Page 1

Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.1, comma 1, Aut CBPA-SUD/NA/226/2009

anno V n. 5 dicembre 2012

Della Rovere Gioielli

MakeUp shooting

shooting

in vino veritas

specialemacef

milano

ritratti

Elenoire Casalegno

BIJOUX


www.preziosamagazine.com

anno V / n. 5 / dicembre 2012 / gennaio 2013 Spedizione in abbonamento postale

reg.tribunale di Napoli n. 77 del 01/10/2008 iscrizione al rOC n. 17658 del 10 ottobre 2008

tiratura 14.000 copie

editOriaLe

Tutti i bambini del mondo hanno dei diritti

m

Golden Agency srl salita del Casale, 3 - 80123 Napoli

Giovanni Micera direttore@preziosamagazine.com

Maria Rosaria Petito petito@preziosamagazine.com

Luigi Esposito grafici@preziosamagazine.com

alba Cappellieri Gloria belloni martino belmanto marco Cantarella marta de Filippo mario didone Chiara di martino Luigi esposito annalisa Fontana paolo minieri iaia mito maria rosaria petito Gianni roggini Lucia venino Lucietta vinciguerra

Golden Agency salita del Casale, 3 - 80123 Napoli tel. +39 081 19363328 - +39 081 19576090 fax +39 081 19363845 redazione@preziosamagazine.com

Studio EffeErre via F. albani, 58 - 20148 milano tel. +39 02 33001100 fax +39 02 33001914 editoria@studioeffeerre.com

Giovanna Pace segreteria@preziosamagazine.com

Grafiche mercurio Spa, angri (Sa) Golden Agency srl salita del Casale, 3 - 80123 Napoli tel. +39 081 19363328 - +39 081 19576090 fax +39 081 19363845 segreteria@preziosamagazine.com

entre stiamo approntando le ultime modifche al nostro giornale per poi affidarlo alle rotative, leggo una notizia tremenda legata alla nostra città:“Faida Scampia/Spari e terrore all’asilo ucciso tra i bambini all’ingresso di scuola mentre cerca di sfuggire ai killer”. Non è la solita notizia di all children have rights cronaca, la classica matas we finish up editing our newspaper before sending it tanza tra i signori della off to print, i cannot help but read a headline which droga che spadroneg- directly hits our city: “Scampia feud/gunshots and terror as giano nei quartieri a nord di Napoli: questa volta gang member shot down on kindergarten doorstep”. è stato violato un luogo sacro, un asilo nido. Non this is not your everyday local tabloid news about a spat si può rimane indifferenti rispetto a tutto ciò, between drug lords in the northern quarters of Naples. this time a sacred law was violated by entering a school. non si può fare finta che è solo un brutto fatto indifference cannot win on this one, we cannot let it go as di cronaca. i bambini non si toccano, i luoghi a sad yet simple crime story. Children are untouchables, dove i bambini crescono dovrebbereo essere the environment they thrive in should be protected and protetti e preservati con il massimo rispetto. ep- treated with respect. but we forget this every single day. pure, ogni giorno, questo viene dimenticato. Our cities have become battle grounds where children are innocent victims of violence. Nelle nostre città, nei tanti scenari di guerra Children are not just objects. in our society they sono vittime innocenti di violenza. represent innocence and the future and overall, we cannot i bambini non sono oggetti. in qualsiasi società, forget that they have rights like all human beings do. rappresentano l’innocenza e il futuro e soprat- the gunshots in Scampia were drowned out by the sound tutto non bisognerebbe dimenticare che come of kindergartners who were busy singing Christmas carols while their teachers hurriedly shuffled them out the back qualsiasi essere umano hanno diritti. door. it may seem odd that our publication report on this Gli alunni della scuola materna di Scampia, sta- incident but we feel that word should get out to vano cantando canzoni di Natale e fortunata- everyone. being part of a civilized society is not just a mente non si sono accorti degli spari, gli saying so, it is a commitment towards the common good insegnanti poi sono riusciti a farli uscire da un in- expressed in every moment of every single day. there is no rhetoric in these few lines which are aimed at drawing gresso secondario. può sembrare strano pubbli- your attention to the moral and social crises that goes care tutto ciò sulla nostra rivista ma ritengo beyond finance. as year-end nears and someone asks for opportuno richiamare l’attenzione di tutti. essere a 'resolution' for 2013, undoubtedly it would be a return espressione di una società civile non è una frase to dignity in our society. senza valore, è un impegno per il bene comune che ognuno di noi dovrebbe mantenere in ogni momento della propria giornata. Senza retorica queste mie poche righe vogliono sono richiamare l’attenzione rispetto ad una crisi morale e sociale che va oltre le questioni strettamente finanziare. Siamo in prossimità della conclusione di quest’anno e se qualcuno mi chiedesse un “proposito” per il 2013 sicuramente risponderei: il recupero della dignità della nostra società

Della Rovere

www.dellaroveregioielli.it referenze fotografiche: si ringraziano tutti coloro che hanno gentilmente messo a disposizione il materiale iconografico. L’Editore è a disposizione degli aventi diritto per eventuali fonti iconografiche non individuate. proprietà letteraria e artistica riservata. È vietata la riproduzione totale o parziale della pubblicazione senza autorizzazione dell’editore. manoscritti e foto, anche se non pubblicati, non saranno restituiti. Golden agency srl garantisce la massima riservatezza delle informazioni custodite nel suo archivio. Gli indirizzi verranno utilizzati, oltre che per l’invio della rivista, anche per l’invio di proposte commerciali. ai sensi della legge 675/96 è nel diritto degli interessati richiedere la cessazione dell’invio e/o l’aggiornamento dei dati. del contenuto degli articoli e degli annunci economici e pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori.

Art. 19

Nessuno dovrebbe farti del male in nessun modo. Gli adulti dovrebbero assicurarsi che tu sia protetto da abusi, violenze o negligenze. Nemmeno i tuoi genitori hanno il diritto di farti del male. ONU CONveNziONe per i diritti dei bambiNi 1989


58

sommar­iop5|2012 m 76

110

34

18 20 30 32

rubriche news speciale Valenza Oro ritratti Elenoire Casalegno

34 36 54 56 58 60 62 64 74 76 76 78 78 80 80 82 82 84 84 86 86 88 96 98 98 100 100 102 102 104

brand DElla ROVERE GiOiElli. Un design che asseconda le forme delle pietre PasqUalE BRUni, i sogni portano la sua firma Mattia Mazza. il nuovo show-room al tarì MaRia DE tOni. Una gioielliera a sostegno del Made in italy il suono prezioso delle campanelle in corallo di antOninO DE siMOnE iDEa CORal. È il cammeo il protagonista degli anelli chevalier ziiO, gli it-jewels BaDEl. i colori dell’arcobaleno per la nuova linea VantO. Gioielli latest style naRDElli.tra sacro e profano è il gioiello più glamour OttaViani. Disegna l’eleganza femminile qaBala. il prezioso valore dei numeri nOVECEntOnOVantanOVE. smalti e diamanti nella sua ultima collezione iPPOCaMPO JEwEl: luxury Gold per stupire basta poco natURa E aRGEntO, nuova vita alla bellezza Cipria, una bella novità firmata MEDitERRanEO MiChElanGElO GiOiElli, una primavera che dura tutto l’anno Fedi Diana, sempre nuovi modelli per l’amore eterno MaRlù, i preziosi sacral Dark MayBé. Gioielli in bronzo dorato VintaGE BiJOUx. la modernità di uno stile al passo con i tempi ERika. il classico non delude mai REBOllO il Made in italy, tra tradizione e competenza Vanity hER JEwEls, i gioielli esuberanti che vestono la donna MaRiRò. Gioielli belli come ricami My JEwEls, per tenere sempre con noi gli affetti più cari CORal ORaFa MEDitERRanEa.tradizione ed esperienza nei gioielli tERERò, moda, allegria e colore MakUla. la ricerca innata e raffinata dei bijoux CEsaRi & RinalDi GEMMai. Pietre dal mondo

speciali 128 fiere 139 macef bijoux orologi 135 torque Racing. Un orologio complicato che fa tendenza 136 zenith Pilot. la passione della Maison svizzera per l’aviazione gemmologia 152 Gemmologia, un cantiere aperto

82 139

100 36

150

design 146 Vetro. Delicate creazioni 146 Gioiello e Bijoux: una relazione complicata 148 Grinta e voglia di fare.Vincenzo Giannotti ci spiega il suo taDs

62

tecnico amministrativo 155 Ritardi nei pagamenti vietati per legge nel 2013 156 Contratto di apprendistato la via maestra per entrare in azienda shooting 38 in vino veritas 110 make up 66 90

breaking news Cocktails Ghiaccio nero

66

88 38


pm

blog

http://preziosamagazine.com/category/blog/ecrit-sur-du-vent/

rubrica écrit sur du vent di maria rosaria petito

LeziONi di FeLiCità N

Le favoLe esistono esistono davvero, e non queLLe che raccontiamo ai più piccoLi, queLLe abitate da mostri e orchi, ma favoLe beLLe da ascoLtare e da raccontare, da vivere e da condividere

rubrica parole di pietra di paolo minieri http://preziosamagazine.com/category/blog/parole-di-pietra/

’O

masto se ne va in pensione. Spalle un po' curve ricoperte da un camice sdrucito. Le mani ancora robuste di orafo mostrano un'antica e strana grazia. Ricordano quelle, senza età, di un pianista. Sta uscendo di scena ma conserva il vigore acquistato con l'abitudine alla tenacia. A bottega tutti i giorni, tutti gli anni. Eppure qualcosa si sta affievolendo, qualcosa ha scolorito ‘o masto mattina dopo mattina, anello dopo anello, saldatura dopo saldatura, fusione dopo fusione. Il tempo gli sembrava non passasse mai. Poi all'improvviso tutto finisce. ‘O masto da ragazzino era al servizio di un altro masto. A quel tempo gli sembrava un vecchio. Oggi, dopo più di cinquant'anni, gli sembra un fratello. ‘O masto

on lo sapevo, ma lo aspettavo da tanto. a dispetto della mia presunta “emancipazione”. quel sogno, che per anni mi ha accompagnata come un cane fedele, muto e silenzioso, un giorno mi si è seduto accanto, carezzevole come una nuvola. e se ne è stato lì, a guardare le mie lacrime e le mie risa perdersi in un precipitoso anticipo di progetti. Si è fatto assaporare tutto d’un fiato, come un sorso di vino buono che mi è arrivato dritto al cervello con una gragnola di ricordi che si son fagocitati gli uni con gli altri, simili a

gocce di pioggia su di un vetro. Nessuno più importante dell’altro, nessuno meno bello di un altro. perché sono loro le tessere che hanno dato gusto ai miei giorni, che hanno colorato a tinte forti la mia vita a volte urlata a volte sussurrata, passata come un gioco o tenuta sveglia da pensieri agitati. E li rammento tutti qui momenti, vividi come se quel tempo non avesse mai avuto passato. Li porto nella voce, negli occhi, li tengo in tasca, tra le mani, sotto le lenzuola, nei profumi di casa e per la strada, stretti stretti per non farli scappare via nel via vai della

gente. Sempre, e nessuno escluso. perché il suo amore mi ha insegnato a saper fare memoria, a non buttar via nemmeno un istante. Perché il suo essere figlia mi ha dato da comprendere che niente al mondo potrà mai essere più prezioso del suo sorriso, della sua testardaggine, delle sue debolezze, della sua giovane saggezza, della sua sconfinata fantasia. me lo ha detto al telefono, con una sicurezza che non si è accorta di aver lasciato trapelare una incontaminata commozione. “Ci sposiamo”, mi ha detto. e il mio essere mamma ha

scavalcato con una sola, inarrestabile falcata l’io donna del terzo millennio. Le favole esistono, esistono davvero. Non quelle che raccontiamo ai più piccoli, quelle abitate da mostri e orchi, ma favole belle da ascoltare e da raccontare, da vivere e da condividere. Con l’amore più vero e sincero. Oh, quanto è veloce la vita nel raggiungere nuove gioie e quanto più sa esserlo per arginare le false priorità di un mondo accentratore. Credi sempre in te e non smettere mai di sognare, figlia mia.

’O masto se ne va deve tutto al suo vecchio masto. Pensava di rubare il mestiere ma era invece Il vecchio masto che glielo somministrava. Poi quel maestro se ne andò' quasi all'improvviso. Una malattia? Nessuno ricorda la sua decadenza. A quei tempi per uno che si metteva da parte molti si presentavano sul palcoscenico. Il brusio della vita, delle lime, dei laminatoi copriva il declino. Uno sostituiva l'altro. Per molti secoli nessuno invecchiò. Ma oggi il palcoscenico è disastrato, il quartiere svuotato, la città dilatata. Questo nostro masto che oggi se ne va in pensione vede uno strato di polvere che non si può rimuovere, la saracinesca è arrugginita, la vecchia cara bottega sembra imbalsamata e buia. Ma in fondo s’aspettava

la sua buona dose di amarezza. A che serve già qui, già adesso tutto questo silenzio? ‘O masto pensava: “gelo sì, ma non silenzio. Il mestiere va sempre avanti, nuove mode, nuovi clienti. Ora tocca a loro. È sempre stato così. Ma i guaglioni, dove sono?” I ragazzi sono a casa, al bar. Sono parcheggiati all'Università non chiedono un lavoro che non conoscono, non desiderano ereditare i suoi attrezzi, prendere i suoi clienti e non guardano fiduciosi il cielo. Guardano Sky. In giro, in stanze insonorizzate, resta qualche ottimo imprenditore ben rivestito di i-phone. Ma nuovi masti, intesi come valenti artigiani e maestri di comportamento, non ce ne saranno più.

La Creatività Ci reNde immUNi È

dall’Artigianato che riparto. Non credo ci sia altra via d’uscita che ritornare alle origini. Alla manualità, alla creatività e all’originalità non c’è crisi che tenga. Non ci saranno mai limiti ne opposizioni. il superamento di queste fasi di stallo, segnate dalla nostra epoca, potrà avvenire solo se cominciamo a convincerci che la rinascita è racchiusa in una nuova fase di manualità. Era il 1969, quando nelle sale cinematografiche di tutto il mondo fu proiettato il capolavoro di Stanley Ku-

18

brick “2001 Odissea nello Spazio”. questo nostro nuovo millennio sarebbe stato il nostro futuro. Noi staremmo vivendo nel futuro. avanzato, considerando che siamo alle soglie del 2013. L’immagine del futuro era quella di una vita nello spazio. Una vita dove le nostre attività sarebbero state regolamentate dai computer. e così negli anni Ottanta a dismisura si sono affollati gli istituti di informatica. Negli anni Novanta tutti (o quasi) siamo diventati bravi col computer e da allora nessuno (o quasi) è

più in grado di svolgere attività manuali. questi passaggi, qui brevemente tracciati (con le dovute eccezioni) hanno allontanato dal mercato quel fare artigiano che è poi alla base del nostro “made in italy” che un po’ alla volta stiamo perdendo, esportando nelle grandi multinazionali estere. e dunque nel nostro domani (che non è più troppo futuro), occorre darsi una svolta, occorre risalire la china e ritornare alle origini. Occorre che i giovanissimi facciano nuovamente scuola

dagli Artigiani, quei pochi Maestri che ancora tengono viva la tradizione. Occorre non perdere questo passaggio generazionale, perché dopo, non ci sarà più nessuno in grado di trasmettere il valore di quell’arte che ha saputo mutare le conchiglie in cammei, il corallo in capolavori assoluti e l’oro in opere d’inestimabile valore. Non a caso oggi, sul mercato agitato e convulso navigano in acque tranquille quelle aziende che hanno fatto della ricerca il loro progetto di vita e della qualità il loro impe-

gno quotidiano. Grande successo è ottenuto da tutti quei progetti che magnificano l’artigianato. L’esclusività è di chi ha saputo costruire negli anni ed ancora oggi investe in design e progettazione, tutti gli altri rischieranno di essere travolti dalla corrente.

rubrica le gioie dell’arte di Luigi esposito

preziosa­ n.­5­/­dicembre­2012­/­preziosamagazine.com / rubriche­

http://preziosamagazine.com/category/blog/le-gioie-dellarte


È GIOIellI DaMIanI

per Madalina Ghenea al Festival di Roma In chiusura del Festival del Cinema di Roma 2012, in occasione della conferenza stampa dove ha ricevuto il premio “Sorriso diverso Roma 2012” e del red carpet della pellicola italiana “Razzabastarda” -il film che vede il debutto di Alessandro Gassman alla regia-, la bellissima modella e attrice rumena Madalina Ghenea, ha indossato gioielli Damiani. Per la mattina ha scelto la collezione Ninfea composta da collana, orecchinoi, bracciale e anello in oro bianco con diamanti e perle grigie Tahiti. Per la sera, invece, Madalina ha preferito gli orecchini Esmeralda, masterpiece in oro bianco con diamanti bianchi e neri e l’anello della collezione Cincillà in oro bianco e diamanti bianchi e neri.

stato affidata allo studio SOMA di New York l’architettura della gioielleria Koukjian nel centro di beirut, in Libano. un open space di 46 metri quadrati sviluppati in lunghezza, che riporta alla mente un portagioie tutto giocato sul bianco per un lusso molto contemporaneo. sia per l’effetto frastagliato del rivestimento parietale sia per gli altri elementi di arredo - come anche le teche espositive a forma di colonne -, il materiale utilizzato è il dupont™ corian®, una tecno-superficie versatile dall’eccezionale potenziale applicativo che grazie alla sua capacità di essere modellato permette soluzioni progettuali infinite. in questo caso, tramite un software parametrico, richiama la maestria degli incastonatori delle pietre preziose esposte. tocca al lungo tavolo da reception, al centro dell’open space, contrastare con l’essenziale design monolitico della location. Le luci, posizionate tra le strisce verticali, enfatizzano la geometricità e la purezza dell’ambiente total white dove ogni singolo dettaglio è stato studiato per attrarre. un’atmosfera evocativa per uno spazio accogliente e raffinato capace di esprimere l’eleganza dei gioielli.

de Grisogono

Fawaz Gruosi con violetta e allegra, e con le modelle che indossano le formidabili creazioni de Grisogono

LONdra: aNCOra UN eveNtO da riCOrdare Nel cuore di Londra, al 17 berkeley street, Fawaz Gruosi ha creato un’atmosfera calda e conviviale per accogliere i suoi ospiti tra i più bei nomi inglesi e internazionali tra cui allegra e violetta Gruosi,tamara beckwith e Giorgio veroni, Caprice bouret, robert hanson, Lisa e robert tchenguiz, david wertheimer e masha rudenko, ben Caring, Grainne e david Stevenson, andrea dibelius, Johann eliasch, marigay mckee, iside monteverde, debs reem, Christina Juffali el Sheikh kheirji, daniela Fos-

20

preziosa­ n.­5­/­dicembre­2012­

sati e anna mashkevitz, che hanno potuto ammirare le più belle collezioni e le ultime novità di gioielleria e orologeria che de GriSOGONO sa realizzare con la maestria che contraddistingue la maison. Pezzi unici di Alta Gioielleria dalle carature mozzafiato sono state esposte in dieci vetrine che hanno brillato dello scintillio dei diamanti e delle pietre più rare e preziose come un diamante bianco di 12.190 carati. Stupefacenti collier, orecchini da sogno, incantevoli anelli e bracciali di preziosa fattura sono stati invece

indossati da dieci bellissime modelle in una sfilata organizzata dal modello dite anata. Con abiti neri creati dal designer lituano Juozas Statkeviius le mannequins hanno indossato tre diverse collezioni de Grisogono, ognuna presentata indossando prima guanti rossi, poi bianchi e infine neri per l’haute Joaillerie dove spiccava lo straordinario bracciale a forma di rosa con incastonati 2665 diamanti bianchi. Non sono mancate sorprese e artisti di fama internazionale per questa serata dal glamour indimenticabile.


InStaGRaM, Dalle tUe FOtO naSCe Un GIOIellO

JewelGram

Gioielleria Koukjian di beirut, la bellezza oltre il gioiello blog il crogiolo di Gianni roggini

CON tUttO iL riSpettO per Le OChe

iN

italia il coro musicale vanta un’antica tradizione sia in ambito sacro che profano. persino il Campidoglio fu salvato - così si narra - da un coro, anche se di oche. Un paragone che ad alcuni può apparire offensivo o quanto meno poco gradevole ma credo che il concetto sottinteso sia chiaro. più voci insieme possono avere un impatto e una forza maggiore di una singola voce, se pure eccezionale. Lasciando stare i beceri animali difensori della nostra capitale, la tradizione italiana del coro mi pare si limiti prevalentemente al campo musicale. difficile trovare in un

settore - si badi bene in qualunque settore - più voci che realmente si uniscano in coro: anche se si tratta di cantare la medesima musica e si fa il lodevole tentativo di radunare i cantanti in un’unica affiatata compagnia. La tentazione di essere tutti un po’ solisti salta sempre fuori: si cerca di formare il coro con tanta buona volontà, poi, chissà com’è qualcuno si stacca e si passa d’amblé al quintetto, che inevitabilmente si assottiglia a un trio e poi a un duetto. ma la tentazione di salire sul palcoscenico e prendersi tutti gli applausi è tanto forte. e bravi questi solisti!

www.jewelgr.am

N

on si può dire che Michele Marzotto, fondatore dell’atelier Forma Design, e il suo amico Gianpiero Riva, ingegnere elettronico, abbiano ignorato la ormai globale tendenza a personalizzare i propri oggetti. raccontare qualcosa di sé ora si può anche attraverso un gioiello, grazie all’idea dei due imprenditori di realizzare anelli e ciondoli a partire dalle immagini caricate sui profili degli 80 milioni di utenti instagram. Si chiama Jewelgr.am e il suo claim è “because your Instagram pictures are the most unique and fashion jewels”. riva, uno dei più seguiti instagramers italiani con oltre 87mila follower, e il designer e orafo veneziano michele marzotto hanno sviluppato l’idea davanti a un bicchiere di vino ed in soli tre mesi è diventata realtà. Le competenze tecnologiche da un lato, la maestria creativa e tecnica dall’altra e il gioco è fatto: le proprie foto di instagram vengono stampate a sublimazione su ciondoli o anelli. durante la fase di lancio è possibile comprare quelli in metallo, ma intanto è possibile vincerne l’esemplare in argento partecipando a un concorso: Jewelgr.am consente infatti di vincere un gioiello creando una magicpic. Si tratta di un render dell’anello con le proprie foto impresse, praticamente un’anteprima di come sarà il gioiello. Quando arriverà la produzione integrale degli anelli destinata alla vendita, si partirà da un prezzo base di 15 dollari per la versione in plastica, fino a 54 e 2mila dollari per quelle in argento e oro: saranno prodotti a venezia e marchiati JewelGram sul gambo, studiato e realizzato con una forma specifica che consente a chi porta l’anello di regolare da solo la misura. ancora più convenienti i prezzi dei ciondoli. Gioielli essenziali, dalle forme geometriche con materiali preziosi come l’oro in tutti i suoi colori, l’argento e l’acetato di cellulosa. La stampa a sublimazione consente, nonostante la misura di 25 millimetri per lato, di avere immagini assolutamente fedeli all’originale, e soprattutto di rendere solidale l’immagine con il monile ospitante.

