Issuu on Google+

GRATIS

Direttore: Sergio Cuti N°19 • Anno 10 • 9 maggio2008 settimanale • € 0,02 Copia omaggio Redazione: via Ponte Furio, 32 • 26013 CREMA (CR) • Telefono 0373 80189 • Fax 0373 254273 • e-mail: opinione.crema@libero.it

Sped. in A.P. d.l. 353/03 (L. 46/04 art. 1 comma 1) CREMONA

Droga:Crema nell’occhio del ciclone. I dati (inediti) del ministero dell’Interno

SBANDATI Vivono e dormono nelle fabbriche abbandonate. Quali A PAGINA 11

A PAGINA 5

Una partita di cocaina sequestrata in città.

Tutte le nuove strade dove bisogna sborsare il ticket

PARCHEGGI: SI PAGA SOTTO IL MERCATO Il piano parcheggi ha superato l’esame del consiglio comunale. Con estensione immediata e pressoché totale del “pagamento” in tutti i posti di sosta del centro storico. Decisione mitigata dalla riduzione del costo orario da 0,90 a 0,60 euro. Il consiglio comunale si è espresso con 21 voti contrari, 4 astenuti e un solo contrario. Ma rimangono alcune sofferenze. A partire dalla raccolta di firme contro i posti a pagamento che risale a poco tempo fa e che riguardava proprio il mercato coperto. Forse una risposta più graduale avrebbe potuto essere quella di stabilire una sosta a disco orario. Oltre all’abbassamento della tariffa oraria ci sarà anche la liberalizzazione della sosta serale a partire dalle ore 18,30 invece delle precedenti 19,30. Apprezzabile. Ma è il minimo di fronte all’ennesimo rincaro.

A PAGINA 22 A PAGINA 4

250 STUDENTI A CEFALONIA: UN «VIAGGIO» PER NON DIMENTICARE

Il Pergo sale in C1. GRAZIE RAGAZZI. Ora tutto cambia. Anche nella società Il Pergo festeggia la promozione.

A PAGINA 6


La parola ai cremaschi

9

VENERDÍ GIUGNO • 2008

METEO WEEKEND IN LOMBARDIA • PREVISIONE PER VENERDI’ 9 GIUGNO 2008 Stato del cielo: nuvolosità bassa al mattino, poco nuvoloso o velato nel corso della giornata con sviluppo di nuvolosità cumuliforme a ridosso dei rilievi. Precipitazioni: possibili isolati rovesci. Neve oltre 2600 metri. Temperature: minime e massime in aumento. • TENDENZA PER SABATO 10 E DOMENICA 11 MAGGIO Sabato nuvolosità irregolare a tratti estesa nella giornata di domenica, specie sui settori alpini e prealpini. Precipitazioni sparse. Temperature in diminuzione nel corso della giornata di domenica. Venti in pianura moderati orientali, in montagna deboli variabili. Elaborazioni ARPA

STATO CIVILE • SONO NATI: Margherita Palumbo, Sofia Villaverde Luis,Cristian Cotruta, Giada Patrizia Crippa. • SONO MORTI: Francesca Maria Della Giovanna, Maria Polenghi, Caterina Cè, Cristina Magnoni, Fedele Fornari, Antonio Fabbriatore, Alessandro Mario Sangalli, Giovanni Tacchinardi, Antonio Ghilardi, Margherita Braguti, Angelo Fontana, Francesco Grossi, Luigi Beghi, Antonio Riva, Vigilante Orsini, Nestore Antolini, Angelo Motta, Pietro Valdameri, Augusto Pagliari, Rino Anacleto Negri, Giuseppe Galmozzi, Domingo Staffarini, Maria Carla Bacchetta. • SI SPOSERANNO: Carla Rossini con Luciano Marchetti, Caterina Rota con Alberto Zaghen, Marcia De Brito Franca con Cristian Malinverni.

NUMERI UTILI • TELEFONI (0373) Carabinieri 80248 - 80860 Polizia 113 - 897311 Polizia stradale 897340 Vigili urbani 894212 Vigili del fuoco 115-256222 Soccorso stradale 116-201725 Pronto soccorso 118 Guardia medica 118 Stazione Crema 257196 AGI Crema 204524 Sisa Crema 84877 Taxi Crema 337355540 Urp numero verde 800 546333 Ospedale Maggiore 2801 C.U.P. 803 000 no prefisso • EDICOLE DI TURNO Via Verdi - Piazza Garibaldi Piazza Giovanni XXIII Ospedale Piazza Manziana - Stazione Via Kennedy - Via Bramante Viale Europa - Via Benvenuti Via Cappuccini - Via Cremona

• FARMACIE DI TURNO - CREMA COMUNALE CREMA NUOVA Via Cappellazzi, 1/C Tel. 0373-202860 - VAIANO CREMASCO QUARTAROLI UMBERTO Via Gramsci, 16 Tel. 0373-278095 - PIANENGO SAGRADA MODESTO Via Pesa, 2 Tel. 0373-74533 - FIESCO MASSARI GIANLUCA Piazza Libertà, 6 Tel. 0374-370700 • DISTRIBUTORI DI TURNO ERG - S.S. 415 SHELL - Via Libero Comune

• ORARI CIMITERI - Maggiore, S. Bernardino, S. Maria della Croce, S. Bartolomeo - Tutti i giorni: dalle 8 alle 17 Uff. cimiteri 0373202807/204723 • ORARI OSPEDALI MAGGIORE: lunedì, martedì, giovedì e venerdì 19.15 - 20.15 mercoledì e sabato 15 - 16/19.15 - 20.15 domenica e festivi 11 - 12/15 - 18 KENNEDY: feriali 11.30 - 13.30/17 - 19.30 festivi 11 - 13/16.30 - 19.30 • ORARI URP (Comune di Crema) - Dal lunedì al venerdì 9 - 12 Dal lunedì al giovedì 14.30 - 16.30 • A.O. “OSPEDALE MAGGIORE” DI CREMA Direzione Gen.: Via Largo Ugo Dossena, 2 – 26013 Crema www.hcrema.it √ OSPEDALE MAGGIORE DI CREMA Largo Ugo Dossena, 2 - Centralino 0373 2801 Servizio Emergenza Urgenza 118 - Guardia Medica 118 Pronto Soccorso 0373 280005 √ OSPEDALE SANTA MARTA DI RIVOLTA D’ADDA Via Montegrappa, 15 - Centralino 0363 3781 √ OSPEDALE ROBBIANI DI SORESINA Via Robbiani, 6 - Centralino 0374 343003 √ UFFICIO RELAZIONI COL PUBBLICO Largo Ugo Dossena, 2 Per informazioni e segnalazioni: 0373 280580 - 280811 – 280554 Fax 0373 280572 √ UFFICIO DI PUBBLICA TUTELA 0373 280580 CUP – Numero Verde 803 000 no prefisso

3

Piloni risponde sul Pd del Nord Egr. Sig.ra Assandri, più che una risposta le dò il mio giudizio sul tema del Nord e di come il PD debba necessariamente affrontarlo. Come Lei, io sono convinto che tante altre persone che negli anni passati hanno votato l’Ulivo a queste elezioni hanno dato la propria preferenza alla lega Nord. E su queste faccio due considerazioni: la prima è che i voti della Lega sono quindi voti “mobili”, sui quali il PD deve lavorare seriamente. La seconda considerazione è che la Lega ha intercettato un malessere diffuso, che c’è. Nei confronti di una politica che non decide, io credo, e che non sa affrontare con il petto le questioni. Il Partito democratico, che è nato su base federale, deve sicuramente costituirsi e continuare ad

organizzarsi su questa base, perché è necessario stare nei territori ben organizzati e ben radicati. Questo è il primo passo per una politica che non solo possa decidere, ma che sappia anticipare le domande e si faccia interprete delle domande quotidiane. Ma per fare questo non serve ciò che viene chiamato il partito del Nord, una sorta di partito nel partito. E’ come se per ogni questione dovessimo costituire un partito che si occupi di quella cosa. Finalmente, e grazie soprattutto al PD, siamo riusciti a semplificare il sistema politico riducendo il numero dei partiti e la proposta che avanza è quella di costituire un partito nel partito. Credo che questa sarebbe la strada sbagliata, ma è comunque fuori dubbio che è necessario, ora più di prima, un

partito che nel proprio interno, sappia organizzarsi su più livelli, attraverso dei macrocoordinamenti che dialoghino con le istituzioni. Più che un partito del Nord, io vedo bene la creazione di un coordinamento del Nord che però sappia davvero lavorare nei nostri territori e far tornare le persone come lei, che sono appassionate di politica, ma che non vedono nella politica, nella nostra politica, quella del centrosinistra e del PD, le risposte di cui necessitano. Questo io credo debba essere fatto, ed è proprio quello che noi, in provincia di Cremopna stiamo costruendo. Cordiali saluti e un arrivederci a presto! Matteo Piloni Coord. Cremasco PD

Lettere & Comunicati Pergo in C1: il sindaco si è congratulato Il sindaco di Crema, Bruno Bruttomesso, ha inviato al presidente del Pergocrema Stefano Bergamelli, a tutto lo staff tecnico e dirigenziale, così come a tutti gli atleti, le congratulazioni per la raggiunta promozione in C1. «Mi rallegro e mi congratulo con voi, a nome dell’intera cittadinanza» ha scritto il primo cittadino, «per il prestigioso successo ottenuto. I vostri sforzi e i vostri sacrifici vi hanno permesso di raggiungere meritatamente un traguardo storico, che dà prestigio non solo al calcio Cremasco, ma a tutta la città». Dopo aver assistito in prima persona al match che ha sancito la promozione, e dopo aver gioito allo stadio per il risultato, il sindaco ha così voluto complimentarsi ufficialmente con la società Us Pergocrema. Rifiuti in città: nemmeno un euro di riduzione Egregio Direttore, finalmente ci siamo arrivati e la stampa cittadina riporta articoli ottimamente illustrativi che dipingono oggettivamente la realtà di Crema "città pattumiera". Sarebbe facile fare della dietrologia, ma la politica deve essere la soluzione propositiva alle realtà problematiche della comunità. La raccolta differenziata prima con i giorni fissi e successivamente con il porta a porta sono stati pubblicizzati come la panacea ottimale per il corretto smaltimento dei rifiuti; pur nella condivisione del primo aspetto è sempre bene visitare la discarica per meglio visualizzare il concetto di separazione!!!. La separazione e il porta a porta sono così andati a braccetto quali stampelle della teoria che le aziende pubbliche cittadine, fatte con i soldi dei contribuenti, siano state una

solo essere un segnale, rispettoso, ma fermo, su un concetto mutuato da gran parte dei Consiglieri presenti e messo in pratica da altre ATO. Il virtuosismo lo si vede sul consumo procapite e non ponendo delle fasce di prezzo a contatore. Per spiegarsi in modo semplice: se il consumo medio di una persona sola è 60 per cui paga 10 euro. Perchè una famiglia di 4 persone che consuma 200 dovrebbe pagare 50 euro. I conti non tornano. Purtroppo poi oggi, in sala consigliare, è emerso di nuovo il fatto del reddito, come se, quando si va dal panettiere, si debba esibire il 730... assurdo. Il pane costa uguale per tutti, l'acqua no! Altre amministrazioni c'è l'hanno fatta, potreste riuscire anche Voi a fare qualcosa? Roberto Vitali ANFN – Cremona genialata, un grande valore aggiunto per la città. Sicuramente in alcuni giorni della settimana presentano una città diversa: la città pattumiera. Il valore aggiunto è stata certamente la possibilità di indirizzare uomini e mezzi alla acquisizione di nuovi appalti e l'occasione di dare garanzia a stipendi e compensi di manager e Presidenti; il tutto riducendo i servizi e complicando la vita dei cittadini, come degli addetti alla raccolta. Di riduzioni nemmeno l'ombra, nemmeno un(1) simbolico Euro l'anno!. Magari era sufficiente che manager e Presidenti, godendosi l'ombra delle imponenti querce, avessero preso ad esempio alcune città turistiche dove la raccolta avviene differenziata ma con i cassonetti. A questa semplice soluzione sarà già pronto...il comunicato prestampato"in que-

sto modo i rifiuti corrono il rischio di non venire separati a causa dell'inciviltà di alcuni". Già... proprio come spesso avviene oggi avviene nelle discariche! e sempre con maggior frequenza nei sacchetti abbandonati e sparsi per tutta la città. Fulvio lorenzetti Consigliere Comunale di F.I. Crema

Sul costo dell’acqua non siamo d’accordo Egr. Direttore Claudio Boldori, in relazione alla nuova tariffa dell'acqua, siamo ad evidenziare il nostro rammarico. Precisiamo che già a suo tempo Vi abbiamo fornito il materiale necessario per valutare le modalità con le quali arrivare alla definizione di una tariffazione di buon senso, ma purtroppo vediamo che la svolta non c'è stata. La nostra presenza oggi in Consiglio Provinciale voleva

Visita di controllo al seno: appuntamento solo da settembre Al direttore Generale dell’ospedale di Crema, Dott. Luigi Abbondi. Egregio Direttore oggi (6 maggio 08) chiamo il Centro Oncologico dell’ospedale di Crema, da lei diretto, per fissare un appuntamento per una visita di controllo al seno. La signorina che mi risponde al telefono mi informa che per gli appuntamenti dobbiamo andare al mese di settembre. Alla faccia della prevenzione e del controllo! dico io. Gradirei sapere, egregio Direttore per quale motivo abbiamo, in una struttura pubblica, questi tempi di attesa. Per favore non mi dica che posso rivolgermi ad una struttura privata convenzionata perché, in tutta sincerità io preferisco l’ospedale pubblico! Grazie e distinti saluti. Ernestina Leoni

ADOTTA UN CANE SINDACO E ASSESSORI ASSESSORATI E DELEGHE Bruno Bruttomesso - Sindaco Risorse umane, Organizzazione, Comunicazione, sicurezza, terzo settore e sussidiarietà Massimo Piazzi - Vicesindaco Gestione del territorio, Edilizia, Ambiente ed ecologia Simone Beretta - Lavori pubblici, Patrimonio, Viabilità Cesare Giovinetti- Bilancio, Tributi, Catasto Luciano Capetti - Sport , Commercio, Trasporti, Turismo

Maurizio Borghetti - Servizi alla famiglia, Servizi alla persona Renato Ancorotti - Cultura e arti, Manifestazioni culturali, Attività produttive e Fiere Mia Miglioli - Pari opportunità, Politiche giovanili, Orientagiovani, Progetto Europa Laura Zanibelli - Pubblica istruzione, Università e ricerca, Sviluppo e occupazione, Formazione

ENPA Piazzale Croce Rossa, 1 26013 Crema (CR) Telefono 0373 83812

NOME: Milly ETÀ: 2 mesi 1/2 SESSO: femmina RAZZA: razza europeo COLORE:bianco e rosso

Milly è una simpatica di circa 75 gg. E’ stata trovata, con il fratellino, che abbiamo chiamato Garmin, sul viale di Santa Maria della Croce a Crema. Erano stati palesemente abbandonati pochi minuti prima. Sboccia la primavera e riprendono (in realtà non hanno mai cessato di esistere) gli abbandoni. Gatti adulti, giovani o cuccioli appena nati non vi è distinzione. Quando sono “di troppo” si portano altrove; qualcun altro provvederà a loro e se, nel frattempo, un’auto li travolgerà, pazienza! La percentuale dei gattini abbandonati che muore nell’arco di qualche settimana è veramente elevato. BASTA CON GLI ABBANDONI!!! Milly sta fortunatamente bene, mangia con appetito e gioca quasi tut-

to il giorno con Garmin. E’ dolcissima e ci accoglie sempre con sonore fusa. Speriamo di trovarle al più presto qualcuno che la riempia di coccole. (è abituata all’uso della lettiera igienica) L’ENPA di Crema ha aperto un ufficio per i diritti degli animali presso il Comune di Crema. L’ufficio è aperto al pubblico tutti i mercoledì dalle ore 14,30 alle 16,30. Piazza Duomo, 26 (sotto ai portici) – CREMA Tel. 366/3900538


Parcheggi: ora si dovrà pagare anche sotto il mercato coperto Affossata la petizione popolare che era contraria di Tiziano Guerini

Grande consenso, tutto sommato, all’aggiornamento del «piano parcheggi» martedì sera in consiglio comunale a Crema. La ragione sta fondamentalmente nella parola “aggiornamento” che fa capire come fra una minoranza di oggi - allora maggioranza - che l’aveva proposto ed approvato nel 2005, ed una maggioranza di oggi - allora minoranza – che in buona sostanza ora lo ripropone rilanciandone la seconda fase, non potevano che esserci solo schermaglie in punta di fioretto. Il «Piano parcheggi» non è infatti un parto improvviso dell’attuale maggioranza o dell’attuale giunta di centrodestra - né potrebbe esserlo perché un piano esige un periodo di tempo maggiore per essere impostato, definito e soprattutto verificato. E’ piuttosto il passaggio al secondo tempo di un percorso iniziato dalla precedente giunta di centrosinistra con l’ingegner Massimo Percudani (Centro Studi Traffico) che ne è stato l’estensore, e che ancora oggi continua ad esserne il responsabile tecnico. Certo il passaggio alla “seconda fase” non è automatico né del tutto precostituito; esige, invece, precisa comprensione e correttezza di intenti, e relative assunzioni di responsabilità. Non tutte le decisioni, infatti, sono indolori; spesso occorre fare scelte all’inizio magari contrastate, che finiscono poi con l’essere non solo accettate ma anche ottenere un convinto consenso. Chi non ricorda i pesanti contrasti che in taluni ambienti suscitarono le prime decisioni - parecchi anni fa di chiusura di qualche parte del centro storico? Il “disegno” della attuale giunta era stato già più volte manifestato, da ultimo in forma ufficiale nel passaggio in consiglio comunale del bilancio di previsione 2008: estensione immediata e pressoché totale del “pagamento” in tutti i posti di sosta del centro storico, con riduzione del costo orario da 0,90 a 0,60 euro. Ora queste anticipazioni sono passate al vaglio del dibattito e del voto - le minoranze hanno offerto le loro valutazioni: nel caso del Partito Democratico con qualche apertura di consenso (due astensioni e un voto favorevole), sia pure critica, per una realizzazione del piano che è considerata in qualche caso troppo brutale (vedi pagamento della sosta in via Verdi sotto il mercato) e in qualche altro troppo timoro-

Il mercato coperto di via Verdi al centro delle polemiche. Nella seduta di martedì sera il Consiglio comunale ha approvato il piano parcheggi che prevede la sosta a pagamento. Contro questa decisione c’era stata anche una raccolta di firme che i consiglieri comunali hanno affossato.

sa (spostamento nel tempo della chiusura al traffico di via XX Settembre); più decisa nel caso di Rifondazione comunista con Franco Bordo – precedente assessore competente - con l’ approvazione di tutti i punti all’ordine del giorno. Con voto contrario si sono invece espressi solo i Verdi. Eppure il dibattito non ha risparmiato momenti anche di frizione accesa, come quando è scattato il rimprovero di incoerenza alla attuale maggioranza che in passato si era sempre manifestata contraria all’impostazione del piano, e che ora - con lievi modifiche - lo approva. Oppure quando non solo dall’opposizione, ma anche dal consigliere Martino Boschiroli, si è sollevata una questione di principio riferita alla normativa che imporrebbe nei centri storici di mantenere una quota di aree di sosta libere dal pagamento, come invece ormai non accade in tutto il centro storico di Crema. Una richiesta in tal senso era tra l’altro pervenuta da una petizione firmata da cittadini in base all’art. 38 dello Statuto del Comune, ma il consiglio comunale l’ha

affossata con 21 voti contrari, 4 astenuti e un solo contrario. Rimangono alcune sofferenze. La prima e più evidente riguarda la decisione di stabilire la sosta a pagamento sotto il mercato coperto di via Verdi; se è comprensibile la volontà di mantenere al di fuori del centro storico il flusso dei pendolari, una risposta più graduale avrebbe potuto essere quella di stabilire una sosta a disco orario. Così non è stato; l’amministrazione di centrodestra ha, invece, preferito una accelerazione della decisione che da più parti è stata giudicata negativamente. Rimane comunque la positività di un piano che viene attuato ormai con ampio consenso, almeno fra i consiglieri comunali, e che rende possibile l’abbassamento della tariffa oraria e la liberalizzazione della sosta serale a partire dalle ore 18,30 invece delle precedenti 19,30. Tutti concordi comunque alla fine per considerarlo “in via sperimentale”. Continuerà il monitoraggio e continueranno le verifiche per ricavarne nuovi elementi di aggiustamento e di maggior corrispondenza alle reali esigenze dei cittadini.

L’ingegnere Massimo Percudani, ideatore del piano parcheggi.

Ma si sborsa anche in queste vie Con l’aggiornamento del «Piano parcheggi», il numero dei posti macchina con sosta a pagamento nel centro storico sale a 1.200 circa. Ecco, quindi, quali sono le strade dove si dovranno sborsare altri quattrini per pos t e g g i a re . E ’ m e g l i o prendere subito mentalmente nota: • Via Stazione: dall’intersezione con viale S. Maria fino all’intersezione con via Cavalli/Tadini • V ia Mercato: dall’intersezione con via Cavalli/Tadini fino all’intersezione con via Gramsci • V ia Gramsci: dall’intersezione con via Mercato fino all’intersezione con viale Repubblica • Via Crispi: dall’intersezione con viale Repubblica fino all’intersezione con via Piacenza/Kennedy • via IV Novembre: dall’intersezione con via Piacenza/Kennedy f i n o a l l’ i n t e r s e z i o n e con via Diaz • Via Diaz: dall’intersezione con via IV Novembre fino all’intersezione con via Cadorna/Piazzale delle Rimembranze • V iale di S. Mar ia: dall’intersezione con piazzale delle Rimembranze fino all’intersezione con via Stazione • L’area di piazzale delle Rimembranze • L’area sotto il mercato coperto di via Verdi. La sosta in tutto il centro storico della città è quindi regolamentata a pagamento. La tariffa passa da euro 0.90 a euro 0,60 all’ora. La fine della sosta a pagamento è anticipata alle ore 18,30 . Oltre al pagamento in contanti nei parcometri, vengono introdotte altre due modalità di pagamento: «gratta e sosta» e schede magnetiche a scalare. L’abbonamento annuale per i residenti nel centro storico passa da euro 90 a euro 70 e viene data loro la possibilità, con tariffa maggiorata, di richiedere un secondo abbonamento.


Cronaca

9

VENERDÍ MAGGIO • 2008

5

Droga,a Crema aumenta tutto: denunce,sequestri e blitz.L’ultimo rapporto del ministero dell’Interno di Roberto Bettinelli

Droga in aumento. A Crema. Ma il pericolo si estende a tutta la provincia. E’ il bilancio della Dcsa (la Direzione Centrale Servizi Antidroga), l’unità governativa interforze finalizzata alla lotta contro il lo spaccio e il consumo di stupefacenti. Ne fanno parte Carabinieri, Polizia di Stato e Guardia di Finanza. La Dcsa dipende dal Ministero dell’Interno. E’ stato pubblicato il rapporto sul 2007. Si possono leggere i dati relativi al traffico di droga e alle operazione contro lo spaccio di tutte le province italiane. Ma andiamo a vedere quelli che interessano il nostro territorio. Nella provincia di Cremona le denunce per spaccio sono aumentate di quasi il 30% rispetto al 2006. Sono aumentati anche i sequestri delle sostanze, che hanno registrato un incremento del 31,29% rispetto al 2006. I reparti di carabinieri, Polizia e Finanza hanno totalizzato 67 operazioni anti droga nell’arco del 2007. Un numero che sfiora il 46% in più se confrontato con i dati del 2006, e che dimostra la moltiplicazione delle attività delle forze dell’ordine per contrastare la diffusione della vendita e dell’uso degli stupefacenti. Nel rapporto degli investigatori della Dcsa si ricava un profilo completamente nuovo del problema della droga sul territorio. «Non trascurabile il coinvolgimento in questa provincia dei gruppi criminali stranieri negli affari del narcotraffico» si legge nella relazione. I gruppi che si sono maggiormente distinti per tenere le fila dello spaccio, secondo la relazione della Dcsa, sono quelli di «nazionalità marocchina e albanese». Una valutazione che rispecchia le analisi degli uomini delle forze dell’ordine che lavorano a Crema. Più volte dopo i sequestri di droga è stato rilevato che gli stupefacenti venduti nel Cremasco hanno raggiunto l’Italia seguendole rotte dell’Africa e della Spagna, usate in prevalenza dai cartelli magrebini, o quelle balcaniche, che invece è sottoposta al controllo delle organizzazioni che fanno capo agli albanesi. Contro la vendita di cocaina ed eroina dei pusher di origine marocchina si sono confrontati soprattutto i carabinieri di Crema. Una lotta silenziosa e durissima portata avanti nei campi delll’Alto Cremasco, dove gli spacciatori e i clienti s’incontrano di notte. Gli scambi di droga e denaro avvengono in aperta campagna, al buio, oppure lungo strade

sterrate. Sono immigrati marocchini a vendere le dosi ai consumatori italiani. «Riteniamo che in questa zona i marocchini si siano ormai affrancati dalle bande di albanesi» ha spiegato il capitano Antonio Savino, dopo l’ultimo blitz del nucleo operativo della compagnia di Crema. «Ormai sanno procurarsi la droga in via autonoma, e sempre autonomamente la portano in Italia» ha aggiunto Savino, «e la rete di spaccio delle campagne dimostra che si sono dotati anche dei canali per la vendita al dettaglio». Lo spaccio dei marocchini nell’Alto Cremasco ha interessato di recente anche la Procura milanese, che ha avviato un’indagine proprio in seguito al lavoro del nucleo operativo di Crema. Ma nel 2007 c’è un altro dato rilevante da sottolineare, sempre in merito alla nazionalità di chi alimenta lo spaccio di stupefacenti. Gli italiani che hanno avuto problemi con la giustizia sono 71. Un buon 65% in più rispetto al 2006. Un dato che non può non far riflettere. E che non è sfuggito al vice questore Daniel Segre, che è abituato a combattere il mondo della droga in città, dove l’incidenza degli spacciatori albanesi è più forte rispetto a quella dei nordafricani. Dopo la famosa operazione «Paradiso» e gli altri blitz messi a segno nel 2007 e nei primi mesi del 2008, Segre si è reso conto che è ormai “saltata” la tradizionale distinzione tra pusher e acquirente. «E’ un fenomeno pericoloso ma in aumento: le persone adesso spacciano la cocaina per consumarla» ha evidenziato Segre, «Non si tratta mai di grossi quantitativi. Ma solo di piccole dosi. La cosa peggiore è che spesso non si rendono conto che stanno violando la legge in modo grave». Le inchieste della polizia che hanno coinvolto personaggi famosi del calibro della rockstar Gianluca Grignani e che hanno portato più di 200 persone negli uffici di via Macallè per essere ascoltate sui festini notturni a base di “bamba”, hanno dimostrato proprio questo. Chi consuma la “bamba”, per pagarsi le dosi, non esita a trasformarsi in spacciatore. Alcuni giovani addirittura s’improvvisano autista di spacciatori più anziani. Una spirale innescata dalla dipendenza. Un fenomeno che sta conoscendo una crescita terribile e che ha generato l’incremento degli italiani denunciati per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

TUTTI I SEQUESTRI Operazione antidroga Sequestri stupefacenti di cocaina Eroina Hashish Marijuana Piante di cannabis Droghe sintetiche Altre droghe

DATI RELATIVI AL 2007 67 2,99 kg 0,03 29,95 0,07 14 1630 pastiglie 300 dosi

VARIAZIONE IN % RISPETTO AL 2006 + 45,65 + 163,74 - 98,78 + 131,72 - 99,10 + 600 + 54,233 - 69,31

Totale

33,36 kg

+ 31,29

DATI RELATIVI AL 2007 113 111 1 1 71 42 113 ---------104 9

VARIAZIONE IN % RISPETTO AL 2006 + 29,89 + 29,07 ------------------+ 65,12 - 4,55 + 36,14 ---------+ 25,30 + 125

I NUMERI DELLO SPACCIO Persone segnalate all’autorità giudiziaria Traffico illecito Associazione Altri reati Italiani Stranieri Maggiorenni Minorenni Maschi Femmine

CONSUMO IN AUMENTO Denunce

DATI DEL 2007 IN RAPPORTO AL 2006 + 29,89

Sequestri di stupefacenti

+ 31,29

Operazioni anti-droga

+ 45,65

Il boom della cocaina e le nuove sostanze Dai dati della relazione della Direzione Centrale Servizi Antidroga sembra evidente che anche in provincia di Cremona il fenomeno più allarmante è l’impennata dei sequestri di cocaina. Quasi 3 chili caduti nella rete delle forze dell’ordine, un numero superiore di quasi il 164% rispetto ai dati del 2006. Si tratta di cifre che mettono a nudo la crescita esponenziale che ha avuto il consumo di cocaina negli ultimi tempi. Un trend che è rimasto sott’acqua per anni, e che proprio a cavallo tra il 2006 e il 2007, anche in conseguenza degli studi pubblicati dal centro studio Negri di Milano sulla presenza di cocaina in alcuni dei principali fiumi italiani, è esploso in tutta la sua drammaticità. Una droga, la cocaina, che un tempo era classificata come elitaria, appannaggio di un mondo altolocato, il solo a potersi a permettere di spendere grosse somme per fare uso di cocaina, e

che oggi è alla portata di tutti. Una situazione che si è creata anche per esplicità volontà dei cartelli della droga, che hanno attuato una strategia opposta a quella della malavita della fine degli anni ‘70, quando i tossici di eroina furono affamati con una drastica riduzione della sostanza in circolazione. Una vera e propria operazione di marketing. L’eroina venne ributtata sul mercato in un secondo momento, con prezzi maggiori rispetto alle precedenti. Oggi gli spacciatori hanno scelto di allargare la base del consumo in un altro modo. Il più semplice. Abbassando direttamente i prezzi. Con il risultato di rendere la droga dei ricchi disponibile a tutti, anche ai giovani e ai giovanissimi. Ma c’è un problema. Il prodotto è peggiore, spesso tagliato con sostanze pericolose, che abbinate con la cocaina creano un mix potenzialmente letale. L’altro valore fortemente in crescita rispetto al passato è

quello delle droghe sintetiche: pastiglie di ecstasy, anfetamine e francobolli di acido lisergico (Lsd). Sostanze che le forze dell’ordine nel corso del 2007 hanno sequestrato nel numero di 1.630, incrementando di più della metà i risultati raggiunti l’anno precedente. Un fronte, quello delle droghe realizzate nei laboratori chimici, che ha incontrato una diffusione allarmante e che viene sottovalutato. Come hanno notato al Sert di Crema, chi fa uso di queste sostanze non si accorge di aver contratto una vera e propria dipendenza. Mentre sono droghe che schiavizzano in modo insidioso, oltre a produrre danni irreversibili al cervello. Altri fenomeni in crescita sono il consumo di hashish (quasi 30 chili sequestrati) e l’abitudine di coltivare in casa piante di cannabis. I carabinieri di Crema hanno scoperto una vera serra per la coltivazione di marijuana in un villetta a schiera ai Sabbioni.

