Page 1

APRILE 2014


RUSSELL

JENNIFER

RAY

EMMA

LOG

CROWE CONNELLY WINSTONE WATSON LERM

UN FILM DIUNDARREN ARONOFSKYARONOFSKY FILM DI DARREN

UN FILM DI DARREN ARONOFSKY

ANCHE IN 3D E IN

Noah-ilfilm.it

SCRISCRI TTOTTO DA DA

AL CINEMA www.youtube.com/user/EaglePictures

IA E IN E-BOOK

SCRITTO

NEW

ADV_NutJob_PVdoppia.indd 2-3

primavisione

SOMMARIO

DIRETTO DIRETTO DA DA

DIRETTO DIRETTO DA DA

22

nut job

DIRETTO DA SCRITTO DA 10 DAAPRILE AL CINEMA DA GIOVEDÌ

PrimaVisione_420x280_NOA.indd 1

@Eagle_Pictures

20

UNUNFILMFILDIMDARREN DI DARRENARONOFSKY ARONOFSKY

The Amazing Spider-Man 2

RSO TI RENDE PERICOLOSO

rio 2

oculus

divergent

SCRITTO DA

18

14

song 'e napule

12

8

noah

6

PRIMAVISIONE

Editore: Aemme Gruppo Editoriale Multimediale sas v.le Andrea Doria, 32 - 20124 Milano - tel/fax 0270638308 s.cennamo@aemmegem.it - a.carducci@aemmegem.it Direttore Responsabile: Rodolfo Grassi Direzione e redazione: v.le Andrea Doria, 32 - 20124 Milano Pubblicità: Aemme Gruppo Editoriale Multimediale sas v.le Andrea Doria, 32 - 20124 Milano - tel/fax 0270638308 aemmegem@fastwebnet.it - aemmegem@tiscali.it

Puoi trovare

4 PRIMA VISIONE

Hanno collaborato a questo numero: Donatella Lolli, M.C.Petrignano Redazione: Andrea Carducci, Stefano G.Cennamo, Domenico De Felice Autorizzazione Tribunale di Milano: n.122 del 15.02.1992 Iscrizione ROC: n.10515 (Registro degli Operatori di Comunicazione) Stampa: MEDIAPRINT Srl - Milano Tiratura: 200.000 copie Distribuzione: nazionale

PRIMAVISIONE in omaggio anche a bordo dei treni ITALO .


prima visione

5


CIÒ CHE TI RENDE DIVERSO TI RENDE PERICOLOSO

DA APRILE AL CINEMA www.facebook.com/Divergent.ilfilm

@Eagle_Pictures

www.youtube.com/user/EaglePictures

LA TRILOGIA COMPLETA IN LIBRERIA E IN E-BOOK 6 PRIMA VISIONE

NEW


divergent | 3 aprile 2014

reagire per sopravvivere

titolo ORIGINALE divergent REGIA neil burger CAST Kate Winslet Shailene Woodley - Theo James - Zoë Kravitz - Ansel Elgort - Tony Goldwyn Miles Teller - Ashley Judd Ray Stevenson - Maggie Q Jai Courtney - Mekhi Phifer DURATA 143 min. DISTRIBUZIONE eagle pictures

Divergent è un entusiasmante film d’azione e d’avventura, ambientato in un mondo in cui le attitudini degli uomini determinano la loro suddivisione in gruppi, o fazioni. Tris Prior (Shailene Woodley) è, invece, una Divergente, e non riuscirà mai a identificarsi in una fazione. Scoperta la cospirazione architettata dal leader di una delle fazioni (Kate Winslet) per annientare tutti i Divergenti, Tris imparerà a fidarsi del misterioso Four (Theo James): insieme dovranno scoprire, prima che sia troppo tardi, perché essere Divergenti è così pericoloso. Il film è ispirato all’omonimo best-seller scritto da Veronica Roth. 

