Issuu on Google+

www.progressonews.com

n. 14 17 SETTEMBRE 2011

Anno LXIII

Euro 1,00

Contiene I.P. Quindicinale Associato all’Uspi Unione Stampa Periodica Italiana

Poste Italiane Spa-Spedizione in abb. postale D.L. 353/2003 (Conv. In. L. 27/02/2004 n. 46) Art. 1, Comma 1, Commerciale Business Ancona n. 77/2009 - Taxe Percue - Tassa Pagata

INSIEME

Grazie ad ogni singola comunità locale le città della Provincia di Ancona, toccata dal Congresso Eucaristico, hanno dato prova di una grande capacità di accogliere. INSIEME siamo capaci di vincere ogni sfida di MARIA GLORIA FRATTAGLI

L’

Ancona ‘pasticciona’ che siamo abituati a conoscere, quella che per due fiocchi di neve va in tilt, quella delle buche grandi come voragini e delle eterne beghe politiche è stata per qualche giorno un lontano ricordo. Basta che qualcosa va per il verso giusto ed ecco che la fiducia è di nuovo iniettata ed assorbita da tutti i suoi cittadini. Questo è stato per il capoluogo il XXV Congresso eucaristico nazionale. Una vera e propria

iniezione di fiducia. La giornata conclusiva del grande meeting di tutti i cattolici d’Italia è stata un vero delirio e un idillio per gli organizzatori. Tutto ha funzionato in questi giorni di festa cristiana. Tutto è andato per il verso giusto. A cominciare dalla viabilità interrotta per compartimenti stagni senza vietare o rendere impossibile la percorribilità delle altre strade. E proseguendo con l’attività dei volontari, con il grande impegno di quanti hanno reso

questa enorme macchina organizzativa impeccabile. è stato un onore per Ancona essere riuscita ad ospitare un così importante appuntamento, ora è un dovere replicare e cercare di rilanciare il capoluogo sulla scia di questa grande visibilità. L’arrivo del Papa nella giornata di domenica è stato indimenticabile. Anzitutto per quell’enorme scenografia nell’area portuale di Fincantieri che si è imposta sul mare e sulla città per tutti i 9 giorni N.11 Giugno 2010

di Congresso. Vedere Ancona ‘calpestata’ dai tanti pellegrini, vedere sventolare quei pass con scritto sopra ‘congressista’ ha dato un non so che di turistico al capoluogo. segue a pag. 4

1


REGIONE MARCHE

CONGRESSO EUCARISTICO NAZIONALE: LE MARCHE VINCONO LA SFIDA

80 mila persone hanno assistito alla Santa Messa

L’evento ha acceso i riflettori sulla regione

«A

bbiamo vissuto un incontro bellissimo, emozionante, commovente. Il richiamo del Santo Padre a uno sviluppo sociale con al centro la persona, soprattutto chi è più debole, ha offerto a tutti noi una riflessione molto elevata e densa di significato. Da parte sua, la comunità marchigiana ha fatto gli onori di casa nel migliore dei modi, con la consueta generosità e responsabilità. Dobbiamo essere orgogliosi per l’ottimo svolgimento di tutto il XXV Congresso Eucaristico Nazionale». Il Presidente della Regione e Commissario delegato per il Cen, Gian Mario Spacca, non nasconde la propria soddisfazione per il perfetto svolgimento del Congresso Eucaristico Nazionale che per un’intera settimana, dal 3 all’11 settembre scorsi, ha acceso i riflettori sulla regione, in particolare sulle città della Metropolia di Ancona: Ancona, Fabriano, Jesi, Osimo, Falconara, Loreto e Senigallia. Un evento culminato con la santa messa che Papa

Benedetto XVI ha celebrato ad Ancona, di fronte a oltre 80mila persone e seguita in diretta da milioni di telespettatori. «Stupore e meraviglia», sottolinea il vescovo di Ancona-Osimo, Mons. Edoardo Menichelli, «erano ciò che ci aspettavamo dal Congresso Eucaristico e sono ciò che, al termine dell’evento, possiamo dire di aver raggiunto. Accoglienza, civiltà dell’incontro e partecipazione: sono stati tanti, oltre ovviamente alla santa messa celebrata dal Santo Padre, i momenti della settimana congressuale in cui sono stati toccati questi sentimenti». «La riflessione sul lavoro, la dignità dell’uomo, l’incertezza del precariato e della disoccupazione, la richiesta di prossimità, accoglienza e aiuto, pronunciata dal Santo Padre nella sua omelia», aggiunge Spacca, «hanno reso la giornata La macchina conclusiva del XXV Congresso Eucaristico Nazionale colma di emozione. Il organizzativa Santo Padre, con la sua presenza e le sue ha funzionato parole, ha regalato alle Marche, all’Italia e al mondo, una profonda emozione, tangi- alla perfezione. bile nel grande piazzale della Fincantieri In 80 mila alla che si è riempito di entusiasmo e calore. Messa del Papa Aver esaltato nell’Angelus di domenica le belle e dolci colline marchigiane, crediamo siano il segno dell’affetto del Santo Padre alla nostra terra». Un dono prezioso per la comunità marchigiana che con altrettanto affetto ringrazia Papa Benedetto XVI per l’intensa, entusiasmante settimana congressuale che ha visto in tutte le sedi in cui si è svolta, una straordinaria partecipazione popolare, una macchina organizzativa attenta ad ogni dettaglio, lo sforzo corale di Regione con tutti i suoi dipendenti, enti locali, governo, Protezione civile, forze dell’ordine, professionisti della sanità, diocesi, volontari. «Eravamo certi», conclude Spacca, «che la reputazione guadagnata sul campo dalla nostra gente in occasione di altri grandi eventi sarebbe stata confermata e rafforzata. Così è stato. I commenti lusinghieri sull’organizzazione della Protezione civile regionale, sulla sicurezza dell’evento, sulla bellezza dei luoghi e sull’accoglienza della nostra comunità ce lo confermano. Queste sono le Marche».

LE CIFRE PRESENZE STIMATE • Attività preliminari e preparatorie 100.000 (da gennaio 2009 ad agosto 2011) • Celebrazione di apertura 4 settembre

8.000

• Serata musicale 4 settembre

15.000

• Manifestazioni dal 2 al 9 settembre ad Ancona e nelle altre località

80.000

• Via Crucis 6 settembre 10.000 • Celebrazione e Processione Eucaristica 8 settembre

20.000

• Manifestazioni del 10 settembre

40.000

• Domenica 11 settembre (celebrazione area Fincantieri, via Giovanni XXIII, Cattedrale, P.zza del Plebiscito e percorsi vari)

100.000

TOTALE

373.000

2

N. 14 - 17 Settembre 2011

Una delle processioni che hanno animato la settimana congressuale


REGIONE MARCHE

IL LAVORO AL CENTRO DELLA RIFLESSIONE I

l lavoro, in tutte le sue sfumature, è stato tra i temi centrali del XXV Congresso Eucaristico Nazionale. Ai lavoratori in difficoltà Papa Benedetto XVI ha dedicato la giornata conclusiva del Cen, ospitando alla sua mensa alcuni di loro. E proprio il lavoro è stato al centro di un’intera giornata di riflessione a Fabriano con l’incontro “Eucarestia nel tempo dell’uomo: il lavoro”. «La nostra fragilità», sottolinea il Vescovo di Fabriano, Mons. Giancarlo Vecerrica, «si esprime in tutti gli aspetti della vita, fino al lavoro. Il XXV Cen è stato una fucina di desideri aperti di fronte a risposte che iniziano ad arrivare. Vediamo intorno a noi una grande positività, soprattutto nella nostra diocesi che ne ha molto bisogno». Secondo il Presidente della Regione Spacca «la riflessione che ha animato la giornata fabrianese del Congresso Eucaristico Nazionale, dedicata al lavoro, ha riempito il cuore di speranza. Ne abbiamo particolarmente bisogno in un momento così difficile come quello che stiamo vivendo». Il XXV Congresso Eucaristico Nazionale è stato un’occasione di preghiera, di riflessione, ma anche momento forte di orientamento per la comunità, attraverso i valori profondi ai quali ancorare crescita e sviluppo. In questo contesto il tema del lavoro è centrale. «Lo è nella vita di tutta la comunità nazionale», aggiunge, «ma in particolare della nostra regione che sul senso di responsabilità ha costruito la propria crescita, il proprio riscatto nei periodi più

Un momento della Santa Messa di domenica scorsa

duri. Gli ultimi 40 anni di sviluppo delle Marche sono avvenuti proprio sul senso di responsabilità, sul lavoro, sulla coesione sociale. Le Marche sono la regione più manifatturiera d’Italia e la riflessione che si è svolta a Fabriano ha acquistato dunque un sapore del tutto particolare». Il Santo Padre ha deciso di incontrare, dopo la Santa Messa celebrata domenica scorsa, i lavoratori in condizione di precarietà. «Oltre alla preghiera», conclude, «da Papa Benedetto XVI è giunta anche una speciale benedizione dalla quale ci auguriamo possano prendere il via le soluzioni che riguardano gli aspetti più difficili e drammatici legati all’occupazione in questa terra. Siamo fiduciosi che dopo la visita di Papa Benedetto XVI avremo più forza per iniziare la risalita, avviando progressivamente a soluzioni le principali vertenze delle più grandi aziende della nostra economia».

A Fabriano si è parlato di occupazione. Spacca: «Dalla visita del Papa un messaggio di speranza»

LA MOSTRA

Il vescovo di Fabriano Vecerrica, il vescovo di Ancona Menichelli e il presidente Spacca di fronte al quadro proveniente dall’Eremo di San Silvestro

“Alla mensa del Signore”, capolavori dell’arte raccontano l’Ultima cena - Momenti di preghiera, di riflessione sui temi più attuali del nostro tempo, ma anche prestigiosi eventi culturali: il XXV Congresso Eucaristico Nazionale è stato tutto questo. Tra le iniziative culturali, particolare eco ha avuto la mostra allestita alle Mole Vanvitelliana di Ancona “Alla Mensa del Signore. Capolavori dell’arte europea da Raffaello a Tiepolo”, rassegna promossa e realizzata dal Comitato organizzatore del XXV Cen in collaborazione, e con il determinante apporto, della Regione Marche. Il percorso espositivo è formato da 111 opere fra capolavori pittorici, alcune di dimensioni monumentali, oggetti e antichi donativi rari e preziosi. La mostra, curata da Giovanni Morello, è stata inaugurata il 3 settembre e si chiuderà il prossimo 8 gennaio. Il percorso espositivo è composto da opere, dipinti, sculture e arazzi di grandi maestri dell’arte, dal Cinquecento al Settecento

ed oltre, sul tema dell’Ultima Cena. Fra le opere in mostra, La carità, parte della predella della Deposizione Baglione di Raffaello, proveniente dai Musei Vaticani; l’Ultima Cena e altre scene di Luca Signorelli, proveniente dalle Gallerie degli Uffizi; l’Arazzo con l’Istituzione dell’Eucaristia di Rubens, proveniente da Ancona; l’Ultima cena del Tiziano, proveniente dalla Galleria Nazionale di Urbino; la Comunione di Santa Lucia del Tiepolo, proveniente da Venezia; l’Ultima cena del Tintoretto, proveniente dalla chiesa di S. Trovaso in Venezia; l’Istituzione dell’Eucaristia e Comunione degli Apostoli di Federico Barocci, provenienti da Urbino e da Roma; l’Ultima Cena dell’Empoli, proveniente da Firenze; l’Ultima Cena di Simon Vouet, proveniente da Loreto; la Comunione degli Apostoli di Marco Palmezzano, proveniente da Forlì e la Processione del SS. Sacramento di Guido Cagnacci, proveniente da Saludecio; La Vergine comunica san Silvestro del Ridolfi, proveniente dall’Eremo di San Silvestro di Montefano - Fabriano.

N. 14 - 17 Settembre 2011

3


ANCONA E PROVINCIA

L’ABOLIZIONE DELLE PROVINCE PORTI RIFORME Intervento del Presidente dell’Upi Marche Patrizia Casagrande di fronte a una crisi economica così grave, vadano compiute scelte coraggiose e che la riduzione dei costi della politica vadano anteposti Patrizia Casagrande, Presidente dell’Upi Marche a ogni altro taglio on la manovra finan- della spesa sociale. ziaria del governo È tuttavia necessario evitare è probabile che la che la crisi economica si trapiù volte invocata richiesta sformi in crisi istituzionale di abolire le province diventi o, ancor peggio, in crisi della realtà. Non vi è dubbio che democrazia. Come ho avuto

«C

LAVORO E SCUOLA

occasione di ribadire recentemente, non abbiamo mai considerato le province un dogma del nostro ordinamento. Vogliamo però che questo terreno del confronto sia sgombro da verità parziali o vere e proprie bugie a partire dalla razionalizzazione del sistema amministrativo che ne deriverebbe», dichiara la Presidente dell’Upi Marche Patrizia Casagrande Esposto, che auspica che «si inizi subito a discutere

un percorso di modifica della Carta istituzionale con al centro i bisogni delle comunità locali e la loro autonoma capacità di scegliere e progettare la propria crescita. Se il taglio delle province non sarà solo una demagogica risposta ai mal di pancia dell’antipolitica, ma un vero processo riformatore a servizio della collettività, ciascuno di noi è pronto a dare il proprio contributo».

SEGUE DALLA PRIMA

CIG in calo AD AGOSTO, ma a fine anno +25 milioni di ORe

N

el mese di agosto si confermano i segnali di riduzione delle ore di Cassa integrazione richieste e autorizzate nelle Marche ma il ricorso alla Cig rimane a livelli ancora molto elevati e torna a crescere la Cig in deroga. Dai dati resi noti dall’Inps ed elaborati dalla Cgil Marche, ad agosto le ore di Cassa richieste e autorizzate nelle Marche sono state 1,5 milioni di cui 113 mila ore di Cig ordinaria, 642 mila ore di Cig straordinaria e 736 milioni di ore di Cig in deroga. Le ore di Cig autorizzate nel mese di agosto hanno registrato un calo del 28,3% rispetto al mese precedente e del 61,0% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Scende anche la cassa integrazione straordinaria, registrando un calo medio del 21,1% rispetto al mese di luglio che interessa tutte le province con l’esclusione di quella di Ancona. La richiesta di Cigs torna a cresce nella meccanica (488mila ore, +8,4% rispetto a luglio). Le ore di cassa in deroga richieste e autorizzate, pari a 736 mila, registrano un lieve incremento rispetto a luglio (+0,6%).