La moda delle donne pusher Sono nove le donne denunciate per spaccio di droga nel 2007. Più del doppio se si fa il confronto con l’anno precedente. Un dato che riflette una moda in espansione. E che rimanda, con ogni probabilità, alla nuova modalità di assunzione degli stupefacenti, dove la soglia tra spaccio e semplice assunzione è stata completamente superata. Un fenomeno che riguarda le droghe che vengono a torto considerate meno pericolose. La cocaina, per la storia di stupefacente di elite e per la funzione di stimolo che ha sul sistema nervoso centrale, e l’hashish, considerata una droga “soft”, che non genera dipendenza e che è molto diffusa tra i giovani. In questo contesto, legato più all’industria del divertimento che non al degrado, le ragazze e le donne hanno un nuovo ruolo, che le vede impegnate nella cessione dello stupefacente, a volte inconsapevole, fatta magari durante la stessa serata.


Cronaca

6

250 nostri studenti a Cefalonia, nel lungo «viaggio della memoria» Ha lasciato il segno la visita dei 250 studenti cremonesi all’isola di Cefalonia, teatro della battaglia e dell’eccidio di cui furono protagonisti, nel settembre del 1943, i militari della divisione Acqui, che decisero, dopo l’armistizio firmato l’8 settembre dal governo italiano, di non cedere le armi all’esercito tedesco e di resistere, ingaggiando una battaglia impari che portò alla sconfitta e, poi, alla vendetta tedesca, con esecuzioni sommarie e di massa. A Cefalonia caddero, in battaglia o fucilati, 174 cremonesi. Ha lasciato il segno il Viaggio della Memoria di quest’anno in quella terra che resta un po’ diffidente nei confronti delle celebrazioni italiane, che vengono da un paese che allora, in fondo, era un paese invasore. Ha lasciato il segno l’allegria dei ragazzi, la loro compostezza, la loro maturità nella ricerca storica e la loro umanità, la loro voglia di capire, ma soprattutto di dire “Mai più”, insieme ai reduci, ai loro figli presenti in quei luoghi in questi giorni intensissimi, alle autorità greche. Un segno tanto positivo che il prefetto dell’isola, dopo la cerimonia al monumento ai caduti italiani e a quello alla resistenza greca, ha voluto, con un fuori programma, ricevere nella sede della prefettura una delegazione italiana. Anche l’ambasciata italiana in Grecia ha inviato al Comitato coordinato da Ilde Bottoli e presieduto da Giuseppe Torchio una nota di apprezzamento per il valore e la qualità dell’iniziativa. Apprezzamento e ringraziamento meritatissimi dagli organizzatori, Ilde Bottoli in primo luogo, con tutto il suo staff di collaboratrici, che ha pensato e organizzato il viaggio, la Fabello Viaggi, agenzia specializzata nei Viaggi della Memoria, che ha curato l’organizzazione tecnica, i reduci Mario Villa, presidente dell’Associazione cremonese Divisione Acqui, e Mario Pasquali, suo omologo di Parma, la presidente nazionale dell’associazione Graziella Bettini e altri soci, figli di caduti o di reduci della battaglia di Cefalonia. Ma soprattutto apprezzamento e ringraziamento per i ragazzi, per quel che hanno saputo mostrare e dire davanti al monumento che ricorda gli eccidi: poesie, canzoni, riflessioni, testimonianze come quella di Giovanni Danzi, letto dalla nipote Marina Boldi, che frequenta il Pacioli di Crema: dell’inferno di Cefalonia, il nonno ricorda, vuole ricordare, i momenti lieti e addirittura divertenti, le cose cui pensava per restare attaccato alla vita, e conclude con la speranza di avere almeno un po’ contribuito a far sì che brutture come quelle, che la guerra non trovi più posto nel nostro mondo. Durante la cerimonia ufficiale forse per la prima volta

si sente pronunciare la parola perdono. La pronuncia, come una richiesta al popolo greco, Celestina Villa, assessore comunale di Cremona, nel suo intervento. E l’assessore provinciale Fiorella Lazzari, che rappresenta il presidente Torchio, sottolinea la differenza fra l’invasione di 65 anni fa, in armi, che provocò grandi sofferenze, e quella di oggi, fatta da altri giovani con spirito di fratellanza e di pace. Ed è stato questo spirito che ha toccato il prefetto di Cefalonia e il vicesindaco di Argostoli, che l’hanno sottolineato, invitando a studiare, a impegnarsi perché occupazioni e guerre non accadano più, e i popoli possano vivere in pace, come fratelli e nella democrazia. Nel corso della cerimonia è stato letto anche l’intervento di saluto dell’assessore regionale Gianni Rossoni, che con il suo contributo ha permesso la realizzazione del viaggio, che ancora una volta ha sottolineato l’importanza del ricordo e il grande lavoro svolto dal Comitato per la difesa e lo sviluppo della democrazia, assicurando il doveroso ma sentito appoggio della Regione Lombardia. Commoventi i ricordi, le testimonianze dei due reduci presenti, Bruno Villa e Mario Pasquali, che hanno raccontato la loro esperienza ma soprattutto hanno, in una serata insieme ai ragazzi, ringraziato la loro spontaneità, il loro spirito di pace ma anche il giusto spirito patriottico che li ha portati a cantare l’Inno di Mameli al termine della cerimonia, quando è stato suonato insieme a quello greco. Guidati dai componenti dell’Associazione i 250 studenti e l’ottantina di adulti fra insegnanti, parenti dei soldati protagonisti e appassionati hanno visitato i luoghi simbolo della battaglia e dei successivi eccidi: le postazioni dell’artiglieria da cui venne respinto il primo sbarco dei rinforzi tedeschi, il campo sotto il villaggio di Troianata dove vennero trucidati 631 soldati, il luogo dove venne impiccato il figlio del pope ortodosso perché la sua famiglia aveva aiutato alcuni soldati italiani feriti, la fossa dove invece vennero fucilati, a gruppi di otto, oltre 130 ufficiali a poca distanza dalla casetta rossa dove vennero ammassati. E la stessa casetta rossa, distrutta dal terremoto del 1953 e ricostruita con lo stesso colore, il cui proprietario, figlio di un greco che all’epoca salvò un ufficiale italiano, ha accolto i ragazzi. Toccante l’incontro con il figlio di quell’ufficiale. Al proprietario della casetta rossa la Provincia di Cremona, in segno di riconoscenza, ha donato il gagliardetto della Provincia. I figli dei reduci e dei caduti hanno sottolineato questo spirito di solidarietà che la poverissima gente di Cefalonia ebbe nei confronti dei

nostri militari, aiutandoli e spesso salvando loro la vita nonostante fossero, fino al giorno prima, membri di un esercito di occupazione. Ed è questo lo spirito nel quale si è svolta la visita, lo spirito che resta nel ricordo, quello spirito di fratellanza sottolineato dalla frase ripetuta dall’anziana suora del convento ortodosso: «Italiani e greci: stessa faccia, stessa razza». Le scuole della provincia: APC Cremona, liceo socio psico pedagogico Anguissola Cremona, Istituto Pacioli Pacle Crema, istituto Einaudi Cremona, liceo Vida Cremona, istituto Ponzini Soresina, polo scolastico Romani Casalmaggiore, Itis Galilei Crema, liceo Manin Cremona, istituto Stanga Cremona, Itis Torriani Cremona, istituto Beltrami Cremona. Insieme agli insegnanti hanno accompagnato gli studenti i dirigenti scolastici del Beltrami, Adelio Maffezzoni, e dell’Itis Galilei, Vincenzo Cappelli. Le autorità presenti: Per la Provincia Fiorella Lazzari, assessore alle infrastrutture e turismo, Antonella Poli, vicepresidente del consiglio provinciale con i consiglieri Giovanni Scotti e Andrea Ladina Per il Comune di Cremona Celestina Villa, assessore al bilancio e alle politiche giovanili. Il viaggio è stato reso possibile anche grazie al contributo della regione Lombardia, ottenuto dall’impegno dell’assessore all’Istruzione Gianni Rossoni e del deputato, Luciano Pizzetti.

9

VENERDÍ MAGGIO • 2008


Cronaca

9

VENERDÍ MAGGIO • 2008

7

Assegni. Tutto cambia: ecco le nuove regole per non finire in guai. Grossi. Gli studenti del Liceo Artistico in visita a Melun. di Barbara Milanesi

Assegni. Dal 30 aprile tutto è cambiato per via della nuova normativa antiriciclaggio. Da qualche giorno, infatti, non è più possibile emettere un assegno bancario o postale per un importo pari o superiore a 5.000 euro senza la clausola “non trasferibile” e senza avere indicato il nome o la ragione sociale del beneficiario. Le stesse regole valgono anche per gli assegni circolari, i vaglia postali e cambiari. Sotto la soglia dei 5.000 euro, invece, sarà ancora possibile usare gli assegni in forma libera, ma si dovrà pagare un’imposta di bollo di 1,50 euro a modulo. Insomma, dallo scorso mercoledì, le banche e le poste sono munite di un nuovo libretto degli assegni (già muniti della clausola “non trasferibile”). Cosa succederà ai vecchi allora? Chi è ancora in possesso di vecchi libretti potrà continuare ad utilizzarli fino al loro esaurimento ricordandosi di inserire la clausola “non trasferibile” e il nome o la ragione sociale del beneficiario sempre e solo se l’importo sarà superiore alle 5.000 euro. La banca può ancora rilasciare libretti-assegni senza la clausola: basterà fare richiesta. In quel caso verrà rilasciato il libretto-assegni previo pagamento di 15 euro (le famose 1,50 euro di imposta di bollo moltiplicato per i moduli presenti in un libretto degli assegni, ovvero 10). La presenza della clausola “non trasferibile” e l’indicazione del nome o della ragione sociale del beneficiario consentirà di godere di maggiore sicurezza. Ciò potrà evitare che, in caso di smarrimento o furto, l’assegno possa circolare ed essere incassato da persone diverse da quelle a cui lo si ha destinato. Ci sono novità anche per quel che riguarda la “girata” degli assegni. Potranno essere girati solo gli assegni emessi in forma libera e per importi inferiori a 5.000 euro. Ogni girata dovrà riportare, oltre alla firma del girante, il codice fiscale del soggetto che la effettua. In caso contrario la girata sarà nulla e l’assegno non potrà essere incassato. Nel caso in cui il girante non sia una persona fisica (ma ad esempio una società) occorrerà indicare il codice fiscale di tale soggetto e non quello di colui che esegue l’operazione. Quindi se si trattasse di una società, sarà necessario indicare il suo codice fiscale e non quello del

suo direttore o del socio. Altrettante novità per gli assegni post-datati. E’ da sempre cattiva prassi l’utilizzo degli assegni post-datati (anche se è una pratica quotidiana). Cosa succede ad esempio se l’assegno è stato compilato a marzo ma con la data di emissione di giugno? Se l’importo è pari o superiore a 5.000 euro e non è stata apposta la clausola di non trasferibilità (perché prima non richiesta) ci sono due opzioni: o intervenire sull’assegno o l’inserimento della clausola. L’utilizzo scorretto degli assegni può comportare delle sanzioni amministrative che vanno dall’1% al 40% dell’importo trasferito. Ma le novità non sono finite. Infatti dal 30 aprile non è più possibile nemmeno aprire libretti di deposito al portatore (cioè quelli pagabili direttamente alla persona che li presenta per l’incasso) per un importo pari o superiore sempre a 5.000 euro. Se già si possiedono libretti al portatore di importo superiore a 5.000 euro bisognerà regolarizzarli entro il 30 giugno 2009. Per farlo è necessario recarsi presso la banca o la posta che li ha emessi e scegliere tra le diverse soluzioni: estinguerli incassando la somma; prelevare la somma in eccedenza fino a raggiungere un importo complessivo inferiore a 5.000 euro; trasformarli in libretti nominativi. Se, per esempio, si cede il libretto ad un familiare entro 30 giorni dal trasferimento sarà indispensabile comunicare alla banca i dati identificativi della persona a cui lo si è ceduto e la data in cui è stata effettuata la cessione. Qualora non si provvedesse a regolarizzare i libretti già in possesso entro il 30 giugno 2009 o ci si dimenticasse di comunicare i dati della persona a cui li abbiamo ceduti e la data di cessione, allora verrà applicata una sanzione pecuniaria variabile dal 20% al 40% dello stesso saldo. L’ultimo cambiamento: trasferimento di contante. Sempre dal 30 aprile il limite massimo per effettuare trasferimenti in contante scende da 12.500 a 5.000 euro. Sarà, inoltre, vietato il trasferimento di denaro contante o di libretti di deposito bancari o postali al portatore o di titoli al portatore tra soggetti diversi quando il valore dell’operazione, anche se dovesse essere frazionata, è complessivamente pari o superiore a 5.000 euro.

Studenti in viaggio col Fatf. A Melun Liceo Artistico di Crema in trasferta a Melun. Sono 23 i ragazzi del laboratorio di scenografia del Franco Agostino Teatro Festival in Francia per rappresentare l’Italia alla Settimana Europea. Per la prima volta a Melun, incontreranno tanti altri ragazzi provenienti da tutta Europa per festeggiare la Settimana Europea organizzata dalla cittadina francese e racconteranno la loro esperienza al Franco Agostino Teatro Festival. Sono i 23 giovani studenti del Liceo Artistico di Crema che hanno partecipato al laboratorio di scenografia organizzato dal FATF nell’ambito della X

edizione della rassegna teatrale, dedicata al tema attualissimo dell’ambiente e dell’ecologia. Con loro in questa allegra trasferta transalpina anche il Presidente del FATF, Gloria Angelotti, da sempre attenta ai ragazzi, impegnata per offrire loro nuove opportunità di crescita, di incontro con altre realtà e di apprendimento su temi importanti. «Siamo molto felici di partecipare alla settimana dedicata all’Europa organizzata dal comune di Melun» afferma, «dove i nostri giovani potranno confrontarsi con i giovani provenienti da diversi

Paesi, raccontare loro delle iniziative del FATF dandogli un respiro e una visibilità internazionale». Ad attenderli ci sarà Dominique Caudray, Presidente dell’Associazione Francese «Les Amis du Franco Agostino Teatro Festival» che ha organizzato due importanti momenti legati al tema della tutela della natura. Il 9 maggio infatti si terrà una conferenza al Museo di Melun dal titolo «La foresta di Fontainbleu attraverso la scuola di pittura di Barbizon nel ‘900». A questa seguirà una visita nella stessa foresta, guidata da uno specialista dell’ecologia che parlerà della salvaguardia e

l’evoluzione del patrimonio boschivo, indicando ai ragazzi i luoghi esatti che sono stati ritratti nei dipinti. «Aspetto con impazienza questa giornata» afferma Dominique Caudray, «per accogliere i giovani del Franco Agostino Teatro Festival, dopo che più volte da Melun siamo stati noi ospiti del FATF e di una città bellissima, allegra e accogliente. È uno scambio che i ragazzi attendono con entusiasmo, con grande voglia di lavorare assieme, di percorrere questa strada uniti, affrontando una esperienza ricca che proseguirà il 24 maggio a Crema, nella festa di piazza finale».

COMMENTO

Nord-Est:il balletto dei manager di Tiziano Guerini

Torna d’attualità la questione della ristrutturazione dell’ area Nord-Est della città. Donato Donati già nominato Amministratore unico e successivamente dimessosi per contrasti con alcuni esponenti dell’esecutivo cittadino, ha dichiarato: «Confermo la disponibilità a rimettermi in gioco. Ho ricevuto sollecitazioni in tal senso a cui non voglio dire subito di no, ma certo occorrerebbe ripartire con maggiore chiarezza e con responsabilità meglio definite. E senza bastoni fra le ruote». Martino Boschiroli ricorda la sua esperienza di assessore ai lavori pubblici dal 1985 al 1990: «Già allora esisteva un progetto di sottopasso alla ferrovia sul viale di S. Maria. Allora sia la Sovrintendenza alle “Belle Arti” sia le Ferrovie dello Stato non ne vollero sapere. Ora bisoga operare la scelta definitiva: c’è la proposta di sottopasso in fondo a via Indipendenza che potrebbe rimettere in discussione le scelte operate dalla precedente Amministrazione Comunale sull’area Nord-Est e in particolare il progetto del sottopasso-sovrapasso della ferrovia a par-

tire da via Stazione, e imettere in moto globalmente tutto il tema dell’area Nord-Est». Il Consigliere Comunale Agostino Guerci, ex assessore all’urbanistica, ha firmato un documento a nome del gruppo consiliare del Partito Democratico, dove stigmatizza la situazione di stallo che si è venuta a creare: «Il

balletto di amministratori unici evidenzia la oggettiva difficoltà di operare con i necessari criteri e i supporti che tale complicata vicenda richiede. La nostra disponibilità a collaborare è già stata espressa. Oggi la ribadiamo con maggiore vigore viste anche le indubbie difficoltà che l’attuale amministrazione sta

palesando, addirittura nello strumento identificato per la realizzazione, senza avere ancora affrontato in profondità le possibili soluzioni». Conclude Guerci: «E’ dispendioso buttare tutto il lavoro svolto dalla precedente amministrazione per iniziare da capo. I ritardi li stanno pagando i cittadini».


Cronaca

8

9

VENERDÍ MAGGIO • 2008

Ato, sono in arrivo le nuove Corsi Ascom tariffe dell’acqua. Altri rincari Corsi gratuiti promossi da ASCOM Cremona e Servimpresa Associazione Commercianti della provincia di Cremona e Servimpresa Azienda Speciale della CCIAA di Cremona, in collaborazione con Regione Lombardia, promuovono, dal 14 maggio all’11 giugno, tre corsi gratuiti per analizzare a fondo strategie di marketing, vendite e redditività d’impresa. Per ogni modulo è previsto un incontro la settimana. Le lezioni vogliono fornire un quadro completo, sotto il profilo conoscitivo ed operativo, delle politiche praticabili dalle PMI per migliorare i

di Giuditta Locatelli

Per presentare la riorganizzazione dei servizi idrici, i vertici e lo staff tecnico dell’Ato hanno incontrato i sindaci del circondario cremasco. Con questo appuntamento, che segue quelli di Casalmaggiore e Cremona, si è conclusa la fase di consultazione con gli amministratori locali. È emersa una piena condivisione del Piano d’Ambito, un apprezzamento sincero del lavoro svolto dai tecnici del consorzio e un invito a mantenere fede al cronoprogramma definito lo scorso dicembre che prevede, appunto, l’approvazione delle nuovo piano tariffario entro il mese di maggio. «Questo risultato» ha commentato soddisfatto il presidente Pieremilio Bergonzi, «premia la trasparenza del nostro lavoro. La strategia approvata dal Consiglio di amministrazione nasce, cercando di limitare gli effetti sull’utenza, dalla nuova normativa legislativa che richiede ad Ato di coprire tutti i costi di gestione e manutenzione, oltre a far fronte a tutti i costi degli investimenti necessari alle reti». Non troppo dissimili le parole dell’assessore Cesare Giovinetti che, da buon padrone di casa, ha introdotto

Cortili aperti L’assessore al Bilancio del comune di Crema, Cesare Giovinetti, mentre prende la parola.

l’incontro. «Si tratta di una occasione importante per il territorio. Non posso che rallegrami per una rimodulazione che è stata definita ascoltando le richieste delle comunità». «Nei prossimi sei anni» ha spiegato il direttore dell’Ato Claudio Boldori, «sono previsti interventi sulle infrastrutture, alcuni inderogabili, per rispettare le nuove normative ed altri già programmati o avviati dai Comuni, per circa quarantotto milioni di euro. Per mantenere un servizio di qualità è tuttavia necessaria una leg-

gera rimodulazione delle tariffe». Il circondario cremasco risulta quello in cui ci saranno gli investimenti maggiori, con quasi 22 milioni. «Abbiamo voluto rispettare criteri di equità e di economicità» spiega Bergonzi, «Significa che dalle attuali nove diverse aliquote, attualmente previste sul territorio, si passerà ad un unico valore. La modulazione sarà progressiva, cioè articolata in tre anni. Inoltre abbiamo voluto tutelare le utenze domestiche medie, cioè fino a 180 metri cubi l’anno, che

rappresentano il 65% degli allacciamenti». In termini strettamente numerici, queste utenze, avranno un rincaro compreso tra i diciassette ed i quaranta euro nel primo anno e più contenuto negli anni successivi. Sono stati preservati anche i contratti stipulati dai comuni per le utenze industriali che rimarranno validi fino alla scadenza naturale del dicembre 2008. Poi, con l’avvio della fase del gestore unico, anche in questa fascia di utenza ci sarà l’omogeneizzazione delle tariffe.

Padre Antonio Piacentini La Commissione Cultura e il Centro Missionario Diocesano presentano oggi alle ore 21 nella Chiesa di Sergnano la preghiera-testimonianza sulla vita di padre Antonio Piacentini, missionario comboniano cremasco, fondatore dei Piccoli Fratelli e Sorelle di Maria. Padre Antonio Piacentini nacque a Trescore Cremasco il 5 agosto 1915 e morì a Milano l’8 dicembre 2002, a 87 anni. La sua morte avvenne in una data non casuale, per lui che aveva tanto diffuso la devozione alla Madre di Dio. Alla Madonna dedicò il suo Movimento dei Piccoli Fratelli e delle Piccole Sorelle. Il funerale venne celebrato il 12 dicembre, quando in tutta l’America Latina, particolarmente in Messico, e nelle Fi-

propri risultati commerciali. In particolare, i tre percorsi formativi analizzeranno: le strategie di vendita, le tecniche di presentazione dei prodotti e le componenti della redditività d’impresa. Al termine degli incontri, i partecipanti avranno maturato una adeguata sensibilità e comprensione delle variabili essenziali per una gestione positiva e creativa dei problemi commerciali, capace di costituire un patrimonio di professionalità duraturo. Per informazioni ed iscrizioni è possibile contattare ASCOM CREMONA (tel. 0372/567611) o SERVIMPRESA (tel. 0372/490290).

lippine, si celebrava la festa di Nostra Signora di Guadalupe. Diceva di sé: «Io mi sento missionario dal grembo di mia madre che non ho conosciuto». Sua mamma Maria Marchesetti, infatti, morì quando aveva solo tre anni. Il padre Antonio assimilò la sua fede semplice e profonda dalla sua famiglia, dalla sua Diocesi di Crema e dal suo seminario, e conservò per tutta la vita questa semplicità, coerenza e austerità. Giovane seminarista, legge con passione la rivista Nigrizia dei Comboniani e si lascia affascinare dalla vita di Charles De Foucauld, dei martiri dell’Uganda, fino a intuire la sua vocazione missionaria. Dopo la quinta ginnasio, entrò nell’Istituto dei Combo-

niani a Venegono. Diventato prete nella Congregazione dei Comboniani il 29 giugno 1940, partì come missionario nel ’48, con il primo gruppo di comboniani che arrivarono in Messico nella Bassa California. Si dedicò con generosità al lavoro pastorale, alla diffusione del Vangelo e alla testimonianza propria della sua Congregazione. Negli anni 1968-1971 avvenne nella sua vita qualcosa di speciale, simile a un’esperienza mistica o una rivelazione da parte del Signore, che non si riesce ancora a capire e della quale padre Antonio parlò e scrisse molto poco. Questa esperienza, che lo marcò profondamente, è all’origine del Movimento dei Piccoli Fratelli e Sorelle di

Domenica 11 maggio 2008, l'ADSI (Associazione Dimore Storiche Italiane), con il patrocinio della Provincia di Cremona e del Comune di Crema e grazie al contributo di CREDEM e dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Crema, organizza a Crema la manifestazione Cortili aperti. Dalle 10 alle 17 sarà possibile visitare i cortili di palazzo Benvenuti Albergoni Arrigoni (via Cavour 8), palazzo Benzoni Donati (via Alemanio Fino 29), palazzo Benzoni Martini Donati (via Marazzi 7), palazzo Marazzi (via Marazzi 14), palazzo Premoli Pozzali (piazza Premoli 3), palazzo della Provincia (via Matteotti 39), palazzo Terni de’ Gregorj (via Dante Alighieri 22), palazzo Vimercati (via Vimercati 11), palazzo Vimercati Sanseverino (via Benzoni 11) e palazzo Zurla Fadini (via Alemanio Fino

20). Grazie alla collaborazione con l'AIS (Associazione Italiana Sommeliers), Delegazione della Lombardia, nel cortile di palazzo Benzoni Donati si potrà degustare una selezione dei migliori vini lombardi. A conclusione della giornata, alle ore 17.30, nel cortile di palazzo Premoli Pozzali si terrà un concerto che renderà omaggio ai compositori cremaschi Pier Francesco Cavalli (Crema 1602 - Venezia 1676) e Giovanni Paolo Bottesini (Crema 1821 - Parma 1889) oltre che al sommo Giuseppe Verdi (Roncole Verdi 1813 - Milano 1901) e a Franz Liszt (Raiding 1811 – Bayreuth 1886). Le arie saranno eseguite dalla giovane soprano elvetica Véronique Mercier accompagnata dal pianista milanese Luca Gorla e dal contrabbassista veneto Angelo Liziero.

