Page 1

News Letter n째 7

Politica

Cronaca

Esteri

Cultura

WebTv

News


Moro presunto coinvolgimento dei servizi segreti Sul presunto coinvolgimento dei servizi segreti nelle fasi del sequestro di Aldo Moro, il pg di Roma Luigi Ciampoli ha detto che oggi stesso richiederà gli atti di indagine alla Procura di Roma "per le opportune valutazioni". La vicenda parte dalle rivelazioni di un poliziotto in pensione di Torino, Enrico Rossi, che ha raccontato di sue indagini riguardo ai due uomini che erano a bordo di una moto Honda, in via Fani, a Roma, durante il rapimento.

Studio Legale Antonella Quarta Milano Piazza Grandi 6 20125 Milano Italy www.studiolegalequarta.it

L'Editoriale di Andrea Viscardi

Un’esultanza ingannevole. La decisione della Corte Suprema Indiana di accogliere il ricorso presentato dai due marò contro l‟utilizzo della polizia antiterrorismo Nia nel loro processo, apparentemente sembra una vittoria per l‟Italia, ma in realtà è una sconfitta o quantomeno uno stop significativo alla strategia di ricorrere ad un arbitrato internazionale. Infatti per internazionalizzare il processo occorre un rifiuto a tutti i livelli della giurisdizione indiana sul caso. Su questa strada l‟Italia attraverso una serie di iniziative diplomatiche a livello internazionale aveva compiuto significativi passi in avanti, oggi quasi del tutto vanificati dalla sentenza della Corte Indiana. Lo scorso 6 marzo i due fucilieri italiani, Latorre e Girone , forse consigliati dai legali indiani, hanno presentato ricorso avverso l‟utilizzo della Nia nel loro processo, con ciò riconoscendo formalmente la giurisdizione del tribunale indiano sul loro caso. A questo punto il Supremo Tribunale , come si suol dire, ha colto la palla al balzo ed ha riconosciuto la legittimità del ricorso. Allo stato diventa difficile per il nostro Paese non riconoscere la giurisdizione del Tribunale indiano che si appresta a discutere un caso sollevato dagli stessi marò e ricorrere ad un arbitrato internazionale per l‟Italia diventa rischioso perchè il governo indiano potrebbe opporre la tesi della sua completa disponibilità e comprensione nell‟esaminare il caso sollevato dagli stessi imputati. Ancora una volta l‟iniziativa del governo italiano ha mostrato delle falle e soprattutto mancanza di coordinamento, tant‟è che i legali indiani sono stati più scaltri della Farnesina e del Ministero della Difesa . E vale poco rivendicare a voce alta il rientro dei marò o addirittura spostare il processo in Italia, i tempi si allungherebbero a dismisura e le chance di successo diventerebbero davvero minime. Torna,quindi, in campo l‟ipotesi più reale che sarà il Tribunale indiano a giudicare i due fucilieri che si erano imbarcati per una missione antiterrorismo sotto l‟egida della bandiera italiana . E‟ grave per l‟immagine dell‟Italia che ancora una volta a livello internazionale appare come un Paese senza una vera leadership.


Francia trionfo di Marine Le Pen Il giorno dopo il grande shock della "marea blu" del Fronte nazionale che ha investito la Francia, nel mirino finiscono quel 38,72% di elettori che ieri hanno disertato le urne al primo turno delle amministrative. E‟ fortemente indicativo che le elezioni sono state fortemente dominate dal successo storico del partito di Marine Le Pen, che si è presentata alle elezioni municipali con soltanto 597 liste, che è ben poca cosa rispetto ad i trentaseimila comuni che conta la Francia municipale. Uno schiaffone questo per Francoise Hollande ed il governo socialista, che riporta una ultra sonora sconfitta alla prima elezione generale anche nelle metropoli come Parigi e Marsiglia. La sinistra sei anni fa ebbe al primo turno il 46 per cento dei voti, contro la destra che raggiunse il 41. Oggi i risultati si sono ribaltati e rovesciati, anticipando un risultato che forse sarà riconfermato alle europee del maggio prossimo. Elezioni che avverranno in una Francia in piena crisi economica, afflitta da cronica disoccupazione ed un consistente debito pubblico, con un deficit superiore ad i parametri consentiti dalla Comunità europea. Gli analisti ravvisano anche un monito durissimo dei francesi ai partiti tradizionali nel loro insieme. Socialisti e UMP, da parte loro, hanno già moltiplicato gli appelli agli elettori affinché domenica prossima si rechino in massa a votare per i ballottaggi. La destra, scossa dagli scandali degli ultimi giorni sulle intercettazioni dell'ex presidente Nicolas Sarkozy, approfitta relativamente del crollo socialista, anche se in molte città deve cedere il passo al partito di Marine Le Pen che ha portato a casa il 7% delle preferenze. Secondo i risultati consolidati, proiettati quindi sull'insieme del territorio nazionale, la destra otterrebbe il 46,54% dei voti, la sinistra il 37,74% e il Fronte nazionale il 4,65%.

Finmeccanica quattro arresti per corruzione Quattro arresti nell'ambito dell'inchiesta della Dda di Napoli sul Sistri, il sistema di tracciabilità dei rifiuti. Ai domiciliari sono finiti Lorenzo Borgogni, ex direttore delle Relazioni esterne Finmeccanica, Stefano Carlini, ex direttore operativo della Selex service management e due imprenditori romani, Vincenzo Angeloni e Luigi Malavisi. Le accuse sono di associazione per delinquere e corruzione. Perquisizioni sono in corso a carico dell'ex presidente di Finmeccanica, Pier Francesco Guarguaglini.