L’augurio dI SPACCA agli studenti MARCHIGIANI

«L

a situazione è davvero preoccupante: servizio scolastico a rischio, in particolare per quanto riguarda il tempo pieno, sovraffollamento delle classi, riduzione del sostegno ai giovani disabili, penalizzazione soprattutto dei territori dell’entroterra montano. Non meno urgente è inoltre la questione di tanti giovani insegnanti precari. Per tutti questi motivi da tempo la Regione, anche coinvolgendo le rappresentanze sindacali, ha sollecitato un incontro con il Ministro dell’Istruzione Gelmini. E’ nostra ferma intenzione infatti, difendere il sistema scolastico marchigiano, una realtà di eccellenza nel panorama nazionale».

4

N. 14 - 17 Settembre 2011

INSIEME Una vivacità di cui c’era bisogno, un entusiasmo che dovrebbe continuare per essere realmente benefico. Papa Benedetto XVI dalle Marche ha lanciato l’urlo di uno sviluppo più etico, ha parlato di un tempo non facile per i giovani, della necessità di una ripartenza della società. Non è stata casuale la volontà di incontrare i fidanzati, i futuri sposi, insomma le famiglie di domani. Perché il Papa seppur ha sottolineato la necessità di stare al fianco dei separati è nella famiglia che l’unità si ritrova. La famiglia è il nucleo fondante di una società sana, pura, lungimirante, che affronta le difficoltà, che vince le battaglie e domina le ‘guerre’. Parole che sono servite anche ai tanti politici accorsi. Tutti in prima fila per ascoltare il Santo Padre e prendere da lì spunto per ricostruire una politica molto più rispettosa e meno confusionaria. Le frecce tricolore passate sopra la testa di 100mila pellegrini sono state il momento di orgoglio. Lo stesso che hanno provato la centinaia di persone che aspettavano Benedetto XVI a Colle Ameno dove ha pranzato con i lavoratori di Fincantieri, Bunge, Upper e Merloni, ma anche con i poveri e i detenuti. Un momento straordinario, un ricordo indelebile per i commensali del Pontefice stupiti perché la bevanda preferita dal Santo Padre è l’aranciata. Ad aspettarlo un menù tipicamente marchigiano. Ma tra una piatto di fettuccine con sugo di ragù bianco e un pollo con patate arrosto, c’è stato tempo anche di scattare una foto con i lavoratori. Di manifestargli la vicinanza della Chiesa al mondo del lavoro, di quanto sia fondamentale investire in questo settore che è comparto della famiglia, del progredire di una società. Ancona si aspetta ora che questo evento sia tesoro per il futuro. Si aspetta la ricrescita, la rinascita se si vuole. E spera tanto di non ricadere in un sonno profondo. Maria Gloria Frattagli


FABRIANO

IL PROGRAMMA è IL VERO E GRANDE ASSENTE! «La ricetta migliore per il 2012 non l’ho ancora trovata, ma di una cosa sono certo...» di ROBERTO MARZIALE

E

ppur si muove. Voglio

scomodare Galileo Galilei per darvi il bentornati, cari lettori del Progresso News, da un meritato e spero proficuo periodo di riposo estivo. Per quel che mi riguarda, mi sono impegnato a fondo nel cercare di comprendere i vari scenari in vista dell’appuntamento elettorale del 2012. Devo dire che fra i vari diagrammi di geometria per esaminare le possibili alleanze, mi è venuto un forte mal di testa. Dovevate vedermi sotto l’ombrellone a compiere un mio personalissimo sondaggio sommando i vari partiti ed i possibili schieramenti. Un vero spettacolo! I miei vicini in spiaggia più di una volta hanno avuto la grande tentazione di chiamare i vigili del fuoco, visto e considerato che vedevano un

sinistro fumo provenire dalla mia testa. Pd+sinistra, ma senza Rc e Pdci, con l’aggiunta dell’Idv. Pdl+Lega, ma senza l’Udc. E dendone spunto ed esempio. le liste civiche dove le metto? Insomma, miei cari, non ne ho Non si sa. Ma no, è meglio il cavato un ragno dal buco! Ed laboratorio regionale! Un at- alla fine, non sono giunto ad tacco a tre punte, come giocano alcuna soluzione. le squadre di calcio che fanno La ricetta migliore non l’ho mica trovata. Ma, poi, un’illudivertire: Pd+Idv+Udc. La sinistra, leggi Sel, la recu- minazione, una folgorazione, il più classico degli periamo al secondo turno. Anche se, Si è compiuta “Eureka”. Più che degli schemi di giol’Udc flirta con il una scelta co a geometria vaPdl? Beh, in questo riabile, spesso dettati caso, lasciamoli soli. ben definita: dalla convenienza Senza considerano lavoro, che da una reale esire, comunque, che sì party! genza di intendere la manca sempre l’esatpolitica come serta collocazione dei movimenti civici. Quest’ultimi vizio, occorre puntare su una sono in piena proliferazione. piattaforma programmatica in Manco avessero avuto per le grado di poter rispondere alle mani un manuale di biologia reali esigenze dei cittadini. ed avessero, quindi, scoperto Mi potrete obiettare che ho la divisione delle cellule, pren- scoperto l’acqua calda! Certo

IN BREVE

ARTIGIANATO WEEK-END CON L’EXPO N. 24 - Expo Marche rinnova la 24a Mostra dell’Artigianato di Fabriano con l’apertura a Palazzo del Podestà di una nuova sezione dedicata alla carta. L’idea Una immagine delle precedenti edizioni dell’Expo Marche

è vero, ma sinceramente sfogliando i quotidiani, sia a livello nazionale che locale, mi sono accorto che il grande assente sul palcoscenico politico è proprio il programma. Si preferisce saltare di poltrona in poltrona come l’ape Maia di fiore in fiore, vedi mai che si decida finalmente di cassare qualche Ente intermedio. Perché l’importante è avere una poltrona sulla quale accomodarsi. Del resto, si è compiuta una scelta ben definita: no lavoro, sì party! Lungi da me soffocare questo must di vita, ma certo non si può far passare inosservato che i politici di professione prolificano anche dalle nostre parti. Una scelta ben definita e definitiva, in attesa della pensione… speriamo anche dalla politica!

dell’iniziativa poggia sulle solide basi della tradizione ultracentenaria per guardare al futuro e alle prossime generazioni in modo da consolidare quanto il passato ha tramandato alla città e ai suoi abitanti, aprendo loro nuove opportunità in modo da poter ricostruire una filiera economica che offra prospettive di sviluppo artigianali e turistiche legate alle arti, alla cultura e alla tradizione che hanno avuto da cinque secoli nel supporto cartaceo il loro principale mezzo espressivo. Essendo Fabriano riconosciuta a livello mondiale come la “Città della carta”, è fondamentale rilanciare le attività artigianali afferenti a questo settore. La White Economy, come è stata definita l’iniziativa, comincia qui il suo percorso che ci aspettiamo abbia lunga durata e crescita costante. La mostra-mercato, inaugurata lo scorso 15 settembre proseguirà fino a domenica 18. Giovedì scorso si è tenuta una tavola rotonda con relatori di spicco sul tema “Il valore economico di una tradizione”. N. 14 - 17 Settembre 2011

BCC ARTISTI IN MOSTRA - La mostra promossa dal Comitato promotore della costituenda Bcc di Fabriano e Vallesina si arricchisce di altri due artisti. Agli espositori già presenti presso gli ex Magazzini Latini si aggiungono Silvia Calderigi ed Antonio Cerquarelli. Silvia Calderigi, titolare di uno studio grafico nel centro di Sassoferrato si occupa da anni di immagine a tutti i livelli, mentre il sassoferratese Antonio Cerquarelli è un poeta dell’introspezione, degli affetti e dell’amore per la natura, dei legami che avvincono l’autore alla sua terra. Si ricorda che quanti fossero interessati ad usufruire della possibilità di esporre presso gli ex Magazzini Latini lo possono fare in modo del tutto gratuito contattando la sede della costituenda Banca di Credito Cooperativo di Fabriano e Vallesina in Corso della Repubblica.

5


FABRIANO

FABRIANO TORNA A SCUOLA La situazione degli Istituti scolastici di Fabriano tra accorpamenti e nuove specializzazioni

P

er l’anno scolastico 2011-2012 sono molte le novità strutturali negli istituti fabrianesi. Da settembre 2011 l’Itis Merloni e l’Ipsia Miliani sono stati accorpati e la nuova dicitura della scuola è Istituto di Istruzione Superiore “Merloni-Miliani”, che ha mantenuto sia i corsi e le specializzazioni che la specificità. Il Dirigente scolastico, Giancarlo Marcelli, presenta la novità: «Il nuovo Istituto affronta il nuovo anno scolastico con l’impegno di migliorare ed ampliare l’offerta formativa tecnico-professionale del settore industriale, indispensabile per rilanciare la ripresa economica del territorio. L’Istituto Tecnico ha mantenuto il trend di iscritti dello scorso anno, con l’apertura di 3 classi prime, e si è arricchito dei nuovi indirizzi previsti dagli ultimi ordinamenti: in particolare le novità riguardano l’opzione Carta per l’indirizzo Grafica e Comunicazione; l’opzione di Biotecnologie sanitarie per l’indirizzo Chimica. Dal mese di novembre, partiranno anche i due nuovi corsi di Istruzione Tecnica Superiore per il settore energetico: Tecnico superiore per l’approvvigionamento energetico e la costruzione di impianti e Tecnico superiore per la gestione e la verifica di impianti energetici. L’Istituto professionale (nella foto a sinistra) ha mantenuto gli indirizzi dello scorso anno, sia nel settore della Manutenzione elettronica e meccanica che nel settore Abbigliamento e moda. Con i corsi serali per Perito Informatico, complessivamente gli studenti superano le 700 unità, confermando la rilevanza dell’Istituto nel territorio, anche in termini quantitativi». Costante contaminazione tra i linguaggi e forte attività di elaborazione culturale sono l’indirizzo che il Prof. Claudio Baldassarri responsabile della sede di Fabriano del Liceo Artistico “Edgardo Mannucci”, intende imprimere al suo istituto: «Un modo di concepire l’istruzione artistica che è frutto di dialogo e di strategie progettuali in grado di produrre percorsi nei quali si riconosce la comunità dei docenti. La scuola, all’interno di una specifica ed articolata educazione alla creatività, intende fornire strumenti e conoscenze per l’apprendimento di una corretta metodologia progettuale in ambito grafico: un cammino formativo che, per essere di qualità, non può essere disgiunto da una adeguata capacità di analisi storico-critica di stili, poetiche, forme e linguaggi. Passa anche attraverso la disponibilità a contaminarsi la tanto auspicata costruzione di una nuova relazione tra i saperi e con i vari soggetti presenti sul territorio. Il ripensamento della didattica in chiave progettuale sviluppato in questi anni può rivelarsi di aiuto nell’affrontare le sfide poste ad una scuola che certamente è venuta mutando profondamente nel tempo, ma che nella sostanza continua a dover rispondere ad una domanda che è a fondamento della attività educativa non solo dell’oggi: quella relativa a come operare possibili suggestioni in grado di essere colte dagli studenti, di esser accolte e comprese nel dialogo educativo quotidiano. Sono 98 gli studenti del Classico “Francesco Stelluti” (foto a destra) frequentanti le prime classi dei tre indirizzi classico, linguistico, scienze umane. Spiega il Dirigente scolastico Francesco Maria Orsolini che «a causa di un numero insufficiente di domande d’iscrizione, non è stato invece possibile attivare il quarto indirizzo del Liceo economico-sociale, autorizzato dalla Regione Marche e che sarà di nuovo richiesto per il 2012-13. Rispetto all’anno scolastico

6

N. 14 - 17 Settembre 2011

precedente, risultano in diminuzione gli iscritti all’indirizzo classico, mentre sono in crescita quelli del linguistico e delle scienze umane. L’interpretazione del dato è complessa, ma una delle possibili spiegazioni può essere senz’altro la correlazione con il quadro economico-sociale della città e del territorio, interessato da una fase recessiva che può aver consigliato a molte famiglie la scelta di indirizzi scolastici, percepiti come più attrattivi ai fini occupazionali. Se così fosse dovremo valorizzare i punti di forza del curriculum classico, che costituisce ancora oggi una delle basi più solide per formare il pensiero critico e per costruire con successo percorsi universitari e professionali, anche molto lontani dall’ambito umanistico. Alle attività didattiche del Liceo, nell’ambito dell’internazionalizzazione, della salute, dell’educazione alla lettura, alla scrittura creativa e all’espressione teatrale, quest’anno si aggiungerà una specifica offerta formativa musicale». «Le iscrizioni sono andate molto bene al Liceo Scientifico» sottolinea la prof.ssa Adriana Verdini, Dirigente scolastico, «ed hanno permesso la costituzione di un’ulteriore classe prima, pertanto risultano quattro classi di liceo scientifico ed una di liceo delle scienze applicate. Non si sono riscontrate particolari problematiche. I docenti, anche se a ridosso dell’inizio delle lezioni, sono stati tutti assegnati alle classi. L’attività didattica è già iniziata con una classe di studenti impegnati dal 1° settembre con il progetto “Impara ad Intraprendere” con Confindustria Ancona».

POLO FORMATIVO MOREA

D

al primo settembre 2011 è stato istituito il Polo formativo Alfredo Morea, un polo di servizi con quattro indirizzi: ambiente e territorio, amministrazione finanza e marketing, turismo, agrario. Per l’anno scolastico 20112012 il Polo Morea è quello che a Fabriano vanta il maggior numero di studenti iscritti. Il Dirigente scolastico del Polo Formativo Alfredo Morea, Oliviero Strona, illustra l’attuale impostazione e anticipa che per l’anno prossimo - sono già state avviate le procedure - si sta cercando di far nascere il quinto indirizzo, legato al settore alberghiero, per far fronte alla carenza lavorativa con un’offerta formativa che vada a incidere sul turismo e l’accoglienza, la ricettività e la promozione del territorio, carte vincenti in un momento di crisi industriale come questo. Per l’anno scolastico 2011-2012 sono state create cinque prime classi al Morea e due all’agrario, per un totale di circa 150 alunni iscritti a fronte di 750 circa totali. Un trend in leggero aumento rispetto allo scorso anno, un 10% in più. Oltre 35 classi totali sono state istituite nel polo formativo per questo anno scolastico.