Alcol & teatro Padre Piacentini.

Maria, che padre Antonio fondò nel 1971 in obbedienza al Signore per la diffusione del Vangelo. Da quel momento padre Piacentini non fece altro che ripetere con semplicità e umiltà che dobbiamo vivere il Vangelo ogni giorno, imitare il Signore, cercare di vivere la Sua povertà.

«Terapie ricreative & teatro sociale». L’iniziativa, dell’Unità Operativa di Alcologia in collaborazione con l’associazione L’Approdo, è alla sua terza edizione e si terrà il 1717 maggio al teatro san Domenico. «In questi ultimi anni» afferma il dott. Giorgio Cerizza, responsabile dell’Unità Operativa di Alcologia, «si stanno strutturando nuove modalità di intervento che vedono, appunto, il teatro sociale accanto alla terapia, nell’ambito di vari tipi di disagio: dall’alcolismo alla tossicodipendenza, dall’handicap fisico a quello psichico,

dalla rieducazione carceraria ai percorsi di riabilitazione per ex prostitute». «Fra gli importanti obiettivi del convegno» continua Fausto Lazzari, direttore artistico del convegno-festival, «c’è l’ambizione concreta di individuare, testimoniare e documentare alcune di queste nuove modalità di relazione tra l’attività terapeutica nell’ambito del disagio e le opportunità espressive del teatro sociale nelle varie situazioni riabilitative, in particolare nelle specifiche fasi laboratoriali e nell’esposizione delle loro progettualità». Le iscrizioni sono aperte.


Cronaca

9

VENERDÍ MAGGIO • 2008

9

Premio «Ferri» Villa Obizza diventa un fumetto e arriva nelle scuole di Lucia Nolli

Villa Obizza, un patrimonio che va valorizzato. Nel corso di quest’anno, l’Associazione Daniele Verga – Amici Villa Obizza ha partecipato a numerose iniziative per promuovere e sostenere il progetto di Villa Obizza di Bottaiano. I lavori di messa in sicurezza del settecentesco edificio, di proprietà della Fondazione, sono ormai in fase di consolidamento. Attraverso iniziative di comunicazione, presa di contatti con istituti culturali, studi e ricerche, l’associazione è cresciuta ed ha ricevuto molte nuove adesioni. In progetto la pubblicazione di un piccolo volume e una campagna soci finalizzata a sensibilizzare ulteriormente il territorio. L’associazione mira a far comprendere quanto il progetto Villa Obizza possa e debba coinvolgere tutti, dagli addetti al settore, alle pubbli-

Il logo dell’Associazione Amici Villa Obizza.

che istituzioni, ai cittadini. A tal proposito, interessante e significativa l’iniziativa della Scuola Media di Offanengo e della Scuola Elementare di Bottaiano «Fu-

metto di Villa Obizza». Gli studenti del Scuola Elementare L. Da Vinci e dell’Istituto Falcone e Borsellino, hanno iniziato un percorso didattico incentrato proprio sulla

storia e le leggende della Villa, inventando e disegnando avventure, che solo la fantasia e l’abilità dei bambini rendono uniche. Le vicende di Giò Matteo Obizzi, l’antichissimo proprietario, che, nel 1700 fu consigliere della città di Crema, prendono vita. Queste avventure di carta, verranno presentate nel corso di un’iniziativa a cui ha aderito anche il Comune di Ricengo «Voler Bene all’Italia» la festa dei piccoli comuni che vuole richiamare l’attenzione sui luoghi del nostro territorio. La manifestazione si svolgerà presso la Palestra di Bottaiano, dalla quale si può vedere l’edificio e le gru che l’hanno salvato. Domenica 11 maggio dalle ore 14.30 il comune di Ricengo e l’Associazione Daniele Verga – Amici Villa Obizza attendono tutti per un percorso tra giochi, balli e intrattenimento.

Bando dirigenti Tornano le campane L’Azienda speciale per i servizi di formazione della Provincia, CR.FORMA, ha bandito un avviso pubblico di selezione per l’affidamento dell’incarico di direttore generale dell’azienda stessa. L’incarico, che avrà durata triennale rinnovabile, sarà regolato con rapporto di lavoro a tempo determinato con retribuzione equiparabile ai valori del contratto nazionale di lavoro degli enti locali, area dirigenza, con maggiorazione di posizione per compiti di direzione generale. Le domande dovranno pervenire, direttamente o tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, all’Ufficio protocollo dell’azienda, presso la sede legale di via Cesari 7, Cremona, entro le ore 12 di mercoledì 14 maggio. I candidati dovranno essere cittadini italiani, non essere esclusi dall’elettorato attivo, non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per insufficiente rendimento né essere stati dichiarati decaduti da impieghi statali, non aver ri-

portato condanne per delitti che rendano la personalità morale non confacente alle funzioni, salva l’avvenuta riabilitazione. Dovranno essere altresì in possesso di laurea quadriennale secondo il vecchio ordinamento universitario oppure di laurea specialistica equivalente. Saranno titoli preferenziali esperienze professionali nel settore della formazione professionale, nella costruzione e gestione di budget relativi al settore, la frequenza a percorsi formativi nel campo manageriale, conoscenza delle procedure di finanziamento pubblico e altre qualifiche o titoli formativi o professionali inerenti al settore della formazione, della gestione di risorse umane, dei sistemi di qualità, pubblicazioni. La domanda di partecipazione alla selezione dovrà essere stilata su carta libera, redatta secondo i criteri dell’autocertificazione. Il bando integrale può essere richiesto alla sede dell’Azienda CR.FORMA o scaricato dal sito della Provincia www.provincia.cremona.it/cfp.

Cure palliative: convegno Volontariato. Un convegno per promuovere aiuto e professionalità. Il convegno organizzato dall’Associazione Cremasca Cure Palliative «Alfio Privitera» Onlus in collaborazione con l’Unità Operativa di Cure Palliative dell’AO di Crema si propone di sensibilizzare un più ampio numero di persone e di raccogliere adesioni di volontari che vogliano dedicare un po’ del loro tempo libero agli assistiti, ai loro familiari, o aiutare l’Associazione nelle sue attività. Per tutti i volontari è previsto un adeguato percorso formativo al fine di fornire le competenze necessarie

per svolgere un volontariato efficace e sereno. «La Rete di Cure Palliative - spiega il responsabile dott. Luciano Orsi - rappresenta una delle prime esperienze di collaborazione tra istituzioni sanitarie e socio assistenziali in stretto contatto e in collaborazione con Associazioni di volontariato. Nel gennaio del 2003 è stata dapprima istituita l’Unità Operativa di Cure Palliative nell’Ospedale Maggiore e la nostra offerta assistenziale è stata completata nel giugno del 2006 con l’attivazione dell’Hospice presso la Fondazione Benefattori Cremaschi (FBC). La Rete di Cure Palliative è infatti

composta, oltre che dall’Hospice, dal servizio di assistenza domiciliare, dall’ambulatorio di Cure Palliative e dalle consulenze specialistiche effettuate presso i reparti dell’Ospedale di Crema. Dalla sua attivazione i pazienti da noi assistiti a domicilio sono stati circa 1250 e nel 2007 circa 250». Il convegno dal titolo «Volontariato nelle cure palliative? Perché no…..» si terrà sabato 17 maggio presso la Sala Alessandrini in Via Matilde di Canossa, 18 - Crema dalle ore 9.00 alle ore 13.00. La partecipazione è gratuita.

Fortunato Chiodo, responsabile del ciclismo per l’Opinione, è stato premiato lunedì 5 maggio in occasione del prestigioso riconoscimento sportivo «Angelo Ferri». La cerimonia si è svolta al Teatro Sociale di Soresina davanti a un folto pubblico e a molte autorità. Erano presenti il presidente della Provincia Giuseppe Torchio, l’assessore provinciale allo Sport Giovanni Biondi, il sindaco di Soresina Giorgio Armelloni. Hanno presentato la serata i giornalisti Claudia Barigozzi e Mauro Begnamini. Chiodo è stato il solo giornalista premiato. Un riconoscimento ufficiale, che ha seguito quello ufficioso, ma altrettanto autorevole, che Chiodo si è conquistato in anni di articoli dedicati al ciclismo. «Sono cresciuto in un Italia povera, dove il duello Coppi e Bartali ci incollava alla radio, grandi e piccoli. Era l’unica speranza di dimenticare il sacrificio e la durezza del vivere di tutti i giorni. Ho amato il ciclismo per questo. Per la sua semplicità e per il messaggio che ha sempre rappresentato. Solo stringendo i denti si possono

vincere le avversità della vita». Chiodo collabora da anni con le più prestigiose riviste del settore delle due ruote: «Ciclismo d’Italia», «Tuttociclismo» e «Il Mondo del Ciclismo». Uno dei pochi giornalisti nostrani, che in barba alla rivalità che ci divide dai cugini d’oltralpe, ha sempre detto di preferire il Tour de France al Giro d’Italia. «Noi siamo geniali, ma non c’è niente da fare, l’organizzazione che c’è al Tour, la facilità con cui noi giornalisti possiamo seguire da vicino gli atleti durante la gara, al Giro non c’è». Nonostante l’amore per Coppi, anche nella cerimonia di Soresina, Chiodo ha ricordato che il più grande ciclista di tutti i tempi è stato il belga Eddy Merckx. «Un atleta supremo, roba da Olimpo» ha sentenziato Chiodo, famoso per i toni epici dei suoi articoli. E sul ciclismo di oggi si leva qualche sassolino dalla scarpa. «Il doping? Ha rovinato tutto. Quasi tutto». Indietro però non si torna: «Coppi e Bartali me li sogno ancora di notte. Ma il ciclismo deve guardare avanti».

Trofeo judo

Le campane esposte in piazza Duomo.

(B.M.) Domenica 4 maggio i passanti tra piazza Garibaldi e via XX Settembre hanno potuto assistere al ritorno delle campane alla chiesa di San Bernardino, in via Cesare Battisti, requisite durante il periodo bellico. Dopo più di 66 anni la torre campanaria ha visto restituirsi le sue campane originali. I bronzi della chiesa sussidiaria della Cattedrale, realizzati da Andrea Crespi nel 1804, mancavano dal lontano 1942. Dal lunedì hanno ricominciato a suonare. Il lavoro di ripristino è stato complesso e ha visto il necessario intervento di

Fortunato Chiodo, giornalista sportivo, con Gianni Bugno.

sponsor pubblici e privati, la Banca Cremasca, il Comune di Crema, l’impresa Sabbadini Campane e alcune famiglie cremasche. Posate su un carro trainato da un cavallo e precedute dalla banda, le tre campane hanno sfilato lungo piazza Garibaldi, via Mazzini, piazza Duomo e via XX settembre, con al seguito una folla di curiosi. Alle 21.00 le campane hanno ricevuto la solenne benedizione del vescovo Oscar Cantoni che durante la liturgia è stato accompagnato dal Coro Monteverdi di Crema e dall’ensemble La Pifarescha.

E’ il primo trofeo di Judo della città di Crema. Si terrà domani pomeriggio alle 16 alla palestra Mooving di via Di Vittorio nell’area ex Olivetti. L’iniziativa è promossa dal Maestro benemerito Giorgio Ciampi sesto dan, campione italiano, allenatore di campioni italiani e ideatore del metodo di difesa personale adottato dalla polizia di stato. Si tratta di una serie di gare che vedranno affrontarsi bambini dai 6 ai 12 anni. Al trofeo parteciperanno gli allievi cremaschi del maestro Ciampi, impegnati in combattimenti con coetanei pro-

venienti da Milano, Varese, Roma, Busto Arsizio e Torino. Il maestro Ciampi è un’autorità indiscussa del judo in campo internazionale. Lo sport del judo è una delle poche arti marziali ad aver conquistato il rango di disciplina olimpica. A Crema è stata avviata una scuola presso la palestra Mooving che può usufruire degli insegnamenti del maestro Ciampi e che conta già decine di praticanti. Di tutte le età. Dopo le gare il maestro Ciampi e alcuni suoi collaboratori si cimenteranno in un’esibizione di difesa personale.


Cronaca

10

Festa del Primo Maggio (B.M.) Crema festeggia il 1° maggio davanti al monumento ai caduti di piazza Marconi facendo una riflessione sulla condizione odierna del mondo del lavoro. Giuseppe Demaria, segretario generale della Cisl di Cremona, ha parlato soprattutto di sicurezza sui cantieri accompagnando al tema una riflessione sconcertante: oggi in Italia si muore più di 30 anni fa. Demaria auspica l’applicazione al più presto del piano triennale della regione Lombardia sulla sicurezza: «Un piano che prevede inasprimenti delle sanzioni. In realtà» aggiunge «sarebbe necessario anche un cambiamento di mentalità in tutto il mondo del lavoro». Il corteo ha visto in prima fila la senatrice Cinzia Fontana e molti esponenti politici di tutti gli schieramenti. Ha seguito il corpo bandistico di Sergnano passando da via Bottesini fino in piazza Duomo. Qui, a turno, a cominciare da Bruno Bruttomesso, ciascuno ha salutato la festa del lavoro e dei lavoratori come uno dei più importanti momenti di unità nazionale.

Direttore cercasi

Maurizio Borghetti e Angelo Stanghellini.

Autorità politiche e sindacati durante i festeggiamenti dell’1 maggio.

«Moro ha unito Croce e Togliatti» (B.M.) E’ cominciato con un filmatodocumentario la serata organizzata per ricordare la figura di Aldo Moro nei giorni della commemorazione a 30 anni dal sequestro e dall’uccisione (16 marzo - 9 maggio 1978). L’incontro si è tenuto lunedì 5 maggio in sala degli Ostaggi del comune di Crema. «Si è deciso per la sala degli Ostaggi» ha fatto presente Antonio Agazzi, presidente del consiglio comunale «perché è la sala del consiglio comunale, per eccellenza il luogo che simboleggia il cuore del dibattito e la funzione democratica della città». La sala, gremita di gente, ha visionato, in un eloquente silenzio, i telegiornali dell’epoca che hanno mostrato un tragico susseguirsi di comunicati, smentite, dichiarazioni di impotenza, appelli disperati (tra cui quello di Papa Paolo VI) fino alla mattina del 9 maggio, quando fu fatto ritrovare il corpo senza vita di Moro riverso nel baule di una R4 rossa in via Castani. Con lo stesso spirito e lo stesso silenzio, il pubblico ha ascoltato le parole di Mino Martinazzoli, all’epoca segretario Dc, collega ed amico di Aldo Moro. «Fu una tragedia. Politica ed umana. Lo resta. Il coraggio con cui oggi cerchiamo ancora di sentire la voce di un morto è emblematica di un sacrificio che ha davvero significato molto. La sua intelligenza, la sua analisi politica, può ancora dirci molto, soprattutto oggi». Un excursus storico politico quello di Martinazzoli che, leggendo parte delle considerazioni di Moro, ha fatto rivivere ai presenti gli anni del secondo dopoguerra, le vicende della Dc. Nessun riferimento alle teorie complottiste. «Fu proprio Moro, con un discorso del 1945, a far cambiare idea a Croce e Togliatti che immaginavano una costituzione a-ideologica» ribadisce Martinazzoli. «Moro dimostrò che

9

VENERDÍ MAGGIO • 2008

Nuovo direttore generale Comunità sociale cremasca cercasi. Dal dicembre 2006 la direzione è affidata ad Angelo Stanghellini. L'incarico di Stanghellini aveva l'obiettivo di far partire l'azienda. Ma già da allora si era evidenziata la necessità di un periodo limitato di lavoro. Da una parte il responsabile dell'Ufficio di Piano impegnato sulla programmazione, dall'altra il Direttore di Comunità Sociale impegnato sulla gestione. Per questo il consiglio d'amministrazione ha inviato una procedura per la selezione del nuovo direttore che dovrà avere un'esperienza nella gestione di strutture complesse; conoscenze specifiche acquisite in campo gestionale e organizzativo, competenze specifiche nella

gestione delle risorse umane; esperienza specifica nel settore dell'intervento socio assistenziale e socio sanitario; conoscenze del processo connesso al piano di zona; conoscenza delle normative e della modalità di funzionamento delle aziende speciali; una buona conoscenza dei processi e delle dinamiche di funzionamento della pubblica amministrazione con particolare riferimento agli enti locali; attitudini al lavoro di rete, ai processi di governance e di negoziazione. Le domande devono essere recapitate, unitamente al curriculum vitae all'indirizzo segreteria@comunitasocialecremasca.it entro lunedì 19 maggio. Già dalla prima metà di giugno si pensa possa esser operativo il nuovo direttore generale.

Il Crema e S. Luigi

Da sinistra, il sindaco Bruno Bruttomesso, Mino Martinazzoli e Antonio Agazzi.

la situazione di un’Italia devastata dalla guerra rendeva necessario trovare valori condivisi basati sull’umanità, sulla centralità della persona». Ed ha aggiunto: «Moro fu vittima della troppa politica». E ancora Martinazzoli descrive Moro come l’uomo che inventò il centrosinistra «perché aveva capito prima di tutti la fine del centrismo e la necessità di aprire al partito comunista». E nel rivivere un capitolo importante della cultura e della politica italiana Martinazzoli si commuove. Conclude spiegando le ragioni del titolo del convegno: «Aldo Moro o l’utopia democratica perché era il suo sogno. Lo stesso degli italiani. E resta tale. Siamo soliti non accettare i tempi lunghi del processo democratico. Siamo il Paese del Risorgimento incompiuto, della vittoria mutilata, della Costituzione inapplicata. Sembra che la nostra insoddisfazione rovini le nostre capacità. Anche a ricordarci ciò serve il sacrificio di Moro».

Concerto a Gaber Concerto di beneficenza martedì 18 maggio alle 21 dedicato a Giorgio Gaber, il celebre cantautore milanese scomparso nel 2003. Al Teatro San Domenico alle 21 si esibirà l’attore e musicista Davide Giandrini che collaborò a lungo con Gaber nel corso degli anni ‘90. Il concerto è organizzato dalle Inner Wheel Crema. Il ricavato finanzierà il restauro dell’affresco della Madonna dell’Umiltà della Cattedrale di Crema. Il costo del biglietto è di 15 euro. Acquistabile a teatro oppure telefonando a 3294486226-3473864839.

Francesco Barbaglio presidente Crema 1908 e Luigi Nichetti, dirigente responsabile settore giovanile AC Crema.

Presentato il nuovo settore giovanile della Ac Crema 1908 che collaborerà direttamente con il centro San Luigi. Francesco Barbaglio, direttore dell'Ac Crema 1908 giovani si dice soddisfatto: «Siamo molto contenti della collaborazione». I ragazzi saranno ripartiti nelle diverse categorie a seconda della capacità: primi calci, pulcini, esordienti, giovanissimi e allievi. Importante sarà lo stage estivo per gli aspiranti calcia-

tori. Un nucleo addestramento giovani calciatori che durerà dal 9 al 20 giugno dalle 8 alle 17.30 e che occuperà le giornate dei diversi allievi dalla prima elementare alla seconda media. Diverse le attività previste anche sociali per conoscere e apprendere la disciplina calcistica. Le iscrizioni potranno essere presentate presso il campo allenamenti Velodromo di via IV Novembre dal lunedì al venerdì dalle 16.30 alle 18.30. Si prevedono circa 100 iscrizioni.


Cronaca

9

VENERDÍ MAGGIO • 2008

11

Arrivano gli sbandati a caccia di un tetto Abusivo.Ecco gli immobili presi di mira di Roberto Bettinelli

«Cercavamo solo una casa che sia nostra, dove passare le notti». Stefan Doru, rumeno di 27 anni, è uno degli sbandati che vanno a caccia di un tetto. A Milano quando cala il buio transitano come zombie nella zona della stazione centrale. Lo zaino in spalla. S’incamminano lungo i binari morti dove vengono ammassati i container o i vagoni in disuso. Sempre a caccia di rifugi. Dormitori improvvisati. Nascondigli. Immigrati che non sono riusciti o non hanno voluto integrarsi. Ora sono arrivati a Crema. Ditte come la Scelfer, l’ex Everest, la vecchia Ferriera. Ogni capannone, rudere, o cascinale che possa offrire un riparo, va bene per Doru e per chi vive come lui. L’importante è avere un tetto per la notte. Ma a volte anche più di una notte. Contro la pioggia. Il freddo. Contro carabinieri e poliziotti. Sono sempre di più gli sbandati in fuga da Milano. Immigrati. Di ogni nazionalità. Ma in prevalenza rom, slavi, rumeni, magrebini. Senza fissa dimora. Senza lavoro. Lontani da casa. Si spostano a piedi o con vecchie auto scassate che trasportano di tutto: arnesi, coperte, posate e vestiti. Il necessario per trasformare un capannone dismesso in una casa dove potersi sistemare per un po’ di tempo. I carabinieri hanno arrestato Doru dopo che aveva passato la notte alla Scelfer, in via Europa ad Ombriano. Con lui c’era un connazionale. Ci stavano bene alla Scelfer. Così hanno spiegato ai carabinieri. Un luogo isolato. Con i tetti intatti che proteggono dalla pioggia e alcune stanze ancora ammobiliate. Gli edifici sistemati su più piani. I muri spessi e le finestre quasi intatte. Lontano dalla strada. Un luogo perfetto per trovare riparo, con molte vie di fuga nel caso di arrivo delle forze dell’ordine. Ma sentiamo cosa ha raccontato Doru al giudice Maria Stella Leone durante il processo per direttissima

NELLE DITTE ABBANDONATE Sopra e a sinistra la Scelfer di via Europa. In alto a destra i due rumeni che hanno passato la notte nella ditta dismessa prima di essere presi dei carabinieri. Sotto l’ex Everest. Altro luogo a rischio.

che lo vedeva imputato per furto. «Siamo partiti da Milano in serata. Ormai non potevo più restare lì. Dovevo troppi soldi per l’affitto alla persone che mi dava il letto. Siamo arrivati qui e ci siamo fermati a dormire per la notte. La casa era abbandonata. Era tutto demolito. Ma noi volevamo solo dormire». Doru, da quando è in Italia, ha sempre vissuto di elemosina. Ha fatto l’accat-

tone agli incroci della strade. O alle entrate delle metropolitana. In terra con il piattino e la mano tesa. «Ma ad un certo punto i soldi non bastavano più per pagare l’affitto. E non potevo più restare dove stavo prima. A me serviva solo un posto dove dormire». Doru e l’amico Iulian Bokanu si sono procurati un’auto e sono arrivati a Crema nella serata di giovedì 1 maggio. Non c’era

ancora buio. Ma Doru non ricorda la strada che ha seguito per arrivare alla Scelfer. «C’era una strada, ho saltato il fosso, e poi c’era una porta. Aperta. Siamo entrati. Ma è stato un caso. Non sapevamo neanche come abbiamo fatto ad arrivarci». Una meta trovata per caso. Mentre i due rumeni vagavano alla ricerca di un posto dove trascorrere la notte. Invece della Scelfer,

Furto in via Verdi con fiamma ossidrica e metal detector Svaligiato un appartamento in via Verdi nella notte fra sabato e domenica. I ladri hanno forzato la cassaforte con la fiamma ossidrica. Rubati orologi preziosi, gioielli e diamanti per un valore compreso fra i 60mila e i 70mila euro. La coppia che abita nella casa era uscita nel pomeriggio. Quando sono rientrati verso le 23.30 hanno parlato con un vicino che ha riferito di aver sentito

dei rumori strani. L’uomo e la donna sono entrati in casa per controllare. La cassaforte era squarciata nella parte anteriore. Dentro non c’era più niente. Solo qualche documento. Ma gli oggetti di valore erano tutti spariti. Immediata la chiamata al 113. La volante della polizia è arrivata dopo pochi minuti. Seguita da un’unità della polizia scientifica che ha setacciato le stanze alla ricerca di impronte digitali

e altri indizi. Gli investigatori hanno ricostruito tutte le azioni dei “topi”, che hanno scavalcato il muro di cinta della casa e hanno scassinato una finestra. La ricerca della cassaforte è stata minuziosa. I ladri hanno usato un metal detector. In questo modo sono riusciti a individuare il punto in cui c’era la cassaforte. Sono rimasti all’interno della casa il tempo neces-

sario per tagliare la cassaforte con la fiamma ossidrica. In effetti il vicino aveva sentito i rumori dei ladri, ma ha pensato a dei lavori domestici. Anche se il giorno, sabato, e l’ora serale potevano risultare strani. La coppia ha denunciato il furto al commissariato di polizia. Hanno presentato un inventario con l’elenco dei preziosi rubati. Fortunatamente erano coperti da assicurazione.

stando allo straniero, poteva capitare all’ex Everest, alla vecchia ferriera, o in qualsiasi altro luogo abbandonato che poteva garantire le stesse condizioni di sicurezza. Alla ditta di Ombriano, già che c’erano, Doru e il connazionale, hanno rubato 300 chili di rame. «Era fare soldi. Era lì vicino. Noi cercavamo dove dormire». Perchè no, si sono detti i due rumeni quando hanno visto il rame. Era sot-

to una cassetta di metallo. Così hanno detto ai carabinieri. Un lavoro facile. Dallo zaino hanno tirato fuori gli arnesi che si portano sempre dietro e hanno rimosso i rottami. Il giudice li ha condannati a 6 mesi e 350 euro di multa a Doru, che dopo l’udienza è finito in carcere a Cremona, e 4 mesi al connazionale, rimesso subito in libertà. A differenza di Doru non aveva precedenti.


Cronaca

12

9

VENERDÍ MAGGIO • 2008

Ingegneri rumeni dietro il bancomat clonato delle Poste? Proseguono a ritmo serrato le indagini della polizia sulla clonazione dello sportello postamat di piazza Madeo. L’apparecchiatura con microchip e la falsa tastiera sono state individuate sabato 3 maggio verso le 15. I poliziotti sono intervenuti dopo la chiamata del responsabile dell’ufficio postale e hanno asportato la maschera con i pulsanti e i microchip. Gli investigatori hanno scoperto che si tratta di una tastiera che cattura i codici pin delle carte bancomat dei clienti, ma con una differenza importante rispetto

Indaga la polizia. I codici pin registrati da microchip che erano nella falsa tastiera applicata allo sportello Postamat di piazza Madeo.

ad altri metodi usati di recente. Per trasferire i codici segreti nel personal computer e avere la possibilità di utilizzarli facendo degli acquisti con la carta bancomat, è necessario recuperare la tastiera con i microchip. «Questo tipo di azioni vengono portate a termine nel fine settimana» spiega l’ispettore capo del commissar iato Michele Bulloni, «nei giorni in cui maggiore è il traffico dei prelievi». Ma i poliziotti non nascondono il sospetto che la tastiera in realtà potesse già essere stata sostituita una o più volte. Un’ipotesi che rende cruciale

capire quando i truffatori sono entrati in azione: se venerdì sera o addirittura prima. I filmati delle videocamere del sistema di sorveglianza dell’ufficio postale saranno decisivi. Se l’ipotesi venisse confermata, bisognerebbe aumentare di molto la lista degli utenti esposti al rischio della clonazione. Sono state trovate impronte digitali sulla tastiera. La polizia scientifica le ha già inserite nella banca dati delle forze dell’ordine alla ricerca dei colpevoli. La pista privilegiata sembra portare verso un gruppo di rumeni specializzati nella clonazione dei bancomat.

