Page 1

PERNAZZA GROUP SRL MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

INDICE SEZIONE 0.

INTRODUZIONE...................................................................................................................... 4 0.1 Generalità ........................................................................................................................... 4 0.2 Approccio per processi ..................................................................................................... 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE ............................................................................... 5 2. RIFERIMENTI NORMATIVI .................................................................................................. 6 3. TERMINI E DEFINIZIONI ...................................................................................................... 6 4. SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’-SICUREZZA-AMBIENTE ............. 7 4.1 Requisiti generali............................................................................................................... 7 4.2 Requisiti relativi alla documentazione ........................................................................... 8 4.2.1 Classificazione documenti ....................................................................................... 8 4.2.2 Manuale di Gestione Integrata ................................................................................ 9 4.2.3 Tenuta sotto controllo dei documenti .................................................................... 9 4.2.4 Tenuta sotto controllo delle registrazioni ............................................................ 10 4.3 PIANIFICAZIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA............................................... 11 4.3.1 Identificazione dei pericoli e degli aspetti ambientali, analisi dei rischi e definizione dei controlli ......................................................................................................... 11 4.3.2 Requisiti Legali e aggiuntivi in materia ambientale e di salute e sicurezza ... 12 5. RESPONSABILITA’ DELLA DIREZIONE .......................................................................... 12 5.1 Impegno della Direzione ................................................................................................ 12 5.2 Orientamento al cliente .................................................................................................. 13 5.3 Politica per la Qualità Sicurezza e Ambiente ............................................................. 13 5.4 Pianificazione ................................................................................................................... 14 5.4.1 Obiettivi per la Qualità ........................................................................................... 14 5.4.2 Pianificazione del Sistema di Gestione Integrata ............................................... 14 5.5 Responsabilità, autorità e comunicazione ................................................................... 15 5.5.1 Responsabilità e autorità ........................................................................................ 15 5.5.2 Rappresentante della Direzione ............................................................................ 15 5.5.3 Comunicazione interna ed esterna, partecipazione, consultazione................. 16 5.6 Riesame di Direzione ...................................................................................................... 16 5.6.1 Generalità ................................................................................................................. 16 5.6.2 Elementi di ingresso per il riesame ...................................................................... 16 5.6.3 Elementi in uscita dal riesame ............................................................................... 17 6. GESTIONE DELLE RISORSE ................................................................................................ 18

1/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

6.1 Messa a disposizione delle risorse ................................................................................ 18 6.2 Risorse umane.................................................................................................................. 18 6.2.1 Generalità ................................................................................................................. 18 6.2.2 Competenza, formazione-addestramento e consapevolezza ........................... 19 6.3 Infrastrutture.................................................................................................................... 19 6.4 Ambiente di lavoro ......................................................................................................... 20 7. REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO .................................................................................. 20 7.1 Gestione delle commesse ............................................................................................... 20 7.2 Processi relativi al cliente ............................................................................................... 21 7.2.1 I requisiti relativi al prodotto ................................................................................ 21 7.2.2 Riesame dei requisiti contrattuali ......................................................................... 21 7.2.3 Comunicazione con il Cliente ................................................................................ 22 7.3 Progettazione ................................................................................................................... 22 7.3.1 Pianificazione della progettazione e sviluppo .................................................... 22 7.3.2 Elementi in ingresso alla progettazione e sviluppo ........................................... 24 7.3.3 Elementi in uscita dalla progettazione ................................................................. 24 7.3.4 Riesame della progettazione.................................................................................. 24 7.3.5 Verifica della progettazione ................................................................................... 25 7.3.6 Validazione della progettazione ........................................................................... 25 7.3.7 Tenuta sotto controllo delle modifiche della progettazione ............................. 25 7.4 Approvvigionamento ..................................................................................................... 26 7.4.1 Processo di approvvigionamento ......................................................................... 26 7.4.2 Informazioni relative all’approvvigionamento .................................................. 27 7.4.3 Verifica dei prodotti approvvigionati .................................................................. 27 7.5 Produzione ed erogazione del servizio ........................................................................ 28 7.5.1 Tenuta sotto controllo delle attività di produzione e dell’erogazione del servizio 28 7.5.2 Validazione dei processi di produzione e di erogazione del servizio ............. 28 7.5.3 Identificazione e rintracciabilità dei materiali .................................................... 29 7.5.4 Proprietà del Cliente ............................................................................................... 30 7.5.5 Conservazione del prodotto .................................................................................. 31 7.6 Tenuta sotto controllo dei dispositivi di monitoraggio/misurazione ...................... 31 7.7 Preparazione e risposta alle emergenze ....................................................................... 32 8. MISURAZIONE, ANALISI E MIGLIORAMENTO ........................................................... 32 8.1 Generalità ......................................................................................................................... 33 8.2 Monitoraggio e misurazione ......................................................................................... 33 8.2.1 Soddisfazione dei clienti ........................................................................................ 33 8.2.2 Audit interno ........................................................................................................... 33 8.2.3 Monitoraggio e misurazione dei processi ........................................................... 34

2/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

8.2.4 Monitoraggio e misurazione dei prodotti e delle opere .................................... 35 8.2.5 Valutazione delle conformità legislativa ............................................................. 35 8.3 Gestione delle non conformità ...................................................................................... 36 8.3.1 Tenuta sotto controllo dei prodotti non conformi .............................................. 36 8.3.2 Non conformità relative alla salute e sicurezza .................................................. 36 8.3.3 Monitoraggio degli Eventi OH&S ........................................................................ 37 8.3.4 Non conformità ambientali .................................................................................... 37 8.4 Analisi dei dati................................................................................................................. 38 8.5 Miglioramento ................................................................................................................. 38 8.5.1 Miglioramento continuo ........................................................................................ 38 8.5.2 Azioni correttive ...................................................................................................... 38 8.5.3 Azioni preventive .................................................................................................... 39

3/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

0. INTRODUZIONE 0.1 Generalità Il presente manuale ha lo scopo di fornire un quadro di riferimento del Sistema di Gestione attraverso il quale la Pernazza Group s.r.l. attua la politica integrata per qualitàsicurezza-ambiente, in accordo ai principi ed ai metodi definiti nelle norme UNI EN ISO 9000:2008, BS OHSAS 18001:2007 e UNI EN ISO 14001:2004. La decisione strategica di attuare un sistema di gestione integrato qualità-sicurezzaambiente è stata presa dalla Direzione con l’obiettivo principale di realizzare, attraverso un valido servizio, il miglioramento della Pernazza Group s.r.l. favorendo l’acquisizione dei lavori, la soddisfazione dei committenti, la prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali e la riduzione degli impatti ambientali dei processi aziendali. Si è infatti ritenuto che fosse fondamentale, per il conseguimento di tale obiettivo, l’introduzione di un Sistema di gestione integrata qualità-sicurezza-ambiente che regolamentasse e standardizzasse l’operato della Pernazza Group s.r.l. cosi che la costruzione degli impianti e l’erogazione dei servizi avvenisse in accordo con i requisiti delle sopraccitate norme e nel pieno rispetto dei requisiti cogenti nel settore edile ed energetico in materia di prodotto, di salute e sicurezza dei lavoratori ed in materia ambientale. La Pernazza Group s.r.l. è un’impresa con sede legale ed operativa a Narni - Strada della Selva n°40 C.A.P. 05035 Narni (TR). I principali servizi prestati sono:  Fornitura ed installazione di impianti termoidraulici;  Esecuzione di manutenzione ordinaria e straordinaria di impianti termoidraulici;  Esecuzione di modifiche ed ammodernamenti di impianti termoidraulici;  Esercizio e manutenzione di impianti termici con assunzione di responsabilità;  Fornitura e installazione di impianti di condizionamento;  Esecuzione di manutenzione ordinaria e straordinaria di impianti di condizionamento;  Esecuzione di modifiche ed adeguamenti di impianti di condizionamento;  Modifiche e/o ristrutturazione per interni (pavimenti, intonaci, fondelli), tinteggiatura interna ed esterna, edifici e opere di muratura all’interno di edifici esistenti senza modificare in alcun modo la struttura portante.

4/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

0.2 Approccio per processi L’ attività della Pernazza Group s.r.l. si sviluppa lungo i processi definiti in relazione all’influenza diretta od indiretta sulla qualità del servizio offerto al cliente. La mappa dei processi, in allegato al presente Manuale, schematizza tali processi e i collegamenti tra di essi, costituiti dagli elementi entranti e uscenti dai processi stessi. In particolare, i processi fondamentali sono i processi di:  Direzione  Sviluppo del personale  Comunicazione  Gestione risorse materiali  Processo commerciale  Approvvigionamento materiali  Progettazione  Manutenzione e Assistenza  Esecuzione lavori grandi cantieri  Processo di monitoraggio e miglioramento continuo. L’approccio per processi oltre a descrivere tutte le attività aziendali, permette in particolare di predisporre per ogni singolo processo obiettivi, politica e parametri di controllo basati su dati oggettivi. Rif. Mappa dei processi

1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Il Sistema di Gestione Integrata (abbreviato SGI) descritto nel presente manuale e nella documentazione in esso richiamata è conforme ai requisiti delle norme UNI EN ISO 9000:2008, BS OHSAS 18001:2007 e UNI EN ISO 14001:2004 relativamente al seguente campo di applicazione:  PROGETTAZIONE, INSTALLAZIONE, CONDUZIONE E MANUTENZIONE DI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO E DI CONDIZIONAMENTO;  PROGETTAZIONE E INSTALLAZIONE DI IMPIANTI IDRAULICI;  RISTRUTTURAZIONE DI INTERNI DI EDIFICI SENZA MODIFICHE DELLE STRUTTURE PORTANTI.