Nasce Alma Tv, la prima Web Tv sulla lingua Italiana Il canale di Alma Edizioni parla italiano nel mondo ed il suo lancio sarà fatto il 28 marzo prossimo all‟evento Almaxxi per presentare un ricco palinsesto, in diretta streaming e on demand, per una “Italia 2.0” senza confini. Accomunerà l‟operaio polacco, la ragazza tedesca incantata da Roma, il gaucho argentino che vuole parlare come i nonni, il melomane russo appassionato di Verdi, la pensionata del Kent che cura le rose sussurrando le parole di un suo vecchio fidanzato di Firenze, la giovane giapponese fedele al mito del latin lover e l‟attore statunitense. Perché non appartiene solo a quei 4,3 milioni di italiani residenti all‟estero ma a tutta una galassia di cultori dell‟italianità: come quel sorprendente circa milione e mezzo di persone, oltre la metà sotto i 18 anni, che nel mondo decidono di studiare la lingua di Dante, dei quali circa 600 mila in scuole finanziate dall‟Italia. Non mancherà una forte connotazione social. Sarà possibile partecipare attivamente inviando i propri video e, per gli insegnanti, condividendo attività didattiche con altri colleghi in tutto il mondo. Obama: Mosca si fermi "Ci stiamo organizzando in modo ancora più intenso per fare in modo che ci siano piani di emergenza e tutti gli alleati abbiano delle garanzie. Agiremo in loro difesa qualunque cosa accada: questa è la Nato". Questa è stata la dichiarazione di Barack Obama riguardo alla crisi Ucraina

Renzi rientra dal G7 Il twittante premier informa del suo rientro anticipato e lo fa correndo. Magari in calzoncini di clintoniana memoria, ben scortato da corpacciute guardie del corpo. Eh si, Renzi corre per placcare i temi di province, senato, titolo V, CNEL, scuole e patto di stabilità. Renzi le afferrerà rinchiudendole tutte in un unico documento. Quelle economiche prima di tutte, smentendo a suo dire “gli uccellacci”. Uccellacci ed uccellini, Renzi che si esprime come lo stragrande e mitico Totò. Io spero ed auguro a Matteo Renzi di non far ridere con questi proclami e di riuscire ad afferrare, ma senza ucciderli, gli “uccellacci” gufanti per smentirli.

riaffermando il principio che ogni alleato della Nato, inclusi gli stessi Stati Uniti, ha il pieno sostegno di difesa collettiva sancito dall‟art. 5 del Patto Atlantico. Il presidente Usa ha poi continuato: "Siamo preoccupati che possano esserci ulteriori violazioni da parte della Russia e sta a loro dimostrare di essere responsabili. In caso diverso sono pronte altre sanzioni settoriali che riguarderanno l‟energia, la finanza ed il commercio.”. La Russia è interessata a proseguire i contatti con i partner del G8, anche al più alto livello, come dichiarato dal portavoce di Putin, Dmitri Peskov, che afferma: "Abbiamo sempre favorito il concreto sviluppo delle relazioni in tutte le aree con i nostri partner, sia all'est che all'ovest", smentendo così il capo della diplomazia russa Serghiei Lavrov, che aveva snobbato il G8 sostenendo che Mosca non e' aggrappata a questo formato e ricordando che esistono altre sedi internazionali, a partire dal G20, dove discutere i principali problemi. Silvio Berlusconi in merito assume valutazioni totalmente in distonia con Obama, sostenendo di trovare antistorica e controproducente la decisione dei leader riuniti all'Aja che hanno escluso la Federazione Russa dal G8. In una nota sigla che trova davvero avventate e lontane dallo spirito costruttivo tutte le decisioni prese dalle diplomazie occidentali, dicendo: "Questo contraddice il lungo e ponderoso lavoro diplomatico portato avanti dall'Italia e dai Governi da me presieduti per includere a pieno titolo la Russia nel consesso delle democrazie occidentali. Sono stato io, infatti, nel '94 a invitare per primo il Presidente Eltsin al G7 di Napoli e nel 2001 a trasformare il G7 in G8 con il Presidente Putin a Genova. Ed ancora nel 2002 a volere e a concludere l'alleanza strategica tra la Nato e la Russia celebrata al vertice di Pratica di Mare''.


L'aereo dimenticato di Bugatti Un ingegnere inglese di Nottingham, Mr. John Lawson, ex tecnico della Royal Air Force, sta resuscitando l'unico aereo disegnato da Ettore Bugatti, capolavoro di art-deco, che per uno scherzo del destino, non poté mai alzarsi da terra. Le Reve Bleu è una organizzazione americana ha organizzato una sottoscrizione online proprio per ricostruire una copia esatta del Bugatti 100P, considerato l'aereo tecnologicamente più avanzato dei suoi tempi. L'aereo è ormai pronto, in parte costruito in Inghilterra e in parte in America, e dopo essere stato esposto alla mostra californiana 'Art of Bugatti' spiccherà il suo primo volo a Ottobre durante il Farnborough Internation Air Show a sud ovest di Londra. "Se il Bugatti 100P avesse volato in quell'estate del 1940, oggi sarebbe stato considerato un aeroplano storicamente significativo. L'unico modo di rivisitare questa classica era dell'aviazione era ricrearlo e poi condividere l' esperienza con gli appassionati di tutto il mondo", scrivono i fans di Bugatti sul sito de 'Le Reve bleu' ora che il sogno è diventato realtà. Un 'sogno blu', appunto, perché blu è la fusoliera del Bugatti. Ettore Arco Isidoro, creatore di auto sportive di raffinata bellezza, sarebbe felice di veder sfrecciare in cielo il suo gioiello rimasto smontato e nascosto in un fienile a causa della guerra. L' idea era quella di trasferire velocità ed eleganza dalle ruote alle ali, ma non riuscì a fare in tempo. Quando gli venne l'idea di trasportare la sua esperienza sugli aerei dovette però chiamare l'ingegnere belga Louis de Monge ad aiutarlo. E insieme risposero al concorso indetto dal governo francese nel 1937 per un aereo che potesse essere prodotto sia in versione caccia che da esibizione sportiva. Il prototipo fu costruito e doveva essere dipinto nel classico azzurro lucido Bugatti quando Hitler invase la Francia. E così l'aereo, per non finire in mani tedesche, finì invece completamente smontato in un fienile dell'Alsazia. Bugatti morì nel 1947 dopo aver venduto l'azienda e per questo essere stato processato per collaborazionismo. De Monge fuggì negli Stati Uniti. L'aereo fu completamente dimenticato fino a quando un fan americano del grande Ettore lo riscoprì e lo portò negli Stati Uniti. A ottobre il battesimo dell'aria.

