Page 1

3 | 2013 La rivista un po’ diversa per persone con diabete.

Il paziente «autosufficiente» Buona guida con il diabete Prisma lancia i «Digital Helpers»

www.prisma-online.ch

ISSN 1664-4786

Accu-Chek FastClix: addio alla paura della puntura


Erogazione discreta dell’insulina e monitoraggio continuo del glucosio in funzione delle esigenze Nuovo in Svizzera

Accu-Chek® Combo

Dexcom® G4

Sistema di microinfusore

Monitoraggio continuo del glucosio (CGM)

Una combinazione perfetta di due potenti tecnologie • Il monitoraggio continuo del glucosio e un ausilio efficace per raggiungere le finalità terapeutiche prefissate. • Dexcom G4 abbina elegante semplicità con performance eccezionale. • Accu-Chek Combo. Per un’erogazione discreta del bolo senza toccare il microinfusore.

Experience what’s possible. www.accu-chek.ch/combo Hotline 0800 11 00 11 ACCU-CHEK, ACCU-CHEK AVIVA COMBO, e ACCU-CHEK SPIRIT COMBO sono marchi di Roche. Il marchio e il logo Bluetooth® sono marchi registrati di proprietà di Bluetooth SIG. Inc. qualsiasi utilizzo di detti marchi da parte Roche viene effettuato su licenza. Roche Diagnostics (Schweiz) AG • Industriestrasse 7 • 6343 Rotkreuz

"

Per ulteriori informazioni su Dexcom G4 Via:

Cognome:

NPA/Località:

Nome:

E-Mail:

Inviare il tagliando a: Roche Diagnostics (Schweiz) AG, Industriestrasse 7, 6343 Rotkreuz, E-Mail : info@accu-chek.ch

Prisma 3/2013

Richiedo l’invio delle informazioni


editoriale

indice

Care lettrici, cari lettori,

salute 4 Il paziente «autosufficiente» 6 Sempre e ovunque: misurare il tasso glicemico

il mio diabete mi impone dei limiti, delle rinunce? La mia vita gira intorno ai miei tassi glicemici? Oppure riesco a trovare il giusto equilibrio tra le mie necessità, i miei desideri e le costrizioni imposte dal diabete? Più riuscirò ad assumermi la responsabilità di un paziente «autosufficiente», meglio riuscirò a vivere la mia vita con il diabete. E per questo, un sistema di autocontrollo ben pensato può essere un grande aiuto. Il dottor Bruno Müller ha incontrato tanti pazienti che sono ora «proprio entusiasti di Accu-Chek Mobile», come spiega nell’articolo principale di quest’edizione. Misurarsi la glicemia con Accu-Chek Mobile è possibile anche nei posti più insoliti. Quest’apparecchio sopporta scossoni, cadute, il caldo, il freddo e l’umidità. E inoltre ha tutto l’occorrente in sé! L’ex-banchiere Andreas von Känel, che oggi fa il contadino, ci fa partecipi della sua esperienza personale alle pagine 6 e 7. Una seconda testimonianza ci viene da Simon Keusch, che è partito con la sua bici per un giro di cinque mesi che lo ha portato sino in Finlandia. E com’è andato con il suo diabete durante con il lungo viaggio? il suo reportage alle pagine 12 e 13! È fortemente raccomandato controllare i propri valori glicemici prima di mettersi al volante della macchina e, se il tragitto è lungo, anche durante il viaggio. Prisma ha redatto un promemoria – ­dedicato a tutti coloro che amano viaggiare. E per tutti coloro che vorrebbero prendere confidenza con gli ­apparecchi di nuova generazione, ma che non si sentono a proprio agio con i nuovi mezzi di comunicazione, Prisma ha creato il gruppo dei «Digital Helpers» che saranno al vostro fianco per aiutarvi, se lo desiderate. Infine, non ci resta che augurarvi un’ottima lettura di questo numero!

con l’Accu-Chek Mobile 8 Buona guida con il diabete

valore aggiunto 10 Nuovi media: Prisma lancia i «Digital Helpers»

reportage 12 Nello zaino, Accu-Chek Aviva Expert

prodotti 14 Addio alla paura della puntura

impressum

La rivista un po’ diversa per persone con diabete. Organo ufficiale del Gruppo di interessi per persone con diabete. Anno XIV – N. 2/2013 – ISSN 1664-4786

Frequenza di pubblicazione 4 numeri all’anno in tedesco, in francese e in italiano Tiratura in tedesco: 28 061 copie per membri e donatori + 4 652 copie a distribuzione gratuita in francese: 5 977 copie per membri e donatori + 4 115 copie a distribuzione gratuita in italiano: 1 977 copie per membri e donatori + 1 068 copie a distribuzione gratuita tiratura certificata da REMP Redazione «PRISMA», Casella postale 96, CH-6343 Rotkreuz, ­ postfach@prisma-online.ch, www.prisma-online.ch Editore Gruppo di interessi per persone con diabete. Segreteria di redazione Franziska Bachl, «PRISMA», casella postale 96, 6343 Rotkreuz, tel. 041 799 62 79, fax 041 799 65 63 Equipe redazionale Peter Jäggi (Redattore capo), Tina Ackermann (TA), Franziska Bachl (FBA), Freddy Karrer (FKA), Bruno Candrian (BCA) Vendita inserzioni Axel Springer Schweiz AG, Fachmedien, casella postale, 8021 Zurigo tel. 043 444 51 04, fax 043 444 51 01, info@fachmedien.ch, www.fachmedien.ch

Peter Jäggi

Casa editrice Distribuzione Pubblicità LABO LIFE-Verlagsgemeinschaft, c/o DEGRA AG, Grundstrasse 16, CH-6343 Rotkreuz, Mail verlag@labolife.ch Produzione DE GRA AG, Grundstrasse 16, CH-6343 Rotkreuz, Mail agentur@degra.ch

Insulinodipendente? Abbonatevi subito alla eNewsletter e vincete: www.accu-chek.ch/eNewsletter

Traduzioni SCRIBE, CH-2500 Biel 4, tel. 032 342 77 77, fax 032 342 43 67 Prezzi di vendita abbonamento annuale CH/FL: CHF 10.– numero singolo: CHF 3.– (più spese postali e spese di spedizione) Cambiamento d’indirizzo Inviare una cartolina al servizio abbonati oppure consultare il sito www.prisma-online.ch o telefonare allo 0800 803 303


salute

Il paziente «autosufficiente» Subisco la mia malattia oppure la controllo? Chi deve convivere col diabete si fa carico di una grande responsabilità nell’autogestione. La misurazione regolare della glicemia è indispensabile per assumersi questa responsabilità, come spiega il dottor Bruno Müller in quest’intervista.