Sicis Jewels e Sicis O’Clock nel cuore di Parigi

Uno

store di 500 metri quadrati su due piani nel cuore di Parigi: Sicis Jewels e Sicis O’Clock, i preziosi che portano la firma dell’azienda ravennate specializzata in micromosaico e nanomosaico, sbarcano nella Ville Lumière, in Rue François 1er. Oltre 300 pezzi in edizione limitata (di cui 43 firmati dall’interior designer Roger Thomas) tra collane, anelli, bracciali e orologi, presentati in anteprima a Baselworld 2012. “Una materia prima preziosissima che un domani potrebbe diventare il terzo oggetto del desiderio per le donne, dopo oro e diamanti”, così definisce il mosaico il fondatore di Sicis, Maurizio Leo Placuzzi.


pm

deSiGN MEMEnTO MORI q

1

uando vedo alcune creazioni mi piacerebbe poter entrare nella mente di chi le ha ideate, seguire il percorso dell’idea da cui scaturiscono e sospiro con un poco d’invidia per non averci pensato io. Non è questo il caso delle artiste di cui sto 2 per scrivere. i gioielli che celebrano la morte e la caducità della vita o ricordano una persona defunta non sono una novità e non è certo il tema che desta scalpore: la gioielleria memento mori si è diffusa dal XIV secolo in poi ed era di

grande tendenza in epoca 4 vittoriana. vero che ogni artista trova il proprio terreno d’espressione, queste ragazze però si sono fatte decisamente prendere la mano dal macabro. La svedese Agnes Larsson usa materiali deperibili che si modificano nel tempo perché i gioielli non devono sopravvivere a chi li indossa. il nero è il solo colore scelto per le sue creazioni, nelle quali contrappone carbone e legno bruciato ridotti in frammenti con i suoi capelli. Corvini, ovviamente. attenta frequentatrice di cimiteri, Shari Pierce tradisce un’attrazione macabra per i visi delle persone decedute e crea gioielli stampando su carta-tessuto fotografie di sconosciuti cari estinti e ritagli di necrologi, i cui visi vengono resi irriconoscibili per rispettarne la privacy. Suggestionata dal confine che separa la vita dalla morte, l’inglese Merran Philips crea una collezione fatta di denti, piume e sezioni di ossa intrisa di riferimenti

3

Ma come brilli?? iL NataLe di Stroili oro CON CarLa GOzzi

Isabeli Fontana, taylor Swift e anne V'jalicyna con i gioielli di Mattia Cielo Collier “Ghiaccio” in titanio e oro bianco con diamanti (indossato a sx da anne)

S

abato 24 novembre Carla Gozzi, indiscussa regina dello stile ha accolto i clienti della nuova gioielleria Stroili Oro di corso buenos aires 13 a milano per offrire i christmas tips più glamour! Carla Gozzi ha suggerito l’idea perfetta, scegliendo insieme agli ospiti fra le mille proposte del brand, create per soddisfare ogni gusto e ogni desiderio. Non solo, per l’occasione Carla Gozzi ha firmato le special card ‘your personal christmas gift suggested by Carla Gozzi’: un tocco per un Glamourous Christmas firmato Stroili Oro!

MtV Music awards di Francoforte: le creazioni Mattia Cielo illuminano le stelle erata superglam a Francoforte per il brand italiano. lo scorso S novembre i gioielli Mattia Cielo hanno ‘sfilato’ sul red carpet e durante la premiazione della categoria Best live in occasione

22

preziosa­

degli eMa, MtV european Music awards. a indossarli, due top model internazionali: Isabeli Fontana, volto di Victoria's Secret e anne V'jalicyna, celebre per il primato di otto anni consecutivi all'interno dello Sports Illustrated Swimsuit Issue.


01. Julia deville, bird shoulder piece collare-spilla in argento e zaffiri con uccello imbalsamato / 02. agnes Larsson, Necklace collana in carbone e capelli / 03. Shari pierce, pendant pendent in carta tessuto e argento / 04. Julia deville, Sparrow brooch spilla in argento con osso ed uccello imbalsamato / 05. Julia deville, Gunclub brooch spilla in oro, giaietto e diamanti con topo imbalsamato / 06. Julia deville, anatomy of a rabbit scultura-gioiello. coniglio impagliato, argento, rubini / 07. Julia deville, Claw ring anello in argento con zirconia

alla gioielleria memento mori di epoca vittoriana e di atmosfere degne di un racconto di edgar allan poe a partire dal nome scelto: “the rise and fall of a covetous heart”, l’ascesa e caduta di un cuore avido. Julia deVille, ispirandosi alla gioielleria memento mori e affascinata dalle pratiche imbalsamatorie, crea gioielli a metà strada tra l’oreficeria tradizionale e la tassidermia. La sua collezione, dall’eloquente nome “taxidermy”, è un bestiario di topolini e uccellini imbalsamati, coniglietti e gattini con protesi in argento al posto delle ossa, ali spezzate, becchi e zampe. per quanto impressionanti e repulsive, le sue creazioni mantengono uno strano senso di bellezza ed hanno un fascino macabro e intrigante al tempo stesso. Disce Mori, il brand da lei creato, è sia nel nome che negli intenti un’interpretazione personale del detto latino “vivere disce, cogita mori” (impara a vivere, ricordati la morte). in linea con la sua filosofia, Julia deville ha donato il proprio corpo al German institute for plastination di Gunther von hagens, l’inventore della tecnica di plastinazione e creatore di body worlds, la mostra che svela i segreti dell’anatomia e del funzionamento del corpo umano. L’esposizione, scioccante per l’utilizzo di tessuti ed organi umani, è attualmente a milano dopo aver fatto tappa in più di sessanta città del mondo. L’artista australiana assicura di servirsi solo di animali precedente deceduti e racconta di

7

5 come negli anni si siano moltiplicate le persone che le donano i corpi dei propri animali perché li trasformi in arte e li renda eterni. personalmente non riesco a non immaginare i cassetti del suo laboratorio ricolmi di ali e zampette, e di certo se la incontrassi la terrei ben lontana dai miei amati quadrupedi. Non vi stupite se mentre andate a far visita alla cara bisavola vi trovate davanti una stramba che immortala le tombe, o se durante una passeggiata al parco un’altrettanto stramba chiede se potrà avere il corpo del vostro cagnolino quando sarà trapassato: anche questo è (discutibile) gioiello. (Lv) 6

DaMIanI e SOPHIa lORen In OlanDa

D

ue autentiche bellezze Made in Italy hanno incantato l’Olanda. Il 7 novembre scorso, a nordwijk am Zee, Damiani ha presentato le sue nuove collezioni che hanno avuto come madrina la sua Musa ispiratrice: Sophia loren, la più celebre delle attrici della storia del cinema mondiale che ad oggi ha ricevuto due academy awards, cinque Golden Globes oltre una miriade di altri premi. Sophia loren, che è ambasciatrice del Brand e amica della famiglia Damiani, a nordwijk ha indossato un chocker e un orologio Belle epoque, e orecchini e anello della collezione che Damiani le ha dedicato chiamandola “Sophia loren” in suo onore. tutti in oro bianco e diamanti.

eataly new yORk LE PREzIOSE CREAzIONI dEI MAESTRI ORAFI UMBRI po’ di gioiello italiano nella Grande Mela: 12 aziende del UN consorzio Monilia e di Confartigianato Imprese Perugia e terni hanno partecipato a eataly new york per tutto il mese di novembre, sfilate e serate glamour per mostrare al pubblico le preziose creazioni dei maestri orafi umbri. Per inaugurare l’evento, una mostra sulle preziose creazioni umbre ospitata dal negozio Jaded, al 1048 di Madison Avenue. Internazionalizzazione, dunque, anche grazie alla collaborazione con il Centro Estero Umbria, agenzia costituita dalla Regione Umbria e dalle due Camere di Commercio provinciali di Perugia e Terni.

23


2

3

1

4

5

e x h i b i t i O N

The Art of Cartier 420

opere di Cartier in mostra fino al 17 febbraio 2013 al Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid. L'esposizione rispecchia lo spirito e l'evoluzione artistica della storica maison a partire dai suoi natali parigini nel 1847, che vanta ad oggi una collezione di circa 1450 pezzi storici (acquistati tra le aste e le collezioni private in tutto il mondo) e dalla

quale sono state selezionate le opere. Pezzi unici e prestiti eccezionali consentiranno di ammirare anche gioielli esposti per la prima volta, tra cui la collana di diamanti e rubini di Liz taylor o la spilla in forma di fenicottero dal variopinto piumaggio di zaffiri, rubini e smeraldi della duchessa di windsor. Ci sarà anche, nello spettacolare allestimento (che mostrerà

anche disegni dei gioielli e proiezioni di immagini) la tiara tempestata di diamanti della corona spagnola, ancora oggi indossata dalla regina Sofia. Cartier, la cui azienda nel 1899 si spostò a rue da la paix a pochi passi da Place Vendôme, divenne meta ambita di illustri personaggi, re e regine prima (tra cui la principessa matilde, moglie di Napoleone iii

e la regina alessandra di inghilterra) ed attori poi. e a loro è dedicata una delle più affascinanti sezioni della mostra, ai clienti, ricchi e famosi della maison, tra cui Grace Kelly ed Elizabeth Taylor. tra spettacolari luccichii ed eccezionali manifatture, Cartier si mostra in tutta la sua magnificenza in una mostra spettacolare che non lascerà insoddisfatti i visitatori. (Le)

7

6

1. 1953. Collier appartenuto a Grace kelly platino, diamanti (circa 64 carati) 2. 1947. Collare draperie, realizzato su commissione Oro, platino, diamanti, ametiste e turchese 3. 1975. Crocodile Collana, realizzata su commissione Oro, diamanti (60,02 carati), smeraldi (66,86 carati) e due rubini 4. 1968. Snake Collana, realizzata su commissione platino, oro bianco e giallo, diamanti (178,21 carati), smeraldi e smalto 5. 1927. Orologio stile egiziano con carillon Oro, argento, oro, smeraldo, perle, corallo, corniola, lapislazzuli e smalto 6. 1910. tiara rinceaux realizzata per Gabriela isabella di baviera, regina del belgio platino e diamanti 7. 1940. Spilla Flamingo, realizzata su commissione del duca di windsor platino, oro, diamanti, smeraldi, zaffiri, rubini e citrino 8. 1951(modificato nel 1953). Collare creato per elizabeth taylor platino, oro, diamanti e rubini

The Art of Cartier madrid. museo thyssen-bornemisza fino al 17 febbraio 2012 www.museothyssen.org 8


PLATINUM AT TIFFANY

Seguite la piuma: i diamanti di Zydo si sposano con la tecnologia laminam

LE

scintillanti piume di diamanti e oro di una parure creata da Zydo sono ambientate in una teca che catalizza l’attenzione degli ospiti nella rigorosa scenografia in bianco/nero di piume in materiale hightech della Laminam. La gioielleria valenzana e l’azienda modenese all’avanguardia nella realizzazione di materiali per architettura fortemente innovativi hanno dato vita a un connubio insolito nel corso di una serata milanese dall’atmosfera molto suggestiva e originale. Ricerca di qualità dei materiali, ricerca nelle tecniche di lavorazione, ricerca di soluzioni sempre in linea con l’evoluzione dei gusti della clientela sono stati i comuni denominatori che hanno offerto lo spunto per un evento in co-produzione fra i due marchi: un esempio di collaborazione fra aziende apparentemente lontane, ma che condividono anche una tipologia di pubblico raffinato di “intenditori”.

d

ue giornate completamente differenti per stile e location, quelle che tiffany & Co. ha voluto dedicare al più prezioso dei metalli, in collaborazione con Platinum Guild International e Domo adami. Entrambi gli eventi si sono svolti nelle boutique milanesi del brand: l’ 8 Novembre in Via della Spiga e il giorno successivo all’Excelsior Milano, store contemporaneo dedicato allo shopping di alto profilo, nel cuore della città. Insieme ai gioielli tiffany, tradizionalmente icona del segmento bridal, hanno sfilato gli abiti da sposa realizzati all’insegna del prezioso metallo, interpretati e presentati da Mauro adami anima creativa di domo Adami che da sempre utilizza il platino sapientemente trasformato in tessuti perfetti per esaltare lo stile prezioso e contemporaneo dei suoi vestiti da sogno.

StepheN webSter diSeGNa La COLLeziONe

SkyFaLL per SwarOvSky e bereNiCe marLOhe, La bONd GirL, iNdOSSa Carreray Carrera iL

cinema, si sa, è una vetrina ineguagliabile. Sarà per questo che il film Skyfall, nuovo capitolo della saga di James bond, lo è diventato per Swarovski, da tempo legato all’icona dello spionaggio. Una collezione di gioielli unica e preziosissima i cui disegni sono del designer Stephen webster (i gioielli sono acquistabili nella boutique on line di Swarovski). ad indossarli, la nuova bond girl Severine, alias berenice marlohe. ma non è tutto: l’attrice, durante la conferenza di presentazione del film a berlino, ha scelto un anello dell’azienda spagnola Carrera y Carrera, modello tiger (oro bianco, diamanti e quarzo fumé).

le locle, Si rinnova la manifattura Zenith

Si

rinnova anche la manifattura Zenith: completata la ristrutturazione dell’edificio principale di Le Locle, dove è ospitata dal 1865 e che oggi ospita gli oltre 80 mestieri della produzione. Fautore dello sviluppo dell’architettura industriale della località, che nel frattempo è entrata a far parte del patrimonio dell’Unesco, il marchio ha in cantiere un progetto ambizioso per la realizzazione di una struttura industriale all’avanguardia. per ora, si sono conclusi i lavori relativi all’edificio centrale avviati nell’agosto del 2011. Costruito su tre piani nel 1905, l’edificio rappresenta l’essenza della Manifattura: sulla facciata i tipici mattoni rossi di inizio novecento. Le 400 vetrate dell’epoca sono state completamente ristrutturate: tra le finestre campeggiano le lettere del nome zenith e le iniziali G.F.J. del fondatore, Georges Favre-Jacot. mantenuta la struttura in metallo, modernizzata però secondo le norme edilizie più moderne ed ecologiche come l’isolamento termico e il controllo dell’aria condizionata e dell’umidità. nell’edificio diversi atelier: lavorazione, stampaggio, decorazione, controlli, assemblaggio, regolazione, inserimento nella cassa e alta orologeria.


anche Preziosa Magazine sponsor del Master in Ingegneria del Gioiello del Politecnico di torino SEMPRE PIù INTERNAzIONALE IL MASTER IN INGEGNERIA dEL GIOIELLO dEL POLITECNICO dI TORINO. sopra, da sx: Alessandro Broggian, dario e Antonello Boragine, Massimiliano Meloni e Livio Buffoni nella foto a dx: dario Boragine

Mimì Jewerly grande festa alla gioielleria Boragine di teano

Le

nuove collezioni di Mimì Gioielli protagoniste di una grande festa alla gioielleria Boragine di Teano (Caserta). Un cocktail condito dalle pietre preziose e dalle forme morbide ed eleganti del brand milanese.

29 Novembre presso la sede di Alessandria del IldellePolitecnico di Torino si è tenuta la discussione tesi del Master in Ingegneria del Gioiello coordinato dal Prof. Mario Rosso e giunto alla sua dodicesima edizione. In occasione della cerimonia conclusiva, sono state assegnate una borsa di studio finanziata dal Rotary Club di Valenza e una dalla nostra rivista, Preziosa Magazine. Il 21 Novembre è partita già la nuova edizione che si svolgerà in un clima internazionale, sempre nella sede alessandrina, diventata parte del dipartimento di Scienza Applicata e Tecnologia: le nuove iscritte provengono da Italia, Iran, Brasile e Stati Uniti. Come per ogni edizione, la collaborazione tra aziende e studenti è stata molto intensa ma, per la prima volta quest’anno, ha portato gli allievi a un esordio ‘benefico’. In occasione della XX edizione internazionale della campagna Nastro Rosa LILT, lo scorso Ottobre, i gioielli ideati insieme alle aziende partner del master sono stati protagonisti di un’asta organizzata in collaborazione con artisti del territorio e con il Consorzio Prometeo di cui il Politecnico è tra i soci fondatori, per raccogliere fondi da destinare alla prevenzione del tumore al seno. Le aziende partner del master 2011-2012 sono state: Mattioli, Golden Shapes, Bulgari, Lombardi Vendorafa, Big Bag Gioielli, Pomellato, il Centro di Analisi Gemmologiche di Valenza e il Centro Gemmologico Nazionale di Roma.

tempi nostri di annalisa fontana

Questa legge s’ha da fare

p

DELLA ROVERE, InAuGuRA IL nuOVO ShOwROOM AL TARì le creaZioni Della rovere hanno un nuovo inDiriZZo, il tarì Di marcianiSe lunedì 3 dicembre alle ore 10 si sono aperte le porte del nuovo showroom Della rovere, accogliendo clienti ed amici intervenuti per ammirare le nuove collezioni proposte in uno spazio di 160 mq dove ogni dettaglio, dalle curatissime vetrine al banco reception, interpreta alla perfezione lo stile Della rovere. tra coffee break e golose tentazioni al buffet, la giornata dedicata alle novità invernali si è protratta fino al tardo pomeriggio, in cui non si è fermato il viavai di operatori interessati ad entrare nel mondo Della rovere. in un ambiente in cui le tonalità dell’arredamento puntano sull’essenzialità del bianco e nero, a spiccare sono state le meravigliose nuances naturali delle pietre che, declinate in collane, bracciali, anelli e orecchini, hanno colorato la giornata secondo uno stile inconfondibile, dando il benvenuto al brand marchigiano all’insegna dell’eleganza made in italy. per chi volesse conoscere da vicino le creazioni Della rovere, lo showroom presso il modulo 31 del tarì resterà aperto dal lunedì al venerdì, fino a giovedì 20 dicembre.

orto alla lavanderia sotto casa il caro maglioncino di cachemire di cui sono stata così fiera uscendo dall’esclusivo negozio del centro dopo ripetuti appostamenti e la gentile proprietaria scruta con attenzione l’etichetta per accertarsi che il trattamento di lavaggio non lo rovinerà. e se il capo invece l’ho acquistato dalla mia cara amica stilista che sull’etichetta si limita a mettere la propria firma, mi chiede: “come vuole che lo lavi? non mi prendo la responsabilità e rischiare di combinare qualche guaio!” dal golfino in cachemire del negozio chic alla tavoletta di cioccolata del market è nella normalità sapere che cosa c’è dentro quello che compri, capire perché lo paghi tanto o perché lo paghi così poco: poi scegli cosa ti conviene e cosa vuoi fare. vuoi sfoggiare ogni giorno qualche cosa di nuovo, assolutamente alla moda? Giustissimo andare su un capo economicamente poco impegnativo: fai la tua bella figura e se poi finisce in fondo a un cassetto poco male. vuoi qualche cosa anche più costoso, ma che abbia un reale valore intrinseco? allora l’attenzione sarà maggiore e non rischierai di buttare frettolosamente il pullover in lavatrice piuttosto che investire in un lavaggio a secco. un caro amico mi regala ogni natale dei piccoli oggetti di antiquariato del tipo tabacchiere in sheffield, boccette per profumo in cristallo e sempre trovo nel pacchetto un bigliettino del negoziante che mi dà notizie dell’epoca, del materiale e a volte della provenienza. se acquisti un oggetto prezioso che non sia un gioiello “di marca” o che non sia antico non ti va di sapere di cosa è fatto o da dove viene? per un orologio o un gioiello nell’astuccio del prodotto “branded” trovo il certificato o la garanzia. altrimenti il gioielliere professionista mi saprà dire - e sarò anche autorizzata a chiedergli una certificazione - se quella bella pietra azzurra è un quarzo o un diamante trattato o un’acquamarina. se la montatura è in platino o in oro rodiato. saprò che cosa acquisto e potrò scegliere con cognizione di causa. dalla seta, all’aceto balsamico, dal cachemire alla crema di bellezza. ormai il prodotto deve poterci dire tutto di sé. perché non può e non deve farlo il gioiello? Giova a tutti: a chi vende per consolidare la fiducia nei confronti del cliente e a chi compra per essere cosciente dell’acquisto.


pm 1. Carlo Barberis Tulip Collection in oro bianco o rosa con brillanti bianchi carlobarberis.com | 2. lenti & Villasco Eternity in oro e diamanti lentivillasco.com | 3. RCM Gioielli bracciale in oro bianco con brillanti brown e bianchi taglio princess rcmgioielli.it | 4. Manu&Cris Gaspari Orecchini oro bianco, zaffiri blu cylon (ct.86,37) e diamanti bianchi rose cut (ct. 30,44) manuecrisgaspari.it | 5. Oro trend Anelli collezione Primavera, in oro rosa e diamanti con pietre preziose, verde (in peridoto) e rosa (tormalina rosa più quarzo rosa) oro-trend.it | 6. Gorgoglione Bracciale in oro bianco con diamanti white (ct 41.09) e black (ct 83.44) interamente realizzato a mano gorgoglionepreziosi.com | 7. Bibigì Solitario Collezione Louvre in oro bianco e diamanti bibigi.com | 8. Di.Go Masterpieces dai rari diamanti rosa e gialli, con diamanti bianchi dai tagli particolari con zaffiri, rubini e smeraldi digovalenza.com | 9. Moraglione1922 tris di anelli collezione “Grace” in oro rosa, giallo e bianco con brillanti, pietre semiprezione moraglione.com | 10. Giorgio Visconti Collezione Mizar. Anello in oro bianco, diamanti bianchi e light brown giorgiovisconti.it | 11. Crivelli Anelli in oro bianco con diamanti e pietre preziose crivelligioielli.com | 12. leo Pizzo Fiocchi in oro bianco, zaffiri e diamanti leopizzo.com

2 1

3

Speciale Valenza Gioielli

12

4

5

11 9 6

8

10

30

preziosa­ n.­5­/­dicembre­2012­/­preziosamagazine.com / speciale­valenza­

7


ritrattieLeNOire di maria rosaria petito photo © dario altamura

a

cuta, simpatica e dalla risposta immediata. pragmatica? Niente affatto, elenoire ha un animo molto sensibile dentro un corpo scultoreo ed una presenza di gran classe. e a chi ancora sostiene che bellezza e intelligenza non stanno bene insieme, lei è la dimostrazione che questo luogo comune non ha alcun motivo di esistere. ha accettato di rispondere alle mie domande e prima di ogni altra cosa, contrariamente a quanto ci si aspetterebbe da una donna affascinante e di successo, ha aperto il cuore sul suo essere mamma. Il primo pensiero al mattino? mia figlia, senza alcun dubbio. Sono mamma e non posso che rivolgere a lei il mio primo pensiero. e non solo quello. Mai senza? Un ciondolo che mi regalò mia nonna. Un gioiello antico a cui tengo molto, al di là del suo valore materico.