FABRIANO

AREA VASTA, LE SEDI FANNO DISCUTERE S

u proposta dell’Assessore alla Salute, Almerino Mezzolani, la Giunta regionale ha approvato, lo scorso 5 settembre, la collocazione delle sedi delle cinque Aree vaste territoriali. Per le province di Macerata, Fermo e Ascoli Piceno le sedi saranno nei capoluoghi di provincia, mentre per quelle di Ancona e Pesaro e Urbino - dove i capoluoghi sono sede di aziende ospedaliere - il coordinamento di area viene confermato, rispettivamente, a Fabriano e Fano. I Consiglieri regionali del Pd Fabio Badiali e Enzo Giancarli hanno commentato: «Avremmo anche noi preferito un percorso partecipato con il coinvolgimento delle istituzioni locali, dei territori, delle organizzazioni sindacali, in modo da produrre scelte coerenti nella costruzione della dimensione regionale». Inoltre i Consiglieri condividono «le dichiarazioni dei Sindaci di Jesi e Senigallia, Fabiano Belcecchi e Maurizio Mangialardi, in quanto - contrariamente a quello che ritiene l’Assessore Mezzolani - non esprimono una posizione localistica ma manifestano un respiro strategico e privilegiano nella filosofia dei loro ragionamenti la necessità di garantire il diritto alla salute e i servizi socio-sanitari alle Comunità che rappresentano». Il Presidente della Regione Gian Mario Spacca ha risposto alle considerazioni sulle sedi dell’Area Vasta: «Nell’individuazione delle sedi delle Aree Vaste territoriali il Presidente e la Giunta hanno puntualmente esercitato le proprie prerogative. Quanto al merito, ricordo, per chi ancora non se ne fosse accorto, che Fabriano e Fano già da due anni erano sedi del coordinamento di Area vasta, ma non abbiamo mai ascoltato

evidentemente si sono fatti prendere dallo spirito localistico e del campanile che, più volte, li ho sentiti bacchettare. Belcecchi e Mangialardi hanno sparato su Fabriano che conserva, e sottolineo conserva, la direzione dell’Area Vasta Sanitaria dell’anconetano con motivazioni del tutto incomprensibili». «Non posso non rilevare che le polemiche sono tra esponenti dello stesso partito a cui io stesso appartengo. Quando c’è da esprimere una opinione non sono certo il tipo che si nasconde o usa termini o espressioni che vogliono significare qualche altra cosa», spiega Sorci. «Ecco perché L’ingresso dell’Ospedale “Profili” di Fabriano dico senza peli sulla lingua che se da un lato duramente per una crisi indu- parliamo sempre di regione striale senza precedenti che equilibrata, di riequilibrio dei tocca oltre tremila famiglie. territori anche attraverso le Questa città ha oltre il 50% scelte politiche, a queste afferdegli addetti impiegati nel set- mazioni dobbiamo far seguire tore privato, essendo sprovvista fatti. Altrimenti tutto può di attività istituzionali e servizi accadere e sulla logica che ha amministrativi pubblici, pur ispirato queste polemiche del contribuendo più di altre, con tutto strumentali si potrebbe una quota rilevantissima di tas- inserire anche il futuro assetto sazione, al finanziamento del della Provincia di Ancona, da come scaturirà dalle prossime sistema dei servizi regionale». Anche il Sindaco di Fabriano elezioni. Visto che Jesi è bariRoberto Sorci ha commentato centrica, per esempio, dico alla le polemiche sollevate da alcu- sen. Amati ed al Sindaco Manni sindaci. «Sono esterefatto: gialardi potremmo sposare la due colleghi che ho sempre tesi di favorire una candidatura ritenuto capaci ed equilibrati della Vallesina». una parola contro questo dato di fatto nell’ultimo biennio. Trasferire la sede dell’Area Vasta da Fabriano ad Ancona avrebbe contrastato contro il principio, da sempre seguito dalla Giunta regionale, di policentrismo e della distribuzione dei servizi sul territorio. Inoltre, Fabriano», prosegue Spacca, «è una comunità che sta soffrendo

N. 14 - 17 Settembre 2011

IN BREVE FABRIANO NASCE FABRIANO BENE COMUNE - Dall’esigenza di costruire uno spazio aperto al dialogo e al confronto nel nostro territorio sta nascendo l’associazione “Fabriano Bene Comune“. L’obiettivo è quello di incentivare il confronto tra le varie componenti politiche, sociali ed economiche della città al fine di creare una reale sinergia all’interno del tessuto fabrianese. Importante investire totalmente nel rinnovamento del personale politico attraverso il metodo delle primarie per la scelta del candidato a Sindaco e nell’adozione di un programma serio e qualificante: riqualificazione dei servizi sociali, nuovo Piano Regolatore e Piano Casa, attenzione all’ambiente, stesura di un modello di ripresa economica, formativa e occupazionale. Info http://fabrianobenecomune.noblogs.org. FABRIANO UN TURISMO ACCESSIBILE - L’Associazione Onlus Strabordo grazie a due progetti, uno finanziato dal Centro Servizi per il Volontariato delle Marche e l’altro dal Sistema Turistico della Marca Anconetana, presenta la sezione “Turismo Accessibile” visitabile dai siti www.fabrianoturismo.it/accessibile e www.marcaanconetana.it/ accessibile. Nelle pagine web sono suggeriti degli itinerari accessibili per ognuno dei Comuni interessati (Fabriano, Arcevia, Cerreto d’Esi, Cupramontana, Genga, Mergo, Rosora, Sassoferrato, Serra San Quirico, Staffolo) e tutte le informazioni utili a chi ha problemi di mobilità. Tutti i percorsi e le strutture sono state visionate da persone con disabilità fisiche dell’Associazione Strabordo che ha curato le rilevazioni ed ha verificato la godibilità e la fruibilità degli itinerari proposti.

7


FABRIANO - SPECIALE

COMITATI DI QUARTIERE, DIAMO Quartiere BORGO

Quartiere CERVARA

Andrea POETA - Siamo intenzionati a riscrivere le regole di convivenza e a dare nuove luce al quartiere. Per questo abbiamo pubblicato un sito (http://comitatodelborgo.altervista.org/) che si propone di dare voce ai cittadini per migliorare la qualità della vita e della sicurezza. Strumento dove vengono anche pubblicati i verbali delle assemblee pubbliche del comitato, costituitosi a maggio del 2011. Punto di forza del Comitato, nei suoi rapporti con la cittadinanza, è il blog. Lì si possono segnalare le problematiche del quartiere: si legge di informazioni ricevute direttamente dai commercianti del centro storico sia della zona del Borgo sia del Piano dove dei vandali hanno colpito alcune attività commerciali sempre con il solito obiettivo: il registratore di cassa. Si parla di baby gang e di agenti in borghese per sorvegliare il quartiere, ma si fanno anche proposte all’Amministrazione, come quella di installare sistemi di videosorveglianza per la sicurezza del centro storico per evitare furti e atti vandalici, come il suggerimento di parcheggi per residenti e commercianti, come il recupero della zona posta dietro il Cinema Giano, Farmacia Popolare, Sma e Macelleria della piazza Garibaldi. E ancora, limiti di velocità, dossi rallentatori e segnaletica varia. Dove l’Amministrazione è intervenuta con efficacia, nel blog campeggia un grande ok con relativi ringraziamenti. Ma l’obiettivo del Comitato è rendere attivo ogni cittadino: «Collabora attivamente con il Comitato del Borgo!», si legge in un post. «Se possiedi una macchina fotografica o un telefonino e vedi qualcosa che non va, fai una fotografia e mandacela per email al seguente indirizzo comitatodelborgo@virgilio.it».

Paolo BERGAMO - L’esperienza del Comitato di Quartiere è ancora allo stato embrionale, essendoci insediati solo nella scorsa primavera e rappresentando il Comitato stesso un istituto inedito per il nostro Comune, per lo meno nella forma dell’elezione diretta. Va onestamente riconosciuto che i Comitati nella quasi totalità, e sicuramente per quanto riguarda quello della “Cervara”, si trovano a dover fronteggiare un limite “politico” di base, rappresentato dalla scarsa (nel nostro caso addirittura scarsissima…) affluenza alle urne. L’attività del nostro Comitato ha finora mirato a darsi una struttura organizzativa e ad individuare alcune questioni da approfondire con l’Amministrazione - con la quale, ad esempio, abbiamo intenzione di promuovere un confronto sulla vicenda della nuova Casa di Riposo, che dovrebbe sorgere nel territorio di nostra competenza - e soprattutto con i cittadini del quartiere. A quest’ultimo proposito, stiamo preparando un’assemblea di quartiere che prevediamo di tenere tra la fine di settembre ed i primissimi giorni di ottobre per ascoltare le esigenze dei cittadini, anche in vista della predisposizione del prossimo bilancio di previsione, nel cui iter di preparazione il vigente regolamento assegna ai Comitati di Quartiere un ruolo di rilievo. Sappiamo che il lavoro da svolgere è molto intenso, come pure del nostro ruolo per così dire “di transizione”, ma il nostro impegno è quindi quello di far conoscere e valorizzare questo importante strumento di partecipazione diretta alla gestione municipale, ponendo le basi per una partecipazione sempre più attiva dei cittadini all’amministrazione del territorio.

Quartiere PISANA

Quartiere PIANO Alessandro AQUILANTI PELAGALLI - Come Comitato di quartiere del Piano ci siamo riuniti diverse volte con una sola assemblea pubblica, al momento, che è servita prima di tutto a capire, dove intervenire, nel sensibilizzare l’attenzione e la partecipazione della cittadinanza. Principalmente le segnalazioni più toccanti hanno riguardato la viabilità, lo stato delle strade, i disservizi in genere e l’incuria del quartiere. Le proposte sono state tutte accolte in sede dell’Assemblea e molte ancora in attesa di sviluppo perché, interventi che coinvolgono le finanze comunali, quelle più semplici come cura del verde pubblico o segnaletica sono già state evase. Il principale obiettivo è quello di avere una presenza in quartiere capillare, e corrisposta al fine di accelerare il movimento delle informazioni da e per l’amministrazione comunale. Soddisfazione più grande potrebbe essere la richiesta a gran voce della cittadinanza, del rinnovo dell’organo del comitato una volta che si sia rinnovata la giunta comunale, segno di un operato passato di buon livello. Con l’Amministrazione comunale i rapporti sono molto buoni ed intensi, ricchi di compresnione e collaborazione. Parole di elogio voglio spendere in prima persona a titolo di ringraziamento, al Sindaco Roberto Sorci che ha dimostrato un interesse ad ogni piccola segnalazione e al confronto del tutto sorprendente ed apprezzato e all’Assessore Paglialunga, sempre pronto ad ascoltare e ad aiutare. Con la cittadinanza e con gli abitanti del quartiere abbiamo il nostro più grande impegno, perché è fondamentela migliorare la conoscenza di noi del comitato presso la cittadinanza di quartiere, e attirare di più la loro collaborazione.

VENDESI cappannone industriale di Mq. 400

TANTI AUGURI MARIA ELENA da papà Stefano e mamma Silvia

in fraz. Marischio 140/F

(vicino ditta Airforce)

Per contatti tel. 0732.71431

8

Maurizio CORTE - Essendo i 7 membri del Consiglio residenti nei vari rioni del quartiere, è stato più facile individuare le diverse problematiche. I problemi sono stati fotografati e alcuni sono già stati definiti come la riparazione della pensilina in via Campo Sportivo, la sistemazione di buche profonde in via Bellocchi, tagli di siepi ingombranti fatte sistemare dai proprietari e il taglio di tutta l’erbaccia alta 1,5 metri nella vasta area di via Dante­ rotatoria sottostante il cimitero e fianco palazzo Laurenzi che impediva la visuale alle autovetture. Rimangono ancora in sospeso diverse richieste. Inoltre era stato chiesto un sopralluogo da parte dell’amministrazione per gravi problematiche urbanistiche in via Bellocchi, cosa avvenuta con gli Assessori Paglialunga e Romani. Per i prossimi mesi abbiamo in programma una riunione del Consiglio per stabilire una Assemblea pubblica in modo da coinvolgere direttamente gli abitanti del quartiere e ascoltare dalla loro viva voce le proposte. Il comitato di quartiere ambisce a favorire quel processo democratico e partecipativo sul territorio comunale finalizzato a facilitare l’aggregazione di interessi diversi e diffusi indipendentemente dai loro riferimenti ideologici politici. I rapporti con l’Amministrazione, al momento sono improntanti alla collaborazione reciproca. è nostra intenzione convocare a breve Enti ed Associazioni per ascoltare anche le loro problematiche e farci portavoce verso la pubblica amministrazione. I rapporti con gli abitanti attualmente sono stati possibili grazie alla conoscenza diretta. Purtroppo l’iniziativa dei Comitati di Quartiere non è stata molto amplificata dalla stampa: ora tocca a noi farci conoscere con assemblee pubbliche, giornali, e soprattutto internet.

