Issuu on Google+

SKATEBOARDINg N.7


01A

ERIC KOSTON TEST NO.14

11:09:24

FRAME -004

PIX 256

01A

ERIC KOSTON TEST NO.14

11:11:36

FRAME -008

PIX 256

01A

ERIC KOSTON TEST NO.14

FRAME -012

PIX 256

DATE 04/01/12

11:15:04

FRAME -015

PIX 256

01A

ERIC KOSTON TEST NO.14

DATE 04/01/12

11:13:15

01A

ERIC KOSTON TEST NO.14

DATE 04/01/12

DATE 04/01/12

11:17:16

FRAME -019

PIX 256

DATE 04/01/12

01A

ERIC KOSTON TEST NO.14

11:09:57

FRAME -005

PIX 256

01A

ERIC KOSTON TEST NO.14

11:12:09

FRAME -009

PIX 256

01A

ERIC KOSTON TEST NO.14

FRAME -013

PIX 256

DATE 04/01/12

11:15:37

FRAME -016

PIX 256

01A

ERIC KOSTON TEST NO.14

DATE 04/01/12

11:13:48

01A

ERIC KOSTON TEST NO.14

DATE 04/01/12

DATE 04/01/12

11:17:49

FRAME -020

PIX 256

DATE 04/01/12

01A

ERIC KOSTON TEST NO.14

11:11:03

FRAME -007

PIX 256

01A

ERIC KOSTON TEST NO.14

11:12:42

FRAME -010

PIX 256

01A

ERIC KOSTON TEST NO.14

FRAME -014

PIX 256

DATE 04/01/12

11:16:10

FRAME -017

PIX 256

01A

ERIC KOSTON TEST NO.14

DATE 04/01/12

11:14:31

01A

ERIC KOSTON TEST NO.14

DATE 04/01/12

DATE 04/01/12

11:17:49

FRAME -024

PIX 256

DATE 04/01/12


Papik Rossi

Front Board Roma Ph. Mirai Pulvirenti


EDITORIAL Txt. Papik Rossi Una delle tante condizioni che rende lo skateboarding quello che è, è sicuramente la sua essenza underground, volendo la definirei anche come “skate attitude”, quella cosa che tra skater è telepatica. In quasi tutti i casi basta un solo colpo d’occhio per identificare il tipico sorcio di strada d.o.c… Parlare di skate attitude quando si rimane a casa perché non c’è supporto filmico/ fotografico è quasi ridicolo anche se questa è la consuetudine; trovare volgari scuse perché la fame di strada non è più quella di prima è un diversivo che non potrà mai essere nascosto a chi skatea insieme a te. Poi è anche vero che molti devono pur andare avanti per rimediare tavole scarpe accessori ecc. ma credo che uno skater dovrebbe ambire ad essere sostenuto per quello che è e non per quello che fa e ricordarsi che i momenti migliori della sua carriera li ha vissuti nella lotta per il riconoscimento che gli spetta! Un noto skater/owner una volta mi raccontò che la sua company era tenuta in vita esclusivamente dal suo vero lavoro e che con i soldi guadagnati dalla vendita delle tavole sosteneva il team affinché mantenesse il proprio temperamento fiero e autentico. Questa company è ancora in piedi e diversamente dalle altre non è una di quelle cose che un giorno o l’altro verrà ceduta ad una lobby che comprerà altri skater pronti a fare “le scarpe” al loro sponsor di una vita.  Quando un paio di scarpe, delle tavole, i soldi o qualsiasi altro regalo viene prima della gioia di skateare, lo skater è morto e con lui lo skateboarding.

One of the many conditions that makes skateboarding what it is, is for sure its underground essence. In other words the “skate-attitude” which among skaters is telepathic. In most cases all you need is a quick glance to recognize the typical O.G. Street Rat… Spending the day at home talking about skate-attitude because there is no available filmer or photographer is damn near ridiculous even though it has become a routine habit. Trying to find ordinary excuses because your street appetite is not as strong as it used to be is a subterfuge that is difficult to keep hidden from the homies you skate with. Although it is true that many of us need to do what we do in order to scrape up boards, shoes, etc., in my opinion a skater must aim at being supported for WHO he is, not for WHAT he does, always keeping in mind that the best moments of his career are during the struggle for his welldeserved recognition! A well known skater/owner once told me that his company was kept alive solely by his real job and that with the money he made by selling boards he supported his team so it could maintain its proud and genuine temperament real. This company is still in business and unlike other skate brands is not likely to be surrendered to a lobby that will buy other skaters willing to pull the rug out from under their lifetime sponsor. When a pair of shoes, boards, money or any other free item comes before the joy of skateboarding, the skateboarder is already dead and so is skateboarding.   