Napolitano sulla spending review: basta tagli Napolitano si esprime riguardo la spending review annotando che dovrebbe intervenire con capacità selettiva, stabilendo quali sono le presenze realmente essenziali per l'interesse nazionale. ''Ritengo ci sia una grossissima questione perché i tagli che abbiamo conosciuto sono assolutamente immotivati e devono essere ragionati in base ad un nuovo ordine di priorità''.


Verso le Europee, Beppe grillo detta le sue leggi Il Movimento Cinque Stelle comincia a pensare alle elezioni europee e, tramite il suo blog, Beppe Grillo ha indicato i requisiti e le dinamiche delle primarie pentastellate. Possono candidarsi tutti gli iscritti al 31 dicembre 2012 e con un documento certificato entro il 20 marzo, tranne coloro i quali sono già in lista per le amministrative 2014 o su cui pendono diffide. Età minima 25 anni al 25 maggio 2014. Sarà il voto degli attivisti sul web a decretare le liste e potranno votare gli iscritti al Movimento entro il 30 giugno 2013 e con documento certificato entro il 20 marzo 2014. Ogni attivista potrà esprimere tre preferenze per i candidati della propria regione e il più votato per regione entrerà di diritto nelle liste finali. Gli altri candidati nella circoscrizione andranno invece a un secondo turno. Beppe Grillo ha però introdotto un'importante novità in vista di questa tornata elettorale: gli eletti firmeranno un contratto col Movimento che li obbliga a dimettersi in caso di condanna o di cambio di partito. In questo caso i protagonisti dovranno pagare una "penale" da 250 mila euro. Nuove regole anche sulla gestione del Gruppo parlamentare e in particolare sulla comunicazione, che sarà controllata direttamente da Grillo e Casaleggio. In particolare i deputati non potranno nominare i propri familiari fra gli assistenti retribuiti direttamente dal Parlamento europeo o da altri organismi e saranno proprio Grillo e Casaleggio che sceglieranno gli assistenti fra i soggetti indicati come componenti del “gruppo di comunicazione M5S”.

Expo e progetto scuola “Questo progetto è una delle operazioni più importanti che stiamo portando avanti per Expo. L‟Italia sarà capofila di un grande piano internazionale che ci permetterà di lasciare un‟eredità culturale fondamentale, dando ai nostri ragazzi gli strumenti adatti per approfondire lo stretto legame che esiste tra cibo e ambiente. L‟educazione alimentare è una vera e propria educazione civica e proprio per questo, attraverso il Corpo Forestale dello Stato e insieme al Ministero dell‟Istruzione, svilupperemo percorsi per gli studenti delle scuole italiane nelle Riserve naturali tutelate dalla Forestale, basati sull‟esperienza diretta con il nostro patrimonio ambientale”. Così il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Maurizio Martina, durante la conferenza stampa di presentazione, che si è tenuta questa mattina a Roma presso l‟Istituto scolastico „Vincenzo Gioberti‟, del Progetto Scuola di Expo Milano 2015, a cui ha preso parte anche il Ministro dell‟Istruzione, dell‟Università e della Ricerca Stefania Giannini, il Commissario Unico delegato del Governo per Expo Milano 2015 Giuseppe Sala, la Presidente Rai Anna Maria Tarantola e Andrea Segré, fondatore di Waste Watcher. Cuore pulsante del Progetto Scuola è la forza educativa e culturale del tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” che apre la riflessione sul diritto a cibo sano e sicuro per tutti e alimenta il dibattito globale attorno alla sostenibilità ambientale. Ecco perché, a partire dal prossimo anno, il Ministero delle politiche agricole e il Ministero dell‟Istruzione avvieranno un progetto sperimentale per inserire nelle scuole italiane uno specifico programma di educazione alimentare. Secondo le stime, saranno circa due milioni gli studenti, italiani e stranieri, che visiteranno Expo Milano 2015.


Agenda digitale

Dragon Town

“Negli ultimi anni, i nostri presidenti del Consiglio, da Monti in poi, hanno tutti invariabilmente tessuto le lodi dell‟Agenda digitale: per tutti la digitalizzazione del Paese doveva essere al centro dell‟azione di governo. Risultato: dei 55 adempimenti necessari ad attuarla solo 17 hanno visto la luce mentre per molti dei mancanti sono ormai scaduti i termini. A questo punto è legittimo chiedersi se il governo Renzi vorrà davvero impegnarsi per portare a termine un piano strategico per il futuro del Paese, il cui impatto sull‟economia può essere davvero paragonabile a quello di una intera manovra, sia in termini di risparmi e di snellimento burocratico, sia come sostegno alla competitività delle nostre pmi, e quindi come creazione di posti di lavoro. Di impegni ne abbiamo sentiti fin troppi, ora servono i fatti, perché non possiamo permetterci che l‟Agenda si trasformi in una „leggenda‟ digitale”, questa l‟interrogazione al governo dell‟on. Deborah Bergamini.

Cos‟è Dragon Town? Dragon Town è l‟Inferno dell‟aldiquà. Dragon Town è ogni luogo materiale dove sesso, morte e denaro prendono il sopravvento sull‟uomo e sui valori della civiltà. Dragon Town può essere ovunque. Il romanzo “Dragon Town” verrà presentato domani alla libreria Gilgamesh di Taranto. Il volume, edito dalla Edizioni Ensemble di Roma, è stato scritto da Cosimo Dellisanti. Dialogherà con l‟autore il giornalista Leo Spalluto, direttore del Corriere di Taranto. Spinto dai fatti di cronaca nera che hanno segnato negli ultimi anni la nazione ed, in particolare, la provincia di Taranto, è ispirato dalla musica del leggendario rocker Alice Cooper. Il giornalista tarantino Cosimo Dellisanti scrive il suo primo romanzo scegliendo i toni del noir e i ritmi del thriller d‟azione con richiami all‟horror. La città di Taranto viene sconvolta dal brutale omicidio di Alice, una giovane donna nota al pubblico come poetessa e attivista politica. I particolari sono così indicibili che giornalisti e cacciatori di fama si scatenano per accaparrarsi scoop e visibilità, ignari di nutrire un mostro letale. E sfidare un mostro, pericoloso e venefico come un drago, non porta mai nulla di buono. Cosimo Dellisanti ha 24 anni. Ha conseguito la laurea in Lettere e Culture del Territorio con una tesi su Tommaso Niccolò d‟Aquino, che sarà pubblicata prossimamente, ed è giornalista pubblicista dal 2012. Collabora con Jotv.tv, per la quale sta curando la produzione di alcuni format, e con Radio Cittadella. È per il NOEAP – No all‟Editoria A Pagamento.

