Issuu on Google+

IL FERRARINO Periodico di informazione e discussione dell I.T.C. “F. Ferrara” Anno 2 numero 1

ottobre - novembre 2006

DOVE ERAVAMO RIMASTI?

La Redazione

L'anno scolastico è iniziato da un pezzo, le vacanze estive sembrano già un lontano ricordo e le attività nella nostra scuola sono iniziate a pieno ritmo. Così anche noi del ferrarino riprendiamo l'appuntamento con i nostri lettori. Dove eravamo riamasti? Beh, sicuramente non potevamo non parlare dello spettacolo di fine anno a cui abbiamo dedicato un ampio spazio in questo numero. In effetti, anche se è passato qualche mese, ci è sembrato opportuno non lasciar passare in maniera inosservata l'evento sia per la sua importanza sia perché può essere utile avere in mente, già all'inizio dell'anno, il traguardo da raggiungere: festeggiare insieme la conclusione di un anno di duro lavoro ma anche di risultati soddisfacenti! Pag. 2

Palermo ilferrarino@libero.it

UN GIORNO DI FESTA lo spettacolo di fine anno al Teatro “ Don Orione” Il successo riscosso dalla rappresentazione del saggio di scrittura drammaturgica “Tutto il mio miele”, tratto dal romanzo “Il bell’Antonio” di Vi ta l i a n o Brancati, scritto ed interpretato La conclusione della festa con numerosi alunni che cantano sul palco dagli allievi del laboratorio teatrale, è il frutto di un lungo lavoro di preparazione. Il laboratorio teatrale, infatti, attivato lo scorso anno nel nostro Istituto dall’Associazione “Teatro Scuola”, ha visto impegnati gli alunni corsisti per quasi tutto l’anno scolastico, con Enzo Toto che ha curato la regia, con Consuelo Lupo che si è occupata delle arti sceniche e con Rossella Floridia che ha curato la Didattica di scrittura. Gli attori, comprensibilmete emozionati alle prime battute, hanno però presto mostrato tutta la loro bravura, meritandosi a pieno i calorosi applausi di tutti i presenti. Particolarmente apprezzabile l’impegno di Giuseppe Fraterrigo (IVPr1) che ha dovuto imparare in pochi giorni la parte, avendo egli sostituito “all’ultimo momento” uno dei protagonisti maschili. Nella seconda parte dello spettacolo diversi alunni si sono esibiti in canti, balli e musiche. Le immagini dello spettacolo alle pagg. 3 e 4.

OFFERTA FORMATIVA INTEGRATIVA E AMPLIAMENTO DELL’OFFERTA FORMATIVA

Anche quest’anno, gli alunni potranno scegliere tra numerose attività extrascolastiche: non c’è che l’imbarazzo della scelta! A pag. 5 l’elenco di alcuni dei progetti e attività che si svolgeranno durante il corrente anno sc.

ANNO SCOLASTICO 2005/06: POSITIVI I RISULTATI DEGLI SCRUTINI FINALI Come si evince dalla tabella pubblicata a pag 6, il totale degli alunni non ammessi nello scorso anno sc. rappresenta “solo” il 7% degli alunni scrutinati ed è maggiormente concentrato, come era prevedibile, nel biennio. In diverse classi del triennio, invece, gli alunni promossi raggiungono il 100%. Meno confortante il dato relativo al totale degli alunni promossi con debito formativo: in quasi tutte le classi supera il numero di quelli promossi senza debito. E’ auspicabile che nel corrente a.s. possa essere migliorato anche questo risultato. A pag. 6 i dati relativi alle varie classi

TRA TANTA OMBRA UN PO’ DI LUCE… ROSANERO!

di Curci Alessio

Quella calcistica è stata forse l’estate più travagliata da quando lo sport più bello del mondo è nato in Italia. Mai come quest’anno il calcio italiano aveva toccato così il fondo: partite truccate, arbitri corrotti, interi campionati manipolati da dirigenti padroni di un sistema che definir marcio penso sia riduttivo. pag. 5

ESAMI DI STATO SI CAMBIA

Ie principali modifiche previste dal disegno di legge Fioroni in materia esami di Stato. pag.6

GRAZIE GOVERNO! di G. Parisi Grazie! Grazie al governo per quanto sta facendo per sdebitarsi con chi lo ha votato. Ci ha preso per i fondelli per l'ennesima volta. Come sempre fa la campagna elettorale a favore d'insegnanti, pensionati, piccoli risparmiatori, ceto medio, ecc… ecc…, e poi ZAC, li frega per primi. Grazie! Sono un insegnante di sinistra, come ce ne siamo tanti, ma veramente “coglioni”…non per finta, come disse una più autorevole faccia di "bronzo" qualche tempo fa.