N. 14 - 17 Settembre 2011


FABRIANO - SPECIALE

VOCE AI RAPPRESENTANTI 1

O

ltre ai Presidenti dei quartieri di Fabriano abbiamo anche ascoltato i Presidenti delle frazioni. Il Presidente delle Frazioni del Quartiere Borgo, che comprende Marischio, Melano, Campodiegoli, Cupo-Vallina, Bastia, Rucce-Viacce, Coccore, S. Donato, Nebbiano, Daniele Trinei (foto 1) ha spiegato che gli «incontri dei singoli rappresentanti delle frazioni con i propri abitanti, dai quali sono emerse varie problematiche, alcune risultano di importanza generale e comune per tutte, altre specifiche per ogni singola frazione. Si è proseguito con diverse riunioni del comitato per analizzare le richieste delle singole frazioni che hanno portato poi alla stesura di un documento riportante tutti i punti ritenuti prioritari, il quale è stato inviato all’esame dell’Amministrazione comunale, che in seguito ne discuterà insieme ai Presidenti. I rapporti con l’Amministrazione al momento sono costruttivi, resta da vedere quanto verrà realizzato di quello da noi richiesto. Con i cittadini il rapporto è di collaborazione, sono fiduciosi della nuova istituzione che gli permette un contatto diretto con l’amministrazione, sperando dia risultati positivi alle loro esigenze». Il Presidente delle Frazioni del Quartiere Cervara, che comprende Argignano, Attiggio, Bassano, Collamato, Paterno, San Michele, Fausto Falsetti (foto 2) ci ha risposto che «sono passati quattro mesi dalla costituzione dei comitati di quartiere e di frazione, ed è tempo di tirare un primo bilancio dell’attività svolta dal comitato di frazione della Cervara che presiedo. Dopo neanche un mese dalle elezioni avevamo già raccolto le richieste delle nostre fra-

2

3

4

zioni rilegandole in un verbale ufficializzato agli organi competenti dell’Amministrazione comunale. Ne abbiamo parlato insieme agli assessori, coinvolgendoli in una riunione svoltasi nella nostra sede ufficiale il Circolo Fenalc di Argignano. Da subito sono emerse le difficoltà tipiche del momento in cui viviamo. Di fronte alle nostre richieste c’era da fare i conti con le poche risorse economiche a disposizione, ma, ben consapevoli di ciò, tutti, a partire dai nostri concittadini hanno dato la loro disponibilità offrendo il loro tempo libero per il raggiungimento degli obiettivi. Credo altresì che ogni Amministrazione comunale debba far leva su questa disponibilità e coltivarla affinché non si disperda. Sta di fatto che ad oggi i risultati tardano ad arrivare, ma ci tengo a ribadire che a fronte dell’impegno che ogni rappresentante offre ci si scontra con le problematiche economiche sopra dette rendendo difficile ed allungando i tempi di raggiungimento degli obiettivi. Chiedo ai cittadini, di non cadere nel qualunquismo di: “Tanto non serve a niente” “tanto non cambierà mai niente”. Bisogna crederci! Da parte mia e degli altri membri del comitato, rimane comunque la volontà di portare

avanti con dedizione l’impegno che ci siamo presi nei confronti di chi ha creduto in noi». Il Presidente del Comitato delle Frazioni del Quartiere Piano, che comprende Cancelli, Valleremita, Cacciano, Serradica, Campodonico, Belvedere, Franco Campioni (foto 3) ci ha spiegato che la scelta del comitato è stata quella di «effettuare le nostre riunioni in maniera itinerante nelle varie frazioni sia per un confronto diretto con la cittadinanza sia per vedere più da vicino le problematiche delle varie realtà con cui ci dobbiamo raffrontare. Il comitato ha già provveduto a redigere un documento con tutte le priorità e le necessità delle varie frazioni che in alcuni casi sono urgenti ed importanti, vista la cronica mancanza di manutenzione che da anni affligge le nostre frazioni. Il Comune ci ha convocati per la prossima settimana per comunicarci quali e quanti interventi saranno possibili fare e in quali tempistiche. Appena fatta tale riunione il comitato porterà a conoscenza la cittadinanza del risultato, con la speranza che l’abbandono delle nostre frazioni finisca al più presto visto che un terzo della popolazione di Fabriano vive proprio nelle frazioni e paghiamo le stesse

tasse della città quindi non vogliamo sentirci più cittadini di serie B». Invece il Presidente del Comitato delle Frazioni del Quartiere Pisana, che comprende Moscano, Vallemontagnana, Collegiglioni, Castelletta, Rocchetta, Albacina, San Giovanni, Precicchie, Poggio San Romualdo, Vigne, Grotte, Pecorile, Pietro Prioretti (foto 4) ci ha raccontato che «l’attività del Comitato di Quartiere consiste nel raccogliere le problematiche e farle presente al Comune. Il prossimo 21 settembre ci sarà un incontro con l’Assessore Romani, proprio per presentare le segnalazioni che ci hanno fatto i cittadini. Il 99% di queste riguardano il settore urbanistico: strade, pulizia del paese, fogna, illuminazione... Il nostro obiettivo è quello di far realizzare queste opere. I cittadini pensano che il Comune si sia dimenticato delle frazioni poiché aumenta sempre di più il degrado. C’è una forte rabbia verso l’Amministrazione poiché vediamo che per le frazioni non ci sono mai i soldi. Questo porta nei cittadini un senso di abbandono. Il lavoro svolto dai comitati di quartiere è del tutto volontariato, il Comune non ci finanzia e questo è bene che i cittadini lo sappiano».

N. 14 - 17 Settembre 2011

9


FABRIANO

IL PREMIO GENTILE A ENNIO MORRICONE

IN BREVE

La XV edizione si terrà nel segno del sen. prof. Carlo Bo (1911-2001) fondatore del Premio, nel centenario della nascita e nel decennale della morte

E

nnio Morricone nella Sezione “Carlo Bo per l’arte e la cultura”, Ernesto Olivero nella Sezione “Vite di italiani”, Vincenzo Consoli nella Sezione “Economia, impresa e società”, Andrea Molaioli per il Premio speciale della Giuria e Giuseppe Novelli nella Sezione “Scienza,

ricerca e innovazione”, sono i vincitori della XV Edizione del Premio nazionale Gentile da Fabriano. Ennio Morricone, premio Oscar alla carriera nel 2007, famoso per le sue numerose e ben note colonne sonore cinematografiche, è un vero maestro della musica. Apprezzato in tutto il mondo, ha venduto più di 50 milioni di dischi. E r n es t o O l i ve ro , più volte candidato al Nobel per la pace da Giovanni Paolo II, Madre Teresa di Calcutta, Giovanni Agnelli e Norberto Bobbio, ha fondato a Torino il Sermig (Servizio Missionario Giovani), noto come l’Arsenale della Pace, divenendo, nel corso degli ultimi anni, agente mondiale della Alato cavallo solidarietà. Vincenzo del gallo di Giano la scultura che verrà Consoli, amministraconsegnata ai vincitori del premio tore delegato di “Ve-

IL LIBRO Nuovo libro per il quarantaduenne fabrianese Stefano Gatti dal titolo “Lo zolfo a Cabernardi e Percozzone”. Si tratta di un lavoro di grande valore «in quanto è organico, omogeneo ed originale poiché tratta solo l’aspetto storico aziendale e lo fa dopo aver consultato fonti finora inedite come l’archivio della Montecatini-Montedison, presso l’Aquater di S. Lorenzo in Campo, con rigore scientifico, come mai prima d’ora in altre pubblicazioni storiche», scrive il prof. Renzo Franciolini nella prefazione del libro. L’opera è articolata in 11 capitoli, nei quali si ripercorre tutta la storia della ricerca di zolfo dal 1873 al 1960. Lo stesso autore parla di un «contributo nuovo ed originale essenzialmente per due motivi: l’attenzione preponderante sulla storia aziendale e l’aver utilizzato quasi esclusivamente come fonti gli archivi storici». Il libro è edito da Marche Contemporanee. Per informazioni sul reperimento del libro rivolgersi al Centro Studi di Sassoferrato a Padre Stefano Trojani.

10

N. 14 - 17 Settembre 2011

Ennio Morricone riceve il premio Oscar

neto Banca”, è riuscito a far crescere una piccola banca del Nordest, portandola ad essere il decimo gruppo creditizio nazionale. L’Istituto finanziario è cresciuto con numerose acquisizioni e in virtù di una filosofia d’impresa che conserva legami fortissimi con il territorio. Andrea Molaioli, di origini fabrianesi, dopo molti anni di “gavetta” al alto livello, assistente alla regia con Nanni Moretti, Carlo Mazzacurati e Marco Risi, si è imposto all’attenzione della critica con la regia di due ottimi film, “La ragazza del lago”, con cui ha ottenuto, nel 2008, il David di Donatello per il miglior regista, e, recentissimo, “Il Gioiellino”, film drammatico incentrato su uno dei crack finanziari più gravi degli ultimi decenni, quello Parmalat. Il titolo del film riprende una battuta attribuita anni fa a Callisto Tanzi, titolare della “Parmalat”: “A parte quei 14 miliardi di buco, l’azienda è un gioiellino”. Giuseppe Novelli, genetista, scienziato di vaglia, membro di numerose società scientifiche internazionali, è attualmente impegnato in importanti ricerche sulle cellule staminali. Preside della facoltà di Medicina e Chirurgia della II Università di Roma, è uno dei sette membri dell’Anvur, l’organismo del Ministero dell’Università per la valutazione del sistema universitario nazionale. La cerimonia di consegna dei Premi si terrà a Fabriano il prossimo 15 ottobre 2011, ore 10.30, presso l’Oratorio della Carità. La XV edizione del Premio si svolgerà nel segno del Sen. Prof. Carlo Bo (19112001), fondatore del Premio, nel centenario della nascita e nel decennale della morte.

FABRIANO TORNA IL MUSICAL “DOVE SEI?” - A grande richiesta torna il musical “Dove sei?”, realizzato dalla pastorale Giovanile della Diocesi di Fabriano-Matelica in collaborazione con il Comune e con l’Amat, che dopo aver saputo del grande successo ottenuto ad aprile ha deciso di utilizzare questa creatura “made in Fabriano” per inaugurare e per lanciare la nuova stagione teatrale del Gentile, ricchissima di eventi straordinari. Per chi se lo fosse perso nella prima edizione o per chi non avesse trovato i biglietti andati a ruba, o

per chi volesse tornare a vederlo, il Teatro Gentile ospiterà ancora ben tre date. Un grande successo e un grande consenso di pubblico per uno spettacolo amatoriale realizzato interamente da attori, ballerini, cantanti e orchestrali non professionisti. vale la pena, non perdetelo! Tutte le informazioni su www. musicaldovesei.com. Le repliche sono sabato 17 settembre ore 21, domenica 18 settembre ore 17. Biglietti in vendita presso la biglietteria del Teatro Gentile di Fabriano.

In apertura della cerimonia di consegna dei Premi, la prof. ssa Nicola Panichi, ricorderà la figura e l’opera dell’illustre letterato. Nell’atrio dell’Oratorio della Carità, inoltre, la presenza del prof. Bo nelle prime quattro edizioni del Premio sarà “illustrata” da oltre trenta immagini fotografiche. Tra le iniziative del Premio infine, la nuova edizione, a cura di Galliano Crinella, del volume di Carlo Bo, “Aspettando il vento”, pubblicato nel 1976 con Carlo Antognini, nelle edizioni “L’Astrogallo”, non più disponibile e la mostra fotografica di Giacomo Ilari, “Paesaggi marchigiani”, promossa in collaborazione con il “Fotoclub Arti Visive” di Fabriano al pianoterra di Palazzo Chiavelli (inaugurazione il 14 ottobre; apertura fino al 23).


FABRIANO

CORSI DI AGGIORNAMENTO PER GLI ALIMENTARISTI

C

ontinua, come da alcuni anni, l’organizzazione del corso di formazione in merito alla norma regionale 2173 che ha sospeso il rinnovo dei libretti sanitari. è sempre la Cna di Fabriano in collaborazione con la Cna Tecno Quality, ad impegnarsi nella messa punto del momento formativo. Il Presidente ed il Segretario del sodalizio, Mauro Cucco e Mirco Gaggiotti, evidenziano che «anche per il 2011 abbiamo organizzato per le imprese del territorio di Fabriano e dei Comuni limitrofi il corso di formazione obbligatorio per le imprese del settore alimentare. Percorso maggiormente conosciuto con la sigla Haccp che prevede una serie di incontri organizzati presso la sede Cna di Fabriano, a partire dal 19 settembre per concludere la formazione il 26 settembre. L’obiettivo è rispondere alle esigenze delle imprese e garantire a quelle del territorio una formazione necessaria e continuativa per ottenere gli aggiornamenti obbligatori per legge e gli attestati che consentono a chi vuole fare impresa di aprire la propria attività con tutti i documenti richiesti. Il corso sulla sicurezza alimentare è obbligatorio per tutti coloro che svolgono una delle seguenti attività: preparazione, trasformazione, fabbricazione, confezionamento, deposito, trasporto, distribuzione, manipolazione, vendita o fornitura, compresa la somministrazione di prodotti alimentari». (d.g.)

FOTONOTIZIA ALLO CHALET LA BELLEZZA IN PASSERELLA - Seconda edizione dell’iniziativa “La bellezza in passerella”, sfilata che si è svolta lo scorso 2 settembre presso lo Chalet dei giardini pubblici di Fabriano. Le modelle e i modelli hanno indossato capi ed accessori della linea autunno/inverno appartenenti a Nara Camicie (abbigliamento), Target by Rinascimento (abbigliamento), Tradizioni e tentazioni (intimo), Ottica Palma (occhiali), Cose Così (bigiotteria e accessori), Due Lune (calzature), L’Eccezione (parrucchieria), Estetica Eshal (estetista e truccatrice). Il palco è stato allestito da La Rosa Blu (fiori) e da Arte e Stile (mobili d’autore). Durante la serata si è svolta anche la presentazione ufficiale della squadradi basket Spider Fabriano. «Sono molto felice del successo che abbiamo riscosso, che è stato ancora più grande di quello dello scorso anno. Ho voluto dimostrare anche che per “accendere Fabriano” non ci vuole poi molto, basta solo avere la voglia e si fa tutto», ha commentato Valentina Papi, art-director della serata. “Bellezza in passerella” è stata presentata da Matteo Pasquali; hanno sfilato - oltre alla stessa Papi - Genny Manieri, Natascia Luchetta, Consuelo Agostinelli, Giona Gabarrini, Claudio Moronci, Vittoria Belogi, Laura Pallotta, Alice Cognini e Andrea Maria. Hanno contribuito alla realizzazione della serata anche Am Elite by Astral Music (sponsor principale), Airforce, Fast Service, Procacci, Ristorante Lucignolo, Carrozzeria martinelli, Ideal Gomme, Valentina Vendo e Compro Oro, Eurostock e Termotecnica.

