapeutiche per le cellule Tr1, che inducono una tolleranza specifica e mirata lasciando all’organismo la capacità di difendersi da virus e batteri» prosegue Roncarolo. «Per esempio ci sono studi in corso riguardo a malattie infiammatorie intestinali come il morbo di Crohn e la rettocolite ulcerosa». Una volta infuse, però, come sapere se le cellule Tr1 sopravvivono nell’organismo e continuano a svolgere la loro funzione, tenendo a bada il sistema immunitario? Nello studio pubblicato su Nature medicine erano stati identificati marcatori specifici per queste cellule; oggi sappiamo che questi marcatori servono davvero a seguire le cellule Tr1 una volta infuse nei pazienti. Le cellule regolatrici Tr1 usate dal gruppo milanese non sono le uniche che possono indurre una tolleranza specifica. Molti altri laboratori in tut-

to il mondo stanno seguendo altri tipi di cellule per raggiungere lo stesso obiettivo, che potrebbe permettere di liberare i pazienti trapiantati dagli effetti collaterali della terapia immunosoppressiva e guarire quelli colpiti da malattie autoimmuni o autoinfiammatorie. «Le diverse strategie saranno messe a confronto in un grande studio europeo, chiamato The one study, che le metterà alla prova su pazienti sottoposti a trapianti di rene con caratteristiche molto simili tra loro» aggiunge la ricercatrice. Il suo gruppo è in pole position per dimostrare i vantaggi delle cellule Tr1. Un punteggio per quantificare la risposta contro il cancro A ICI2013 si è parlato molto del ruolo importante dell’immunità nello sviluppo dei tumori, e di come risvegliare le difese dell’organismo perché siano efficaci a contrastare la malattia. Ma l’osservazione dei rapporti che si creano tra il tumore e il sistema immunitario serve anche a prevedere come si evolverà la malattia e probabilmente come risponderà alle cure. Jerome Galon, direttore di ricerca all’Inserm di Parigi, ha messo a punto un test, chiamato Immunoscore, che predice la capacità del sistema immunitario di una persona di combattere le cellule tumorali. «L’uso di Immunoscore sul reperto raccolto alla biopsia o durante l’inter-

Defibrillatori: come ridurre inutili stress per il cuore Meno terapie, meno shock inutili, meno ricoveri, senza influire sulle percentuali di sincopi o morti. Sono positivi i risultati dello studio multicentrico guidato da Maurizio Gasparini, responsabile dell'Unità operativa di elettrofisiologia ed elettrostimolazione dell’Humanitas, e pubblicato sul prestigioso Journal of American Medical Association (Jama). La tesi dello studio è che l’allungamento del tempo di riconoscimento delle aritmie programmato nei defibrillatori cardiaci impiantabili riduce il numero di scariche non necessarie che questi dispositivi mandano al cuore, senza aumento del rischio di svenimento o morte per i pazienti. «Ogni volta che il cuore batte - spiega Gasparini - l'attività elettrica viene registrata dal dispositivo. Un intervallo è il tempo che intercorre tra due battiti cardiaci: un intervallo di rilevamento lungo è quindi un periodo di tempo maggiore per consentire il riconoscimento delle aritmie, ossia i battiti cardiaci irregolari. Abbiamo condotto un trial multicentrico randomizzato su circa 1.900 persone (età media 65 anni, 84% uomini) per valutare una strategia di programma-

zione diversa da quella standard, così da ridurre le terapie non necessarie che possono essere causa di inutile stress al cuore, e dunque fonte di maggiore rischio cardiovascolare». I defibrillatori cardiaci consentono da un lato di eliminare il ritardo fra ventricolo destro e sinistro migliorando l’efficienza del cuore, e dall’altro di interrompere aritmie mortali con la stimolazione antitachicardica e l’erogazione di shock elettrici. Per evitare effetti avversi, principalmente l’erogazione di shock inappropriati, diversi studi si sono di recente concentrati sull’identificazione delle migliori strategie di programmazione, sia nella ricerca di algoritmi di stimolazione per interrompere la tachicardia ventricolare, sia sull’uso di intervalli più prolungati per la rilevazione delle aritmie. Lo studio evidenzia come la strategia basata su un periodo di rilevamento più lungo porti a una riduzione complessiva delle terapie del 37%, a una diminuzione del 45% degli shock cardiaci inappropriati per i pazienti, nonché a un minor numero di ricoveri nei 12 mesi successivi all’impianto del defibrillatore.

