Page 42

nato il laboratorio per la lavorazione del corallo: “Da lì ci siamo specializzati diventando un supporto per gli attuali clienti. Restiamo nell’ambito del semilavorato o finito da montare, quello che verrà montato dai grossisti con le varie leghe sia d’oro che argento, sia nelle misure standard che su misura”. I prodotti offerti dalla ditta Di Gennaro hanno varcato i confini italiani ma lo spirito è rimasto sempre quello dell’azienda a conduzione familiare: “Siamo in quattro che portiamo avanti la nostra azienda dal 1991. Oggi lavoriamo molto sia in import che in export sui mercati statunitensi e asiatici. Inoltre importiamo perle australiane di fascia medio-alta. Da qualche anno abbiamo rivolto la nostra attenzione ad un prodotto in argento e corallo

o con l’aggiunta di ebano, il tutto ovviamente è sempre rivolto ai grossisti”. Una grande voglia di guardare avanti senza perdere di vista quello che succede nel mondo: “Abbiamo una grande voglia di proseguire nel solco della nostra tradizione. La grande crisi non ci scoraggia anche se anche il nostro settore ne risente. Chi ha la possibilità di offrire più prodotti è avvantaggiato rispetto a quelli che ne lavorano uno soltanto. Noi rientriamo in questa ultima categoria e fortunatamente bilanciamo le carenze. Ma come tutti abbiamo subito un calo dell’attività lavorativa”. Il futuro del settore non è roseo: “Adesso esistono strutture scolastiche per formare i ragazzi e avviarli verso questo lavoro, il problema però è che non c’è la possibilità da parte delle aziende di assorbire i ragazzi che

si sono formati. In questo senso c’è una regressione a scapito di quella che da sempre è stata una tradizione a sostegno di una delle attività del nostro luogo d’origine”. Anche i grandi consorzi non allettano la ditta: “C’è stato proposto di entrare sia in Oromare che in altri consorzi. Ma in questo momento sono strutture non ancora adatte a noi. Essendo un’azienda familiare legata a doppio filo con il territorio, dislocarla vuol dire togliere le radici e anche tanti vecchi clienti. Per questo sono contrario al trasferimento, perché è economia che si toglie alla città di origine”. Lasciato alle spalle l’anno nero, l’obiettivo finale del 2009: “Mantenere le quote di mercato in una situazione poco felice e cercare di spingere per acquisire nuova clientela, manchiamo un po’ nel centro Italia”.

Profile for GOLDEN AGENCY

n. 4 marzo aprile 2009  

quarto numero della rivista preziosa

n. 4 marzo aprile 2009  

quarto numero della rivista preziosa