Da sinistra: Mirco Gaggiotti e Mauro Cucco

IN BREVE COTTON CLUB SOLUZIONE PER IL MOMENTO DI CRITICITà - Si sono incontrate le organizzazioni sindacali Filctem-Cgil e Femca Cisl, le rappresentanze sindacali, e l’azienda Cotton Club di Fabriano, lo scorso 2 settembre, per analizzare la situazione di difficoltà che persiste in azienda e per trovare soluzioni utili a superare il momento di criticità. Dopo ampia discussione, si è convenuto di richiedere l’utilizzo della cassa integrazione straordinaria, dopo un percorso che aveva già visto l’utilizzo del contratto di solidarietà prima e della Cigo poi. Filctem Cgil e Femca Cisl hanno convenuto nell’applicare una rotazione seguendo trimestralmente, con incontri mirati, l’effettiva sospensione dei lavoratori ma anche un monitoraggio dell’andamento economico e occupazionale dell’azienda, nella volontà di ridurlo il più possibile. Nei prossimi giorni, Filctem Cgil e Femca Cisl si incontreranno con l’azienda presso la Regione Marche per la ratifica dell’accordo. SEL FAVOREVOLE AL RINNOVAMENTO POLITICO - La storia della sinistra è, in Italia e a Fabriano, la storia di continue scissioni e frammentazioni: è arrivato il momento di costruire un fronte comune, capace di guardare al futuro e alle prossime elezioni in una visione più unitaria e collaborativa. In quest’ottica Sel si colloca e si rivolge al centrosinistra, ma vuole anche guardare alla società civile e alle componenti movimentiste che si radicano nel territorio fabrianese; il nostro partito non può che dimostrarsi aperto al dialogo nei confronti di chi il dialogo lo sta cercando. Siamo pronti a metterci in discussione, a portare sul tavolo sinergico del confronto le nostre idee, per interagire con le forze politiche locali: è necessario un rinnovamento politico che nasca dalla molteplicità del tessuto sociale e dalla pluralità dei soggetti che animano la città. E’ bene che la sinistra ponga le basi per un progetto di rinascita cittadina, non più imposto dall’alto ma condiviso. Tiziano Polidori (coordinatore Sel Fabriano)

N. 14 - 17 Settembre 2011

11


NECROLOGI Annuncio

Annuncio

Annuncio

Annuncio

Annuncio

Annuncio

Venerdì 9 settembre è tornato al Signore, all’età di 81 anni TERSILIO FILIPPONI Ne danno il triste annuncio la moglie Maria, le figlie Patrizia e Paola, i nipoti, le cognate ed i nipoti di Fabriano, i parenti tutti. Marchigiano

Sabato 10 settembre è tornato alla Casa del Padre LUCIANO BIANCHI Lo comunicano, con immenso dolore, la moglie Rosella Palanga, la sorella Livia, i parenti e gli amici tutti. Marchigiano

Venerdì 9 settembre è tornato al Signore, all’età di 80 anni ROMUALDO CIPRIANI Lo annunciano i parenti, gli amici e tutti i commercianti del Centro Storico che hanno apprezzato la bontà e la serietà. Marchigiano

Mercoledì 20 luglio è tornato al Signore, all’età di 79 anni ANGELO ROSSI Lo annunciano i figli Sandro e Paolo, le nuore, i nipoti Simona, Michela, Claudio, Valeria, le cognate, i parenti tutti. Marchigiano

Martedì 19 luglio è tornato al Signore, all’età di 83 anni ALEANDRO ALESSE Ne danno il triste annuncio la moglie Maria Ventura, il figlio Gabriele, i nipoti Nicholas e Christian, i parenti tutti. Marchigiano

Martedì 19 luglio è tornato al Signore, all’età di 70 anni LUIGI SANTI Lo annunciano la madre Maria, la moglie Elsa, i figli Claudio e Maurizio, le nuore, i nipoti Micol, Elen, Giulia, Giacomo, i cognati, le cognate, i parenti Marchigiano tutti.

Annuncio

Annuncio

Annuncio

Annuncio

Annuncio

Annuncio

Lunedì 5 settembre è tornata al Signore, all’età di 84 anni ROSINA PECCHIA ved. TORSELLETTI Lo annunciano i figli Maria Antonietta e Luciano, il genero, la nuora, i nipoti, il fratello Carlo, le cognate, i parenti tutti. Marchigiano

Lunedì 5 settembre è tornato al Signore, all’età di 85 anni VINCENZO FERRONI Lo annunciano la moglie Erina Angeloni, la figlia Maria, il genero Nazzareno, i nipoti, il pronipote Eros, il fratello Girolamo, i cognati, le cognate, i Marchigiano parenti tutti.

Domenica 4 settembre è tornato al Signore, all’età di 60 anni DARIO BONFIGLIOLI Lo annunciano la mamma Anastasia Cattarulla, il figlio Massimiliano, gli zii, i cugini, i parenti tutti. Marchigiano

Sabato 3 settembre è tornata al Signore, all’età di 84 anni ANNUNZIATA SANTARELLI ved. CIMAROSSA Lo annunciano i figli Sandro e Anna Maria, la nuora, il genero, i nipoti, il pronipote, il fratello, la sorella, i cognati, le cognate, Marchigiano i parenti tutti.

Giovedì 1 settembre è tornato al Signore, all’età di 59 anni ROMOLO AGOSTINELLI Lo annunciano la madre Antonia Giommetti, i figli Fabrizio, Neil, Gary, le nuore, i nipoti Alessandro e Francesco, la sorella Carla, i parenti tutti, Sandra e Marchigiano Fernanda.

Sabato 27 agosto è tornata al Signore, all’età di 89 anni RINA ROMAGNOLI ved. BONAFONI Lo annunciano il figlio Orlando (Gianni), la cognata Stelvia, i nipoti, i parenti tutti, Giulietta e Mimosa che l’hanno assistita per tanti anni. Marchigiano

Annuncio

Annuncio

Annuncio

Annuncio

Annuncio

Annuncio

Sabato 27 agosto è tornata al Signore, all’età di 80 anni LIDIA PANTANELLA ved. SGHIATTI Lo annunciano i figli Ugo e Patrizia, il genero Mauro, la nuora Anna, i nipoti, le sorelle Vera e Ughetta, i cognati, i parenti tutti. Marchigiano

Venerdì 26 agosto è tornata al Signore, all’età di 83 anni CLEMENTINA DANIELI MINELLI Lo annunciano le figlie Orietta e Vanna, i generi Franco e Claudio, i nipoti, i pronipoti, il fratello, i parenti tutti. Marchigiano

Sabato 27 agosto è mancata all’affetto dei suoi cari MARIA GUBINELLI ved. RIGANELLI (Consorella della Confraternita della Nostra Signora) Lo annunciano il figlio Camillo, la nuora, i nipoti, il fratello, le sorelle, Marchigiano i parenti tutti.

Venerdì 26 agosto è tornato al Signore, all’età di 86 anni GIUSEPPE MUZI Ne danno il triste annuncio la moglie Alma Simonetti, i figli Nerella, Tonino, Fausto, le nuore, i nipoti, i parenti tutti. Marchigiano

Giovedì 25 agosto è tornata al Signore, all’età di 84 anni ELINA FAGGIONI Ne danno l’annuncio i fratelli Giuseppe, Franco, Nicolò, le cognate, i nipoti, i parenti tutti. Marchigiano

Mercoledì 24 agosto è tornato al Signore, all’età di 97 anni SANTE LORI Lo annunciano il figlio Luciano, le nuore Daniela e Carmela, i nipoti Stefano, Gabriele, Francesca, i pronipoti Giovanni e Tommaso, i parenti tutti. Marchigiano

Annuncio

Annuncio

Annuncio

Annuncio

Annuncio

Annuncio

Domenica 21 agosto è tornata al Signore, all’età di 70 anni GABRIELLA PALLUCCA in MARCELLINI Lo annunciano il marito Adriano, i figli Patrizia e Paolo, il genero, i nipoti Gianluca e Chiara, la sorella Silvana, i parenti tutti. Marchigiano

Domenica 21 agosto è tornata al Signore, all’età di 95 anni UBALDA GIACHINI (BALDINA) ved. LODOVICI Lo annunciano i figli Pietro, Renato, Attilio, le nuore, i nipoti, i pronipoti, le sorelle Angela e Rosina, i parenti tutti e Margherita. Marchigiano

Domenica 21 agosto è tornata al Signore, all’età di 94 anni ZAIRA CONTI ved. BUSCO Lo annunciano i figli Luigi, Franco e Fabrizio, le nuore Brunella, Ava e Graziella, i nipoti, i parenti tutti. Marchigiano

Sabato 20 agosto è tornata al Signore, all’età di 90 anni ERMINIA GATTI ved. MEZZANOTTE Lo annunciano il figlio Gianni, la nuora Leda, il nipote Gianluca con Roberta, la pronipote Elena, la sorella Elena, i parenti Marchigiano tutti.

Venerdì 19 agosto è tornato al Signore, all’età di 57 anni TONINO TONINI Lo annunciano la moglie Patrizia, i figli Simone, Lorenzo, Massimiliano, i genitori Riccardo e Irene, il fratello, i cognati, le cognate, i nipoti, i Marchigiano parenti tutti.

Giovedì 18 agosto è tornata al Signore, all’età di 56 anni MARIA CLAUDIA BOCCADORO Lo annunciano la mamma Agnese Bagnara, il fratello Fausto, la cognata Arianna, gli amati nipoti Ilaria e Valerio, i Marchigiano parenti tutti.

Annuncio

Annuncio

Annuncio

Annuncio

Annuncio

Annuncio

Giovedì 18 agosto è tornata al Signore, all’età di 84 anni JOLANDA CAMPIONI Ne danno il triste annuncio i nipoti Italo, Roberto, Claudio, Laura, i parenti tutti. Marchigiano

Mercoledì 17 agosto è tornata al Signore, all’età di 83 anni ANTONIA PIEROSARA (Antonina) ved. COLA (Consorella dell’Addolorata) Lo annunciano i figli Elisabetta ed Angelo, il genero, la nuora, le nipoti, la sorella, i parenti tutti. Marchigiano

Martedì 16 agosto è tornata al Signore, all’età di 91 anni MARIA GABELLIERI Lo annunciano il figlio Alessandro con la nuora Maria Assunta, i nipoti Rolando e Alessia, i parenti tutti. Marchigiano

Lunedì 15 agosto è tornata al Signore, all’età di 85 anni MARIA FIAMMENGHI ved. BOGGIAN Lo annunciano i figli Renzo e Giuliana, i nipoti Gianluca, Simone, Alessio, Federico, il fratello Amato, il genero, la nuora. Marchigiano

Lunedì 15 agosto è tornata al Signore, all’età di 88 anni ASSUNTA GREGORI ved. GIACOMETTI Ne danno l’annuncio il figlio Sandro, la nuora, i nipoti, i pronipoti, il fratello Mario, la sorella Armerina, la cognata ed i parenti tutti. Marchigiano

Lunedì 8 agosto è tornato al Signore, all’età di 73 anni GIANFRANCO BATTISTONI Lo annunciano Liana, i figli Paolo con Monia e Mauro con Lilli, i nipoti Sara, Marco, Delia, i parenti tutti. Marchigiano

Annuncio

Annuncio

Annuncio

Annuncio

Annuncio

Annuncio

Sabato 13 agosto è tornata al Signore, all’età di 98 anni Suor MARIA BENEDETTA (Marcellina) SCREMIN O.S.B. Lo annunciano la Madre Abbadessa, la Comunità, il fratello e i parenti tutti. Marchigiano

Venerdì 12 agosto è tornato al Signore, all’età di 92 anni LUCIO CAMPIONI Lo annunciano la figlia Maddalena, i generi Giorgio e Giancarlo, i nipoti Fabrizio con Martina, Valentina, Alessia con Giovanni, il pronipote Simone, i parenti Marchigiano tutti.

Giovedì 11 agosto è tornato al Signore, all’età di 91 anni ONESTO BRIZI Lo annunciano la moglie Iride Bellucci, le figlie Marisa con Nunzio, Genny con Osvaldo, i nipoti, i pronipoti, le cognate, i parenti tutti. Marchigiano

Mercoledì 10 agosto è tornata al Signore, all’età di 88 anni LINA COFANI Ne danno il triste annuncio il fratello Giuseppe, la cognata Rinalda, i nipoti, i pronipoti, i parenti tutti. Marchigiano

Giovedì 11 agosto è tornato al Signore, all’età di 63 anni FRANCESCO RUGGERI Lo annunciano le sorelle Maria, Antonia, Nicoletta, il fratello Enrico, i nipoti, i parenti tutti. Marchigiano

Mercoledì 10 agosto è tornato al Signore, all’età di 84 anni PIETRO MINGO Lo annunciano la moglie Rita, i figli Marlene e Claudio, il genero, la nuora, i cari nipoti Fabio, Vanessa ed Emanuele e i parenti tutti. Marchigiano

Annuncio

Annuncio

Annuncio

Annuncio

Annuncio

Annuncio

Lunedì 8 agosto è tornato al Signore, all’età di 79 anni PALMIRA MENCARELLI ved. LATTANZI Lo annunciano i figli Eleonora, Giannina, Nicola, Leonella, i generi, la nuora, i nipoti, i pronipoti, le cognate, i parenti Marchigiano tutti.

Domenica 7 agosto è mancata all’affetto dei suoi cari, all’età di 84 anni la Prof.ssa ZELIA CHERUBINI Ne danno il triste annuncio i cugini ed i parenti tutti. Marchigiano

Martedì 2 agosto è tornato al Signore, all’età di 95 anni GUERRIERO ROSSI Lo annunciano i figli Felice, Roberto, Walter, Massimo, le nuore Tecla, Anna, Tiziana, Angela, i nipoti, i parenti tutti. Marchigiano

Sabato 30 luglio è tornata al Signore, all’età di 88 anni LUISA MARTINELLI ved. AQUILANTI Lo annunciano i figli Graziella e Sergio, il genero, la nuora, i nipoti, i pronipoti, i fratelli, i cognati, le cognate, i parenti tutti. Marchigiano

Sabato 23 agosto è tornato al Signore, all’età di 69 anni LUCIANO MARIANI Ne danno l’annuncio la moglie Paola Rossi, i figli Antonella, Giuliana, Giacomo, il genero, la sorella Marisa, i cognati, le cognate, i nipoti, i parenti tutti. Marchigiano

Giovedì 21 luglio è tornata al Signore, all’età di 88 anni MARGHERITA SABATINI ved. AMBROGI Lo annunciano i figli Giuliana, Domenico, Caterina, i generi, la nuora, i nipoti, i pronipoti, il fratello Orlando, i parenti tutti. Marchigiano

Annuncio

Annuncio

Annuncio

Annuncio

Ricordo

Ringraziamento

Mercoledì 20 luglio è tornato al Signore, all’età di 89 anni ARGILIO CROCETTI Lo annunciano la moglie Rosa Quaglia, le figlie Franca con Claudio, Sandra con Fabrizio, le adorate nipoti Maria Giulia e Claudia, le cognate, i parenti Marchigiano tutti.