Si ubriaca e spezza il dito al carabiniere Il 23enne è scappato dopo un controllo per schiamazzi in un bar di Giovanni Fanti

Arrestato per resistenza aggravata, ingiurie e rifiuto di dare indicazioni sulla propria identità. D.B., 23 anni, di Pianengo, è stato condannato a 4 mesi di reclusione con pena sospesa nel processo per direttissima che si è celebrato questa mattina in tribunale. Il 23enne sabato notte era al bar Cambrì di Pianengo con altri giovani. I carabinieri della stazione di Crema sono intervenuti dopo che alcuni abitanti della zona si sono lamentati per i continui schiamazzi. Erano circa le 2 quando l’equipaggio dei carabinieri è arrivato davanti al bar. L’equipaggio era formato da un militare e un maresciallo. Quando il sottufficiale è sceso e ha chiesto i documenti d’identità ai giovani, gli altri giovani hanno obbedito. Tutti tranne il 23enne che ha perso il controllo. Si è messo a inveire contro i carabinieri. Il maresciallo gli ha chiesto nuovamente i documenti d’identità ma D.B. si è rifiutato. Il carabiniere ha cercato di riportarlo alla calma, ma il 23enne ha continuato ad insultarlo. Poi all’improvviso è scappato a piedi. Il maresciallo l’ha inseguito. Quando l’ha bloccato, il 23enne si è ribellato e l’ha

Spaccata al bar-tabacchi Spaccata nella notte tra domenica e lunedì a Spino d’Adda al bar tabaccheria «Kaluha»di via Milano. I banditi hanno rubato una Ford Fiesta di colore verde nella via. Poi l’hanno usata come ariete contro la cler di metallo che proteggeva il bar tabaccheria. Gli abitanti della via all’improvviso hanno sentito un grosso boato. Qualcuno ha chiamato le forze dell’ordine pensando a un incidente. Pochi minuti e i banditi sono usciti con le due “macchinette” del videopoker. Le hanno caricate sopra un Fiat Scudo e sono scappati. Nel frattempo è arrivata in via Milano una gazzella del nucleo radiomobile dei carabinieri. I militari hanno preso la strada per Lodi mentre le altre direttrici di fuga venivano battute dai rinforzi. A Bisnate (Lo), ormai braccati dall’equipaggio dei carabinieri, i banditi hanno abbandonato il furgone e sono scappati nei campi. I carabinieri hanno recuperato tutta la refurtiva. Le due macchinette sono state restituite intatte al titolare del bar tabaccheria. Anche il furgone è risultato rubato.

Due bambine e disegni hard

aggredito. È nata una colluttazione tra il maresciallo e il giovane. Alla fine il carabiniere ha avuto la meglio, ma nella lotta ha riportato un trauma distorsivo all'anulare della mano destra. Il giovane è stato caricato sull’auto di pattuglia e portato al comando di via macallè a Crema per essere

identificato. Subito dopo il giovane è stato arrestato. Ha passato la notte e il giorno dopo nella cella di sicurezza del comando dei carabinieri. Una volta chiuso in cella, si è calmato ed è stato tranquillo fino a lunedì mattina. I carabinieri l’hanno accompagnato in tribunale per essere giudicato nel

processo per direttissima. Il giudice, dopo aver ascoltato il suo racconto e quello del maresciallo che l’ha arrestato, ha deciso per una sentenza di condanna a 4 mesi di reclusione. Ma il 23enne ha usufruito del bonus della condizionale. Sembra che al momento del controllo fosse sotto gli effetti dell’alcol.

TROPPO RUMORE L’equipaggio dei carabinieri della stazione di Crema è intervenuto al bar «Cambrì» di Pianengo dopo le continue chiamate di protesta dei residenti della zona. Il 23enne ha perso il controllo ed è scappato a piedi.

Mamma, papà e zio rinviati a giudizio per violenza sessuale su due bambine. La vicenda agghiacciante è approdata in tribunale. Il giudice Maria Stella Leone in sede di udienza preliminare ha deciso di rinviare a giudizio i genitori e il parente. Il processo inizierà a novembre. La vicenda risale al dicembre del 2006. Era stata la maestra di una delle due bambine a notare che qualcosa nella famiglia non andava. Durante una lezione di disegno, mentre la bambina lavorava sul suo foglio, la maestra aveva visto disegni dal contenuto inequivocabile. La maestra, dopo aver consegnato il foglio ai responsabili dei Servizi sociali del Comune. Immediata la partenza dell'indagine. Le due bambine sono state tolte alla coppia. I genitori e lo zio si sono sempre difesi dicendo che le accuse erano assurde. Secondo i parenti si sarebbe trattato di un grosso equivoco. Sta di fatto che il giudice, quando si è trovato a decidere sul caso, ha disposto il rinvio a giudizio per i genitori e lo zio. Che ora dovranno affrontare un processo.

Lo picchiano con forbici da giardino e rubano Chevrolet Picchiato con forbici da giardino e rapinato. E’ successo sabato 3 maggio. Alle 4 del mattino. I tre rapinatori gli hanno rubato la Chevrolet Kalos ma sono stati costretti ad abbandonarla a Rivolta d’Adda fuggendo nei campi. Davanti a loro c’era un posto di controllo dei carabinieri. I banditi sono scappati nei campi facendo perdere le loro tracce. Appena arrivati vicino alla Chevrolet, i mili-

tari hanno visto in terra un passamontagna nero. Dentro l’abitacolo c’erano dei bastoni di legno, alcune forbici da giardiniere e due passamontagna. Anche la Chevrolet li ha insospettiti. I carabinieri si sono messi subito in contatto con le centrali operative dei comandi vicini. La risposta dei carabinieri di Pavia ha permesso di arrivare al vero proprietario della Chevrolet. Cir-

ca 45 minuti prima l’uomo stava parcheggiando la sua auto nel parcheggio di un hotel in provincia di Pavia. Tre banditi sono sbucati dal buio. Erano armati di bastoni di legno e di una grossa forbice da giardino. L’uomo aveva due assegni per migliaia di euro. I banditi avevano il volto coperto dai passamontagna. L’uomo ha provato a difendersi, ma uno dei banditi l’ha picchiato con la gros-

sa forbice. Del tipo usato dai giardinieri per la potatura di alberi e piante. I banditi si sono presi gli assegni e la Chevrolet lasciandolo in terra, dolorante. I tre malviventi sono scomparsi nelle campagne di Rivolta mentre i carabinieri hanno recuperato l’auto. Lunedì mattina i carabinieri di Crema hanno restituito la Chevrolet al proprietario.


9

VENERDÍ MAGGIO • 2008

Un’azalea contro il cancro «L’Azalea della ricerca», domenica 11 maggio in 3mila piazze italiane: 14 euro sarà la quota richiesta, 14 euro che, moltiplicati per 670mila piantine porteranno un contributo straordinario: 9 milioni 800 mila euro per la ricerca contro il cancro.

Palestra di arrampicata Il Club alpino italiano, sezione di Crema, comunica che è aperta al pubblico la palestra di arrampicata, con ingresso da via Del Picco, all’interno del Centro sportivo di via Indipendenza. L’impianto è aperto nelle serate di lunedì, mercoledì e giovedì dalle 20,30 alle 22,30. Ci si può rivolgere per informazioni e iscrizioni presso la sede cittadina del Cai in via Donati 10 il martedì e il venerdì dalle ore 21 alle ore 23.

Soggiorni con il Centro diurno

Cronaca Croce rossa di piazza Garibaldi 40, verrà effettuato l’esame di «Ultrasonometria ossea» che serve a determinare la presenza di ostoporosi. L’invito è rivolto alle signore particolarmente. Il Panathlon club di Crema comunica che martedì 20 maggio, alle ore 20, al ristorante Maosi, verrà presentata la serata dal titolo: «Boxe in rosa». Ospite sarà Laura Tavecchio, già campionessa mondiale ed europea di kick-boxing.

Marcia dell’Amicizia L’Anffas di Crema comunica che il 10 maggio, con partenza alle ore 15,30 dagli Stalloni, si svolgerà la 34esima marcia dell’Amicizia. E’ una manifestazione podistica di 6 km. Ritrovo in via Verdi alle ore 15. Quota iscrizione: 3 euro.

Dipendenti comune, messa per defunti

Trasporto, sciopero nazionale

Lo spettacolo della «Galmozzi»

Crema Mobilità e Autoguidovie comunica che è stato indetto uno sciopero nazionale generale di 4 ore venerdì 9 maggio. Pertanto, non saranno garantite tutte le corse in partenza dalle ore 14 alle ore 18,30.

Sabato 10 maggio, alle ore 17, a Crema, in Piazza Duomo, e alle ore 19 nel 1° chiostro del San Domenico, gli alunni della classe 2G della media «Galmozzi» presenteranno uno spettacolo dal titolo «Il medico volante». Al termine dei due spettacoli, verrà offerto un buffet a tutti i partecipanti.

Il comune di Crema informa che è indetta la selezione pubblica per esami per la formazione in graduatoria per l’assunzione a tempo determinato di personale: assistente informatico-categoria C. Le domande, da ritirare e consegnare in comune, scadono il 15 maggio.

Distribuzione modelli Unico 2008 Il comune di Crema comunica che presso la portineria del municipio sono in distribuzione, fino a esaurimento, i modelli «Unico 2008-persone fisiche». La portineria è aperta dal lunedì al venerdì dalle 7 alle 20, il sabato dalle 8 alle 13.

Iscrizione ristorazione scolastica Il comune comunica che fino al 10 maggio sarà possibile effettuare l’iscrizione al servizio di ristorazione scolastica per la scuola dell’infanzia statale e per la scuola primaria statale.

Onorificenza al procuratore Il 9 maggio, al ristorante Parco Oriolo, a Castelleone, il procuratore della Repubblica, Benito Melchionna, riceverà dal Lion Club Castelleone la massima onorificenza lionistica Melvin Jones Fellow, per la sua attività proficua svolta nell’ambito della giustizia e della cultura, come esempio di cittadinanza attiva, partecipe delle istanze socio-culturali della città e del circondario.

Esame di ultrasonometria ossea Sabato 17 maggio, dalle 8 alle 12, nell’ambulatorio della

Lunedì,padre Sorge parlerà a Crema

Boxe in rosa al Panathlon

Il Centro diurno comunica di avere organizzato un Soggiorno all’Isola d’Elba da lunedì 19 a sabato 24 maggio. Costo: 415 euro. Gita all’Abbazia di Chiaravalle della Colomba, martedì 3 giugno. Costo: 10 euro.

Assistente informatico, concorso

13

I dipendenti del comune di Crema celebrano una messa in suffragio dei loro colleghi defunti, martedì 13 maggio, alle ore 18 in cattedrale.

Guida alle osterie d’Italia La Camera di Commercio di Cremona, in collaborazione con l’Associazione Strada del Gusto del Cremonese, nell'ambito delle iniziative di presentazione delle guide gastronomiche, organizza un incontro lunedì 12 maggio 2008 alle 14.30 con i responsabili di Slow Food Lombardia.

MGG, automezzo alla Comunità sociale Mercoledì 14 maggio, ore 16,30 in piazza Duomo, la M.G.G. Italia (Mobilità Garantita Gratuitamente) consegnerà alla Comunità Sociale Cremasca un automezzo Fiat Ducato attrezzato per il trasporto di persone disabili.

Anffass: i ragazzi nella struttura L’Anffass annuncia che venerdì 9 maggio, alle ore 9.30, avverrà l'ingresso ufficiale dei ragazzi dell’associazione nella struttura con l'inizio delle relative attività.

Visita al bosco didattico Domenica 11 maggio, dalle 14 alle 18, sarà aperto il «Bosco didattico» di Castelleone con la possibilità di essere accompagnati nella visita dalle guardie ecologiche volontarie.

La Lega torna in piazza Nelle giornate di sabato 10 e domenica 11 maggio i militanti del Carroccio saranno impegnati in una due giorni dedicata alla campagna di tesseramento, e non solo. Il gazebo a Crema è per sabato dalle 15 alle 17.

Padre Bartolomeo Sorge.

Sarà ospite di Crema presso il municipio la sera di lunedì 12 maggio padre Bartolomeo Sorge, uno dei più fini analisti politici degli ultimi anni, provocatore di dibattiti e riflessioni attraverso i molti libri pubblicati e gli articoli prima di «Civiltà Cattolica», poi di «Aggiornamenti Sociali» di cui ne è direttore. A chiamarlo in città per un incontro presso la Sala dei ricevimenti del comune alle ore 21 dal tema «Elezioni 2008, tra politica e società. Quali segnali? Quali proposte?» è il gruppo «Rete in Dialogo», formatasi da pochi mesi e che raccoglie tra le sue fila coloro che propongono con più vivacità i temi cari al cattolicesimo democratico e sociale all’interno del Partito Democratico. Di politica si parlerà quindi, ma anche di valori e, soprattutto conoscendo il personaggio,

di provocazione alle coscienze di quanti amano la politica. Il tema d’obbligo sarà il risultato delle recenti consultazioni elettorali che ha provocato rilevanti cambiamenti nella scena pubblica. In particolar modo nel nord Italia si stanno sempre più evidenziando i temi legati alla «questione settentrionale», la risposta o la percezione della risposta ai quali ha determinato il voto. Proprio per discutere e per capire questi dati si è voluto chiamare a Crema padre Sorge e l’opportunità offerta da «Rete il Dialogo» e il PD cremasco non va lasciata cadere. Infatti è necessaria una riflessione sul risultato elettorale e sul contesto socio-culturale in cui è maturato, per individuare nuove prospettive. E come è possibile partire meglio se non ascoltando la voce autorevole di un gesuita?


Speciale Vaiano

14

9

VENERDÍ MAGGIO • 2008

di Cinzia Barozzi

Sesta edizione per la Fiera dell’arte e del gusto che si terrà domenica 11 maggio a Vaiano Cremasco. La fiera- mercato ha lo scopo di valorizzare le realtà locali e i loro prodotti. Accanto alle più tipiche tradizioni cremasche e lombarde anche qualche “assaggio” delle diverse regioni italiane. La festa comincerà alle ore 10.30 con l’inaugurazione da parte delle autorità. Particolarmente attivi nell’organizzazione della fiera Giovanni Alchieri, sindaco di Vaiano Cremasco e Primo Bombelli, assessore alla cultura e all’istruzione. La fiera è infatti patrocinata dal comune di Vaiano. Non solo. Gode dell’appoggio anche dall’associazione popolare Crema per il territorio e dalla provincia di Cremona. Aperta la festa, il pubblico potrà partecipare alla rassegna di prodotti enogastronomici, di prodotti artigianali tipici e all’ esposizione di opere d’arte che si terranno in piazza Caduti, in via Roma e in via Medaglie d’Argento. Da qui il nome della fiera, appunto dell’arte e del gusto. Per questa edizione saranno esposti formaggi tipici regionali, vini tipici delle Langhe, artigianato in legno, prodotti agroalimentari siciliani, prodotti di qualità alimentare, lavori di decoupage, oggetti e mobili d’antiquariato, opere di artisti locali e del territorio, stand di associazioni di volontariato e esposizioni florovivaistiche. Le bancarelle resteranno per tutto il giorno. Quindi prima di fare un giro tra gli stand sarebbe interessante seguire, appena dopo l’inaugurazione ufficiale, la presentazione del libro di Antonio Grassi “Il cuore batte ancora”. Ma la giornata di festa non si

Alcuni visitatori nella scorsa edizione della Fiera dell’Arte e del Gusto.

La Fiera dell’Arte e del Gusto: kermesse Domenica con stand enogastronomici, bancarelle e divertimento esaurisce nella mattinata di domenica. Anche per il pomeriggio sono previste diverse attività e manifestazioni interessanti. Colorata e divertente la parata dei trampolieri per le vie del centro che si terrà subito dopo la pausa pranzo, alle ore 15.00. Considerando che nel pomeriggio aumenterà il numero dei bambini presenti, nell’organizzazione si è pensato proprio alla

loro presenza. Così come i più piccoli potranno godere dello spettacolo dei trampolieri, allo stesso modo potranno dilettarsi alle ore 16.00 con la lettura de Gli incontri di pinocchio, letto dalla stessa autrice, Emma Sangiovanni. A rendere la lettura ancora più piacevole l’accompagnamento musicale con la chitarra di Robert Rothlisberger. La Sangiovanni è nata a Crema.

Dopo la laurea in Lettere Antiche e gli studi sul teatro, ha insegnato per anni in alcuni noti istituti della zona ed ha collaborato come giornalista con i quotidiani Milano Avvenire, Il Giorno e Il Corriere della Sera. Da anni ormai, si dedica alla scrittura. Ha pubblicato un romanzo storico (L'arcangelo di Fosdinovo), due racconti noir (Brindisi alla bellezza e Delitti per sport) ed ultima-

mente ha pubblicato Gli incontri di Pinocchio, trasposizione poetica e musicale del noto testo di Collodi. Durante tutta la fiera sarà presente l’esposizione Arte della raccolta differenziata, la mostra fatta dai ragazzi di alcune scuole cremasche. L’esposizione è un interessante mostra di oggetti ed opere d’arte realizzate dagli alunni delle scuole del territorio con oggetti e materiali

di riciclo. Proprio per questo, intorno alle 17.30, le migliori opere verranno premiate, così come le Scuole elementari che vi hanno partecipato. Questa iniziativa gode del patrocinio del Società Cremasca Servizi, che sta diffondendo la cultura del riciclo. Insomma una giornata interessante e divertente all’insegna del divertimento, della degustazione e delle buone opere (tra gli stand anche quelli del volontariato che esporranno una serie di iniziative benefiche e solidali). Niente di meglio per una mezza giornata di maggio che garantisce ormai bel tempo e sole tiepido. Il clima primaverile ben si sposa con le intenzioni e il clima gioioso che la Fiera dell’arte e del gusto vuole mettere in scena.


Speciale Vaiano

9

VENERDÍ MAGGIO • 2008

15

INIZIATIVE - I volontari venderanno gli spaghetti “antimafia”

Anche l’Auser tra le bancarelle La pasta servirà a finanziare il servizio del «Filo d’Argento» e i giovani della cooperativa Placido Rizzotto. Coltivare campi contro la malavita di Laura Beatrice

Tra le bancarelle gastronomiche e dell’artigianato domenica a Vaiano sarà presente lo stand delle Associazioni del Volontariato. Tra questi i volontari dell’Auser di Vaiano Cremasco saranno in piazza Gloriosi Caduti dalle 9.00 alle 19.00 per festeggiare la giornata della solidarietà per il filo d’argento Auser, il telefono amico degli anziani e delle famiglie. Per l’occasione i volontari offriranno spaghetti “antimafia”, pasta biologica prodotta con il grano saraceno proveniente dai terreni confiscati alla criminalità organizzata. Questa pasta è da tempo ormai diventata simbolo della campagna Auser per raccogliere fondi a sostegno del Filo d’Argento, una linea telefonica da tempo serve da supporto agli anziani che nelle chiamate trovano amici che li aiutano a sconfiggere la solitudine. Le telefonate non hanno scatto alla risposta. La pasta acquistata quindi adempirà a due finalità interessanti ed umanitarie. Innanzitutto consentirà di raccogliere fondi per aiutare gli anziani. Ma non solo. Aiuterà i giovani della Cooperativa Placido Rizzotto

Da sinistra, Giuseppe Strepparola, il sindaco Giovanni Alchieri e l’assessore provinciale Anna Rozza.

Libera Terra che operano sulle terre confiscate alla mafia nella zona dell’Alto Belice Corleonese. Ecco perché tra gli stand gastronomici saranno anche presenti prodotti alimentari siciliani. «Abbiamo scelto la pasta perché è un prodotto buono e rappresentativo della terra italiana. La nostra azione

stringe un patto di ferro fra legalità, solidarietà agli anziani e impegno antimafia» sottolinea Giuseppe Strepparola, presidente provinciale Auser. L’Auser è l’associazione di volontariato e di promozione sociale, impegnata da sempre a promuovere l’invecchiamento attivo degli anziani e a far crescere

il loro ruolo nella società. Nata nel 1989 per iniziativa della Cgil e del Sindacato dei pensionati Spi-Cgil, si propone di contrastare ogni forma di esclusione sociale, migliorare la qualità della vita, diffondere la cultura e la pratica della solidarietà perché ogni età abbia un valore e ogni persona un suo progetto

Alcuni anziani che hanno aderito al «Filo d’Argento».

di vita attraverso cui diventare una risorsa per sé e per gli altri. L’Auser lavora affinché ognuno possa dare e trovare aiuto, incontrare gli altri, arricchire le proprie competenze. Anche Vaiano ha una sede in via Asilo 1 che collabora direttamente con Cremona e che può vantare un buon numero di volontari. Da qui l’iniziativa che presidierà domenica 11 maggio alla fiera dell’arte e del gusto. Di recente si è svolta, alla presenza del Presidente Provinciale, Giuseppe Strepparola e di Angelo Sandrini, componente la Presidenza Provinciale l’Assemblea degli iscritti che ha portato anche al rinnovo del gruppo dirigente dell’ Auser Insieme, proprio di Vaiano. Tra i prioritari impegni che sono stati ribaditi dall’Assemblea, oltre a promuovere l’attività di volontariato sociale e civico che viene attualmente svolte con efficacia e con straordinari risultati (soprattutto per quanto riguarda l’attività di supporto alle persone fragili) è stato quello di mettere in atto iniziative per il rilancio dell’attività e la gestione del Centro Sociale, anche attraverso la partecipazione responsabile dei cittadini di Vaiano Cre-

masco alla vita della comunità stessa. E l’iniziativa dello stand alla Fiera rientra certamente nella categoria. Al termine dell’Assemblea il Presidente Provinciale ha consegnato una targa ricordo a Francesco Assandri, ex presidente dell’Auser di Vaiano per avere presieduto con impegno e passione. Da febbraio è presidente Santina Bianchi, mentre Gabriella Uggè ricopre la carica di vice presidente. Anche loro sono state responsabili in prima linea dell’organizzazione dello sazio Auser alla Fiera dell’arte e del gusto. L’Auser di Vaiano conta 280 soci iscritti, 24 volontari impegnati nell’attività di gestione del centro sociale e 1.468 trasporti assistiti presso le strutture sanitarie. Le ore di attività di gestione del centro, le ore totali di volontariato sociale e le ore totali di volontariato civico raggiungono la somma di circa 6000 ore. Un buon risultato. I dati risalgono alla fine del 2006 e da allora i numeri sono cresciuti ancor più. Un ottimo servizio quello dei volontari che di certo non si è lasciato scappare l’occasione della fiera del paese per farsi conoscere ulteriormente e soprattutto per fare del bene.


Speciale Vaiano

16

9

VENERDÍ MAGGIO • 2008

TERRITORIO - Il Centro Galmozzi racconterà la vita alla Sacet

La storia delle nostre aziende di Barbara Milanesi

La fiera dell’arte e del gusto è sicuramente la manifestazione di un amore e di una passione nei confronti delle tradizioni locali e popolari. Il comune di Vaiano Cremasco si fa spesso promotore di queste iniziative. In cantiere c’è infatti il progetto di un affascinante avventura: la ricostruzione (in un libro ed in un video) della storia di una delle aziende più famose nel territorio di Vaiano che esisteva prima della seconda guerra mondiale e che pare essere esistita fino agli anni ‘60: la SACET, azienda produttrice di legname e materiale ligneo. Il lavoro di ricostruzione verrà fatto in collaborazione con il centro ricerche Alfredo Galmozzi di Crema, che si occupa da sempre di reperire e raccogliere documentazione storica cremasca. «Le aziende, oltre ad essere importanti perché raccontano implicitamente la storia del territorio, sono una fonte inesauribile di testimonianze di persone che attraverso un mestiere, hanno vissuto e partecipato alla costruzione di ciò di cui oggi possiamo ancora godere» sottolinea GianCarlo Molaschi, responsabile della Galmozzi. Giovanni Alchieri, sindaco di Vaiano,

Oltre 100 i dipendenti che lavoravano il legno. I proprietari, ebrei, scomparsi durante la guerra Molaschi del Centro Galmozzi dirige gli studi sulla Sacet.

Due lavoratori della Sacet. L’azienda nata prima della seconda guerra mondiale e chiusa negli Anni ‘60.

Primo Bombelli, assessore alla cultura e lo stesso Molaschi si stanno dando da fare per ricostruire le vicende dell’azienda. Pare che prima della seconda guerra mondiale la SACET appartenesse alla famiglia Fiano, di origine ebraica. L’azienda

dava posto di lavoro a circa 100 persone, tutte residenti a Vaiano o nelle zone immediatamente limitrofe. I due fratelli proprietari dell’azienda, durante gli anni della seconda guerra mondiale, hanno attraversato momenti difficili. Uno venne

catturato e portato in un campo di concentramento dal quale non fece più ritorno. L’altro fu costretto a rifugiarsi in Svizzera, ma anche di lui non si ebbero più notizie. L’unica sopravvissuta pare essere la sorella, oggi residente a Milano, la

quale pare non voglia esser disturbata. «Proprio perché forse anch’essa è distrutta nel ricordare certe cose o perché ne ha passate di tutti i colori, come i fratelli» ribadisce Molaschi. «Sta di fatto che l’azienda ha continuato a lavorare e a dare stipendio a molte persone. Documenti testimoniano della sua attività fino alla metà degli anni 60. Molte persone ancora in vita hanno lavorato per la SACET e stiamo cercando di raccogliere proprio le loro testimonianze per ricostruire la storia di un azienda che ha fatto parte della cultura cremasca e perché la storia dell’azienda stessa si inserisce in una cornice storiconazionale (ed internazionale) molto più ampio e significativo». Il sindaco Giovanni Alchieri: «Molte persone si sono fatte sentire e ci hanno chiesto se potevano raccontare la loro versione avendo lavorato all’interno della SACET. Inizialmente, nonostante l’obiettivo fosse interessante e di rilievo cultura-

le, abbiamo capito che non sarebbe stata una facile impresa. Oggi siamo convinti che sempre più persone si faranno vive. Del resto fa parte anche della loro vita e il loro lavoro ha certamente contribuito all’oggi». Insomma una bella avventura quella del comune di Vaiano. Molaschi, responsabile video della Galmozzi, ne è entusiasta, ci lavora giorno e notte ed è sempre alla ricerca di materiale utile. «Vorrei riuscire a contattare la sorella Fiano, lei ci potrebbe aiutare di sicuro con i racconti e con il materiale fotografico. Non solo produrremo un video che illustrerà la storia dell’azienda e le disavventure della famiglia Fiano, ma produrremo anche un libro che racconta questa incredibile avventura. Ogni giorno arrivano telefonate. L’ultima di una suora che da giovane ha lavorato nella ditta, prima di indossare gli abiti religiosi. Una scelta strana, pare. Chissà quali segreti nasconde la storia della SACET».


ROMANENGO di Luca Missiroli

Impianto biogas a Romanengo, il sindaco Marco Cavalli risponde ai cittadini dopo la raccolta di 300 firme avvenuta domenica 4 maggio. Raccolta promossa dal comitato di cittadini di Romanengo e Salvirola che si oppongono alla realizzazione dell’impianto. «Il dibattito sul progetto per la costruzione di un impianto a biogas in prossimità della cascina Ronca si è giustamente aperto» scrive Cavalli, «e credo sia corretto, a questo punto, che anche l’Amministrazione comunale, si esprima». Continua il sindaco: «Stiamo parlando di una tipologia d’impianto che produce energia da fonti rinnovabili (le biomasse vegetali) che opportunamente miscelate con i reflui zootecnici prodotti dall’allevamento animale, generano gas/metano». Altra precisazione: «Dal punto di vista ambientale l'utilizzazione delle biomasse per fini energetici non contribuisce all'effetto serra e può contribuire alla riduzione della CO2 emessa in atmosfera». Ora, sull’impianto

Impianto biogas Cavalli risponde

Il sindaco Marco Cavalli.

di Romanengo. «Questo non è un progetto dell’amministrazione comunale, ma è un progetto di un privato e come tale va valutato» aggiunge Cavalli, «il Comune è tenuto

ad esprimere un parere, basato su aspetti tecnici di conformità o meno alla normativa vigente. Abbiamo deciso di approvare un protocollo di monitoraggio am-

bientale». Nel merito: «L’impianto si colloca in zona agricola e ciò è consentito dalla normativa vigente. Il progetto prevede che siano utilizzati i reflui zootecnici e solo ed esclusivamente biomasse vegetali reperite sui terreni di proprietà del proponente e (nel raggio cioè di 70 km). I motori sono insonorizzati e rispettano il piano di zonizzazione acustica, oltre ad essere completamente catalizzati. Rispetto al tema della viabilità è stata proposta la riqualificazione della strada Salvico, così da non riversare sulla viabilità ordinaria la movimentazione di mezzi. L’Amministrazione comunale è intenzionata a trovare una soluzione condivisa, con l’Amministrazione Provinciale, l’Asl, l’ARPA e gli altri enti preposti».