Noleggio Attrezzature Video e Service Via Abbondio Sangiorgio 12 Milano T.+39 02 367 54 543


Il Bayern campione di Germania Il Bayern Monaco di Pep Guardiola entra nella storia. Infatti i bavaresi stasera si sono laureati Campioni di Germania vincendo il titolo con ben sette giornate di anticipo e chiudendo i conti già a marzo. Tra l‟altro, finora, senza perdere una partita.Visto il pareggio del Borussia Dortmund, il Bayern avrebbe festeggiato il titolo a prescindere ma i bavaresi hanno voluto fare le cose in grande andando a vincere nella capitale Berlino con un netto e facile 3 a 1 sull‟Herta.Già dopo cinque minuti il Bayern è campione virtuale grazie al gol di Kross. Al quarto d‟ora dopo raddoppia di testa Gotze. Ramos su rigore da un po‟ di pepe alla sfida, ma al 79‟ la chiude Ribery.Strepitoso, inarrestabile il Bayern Monaco. Lo era stato già sotto la guida di Heynckes, lo è stato ancora di più quest‟anno. Come detto prima, non era mai successo che una squadra vincesse lo scudetto a marzo e con sette giornate di anticipo. Il Bayern lo ha fatto. E lo ha fatto anche senza perdere (finora), pareggiando solo due volte, segnando 79 gol e subendone solamente 13.E adesso, archiviata la pratica campionato, in Baviera si punterà e si preparerà al meglio la rincorsa alla seconda Champions consecutiva.


Provincie il 65% degli Italiani le vuole abolire La maggioranza degli italiani non ha dubbi: le Province vanno abolite. L‟indagine realizzata dell‟Eurispes ha rilevato quest‟anno un orientamento netto su questo argomento: se i favorevoli erano il 46,6% nel 2011, a tre anni di distanza si evidenzia un aumento significativo di quanti approvano la riforma (61,5%). Allo stesso tempo si è ridotto il numero dei contrari dal 38,5% del 2011 al 25,6% del 2014, così come è diminuita la quota di quanti non si esprimono a riguardo (dal 14,9% al 12,9%). Rispetto all‟indagine 2011, nel 2014 la geografia del consenso ha subìto una significativa mutazione, spostando il proprio baricentro verso il Nord. Se in passato erano più favorevoli i residenti nel Centro e nel Sud, uniche aree geografiche a superare la soglia del 50%il primato dei “sì” spetta al Nord-Ovest (72%), seguito dal Centro (67,1%) e dal Nord-Est (62,1%); il Sud chiude la graduatoria (45,5%), scavalcato anche dalle Isole (dove il consenso è salito dal 35,9% al 58,9%). Relativamente alla classificazione per area politica è interessante notare come, a fronte di una generalizzata tendenza all‟incremento della quota di prevalenza dei consensi, il centro abbia mantenuto sostanzialmente stabile il proprio orientamento, mentre il centro-destra e la destra hanno fatto registrare il maggiore incremento dei consensi: il primo appare oggi come l‟area più favorevole all‟abolizione delle Province (73% a fronte del 46,3% del 2011); una netta inversione di tendenza si riscontra nel secondo, passato da costituire l‟unica area politica con orientamento contrario (46,8% di “no” contro il 42,6% di “sì”, nel 2011) a costituire il terzo schieramento per consensi (68,7%), dopo il centro-destra e il centro-sinistra (69,6%). Tale mutamento negli orientamenti ha portato il centro a transitare dal primo all‟ultimo posto, fra le aree politiche di riferimento, per quota di consensi espressi, facendo segnare anche il valore più alto dei contrari (26,3%).

per la tua Pubblicità contattaci a redazione@progettoitalieanews.net


Il calcio malato Il giornalista Gabriele Moroni presenta il suo ultimo libro che si chiama “Il Calcio Malato”, molto significativo anche nel titolo scelto e che parla di un analisi capillare del fenomeno calcio scommesse. Il “Calcio Malato” è quindi una sintesi di una vicenda lunga che Moroni ha seguito da cronista e da appassionato di calcio. Il tifoso soffriva, il reporter riempiva il taccuino. Parla il libro di indagati, del coinvolgimento di alcune bandiere e di filoni e filoni di indagine. Una vicenda complessa raccontata punto per punto in una sintesi ordinata, che include anche la grande novità della espansione internazionale con il coinvolgimento dei tycoon di Singapore. Moroni parla attraverso il suo libro di innocenza perduta e strappata a tutti gli sportivi. Un libro amaro. L'aspetto che lo ha scioccato di più è stato il coinvolgimento di alcuni simboli dello Sport come Doni e Signori, sacerdoti di una religione laica rappresentata dai bergamaschi attraverso l‟amore per l‟Atalanta. Nel libro si parla anche di Simone Farina, che ebbe il coraggio di denunciare un tentativo di combine e diventato per molti simbolo di onestà sportiva. In quel periodo sembrava che la sua splendida onestà fosse l'eccezione alla norma. Lui forse è stato troppo santificato, ma ovviamente non è colpa sua, è stato bravissimo. I media hanno insistito sull'eccezione. I Farina invece devono essere la regola nel calcio. Nel libro c'è una bella intervista al giudice Salvini, a Milano molto conosciuto per Piazza Fontana, per le "trame rosse" e le "trame nere". Viene delineata nelle pagine la sua amarezza nel delineare quell'ordinanza. Un uomo ferito. Salvini è riuscito a tenere in piedi l'ipotesi di reato dell'associazione a delinquere. Alle prossime udienze preliminari i legali degli indagati si opporranno al reato associativo e chiederanno lo spostamento del processo da Cremona. La battaglia processuale è ancora lunga.

.