pag 8


pag 2

ottobre - novembre 2006

il ferrarino

Gentili famiglie Cari alunni Cari professori Per il 2° anno scolastico mi trovo con voi. Evviva! L’anno sc. appena trascorso è letteralmente volato. Abbiamo fatto insieme moltissime cose delle quali, tra l’altro, si parla in questo vostro giornalino. Possiamo essere felici di avere realizzato almeno il 90% dei nostri progetti che, come voi ben sapete, erano ambiziosi. Bravi, bravi davvero! Per l’a.s. in corso io auguro a ciascuno di voi di continuare a dare sempre il massimo per potere raggiungere obiettivi migliori dato che i progetti diventano sempre più qualificati e qualificanti. Non è infatti più importante l’essere “promossi” quanto l’essere promossi con valutazione di eccellenza e, poichè l’eccellenza non è una dote innata ma si conquista con l’impegno, la serietà e la tenacia, allora: tutti in corsa e ... anche quest’anno le sorprese saranno dietro l’angolo! In premio per merito: visite guidate, viaggi di istruzione, libri, esonero tasse e per gli alunni delle quinte classi promossi con 100/100, il 50% delle tasse universitarie sara omaggiato dalla scuola! Con fiducia e altrettanta stima, vi abbraccio tutti. Il D.S. Prof.ssa Gaetana Vitanza

DOCENTI CHE VANNO... DOCENTI CHE VENGONO Come alcuni alunni avranno notato, da quest’anno i proff. Miceli, Chiappara e Cipponeri non sono più in servizio nel nostro Istituto e si stanno godendo la meritata pensione. La scuola li ha voluto salutare organizzando una festa subito dopo il collegio del 14/06/06. Oltre al buffet, non sono mancati simpatiche poesie, fiori, occhi lucidi per l’ emozione e soprattutto un clima di serenità che solo in una bella “famiglia” si può respirare, clima di cui da tempo al Ferrara si sentiva la mancanza! E proprio in questa nostra “famiglia” diamo un caloroso benvenuto ai docenti Mazzola, Bua, Li Voti che hanno preso il posto dei “neopensionati” e a tutti i professori che da quest’anno insegnano al Ferrara. Speriamo, inoltre, di riavere presto tra noi la prof.ssa Mangione che come perdente posto ha dovuto fare domanda di trasferimento in altro Istituto.

La Preside consegna a ciascuno dei tre docenti una targa ricordo e un “attestato” nel quale sono riportate le tappe più significative della loro carriera. A conclusione della “festa”, alla Preside, piuttosto sorpresa, sono stati donati dei fiori come attestato di stima da parte dei docenti per il suo lavoro e per la fiducia accordata ai suoi collaboratori.

DOVE ERAVAMO RIMASTI? (Continua dalla prima)

Guardando, infatti, i dati relativi all'anno scolastico appena trascorso e pubblicati in questo numero, si può senz'altro esprimere un giudizio positivo, così come d'altronde in collegio docenti ha fatto la Preside la quale, però, contemporaneamente ha esortato tutti a guardare sempre avanti ed a fare sempre meglio. Con questo intento, quindi, abbiamo voluto una nuova veste grafica e un nuovo formato per il nostro giornale, sperando che a crescere non siano solo i colori e le dimensioni delle pagine…! Pertanto, è necessario che aumentino anche i contributi degli alunni, dei docenti e di tutto il personale della scuola che come al solito possono pervenire in redazione attraverso la nostra e-mail (ilferrarino@libero.it) o qualsiasi altro mezzo. Una ex alunna (una certa Valentina) tempo fa ci ha inviato una e-mail nella quale diceva che sentiva la mancanza dei suoi compagni, dei professori e del "Ferrara" in generale. Ci piacerebbe, allora, che il nostro giornale rappresentasse anche un "legame" con chi non è più alunno della nostra scuola ma non per questo non desidera più ricevere qualche notizia dall'ambiente in cui è cresciuto. Per questo sarebbe bello anche poter pubblicare qualche articolo di quanti vogliano comunicarci le loro riflessioni, esperienze e consigli da "ex alunni." Infine, un calorosissimo benvenuto agli alunni che, provenendo dalla scuola media o avendo superato gli esami di idoneità o integrativi, frequentano per la prima volta l'ITC "Ferrara". A tutti un buon anno scolastico. la redazione

IL FERRARINO

Periodico dell’ ITC “F. Ferrara” - PA Anno 2 numero 1 ottobre - novembre 2006 Direttore: prof. Muscato Vincenzo

IL Comitato di redazione

In alto da sx: Cusimano Serena (3E), Prof. Muscato, Pernini Alessia (4E), Lentini Neeru, Parisi Danila, Ferro Rosario (VE); In basso da sx: Fraterrigo Giuseppe (IVPr1), Pagano Giuseppe (III Pr3). Hanno collaborato in questo numero: Curci Alessio (V Pr3), De Luca Andrea (VPr2), Luisi M. (VPr1), Prof. Parisi G.