Mercoledì 20 luglio è tornata al Signore, all’età di 90 anni BIAGIA LINGUANTI ved. PRIVITERA Lo annunciano le figlie Maria e Rita, i generi, i nipoti Corrado, Giovanna, Giulia, Nicola e Maurizio, i pronipoti e ValenMarchigiano tina.

Martedì 19 luglio è tornato al Signore, all’età di 92 anni GIUSEPPE COLA (Confraternita del Suffragio) Lo annunciano il figlio Enrico, la nuora, la nipote, i pronipoti, le sorelle, i fratelli, i cognati, le cognate, i parenti tutti ed Eva. Marchigiano

Venerdì 1 luglio è tornato al Signore, all’età di 96 anni FRANCESCO SPACCA (Checco) Lo annunciano le figlie Lilluccia ed Elide, i generi Franco, Sandro e Luigi, i nipoti, i pronipoti, i parenti tutti. Bondoni

Annuncio Sabato 9 luglio è tornata al Signore, all’età di 73 anni ANTONIA ELEONORI in PAVONI Lo annunciano il marito Elvio, i figli Stefano e Mauro con Claudia, i fratelli Armado e Feliziano, il suocero,i cognati, le cognate, i nipoti, i parenti tutti. Bondoni

12

N. 14 - 17 Settembre 2011

Il 28 agosto ricorreva il 4° anniversario dalla scomparsa di Mariano Cola. La moglie, i figli, i nipoti e i parenti tutti lo ricordano con immenso affetto.

Le famiglie Papi e Procaccini ringraziano quanti si sono uniti nelle preghiere per la scomparsa dell’amata LIDIA PAPI.


APPUNTAMENTI 24a EDIZIONE DEL SETTEMBRE ORGANISTICO

Il Settembre Organistico fabrianese è a quota ventiquattro: l’appuntamento con la buona musica, che dal 1988 accompagna il pubblico fabrianese, è infatti arrivato alla vigilia delle “nozze d’argento”. Anche quest’anno il programma è dei migliori, con ben 6 concerti che si svolgeranno nelle parrocchie cittadine. Prossimo appuntamento il 22 settembre nella chiesa di San Venanzio con l’organista Daniel Pandolfo. Si prosegue il 29 con il concerto di Roberta Schmid nella chiesa della Misericordia. Durante la manifestazione inoltre si terrà un concerto in ricordo di Gabriella Agosti, il 1° ottobre al ridotto del Teatro Gentile. La manifestazione si concluderà il 6 ottobre nella chiesa di S. Giuseppe Lavoratore, dove si esibirà la Corale “Curzi”, diretta da Paola Curzi e con Stefano Guaina all’organo. Gaia Germoni

“FRATELLI In disabilità”: 40 anni di buona novella

La Comunità “La Buona Novella” di Fabriano, in occasione dei 40 anni di attività nel territorio organizza la manifestazione “Fratelli in...disabilità” che si articola in una serie di incontri a partire dal 20 settembre all’Oratorio della Carità alle 16.30 dal titolo “I servizi socio-sanitari per le persone disabili”. Il 21 settembre nella sala conferenze della Comunità La Buona Novella alle 16.30 si parlerà di “Barriere... quali?”, mentre il 22 al Movieland ci sarà una serata cinematografica a tema. Il 27 settembre alla Biblioteca si parlerà di “E’ un mestiere che ci aiuta a pensare”, mentre il 28 al Teatro Gentile alle 9 ci sarà un incontro con le scuole medie superiori e il 29 in piscina e al Circolo Ippico alle ore 10.30 si terranno attività ludico, sportive e agonistiche.

APERTE LE ISCRIZIONI AI CORSI DI TEATRO

Sono aperte le iscrizioni ai Corsi di Teatro organizzati dall’Associazione Papaveri & Papere per la stagione 2011/2012. Le iscrizioni si chiudono il 10 ottobre, mentre le lezioni inizieranno il 14. Info su www.papaveriepapere.org/corsi-teatro-2011-2012/.

25a Edizione della mostra micologica

Il Loggiato di San Francesco ospiterà l’8 e il 9 ottobre la 25a edizione della Mostra Micologica Fabrianese. L’organizzazione è a cura del Gruppo Micologico Fabrianese. La mostra sarà ad ingresso libero e rimarrà aperta dalle 9 alle ore 20. Il 9 alle 17 all’Oratorio della Carità il micologo Mauro Faraoni parlerà di “Si fa presto a dire prataioli: il genere Agaricus”.

LA PROSSIMA USCITA DEL PROGRESSONEWS: 15 OTTOBRE A Fabriano CEDESI ATTIVITà DI PARRUCCHIERA. Telefonare al 335.8376973

Direttore Responsabile Andrea Rossetti Direttore EDITORIALE SANDRO GIORGETTi

Stampa Arti Grafiche “TECNOPRINT” Via CADUTI DEL LAVORO, 12 - ANCONA Abbonamento Annuo euro 18,00 Abbonamento Sostenitore euro 40,00

Editore Associazione Koinè

Iscritto al R.O.C. n. 20318 del 19/11/2010 Autorizzazione Tribunale di Ancona n. 25 del 4/11/93 P. IVA: 10368631007 - COD. FISC.: 97493580589

Redazione e Amministrazione V.le P. Serafini, 45 60044 Fabriano (An) Tel. e fax 0732.627354 redazione@progressonews.com www.progressonews.com

C/C postale n. 96321658 intestato a Koinè - Progresso News Iban bancari: - IT41G0100521100000000000121 - IT40Z0614021110010570040213 Avviso: ai sensi della D. Lgs. 196/2003, gli indirizzi in nostro possesso sono raccolti e trattati elettronicamente ai soli fini di spedizione del giornale. È possibile consultare, modificare o opporsi al trattamento dei dati.

USCITE PROGRESSONEWS MESE DI OTTOBRE 2011 S D L M M G V S D L M M G V s d l M M G v s D L M M G V S D l

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

ZONA FRANCA

VORREI ANDAR VIA di ANNIBALE U. SANTARELLI

D

opo un’estate politicamente torrida ho voglia di andar via. Vorrei andar via perché in Italia c’è un Governo incapace di vedere e di leggere i problemi, quindi di pensare e di deliberare misure adatte per risolverli. Quando tutti nel mondo guardavano in faccia la crisi, Berlusconi diceva che essa era invenzione dei giornali disfattisti che andavano boicottati; poi, mentre la crisi si aggravava, lui sosteneva che l’Italia ne era uscita e meglio degli altri; infine, quando tutto crollava, ha sibilato che nessuno nega la crisi. E, così, noi che nelle parole del Premier eravamo i meglio fichi del bigoncio europeo ci siamo trovati, ancora gonfi di bunga bunga, a ballare sul Titanic verso la catastrofe. Poi, il Governo, nelle vesti di una Penelope rincitrullita, ha cominciato a correre abborracciando alla bell’e meglio provvedimenti, presentati come assolutamente equi e necessari, ma subito corretti, ribaltati, eliminati, riproposti… Miracoli? No! Sconcezze! Vorrei andar via perché in Italia le decisioni importanti si prendono nei palazzi privati del premier e il Consiglio dei Ministri è chiamato ad avallarle in sedute frettolose e distratte. Spesso i ministri leggono sui giornali le decisioni che avrebbero votato, talvolta scoprono negli articolati dei decreti commi su argomenti neppure nominati nelle riunioni. Addirittura capita che lo stesso Presidente del Consiglio confessi di essere sorpreso della validità temporale di un provvedimento che risulta approvato dal consesso da lui guidato! Vorrei andar via perché solo in Italia succede che il Capo del Governo sia invitato, quasi costretto, a non fare dichiarazioni perché altrimenti danneggerebbe l’interesse nazionale. A me piacerebbe sentire da un premier parole sagge, utili al Paese, ma Berlusconi non ne è capace. Cito 2 sue perle. Il 5 agosto il Cavaliere giura che la crisi non si aggraverà e invita a investire nelle sue aziende, perché lui non è improvvisamente “rincoglionito”: è solo frenato dalle impiccione Toghe Rosse, dalla Consulta che blocca le leggi e dalle intercettazioni che “lo sputtanano”. Il 2 settembre, in un momento in cui c’è bisogno di collaborazione politica, urla: «In Italia abbiamo un’opposizione e una stampa di sinistra con un atteggiamento criminale capace di influenzare i mercati e aizzare la speculazione». Lui, eterno narciso, si incensa come dominus mondiale senza macchia, autorevole, indiscusso! Vorrei andar via perché il nostro Governo nel cercar fondi per fronteggiare la crisi non sa fare di meglio che pescare nelle tasse iperesplorate dei soliti noti, senza osare spremere il grasso là dove sicuramente c’è. Da qui, 2 occhi di riguardo per i grandi evasori e per la casta parlamentare, niente patrimoniale per le ricchezze colossali, niente asta su 6 frequenze digitali che saranno regalate, magari anche a Mediaset. E, così, il Berlusca ingrassa e può elargire laute prebende ai suoi raffinati cortigiani. E’ forse per questo che il Cavaliere durante i suoi amabili conversari notturni declassa l’Italia da “paese che amo” a “paese di merda”? E con il suo ben noto altruismo annuncia che rimane fra noi perché vuole cambiare questo Paese di merda. Allora rimango anch’io perché voglio scoprire come cambierà in peggio un Paese già di merda e con quale nuovo, delicato epiteto sarà celebrato nel mondo!

MUSEO DELLA CARTA

MESTIERI IN BICICLETTA

Orario: dal martedì alla domenica 10,00-13,00 / 14,30-19,30

Orario: da martedì a domenica 10,00-12.30 / 17,00-19,30

ARCHIVIO DI STATO

COLLEZIONE RUGGERI-MANNUCCI

Orario: dal lunedì al sabato: 8,00-13,00

BIBLIOTECA COMUNALE (Nuova sede: via Le Conce) Orario: dal martedì al sabato 10,00-13,00 / 15,00-19,00

BIBLIOTECA SHOAH Orario: martedì 9,00-13,00 giovedì 9,00-13,00 / 15,00-17,00

PINACOTECA CIVICA MOLAJOLI Orario: dal martedì alla domenica 10,00-13,00 / 16,00-19,00 (lunedì chiuso)

LUDOTECA Orario: lunedì, mercoledì, venerdì 16,00-19,00

N. 14 - 17 Settembre 2011

Orario: sabato e domenica 17,00-19,00

IL GRILLO PARLANTE Orario: dal lunedì al venerdì 16,00-18,00.

FARMACIE DI TURNO Sabato 17 e domenica 18 Settembre: Comunale 2 Sabato 24 e domenica 25 Settembre: Giuseppucci

NUMERI UTILI Polizia Municipale 0732.21610 Vigili del Fuoco 0732.24591 Commissariato 0732.23211 Carabinieri 0732.248900 Guardia di Finanza 0732.3377 Pronto Soccorso 0732.707228

13


SASSOFERRATO, CERRETO D’ESI, GENGA

TORNA LA FESTA DELL’UVA, fenomeno sul web CERRETO D’ESI a 73a Festa dell’Uva di Cerreto d’Esi si svolge fino al 18 settembre e anche quest’anno è dato particolare rilievo al rilancio, la riscoperta e la valorizzazione del territorio cerretese e della zona produttrice del rinomatissimo Verdicchio di Matelica di cui esso fa parte. Anche quest’anno la Pro Loco ha voluto lanciare un messaggio di freschezza e dinamicità puntando molto su un’attività promozionale dove il sito ufficiale della festa (www.festadelluva.it), Facebook e gli altri social network fanno sicuramente la parte del leone. Infatti il sito ufficiale è stato il primo canale interattivo dove è stato pubblicato il programma ufficiale in esclusiva mentre nella piazza virtuale più frequentata del mondo, Facebook, la 73a Festa dell’Uva di Cerreto d’Esi rimbalza e letteralmente riempie tutte le bacheche, in uno straordinario effetto domino in una scatenata corsa a condividere ed invitare tutti i propri amici agli eventi creati per ogni spettacolo in programma. Gettonatissimo l’evento realizzato per il concerto clou del sabato di Alessandro Mannarino. La giornata conclusiva della Festa dell’Uva 2011 si aprirà con l’esibizione di Mauro Vagnini, direttamente dal Guinnes Word record, continuerà con lo spettacolo comico di Massimo Bagnato conosciuto dal grande pubblico per le sue esibizioni irriverenti su Zelig. La giornata si chiuderà con lo spettacolo esilarante e spassoso di Adalgisa Palpacelli, la famosa estetista maceratese che farà ridere il pubblico con i suoi storici sketch in dialetto. (m.bel.)

L

UN ANNO E MEZZO DI PROTEZIONE CIVILE SASSOFERRATO uesta che volge ormai al termine va considerata un’estate “calda” per il Gruppo volontari di protezione civile di Sassoferrato. Un’estate caratterizzata dalla partecipazione ad alcune importanti iniziative tenutesi nel comune e da una “rassicurante” e attiva presenza sul territorio. Il Gruppo coordinato dal dott. Carlo Carletti ha svolto anche il servizio di accoglienza e sicurezza, ad Ancona, in occasione del XXV Congresso Eucaristico Nazionale. «Ad un anno e mezzo dalla sua istituzione», osserva l’Assessore del Comune di Sassoferrato, Corrado Panetti, «il bilancio dell’attività del Gruppo volontari di protezione civile può considerarsi estremamente positivo per il competente e appassionato ruolo svolto in molteplici circostanze, sia come attività di prevenzione, sia come vigilanza in occasione di manifestazioni con massiccia affluenza di persone». L’organismo composto da 41 persone (28 uomini e 13 donne), particolarmente motivate, è stato istituito dal Comune per fornire una efficace azione di supporto ai soggetti istituzionalmente competenti, quali Polizia locale, Protezione civile regionale, Croce Rossa Italiana, Forze dell’ordine, Vigili del Fuoco ecc. Per renderne più efficace l’attività, l’Amministrazione comunale ha fornito al Gruppo un automezzo, un Ford Ranger dotato di trazione integrale, molto utile per gli spostamenti rapidi in zone impervie, ed anche una piccola turbina per lo sgombero della neve dai marciapiedi.