vento può fornire informazioni fondamentali sulla prognosi e aiutare così a prendere decisioni sulle scelte terapeutiche da fare, per esempio in relazione al ricorso ai nuovi farmaci mirati” spiega Galon. “Abbiamo infatti osservato che le caratteristiche della risposta immunitaria al tumore sono associate a una maggiore sopravvivenza del paziente, come abbiamo descritto in una review appena pubblicata su Immunity». Il metodo si basa sulla valutazione dei linfociti T detti citotossici proprio perché deputati a uccidere altre cellule potenzialmente dannose per l’organismo, per esempio appunto perché tumorali: dal loro numero, dalle loro caratteristiche e della disposizione rispetto al centro o alla periferia del tumore si può prevedere quale sarà l’andamento della malattia e forse anche la risposta alle cure. Per l’Italia sono impegnati in questo progetto ricercatori dell’Istituto Humanitas di Milano, il gruppo di Michele Maio dell’Università di Siena e alcuni studiosi dell’Istituto Nazionale per lo studio e la cura dei tumori di Napoli. In particolare è in corso uno studio retrospettivo in una ventina di centri in tutto il mondo per convalidare il test nei confronti del cancro al colon, cercando di capire cioè se il test aveva effettivamente predetto quello che poi è stato l’andamento della malattia. Si sta discutendo però di estendere la ricerca clinica anche ad altre malattie in cui l’esame si dimostra promettente. Inoltre, un altro gruppo guidato da un ricercatore italiano, Francesco Marincola - che dopo una lunga esperienza negli Stati Uniti, è oggi responsabile del Sidra Medical and Research Center di Doha, in Qatar- ha confermato in maniera indipendente questi risultati. Il gruppo di ricerca infatti ha osservato che le caratteristiche capaci di rendere i tumori sensibili all’immunoterapia sono le stesse dei tumori con miglior prognosi descritti da Galon.

«L’onorevole Gabriella Giammanco ha presentato un’interrogazione alla Camera dei Deputati in merito alle recenti rivelazioni sulla situazione di Merano che è stata definita la “città con il più alto numero di bambini psichiatrizzati e soggetti a trattamenti con psicofarmaci d'Italia”» lo fa notare il Comitato dei cittadini per i diritti umani (Ccdu), partendo dal dato che a Merano, nel 2010, c'erano ben 40 bambini soggetti a trattamenti con potenti psicofarmaci, cifre 13 volte superiori alla vicina Provincia Autonoma di Trento e 4/8 volte superiori al resto d'Italia. «L’interrogazione dell’onorevole Giammanco è divenuta d’obbligo dopo le sconcertanti dichiarazioni della dottoressa Donatella Arcangeli, dirigente medico del centro di neuropsichiatria infantile di Merano, che confermando le cifre astronomiche riportate ha affermato che Merano è una delle poche città a disporre di un centro di riferimento accreditato e che "per questo motivo i numeri e le percentuali sono rilevanti, come del resto il consumo di farmaci"» prosegue il comitato. «In altre parole ha ammesso che la piena implementazione dei centri accreditati per l'Adhd potrebbe portare un aumento esponenziale dell'uso di psicofarmaci sui bambini». Ma l’interrogazione dell’onorevole Giammanco va aldilà dell’ambito ristretto della città di Merano. Si critica infatti l'assessore alla salute e politiche sociali Richard Theiner per non essere stato in grado di riferire il numero esatto di bambini sottoposti a trattamenti con psicofarmaci nella Provincia Autonoma di Bolzano. Nell’interrogazione l’onorevole afferma che «è preoccupante e intollerabile che queste informazioni non siano a disposizione dell'assessore e della comunità». «Si ritiene che la legge 170 e i centri accreditati Adhd, così come sono attualmente implementati a Merano, potrebbero avere degli effetti disastrosi di medicalizzazione delle scuole e di conseguente diffusione del consumo di psicofarmaci da parte dei bambini. Si ritiene sia urgente una ricerca che estrapoli i dati esatti sul consumo di psicofarmaci e sui percorsi che hanno portato i minori all'assunzione di queste sostanze con particolare attenzione agli screening sui Dsa e alla successiva segnalazione ai servizi sanitari al fine di accertare e valutare le criticità qui esposte ed apportare i necessari correttivi sia didattici che organizzativi in ambito scolastico» ha concluso l'onorevole Giammarco.