ottobre - novembre 2006

il ferrarino

LO SPETTACOLO DI FINE ANNO

pag. 3 LA BIONDA E LA BRUNA

Io, attore per caso! Lo scorso anno ho collaborato più volte al nostro giornalino d'Istituto e finalmente anch'io sono membro del Comitato di redazione. Da quest'anno anch'io proverò ad intrattenervi periodicamente con degli articoli. Anche se siamo La scena del funerale, immediatamente dopo quella del matrimonio. solo all'inizio dell'anno scolastico, tempo in cui iniziano molte nuove avventure, si conoscono nuovi amici e si fanno anche nuove esperienze, desidero parlarvi di qualcosa di "vecchio". Come avrete capito dal titolo, mi riferisco all'ultimo spettacolo di fine anno… Sono sicuro che molti di voi lettori erano presenti, ricordate? Lo spettacolo cominciò con la rappresentazione teatrale, seguirono poi balli, canzoni e qualche pezzo di assolo musicale. Il tutto è stato prodotto dai nostri compagni di scuola. Alla fine, ci ritrovammo tutti insieme sul palco ad intonare "Il gatto e la volpe" a squarciagola, fissando così quella parola fine che decretò il successo dello spettacolo. Sicuramente è stato il modo migliore per ripagare tutti coloro che si sono impegnati per organizzare la realizzazione dell'evento. Come alcuni di voi sanno, anche io ho partecipato alla rappresentazione teatrale interpretando la parte del padre del Bell'Antonio. Penso che per molti possa essere divertente recitare, cantare o suonare. Certo, sarà difficile che vi possiate trovare nella stessa situazione in cui mi sono trovato io: essere “invitati” a recitare una delle parti più corpose della rappresentazione solo QUATTRO giorni prima della sua messa in scena. Non dico ciò per vantarmi, visto che sono stato chiamato con l'obbiettivo di salvare lo spettacolo, e, anche se non è stata una passeggiata, mi dicono che in buona parte ci sono riuscito. Il mio interesse per il teatro, come ho già scritto lo scorso anno in un altro articolo, è nato solo recentemente e grazie al progetto "Teatro-scuola" realizzato nel nostro Istituto. Mai, però, mi sarei immaginato di trovarmi così improvvisamente “dall'altro lato” del palcoscenico. Vi assicuro che è stata una esperienza fantastica e consiglio a tutti voi di partecipare a questa attività che si ripeterà anche quest'anno. Mi raccomando: continuate a leggere Il Ferrarino!

Le presentatrici dello spettacolo Lentini Neeru (a sx) e Monica Uggini (a dx), anche se un pò emozionate, sono state all’altezza della situazione!

IL MAGICO SAX

Roberto Molinelli (classe IIE), al II anno di conservatorio, con il suo sax ha coinvolto piacevolmente il pubblico.

Giuseppe Fraterrigo IV Pr1

LA CHITARRA CLASSICA

Gli attori, con Il regista Toto e gli insegnanti Lupo e Floridia, ricevono gli applausi del pubblico.

L’alunno del corso serale, Vito De Cofano, che studia chitarra classica al conservatorio, ha magistralmente eseguito un brano di H. Villa Lobos.


pag 4

LO SPETTACOLO DI FINE ANNO

ottobre - novembre 2006 ill ferrarino

UNFORGETBLES SINGERS

FELICI E PREMIATI!

Carbone G., Patti G., Foresta G., Pirrotta M. e Rizzuto A. cantano diverse canzoni tra cui “Unforgivable Sinner”

La preside si congratula con i vincitori del torneo di tennis da tavolo a cui sono state consegnate delle targhe.

Salvatore Greco, da poco diplomatosi al conservatorio in clarinetto, e il suo amico Musso eseguono “Fantasia di polke e mazurche” Sopra, nel teatro piuttosto pieno, in prima fila la Preside, la “vice-preside” e un gruppo di professori. Allo spettacolo hanno assistito anche i familiari e gli amici degli alunni. Peccato che in alcune classi non tutti gli alunni erano presenti. Non immaginano cosa si siano persi!

Accanto: Le alunne Ambrogio, Chiazzese, Contrò, La Barbera, Luisi, Mannino e Zammito si sono esibite in diversi balli.

I GIOVANI LEGGONO PIRANDELLO Nello scorso giugno, io ed una ragazza della ex 5pr1, abbiamo preso parte all'iniziativa: SICILIA, CULTURA E CITTADINANZA EUROPEA: I GIOVANI LEGGONO PIRANDELLO, seguiti dalla professoressa V. Calì. Questa iniziativa consisteva nel leggere e reinterpretare una delle opere di Pirandello sotto forma di rappresentazione teatrale dal vivo e dalla durata massima di 20 minuti. La nostra scuola ha partecipato con due monologhi tratti da "L'esclusa" recitata a fasi alterne. Ad aiutarci a preparare tutto è stata la nostra prof di lettere, il lavoro è stato impegnativo, e l'affrontare il pubblico dell'anfiteatro di Pollina Pietra Rosa - non è stato un gioco, però alla fine tutto è andato per il meglio, e la nostra rappresentazione ha riscosso successo. Quest'esperienza è stata davvero molto bella, e in tutta sin-