Prisma: Dottor Müller, perché è così importante l’autocontrollo del tasso glicemico quando si parla di diabete?

Dottor Bruno Müller: Innanzitutto, l’autocontrollo del tasso glicemico serve a migliorare l’equilibrio del diabete. Alcuni studi hanno dimostrato che chi effettua tale autocontrollo presenta un equilibrio glicemico migliore perché, ad esempio, ha la possibilità di adeguare la dose di insulina. E questa situazione presenta dei vantaggi anche sul lungo termine. Nel corso della malattia, la maggior parte dei pazienti diventa sempre più esperta di diabete e, grazie all’autocontrollo del tasso glicemico, impara a riconoscere come il proprio corpo reagisca. In secondo luogo, le misurazioni vanno di pari passo con la sicurezza. Generalmente visito i miei pazienti ogni tre mesi. Nel frattempo, l’autocontrollo del tasso glicemico fornisce loro la possibilità di curare da soli il loro diabete. Ad esempio, con un test di glicemia prima di una nuotata nel lago si può evitare il rischio di ipoglicemia. Le giornate calde stimolano il metabolismo e lo zucchero nel sangue si abbassa più rapidamente: tutto questo è ben visibile tramite il test. In

4

salute

terzo luogo, l’autocontrollo del tasso glicemico offre risposte a domande concrete: ad esempio, chi prova un nuovo alimento, dopo due ore sa come reagisce il proprio corpo. Quante volte al giorno è ­consigliabile o necessario controllare il tasso glicemico?

Non c’è una regola. Da medico posso dire che ci sono certi dati relativi al diabete dei miei pazienti che ho bisogno di avere. Se si inizia una terapia con compresse, voglio che il paziente si misuri il tasso glicemico tre volte al giorno, così da poter valutare l’effetto delle singole pillole. In linea di principio, i miei pazienti si misurano in determinate fasi dalle tre alle sei volte al giorno. Ogni misurazione del tasso glicemico deve avere una conseguenza, un effetto. Perché spesso è difficile attenersi allo schema di misurazione?

Uno dei motivi più importanti è che spesso la malattia non viene accettata. Quando si vuole negare il proprio diabete, ci si rifiuta di confrontarsi di continuo e più volte al giorno con la malattia. Ed è proprio questo che accade con la misurazione del tasso

glicemico. Un’altra ragione per cui si tende a trascurare la misurazione del tasso glicemico è l’avversione ad auto-infliggersi del dolore. Pungersi il dito può essere vissuto come un’incombenza gravosa. E poi ci sono pazienti che hanno accettato la malattia ma che si autoconvincono che non è poi così grave. Con le misurazioni, proprio se i valori non sono particolarmente buoni, questi soggetti sono costretti a tornare alla dura realtà. E così tendono a rimandare le misurazioni. L’incongruenza di questo comportamento rende le cose più difficili a voi medici.

L’accettazione della malattia è una componente fondamentale della te­ rapia. Cerchiamo di lavorarci con i affetti da diabete e di sostenerli a ogni visita. Circa un terzo dei pazienti diabetici ha accettato la malattia, è competente e aperto e approfondisce le sue conoscenze anche al di là delle visite mediche. Queste persone hanno bisogno soprattutto di un incoraggiamento quasi amichevole da parte del medico. Un altro terzo dei pazienti ha accettato la malattia ma preferisce non averla tutto il tempo davanti agli


Dottor 

Bruno Müller, Berna

Specialista nel settore dell’endocrinologia e della diabetologia. Autore di oltre 50 pubblicazioni e relatore con oltre 20 conferenze specialistiche l’anno per medici e pazienti. Esperto nella lotta antidoping. Lavora tanto presso la clinica Hirslanden di Berna, quanto presso gli ospedali di Langnau e Münsingen con specializzazione nel settore del diabete.

occhi. L’ultimo terzo si sente schiacciato dal peso della malattia, per varie ragioni. Può essere dovuto allo scarso supporto offerto ma anche a risorse insufficienti o a una mancanza di interesse. Inoltre, bisogna essere consapevoli che la terapia del diabete richiede circa il 10 – 15% del proprio tempo nell’arco di una giornata.

«Ho diversi pazienti che sono proprio entusiasti di Accu-Chek Mobile.»

Ancora meglio è se lo strumento per la misurazione della glicemia è ­pratico e maneggevole, come ­l’Accu-Chek Mobile.

Il fatto che l’Accu-Chek Mobile racchiuda in un unico dispositivo tutte le funzionalità rappresenta davvero un vantaggio importante rispetto ad altri apparecchi. Ho diversi pazienti che

sono proprio entusiasti di Accu-Chek Mobile. Ne apprezzano la maneggevolezza e il fatto di non doversi più occupare delle strisce reattive usate e sporche di sangue.