5/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

2. RIFERIMENTI NORMATIVI Il SGI, oltre ad osservare i requisiti specificati nelle norme UNI EN ISO 9000:2008, BS OHSAS 18001:2007 e UNI EN ISO 14001:2004, ha come riferimento tutte le normative tecniche e le disposizioni di legge applicabili per il settore elettrico e termoidraulico, tutte le normative tecniche e le disposizioni di legge applicabili per il settore edile e tutte le leggi applicabili in materia di salute e sicurezza dei lavoratori e in materia ambientale. Tutte le normative e le leggi applicabili sono disponibili presso la struttura e sono aggiornate ed integrate essenzialmente attraverso le informazioni sistematiche provenienti dall’Associazione Imprenditoriale di riferimento (API), da riviste di settore e da siti internet specializzati. Rif. Lista documentazione valida Sistema Qualità – Sezione documenti di origine esterna.

3. TERMINI E DEFINIZIONI Nella documentazione di Sistema Qualità si sono utilizzati i termini e le definizioni di cui alla ISO 9000. ACQ: ATE: DA: DG: DL: DP: DT: DVR: GAR: MGI: OFF: RDD: RLS: RQ: RSPP: SEA: SGI: TEC:

Ufficio Acquisti Assistente Tecnico Responsabile Direzione Amministrativa Direzione Generale - Amministratore Unico Responsabile Ufficio Legale Responsabile Ufficio Progettazione Responsabile Direzione Tecnica Documento di Valutazione dei Rischi Responsabile Ufficio Gare Manuale di Gestione Integrata Responsabile di Officina Rappresentante della Direzione Rappresentante dei lavoratori per la Sicurezza Responsabile Qualità Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione Segreteria Amministrativa Sistema di Gestione Integrata Qualità-Sicurezza-Ambiente Tecnici di Assistenza e Manutenzione

6/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

UA: PSC: POS: PSS: PdQ: PO:

Amministrazione Piano di Sicurezza e Coordinamento Piano Operativo di Sicurezza Piano di Sicurezza Sostitutivo Piano della Qualità Procedura Operativa

4. SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’-SICUREZZAAMBIENTE 4.1 Requisiti generali L’adozione di un Sistema di Gestione Integrata Qualità-Sicurezza-Ambiente consiste: 1) nel determinare da parte della Direzione gli obiettivi, la politica e le strategie aziendali a partire dall’analisi delle esigenze del cliente; 2) nell’identificare tutti i processi aziendali che concorrono a determinare la Qualità dei servizi offerti e la loro interrelazione, con relativi input e output, che ne evidenziano il valore aggiunto e nella contestuale individuazione dei pericoli e valutazione dei rischi associati nonché dall’analisi ambientale iniziale. La relativa descrizione è riportata, come anticipato nel §0.2, nella Mappa dei processi; 3) nell’impiantare un sistema documentale di prescrizione e di registrazione (ved. §4.2), descritto nel documento denominato Lista documentazione valida Sistema Qualità, la cui applicazione sistematica garantisce la conformità ai requisiti contrattuali, cogenti e della normativa di riferimento; 4) nel definire criteri e metodi per il funzionamento ed il controllo dei processi e delle relative interrelazioni. A tal fine le Procedure Gestionali sono strumenti per il controllo e la standardizzazione dei processi, all’interno dei quali sono inseriti, secondo quanto riportato sulla Mappa dei documenti di prescrizione del SGI e descrivono lo sviluppo delle attività più importanti, definendone le responsabilità, gli elementi di ingresso e di uscita ed individuandone le fasi operative e le fasi di controllo e verifica; 5) nel predisporre le risorse necessarie all’esecuzione, al controllo dei processi e delle attività, alle registrazioni definite e ai sistemi di monitoraggio, misurazione ed analisi dei processi e dei servizi offerti;

7/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

6) nell’impegno da parte della Direzione e di tutto il Personale aziendale ad applicare quanto pianificato e a mettere costantemente in atto programmi di miglioramento. I processi identificati nella Mappa dei Processi sono tutti fondamentalmente realizzati all’interno dell’azienda; quando ci sia necessità di affidamento in subappalto, il controllo delle attività è comunque garantito, con le modalità indicate nelle Procedure Gestionali relative. Possono essere affidati in outsourcing i seguenti processi e le seguenti attività:  Taratura della Strumentazione;  Smaltimento dei Rifiuti;  Fornitura di beni/servizi/opere in subappalto.

Rif. Mappa dei processi Mod.02P02 - Mappa dei documenti di prescrizione del SGI Lista documentazione valida Sistema Qualità

4.2 Requisiti relativi alla documentazione 4.2.1 Classificazione documenti La documentazione del SGI è composta da Documenti di Prescrizione Generale (che definiscono come operare per ottenere i risultati necessari), Documenti di Prescrizione specifica (di commessa da cliente o ordine a fornitore), e da Documenti di Registrazione (che riportano i dati misurati nei processi); in particolare, i documenti di prescrizione generale sono:  Il Manuale di Gestione Integrata, che contiene la descrizione del sistema, le linee principali e la politica per la qualità-sicurezza-ambiente. Costituiscono parte integrante del manuale, la Mappa dei Processi e la Mappa documenti di prescrizione del SGI;  I Documenti della Direzione che stabiliscono tutte le politiche aziendali e gli standard qualitativi di tutti i servizi offerti, nonché le indicazioni per il miglioramento aziendale;  Le Procedure Gestionali che descrivono le principali attività relative ai processi aziendali;

8/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

 Le Istruzioni operative che descrivono le singole attività dei processi, là dove ritenuto necessario. A questi documenti di origine interna , vanno aggiunti quelli di origine esterna, già menzionati al §2 del presente Manuale.

4.2.2 Manuale di Gestione Integrata Il Manuale di Gestione Integrata (MGI) è redatto dal Responsabile della Qualità per la comunicazione e viene emesso solo dopo approvazione del Direttore Generale, che, in veste di Rappresentante della Direzione, ne garantisce la conformità alla norma di riferimento. Il Manuale richiama le procedure predisposte per il Sistema di Gestione Integrata. Esso è composto dalla Sezione 1 che costituisce la descrizione del Sistema, e da altre tre Sezioni (una mappa dei Processi, un Organigramma, una Mappa dei documenti legati ad ogni processo). Le 4 Sezioni possono avere ognuna data diversa di emissione, riportata nell’indice generale del documento. Le parti revisionate devono essere evidenziate con una riga sul margine destro del periodo modificato come Lorem ipsum dolor sit amet, consetetur sadipscing elitr, sed Periodo nella figura accanto. Nel caso di revisione di tabelle, le diam nonumy eirmod tempor revisionato invidunt ut labore et dolore magna celle revisionate devono essere evidenziate in grassetto aliquyam erat, sed diam voluptua. At vero eos et accusam et justo come nella figura accanto. duo dolores et ea rebum. Stet clita kasd gubergren, no sea takimata Le "Modifiche non importanti" non comportano la sanctus est Lorem ipsum dolor sit amet. revisione della relativa Sezione e dell'Indice e non Cella Lorem ipsum dolor sit amet, consetetur sadipscing elitr, sed devono essere evidenziate. Sono considerate revisionata diam nonumy eirmod tempor invidunt ut labore … “Modifiche non importanti”:  modifica del logo aziendale;  correzioni di errori di battitura;

aaa

BBB

ccc

ddd

 aggiunta di dati sugli Allegati. Al contrario, qualora le modifiche da apportare, anche a causa della modifica della Norma di Riferimento o dell’adozione di ulteriori standard, richiedano una sostanziale riscrittura del presente Manuale o qualora le numerose revisioni ne abbiano compromesso la leggibilità o la comprensibilità, si può procedere all’emissione di una nuova edizione in revisione 0.

4.2.3 Tenuta sotto controllo dei documenti La procedura PG02 “Gestione documenti di prescrizione generale Qualità” descrive le modalità necessarie per l’approvazione, la revisione, la comunicazione e la messa a disposizione dei documenti di prescrizione, siano essi di origine interna o esterna, al fine di garantire che quanto indicato nei documenti di prescrizione sia noto a tutto il personale

9/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

coinvolto e ognuno sia consapevole di quale sia la versione valida del documento. L’identificazione dei documenti validi viene garantita attraverso la Lista documenti di origine interna (Modulo 02.P02). Sono esclusi da questa gestione i documenti di prescrizione specifica, legati alla singola commessa o al singolo ordine; questi documenti vengono gestiti secondo le modalità indicate nelle singole procedure gestionali dei processi cui appartengono e vengono inseriti nelle cartelle commessa. Tutti i documenti di prescrizione generale, opportunamente illustrati al personale coinvolto, sono disponibili a tutto il personale in un'unica copia cartacea archiviata presso la Segreteria Generale della Pernazza Group s.r.l., in posizione facilmente consultabile, ma sicura, nella sola revisione ultima valida. Tutti i documenti validi sono anche presenti in rete in formato non modificabile. I documenti superati sono archiviati su supporto cartaceo o elettronico per almeno 5 anni, con l’indicazione chiara che si tratta di copie superate. La documentazione relativa alle commesse è archiviata nella cartella commessa e viene distribuita nella cartella stessa; quando opportuno, nella cartella vanno anche inserite copie dei documenti di prescrizione generale applicabili al cantiere, che rimangono archiviate nella cartella commessa. Il Responsabile della Qualità deve mantenere aggiornato l’Elenco Leggi e Norme (Modulo 03.P02) registrandoVi le leggi applicabili al SGI in materia di impianti, edilizia, ambiente e sicurezza.