prima visione

7


UN FILM DI DARREN ARONOFSKY

UNUNFILMFILDIMD

SCRITTO DA

DA GIOVEDÌ 10 A DIRETTO DA

SCRITTO SCRITTO DA DA

ANCHE IN 3D

8 PRIMA VISIONE

SCRISCRI TTOTTO DA DA


RUSSELL

JENNIFER

RAY

EMMA

LOGAN

E

ANTHONY

CROWE CONNELLY WINSTONE WATSON LERMAN HOPKINS

UN FILM DIUNDARREN ARONOFSKYARONOFSKY FILM DI DARREN

DARREN DI DARRENARONOFSKY ARONOFSKY

PRILE AL CINEMA

DIRETTO DIRETTO DA DA

E IN

Noah-ilfilm.it

DIRETTO DIRETTO DA DA

prima visione

9


noah | 10 aprile 2014

la redenzione dopo la catastrofe

titolo ORIGINALE noah REGIA darren aronofsky CAST Emma Watson - Logan Lerman - Jennifer Connelly - Douglas Booth Russell Crowe - Anthony Hopkins - Mark Margolis Kevin Durand - Dakota Goyo - Barry Sloane - Ray Winstone - Marton Csokas Sami Gayle - Madison Davenport - Finn Wittrock DURATA 139 min. DISTRIBUZIONE universal pictures

10 PRIMA VISIONE

Ispirato ad una storia di coraggio, sacrificio, speranza e redenzione, Darren Aronofsky ( "Il Cigno Nero” Black Swan, "The Wrestler", "L’Albero della VitaThe Fountain ") porta sul grande schermo "Noah". L’attore premio Oscar® Russell Crowe interpreta Noè, il prescelto da Dio per intraprendere una missione epocale di salvezza, prima che un diluvio apocalittico distrugga il mondo. Mai prima d’ora l’intero racconto epico è stato portato in vita sul grande schermo in modo così avvincente, invitando gli spettatori ad assistere a questi eventi spettacolari attraverso gli occhi e le emozioni di Noè e della sua famiglia, in un cammino fatto di paura e fede, distruzione e trionfo, avversità e speranza. La produzione si è avvalsa di un cast tecnico ed artistico di livello internazionale per creare la loro versione di questo viaggio inaspettato, prefiggendosi di rappresentare l’avventura di Noè, onorando il testo biblico, a bordo di un’ Arca autentica costruita a mano, come da specifiche bibliche. In ogni aspetto interpretativo del film, nell’azione e negli effetti speciali innovativi , l'obiettivo del team creativo era chiaro: creare un’ esperienza contemporanea di "Noah" , che è imme-

diata, vivace e personale. Il risultato è il primo ritratto cinematografico di Noè come un uomo imperfetto la cui imponenza si scontra con la peggiore dell’umanità, affermando al contempo la forza della fede. L'intera storia di Noè e dell'Arca che gli è stata ordinata di costruire prima che la terra sia completamente distrutta, occupa poche pagine nel Libro della Genesi. Ma quei pochi passaggi hanno avuto un impatto profondo e duraturo su miliardi di persone in tutto il mondo, evocando sia la profondità del male che la grandezza della fede, e confidando nella speranza della redenzione dopo la catastrofe.


prima visione

11


12 PRIMA VISIONE


oculus | 10 aprile 2014

una forza maligna titolo ORIGINALE oculus REGIA mike flanagan CAST Katee Sackhoff Karen Gillan - Brenton Thwaites - James Lafferty Rory Cochrane - Annalise Basso - Garrett Ryan Miguel Sandoval - Katie Parker - Kate Siegel Courtney Bell - Elisa Victoria - Justin Gordon DURATA 124 min. DISTRIBUZIONE m2 pictures

Il film racconta la storia della famiglia Russell, colpita da una terribile tragedia che segna per sempre le vite dei fratelli Tim e Kaylie. Dieci anni dopo la strage, Tim, che era stato accusato del brutale assassinio di entrambi i genitori, lascia il carcere con l’unico desiderio di lasciarsi tutto alle spalle e ricominciare. La sorella Kaylie invece, ancora ossessionata da quella fatidica notte, è fortemente convinta che la morte dei genitori sia stata causata da qualcos’altro. Secondo la ragazza, una forza maligna risiederebbe in un antico specchio che si trovava nella casa di famiglia. Kaylie, determinata a provare l’innocenza del fratello, rintraccia lo specchio scoprendo che nel corso dei secoli i diversi proprietari dell’oggetto sono stati tutti vittime di morti violente simili a quella dei suoi genitori. Riacquistato lo specchio ad un’asta di antiquariato, Kaylie convince Tim a scoprire la verità sull’oggetto sottoponendolo ad una serie di pericolosi esperimenti.

prima visione

13


14 PRIMA VISIONE


rio 2: missione amazzonia | 17 aprile 2014

vita da giungla

titolo ORIGINALE rio 2 REGIA Carlos Saldanha DURATA 101 min. DISTRIBUZIONE 20th century fox