32

preziosa­ n.­5­/­dicembre­2012­/­preziosamagazine.com / news­


CaSaLeGNO come una ventata di freschezza Se tornasse indietro cosa non farebbe? rifarei tutto. Non fa parte di me il pentimento. i sensi di colpa servono solo a tormentarti l’animo e non portano a niente. Per un lungo viaggio cosa porterebbe con sé? Un libro. Lo porto sempre con me, e poco importa se mi allontano da casa per lungo tempo o per un giorno solo. La scelta è dettata unicamente dal mio stato d’animo del momento. Qual è il suo rapporto con i gioielli? mi piacciono molto ed è interessante la loro capacità di rappresentare la personalità di chi li indossa. Sono ornamenti che si lasciano caricare di significati.ti completano. Se dovesse regalarne uno punterebbe al design o ad un oggetto classico? ad ogni regalo do un significato preciso perché mi piace motivarne la scelta. penso a chi lo riceve

indipendentemente se a me può piacere oppure no. Non è mai un acquisto fatto a caso… mi piace contestualizzarlo. Cosa è la femminilità? La parte più intima di una donna. e non ha niente a che vedere con l’abito, il trucco o chissà cos’altro. È qualcosa che si ha dalla nascita e che cresce con te. Qual è il suo hobby? dipingo. acrilico su tela, e mi piace sperimentare, per questo mi diverte contaminare soggetti e materie. Cosa è tabù? La paura di affrontare se stessi. un aggettivo per definirsi? romantica una qualità che non deve mancare in un uomo? La generosità, un aspetto che si lega strettamente all’altruismo. almeno dovrebbe essere così. (ride)

un momento che definirebbe significativo nella sua carriera? Ogni momento mi ha dato qualcosa, anche quando mi ha tolto qualcosa.tutto diventa importante perché tutto ti aiuta a crescere. L’ultimo pensiero prima di addormentarsi? Spero di aver fatto al meglio tutto quello che avevo da fare.

I GIOIELLI SOnO ORnAMEnTI ChE SI LASCIAnO CARICARE DI SIGnIFICATI. TI COMPLETAnO preziosa­

33


Della RoveRe Gioielli un design che assecon Della Rovere

piazza della rovere, 1, 2, 3 61040 mondavio (pu) tel. +39 0721 97175 fax +39 0721 989546 info@dellaroveregioielli.it www.dellaroveregioielli.it

34

preziosa­ n.­5­/­dicembre­2012­/­preziosamagazine.com / della­rovere­gioielli­


Ciondoli in argento e stalattiti di ametista Quarzo grigio e perle barocche con centrale artigianale in conchinas Quarzo fumé e perle barocche

asseconda Le forme naturaLi deLLe pietre iL desiGn che porta La firma di deLLa rovere un tratto che inevitabiLmente diventa ispirazione anche per pezzi unici Grandi e spettacoLari e

legantissime varianti, nuance luminose e trasparenze dominano i suoi gioielli. con pietre e perle sempre in primo piano le collezioni esplodono in un trionfo di tonalità rubate alla terra, predilette le palette tenui che scivolano dall’avorio, al grigio, al bronzo, un mai eccessivamente vivido che si fa passepartout di unicità e femminilità, anche se si può percepire un aspetto quasi futurista quando i ciondoli d’argento, per la presenza di stalattiti di ametista, si illuminano di bagliori da aurora boreale. Hanno un piglio aristocratico le creazioni Della Rovere ma si lasciano indossare con la naturalità che le donne pretendono per sentirsi uniche ognuna nella propria quotidianità. Nella scelta delle materie primeggia sempre un dettaglio radioso, una spettacolare presenza - spesso insolita come conchinas abbinate a perle barocche -, che si differenzia per diventare il punto focale del gioiello. un bon chic che si ribella al passato ma che fa sua quell’artigianalità che accompagna ogni esemplare esaltandone il valore.

da le forme delle pietre di maria rosaria petito

DellA ROveRe GiOielli: AN excluSive DeSiGN the natural shape of stones inspires della rovere design whose stones and pearls are always in the foreground. Light colors such as ivory, grey and bronze are their favorite colors, very feminine. silver pendants with amethyst stalactites are extremely modern. conchinas and baroque pearls are always spectacular details. a new handmade bon chic to exalt their value.


Liberty

PasqualeBruni d

al 1976 un design raffinato e inconfondibile caratterizza i gioielli pasquale bruni, tra i più grandi designer di alta gioielleria al mondo. per i suoi gioielli sono selezionati, con maniacale attenzione, metalli nobili e pietre preziose. tecniche d’avanguardia ed eccellenza della manifattura ne completano il risultato finale che si traduce in creazioni innovative. L’eleganza di questo made in Italy brilla nelle vetrine di 117 gio-

bon ton

iellerie in Italia, 76 in Europa, 26 in Russia e CSI, 10 in Medioriente e 6 nel resto del mondo, a cui si aggiungono le boutique monomarca, shop-in-shop e corner dedicati. La passione per il suo lavoro Pasquale Bruni non poteva non trasmetterla ai due figli: Eugenia, Direttore Creativo che sa andare ben oltre la sola ricerca estetica, e Daniele, Gemmologo della Maison. a ispirare i suoi gioielli è la natura che euge-

nia rappresentata sottoforma di fiori, cuori, stelle e lune, ma ha aperto la porta di questo universo anche a farfalle e piccoli elefanti porta fortuna. Ogni simbolo rappresenta un elemento: aria, acqua, terra e fuoco. il quinto è l’amore. Nelle creazioni pasquale bruni non mancano forti i richiami al design dei gioielli della corona che la maison reinterpreta con volumi e nuance contemporanee dedicandoli alla regina che è in ogni donna. (mrp)

i sogni portano la sua firma

diamanti di venere

mandala amore

atelier

36

prato fiorito preziosa­ n.­5­/­dicembre­2012­/­preziosamagazine.com / pasquale­bruni­


VInCI s.r.l. Via don A. Buratelli, 35/B 61032 Cuccurano di Fano (PU) Tel. +39 0721.851148 Fax +39 0721.851679 e-mail: vinci.gioielli@libero.it www.vantogioielli.it


via condotti prodotto MGM PReZiOSi S.r.l.

collana, bracciali e orecchini in argento 925 e pietre semipreziose mgm@mgmitaly.net

in vino veritas


credits photo: Michele Attanasio art director: Maria Rosaria Petito make up: Francesco Riva hair stylist: Giuseppe Acunzo for Go coppola location: l’ebbrezza di NoÊ, Napoli


vintage Bijoux coordinato in perle naturali di acqua dolce e composĂŠ in pietre semipreziose vintagebijoux.com


parure con perle coltivate montate in oro 750 e brillanti mattiamazza.it

Mattia Mazza


estrosia collane in pietre dure estrosia.com


collana in corno, pietre dure ed argento; bracciale in corno, pietre dure ed argento, bracciale in corno con cammeo, orecchini in corno e argento, anello in argento 925, perle e pietre dure goldencorals.com

Golden corals


Antonino De Simone orecchini pendenti in corallo rosso, oro bianco e brillanti collana fantasy con 5 elementi pendenti e bracciale a 14 fili, corallo rosso ed argento antoninodesimone.com


50

preziosa­ n.­5­/­dicembre­2012­/­preziosamagazine.com / news­


Tererò

bracciali in argento 925 e caucciĂš terero@tari.it


Michelangelo Gioielli

orecchini e pendente in terracotta dipinta a mano rispettando la tecnica usata dagli antichi etruschi, con montatura in argento 925/째째 placcata oro (designer marcello fontana) michelangelogioielli.com


pm

brand

Mattia Mazza Via Gugliemo Marconi, 70 80059 Torre del Greco (NA) tel. +39 081 8814866 fax +39 081 8497544 email: info@mattiamazza.it web: www.mattiamazza.it

dal 1905 che la Mattia Mazza esprime tutto il talento della tradizione e dell’artigianalità. Il corallo, il turchese, le perle, l’oro, i diamanti e le pietre preziose sono trattate da quattro generazioni con la massima cura e con la sapienza di chi ha fatto della propria passione anche la sua storia. Oggi nell’ambito della tradizione italiana, l’azienda torrese rappresenta un punto di

È

riferimento per l’alta gioielleria, dove le linee classiche sono accostate al design e alla modernità delle forme. Valori che si tramandano nel tempo, attraverso preziosità dagli accostamenti sempre delicati e mai sbadati, come le parure in corallo mediterraneo montato in oro bianco con brillanti e zaffiri. Ma la Mattia Mazza, è anche un’azienda in costante sfida con

se stessa. Da novembre, infatti, alla sede storica di via Marconi a Torre del Greco, si è affiancato il nuovo show-room presso il centro orafo “Il Tarì” di Marcianise. Al modulo 113 sarà possibile ammirare tutte le collezioni e scegliere tra i materiali sciolti, tutti di primissima qualità che rappresentano per l’azienda un sinonimo di garanzia e qualità. (LE)

MATTIA

un nuovo show-room per la storica azienda torrese

parures corallo rosso mediterraneo montato in oro 18ct con brillanti e con brillanti e zaffiri blu

MAZZA

mattia maZZa a new show-room for the historical company from torre del greco Mattia Mazza has been expressing all its talent since 1905 through tradition and handmade jewels. Coral, turquoise, pearls, gold, diamonds and precious stones have been treated by four generations with care, knowledge and passion. Delicate and sophisticated combinations,such as the Mediterranean coral parure mounted with white gold, brilliant and sapphires. In november they opened a new base in Marcianise at Centro Orafo Il Tarì, stand 113, where it’s possible to look up to each collection ad choose among the undone high quality materials.

54

preziosa­ n.­5­/­dicembre­2012­/­preziosamagazine.com / mattia­mazza­


pm

brand maria De toni srl via pasubio 1 36066 Sandrigo (vi) tel: +39 0444 751347 Fax: +39 0444 758714 e-mail: info@mariadetoni.it www.mariadetoni.it

MARIA DETONI

una gioielliera a sostegno del made in italy

G

di Chiara di martino

ioielli che raccontano la storia dei battiori veneziani con l’antica tecnica della battitura a mano sui metalli preziosi: è la collezione “Venice” by Maria De Toni, fondatrice e presidente dell’omonima azienda, che da sempre si distingue nel panorama orafo nazionale grazie alla sua capacità di creare ponti culturali e iniziative di spessore in grado di fornire sempre nuovi spunti al settore.tra questi, il “progetto anticrisi per il rilancio del made in italy tecnologico-culturale nel mondo”, ricerca sull’economia integrata che dura da 13 anni ed è frutto di una sintesi che identifica l’economia duratura, quella che nasce da una osmosi tra identità storico-culturale del paese e prodotto. La collezione venice by maria de toni è una delle linee con cui la stilista, quale portavoce di un economia integrata alle proprie radici storiche, attua in prima persona i principi di multi-culturalità e recupero delle tradizioni e del passato: disponibile sia in versione argento 925 “Sterling Silver”, per gli abiti più casual, sia in versione Oro “young 9ct Gold” per mises più sofisticate, sia in versione Oro 750 con perle barocche “haute Couture 18ct Gold”. Schiave, pendenti, catene, anelli tutti battuti a mano con la tecnica dei battiori veneziani e full sets in versione anche gold chocolate che l’imprenditrice vede come complemento naturale delle collezioni per il quotidiano. i motivi “a conchiglia” richiamano il mar mediterraneo e le perle barocche dell’Oriente testimoniano l’antico ruolo di venezia, punto di incontro tra Oriente e Occidente. Le catene martellate in black rhodium si ispirano ai mori che giungevano a venezia, centro di scambi commerciali. Proprio nella città magica sarà presentato nel 2013 il progetto anticrisi “Il Lusso con l’Occhio dell’Oriente (1000-2000)®”, nella sua diretta applicazione per diversi settori merceologici, utile per le imprese italiane che ambiscono a dare un nuovo valore aggiunto economico-culturale ai propri prodotti nel mercati del mondo. Un modo per coinvolgere i giovani e le altre realtà del lusso per dare vita a un nuovo rinascimento del made in italy. Un’anteprima del progetto sul tema del gioiello arabo come contaminazione del mondo occidentale con l’arte islamica è stata presentata all’emirates palace di abu dhabi lo scorso 26 novembre dalla dott.ssa maria Loretta de toni, con il sostegno dell’ambasciata d’italia negli eaU e personalità del mondo culturale internazionale. MARIA DE TOnI, JEwELLERy SuPPORTInG MADE In ITALy maria de toni, jewels worked according to the ancient techniques, such as venice collection, Sterling Silver and young 9ct gold versions, hand beaten according to the venetian “battitori” technique. in venice she will present the anti-crisis project “il Lusso con l’Occhio dell’Oriente (1000-2000)®” to relaunch made in italy. a way to involve young people and luxury realities to start a new made in italy reinassance.

56

preziosa­ n.­5­/­dicembre­2012­/­preziosamagazine.com / maria­de­toni­


pm

brand

antonino De Simone
 Corso Avezzana, 24 80059 Torre del Greco (NA) Tel. +39 081 8811028 +39 081 8825444 Fax +39 081 8493096
 web: www.antoninodesimone.it

la tradizione torrese è tutta racchiusa in una piccola campanella, protagonista della nuova linea realizzata dalla antonino De Simone che, partendo da un unico pezzo di corallo (rosso, rosa o bianco), sapientemente inciso dagli artigiani dell’azienda, ha creato un nuovo gioiello, testimone di un’arte antica che si reinventa per avvicinarsi ad un pubblico giovane e informale. La campanella è un portafortuna, ma anche un grazioso gioiello da regalare per essere originali e di buon auspicio. l'attenzione alla qualità e la cura nell'esecuzione artigianale, da oltre 180, anni caratterizzano l'azienda, giustamente ascritta tra le 150 imprese storiche d'Italia. È nel 1830 che, a Torre del Greco, l'artigiano Antonino de Simone fondò la sua azienda, oggi guidata da Gioia de Simone e il cugino Michele Palomba. Gioia, prosegue oggi l’attività paterna suggellata anche dalla diffusione della “cultura del corallo”, in passato, (con Antonino), attraverso il progetto “Le Vie del Corallo” ed oggi con il museo privato di famiglia che racchiude oltre trecento preziosi manufatti provenienti da tutto il mondo. la antonino De Simone, oltre a proporre sempre nuove interpretazioni dell’oro rosso, è un’azienda attenta all’ecosistema marino. Nel rispetto della salvaguardia infatti, vengono pescati e lavorati solo i rami più grandi, in un’azienda dove l’armonia e la fiducia, insieme alla tradizione, rappresentano la base per il successo dell’Impresa. (LE)

antonino De Simone. the precious sound of coral bells A little bell holds the history of Torre del Greco, and it’s the protagonist of Antonino de Simone latest collection that has created a new jewel starting from a single piece of coral reinventing an ancient art. The bell is not only a lucky charm but also a nice jewel to give in order to be original and wish good luck. The company, one of the 150 historical companies of Italy, has been paying attention to quality and handmade execution for over 180 years. In 1830 in Torre del Greco the craftsman Antonino de Simone founded his company that is now run by Gioia de Simone and her cousin Michele Palomba. Antonino de Simone, apart from proposing more and more original red gold jewels, pays attention to the marine ecosystem.

58

preziosa­ n.­5­/­dicembre­2012­/­preziosamagazine.com

gioia de simone

IL SUONO PREzIOSO dELLE CAMPANELLE IN CORALLO dI ANTONINO dE SIMONE


pm

brand

È iL CammeO iL prOtaGONiSta deGLi aNeLLi ChevaLier di

idea Coral E

rano chiamati anelli sigillo perché sul castone avevano inciso lo stemma da imprimere nella ceralacca. Oggi sono conosciuti come “chevalier” e, come allora, si portano al mignolo, che fa tanto chic. a questo tradizionale gioiello Idea Coral, l’azienda orafa di Mimmo Carotenuto e Franco Cozzolino con sede a torre del Greco, ha aggiunto un pizzico di brio con la presenza di un piccolo cammeo, da scegliere tra quelli con le iniziali o con altri soggetti che possono presentarsi anche appaiati come farfalle e fiori, sole e luna…dove la storicità cede il passo ad un irresistibile fashion. Sono montati in argento rosé, lo stesso metallo prezioso che ha scelto per gli orecchini pendenti della sua ultima collezione, realizzati con quarzi fumé e quarzi rosa a taglio squadrato e perle barocche. accostamenti cromatici di gran raffinatezza e carichi di luce che delineano un bel design che si tiene tra il romantico e il geometrico ma fortemente bon ton. eleganze semplici che valorizzano l’ottima lavorazione forte di anni di esperienza nel settore dell’alta gioielleria.

IDea CORal Centro Orafo Il Tarì - mod. 219 81025 Marcianise (CE) Tel. + 39 0823 513123 Fax +39 0823 513124 email: ideacoral@tari.it web: www.ideacoral.com

CaMeO IS tHe PROtaGOnISt OF IDea CORal CHeValIeR RInGS Idea Coral chevalier rings with a little cameo with initials, butterflies, and flowers, the sun and the moon, rosè silver-mounted, the same metal chosen for the earrings made with smoky or pink quartzes and pearls. Very refined and luminous. A romantic and geometric design very well made.

60

preziosa­ n.­5­/­dicembre­2012­/­preziosamagazine.com


Ziio Via del Popolo, 1/a 55012 Capannori (Lu) Tel. +39 0583 584825 Fax +39 0583 1900013 www.ziio.eu

Ziio, gli it-jewels H

anno sempre una nuova luce i gioielli Ziio, come un tuffo nell’immensità, nello spazio. Una luce come fonte di vita, che guida le scelte e i desideri. Luce che trasuda intelligenza e impegno quando illumina le mille sfere che costellano, come pianeti, la linea “Cosmic”, che oltre ad orecchini e collier, in tre diverse tonalità del verde, del rosa e del classicissimo bianco e nero, propone anche bracelets in due misure. Cambia il nome e cambia il design nella collezione “Mamba”, serpenti ondeggianti

e sinuosi che enfatizzano i colori con un sapiente alternarsi che si tinge di turchese, di granato, di bianco e di nero in dosi massicce e senza alcuna sbavatura, definendo grafismi unici. I versatili pendenti Mamba sono proposti in 3 dimensioni: il discreto Baby; lo Small dall’equilibrio perfetto e l’esuberante Large, destinato alle più eccentriche. È stato invece realizzato espressamente per il Salone Couture di Las Vegas l’omonimo bracciale Couture che, in continua evoluzione, si accompagna anche al-

l’orecchino ed al pendente, oltre che al bracciale in una versione più sottile. Per le più esigenti la linea può trasformarsi in Haute Couture, vestendosi di pietre preziose, diamanti e rubini dalle tinte calde. Ogni nuova collezione è dominata da colori differenti e contribuisce a consolidare la fama dell’azienda che progetta pattern crossover tra un delicato etnico ed un raffinato oriente, giocando tra intarsi e geometrie che disegnano il lusso di oggi. (MRP)

It-jewels by Ziio Zio jewels’ light illuminate Cosmic collection, made of earrings and colliers, available in three tones of green, pink and black and white, but also two different sizes for bracelets. Mamba collection is characterized by sinuous snakes moving among turquoise, garnet and black and white. Mamba pendants can be Baby, Small and Large. The homonymous Couture bracelet was created for the Couture Fair in Las Vegas and is in parure with the pendant and the thinner bracelet. Such a collection can be enriched with precious stones, diamonds and rubies.

62


pm

raiNbOw brand

Badel, new proposals between cabochon and multi-faceted stones the cousins Claudio and Giuseppe iacobelli have invented a young jewel for young people, made of gold, silver, knotted strings, smooth cabochon or multi-faceted gems. “rainbow”, a colored and casual luxury. badel is a brand able to reinvent itself without overlooking any details such as the display racks, black and elegant.

badeL

i COLOri deLL’arCObaLeNO per La NUOva LiNea

a

vvicinarsi al mondo dei giovani che per età, loro conoscono bene, è per i cugini Claudio e Giuseppe Iacobelli, una nuova importante sfida. da attenti osservatori si propongono come esecutori, sempre originali, di una scelta legata all’esuberanza ed alle esigenze attuali di un mercato attento alle mode ma anche in scia con una riduzione dei consumi. Con la consapevolezza di non voler privare nessuno dei propri desideri nasce quindi la collezione Rainbow di Badel, carica di impronte contemporanee e di una leggerezza casuals che intreccia l’essenzialità del design all’eleganza della forma. Si dispone così di una nuova, bella e fresca collezione accessibile a quel pubblico di giovani a cui è rivolta.tanti bracciali colorati (in dodici gradazioni) realizzati con cordini annodati su cui ben si innestano pietre semipreziose (lisce o sfaccettate), le cui trasparenze si incastonano ton sur ton in cornici d’oro 18kt che fanno pendat con i terminali anch’essi in oro. Quella di Badel è una scommessa vincente, il buon gusto sposato all’accessibilità ed alla moda alla quale nessuno sa rinunciare, i giovani meno che mai. Un bracciale che farà tendenza e consentirà a tutti di essere sempre al passo con i tempi. Gioielli contemporanei del loro tempo, che alle forme sposano i gusti e le necessità anche economiche, che però non incidono affatto sulla cura e sulla definizione del singolo dettaglio che li rende efficacemente ineccepibili. Anche il packaging partecipa al buon esito del progetto. Un astuccio meticolosamente rifinito e pratico da esporre con l’intera gamma dei bracciali che si mostrano chiaramente in tutte le loro combinazioni. per una scelta sicura ed immediata. Badel, c’è da scommettere, sarà tra i nuovi must dell’anno. (Le)

Badel tel. +39 081 8491349 Fax +39 081 8491637 www.badeljewels.com info@badeljewels.com

64

preziosa­ n.­5­/­dicembre­2012­/­preziosamagazine.com

La collezione bracciale in coRainbow di Badel, è disp 18kt (prezzo rdino annodato a manonibile nel pratico astucc o n pietre al pubblico 12 io da vetrina. se 0,00 €), è coco rredato dal prmipreziose e rifinito inOogni oprio packag ro ing di vendita .


Cocktails breaking­news

Ottocentodue srl www.ottocentodue.it bracciale in corallo e onice

ph. luciano d’inverno


SemuĂ

bjouveloci@gmail.com ph. 347 3108349 orecchini in metallo anallergico e nappine


Rudy www.rudysrl.com orologio in acciaio, argento 925


Buja

www.buja.co.uk anelli in oro con diamanti collezione bubbles


Occhiverdi www.occhiverdibijoux.it orecchini e ciondolo in spago, pietre dure e turchese


Aucella

www.aucella.com orecchini in argento dorato con smalti e corallo rosso naturale


Nicoletta Cei www.nicolettacei.com orecchini pompeiana, piramide in argento, elementi sfaccettati in onice e cubi in agata verde


Annette Jolie www.annettejolie.it orecchini uncinetto fatto a mano con monachella e logo argento 925, swarovski e filati coats cucirini disponibili in 18 colori


pm

brand

Le

creazioni vanto sono estremamente versatili. dalle linee preziose a quelle più di tendenza i passi sono lunghi ma non si discostano da quello stile che ha conquistato le vetrine dei negozi più prestigiosi, in italia ed all’estero. Le sue combinazioni si fanno notare mettendo quasi in parallelo materiali poveri e nobili per un bel gioco di contrasti che fa sfumare i prevedibili confini. Ogni gioiello Vanto è un perfetto complemento dell’eleganza anche quando sterza verso un ritmo cromatico più sostenuto o, addirittura, inimmaginabile. Nella sua impeccabile lavorazione i temi guida rilan-

ciando il glamour degli anni passati, personalizzati dal taglio, dalle nuance delle pietre e dalle tonalità e della elaborazione dell’argento laminato in oro rosa o brunito che a volte presenta una maglia morbida simile alla pelle di un rettile, presente in alcuni suoi bracciali. Le collane vogliono lunghezze importanti lasciando che i colori movimentino le linee. e gli anelli raccontano una propria storia specchio del latest style. ad ogni sua creazione regala un dettaglio che la rende unica, che fa moda, anzi che alla moda cammina fianco a fianco esaltando i cambiamenti che il fashion detta ed esige. (mrp)

gioielli latest style

VANTO Vanto, latest style jewels vanto jewels are versatile. precious and trendy collections are sold in the most prestigious shops in italy and abroad, with past times glamour. Such jewels reflects the latest tendencies thanks to excellent details and making that make them even more precious.