cerità mi piacerebbe ripeterla. Ringrazio la prof. che ci ha seguito con amore e dedizione in questo lavoro, e la Preside del nostro istituto che ci ha dato l'opportunità di prendere parte a questa bella iniziativa, ed è venuta personalmente fino a Pollina ad assistere alla nostra esibizione, dimostrando affetto nei nostri riguardi e ammirazione per il nostro lavoro. Ovviamente ringrazio anche i compagni e gli insegnanti che ci hanno supportato assistendo allo spettacolo. Le alunne Lo Monaco e Marianna Luisi 5 pr1 Luisi all’ingresso del Teatro


ottobre - novembre 2006

pag. 5

il ferrarino

La lezione di Lorena, nostra compagna e amica Oggi si conosce il prezzo di tutto ma non il valore delle cose che ci circondano. Questo è ciò che accade, anche se in realtà noi non dovremmo dare un prezzo ma un valore alle cose, a tutte le cose che la vita ci offre. Questo è quanto ci ha insegnato Lorena! Lorena è una ragazza di 17 anni che per motivi di salute non frequenta più da un anno questo Istituto. La sua assenza è evidente nella nostra classe. Ci manca il nostro chiacchierare, ridere, scherzare, parlare, magari litigare e soprattutto soffrire per quelle piccole cose che noi reputavamo grandi problemi. Il suo modo di essere vivace, sincera solare e allegra era contagioso. È bello vedere che nonostante la sua malattia continua ad essere quello per cui si distingueva dagli altri. La sua forza e coraggio sono ammirevoli. Affronta questo suo problema con serenità anche grazie alle persone che le stanno vicino, come i suoi familiari. Noi tutti l'ammiriamo e rimpiangiamo di non averla momentaneamente con noi. Tante grazie Lorena…. Ti vogliamo bene!!! Gli alunni della IV E

Ecco l’elenco di alcuni progetti che si realizzeranno nel nostro Istituto: PROGETTO

OBIETTIVI - ATTIVITA’

TEMPI

Laboratorio di Formazione Teatrale Accadueo (H2O)

Elementi di dizione e fonazione, recitazione, scrittura teatrale, saggio finale Recupero e sviluppo delle competenze scientifiche

100 h

Scacchi e giochi matematici I Parchi letterari

Recupero e sviluppo di capacità logicomatematiche Lettura, analisi e interpret. di testi lett. ,visita didatt. a PA, AG, S. Margherita... Lettura, analisi e interpretazione di testi letterari, Recital letterario a Pollina

30 h

Businnes English La classe voyageante en France Vamos a estudiar a Salamanca ECDL Spettacolo di fine anno

Stage c/o una struttura alberghiera Studio del fenomeno dell’estorsione Visita alla coop. “P. Rizzotto Libera terra” Partecipazione a rappresentazioni teatrali presso il Teatro Biondo e altri Teatri Sviluppo di una cultura alimentare Studio e presentaz. del monumento adottato Conoscere la “citta eterna” Visita all’Assemblea Reg. Siciliana e al Parlamento di Roma Educazione ambientale. Visite guidate sul territorio ... Conoscenza del cod. della strada, esercitazioni pratiche potenziamento linguistico Preparazione linguistica, Soggiorno - studio a Parigi Preparazione linguistica, Soggiorno -studio a Salamanca Conseguim. della Patente Eur. del computer Preparazione dello spett. di fine anno

20 h 14 h curr. 6 h extrasc. Novembre maggio pluriennale 25 h curric./ extracurr. curriculare extracurr. curriculare extracurr. curriculare extracurr. 25 h curriculare extracurr. curriculare extracurr. 60 h curric./ extracurr.

Corso di chitarra

Acquisiz. requisiti di base per lo strumento 20 h

Progetto Lettura Scuola - lavoro Pizzo mai più La scuola a Teatro Nutriamoci bene con... Palermo apre le Porte... A Roma Dal Comune al Parlamneto Sviluppo sostenibile ... Anche io avrò la patente

15 h

Aprile / maggio curric. extracurr.

Da un’idea la creaz. di Corso di fotografia una immagine

30 h

Musica e cultura...

curric./ extracurr.

Allestimento di uno spettacolo

TRA TANTA OMBRA UN PO’ DI LUCE…ROSANERO! (segue dalla prima pag.)