VAIANO

La Fiera dell’Arte e del Gusto Ricchissimo il programma per la fiera di quest’anno. La “domenica del villaggio” più amata e attesa è alle porte, ed ha in serbo alcune novità. Domenica 11, come annunciato dagli amministratori comunali nell’incontro con la stampa, il via alla festa verrà dato alle ore 10.20. L’inaugurazione della sesta edizione della Fiera dell’Arte e del Gusto si terrà all’ingresso della fiera in presenza delle autorità del territorio. A seguire, si terrà presso la sala

consiliare la presentazione del libro “Il cuore batte ancora” di Antonio Grassi. Coordinatore dell’iniziativa sarà Maurizio Asti mentre introdurrà l’incontro con l’autore il docente di lettere e saggistica Vittorio Dornetti. Nel pomeriggio si potrà assistere alla parata di trampolieri lungo il percorso della fiera e, verso le ore 16, avrà luogo la presentazione del libro di Emma Sangiovanni “Gli incontri di Pinocchio. La storia del burattino diventa poesia”. L’au-

trice leggerà alcuni estratti con l’accompagnamento musicale jazz alla chitarra di Robert Rothlisberger. Il volume, edito a ottobre 2007, ha ottenuto il patrocinio culturale della Fondazione Carlo Collodi. Alle ore 17 vi sarà la premiazione dei ragazzi partecipanti al concorso “Arte da raccolta differenziata”: i lavori delle 19 classi di scuole elementari di vari paesi si potranno ammirare durante tutto il corso della giornata. Ovviamente gli espositori

(agricoltori ed allevatori) saranno presenti sin dal mattino con i loro prodotti eno – gastronomici e con lavorazioni artigianali. Inoltre 15 pittori esporranno le loro opere. Infine, ed anche questa è una nuova iniziativa, verrà organizzata durante la permanenza della fiera una sottoscrizione di beneficenza a premi offerti dai vari pittori ed espositori, il cui ricavato sarà donato alla chiesa di vaiano per il restauro.

RIVOLTA

Grillotti in difficoltà per il Bucintoro L’amministrazione comunale di centrodestra non è mai stata nell’occhio del ciclone come in questo periodo e la cosa che più sorprende è l’origine degli attacchi alla giunta Grillotti: non più solo l’opposizione consiliare e i propri elettori, ma anche cittadini dalle opinioni politiche trasversali, che vedono compromessi i propri interessi dal modo di amministrare della maggioranza. Innanzi tutto la lunga polemica legata al contributo per la ristrutturazione del veliero dei dogi veneziani Bucintoro. Sebbene l’assessore alla cultura Marianna Patrini difenda a spada tratta la scelta di devolvere ben 10.600 euro alla causa, è opportuno ricordare come il Comune di Agnadello (che ha donato 1.000 euro) e il Comune di Treviglio (che non ha speso soldi pubblici, ma semplicemente sollecitato una raccolta fondi privata) abbiano ottenuto con uno sforzo economico molto infe-

riore lo stesso risultato di Rivolta, vale a dire un piccolo stemma sulla pagina dedicata ai finanziatori sul nel sito del Comitato Bucintoro. È quindi comprensibile il malcontento dei cittadini – soggetti ad aumenti generalizzati, come l’addizionale Irpef, l’importo per il servizio rifiuti o per la sala prove comunale – di fronte a una spesa che a dire dei più poteva essere evitata, anche in funzione delle reali esigenze del paese. Ciò nonostante, l’atteggiamento del centrodestra è quello consueto: minimizzare. Ma ci sono altri problemi: il degrado della mensa delle scuole elementari e dell’edificio scolastico denunciato dai genitori degli studenti, l’ordine della Soprintendenza ai Beni Culturali di rimozione delle colonnine in piazza Vittorio Emanuele II, la prematura usura dei nuovissimi rallentatori del traffico in via Giulio Cesare e, di recente, la decisione di discriminare tra gli esercizi

ROMANENGO/2

Festa del Volontariato. Tutto il programma A Romanengo dalla prossima settimana, per 18 giorni, si terrà la quinta edizione della Festa del Volontariato. Appuntamento promosso da Caritas Parrocchiale, Croce Verde, Auser, AVIS, Aido, Admo e da L’Approdo con la collaborazione della Parrocchia di Romanengo, del Cisvol di Cremona e con il Patrocinio della locale Amministrazione Comunale. Il primo incontro, “Il processo di donazione degli organi” è fissato per il 7 maggio alle ore 21; Il 12 maggio alle 21 nell’Auditorium Galileo Galilei “L’insostenibile leggerezza del corpo” con La dott.sa Dora Aliprandi, della associazione ABA; Il 16 maggio alle 21 nella sala consigliare il tema proposto dal Ser.T di Crema sarà “Gioco d’azzardo: dipendenza o altro?”; il 17 maggio ore 15,30 alla Fondazione O.P. Vezzoli “Volontariato: avventura dai mille volti”; il 17 maggio ore 21 in Piazza Matteotti sarà invece “Festa multietnica: Profumi, Sapori e Danze del mondo” a cura del CISVOL di Cremona: il 22 maggio ore 20 all’Auditorium G. Galilei verrà presentata “La favola delle ochine”, dalla 1 A Scuola Media diretti da E. Cecchi; La stessa sera alle 21 all’Oratorio Famiglia di Nazareth a cura della Caritas Parrocchiale “Fioriscono segni di vita nel mondo - Anche la Caritas semina amore”; il 24 maggio alle 21,30 in piazza Matteotti con “Pensieri per Romanengo - Parole donate alla Consulta dei Giovani” e il 25 maggio con “Volontario? Volentieri”.

PANDINO

Cugini d’oltralpe Pandino è pronta ad accogliere i gemelli francesi di Saint Denis en Val che arriveranno oggi, per rimanere fino al 12. Saranno più di cento le persone che troveranno ospitalità presso le famiglie che hanno, ormai da qualche hanno a questa parte, sempre mostrato la loro disponibilità. Lunedì 21 aprile si è svolta la riunione aperta a tutte le famiglie coinvolte in cui il Presidente del Comitato del Gemellaggio Ivana Faccio, ha illustrato il programma per la settimana. All’arrivo, previsto per le 18, gli amici d’oltralpe verranno accolti dal Sindaco, dagli Assessori Comunali e dalle famiglie ospiti.

OFFANENGO

Centro Eden a Venezia Il centro sociale anziani Eden organizza: 3 giorni insieme a Venezia e dintorni. Martedì 13 -14 -15 maggio 2008. La partenza è prevista alle ore 7 dalla piazza Patrini. Programma 1° giorno martedì 13 maggio. Arrivo a Piazzola sul Brenta. Visita di villa simes e allle ore 12,30 al ristorante per il pranzo.il pomeriggio partenza per treviso e visita alla città. Poi si raggiunge il Lido di Jesolo per la sistemazione nell’hotel madera dove seguirà la cena ed il pernottamento. 2° giorno prima colazione in hotel - partenza per venezia, con traghetto, dove si trascorrerà l’intera giornata.pranzo in ristorante tipico. Giovedì 15 maggio colazione in hotel e partenza per Vicenza.Rientro a Offanengo per le 22.Informazioni: Centro Eden tel. 368/7469893.

OFFANENGO/2

Eventi e sport Il municipio di Rivolta d’Adda.

commerciali del centro storico, consentendo ad alcuni bar di posizionare all’esterno quando vogliono sedie e tavoli e impedendo la stessa cosa ad altri. La gelateria Ravera di via Somaschi potrà infatti ospitare i propri clienti – infuriati per il provvedimento – all’esterno del locale solo nelle sere dei fine settimana, mentre a tutti gli altri esercizi – concorrenti del bar – sarà consentito di fare lo stesso anche nei giorni feriali; questo per ragioni di viabilità.

Un bello sberleffo per gli esercenti che nel 2006 avevano votato il centrodestra, sperando in una valorizzazione del centro storico e in un miglioramento dei propri affari. Il malcontento di buona parte dei cittadini è quindi dettato dall’incapacità di comprendere quali interessi siano sottesi alle scelte dell’amministrazione comunale, che spesso si limita a difendere il proprio operato – giusto o sbagliato che sia – senza badare alle reali esigenze dei rivoltani.

Dopo i festeggiamenti per la vittoria nel Campionato Regionale di Seconda Categoria che hanno avuto luogo nella giornata dell’1 maggio, l’assessorato allo Sport del Comune di Offanengo sta approntando le seguenti iniziative che saranno organizzate nelle prossime settimane, nel seguente ordine temporale. Dal 7 al 11.05.08, X edizione Tornei di Calcio Memorial Vincenzo Cappelli e Antonio Gruppi cat. Pulcini 1997 e 1998. Dal 12.05 al 05.06.08, XII Tornei U.S. Offanenghese - 8o Trofeo COIM Spa cat. Juniores e Allievi. La Festa di Fine Anno del Settore Giovanile, presso Stadio Nuovo Comunale d'Offanengo il Sabato 07.06.08, Quarta edizione della Scuola Calcio Estiva Lion Camp in collaborazione con Dario Hubner dal 09 al 20.06.08.

SCANNABUE

Presentazione libro Venerdì 9 maggio ore 20,30 presso il centro sportivo, presentazione del libro: “GENTE COSÌ…” di Gian Luigi Raggi e Angelo Zoli. Un libro che si presenta come la continuazione della precedente pubblicazione (“Un paese e la sua gente”) ove era stata ricostruita la storia di Scannabue.


ARTE E PENSIERO

Peccati capitali: dalla Bibbia alla musica di Nyman

I 10 giorni dell’Invidia E’ partita la kermesse lodigiana Conferenza stampa a Crema lo scorso lunedi dell’Assessore alla Cultura del Comune di Lodi – Andrea Ferrari – per la presentazione della rassegna lodigiana sui “peccati capitali” arrivata quest’anno alla sua sesta edizione e dedicata all’ “invidia”. Il passaggio da Crema ha inteso confermare una sorta di “gemellaggio” con il festival della filosofia “Crema del pensiero” che era stato precedentemente presentato con una conferenza stampa a Lodi. Il “gemellaggio” fra le due manifestazioni tra l’altro, non si ferma qui perché alcune iniziative presenti nella rassegna lodigiana coinvolgono in un modo o in un altro, riferimenti culturali di Crema. A suggellare l’intesa raggiunta fra le due iniziative era presente alla conferenza stampa il Sindaco di Crema che ha voluto ricordare, fra l’altro, come Lodi sia la sua città natale. La rassegna lodigiana dedicata a I sette peccati capitali giunge, intanto, alla sua penultima puntata, dedicata come si è detto, all’invidia. Nel mese di maggio, per dieci giorni, da giovedì 8 a domenica 18, ancora una volta le vie e le piazze della Lodi storica, e i suoi angoli più suggestivi, saranno animati da un susseguirsi

Un ciclone di eventi: film, teatro, storia e cabaret

Al centro, Andrea Ferrari, assessore del comune di Lodi.

di incontri, spettacoli, performance, laboratori, cinema ed eventi speciali che racconteranno il peccato capitale per eccellenza del mondo occidentale, che tanta importanza affida all’immagine e alla ricerca dell’apparire: l’Invidia. Saranno i protagonisti della nostra contemporaneità a raccontare e a riflettere sui molti aspetti dell’invidia, per mostrarne gli aspetti peculiari di questo tempo: l’invidia tra territori – veicolata attraverso le serrate contrapposizioni tra “festival” ed eventi culturali – e quella tra persone: ad esempio tra i divi dello spettacolo e dello sport, tra le grandi penne del giornalismo e della letteratura. «Inevitabile contrapposizione alla riflessione sull’invidia – aggiunge l’assessore Andrea Ferrari - sarà l’individuarne gli antidoti: ci si interrogherà dunque sull’ammirazione per chi vince ed è più capace, sul riconoscimento delle eccellenze, sulla stima per chi dimostra valore, sulla partecipazione alle sfide altrui».

Stasera, nello spazio di via Cappi a Castelleone, i Cinemavolta e domenica Rashidy

I concerti di Alice nella Città Doppio appuntamento letterario questa settimana per Alice nella città. Questa sera, 9 maggio, alle ore 22, nella sede di Alice in Via Cappi 24 a Castelleone, i Cinemavolta presenteranno con un concerto live l’originale lavoro di Max Tozzi (storico fondatore della band di Montichiari, prodotta da Casasonica): “Smetti di essere felice”. L’opera consiste in un romanzo ambientato negli anni ’90 tra la musica grunge e il grande basket, accompagnato da un Cd di 11 brani che ne rappresenta la colonna sonora.. Domenica 11 maggio, alle ore 18, sempre nella sede di Alice,si replica con il secondo appuntamento di “Alice nel mondo”, programma realizzato in collaborazione con il Comune di Castelleone. Reza Rashidy, iraniano, e Mauro Ferrari presenteranno il libro “Mi racconto…ti racconto, Storie e ricette del nostro mondo”, curato dallo stesso Rashidy. Il libro nasce con l’intento di promuovere lo scambio fra culture, saperi e tradizioni diverse ed è stato recentemente definito da Michele Serra come “parte di un progetto di comunicazione, di scambi e reciproco riconoscimento delle culture e delle identità presenti sul territorio, attra-

La band di Max Tozzi.

verso il raccontare e raccontarsi le storie, le feste, i cibi e i sapori”. La presentazione sarà piacevolmente accompagnata da un aperitivo interculturale organizzato con la collaborazione di diversi appartenenti alle comunità

migranti del nostro territorio. L’iniziativa rientra nella campagna “Città equosolidali”, sostenuta dalla Provincia di Cremona e prevede la partnership del Centro Inteculturale Mondinsieme.

Due iniziative della Pro Loco presentate dal presidente Luigi Ferrigno

Crema in fiore e Vetrine di primavera Una Pro Loco attiva per rendere la città più interessante, ricca di divertimento, e con uno sguardo alla promozione delle attività commerciali e delle scuole. La conferenza stampa tenutasi alla sede della Pro Loco di Crema lunedi 5 maggio, ci permette di presentare con qualche anticipo due eventi tradizionalmente programmati in contemporanea che si terranno in città sabato 17 e domenica 18 maggio: “Crema in fiore” giunta alla sua undicesima edizione, e “Vetrine di primavera” settima edizione. Le due iniziative sono state presentate dal presidente dott. Luigi Ferri-

“Matti da slegare”, il film di Marco Bellocchio, (ore 21 archivio storico di via Fissiraga) ha aperto una serata sul tema alla quale hanno partecipato ieri 8 maggio, lo psichiatra Giovanni Jervis e altri testimoni dell’emancipazione dai manicomi. Un gigante della musica contemporanea quale Michael Nyman (12maggio ore 21 Tetaro alle Vigne) parlerà del suo tributo ai grandi ai quali si è ispirato, mentre la messa in scena del “Riccardo III” di Shakespeare (sabato 17 maggio – AccademiaDanzaMilano – biblioteca laudense corso Umberto I n.63) rammenterà il legame inscindibile tra le lotte per il potere e l’invidia, ed Ettore Mo, (11 maggio ore 21 – biblioteca laudense corso Umberto I n.63 – intervista di Giovanni Bassi) inviato speciale del “Corriere della Sera”, ne descriverà il volto nei più tormentati scacchieri del mondo. E se la scrittrice Lidia Ravera (sabato 10 maggio, teatro alle vigne ore 21) affronterà alcuni scorci dell’invidia al femminile su un’altra declinazione dell’invidia, quella per i “perdenti di successo” (giovedi 15 maggio ore 21 aula magna Liceo Verri via S.Francesco 11) si confronteranno gli scrittori Giuseppe Pederiali e Guido Conti, autori di due recentissime biografie dedicate, rispettivamente, a Dorando Pietri, il maratoneta che alle Olimpiadi perse la sua vittoria, e a Giovannino Guareschi, creatore delle popolarissime storie di Peppone e don Camillo, ma ignorato a lungo dalla nomenklatura letteraria italiana.Nel corso delle due settimane della rassegna interverranno personaggi dello spettacolo quali Flavio Oreglio (domenica 18 maggio 0re 18,30 piazza S. Francesco), il cantante Francesco Baccini (13 maggio ore 21 teatro Alle Vigne) e il popolarissimo Enzo Iachetti (16 maggio ore 21 teatro Alle Vigne) “striscia l’ invidia”). Lo studioso Paolo De Benedetti si soffermerà sui diversi volti dell’invidia così come ci appaiono nella Bibbia mentre Aldo Bonomi e Marco Revelli (venerdi 16 maggio ore 18,30 biblioteca Laudense) si confronteranno sul tema dell’invidia sociale. E se alle forze della spiritualità orientale attingerà Jiso Forzani (mercoledi 14 maggio ore 21 libreria Mondolibri via Marsala 31) per fare barriera a questo male dell’anima, sui delitti di vicinanza come quello di Erba, spesso accesi da sentimenti invidiosi, si chinerà il giornalista Pino Corrias che parlerà del suo libro “Vicini da morire”, mentre l’instancabile viaggiatore Folco Quilici (sabato 17 maggio ore 17,30 aula magna Liceo Verri) condurrà il pubblico lungo "l’invidia del mare”. Ma poi: Don Gino Rigoldi (giovedi 15 maggio ore 18,30 Casa dell’Accoglienza in via S. Francesco 16) sull’“Invidia come cattiva compagnia di viaggio”; Carlo Rivolta (domenica 18 maggio ore 17 – Archivio storico di via Fissiraga 17) “Invidiare l’uomo: una prospettiva antica per un antico vizio”; per chiudere con Cisco in Concerto (piazza S. Francesco ore 21,30 domenica 18 maggio).

gno, alla presenza dell’assessore al commercio Luciano Capetti, del dott. Giorgio Olmo, presidente della Associazione Popolare Crema per il territorio – emanazione, come è noto, della Banca Popolare di Crema e sponsor determinante per lo svolgersi delle iniziative proposte – e del preside dell’Istituto scolastico “Sraffa” prof. Abbà in collaborazione con la Pro Loco per la cartellonistica e per l’iniziativa “Sulle orme dei Dogi”. Quest’anno il programma sarà ulteriormente arricchito dalla partecipazione di due scuole musicali cittadine (Istituto Civico Musicale Folcioni e Istituto Musicale Monteverdi) e dalla

Accademia di danza. Quanto al progetto “Vetrine di primavera” sono 27 le richieste di partecipazione, mentre altri comuni hanno chiesto informazioni sul progetto volendolo imitare. Per la designazione della vetrina vincitrice oltre alla Giuria Tecnica presieduta dal presidente deell’Associazione Nazionale Vetrinistica, sarà attiva anche una Giuria popolare composta da tutti coloro che vorranno esprimere il loro parere sulla migliore vetrina (le relative schede di votazione si possono ritirare nella sede della pro Loco). Naturalmente daremo i dettagli ulteriori delle due iniziative a ridosso dei giorni di svolgimento.

LA SFINGE di Abner

Ogni società organizzata tende a migliorare le condizioni economiche dei propri cittadini. A dire il vero non solo quelle economiche, dal momento che la qualità della vita è composta anche da altre condizioni favorevoli a partire da quelle della salute e a quelle legate a situazioni emozionali e spirituali. Indubbiamente però “l’avere” influenza in modo diretto quello che uno è. Che succede, però, nelle società dove il grado di benessere ha raggiunto livelli notevoli, specie se rapportati ad altre società più sfortunate? In questo caso interviene un sentimento preciso: il timore di perdere ciò che si possiede e che si ritiene, a torto o a ragione, bene o male, essere un diritto acquisito. Più si ha, e più cresce l’ansia, il timore, l’angoscia di perdere ciò che si possiede. Per questo i filosofi vedono l’aumento del benessere materiale in rapporto diretto con l’aumento dell’infelicità. Il possesso materiale è infatti sempre e comunque contingente, relativo, provvisorio. Quando questo accade significa che siamo in presenza di una società “matura”, che non crede più nel proprio futuro di sviluppo, che non spera più in un miglioramento. Crede solo nell’autodifesa, e pensa di poterlo fare rinchiudendosi in se stessa, mostrando solo la propria paura. Difficile che possa continuare per molto.


Cultura & Spettacoli

9

VENERDÍ MAGGIO • 2008

19

Flavio Oreglio al Caffè Filosofico: «Non è stato facile cadere in basso» Il Caffè Filosofico organizza un nuovo incontro per i propri soci e per tutti, per lunedi 12 maggio ore 21,00 al Caffè Gallery di via Mazzini a Crema. Stavolta una presenza d’eccezione: Flavio Oreglio, già ospite di Crema del Pensiero di fine aprile, con uno spettacolo molto applaudito. Al Caffè Filosofico di Crema, Oreglio viene per “colloquiare” di filosofia prendendo spunto da alcune importanti riflessioni presenti nel suo ultimo libro “Non è stato facile cadere così in basso“, ed. Bompiani, MI in cui, concludendo, auspica un “simposio” sui temi più importanti della fatica di vivere. Con lui a discutere sarà il prof. Silvano Allasia del Liceo Scientifico cittadino, entrambi sollecitati dal giornalista

SCRIPTA...VOLANT i cremaschi scrivono di Altman

I cremaschi Walter Venchiarutti e Roberto Provana – del Gruppo Antropologico Cremasco e della redazione di Insula Fulcheria il primo, del Gruppo di Ricerca “Cesare Pavese” di Izano il secondo – hanno dato alle stampe un bel libro intitolato “Dal caduceo al mortaio”. L’iniziativa editoriale inaugura una serie periodica di quaderni dedicati all’antropologia sociale del Cremasco. Nella prima parte del libro Roberto Provana illustra il significato del simbolo medico-farmaceutico rappresentato dal caduceo. Questo excursus temporale prende in considerazione le più antiche tradizioni, dalla Cina all’India, dall’Egitto alla Grecia e non tralascia le simbologie alchemicomisteriche rinascimentali per approdare ai nostri giorni. Lo studio si avvale delle ricche immagini provenienti dalla mostra tenuta nel luglio-ottobre dello scorso anno presso l’Ospedale Regionale “La Carità” di Locarno. Walter Venchiarutti nella seconda parte analizza l’archivio Chiappa depositato presso il Museo Civico di Crema. A metà settecento la storica spezieria cremasca importava da Venezia una numerosa gamma di materie prime provenienti dall’Oriente e dalle Americhe che servivano alla preparazione di una infinità di medicinali ( pillole, tinture, sciroppi, elisir, acque, unguenti ecc.) di origine animale, vegetale e minerale. Il commento con la proposta dei capitoli relativi allo statuto settecentesco degli “Speziali Medicinali di Crema” e un dettagliato ricettario ottocentesco costituiscono la ricca proposta documentaria. Le mansioni dello speziale ieri e del farmacista oggi, vengono poi accuratamente raffrontate attraverso le interviste rilasciate da noti decani farmacisti della città e del circondario (Gazzoletti, Erba, Zambiasi, Bruttomesso).

Giovanni Bassi. Data la figura particolare d’artista e di uomo di cultura di Flavio Oreglio, l’incontro riveste particolare importanza e sicuramente sarà molto partecipato, oltre che proficuo sul piano della discussione e del ragionamento. Il suo ultimo spettacolo rappresentato a Crema denunciava il pericolo che la ragione fosse ormai morta e che ci si apprestasse al suo funerale: lunedi al Caffè Filosofico si cercherà di evitare questo pericolo. Gli incontri del Caffè Filosofico sono resi possibili grazie al contributo della “Associazione Popolare Crema per il Territorio”, e godono del patrocinio del Comune di Crema, assessorato alla cultura.

Stefano Faravelli a «Nonsoloturisti»

Disegni di viaggio La rassegna Nonsoloturisti - un’iniziativa in cui il piacere di raccontare esperienze di viaggio attraverso le immagini diventa un’occasione per privilegiare la dimensione culturale del viaggio, inteso come momento di scoperta, di confronto e di conoscenza, a cura di Andreina Castellazzi, Lauro Sangaletti e Silvia Zangrandi - torna giovedì 15 maggio ore 21 in Sala Alessandrini a Crema con i suoi racconti e immagini di scrittori viaggiatori: “Sulle orme degli artisti e degli antichi viaggiatori: a scuola di carnet di viaggio”. Stefano Faravelli, uno dei maggiori carnettisti in Italia, un viaggiatore che, anziché ritrarre gli ambienti con la macchina fotografica, preferisce usare pennelli e pastelli. Il fascino del carnet di viaggio, nato come diario di viaggio, è soprattutto nel XVIII e XIX secolo che ha trovato i cultori più appassionati e ha avuto l’atten-

zione anche da parte di pittori come Toulouse Lautrec, Gauguin e in tempi più recenti Le Corbusier. Il viaggiatore si ferma per osservare, riflettere e poi trasmettere sulla tela le sue impressioni fatte di note diaristiche, schizzi, disegni e collage eseguiti con i materiali più inusuali (scontrini, timbri, piume, stoffe). Il risultato è unico e difficilmente riproducibile in serie. In questo incontro Farevelli, autore del recentissimo India (EDT), ci porterà dal Punjab al Tamil Nadu passando per Delhi e Varanasi, alla scoperta delle grandi tradizioni spirituali dell’India e dei suoi affascinanti monumenti. Il viaggio proposto avverrà in modo inconsueto: non saranno fotografie ma disegni a matita, dipinti ad acquarello, testi scritti a mano, collage di materiali raccolti durante il viaggio ad accompagnarci alla scoperta di un mondo misterioso e affascinante.

LIBRERIA MONDADORI I cremaschi Roberto Provana e Walter Venchiarutti Domani sabato 10 maggio alle ore 17 presso la Libreria Mondatori di via Mazzini 48 a Crema, verrà presentato il libro “Dal caduceo al mortaio” dei cremaschi Walter Venchiarutti e Roberto Provana. Dialoga con gli autori il Dott. Adriano Tango direttore di Ortopedia e Traumatologia dell’Ospedale Maggiore di Crema.

ALFREDO GALMOZZI Uno mostra alla scuola di Largo partigiani d’Italia Il dirigente scolastico prof. Rosy Freri e il presidente del Centro Ricerca “Galmozzi” Felice Lopopolo, invitano alla partecipazione alla cerimonia di intitolazione della scuola Media di largo partigiani d’Italia 2 ad “Alfredo Galmozzi” per questa mattina alle 11. In occasione della intitolazione ci sarà l’ allestimento di una mostra sulla figura di Alfredo Galmozzi, con documentazione relativa alla storia di Crema; la proiezione del cortometraggio “Le storie del lavoro” a cura della classe terza A e del Centro Galmozzi.

GOODBYE LENIN Il film di Becker scelto da Amenic Cinema Lunedì 12 maggio al via la nuova rassegna del circolo cinematografico Amenic Cinema, interamente dedicata alla città di Berlino. Per il primo appuntamento verrà proiettato "Goodbye Lenin" per la regia di Wolfgang Becker. E' la storia di una donna che dopo essere caduta in coma, si risveglia e dovrebbe affrontare il trauma della caduta del muro. Per evitarle lo shock psicologico che potrebbe risultarle fatale, il figlio trasforma l'appartamento in cui vivevano in una sorta di museo in cui nulla sembra essere cambiato. Tutta la soria funziona da metafora per raccontare lo smarrimento del popolo tedesco pre e post unificazione. L'appuntamento è come sempre alle ore 21.00 in Sala Alessandrini.

CANDIDO CANNAVÒ Presenta il suo ultimo libro «Pretacci». Martedì 13 maggio alle ore 21 nella sala dei ricevimenti del Comune di Crema, il Comitato organizzatore del Trofeo Angelo Dossena in collaborazione con l’Associazione Culturale “Le Muse”, organizza un incontro con il giornalista Candido Cannavò già per molti anni direttore della Gazzetta dello Sport. Il tema dell’incontro è legato all’ultima pubblicazione di Cannavò che si intitola “Pretacci”, ed. Rizzoli, ed è dedicato a quanti operano nel volontariato per aiutare i giovani in difficoltà. L’autore verrà intervistato dal giornalista Giovanni Bassi.