Accu-Chek Mobile è…

… il primo strumento per la misurazione della glicemia con cassetta di test. Alcuni studi hanno dimostrato che l’uso delle strisce reattive viene percepito come gravoso. Accu-Chek Mobile consente di ovviare a questo disagio legato alla misurazione regolare. Secondo alcuni studi, effettuare i test fuori casa viene considerato un’incombenza incresciosa, ma grazie ad Accu-Chek Mobile, l’86% degli intervistati riferisce che i test fuori casa sono più gradevoli dato che la gestione (assenza delle strisce reattive) è più semplice. Infine, secondo alcune ricerche con Accu-Chek Mobile il numero consigliato di misurazioni viene ritenuto meno gravoso e, in questo modo, i valori HbA1c nei diabetici sono diminuiti considerevolmente.

Il paziente «autosufficiente»

5


salute

Sempre e ovunque:

Misurare il tasso glicemico con l’Accu-Chek Mobile La casa-famiglia «Werk- und Wohnhaus zur Weid» è un’iniziativa della città di Zurigo. Per i portatori di ­handicap è un posto privilegiato dove abitare e lavorare. Andreas von Känel è uno di loro.

Prisma: Signor von Känel, lei si è pre­ sentato spontaneamente dopo il ­nostro appello su Prisma, nel quale cercavamo i posti più improbabili per misurarsi la glicemia.

Andreas von Känel: Certo. Ho pensato che la mia esperienza avrebbe potuto essere interessante per gli altri. Io ho due Accu-Chek Mobile; uno lo utilizzo regolarmente quando sono nella stalla con le mucche. Incassa sia i colpi e le spinte, sia il caldo, il freddo o l’umidità e funziona sempre senza problemi. Non è un posto insolito, secondo lei? Niente da ridire. E dove si trova esattamente questa stalla?

Nella casa-famiglia «Werk und Wohn­haus zur Weid» a Mettmenstetten nel Canton Zurigo. È qui che abito da 13 anni. L’istituzione Weid ha dunque una casa-­ famiglia dove vivono e lavorano portatori di h ­ andicap. Come ci è arrivato, lei?

Prima, mi sono occupato per anni di pagamenti in una grande banca. A causa di circostanze molto particolari mi sono ritrovato sull’orlo di un pre-

6

salute

cipizio, ho perso il mio lavoro e ho dovuto rifarmi una vita. E come ha fatto?

Un’amica mi ha parlato di quest’istituzione. All’inizio non pensavo di poter lavorare quale contadino, ma gli altri lavori proposti non mi tentavano per niente. Avrei potuto scegliere di lavorare in falegnameria, dove fabbrichiamo dei giocattoli molto belli, o nel giardinaggio, o ancora in lavanderia o nella coltivazione di bacche e frutti. E quindi si è ritrovato a lavorare gomito a gomito con le mucche?

Eh già! Oggi posso dire che avrei quasi mancato la mia vera vocazione di contadino, dato che prima ero nell’amministrazione. Da quando sono pensionato, da un anno circa, lavoro solo al 30%, di solito sono presente durante il fine settimana, dal venerdì al lunedì. E cosa deve fare, concretamente?

Aiuto a dare da mangiare agli animali, a pulire la stalla. Attualmente, abbiamo 35 mucche da latte, cinque vitelli e uno che dovrebbe arrivare a

giorni in fattoria, più un torello che è un po’ il mio beniamino. Devo stare attento a non legarmi troppo sentimentalmente, altrimenti sarà dura quando dovrà andare al macello. Si vede che se ne intende. Quindi è ben integrato, qui?

Mi piace questo lavoro con gli animali. Con gli anni ho sviluppato una buona intesa con loro. Noto subito quando una mucca tossisce o è accaldata. Tutte le nostre mucche hanno inoltre le corna, cosa molto rara oggigiorno. Ecco perché non andiamo mai alle fiere, altrimenti ci renderemmo ridicoli. E come se la cavano gli altri che ­abitano qui?

Vengono da diversi ambiti. Alcuni sono in detenzione, altri sono disabili psicologici o sociali, altri ancora avevano problemi di dipendenza da droghe e seguono ora un programma di disintossicazione. L’inizio è difficile soprattutto per i cittadini, ma la natura è così meravigliosa e i giorni, le stagioni e la calma della campagna hanno un effetto rilassante.


dalla Kandertal, la mia valle. Quando ero piccolo mi raccontavano spesso le loro storie e volevo sapere che fine avessero fatto. Ma non dovevamo parlare del suo diabete?

Ma il diabete non è il centro del mondo! Da 25 anni convivo con il mio diabete di tipo 2, controllo il mio tasso glicemico quattro volte al giorno, prima dei pasti e prima di coricarmi. In camera ho un Accu-Chek Mobile e ne ho un secondo vicino ai miei indumenti da lavoro nella stalla. Certo che la cassetta di test integrata è una gran bella cosa! Forse dovrei dimagrire un po’, ma, pancetta a parte, tutto va bene!

L’iPad l’ho ricevuto dalla mia patrocinatrice quando sono andato in pensione. Anche se non so ancora usare tutte le funzioni, mi diverto molto con l’iPad. Ad esempio faccio dei video della fattoria e dei dintorni, anche se non so spegnere il microfono. Non mi piace sentirmi respirare mentre giro il video. Noi di Prisma abbiamo ora una squadra di «aiutanti digitali» che può aiutare per questi piccoli problemi Cosa fa nel suo tempo libero?

Sono un topo di biblioteca, mi piace leggere. Ora ho tra le mani la nuova traduzione de «I demoni» di Dostoevskij, curata da Svetlana Geier.

LIBERTÀ E INDIPENZA! MUOVETEVI CON NOI. • Ingombro minimo • Ottima stabilità • Bassi costi di manutenzione Seggiolino Stannah. Piattaforma OMEGA. Piattaforma Elevatrice Verticale.

Ah, un peso massimo della letteratura!