Banca di sviluppo del consiglio d'Europa Deborah Bergamini ha presentato un‟interpellanza al Governo per chiedere perché la Banca di Sviluppo del Consiglio d‟Europa (CEB), di cui l‟Italia è uno dei maggiori azionisti, non investe più, di fatto, nel nostro Paese. Viene chiesto quali iniziative intendesse adottare per promuovere presso la Banca di sviluppo del Consiglio d‟Europa un cambio di rotta nella strategia di azione, incentivando programmi di intervento basati su specifiche aree tematiche e non su obiettivi territoriali. In realtà una modifica al modus operandi della CEB per dare la possibilità di offrire finanziamenti diretti ad istituzioni ed enti pubblici, senza ricorrere all‟intermediazione degli istituti bancari privati. La Banca di sviluppo del Consiglio d‟Europa è una banca multilaterale a vocazione esclusivamente sociale e una delle più antiche istituzioni finanziarie internazionali europee. Quando venne creata, sulla base di un accordo parziale tra gli Stati membri del Consiglio d‟Europa, il 14 aprile del 1956, lo scopo prioritario era quello di fornire aiuti finalizzati e risolvere i problemi dei rifugiati. Da allora il suo campo d‟azione si è progressivamente esteso ed oggi contribuisce in modo significativo al rafforzamento della coesione sociale in Europa. Essa opera aiutando gli Stati membri, attualmente quaranta, a perseguire una crescita sostenibile ed equa, finanziando progetti di investimento sociale suddivisi in tre ambiti, stabiliti nel 2006 dal consiglio d‟amministrazione dell‟istituzione: il rafforzamento dell‟integrazione sociale, la gestione ambientale e il sostegno alle infrastrutture pubbliche a vocazione sociale.


Martina: l’ adesione degli Stati Uniti d’America ad Expo 2015 di Milano è segno di importanza strategica Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto che il Ministro Maurizio Martina ha partecipato oggi all‟incontro “Milan Expo and Transatlantic Economic Ties” presso l‟Ambasciata degli Stati Uniti d‟America a Roma. L‟appuntamento è stato l‟occasione per ufficializzare la partecipazione degli USA a Expo Milano 2015. Alla presentazione dell‟accordo erano presenti, tra gli altri, anche il Segretario di Stato Usa, John F. Kerry, il Ministro degli Esteri, Federica Mogherini e il Commissario unico per Expo 2015, Giuseppe Sala. “Sono orgoglioso”, ha affermato il Ministro Martina, del risultato raggiunto oggi per Expo con l‟ufficializzazione della partecipazione degli Stati Uniti, perché si tratta di un riconoscimento importante per la manifestazione e per l‟Italia. Siamo convinti che il contributo in termini di contenuti al dibattito che verrà da un protagonista così importante all‟interno dello scenario globale, non potrà che arricchire il confronto. Credo che vadano proprio in questo senso le parole di oggi del Presidente Obama e del Segretario Kerry sull‟opportunità di Expo”.

William Shakespeare e il senso del tragico Al Teatro Mercadante - LIBRI&CAFFÈ - domani verrà presentato il volume “William Shakespeare e il senso del tragico” a cura di Simonetta de Filippis. con la curatrice interverranno Luca De Fusco, direttore del Teatro Stabile di Napoli, Stefano de Stefano, critico teatrale del Corriere del Mezzogiorno ed Annamaria Sapienza, docente di Storia del Teatro dell‟Università degli Studi di Salerno. “La nostra è un‟epoca essenzialmente tragica”, scriveva D.H. Lawrence nel 1928 ad apertura del romanzo Lady Chatterley‟s Lover, sintetizzando così il dramma di una “terra desolata”, ferita e segnata dalla violenza e dall‟orrore della Grande Guerra. Il senso del tragico è certamente un tratto forte che definisce e pervade la nostra epoca, avvicinandola sensibilmente a quella elisabettiana e facendo di William Shakespeare un “nostro contemporaneo”. La modernità della tragedia shakespeariana si esprime attraverso la coraggiosa riflessione sul senso di fragilità e di sperdimento dell‟uomo del tempo, un uomo non più vittima del Fato o degli umori degli Dèi come accadeva nella tragedia classica ma artefice del proprio destino, posto come è con la propria coscienza di fronte ai grandi mutamenti del tempo, consapevole della propria individualità in un mondo oramai privo di quegli assoluti che lo avevano sorretto e guidato e, dunque, costretto a misurarsi con una realtà sfuggente e dalle molteplici letture. Uomo che è artefice del proprio destino e che si esprime attraverso le scelte compiute che trasformano di fatto un predestino in un destino. L‟uomo inteso come “uomo d‟azione” che determina la traccia della sua vita. Quindi, un senso di inquietudine attraverso il quale l‟uomo si riappropria di se stesso. Una traccia fortemente esoterica del “bardo” che si esprime nelle sue opere. Nei contributi che compongono questo volume, alcuni dei grandi protagonisti della tragedia shakespeariana , Amleto, Otello, Re Lear, Riccardo II, insieme alle figure tragiche femminili di Desdemona, Giulietta, Lucrezia ed altre , ci raccontano l‟interiorità tormentata e il senso di inquietudine dell‟individuo in un‟epoca che presenta straordinarie affinità con il mondo contemporaneo, prestandosi così a nuove sperimentazioni, riscritture, rivisitazioni, non soltanto teatrali ma anche poetiche, cinematografiche, digitali, attraverso le quali il grande palcoscenico shakespeariano viene riproposto come luogo di rappresentazione del sentire dell‟uomo contemporaneo, come vivace arena di dibattito critico, come fertile terreno da cui continuano a germogliare nuove creazioni artistiche.


Renzi a testa bassa "Andiamo a testa bassa perchè dobbiamo vincere le europee ed è difficile in alcuni comuni. Dobbiamo essere il primo partito in Italia, il secondo nel Pse". Così Matteo Renzi all'assemblea dei parlamentari Pd illustrando il cammino delle riforme. I cantieri per 3,5 miliardi sulla scuola partiranno da giugno ed il premier ha spiegato che i 3,5 miliardi di investimenti per la scuola sarebbero conteggiati fuori dal patto di stabilità, così come un altro 1,5 miliardi di investimenti contro il dissesto idrogeologico. "Vado fino in fondo", ha continuato. Le riforme delle istituzioni e della P.a. sono la scommessa su cui punta tutto, mentre si prepara a dare fiato ai consumi mettendo "80 euro nelle tasche di chi ha più pagato in questi anni". Il premier vola a Scalea, comune commissariato del cosentino, per incontrare studenti e sindaci e partecipare a una manifestazione del Pd contro la 'ndrangheta. Sono disposto a rischiare, ribadisce, e se non si supera il Senato smetto di fare politica.".