VInCI s.r.l. via buratelli,35/b 61032 Fano tel. +39 0721 851148/883175 Fax +39 0721 851679 www.vantogioielli.it

74

preziosa­


pm

brand

nardelli Gioielli per amore Centro Orafo “Il Tarì”, mod. 154 Tel.: +39 0823.838917 Fax: +39 0823.513623 info@nardelligioielli.it www.nardelligioielli.it

NardeLLi

tra SaCrO e prOFaNO È iL GiOieLLO più GLamOUr Ci nardelli, the most glamour jewel between sacred and profane It’s a simple but special “must”, the rosary-ring by Nardelli. Between sacred and profane, made of white, yellow or pink gold with a cross made of diamonds, rubies or emeralds. Seven different versions elegant and handmade by skilled craftsmen. A perfect gift for Christmas, a jewel able to express our refinement and our glamour side.

sono cose la cui bellezza travalica ogni intrinseca simbologia, come il nuovo gioiello creato da nardelli, semplice ma speciale, unico e veramente pregiato. È la rivisitazione del classico anello-rosario che gioca con la complicità del sacro e profano, tra fede e fashion, diventando un vero must. In oro bianco, giallo o rosa si trasforma in meraviglia

con la presenza di una piccola croce di diamanti purissimi con ai lati pietre preziose incastonate da maestri orafi con l’antica tecnica serti clos, una licenza artistica per rappresentare i grani di preghiera riprendendo, con grande modernità, quello stile rinascimentale. In realtà sono ben sette le versioni di questo raffinato Made in Italy, tutte realizzate artigianalmente, e si

presentano come qualcosa di più di un seducente ornamento con i loro rubini, zaffiri e black diamond, perché è un tocco di eleganza che sa mantenere un legame con l’Infinito. E, restando nell’ambito della sacralità, quale occasione migliore per questo anello religioso dalla complessa simbologia se non il Natale per regalarlo… regalarselo… farselo regalare. (MRP)

OTTAVIANI Ottaviani Via F.lli Ottaviani 62019 Recanati (MC) Tel. 39 071 7579701 Fax 39 071 7579752 info@ottaviani.com www.ottaviani.com

76

preziosa­ n.­5­/­dicembre­2012­

disegna l’eleganza femminile L’

estro, la maestria e la passione che da de- top con chiusura in argento, lavorazione a cenni accompagnano i gioielli in ar- mano e pietre naturali: quarzi, ametiste, magento Ottaviani oggi diventano anche dreperla, onice, agate, turchesi, coralli e perle. Ma c’è spazio anche per Bijoux, grazie alla fantasia e alla vis creativa di Laura Ot- Ottaviani draws feminine elegance dare nuovo lustro al protaviani. Il suo è il mondo del Ottaviani silver jewels become bijoux. Da- dotto classico di Ottaviani, choices to color winter, from green to l’argento: le collezioni storicolore, del particolare e del- ring white, from turquoise to orange. Hand made l’eleganza femminile: anelli with natural stones. Historic collections, on che si arricchiscono di moautoregolabili, collane, brac- the contrary, are characterized by floral and tivi floreali e romantici, patterns. The new packaging is also decori arabesque e gioielli ciali con pavé di strass (sia romantic very sophisticated, made of red bright ecocon decoro maculato sia a leather. Hearts and the teddy collection for snodabili, nel contrasto righe o monocromatico nel babies, a part from the classic lucky charms. black&white o nei toni del viola, del verde smeraldo, bianco lunare oppure con perline mat e dagli intarsi più elaborati), i sem- del blu e del rosso. Entrano nei gioielli del pre più variegati bangles e gli orecchini, cia- marchio anche il rosa pastello abbinato a zirscuno con una propria caratteristica legata al coni bianchi, l’arancio e il giallo. Merita un design o alle pietre naturali, o ancora alla lu- cenno il nuovo packaging: mini portagioie minosità degli strass e alla particolarità della in eco-pelle lucido rosso con particolari in chiusura. Scelte audaci che vanno oltre i ca- contrasto bianchi e 3 gufetti nella versione noni tradizionali dell’inverno e portano alla bronzo, oro o argento. Per i più piccoli il stagione fredda un tocco cromatico nuovo. tema dell’anno è il cuore, oltre alla linea Tanti coordinati in toni che vanno dal verde al teddy e ai classici simboli portafortuna bianco, dal turchese all’arancio: collane con come il quadrifoglio e la coccinella. L’unichiusura tradizionale, di stoffa, multifilo. Maxi verso Ottaviani non stanca mai, perché ha ciondoli di ispirazione tribale e anche bijoux sempre qualcosa di nuovo da dire. (LV)


NoveceNtoNovaNtaNove smalti e diamanti nella sua ultima collezione

QABALA

iL preziOSO vaLOre dei NUmeri d

all’esperienza di Lucebianca nasce la nuova collezione Qabala direttamente ispirata all’antica qabbàllàh, quella scienza per cui tutti gli avvenimenti della nostra vita sono associati ai numeri. Ogni evento attraverso il numero assume un significato, e novantanove sono quelli racchiusi dai fratelli Verde (Paolo, Mariana e Fabrizio) nella moderna linea in argento 925, pensata sia per la donna che per l’uomo. anelli, ciondoli e bracciali personalizzabili con il numero personale (che i più curiosi potranno facilmente scoprire direttamente sul sito www.qabala.it), sono stati concepiti per rendere protagonisti proprio loro, i numeri che possono anche essere testimonianza di una data particolare, di un incontro, una ricorrenza speciale. i numeri, dall'1 al 99, hanno la caratteristica di avere il fondello smaltato a mano e sono disponibili nella versione liscia, profilata in bronzo o impreziosita da luminosi zirconi. i ciondoli sono tutti corredati da cordino cerato e distanziatore in argento. per chi lo desidera è disponibile anche la catenina. I numeri di Qabala sono gioielli giovani e ricchi di significato e come tutte le collezioni di Lucebianca, racchiudono tutto il valore della realizzazione eseguita interamente in italia. (Le)

dal

1988, anno della sua nascita, il progetto è riuscito e lo stile del brand fiorentino Novecentonovantanove si fa apprezzare in Italia e all’estero, perché le sue creazioni sono sostenute dal buon gusto e dall’originalità. Alla Novecentonovantanove tutto passa per l’azienda per seguire ogni fase con la cura e la passione di sempre, dalla selezione delle materie alla realizzazione finale. Un percorso che accompagna anche gli espositori da vetrina, il packaging, le garanzie, le targhe, le etichette ….insomma niente è dato al caso. Ogni idea, anche quelle suggerite dal cliente, è ri-elaborata e quando necessario anche perfezionata al

novecentonovantanove, enamels and diamonds for the latest collection Since 1988, Novecentonovantanove has been producing quality and elegant jewels very appreciated in Italy and abroad. Novecentonovanatnove pays attention to any phase of its jewels, also the refined display racks, the packaging, the guarantees, the plates, the tags…as to say everything! It’s also possible to personalize its creations. The evergreen tubogas is one of their favorite techniques but the latest collection, made of white and pink gold, is decorated with enamels and bright diamonds. Sober bracelets, rings and earrings.

Qabala, the precious value of numbers thanks to Lucebianca experience, the new collection qabala was born. each event becomes important through the number, and the new 925 silver collection created by the three brothers paolo, marianna and Fabrizio verde is made up of 99 of them, both for women and men. rings, pendants and bracelets that you can personalize choosing numbers from 1 to 99.the bottom is hand enameled and they can be smooth, with bronze or with bright zircons. pendants goes together with a waxed string and a silver spacer. also chains are available.

Qabala by Lucebianca via appia Nuova 00183 roma ph. +39 06 7001416 fax +39 06 77261072 email: info@qabala.it web: www.qabala.it

78

preziosa­

computer per ottenere un'immagine ancora più simile al gioiello finito, perché quella di personalizzare le creazioni è una marcia in più, un modo per essere sempre più vicino alle esigenze delle donne. L’intramontabile tubogas, un classico sempre più contemporaneo, è una delle tecniche che predilige ma nella sua ultima collezione ha dato spazio agli smalti, bianco o nero, per raffinati gioielli realizzati in oro bianco e rosa decorati da piccoli diamanti che esaltano la luminosità. Sono bracciali, anelli e orecchini la cui preziosità è affidata anche al sobrio design di gran femminilità. (IM)

novecentonovantanove Via Leoncavallo 15/3 50127 Firenze tel/fax +39 055 331077 info@novecentonovantanove.com www.novecentonovantanove.com


pm

brand

L

ord brummel, il primo autentico dandy, sosteneva che "il meno è più". questo elogio alla sobrietà ippocampo Jewels lo ha fatto suo proponendo in una nuova veste la sua linea Luxury, perché a rendere speciale un gioiello sono i dettagli e non la quantità. a Natale, per osare quell’originalità che sa parlare di raffinatezza, basterà scegliere un gioiello Luxury gold. per la festa più bella dell’anno e per tutti i brindisi che l’accompagneranno la bellezza delle perle barocche australiane di Luxury Ippocampo Jewels gold sarà un must e distribuito da GB Partners srl ondeggerà tra le via Caselette, S.S. 24 sfumature del grigio, Km.16,200 del nero, del 10091 Alpignano (TO) ph.: +39 011 9787181 marrone, del rosa e fax: +39 011 9787673 del bianco. Gemme www.ippocampogioielli.it preziose in marketing@gbpartners.eu contrasto alla praticità dei cordini cerati che le completano sempre nelle tinte sabbia. Le

Luxury Gold collection by Ippocampo jewels: jewels to astonish! the sober Luxury Gold collection by ippocampo Jewels proposes for Christmas australian baroque pearls available in grey, black, brown, pink and white held by waxed strings sandy colored. if you want to be trendy buy a Luxury Gold collection jewel and get a coordinated nail varnish to exalt the colors of such original jewels.

collane si caratterizzano anche per un regale cerchietto in argento dorato con tanto di coroncina, mentre gli orecchini si propongono nel ricercato modello monachella, un classico, in argento e disponibili in due dimensioni. una collezione deliziosa che si arricchisce di un’altra idea brillante: acquistando un gioiello della linea Luxury gold, infatti, si riceverà in omaggio uno smalto coordinato (nei sei colori che caratterizzano la linea: bianco neve, grigio ghiaccio, nero caviale, rosa salmone, sabbia del deserto, cioccolato). Un dettaglio che non passa inosservato e che saprà esaltare la bellezza dei gioielli ippocampo. per essere fashion indossa i “Colorati di ippocampo Jewels”; per essere glamour acquistali tutti e divertiti a cambiare nuance per abbinarli ad ogni nuova mise. (im)

iPPOcAMPO JeweL: Luxury GoLd per stupire basta poco

Natura e Argento nuova vita alla bellezza q

uanto è incredibile la natura e quanto sa essere nuova nel non volersi ripetere. In lei tutto si trasforma, un prato, una conchiglia, un frutto, finanche una foglia. e cosa dire dei fiori, la sua massima esternazione della bellezza. qualcuno ha pensato di rendere eterno ogni dettaglio fermandoli nella lucentezza dell’argento e del rame. È Ignazio Maesano che, nel suo laboratorio artigianale “natura e argento”, attraverso procedimenti galvanici, trasforma la singolarità in gioielli preziosi ed irripetibili che non temono il tempo. ma questa metamorfosi necessita di una

infinità di fasi di lavorazione, oltre venti per l’esattezza, affinché il metallo aderisca con estrema delicatezza e resistenza per regalare una nuova vita alla fragilità senza alterarne le fattezze. a questo punto entra in ballo ancora un’altra creatività, quella con cui, assecondando le forme dell’oggetto, si dà forma al gioiello e a volte lo si impreziosisce anche con cristalli, pietre dure, pietre laviche, madrepore o quanto possa contribuire all’armonia del design. “Natura e argento”, quando si dice un pezzo unico. (Lv)

NatUra e arGeNtO, New LiFe tO beaUty Somebody has made the beauty of nature eternal using silver and copper. it’s ignazio maesano, who in his laboratory “Natura e argento” turns jewels into precious flowers, shells and fruits covering them with silver and copper and making them precious with crystals, hard stones, lava stones and madrepora to make design harmonious. “Natura e argento”, when we say it’s a unique!

80

preziosa­ n.­5­/­dicembre­2012­/­preziosamagazine.com / brand­

natura e Argento di Ignazio Maesano via variante di Cancelliera, 6 00040 ariccia (rm) telefax + 39 06 9343091 www.naturaeargento.it info@naturaeargento.it


pm

brand

Cipria una bella novità firmata MEDITERRAnEO UN

seme scintillante proposto come charm su orecchini, bracciali, collane e anello. La cromia dell’argento combinata all’applicazione di smalti glitter è il fil rouge della collezione Cipria di Mediterraneo. L’eccellenza orafa dell’azienda campana, che ha fatto della professionalità la sua arma vincente, si sposa con le novità delle linee proposte per questa stagione 2012/2013, dando origine a collezioni di forte impatto visivo, originali e facilmente indossabili. Come in tutte le altre linee, anche in Cipria si riconosce il mix di creatività, design e competenza che da sempre viene associato a Mediterraneo. Collier, bracciali e orecchini, disponibili anche in rodio satinato e rosé satinato, che nascono dalla passione, dal quotidiano lavoro di ricerca e dalle idee che si traducono in preziosi oggetti d’argento, con rifiniture di altissimo livello e una notevole cura del dettaglio. Forme morbide che riempiono lo spazio con sobrietà adatte all’inverno quanto alla primavera, indispensabili su look

giovani e al contempo eleganti per donne che non hanno paura di osare. Ogni gioiello esprime un sentimento eterno o un simbolo che caratterizza le diverse linee della collezione. proposte alla moda, perfette per ogni momento della giornata e destinate a diventare un must per tutte le donne che amano distinguersi con raffinatezza. La collezione Cipria si aggiunge alle proposte di mediterraneo: Icone, caratterizzata da simboli e immagini cristiane su monili di alta qualità. romantica, dal design che illumina e mette in risalto la magia e l’incantevole bellezza delle forme come il sole, l’albero e il cuore. Bubble, in mille cerchi che personalizzano la linea e infine Pioggia, dalle lunghe gocce rese speciali dall’incontro fra colori caldi e delicati. (Lv)

mediterrano Gioielli Centro Orafo “il tarì” mod. 246 81025 marcianise (Ce) tel. +39 0823 513379 Fax +39 0823 513357 info@mediterraneogioielli.it www.mediterraneogioielli.it

mediterraNeO Silver and glitter enamels for the latest Cipria collection by mediterraneo Gioielli.you will find creativity, design and competence. Colliers, bracelets, earring also available in satinized rhodium and satinized rosé coming from passion, research and ideas turned into precious silver jewels, very well refined and detailed.trendy jewels, easy to wear, perfect at anytime. Cipria collection joins the other mediterraneo collections such as icone, romantica, bubble and pioggia.

UNa primavera Che dUra tUttO L’aNNO

michelangelo gioielli L’

argento si rinnova e si accosta ai fiori veri cristallizzati. dai colori brillanti e dalle forme naturali ricche di movimento e di freschezza, per una primavera che dura tutto l’anno. La bellezza della natura diventa gioiello da indossare con disinvoltura. La passione per l’arte e la capacità di inventare ogni volta monili nuovi e affascinanti, rappresentano per l’azienda michelangelo di Caprese (città natale del

Michelangelo Gioielli via talozzi 181/a Caprese michelangelo (ar) tel. +39 0575 791 238 email: info@michelangelogioielli.com web: www.michelangelogioielli.com

Michelangelo Gioielli: one-year-long spring Silver renews and goes together with crystallized true flowers, for a one year long spring. the beauty of nature becomes jewels easy to wear.the passion for art and the capacity to invent more and more original jewels is michelangelo characteristic. the company by Caprese invents new collections for national and international jeweler’s shops. the company attends the most important fairs such as macef in milan, Oro arezzo,tarì, Oro italia project.

82

preziosa­

grande genio rinascimentale), una peculiarità da proporre ogni volta nelle collezioni che vengono proposte nel panorama della gioielleria nazionale e internazionale. Le parure sono disegnate da Marcello Fontana che induce sul dettaglio al fine di creare gioielli sempre nuovi e creativi. L’azienda è presente alle principali fiere di settore, macef, milano, Oro arezzo,tarì, Oro italia project. (Le)


Elite Bijoux 47924 Rimini, Via Coriano, 58 - blocco 34/b ph. +39 0541 388966 fax +39 0541 382542 | email: info@elitebijoux.it

adv goldadv.it | ph. luciano d’inverno

il gioiello che piace


MaRlù

i preziosi Sacral Dark

Fedi­Diana Sempre NUOvi mOdeLLi per L’amOre eterNO S

pecialista delle fedi da quasi trent’anni: non ha bisogno di troppe parole la capacità di Diana Preziosi di mantenere salda l’eccellenza dell’esperienza e al contempo inseguire le tendenze del momento. Si arricchisce di nuovi modelli la gamma di anelli matrimoniali dell’azienda fondata nel 1984 da Domenico Giannotti e parte del Gruppo Giannotti, da tre generazioni nel settore dell’oreficeria e della gioielleria: al di là delle diverse grammature disponibili, Diana Preziosi è in grado di interpretare il gusto dei promessi sposi assecondandone la personalità e il carattere. Oro bianco, giallo, rosso, anche combinati tra loro con piacevoli effetti cromatici, e tante diamantature diverse: un’organizzazione precisa

84

preziosa­

e finalizzata fa dell’azienda un esempio di professionalità, innovazione e competenza, le medesime qualità che hanno reso grande il Gruppo al quale appartiene. La coesistenza di artigianalità e tecnologia è tangibile nelle collezioni di fedi Diana: gesti d’amore da portare al dito come simbolo di occasioni importanti, anniversari, cerimonie, ricorrenze. Se la gamma di preziosi anelli viene costantemente aggiornata, la stessa attenzione è prestata al packaging: esclusivi porta fede in colorazioni differenti, pratiche, eleganti e resistenti. (mdF)

Fedi Diana, more and more original models for eternal love

Diana PreziosiDomenico Giannotti and part of Giannotti group has been making wedding rings for over 30 years and it’s producing new models. Several white, yellow and red gold weights also combined, and many diamond versions. Fedi Diana collections are hand-crafted and technologic provided with an exclusive packaging: colored, handy, elegant and resistant wedding ring cases.

DIAnA via pievan Landi, 8/a 52100 arezzo tel. +39 0575 902320 Fax +39 0575 902398 diana@dianapreziosi.com www.dianapreziosi.com

T

ornano i temi profondi tanto cari a Marlù, temi importanti come la fede e la sacralità. l’azienda di San Marino che si occupa da oltre un decennio della vendita articoli da bigiotteria propone nuove sfumature delle naturali attitudini umane. Prendono la forma dei preziosi “Sacral dark”, in croci e immagini sacre, insieme o da sole, che adornano mani e polsi, incorniciano visi e decolleté. Grani come rosari accolgono simboli di fede che possono rappresentare le convinzioni più profonde dell’animo umano ma anche una semplice aspirazione all’eternità. Aspirazione che unisce il genere femminile e quello maschile e così sono anche i gioielli della linea “Sacral dark”: adatti a tutti. nata nel 2001, l’azienda, grazie al suo stile unico e alla sua capacità di distinguersi, raggiunge una platea internazionale, molto attenta all’utilizzo congiunto di materiali preziosi e non preziosi, caratteristica distintiva di Marlù. Acciaio e oro, diamanti e caucciù, pietre e carbonio: le collezioni della società con sede a San Marino spaziano dai preziosi per lei a quelli per uomo, fino ad allegre linee per bimbi. Con un filo che unisce ogni singola produzione del marchio: l’eccellenza. (MdF)

Marlù precious Sacral Dark Marlù, the company from San Marino born in 2001, makes crosses and holy images become sacral dark. Rosaries rich in holy symbols, both for women and men, as Sacral dark is for anybody. Steel and gold, diamonds and rubber, stones and carbon for Marlù precious collections for her, for him and easy ones for babies.

Marlù Gioielli Via M. Bucci, 55 47895 domagnano (Repubblica di San Marino) Tel. +378 0549/907220 Fax +378 0549/980928 info@marlu.it www.marlu.it


MAyBé

GiOieLLi iN brONzO dOratO

Le

creazioni Maybé racchiudono l’essenza della moda e la freschezza della contemporaneità. realizzati in bronzo e argento i gioielli del brand sono realizzati secondo le tradizionali tecniche orafe, affidate a maestranze competenti che fino al termine della lavorazione ne garantiscono la qualità e la genuinità.

il bronzo dorato diventa così materia prima da modellare per la produzione della nuova collezione della linea maybé, tutta da indossare. Sono forme semplici che si concatenano in leggere composizioni da esibire con naturale eleganza. per brillare in ogni occasione. maybé crea gioielli accessibili a tutti, in una fascia di prezzo agevolata che

maybé by reamirra Centro Orafo “il tarì” Showroom mod. 115 81025 marcianise (Ce) tel./fax +39 0823 513874 email: info@reamirra.it web: www.reamirra.it

gli consente di raggiungere una vasta clientela che non rinuncia mai alla bellezza e alla modernità delle forme, restando sempre a passo con i tempi. Le linee Maybé sono adeguatamente collocate sul mercato italiano e all’estero, attraverso una partecipazione consolidata alle fiere di settore, come quelle di madrid, di vicenza e tarì. (Le)

maybe gold bronze jewels Gold bronze for maybe new collection by reamirra, beautiful to wear. Simple shapes put together in order to have light compositions easy to wear in order to shine at any occasion! maybe creations are trendy and modern, their freshness make them be an important brand by reamirra, which creates jewels for anybody, and their affordable prices make them be bought by several people who can’t renounce to beauty and modernity.