Eh già, le traduzioni fatte dalla signora Geier dei cinque grandi autori russi hanno delle ottime recensioni. Ho avuto occasione di partecipare a un viaggio di gruppo in Russia, dove era presente anche lei. Abbiamo preso lo stesso treno da Mosca a Vladivostok e, successivamente, ho passato anche un soggiorno linguistico a Mosca. Come mai questo suo interesse per la Russia?

Circa 200 anni fa, quasi 900 famiglie svizzere sono emigrate in Russia. Venti di loro venivano

HERAG AG, Montascale 6964 Davesco-Sorango: 091 972 36 28 filippo@herag.ch, www.herag.ch 8707 Uetikon: 044 920 05 04 info@herag.ch, www.herag.ch

Invio informazioni gratuite: Nome Cognome Via CAP/località

Misurare il tasso glicemico con l’Accu-Chek Mobile

7

Inserzione

Comunque, non siete certo fuori dal mondo qui! Lei, ad esempio, ci ha contattato con il suo iPad.


salute

Buona guida con il diabete Essere diabetico e spostarsi in continuazione è oggi un fatto normale per la maggior parte delle persone. E ­normalmente non presenta particolari problemi. Questo vale ovviamente anche per la guida dell’auto. Chi è diabetico dovrebbe tuttavia, prima della partenza, dare un’occhiata a questo promemoria e ai suoi 5 punti.

La questione si presenta regolarmente e viene discussa animatamente: possono i diabetici mettersi al volante? O rappresentano un pericolo per gli altri automobilisti? Non si smette mai di spiegare che le persone affette da diabete sono perfettamente in grado di guidare il loro veicolo con la stessa prudenza di una persona non affetta. Tuttavia, in questo ambito molto va lasciato alla responsabilità individuale di ogni guidatrice e guidatore. Le persone affette da diabete non possono permettersi di mettersi semplicemente alla guida della loro auto o della loro moto. La Società Svizzera di Endocrinologia e Diabetologia ha pubblicato un libretto con delle direttive, nelle

quali è delineato ciò a cui devono prestare assolutamente attenzione le persone affette da diabete prima di mettersi al volante o quando sono poi utenti della strada. Il documento in formato PDF è disponibile sul sito www.prisma-online.ch. Queste direttive fanno luce sul motivo delle raccomandazioni contenute ed evidenziano le diverse premesse legate a determinate classi di licenza di condurre. Ad essere decisive sono le domande circa il se e il come possa essere riconosciuta, evitata e, se necessario, trattata autonomamente l’ipoglicemia, cioè un abbassamento immediato dello zucchero nel sangue, come

Troverete degli ulteriori suggerimenti nella pubblicazione «Diabete e guida. Buoni valori glicemici? – Buon viaggio!», reperibile presso il sito web dell’Associazione Svizzera per il Diabete o scaricabile direttamente quale PDF alla pagina www.diabetesgesellschaft.ch.

8

salute

anche se nel frattempo la capacità visiva si sia abbassata in conseguenza al diabete. Le risposte a queste domande saranno determinanti per fare valutare la propria capacità di guida ad una persona specializzata.

Le direttive stabiliscono, tra l’altro: «Per un’eventuale abilitazione o riabilitazione (dell’idoneità alla guida, n.d.a.) devono (…) essere soddisfatte le condizioni seguenti: ‚‚ Durante tutto il periodo di guida del veicolo, poter garantire che si saprà impedire in modo affidabile un’ipoglicemia. Il metabolismo deve essere controllato prima della partenza e durante la guida ad intervalli regolari tramite la misurazione della glicemia ‚‚ Rispettare le regole di comportamento come elencate nel foglio d’istruzioni per diabetici alla guida ‚‚ Essere inclini ad eseguire da 6 a 8 misurazioni della glicemia al giorno (compresa la misurazione prima di ogni guida e dopo 1 o 2 ore nelle guide più lunghe) o a una misurazione della glicemia costante ‚‚ Gestire bene la propria malattia»


Anche qualora l’idoneità alla guida non sia messa in causa, ma al contrario confermata da un medico, bisogna tenere presente i seguenti punti prima di ogni guida:

Promemoria in 5 punti per diabetici alla guida: 1. Prima di mettersi al volante, controllare sempre la glicemia: il valore dovrebbe attestarsi almeno da 5 a 7 mmol/L. Per le guide più lunghe (oltre 30 minuti) assumere circa 10 g di carboidrati.

2. Fermarsi immediatamente al più piccolo segnale di ipoglicemia – anche sulla corsia d’emergenza o in divieto di sosta! Accendere i lampeggiatori d’emergenza, spegnere il motore. Assumere circa 20   g di carboidrati. 3. Farsi i test necessari: nelle guide più lunghe, misurare la glicemia più volte, ogni 1 – 2 ore. 4. Effettuare delle pause: qualora il tasso glicemico prima della guida o durante i test intermedi scenda sotto i 5 mmol/L, assumere circa 20 g di carboidrati e attendere

circa 30 minuti. Prima di partire o di proseguire la guida, misurare nuovamente la glicemia. 5. Portare con sé una scorta d’emergenza: oltre a dei carboidrati correttivi rapidamente assimilabili – quali Dextro Energen, una gazzosa con zucchero o un succo d’arancia – e al vettovagliamento intermedio – ad esempio barrette ai cereali o alla frutta – avere sempre pronto in auto un secondo misuratore di glicemia sostitutivo, ad esempio Accu-Chek Mobile senza strisce reattive, con 50 test su un nastro continuo.

Il Gruppo dei portatori della pompa per l’insulina invita tutti i diabetici di tipo 1 alla serata informativa sul

nuovo sistema di monitoraggio continuo del glucosio Dexcom G4 Lunedì 30 settembre 2013, ore 19 – 21 Hotel-Ristorante La Perla, 6592 S. Antonino Grazie alla collaborazione con • la Signora Alice Caviglia, ­infermiera in Diabetologia e • la ditta Roche Diagnostics Svizzera

possiamo informare sul monitoraggio continuo del glucosio che offre un efficace supporto per la terapia insulinica con o senza microinfusore. Alla fine della serata verrà offerto un rinfresco.