Q

14

N. 14 - 17 Settembre 2011

SASSOFERRATO DIVERTICENTRO RIAPRE IL CAG - Diverticentro, il Centro di Aggregazione Giovanile di Sassoferrato, riprende la sua attività dopo la pausa estiva. Dal 12 settembre, i numerosi ragazzi interessati possono usufruire gratuitamente del servizio, operativo nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì, dalle 15 alle 18, ospitati nell’accogliente e funzionale edificio comunale di piazzale Dante. Il Centro, che ospita ragazzi fino all’età di 14 anni, offre la possibilità di svolgere varie attività, da quelle ludiche a quelle ricreative, dalle didattiche alle artistiche, in particolare il pomeriggio è articolato su un’ora e mezza di svolgimento dei compiti, il vecchio “dopo scuola”, ed il tempo restante viene trascorso tra giochi ed attività ricreative. Le attività vengono svolte sotto la guida degli educatori della cooperativa “Mosaico” di Fabriano e con il prezioso contributo dei volontari.

GENGA RIBELLI E MONTAGNE DENTRO LA MONTAGNA - Domenica 18 settembre, a San Vittore di Genga, uscita speleologica in grotta in collaborazione con il Cai di Fabriano. iniziativa organizzata dal Csa Fabbri e dall’Anpi “24 marzo” di Matelica nata con l’intenzione di vivere alcune giornate di comunità in contatto con la natura, senza però tralasciare la memoria che quei luoghi portano dentro di sé.


ARCEVIA

a

ARRIVA LA 58 FESTA DELL’UVA di Gianni Tenti

F

ervono i preparativi per la 58a Festa dell’Uva di Arcevia che si svolgerà nei giorni di venerdì 23, sabato 24 e domenica 25 settembre. La Pro Loco di Arcevia è in prima fila nell’organizzazione della Festa. «Quest’anno la festa», afferma Leonardo Felicetti (nella foto in basso), Presidente della Pro Loco di Arcevia, «è sulle nostre spalle. Naturalmente con il supporto logistico del Comune di Arcevia e l’indispensabile contributo dei Comitati e delle Associazioni arceviesi». «Il tema di questa Festa dell’Uva è il 150° Anniversario dell’Unità d’Italia», continua Felicetti, «ed a questo si ispireranno i sette carri allegorici che sfileranno domenica 25 settembre e la manifestazione sarà arricchita da numerose iniziative. Per la prima volta sarà organizzato un triangolare di “Scoccetta” tra le squadre di Tredozio (Fc), di Castorano (Ap) e di Arcevia, saranno presenti i famosi cappelli di Montappone e i legni lavorati provenienti da Ribnica, la cittadina slovena gemellata con il Comune di Arcevia». Infatti il Comune e Pro Loco di Arcevia organizzano presso il Chiostro di San Francesco le seguenti iniziative: “Chiostro Divino”, spazio per esposizione e degustazione vini che sarà inaugurato sabato 24 settembre alle 18 per proseguire domenica 25 dalle 15 alle 24, e la “Mostra Mercato Prodotti Tipici Arceviesi”. Inoltre la Pro Loco e l’Assam, Agenzia per i Servizi nel Set-

Un’immagine della Festa dell’Uva di Arcevia relativa allo scorso anno

tore Agroalimentare delle Marche, organizzano due incontri nell’ambito dell’iniziativa istituita dall’Assam: “Cattedra ambulante del biologico - Cab”. Il primo incontro, “Le Produzioni Biologiche: Opportunità e Prospettive”, si terrà il 23 settembre alle 17,30 presso la Casa del Parco, in Corso Mazzini, ed è rivolto ai produttori agricoli del territorio che sono interessati alla conversione all’agricoltura biologica. Il secondo incontro è previsto per il 24 settembre alle ore 17,30 sempre presso la Casa del Parco, ed è rivolto ai consumatori: “I Prodotti Biologici - Caratteristiche, convenienza e luoghi comuni da sfatare”. Ci saranno anche due mostre, la prima dedicata a Roberto Pieragostini, il guardaparco di Avacelli morto tragicamente 3 anni or sono, nell’ambito del Concorso Fotografico Regionale “Roberto Pieragostini Fotoreporter” presso Centro Culturale San Francesco, dal 24 settembre al 9 ottobre. La seconda mostra “Omaggio e Ricordo” sarà presso la sala Vici, corso Mazzini ed è dedicata alla memoria di Mario Coppa, inaugurazione giovedì 22 settembre alle ore 18. Da non dimenticare gli spettacoli in piazza Garibaldi. Venerdì 23, ore 22.30, concerto folk del Gruppo Folkantina, sabato 24, alle ore 22 il concerto con i Vitelloni Band per finire domenica 25 alle ore 17 con lo spettacolo di Stefania Orlando e la sua band gli Orlando Furiosi. Durante tutte le serate le vie del centro storico saranno ravvivate dalla presenza di numerosi gruppi folkloristici a partire dal Macinino Scaccia Pensieri di Arcevia. E per finire domenica 25 alle ore 23 fuochi d’artificio.

IN BREVE POPOLAZIONE SEI CENTENARIE RESIDENTI NEL COMUNE MONTANO - Ad Arcevia la qualità della vita si misura anche attraverso la longevità dei propri abitanti. Ben sei centenarie sono residenti nel comune montano, un vero e proprio record. Da anni c’è la bella consuetudine di organizzare una festa ai centenari del comune, a cui il Sindaco consegna una medaglia d’oro.

«Ben sei centenarie sono residenti nel nostro Comune, un vero e proprio record. E’ emozionante vedere queste donne forti come le rocce e allo stesso tempo sensibili», dichiara il Sindaco di Arcevia Andrea Bomprezzi, «commuoversi durante la cerimonia. Il Comune sta promuovendo una serie di iniziative che mettano in contatto e facciano dialogare giovani e anziani per migliorare la qualità dei rapporti sociali nella nostra comunità».

«Questo record di longevità», continua il Sindaco, «dimostra come sia importante il calore e l’affetto dei propri cari, l’attaccamento ai valori della famiglia. La nostra è ancora una comunità sana, dove non si abbandonano gli anziani e dove i nipoti imparano dai propri nonni e vivono in contatto con loro». «Ma va anche sottolineato», conclude il Sindaco, «come la durata della vita dimostri la qualità dell’aria che si respira nel nostro territorio e la qualità ambientale in cui si vive. Anche Arcevia come Carpegna può ambire alla bandiera trasparente, felice intuizione del Presidente della provincia di Pesaro e Urbino Matteo Ricci». Le sei splendide centenarie sono Pluchelma Giovannetti, Maria Torretti, N. 14 - 17 Settembre 2011

Maria Curzi, Ada Masci, Teresa Ortolani e Elinda Mancinelli.

15


UNIVERSITà

GLI ATENEI MARCHIGIANI PROMOSSI DALLA GRANDE GUIDA DI “REPUBBLICA” L’Università degli Studi di Camerino valutata come il miglior piccolo ateneo d’Italia di ELEONORA SANTONI

FLASH UNIVERSITARI

A

lla sua dodicesima edizione il quotidiano Repubblica, in collaborazione con il Censis ha pubblicato la Grande Guida alle Università per l’anno accademico 2011/2012. Uno strumento che sia utile alle nuove matricole ma anche agli stessi Atenei per migliorarsi. E le nostre facoltà come se la sono cavata? La struttura della guida è molto semplice ed efficace. Ogni ateneo è valutato in base a cinque indicatori che sono: i servizi come mense, alloggi, impianti sportivi...; le borse di studio e i contributi; le strutture universitarie quali aule, biblioteche, laboratori...; il web, vari siti delle facoltà e l’uso degli strumenti informatici e l’internazionalizzazione. Ciascun indicatore ha un peso differente che influenza il voto finale che va da un minimo di 66 ad un massimo di 110. Le università non sono tutte collocate sullo stesso piano, ma sono state divise in base al numero di iscritti. Il Politecnico delle Marche e l’Università degli Studi di Macerata sono nella categoria atenei medi, dai 10.000 fino ai 20.000 iscritti, mentre l’Università di Camerino è catalogata come piccolo ateneo. Partendo dall’ultima, l’ateneo camerinense è stata valutata, per l’ottavo anno consecutivo, il miglior piccolo ateneo di Italia con una votazione media di 96,1. Sicuramente un vanto per la piccola cittadina marchigiana che, anche a livello nazionale, si fa grande tra le grandi, essendo il sesto ateneo in assoluto di tutta la penisola davanti al Po-

16

MACERATA GIORNATA DI ORIENTAMENTO PER LE MATRICOLE L’Università di Macerata darà il benvenuto alle matricole con la giornata di orientamento che annualmente viene realizzata prima dell’avvio del nuovo anno accademico per favorire l’inserimento degli studenti nella vita universitaria. L’edizione 2011 dell’iniziativa, promossa dal Centro di Ateneo per l’Orientamento, si terrà il 29 settembre presso le sedi universitarie in cui saranno previsti incontri con docenti e tutor delle sette Facoltà e visite alle strutture didattiche e di servizio d’Ateneo.

litecnico di Milano o all’ateneo bolognese. «Siamo ancora una volta estremamente soddisfatti», sottolinea il Rettore professor Fulvio Esposito, «perché il risultato ottenuto conferma il forte impegno del nostro ateneo nella direzione di mantenere sempre elevata, nonché migliorare dove è possibile, la qualità dei servizi e della didattica offerta agli studenti, anche tramite un forte impulso all’internazionalizzazione». Per quanto riguarda il Politecnico delle Marche e l’Università degli Studi di Macerata, entrambi sono nella top ten dei medi atenei, piazzandosi rispettivamente al sesto e all’ottavo posto con un punteggio di 92,6 per l’università dorica e di 90,5 per l’ateneo maceratese. Molto bene per entrambe la votazione delle strutture (104

per Ancona e 103 per Macerata) e per il web (94 la prima e 91 la seconda). Un altro dei punti di forza del Politecnico è rappresentato dai servizi offerti agli studenti, mentre Macerata cresce sotto l’aspetto dell’internazionalizzazione. All’interno della Guida vi è anche una valutazione per ciascuna facoltà presente nell’ateneo e, anche in questo c aso, le Marche hanno ottenuto lodevoli punteggi. La Facoltà di Lettere e Filosofia di Macerata è quarta e quella di Scienze della Formazione Primaria è quinta a livello nazionale. Mentre la Scuola di Scienze e Tecnologia di Camerino è sesta. Ogni singola facoltà è stata valutata in base ad altri quattro indicatori, che sono: produttività, ricerca, didattica e relazioni internazionali.

L’Unipv e l’Unimc sono nella top ten degli atenei medi al 6° e all’8° posto

N. 14 - 17 Settembre 2011

ANCONA CINQUE GIORNI PER LE NUOVE LEVE - La Facoltà di Economia “Giorgio Foà” organizza un’intera settimana per le nuove matricole dal 19 al 23 settembre. Cinque giorni intensi in cui le nuove leve potranno partecipare a convegni visitare l’ambiente universitario e comprendere bene come studiare e vivere pienamente la facoltà anconetana. Programma completo disponibile nel nuovo sito della facoltà di Economia http:// www.econ.univpm.it. ANCONA BANDO PER UNA BORSa DI STUDIO - Bando di concorso della Fondazione di Medicina Molecolare e Terapia Cellulare per una borsa di studio per la ricerca biomolecolare per l’anno 2011/2012, collegata al progetto “Determinazione della mappa degli epitopi del pdgfr riconosciuti dalle igg monoclonali stimolanti l’attivazione dei fibroblasti”. La borsa di studio avrà la durata di 10 mesi a decorrere dal 3 ottobre per un importo di 10.000 euro. Info presso la segreteria della Fondazione presso il Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche tel. 071.2206101.


INVESTIRE IN CULTURA PER USCIRE DALLA CRISI di RUGGERO CINTI

L

a cultura può e deve avere una funzione importante nella società odierna caratterizzata da una “fase” di una crisi economica globale aggravata da una crisi di valori e d’identità. Ho parlato in sostanza di analisi, riflessione e azioni da mettere in campo per riacquisire un’armonia tra sviluppo ed etica e quale il ruolo che gli enti locali possono giocare. Il convegno di Roma promosso a giugno da Italia Futura e presieduto da Luca Cordero di Montezemolo ha definito la cultura come orgoglio italiano. Il Direttore dell’associazione A. Romano (docente di Storia contemporanea) in un’intervista al Corriere della Sera ha sostenuto che «bisogna uscire dalla logica dell’emergenza ed investire» affermando attraverso dati precisi che c’è la necessità di uscire dallo stereotipo in cui si pensa che la cultura sia solo assistenzialismo e spesa in perdita. Partiamo dal concetto che produce idee, legami sociali, ma anche concretezze economiche: in dieci anni la spesa delle famiglie (italiane) per i consumi culturali è cresciuta del 25%, la quota di mercato di film italiani visti nel nostro Paese è passata dal 12 al 30%. Ogni euro investito in cultura ha un impatto sul sistema economico pari a € 2,5 ed ogni posto di lavoro in più nel settore culturale crea 1,7 posti in più nel sistema economico complessivo. È partendo con questa premessa che intervistiamo Giovanni Seneca (nato a Napoli nel 1967 ma residente nelle Marche), chitarrista compositore. Consegue il diploma al conservatorio “Gioacchino Rossini” di Pesaro con il massimo dei voti e la lode. è vissuto sei anni in Francia a Parigi dove si è specializzato all’Ecole Normale de Musique e al conservatorio Ravel. Ha composto musica per il cinema, il teatro e la pubblicità, si è esibito nelle maggiori città e teatri italiani come anche a Parigi, Berlino, New York, Philadelphia, Tel Aviv, Sarajevo, Belgrado, Smirne, Durazzo, Hammamet, Alexandria, il Cairo, Istanbul ed in Nuova Zelanda con 12 concerti (composizioni originali di Seneca e di autori neozelandesi). è stato ospite solista nelle stagioni di molte orchestre; in ambito teatrale ha scritto musiche per spettacoli con attori come Valeria Moriconi, Neri Marcorè, David Riondino, Lunetta Savino e Maddalena Crippa. Ennio Morricone ha composto per lui e gli ha dedicato un concerto per chitarra e orchestra eseguito in prima assoluta a Parigi e inciso su cd con l’Orchestra Nazionale dell’Accademia di Santa Cecilia di Roma. è Direttore artistico del progetto Adriatico Mediterraneo che organizza eventi culturali sia in Italia che nell’area del Mediterraneo. è docente di chitarra all’istituto di alta formazione artistica e musicale G. B. Pergolesi di Ancona.