Rif. PG 02 Gestione documenti di prescrizione generale del SGI Mappa dei documenti di prescrizione

4.2.4 Tenuta sotto controllo delle registrazioni Le Registrazioni delle attività sono messe in atto attraverso le modalità indicate nella Lista delle Registrazioni valide (modulo 04.P02); tali registrazioni vengono effettuate su supporto informatico, quando indicato sulla lista, o su supporto cartaceo. I moduli utilizzati o i file di registrazione sono autoesplicativi e tali da garantire la presenza di tutte le informazioni che devono essere registrate per garantire il controllo dei processi e delle attività. Nel caso in cui uno o più campi di un dato modulo fossero non applicabili alla specifica registrazione, gli stessi devono essere lasciati in bianco. Quando necessario, inoltre, il modulo può essere integrato da allegati di qualunque tipo. In ogni caso, i modelli indicati sulla lista costituiscono la linea guida per l’esecuzione della registrazione e, pertanto, possono essere sostituiti da moduli e supporti analoghi contenenti le stesse informazioni.

10/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

La modulistica è disponibile nei PC e in un'unica copia cartacea controllata come il resto della documentazione di sistema. Le registrazioni sono effettuate su carta o su PC e conservate per almeno 5 anni, a meno di diverse e più restrittive prescrizioni di legge o contrattuali.

4.3 PIANIFICAZIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA 4.3.1 Identificazione dei pericoli e degli aspetti ambientali, analisi dei rischi e definizione dei controlli La direzione si impegna ad identificare continuamente i pericoli e gli aspetti ambientali, ad analizzare i rischi e gli aspetti ambientali significativi e a definire le misure di controllo necessarie. Attraverso la procedura PG25, l’azienda assicura che i rischi per la salute e sicurezza e i controlli stabiliti siano presi in considerazione nella definizione, implementazione e mantenimento del proprio SGI. Nell’identificazione dei pericoli e nell’analisi dei rischi, la Direzione si impegna a considerare: a) le attività di routine e non di routine; b) le attività di tutte le persone che hanno accesso alla sede ed al cantiere (inclusi gli appaltatori e gli eventuali visitatori); c) il comportamento umano e la sua variabilità, le capacità ed altri fattori umani; d) i pericoli identificati originatisi al di fuori del luogo di lavoro e capaci di influenzare negativamente la salute e la sicurezza dei lavoratori, degli eventuali subappaltatori e degli eventuali visitatori; e) i pericoli creati nelle vicinanze del luogo di lavoro da attività collegate al lavoro e sotto il controllo dell’organizzazione; f) le infrastrutture, gli equipaggiamenti e i materiali presenti sul luogo di lavoro, forniti sia dall’azienda sia da altri; g) le modifiche, o le proposte di modifica, al SGI, ai suoi processi o attività ed ai materiali impiegati; h) le modifiche al SGI, incluse le modifiche temporanee, ed i loro impatti sulle operazioni, processi e attività; i) ogni obbligo legale relativo all’analisi dei rischi e all’implementazione dei controlli necessari; j) la progettazione delle aree di lavoro, dei processi, delle installazioni, dei macchinari ed equipaggiamenti, delle procedure operative e dell’organizzazione del lavoro, compreso il loro adattamento alle capacità umane. Nell’identificazione degli aspetti ambientali e nella definizione di quelli significativi, la Direzione si impegna a considerare: k) le attività di routine e non di routine; l) le attività di tutte le persone che hanno accesso alla sede ed al cantiere (inclusi gli appaltatori e gli eventuali visitatori); m) il comportamento umano e la sua variabilità, le capacità ed altri fattori umani; n) le infrastrutture, gli equipaggiamenti e i materiali presenti sul luogo di lavoro, forniti sia dall’azienda sia da altri; o) le modifiche, o le proposte di modifica, al SGI, ai suoi processi o attività ed ai materiali impiegati; p) le modifiche al SGI, incluse le modifiche temporanee, ed i loro impatti sulle operazioni, processi e attività; q) ogni obbligo legale relativo agli aspetti ambientali e all’implementazione dei controlli necessari.

11/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

L’organizzazione deve assicurare che i risultati della Valutazione dei Rischi e dell’Analisi ambientale siano presi in considerazione nel definire i controlli da esercitare sui rischi e sugli aspetti ambientali significativi. Il DVR rappresenta la registrazione dell’identificazione dei pericoli e dell’analisi dei rischi e la documentazione dei controlli stabiliti. L’Analisi Ambientale rappresenta la registrazione dell’identificazione degli aspetti ambientali e della valutazione degli aspetti significativi e la documentazione dei controlli stabiliti.

Rif. PG 25 Identificazione dei pericoli e degli aspetti ambientali e analisi dei rischi

4.3.2 Requisiti Legali e aggiuntivi in materia ambientale e di salute e sicurezza La Direzione, supportata dal Responsabile Qualità assicura che i requisiti legali applicabili e gli altri requisiti volontari sottoscritti in materia ambientale e di salute e sicurezza siano presi in considerazione nella definizione, implementazione e mantenimento del proprio SGI.

5. RESPONSABILITA’ DELLA DIREZIONE 5.1 Impegno della Direzione La Direzione si impegna nell’implementazione, nella messa in atto e nel miglioramento continuo del Sistema di Gestione Integrato: 1) sensibilizzando tutto il Personale riguardo l’importanza di rispettare i requisiti di legge e quelli stabiliti dei clienti attraverso il continuo coinvolgimento globale nella messa in atto del sistema e nella continua formazione sulle normative tecniche applicabili; 2) stabilendo, e riesaminando, periodicamente, la politica e gli obiettivi per la Qualità; 3) assicurando la disponibilità di risorse (umane, infrastrutturali, tecnologiche e finanziarie) necessarie per stabilire, implementare, mantenere attivo e migliorare continuamente il SGI; 4) definendo i ruoli, assegnando le responsabilità e delegando le autorità, per facilitare una gestione efficace del SGI; 5) effettuando i riesami del sistema come previsto nel paragrafo 5.6.

12/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

5.2 Orientamento al cliente La Direzione, nel definire le politiche aziendali, analizza le esigenze delle parti interessate ed in particolare dei Clienti al fine di accrescere la loro soddisfazione.

5.3 Politica per la Qualità Sicurezza e Ambiente La presente Politica per la Qualità Sicurezza e Ambiente è definita dal Direttore Generale della Pernazza Group s.r.l. e ha come obiettivo principale la promozione in azienda di una cultura orientata alla soddisfazione del cliente ed un impegno per la prevenzione degli infortuni, delle malattie professionali e dell’inquinamento. Nella costruzione degli impianti, nella ristrutturazione degli edifici e nella erogazione dei servizi, tutta la struttura aziendale deve, pertanto, essere impegnata a:  comprendere le esigenze esplicite, implicite e latenti del Cliente;  perseguire la massima chiarezza e completezza negli accordi col Cliente e rispettare scrupolosamente i termini contrattuali;  analizzare e risolvere gli eventuali reclami fondati dei Clienti in modo tempestivo ed esaustivo per quanto riguarda l’organizzazione interna;  perseguire il miglioramento continuativo dei processi e delle prestazioni del Sistema di Gestione Integrato;  prevenire gli infortuni e le malattie professionali;  garantire il pieno rispetto dei requisiti cogenti applicabili al prodotto ed al servizio;  garantire il pieno rispetto della legislazione vigente in materia di ambiente, salute e sicurezza;  garantire il pieno rispetto dei requisiti volontari sottoscritti dall’azienda ivi comprese le norme UNI EN ISO 9001:2008, UNI EN ISO 14001:2004 e BS OHSAS 18001:2007;  svolgere attività aziendali secondo procedure definite e chiare;  utilizzare attrezzature tecnicamente idonee e mantenute in perfetto stato di funzionamento;  utilizzare il Personale competente garantendone il continuo aggiornamento professionale;  garantire la Qualità dei lavori, la sicurezza dei cantieri e la riduzione degli impatti ambientali anche attraverso l’esecuzione di appropriati e sistematici controlli per quanto riguarda il rapporto con i fornitori e gli eventuali subappaltatori;  servirsi di fornitori che assicurino un elevato livello qualitativo dei prodotti e dei servizi offerti. Tutto il Personale, avente diretta responsabilità di funzione, avrà il compito di applicare le prescrizioni del Sistema nella propria area di attività; in particolar modo, per quanto

13/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

attiene la conoscenza e condivisione degli obiettivi, il Rappresentante della Direzione organizzerà apposite riunioni per formare ed informare i Responsabili aziendali sui mutamenti di indirizzo della Pernazza Group s.r.l. e sulle relative motivazioni. Allo scopo di favorire il miglioramento continuo del Sistema di Gestione Integrata e delle sue prestazioni, la Direzione Aziendale si impegna a definire per ciascun processo uno o più indicatori da sottoporre a monitoraggio e a stabilire con frequenza almeno annuale i corrispondenti valori-obiettivo da perseguire attraverso un Piano di Miglioramento. Gli obiettivi e gli indicatori saranno riesaminati in occasione delle Riunioni di Riesame della Direzione. La presente Politica deve essere affissa per comunicarla al personale ed è comunicata anche alle parti interessate mediante pubblicazione sul sito web.

5.4 Pianificazione 5.4.1 Obiettivi per la Qualità La politica deve essere perseguita attraverso la definizione di obiettivi misurabili che vengono monitorati continuamente al fine di valutarne la raggiungibilità ed eventualmente ricorrere ad azioni correttive. Tali obiettivi, quantificati attraverso dei parametri o indici misurabili, sono determinati sulla base delle esigenze/soddisfazione dei Clienti, delle prestazioni in materia ambientale e di salute e sicurezza dei lavoratori, del grado di conformità dei servizi rispetto al contratto e del grado di conformità degli impianti e dei processi ai requisiti cogenti in materia impiantistica, edilizia, ambientale e di salute e sicurezza. Il raggiungimento degli obiettivi è oggetto di monitoraggio e verifica da parte della Direzione in sede di riesame (si veda il successivo §. 5.6).