RIO 2 – MISSIONE AMAZZONIA è il nuovo straordinario film d’animazione in 3D realizzato da Fox Animation e dai Blue Sky Studios. Arriva nelle sale a tre anni dallo straordinario successo del primo film e torna a raccontare le avventure del pappagallo Blu e della sua compagna Gioiel, divenuti nel frattempo genitori di tre scatenati pappagallini. Come Rio anche questo nuovo film nasce dalla mente creativa di Carlos Saldanha, regista o coregista dei blockbuster internazionali L’era glaciale, L’Era glaciale 2 – Il disgelo e L’era glaciale 3 – L’alba dei dinosauri. Nel nuovo film Blu, Gioiel e i loro tre figli lasciano Rio alla volta della selvaggia Amazzonia. Qui Blu deve vedersela ancora una volta con il vendicativo e perfido Miguel, e con un avversario ben più temibile… il suocero appena conosciuto. Saldanha ha deciso di ambientare la nuova storia nell’immensa foresta brasiliana. “Volevo un’ambientazione molto diversa da quella presentata in Rio. Ho pensato fosse una buona idea allontanarsi dalla città”. Così in RIO 2 – MISSIONE AMAZZONIA la vicenda si sposta nell’immensa foresta non

solo dal punto di vista visivo, ma anche da quello musicale. “Abbiamo voluto esplorare sapori musicali differenti, con sonorità e ritmi entusiasmanti che rendono la colonna sonora di RIO 2 – MISSIONE AMAZZONIA perfino più ricca di quella del primo film” dichiara.

prima visione

15


ASSO POPOLARI Banche Popolari ed economia reale di Giuseppe De Lucia Lumeno (*)

Credito popolare e distretti industriali, legame forte per guardare al futuro In una fase del ciclo economico che sembra mostrare il nostro Paese sommerso da una serie di difficoltà che allontanano sistematicamente le prospettive di ripresa, vi è un settore che fa registrare dati in controtendenza, quello dei distretti industriali. Nel 2012, per il terzo anno consecutivo, la crescita del fatturato e la dinamica dei profitti delle imprese che fanno parte dei distretti sono state migliori rispetto a quelle esterne a tali reti, sconfessando la tesi della crisi strutturale di questo modello produttivo che trova nelle Banche Popolari il principale riferimento. Nel periodo compreso tra il 2008 e il 2012, vi sono stati globalmente 3,2 punti percentuali di crescita del fatturato in più per le imprese dei distretti. Secondo recenti stime per l’anno 2013, pur in un quadro negativo, i distretti dovrebbero ancora una volta far emergere risultati migliori rispetto ai non-distretti, e tale trend dovrebbe proseguire anche nel biennio 2014-15. Tuttavia, anche a fine 2015 i distretti non saranno ancora ritornati sui livelli di fatturato del 2008, e resterà loro sul terreno da recuperare un 1,4%. Le Banche Popolari, fin dalle origine vicine alle piccole e medie imprese, anche oggi si pongono come importanti interlocutori per le PMI integrate dei distretti industriali del nostro Paese. A tal riguardo è sufficiente osservare come la rete degli sportelli del Credito Popolare vada a radicarsi proprio in queste aree, rispetto ai grandi conglomerati urbani. Infatti, il 35% delle dipendenze delle Banche Popolari si trova in comuni facenti parte dei distretti industriali, un valore superiore di circa 20 punti percentuali rispetto al corrispondente dato per il resto del sistema bancario (15,4%). Dei circa 3.200 sportelli del Credito Popolare che si collocano nelle aree dei distretti, il 55,7%

sono in aree a specializzazione meccanica, il 22,7% in aree dedite alla produzione di oreficeria e strumenti musicali, il 12,1% in aree specializzate nella produzione del cuoio, il 7,4% dedicate alla produzione di beni per la casa, e il 2,1% nel settore tessile e dell’abbigliamento. Il sostegno delle Popolari alle imprese riconducibili al segmento dei distretti industriali non va considerato soltanto in relazione alla rete commerciale, ma in particolare ponendo attenzione al livello dei finanziamenti. Alla fine del 2012 essi ammontavano a 135 miliardi di euro, per un’incidenza sul portafoglio crediti ad imprese pari ad un terzo, e quasi 20 punti percentuali al di sopra del dato relativo al resto del sistema bancario (15%). Circa la metà di essi (il 47%) si è rivolto ad imprese del settore meccanico, circa il 21% ad aziende del settore tessile e abbigliamento mentre il 12,1% è andato a beneficio di imprese che producono beni per la casa. La possibilità concreta di avere in ambito locale una banca di riferimento capace di sintonizzarsi sulle esigenze delle aziende che fanno parte dei distretti industriali italiani secondo un’ottica di lungo periodo rappresenta quella preziosa risorsa capace di preservare una delle varie realtà di orgoglio del nostro Paese. In tale ottica il legame di queste imprese con le Banche Popolari nel corso della crisi si è ancora di più rafforzato, e da esso non si potrà prescindere se davvero si vuole offrire al Paese l’occasione di uscire dalla recessione ed agganciare più saldamente i segnali pur deboli di ripresa che iniziano ad emergere.