Programmi televisivi da Sabato 10 a Venerdì 16 FILO DIRETTO CON LA TV

L’ARTE DELLA GUERRA

RAI CALL CENTER 199123000 CHIAMA-MEDIASET 199757782 SOS GABIBBO 800055077 ANIMALI E ANIMALI 800550911 IL TRENO DEII... 164786 UNOMATTINA 076973940 CHI L’HA VISTO? 068262 MI MANDA RAITRE 063728802 COMINCIAMO BENE 800550269 LA7 06355584777 ALL MUSIC 0224351

Sabato 10 Maggio - Rete 4 Attori: Wesley Snipes, Anne Archer, Donald Sutherland, Michael Biehn. Trama: Neil Shaw (Wesley Snipes), agente delle Nazioni Unite, viene ingiustamente accusato di aver ucciso l'ambasciatore cinese. Deciso a trovare i veri responsabili, Shaw ingaggia una vera e propria guerra personale contro chi lo vorrebbe morto...

THE MISSING

in TV PSERATA RIMA FILM Programmazione Settimanale

Domenica 11 Maggio - Rete 4 Attori: Tommy Lee Jones, Cate Blanchett. Trama: A fine 800 tra le terre selvagge del sud est americano, Maggie vive sola con le figlie, da quando il padre l'ha abbandonata per andare a vivere con una tribù di apaches. Un killer psicopatico rapisce una delle bambine. Maggie e il padre saranno costretti a riconciliare il loro passato per ritrovare la bambina.

PRIME Mercoledì 14 Maggio - Canale 5 Usa, 2005 - Durata 105' Genere: Commedia Regia: Ben Younger

SPEED

Attori: Uma Thurman, Meryl Streep, Bryan Greenberg, Jon Abrahams.

Martedì 13 Maggio - Rete 4

Trama: Rafi, produttrice fotografica trentasettenne ferita da un recente divorzio, incontra David, un pittore di ventitre anni appena uscito dal college. La terapista che sta lavorando per aiutarla a superare le paure del suo intimo scopre che il nuovo amante di Rafi è, sfortunatamente per lei, il suo unico figlio, David.

TV

RAIUNO

RAIDUE

RAITRE

LA 7

SABATO 10

DOMENICA 11

17.00 18.10 18.55 20.00 20.10 21.30 23.20 23.40

TG3 IL SETTIMANALE TGR BELLITALIA TGR MEDITERRANEO TG REGIONE - METEO - TG3 TGR AMBIENTE ITALIA CICLISMO: 1ª TAPPA 91° GIRO GIRO D’ITALIA MAGAZINE CHAMPIONS 90° MINUTO SERIE B METEO - TG3 - TG REGIONE BLOB. Varietà CHE TEMPO CHE FA ULISSE. Documentario TG3 - TG REGIONE STORIE MALEDETTE

09.50 GET SMART. Telefilm 10.30 ERA UNA NOTTE BUIA E TEMPESTOSA. Film 12.00 TG LA7 - SPORT 7 13.00 F/X. Telefilm 14.00 L’IMPERATORE DI CAPRI 16.00 SUPERBIKE: PROVE GRAN PREMIO D’ITALIA 18.00 KAZAAM. Film Fantastico 20.30 OTTO E MEZZO. Attualità 21.10 L’ISPETTORE BARNABY: “Matrimonio con delitto” 23.05 CROZZA ITALIA. Varietà 00.55 TG LA7 01.20 M.O.D.A. Rubrica

11.20 SUPERBIKE: GARA 1 GRAN PREMIO D’ITALIA 12.30 TG LA7 - SPORT 7 13.30 L’UOMO CHE SAPEVA TROPPO. Film 15.30 SUPERBIKE: GARA 2 GRAN PREMIO D’ITALIA 17.00 LA VALIGIA DEI SOGNI 17.55 L’AMANTE CHE SAPEVA TROPPO. Film 20.00 TG LA7 - SPORT 7 20.30 CHEF PER UN GIORNO 21.30 CROZZA ITALIA. Varietà 23.40 REALITY. Attualità 00.40 SPORT 7 - TG LA 7

19.00 20.00 20.30 21.10 23.35

19.00 20.00 20.30 21.10 23.10 23.35

17.00 18.10 18.20 19.00

PROCESSO ALLA TAPPA COSE DELL’ALTRO GEO GEO & GEO. Attualità TG3 - TG REGIONE - TGIRO

17.00 PROCESSO ALLA TAPPA 18.10 COSE DELL’ALTRO GEO 18.20 GEO & GEO. Attualità

09.30 10.30 11.30 12.30 13.00 14.00 16.00

MATLOCK. Telefilm IL TOCCO DI UN ANGELO LE VITE DEGLI ALTRI. Att. TG LA7 - SPORT 7 ALLA CONQUISTA DEL WEST MARLOWE INDAGA. ATLANTIDE - STORIE DI UOMINI E DI MONDI. Doc. DUE SOUTH - 2 POLIZIOTTI A CHICAGO. Telefilm STARGATE SG-1. Telefilm TG LA7 CROSSING JORDAN. Tf

10.30 11.30 12.30 13.00 14.00

IL TOCCO DI UN ANGELO LE VITE DEGLI ALTRI. Att. TG LA7 - SPORT 7 ALLA CONQUISTA DEL WEST DUE SETTIMANE IN UN’ALTRA CITTÀ. Film ATLANTIDE - STORIE DI UOMINI E DI MONDI. Doc. DUE SOUTH - 2 POLIZIOTTI A CHICAGO. Telefilm STARGATE SG-1. Telefilm TG LA7 CALCIO: FINALE COPPA UEFA - DA MANCHESTER SPECIALE CHIAMBRETTI

MATLOCK. Telefilm IL TOCCO DI UN ANGELO LE VITE DEGLI ALTRI. Att. TG LA7 - SPORT 7 ALLA CONQUISTA DEL WEST IO SONO LA LEGGE. Film ATLANTIDE. Documentario DUE SOUTH - 2 POLIZIOTTI A CHICAGO. Telefilm STARGATE SG-1. Telefilm TG LA7 OTTO E MEZZO. Attualità S.O.S. TATA. Reality DOCTOR*OLOGY. Telefilm SPECIALE CHIAMBRETTI

MATLOCK. Telefilm IL TOCCO DI UN ANGELO LE VITE DEGLI ALTRI. Att. TG LA7 - SPORT 7 ALLA CONQUISTA DEL WEST I COMPLESSI. Film ATLANTIDE. Documentario DUE SOUTH - 2 POLIZIOTTI A CHICAGO. Telefilm STARGATE SG-1. Telefilm TG LA7 OTTO E MEZZO. Attualità EXIT - USCITA DI SICUREZZA. Attualità VICTORY. Attualità

20.10 20.30 21.05 22.55 23.30 13.10 14.00 14.50 15.10 15.15

PROCESSO ALLA TAPPA COSE DELL’ALTRO GEO GEO & GEO. Attualità TG3 - TG REGIONE - TGIRO BLOB . Varietà

09.30 10.30 11.30 12.30 13.00 14.00 16.30 18.00

09.30 10.30 11.30 12.30 13.00 14.00 16.30 18.00

UN POSTO AL SOLE. Soap LA NUOVA SQUADRA. Tf TG3 REGIONE TG3 - TG3 PRIMO PIANO WIND AT MY BACK. Tf TG REGIONE - TG 3 TGR LEONARDO - NEAPOLIS TG3 FLASH L.I.S. CICLISMO: 6ª TAPPA 91° GIRO GIRO D’ITALIA

17.00 18.10 18.20 19.00 20.10

PROCESSO ALLA TAPPA COSE DELL’ALTRO GEO GEO & GEO. Attualità TG3 - TG REGIONE - TGIRO BLOB . Varietà UN POSTO AL SOLE. Soap

PROCESSO ALLA TAPPA COSE DELL’ALTRO GEO GEO & GEO. Attualità TG3 - TG REGIONE - TGIRO BLOB . Varietà UN POSTO AL SOLE. Soap CHI L’HA VISTO? Attualità

PROCESSO ALLA TAPPA PER UN PUGNO DI LIBRI METEO 3 TG REGIONE - TG3 BLOB. Varietà CHE TEMPO CHE FA REPORT. Attualità TG3 - TG REGIONE

20.30 21.05 22.35 23.10 13.10 14.00 14.50 15.10 15.15

BALLARO’. Attualità TG3 PRIMO PIANO. Att. GARGANTUA. Attualità WIND AT MY BACK. Tf TG REGIONE - TG 3 TGR LEONARDO - NEAPOLIS TG3 FLASH L.I.S. CICLISMO: 5ª TAPPA 91° GIRO GIRO D’ITALIA

17.00 18.10 18.20 19.00 20.10 20.30

17.00 18.10 18.20 19.00 20.10 20.30 21.05

17.00 18.00 18.55 19.00 20.00 20.10 21.30 23.20

13.30 13.50 14.00 15.50 17.20 18.05 18.30 19.00

21.05 23.10 23.45 13.10 14.00 14.50 15.10 15.15

TG3 - TG REGIONE TG3 NIGHT NEWS WIND AT MY BACK. Tf TG REGIONE - TG 3 TGR LEONARDO - NEAPOLIS TG3 FLASH L.I.S. CICLISMO: 4ª TAPPA 91° GIRO GIRO D’ITALIA

19.50 20.25 20.30 21.05 23.45 00.55

TG2 COSTUME & SOCIETA’ TG2 SALUTE L’ITALIA SUL 2. Attualità RICOMINCIO DA QUI X FACTOR. Reality TG 2 FLASH L.I.S. - SPORT TG 2 - METEO SQUADRA SPECIALE COBRA 11. Telefilm X FACTOR. Reality ESTRAZIONI DEL LOTTO TG 2 20.30 ANNOZERO. Attualità TG2 NOTTE PUNTO DI VISTA. Attualità

13.30 13.50 14.00 15.50 17.20 18.05 18.30 19.00

22.50 00.35 13.10 14.00 14.50 15.10 15.15

TATAMI. Attualità WIND AT MY BACK. Tf TG REGIONE - TG 3 TGR LEONARDO - NEAPOLIS TG3 FLASH L.I.S. CICLISMO: 3ª TAPPA 91° GIRO GIRO D’ITALIA

SI GIRA. Att. PASSEPARTOUT. Attualità TG 3 REGIONE - METEO IN 1/2 H. Attualità CICLISMO: 2ª TAPPA 91° GIRO GIRO D’ITALIA

19.50 20.25 20.30 21.00 23.05 23.15

11.00 12.00 13.30 14.10 14.45 15.50 16.15

TG2 COSTUME & SOCIETA’ TG2 SALUTE L’ITALIA SUL 2. Attualità RICOMINCIO DA QUI X FACTOR. Reality TG 2 FLASH L.I.S. TG 2 SPORT - TG2 - METEO SQUADRA SPECIALE COBRA 11. Telefilm X FACTOR. Reality TG 2 20.30 SCOMMETTIAMO CHE...? TG2 NOTTE PUNTO DI VISTA. Rubrica LA STORIA SIAMO NOI

13.30 13.50 14.00 15.50 17.20 18.05 18.10 19.00

23.40 13.10 14.00 14.50 15.10 15.15

12.45 13.20 14.00 14.30 15.00

12.25 12.55 13.20 14.00 14.50 15.55

23.20 23.35

18.00 18.50 20.00 20.35 21.10 23.10 23.20

18.00 18.50 20.00 20.35 21.10 23.20 23.30

19.50 20.30 21.05 23.00 23.15 23.20

16.00 18.00 19.00 20.00 20.30 23.35

VENERDI’ 16

OCCHIO ALLA SPESA LA PROVA DEL CUOCO TG 1 FESTA ITALIANA STORIE. INCANTESIMO. Telefilm FESTA ITALIANA. Varietà LA VITA IN DIRETTA (CHE TEMPO FA - TG 1) LA VITA IN DIRETTA ALTA TENSIONE. Quiz TG1 AFFARI TUOI. Quiz CAPRI - LA NUOVA SERIE TG1 PORTA A PORTA

11.00 12.00 13.30 14.10 14.45 15.50 16.15

TG2 COSTUME & SOCIETA’ TG2 SALUTE L’ITALIA SUL 2. Attualità RICOMINCIO DA QUI X FACTOR. Reality TG 2 FLASH L.I.S. TG 2 SPORT - TG2 - METEO SQUADRA SPECIALE COBRA 11. Telefilm X FACTOR. Reality ESTRAZIONI DEL LOTTO TG 2 20.30 X FACTOR. Reality SCORIE. Varietà TG2 NOTTE

13.30 13.50 14.00 15.50 17.20 18.05 18.10 19.00

13.30 13.50 14.00 15.50 17.20 18.05 18.10 19.00

20.00 20.40 21.30

18.50 20.00 20.35 21.10

GIOVEDI’ 15

OCCHIO ALLA SPESA LA PROVA DEL CUOCO TG 1 FESTA ITALIANA STORIE. INCANTESIMO. Telefilm FESTA ITALIANA. Varietà LA VITA IN DIRETTA (CHE TEMPO FA - TG 1) LA VITA IN DIRETTA ALTA TENSIONE. Quiz TG1 AFFARI TUOI. Quiz MEDICINA GENERALE. Tf TG1 PORTA A PORTA

11.00 12.00 13.30 14.10 14.45 15.50 16.15

TG2 COSTUME & SOCIETA’ TG2 SALUTE L’ITALIA SUL 2. Attualità RICOMINCIO DA QUI X FACTOR. Reality TG 2 FLASH L.I.S. TG 2 SPORT - TG2 - METEO SQUADRA SPECIALE COBRA 11. Telefilm X FACTOR. Reality ESTRAZIONI DEL LOTTO TG 2 20.30 VOYAGER. Documentario TG2 NOTTE PUNTO DI VISTA. Attualità

MEZZOGIORNO IN FAMIGLIA TG 2 GIORNO TG2 MOTORI. Rubrica QUELLI CHE... ASPETTANO QUELLI CHE IL CALCIO E... QUELLI CHE...TERZO TEMPO NUMERO UNO. Sport TG2 NOTIZIE - DOSSIER TG2 EAT PARADE DOMENICA SPRINT CARTONI ANIMATI TG 2 20.30 CRIMINAL MINDS. Teleflm LA DOMENICA SPORTIVA TG2 NOTTE

18.45

MERCOLEDI’ 14

OCCHIO ALLA SPESA LA PROVA DEL CUOCO TG 1 FESTA ITALIANA STORIE. INCANTESIMO. Telefilm FESTA ITALIANA. Varietà LA VITA IN DIRETTA (CHE TEMPO FA - TG 1) LA VITA IN DIRETTA ALTA TENSIONE. Quiz TG1 AFFARI TUOI. Quiz MEDICINA GENERALE. Tf TG1 PORTA A PORTA

11.00 12.00 13.30 14.10 14.45 15.50 16.15

11.30 13.00 13.25 13.45 15.15 17.05 17.30 18.00 18.50 19.10 19.30 20.30 21.05 22.35 01.00

11.25 APRIRAI. Varietà 11.35 MEZZOGIORNO IN FAMIGLIA 13.00 FORMULA 1: QUALIFICHE GRAN PREMIO TURCHIA 14.15 TG 2 GIORNO 14.25 SCALO 76 17.10 SERENO VARIABILE 18.00 TG2 NOTIZIE 18.10 FESTA DELLA MAMMA 19.50 X FACTOR LA SETTIMANA 20.25 ESTRAZIONI DEL LOTTO 20.30 TG 2 20.30 21.05 SENZA TRACCIA. Telefilm 22.40 E- RING. Telefilm 23.30 SABATO SPRINT

16,35 17.15

MARTEDI’ 13

OCCHIO ALLA SPESA LA PROVA DEL CUOCO TG 1 FESTA ITALIANA STORIE. INCANTESIMO. Telefilm FESTA ITALIANA. Varietà LA VITA IN DIRETTA (CHE TEMPO FA - TG 1) ALTA TENSIONE. Quiz TG1 AFFARI TUOI. Quiz CALCIO: DA ROMA PARTITA DEL CUORE 2008 TG1 NOTTE - METEO PORTA A PORTA

11.00 12.00 13.30 14.10 14.45 15.50 16.15

10.55 12.00 12.20 13.10 14.00

Trama: Il giovane agente speciale Jack, deve salvare i numerosi passeggeri di un autobus contenente una bomba, che esploderà se l'autobus va al di sotto dei 50 miglia orari.

LUNEDI’ 12

SS MESSA RECITA DEL REGINA COELI LINEA VERDE DIRETTA TG1 FORMULA 1: GARA GRAN PREMIO TURCHIA DOMENICA IN - L’ARENA DOMENICA IN...ROSA (CHE TEMPO FA - TG1) DOMENICA IN...IERI, OGGI E DOMANI TG1 - RAI TG SPORT AFFARI TUOI. Quiz IL COMMISSARIO DE LUCA: «Via delle Oche». Film TV

11.30 OCCHIO ALLA SPESA L’INCHIESTA. Attualità 12.00 LA PROVA DEL CUOCO 13.30 TG 1 14.00 EASY DRIVER. Att. 15.05 EFFETTO SABATO. Attualità 17.00 TG1 - CHE TEMPO FA 17.15 A SUA IMMAGINE 17.45 PASSAGGIO A NORDOVEST 18.50 ALTA TENSIONE. Quiz 20.00 TG1 - TG1 SPORT 20.35 AFFARI TUOI. Quiz 21.15 DIMMI LA VERITA’ 23.50 TG1 NOTTE 23.55 FESTA DELL’EUROPA

Attori: Sandra Bullock, Dennis Hopper, Keanu Reeves, Jeff Daniels, Joe Morton.

18.00 18.50 20.00 20.35 21.10 23.20 23.30

19.50 20.25 20.30 21.05 23.05 23.15

18.00 19.00 20.00 20.30

23.35 SPECIALE CHIAMBRETTI

18.00 18.50 20.00 20.35 21.10 23.15 00.20

19.50 20.25 20.30 21.05 23.10

00.00 09.30 10.30 11.30 12.30 13.00 14.00 16.00 18.00 19.00 20.00 20.30 21.10 23.15

OCCHIO ALLA SPESA LA PROVA DEL CUOCO TG 1 FESTA ITALIANA STORIE. INCANTESIMO. Telefilm FESTA ITALIANA. Varietà LA VITA IN DIRETTA (CHE TEMPO FA - TG 1) LA VITA IN DIRETTA ALTA TENSIONE. Quiz TG1 AFFARI TUOI. Quiz I RACCOMANDATI. Varietà TG1 - TV7. Attualità APPUNTAMENTO. Varietà TG2 COSTUME & SOCIETA’ TG2 SALUTE L’ITALIA SUL 2. Attualità RICOMINCIO DA QUI X FACTOR. Reality TG 2 FLASH L.I.S. - SPORT TG 2 - METEO SQUADRA SPECIALE COBRA 11. Telefilm X FACTOR. Reality ESTRAZIONI DEL LOTTO TG 2 20.30 INDIANA JONES E L’ULTIMA CROCIATA. Film TG2 - PUNTO DI VISTA BLOB . Varietà UN POSTO AL SOLE. Soap PIEDONE LO SBIRRO. Film TG3 - TG3 PRIMO PIANO SFIDE: DUCATI DESMO16 WIND AT MY BACK. Tf TG REGIONE - TG 3 TGR LEONARDO - NEAPOLIS TG3 FLASH L.I.S. CICLISMO: 7ª TAPPA 91° GIRO GIRO D’ITALIA

MARKETTE. Varietà MATLOCK. Telefilm IL TOCCO DI UN ANGELO LE VITE DEGLI ALTRI. Att. TG LA7 - SPORT 7 ALLA CONQUISTA DEL WEST TARAS IL MAGNIFICO. Film ATLANTIDE. Documentario DUE SOUTH - 2 POLIZIOTTI A CHICAGO. Telefilm STARGATE SG-1. Telefilm TG LA7 OTTO E MEZZO. Attualità MISSIONE NATURA. Doc. CITTA’ CRIMINALI. Attualità


Tv e cinema

9

VENERDÍ MAGGIO • 2008

21 CINEMA programmazione settimanale

DAL 9 MAGGIO AL CINEMA

«Cargo 200» Di Alexey Balabanov Genere: Thriller/Drammatico Cast: Alexey Serebryakov, Leonid Gromov, Yuri Stepanov, Agniya Kuznetsova, Alexey Poluyan, Mikhail Skryabin, Natalya Akimova, Valentina Andryukova, Leonid Bichevin 1984, ispirato ad un fatto di crola casa materna, passa a trovare naca, il film racconta l'agonia del suo fratello, ma la sua macchina regime sovietico, con gli enormi si guasta in piena notte ed é costretto a fermarsi in una bettola aerei da carico che riportano in patria i cadaveri dei militari morgestita da un ex-galeotto. Inizia ti in Afghanistan, mentre alcuni così il suo viaggio in un mondo giovani molto furbi, iniziano a dominato da un poliziotto imcapire come arricchirsi sfruttanpazzito e fatto di sequestri di persona, stupri, cadaveri e famiglie do la caduta del regime. sconclusionate. Sullo sfondo di una cittadina immaginaria, un docente di ateiUn viaggio che lo porterà a fare smo scientifico, in viaggio verso profonde riflessioni.

SABATO 10

RETE 4

CASTELLEONE Cineteatro Giovanni Paolo II (0374 56052) • Il cacciatore di aquiloni • Il petroliere

Tognazzi (0372 458892) • Notte brava a Las Vegas • Iron man

LUNEDI’ 12

MARTEDI’ 13

MERCOLEDI’ 14

10.45 11.15 12.25 13.00 13.55

WILLY, PRINCIPE DI BEL-AIR PIU’ FORTE RAGAZZI. Tf STUDIO APERTO - METEO I GRIFFIN. Cartoni TENNIS: INTERNAZIONALI D’ITALIA - DA ROMA STUDIO APERTO - METEO MR. BEAN. Telefilm BABE VA IN CITTÀ. Film IL DOTTOR DOLITTLE 2. Film Commedia KULL IL CONQUISTATORE STUDIO SPORT HORNSBY E RODRIGUEZ SFIDA CRIMINALE. Film

11.55 12.25 13.00 14.00 14.30

GRAND PRIX STUDIO APERTO - METEO GUIDA AL CAMPIONATO MR. BEAN. Telefilm TENNIS: INTERNAZIONALI D’ITALIA - FINALE MASCH. DOMENICA STADIO STUDIO APERTO - METEO CONTROCAMPO - ULTIMO MINUTO - SUPPLEMENTARI FINCHE’ C’È DITTA C’È SPERANZA VACANZE DI NATALE ‘91 CONTROCAMPO POSTICIPO - DIRITTO DI REPLICA

11.00 11.25 12.15 12.25 13.40 15.00 15.55 18.30 19.05 19.40 20.05 20.30 21.10 00.15 01.20

A CASA CON I TUOI. Tf WILL & GRACE. Telefilm SECONDO VOI. Attualità STUDIO APERTO - SPORT CARTONI ANIMATI THE O.C. Telefilm CARTONI ANIMATI STUDIO APERTO CANDID CAMERA. Varietà BELLI DENTRO. Telefilm LOVE BUGS. Telefilm RTV LA TV DELLA REALTÀ LE IENE SHOW. Varietà POKERMANIA. Varietà STUDIO SPORT

11.30 TG4 NOTIZIE TRAFFICO 11.40 FORNELLI IN PIAZZA 12.40 WOLFF - UN POLIZIOTTO A BERLINO. Telefilm 13.30 TG 4 - METEO 4 14.00 SIPARIO TG4 15.00 IL RITORNO DI PERRY MASON. Film 17.00 DESOLATION CANYON. Film 17.50 PIANETA MARE 18.55 TG 4 - METEO 4 19.35 WALKER TEXAS RANGER 21.30 L’ARTE DELLA GUERRA 23.35 BONES. Telefilm 00.20 THE STICKUP. Film

09.45 11.00 11.30 12.10 14.00

SANTA MESSA PIANETA MARE TG 4 - NOTIZIE TRAFFICO MELAVERDE / TG 4 - METEO LE COMICHE DI STANLIO & OLLIO. Telefilm CIMARRON. Film CASA VIANELLO. Telefilm TG 4 - TELEGIORNALE IL RITORNO DI COLOMBO THE MISSING. Film EASY RIDER - LIBERTA’ E PAURA. Film SIPARIO DEL TG4. Attualità TERRORE SULL’EVEREST

11.40 12.00 12.35 13.30 14.00

FEBBRE D’AMORE. Soap VIVERE. Soap BIANCA. Soap TG 4 - METEO 4 SESSIONE POMERIDIANA: IL TRIBUNALE DI FORUM DETECTIVE MONK. Telefilm INCOMPRESO: L’ULTIMO SOLE D’ESTATE. Film TEMPESTA D’AMORE. Soap (all’interno TG4) WALKER TEXAS RANGER COMMISSARIO NAVARRO. «Il profumo del pericolo» Tf CONTACT. Film

15.35 18.20 18.55 19.35 21.30 00.10 02.35 03.35

15.25 16.25 18.40 20.20 21.10 23.40

PIEVE FISSIRAGA Cinelandia (0371 237012) www.cinelandia.it • Mongol

Tony Stark, eccentrico milionario, viene rapito. I malviventi vogliono che lui, da grande genio inventore quale é, costruisca un'arma micidiale, che permetta loro di delinquere senza possibilità di resistenza per le vittime. Stark,anziché costruire un'arma letale, costruisce un'armatura super-tecnologica, che gli permette di scappare. Decide di usare la sua armatura per proteggere l'umanità da crimini e complotti, sotto il nome di Iron Man...

IL VULCANO DELLA PAURA TG5 - METEO 5 NONSOLOMODA 25... Att. UOMINI E DONNE CULT VERISSIMO. Attualità 50-50. Quiz TG 5 - METEO 5 STRISCIA LA NOTIZIA LA CORRIDA - DILETTANTI ALLO SBARAGLIO. Varietà 24.00 TERRA! Attualità 01.00 NONSOLOMODA 25... Att.

20.30 22.35

(0371 420017) • Speed racer • Iron man

Gli agenti dell'Fbi Strahm e Perez vengono inviati ad aiutare il detective Hoffman per indagare sull'ultimo efferato gioco di Jigsaw. Nel frattempo il comandante della Swat, Rigg, resta coinvolto in una delle micidiali trappole del giullare pazzo. Gli indizi seguiti da Hoffman, Strahm e Perez condurranno alla scoperta della macabra genesi del demone di Jigsaw e del suo sinistro piano per uccidere le vittime passate, presenti e future.

23.30 10.00 11.00 13.00 13.40 14.10 14.45 16.15 16.55 17.05

20.00

SPINO D’ADDA Vittoria (0373 980106) • Il cacciatore di aquiloni

Joy e Jack, dopo una notte sfrenata a Las Vegas, il mattino seguente due scoprono di essere novelli sposi. Vorrebbero divorziare ma, grazie a un quarto di dollaro prestato da Joy e giocato da Jack in una 'slot machine', gli sposini si trovano possessori di ben 3 milioni di dollari. La disputa sul reale possessore del denaro porta Joy e Jack di fronte a un giudice che li condanna a portare avanti il matrimonio per almeno sei mesi.