Iscrizione entro il 23 settembre a Rita Bächtold tramite: E-mail: rita.ba@bluewin.ch Cellulare: 079 270 05 82

Buona guida con il diabete

9


valore aggiunto

Nuovi media: Prisma lancia i «Digital Helpers» I nuovi media sono nuovi solo fino a quando non si impara ad usarli. Spesso si tratta solo di fare un piccolo passo per entrare nel mondo virtuale, e questo passo viene facilitato se si è accompagnati. Ecco perché Prisma ha creato il gruppo dei «Digital Helpers».

Domande che possono essere…

È evidente che i giovani non hanno problemi con i nuovi media sociali. Chi ha 20 anni circa fa parte dei cosiddetti «nativi digitali», cresciuti con internet e simili. Ciò non significa certo che la generazione più anziana non abbia alcuna dimestichezza con i mezzi di comunicazione moderni. I pensionati, ad esempio, che all’inizio rifiutavano sistematicamente questa «roba moderna», ora che sanno come utilizzarla ne sono entusiasti. E già molte case di riposo si sono munite di una moderna console per i videogio-

10

valore aggiunto

chi che trova subito degli entusiasti, ad esempio per giocare virtualmente a bowling. Se dunque avete una domanda o una richiesta precisa riguardo ai nuovi media, ad esempio anche riguardo alla gestione dei dati della vostra glicemia al PC, non esitate a rivolgervi a noi. Prisma ha creato una piccola squadra di «Digital Helpers», cioè di aiutanti per i media elettronici, che rispondono volentieri, rapidamente e soprattutto con semplicità a tutte le vostre ­domande.

‚‚ Come si usa un tablet? ‚‚ Come posso scaricare i miei valori glicemici sul PC? ‚‚ Perché non riesco a leggere il messaggio di testo sul mio cellulare? ‚‚ Le applicazioni su cloud sono sicure? ‚‚ Quali sono le applicazioni per cellulare interessanti per diabetici? ‚‚ Cos’è «gugol» (Google)? ‚‚ Qualcuno armato di grande pazienza potrebbe spiegarmi come funziona il mio telefonino? ‚‚ Cos’è un navigatore? ‚‚ Posso usare delle console per i videogiochi per gli esercizi quotidiani di attività fisica? E quali sono gli esercizi migliori?

Tutte le risposte si ­trovano qui! Le vostre domande e le vostre ­richieste agli aiutanti digitali vanno inviate via e-mail a: redaktion@prisma-online.ch


«Oh, hOTLinE»

SWEETBLOOD

Comic: Anna Blume

dA noi lAvorAno solo i professionisti!

È sicurA di sApere cosA fAre?

cosA crede, che siA il mio primo lAvoro estivo? Accu-chek hotline, buongiorno

hA l’AppArecchio Accu-chek smArtpix, quindi? hA collegAto il cAvo?

insommA, non riesco A vedere i miei vAlori sullo schermo. esAtto, con l’AppArecchio ed il cAvo trAsferisce i suoi vAlori glicemici sul pc.

AAhh, il cAvo…??!!

e che ci fA questo cAvo quA soprA???


reportage

Nello zaino, Accu-Chek Aviva Expert Simon Keusch di Brunnen, nel Canton Svitto, ama i viaggi e lo sport. Il diabete l’accompagna anche quando segue le sue passioni, non le ostacola di certo.

Simon Keusch ha viaggiato per cinque mesi con la sua «Fantasmina», come chiama affettuosamente la sua bicicletta, dalla Svizzera a Capo Nord. Stuzzicato dal dottor Frank Achermann di Lucerna, il suo diabetologo, ha stilato una relazione della sua esperienza. Questa sta a dimostrare che anche i diabetici sono in grado di affrontare viaggi avventurosi e non pianificati fin nel minimo dettaglio, a patto di avere a disposizione l’apparecchio giusto. Simon Keusch misura la propria glicemia con l’Accu-Chek Aviva Expert, ma è propenso a passare ad un Accu-Chek Mobile per il prossimo viaggio. «Dalla mia casa di Brunnen ho pedalato con la mia ‘Fantasmina’ per cinque mesi, attraversando la Germania, l’Austria, la Slovacchia, la Polonia, gli Stati baltici e la Finlandia, fino a raggiungere Capo Nord in Norvegia e ritornare quindi attraverso la Danimarca e la Germania. La Norvegia l’ho attraversata prevalentemente con il traghetto della Hurtigruten. Ecco una relazione della mia tappa finlandese, che avevo inviato via e-mail agli amici a casa: «Cari amici e cari lettori, la traversata in traghetto verso Helsinki, capitale della Finlandia, è durata meno di due ore. La Finlandia, dopo essere stata soggetta alla dominazione del regno

12

reportage

di Svezia e della Russia, ha dichiarato la propria indipendenza solo nel 1917. Poco dopo l’arrivo a Helsinki, un gruppo di finnici mi ha avvicinato e mi ha chiesto quanti chilometri avessi già macinato. Dopo aver sentito la mia risposta, ognuno di loro mi ha stretto la mano: che gesto gentile! La Finlandia è sinonimo di natura. Magnifiche foreste popolate da bacche e orsi, con i quali è consigliabile condividere i frutti… Vi sono laghi azzurri con verdi isole, che invitano a nuotare, remare, pescare o, semplicemente, ammirare. Sono rimasto molto colpito dalla cordialità delle persone, che mi hanno avvicinato lungo la strada, hanno aperto brevemente per me i loro bar ancora chiusi e mi hanno invitato a bere un caffè filtro caldo con delle specialità fresche di forno. E con questo tocchiamo anche uno dei punti dolenti della terra che i nativi chiamano Suomi: il caffè filtro. Sto sempre a lamentarmi, lo so. Un espresso come si deve è praticamente introvabile, per cui mi sono accontentato del caffè solubile. Ciò che tra le mura di casa non si prenderebbe in cosiderazione diventa una prelibatezza da re in campeggio.

to e mi ha protetto dalle succhia-sangue. Con l’aumentare del freddo è aumentato il tempo passato in tenda: per cucinare, per lavare, per la toeletta – nei limiti del possibile, ovviamente –, per riscaldarmi, per scrivere il diario di viaggio, per leggere… – proprio come in una casa mobile. Più mi spingevo a

Un volta abbandonato l’ostello di Helsinki la tenda è diventata la mia casa viaggiante, che mi ha tenuto all’asciut-

Marco Aurelio sul suo cavallo e un ciclista avventuroso (a Tulln sul Danubio).


