Issuu on Google+



Mons. Vladimir Ghika, un aristocratico nel mattatoio comunista