Page 17

Crema

Venerdì 22 Luglio 2011

Ospedale, ecco i nuovi reparti: oncologia, endoscopia, urologia E’ stato un evento per la città. Luigi Ablondi: «L'inaugurazione più bella»

S

di Gionata Agisti

abato scorso, tre inaugurazioni si sono succedute all'ospedale: quelle della nuova unità operativa di Oncologia, attiva dal 30 giugno scorso e dei reparti ristrutturati di Endoscopia e Urologia, in attesa del trasferimento dei pazienti, per poter partire a tutti gli effetti. I tre reparti sono gestiti, rispettivamente, dai primari Maurizio Grassi, Alessandro Zambelli e Alessandro Baresi. Una giornata-evento, che ha visto la partecipazione alla cerimonia, con ben tre tagli del nastro, del prefetto Bruno Tancredi di Clarafond, dell'onorevole Alberto Torazzi, dell'assessore regionale Gianni Rossoni, del presidente della Provincia, Massimiliano Salini, e del sindaco Bruno Bruttomesso. Nell'occasione, è stato ricordato anche il dottor Gianni Leidi, ex primario di Urologia, scomparso prematuramente tre mesi fa, a 52 anni; alla cerimonia erano presenti i due

dente regionale del Tribunale dei diritti del malato, Anna Motta Forin, per via dell'impegno profuso nel garantire ai propri pazienti il meglio dei servizi disponibili. Grazie a questi interventi, infatti, l'ospedale imprime un'ulteriore accelerazione al percorso di eccellenza intrapreso da anni, con l'ambizione di porsi come una punta di diamante nell'ambito della sanità lombarda. Il nuovo reparto oncologico guidato dal dottor Grassi, in particolare, viene a configurarsi come un vero modello nella cura dei malati di cancro: può contare su uno staff di sei medici e ventidue infermieri, tre caposala, tre operatori socio-sanitari e un dirigente psicologo e al suo interno c'è spazio per diciotto posti letto e due stanze a pressione positiva, ambienti asettici destinati ai malati più gravi. L'idea alla base è quella di garan-

tire il meglio dell'assistenza in un ambiente che sia il più confortevole e idoneo possibile, perché la cura del malato passa anche attraverso la qualità degli spazi e dei rapporti umani. «Quella di sabato è stata l'inaugurazione più bella che finora mi sia capitata» commenta entusiasta il direttore generale Ablondi. «Dal punto di vista emotivo è stata molto coinvolgente, per via del reparto di Oncologia, caratterizzato da molti aspetti che toccano le corde dei sentimenti e per via del ricordo del primario Leidi, che ci ha lasciato troppo presto. Inoltre, si tratta di un risultato di grande successo, soprattutto in un periodo di vacche magre come quello attuale. Tutto questo ci conforta, come dimostrazione di quanto siamo stati in grado di fare per favorire al meglio la nostra comunità». Adesso, si passerà a restaurare il quarto piano dell'ospedale, quello che ospita il reparto di OstetriciaGinecologia. I lavori sono iniziati proprio in questi giorni e dovrebbero durare tra i sei e gli otto mesi, per un costo di 1 milione di euro; si tratta di rifornire ogni ambiente dell'aria condizionata, di rifare gli impianti elettrici e di garantire un bagno per ogni camera, il che è tutto quanto un ospedale, nel senso moderno del termine, deve garantire. Contemporaneamente, procedono anche i lavori per la nuova struttura dei poliambulatori; dovrebbero terminare a settembre.

Un risultato di grande successo visto il periodo

Luigi Ablondi, direttore dell’ospedale di Crema

figli. Al direttore generale dell'Azienda Ospedaliera, Luigi Ablondi, che ha accolto gli ospiti in sala Polenghi, affiancato dalla direttrice sanitaria, Frida Fagandini, e dal direttore amministrativo, Roberto Savazza, sono stati rivolti i complimenti da parte delle autorità e anche della presi-

Silc di Trescore, 300 dipendenti: è a rischio l’uscita sulla Melotta

Sono anni ormai che la Silc di Trescore Cremasco, una delle aziende più importanti della provincia, si sta rivolgendo alle diverse amministrazioni provinciali, perché intervengano a mettere in sicurezza il tratto di strada, la Melotta, su cui si affaccia una delle due sedi della ditta. Nel corso del tempo, Antonio Ogliari, l'amministratore delegato dell'azienda, che si occupa della produzione di pannolini e articoli per l'igiene personale, ha chiesto prima all'amministrazione comunale di Trescore e poi, tramite questa, all'amministrazione provinciale una possibile soluzione, ma finora non ha mai ottenuto risposta. «Abbiamo richiesto più volte una rotonda, un semaforo, almeno un dissuasore ma non abbiamo ottenuto nulla» racconta Ogliari. «Ci è stato detto dal Comune che i dissuasori non possono essere posizionati su una strada provinciale, per via della velocità di percorrenza, ma a un sistema di lampeggianti ci si poteva pensare. La situazione è veramente rischiosa, perché da noi lavorano 300 persone che, per immettersi sulla provinciale, hanno a disposizione solo un'uscita a raso, per di più leggermente in salita». «La visibilità» continua Ogliari, «è compromessa dalle file di auto parcheggiate e questo, soprattutto con il buio e la nebbia delle stagioni più fredde, diventa un vero e proprio pericolo per la sicurezza, senza contare la velocità con cui scorrono le auto da Palazzo Pignano fino alla rotonda all'altezza di Trescore. Per fortuna, non si è ancora verificato nessun incidente ma non vedo perché si debba sempre aspettare l'irreparabile per intervenire».