È bene sottolineare però, che una situazione squallida come quella venutasi a creare nel mondo del calcio, non abbia riguardato tutte le società di calcio a livello professionistico; tanto per ricordarlo tra serie A e B, sono l’F.C Juventus, l’A.C Fiorentina, l’S.S Lazio e l’A.C Milan,oltre all’A.C Arezzo ad aver sbagliato, ad aver violato cioè alcuni articoli della Giustizia Sportiva, e solo in parte ad aver pagato, con penalizzazioni in classifica nei rispettivi campionati appena iniziati (per Fiorentina, Lazio, Milan e Arezzo) e retrocessione in cadetteria (serie B) per la Juventus. Tra tanto buio, un intenso raggio di sole è certamente rappresentato dall’U.S Palermo,ed è per questo motivo che noi palermitani ci sentiamo onorati di tifare per una squadra forte e soprattutto onesta! E ciò grazie al nostro presidente Maurizio Zamparini, e al sign. Rino Foschi, che hanno dimostrato come si possa costruire una squadra forte e solida come il Palermo senza ricorrere necessariamente alla prepotenza, alla corruzione,a tutto ciò insomma a cui hanno ricorso altri Presidenti e dirigenti,su tutti Della Valle, Lotito, Moggi e Giraudo. Ad arricchire una rosa già abbastanza competitiva, capace di raggiungere per il secondo anno consecutivo l’Europa (la Coppa Uefa), sono arrivati alla corte del tecnico Francesco Guidolin nel mercato estivo, giocatori di valore come i brasiliani Simplicio e Amauri, l’australiano Bresciano, Diana, giovani promettenti come Pisano e Cassani, e veterani sempre verdi pronti a trasmettere a tutta la squadra la propria esperienza, come il quasi 40 enne Fontana, portiere di sicura affidabilità; giocatori questi che non stanno facendo rimpiangere gli ormai ex rosanero e campioni del mondo Grosso e Barone, o gli argentini Santana e Gonzales. Proiettati in vetta alla classifica di serie A, consapevoli che il raggiungimento del 4° posto in classifica significherebbe realizzare il sogno Champion’s League o Coppa Campioni che dir si voglia, lanciatissimi in Europa (rivolgersi agli inglesi del West Ham per eventuali informazioni), guidati in cabina di regia da un grandissimo capitan Corini, protetti in difesa da un superbo Barzagli e trascinati dai goals del talentuoso Di Michele, lasciamoci travolgere dall’amore per il Palermo, dalla passione per i colori rosanero, da quella “fede” che ci lega tutti in un unico coro << FORZA PALERMO, SEI LA SQUADRA DEL MIO CUORE, FORZA PALERMO, NON TI LASCEREMO MAI…>>, sicuri che l’aquila rosanero continuerà a volare sempre più in alto, e con essa i suoi tifosi! Curci Alessio VPr3


ottobre - novembre 2006

pag 6

il ferrarino

COSA CAMBIA NEL NUOVO ESAME DI STATO

I DATI DEGLI SCRUTINI FINALI DELLO SCORSO ANNO SC. ALUNNI PROMOSSI PROMOSSI TOT. NON CLASSE FREQUENSENZA CON PROM. PROM. TANTI DEB. F. DEB. F.

1B 1C 1D 1E 1F 1A Ser 2B 2C 2E 2F 2A Ser 3E 3PR1 3PR2 3A Ser 4E 4PR1 4PR2 4PR3 4 A Ser TOT

22 20 13 11 19 15 14 21 16 19 24 18 19 19 20 20 21 19 17 22 369

7 4 4 5 6 11 5 10 5 11 10 6 10 5 14 2 11 18 2 12 158

8 14 8 2 10 4 8 9 10 8 13 11 9 13 6 16 10 1 15 10 185

15 18 12 7 16 15 13 19 15 19 23 17 19 18 20 18 21 19 17 22 343

7 2 1 4 3 0 1 2 1 0 1 1 0 1 0 2 0 0 0 0 26

DIPLOMATI TUTTI GLI ALUNNI ISCRITTI NELLE QUINTE CLASSI Anche se nello scorso anno sc. i voti di diploma riportati dagli alunni non sono stati particolarmente alti, è senz’altro positivo il fatto che tutti gli iscritti sono stati ammessi e hanno superato l’esame di Stato. Siamo sicuri, però, che quest’anno gli alunni delle quinte si impegnaranno con tutte le loro forze per arrivare al massimo dei voti! Almeno è quello che promettono quelli della redazione!

CLASSE

ALUNNI iscritti e diplomati

voto da 60 a 69

voto da 70 a 79

voto da 80 a 89

voto da 90 a 100

5B 5 Pr1 5 Pr2 5E 5 A ser

18 16 27 16 27

8 4 6 6 18

5 4 6 6 1

4 4 10 4 7

1 4 5 0 1

TOT

104

42

22

29

11

voto più alto 92 92 93 88 92

93

Il Consiglio dei Ministri ha approvato la presentazione di un disegno di legge proposto dal Ministro della Pubblica Istruzione Fioroni in "materia di esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione superiore e delega in materia di raccordo tra istruzione, università e istituti di alta formazione artistica, musicale e coreutica". Questa riforma prevede diversi cambiamenti riguardanti l'esame di Stato (la composizione della commissione d'esame, il punteggio massimo per la valutazione del colloquio, ecc…). Le principali modifiche possono essere così riassunte: - La commissione d'esame disporrà, per la valutazione del colloquio, di 30 punti, invece di 35. - Ogni studente potrà far valere un credito scolastico massimo di 25 punti, invece di 20; - La commissione è composta da non più di sei commissari dei quali il 50% interni e il restante 50% esterni all'istituto, più il presidente esterno, mentre secondo la normativa precedente la commissione era composta esclusivamente da membri interni, ad eccezione del Presidente; Ogni due classi sono nominati un presidente unico e commissari esterni comuni alle classi stesse. I candidati esterni sono ripartiti tra le diverse commissioni degli istituti statali e paritari e il loro numero non può superare il 50% dei candidati interni. Ad ogni classe, comunque, sono assegnati non più di trentacinque candidati. - Verranno ammessi all'esame di Stato gli alunni che verranno valutati positivamente allo scrutinio finale del quinto anno e che abbiano saldato tutti i debiti formativi. Anche nel caso in cui la presente riforma entrasse in vigore nel corrente anno sc., per gli anni scolastici 2006/2007 - 2007/2008, i debiti formativi e l'attribuzione del credito scolastico verranno stabiliti secondo le disposizioni normative previgenti, visto che agli alunni frequentanti il quarto e il quinto anno di corso, sono già stati attribuiti una parte dei punti di credito negli scrutini degli anni precedenti secondo la vecchia normativa e quindi gli studenti sarebbero svantaggiati nella valutazione finale. A mio parere, con questa riforma ci sarà più rigore nello svolgimento delle prove scritte e orali e, quindi, si ridarà maggiore valore e prestigio ad un titolo di studio considerato da molti superato ed inutile per l'accesso al mondo del lavoro. Rosario Ferro VE