Vintage Bijoux la modernità di uno stile al passo con i tempi

Un

brand moderno sempre attento all’evoluzione della moda, insieme alla quale segue il fashion ed il design. Quelle di Vintage Bijoux sono creazioni nuove e mai ripetitive. Monili che nascono con lo spirito di presentare elegantemente tutto lo charme e lo stile raffinato delle donne che vogliono affermarsi con oggetti ricercati realizzati con la passione ed il glamour dei nostri giorni. Insomma, un bijou che si rinnova incessantemente in una modernità frenetica e sempre più innovativa.

nuove forme che racchiudono tutta l’infinita gamma del fashion

VIntaGe BIJOUx PReZIOSI Via Monti lessini 10/12
 37030 lavagno (VR) tel / Fax +39 0458 980700 w 
 eb: www.vintagebijoux.com

le creazioni del brand veronese, creato da Cosmo Petrone e Beatrice luperini possiedono un’aura speciale, fatta di personalità e raffinatezza che costituisce il quid che li contraddistingue. la loro è una nuova generazione di gioielli, che pur accostandosi alla moda, mantiene una autonoma creatività. Ogni bijou è lavorato attentamente a partire dal disegno originale e dalla lavorazione sempre accurata in ogni mimino particolare. l’uso delle pietre semipreziose e delle perle di fiume poi, mostrano l’alto livello di queste gioie, che rappresentano il segno di una modernità riacquistata, attraverso forme in grado di racchiudere tutta l’infinita gamma del fashion che, attraverso dettagli e tonalità, accendono la raffinatezza e l’eleganza di qualunque donna li indossi. (le)

VIntaGe BIJOUx. a tIMeleSS Style each jewel represents charm and refinement typical for an époque which has become a sophisticated object for modern women. More and more innovative bijoux. the brand from Verona, created by Cosmo Petrone and Beatrice luperini, makes special jewels, elegant and refined.


kultojewels

kultojewels.com

+39 0823 166 53 24 il tarĂŹ. mod. 180 | 81025 Marcianise (CE) Italy


pm

brand

erika

di martino belmanto

iL CLaSSiCO NON deLUde mai

L’

acutezza delle scelte, che puntano sempre alla qualità, valorizzano al massimo la bellezza nelle creazioni Erika, l’affermata realtà aziendale. i suoi anelli vantano aristocratici pavé colorati con in cima una nota finale dalla forte

presa emotiva che in questi splendidi duetti creano la variante. non ha inventato la luce ma la sa esaltare trattandola con la professionalità di sempre, tra tradizione artigiana e tecniche innovative, perché sa che per un gioiello l’importante è brillare.

erika ha nel dna il concetto di quotidianità, una qualità che conferma quanto un gioiello prezioso sia il compagno ideale per regalarsi un’aria seducente. È una trasgressione necessaria per essere donna fino in fondo, per vivere tutti i giorni un bel sogno.

Erika è una preziosità moderna, fresca, essenziale ed importante che all’oro predilige accostare il profondo blu, il sensuale rosso, il verde mare …, ma anche quando sceglie di giocare tra bianco e nero o tono su tono, il risultato gli dà ragione del suo design.

Erika. Classic never disappoints. erika rings are made up of original colored pavé.tradition and innovation to exalt the light. erika is modern, fresh, essential and important. Gold and deep blue, sensual red or sea green…but even black and white or ton-sur-ton are exceptional design solutions.

Erika via mario talice 13/15 15040 mirabetto monferrato (aL) tel. +39 0142.63380 fax +39 0142.640921 info@erikagioielli.it www.erikagioielli.com

88

preziosa­ n.­5­/­dicembre­2012­


pm

breaking news

ghiaccio nero

photo luciano d’inverno


dea preziosi collana in perle di acqua dolce con rifiniture in argento 925 e bagnatura in oro 18 kt, ciondolo tessuto in seta con componenti in argento, swarovsky e pietre www.deagioielli.com rebollo collana in acciaio e swarovski elements www.rebollo.it


pm

breaking news

francy’s corner collana in argento con onice nera www.francys-corner.it s. papini gioielli orecchini in argento brunito 925 con pietre dure e pelle di serpente di acqua dolce www.spapini.it

92

preziosa­


roberto giannotti orologio angelo mini bianco, cinturino nero a doppio giro in silicone www.robertogiannotti.com buccino gioielli anello in pasta ed argento www.buccinogioielli.it artlinea anello in argento www.artlineaspa.it

preziosa足

93


diluca classics collana in cammei montati in argento www.cameoitaliano.it

antonio riccio bracciale bijoux collezione “ball & butterfly� www.antonioriccio.com kulto jewels collezione sweetheart, bracciale in policarbonato ed acciaio con smalti a fuoco www.kultojewels.com


mediterraneo gioielli orecchini in argento bianco con glitter nero www.mediterraneogioielli.it elite bijoux bracciale in argento rosĂŠ con pietre in quarzo fumĂŠ e diaspro www.elitebijoux.it annette jolie orecchini uncinetto lavorato a mano con monachella e logo argento 925, paillettes e filati coats cucirini www.annettejolie.it

preziosa­

95


Rebollo Via Gravina, 14 80055 Portici (NA) ph. +39 081 7766585 | +39 0823 717985 fax +39 081 7760328 email: info@rebollo.it web: www.rebollo.it / www.lostinglass.com

ReBOllO

il MAdE IN ITALy tra tradizione e competenza LE

creazioni di Rebollo mantengono alto il valore dell’artigianalità e della tradizione tutta italiana. Armando, Alessandro e Salvatore rappresentano oggi il vertice di un’esperienza consolidata dal nonno e proseguita con loro, terza generazione della famiglia che ha fatto della qualità una strada da perseguire, per offrire alla propria clientela un prodotto che dall’inizio alla fine rappresenti il risultato di una filiera coni fratelli Rebollo trollata e garantita. Tutto è seguito dai fratelli Rebollo, sotto la superviRebollo, made in Italy between tradition and competence. sione del papà Rebollo creations are handmade and traditional. Armando, Alessandro and Salvatore have been carrying on their grandfather’s experience. Their two brands are Rebollo Jewels and Tommaso che segna il Lost in Glass. The first one is characterized by Swarovski elements which enrich each sil- trait d’union con la tradiver and steel jewel furnished with the original International Swarovski certification. The se- zione familiare; dal disecond one, Lost in Glass, was born thanks to the collaboration with Antonio Vaccari, historical gno alla sua company from Venice producing pearls made of Murano glass. Each Rebollo jewel is a realizzazione, per ottenere una tracciabilità in creation made of will and skill, knowledge and quality. grado di definire e sostenere un prodotto fi-

96

preziosa­ n.­5­/­dicembre­2012­/­preziosamagazine.com / rebollo­

nale di elevata qualità. due sono i marchi di proprietà del brand, Rebollo Jewels e Lost in Glass.

dizione si fonde con il bijou, unendo da Nord a Sud l’eccellenza del Made in Italy che contraddistingue ogni gioiello Rebollo.

L’attenzione, la competenza e la passione rappresentano per Rebollo una filosofia di vita. Un percorso costruttivo sempre in evoluzione, che consente lo sviluppo delle relazioni con i propri clienti a cui è dedicata la massima cura ed assistenza anche nel post-vendita, grazie anche ad un valido staff Il secondo marchio, Lost di collaboratori che partecipa fedelmente e attiin Glass, nasce dalla vamente alla vita collaborazione di Rebollo con un’altra impor- aziendale. tante realtà artigianale Ogni gioiello Rebollo è italiana, la Antonio Vaccari, storica azienda ve- una creazione fatta di neziana produttrice di volontà e maestria, coperle in vetro di Murano. noscenza e voglia di E così che la grande tra- qualità. (LE) Le creazioni Rebollo Jewels, sia in argento che in acciaio, si arricchiscono di SWAROVSKI ELEMENTS, e sono tutte corredate dalla caratteristica etichetta “MAdE WITH SWAROVSKI ELEMENTS”, certificato di autenticità che accompagna i prodotti realizzati con cristalli.


pm

brand

vanityher Jewels Nel

2013 Bruma festeggerà i suoi primi quarant’anni di carriera e di passione continuando a posizionarsi ad un livello privilegiato del settore, anche all’estero. Oggi nelle mani di miriam, paolo ed elisa, figli dei fondatori bruno vecchi e maria biagioli, coglie le novità del momento con vaNity her JeweLS, la linea di alta bijoutteria che

alla bellezza di sempre addiziona i colori di una primavera in fiore con “FLOwERS”, ispirata ai colori della natura tra cristalli sfavillanti, pietre dure e perle di fiume che diventano raffinati elementi di giardini imbevuti delle tonalità più tenui, descritti con dovizia di particolari e tenuti insieme da metallo rodiato e da singolari intrecci di cordoncini satinati.

i GiOieLLi eSUberaNti mOrbidi e COLOrati Che veStONO La dONNa

Una lavorazione autenticamente manuale garantita anche nella linea “CrOChet” da un dettaglio che diventa caratterizzante dei suoi gioielli: l’antica arte dell’uncinetto. Bruma gioca col genere romantico rimescolando idee di ieri e di domani, dove la tradizione si fonde con soluzioni intriganti e moderne. (im) Bruma Contrada vaglie 23/b 62010 pollenza (mC) tel +39 0733 549333 - 549077 Fax +39 0733 549054 bruma@bruma.it www.vanityher.it

VAnITy hER JEwELS DRESS wOMEn in 2013 bruma will celebrate its 40-year career.vanity her high bijouterie draws its inspiration from the nature and the collection “Flowers” and “Crochet” are handmade and for the second one crochet art and crystals, river pearls and stones. romantic jewels both traditional and modern.

marirò GiOieLLi beLLi COme riCami Si

chiama “MariRò” la nuova linea in argento dell’azienda aretina Zeronove Gioielli: intarsi come ricami, lavorati interamente a mano per una collezione che dà nuovo smalto al concetto di made in italy. La nuova collezione non nasce per caso: il giovane imprenditore che guida da anni la società, Sauro Gudini, ha messo insieme passione, esperienza e lungimiranza per creare questa linea di oggetti ricercati ed eleganti. Con l’aiuto dei suoi collaboratori, tanta fantasia e un pizzico di audacia prende vita marirò: gioielli raffinati, lavorati a mano, resi unici dal traforo in cui le

Zeronove pietre svolgono un ruolo compleLoc. quarata 258/b2 mentare e primario al tempo 52100 arezzo tel. +39 0575 364377 stesso. i colori formano tracce di info@zeronovegioielli.it pienezza che fanno da contraltare www.zeronovegioielli.it alla finezza delle linee intagliate ricche di vuoti, dando ai gioielli marirò forme suggestive ed eterne. Orecchini, collane, bracciali, schiave: disponibili in argento rodiato, dorato e rosé, l’ultima linea di preziosi Zeronove Gioielli sta per diventare la nuova tendenza in grado di regalare un look sofisticato a ogni donna, per ogni occasione. (mdF)

Marirò, jewels as beautiful as pieces of embroidery marirò is the new silver collection by zeronove Gioielli. handmade jewels worked as it were embroidery. Sauro Gudini invented such collection with passion and fantasy making suggestive shapes. earrings, necklaces, bracelets, bangles, available in rhodium, golden and rosè silver, to be sophisticated for any occasion.

98

preziosa­ n.­5­/­dicembre­2012­/­preziosamagazine.com / brand­


Vicenzaoro Winter - Italy

Iberjoya - Espana

prodotto e distribuito da reamirra srl c/o centro orafo “il tarì” 81025 marcianise (ce) italy +39 0823 513874 info@reamirra.it

www.reamirra.it


pm

brand

q

My Jewels My Jewels distribuito da Gioielli elvido Campaniello Srl via Circumvallazione,101 80059 torre del Greco (Na) info@myjewels.it www.myjewels.it

uando si hanno le idee chiare la strada è tutta in discesa e my Jewels ne è un esempio, un brand che ha puntato tutto sui sentimenti, sugli affetti, sui ricordi ma con tanta grazia e tanta ironia, e da giovane marchio è diventato in poco una presenza importante nel settore. il suo headline è “my Jewels is... For my family, my love, my Friends... my Life” ma senza escludere l’amore degli inseparabili pets.

Nell’aria c’è un forte desiderio di emozioni, e il team di my Jewels ha il merito di aver intuito questo bisogno e di soddisfarlo creando gioielli sartoriali preziosi per i materiali e per il carico di emozioni del vissuto quotidiano che sanno rappresentare. tutto made in italy, dal concept alla realizzazione, per questi piccoli personaggi, simboli delle situazioni e dei sentimenti che vogliamo ci

per teNere Sempre CON NOi GLi aFFetti più Cari

accompagnino quotidianamente, che si caricano di allegria grazie ad un design divertente ed ai cordini colorati che li tengono insieme, da scegliere tra tante tonalità. ma sanno presentarsi ancora più preziosi quando l’argento è in primo piano, dalla catena, all’anello, ai tanti soggetti un po’ sbarazzini che sanno parlare di noi, delle nostre storie, del nostro io più sincero. (im)

di maria rosaria petito

My jewels for the people that we love my jewels has aimed at sentiments, with irony. its headline is “ my Jewel is… For my Family, my Love, my Friends, my Life” without excluding pets. my Jewels has satisfied our need of sentiments making precious jewels keeping precious emotions. Such little characters, all made in italy, can be hooked through colored strings or silver.

tradizione ed esperienza nei GioieLLi

coraL orafa mediterranea La

sua storia e la sua essenza sono in gran parte nel nome: coral orafa mediterranea, azienda nata da una costola di coral orafa sdf, operativa sin dal 1960, rappresenta oggi uno dei simboli più riusciti della produzione e la commercializzazione di coralli e cammei. una tradizione antica, protetta e al tempo stesso resa

contemporanea, che ha reso la società uno dei marchi più conosciuti in tutto il mondo come testimone diretto di Made in italy, tra storia e modernità. un’azienda a conduzione familiare dove i membri della prima e della seconda generazione hanno ruoli e caratteristiche diverse, ma in cui la sinergia di anime multiformi costitui-

sce il potenziale vincente. che si unisce ad una selezione scrupolosa di materie prime naturali, come i coralli del mediterraneo e quelli dei mari orientali; come le perle che arrivano dall’asia e dall’australia; l’ambra del baltico insieme ai lapislazzuli, all’agata, all’onice. La maestria di realizzare gioielli con questi materiali unici, ma anche con

i cammei di conchiglia che richiamano l’antica tradizione del bulino torrese, ha portato coral orafa mediterranea a ritagliarsi un posto di tutto rispetto anche nel panorama fieristico internazionale: tra le mostre specializzate alle quali partecipa c’è anche hong Kong, oggi crocevia del mercato, dove l’azienda propone i suoi prodotti di alta gioielleria.

Tradition and experience for coral Orafa Mediterranea jewels coral orafa mediterranea was born in 1983 and produces and commercialize corals and cameos. an ancient tradition made modern thanks to raffaele formisano’s taste and experience and the best natural raw materials such as mediterranean corals or the one from the oriental seas, asian and australian pearls, baltic amber, lapis lazuli, gate and onyx.

100

coral Orafa Mediterranea srl centro orafo “il tarì” - mod. 189 81025 marcianise (ce) tel. +39 0823 513161 fax +39 0823 513162 info@coralorafamediterranea.it www.coralorafamediterranea.com

preziosa­

con un bagaglio che ospita tradizione orafa, riflesso del gusto e dell’esperienza del titolare Raffaele Formisano, coral Orafa Mediterranea racchiude in sé il passato, il presente e il futuro dell’eccellenza manifatturiera italiana. (mdf)


pm

brand

tererò moda, allegria e colore i

gioielli di Tererò portano aria nuova anche d’autunno. Con la loro linea essenziale di design danno vita a nuove forme. Ci sono ranocchi, gufetti e farfalle in argento e smalti colorati che ne rafforzano la leggerezza. Gioielli easy da indossare con disinvoltura in ogni occasione. realizzati rigorosamente in italia, presso uno stabilimento vicentino, queste creazioni rispettano i valori del made in italy per offrire

alla clientela sempre un prodotto di qualità e innovazione. Nato da un’esperienza pluriennale di idea Coral (azienda storica torrese specializzata nella lavorazione del corallo e di gioielli di alto pregio), Tererò è un brand giovane che offre prodotti in argento a prezzi competitivi a chi vuole sempre essere alla moda concedendosi quel piccolo tocco di allegria e divertimento che non si può non apprezzare nelle collezioni del brand. (Le)

Tererò Centro Orafo “il tarì” - mod. 221 81025 marcianise (Ce) ph. +39 0823 826973 fax +39 0823 517221 terero@tari.it

Fashion, cheer and color for Tererò creations tererò jewels are cheerful also in autumn. New design, new shapes.you can find frogs, owls and butterflies made of silver and colored enamels in order to make them even lighter. Jewels easy to wear for every occasion.they are all made in italy, in vicenza, to offer their customers quality and innovation.

Makula

La riCerCa iNNata e raFFiNata dei biJOUx

L’

alta bijoutteria di makula contiene in se il valore della creatività e del colore. Soggetti ispirati alla tradizione, all’arte e al design di ogni epoca arricchiscono le collezioni del brand. Non è difficile scorgere nelle ramificate volute dei metalli, le spirali di klimtiana memoria o l’eleganza di gioielli del primo Novecento. Ogni bijou è il risultato di una ricerca nel passato alla quale si associa tutta la definizione di un moderno design volto alla produzione di ricercati monili dalle forme sempre raffinate e nuove, capaci di avvicinarsi con discrezione al gusto di una sempre più esigente clientela. La linea di ogni prodotto non è mai scontata, come gli abbinamenti degli smalti e delle pietre che rafforzano la struttura del progetto. L’eleganza poi è di casa nei bijoux di makula, che si reinventa in ogni nuova collezione senza mai tralasciare la cura per i particolari che denotano la qualità e la minuziosità di una lavorazione che garantisce l’alto valore del prodotto. (Le)

Makula via diomede Carafa, 26 80124 Napoli tel. +39 081 6102944 Fax +39 081 6171319 email: info@makula.it web: www.makula.it

Makula bijoux: inborn and refined sophistication makula high bijouterie is creative and colored. items inspired to tradition, art and design of any time enrich their collections. you can find spirals inspired to klimt and elegant jewels inspired to the early twentieth century. each jewel is very original, such as the match of colors and stones. makula creates elegant bijoux, each new collection is original and rich in details which give quality and meticulousness to the products.


www.progettioro.it centro orafo “Il Tarì” mod. 224 - Marcianise (CE) - Tel. +39 0823 513020 Fax +39 0823 513936 - info@progettioro.it

adv goldadv ph. luciano d’inverno


Pietre dal mondo paolo e azzurra Cesari

traCCiabiLità, iL vaLOre primariO di C&R

CESARI & RInALDI GEMMAI

Le

pietre naturali da tutto il mondo trovano casa alla C&r (Cesari & rinaldi Gemmai), che dal 1980 si contraddistingue a livello internazionale per la professionalità e la capacità di essere un partner prezioso per le industrie orafe e di gioielleria attraverso un team di persone altamente qualificate ed affidabili, la C&r è in grado di affrontare la risoluzione di ogni problematica, facendo della dinamicità e dell’esperienza le parole chiavi del proprio successo. in oltre 30 anni di storia ha fatto della tracciabilità delle pietre un valore imprescindibile della propria attività: a raccontare quanto sia importante questo aspetto per l’azienda è azzurra Cesari, che insieme al padre paolo, fondatore della società, gestisce la C&r con dedizione e professionalità.

Quanto conta l’etica in azienda? “L’etica, per noi, è tutto. Nel nostro settore, quello delle pietre, rappresenta un valore senza il quale non è possibile portare avanti un’impresa solida. Siamo particolarmente sensibili all’argomento perché riteniamo che sia necessario garantire la tracciabilità della filiera”. Come si svolge l’attività alla C&R? “abbiamo due taglierie in italia, una a Forlì e una a valenza, che costituiscono il nostro valore aggiunto nel fornire a piccole e grandi imprese pietre di qualità per l’alta gioielleria. Oltre alle gemme preziose, che sono il nostro core business, abbiamo

104

anche le semipreziose. per entrambe prestiamo grande attenzione al taglio, che viene effettuato nel rispetto di ogni singolo passaggio della lavorazione e della qualità intrinseca delle gemme stesse, selezionate per qualità, colore e peculiarità che le rendono tutte una diversa dall’altra, tanto che, le sfumature infinite di colore sono tutte identificate e catalogate al fine di rendere ottimale il servizio offerto ai clienti, sia nei pezzi unici, sia nelle pietre uniche che nelle grandi produzioni”. Qual è il vostro target? “Lavoriamo bene sia in italia sia all’estero. inoltre, a testimonianza della serietà con cui gestiamo l’azienda,

preziosa­ n.­5­/­dicembre­2012­/­preziosamagazine.com / c&r­

sono nate collaborazioni con artisti di fama internazionale come Giò pomodoro, bruno Cassinari e remo brindisi, solo per citarne alcuni”. C&R, dunque, è sinonimo di garanzia e qualità. “Sì, il nostro obiettivo è la soddisfazione del cliente, che viene supportato dal nostro team tecnico al fine di ottenere insieme un prodotto d’alta qualità coerente in ogni dettaglio. e la passione che infondiamo nel nostro lavoro è sempre al massimo, che si tratti di grandi produzioni o di pezzi unici. perché i successi dei clienti sono i nostri più grandi successi”. (mdF)

head Office Cesari & Rinaldi Gemmai via Soardi, 5 47921 rimini (rN) - italy tel. (+39) 0541 22150 Fax (+39) 0541 27918 www.futurgem.com info@futurgem.com


orecchini e anello in oro 750 con perle, pietre semipreziose e brillantini

Idea­Coral

www.ideacoral.it

MakeUp credits photo:­Michele­Attanasio art­director:­Maria­Rosaria­Petito make­up:­Francesco­Riva

preziosa­

111


bracciali e collane con pietre dure

112

preziosa足

Makula www.makula.it


Collezione Venice ispirata ai battiori veneziani e perle barocche dell’Oriente in Sterling Silver 925 e Haute Couture 18ct Gold

Maria­De­Toni

www.mariadetoni.it

114

preziosa­


collana con cordone in lino e veri fiori d’ortensia laminati in argento orecchini e anello con veri fiori d’ortensia laminati in argento

Natura­e­Argento www.naturaeargento.it

preziosa­

117


parure

Vanity足Her www.vanityher.it


Bruno足Mazza

Collana in acquamarina milk con centrale in cammeo sardonico con incisione traforata, montato in argento

www.fratellimazza.com Bracciale ed orecchini in acquamarina milk e cammeo

120

preziosa足


Collane in perle coltivate con medaglione in madreperla e medaglione in argento, bracciali, orecchini ed anelli in argento 925 e pietre naturali

Laura足Bellini www.laurabellini.com

preziosa足

123


Collana con perle e cammeo, bracciale elastico con perle ed argento, orecchini ed anello con cammeo, anello con perla barocca, guanti con perla

Confuorto足Gioielli www.confuortogioielli.it

preziosa足

125


specialefiere

MaCef+ di Gloria Belloni

e la fiera dura di più grazie a internet

A Gennaio 2013 parte la piattaforma on-line che consentirà a espositori e buyer di proseguire le visite per altre sei settimane. sono cifre importanti importanti quelle investite da fiera milano nel progetto di fiera virtuale Macef+ (www.macefplus.com) che esordirà ufficialmente con la prossima edizione dell’esposizione milanese, in calendario dal 24 al 27 Gennaio 2013: diversi milioni di euro oltre ai circa 5 già stanziati per la manifestazione fieristica, si legge in un’intervista a marco serioli, direttore della divisone exhibitions di fiera milano, pubblicata su affari e finanza lo scorso 12 novembre. a confermarlo è Francesco Bottigliero, amministratore delegato di Fiera Digitale, società controllata da pitti immagine che si occupa della messa on-line degli ‘stand digitali’ e che ha già portato in internet numerose aziende del settore moda con la piattaforma