Giovanni Seneca: festival Adriatico Mediterraneo rappresentativo della nostra identità culturale

CULTURA

Tu e la tua musica avete girato quasi tutto il mondo, cosa manca da noi e cosa invece abbiamo che agli altri manca? «Quello che manca in Italia è considerare la cultura come risorsa e necessità primaria per la società e il benessere dei cittadini. Al contrario viene ancora considerata come bene voluttuario al quale si può rinunciare. Quello che abbiamo in più è un patrimonio di arte e di artisti davvero straordinario». Avevi più spazio e possibilità all’estero che non in Italia? Se sì, perché sei tornato e perché proprio nelle Marche? «Nei primi anni Novanta ho vissuto sei anni a Parigi dove ho lavorato e studiato poi sono tornato in Italia perché Ancona e le Marche offrono una qualità della vita migliore: mare, natura, cultura, gastronomia e tranquillità. Ritengo le Marche un ottimo luogo per vivere e lavorare, fino a qualche anno fa era solo un buon posto per finire dimenticati come diceva in senso poetico e malinconico Andrea Pazienza. Ora mi sembra che si inizino a intravedere i segnali di una rinascita culturale». Ancona vera porta d’Oriente in tutto e per tutto? «Penso che Ancona si stia riappropriando progressivamente di quel ruolo e quella vocazione anche se occorrono ancora tempo e investimenti per raggiungere pienamente l’obiettivo». Adriatico Mediterraneo è una rassegna importante, si è appena conclusa la 5a edizione e tu ne sei l’ideatore ed il direttore artistico, tracciami un bilancio culturale, artistico. «L’associazione culturale Adriatico Mediterraneo svolge la propria attività con il sostegno e la collaborazione di soggetti culturali e istituzioni sia italiane che straniere. In cinque anni di attività si è consolidato il confronto e lo scambio culturale tra la Regione Marche e le nazioni del bacino Mediterraneo e dell’Area Balcanica. Il 2011 ha già vissuto una fase internazionale con il progetto “Medin Music: Identities in Music through Marche and Turkey”. L’Unione Europea ha finanziato il progetto presentato dall’Associazione Adriatico Mediterraneo (unico progetto italiano risultato vincitore). Nel 2010 e nel 2011 sono stati organizzati convegni, concerti e performance a Istanbul e nella regione Marche (protagonisti italiani e turchi) e partner di questo progetto alcune università turche e marchigiane. Quest’anno ulteriori nuovi partner per disegnare nuovi scenari di integrazione e coesione, attraverso il dialogo e la cooperazione culturale. Il Festival di Ancona è il momento di sintesi del percorso progettuale: 16 giorni di musica, teatro, danza e cinema con oltre 200 tra artisti e intellettuali coinvolti. Il focus di quest’anno è stato sulla “primavera rivoluzionaria” del nord Africa ed il tradizionale scambio culturale con l’area balcanica». Secondo te Adriatico Mediterraneo quanto impatto ha fuori della nostra Regione? «Con le decine di migliaia di presenze anche quest’anno si è raggiunto un importante obiettivo di crescita e per il futuro speriamo di rendere questo festival sempre più rappresentativo dell’identità culturale di Ancona e delle Marche nel panorama internazionale». Esiste secondo te lo stereotipo in cui si pensa che la cultura sia solo assistenzialismo e spesa in perdita? «Sì». Uscire dall’emergenza vuol dire anche investire in cultura? «Sì, ce lo insegna la Germania che nonostante abbia avuto una crisi più forte della nostra (avendo più industrie) la cultura è stato il volano per la rinascita». Quale lo stato attuale di sensibilità degli enti locali a tutti i livelli secondo te? «Non si può prescindere dalla crisi generale che si sta vivendo in Italia e nel mondo, penso che gli enti locali tentino di fare il loro dovere ma sono impossibilitati ad agire come vorrebbero». N. 14 - 17 Settembre 2011

17


SPORT

LA spider PUNTA ALLA SALVEZZA di ATTILIO SILVESTRINI

S

iamo già a metà settembre e il campionato di basket è ormai alle porte. La Spider è stata ripescata in A dilettanti (ex B1) e ha dovuto, per il terzo anno consecutivo, rifare la squadra. Abbiamo scambiato quattro chiacchiere con il Presidente Gatti per sapere quali siano gli obiettivi per questa stagione, quali le difficoltà. Intanto, per il Presidente, in questo 2011-12 serve un campionato da metà classifica con la salvezza da centrare prima possibile poi, eventualmente, valutare la possibilità di raggiungere obiettivi più alti. Sul versante finanziario la Spider sta un po’ soffrendo, forse più di quanto si potesse immaginare.

Dall’iniziativa A.A.A., Adesso Abbiamo bisogno di Aiuto, Giuliano Gatti si aspettava decisamente di più. La società cercava dai tifosi sostegno economico, vicinanza morale e, invece, l’iniziativa non ha raggiunto lo scopo. Il Presidente non ha nascosto la sua delusione per questa mancanza di sensibilità da parte della città nel momento in cui le spese, anche per effetto delle lunghe trasferte, aumenteranno a dismisura. «E’ naturale», ha proseguito Gatti, «che la società si aspetta un successo dalla cam-

gionovo e Jachetta. Una squadra giovane adatta alla filosofia tecnica di coach Giordani. «Stiamo valutando il precampionato», ha detto il Presidente, «per capire se ci fossero eventuali lacune come potenziale d’attacco e gli eventuali correttivi con un occhio vigile al capitolo spese».

FABRIANO RUGBY

PALLAVOLO FABRIANO ECCO LA ROSA - La Pallavolo Fabriano, neopromossa in B2, e presieduta da Sandro Gabellieri, ha iniziato la preparazione in vista del campionato, la cui prima partita si svolgerà a Moie il 15 ottobre. Intanto da oggi, sabato 17 settembre, parteciperà alla Coppa Marche di Serie B. A guidare le ragazze sarà il coach Raimondo Capomagi, affiancato da Porfirio Rossini e Sandro Mosca, mentre il preparatore atletico è Eros Biagioli. Ecco la rosa della Pallavolo Fabriano: Monica Sonaglia, Barbara Persigilli, Mara Santoni, Federica Mancini Palamoni, Monica Ciccolini, Eleonora Palazzi, Manuela Capomagi, Giorgia Pellicciari, Martina Lametti, Claudia Gezzi, Sofia Cerini, Alessia Cavalieri e Claudia Mazzoni. Il Presidente Sandro Gabellieri ci ha spiegato che «è stato riconfermato il team dello scorso anno, formato per la maggior parte da ragazze fabrianesi. L’unico nuovo acquisto che abbiamo fatto è Claudia Mazzoni (nella foto), fabrianese d’adozione, che lo scorso anno giocava in serie A come libero. E’ una persona di grande esperienza che può aiutare le ragazze più giovani. Se riusciamo a mantenere le stesse caratteristiche dello scorso anno, ovvero unità e compattezza, faremo senza dubbio un ottimo campionato». SERIE A2 - La sassoferratese Manuela Roani sarà una delle nuove pedine della Cariparma SiGrade. Manuela lo scorso anno aveva giocato nella Chateau D’Ax. SETTORE ARBITRALE - Promozioni anche per i fischietti fabrianesi: Andrea Rossetti, direttore del nostro giornale, è stato promosso arbitro di serie A, mentre Daniele Stazio, fabrianese anch’esso, è approdato alla serie B2.

18

pagna abbonamenti, visti i prezzi decisamente competitivi». Sotto il profilo tecnico il nucleo fondante della squadra è stato confermato. I vecchi Stanic, Usberti, e Sgobba affiancheranno i ragazzi nuovi come Liberati, Trapella, Castelletta, Fontani, Iardella, D’Arrigo con l’aggiunta temporanea di Bu-

N. 14 - 17 Settembre 2011

LA QUARTA VOLTA IN SERIE C - L’Asd Fabriano Rugby parteciperà quest’anno al suo 4° campionato di serie C. Nella passata stagione il Fabriano Rugby è stato protagonista anche fuori dal campo attraverso l’attività di formazione presso le scuole. Per la stagione 2011/2012 gli obiettivi che si è posto il Fabriano Rugby sono la possibilità di arrivare nelle prime 3 posizioni del campionato, di promuovere il rugby in città e sviluppare il settore giovanile. La squadra ha iniziato l’attività agonistica il 29 agosto scorso, prosegue la sua preparazione atletica tutte le sere allo stadio in p r evi si o n e dell’inizio del campionato previsto per i primi di ottobre. Ecco la formazione: Antoin Pascal (Presidente), Alberto Sciamanna (Allenatore), Cristian Lombardi (2° Allenatore), Giorgio Beccacece, Rudy Carloni, Egi Dina, Fabio Gambardella, Fabrizio Giosuè, Paolo Ghilardi, Massimo Janigro, Valerio Lorenzetti, Gareth Lucas, Michele Maccari, Marco Mantini, Emanuele Merloni, Andrea Migliarini, Federico Mogiani, Alessio Morichelli, Francesco Pelagagge, Giorgio Poeta, Germano Ragni, Giammarco Riccioni, Stefano Ronchetti, Samuele Santarelli, Roberto Santini, Mirko Sghiatti, Marco Spinaci, Cristian Pataracchia, Vasileios Konstantinidis, Alexander Kim, Florentin Pirlitean, Luca Sabia, Daniele Bruni, Federico Fronzi, Claudio Rossi.


SPORT

La FORTITUDO Conquista Un PUNTO IN DUE GARE

P

rimo punto stagionale per la Fortitudo Fabriano conquistato a Fermo. Ecco la rosa a disposizione del tecnico Mario Vivani per l’inizio del campionato: Francesco Annibaldi, Matteo Bravetti, Giacomo Gagliardi, Luca Tamburini, Fabrizio Angradi, Filippo Angradi, Luca Ballelli, Paolo Bernardi, Omar Granci, Matteo Latini, Michele Lucarini, Francesco Mandolini, Cristiano Ruggeri, Alin Stamate, Giacomo Biocco, Giacomo Brunelli, Valentino Canulli, Alessio Cervigni, Michele Ciufoli, Daniele Conti,

Giacomo Giovannini, Manuel Moretti, Manuel Tittarelli, Lorenzo Angeletti, Luca Jachetta, Simone Marziani, Nicola Teodori, Giordano Vincioni. «Questo è il nostro 4° anno consecutivo in Eccellenza, nonostante molte avversità sono orgoglioso di ciò e del fatto che la squadra è composta esclusivamente da ragazzi di Fabriano e dintorni», commenta il Presidente della Fortitudo Fabriano, Bruno Zamparini. Prossima sfida domenica 18 settembre contro l’Urbania (ore 16, Comunale di Fabriano).

REAL FABRIANO IL REAL DA QUEST’ANNO IN SERIE C - Il Real Fabriano quest’anno parteciperà al campionato di C1. La squadra è composta da: Marco Bernardini, Simone Caporali, Luca Bartoloni, Leonardo Acuti, Luca Lazzari, Marco Bruzzichessi, Francesco Ciculi, Marco Fanelli, Alessio Prioretti, Matteo Bruzzichessi, Igor Baldoni, Antonello Angeloni,

Simone Di Ronza, Andrea Angelelli, Marco Salari, Emanuele Ferroni, Matteo Ferroni, Michele Pellegrini, Francesco Cesaroni, Andrea Mearelli, Gabriele Carnevali, Simone Morelli, Marco Di Ronza, Alessandro Colonnelli, Gabriele Balducci. Il team è allenato da Francesco Rinaldi. La squadra ha come obiettivo per la stagione 2011-2012, ovviamente, quello di puntare alla serie B, ma più realisticamente la squadra farà di tutto per mantenere la posizione in C1, importante traguardo raggiunto nella scorsa stagione.

FABRIANO CALCIO ECCO LA ROSA DEGLI ATLETI - Una rosa ufficiosa del campionato di Promozione Gir. A 20112012, della A.C Fabriano, che quest’anno parteciperà senza rumore ad un campionato intenso con una rosa rivoluzionata a favore dei giovani. La società è molto fiduciosa nella loro crescita e nella loro voglia di ben figurare. Per il Mister Gianluca Giacometti la rosa è idonea per poter disputare un campionato incentrato sulla salvezza e il clan biancorosso è partito bene vincendo la prima in casa con la Valdese. La rosa giocatori vede: Andrea Latini, Manuel Porcarelli, Alessandro Lombardi, Denis Cumani, Simone Clementi, Mattia Di Luca, G.Maria Battistoni, Luigi Di Nuzzo, Michele Boria, Fabio Ciniello, Aladino Lamnari, Giuseppe Ippolito, Giacomo Balducci, Rodolfo Pellegrini, Gian Lorenzo Baroni, Danilo Alissandrini, Francesco Regini, Gianluca Biagiola, Gabriele Piccolini, Florim Zekiri, Marco Surfà, Daniele Pallotta, Pierpaolo Polli.

SPORT IN BREVE CAMPIONATO AMATORI - Sta per iniziare il Compionato Amatori di Calcio a 5 organizzato dalla Uisp di Fabriano. Possono iscriversi squadre che ne richiedono la partecipazione entro oggi, 17 settembre. Il Campionato prenderà il via la prima decade di ottobre. Info alla sede dell’Uisp di Fabriano oppure Renzo Bernardoni 348.9226979. CARIFABRIANO GINNASTICA - Avvicendamento ai vertici della Carifabriano Ginnastica. Leandro Santini lascia la guida della società e a lui succederà la prof.ssa Angela Piccoli (nella foto).

«Questo avvicendamento è stato voluto da me in quanto sono passati 8 anni e, anche se non sembra, una società così d’elite, necessità di parecchie ore al giorno di attenzione», dichiara Santini. «Mi faccio da parte dopo questi magnifici 8 anni dove la società ha vinto ben 40 titoli italiani», prosegue Santini.«Io rimango in società sostenendola come ho fatto in questi anni».

N. 14 - 17 Settembre 2011

19


20

N. 13 - 2 Luglio 2011


ProgressoNews, n14-17settembre2011