«Fantasmina» sulle isole Lofoten (Norvegia).

nord, più disabitato era il paesaggio. La Finlandia ha solo 16 abitanti per chilometro quadrato. La Svizzera ne ha ben 193. Nei pochi luoghi abitati della Finlandia vige il ‘diritto di pubblico accesso’, ovvero il diritto di campeggio selvaggio. Questo mi ha regalato una splendida sensazione di indipendenza, che speravo proprio di provare in questo viaggio. Montavo la tenda ovunque volessi – in riva ad un lago, in un bosco, accanto a dei morbidi cespugli –, bevevo dell’acqua filtrata dai laghi o dai ruscelli, raccoglievo i mirtilli per la colazione. Sapevo bene che non mi sarei potuto muovere nella natura in completa autonomia, come un animale selvatico; tuttavia, la possibilità di giungere il più vicino possibile a questa condizione mi ha regalato una splendida sensazione di avventura! Ho avvistato anche qualche animale selvatico, anche se in quei boschi sterminati è abbastanza raro imbattersi in orsi, lupi o alci. Vicino al confine norvegese hanno tuttavia fatto capolino un alce e il suo piccolo. Per il resto ho visto un sacco di scoiattoli, uccelli e, varcato il confine dell’habitat delle

renne, anche alcune fedeli aiutanti di Babbo Natale.

Il diabete, il mio compagno di viaggio Durante il mio viaggio ho potuto vedere e vivere molte cose, oltre ad accumulare anche nuove, preziose esperienze con il diabete. A Varsavia ho fatto rifornimento di insulina. Dopo la presentazione della ricetta ho ricevuto l’insulina corretta. La Lantus era disponibile solo sotto forma di penna monouso, cosa che non ha rappresentato alcun problema. Ho portato con me dalla Svizzera dell’insulina sufficiente per circa tre mesi. Per mantenerla fresca ho utilizzato un astuccio FRIO, che sottrae calore al proprio contenuto, ovvero all’insulina, per mezzo dell’evaporazione. Un bagno in acqua di tanto in tanto e l’astuccio FRIO mantiene l’insulina più fresca di un paio di gradi rispetto alla temperatura dell’aria, evitando le oscillazioni di temperatura. Per le occasionali oscillazioni della glicemia non posso certo accusare l’insulina, che ha svolto il proprio compito. Sono

stato in grado di riportare autonomamente alla normalità tutti gli aumenti e i cali della glicemia. Dextro Energy e zucchero d’uva non si trovano ovunque, ma anche la frutta matura e le bibite zuccherate innalzano il livello di zucchero. Una volta si è rotta una penna d’insulina. A Lahti, in Finlandia, mi è stato regalato esattamente lo stesso tipo di ricambio. Nei paesi europei, gli alimenti recano obbligatoriamente l’indicazione dei carboidrati per i diabetici. Tramite delle misurazioni ripetute sono stato in grado di stabilire per quanti chilometri ovvero per quanto tempo potevo rimanere in sella con un determinato frutto o una determinata barretta. Una banana di medie dimensioni, ad esempio, è sufficiente per 25 km ovvero per un’ora di pedalata. Ancora una cosa: ‘Fantasmina’, il nome della mia bicicletta, deriva da Ghost, la sua marca. Il mio corpo ha partecipato nel modo migliore al viaggio con ‘Fantasmina’. Viaggiare è sempre una scuola di vita: con o senza bicicletta, con o senza diabete!»

Nello zaino, Accu-Chek Aviva Expert

13


prodotti

Addio alla paura della puntura Il diabete non è certo divertente. Soprattutto quando è necessario pungersi il dito o più volte al giorno per misurare la glicemia. Un problema da affrontare giornalmente – e che può pesare o meno.

Infatti, Accu-Chek FastClix non è solo il primo pungidito al mondo con il pratico cilindro per le lancette. Accu-­ Chek FastClix è soprattutto il pungidito praticamente indolore. Tutte le sei lancette sono conservate pulite nel cilindro – una caratteristica unica! Altrettanto importante, però, è il fatto che queste lancette sono particolarmente sottili e, quindi, poco dolorose. Due attributi, dei quali il nostro laboratorio va giustamente fiero, visto che Accu-Chek FastClix ottiene sempre risultati eccellenti negli studi scientifici. Molti partecipanti a questi studi non intendono più rinunciare al loro Accu-Chek FastClix dopo i sondaggi! Con Accu-Chek FastClix la puntura è quasi indolore. Ecco come funziona: ‚‚ Lavare e asciugare bene le mani. ‚‚ Riscaldare le mani per garantire una buona circolazione sanguigna.