IL FERRARA E LA SUA FAMA Ho frequentato per tre anni il Ferrara e mi sono trovato benissimo. Poi, essendomi trasferito a Bagheria, mi sono iscritto presso l'Istituto "Luigi Sturzo" che, senza dubbio, gode di una fama migliore di quella del Ferrara. Beh, non ci crederete, ho talmente sentito la mancanza dei miei compagni e dei professori che, dopo un anno, ho chiesto di ritornare al Ferrara anche se ho dovuto "accollarmi" un esame integrativo e un tragitto più lungo per andare a scuola. Mi è capitato spesso di sentire parlare del Ferrara come di una

scuola si serie B, ma credo che questa opinione non sia affatto fondata, perché ho sperimentato personalmente che gli alunni, i professori e l'ambiente generale del nostro istituto sono veramente unici! Qui mi sento proprio come a casa e per questo sono veramente contento di concludere il mio percorso scolastico al Ferrara che, a parte l'edificio e le strutture scolastiche, non ha nulla di meno rispetto alle altre scuole. Parola di chi parla per esperienza e non, come alcuni, per sentito dire! Andrea De Luca 5Pr2


ottobre novembre 2006

il ferrarino

pag 7

LA PAROLA AGLI STUDENTI

DAL PRIMO ALL’ULTIMO ....!

Intervista ad un alunno di primo anno ed a uno di quinto anno Di lentini N. e Parisi D. (VE) Come hai conosciuto questa scuola? E come ne avevi sentito parlare? Ne ho sentito parlare al mio paese, Burgio, in maniera positiva. Quali sono le ragioni che ti hanno spinto ad iscriverti in questa scuola? Perché sono bravo in matematica… Ruvolo Michele, IC Che impressione ti ha dato quest'istituto? Positiva a 360°. Ti sei subito ambientato? Sì…,mi sono trovato bene sin dall’inizio con i compagni e con i proff. Pensi che la nostra sia una scuola "facile" o "difficile" rispetto alle altre? Una via di mezzo. Cosa hai apprezzato sino ad ora in questa scuola ? Cosa invece non ti è piaciuto? Esteticamente mi piace il giallo delle pareti della classe ed ho apprezzato il sabato libero. Mentre non mi è piaciuto trovare tutte queste materie! Hai trovato differenza tra i metodi di studio della scuola media e quelli delle scuole superiori? Sì, certo. Che ne pensi di questa scuola? E' come te l'aspettavi? Me l'aspettavo meno difficile, anche perché "voci di corridoio" dicevano che era più facile delle altre. Cosa cambieresti? Esteticamente nulla, mi piace così com'è… Mentre vorrei delle materie più leggere e meno storia. Qual è la materia che più ti piace? E quella che odi? Amo la matematica e la scienza, odio l'italiano e la storia. Dopo un mese che sei qua, consiglieresti questa scuola al tuo migliore amico? No, perchè è difficile. Se vuoi, puoi fare un augurio ai tuoi compagni e dire qualcosa ai tuoi proff. Ai proff. vorrei dire di cercare di essere meno severi, mentre ai compagni che sono “troppo forti!”

Cosa ti ricordi del tuo primo giorno in quest'istituto? Che impatto hai avuto in generale? Mi ricordo che il primo prof. che ho avuto è stato Muscato ed onestamente ho avuto un impatto abbastanza tranquillo, anche perché ho avuto proff. Greco Salv. VE abbastanza in gamba che mi hanno messo subito a mio agio. Sei contento dei cambiamenti di quest'istituto? Sì, molto. Perché avendo vissuto le difficoltà degli altri anni (proteste varie) ho notato un cambiamento abbastanza notevole. Cos'altro cambieresti? … La struttura esterna della scuola… In questi anni trascorsi al Ferrara, cos'è che ti ha segnato positivamente? E negativamente? Mi ha segnato positivamente lo spettacolo di fine anno dell'anno scorso, mentre una esperienza negativa è stata il turno pomeridiano presso la succursale qualche anno fa, quando il nostro Istituto è stato dichiarato inagibile. Che suggerimento daresti ai nuovi alunni per affrontare i prossimi 5 anni? Di pensare sempre positivo e di studiare sin da subito. Pensi che questi anni trascorsi al Ferrara ti abbiano cambiato positivamente? Sì… Questo corso di studio mi ha fatto comprendere le mie capacità, riuscendo a definire la mia personalità.Mi sento cresciuto, maturato... Se potessi tornare indietro, ti iscriveresti di nuovo in quest'istituto? Sì, perché ho trovato un ambiente abbastanza accogliente. Sei contento del sabato libero? MOOOOLTO!!! Un professore che ricorderai anche tra vent'anni? Muscato… Perché è stato l'unico prof. che ha seguito il mio percorso formativo dal primo anno che sono in quest'istituto.