Dal Veneto bando di 60 milioni per i giovani imprenditori agricoli E‟ pronto il Bando che nel Veneto mette a disposizione risorse per 60 milioni di euro complessivi con l‟obiettivo di insediare giovani under 40 come titolari di nuove azienda agricole e supportare l‟ammodernamento di strutture aziendali esistenti. Lo ha adottato ieri la giunta regionale, su proposta dell‟assessore all‟agricoltura. Il provvedimento passa ora all‟esame della competente commissione consiliare prima della definitiva approvazione. Le domande, a seconda degli interventi richiesti, andranno presentate o entro fine maggio o entro fine giugno. Il provvedimento, come ha spiegato l‟assessore, risponde all‟esigenza di favorire il ricambio generazionale in un settore che è strategico, crea lavoro, ricchezza, immagine e qualità, è ai primi posti per export nazionale.


Putin chiama Obama Il ministro degli esteri russo Serghiei Lavrov ha annunciato che i suoi recenti contatti diplomatici con Usa, Germania, Francia e altri Paesi ”mostrano che si delinea la possibilità di una iniziativa comune che potrebbe essere proposta all’Ucraina”. La Russia non ha alcuna intenzione di attraversare la frontiera con l’Ucraina, ha detto Lavrov. Prima lo scambio di accuse e recriminazioni, poi una telefonata che potrebbe segnalare l’avvio di un fase di graduale disgelo sulla crisi ucraina. Vladimir Putin ha chiamato ieri sera Barack Obama, in visita in Arabia Saudita per discutere di una proposta di soluzione diplomatica messa sul tavolo dagli Usa per uscire dal clima da nuova Guerra Fredda innescato dalla rivolta di Kiev e dalla successiva annessione della Crimea da parte russa. Obama era stato molto fermo dichiarando che Putin doveva ritirare le sue truppe dai confini con l’Ucraina. In realtà Obama temeva l’invasione del Paese e nessuno sapeva se questa decisione fosse stata presa o meno dal Cremlino. In realtà Kiev è molto debole, sia come armi che come tenuta politica. Tra l’altro deve evitare una bancarotta ed anche se arriveranno 18 miliardi di dollari dal Fondo Monetario Internazionale, come controparte dovrà aumentare tasse e tariffe su beni indispensabili, come il gas, e congelare i salari minimi. L’Ucraina ha bisogno, in realtà, di 35 miliardi di dollari e non di 18, per non affondare sotto i debiti. Resta comunque il fatto che un eventuale compromesso raggiunto da Putin ed Obama resterà vincolato ad una serie di condizioni. Ma il fatto che i due leader si siano parlati lascia intravvedere più di uno spiraglio. Della proposta americana, già illustrata nei giorni scorsi all’Aja dal segretario di Stato John Kerry al capo della diplomazia del Cremlino, Serghiei Lavrov, non si sa granché. La Casa Bianca si è limitata a far sapere che si tratterebbe di una via d’uscita diplomatica. Come dire che la questione Crimea viene di fatto accantonata e l’attenzione si concentra ad evitare ulteriori focolai nelle regioni russofone dell’Ucraina orientale e meridionale. Regioni sulle quali Putin nega del resto di avere ambizioni, come confermato anche al segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon. Sembra che Putin abbia rafforzato le sue posizioni per poi trattare. Ma anche riguardo all’esito di una trattativa che somiglia a una delicatissima partita a scacchi, molto dipenderà anche dall’epilogo dell’inquieta campagna per le presidenziali ucraine del 25 maggio e dalle garanzie che Kiev riuscirà a dare, anche nella riforma costituzionale, agli interessi russi. In realtà, tutela delle minoranze russofone e non adesione alla Nato. Obama ha rilanciato a Putin anche l’appello ad aprire negoziati diretti con il governo ucraino e la comunità internazionale, accompagnando il cammino di Kiev verso la democrazia. E ha rifiutato l’idea che ci sia una sfera di influenza che possa giustificare la Russia a invadere altri Paesi. Gli Stati Uniti, ha garantito, non hanno alcun interesse ad accerchiare Mosca. Chiamandolo, il presidente russo ha mostrato di essere disposto ad andare a vedere le carte dell’interlocutore, anche per evitare le inevitabili conseguenze economiche di un braccio di ferro prolungato. Ma che il Cremlino si fidi resta tutt’altra cosa.

BORGIA MASSIMO Architetto Roma

  

l'italia ritorna ad essere un riferimento positivo, una attraenza culturale per una comunità di milioni di persone che sentono, condividono, vogliono conoscere, sperimentare una esperienza storica, estetica, economicosociale che può legittimamente proporsi come un riferimento costruttivo della realtà contemporanea. l’intuizione del bello che si trasforma in prodotto. l’estetica italiana non è soltanto stile e immagine ma si rapporta a l’ascolto, alla sperimentazione, ossia è l’espressione dell’intuizione, della creatività nutrita d’innovazione. in questi settori, le sezioni di lavoro, diventano una rete progettuale e produttiva unica italiana, in grado di realizzare: sensazioni emozioni racconti originali il modello italia è espressione di un modo di vivere italiano basato su uno stile estetico di pensare, non solamente uno stile di vita.


Sgarbi in Jaguar Vittorio Sgarbi ha chiesto di pignorare la Jaguar di proprietà del ministero della Giustizia messa in vendita su e-bay dal Governo. Sono tre anni, spiega, che il ministero della Giustizia mi deve pagare diecimila euro per le lungaggini di un processo penale derivante da una querela del magistrato Agostino Cordova. Ho dato disposizione all'avvocato Giampaolo Cicconi affinché chieda all'ufficiale giudiziario di Roma il pignoramento del bene non più indisponibile dello Stato.