5.4.2 Pianificazione del Sistema di Gestione Integrata Sulla base della politica aziendale e dell’analisi dei processi aziendali, il Direttore Generale definisce i documenti di pianificazione del Sistema Qualità, in particolare: 1) La Mappa dei Processi che individua i processi aziendali e le loro interazioni e che è parte integrante del presente Manuale; 2) La Mappa dei documenti legati ad ogni processo che definisce i documenti di prescrizione generale (di origine interna ed esterna. Le modifiche, integrazioni e revisioni del Sistema di Gestione Integrato sono effettuate sempre verificando l’integrità della architettura generale e delle finalità espresse nella politica aziendale.

14/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

Per la gestione del cambiamento tutte le funzioni aziendali devono collaborare affinché sia possibile identificare i pericoli, i rischi e gli impatti ambientali associati alle modifiche al SGI ed ai suoi processi o alle sue attività prima di introdurre tali modifiche.

5.5 Responsabilità, autorità e comunicazione 5.5.1 Responsabilità e autorità Le responsabilità, le autorità e le mansioni di tutto il Personale aziendale sono definite in due documenti approvati dalla Direzione: 1) L’Organigramma, che definisce l’intera struttura organizzativa, individua tutti i ruoli aziendali, i relativi rapporti ed i singoli inquadramenti; 2) Il Mansionario, che stabilisce i compiti, le responsabilità, le autorità e le competenze. Rif. Organigramma Mansionario

5.5.2 Rappresentante della Direzione Il Direttore Generale assume l’incarico di Rappresentante della Direzione, assumendosi la responsabilità di:  assicurare che i processi necessari per il Sistema di Gestione Integrato e lo stesso SGI siano predisposti, attuati e tenuti aggiornati in accordo con le Norme UNI EN ISO 9001:2008, UNI EN ISO 14001:2004 e BS OHSAS 18001:2007;  valutare eventuali esigenze di miglioramento;  assicurare la promozione della consapevolezza dei requisiti del Cliente nell’ambito di tutta l’organizzazione. Egli si avvale della collaborazione del Responsabile Qualità per il monitoraggio dei processi; quest’ultimo organizza gli audit interni, registra l’andamento degli indicatori di processo e lo stato di avanzamento delle azioni correttive e preventivi, e del Responsabile per la comunicazione, che supporta i responsabili di processo nella messa a punto e aggiornamento della documentazione e raccoglie le esigenze di formazione sottoponendole al Direttore Generale per la definizione di un piano di formazione.

15/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

5.5.3 Comunicazione interna ed esterna, partecipazione, consultazione La comunicazione interna è garantita costantemente dalla rete informatica, dalla posta elettronica, dalla diffusione dei documenti e delle registrazioni, da comunicazioni verbali e da comunicazioni formali. Il Direttore Generale, supportato dal Direttore Tecnico e dal Responsabile Qualità, durante le attività di formazione e sensibilizzazione del Personale in materia di Qualità, Sicurezza e Ambiente, illustra l’andamento del SGI, la sua efficacia. Per quanto attiene alla comunicazione esterna verso il cliente si rinvia al successivo §. 7.2.3. RQ ed RSPP hanno il compito di garantire una adeguata comunicazione in materia di ambiente e sicurezza nei confronti delle pertinenti richieste avanzate da parti interessate. Tali richieste devono essere registrate avvalendosi della Scheda Reclamo (Modulo 01P09) e valutate da DG. DG si impegna a garantire la partecipazione dei lavoratori attraverso:  il loro adeguato coinvolgimento nell’identificazione dei pericoli, nell’analisi dei rischi e nella definizione dei controlli;  il loro adeguato coinvolgimento nell’analisi degli eventi OH&S;  il loro coinvolgimento nello sviluppo e nel riesame delle politiche e obiettivi OH&S;  la loro consultazione dove vi sia qualunque modifica che possa influire sulla loro OH&S.  la loro rappresentanza in materia di OH&S come richiesto dalla Legislazione Vigente in materia (RLS). RSPP deve garantire una adeguata informazione dei lavoratori sulle modalità della loro partecipazione. RSPP deve, altresì, garantire adeguata informazione sull’identità del RLS.

5.6 Riesame di Direzione 5.6.1 Generalità La Direzione riesamina almeno ogni dodici mesi il Sistema di Gestione Integrato, analizzando i dati raccolti nei monitoraggi, valutando l’idoneità, l’adeguatezza e l’efficacia. A tale riesame devono partecipare DG, DT, RQ, RSPP, DL e DA. RQ deve redigere il verbale avvalendosi del modulo 01P18.

5.6.2 Elementi di ingresso per il riesame Gli elementi in ingresso per il riesame sono: a) i risultati degli audit; b) i risultati della valutazione di conformità rispetto alla legislazione in materia di ambiente, salute e sicurezza e rispetto ad eventuali normative volontarie;

16/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

c) informazioni di ritorno e reclami da parte del Cliente; d) i risultati della partecipazione e consultazione degli addetti e dei subappaltatori in materia di salute e sicurezza; e) le comunicazioni delle parti interessate in materia di salute, sicurezza ed ambiente; f) le non conformità di prodotto, di servizio, ambientali e relative alla salute e sicurezza; g) l’andamento degli indicatori di processo in relazione ai corrispondenti obiettivi e traguardi; h) l’analisi degli Eventi OH&S; i) lo stato di avanzamento delle azioni correttive e preventive; j) lo stato di avanzamento delle decisioni assunte nei precedenti riesami della Direzione; k) i mutamenti del mercato e delle condizioni al contorno compresa l’evoluzione legislativa in materia di impianti, edilizia, ambiente e sicurezza; l) le analisi delle offerte e degli ordini del cliente; m) le valutazioni dei fornitori e dei subappaltatori; n) le raccomandazioni per il miglioramento.

5.6.3 Elementi in uscita dal riesame Gli elementi in uscita dal riesame sono azioni e decisioni circa: a) La conferma o la revisione della Politica per la Qualità Sicurezza e Ambiente; b) Il miglioramento degli impianti realizzati e dei servizi erogati; c) La conferma o revisione gli obiettivi del Sistema (modulo 02P18); d) La definizione di eventuali ulteriori azioni correttive (AC), azioni preventive (AP) e del Piano di Miglioramento (modulo 03P18); e) la riorganizzazione del Sistema e la pianificazione delle risorse, compreso il loro sviluppo. I riesami sono registrati in verbali e le registrazioni sono conservate per 5 anni a cura del Responsabile della Qualità per la comunicazione , sotto la responsabilità del Rappresentante della Direzione. Rif. PG 18 Riesame della Direzione

17/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

6. GESTIONE DELLE RISORSE 6.1 Messa a disposizione delle risorse La Pernazza Group s.r.l. assicura nel tempo che le risorse per la conduzione del Sistema di Gestione per la Qualità siano adeguate al fine di assicurare efficienza dei processi aziendali ed al conseguimento ed alla soddisfazione del Cliente. La DG si impegna a mettere a disposizione le risorse umane, finanziarie e materiali necessarie ad ottenere il pieno soddisfacimento della Politica e degli Obiettivi, il miglioramento continuativo dei processi e del Sistema di Gestione Integrato. A tale scopo, durante la riunione di Riesame della Direzione 1, devono essere definite le eventuali Risorse aggiuntive (Umane, Finanziarie e Strumentali) volte al raggiungimento degli obbiettivi fissati per l’anno a venire. L’entità e la Qualità delle risorse impiegate potranno essere modificate anche a seguito dell’acquisizione di commesse o contratti per la realizzazione di Opere ed impianti per i quali le risorse esistenti non siano sufficienti. Quando rilevanti, la Direzione deve indicare le risorse specifiche destinate alla risoluzione di Azioni Correttive, Azioni Preventive e Azioni di Miglioramento e modifiche dei processi qualora queste decisioni richiedano un impegno rilevante a livello umano e/o materiale. Tali risorse devono essere registrate avvalendosi della modulistica prevista per i citati strumenti2. Le modalità di gestione delle risorse umane sono descritte nel successivo capitolo 6.2. Le principali infrastrutture e le prescrizioni relative all’ambiente di lavoro sono descritte nei successivi capitoli 6.3 e 6.4.

6.2 Risorse umane 6.2.1 Generalità La Direzione seleziona accuratamente le risorse umane necessarie al fine di garantire all’Azienda un elevato ed aggiornato livello professionale e tecnologico. Il personale che svolge attività rilevanti ai fini delle conformità degli impianti e delle lavorazioni, ai fini degli impatti ambientali reali o potenziali o ai fini della salute e sicurezza delle persone deve essere competente sulla base di un adeguato livello di istruzione, formazione-addestramento, abilità ed esperienza.

1 2

Si veda il precedente §. 5.6. Si vedano i Capitoli 8.5.1, 8.5.2, 8.5.3.