Danny Galli

Tailslide Over the Gate Malmรถ Ph. Fede Romanello


Ghigo Borchi

Bump To Bump Ollie Campi Bisenzio Ph. Marzo


Nick Maughan

Back Tail Canberra Ph. Marcello Guardigli


BARCELONA AGAIN? YES, AGAIN!

14

PURE07


Txt: Lerri Frassine · Ph: Luca Carta Sveglio per la prima volta nel mio letto dopo un viaggio, water, acqua con il sapone sulle mani, latte con i biscotti nella bocca, 2 messaggi nel computer: il primo: Mirai; allega le foto che Luca ha scattato la settimana prima e chiede di scrivere qualcosa a riguardo. Penso subito: “Una delle cose che odio di più di Barcelona è che devo sempre stare in università quando i miei amici organizzano delle mission fighe. O forse le organizzano apposta quando non ci sono... E in quei giorni egli disse loro: “arriverò a Barcelona per un certo tempo e sarete produttivi, avrò uno zoom che arriva lontano.” E qualcuno rispose senza indugio alcuno: “Io c’ho uno zoom di 20cm!” Ed egli venne copiosamente. Con l’attrezzatura, tanto mare e il clima mite.” Il secondo messaggio: una ragazza. Allega una foto a culo nudo in un locale. Nella foto il mio culo, sabato notte, 3 giorni prima, durante la festa di un contest organizzato nella mia città. “Fai delle coccole super” dice. Nessun ricordo, nessuna reazione. No, non ho idea di chi sia e cosa stia dicendo. Però dalla sua voglia di ufficializzare la nostra amicizia attraverso il social network, intuisco che è giovane, carina, probabilmente fertile, ma apparentemente non impegnata in relazioni complicate/aperte (sì lo so di essere un principiante dell’indagine attraverso Il Socialnetwork). Ah sì! Le piace lo skateboard… • I’m awake in my bed for the first time after coming back from a trip... bathroom, water and soap on my hands, cookies and milk in my mouth, and 2 messages on my computer: the first one is from Mirai; he’s sending me the photos Luca took the week before asking me to write something about them. I immediately think: “One of the things I hate the most about Barcelona is that I always have to stay at university while my friends are organizing cool missions. Or maybe they organize them on purpose when I’m not there. And they were told: “I’ll be coming to Barcelona for a short time and you will be productive, I’ll bring along a zoom that sees far away.” And someone else answered without hesitation: “I have a 20cm zoom!”And thus he came. With him his gear, the beautiful seaside and mild weather.” The second message: from a girl. She sent me a photo of a naked ass taken at a nightclub. That was my ass in the photo, on saturday night, 3 days earlier that is, during a contest organized in my city. “You cuddle superbly” she wrote. No memory whatsoever, no reaction at all. No, I absolutely have no idea who she is and what she’s talking about But from her desire to make our friendship official I gather that she is young, cute, probably fertile, but apparently not committed to any complicated/open relationships (yeah, I know I’m a beginner in the art of investigation on The Socialnetwork). Oh yeah! She likes skateboarding...

15

PURE07


Mauro Caruso Back Smith

16

PURE07


Ora: io sono in ritardando per scrivere queste 10 frasi, un po’ perché l’unversità ci risucchia, un po’ per il lavoro arretrato, e un po’ perché ho una maledetta voglia di skateare quando ho 3 ore libere!! Però mi preoccupo un po’ per la mia memoria. Forse, mi dicono dalle retrovie: “skateare tutto il giorno, non mangiare, andare a fare il cretino al concerto dei Primus con il tuo migliore amico e finire all’alba tentando di addentare il panino (40% fatto d’olio) non è del tutto salubre”. “cazzo vuoi? poi mi lavo i denti sempre” rispondo con fermezza, “Vedrai che pop che c’ho domani”. In ogni caso, Barcelona mi ha insegnato cose importanti. Non lasciare mai mai mai il Bad Salo da solo con gli zaini, si dimenticherà della loro importanza, incluso della loro esistenza; in compenso puoi aspettare che finisca il pranzo e mangiare i suoi “avanzi”, che pesano troppo per essere portati allo spot successivo Se un giorno nella vita ti capita di aver bisogno di certezze, confida negli sw flip di Mauro. ‘Mbare, manco ollie faccio così! Finisce che sono le 3 del mattino, altri biscotti in bocca, altri messaggi nel computer, mi infilo sotto al piumone. La voglia di skateare è tanta, che fatico ad addormentarmi; tanta, come quella di condividere altre esperienze, grandi.piccole.medie, con le persone giuste. • Well now, I’m kinda late writing these 10 lines, partly because university takes up all my time, partly because of overdue work, and also because whenever I have 3 hours of free time I wanna go skate! But I’m kinda worried about my memory. Maybe, someone tells me from behind: “skating all day long without eating, acting like a fool at the Primus concert with your best friend, and struggling to take a bite out of a sandwich (40% made of oil) at dawn, is not altogether healthy.” “What’s your fucking problem? I always wash my teeth afterwards” I respond firmly, “You’ll see the pop I’ll have tomorrow. Anyways, Barcelona has taught me some important things. Never ever leave Bad Salo alone with the backpacks, he’ll surely forget of their importance, let alone of their existence; in return you can wait till he finishes his lunch to eat his “leftovers” that are definitely too heavy to take along to the next spot. If at any time in your life you need any certainties, you can always rely on Mauro’s switch flips. “Dude I can’t even do ollies this well!” It’s now 3 in the morning, with more cookies in my mouth and more messages on my computer I slip into bed. I wanna skate so badly I can’t fall asleep, as badly as the desire to share more experiences, large, medium, and small, with the right people.

