Page 36

36

Sport

Venerdì 22 Luglio 2011

Pronti, via! Tocca al Videoton 1990, la più longeva società di calcio a 5 della bassa Lombardia - con i suoi 21 anni di attività inaugurare la girandola di presentazioni estive. Dichiarata conclusa l’importante campagna acquisti, che rilancia le quotazioni dei rossoblu in vista del più impegnativo campionato

Calcio a 5 - Il Videoton si presenta al gran completo

della sua importante storia, ovvero quello della riconferma nella C2 della Figc, Severgnini, Valente e tutto il cda si apprestano a incontrare i propri sostenitori per raccogliere l’impegno ad un torneo di soddisfa-

zioni. L’appuntamento è per mercoledì 27 luglio alle ore 19 presso il Duomo Cafè, dove avverrà la presentazione ufficiale della squadra. Ai confermatissimi Mondora, Sardi, Cerioli, Guerini, Marazzi, Giulivi e Serina

si aggiungono alla comitiva i giovanissimi Trapletti, Carelli, Pedrazzini e i neo acquisti Santabarbara, Cè, Notarbartolo, Maianti, Piacentini e Vanelli. Importantissimo inoltre il ritorno dell’esperto Marco Meschini

alla corte di mister Valente. Dicevamo del mercato e del colpo più importante messo a segno dalla sochietà: Matteo Vanelli. Classe ’86, è in arrivo dalla Seconda categoria offanenghese, dopo i trascorsi nelle

file delle giovanili del Pergocrema e in diversi campionati di Promozione. E’ il giocatore di rapidità che mister Valente cercava da tempo, laterale ma con spiccate caratteristiche offensive è dotato di una ottima tecnica individuale e di un dribbling secco. Un innesto che si rivelerà importante...

L’iscrizione è salva, il resto manca

Manolo Bucci ha deciso di non ritirare la fidejussione, ma è sempre alla ricerca di acquirenti per vendere le sue quote

D

Prima Divisione - Dopo numerosi colpi di scena il nuovo staff si è messo in moto per allestire la rosa

di Stefano Mauri

opo un anno incasinato, intorno al calcio “cannibale” c’è bisogno di sana chiarezza. Il dottor Manolo Bucci, per evitare di disperdere il suo “patrimonio sportivo”, rischiando di rimetterci ulteriore denaro, lunedì scorso non ha ritirato l’iscrizione al campionato di Prima Divisione di Lega Pro. Ergo, il Pergo risulta iscritto al torneo d’appartenenza, ma una società, per considerarsi viva ha bisogno innanzitutto di programmi chiari, lungimiranti e produttivi. La cordata friulana, il gruppo rappresentato da Nicola Di Bon e Paolo Paparcura, interessato a rilevare il testimone da Bucci, anche per i continui cambi di rotta in fase di trattativa (compresa la richiesta improvvisa dell’inserimento di garanzie immobiliari), nei giorni scorsi ha perso i pezzi. A grandi linee l’ipotetico e aleatorio organigramma societario “canarino”, all’alba di un luglio che volge al tramonto sarebbe questo: il signor Manolo Bucci detiene tuttora qualche quota (e continua a cercare acquirenti), i friulani dovrebbero gestire le “azioni” restanti (in caso di rifiuto partirebbe la ricerca di altre strade). Massimo Cappellini, Barbara Locatelli e altre persone, con l’autofinanziamento si occuperanno della gestione del vivaio, Max Aschedamini e soci (non

I tifosi del Pergo durante la scorsa stagione

(per gentil concessione dell’Us Pergocrema)

dovevano rilevare il club, ma tenere alta la guardia: la loro missione sta funzionando) porteranno in dote coispicui sponsor. L’accordo preliminare tra le (troppe) parti non è stato ufficializzato da alcuna firma, il garante è l’imprenditore cremasco Gior-

gio Pagliari, il quale ha dato la disponibilità al consigliere regionale Agostino Alloni a diventare mediatore partecipe della vicenda. Dunque il Pergocrema continuerà a viaggiare in Prima, l’allenatore è (?) Annunciato Zavattieri, Adriano Cadregari