IL FERRARA E LA SUA FAMA (2) Salve a tutti! Mi chiamo Serena Cusimano, frequento quest'istituto da quest'anno, precisamente la mitica III E; da qualche giorno faccio parte della redazione del giornalino e l'idea che tantissimi ragazzi, tra chi conosco e chi no, leggano ciò che scrivo mi entusiasma tantissimo. Proprio in redazione ho letto la lettera di un alunno della VPr2 che parlava della "fama" (ingiustificata) che gode la nostra scuola. Beh, anch'io voglio fare dei paragoni con una altra scuola. Provengo, infatti, da un liceo linguistico, una scuola che adesso considero l'opposto della nostra e averla scelta è stato uno dei miei più grandi errori. Perché l'ho scelta? Semplice: a quindici anni, piccola e superficiale com'ero, non sapevo bene cosa volevo; ma adesso, a diciotto anni, ho le idee più chiare. L'anno scorso sono stata bocciata e solo adesso dico per fortuna: la bocciatura è stata come un imput che mi ha spinto ad andarmene da quella scuola che frequentavo senza entusiasmo; da quella scuola in cui non vi era solidarietà e vera amicizia tra i compa-

gni ma solo falsità e invidia reciproca. Anche nella stessa classe, non si riusciva ad istaurare un buon rapporto.... Mentre in quest'istituto, noto ogni giorno sempre di più, la vera unità tra i ragazzi che, forse per il numero ridotto di alunni, sembrano appartenere ad un'unica famiglia! La prima cosa che ho notato nella mia classe è stata la piena disponibilità da parte dei miei compagni nei miei confronti; non hanno perso tempo a fare amicizia e a mettermi al corrente di ciò che mi ero persa, rimasi "scioccata", in quanto non ero abituata a tutto ciò. Principalmente nelle ragazze non vidi un minimo di falsità e invidia, sono semplicemente fantastiche! Anzi, colgo l'occasione per mantenere la mia promessa e fare TANTISSIMI AUGURI AD ILENIA ODDO, che il 25 ottobre compirà diciassette anni! Per concludere, sono contenta di studiare al Ferrara e anch’io trovo del tutto infondate le voci che girano su questa scuola!!! Cusimano Serena IIIE


ottobre novembre 2006

RELAX

il ferrarino

GRAZIE GOVERNO!