TG5 NOTTE - METEO5 FORUM. Attualità TG5 FORUM. Attualità TG5 - METEO 5 BEAUTIFUL. Soap CENTOVETRINE. Soap UOMINI E DONNE. Attualità L’ALBUM DI AMICI. Reality TG5 MINUTI DOPPIO BILL. Film 50-50. Quiz TG 5 - METEO 5 STRISCIA LA NOTIZIA MOGLI A PEZZI. Telefilm

22.5 01.35 02.00

Del Viale (0371 426028) cinemateatrodelviale.it • Carnera

IRON MAN (Azione)

01.20 11.00 10.00 11.00 13.00 13.40 14.10 14.45 16.15 16.55 17.05 18.50 20.00 20.30 21.10

16.45 17.50 18.15

LODI Fanfulla (0371 30740) • Notte brava a Las Vegas

• Caccia Spietata • Cargo 200 • Solo Un Bacio, Per Favore • Carnera - The Walking Mountain • Decameron Pie • Chi Nasce Tondo • Notte Brava A Las Vegas • Chiamami Salomè • Speed Racer

SAW IV (Horror)

IL VULCANO DELLA PAURA TG5 FORUM. Attualità TG5 - METEO - SECONDO VOI BEAUTIFUL. Soap CENTOVETRINE. Soap UOMINI E DONNE. Attualità L’ALBUM DI AMICI. Reality TG5 MINUTI BRINDISI D’AMORE. Film 50-50. Quiz TG 5 - METEO 5 STRISCIA LA NOTIZIA MOGLI A PEZZI. Telefilm ZELIG OFF. Varietà

11.00 13.00 13.40 14.10 16.00 18.50 20.00 20.30 21.10

Filo (0372 411252) • Mongol

NOTTE BRAVA A LAS VEGAS (Commedia)

02.05 10.00 11.00 13.00 13.40 14.10 14.45 16.15 16.55 17.05 18.50 20.00 20.30 21.10 23.30

18.30 19.00 19.25 21.10

ITALIA 1

CREMONA Megacine Po (199.404.406) www.cremona.megacine.it • Notte brava a Las Vegas • Speed racer •3Ciento...chi l’ha duro la vince •Carnera •Iron man • Notte brava a Las Vegas • Ortone e il mondo dei chi • Saw IV • Speed racer • Step up 2- La strada per il successo

01.30 TG5 NOTTE - METEO 5 09.00 LE FRONTIERE DELLO SPIRITO. Attualità 09.40 NONSOLOMODA 25... (R) 10.10 VERISSIMO (R). Attualità 13.00 TG 5 - METEO 5 13.35 BUONA DOMENICA. Varietà 18.50 50 - 50. Quiz 20.00 TG 5 - METEO 5 20.35 DR. HOUSE. Telefilm 21.35 ALDO MORO - IL PRESIDENTE. Film TV - Ultima puntata 23.30 TERRA! Att. 01.25 TG5 NOTTE - METEO 5

08.50 LOGGIONE. Musicale 09.20 MAURIZIO COSTANZO SHOW

CANALE 5

DOMENICA 11

CREMA Porta Nova (0373 218411) www.multisalaportanova.it • Speed racer • Notte brava a Las Vegas • Saw IV • Carnera • Iron man •CINEFORUM • MAR: Nuovomondo • GIO: Il vento fa il suo giro OVER 60 (MER. 15.30) • Carnera ORA O MAI PIU’ (LUN) • I demoni di San Pietroburgo

GIOVEDI’ 15 23.30 10.00 11.00 13.00 13.40 14.10 14.45 16.15 16.55 17.05

18.50 20.00 20.30 21.10

MATRIX. Attualità TG5 FORUM. Attualità TG5 - METEO 5 BEAUTIFUL. Soap CENTOVETRINE. Soap UOMINI E DONNE. Attualità L’ALBUM DI AMICI. Reality TG5 MINUTI DUE VALIGIE PER UN AMORE . Film Commedia 50-50. Quiz TG 5 - METEO 5 STRISCIA LA NOTIZIA PRIME. Film Commedia

11.00 A CASA CON I TUOI. Tf 11.25 WILL & GRACE. Telefilm 12.15 SECONDO VOI. Attualità 12.25 STUDIO APERTO - SPORT 13.40 CARTONI ANIMATI 15.00 THE O.C. Telefilm 15.55 CARTONI ANIMATI 18.30 STUDIO APERTO 19.05 CANDID CAMERA. Varietà 19.40 BELLI DENTRO. Telefilm 20.05 LOVE BUGS. Telefilm 20.30 RTV LA TV DELLA REALTÀ 21.10 BUONA LA PRIMA! Sit-Com 22.10 MAI DIRE MARTEDI! Varietà 23.45 TALENT1. Varietà

11.00 11.25 12.15 12.25 13.40 15.00 15.55 18.30 19.05 19.40 20.05 20.30 21.10 23.05 24.00

A CASA CON I TUOI. Tf WILL & GRACE. Telefilm SECONDO VOI. Attualità STUDIO APERTO - SPORT CARTONI ANIMATI THE O.C. Telefilm CARTONI ANIMATI STUDIO APERTO CANDID CAMERA. Varietà BELLI DENTRO. Telefilm LOVE BUGS. Telefilm RTV LA TV DELLA REALTÀ IL TESORO DELL’AMAZZONIA THE CLOSER. Telefilm SAVING GRACE. Telefilm

11.00 11.25 12.15 12.25 13.40

11.30 11.40 12.00 12.30 13.30 14.00

11.30 11.40 12.00 12.30 13.30 14.00

TG4 VIE D’ITALIA FEBBRE D’AMORE. Soap VIVERE. Soap BIANCA. Soap TG 4 - METEO 4 SESSIONE POMERIDIANA: IL TRIBUNALE DI FORUM DETECTIVE MONK. Tf QUELLO STRANO SENTIMENTO. Film TEMPESTA D’AMORE. Soap (all’interno TG4) WALKER TEXAS RANGER STRANAMORE. Varietà BIONDA NATURALE .Film

15.25 16.20 18.40 20.20 21.10 23.45 02.10

TG4 VIE D’ITALIA FEBBRE D’AMORE. Soap VIVERE. Soap BIANCA. Soap TG 4 - METEO 4 SESSIONE POMERIDIANA: IL TRIBUNALE DI FORUM DETECTIVE MONK. Telefilm TERRA LONTANA. Film TEMPESTA D’AMORE. Soap (all’interno TG4) WALKER TEXAS RANGER SPEED. Film Azione CRIMINAL. Film LE CANZONI DI CAPAREZZA

15.25 16.35 18.40 20.20 21.10 23.45

18.50 20.00 20.30 21.10

16.45 18.30 19.05 19.40 20.05 20.30 21.10 23.30 01.55 11.40 12.00 12.30 13.30 14.00 15.25 16.25 18.40 20.20 21.10 23.30

VENERDI’ 16

MATRIX. Attualità TG5 FORUM. Attualità TG5 - METEO 5 BEAUTIFUL. Soap CENTOVETRINE. Soap UOMINI E DONNE. Attualità L’ALBUM DI AMICI. Reality TG5 MINUTI ROSAMUNDE PILCHER: AL CUOR NON SI COMANDA 50-50. Quiz TG 5 - METEO 5 STRISCIA LA NOTIZIA I CESARONI RICAPITOLANDO

22.15 10.00 11.00 13.00 13.40 14.10 14.45 16.15 16.55 17.05 18.50 20.00 20.30 21.10 23.30

UN CICLONE IN FAMIGLIA 4 TG5 FORUM. Attualità TG5 - METEO 5 BEAUTIFUL. Soap CENTOVETRINE. Soap UOMINI E DONNE. Attualità L’ALBUM DI AMICI. Reality TG5 MINUTI UN AMORE DI CAMERIERA 50-50. Quiz TG 5 - METEO 5 STRISCIA LA NOTIZIA I LICEALI. Telefilm MATRIX. Attualità

A CASA CON I TUOI. Tf WILL & GRACE. Telefilm SECONDO VOI. Attualità STUDIO APERTO - SPORT LA PRINCIPESSA E LA MAGIA DEL DRAGO. Film DRAGONHEART II. Film STUDIO APERTO CANDID CAMERA. Varietà BELLI DENTRO. Telefilm LOVE BUGS. Telefilm RTV LA TV DELLA REALTÀ IL BIVIO. Attualità KILL BILL - VOL. II. Film STUDIO SPORT

11.00 11.25 12.15 12.25 13.40 15.00 15.55

A CASA CON I TUOI. Tf WILL & GRACE. Telefilm SECONDO VOI. Attualità STUDIO APERTO - SPORT CARTONI ANIMATI THE O.C. Telefilm TENNIS: INTERNAZIONALI QUARTI FINALE FEMMINILE STUDIO APERTO - METEO CANDID CAMERA. Varietà BELLI DENTRO. Telefilm LOVE BUGS. Telefilm RTV LA TV DELLA REALTÀ C.S.I. SCENA DEL CRIMINE PUGILATO: LYNES - BRANCO

FEBBRE D’AMORE. Soap VIVERE. Soap BIANCA. Soap TG 4 - METEO 4 SESSIONE POMERIDIANA: IL TRIBUNALE DI FORUM DETECTIVE MONK. Tf IL PRIGIONIERO DELLA MINIERA. Film TEMPESTA D’AMORE. Soap (all’interno TG4) WALKER TEXAS RANGER TEMPESTA D’AMORE. Soap DAVE - PRESIDENTE PER UN GIORNO. Film Comm

09.30 10.30 11.30 11.40 12.00 12.30 13.30 14.00

18.30 19.05 19.40 20.05 20.30 21.00 23.10

15.25 18.40 20.20 21.10 23.20

HUNTER. Telefilm SENTIERI. Soap TG4 TRAFFICO FEBBRE D’AMORE. Soap VIVERE. Soap BIANCA. Soap TG 4 - METEO 4 SESSIONE POMERIDIANA: IL TRIBUNALE DI FORUM BRAMA DI VIVERE. Film TEMPESTA D’AMORE. Soap (all’interno TG4) WALKER TEXAS RANGER VIENI AVANTI CRETINO. Var. COSE DA PAZZI. Film

Registrazione tribunale di Crema n. 109 del 27/04/99 Direttore responsabile: Sergio Cuti Redazione e sede legale: via Ponte Furio 32/B 26013 Crema Società editrice: Promedia Società cooperativa - Via del Sale 19 - Cremona Stampa: SEL - Società Editrice Lombarda (Cremona) Spedizione in abb. post.: - 45% - art. 2 comma 20/b legge 662/96 - Filiale di Cremona Concessionaria pubblicità: Immagina Srl Tel. 0373 80189 - 84691 Fax 0373 254273


CALCIO-C2 GIRONE-A

Il team presieduto da Bergamelli approda in C1: le reazioni di Beppe Torresani e degli altri tifosi, nelle prossime ore la società cambierà assetto

Il Pergocrema ora è davvero leggenda di Stefano Mauri.

Dopo 29 intensi anni, il Pergocrema torna quindi in C1. Il momento è d’oro, Beppe Torresani, decano dei giornalisti lombardi ha fatto “recapitare”, in redazione il seguente intervento. «Evviva, domenica scorsa, seppure non in diretta, ho rivissuto la gioia del 1979, quando cantai la prima volta della Pergolettese in C1. Fu festa grande di tutta la comunità cremasca, quella volta. Ora si rivivono tali momenti di gloria e di entusiasmo. Complimenti al nostro concittadino architetto Massimiliano Aschedamini, al presidente Bergamelli, all’intero gruppo dei giocatori artefici della bella impresa. A loro, da vecchio “cannibale” ed aedo voglio esprimere pubblica gratitudine. Questo successo ripaga la meravigliosa partecipazione della tifoseria gialloblù e onora la città di Crema che può vantare una squadra nel calcio che conta. Speriamo che la civica amministrazione sappia comprendere (e soddisfare) le nuove esigenze della società Pergocrema per… conclamati meriti sportivi. Intanto brindiamo: cin, cin». La sincera gioia di Torresani si accompagna a quella dei numerosi, commoventi tifosi della Curva Sud Nichetti, si sposa con quella dei vari Gianni Severgnini, Claudio Pasquini, Gianni Zucchi, Gianprimo Guatterini, Giovanni Vagni e, a quella degli sportivi, più o meno “canarini”, cremaschi. Chapeau dunque a Stefano Bergamelli, Lord Max Aschedamini, Fausto Miatto, Giuliano Faccini, Giò Corna, Luca Ferla (sponsor portafortuna istituzionale), Gianlauro Bellani, Claudio Falconi, Giordano Boschiroli, Marino Bussi, Paolo Tolasi, Pietro Biava e agli altri collaboratori del Real Pergo. Senza nulla togliere agli altri cinque soci con portafoglio, a differenza dei precedenti, fantastici successi gialloblù, questo trionfo, principalmente è attribuibile al pragmatico Bergamelli. Manna dal cielo (Massimiliano Aschedamini dixit, ndr), a Crema, dal 2005, il Berga, eccellenza dell’imprenditoria italica, inesauribile deus ex machina del progetto sportivo “cannibale” merita un caloroso grazie. Seppur in ritardo, è un bene che gli amministratori pubblici cremaschi, finalmente, si siano accorti di lui. Oltre all’ordinaria restaurazione del

C2 GIRONE A • RISULTATI Alto Adige - Pro Vercelli Carpenedolo - Calcio Ivrea - Sassari Lumezzane - Canavese Nuorese - Rodengo Pergocrema - Pavia Olbia - Mezzocorona Pizzighettone-Varese Valenzana - Cuneo

2-1 3-2 1-1 0-1 1-2 3-0 2-1 0-2 2-1

• Pergocrema promosso in serie C1 Accoppiamenti playoff: Mezzocorona-Carpenedolo Lumezzane-Rodengo Pizzighettone retrocede in D Accoppiamneti playout: Valenzana-SassariTorres Caravaggio-Pavia

leggendario Voltini, in città servirebbero nuove strutture per consentire ai “Berga Boys” di allenarsi nel Cremasco. Insomma, un moderno project financing, vale a dire una sinergia pubblico – privato, oggi, pare più che mai auspicabile. Bruno Bruttomesso, sindaco galantuomo e intelligente, forse, per velocizzare il tutto, dovrebbe coinvolgere Beppe Torchio e Agostino Alloni, altri galantuomini attivi in Provincia, intesa come amministrazione. A proposito, ma Bergamelli resterà a Crema per proseguire il suo discorso manageriale – sportivo? La risposta uufficiele arriverà nelle prossime ore. La sua permanenza sarebbe utile, gradita e, in un certo senso, doverosa. Allo stato attuale però, l’impressione è che il presidente della C1 sia prossimo a salutare il blasonato team di viale De Gasperi. Già riunitosi due settimane or sono, il Cda “canarino” si riunirà presto per riprogrammare il futuro. In qualsiasi caso, la geografia del Consiglio è destinata a mutare radicalmente. Tornerà, nelle vesti di consulente, l’ex direttore sportivo Valentino Angeloni? Arriveranno volti nuovi? Lo scopriremo prestissimo, anzi, ancora prima; al momento di ufficiale non c’è nulla. Impegnato nella specialissima Supercoppa di C2 con Reggiana e Benevento, il Pergocrema merita solo sentiti applausi. A tutti gli artefici del sogno C1, divenuto realtà e, naturalmente, a Bergamelli vanno stima, gratitudine e riconoscenza. Bergamelli, i cremaschi le vogliono bene, prima di “entrare” nel suo futuro, si confidi serenamente con l’architetto Aschedamini!

• CLASSIFICA Pergocrema Carpenedolo Rodengo Saiano Lumezzane Mezzocorona Canavese ProVercelli Ivrea Nuorese Olbia Varese Alto Adige Sassari Torres Cuneo Pavia Calcio Valenzana Pizzighettone

57 57 52 52 51 48 47 46 45 45 44 44 42 42 42 34 33 26

GLI AVVERSARI > DSFSDF Sua maestà Franco Crotti, cremasco purosangue, doppio ex illustre, nonché pluridecorato calciofilo, a Pavia è considera leggenda del football pavese caro, un tempo, a Gianni Brera “Magno”. Impegnata nella malinconica lotta playout, la ciurma griffata mister Amedeo Mangone (altro ex), che squadra è in realtà? Benito Carbone e soci possono giocare alla pari contro chiunque avversario. Oltre alle cristalline doti dell’intramontabile fantasista, il Pavia, in attacco può contare

sull’apporto del prezioso bomber, in grado di far reparto da solo, Omar Torri. In difesa svettano i difensori Mauro Belotti (al Pergo, un anno fa prese il posto di un certo Matteo “Thuram” Placida, ndr) e Alessandro Fogacci. A centrocampo invece, il figlio d’arte Matteo Mandorlini, l’offensivo Ivan De Vincenziis, l’esperto Todeschini e Speranza, sovente fanno la differenza. Costretti, da una graduatoria triste a giocare col coltello tra i denti, i Mangone Boys, a Crema ce la metteranno

tutta per mandare all’aria i sogni di gloria “cannibali”. Reduci da una dolorosa retrocessione dalla C1, il presidente Secondino Calisti, il direttore sportivo Massimo Tarantino (promessa mai sbocciata dell’Italico football anni Novanta) e gli altri dirigenti vogliono naturalmente conquistare la salvezza diretta sul campo. Belotti il Pergo lo conosce bene, Carbone (occhio alle sue punizioni) ha l’estro per far saltare il banco, : questo Pavia è avversario vero.

Cronaca di una favolosa “vittoria” annunciata e attesa assai

I voti della stagione gialloblù L’attesa promozione in C1 alla fine è arrivata sul serio. Diamo i voti ai protagonisti della splendida stagione “cannibale”. Stefano Bergamelli: 10 e lode, uomo mercato, direttore tecnico, presidente, trainer (virtuale) in pectore; un’impressione? Avrebbe ben figurato pure in campo. Giuseppe Sannino: 6 (politico), alla guida di una fuoriserie, il mister campano, grazie al suo collaudato 4-4-2 ottiene l’obiettivo stagionale senza però impressionare, con qualche affanno di troppo e lunghi silenzi stampa. Stefano Ragnoli: 10 e lode, splendido agonista generoso il buon“Matrix”, capitano e, soprattutto simbolo del Pergo griffato Stefano Bergamelli; Alessandro Andreini: 10 e lode, fortemente voluto a gennaio, dal “Berga”, cattivo al punto giusto in zona gol, il tenace “Crespo” di Zagarolo (Giovanni Vagni dixit) Luca Facchetti e mister “Vulcano”, Sannino: trainer silente,

In panchina mister Sannino: antipatico vincente, in campo una vera e propria corazzata da... primato

vincente e comunque discusso.

ha trasformato in positivo, da gennaio, il reparto avanzato gialloblù. Luca Facchetti: 9,5, ce ne vorrebbero, nel football attuale, di splendidi ragazzi (d’oro) come lui. Paolo Pupita: 8, scaltro come una volpe, Fantasia, nonostante l’età… continua a sedurre. Andrea Marconi 8,5: alto, basso, a destra, a sinistra, il “pendolino” canarino gioca ovunque… monumentale. Finetti: 8,5, difensore anima e cuore. Lorenzo Crocetti: 6,5, Magnifico batti un colpo e fatti sentire. Righi: 7,5, Coser era ben altra cosa, ma l’attuale estremo difensore, qualche parata ad effetto l’ha fatta. Pasinelli, Paciarotti e Del Piano: 10 e lode, bravissimi il preparatore atletico, l’allenatore del portiere e il team manager di antica, “Bonipertiana“ scuola bianconera. “Pippo” Sambugaro: 9, meraviglioso agonista, se soltanto migliorasse tatticamente, il “Tardelli” del Pergo diventerebbe mostruoso. Quaresmini e Bombardieri: 7 a entrambi e complimenti. “Tango”Veron: 6,5, piacevole scoperta. Boscolo: 6,5, playmaker d’esperienza e antico, efficace mestiere. Muchetti: 6, continua a crescere ragazzo. E gli altri componenti della ricca, validissima rosa agonistica del Real Pergo 2007 – 2008? A tutti, o meglio, quasi (a tutti) una bella, soddisfacente piena sufficienza.


Sport

9

VENERDÍ MAGGIO • 2008

Il Capitano e il Berga: Ragnoli e il presidente Bergamelli, vale a dire, due delle tante facce “cannibali” da C1. Il presidente resterà a Crema? Parrebbe di no!

23

QUADECAMP

Crema è nel pallone che conta per una settimana

Stage calcistico intenso e torneo doc alle “Quade”

Arrivano tanti vip in città

A fine maggio (date precise, contenuti e squadre saranno presto svelate) è atteso il “Memorial Ferri”, per il momento, la frizzante Polisportiva Castelnuovo ha in serbo la seconda edizione del “Quadecamp”, scuola calcio griffata e curata da tecnici, istruttori e calciofili coi fiocchi. La scuola calcio delle Quade, sponsorizzata dalla “Base” del generoso Francesco Barbaglio, anche quest’anno si svilupperà in stretta sinergia con l’Associazione Calcio Crema 1908. Aperto ai ragazzi e alle ragazze nati negli anni 1996, 1997, 1998, 1999 e 2000, il “Camp” inizierà alla mattina, a partire dalle 8.15, per terminare alle 18. Le date? Da lunedì 9 a venerdì 13 giugno prossimi venturi. Iscrizioni aperte presso il Centro sportivo Castelnuovo (via Zambellini), via mail: polcastelnuovo@alice.it, oppure ai seguenti recapiti telefonici: 333 9669446 (Luciano), 333 4798064 (Lorenzo). La quota d’iscrizione al qualificato “Quadecamp” è di 110 euro e comprende: copertura assicurativa, pranzo, merenda, bevande varie e kit Sportika d’abbigliamento sportivo. Ancora da definire, lo staff tecnico dello stage del Castelnuovo dovrebbe essere composto dalle seguenti persone: Diego Gottardelli, Paolo Carminati, Mirko Goisa, Andrea Spinelli, Andrea Dragoni, Sangiovanni e Giovanna Folcini. Sono giorni speciali questi alle Quade, popolare quartiere cittadino. Angelo Pisati, pierre del Castelnuovo è infatti un “cannibale” verace in… festa per la sospirata, meritata C1 del suo Pergo. Un tempo, Pisati, era la voce ufficiale “canarina” su radio Antenna 5.

Il San Domenico apre per convegni e il “Dossena” Dopo la “Crema del Pensiero” (ancora complimenti a Giovanni Bassi e, ad Anna Maini), la nostra città si appresta a finire, serenamente, nel … pallone. Domani (sabato 10, ndr), al teatro San Domenico è il turno di una convention dedicata alla medicina sportiva. Lunedì 12, tocca al “Trofeo Dossena”, martedì è atteso Candido Cannavò. Domattina, a partire dalle ore 8, il teatro cittadino si animerà di medici, addetti ai lavori, professionisti della preparazione fisica, scienziati e… allenatori illustri. Il dottor Walter Della Frera si è fatto letteralmente il “mazzo” per preparare l’evento nel migliore dei modi, ora tutto è pronto per essere offerto, (entrata gratuita), al pubblico. Dedicata in modo particolare alla cura del cuore e del ginocchio, la conviviale, sarà galvanizzata, tra le altre, dalla presenza di tre campioni del mondo del calibro di Marcello Lippi,

Mette ko Loreto e ora vola verso la semifinale

Mario Macalli.

Giancarlo Antognoni e Castellacci (medico coordinatore dello staff sanitario azzurro). Il terzetto parlerà naturalmente delle rispettive, felici, esperienze magiche internazionali. Altre celebrità del calibro di Mario Macalli e Antonio Matarrese, insieme al ricchissimo parterre dei medici precet-

tati (luminari ad hoc), per l’occasione, caratterizzeranno, qualificandoli ulteriormente, i vari interventi all’impor tante meeting “pensato” da Della Frera. Lunedì, sempre nella romantica cornice del San Domenico, alle ore 21, il “Trofeo Dossena 2008” si… “presenterà” al folto (si spera) pubblico. Marco Civoli, gior nalista televisivo di punta in quota Rai 1, con la consueta verve condurrà la serata di gala. Oltre ai sorteggi dei due gironi eliminatori, gli organizzatori del “Dossena” renderanno omaggio al leggendar io Centenario dell’Ac Crema 1908. Angelo Dossena, vale va dire la persona alla cui memoria è intitolata la kermesse calcistica giovanile, prematuramente scomparso negli anni Settanta, oltre a essere un bravo medico era un cremino sincero e verace. Martedì infine, alle 21, in comune è atteso sua maestà Cannavò (riceverà un premio ad hoc) a presentare “Pretacci”, il suo ultimo libro.

Tennis spettacolo dal 23 maggio

Grandissima Reima! Trofeo Nico Crotti Gara 1 Grande rimonta della Reima che a Loreto conquista gara1 al tiebreak. I Blues dimostrano cuore ed attributi in quel di Loreto dove rimontano uno svantaggio di due set ad uno recuperando anche tre lunghezze di svantaggio nel quarto parziale ed alla fine ottengono la vittoria al tiebreak. La partita inizia nel migliore dei modi per i Blues per vanno subito sul 5-1. Loreto però rimonta immediatamente ed al primo timeout tecnico è avanti di un punto. In questo momento sale in cattedra Caldeira in battuta e poi Schwarz e Cazzaniga in attacco. La Premier inizia la quarta frazione con in campo Botto al posto di Schwarz, ma sono i marchigiani a condurre le danze nelle prime battute dove arrivano fino al 13-10. La Premier però grazie ad un ispirato Cazzaniga piazza un break di 5-0 con il quale passa a condurre sul 19-16. Lo-

reto recupera e la disputa si allunga ai vantaggi con la Reima sempre avanti che si impone per 0-28 trasformando il sesto setball. La Premier Hotels continua a premere mettendo poi la parola fine sul match con il punteggio di 15-9. Una vittoria per festeggiare il compleanno del vice presidente Barbati. I nuovi sponsor Per gara2 dei quarti playoff, alla Bertoni è scattata la giornata del gelato. Una domenica ricca di novità in casa Reima, con i Blues che hanno aspettato Loreto per la gara2 dei quarti di finale dei playoff. «Il nostro neo sponsor: Barbati gelati che sarà con noi anche nella prossima stagione, ha organizzato alla Bertoni la giornata del gelato. L‚iniziativa prevede che tutti i possessori di un biglietto verranno omaggiati di un gelato prima dell’inizio dell’incontro» spiega il responsabile

marketing Beppe Della Noce. Le novità però non finiscono qui. «Abbiamo raggiunto un accordo di sponsorizzazione con Crema Diesel che sarà con noi per tutti i playoff di questa stagione e per il prossimo campionato» ha detto Della Noce. Gara 2, si vola in semifinale con Forlì Grandissima prova della Reima che supera 3-1 Loreto grazie ad un attacco che chiude con il 57% e nessun Blues al di sotto del 50%. La Premier ha giocato di squadra dimostrando carattere visto che in tutti i quattro set è sempre stata sotto all‚inizio: mai avanti al primo timeout tecnico e solo una volta in vantaggio al secondo. La partita non comincia nel migliore dei modi con Loreto che spinta dagli ace di Grozer raggiunge il 4-0. Due battute vincenti di Cazzaniga riportano sul -1 i Blues, ma gli ospiti hanno una marcia in più ed allungano deci-

GGS Ripalta campioni d’Italia (DL) Che finale di stagione per il GGS Ripalta Cremasca TT. Non solo la vittoria nei Campionati di Serie B ma anche un titolo Italiano Giovanile a Squadre per merito di Inzoli e Muletti. Si p Si parte proprio dai "bimbi" che in quel di Terni hanno conquistato il Titolo Italiano a Squadre Giovanissimi; Filippo Inzoli e Michele Muletti hanno relegato sul gradino più basso del podio i pongisti del Terni, Pieve Emanuele e Termeno. Con questa vittoria Filippo e Michele guidati dal coach An-

drea Tomasoni hanno coronato il sogno di portare a Ripalta anche lo scudetto FITeT oltre a quello del CSI ed al titolo Regionale. Nel contempo i quattro moschettieri della B1 tra tappeti rossi e Palestra ornata a festa hanno festeggiato il passaggio in Serie A2 contro un poco reattivo Pieve Emanuele. E' stato un incontro fantastico, a senso unico con una standing ovation per CapraLaurentiu-Catalin alla sua ultima partita con la casacca ripaltese. Ricci, Persico e

Stefano Guerrini hanno fatto il loro solito ottimo lavoro. Ora ancora tutti in campo per la preparazione dei campionati italiani di categoria con ottime previsioni. In serie B2 altra passeggiata per i magnifici quattro e mezzo che hanno conquistato la B1. Siracusa, Gusmini, Makoukian e Federico Guerrini sono stati perfetti anche nell'ultima partita. Ultima partita giocata al meglio per confermare le 18 partite vinte su 18 incontri disputati. Tanto spettacolo in mezzo al divertimento.

samente conquistando sei punti di vantaggio (15-9) con un muro di Cricca. Nel secondo parziale Fant inserisce Botto per Schwarz. Crema non molla però e con un break di tre punti firmati da Carletti a muro, Finazzi e Cazzaniga (ace) si porta avanti di tre lunghezze. Loreto è in bambola e due attacchi sbagliati di Grozer e hiago uniti ad un tocco di seconda da parte di Carletti proiettano la Reima sul 1612. Moretti inserisce Gatto per Visentin, ma ormai i buoi sono scappati dalla stalla e la Premier Hotels chiude sul 25-17 davanti ad una Bertoni in tripudio. I commenti «Meritavamo noi: c'è sempre un vincitore ed un vinto, ma mi sento di fare un plauso a tutti gli atleti, sia di Crema che di Loreto» queste le parole del direttore sportivo Michele Rota. La Reima è fra le prime venti 20 d’Italia. Ora a Forlì per la semifinale.