Quando la natura fa male: attenzione alle erbe velenose Il recente caso della famiglia di Torino ricoverata in gravissime condizioni dopo una cena a base di un'erba tossica ha riportato all'attenzione del mondo sanitario il tema delle erbe selvatiche velenose, dalla belladonna alla mandragora, dal colchico all'aconito fino alla cicuta di socratica memoria. Erbe scambiate per commestibili e servite a tavola, che possono causare gravi intossicazioni e addirittura uccidere. «Ogni anno registriamo almeno 2-3 decessi» spiega Franca Davanzo, direttrice del Centro Antiveleni del Niguarda «Mille chiamate annue, 400 dalla sola Lombardia, frutto soprattutto della consuetudine, sempre più diffusa, di considerare buono tutto ciò che la natura ci dà: così si raccoglie e si mette nel piatto tutto ciò che ci sembra commestibile, dimenticando che, da sempre e ancora oggi, i vegetali sono sì una delle fonti principali di potenti sostanze farmacologiche, ma contengono anche sostanze velenose”. Anche il mondo sanitario ha quindi la responsabilità di ricordare alla gente che “la natura è sì buona e amica, ma può anche diventa-

re pericolosissima per chi non la conosce più che bene». E gli esempi purtroppo non mancano, come sottolinea l'esperta: «Solo nel 2012 abbiamo avuto 10 episodi di intossicazione grave, di cui alcuni hanno riguardato anche animali, quasi tutti morti». Per questo la Regione Lombardia ha promosso in collaborazione col Centro Antiveleni del Niguarda il progetto osservazionale Erba matta: «Quando veniamo consultati per una sospetta intossicazione da ingestione di piante, chiediamo di riceve-

re anche la fotografia del vegetale in modo tale da poterlo identificare, noi direttamente o attraverso i nostri esperti botanici» spiega la dottoressa. In questo modo è possibile 'mappare' le intossicazioni più frequenti: in Sicilia per esempio l'insidia più frequente è la mandragora, mentre in Piemonte e in Lombardia anche, tra le altre, la belladonna. Ma nell'elenco dei "veleni verdi" buttati in pentola per errore ci sono anche veratro, tasso, stramonio, colchico, aconito, cicuta.


Cultura&Spettacoli Le opere di Pescaroli al Diotti

“Lo sguardo di Orfeo” è il titolo della personale dell’artista parmigiano Giuliano Pescaroli, comprendente dipinti e disegni realizzati fra il 1965 e il 2013, allestita fino al 13 ottobre presso il Museo Diotti di Casalmaggiore. Pittore di formazione classico-uma-

nistica, ha perseguito con coerenza una ricerca artistica al di fuori di correnti o mode, su motivi figurativi, tra natura e mito, risolti attraverso lo studio del gesto pittorico e la sintesi formale di segno e colore. La mostra verrà inaugurata il 14 settembre alle 17.