Banche Popolari: ripartizione degli sportelli nei distretti industriali

16 PRIMA VISIONE


Le priorità: tenuta e ripresa dell’economia reale Secondo i dati più recenti l’attività economica è tornata a crescere nell’area dell’euro, seppure a ritmi lenti e in misura diseguale tra i paesi. Nel nostro Paese la produzione industriale, in calo dall’estate del 2011, è aumentata circa dell’1% nel quarto trimestre del 2013. Segnali positivi provengono, fin dalla scorsa estate, dalle vendite e dagli ordinativi delle imprese industriali che mostrano una moderata crescita. C’è poi da segnalare un progressivo miglioramento dell’attività nell’industria manifatturiera e l’avvicinarsi del ritorno alla crescita anche nei servizi. Il Prodotto Interno Lordo dovrebbe essere lievemente cresciuto in termini congiunturali nel quarto trimestre del 2013 (nell’ordine di un decimo di punto percentuale), interrompendo il trend di calo che lo caratterizzava da 9 trimestri consecutivi. In un clima in cui si scorgono i primi segnali di miglioramento le Banche Popolari continuano a svolgere un ruolo di primo piano nel sostegno dei soggetti più colpiti dalla crisi. In particolare, dall’analisi dei dati del Credito Popolare relativi agli ultimi 5 anni, continuano a registrarsi tendenze positive e una notevole continuità, con gli impieghi alle imprese che hanno evidenziato un incremento lento ma costante in questo periodo. Sono state ancora una volta le piccole e medie imprese le destinatarie principali dei finanziamenti, che sono infatti cresciuti nel periodo 2008-2013 del

6,9%, con aumenti particolarmente sostenuti al Centro e al Sud pari rispettivamente al 15,9% e al 10,8%. Questi dati oltre ad essere estremamente positivi perché calati nella realtà di una crisi senza precedenti, dal Dopoguerra lo sono ancora di più se paragonati a quelli di sistema. Difatti, negli stessi anni, il dato medio nazionale relativo all’andamento degli impieghi alle imprese è stato pari al -3,3%, così come negativo è risultato anche il dato riguardante i finanziamenti alle PMI (-0,1%). La tendenza delle banche del territorio, votate per loro natura a rimanere accanto alle imprese in particolare nei momenti di difficoltà che l’attuale face recessiva ha mostrato, e continua a manifestare, si è tradotta in un aumento delle quote di mercato giunte nel 2013 al 26,2% per il credito alle imprese e al 26,1% per il credito alle PMI, con aumenti rispettivamente pari a 3,4 e 1,7 punti percentuali nel periodo 2008-2013. I fattori “comuni” tra le Popolari che hanno finora permesso loro di continuare ad essere un punto di riferimento per la clientela, principalmente famiglie e PMI sono rappresentati dalla continua attenzione alla persona nell’ambito dello sviluppo dell’economia locale, combinata con la sostanziale distanza delle Popolari dalla cosiddetta “finanza” astratta, uniche strade che permettono il rispetto delle regole che conducono all’equilibrio gestionale della banca.