128

www.e-pitti.com. Gli abbiamo chiesto come è nata l’iniziativa e quali sono le aspettative nei confronti delle aziende del comparto bijoux che aderiranno alla prossima edizione del macef . “L’idea nasce un paio di anni fa dall’esperienza con le fiere del settore moda. Durano in media quattro giorni, davvero troppo poco perché i visitatori, che ne dedicano mediamente un paio agli incontri con gli espositori, abbiano il tempo di vedere tutto. ‘Estendere’ l’esposizione di circa sei settimane, ci è sembrata una soluzione ottimale. Come farlo? Riproducendo gli stand degli espositori e i loro prodotti per renderli accessibili via internet. Puntando su immagini e contenuti multimediali di elevata qualità e su una navigazione accattivante e intuitiva. Fino al 2010 i servizi on-line dedicati si limitavano a elenchi con link alle aziende. Troppo poco. D’altro canto, lavorare su ambienti 3D tipo Second Life, che riproponessero realisticamente gli stand, avrebbe rischiato di spostare l’attenzione sulla tecnologia e sull’immagine più che sui contenuti, cosa che assolutamente volevamo evitare.” contenuti al centro, quindi. che significa, prima di tutto, immagini di prodotto e dello stand impeccabili. tutto il processo viene gestito direttamente dagli organizzatori durante la fiera e senza alcun costo aggiuntivo per l’espositore. in concreto? “il dispiego di forze non è indifferente” prosegue bottigliero “per macef+ coinvolgeremo circa 100 fotografi che avranno effettuato un training specifico per operare in

preziosa­ n.­5­/­dicembre­2012­/­preziosamagazine.com / speciale­fiere­

maniera coordinata ed efficiente negli stand delle aziende aderenti. nessuna visita a sorpresa, ma solo appuntamenti prefissati per eseguire gli scatti. entro una settimana dalla conclusione della fiera, sarà tutto on-line. i risultati ottenuti con pitti ci danno fiducia: l’edizione virtuale dello scorso Giugno (la terza in cui abbiamo sperimentato il servizio) ha ottenuto il 70% di accessi in più rispetto alla fiera fisica, percentuale ora superata.” Lo scorso settembre un centinaio di aziende presenti al macef hanno partecipato alla fase pilota, tra cui alcune del settore bijoux come ad esempio airoldi, sodini, Gemmarium, della rovere, amlé che attendono di valutare le messe a punto. per ora non sarà ancora possibile attivare la funzione di acquisto diretto, ma il visitatore potrà inviare ordini, in seguito ai quali verrà direttamente contattato dall’azienda. “Il sistema è estremamente sicuro e prevede diversi filtri d’accesso: prima di tutto, gli utenti dovranno essere registrati al Macef, in secondo luogo l’espositore avrà la possibilità di approvare o meno ogni singolo accesso e, infine, potrà decidere di escludere completamente visite da determinate categorie di utenti (ad esempio, in base ai paesi di provenienza). Il costo è compreso nella partecipazione alla fiera, ci auguriamo quindi di portare almeno il 50% degli espositori su Macef+ ” che, lo ricordiamo, con questa modalità sarà visitabile fino alla fine di febbraio 2013.


biJhOrCa parigi 18 / 21 GEnnAIO 2013 t

orna a inizio anno anche il Salone parigino che dal 1930 propone le novità della bigiotteria, dell’oro, dell’orologeria e del regalo e torna con la sua denominazione originale, bijhorca (marchio di proprietà di reed exhibitions), con una nuova collocazione temporale e una struttura rinnovata. dal 18 al 21 gennaio, nei due piani del padiglione 5 a porte de versailles esporranno circa 400 aziende provenienti per il 50 per cento da 30 paesi i cui settori merceologici sono così divisi: argento, Oro, orologi in acciaio (40%), accessori di alta bigiotteria, design e moda (52%) e materie prime - pietre, chiusure, perle, catene – (8%). Grande attenzione alla rassegna che fino a giugno scorso era chiamata “eclat de mode” sarà prestata agli spazi tendenze, la precious Gallery e i Fashion trends: altri eventi condiranno il percorso dei visitatori, come i bijorhca awards e le mostre del fotografo marc thirouin e dell’artista valentim quaresma. al primo piano, dove c’è la gran parte dell’offerta di prodotto, ci sarà anche uno spazio comune, Cream by bijorhca, dove espongono 45 marchi selezionati tra i più creativi e innovativi. al piano terra, le materie prime e un’area dedicata al Cash&Carry. i “must have” diventano “Coups de Cœur”, habitués e nuovi espositori che propongono i prodotti più particolari.

Siciliaoro

5 / 8 apriLe e 8 / 11 NOvembre 2013

PRiNToR liONe 13/15 GeNNAiO 2013

d

al 13 al 15 gennaio Printor, il Salone del gioiello di lione, accoglie tutti gli operatori del settore per la sua 21esima edizione. All’eurexpo della città francese, nella Hall 3, si apre il calendario fieristico 2013 con un evento che, in un contesto economico difficile, coniuga creatività e innovazione. Printor gioca il ruolo di “termometro” del mondo dell’orologeria, della gioielleria e della bigiotteria: un’opportunità unica per i dettaglianti che possono trovare soluzioni adatte per le loro esigenze, scoprendo le ultime tendenze del settore emerse durante le festività natalizie.

t

ornerà dal 5 all’8 aprile e dall’8 all’11 novembre 2013 SiciliaOro, dopo la fortunata edizione di novembre, la prima nel centro espositivo etnafiere, a etnapolis Catania. molto apprezzata da espositori e clienti, la nuova location dell’evento di riferimento per il Sud italia e il bacino del mediterraneo fa ben sperare per una crescita esponenziale della rassegna. eleganza, comfort, cura dei dettagli: la nuova struttura scelta per ospitare SiciliaOro, che da oltre 30 anni è presente nel panorama fieristico con due appuntamenti annuali, si è dimostrata la sede ideale grazie a un accesso privilegiato tramite scale mobili interne, una accresciuta sicurezza e parcheggi riservati all’interno del centro commerciale. Un’occasione unica per i buyer siciliani di incontrare brand italiani e stranieri: una scelta vincente, quella di rudy piccardi, di individuare un nuovo contesto per l’imperdibile appuntamento isolano.

fiere / preziosamagazine.com / n.­5­/­diecembre­2012 preziosa­

129


specialefiere

iberjoya

MADRiD 16/20 gennaio 2012

International Gems & Jewelry Thailand Fair BANGKOK 13 / 16 GIUGNO 2013

SI

svolgerà dal 13 al 16 giugno 2013 al Royal Paragon Hall di Bangkok la International Gems & Jewelry Thailand Fair: nasce come la prima ed unica fiera di metà anno che si svolge in Thailandia e la prima edizione è stata organizzata da Inter Expo Management Co Ltd. La società è stata fondata da Somnuk Kyavatanakij, amministratore delegato di Tong Hua Communication PCL e della società del gruppo TC Exhibition Services Co Ltd specializzata nel comparto fieristico, e da Mohan Sachdeva, managing director della BG&J Co Ltd., società che da 25 anni lavora nella comunicazione del settore delle gemme. La IGJ Thailand darà agli operatori la possibilità di scambiare beni in un segmento di mercato che finora era rimasto scoperto. Confortevole e comoda da raggiungere la location, una delle strutture più adatte per il business. Un nuovo evento per un mercato in espansione che va a colmare una lacuna temporale offrendo a produttori e visitatori nuovi spunti per alimentare e dare nuovo lustro alla filiera delle gemme e dei gioielli.

130

preziosa­ n.­5­/­dicembre­2012­/­preziosamagazine.com / news­

L’

inizio del nuovo anno fieristico parla anche spagnolo: si svolgerà dal 16 al 20 gennaio “madrid Joya”, nuovo marchio dell’ifema per l’edizione di gennaio di iberJoya. il salone internazionale del Gioiello urbano e di tendenza porrà l’accento sulle collezioni di moda e sui disegni e materiali sempre più competitivi nel padiglione 6 della feria de madrid (in coincidenza con intergift, salone internazionale del regalo, e bisutex, salone internazionale di bigiotteria ed accessori, sotto l’ombrello di Giftrends madrid). evoluzione naturale del concetto tradizionale di gioielleria di lusso e d’alta gamma, la rassegna si rivolge a negozi specializzati ma anche a punti vendita e di distribuzione di accessori moda, regali e articoli di gran consumo. Le ultime tendenze internazionali di produttori e marchi per offrire reali alternative: guadagnano posizione le collezioni in argento, i pezzi che uniscono metalli nobili e gemme con materiali non preziosi (acciaio, ceramica, cuoio, piume). si aggiunge l’orologeria fantasia e gli orologi sportivi: formule di partecipazione vantaggiose agevolano la presenza in fiera dei designer, dei marchi emergenti e dei piccoli laboratori che esporranno nell’area ad alta visibilità “minis”, volta a favorire la promozione ed il contatto con gli operatori del mercato di giovani aziende ed imprenditori del settore della gioielleria.

taormina d’Oro taORMIna - 5 / 8 aprile

T

orna dal 5 all’8 aprile Taormina d'Oro, la manifestazione ospitata dal Palalumbi di Taormina, completamente rinnovato negli spazi e nell’allestimento. Un gruppo selezionato di aziende proporrà ancora una volta le nuove tendenze: prodotti di qualità che uniscono tradizione e innovazione, metalli preziosi con elementi alternativi. L’evento è organizzato dalla Giorgio Piccardi Management con la collaborazione della A.S.M. Taormina Azienda Servizi Municipalizzata.


Amberif DanZICa 20 / 23 MaRZO 2013

F

esteggia i suoi primi 20 anni la fiera internazionale dei gioielli, delle pietre preziose e dell’ambra di danzica: amberif 2013 - dal 20 al 23 marzo - si conferma la rassegna di riferimento per il mercato del baltico, ospitando circa 450 espositori provenienti da polonia, belgio, repubblica Ceca, Germania, italia, Lituania e Ucraina. protagonista, l’argento: la polonia infatti è uno dei principali produttori di questo metallo che in quest’area viene frequentemente accompagnato dall’ambra, tesoro delle spiagge a sud del baltico. molti gli eventi collaterali in programma, tra cui alcuni incontri con il mondo accademico come il Simposio internazionale dei ricercatori sull’ambra organizzato con il sostegno dei fondi Ue per promuovere l’economia polacca. C’è spazio anche per il nuovo amberif design award, concorso di gioielleria concettuale. appuntamento dunque nel nuovo amber expO exhibition and Convention Centre.

Fiera di Vicenza Prende forma il nuovo padiglione monoplanare

JGF Europe FribUrGO, 1/4 apriLe 2014 m

entre è in fase di completamento, il quartiere fieristico di basilea, che ospita il Salone mondiale dell’Orologeria e della gioielleria (prossima edizione dal 25 aprile), a pochi chilometri di distanza si è già in fermento per un altro evento di settore, che avrà luogo alla messe Freiburg a partire dall’aprile 2014 (dal primo al 4). La Ubm asia, infatti, ha progettato una nuova manifestazione europea (oltre che una nuova rassegna asiatica, in calendario per l’ottobre 2013 a Singapore), a Friburgo: la JGF Europe - The Jewellery & Gem Fair. uno dei soggetti chiave del progetto è lo studio Luciano Arati di Milano, rap-

P

mr wolfram dieNer, Senior vice president, Ubm asia Ltd

rende forma il nuovo padiglione monoplanare di Fiera di Vicenza: è stata posata ad ottobre infatti, nel cantiere di Viale dell’Oreficeria la capriata in legno portante (la copertura ad unica campata più grande d’Italia). Il nuovo volto del Quartiere Fieristico vicentino è sempre più vicino e procede secondo il programma il piano Strategico FdV 2011/15 per dare a espositori e clienti delle manifestazioni spazi moderni. La copertura reticolare, costruita in legno lamellare, ha una dimensione di 80 metri di luce (in un pezzo unico) con interasse di 12 metri. La struttura è composta da 14 travi lunghe 80 metri, ciascuna del peso di 70 tonnellate. Per la sua realizzazione sono stati utilizzati 1.800 metri cubi di abete rosso proveniente dal Nord Europa e 90mila Kg di ferro. Il nuovo Padiglione di 15mila mq con campata unica, completamente libera di pilastri, consentirà una grande versatilità nell’utilizzo degli spazi, non solo per scopi espositivi, ma anche per ospitare grandi meeting, concerti, spettacoli ed eventi sportivi. L’area sopraelevata, con una vetrata di separazione al primo piano sull’intero padiglione per una lunghezza di circa 150 metri, sarà destinata a zona ristorazione, sale convegni, riunioni e conferenze. La realizzazione della nuova porzione del quartiere fieristico di Vicenza è affidata all’ATI composta da Impresa di Costruzioni G. Maltauro S.p.A. – capogruppo - e Gemmo S.p.A con il supporto di Sipe S.p.A. per tutte le opere prefabbricate e di Stratex per le travi reticolari in legno. Adiacente al nuovo padiglione è previsto un parcheggio multipiano ad otto livelli con una capacità di 600 posti auto, collegato con il quartiere fieristico e il Centro Congressi. La riconversione dell’area fornirà inoltre spazi di rilevante interesse pubblico e sarà traino per la riqualificazione ambientale, architettonica e culturale di un quadrante strategico dal punto di vista urbanistico come quello della zona industriale di Vicenza Ovest.

presentante per l’italia di Ubm asia. La fiera sarà contemporanea a baselworld, ma si presenterà come alternativa per quegli operatori che non trovano ciò di cui hanno bisogno nell’evento svizzero. Una piattaforma autonoma che può accogliere fino a 800 moduli, con una serie di collettive che copriranno tutti i livelli della filiera, dai gioielli alle pietre, dagli orologi ai macchinari, con grazie spazio per l’unbranded (e perciò in controtendenza rispetto a baselworld). “per l’evento di Friburgo abbiamo ricevuto ad oggi adesioni da aziende orafe provenienti da 18 nazioni distribuite tra europa, america ed asia - spiega mauro arati, titolare dello studio Luciano arati -. Stiamo attualmente finalizzando accordi con organizzazioni ed associazioni di settore a livello mondiale che saranno annunciati nei primi mesi del 2013. Sono inoltre in via di definizione le planimetrie espositive, che rispecchieranno il modello di suddivisione merceologica sul modello delle Fiere di hong kong, apprezzate da espositori e visitatori”.

news / preziosamagazine.com / n.­5­/­diecembre­2012 preziosa­

131


pm

2 5

1

specialefiere 4

AuCELLA

Ottant’anni di esperienza e tradizione nei gioielli aucella che vanno dall’intramontabile classico alla più nuova linea paintyourLife in argento by aucella 925, che ha trasformato i cammei in oggetti glamour. e le stesse decorazioni, in formato mini, le ha impiegate negli allegri bracciali con cordoncini colorati e regolabili: puttini, dee bendate, letterine ma anche perle barcocche, coccinelle, aragoste…perché tutto nei suoi gioielli diventa un dettaglio iperfashion. Sarà alla fiera di vicenzaoro winter stand 681/68 pad. b. www.aucella.com

1

CARADA

Carada è sinonimo di qualità e tradizione, l’antica arte dei cammei di torre del Greco, portata avanti dai fratelli tommaso e mario Schiavo. dalla creatività e dall’esperienza Carada nasce la nuova linea vintage.Una collezione dal sapore classico, declinata in chiave moderna, che riprende infatti l’antica arte della tessitura con micro perle coltivate che, con le pietre semipreziose, accompagnano i pregiati cammei in conchiglia. Un prodotto realizzato a mano da sapienti artigiani, secondo le antiche tecniche di intaglio e ricamo, direttamente nei laboratori della Ciro Schiavo snc. Carada sarà a vicenzaoro winter www.carada.it

2

BRunO MAZZA

3

da generazioni bruno mazza mette la passione nei suoi gioielli dalla lavorazione tutta artigianale di torre del Greco. Ogni sua creazione è realizzata con il massimo impegno per regalarle classe e pulizia delle linee, per questo la bruno mazza & Co. è garanzia di acquisto sicuro, eleganza e unicità. Cammei, coralli, turchesi e pietre dure, tutto sempre di altissima qualità, dai colori avvolgenti, tono su tono o a contrasto, sono i protagonisti delle sue linee montate in oro o in argento. Sarà a vicenzaoro winter presso lo stand 644/45/46 pad. b. www.fratellimazza.com

3

4

SEMuà BJOu

bjoux divertenti e originali che si prestano a scelte immediate e capricciose, oggetti da cambiare con il look della giornata e a seconda dell’occasione. di forte tendenza Semuà bjou ne inventa di tutti i colori e con tutti i materiali, dalle stoffe al caucciù. Si portano con disinvoltura e quando si parla di bracciali anche tanti insieme. allegri, coloratissimi, stravaganti non hanno pretese ma si fanno notare. qua e là c’è anche un tocco di luce con cristalli bianchi e colorati. Semuà bjou partecipa alla fiera del macef, area bijoux bjouveloci@gmail.com


7

6

9 8

5

BuJA

C’è la bellezza della miniatura nei gioielli buja. Graziosi ed eleganti gli anelli, tutti diversi tra loro, che si possono indossare insieme formandone un altro dal volume più importante. buja li crea così, sommando la raffinatezza e la sobrietà all’oro giallo e rosa a 14 e 18 carati decorato con piccoli diamanti taglio brillante. La lavorazione artigianale di questa giovane design londinese si coglie nei dettagli ed è valore aggiunto ai suoi gioielli. Oltre ai diamanti dà un originale spazio anche a forme più articolate e a pietre preziose di colore. È presenta alla fiera di vicenzaoro winter in Glamroom www.buja.co.uk

6

OCChIVERDI BIJOuX

È arte trasformare spago, pietre dure e cristalli in un gioiello carico di energia e vitalità. Ci vuole fantasia e creatività. Occhiverdi, il brand campano di imma Guida che ha sede alle falde del vesuvio, per ottenere bijoux che esaltano la bellezza femminile, che fanno moda, accosta colori e materie in volumi diversi ma mai mini. tutti sono realizzati a mano e per ogni nuova proposta si avvale di esperti collaboratori e designer per creare accessori destinati a diventare cult. Occhiverdi bijoux è presente al macef occhiverdibijoux@libero.it

8

unOAERRE

Nata ad arezzo, la Unoaerre si è fatta conoscere in tutto il mondo per la sua vasta gamma di anelli nuziali (ben 44 modelli di fedi classiche e comode presenti in oltre 3mila punti vendita in italia) e di gioielli originali e ben lavorati. Non tralascia alcun dettaglio, anche negli espositori e nelle confezioni, come il nuovo scrigno porta fedi. ancora un successo gli anelli “brillanti promesse”, sempre più preziosi e dedicati a tutte le ricorrenze che meritano di essere ricordate. Unoaerre partecipa a vicenzaoro winter www.unoaerre.it

7

OTTOCEnTODuE

C’è il bianco e il nero, un avvolgente total red ma anche intrecci di più colori a contrasto nei bracciali della Ottocentodue che crea gioielli in argento per tutte le occasioni, come anche gli orecchini e le collane realizzati con perle, corallo, turchesi e nero onice. materie molto classiche per un design moderno sempre elegante tra forme geometriche o di fantasia. C’è anche una linea creata con tanti lacci in cuoio che diventano il vero richiamo del gioiello. a vicenzaoro winter sarà allo stand 623 pad. b www.ottocentodue.it

9

PAVIÈ

Nata nel 2010 da un’idea delle sorelle palma, (forti di una pluriennale esperienza nel settore dei preziosi e dalla passione per la moda,) paviè con i suoi bijoux artigianali, che seguono con attenzione il design e le nuove tendenze, si propone ad un pubblico sempre attento al fashion jewels. in italia, il brand è distribuito in oltre 100 punti vendita accuratamente selezionati e all’estero è presente in Spagna, Germania, Svizzera, Grecia e austria. Sarà al macef 24-27 gennaio 2013, pad. 11 - Stand G12 www.pavie.it

preziosa­

133


1

specialefiere

2

1

4

MORInI

morini è un’azienda aretina attiva e dinamica che ha firmato tanti successi tra cui la linea di gioielli fashon/religiosi “angele dei” e “Chic”, l’ultima collezione elegante ed essenziale, in bronzo. C’è ricerca nelle creazioni, sempre molto accurate per stare al passo con i tempi e forse un po’ più avanti. tanta esperienza e lavorazione artigianale per il suo argento che si declina in tante versioni. i suoi gioielli, accompagnati sempre da certificato di garanzia, sono presenti in oltre 500 punti vendita in italia. È a vicenzaoro winter, stand 1606 pad. G www.morinigioielli.it

2

ESTROSIA

Le creazioni di estrosia, in argento, pietre naturali, perle e coralli, giocano con i colori imprigionati in forme originali ed eleganti. Nelle ultime collezioni i grandi pendenti danno vita ad una cascata morbida da scegliere tra il colore pieno o la trasparenza del cristallo. Sempre diversi e sempre un po’ provocatori si abbinano tra di loro con la naturalezza della stravaganza. estrosia sarà presente a vicenzaoro winter stand 657 pad. b, al macef allo stand L11/14 pad. 9 e ad eclat de mode, a parigi. www.estrosia.com

3

GOVOnI

L’azienda, di Fabio Govoni, crea gioielli preziosi di alta qualità che seguono il classico o anticipano le tendenze, sia con proposte monocromatiche sia con la presenza di pietre colorate. Oro giallo, bianco e rosa con perle e gemme naturali per design ricercati e fantasiosi e per soddisfare sempre le aspettative del cliente non mancano le linee romantiche. Lavorazione accurata, grande scelta e accessibilità rendono i suoi prodotti molto richiesti, come anche l’ultima linea giocata con il blu degli zaffiri. È presente a vicenzaoro winter e al macef. ww.govonigioielli.it

5

I GIOIELLI DEL SOLE

Linee sinuose come i movimenti di una ballerina e un’armonia che richiama la danza classica. La linea, prodotta da i Gioielli del Sole, si declina in quattro momenti identificati con le stagioni, le ballerine cambiano posizione come su un palcoscenico. anche le tipologie sono quattro, precious è la più prestigiosa: blancnoir, privilegia i contrasti con oro bianco e brunito e i diamanti, la Silver red, decorata con pietre di colore, e la Silver white, in argento e zaffiri bianchi. i Gioielli del Sole sarà presente vicenzaoro winter pad. b stand 603 www.tutugioielli.com

3

134

preziosa­ n.­5­/­dicembre­2012­/­preziosamagazine.com / fiere­

4

5


RCG01k Caratteristiche tecniche: -

RCG02k

Funzione: Chrono / Multi time Date / Hour 12-24 Movimento: Miyota 2036 Os20 Cassa: 51x39 Mm / acciaio 316l anallergico Vetro: Minerale antigraffio Sfere: luminous In acciaio water Resistant: 5 atm Cinturino: Pelle / Impunture Bianche / Rosse

torque Racing UN OROLOGIO COMPLICATO ChE FA TENdENzA di Maria Rosaria Petito

È

un MUltI tIMe Data HOUR 12/24 con funzione chrono e fa parte della collezione Racing. torque Racing è più che un indicatore del tempo, è un orologio da polso ricco di dispositivi che va oltre le aspettative. water Resistant a 5 atM, presenta la cassa in acciaio satinato del diametro di 51x39 mm con viti a vista per cui la sua linea, esclusiva e carica di dettagli, si fa molto accattivante riuscendo a trasformare una necessità in uno status symbol. Interpretando i desideri dell’uomo di oggi è stato corredato del fascino di una meccanica di grandissima precisione e affidabilità. È un segnatempo complicato, un crono dall’animo sportivo ma di forte tendenza che ha sviluppato una personale idea di design dotato come è di indici luminescenti per la visione notturna, di due quadranti e di quattro pulsanti. Mixando

caratteristiche tecniche ed estetiche - non da sottovalutare la forma rettangolare a contrasto con quella rotonda dei quadranti -, si propone in due versioni: quadrante bianco e cinturino con impunture a rilievo bianche; quadrante rosso e cinturino con impunture a rilievo rosso. Un’ulteriore attrattiva. torque Racing, a complicated trendy watch It’s a MUltI tIMe Data HOUR 12/24 with chrono function and it’s part of Racing collection. torque Racing is a wristwatch 5atM water resistant, with a 51x39 mm satinized steel case and a highly precise mechanism. luminous indexes, two dials, four buttons, and it’s rectangular, different from the typical round dials. It’s available with white dial and white sitching for the watchstrap; or with red dial and red sitchings for the watchstrap.

torque watch Centro Orafo “Il tarì”, mod. 203 Marcianise (Ce) Ph: 0823.513864 Fax: 0823.514141 info@torquewatch.it www.torquewatch.it

torque watch / preziosamagazine.com / n. 5 / diecembre 2012 preziosa

135


pm

orologi

zeNith piLOt di mario didone

Pilot Doublematic

a CONFerma deLLa paSSiONe e dediziONe deLLa maiSON Svizzera per L’aviaziONe

T

utto ebbe inizio con Louis bleriot il 25 luglio del 1909 a Calais quando decise di attraversare la manica affrontando i 40 chilometri di mare per raggiungere l’inghilterra, impresa ardua per quei tempi e che fu compiuta in soli 37 minuti, al polso aveva uno zenith dall’inconfondibile stile da aviatore corona di grandi dimensioni a forma di “palla” e quadrante con grandi cifre luminescenti, quindi di facile lettura.