Il ricavato verrà devoluto al Comune di Pegognaga, danneggiato dal terremoto

Lirica e solidarietà domani a Villa Pallavicino

Un’opera di Valerio Betta

“Arte a corte” propone le opere di Valerio Betta

Fino al 30 settembre a Corte de’ Fratti, nell’ambito della rassegna “Arte a corte”, è possibile visitare la mostra personale dell’artista Valerio Betta. Nato a Nozza di Vestone (Brescia), dove vive e lavora, ha frequentato alcuni corsi presso l’Aab di Brescia tenuti dal maestro Oscar Di Prata, specializzando nell’acquaforte sotto la guida del professor Nino Ramorino. Tra i fondatori dell’associazione Artisti Valsabbini (in seno alla quale ha ricoperto la carica di segretario) e del catalogo “Sinestesie”. Presente nel panorama artistico sin dagli anni Settanta, ha preso parte a varie collettive, alternando partecipazioni in importanti rassegne italiane ad altre, allestite all’estero. Dopo l’importante personale presso la Galleria La Cornice di Desenzano nel 1977, ha tenuto con frequenza personali di assoluto rilievo conseguendo significativi riconoscimenti. Sue opere grafiche si trovano presso la Biblioteca Nazionale di Roma e Firenze, i Musei d’Arte Moderna di Parigi e Amsterdam, l’Archivio della Biennale di Venezia, la Galleria Suzzara e il Museo “Rosso Malpelo”. E’ citato su numerose pubblicazioni e dizionari d’arte. In questa occasione, Valerio Betta presenta una serie di lavori raccolti sotto il titolo di “Emozioni colorate”, che bene sintetizza l’importanza del pigmento e del segno per questo eclettico artista. «Le sue originali figure – spiega Simone Fappanni - che paiono fluttuare in uno spazio infinito, avvolgente, seppure ben identificabile: l’interno di un’abitazione, una piazza, un evento particolare, come il suo notissimo quadro dedicato alla “Mille Miglia”. Un moto che avvolge, come in un inarrestabile rapporto meta-narrativo, queste figure, tanto che sembrano dialogare idealmente l’una nell’altra».

A

dalla redazione

ppuntamento con la lirica e la solidarietà, domani alle 21 grazie al concerto “Liricamente cantando per i terremotati” nello splendido giardino di Villa Pallavicino a Cicognolo. Il Comune di Cicognolo, grazie alla preziosa collaborazione di volontari e di Villa Pallavicino, ha aderito all’iniziativa lanciata dal sito www.liricamente.it ospitando un concerto lirico il cui ricavato verrà interamente devoluto al Comune mantovano di Pegognaga per la ricostruzione delle infrastrutture gravemente danneggiate dal sisma dello scorso anno. Protagonisti della serata saranno artisti cremonesi che, accogliendo gentilmente l’invito di Liricamente.it, metteranno volontariamente a disposizione la propria arte per questa iniziativa benefica: il tenore Luca Bodini di Vescovato, il soprano Gloria Bellini e il fratello baritono Diego (origina-

Villa Pallavicino a Cicognolo

ri di Ostiano), il baritono Valentino Salvini (di Castelnuovo Bocca d’Adda), che per l’occasione non si esibirà cantando, ma accompagnerà al pianoforte i colleghi. Dopo il sisma, l’associazione 4Lirica di

Pegognaga, che gestisce il portale web www.liricamente.it, volendo sostenere il proprio territorio gravemente colpito dal sisma, ha lanciato l’iniziativa “Liricamente cantando per i terremotati”, una rasse-

La natura nei quadri di Elio Roberti in mostra a Soresina

Dopo la consueta pausa estiva, riprende l’attività culturale delle Sale del Podestà di Soresina, con la personale del maestro Elio Roberti, fra i più importanti artisti della Valle Sabbia. Nato a Lavenone, inizia a dipingere verso la fine degli anni Settanta. Ha frequentato i corsi dell’associazione Artisti Bresciani. Molto intensa è la sua attività espositiva, che lo vede protagonista di importanti mostre e la partecipazione a concorsi e rassegne, nell’ambito delle quali ha conseguito importanti premi e riconoscimenti. E’ spesso presente ad estemporanee, in cui spesso risulta nella rosa dei vincitori. I dipinti di Elio Roberti si caratterizzano

per una matericità pulsante, ricca e viva, dove la coloristica è quella della “terra”, con l’alternarsi delle stagioni che si specchiano in cieli ora tersi ora scuri, ora limpidi, talvolta incerti. E’ soprattutto la natura ad essere protagonista dei dipinti esposti nella cittadina bresciana. Spumeggiante in primavera, coperta da un sottile manto nevoso in inverno, degradante in tinte scure durante l’autunno, eppure mai spenta, ma sempre e comunque palpitante. «Osservare i quadri di Roberti - spiega Simone Fappanni nella presentazione - significa perciò addentarsi in un universo di colori e di forme che diventano sostanza e sub-