sarà il direttore generale, Gianpaolo Sperolini (calciofilo capace ed appassionato) fungerà da responsabile del settore giovanile. Il prima possibile, i friulani devono “restituire” la fidejussione bancaria al presidente Bucci, il quale comunque, per vendere gradirebbe non “smenarci”, altrimenti non si spiegherebbero i continui ripensamenti. Sono giornate intense, frenetiche queste. Tra il presidente di Lega Pro Mario Macalli, Di Bon, Papacura, l’imprenditore di Vaiano Cremasco e Bucci, un’altra persona, con continue telefonate (che volevano abbreviare i tempi, ma… hanno complicato il quadro, ndr) si è messa eccessivamente di mezzo. La speranza è che adesso la nebbia si diradi, magari con la nomina di un unico ambasciatore operativo tra le tante (servivano discrizione e un solo intermediario) parti in gioco. Cadregari (filosofo, o meglio, maestro di calcio) e Zavattieri stanno cercando di allestire la rosa, il ritiro precampionato potrebbe iniziare il 2 agosto. Il Pergo non ha bisogno di spot, di personalismi o di presunti atti d’eroismo (paralleli con eroi commoventi, nella fattispecie poco c’azzeccano), occorrono chiaro pragmatismo e un progetto. L’apparenza è salva, la sostanza è in complessa, evolutiva (occhio ai probabili, drastici colpi di scena) fase d’allestimento.

Ferrari a caccia del bis in Germania

sport week - Obiettivo delle rosse confermarsi dopo la vittoria ottenuta a Silverstone

D

opo lo splendido successo (il primo stagionale) ottenuto a Silverstone con Alonso, la Ferrari arriva in Germania per ottenere un fantastico bis. Domenica, infatti, si corre sul circuito del Nurburgring, dove riprende la caccia alle Red Bull, apparse in Inghilterra meno imbattibili. Lo scarso anno si è corso ad Hockenheim (il Gp di Germania si svolge in alternanza sui due circuiti tedeschi) e la Ferrari fece doppietta: un motivo in più per essere ottimisti. «Il successo di Silverstone è arrivato in un momento importante della stagione e vale ancora di più perché ha coinciso con il sessantesimo anniversario della nostra prima vittoria, ottenuta da Gonzalez proprio su quel circuito - afferma Stefano Domenica-

Il circuito del Nurburgring, sede del Gp di Germania di Formula 1, in programma domenica. La Ferrari sogna il bis dopo il trionfo di Silverstone

li sul sito della Ferrari -. Sappiamo di non poter essere contenti per aver vinto soltanto una gara in questa stagione, ma è stato importante per tutti in squadra poter riassaporare il gusto della vittoria. Non ho mai preso in considerazione l’ipotesi di una sta-

gione senza successi. Non dobbiamo dimenticarci che, negli ultimi diciotto anni, la Ferrari ha vinto ogni anno almeno una volta: sono tanti e non credo che ci siano altre squadre che possano dire di aver fatto lo stesso». Tutto vero, come la supremazia in-

discussa di Sebastian Vettel, che può vivere di rendita nella seconda parte della stagione, grazie a un vantaggio enorme in classifica. La Ferrari, senza clamorosi colpi di scena, può puntare solo al secondo posto. Un traguardo importante, ma che non può fa saltare di gioia i tanti tifosi del Cavallino. CLASSIFICA PILOTI 1) Sebastian Vettel (Red Bull) 204 punti; 2) Mark Webber (Red Bull) 124; 3) Fernando Alonso (Ferrari) 112; 4) Lewis Hamilton (McLaren) 109; 5) Jenson Button (McLaren) 109; 6) Felipe Massa (Ferrari) 52; 7) Nico Rosberg (Mercedes) 40; 8) Nick Heidfeld (Renault) 34. IN TV Sabato 23 luglio: alle ore 14 le qualifiche (diretta su Raidue). Domenica 24 luglio: alle ore 14 la gara (diretta su Raiuno).