Marianna Madia:urge svecchiare la P.A. ''Va avviato un processo di riduzione non traumatica dei dirigenti e più in generale dei dipendenti vicini alla pensione, per favorire l'ingresso dei giovani. Se in un posto mando in pensione leggermente anticipata 3 dirigenti, non devo per forza sostituirli, magari basta prendere un funzionario. Con questa staffetta generazionale riduco, svecchio e risparmio''. Così Marianna Madia, ministro della Pubblica amministrazione. ''Partiremo con la riforma della dirigenza, tra fine aprile e inizio maggio. Non abbiamo ancora deciso lo strumento ma i contenuti sono chiari. In Italia ci sono troppi dirigenti, troppo anziani, che non ruotano e per i quali si è formata una giungla retributiva che non risponde né a criteri meritocratici né a elementi oggettivi'', dice Madia. ''I premi scatteranno solo a fronte di un evidente miglioramento della performance'. Quanto alla possibilità che nel 2014 i premi siano sospesi, non c'è nessuna decisione in merito. Meglio far partire subito il nuovo sistema di valutazione''. Possiamo allacciare questo discorso a quanto gestito dal Ministero dell‟Economia e che riguarda i paletti posti per gli stipendi dei top manager, che non dovrebbero superare i 311 mila euro, eccezion fatta per le società quotate. Nella formula adottata da Padoan viene comunque lasciata una zona grigia, visto che le società controllate dal Mef vengono classificate in fasce di complessità sulla base di precisi parametri che riguardano il valore della produzione, gli investimenti ed il numero di dipendenti. E‟ forse un trucco?

www.luxurent.it

Torna l'ora legale Tra sabato 29 e domenica 30 Marzo scatta l'ora legale.Per sette mesi fino alla notte tra il 25 ed il 26 Ottobre le lancette resteranno spostate di un'ora in avanti, con un risparmio in termini di consumo di energia elettrica di 556,7 Kilowattora e in termini di costi di 92,6 milioni di euro per il 2014


Berlusconi per liste forti alle Europee Berlusconi è stato delegato dall‟ufficio di presidenza di Forza Italia a compilare le liste forti per le elezioni europee. Cosa vuol dire liste forti? Presto detto, vuol dire candidare parlamentari con voti certi, che se eletti alle europee si dimetteranno dalle cariche ricoperte in Camera e Senato. Capilista: Giovanni Toti per il Nord Ovest, Antonio Tajani per il centro e Raffaelle Fitto per il sud. Mancano all'appello il Nord Est e le isole. La campagna elettorale sarà impostata su tematiche economiche e finanziarie, con particolare attenzione al fiscal compact ed alle politiche monetarie della Banca Centrale europea. “Tutte questioni ineludibili per ridare slancio e competitività al nostro continente", ha spiegato Berlusconi. Successivamente il Cavaliere in vista delle alleanze di coalizione ha contattato Francesco Storace, ricordandogli di aver condotto battaglie comuni. “Tu Francesco hai fatto parte del nostro governo, come successivamente Nello Musumeci. Siete stati candidati della nostra coalizione nelle regioni Lazio e Sicilia. Torniamo ad unirci dunque, senza rinunciare alle nostre specificita'", ha scritto in una lettera al leader della Destra.

Raffaele Cantone, presidente dell'Autorità Anticorruzione La Commissione Affari Costituzionali del Senato ha approvato all'unanimità la scelta del Premier Renzi di nominare il magistrato Raffaele Cantone alla presidenza dell'Autorità Anticorruzione. Voto unanime di maggioranza ed opposizione

Floro Flores cuore d'oro In un momento in cui nel calcio si parla soprattutto di violenza e discriminazioni, in un'epoca in cui i giocatori sono spesso additati come vip che pensano solo o soprattutto a soldi e soubrette, il calcio ci regala una bella pagina di umanità, ci regala una bella storia, per fortuna a lieto fine, che ha per protagonisti il calciatore del Sassuolo Antonio Floro Flores e Carmine Francesco, il piccolo abbandonato lo scorso 16 marzo nella stazione della Circumvesuviana di Baiano in provincia di Avellino. Il piccolo era stato ritrovato in una busta sotto il seggiolino dell‟ultimo vagone del treno proveniente da Napoli da un macchinista e da sua moglie e venne ricoverato all‟ospedale Moscati dove venne chiamato Carmine. In un secondo momento è stato poi aggiunto il nome Francesco, in onore di Papa Bergoglio. Floro Flores, comodamente seduto sul divano, venne a conoscenza di questa storia dalla tv e si mise subito in contatto con l'ospedale per un sostegno economico. Poi all'attaccante è stata prospettata la possibilità dell'adozione e, dopo un consulto con la moglie, è stata presa la splendida decisione: adottare il piccolo che andrà a far compagnia ad Aurora, Ginevra e Armando Floro Flores. L'annuncio è arrivato ieri tramite Twitter con l'attaccante che scritto: <<Dopo aver visto il piccolo Francesco, abbiamo seguito quello che dettava il cuore. Sono padre prima che un calciatore, non certo un eroe!>>. Non sarà un eroe, ma un uomo dal cuore d'oro sì!