"

‚‚ Regolare la profondità di penetrazione minima. Basta pochissimo! ‚‚ Non pungere sulla punta del polpastrello, ma sul lato. ‚‚ Cambiare regolarmente il dito. ‚‚ Non abbiate paura! Premete saldamente il vostro Accu-Chek FastClix sulla pelle. Coraggio! Non vi pungerete più a fondo. Avete impostato già prima la profondità

Addio alla paura della puntura: Accu-Chek FastClix Ordinate subito gratuitamente un pungidito Accu-Chek FastClix Nome/Cognome Via/No: CAP/Località:

14

Inviare il buono a: Roche Diagnostics (Svizzera) SA, Industriestrasse 7, 6343 Rotkreuz.

di penetrazione. Tuttavia, la pelle tesa rende ancora più semplice la penetrazione della sottile lancetta. Ci rallegriamo del fatto che, grazie ad Accu-Chek FastClix, sarete in grado di rispettare il vostro piano di misurazione della glicemia, dato che non avrete più paura della puntura. Anche per questo facciamo le nostre ricerche!


izzato lo ottim • model riassortite re u is •m ggero • più le

SHOP

10 0 % e e PFC fr

Offerte speciali per le lettrici ed i lettori del giornale «prisma» » F NASA MADE OY - FOAM R MEMO

Sedia girevole perr O ufficio ERGOTEC SYNCHRO PRO

498.–

Sedia girevole per ufficio professionale di forma anatomicamente perfetta e concepita secondo le più recenti nozioni ergonomiche: meccanismo synchro bloccabile; regolazione altezza sedile tramite elevatore a gas di sicurezza; regolazione individuale del peso corporeo; „MEMORY FOAM“ sedile ergonomico sagomato (S/M, L/XL); schienale a rete resistente a respirazione attiva per lavorare sgravando la schiena, senza affaticamento e sudorazione; supporto lombare regolabile (sostegno della colonna vertebrale e dei dischi invertebrali); poggiatesta/ nuca regolabile (removibile); braccioli a 12 regolazioni verticali e laterali con poggiabraccio imbottito; adatta a tutte le attività in ufficio, in particolare ai posti di lavoro allo schermo. Dimensioni sedile: (LxPxT) A 48-65 x 52,5 x 48,5 cm, peso: 22 kg, istruzioni per l’uso S/M L / XL e il montaggio in d, f, i, e. Garanzia 2 anni. Base a croce: legno/bambù, all. opaco, all. lucidato, all. nero opaco all. nero lucidato incl. rulli per tappeti (rulli per pavimenti duri opzionali per CHF 20.-/5 pz.)

11 colori: 1. giallo, 2. arancione, 3. rosso, 4. celeste, 55. azzurro pallido, 6. blu, 7. verde primavera, 8. olive, 9. grigio, 10. nero. 9 taglie: 2XS, XS, S, M, L, XL, 2XL, 3XL, 4XL

1

Colori stoffa: 1. guava, 2. yellow, 3. domingo, 4. curacao, 5. costa, 6. steel, 7. paradise, 8. olive, 9. demerera, 10. sombrero, 11. havana, 12. montserat; Colore pelle: nero

1

3

2

4

5

6

7

8

9

o

À N O V ITD IA L E ! MON

129.–

10 0 % e e PFC fr

149.–

7

10

149.–

2

3

4

5

6

7

8

9

10

129.–

invece di* 298.–

98.–

Colori: 1. arancio, 2. rosso, 3. ghiaccio, 4. olivastro, 5. nero

1

Quantità

9

Zaino multiuso dall’equipaggiamento estremamente versatile, con sacca-borraccia incorporata completamente isolata (3 litri); aerazione efficace e tridirezionale del dorso AirPortTM, spallacci e cinghia ventraleimbottiti in ErgoFoamTM; comparto principale con zip comprensivo di tasca portaoggetti, cinghia ventrale e cinturino pettorale, spallacci anatomici con sistema SuspensionStrap, tasca anteriore a rete, 2 tasche laterali con tirante in gomma, supporto per bastoni da trekking; diversi cinturini di compressione o fissaggio e tiranti in gomma per sacco a pelo, caschetto, ecc.; applicazioni rifrangenti 3M, coprizaino, tasca portacellulare, porta CD-/MP3, agenda, tasca porta-notebook, portafoglio, e altro ancora. Ideale per tuttele attività outdoor (passeggiate, trekking, sci alpino, ciclismo, arrampicata) e il tempo libero. Materiale: robusto tessuto antistrappo Diamond-/Dobby Ripstop. Capacità: 27+5 litri.

Misuratore professionale, automatico, digitale della pressione+sveglia da viaggio (data, ora, a, oallarme): memoria per 2 profili; 120 spazi memoria; 2 allarmi ricordo, misura della pressione sistolica/diastolica arteriale+la frequenza dei polsi, tecnologia oscilometrica+algoritmo Fuzzy (pre-cisione superiore nella misurazione), riconoscimento battito del cuore irregolare, classificazionee pressione secondo l’OMS, clinicamente testato. 2 manicotti (S/M, X/XL), portastrumenti, borsaa in neoprene. Alimentazione a corrente o a batterie. Dimensioni: 125(Lu) x 85,5(La) x a. 30(h) mm. Peso: 190 g. Istruzioni per l‘uso in it, ted, fr, ingl. 2 anni di garanzia. 4 colori: bianco, arancione, celeste, giallo-verdee

Articolo / misura / colore

8

Zaino multiuso X-TRAIL HYDROLITE 27+5

Misuratore di pressione da braccio, allarme & svegliaa viaggio BPM MED8 invece di* 298.– o

6

11 colori: 1. giallo, 2. arancione, 3. rosso, 4. celeste, 5. azzurro pallido, 6. blu, 7. verde primavera, 8. olive, 9. grigio, 10. nero. 9 taglie: 2XS, XS, S, M, L, XL, 2XL, 3XL, 4XL