Pilot D’aeronef type 20

Zenith Cairelli

Pilot Big Date Special

a seguire ecco lo storico “montre d’aeronef” type 20, che dal 1939 equipaggiava i cruscotti della maggior parte degli aerei francesi compresi quelli dell’aeronautica Francese e della compagnia postale air bleu, poi un qualcosa a cui sono legato per i miei trascorsi giovanili, ovvero lo ZEnITh CAIRELLI in dotazione all’aeronautica militare italiana (anni ’60 - fine ’70) un Cronografo due contatori a carica manuale calibro 146 dp cassa in acciaio 42 mm di un fascino ineguagliabile per stile e prestazioni, prodotto in 2.500 esemplari con le incisioni sul fondello ami (aeronautica militare italiana) tipo Cp2. ma è il 2012 l’anno della produzione della serie PILOT, ancora una volta un tributo al volo. Si parte con il MOnTRE D’AEROnEF TyPE 20 orologio solo tempo con un’imponente cassa da 57,5 mm un vero omaggio ai pionieri del volo, un’edizione limitata in titanio spazzolato (250 pz) animato da un movimento di manifattura calibro 5011k (usato negli anni ’60 per gli orologi da tasca) a carica manuale, il quadrante nero opaco con grandi numeri arabi trattati con Superluminova, cinturino in cuoio con cuciture a mano e fibbia in titanio; quindi un PILOT BIG DATE SPECIAL, un Cronografo a due contatori con cassa in acciaio da 42 mm, animato da un movimento di manifattura el primero 4010, automatico 50 ore di riserva di carica, quadrante nero opaco, numeri arabi trattati con superluminova, cinturino sia in cuoio con cuciture a mano che in acciaio lavorazione “milanese”. Chiudiamo con un PILOT DOuBLEMATIC un ore del mondo con l’indicazione delle città principali, un disco supplementare ne evidenzia giorno o notte, cronografo e funzione di allarme, prodotto sia in acciaio che oro rosa, ha una cassa di 45mm ed è animato da un calibro di manifattura El Primero 4046 automatico con 50 ore di riserva di carica, quadrante nero opaco con numeri arabi trattati con superluminova. non c’è che dire un vero tributo e tanto onore agli aviatori.


speciale

macef BIJOUX 94esima edizione 24/27 gennaio 2013 speciale macef BIJOUX 94esima edizione 24/27 gennaio 2013 adv goldadv ph. diego de dominicis 94esima ediz

BIJOUX

139


ale macef BIJOUX 94esima edizione 24/27 gennaio 2013 speciale macef BIJOUX 94esima edizione 24/27 gennaio 2013 speciale macef BIJOUX 94esima edizione 24/27

140

antonio della monica www.antoniodellamonica.it

ayala bar - for info aibijoux www.aibijoux.com

bracciale in corallo con chiusura in madreperla dipinta a mano, montata in argento 925

orecchini “hip collection� in velluto, raso e gemme in una fusione di forme e colori unici


7 gennaio 2013 speciale macef BIJOUX 94esima edizione 24/27 gennaio 2013 speciale macef BIJOUX 94esima edizione 24/27 gennaio 2013 speciale macef BIJOUX

carmela liverino coralli www.liverinocoralli.it

creazioni bianco & co. srl creazioni.bianco@tin.it

bracciale di corno e pietre dure assemblato in argento

orecchini in ottone, stoffa, perline di vetro e strass colorati

141


acef BIJOUX 94esima edizione 24/27 gennaio 2013 speciale macef BIJOUX 94esima edizione 24/27 gennaio 2013 speciale macef BIJOUX 94esima edizione 24/27 genn

142

armony silver www.armonysilver.com

fuljewel www.fuljewel.com

anello in argento 925 e bronzo con quarzo lemon, zirconi, radici di rubino e smeraldo

orecchini in argento 925 con corallo e perle coltivate


naio 2013 speciale macef BIJOUX 94esima edizione 24/27 gennaio 2013 speciale macef BIJOUX 94esima edizione 24/27 gennaio 2013 speciale macef BIJOUX 94esima

amlĂŠ www.amle.it

arteluna www.arteluna.it

bracciale in corno, pietra lavica, pietre naturali e argento

orecchini in argento 925 con ametista glicine

143


JOUX 94esima edizione 24/27 gennaio 2013 speciale macef BIJOUX 94esima edizione 24/27 gennaio 2013 speciale macef BIJOUX 94esima edizione 24/27 gennaio 201

144

gemmarium italia www.gemmarium.com

il bello di diluca info@ilbellodidiluca.it

pendente in corallo rosa qualitĂ misu e legno venguĂŠ

anello con cammeo e bronzo verniciato


013 speciale macef BIJOUX 94esima edizione 24/27 gennaio 2013 speciale macef BIJOUX 94esima edizione 24/27 gennaio 2013 speciale macef BIJOUX 94esima edizio

confuorto gioielli www.confuortogioielli.it

fatamorgana www.fatamorganashop.it

orecchini in argento e pietre dure

spilla in resina ricoperta di carta e verniciata con elementi in rame e pietre semipreziose

145


pm 1

design

vetrO

deSiGN

di Lucia venino

2

il

vetro offre talmente tante possibilità d’interpretazione da rendere difficile persino individuare categorie per gli artisti che lo utilizzano. Qualcuno lo sceglie per il colore e le qualità tattili simili alle pietre preziose, altri per il sapore vintage delle conterie, chi perché subisce il fascino di un’arte antica e chi perché non resiste alla tentazione di creare vere e proprie strutture con un materiale così fragile. in alcuni casi il risultato finale è talmente distante dalle qualità comunemente associate al vetro da renderlo quasi irriconoscibile, altre volte la fragilità è volutamente esaltata e portata all’estremo dando vita a gioielli da indossare con estrema delicatezza. L’australiana bLaNChe tiLdeN sceglie il vetro come strumento con cui ricreare la modularità degli ingranaggi industriali e dar vita

a gioielli che enfatizzano i disegni geometrici, la ripetizione e la precisione degli oggetti fatti a macchina. il poliedrico e provocatorio beNJamiN LiGNeL, del gioiello mantiene solo il ricordo: crea calchi di anelli e fermagli e li immerge dentro boules de neige riempite di glicerina e limatura d’oro. resta soltanto la sagoma del gioiello, amplificata attraverso il vetro e messa in risalto dall’oro. meno critica e più romantica, aLeNa heSOUNOva è la creatrice di una vivace collezione di anelli con grandi boules in vetro soffiato al cui interno nuotano sottili cuoricini d’acciaio immersi in un mare d’olio. OrFeO qUaGLiata è un vero maestro nell’arte della lavorazione del vetro, che trasforma assieme al cristallo in gioielli preziosi. Nelle mani dell’artista messicano questo materiale assume di volta in volta la

di aLba CappeLLieri

prOFeSSOre di

La

deSiGN deL GiOieLLO aL pOLiteCNiCO di miLaNO

differenza tra gioiello e bijoux è un’anomalia tutta italiana che separa, divide e definisce, dal punto di vista linguistico come di quello del valore, un ornamento in materiali preziosi -gemme e metalli da uno non prezioso. Etimologicamente bijoux deriva dal francese e significa gioiello prezioso laddove l’ornamento non prezioso è indicato come bijoux de couture. Lo stesso vale per le classificazioni anglosassoni che con la consueta esattezza scandiscono gli ambiti di pertinenza: il gioiello prezioso definisce la fine jewellery mentre quello non prezioso appartiene alla costume o alla fashion jewellery. tanto per i francesi quanto per gli inglesi, dunque, non è il gioiello - jewellery o bijoux- che trasferisce la preziosità dell’oggetto quanto l’aggettivo che lo qualifica: - fine, high, magnificent, couture, costume, fantaisie, fashion, …. Si tratta di una precisazione nodale perché in entrambi i contesti non vi è alcuna indicazione valoriale ma solo di ambito disciplinare. In Italia, invece, la distinzione si fa schizzinosa soprat-

3

consistenza di una massa amorfa o la leggiadria impalpabile dell’acqua. i suoi bling ring riproducono le sfaccettature delle pietre preziose e criticano con ironia e colore l’ossessione contemporanea per diamanti e carati di cui fare sfoggio. CarOLiNa vaLLeJO, poliedrica artista che crea gioielli coi materiali più disparati, sceglie il vetro in virtù della sua trasparenza e

GIOIELLO E BIJOuX: tutto per la differenza di valore e di contesto tra il gioiello e il bijoux. La presunta inferiorità di quest’ultimo si basa sulla non preziosità dei materiali impiegati e sulla scarsa inventiva derivata dalla riproposizione dei modelli preziosi. in realtà il gioiello del novecento deve molto al bijoux, decisamente più di quanto quest’ultimo non debba al cugino prezioso, al punto che le sue principali innovazioni sono mutuate dall’ornamento non prezioso che aveva maggiore libertà di sperimentare e indagare i nuovi ambiti e i nuovi materiali. dalle tecniche di taglio dei diamanti fino agli accessori per capelli e per abiti dell’art Nouveau e decò il gioiello prezioso ha trasferito dal bijoux per tutto in Novecento tanto le tecnologie produttive quanto i contesti di applicazione e gli stili di riferimento. ma se fino agli anni Sessanta esisteva una linea di demarcazione netta tra gioiello e bijoux tale differenza è sempre più difficile da definire e argomentare oggi che la linea di confine è sbiadita nella varietà - di contenuti e di valori - dell’ornamento contemporaneo e il valore materiale

delle gemme e dei metalli è stato affiancato - e spesso superato - da valori immateriali quali l’idea, il concetto o il progetto. A ciò si aggiunge la promiscuità dei canali di distribuzione che favorisce e alimenta tale ambiguità semantica e commerciale. Lo dimostrano le vetrine dei gioiellieri dove come in una salad bowl si mescolano alta gioielleria, bijoux fantasia e oggettistica varia. Ne consegue che il prezzo e la presenza in gioielleria non rappresentano più quelle linee di demarcazione inviolabili e inequivocabili tra gioiello e bijoux che erano nel passato. I primi a violare il confine della materia preziosa sono stati gli artisti. Si pensi per esempio ad aLexaNder CaLder, i cui eterei gioielli in fil di ferro non rappresentano di certo il valore della materia ma quello del concetto unito al valore artistico dell’autore. analogamente i gioielli dei principali artisti del Novecento, da piCaSSO a FONtaNa, da SaLvadOr daLì a damieN hirSt hanno deliberatamente rinnegato il valore materiale a vantaggio di quello artistico. ma erano


O

deLiCate CreaziONi 6

4

5

7

delicatezza per farne il custode di qualcosa di prezioso, che sia la fede nuziale o un piccolissimo rubino che si fonde con i riflessi rossastri della bolla che sovrasta un anello d’argento. Chi pensa che il pyrex sia relegato a cucina e laboratori dovrà ricredersi guardando le collane di kareN GiLbert in cui questo vetro viene lavorato in sottili tubi o perle interagisce con pietre e metalli preziosi creando strutture che si muovono sul corpo, sempre caratterizzate da una qualche forma di intenzionale imprecisione, come se fossero 1. Orfeo Quagliata, anelli in vetro soffiato; 2. Carolina Vallejo, anelli in argento e vetro; 3. Benjamin lignel, collana in argento, vetro pyrex e perle di vetro; 4. Benjamin lignel, argilla sintetica, vetro, glicerina e polvere d'oro; 5. Barbara Paganin, spilla in argento ossidato, oro, brillanti e vetro soffiato a mano; 6. Orfeo Quagliata, collana in vetro soffiato; 7. alena Hesounova, anelli in bronzo, vetro, acciaio e olio; 8. Carolina Martìnez linares, spilla in vetro, argento e acciaio; 9. Sari liimatta, spilla in conteria di vetro, chiodi e gomma

8

create dalla natura. il mondo naturale è fonte d’ispirazione anche per barbara paGaNiN, artista veneziana che ha il vetro nel suo dNa. Le strutture geometriche e gli organismi creati dalla natura diventano affascinanti gioielli in cui l’eleganza del vetro soffiato si riflette nel metallo. La spagnola CarOLiNa martìNez LiNareS ricrea cortecce di alberi, corazze di insetti e gli organi interni del corpo umano semplificandoli in linee morbide e fluide. il suo intento è quello di rendere attraente anche ciò che nella realtà non lo è, come gli organi interni, e la scelta del vetro accresce la pulizia del disegno dando vita a creature futuristiche e lucenti. bizzarre creature sono invece quelle originate dalla fantasia di Sari Liimatta, che con una

9

manciata di chiodi e perline riveste qualsiasi sagoma trasformandola in gioiello. partendo da vecchi giocattoli e manichini, crea meravigliose corazze che sono un trionfo di conterie coloratissime. Colorato o trasparente, soffiato ad arte o di riciclo, il vetro è un materiale che offre innumerevoli spunti espressivi e stuzzica la fantasia di designer e artisti.

UNa reLaziONe COmpLiCata artisti, si obietterà, le loro erano sculture da corpo non gioielli. Le avanguardie olandesi e britanniche hanno poi radicato la ricerca del valore concettuale anche tra gli orafi. A quel punto materiali poveri come la carta, il ferro, le plastiche, il vetro sono entrati stabilmente nel lessico dell’ornamento, senza preclusioni geografiche o disciplinari. dalle meravigliose gorgiere in carta di NeL LiNNSeN ai grovigli in resina di GaetaNO peSCe, dalle sperimentazioni in plexiglas di GiJS bakker alle sfumature in niello di GiampaOLO babettO o alla sofisticata eleganza dell’acciaio serigrafato di GiaNCarLO mONtebeLLO. Ornamenti ad alto potenziale creativo realizzati con materiali non preziosi. nessuno mai li ha chiamati bijoux. Come mai? Forse perché una delle caratteristiche distintive del bijoux è la produzione industriale, sia in termini di numeri che di processi produttivi mentre questi sono evidentemente dei pezzi unici o delle piccole serie. ad esclusione dei bijoux de

couture - pezzi unici e prototipi realizzati espressamente per la sfilata - la principale differenza tra il gioiello e il bijoux sussiste proprio nella capacità produttiva di quest’ultimo che per primo ha trasferito all’ornamento i numeri e i processi della produzione industriale. Nei distretti industriali del bijoux come providence negli Stati Uniti, pforzheim in Germania o Casalmaggiore in italia erano prodotti migliaia di pezzi realizzati secondo logiche di processo industriali. tutto il ciclo - ricerca, progetto, produzione, distribuzione, comunicazione - era considerato un processo unitario e coerente che oggi definiremmo design driven. La potenza delle aziende americane o tedesche giaceva non soltanto nella loro capacità produttiva ma anche nel riconoscimento del loro valore da parte del sistema economico e sociale. Quando nel 1953 Mamie Doud Eisenhower esibì una parure di perle di Trifari al ballo per la presidenza del marito fu il segnale del cambiamento, la svolta che il gioiello fantasia era riuscito a sintetizzare tradi-

zione e innovazione, progresso ed eleganza. al bijou italiano è mancato tale riconoscimento con il risultato che si sono dispersi saperi e archivi, maestri e tecniche, e non gli è mai stata riconosciuta dignità merceologica o cultura di prodotto. Non aiutano neanche i sedicenti designer che passano con insopportabile disinvoltura dal gioiello d’autore al bijou senza capirne e conoscerne la differenza e inquinando così i caratteri distintivi di entrambi. Il bijoux italiano ha enormi potenzialità. Deve solo ri-scoprirle. Ora.


grinta e voglia di fare Vincenzo Giannotti ci spiega il suo tads

in “ Giovanni Micera, direttore di Preziosa Magazine e Vincenzo Giannotti, Presidente del Tads (Tarì Design School)

questo lavoro ci vuole grinta e voglia, ed è questo che ci aspettiamo dai nostri ragazzi, a tutti gli effetti i miei colleghi del futuro”. Come non apprezzare lo spirito e l’impegno del presidente Vincenzo Giannotti nel gestire il tads tarì design school” la scuola

di formzione del polo orafo campano. insediato da circa due anni, succedendo al precedente Presidente Puccio Pane, purtroppo scomparso pematuramente, Giannotti, con la collaborazione del direttore andrea Maria romano, ha avuto la capacità di riuscire a plasmare l’offerta formativa in considera-

148

zione dell’evoluzioni del mercato orafo e dei relativi sbocchi profesionali. dopo più di vent’anni di attività, oggi il tads, conta corsi in divere aree che spaziano dal designer del Gioiello a quello della Moda, dal corso biennale di Orafo a quello di Incastonatore, di Orologeria e Gemmologia. insomma una scuola a tutto tondo scelta, ogni anno, da oltre 100 alunni provenienti da tutto il centro-sud, con qualche presenza anche estera. Dunque innoVazione e TecnoloGia concepiti per stimolore la creatività dei giovani, senza però dimenticare la grande eredità tecnica che viene dal passato. “I giovani sono il futuro, ma il futuro si costruisce con il passato. Motivo per cui i nostri alunni devono imparare prima il lavoro al banco, poi possono “divagare” lasciando spazio alla loro creatività” - sottolinea il presidente. Su questa linea è forte la collaborazione con il mondo dell’impresa. Ogni alunno, durante il suo ciclo d’istruzione svolge almeno il 70 per cento delle ore tra laboratorio e stage preso realtà imprenditorali: non bisogna dimenticare che il solo polo del Tarì conta oltre 400

preziosa n. 5 / dicembre 2012 / preziosamagazine.com / tads

aziende. a testimonianza della qualità del lavoro svolto dal Tads ci sono le numerose collaborazioni nazionali e internazionali: prime fra tutte quelle con l’IGI Italia (Istituto Gemmologico Italiano) e l’accreditamento presso l’Eta, l’importante azienda svizzera produttrice di movimenti di orologeria appartenenete al gruppo swatch. “È stata per noi una grande soddisfazione essere una delle due realtà italiane scelte dal gruppo svizzero come partner accreditato. Grazie a questo accordo, i nostri ragazzi, una volta superata una selezione estremamente rigida, possono aspirare a continuare la loro formazione presso l’istituto svizzero, con buone possibilità di essere inseriti nelle loro strutture una volta concluso il periodo di studio” - ci racconta con una punta di orgoglio il presidente Giannotti. Per il futuro, l’offerta formativa del tads ri arricchirà di un ulteriore corso interamente dedicato al retails. “Come di consueto oltre alle normali ore in aula i nostri ragazzi continua il presidente Giannotti avranno la possibilità di ricevere testimonianze di operatori di settore”. a conclusione dei percorsi formativi, il tads, organizza i final work: un’importante opportunità per i giovani per presentarsi al mondo del lavoro. (GM)

i corsi del tads taridesignschool.it design DeSiGner Di MoDa il corso per Designer di Moda affronta tutti gli aspetti legati al design della moda, sia dal punto di vista della progettazione formale, che delle strategie di posizionamento sul mercato.

DeSiGner Del Gioiello il corso mira a formare designer di gioielli con una forte autonomia operativa, capaci di effettuare scelte coerenti, di rapportarsi con un committente e di soddisfarne tutte le possibili esigenze.

arte orafa orafo il corso si propone di formare professionisti abili nella creazione di gioielli e nella tecnica di lavorazione dei metalli preziosi. alla fine del percorso gli allievi saranno in grado di realizzare qualsiasi tipo di gioiello e sapranno applicare autonomamente tutte quelle tecniche necessarie alla produzione di oggetti di lusso originali e pregevoli, con una forte componente di design.

incaSSaTore Di PieTre PrezioSe il corso per incastonatore di pietre preziose, forma allievi in grado di fissare attraverso il montaggio le pietre preziose su oggetti di oreficeria e gioielleria.

orologeria oroloGiaio il corso vuole formare professionisti abili nel montaggio, smontaggio e riparazione di tutte le tipologie di orologi, che sappiano individuare con disinvoltura difetti e guasti dei meccanismi per provvedere allo loro correzione e riparazione.

gemmologia iDenTificazione e claSSificazione Del DiaManTe il corso (organizzato dal tads in collaborazione con l’ i.G.i., istituto Gemmologico italiano) vuole perfezionare le figure professionali che lavorano nel mondo del gioiello e dell’oreficeria con una competenza tecnica approfondita sull’identificazione e conoscenza del diamante.

analiSi Delle PieTre PrezioSe Di colore il corso (organizzato dal tads in collaborazione con l’ i.G.i., istituto Gemmologico italiano) mira a formare professionisti in grado di pervenire con facilità ad un’appropriata valutazione delle pietre di colore, condizione indispensabile per acquistare e vendere bene, attraverso un’attenta analisi qualitativa.

claSSificazione Delle Perle il corso (organizzato dal tads in collaborazione con l’ i.G.i., istituto Gemmologico italiano) mira a formare professionisti abili nel trattamento delle perle e nell’identificazione delle loro imitazioni.


GeMMOlOGIa Un CantIeRe aPeRtO di Paolo Minieri, Presidente GemTech; foto Paolo Cerruti

SI PUò FARE UN PARALLELO TRA LA NOSTRA PERCEzIONE dEL COLORE dEL VINO E QUELLA dEL COLORE dELLE PIETRE? POSSIAMO CAPIRE COME VIVEVA UNA CITTà dI SETTE MILLENNI FA PARTENdO dA REPERTI dI POChI FRAMMENTI dI TURChESE?