18/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

6.2.2 Competenza, formazione-addestramento e consapevolezza L’adeguamento delle risorse umane alle necessità aziendali e il relativo sviluppo avviene secondo una procedura che garantisce la pianificazione, il monitoraggio e la verifica dell’efficacia delle iniziative formative intraprese. Nel Mansionario sono riportati i requisiti minimi e le mansioni espletate da tutte le figure professionali presenti in azienda. I neoassunti vengono inseriti in azienda attraverso un piano di formazione e/o affiancamento, che tiene conto dell’esperienza pregressa e delle indicazioni esplicitate nel mansionario. La Segreteria deve compilare per ciascun addetto la Scheda del Personale (modulo 02P23) riportandovi sinteticamente le esperienze formative, di addestramento e di lavoro. Al fine di sensibilizzare e formare tutto il personale sui principi del Sistema di Gestione Integrato, il Responsabile per la Qualità, deve organizzare periodiche riunioni per sensibilizzare il Personale ed ha il compito di verificare la diffusione, la comprensione e l’applicazione del Sistema e delle relative procedure ed istruzioni. La formazione in materia di salute e sicurezza dei lavoratori deve essere svolta con frequenza non inferiore a quella prevista secondo le vigenti normative. A tale scopo, RQ deve redigere e sottoporre all’approvazione del DG il Piano di Formazione (modulo 01P23). Durante le riunioni di formazione, il Responsabile Qualità ed il Responsabile Sicurezza e Ambiente devono comunicare al personale i contenuti delle ultime modifiche legislative.

Al termine delle attività formative, il responsabile di ciascuna area deve aggiornare, se del caso, la Scheda di Valutazione del Personale (modulo 03P23). Tutte le attività di formazione e sensibilizzazione sono registrate e conservate per 5 anni. Rif. PG 23 Sviluppo delle risorse umane

6.3 Infrastrutture Nella Pernazza Gruop s.r.l. le risorse tecnologiche, le attrezzature e la strumentazione sono descritte in elenchi a cura, rispettivamente, del Responsabile di Manutenzione Interna, del Responsabile Acquisti e, periodicamente, sono soggette ad attività di manutenzione al fine di garantirne la funzionalità, la sicurezza e il ridotto impatto ambientale. Rif. PG 06 Gestione attrezzature e mezzi

19/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

6.4 Ambiente di lavoro La Direzione della Pernazza Group s.r.l., consapevole che fattori fisici ed umani concorrono fortemente all’efficacia di un Sistema di Gestione Integrato, si impegna a garantire che l’ambiente di lavoro sia idoneo a garantire la conformità degli impianti e dei servizi ed il rispetto della salute e sicurezza del Personale. Viene pertanto posta attenzione:  alle norme sulla Salute e Sicurezza;  ai divieti e alle disposizioni in materia di salute e sicurezza;  alla pulizia degli ambienti di lavoro;  all’ordine del cantiere;  alla prevenzione di impatti ambientali incontrollati;  alla protezione delle componenti tecnologiche e dei materiali deperibili per l’azione degli elementi atmosferici. Tutte le attività aziendali, inoltre, sono pianificate e condotte al fine di assicurare un ambiente di lavoro che, dal punto di vista umano, assicuri soddisfazione, motivazione, coinvolgimento.

7. REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO 7.1 Gestione delle commesse Le commesse possono essere inquadrate in due tipologie: 1. DI CANTIERE, costituite dalle attività dei cantieri 2. MANUTENZIONE ed interventi in economia, attraverso contratti annuali stipulati con il Cliente che ne comprendono anche la programmazione o con richieste specifiche del Cliente. La pianificazione e la programmazione della commessa di cantiere è gestita dal Direttore Tecnico e dai Responsabili di Cantiere e descritta nella procedura PG 05. La pianificazione e programmazione viene definita attraverso riunioni settimanali. Nella pianificazione della commessa il Direttore Tecnico, in accordo con il Responsabile di Cantiere designato determina:

20/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

a) gli aspetti ambientali significativi associati alla commessa, b) le risorse necessarie alla realizzazione, c) l’esigenza di emettere procedure, istruzioni o specifiche tecniche o l’esigenza di ricorrere a subappaltatori ed emettere specifici piani della qualità di commessa. Dal canto proprio il DG, supportato da DT e RSPP, deve individuare i pericoli, i rischi connessi al cantiere e le necessarie misure di controllo. A tale scopo, ricevuto dal committente il PSC, deve consultare il RLS e redigere il Piano Operativo di Sicurezza. Il RLS ha la facoltà di proporre modifiche al POS. Rif. PG 05 Gestione cantiere PG 12 Programmazione cantieri

7.2 Processi relativi al cliente 7.2.1 I requisiti relativi al prodotto La Direzione definisce gli standard di qualità garantiti al Committente. Tali requisiti comprendono le disposizioni legislative e le normative tecniche applicabili, ivi comprese quelle relative all’ambiente e alla salute e sicurezza. Le trattative commerciali vengono effettuate e definite garantendo che il Committente venga a conoscenza degli standard quantitativi e prestazionali di volta in volta offerti.

7.2.2 Riesame dei requisiti contrattuali Una volta ricevuta e formalizzata la richiesta di offerta del Cliente, la Direzione Tecnica, prima di predisporre l’offerta economica, riesamina le richieste dei Clienti assicurandosi che: a) i requisiti siano completamente definiti; b) eventuali divergenze tra richieste espresse o offerte siano risolte; c) la struttura tecnica di competenza abbia le capacità per soddisfare i requisiti definiti; d) l’azienda possa svolgere tutte le lavorazioni nel pieno rispetto della legislazione vigente in materia ambientale e di salute e sicurezza. Le offerte prima di essere inviate e gli ordini pervenuti prima di essere accettati, subiscono un riesame basato sugli stessi elementi precedentemente descritti.

21/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

La procedura PG 01 per i Clienti privati e PG 11 per le gare di appalto descrivono l’attività svolta dal ricevimento della richiesta del Cliente fino alla predisposizione della documentazione di offerta o di gara. Gli ordini e i contratti di fornitura in opera sono gestiti in modo da garantire che gli elementi indicati in offerta siano correttamente stati accertati dal Committente e/o le modifiche siano state correttamente concordate e definite. I riesami e le conseguenti decisioni sono registrati e le registrazioni sono conservate per 10 anni. Tutte le modifiche dei requisiti richiesti dal Cliente o scaturiti in qualsiasi momento del Processo, subiscono riesami prima di essere accettati e comunicati al Personale operativo. Rif. PG 01 Preventivazione PG 11 Gestione delle gare d’appalto

7.2.3 Comunicazione con il Cliente Il Cliente è nella condizione di poter chiamare in qualunque momento il Responsabile di Cantiere o l’intera struttura, sia per chiedere informazioni che per sottoporre quesiti o sporgere reclami (vedi PG 09: Gestione dei reclami).

7.3 Progettazione 7.3.1 Pianificazione della progettazione e sviluppo Nella Pernazza Group s.r.l. si realizzano progetti edili ed impiantistici destinati ai propri cantieri. La progettazione effettuata si compone di tre livelli progressivi di definizione, tra loro correlati: 1) preliminare, che stabilisce i profili e le caratteristiche generali dell’opera; 2) definitivo, che contiene tutti gli elementi per l’approvazione da parte del Cliente o per il rilascio delle necessarie autorizzazioni e concessioni; 3) esecutivo, che descrive tutti gli elementi necessari alla costruzione.

22/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

Ogni commessa che richiede anche attività progettuale può far riferimento a tutti o ad alcuni dei livelli o delle tipologie di progetto suddetti, chiaramente specificati nella documentazione contrattuale. Il processo di progettazione si compone di due momenti distinti: 1) La Progettazione, cioè l’insieme di tutte le attività legate alla definizione delle caratteristiche dell’opera, alla scelta o alla definizione delle soluzioni tecniche adatte al raggiungimento degli obiettivi nel rispetto dei requisiti, al dimensionamento e alle verifiche tecniche; 2) La Redazione degli elaborati grafici e degli altri documenti utili alla esplicazione delle scelte tecniche progettuali adottate. I due momenti indicati non sono sempre cronologicamente successivi, soprattutto per le progettazioni che non richiedono particolari modellizzazioni o relativamente alla progettazione preliminare e definitiva. Tutta l’attività di progettazione e redazione dei documenti è descritta nella procedura di riferimento. La Pernazza Group s.r.l. pianifica e tiene sotto controllo l’attività di progettazione, attraverso il . Piano di Progetto (modulo 01P20), redatto dal Responsabile di Progetto, che contiene : a) la tipologia ed i dati salienti del progetto, del Cliente e dell’opera da realizzare; b) le fasi della progettazione con le relative tempistiche; c) le responsabilità e gli esecutori delle singole fasi, quando diversi dal Responsabile stesso. Il Piano di Progetto è conservato con tutti i documenti della commessa per almeno 10 anni. Tutte le comunicazioni tecniche ed organizzative sono gestite dal responsabile di progetto che, nel caso determini altri responsabili per qualche fase, coordina l’attività di ogni esecutore, nel rispetto dei tempi e dei requisiti contrattuali. Tutte le informazioni necessarie all’esecuzione del progetto, che non siano già indicate sui disegni e/o sull’ordine, sono riportate sul Piano di Progetto. Quando sia necessario apportare modifiche alla pianificazione del progetto , il Responsabile di Progetto emette un nuovo piano, con lo stesso numero e con un indice di revisione successivo.

23/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

7.3.2 Elementi in ingresso alla progettazione e sviluppo Gli elementi di ingresso alla progettazione sono costituiti da:     

Descrizione dell’opera da realizzare, compresi i requisiti funzionali e prestazionali; Normativa tecnica applicabile per la specifica opera; Eventuali informazioni da richiedere all’esterno o provenienti dall’esterno; Informazioni ricavate in base al sopralluogo; Altri requisiti necessari definiti da DG e/o DT.

Tali elementi sono indicati su specifiche registrazioni, quando non siano chiaramente identificabili sull’ordine e/o su altri documenti interni di prescrizione. La completezza e adeguatezza degli elementi di ingresso è verificata dal responsabile prima dell’avvio delle attività.