1

Rasoio con 5 lamette; in umido e secco; Rasoio da barba e capelli lunghi con con unità di precisione di taglio regolabile; Rasoio per i peli dell´orecchio e del naso; Rasoio daa barba di precisione; Spazzolino da denti a batterie e oscillante; Accessori da viaggioo (22 x 44 cm): Power-System (100 - 240V, ricarica veloce, batterie litium ione etc.); Lucchettoo da viaggio; PowerPod stazione di ricaricaa Colori: 1. nero, 2. bianco, 3. antracitee

cci one da bra re di pressi Misurato + leggero (190 g) o il più piccol

5

Pantaloni funzionali funzional robusti, e tecnicamente raffinati: perfetti come pantaloni da trekking e da ssci; abbinabili alla giacca TITANIUM 6 IN 1; zip laterali rivestite lunghezz taglio ergonomico; bretelle amovibili per pantaloni esterni e su tutta la lunghezza; fleece; bordo dei pan pantaloni in basso regolabile con una fascetta in velcro ; 4 tasche con zip rivestite e idro idrorepellenti; Speciale pacchetto inverno e sci: 1 fodera in fleece amovibile con parte petto e schiena rialzate, 2 tasche laterali, una tasca marsupio sul petto con zip zip; ghette antineve elastiche, amovibili con passante sulla schiena; materiale: membrana HIMATEX a 2 strati traspirante, idrorepellente e antivento al d rivestimento RipStop particolarmente resistente agli strappi 100%; materiale di g e all’usura su ginocchia/sedere/interno caviglie; tutte le cuciture sono saldate impermea colonna d’acqua: 20‘000 mm, attività traspirante: 6‘000 e impermeabili; 2 m (g/m /2 /24h); HIMALAYA OUTDOOR® by Omlin. 100% Made in Nepal. mvt

Kit di trattamento capelli & denti FAZOR® 5 IN 1 invece di* 498.–

4

invece di* 349.–

10 11 12

Massaggio di picchiettamento (uTap con luce a infrarossi selezionabile) intensivo, a regolazione continua e ad azione profonda & massaggio vibrante (uVibe) per il riscaldamento dei tessuti ed un sollievo immediato. Efficace per sciogliere e rilassare la muscolatura e stimolarne l’irrorazione sanguigna. Ottimo nei casi di: contratture, crampi, dolori muscolari, segni di affaticamento, mal di schiena, dolori mestruali. Comprende 6 diversi accessori intercambiabili e 1 panno di ricopertura (protezione per capelli). Permette di massaggiare senza sforzo le spalle, la schiena, le gambe e addirittura la pianta del piede. Istruzioni per l‘uso in i, f, d, e. 2 anni di garanzia ST RO lu s iv in cZO AD IN CA POD AZ LE WER • 16 SP RICARICA PO DI . AG GI • 1 ST I D A VI CE SS OR • 1 AC

3

Pantaloni funzionali/outdoor FLEX 3 IN 1

Massaggio di picchiettamento & vibrante uTAP+uVIBE 2 IN 1 invece di* 229.–

2

Prezzo

Indirizzo

2

3

4

5

Code: Prisma 09/13

Nome Cognome Via CAP/località Telefono Data/firma

E-Mail

Ordinazioni: CARESHOP GmbH, c/o Bürgerspital Basel, Ruchfeldstrasse 15, 4142 Münchenstein

Telefono 0848 900 200, Fax 0848 900 222, www.careshop.ch

Con riserva di errori di stampa. Prezzi IVA inclusa, più spese di spedizione. Fornitura fino ad esaurimento delle scorte. * Somma dei singoli prezzi.

Ordinazioni: Telefono 0848 900 200, Fax 0848 900 222, www.careshop.ch

invece di*1298.–

198.–

invece di* 698.–

Giacca outdoor (4 stagioni) di alta qualità, concepita per le massime esigenze, collaudata sull’Himalaya e sulle Alpi e dotata di tutte le finezze tecniche: zip frontale rinforzata a due vie con protezione sul mento; 2 grandi tasche interne sul petto con zip; 3 tasche interne in rete e velluto; 4 tasche esterne con zip; tutte le zip sono idrorepellenti e caratterizzate da un rivestimento aggiuntivo; Cool System con apertura a zip e velcro sotto le ascelle; cappuccio a scomparsa nel collo, regolabile e amovibile e dotato di visiera; polsini con velcro regolabile anche con una sola mano; coulisse elastica in vita e nell’orlo; incl. 2 fodere in fleece amovibili (mediamente/altamente isolanti: 300/400g/L, div. Tasche interne ed esterne con zip); materiale: membrana HIMATEX a 2 strati traspirante, idrorepellente e antivento al 100%; cuciture saldate e impermeabili; colonna d’acqua: 20’000 mm, attività traspirante: 6‘000 mvt (g/m2/24h); speciale pacchetto inverno e sci: ghette paraneve sui fianchi elastiche e amovibili per giacca outdoor/in fleece; taschino per il biglietto sulla manica; tasca apribile, trasparente per lo skipass; passamontagna a scomparsa nel collo; 1 maschera per il viso; H HIMALAYA OUTDOOR® by Omlin. 100% Made in Nepal.

PER AMORE DELLA SALUTE E DEL BENESSERE RE

698.– invece di* 1598.– (di pelle)

Giacca funzionale/outdoor TITANIUM 6 IN 1


Il nuovo sistema Accu-Chek Mobile senza strisce. Ideale per pazienti trattati con insulina. Probabilmente la maniera più semplice di fare il test di glicemia. • Senza strisce • 50 test su un nastro continuo • Nessune strisce o lancette da maneggiare o smaltire Experience what’s possible. www.accu-chek.ch/mobile Hotline diabete 0800 803 303 Roche Diagnostics (Schweiz) AG Industriestrasse 7 · CH-6343 Rotkreuz

ACCU-CHEK e ACCU-CHEK MOBILE sono marchi di Roche.

Senza strisce. Semplice. Geniale.


Prisma 3/2013 I paziente autosufficiente  

Buona guida con il diabete Prisma lancia i «Digital Helpers» Accu-Chek FastClix: addio alla paura della puntura

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you