Renzi: sulle riforme nessun out out E‟ un Renzi stramotivato ad aprire i lavori della Direzione del Pd. Stramotivato perché proteso ad avere una apertura di credito politico da Angela Merkel, fatto questo che chiuderebbe la storia politica dell‟Italia, e sigillando un piccolissimo varco alla destra ed a Forza Italia anche negli anni a venire. Quindi, in tal caso Renzi for ever. Stramotivato e ringalluzzito un Renzi che piace all'America. "Matteo Renzi è un giovane leader molto promettente ed energico", afferma la Casa Bianca, visto che il presidente americano è rimasto colpito dal piano di riforme del premier e dal suo impegno verso l'Europa e l'Alleanza Atlantica. La Direzione del Partito democratico di oggi solo parzialmente ha affrontato il tema delle europee. Una nuova riunione sulle liste elettorali, verrà fissata nella settimana tra il 7 e il 13 aprile prossimo. Matteo Renzi, in direzione, a chi gli chiedeva di indire una Conferenza sul partito risponde che c‟è una questione aperta e nei prossimi mesi si farà una assemblea Pd dove verranno proposti di due vicesegretari: Debora Serracchiani e Lorenzo Guerini. E‟ questo un elemento di garanzia e non di polemica interna. Già da ora se tutte le componenti hanno voglia di confrontarsi per una gestione più ampia possibile del partito noi siamo pronti e non abbiamo bisogno di steccati. E' anche una riflessione sul sistema partito, una riflessione sui contenuti e sul modello. E' opportuno e per me positivo a condizione che si faccia in uno spirito franco, dopo le elezioni europee e senza che questo sia una rivincita del congresso. Il governo approverà lunedì in consiglio dei ministri il ddl costituzionale sulla riforma del Senato e Titolo V. E' questo il primo annuncio di peso effettuato dal segretario alla direzione del Partito Democratico. Dice con fermezza: "M5s è in difficoltà, è in ricorsa rispetto a noi perché ci insegue sui temi su cui prima aveva una primazia e ora non più. Loro parlano e noi risolviamo". L'Italicum sarà approvato al Senato dopo il via libera alla riforma del bicameralismo. Il testo è modificato rispetto all'origine con modifiche positive ma in alcuni casi non sufficienti. E' importante il punto che per noi fare una legge con altri è un valore e per modificarla bisogna fare uno sforzo insieme. La necessità di fare riforme in tempi certi non nasce da una mia schizofrenia personale ma dalla consapevolezza che il rispetto dei tempi è elemento di credibilità con i cittadini e con le istituzioni internazionali, confermando che ad aprile il governo farà la riforma della Pa, a maggio la delega fiscale e a giugno la riforma della giustizia. Parla poi del taglio al cuneo fiscale, effettuta tagliando a quelli che si dicono meno abbienti, prendono 1300 euro ed una volta erano ceto medio. E' un pezzo di popolazione cui si cerca di restituire un po' di fiato. Tocca infine il punto di chi chiede modifiche al dl lavoro. I contratti a termine e l'apprendistato sono due punti intoccabili della nostra proposta. Non sono due temi a piacere. Se si è scelto di fare un decreto su questi temi e poi un ddl di delega, è perché abbiamo immaginato l'urgenza della risposta rispetto alla credibilità e alla coerenza complessiva della manovra. Non dimentichiamo, ha proseguito, che con delle regole tra le più restrittive, vidimate dai sindacati, siamo passati da 25% al 40% di disoccupazione giovanile. Non si risolve problema lavoro rendendo più difficile l'accesso al lavoro ai nostri giovani.


Il pomeriggio di Serie A La Lazio vince lo scontro europeo col Parma all‟ultimo secondo, rinasce il Verona, torna a vincere il Torino mentre continua la frenata della Fiorentina. È questo il quadro di questa domenica pomeriggio. Partiamo da Roma dove è andata in scena la partita più rocambolesca. Finisce 3 a 2 con Candreva che rompe definitivamente l‟equilibrio al 91′. Ad aprire le marcature era stato Lulic al 15′ con un comodo tap in dopo la discesa di Konko. Al 26′ il pareggio ducale con Biabiany il più lesto ad arrivare sulla ribattuta di Marchetti sul destro di Cassano. Il francese vince il rimpallo e scavalca il portiere biancoceleste per l‟1 a 1. Al 60′ il solito Lulic spreca una clamorosa occasione per troppo egoismo a conclusione di un contropiede tre contro uno, ma il bosniaco si fa perdonare cinque minuti dopo con l‟assist vincente per Klose. La Lazio sembra in controllo ma all‟81esimo arriva una papera colossale di Marchetti. Sul cross di Palladino Ciani anticipa Cassano, il pallone rimbalza lento davanti a Marchetti che si infilare sotto le gambe. Il Parma addirittura sfiora il 3 a 2 con Munari e Palladino, Mirante salva di piede su Keita al 90′ ma un minuto dopo, su assist del solito Lulic, Candreva trova il gol decisivo. In zona europea pareggia la Fiorentina contro la Sampdoria. Partita intensa, tante occasioni ma zero gol. Al 5′ Eder sfiora il palo, mezz‟ora dopo Gabbiadini impegna Neto su punizione. Al 39′ la reazione dei viola con Mati Fernandez che va a sfiorare l‟incrocio con un destro a giro. Nel secondo tempo le occasioni si fanno più rare: Maxi Lopez impegna Neto al 51′ che si salva in angolo; al 57′ la Samp si salva quasi sulla linea sul tiro di Borja Valero. Al 78′ Vargas “distrugge” la traversa con una bordata su punizione che si stampa sull‟incrocio. Ma l‟ultima occasione clamorosa capita in pieno recupero sulla testa di Matri che, come già successo nelle ultime settimane, manca la deviazione vincente di testa da pochi passi. Il Verona batte il Genoa 3 a 0 e Toni vince il duello a distanza con Gilardino. Bella partita al Bentegodi sbloccata al 35′ dal destro da fuori di Donadel che tocca il palo e finisce alle spalle di Perin. L‟Hellas rimane in dieci per l‟espulsione di Albertazzi. Il Genoa spinge, il Verona resiste e all‟88esimo in contropiede chiude i conti con Toni che da il via all‟azione che porta Marquinho da solo davanti alla porta rossoblu. L‟ex romanista appoggia per Toni che a porta vuota fa 2 a 0. E tre minuti dopo il copione si ripete per il 3 a 0 finale. Nonostante l‟assenza di Immobile il Torino batte il Cagliari trascinato da un super Cerci che al 45′ serve un assist al bacio per El Kaddouri che di testa fa 1 a 0. Quindi al 70′ sprigiona i suoi cavalli per bruciare i difensori sardi e presentarsi a tu per tu con Avramov a cui non lascia scampo. Il solito Nené prova a riaprire il match di testa ma il Toro porta a casa i tre punti.


Aiutiamo i bambini rifugiati della Siria ad avere una Scuola ed un ospedale.

L'associazione no profit Dialogo, in collaborazione con il Rotary Club e Noi Italia, sta organizzando la raccolta fondi da destinare ai bambini Siriani. Per le donazioni comunicheremo a breve come effettuarle

Newsletter n 7  

Progetto Italia News

Advertisement