7.3.3 Elementi in uscita dalla progettazione Gli elementi in uscita delle fasi della progettazione sono costituiti dagli elaborati grafici realizzati che vengono consegnati al Cliente e/o in cantiere. La tipologia degli elaborati è standardizzata in riferimento a norme tecniche UNI o a disposizioni di legge o regolamenti amministrativi di volta in volta applicabili.

7.3.4 Riesame della progettazione Il riesame della progettazione è effettuato alla fine del progetto e comunque prima della consegna degli elaborati al cliente. Il riesame è effettuato al fine di verificare: a) La completezza degli elaborati; b) Il rispetto di tutti i requisiti del progetto comprese le normative in materia di ambiente e sicurezza; c) Il rispetto degli standard qualitativi degli elaborati; d) La compatibilità tra i risultati delle eventuali diverse fasi progettuali. In caso di esito negativo del riesame, il Responsabile di Progetto, deve proporre le azioni necessarie alla risoluzione delle criticità riscontrate.

24/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

Nel piano di progetto sono riportati i risultati del riesame; nel caso di necessità di modifiche all’impianto progettuale, le azioni e modifiche da apportare vengono verbalizzate.

7.3.5 Verifica della progettazione La verifica della progettazione consiste nel controllo degli elaborati progettuali prodotti e dei risultati ottenuti dai sistemi di calcolo e dimensionamento da parte del progettista e del direttore tecnico. Lo scopo della verifica dei risultati è di accertare la congruità dei risultati con gli elementi ed i requisiti in ingresso (specifiche del cliente, norme tecniche, norme amministrative, ecc.) La firma sugli elaborati costituisce l’evidenza della verifica.

7.3.6 Validazione della progettazione La validazione del progetto viene effettuata in contemporanea con il collaudo dell’opera realizzata. Il Responsabile di Progetto individua le metodologie di validazione sul piano di progetto, indicandone le fasi e, una volta effettuata, riportandone i risultati.

7.3.7 Tenuta sotto controllo delle modifiche della progettazione Le modifiche alla progettazione possono avvenire:  su richiesta del Committente;  per correzioni, miglioramenti o diverse scelte progettuali. Quando la richiesta di correzione proviene dal Committente, il Responsabile del Progetto interpella DG che valuta la necessità di ricorrere alla modifica del contratto, per dar vita ad una nuova commessa o ad una integrazione della precedente. Tutte le modifiche di questo tipo portano ad una revisione del piano di progetto.

25/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

Qualora le modifiche siano di natura interna, la correzione viene formalizzata sulle tavole o su schizzi firmati e controllati che subiscono gli stessi procedimenti di verifica indicati per le fasi di progetto. Tutti gli elaborati corretti sono conservati con la scritta superato. Rif. PG 20 Progettazione

7.4 Approvvigionamento 7.4.1 Processo di approvvigionamento I materiali e i servizi ritenuti strategici per l’espletamento delle attività aziendali sono essenzialmente:  quelli che hanno una significativa influenza sulle performances del processo e/o sulla Qualità del prodotto, sulla sicurezza sul lavoro e/o ai fini della tutela dell’ambiente;  quelli che hanno un peso rilevante in termini di costo d’esercizio, o per il volume delle forniture o per l’elevato valore intrinseco degli stessi; In particolare sono strategici:  materiali per la realizzazione degli impianti e l’erogazione dei servizi,  attrezzature da cantiere compresi i DPI.  Attività in subappalto;  Servizio di progettazione;  Servizio di manutenzione, verifica o taratura di attrezzature e strumenti di misura. I Fornitori di materiali e servizi strategici sono valutati, ed eventualmente qualificati, in base ad una verifica delle loro capacità organizzative, tecniche e gestionali a produrre e fornire materiali e/o servizi in grado di soddisfare i requisiti tecnici commerciali richiesti.  analisi storica del rapporto commerciale;  analisi della documentazione tecnica;  possesso di eventuali certificazioni. Ogni fornitore è, inoltre, monitorato relativamente ai parametri definiti nella procedura di riferimento, ed in particolare rispetto alla qualità delle forniture, ai tempi di consegna e a criteri economici. Per i subappaltatori sono valutati anche il rispetto delle normative ambientali e di salute e sicurezza. Nell’Elenco Fornitori qualificati sono inseriti tutti i Fornitori preventivamente qualificati e il cui controllo periodico non ha dato luogo a procedure di sospensione della qualifica.

26/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

Il monitoraggio e la rivalutazione dei Fornitori avviene una volta l’anno salvo l’emergere di gravi non conformità che richiedono la cancellazione dall’elenco. Rif. PG 04 Qualifica e monitoraggio fornitori PG 16 Qualifica e monitoraggio subappaltatori

7.4.2 Informazioni relative all’approvvigionamento Gli ordini d’acquisto sono emessi, nella maggior parte dei casi, dal Responsabile Acquisti e, al di sopra di una cifra definita in procedura PG03, controllati, prima dell’invio, dal Direttore Generale. Una volta informato dell’esigenza di materiale e/o servizi, il Responsabile Acquisti emette le offerte a diversi fornitori, le analizza, sceglie quelli con le condizioni più favorevoli e, ottenute le eventuali approvazioni previste dalla procedura PG03, invia l’ordine d’acquisto al fornitore. Rif. PG 03 Gestione degli approvvigionamenti PG 14 Subappalto

7.4.3 Verifica dei prodotti approvvigionati Al ricevimento del materiale il Responsabile Acquisti - se l’arrivo avviene in magazzino - o il Responsabile di Cantiere – se il materiale arriva in cantiere - verifica la merce controllando l’integrità, la tipologia, le quantità, gli imballaggi e le documentazioni richieste. Se tali controlli hanno esito positivo la merce viene inviata direttamente in cantiere. Nel caso in cui, invece, non vi fosse corrispondenza tra quanto pervenuto e quanto richiesto, il Responsabile Acquisti deve provvedere alla segregazione del materiale non conforme. Nel caso in cui il materiale non conforme fosse giunto in cantiere, la segregazione deve avvenire a cura del Responsabile di Cantiere che deve informare tempestivamente il Responsabile Acquisti. Rif. PG 22 Accettazione materiali

27/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

7.5 Produzione ed erogazione del servizio 7.5.1 Tenuta sotto controllo dell’erogazione del servizio

delle

attività

di

produzione

e

Il DT deve assicurare – avvalendosi del supporto di tutto il personale necessario – che il processo produttivo e di erogazione dei servizi si svolga secondo le seguenti condizioni controllate:  Programmazione delle attività in accordo con il precedente §. 7.1;  Disponibilità delle informazioni necessarie all’esecuzione delle lavorazioni;  Disponibilità del PdQ (quando applicabile), del Piano di Installazione e Controllo (modulo 01P12), delle pertinenti Procedure Operative applicabili alle lavorazioni;  Idoneità, conformità e utilizzo sicuro delle apparecchiature;  Disponibilità ed utilizzazione di idonei strumenti di misura e monitoraggio;  Esecuzione dei controlli previsti in fase di pianificazione della costruzione;  Controllo degli eventuali subappaltatori affinché operino nel pieno rispetto dei requisiti contrattuali, del progetto, dei piani di sicurezza e delle normative cogenti in materia di ambiente e sicurezza;  Esecuzione delle attività di Collaudo e consegna dell’Opera;  Disponibilità delle informazioni atte a garantire al Committente e/o all’Utente finale gli eventuali servizi di assistenza dopo la consegna. La responsabilità della produzione in cantiere è del Direttore Tecnico che si avvale del Responsabile di Cantiere a cui è delegato il controllo tecnico. La procedura PG 05 Gestione del cantiere descrive le attività e responsabilità di gestione e controllo tecnico-amministrativo delle attività nei cantieri, mentre la procedura PG13 descrive le analoghe attività e responsabilità nei lavori di manutenzione e assistenza. Rif. PG 05 Gestione del cantiere PG 13 Attività di manutenzione e di assistenza. PG 14 Subappalto

7.5.2 Validazione dei processi di produzione e di erogazione del servizio

28/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

Il DT, supportato dal RQ, deve validare tutti i processi produttivi il cui risultato finale non possa essere verificato da successivi controlli o le cui carenze possano evidenziarsi dopo la consegna dell’Opera. Tali processi produttivi sono detti speciali. Rientrano in tale categoria:  getti di calcestruzzo (si veda la PO01)  Saldature strutturali (si veda la PO02),  giunzioni saldate di tubi in metallo (Si veda la PO06),  giunzioni di tubi in plastica (si veda la PO03),  impermeabilizzazioni (si veda la PO04),  consolidamento con resine (si veda la PO05). A tale scopo il DIR deve: a) riesaminare e approvare le attività in questione; b) approvare le apparecchiature e definire i criteri di qualificazione del personale ad essi preposto; c) definire le operazioni elementari da svolgere mediante Procedure Operative; d) definire i requisiti per le registrazioni che l’operatore e/o il Responsabile di Cantiere devono produrre. L’evidenza dello svolgimento di tali attività è data dalla emissione delle PO. I Processi speciali così gestiti si intendono validati fino a prova contraria. In caso di accertate Non Conformità di processi speciali, il RQ, supportato dal DT, deve avviare le necessarie Azioni Correttive volte a definire le modifiche da apportare al Processo Speciale e le modalità di verifica dei risultati. La verifica dell’efficacia della AC avviata costituirà lo strumento di rivalidazione del Processo stesso.

7.5.3 Identificazione e rintracciabilità dei materiali Tutti i materiali strategici utilizzati per la singola commessa sono identificati e rintracciabili attraverso:  marca, modello e, dove esistente, numero di matricola del prodotto  informazioni sugli ordini d’acquisto  documenti di acquisto e di verifica La rintracciabilità è comunque garantita dal fatto che tutti gli acquisti sono effettuati per commessa. Ordine di acquisto e d.d.t. (documento di trasporto) costituiscono strumenti efficaci alla rintracciabilità di tutti i materiali.