Rassegna stampa domani con Francesco Merlo

Nuovo appuntamento con la rassegna “I manifesti di Crema” nei chiostri di S. Agostino di Tiziano Guerini Domani, alle ore 21 nei chiostri del centro culturale S. Agostino in Crema – piazzetta W. De Gregory prosegue la rassegna culturale dal titolo “I manifesti di Crema” con “I piedi per terra”, lettura dei giornali del mattino con Francesco Merlo, catanese di nascita, chr ha collaborato dapprima con i giornali di Palermo e di Catania per approdare poi al Corriere della Sera dove è rimasto per 19 anni; dal 2003 è giornalista editorialista del quotidiano La Repubblica. «Leggere e commentare la sera i giornali del mattino dà una vertigine, perché si capisce la straordinaria velocità di giudizio a cui sono soggette le opinioni e i fatti in Italia». E’ questo un periodo in cui le notizie, quelle di politica interna soprattutto ma anche per la politica internazionale, si susseguono quasi ora per ora, suscitando attenzione ma soprattutto preoccupazio-

strato lirico, intenso e coinvolgente. Nella sua quadreria si osservano, altresì, ricche composizioni floreali, ceste di frutta dipinte con estrema cognizione coloristica e distese di campi arati dove ogni tanto si ergono alberi isolati. Non mancano neppure scorci della nostra campagna, come ad esempio vedute di Corte de’ Frati e di Pescarolo, ma tanti dipinti sono ugualmente dedicati a svariati scorci». Roberti ama definire la sua pittura «semplice, sintetica, ma ricca di atmosfera, che vuole dialogare con tutti; una figurazione moderna di tipo postimpressionista». La mostra rimarrà aperta fino al 22 settembre.

Lezioni di musica con la banda Anelli

ne e in qualche caso sconcerto. Che ne pensa un grande giornalista di vasta esperienza? Intervista il giornalista Giovanni Bassi. I commenti e le valutazioni giornalistiche saranno intervallate dagli interventi musicali del clarinetto di Paolo Tomelleri.

I chiostri di S. Agostino

SPETTACOLO A SANTO STEFANO Giovedì 5 settembre alle ore 21 nella piazza della chiesa del quartiere di S. Stefano a Crema, per la rassegna “Summer Cream”- l’isola che non c’è - si terrà uno spettacolo di burattini dal titolo “L’acqua miracolosa”. Il progetto, ormai al penultimo appuntamento, è realizzato dal comune di Crema (assessorato alla Cultura), in collaborazione con l’associazione culturale ImmaginArte (direttore artistico Stefano Vanelli). “Summer Cream” è una proposta di vari spettacoli che mira a riportare vita nelle vie e nelle piazze, specie dei quartieri periferici, della città di Crema.

Risate in arrivo a CremArena con Paolo Migone, il comico lanciato da Zelig

Paolo Migone

gna di concerti itineranti in diverse zone del nord Italia per la raccolta di fondi da destinare alla ricostruzione dei Comuni mantovani. L’associazione 4Lirica e il Comune di Pegognaga ringraziano per la collaborazione e per l’ospitalità i volontari, il Comune di Cicognolo, Villa Pallavicino e gli artisti impegnati. Il programma si presenta ricco di arie, duetti e terzetti tratti dalle più celebri opere di Mozart, Verdi, Puccini, Tosti: dal Don Giovanni a Rigoletto, Traviata, La Forza del Destino, Gianni Schicchi per cercare di allietare ed emozionare tutti coloro che porteranno la propria offerta a favore dei terremotati. Il sindaco di Pegognaga, Dimitri Melli, ha accolto l’invito dei volontari del Comune cremonese, confermando la propria presenza all’evento e la sera stessa riceverà la busta con le offerte raccolte. Appuntamento quindi con una serata all’insegna della buona musica e della solidarietà.