pag 8

L’ALFABETO DEL FERRARA

(segue dalla prima pag.) Ho quasi 50 anni, più di 20 di servizio, 10 dei quali passati a svernare nel bianco nord-est, tra nebbia e leghisti incazzati… è questa purtroppo la trafila per chi vuole insegnare. Una lauA è l’amore che al Ferrara hai incontrato o rea, tanti concorsi, 4 abilitazioni e finalmente un misero stipendio, appunto da insegnante, ma presto incontrerai questa è un'altra storia! E che fanno Prodi-Mortadella, Rutelli-Cicoria, D'Alema & co? B è il balcone da dove mai ti affaccerai Invece di mantenere le promesse (investiremo nella scuola, restituiremo dignità ai professori, C è la campana che non suona mai aumenteremo lo stipendio ecc..) e colpire chi evade e chi ha veramente i soldi, con chi se la prendono? Ma andiamo… si sa! C'è la scuola, la sanità, il pubblico impiego, tanto sono già D è il diritto che studierai dei morti di fame. Non se ne accorgeranno neanche, tagliamo lì! Ma avete mai visto un'aula E è l’economia che sempre di più capirai scolastica? Un climatizzatore durante l'esame di maturità? (Federica Sciarelli ci può dare una F è il francese che parlerai mano per favore?!) Il compenso per quest'ultimo o comunque per un lavoretto extra? La busta paga di un prof.? Roba da far accapponare la pelle ad un povero dirigente d'azienda, ad un G è il giornalino che stai leggendo o leggerai imprenditore o ad un funzionario regionale che poverini lavorano come i matti tutto il giorno, H è l’Hotel dove lo Stage farai vabbè magari hanno internet, la fotocopiatrice, il notebook personale, la pausa, il telefono, I è l’insufficienza che se studi mai prenderai l'auto, la colazione, il giornale, la "bolletta" (da noi intesa come schedina, perché quella vera L è la lavagna che cancellare dovrai la paga l'usciere), il cellulare, la missione, l'indennizzo, l'autista, lo straordinario. … che c'entra!? Ma stanno tutto il giorno in ufficio, bella forza, con tutto questo popò di cose, io ci M è la matematica che amerai rimarrei pure la notte. Ma vuoi mettere con gli insegnanti che lavorano solo, dico SOLO 18 N è la nota sul registro che prendere potrai ore la settimana e hanno tre mesi di vacanze?… Ma finiamola con queste bassezze, per piaO è l’”ottimo” che sognerai cere! E ancora avete mai visto una fotocopiatrice che funzioni in una scuola? E la carta? " Ma no, Preside, non si preoccupi, le fotocopie per il compito in classe le faccio a spese mie dal P è il prof. che qualche volta odierai tabaccaio domattina, mi alzo prima, per carità i ragazzi devono farlo il compito…"; sapete Q sono i quaderni che di appunti riempirai com'è?, non si sa mai, l'orario, se mi lamento troppo, potrebbe diventare un colabrodo, e le ore R è la ricreazione che non basta mai diventare 28. Meglio che stia zitto, che sia questo il potere contrattuale di un prof???? Ma questa è un'altra storia! S è lo studio dove ti impegnerai Ma i conti non tornano comunque, non basta tagliare nella scuola, vediamo un po'… ambaT è il test che sempre giusto consegnerai rababbaciccocò, anche stavolta chi fregherò? Ma si, chi ha 20.000€ di risparmi in Bot? Chi U è l’ultima ora che non finisce mai ha una modesta casetta di proprietà? Chi va al pronto soccorso? Chi paga i ticket sanitari? Ma loro, i Pensionati, i Professori, i Poliziotti, i Postali, mah! Dipenderà dall'iniziale con cui V sono le vacanze che tanto desidererai comincia la Professione? NO, NON può essere…Mai visto colpire un Politico, un Z è lo zaino che sempre pieno porterai Professionista, ma neanche un Parrucchiere, a dire il vero. Bene, allora si aumenti l'imposta sui Bot, l'ICI, i ticket sanitari e si mettano anche quelli sulle prestazioni al pronto soccorso, non si sa mai, sono furbi i pensionati e i professori: potrebbero approfittare del pronto soccorso, tra l'altro funzionano benissimo! L'ultima volta, mentre a causa di una gamba rotta cercavo di far visitare mia figlia, ovviamente gratis, (come facciamo sempre, visto che abbiamo tre mesi di vacanze ma i soldi solo per una settimana, quindi il resto delle giornate lo passiamo al pronto soccorso a farci curare), in un noto pronto soccorso di Palermo, prima di essere visitata dopo sei o sette ore, da una sottospecie di ortopedico, l'hanno fatta passare per altrettanti reparti. Veramente segno di un'efficienza incredibile, solo che le visite, visite si fa per dire, non avevano niente a che vedere con lastre o gessature! Ma questo è sempre un'altra storia. Sarà mica sempre la stessa storia???? Manca ancora qualche milione di euro, dove li pigliamo? Sai da ultimo che facciamo? Facciamo entrare l'estetica in finanziaria, … magari qualcuno di questi morti di fame avrà comprato, unico vezzo della propria esistenza, un SUV (il più brutto ed economico della categoria s'intende, magari di seconda mano), per un viaggetto ogni tre anni. Perché non ci mettiamo una bella supertassa pure li? Tanto politici, funzionari, dirigenti usano quelli messi a loro disposizione gratis. Ma si… mettetela pure (la tassa, sia chiaro!). Grazie sinistra, veramente grazie, siamo orgogliosi che abbiate sistemato nuovamente i conti dello stato, gli altri fanno i buchi … e noi li saniamo. Grazie e alle prossime elezioni. Prof. G. Parisi

INCROCIO DI PROFESSORI di Pagano Giuseppe IIIPr3

Tutti i nomi dei professori indicati accanto si trovano in orizzontale, vertivale, diagonale e in ogni direzione. Le lettere rimaste formeranno il cognome del docente con più anni di servizio al Ferrara.

AMARI AMATO ANSELMO BUA BURGIO CALI COLLETTI CORSELLI FOLLONE GATTO GIAMETTA GULLO MAZZOLA MUSCATO PARISI RUSSO TORRASI VAIANA VERSACE

LEZIONE DI GEOGRAFIA Prof.: “qual’è lo Stato piu lungo d’Europa?” Alunno: “Lungheria”!

Compito in classe

Titolo del tema: “A vostro giudizio elencate gli undici uomini più grandi del mondo” Tutti i ragazzi iniziano a scrivere. Dopo circa un’ora la Prof.ssa passa tra i banchi per controllare gli elaborati. Passando accanto a Pierino si accorge che il suo foglio è pieno di cancellature. - Che c’è Pierino, non riesci a decidere tra uno scienzato e un Presidente della Repubblica, o tra un poeta e un astronauta? - No, non riesco a decidermi sul centravanti! VISITATE il sito della nostra scuola: www.francescoferrara.pa.it curato dal Prof. Picciurro, potrete scaricare i numeri del ferrarino in PDF.


Ferrarino num.1 Anno 2