29/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

7.5.4 Proprietà del Cliente Eventuali materiali di proprietà del Cliente, compresi i disegni tecnici, da utilizzare per la fornitura o per l’attività di progettazione e realizzazione, sono gestiti in maniera tale da garantirne l’integrità e l’idoneità così come per i materiali di proprietà del Gruppo. Gli Operatori devono garantire l’integrità di tutte le proprietà del Cliente presenti in cantiere, ivi compresa l’area e/o la struttura su cui intervenire. Tale obbligo si estende alle proprietà di qualunque altro soggetto coinvolto nelle attività di cantiere. Il DT deve vigilare affinché i prodotti/semilavorati/materiali eventualmente forniti dal Cliente/Committente in conto lavorazione siano stoccati e manipolati con la cura necessaria a garantirne l’integrità e la conformità alle specifiche di accettazione e con la cura necessaria ad assicurare che l’impianto sia conforme alle specifiche concordate. Il DT deve controllare le caratteristiche dei prodotti forniti dal Cliente in conto lavorazione al fine di assicurarsi circa la loro compatibilità con i requisiti contrattuali e con le esigenze di sicurezza e prevenzione degli impatti ambientali. Il DT è responsabile delle comunicazioni in materia che possano rendersi necessarie con il Cliente. I controlli in accettazione sui materiali forniti dal Cliente devono essere gli stessi previsti per i prodotti di provenienza esterna della stessa tipologia. Il personale deve garantire che il materiale in questione sia esclusivamente utilizzato per il cantiere e l’unità immobiliare per cui il materiale è stato fornito, avvertendo il DT nel caso in cui siano riscontrate non conformità di qualunque natura3. Nel caso in cui i beni forniti dal Cliente siano inidonei all’uso, smarriti o danneggiati, il DT deve avvertire tempestivamente il DG che, in prima persona o attraverso il Responsabile di Cantiere, comunicherà al Cliente l’accaduto e concorderà con lo stesso le misure da adottare. Le registrazioni relative a tali comunicazioni devono essere conservate nella cartella di commessa a cura del RQ. Tra le proprietà del Cliente, l’azienda identifica i dati personali e le proprietà intellettuali. I dati personali del Cliente devono essere trattati esclusivamente dal personale autorizzato che deve attenersi alla Legislazione Vigente in materia. Il personale interessato deve proteggere la proprietà intellettuale (progetti, disegni, capitolati d’appalto, ecc.) del Cliente o di terzi che dovesse essere eventualmente stata affidata all’azienda. A tale scopo tutto il personale interno è tassativamente tenuto al rispetto delle regole deontologiche di categoria. I disegni, le specifiche e/o capitolati forniti dal Cliente devono essere custoditi nella cartella di commessa a cura del DT e del Responsabile di Cantiere. Eventuali non conformità in accettazione, perdite o deterioramenti nello stoccaggio, durante la lavorazione, durante il trasporto. 3

30/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

Quando i disegni forniti dal Cliente sono errati, il DT deve comunicare al Cliente stesso gli errori rilevati e deve acquisire un’autorizzazione scritta alla loro correzione o, in alternativa, deve acquisire una nuova revisione dei documenti errati. Le eventuali varianti in cantiere devono essere approvate dal Committente o, in alternativa, gestite come progettazione esecutiva in accordo con il precedente Capitolo 7.3.

7.5.5 Conservazione del prodotto La movimentazione dei materiali e dei prodotti finiti deve essere effettuata con l’accortezza dovuta al fine di evitare danneggiamenti o alterazioni. A tale scopo, quando necessario, i prodotti e/o materiali devono essere adeguatamente protetti con imballaggi o altri sistemi, in modo da evitare deterioramenti. La movimentazione, inoltre, dovrà essere effettuata nel rispetto dei requisiti di sicurezza imposti dalla normativa in atto, utilizzando attrezzature e sistemi di sollevamento conformi alle vigenti Norme di Legge. I prodotti finiti devono essere immagazzinati in zone opportunamente individuate allo scopo. Quando necessario, essi devono essere protetti in modo da evitare danneggiamenti di tipo meccanico e/o atmosferico. Lo stoccaggio dei materiali, delle componenti tecnologiche e dei rifiuti deve avvenire nel rispetto della legislazione ambientale allo scopo di prevenire la contaminazione del suolo, delle falde acquifere e l’emissione di sostanze inquinanti l’aria. Rif. PG 19 Magazzino

7.6 Tenuta sotto controllo dei dispositivi di monitoraggio/misurazione Tutti gli strumenti di misura utilizzati dalla Pernazza Group s.r.l. per la realizzazione dell’opera sono univocamente identificati. Il Responsabile Acquisti deve, supportato dai responsabili dei settori tecnici, aggiornare la Lista degli Strumenti (modulo 02P07). Tutti gli strumenti ed i macchinari sono sottoposti a controlli di idoneità, consistente nella verifica dell’adeguatezza del tipo e della precisione degli strumenti all’utilizzo specifico. La taratura, quando necessaria, viene effettuata tramite laboratori esterni, ufficialmente qualificati, ed in ogni caso le registrazioni vengono conservate.

31/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

Nel caso in cui uno strumento di misura risulti starato o difettoso vengono assicurate le seguenti attività:  segregazione dello strumento  identificazione delle cause della staratura e definizioni delle azioni correttive da intraprendere  emissione non conformità  valutazione sulla validità dei risultati delle misure o controlli precedenti e sull’accettabilità delle parti ispezionate.

7.7

Preparazione e risposta alle emergenze

La Pernazza Group, al fine di tutelare la salute e sicurezza dei lavoratori e di evitare impatti ambientali incontrollati: a. identifica le potenziali situazioni di emergenza b. si adopera per rispondere a tali situazioni di emergenza. A tale scopo ha predisposto procedure di evacuazione degli uffici applicabili in caso di incendio o terremoto. Tali procedure sono periodicamente testate in accordo con la legislazione vigente. In modo analogo, in sede di redazione del PSC valuta le situazioni di emergenza che possono verificarsi in cantiere e redige le necessarie procedure. Tali procedure tengono conto anche delle interferenze tra le varie imprese presenti in cantiere. Quando il cantiere è ubicato in un sito industriale il personale aziendale ed i subappaltatori devono attenersi alle prescrizioni generali di sito acquisite attraverso la documentazione (DUVRI o PSC) all’uopo predisposta dal Committente. RQ, DT e RSPP supportano il DG nella periodica valutazione e, se necessario, revisione delle procedure di preparazione e risposta alle emergenze. Dal punto di vista delle emergenze strettamente ambientali, la Pernazza Group individua le seguenti situazioni:  Spandimento al suolo di sostanze inquinanti,  Fuga di gas inquinanti e/o gas serra. Le suddette emergenze sono gestite attraverso le Procedure Poxx e Poyy.

8. MISURAZIONE, ANALISI E MIGLIORAMENTO

32/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

8.1 Generalità Le attività di monitoraggio, analisi e miglioramento dei processi della Pernazza Group s.r.l. sono realizzate in tutti i processi dai responsabili dei processi stessi e i relativi dati vengono analizzati dalla Direzione, supportata dal Responsabile Qualità per il monitoraggio, per la definizione di eventuali ulteriori azioni correttive, preventive e di miglioramento.

8.2 Monitoraggio e misurazione

8.2.1 Soddisfazione dei clienti RQ, deve effettuare il monitoraggio delle informazioni relative alla percezione del cliente su quanto la Pernazza Group S.r.l. abbia o no soddisfatto i suoi requisiti, essendo questa una delle misurazioni delle prestazioni del sistema di gestione integrato. Tali informazioni possono essere raccolte:  attraverso l’analisi della fidelizzazione del cliente;  attraverso l’analisi degli Stati di Avanzamento Lavori (SAL),  attraverso l’analisi dell’esito dei Collaudi Finali,  attraverso l’analisi delle prescrizioni delle Direzioni Lavori,  attraverso l’analisi di ogni comunicazione o evento relativo alla sicurezza in cantiere,  attraverso la valutazione di espressioni di gradimento da parte del cliente o di eventuali reclami dello stesso. Tali informazioni costituiscono elemento in ingresso per il Riesame della Direzione.

8.2.2 Audit interno

L’azienda prevede l’esecuzione sistematica di audit interni per fornire alla DG informazioni utili al riesame della direzione e per determinare se il Sistema di Gestione integrato qualità-sicurezza-ambiente:

33/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

a) è conforme a quanto pianificato, ai requisiti delle norme UNI EN ISO 9001:2008, UNI EN ISO 14001:2004 e BS OHSAS 18001:2007 ed ai requisiti del sistema di gestione integrato stabiliti dall’azienda stessa, b) è efficacemente attuato e mantenuto, c) è efficace nel soddisfare la politica e nel raggiungere gli obiettivi dell’organizzazione. A tale scopo, il Responsabile Qualità prepara il piano annuale di audit (modulo 01P10), indicando, processo per processo, l’auditor previsto, le data di esecuzione e, se opportuno, particolari punti da esaminare; il piano deve essere approvato dal Direttore Generale, in veste di Rappresentante della Direzione. Tutti i processi, compresa la Direzione, devono essere verificati almeno una volta l’anno. Nella definizione del piano, RQ deve tenere conto della criticità dei vari processi in relazione alla qualità delle opere e dei servizi, dei rischi per i lavoratori e della significatività degli aspetti ambientali. Eventuali non conformità devono essere annotate dall’auditor come richieste di azioni correttive e consegnate ai vari responsabili. Tutti i risultati devono essere registrati in rapporti finali (modulo 03P10) che devono essere riesaminati dalla Direzione. La selezione degli auditor e la conduzione degli audit devono assicurare l’oggettività e l’imparzialità del processo di verifica. A tale scopo nessun addetto può svolgere audit sulla funzione di appartenenza. Le verifiche ispettive interne possono essere anche eseguite da parte di consulenti esterni qualificati. I verbali e le azioni correttive sono conservate per 5 anni. Rif. PG 10 Verifiche ispettive interne

8.2.3 Monitoraggio e misurazione dei processi Il monitoraggio dei processi produttivi avviene attraverso sistemi basati sui dati ricavati dai controlli effettuati nei processi, in particolare:  dati relativi al rispetto dei tempi;  dati relativi al rispetto dei costi;  dati di risultati dei processi;  dati relativi ad anomalie/problemi dei processi e dei risultati (non conformità);  dati relativi alla salute e sicurezza dei lavoratori;  dati relativi agli aspetti ambientali più significativi.