E’ stato presentato presso il Tennis Club Crema il 4° torneo Internazionale giovanile Memorial Nico Crotti, per una edizione davvero particolare visto che si tratta del centenario del Club. La manifestazione scatterà il 23 maggio con le qualificazioni, mentre i big scenderanno in campo dal lunedì 26 quando inizierà il tabellone principale. Il torneo cremasco ospita come ogni anno tanti giovani tennisti che rappresentano ormai delle piccole promesse che hanno come obiettivo quello di poter entrare nel massimo circuito internazionale nel giro di pochi anni. Crema è una tappa molto importante del circuito europeo perché rappresenta un test di grande interesse in vista dell’Avvenire di Milano, uno dei quattro tornei più importanti al mondo a livello di under 16. Diciamo che il torneo di Crema sta all’Avvenire come gli internazionali di Roma stanno al Roland Garros. Come tutti gli

anni avremo la possibilità di ammirare atleti provenienti da tutto il mondo: greci, spagnoli, croati, lettoni, bulgari, francesi, rumeni, tedeschi, austriaci, russi, sudafricani, portoghesi etc. oltre ad una foltissima rappresentanza di tennisti italiani. In campo maschile la testa di serie n°1 sarà il greco Mikos Kostantinos (n° 14 del ranking europeo), mentre fra gli altri stranieri di spicco vi saranno: Luca Margaroli (Svizzera) numero due del seeding e Joan Benaiges Blasco (Spagna) accreditato della terza testa di serie. Il plotone italiano invece vede tra i principali talenti: Fabrizio Ornago ed Omar Giacalone. Nel femminile la numero uno sarà la bulgara Aleksandra Mitrovska (ottava in Europa). Qui tutte le prime cinque teste di serie sono straniere: Sabina Lupu (rumena n°2), Silvija Zhelyazkova (bulgara n°3), Jelena Simic (bosniaca n°4) e Charlene Seateun (francese n°5).

Golf Crema Resort

Golden Four 2008 18 buche Stableford 4p.m.a 2 giocatori - 1 maggio 2008 1ª categoria

Nearest the pin

1° netto

Fornaio Domenico-Righi Enrico

42

2° netto

Ferron Alessandro-Peppucci Angelo41

3° netto

Rinaldi Paolo-Dal Bon Cesare

40

4° netto

Sarioli Angelo-Lomboni Massimo

40

1° mista

Saronni Elisa-Urbano Stefano

39

1° lady 1° lordo maschile femminile

Balbo Claudia-Zanoni Cristina Pancera Sergio-Ferraguti Maurizio Zambetti Guido c.m. Olmo Tina c.m.

19 36 46 42


Sport

24

CICLISMO di Fortunato Chiodo

La leggenda del ciclismo si è arricchita di una nuova pagina. Perché l’ ampio rettifilo d’arrivo del viale Po a Cremona ha tenuto fede alle aspettative, proponendo uno spettacoloso di grande spessore e straordinaria intensità, quale è il “42° Circuito del Porto- Trofeo Internazionale Arvedi,” supportato con tutti i migliori ingredienti dal” CC. Cremonese 1891Gruppo Arvedi, un nome, una qualità e una garanzia, più forte dell’acciaio. I biancorossi di Bruno Leali, vale a dire, Michele Nodari e Marcello Franzini, hanno lasciato cuocere sul fuoco ardente i quattro compagni d’avventura: Marzoli, Papok, Aldegheri e Dybel, e poi a duemila metri dell’arrivo, hanno innescato la miccia, smanettando sulle leve del cambio, ingobbiti nello sforzo, sono saliti sul gradino più alto del podio. Ce poco da dire, hanno avuto più birra di tutti, impre-

9

VENERDÍ MAGGIO • 2008

La 42esima edizione del circuito premia la squadra di Leali: «Dedicata al Cavaliere»

E l’Arvedi arriva in Porto Nodari (con l’aiuto di Franzini) trionfa alla gara cremonese

Michele Nodari e il compagno di squadra Marcello Franzini all’arrivo.

ziosito e squarciato il “Circuito del Porto”. Gli infortuni a Costanzi e Pavan per il CC Cremonese Arvedi, avevano assottigliato le frecce nella faretra di Leali. Non era al meglio Guarnieri, lo sprinter è rimasto quasi sempre nella pancia del gruppo a cercare alleati pronti a tendergli la mano in caso di bisogno.

Insomma la corsa è rimasta per un centinaio di chilometri sulle spalle di cinque battaglieri: Di Corrado, Carini, Belli, Kononenko e Popkov. Soffocate tutte le ambizioni dei velocisti, è scattata la molla e il tifo da stadio, la grande folla ha incitato a gran voce: Nodari e Franzini, storico tandem del

Il 14enne non sbaglia niente a Villacampagna

CC Cremonese- Arvedi che ha stecchito tutti quanti e si è piazzato ai primi due posti dell’ ordine d’arrivo. Marzoli è andato a completare il podio. Questo titolo mancava nel palmarès del” CC Cremonese 1891” del presidente Fulvio Feraboli, l’unico a vince il” Circuito del Porto” con la maglia biancorossa, era

stato Andrea Ciatti nel 1969. Il sortilegio l’ ha rotto Michele Nodari, 22enne di Gavardo (Brescia ), alla sua prima vittoria: «Ma senza l’appoggio di Franzini non c’ e l’avrei mai fatta a vincere». Franzini: «E’ la vittoria di tutti, comincio a girare a meraviglia, eravamo motivati, sapevamo che dovevamo partire da lontano per anticipare i velocisti». Samuele Marzoli, ha un diavolo per capello, il fortissimo piacentino era considerato il più veloce di tutti, l’uomo da battere: «Tutto è filato a meraviglia fino a una decina di chilometri dall’arrivo. Poi Franzini ha cominciato a saltare qualche cambio a mettersi in coda. Quando è partito ai duemila metri siamo rimasti un po’ a guardare e ne ha approfittato anche Nodari. A quel punto, i miei compagni sono rimasti impietriti e non mi hanno dato una mano a inseguire l’accoppiata della Cre-

monese, mi spiace perché ci tenevo a vincere il Porto». Bruno Leali commenta: «Che dire, è stata una vittoria studiata con ragazzi al tavolino. Era l’ unico modo per vincere, e abbiamo vinto. Voglio dedicare questa vittoria al cavalier Giovanni Arvedi». Adriano Baffi, coordinatore tecnico della nazionale azzurra: «Una grande giornata di ciclismo nella nostra provincia e per il CC Cremonese- Gruppo Arvedi. E’ stata una corsa combattuta, sono rimasto impressionato da Franzini. Lo ricordo alla Trevigliese: è un passista scalatore qui al Porto ha fatto un lavoro impressionante». ORDINE D’ARRIVO 1° Michele Nodari ( CC Cremonese Arvedi ) Km 175 in 3 h 51’ media 45,422 km / h; 2° Marcello Franzini (CC Cremonese Arvedi ); 3° Samuele Marzoli ( Pagnoncelli ) a 2”, 4° Siarhei Papok ( BLR Seano Viargi); 5° Diego Aldegheri ( Mantovani Rovigo).

A Palermo, con la cronosquadre

Bar Livi, De Vitis è primo Domani parte il Giro Prende coraggio centrando il Trofeo Bar Livi con la maglia del CC Cremonese Arvedi Con un tocco, un tocco magico, Marco De Vitis, quattordicenne di Baganzola (Parma ) che difende i colori del CC Cremonese-Arvedi, diretto da Tiziano Corbari, mette tutti quanti in fila e si laurea campione provinciale Allievi, a Villacampagna nel Trofeo Bar Livi, gara patrocinata dalla Polisportiva Madignanese. E’ stata una corsa movimentata dapprima da Marco Montini (Cremasca), ma la molla e la chiave di lettura è cominciata al 28° chilometro che l’allungo di un drappello comprendente Alberto Ripamonti della Cremasca. Non appena si è esaurito questo tentativo nel penultimo giro ha allungato De Vitis, con ai mozzi il soncinese Angelo Tarenghi, il pavese Filisetti e al bergamasco Baiguini, e sono andati spediti a giocarsi la palma allo sprint cominciato ai 300 metri da Marco De Vitis

A destra, il vincitore Marco De Vitis.

che ha vinto nettamente , mentre il gruppo giunto con 1’ 10” di ritardo è stato regolato dal lodigiano Roberto Vanelli del CC Cremonese Arvedi, decimo Marco Montini della Cremasca. Cerimoniale di premiazione e consegna della maglia di campione provinciale, con l’ex professionista e consigliere del Comitato di Cremona della Fci Enrico Guadrini, Francesco Pedretti e Gladioli, sindaco e assessore allo sport del comune di Sonci-

no. ORDINE D’ARRIVO 1° Marco De Vitis ( CC Cremonese Arvedi) Km 65 in ih 30’, media 43,333; 2° Angelo Tarenghi (Libertas); 3° Marco Filisetti ( Lomello); 4° Mattia Baiguini ( Cicli Bettoni); 5° Roberto Vanelli (CC Cremonese Arvedi ) a 1’ 10”; 6° Kevin Bettineschi ( Bettoni), 7° Alessio Barattieri (Pontenure); 8° Andrea Cordioli ( Sprint Ghedi ); 9° Fabio Gipponi ( Libertas 9; 10° Marco Montini(Cremasca)

Le due vittorie che fanno sognare. Vece ed Esposito

Imbalplast domina Madignano Pomeriggio ricco di tradizioni con tanti virgulti impegnati a Madignano nel 19° Memorial F.lli Pavesi onorato dall’impegno che ha preso la Polisportiva Madignanese, tenendo fede alle aspettative, radunando un bel gruzzolo concorrenti. L’UC Cremasca ha vinto il torneo a punti con tre vittorie (Filippo Bertesago G1, Anselmo Francesconi G2 e Stefano Baffi nei G4 )mentre il trofeo con il maggior numero di partenti è stato assegnato alla SC Imbalplast di Soncino, con due vittorie, una del-

la campionessa lombarda Miriam Vece nella G5, e Sebastiano Esposito davanti a tutti nella G6. CLASSIFICHE G1 : 1° Filippo Bertesago (Cremasca ); 2° Filippo Bonfanti (Rodengo); 3° Sara Piacentini (Cremasca); 4° Nicola Archetti (Rodengo); 5° Tommaso Abrami (Idem) G2 : 1° Anselmo Francesconi ( Cremasca ); 2° Lluca Volpi ( Rodengo ); 3° Riccardo Schiappa ( Gessate ); 4° Daniele Pellegrini ( Cremasca); 5° Alessandro Maggi (Imbal-

plast). G3: 1° Giovanni Guerrini ( Rodengo); 2° Daniele Donesana (Cremasca ); 4° Giacomo Donida (Cremasca); 5° Andrea Manini (CC Cremonese) G4: 1° Stefano Baffi (Cremasca); 2° Daniele Marchina ( Rodengo); 3° Matteo De Stefani (Cremasca); 4° Davide Consolati ( Rodengo); 5° Alberto Merisio (Cremasca) G5: 1° Miriam Vece( Imbalplast ); 2° Michele Sambusiti (Idem); 3° Stefano Moro ( idem); 4° Riccardo Gallasio (CC Cremonese).

E’ arrivato: il 91esimo Giro d’Italia. Si prepara a dare spettacolo da Palermo con la cronosquadre del 10 maggio. Il Giro perfetto. Più che un Giro, sembra un cerchio: l’armonia assoluta, senza uno spigolo. E siccome i giudizi vanno supportati da argomentazioni, passiamo subito a descrivere il capolavoro. Come sempre, davanti a un’ opera d’arte, non si sa da che parte cominciare. Forse conviene seguire il filo logico che seguiranno i 198 corridori di 22 formazioni dal 10 maggio al primo giugno. Da Palermo a Milano. Questo per dire già qualcosa: basta con i Giri d’Italia che toccano solo un angolo della penisola, o che addirittura sconfinano all’estero. Il Giro d’Italia deve visitare l’Italia. Diciamolo: l’inizio perfetto deve stare al Sud. E difatti da lì si partirà. Grande esordio con la spettacolare cronosquadre. Quindi, la lenta risalita, tra le volate polverose e tappe inganno, prima del rimbalzo dall’Adriatico al Tirreno, poi dal Tirreno all’Adriatico per la prima cronometro di 36 chilometri, da Pesaro a Urbino. Poi ancora su, nel nervosismo delle impennate appenniniche, tra Marche ed Emilia Romagna, dove tante volte una furba imboscata ha segnato la classifica.Infine, l’ultima settimana, sempre viaggiando nella perfezione, con i giri impegnati in tre furibonde, terrificanti, crudeli tappe. Per dare un ‘idea: la domenica da Arabba si sale alla Marmolada, passando per cinque colli che hanno fatto la storia del Giro, quei comodissimi valichi che rispondono al nome di: Pordoi, San Pellegrino, Giau, Falzarego, con la novità storica dell’arrivo al Passo Fedaia, sotto nevi eterne della Marmolada: cioè

una vera carognata per chi pedala, e un’imperdibile sciccheria per chi sta a guardare. Il giorno dopo, caso mai qualcuno pensasse di rilassarsi, lascia spazio ai grimpeur puri, con la cronoscalata da San Vigilio di Marebbe a Plan de Corones, con vista sulla Val Pusteria: cartolina dalla vetta del Giro. E’ già molto. Ma sia chiara una cosa : per essere perfetto, un Giro non può nemmeno pensare di scansare il Mortirolo. Il Giro perfetto deve inchinarsi ai suoi piedi, pagare l’ossequioso omaggio e quindi buttarsi verso Milano con tutti i crismi della nobile investitura. Così sarà, in un ultimo week- end grandi firme. Sabato al penultimo giorno della corsa rosa i ”girini”, nella 20° tappa: Rovetta- Tirano ( 31.5), saliranno sulle grandi montagne del Passo Gavia (Cima Fausto Coppi) e Mortirolo (Cima DATA TRAGITTO

Marco Pantani). Domenica basta con le bicchierate da passerella finale, sotto invece con un impegno serio, l’ultimissima sfida diretta, tutti contro tutti, in una cronometro che potrebbe persino dire la parola decisiva probabilmente a favore di un regolarista vero, magari Riccardo Riccò, magari Paolo Savoldelli, magari ancora Di Luca. Tra i migliori il russo Menchov, il colombiano Soler, Nibali, Simoni, Petacchi, Bennati, Piepoli, Pellizzotti, Visconti, Rebellin, Millar, McEwen, Cavendish. L’ estasi rosa è assicurata. Il Giotto che ha firmato l’affresco, si spinge a dire che sarà anche il Giro “ della svolta epocale”. La scelta degli invitati al Giro perfetto, tutta gente al di sopra del sospetto, grazie al nuovo passaporto biologico. Un segnale. Che da discutere, certo. Ma comunque un segnale. KM

10/5 1a PALERMO (crono squadre ) 28,5 11/5 2a Cefalù – Agrigento 207 12/5 3a Catania- Millazzo 208 13/5 4a Pizzo Calabro-Catanzaro 187 14/5 5à Belvedere- Contursi Terme 170 15/5 6a Potenza-Peschici 247 16/5 7a Vasto-Pescocostanzo 179 17/5 8a Rivisondoli- Tivoli 200 18/5 9a Civitavecchia-San Vincenzo 194 19/5 Riposo 20/5 10° Pesaro-Urbino (crono) 36 21/5 11a Urbania- Cesena 193 22/5 12a Forlì Carpi 171 23/5 13a Modena- Cittadella 192 24/5 14a Verona- Alpe di Pampeago 195 25/5 15a Arabba-Passo Fedaia.Marmolada 153 26/5 16a S. Virgilio di Marebba-Plan de Corones (crono) 13,8 27/5 Riposo 28/5 17a Sondrio- Locarno 192 29/ 5 18a Mendrisio -Varese 182 30/5 19a Legnano-Presolana/Monte Pora 228 31/5 20a Rovetta- Tirano 224 1/6 21a Cesano Maderno- Milano(crono) 23,5 TOTALE KM 3.423,8


Sport

9

VENERDÍ MAGGIO • 2008

25

Scintille tra i velocisti Gatti e Benedetti. E che caduta!

Memorial Viola,è Benfatto Il 20enne padovano stravince a Stagno Lombardo Non si è piantato in surplace, ma ai mille metri, al posto delle gambe aveva il motore. E’ nata una stella, o forse già c’ era, ma brillava su pista e non illuminava su strada. Si chiama Marco Benfatto, ventenne di Borgorico (Padova ), soffre la pena dell’ inferno uscendo dal mucchio, e con una volata lunghissima sbanca la classica “53° Coppa 1° MaggioMemorial Sergio Viola” di Stagno Lombardo, inserendo il suo nome nell’ Albo d’ Oro, che annovera anche il vicentino Andrea Grendene (2005), e il piacentino Jacopo Guarnieri( 2006 ) azzurri “pigliatutto” 2008. Benfatto, è stato il più gettonato dai

tifosi. Festeggiando la Festa del Lavoro del 1° Maggio, sulle pedivelle, lasciando alle spalle tutti i migliori Under 21 (partenti 72), con una smorfia dipinta sul volto e una prodezza smisurata. «Mai stato uno sprinter» ha detto Marco Benfatto, « semplice: li ho lasciati sfogare, ho guadagnato qualche metro nell’ ultima curva a angolo retto, che ho difeso sino alla morte. Dedico questa prima vittoria alla squadra che ha ricucito il gruppo, a Egidio Fior e a “patron” Lucchetta». Ma c’ è stato un attimo in cui padrone della corsa era il valtellinese Marcello Franzini del CC Cremonese Arvedi”

è uscito tutto solo dal gruppo, è rimasto per una trentina di chilometri solo, toccando una punta massima attorno a 40”, sembrava dovesse farcela, invece, al suon della “campana “ dell’ ultimo dei 23 giri del circuito, con una scossa tellurica della “Bergamasca- De Nardi” e Zalf Desirèe Fior” il gruppo è tornava compatto. Chi fine hanno fatto Erminio Gatti (Eurobike Air Express di Romanengo) e Luca Benedetti (CC Cremonese Arvedi) velocisti di prima grandezza? Hanno perso un’occasione ghiotta si sono smarriti nel nulla causa una caduta, e sembra che tra i due siano girate manate,

ma poi tutto si è risolto al meglio, fortunatamente senza gravi conseguenze. Cerimoniale di premiazione, con Ennio Zanotti, presidente del” Gs. Sergio Viola”, società che ha allestito la corsa, e Angelo Oneta, presidente del Comitato provinciale Fci. ORDINE D’ARRIVO 1° Marco Benfatto ( Gs Zalf Desirèe Fior) Km 100 in 2h 23’ , media 41,958 Km / h ; 2° Rudy Dal Bo ( Bata ); 3° Nicola Dal Santo ( Zalf ); 4° Paolo Locatelli ( Bergamasca De Nardi); 5° Paolo Sipala ( Palazzago ); 6° Lorenzo Rocchi ( Sergio Dal Fiume), 7° Gianni Mascolo ( Pagnoncelli); 8° Marco Canola ( Zalf ).

Il suo cane nell’elenco di Fuentes? La storia di Basso e Birillo

Valverde vince a Liegi. Polemica E’ invischiato nell’ “Operazione Puerto” come Basso, ma lui può correre. Alejandro Valverde, spagnolo, professionista impunito, mai sfiorato da nessuna inchiesta nonostante fosse coinvolto nel caso Fuentes, vince la classica davanti all’italiano Davide Rebellin alla LiegiBastone-Liegi. Riepilogo: tra le carte della famosa inchiesta spagnola, chiamata con il nome del ginecologo Eufemiano Fuentes, risulta più volte il nome in codice “Valv-Piti”. Chi è il personaggio misterioso? Ancora oggi

nessuno lo sa. Tutti quanti, sanno però questo: “Valv” somiglia maledettamente alla prima metà del cognome Valverde (o sarà l’inizio di Balmanion?). Quanto al “Piti”, che segue nella sigla in codice, è casualmente lo stesso nomignolo del cane di Valverde. Sempre casualmente, risulta che i clienti di Fuentes usassero il nome dei rispettivi cani per mascherarsi (il nostro Basso, che si sta grattando da due anni perché la giustizia italiana non ha dormito, è caduto sul famoso ”Birillo” ).

Per concludere. Quelli della Liegi- Bastone- Liegi sono gli stessi del Tour : i durissimi e purissimi. Ma di fronte al pronunciamento del Tas, non ci provano nemmeno più ad escludere il discutibile Valv. Subiscono in silenzio. Così, quello parte, va in fuga, e alla fine vince tra gli applausi. Proprio una bella festa. Chissà quanto fa felici i tre compagni di fuga. Sono il nostro Davide Rebellin, ancora secondo, e i fratelli lussemburghesi: Frank e Andy Schleck, molto forti e anche

molto impiastri. Nelle interviste del dopo corsa, Rebellin risponde che quando si arriva in volata con Valv c’ è poco da fare. Sorvolando sul fatto che quanto meno si potrebbe evitare di aiutarlo negli ultimi chilometri. Ma è un ‘altra la domanda che andrebbe davvero posta. Questa. Unica e semplicissima. Scusate, simpatici ciclisti senza nubi e senza nebbie a gravare sulle spalle: che cosa si prova ad essere battuti e umiliati da un mito trasparente come Valverde?

DOMENICA GARA AIDO A OFFANENGO Ha radici profonde la cultura nella cultura sportiva su questa terra e a questo evento non manca senza ombra di dubbio, l’ entusiasmo di tanti volontari, di mantenere vivo l’interesse per il ciclismo, organizzando domenica 11 maggio il “ 7° Trofeo Memorial Corlazzoli”, patrocinato dal GS Avis- Aido di Offanengo. Ritrovo all’ Oratorio di Offanengo alle 7,

POKER DI MERLO Michele Merlo, della “Mantovani” di Rovigo, ha fatto poker, fulminando in volata tutti i migliori dilettanti di Elite e Under 23 a Gattatico (Re) nel “38° Trofeo Papà Cervi”, con il cremasco Alberto Gatti della “ Eurobike Air Express di Romanengo nono.

GIRO DELE REGIONI A BUTS L’ Ucraino Vitaly Buts con una doppietta vince la sesta e ultima tappa e la classifica generale del Giro delle Regioni.

MONGUZZI: UN TRIS DA PODIO Cristiano Monguzzi dilettante della Eurobike Air Express di Romanengo , sfiora ancora il primato e conquista il terzo podio stagionale nella corsa a Botticino Mattina (Brescia), un meeting senza respiro con gli ultimi mille metri di salita con punte anche del 20-24 %, ha dovuto inchinarsi allo squadrone toscano della “ Finauto Neri”, con Simone Stortoni al suo secondo successo stagionale davanti al suo compagno Emanuele Vona.

RIZZOTTO, UNA CORSA SUPREMA Cristian Rizzotto (Imbalplast-Soncino), neo campione provinciale Esordienti del secondo anno, vince a Palosco (Bergamo) il” Memorial Pezzoni”. Tra i nati del primo anno, il primato va al parmense Andrea Cornacchione (Torrile), quinto posto per Devis Visioli (Imbalplast), e settimo Alessio Brugna (Eurobike Romanengo).

PASSAPORTO BIOLOGICO. COS’E’? «Tutte le squadre invitate al Giro d’ Italia, hanno aderito al passaporto biologico e, ci sono le premesse per una corsa pulita» ha dichiarato Pat McQuaid, presidente dell’ Uci.” E ha aggiunto: «Tutti i corridori hanno effettuato almeno 2 controlli, e gli altri ai quali saranno sottoposti serviranno per completare il passaporto biologico». Controlli effettuati periodicamente dall’ Uci. La mappa serve a monitorare l’ andamento dei principali valori del sangue e degli ormoni per individuare le eventuali variazioni anomale. La sua lettura consentirà di rivelare i valori sospetti e di smascherare i bari.


Cronaca

9

VENERDÍ MAGGIO • 2008

27

CENTRO ESTETICO- Domani l’inaugurazione del VentaSun

Un Benessere all’avanguardia di Laura Beatrice

VentaSun è davvero una ventata di sole nella realtà cremasca. Il nuovo centro estetico aperto in via IV Novembre offre davvero tanti servizi originali. In primis, dal nome, il solarium: tutti i tipi di lampade moderne, da quelle a bassa a quelle ad alta pressione. La novità del solarium sta nel fatto che, firmando un abbonamento di 9 esposizioni più due omaggio si può vincere un buono da 200 euro da consumare in un villaggio Venta Club. Il centro offre, oltre ai soliti trattamenti estetici a viso, massaggi classici e cerette, alcuni pacchetti massaggi benessere per la cura del corpo e della mente. Esperti nel settore offrono cure particolari: la riflessologia plantare, il massaggio cinese (detta anche terapia Tuina ovvero la cura di diverse sindromi con la pressione delle mani su aree o punti specifici del corpo), i massaggi Shiatsu e il Qigong (un lavoro sull'energia che si basa su tecniche di rilassamento, respirazione e raccoglimento). Tecniche praticate solo su prenotazione da Massimo Mauri. Altrettanto interessanti le proposte del naturopata Enrico Spagnolo. Spagnolo fa soprattutto massaggi miofasciali, massaggi antistress, massaggi olistici, psicosoma-

Al «VentaSun» di via IV Novembre le cure più attuali ed efficaci per il corpo. Domani la festa di apertura. Con buffet e viaggi premio.

Da sinistra: Elena Paderi, estetista e tatuatrice, e Lisa Depetri.

tici e craniosacrali. Chiara Caratti invece si occupa di trattamenti ayurvedici, la medicina indiana che cerca di rimettere in armonia il corpo dell'uomo con l'ambiente che lo circonda. La medicina indiana prevede anche un massaggio viso, una maschera peeling indiana e un bagno di vapore. Accanto a questi trattamenti

originali e sicuramente innovativi, il centro si avvale quotidianamente di un estetista, Elena Paderi che, oltre alle solite mansioni estetiche, si occupa di tatuaggi. La sua specialità sono proprio i tatuaggi semipermanenti al viso, per le più audaci che vanno sempre di fretta e non vogliono truccarsi ogni mattina. Trucco semipermanente

ad occhi e labbra. Non solo tutti i ragazzi del centro sono appassionati di tatuaggi artistici ma addirittura, se necessario e richiesto dai clienti, chiedono ad un collaboratore esterno di fare il lavoro sul corpo delle persone. Entrare nel centro estetico dà un senso di pace e tranquillità. Sparse qua e là ci sono riviste di medicina alternativa, di ta-

tuaggi, di trattamenti specifici a problemi di diversa natura. Il centro è aperto da circa un mese. La nuova gestione è affidata a Lisa Depetri e Michele Penocchio. Il centro verrà inaugurato domani a partire dalla 15 circa, anche se è già operativo da un mese. L'orario dell'aperitivo sarà il momento focale. In quell'occasione verranno

estratti i due vincitori di due buoni, uno da 775 euro e l'altro da 200 euro da consumare presso un villaggio viaggi del Ventaglio. Niente male. Fare un giro non costa nulla. Qualche consulenza, un bel buffet, e la possibilità di fare una vacanza praticamente senza spendere nulla. Una tappa è da fare sicuramente.



L'Opinione del Cremasco