Venerdì 6 settembre alle ore 21 negli spazi aperti di CremArena – piazzetta W. De Gregory a Crema – viene offerta l’opportunità di vivere una serata particolare in compagnia della comicità di Paolo Migone. Elemento di punta della squadra televisiva di Zelig, Paolo Migone – nato a S. Paolo del Brasile e cresciuto a Livorno da genitori italiani (da qui il particolare accento toscano della sua parlata) – è il comico cabarettista dal tipico occhio nero che presenta nei suoi monologhi, sotto la veste dell’ironia, una visione pessimistica della vita di coppia, dell’impossibile vita nelle metropoli, delle storture assurde della società contemporanea. Nel 2012 gli è stato assegnato il “Delfino d’oro” come miglior cabarettista dell’anno. Una presenza a Crema, quella di Paolo Migone, che certamente richiamerà i molti appassionati

del genere comico-surreale non solo della città. SCUOLA MONTEVERDI Dopo la pausa estiva, la Scuola musicale Monteverdi di via Dante a Crema, è pronta a ripartire con nuovi progetti, nuovi corsi, lezioni-concerto, seminari, saggi, concerti, laboratori nelle scuole dell’infanzia e primarie e tante sorprese. La segreteria della scuola (aperta dal lunedì al venerdì dalle 16.30 alle 19.30, tel. 0373-257329), riapre lunedì 2 settembre per l’iscrizione ai vari corsi musicali proposti per l’anno scolastico 2013-2014. L’inizio delle lezioni è previsto per lunedì 7 ottobre. Molteplice l’offerta dei corsi. Oltre ai corsi individuali e collettivi per tutti gli strumenti musicali, la scuola predispone corsi specifici di base per bambini, cura la preparazione per cori di voci bianche e giovanili, per musica d’insieme, allestisce corsi di musica jazz.

La Scuola di musica promossa dal Corpo Bandistico “Giuseppe Anelli” di Trigolo riprende l’attività ed ha aperto l’iscrizione ai corsi per l’anno scolastico 2013-2014. Indirizzati a bambini, giovani ed adulti di ogni età i corsi, che anche in quest’anno scolastico vengono proposti da insegnanti specializzati sotto la supervisione del maestro Vittorio Zanibelli, comprendono lezioni di propedeutica, avviamento musicale, teoria e solfeggio, musica d’insieme. Sono invece nove i corsi ad indirizzo bandistico, tenuti da otto insegnanti diplomati presso il Conservatorio nello strumento che insegnano e che riguardano una vasta gamma di strumenti: flauto traverso, clarinetto, sassofono, oboe, fagotto, tromba, corno, ottoni (bassotuba, euphonium e trombone), percussioni (batteria, grancassa, piatti, timpani, xilofono, vibrafono e glockenspiel). Lo scopo di questi corsi è quello di favorire il graduale ingresso degli allievi nell’organico della banda, offrendo loro la possibilità di continuare a perfezionare il livello di preparazione. Gli strumenti musicali, fino ad esaurimento, sono dati in prestito gratuito dalla banda. Le lezioni sono settimanali e gli orari saranno concordati con gli allievi e con le rispettive famiglie in una riunione preliminare, tenendo conto degli eventuali impegni in altre attività. Le iscrizioni e maggiori informazioni sui corsi e sulle quote di frequenza si raccolgono per tutto il mese di settembre presso il presidente Antonio Pini ed il maestro Vittorio Zanibelli (ulteriori informazioni sono reperibili sul sito www.bandatrigolo.it/scuola_di_ musica.html).


,

,

,

i mmagina i mmagina i mmagina cità cità cità pubbli

pubbli

pubbli

Se desideri entrare in questa pagina di servizio "Estate con noi" telefona allo 0372 45.39.67

,

i mmagina pubblicità i,mmagina i,mmagina i,mmagina pubblicità

pubblicità

pubblicità



Il Piccolo del Cremasco del 31 agosto 2013