Quote di mercato Banche Popolari (valori%) 2008

2013

variazione

credito alle imprese

22,8

26,2

+3.4

credito a PMI

24,4

26,1

+1.7

Il risparmio delle famiglie risorsa dei territori Dopo cinque anni di recessione l’Europa è costretta da un lato ad ammettere che la crisi economica e finanziaria ha compromesso la capacità del settore finanziario di svolgere il suo ruolo di intermediario verso l’economia reale, e dall’altro a concepire misure draconiane deflattive con il rischio di alimentare l’esplosione degli antieuropeisti in piena campagna elettorale per le elezioni europee. Non si può infatti dimenticare che, nel corso dell’attuale fase recessiva, è diventato sempre più difficile proteggere una risorsa vitale per un Paese come il risparmio ed in molti sono stati costretti ad utilizzare quanto accumulato per fare fronte alle necessità quotidiane, sovente legate alla perdita dell’impiego ed alla travagliata condizione del mercato del lavoro; proprio per tali ragioni la misura risulterebbe ancora più dura da sopportare. Secondo recenti indagini condotte dalla Banca centrale, le condizioni economiche delle famiglie italiane sono notevolmente peggiorate tra il 2010 e il 2012, risentendo anche del ridimensionamento del mercato immobiliare. Negli ultimi tre anni il reddito familiare medio è calato in termini nominali del 7,3%, quello equivalente del 6% e la ricchezza media è diminuita del 6,9%. Il deterioramento delle condizioni economiche, in termini di reddito equivalente fatta cento la media generale, è stato più accentuato per i lavoratori indipendenti rispetto a quello dei dipendenti e delle persone in condizione non professionale, e la flessione ha riguardato tutte le classi di età ad eccezione degli anziani. In questo scenario ancora

profondamente incerto di “luci e ombre”, le Banche Popolari hanno continuato a rappresentare un riferimento costante per le famiglie italiane che nel corso della crisi hanno continuato a canalizzare i loro risparmi verso gli istituti della Categoria. È un fatto noto che, proprio nel periodo 2008-2013, si è registrata una straordinaria crescita dei depositi, pari al 19%, superiore a quella del sistema bancario di 6 punti percentuali, raggiungendo ad ottobre 2013 il valore di 278 miliardi di euro. Dall’esame dei dati per macro-area risulta che il 41,2% dei depositi delle Banche Popolari si concentra nelle regioni Nord Occidentali, il 20,4% in quelle Nord Orientali, il 18,7% in quelle centrali ed il 19,7% in quelle meridionali e insulari. Dal punto di vista delle quote di mercato dei depositi esse sono pari al 23,3% nelle regioni del Nord Ovest, al 17,7% in quelle del Nord Est, al 14,4% in quelle del Centro e al 17,7% al Sud e nelle isole. I dati finora esaminati dimostrano come il modello relazionale, aspetto rilevante della filosofia operativa del Credito Popolare, rappresenti ancora una risposta efficace nei confronti degli effetti della crisi; permettendo alle realtà economiche locali di potersi sviluppare, mediante rapporti fiduciari di lungo periodo che generano ricadute positive sull’economia reale e una elevata coesione sociale. Un obiettivo perseguito reinvestendo costantemente il 75% della raccolta generata nei territori d’origine (un dato oggettivamente maggiore rispetto ad altre realtà bancarie) di quest’ultima, rafforzando così le potenzialità di sviluppo delle comunità.

Banche Popolari: ripartizione e quote di mercato dei depositi(valori%) ripartizione

quote di mercato

Nord Ovest

41,2

23,3

Nord Est

20,4

17,7

Centro

10,7

14,4

Sud e Isole

19,7

17,7

(*) Segretario Generale Associazione Nazionale fra le Banche Popolari

prima visione

17


song 'e napule | 17 aprile 2014

due napoli a confronto

titolo ORIGINALE song'e napule REGIA Antonio Manetti Marco Manetti CAST Alessandro Roja Giampaolo Morelli Serena Rossi - Paolo Sassanelli - Peppe Servillo Antonio Pennarella Juliet Esey - Joseph Antonello Cossia - Marco Mario De Notaris - Ciro Petrone Franco Ricciardi - Ivan Granatino - Antonio Buonuomo - Carlo Buccirosso DURATA 114 min. DISTRIBUZIONE microcinema

Napoli, oggi. Paco, diplomato al conservatorio, è un pianista di razza ma disoccupato. A Napoli si sente un pesce fuor d’acqua. Non riuscendo a trovare un lavoro che sia nelle sue corde, viene raccomandato al Questore Vitali. Presto, si ritrova agente della Polizia di Stato e, per la sua totale inettitudine, viene relegato a compiere servizio presso il deposito giudiziario. Un giorno si imbatte suo malgrado nel commissario Cammarota: uomo d’azione dai modi spicci, senza mezzi termini coinvolge Paco in una delicata operazione di polizia volta a rintracciare l’inafferrabile e sanguinario O’ Fantasma, un boss camorrista che nessuno ha mai visto in faccia. La missione: far leva sulle proprie competenze musicali per infiltrarsi in una nota band locale, il cui leader è Lollo Love, amatissimo cantante neomelodico. Lollo e la sua band suoneranno al matrimonio tra il figlio di O’ Fantasma e la figlia del camorrista “Mazza di Ferro”: l’occasione perfetta, e unica, per mandare il latitante dietro le sbarre. Paco, vestendo gli improbabili panni del tastierista Pino Dinamite, viene ingaggiato nel gruppo di Lollo Love. La vicinanza del cantante gli farà capire che quella è la missione della vita: Paco si troverà a

