Page 35

lo

SPORT

Venerdì 22 Luglio 2011

35

Cremonese, partenza confortante

Prima Divisione - Prestazione positiva contro la grande Inter. Mercato: ingaggiato il portiere Enrico Alfonso

U

di Matteo Volpi

n battesimo di sole, quattro reti incassate che però fa ben sperare. Il ri-tiro della nuova Cremo-nese è iniziato con l’amichevole di lusso contro la grande Inter. Una sconfitta assolutamente onorevole per 4-1, maturata soprattutto nel finale di gara (1-1 all’intervallo) che ha lasciato ben più di un sorriso in casa grigiorossa. La buona prestazione, innanzitutto, al cospetto di una squadra di fenomeni, ma soprattutto alla fine del ritiro montano, senza considerare poi il gran gol di Nizzetto e la splendida cornice in cui l’amichevole ha avuto luogo, in cui hanno ben figurato anche i tanti giovani mandati in campo da Brevi. Il nostro auspicio è che questa amichevole di cartello, peraltro trasmessa in diretta televisiva sui canali di Sky, contribuisca soprattutto a creare subito quella dose di entusiasmo nel nuovo gruppo, atteso ora dalla vera mole di lavoro per gettare basi adeguate a quella che sarà l’intera stagione. Ora si torna sulla terra, come avversari non ci saranno più Eto’o, Sneijder, Stankovic, Pazzini o il promettente Ricky Alvarez, ma squadre decisamente più alla portata contro le quali la truppa grigiorossa potrà provare al meglio schemi, equilibri tattici e assetti sul campo di gioco. Nel frattempo, sempre per stare in tema di nerazzurro, dopo gli arrivi di Semenzato prima e Rigione poi, l’amichevole di mercoledì è stata anche occasione per Turotti di poter strappare il “sì” dei dirigenti dell’Inter per ottenere il prestito di un altro ex prodotto della Primavera dell’Inter. Si tratta di Enrico Alfonso, nome noto in terra cremonese per il suo trascorso con la maglia del Pizzighet-

SCANDALO SCOMMESSE

A breve sono attesi i deferimenti. Paoloni non verrà riascoltato

Pazzini in azione durante l’amichevole contro la Cremonese, vinta 4-1 dai nerazzurri

Sfoggiate le nuove maglie

In occasione dell’amichevole con l’Inter, la società grigiorossa ha potuto sfoggiare le nuove maglie, targate Acerbis, che accompagneranno la squadra per la stagione 2011-12. La prima maglia presenta un innovativo design con le corde di violino inserite all’interno delle tradizionali linee grigiorosse, mentre la seconda maglia per le trasferte sarà completamente bianca con una fascia grigiorossa sul petto. Novità importanti anche per quanto concerne i marchi degli sponsor: Iltainox sarà il primo sponsor della maglia grigiorossa ed Arinox sarà il primo sponsor della maglia bianca per le trasferte. Entrambe sono società del Gruppo Arvedi. Il marchio “E’ più” resta ancora legato ai colori girigiorossi come co-sponsor su entrambe le maglie della prima squadra e su quelle della Berretti. tone, che ufficialmente da giovedì veste i panni del portiere titolare nella nuova stagione grigiorissa. L’estremo difensore, classe ’88 e in comproprietà tra Inter e Chievo, smaltiti i guai allo scafoide che lo misero a lungo fuori uso nella stagione in riva all’Adda, è reduce da un’annata da titolare al Modena in serie B, ma si candida prepotentemente ad una stagione di definitivo rilancio.

ALTRE TRATTATIVE Al test con i nerazzurri non hanno preso parte i vari giovani ceduti nelle ultime ore. Davide Rossi, dopo l’esperienza con la Sampdoria, torna in terra ligure. L’attaccante cremonese, classe ’92, potrà finalmente giocarsi le sue carte a Savona in C2, società alla quale è stato ceduto in prestito . Il club ligure del presidente Pesce, che ha accolto Rossi con un caloroso benvenuto,

(foto www.inter.it)

segno delle aspettative che lui e il tecnico Nini Corda nutrono nei confronti del giocatore, avanzerà comunque la domanda di ripescaggio al campionato di Prima Divisione. Il Savona pare interessato anche al giovane portiere Galli. Simone Malacarne è stato ceduto a titolo definitivo al Treviso, dove raggiunge così Brunetti che invece rimane in comproprietà. Gambaretti, infine, potrebbe finire alla Pro Patria, mentre Stefano Fanfoni è passato alla Gallaratese. Tra le voci di mercato spuntano nomi di esperienza come quelli di Andrea Soncin per l’attacco e Manolo Pestrin per il centrocampo. Quest’ultimo, però, è fortemente richiesto dall’Ascoli in serie B. ADDIO A ZEGLIOLI Nei giorni scorsi, all’età di 80 anni, si è spenta una vecchia gloria della storia grigiorossa, Achille Zeglioli. L’Us Cremonese si è unita al dolore della moglie Maria Rosa, delle figlie Mariella e Daniela e del fratello Gino per la scomparsa del caro “Petile”.