17

PURE07


18

PURE07


Lerri Frassine

5-0 Grind

19

PURE07


20

PURE07


Bad Salo Kickflip

21

PURE07


22

PURE07


Mauro Caruso B.S. Tailslide

23

PURE07


Dave Cattaneo Pop Shovit

24

PURE07


25

PURE07


26

PURE07


Mauro Caruso

Switch Flip

27

PURE07


MIDNIGHTS OF ROMA Txt: Jonathan Levin · Ph: Mirai

Non potrei descrivere Roma di notte senza parlare del suo esatto opposto, ossia di giorno. D’inverno umidità e foglie tutt’intorno, d’estate asfalto bollente ne fanno un forno. Roma di giorno è asfissiante come l’asma che attanaglia i miei polmoni. In un’ attimo ti fa girà li coglioni. Roma di giorno è claustrofobica, la folla non t’accanna n’secondo. Da Porta Maggiore a Porta Pia, fa pensieri lucidi è quasi n’utopia. Roma di giorno è schizofrenia allo stato puro, avoja te a dà le capocciate ar muro! Mille rumori, assordanti, generano caos dentro me. Il silenzio della notte in confronto è pace, se respira meglio perché er traffico tace. Di notte rifletto più facilmente,

come la luce giallastra dei lampioni che riflette sul travertino bianco. Per assurdo di giorno io so’ sempre stanco. E’ col buio che dò il meglio di me stesso, esco più spesso, e lascio le mie orme mentre la maggior parte della gente dorme. Roma di notte per me è la tanto temuta solitudine che colpisce come un’ incudine. Io la amo per questo, e riesco finalmente a ritrovar me stesso. Esploro vie e vicoli sconosciuti del mio inconscio cercando un senso, più cerco e più mi perdo nell’ immenso. Tutte le vie portano a Roma. Tutte le vie portano dentro me stesso. RomAmoR.


Jonathan Levin Nose Grind


Michele & Lorenzo Marconi Back & Front Smith


Papik Rossi Ollie


Henrique Gonรงalves F.S. Bluntslide Zurigo Ph. Alan Maag


Pascal Leniston

F.S. Noseslide To Fakie Melbourne Ph. Marcello Guardigli

40

PURE07


Max Schubert

B.S. Ollie Over Channel McMinnville Ph. Marcello Guardigli

41

PURE07


Tim McDougall

Lip Slide Portland Ph. Marcello Guardigli

42

PURE07


Nikolai Danov

Switch Flip Civitavecchia Ph. Mirai Pulvirenti

43

PURE07


44

PURE07


Luca Doneddu

Switch Heelflip, Switch Flip Cagliari Ph. Alessandro Volpin

45

PURE07


Giorgio Zattoni Happy 20 Years!

46

PURE07

Above: Flip Indy Right: Madonna Marianna HC Ph. Luca Carta


Jordi Mathis

Flip Footplant Zurich Ph. Alan Maag


Editor

Presso srl www.presso.it

Supervisor

Mirai Pulvirenti mirai.p@pureskateboarding.it

Ph. Editor

Luca Carta luca.c@pureskateboarding.it

Layout

scarful scarful@scarful.com

Translation Jonathan Levin

Photographers

Luca Carta, Alan Maag Mirai Pulvirenti, Marzo Marcello Guardigli Ale Volpin Fede Romanello

Cover

Lerri by Luca Carta



PURE 07