Il Pd sui trasporti

Tempestare di e-mail le caselle sia di Formigoni che di Cattaneo

Tempestare di email le caselle postali del presidente Formigoni e del suo assessore ai trasporti Cattaneo, raccontando quotidianamente il disagio dei pendolari delle linee di trasporto locale lombarde. Questa è l’azione di protesta che intende portare avanti l’utenza soprattutto del servizio ferroviario. Sul piano strettamente politico, il Partito democratico invece si spenderà affinché, in quella che definisce la «cura del ferro» ci sia spazio entro il 2011 per il biglietto integrato treno-gomma-navigazione. Sono emersi questi aspetti durante la diretta su www. blogdem.it. Sul sito è possibile rivedere il video e continuare a mandare commenti. Ai consiglieri regionali del Partito democratico, coordinati dal collega Fabio Pizzul, il compito di fare il punto sul sistema dei trasporti lombardi, anche rispondendo alla trentina di domande giunte sul sito durante la diretta: «In Lombardia è penalizzato chi utilizza il servizio pubblico perché a fronte degli aumenti tariffari c’è un peggioramento del servizio» ha detto Stefano Tosi. «Dopo l’unificazione del gestore in Trenord, non c’è stato nessun passo avanti e una linea come la ComoMilano ha tempi di percorrenza pari a quelli del 1938» gli ha fatto eco il capogruppo Luca Gaffuri. Le soluzioni sono nel miglioramento «del materiale rotabile e in una gestione del servizio fatta con estrema attenzione» ha proseguito Tosi, «ma anche maggiori investimenti rispetto al solo 0,43 per cento del bilancio di Regione Lombardia» ha aggiunto Agostino Alloni. Presente a rappresentare tutti i pendolari Giorgio Dahò, che da 27 anni percorre la Milano-Lecco tra sempre maggiori disagi. E se il rischio, come ha denunciato, è che ci sia «una diminuzione del livello di partecipazione da parte dei pendolari che ormai accettano tutto», allo sciopero dell’abbonamento proposto da un utente on line ha risposto: «Meglio tempestare di email il presidente Formigoni e l’assessore Cattaneo». Il Pd, dal canto suo, chiede un miglioramento dell’efficienza, il biglietto integrato treno-gomma-navigazione entro il 2011, maggiori informazioni all’utenza in tempi di tecnologia avanzatissima e alla portata di tutti, e porta fatti concreti come il finanziamento, da parte dello stesso Pd, di un progetto per un collegamento diretto tra Crema e Milano che si è dimostrato del tutto fattibile.

Le ricerche sono rivolte a candidati dell’uno e dell’altro sesso (L:903/77 e L. 125/91). Trattamento dati personali secondo D.Lgs. 196/2003 visionabile sul sito www.ddlspa.it. • Aut. Min. Prot. N° 1239 - SG del 22/12/2004

La silc di Trescore

L'assessore provinciale ai Lavori pubblici, Giovanni Leoni, ammette di non essere a conoscenza della questione e si riserva di studiarla a dovere: «Purtroppo, però, la normativa in fatto di strade parla chiaro e non prevede eccezioni. A differenza di quanto è concesso in ambito comunale o comunque su strade declassate, su di una provinciale non sono possibili dissuasori; non è questione di sensibilità politica, si tratta di un problema di natura squisitamente tecnica. Detto questo, se si pensasse invece a dei piccoli accorgimenti non invasivi, di norma, come amministrazione provinciale, cerchiamo sempre di venire incontro alle esigenze di tutti, laddove possibile. Una piccola rotatoria sarebbe ad esempio una soluzione da poter prendere in considerazione ma, ripeto, non sono al corrente della situazione, per cui mi riservo di esaminare il tutto con i miei dirigenti». Gionata Agisti

17

Ricerchiamo urgentemente operaie per settore cosmetico. Si valutano candidate sia per turnazioni che no. Sede di lavoro: vicinanze Crema Impiegata contabile con ottima conoscenza della lingua inglese. Indispensabile esperienza nella mansione di riferimento e la disponibilita’ ad eventuale contratto di apprendistato. Sede di lavoro: vicinanze Crema Impiegata/data entry con esperienza pregressa. Costituisce titolo preferenziale la conoscenza del programma “imnaz paghe”. Sede di lavoro: vicinanze Chieve Si ricercano elettricisti con esperienza. E’ richiesta la disponibilita’ per tutto il mese di agosto. Sede di lavoro:vicinanze Castelleone Ddl ricerca idraulico con esperienza nella saldatura a tig e/o elettrodo su tubi idraulici. Sede di lavoro: vicinanze Crema

Ricerchiamo urgentemente sabbiatore / verniciatore a Spruzzo con esperienza. Il contratto è finalizzato , dopo periodo di prova con ddl, all’assunzione diretta da parte dell’azienda. Sede di lavoro: vicinanze Castelleone Impiegata disponibile a contratto di tipo part time e con esperienza nella compilazione di formulari in genere. Sede di lavoro: vicinanze Castelleone Dimensione del lavoro ricerca cablatore/elettricista a bordo macchina. E’ richiesta esperienza nella mansione di riferimento. Sede di lavoro: vicinanze castelleone Assemblatore/montatore meccanico. E’ richiesta ottima conoscenza del disegno meccanico, saldatura elettrodo e filo continuocontinuo. Sede di lavoro: vicinanze soresina. Dll ricerca, per azienda operante nel settore cosmetico, operaia addetta alla stampa di bollini. Sede di lavoro: vicinanze Offanengo

FILIALE di CREMA Via Lago Gerundo, 18/3 • 26013 CREMA (CR) Tel. 0373/200471 - 200228-204439 • Fax 0373/203449 • e-mail: crema@ddlspa.it • www.ddlspa.it

Il Piccolo del Cremasco  

22 luglio 2011

Il Piccolo del Cremasco  

22 luglio 2011

Advertisement