Moto Gp: Lorenzo bracca Stoner a Laguna Seca

Casey Stoner, leader del mondiale

Archiviata la vittoria di Dani Pedrosa nel Gp di Germania sul circuito del Sachsenring, la MotoGp torna subito in pista negli Stati Uniti e precisamente a Laguna Seca. Il mondiale si è fatto interessante, con il recupero di Jorge Lorenzo, campione del mondo in carica, distante ora solo 15 punti dal leader Casey Stoner. Anche a Laguna Seca la lotta sarà molto probabilmente tra questi due piloti, senza dimenticare Pedrosa, tornato in grandissima forma dopo l’infortunio. L’anno scorso il Gp degli Stati Uniti è stato vinto da Lorenzo, che ha preceduto Stoner e Valentino Rossi. Quest’ultimo le sta provando tutte per tornare competitivo con la sua Ducati, anche se per ora con scarsi risultati.

IL CIRCUITO Laguna Seca misura 3.610 metri, propone 7 curve a sinistra e 4 a destra. Il giro più veloce appartiene a Stoner, che nel 2008 in sulla alla Ducati ha girato in 1’20”.700. CLASSIFICA MOTOGP 1) Casey Stoner (Honda) 168; 2) Jorge Lorenzo (Yamaha) 153; 3) Andrea Dovizioso (Honda) 132; 4) Valentino Rossi (Ducati) 98; 5) Dani Pedrosa (Honda) 94; 6) Ben Spies (Yamaha) 85; 7) Nicky Hayden (Ducati) 85; 8) Marco Simoncelli (Honda) 60; 9) Colin Edwards (Yamaha) 59; 8) Hiroshi Aoyama (Honda) 57. IN TV Sabato 23 luglio: ore 22.55-23.55 le qualifiche. Domenica 24 luglio: ore 23 la gara.

Eccellenza - Crema 1908

Il tecnico è Nichetti

Per cause di bilancio, quello che si appresta ad iniziare la sua seconda stagione di fila in Eccellenza, sarà un Crema 1908 giovane e totalmente rivoluzionato rispetto al recente passato. Mister Claudio Nichetti (il trainer ha vinto il ballottaggio con Marco Cabrini dal suo cilindro dovrà quindi pescare tanta esperienza per trovare la quadra, ma il presidente Walter Fornaroli e lo sponsor Francesco Barbaglio hanno fatto, fanno e faranno il possibile per garantire la sopravvivenza. Considerato il momento difficile e soprattutto considerando che la città aiuta già il Pergo, loro non hanno colpe. S.M.

NEWS

Finale di Copa America L’Uruguay è favorito Nella Copa America delle grandi deluse, sorride l’Uruguay che dopo aver battuto l’Argentina nei quarti ai calci di rigore, ha superato in scioltezza il Perù in semifinale (2-0). Domenica nell’atto conclusivo della manifestazione affronta da favorito il Paraguay, cinico e spietato ai rigori sia con il Brasile, che con il Venezuela, eliminati forse immeritatamente dopo due gare bloccate sullo 0-0. Per la celeste di Tabarez una bella conferma dopo il quarto posto raggiunto ai mondiali sudafricani. Tra Venezuela e Perù in palio c’è il terzo posto. • sanchez al Barça Dopo una snervante trattativa, il cileno dell’Udinese è stato ceduto al Barcellona per 27 milioni cash e circa 12 milioni di bonus. Via libera, quindi, da parte dei blaugrana per Bojan alla Roma.

Tour de France 2011: bravo Andy Schleck

Grande impresa del lussemburghese Andy Schleck, dominatore sul Galibier, davanti al fratello Franck, a Cadel Evans e a un ottimo Ivan Basso (quinto con Cunego in classifica generale). Crollo di Contador, giunto al traguardo con un distacco di 3’50” e ormai fuori dai giochi. Il francese Thomas Voeckler ha conservato la maglia gialla per soli 15” proprio su Andy Schleck, a questo punto grande favorito per la vittoria finale. E venerdì è in programma la terribile Modane-Alpe d’Huez di 109,5 km, decisiva per il Tour de France 2011.

Il Piccolo del Cremasco  

22 luglio 2011

Il Piccolo del Cremasco  

22 luglio 2011

Advertisement