Q

uesti sono stati alcuni coinvolgenti spunti (rispettivamente di G. Parodi e a. Marras) del terzo convegno nazionale di Gemmologia Scientifica che si e’ tenuto, con un sostanziale successo, presso l’Istituto degli Innocenti a Firenze il 24 ed il 25 settembre 2012. Molti i temi intriganti ed inediti sotto i riflettori, ma anche tante comunicazioni incentrate su esperienze pratiche di laboratorio. l’atteSa COMUnICaZIOne DI JOHn kOIVUla, Il COaUtORe Del FOtOatlante Delle InClUSIOnI. Il contributo deI noto ricercatore Gia non e’ stato inferiore alle aspettative di un nutrito pubblico composto prevalentemente da gemmologi e studenti, ma con minore presenze di operatori orafi. Lo studioso californiano nel ribadire la centralità dell’indagine microscopica, la quale a suo giudizio resta il momento fondamentale nel quale l’analista decide il percorso di ulteriori indagini, ha velocemente fatto passare le sue apprezzatissime diapositive. Tra queste si sono viste vere primizie, soprattutto laddove le immagini ricavate da gemme abbellite con procedimenti recenti riproponevano scenari che potevano far pensare a quelli delle pietre non manipolate. attenZIOne alla nUOVa leGGe. In ItalIa SI SVOlta, SanZIOnI SeVeRe. La precisa comunicazione di alberto Scarani ha avuto il grande merito di procedere a puntuali chiarimenti di come ci si debba avvicinare ai fenomeni gemmologici nello spirito della nuova normativa sul commercio delle gemme che sta per entrare in vigore in Italia. Sulla legge e’ poi

152

preziosa­ n.­5­/­dicembre­2012­/­preziosamagazine.com / gemmologia­


intervenuta al convegno l’On. Mattesini su invito di eugenio Scandale, uno dei fondatori e vera anima del CIGES. La tecnica del gemmologo e’ al servizio della giurisprudenza. Michele Macrì ha aggiornato la platea sull’eldorado brasiliano puntualizzando alcune criticità quali ad esempio la promiscuità, che confonde l’operatore, tra le gemme carioca e quelle africane. la SPettROMetRIa, UnO StRUMentO DI InDaGIne PRIVIleGIatO. Come era prevedibile gli interventi accademici si sono contraddistinti per

abbondante quantità di dati propiziati dal robusto uso di strumentazione avanzata. In evidenza dunque l’analisi spettrometrica che ha fornito dati fondamentali che permettono di giungere all’identificazione di materiali non ancora esplorati con la profondità che queste tecniche oggi consentono. elena Gambini del Cisgem ha passato in rassegna, insieme alle perle, idrozoi ed Antozoi che si possono rinvenire in uso ornamentale e che naturalmente rilasciano spettri diversi dal corallium. anna Brajkovic dell’Università Milano-Bicocca si è soffermata sull’opale peruviano, alessandro lo Giudice dell’Università di Torino ha identificato marker di provenienza del lapis, Ilaria adamo dell’Università di Milano ha approfondito la tsavorite di Itrafo, Federico Pezzotta ha lavorato sulle tormaline dell’Elba e su quelle del Madagascar. karl Schmetzer e di Benjamin Rondeau hanno presentato lavori molto articolati ed esaustivi su alessandrite ed opali etiopici.

Il MOnDO UnIVeRSItaRIO e l’IMPRenDItORIa HannO tROVatO Un PeRCORSO COMUne? A convegno terminato resta sul tavolo una gran mole di dati specifici. Un arricchimento per la comunità gemmologica presente ai lavori. Si ha comunque l’impressione che solo a tratti il percorso di ricerca universitaria incroci incisivamente i nodi concreti della realtà quotidiana degli operatori. d’altro canto gli imprenditori del gioiello scontano una visione ancora in un certo modo ristretta alla pratica confermativa, all’identificazione. Ma almeno si è messo in moto un processo e i

risultati non tarderanno a venire soprattutto quando si affronteranno i temi dei fondamenti teorici della gemmologia su cui sussistono margini di ambiguità. Viene da pensare a Richard Hughes, un grande del settore, che non ha esitato ad attribuire al gemmologo una radice schizofrenica in quanto l’osservazione della pietra lo costringe a oscillare continuamente tra l’aspetto puramente fisico e sperimentale e quello emotivo. lO StUDIO Delle PIetRe PReZIOSe Ha DatO lUOGO aD Una VeRa e PROPRIa SCIenZa? A ben vedere, quando si iniziarono in epoca moderna indagini approfondite sui cristalli usati a scopo ornamentale ci si rese conto che non si poteva far altro che applicare i metodi propri della fisica e della chimica. Dove risiedeva allora la motivazione per fondare una disciplina nuova? la risposta era e resta: nell’incredibile impatto emozionale che hanno le gemme sugli esseri umani. La filiera orafa che utilizza la gemma non fa che sfruttare le caratteristiche

universali di attrazione e desiderabilità con cui la natura affascina da sempre donne ed uomini. Il senso dell’incontro di Firenze, se lo si potesse esprimere in sintesi, risiede nell’inevitabile necessità di allargare le frontiere della ricerca. non si può ignorare il collegamento con il colossale patrimonio simbolico delle pietre preziose, con le scienze umane, la storia, l’etnologia. Questa spinta a considerare i tanti aspetti che compongono la storia del rapporto tra l’uomo e le gemme era già chiaro a George kunz, il pioniere della gemmologia moderna. Un vero scienziato che, tra l’altro, lavorava per Tiffany. Il lavoro

comune tra scienziati ed operatori può attivare avvincenti tavoli di lavoro multidisciplinari. Gli imprenditori in questi incontri si possono convincere che impegnare più risorse nella ricerca rappresenta un ottimo investimento perché una crescita delle conoscenza si concretizza istantaneamente in valore aggiunto. Il mondo accademico può focalizzare la propria indagine sulle necessità specifiche della comunità del business e offrire chiavi interpretative inedite ed accattivanti.

Alcuni interventi tenuti al CIGES 2012 sono scaricabili presso questo link: http://www.paolocerruti.it/foto/ciges2012.pdf. Per un ulteriore resoconto si veda http://www.gem-tech.it/components/com_acaj oom/upload/CIGeS%202012.pdf

gemmologia / preziosamagazine.com / n.­5­/­diecembre­2012 preziosa­

153


RITARDI nEI PAGAMEnTI VIETATI PER LEGGE nEL 2013 recepita la direttiva europea sulla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali di Marco Cantarella direttore Federazione Orafi Campani

È

stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 267 del 15 novembre 2012 il decreto legislativo 9 novembre 2012 n. 192 che recepisce la direttiva europea sui ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali.

Le disposizioni contenute in tale normativa si applicano alle transazioni commerciali concluse a partire dal 1° gennaio 2013. il decreto fissa dei termini precisi per i tempi di pagamento oltre i quali scattano inesorabilmente gli interessi di mora. La norma, nelle intenzioni del Governo e della Comunità europea, vorrebbe porre un freno alla grave crisi di liquidità delle imprese, imponendo tempi certi nei pagamenti. Ora, se è vero che questo è un intendimento assolutamente condivisibile e meritorio per quanto riguarda i crediti verso la pubblica amministrazione – senz’altro il peggior pagatore d’italia – esso potrebbe rivelarsi un’arma a doppio taglio nei rapporti tra privati, nei quali, se è vero che i fornitori hanno diritto ad essere pagati in tempi ragionevoli, va anche considerato che a volte le dilazioni sono indispensabili per consentire a tante piccole imprese, specie quelle con difficoltà di accesso al credito, di restare sul mercato ed onorare i propri debiti, possibilità che potrebbe essere compromessa da una eccessiva rigidità nella definizione dei tempi di pagamento. in ogni caso, come vedremo, le nuove norme contengono alcuni elementi di flessibilità, specie in ordine alle possibilità di rateazione, che danno alle parti – compratore e venditore - la necessaria elasticità per definire i propri rapporti commerciali secondo le esigenze di ciascuno.

passiamo adesso ai particolari del provvedimento, precisando subito che esso si applica a tutti i pagamenti relativi alle transazioni commerciali, comprese quelle tra privati e Pubblica Amministrazione, eccetto: - i debiti oggetto di procedure concorsuali, comprese le procedure di ristrutturazione del debito; - i pagamenti effettuati a titolo di risarcimento del danno, compresi i pagamenti effettuati a tale titolo da un assicuratore. Gli importi dei pagamenti oggetto del decreto comprendono anche le imposte, i dazi, le tasse o gli oneri applicabili indicati nella fattura.

iniqui per il creditore”. L’”iniquità” dei termini di pagamento e di altre clausole contrattuali viene stabilita dal giudice, anche d’ufficio, ove ravvisi elementi di particolare gravità, quali lo scostamento evidente dalle prassi commerciali in uso o la non applicazione degli interessi di mora. quest’ultima è sempre ritenuta gravemente iniqua e quindi nulla.

Termini di pagamento

trascorso il termine legale, dal giorno successivo scattano automaticamente gli interessi moratori senza che sia necessaria la costituzione in mora del debitore. Gli interessi moratori sono determinati nella misura degli interessi legali di mora È anche possibile concordare tra i contraenti un tasso diverso, purché non sia gravemente iniquo per il creditore, oppure non superi, per il debiitore, la soglia del tasso usurario.

rappOrti tra impreSe il termine di pagamento è di 30 giorni, elevabili a 60, che decorrono dalla data di ricevimento della fattura, oppure di ricevimento delle merci o di prestazione dei servizi ove non vi sia data certa di ricevimento della fattura ovvero quando la data di ricevimento della fattura sia anteriore a quella del ricevimento delle merci o della prestazione dei servizi; il termine può decorrere anche dal momento dell’accettazione o della verifica della conformità della merce o dei servizi, qualora il debitore riceva la fattura prima di tale momento. resta ferma la facoltà delle parti di concordare pagamenti rateali. in tali casi, qualora una delle rate non sia pagata alla data concordata, gli interessi e il risarcimento previsti dalla norma sono calcolati esclusivamente sulla base degli importi scaduti. eccezionalmente possono essere pattuiti termini di pagamento superiori a 60 giorni purchè siano espressamente concordati per iscritto e non siano “gravemente

rappOrti CON La pUbbLiCa ammiNiStraziONe il termine è di 30 giorni, elevabile in certi casi (ad es. nel caso degli enti sanitari) fino a 60 giorni. Interessi di mora e spese di recupero

Gli interessi legali di mora corrispondono al tasso di riferimento della banca centrale europea maggiorato di otto punti percentuali il creditore ha inoltre diritto al rimborso dei costi sostenuti per il recupero delle somme non tempestivamente corrisposte. La norma fissa inoltre, a titolo di risarcimento del danno, un rimborso forfettario di 40 € che spetta al creditore anche senza la costituzione in mora del debitore. Naturalmente, è fatta salva la possibilità di provare un danno maggiore, compresi i costi di assistenza legale per il recupero del credito.

tecnico­amministrativo­/ preziosamagazine.com / n.­5­/­diecembre­2012 preziosa­

155


pm

tecnico amministrativo di Marco Cantarella direttore Federazione Orafi Campani

CONtrattO di appreNdiStatO

La via maeStra per eNtrare iN azieNda

d

iverse novità legislative negli ultimi due anni hanno rilanciato il contratto di apprendistato come lo strumento più adatto e conveniente per inserire dei giovani in azienda, da formare secondo le esigenze del ciclo lavorativo. inoltre sono stati attivati diversi provvedimenti agevolativi, sotto forma di sgravio o di contributo, che hanno elevato la soglia della convenienza di tale forma contrattuale. due sono le norme che hanno apportato le maggiori innovazioni: il Testo unico dell’Apprendistato - d.Lgs. 15 settembre 2011, n. 167, che ha complessivamente riordinato l’intera disciplina dell’apprendistato - e la “Legge Fornero” di riforma del mercato del lavoro (Legge 95/2012). vediamo innanzitutto come si configura il contratto di apprendistato secondo il testo Unico. il contratto di apprendistato si articola nelle seguenti tipologie: a) apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale; b) apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere; c) apprendistato di alta formazione e ricerca. La tipologia che interessa maggiormente le aziende del settore orafo, sia di produzione che di commercio, è quella b), ossia l’apprendistato professionalizzante. esso si definisce come un contratto “finalizzato all’acquisizione di una qualifica professionale ai fini contrattuali”. È applicabile ai soggetti di età compresa tra i diciotto e i ventinove anni. in tale contratto è determinante la figura del tutor aziendale, che dovrà seguire la formazione dell’apprendista, nonché la qualità del piano formativo individuale, che dovrà specificare con esattezza gli obiettivi formativi del contratto. Oltre alla parte pratica, è generalmente prevista anche una parte di formazione teorica (su materie generali come la sicurezza o il diritto del lavoro, ed altre attinenti alla professionalità da conseguire) che potrà svolgersi in azienda, se questa ha le capacità tecniche ed organizzative per effettuare tale formazione, oppure presso istituti di formazione accreditati a livello regionale. il contratto, il patto di prova ed il piano formativo individuale dovranno avere forma scritta (ciò vale per tutti i tipi di apprendistato).

retribuzione: agli apprendisti viene riconosciuta una retribuzione inferiore rispetto ai lavoratori qualificati a parità di mansioni contrattuali, per compensare l’impegno ed i costi relativi alla sua formazione. i criteri di calcolo della retribuzione dell’apprendista variano in base ai differenti contratti nazionali di categoria. per esempio, il contratto del Commercio offre la possibilità di inquadrare il lavoratore fino a due livelli inferiori rispetto alla categoria spettante. quindi, nelle imprese commerciali la retribuzione sarà, per la prima metà del periodo di apprendistato, di 2 livelli inferiori a quello proprio

156

della mansione professionale per cui è svolto l’apprendistato, e, per la seconda metà del periodo, di un livello inferiore al livello ordinario. Nei contratti dell’artigianato e dell’industria orafa, invece, la retribuzione dell’apprendista varierà in misura percentuale e in modo progressivo rispetto alla qualifica ed all’anzianità di servizio , calcolata per semestri; ad esempio, un apprendista potrà iniziare il suo periodo di lavoro col 60% della retribuzione spettante ai lavoratori qualificati di pari mansioni e terminare il periodo di apprendistato col 90%. Come detto, tali percentuali non sono fisse, ma variano in base alla qualifica ed alla durata del contratto. Durata del contratto: a) Commercio: da 24 a 48 mesi a seconda delle qualifiche. La legge Fornero ha stabilito una importante eccezione: per figure professionali caratterizzanti la figura dell’artigiano in qualsiasi settore d’impresa, (ad es. un addetto alle riparazioni in un negozio di gioielleria) potranno durare sino a 5 anni. questa è una innovazione fortemente voluta da Confcommercio poiché riconosce anche alle imprese commerciali la necessità di un periodo formativo più lungo per determinate figure professionali. b) Artigianato ed industria: da 3 a 6 anni in base alle qualifiche da raggiungere.

lavorazione non del tutto automatizzata, potrà avere un massimo di 9 dipendenti, compresi gli apprendisti in numero non superiore a 5; il numero massimo dei dipendenti può essere elevato fino a 12 a condizione che le unità aggiuntive siano apprendisti; c) l’impresa che svolge la propria attività nei settori delle lavorazioni artistiche, tradizionali e dell’abbigliamento su misura (tra cui le imprese orafe) potrà avere un massimo di 32 dipendenti, compresi gli apprendisti in numero non superiore a 16; il numero massimo dei dipendenti può essere elevato fino a 40 a condizione che le unità aggiuntive siano apprendisti.

nuove assunzioni di apprendisti: modalità e limiti per quanto riguarda la possibilità di attivare nuovi contratti di apprendistato per le aziende che avevano già in organico degli apprendisti, la legge Fornero ha riformulato le regole precedenti. essa prevede delle percentuali minime di riconferma, valide però solo per le aziende con 10 o più dipendenti: queste potranno assumere nuovi apprendisti solo se confermeranno almeno il 50% dei contratti di apprendistato scaduti nei 36 mesi precedenti la nuova assunzione, esclusi i contratti cessati per recesso durante il periodo di prova, per dimissioni ovvero per licenziamento per giusta causa. Per i primi 36 mesi dall’entrata in vigore della numero di apprendisti assumibili riforma, la percentuale di conferma sarà del il numero di apprendisti che ogni azienda può 30%. Gli apprendisti assunti in violazione dei liassumere dipende da due fattori: il rapporto miti percentuali saranno considerati lavoratori tra apprendisti e lavoratori qualificati, ed il nusubordinati a tempo indeterminato. in caso di mero di apprendisti confermati alla scadenza mancato rispetto della percentuale, il datore di del contratto. La Legge Fornero ha riformulato lavoro potrà assumere un solo apprendista in il rapporto tra lavoratori qualificati ed apprenpiù rispetto a quelli già confermati. disti, nella seguente misura che sarà valida dal ricordiamo che il CCNL terziario prevede 1 gennaio 2013: una percentuale di riconferma dell’80% ai fini datori di lavoro che 3 apprendisti ogni 2 lavoratori qualificati delle nuove assunzioni di occupano da 10 (ad es., azienda con 10 dipendenti potrà dipendenti in poi assumere 15 apprendisti). Concorrono apprendisti; tale norma al numero massimo di apprendisti anche meno favorevole ai daquelli in somministrazione tori di lavoro resta in vidatore di lavoro che un apprendista per ogni lavoratore gore fino alla scadenza occupa da 3 a 9 qualificato del CCNL. dipendenti

datori di lavoro che occupano da 0 fino a 2 dipendenti

Massimo 3 apprendisti

Attenzione: per gli artigiani restano validi i rapporti più favorevoli stabiliti dalla legge 443/85, art. 4 Si tenga presente che le imprese artigiane sono soggette a limiti dimensionali riguardo al personale impiegato, che non possono superare pena la perdita della qualifica di impresa artigiana. pertanto, il rapporto tra apprendisti e lavoratori qualificati nelle imprese artigiane é determinato in base a tali limiti, nel modo che segue: a) l’impresa che non lavora in serie potrà avere un massimo di 18 dipendenti, compresi gli apprendisti in numero non superiore a 9; il numero massimo dei dipendenti può essere elevato fino a 22 a condizione che le unità aggiuntive siano apprendisti; b) l’impresa che lavora in serie, purché con

agevolazioni per i datori di lavoro: queste le principali agevolazioni attualmente disponibili per i datori di lavoro che assumono apprendisti: Aliquote contributive ridotte: per le imprese con almeno 10 dipendenti, un’aliquota contributiva agevolata pari al 10% della retribuzione imponibile ai fini contributivi; - per le imprese con al massimo 9 dipendenti: - un’aliquota contributiva pari all’1,5% per i periodi contributivi maturati nel 1° anno di contratto di apprendistato; - un’aliquota contributiva pari al 3% per i periodi contributivi maturati nel 2° anno di contratto di apprendistato; - un’aliquota contributiva pari al 10% per i periodi contributivi maturati successiva-

preziosa­ n.­5­/­dicembre­2012­/­preziosamagazine.com / tecnico­amministrativo­

mente al 2° anno di contratto di apprendistato. a partire dal 1° gennaio 2013, poi, il datore di lavoro dovrà farsi carico di un ulteriore 1,61 relativo all’aSpi (assicurazione sociale per l’impiego), estesa agli apprendisti. L’aliquota contributiva in capo all’apprendista è, invece, sempre pari al 5,84%. esiste un ulteriore vantaggio per il datore di lavoro: il regime contributivo agevolato potrà essere mantenuto per un anno dopo il termine del contratto di apprendistato, se l’apprendista viene confermato in azienda. questo regime di aliquote è quello ordinariamente previsto per l’apprendistato; esso ha carattere di stabilità e non dipende da provvedimenti straordinari; le aliquote posono essere modificate mediante legge. vediamo ora le agevolazioni straordinarie: sgravi contributivi per le imprese con non più di 9 dipendenti che stipulano contratti di apprendistato tra il 1° gennaio 2012 e il 31 dicembre 2016 (introdotti dall’articolo 22 della Legge di stabilità 2012 - L. n. 183/2011-), Non tutti i datori di lavoro potranno usufruire di questo beneficio, ma solo quelli che occupano un numero di addetti pari o inferiore a nove. questi ultimi potranno beneficiare dello sgravio totale dei contributi a loro carico per i periodi contributivi maturati nei primi tre anni di contratto; per quelli successivi al terzo, resta confermata l’aliquota del 10%, fino alla scadenza del contratto di apprendistato.  Lo sgravio vale dal 1 gennaio 2012, e quindi anche per gli apprendisti assunti fino ad oggi. i datori di lavoro potranno recuperare i contributi versati che si trasformeranno in crediti contributivi, non appena invieranno la dichiarazione “de minimis”. per quanto riguarda il calcolo dei dipendenti (il cui numero, per aver diritto allo sgravio, non deve superare i 9 addetti) non vanno conteggiati gli apprendisti già in forza all’azienda. Non si perde il diritto allo sgravio se, nel corso dello svolgimento dei singoli rapporti di apprendistato, si verifichi il superamento del previsto limite delle nove unità. -

- Contributo AMVA: 4700 euro per ogni giovane assunto con contratto di apprendistato professionalizzante. il contributo sale a 5500 euro per i contratti di apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale (giovani da 15 a 25 anni). il contributo è disponibile per le assunzioni effettuate sino al 31.12.2012, ma probabilmente verrà prorogato. per accedere al contributo occorre registrarsi sul sito www.italialavoro.it/amva ed espletare la pratica per via telematica. Contributi delle Regioni: spesso le regioni prevedono, specie attraverso l’utilizzo di fondi europei, contributi per l’assunzione di apprendisti o per lo svolgimento dell’attività formativa durante l’apprendistato professionalizzante. per tali incentivi occorre fare riferimento ai competenti uffici delle diverse regioni.


LA FORMAZIONE IN GEMMOLOGIA A NAPOLI E IN CAMPANIA

www.gem-tech.it

ORGANIZZAZIONE DI TUTTI I CORSI DI GEMMOLOGIA DELL’INTERNATIONAL GEMOLOGICAL INSTITUTE Calendario corsi IGI gennaio/febbraio 2013 28-29-30 gennaio | Analisi qualitativa e valutazione delle perle 4 - 8 febbraio | Identificazione gemme di colore 18-22 febbraio | Analisi qualitativa e valutazione del diamante corso base 25 febbraio-1 marzo | Analisi qualitativa e valutazione del diamante corso specializzazione Inoltre, oltre agli altri corsi in preparazione a completamento del calendario del primo trimestre

dal 3 al 5 giugno 2013 | Analisi qualitativa e valutazione delle perle

Sede dei corsi: Aula Gem-tech. Centro Oromare 81025 MARCIANISE prenotazioni online www.gem-tech.it clicca su prenotati per i nostri corsi oppure contatta la segreteria 392 7514983 e 0823 837635


Profile for GOLDEN AGENCY

Preziosa Magazine  

Rivista del settore orafo e di gioielleria

Preziosa Magazine  

Rivista del settore orafo e di gioielleria