34/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

Nelle procedure dei processi di realizzazione del prodotto sono indicate le responsabilità e modalità di rilevazione dei dati.

8.2.4 Monitoraggio e misurazione dei prodotti e delle opere In accordo con gli strumenti di pianificazione illustrati nei precedenti Cap. 7.1 e 7.5.1, l’Impresa esegue monitoraggi e misurazioni delle caratteristiche dei prodotti e delle lavorazioni per :  accertare la conformità dei materiali/prodotti approvvigionati nel rispetto dei requisiti contenuti negli Ordini di acquisto;  assicurare che l’impianto realizzato, le lavorazioni svolte e/o il servizio erogato siano sottoposti a tutti i controlli intermedi e finali necessari a garantire la conformità degli stessi ai requisiti del Committente ed ai requisiti cogenti. Il Responsabile di Cantiere deve assicurare che i materiali/prodotti provenienti dall’esterno non siano utilizzati o messi in lavorazione senza prima averne accertato, per quanto possibile, la conformità ai requisiti specificati. A tale scopo il personale incaricato deve eseguire gli opportuni controlli in accettazione in accordo con la PG22. Durante le lavorazioni, i controlli devono essere eseguiti in accordo con la PG05 o la PG13 a seconda della tipologia di lavoro. I collaudi finali, quando previsto contrattualmente e/o previsto dal DG, devono essere svolti alla presenza del Committente e del Direttore dei Lavori e devono essere registrati mediante apposito verbale che deve essere archiviato in commessa dal Responsabile di Cantiere. Nel caso in cui un qualunque controllo (o lo stesso collaudo finale) abbia esito negativo, la Non Conformità deve essere gestita – se necessario in accordo con il committente - secondo quanto previsto dal successivo Capitolo 8.3. Rif. PG 05 Gestione del cantiere PG 13 Attività di manutenzione e di assistenza. PG 22 Accettazione materiali

8.2.5 Valutazione delle conformità legislativa La Pernazza Group S.r.l. ha stabilito, implementato e mantiene attiva la procedura PG26 per la valutazione periodica del rispetto dei requisiti legali applicabili individuati nel precedente §. 4.3.2. RQ, nel rispetto della citata procedura, conserva le registrazioni di queste valutazioni periodiche avvalendosi del Registro delle Scadenze (modulo 01P26). In modo analogo è verificato il rispetto degli altri requisiti volontari sottoscritti e sono conservate le relative registrazioni.

35/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

Rif. PG 26 Verifica della Conformità Legislativa

8.3 Gestione delle non conformità 8.3.1 Tenuta sotto controllo dei prodotti non conformi Il controllo dei prodotti non conformi è applicato:  per il materiale approvvigionato;  per le realizzazioni prodotte dalla Pernazza Group s.r.l. I prodotti approvvigionati sono verificati prima dell’utilizzo così come le realizzazioni sono verificate nei processi tecnici prima della consegna e rilascio. Eventuali anomalie riscontrate nei momenti di verifica sono registrate come non conformità per i prodotti e i servizi approvvigionati e nei rapporti di lavoro o nei giornali dei lavori per le opere realizzate. I Prodotti ed i materiali non conformi ai relativi requisiti sono identificati e tenuti sotto controllo per evitare la loro involontaria consegna o utilizzazione, prima del necessario trattamento. Una volta risolta la non conformità, l’opera, i prodotti o i materiali non conformi devono essere verificati come previsto originariamente. Le registrazioni delle non conformità registrate sono conservate per dieci anni. Rif. PG 08 Gestione delle non conformità PG 09 Gestione dei Reclami

8.3.2 Non conformità relative alla salute e sicurezza La Pernazza Group ha stabilito, implementato e mantiene attiva la procedura PG08 per gestire le non conformità relative alla salute e sicurezza e per intraprendere, quando necessario, le relative azioni correttive. In particolare l’azienda si impegna a: a) identificare, registrare e correggere le non conformità relative alla salute e sicurezza e intraprendere azioni per ridurne le conseguenze

36/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

b) indagare le non conformità e determinarne le cause. Per ulteriori dettagli si rinvia ai successivi §§. 8.5.2 e 8.5.3. Rif. PG 08 Gestione delle non conformità

8.3.3 Monitoraggio degli Eventi OH&S E’ definito Evento OH&S (“incident”): avvenimento collegato al lavoro che porta (o che potrebbe portare) ad un infortunio o a malattia lavorativa (indipendentemente dalla gravità) o alla morte4. Al verificarsi di un Evento OH&S, se lo stesso ha comportato un infortunio, gli addetti al Primo soccorso devono prestare il proprio intervento per mitigare i danni subiti dall’infortunato e, se del caso, richiedere l’intervento del 118. Il RQ, qualunque sia la natura dell’Evento OH&S, supportato dal RSPP, deve registrare lo stesso avvalendosi del Registro delle Non Conformità (modulo 01P08).

8.3.4 Non conformità ambientali La Pernazza Group ha stabilito, implementato e mantiene attiva la procedura PG08 per gestire le non conformità ambientali e per intraprendere, quando necessario, le relative azioni correttive. In particolare l’azienda si impegna a: a) identificare, registrare e correggere le non conformità relative alla salute e sicurezza e intraprendere azioni per ridurne le conseguenze b) indagare le non conformità e determinarne le cause. Per ulteriori dettagli si rinvia ai successivi §§. 8.5.2 e 8.5.3.

Rif. PG 08 Gestione delle non conformità

4

Un incidente è un evento che ha portato ad infortunio, malattia lavorativa o fatalità. Un

evento che non dà luogo a malattie lavorativa, infortuni o fatalità è detto anche “quasi incidente (near-miss), (near-hit), (close call) o (dangerous occurrence); una situazione di emergenza è un particolare tipo di incidente.

37/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

8.4 Analisi dei dati I dati provenienti dai rapporti delle verifiche ispettive, dalla rilevazione della soddisfazione dei Clienti, dai report contabili di commessa, dai reclami dei Clienti, dalle valutazioni sui fornitori, dai risultati dei controlli e collaudi e dal monitoraggio dei processi devono essere accuratamente analizzati al fine di monitorare costantemente l’adeguatezza e l’efficacia del SGI e di apportare, laddove possibile, miglioramenti. L’analisi dei suddetti dati costituisce un elemento di ingresso per il Riesame della Direzione.

8.5 Miglioramento 8.5.1 Miglioramento continuo Il miglioramento continuo è pianificato dalla Direzione in sede di riesame ed in sede di definizione delle politiche aziendali. Gli elementi su cui si basa il piano di miglioramento sono: a) i dati dei processi b) lo stato delle azioni correttive e preventive c) i risultati delle verifiche ispettive Azioni di miglioramento possono anche non essere pianificate dalla Direzione ma scaturire direttamente dalle verifiche ispettive e dall’osservazione quotidiana dei risultati.

8.5.2 Azioni correttive Le azioni correttive possono attivarsi per:  non conformità ripetitive di prodotti/servizi;  non conformità ambientali;  non conformità relative alla Salute e Sicurezza;  Eventi OH&S;  non conformità legislative;  esiti negativi nelle verifiche ispettive;  non conformità di Sistema;  reclami dei Clienti;  osservazioni o non conformità dell’ente di Certificazione;  informazioni sulla soddisfazione del Cliente.

38/39


MANUALE DI GESTIONE INTEGRATA QUALITA’- SICUREZZA-AMBIENTE Sez. 1 - Rev. 00 del 01.09.2011

Ogni responsabile di funzione ha l’autorità di individuare l’azione correttiva necessaria, di definire le responsabilità e di provvedere all’attuazione dell’azione stessa e alla verifica dell’efficacia. Le AC che comportano investimenti, tuttavia, devono essere approvate da DG. Rif. PG 24 Azioni correttive e preventive

8.5.3 Azioni preventive Le azioni preventive vengono intraprese qualora, analizzando i vari dati disponibili in azienda o provenienti dall’esterno, si individuino delle situazioni a rischio che rendono opportune delle attività di prevenzione; esse possono scaturire da:  Output del riesame della Direzione;  osservazioni o raccomandazioni emerse in sede di audit;  suggerimenti del personale e di altre parti interessate;  Eventi OH&S. Come per le azioni correttive, ogni responsabile di funzione ha l’autorità di individuare l’azione preventiva necessaria, di definire le responsabilità e di provvedere all’attuazione dell’azione stessa e alla verifica dell’efficacia. Le AP che comportano investimenti, tuttavia, devono essere approvate da DG.

Rif. PG 24 Azioni correttive e preventive

39/39

Manuale della Gestione Integrata della Qualità  

Il presente manuale ha lo scopo di fornire un quadro di riferimento del Sistema di Gestione attraverso il quale la Pernazza Group s.r.l. att...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you