Si sono chiuse mercoledì a Roma le audizioni da parte del procuratore federale Stefano Palazzi in relazione all’inchiesta sulle scommesse in corso di svolgimento a Cremona. Più di due settimane di lavoro a ritmo sostenuto per il procuratore e i suoi collaboratori, che ora dovranno lavorare sui deferimenti attesi per i prossimi giorni. Se i tempi verranno rispettati e se non ci saranno sorprese dell’ultimo minuto, il processo di primo grado dovrebbe iniziare nei primissimi giorni di agosto ed entro la metà dello stesso mese dovrebbe concludersi il tutto con le sentenze definitive. Negli uffici della procura, da lunedì 4 luglio, sono passate oltre cinquanta persone, tesserate e non, ascoltate secondo un calendario concordato assieme al procuratore capo di Cremona Roberto Di Martino, titolare dell’inchiesta, con lo scopo di accertare eventuali violazioni del codice di giustizia sportiva da parte dei soggetti indagati. L’ex portiere della Cremonese, Marco Paoloni avrebbe dovuto essere risentito dai procuratori federali, ma alla fine si è ritenuto di non interrogarlo nuovamente. Non ci sarà collaborazione fattiva del portiere. La procura non si sarebbe infatti accontentata della memoria difensiva, quindi tutte le spiegazioni arriveranno direttamente in fase dibattimentale. «Riteniamo opportune e chiare le dichiarazioni già rese nel precedente interrogatorio del 6 luglio scorso», ha detto l’avvocato Luca Curatti, che insieme al collega di diritto sportivo Paolo Rodella e alla penalista Emanuela Di Paolo difende il giocatore. «Altri chiarimenti - ha concluso Curatti - Paoloni li darà nell’eventuale dibattimento». Intanto è stata depositata al gip Guido Salvini la richiesta di poter far tornare Paoloni a Cremona per l’incontro con la stampa indicato per il 26 luglio. Attualmente il giocatore si trova a Civitavecchia, città di cui è originario, con l’obbligo di dimora e firma. I suoi legali hanno anche depositato al gip la richiesta di libertà assoluta. Sara Pizzorni

Canottaggio - I tre cremonesi sono tra i favoriti nelle rispettive barche ai mondiali Under 23 di Amsterdam

Manzoli, Margheri e Cagna a caccia di medaglie

Sopra Manzoli e Margheri, a lato Cagna

Torna a farsi valere la tradizione del remo cremonese, che sembrava un poco offuscata dopo le non convincenti prestazioni di Simone Raineri che con il suo quattro di coppia non riesce a trovare la giusta formula per emergere. Fortunatamente, alle spalle del campione olimpico stanno crescendo nuovi virgulti che proprio questa settimana, impegnati ad Amsterdam nei campionati mondiali Under 23, sosterranno la prova del fuoco. A capeggiare il trio è Gabriele Cagna, ormai un veterano dei campionati del mondo nonostante la ancor giovane età (ne ha disputato già sette nelle varie categorie) il quale guiderà il quattro di coppia, una delle barche più accreditate alla medaglia nella pattuglia azzurra. Con il casalasco dell’Eridanea, allievo di Umberto Viti, ci sarà un altro prodotto della scuola cremonese, Michele Manzoli, allievo di Giancarlo Romagnoli e già medagliato lo scorso anno ai mondiali Juniores, quindi una piccola sicurezza anche nella nuova categoria. Con loro in

xx

barca il padovano Francesco Cardatoli che assumerà il ruolo di capovoga e il fiorentino Matteo Balugani che già lo scorso anno, da Junior era in barca con Manzoli ai mondiali di categoria. E’ un equipaggio ben assortito in cui Cagna farà da chioccia ai compagni più giovani, ma che l’allenatore Antonio Baldacci vede molto bene. Edoardo Margheri non sarà più con il compagno di colori societari Michele Manzoli. Essendo riuscito a rientrare nei limiti di peso, vogherà sul quadruplo pesi leggeri, altra barca favorita (ha centrato subito la semifinale) che oltre al baldesino vede nell’equipaggio Alessandro Di Liberti, Claudio Provenzano ed Andrea Micheletti. L’impegno che attende i tre canottieri di casa nostra è sicuramente tra i più impegnativi, basta guardare ai numeri: 860 atleti presenti in rappresentanza di ben 64 nazioni per un totale di 386 equipaggi. Un vero record per la massima rassegna degli Under 23. C.C.

Il Piccolo del Cremasco  
Il Piccolo del Cremasco  

22 luglio 2011

Advertisement