riconsiderare il suo rapporto con Napoli, complice l’amore segreto per Marianna, la sorella di Lollo, e l’amicizia inaspettata che nasce con lo stesso Lollo. E, in questo modo, diventa un uomo nuovo.

prima visione

19


20 PRIMA VISIONE


The Amazing Spider-Man 2: Il Potere di Electro | 23 aprile 2014

e' difficile essere peter parker

titolo ORIGINALE The Amazing Spider-Man 2 REGIA marc webb CAST Andrew Garfield Emma Stone - Jamie Foxx Paul Giamatti - Dane DeHaan - Sally Field - Chris Cooper - Martin Sheen Chris Zylka - Marton Csokas - Denis Leary - Sarah Gadon - Felicity Jones Stan Lee - Frank Deal DURATA 142 min. DISTRIBUZIONE warner bros.

Da sempre la battaglia più importante per SpiderMan (Andrew Garfield) è quella interiore: il conflitto tra l’ordinaria vita di Peter Parker e le enormi responsabilità di Spider-Man. Ma in The Amazing Spider-Man 2: Il Potere di Electro una minaccia più grande è in agguato. Per Peter non esiste nulla di più emozionante che lanciarsi tra i grattacieli di New York, essere un eroe e trascorrere il tempo con Gwen (Emma Stone). Ma essere Spider-Man ha un prezzo: solo lui può proteggere i suoi concittadini da nemici pericolosi che assediano la città. Con la comparsa di Electro (Jamie Foxx), Peter Parker deve affrontare un nemico molto più potente di lui. E quando il suo vecchio amico Harry Osborn (Dane DeHaan) ritorna, Peter si rende conto che tutti i suoi nemici hanno una cosa in comune: la OsCorp

prima visione

21


nut job: operazione noccioline | 1 maggio 2014

il fiLm più scrocchiante dell'anno

titolo ORIGINALE the nut job REGIA peter lepeniotis DURATA 90 min. DISTRIBUZIONE notorious pictures

Cosa c'è di più terribile per un roditore di perdere tutte le scorte di cibo per l'inverno? Lo scoiattolo Surly e i suoi amici si troveranno a escogitare un piano per svaligiare noceland, un fornitissimo negozio di noci, nocciole e croccanti noccioline! Tra avventure imprevedibili e battute irresistibili, arriva il film di animazione più scrocchiante dell'anno! I personaggi: Surly: sotto la morbida apparenza, c'è uno scoiattolo sarcastico e ribelle che non si fida di niente e nessuno. Buddy: è il "fratellino topo" di Surly, compagno di malefatte ed amorevole spalla. Con la sua innocenza innata, Buddy, compie con dedizione qualsiasi impresa gli venga richiesta senza fare obiezioni o prendere in considerazione le conseguenze. Grayson: è un narcio ma ha un buon carattere, diviso tra il suo specchio e i fan adoranti sfrutta il suo bell'aspetto e la sua abilità atletica per venire in aiuto dei bisognosi.

22 PRIMA VISIONE

Andie: con il suo cuore compassionevole, che emana calore, è evidente come l'intero parco riponga in lei fiducia e stima, ad eccezione di Surly. Raccoon: si è autoproclamato leader di liberty park. La sua guida della comunità sembrerebbe essere nobile, tuttavia dietro alla sua facciata si trova un movente egoistico. Precious: è il cane di King(che è appena uscito di prigione). Ha un'aria minacciosa ma non farebbe male ad una mosca.


prima visione

23


LE REGOLE SONO CAMBIATE

DA MERCOLEDÌ 16 LUGLIO AL CINEMA TRANSFORMERS-ILFILM.IT

/TRANSFORMERSITALIA

#TRANSFORMERS4


Prima Visione Aprile 2014  

Noah, Nut Job, Divergent, Oculus, Rio 2, Song 'e Napule, The Amazing Spider Man 2

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you