Page 1

#11

DIFFERENT VIEWS AROUND THE WORLD

MSGM

www.positive-magazine.com

cover by lightxel


2 | POSI+TIVE


Founder & Editor in Chief Giacomo Cosua Berlin, Venice Graphic Department Marco Forlin Venice Livio Chiodega Berlin Valentina Siciliani Venice Marketing & ADV Department Filippo Erizzo Berlin Dario Mosconi Padova Web Department Pietro Gregorini Milan Photography Department Ada Sbriccoli Barcelona Victor Anton Milan Tobia Piatto Venice Petra Fantozzi Berlin Flickr Page Editor Silvia Conde Barcelona Fashion Department Land Fashion Editorial Director Fashion Editor at Large Rosario Morabito London Senior Fashion Editor Sara Cimino Milan European Fashion Editors Liselotte Fleur The Netherlands Angel Leung UK Alejandro Reyes Fernandez Madrid Gianluca Gamberini Paris Giulia Meterangelis Milan Oceania Fashion Editors Mike Lee Sydney

Culture and Art Department Valeria Federici New York City Andrea Santoro Rome Matilde Casaglia London Giovanni Paolini – Guest editor London Jenna Garrett U.S.A. Rachel Ridge London Laura Zauli – Film Editor London Architecture Department Architecture Editor in Chief Eugenia Gotti London Costanza Madricardo London Enrico Mancini Trieste Riccardo Del Fabbro Berlin Exhibition Department Marco Zavagno Milan Columnists She Thought Outside The Box Silvia Conde Silvia Cabra Downtown’s Tale Alessandro Benvenuti Go Die in DC Luca Filippi Negative Andrea Santoro Translation Department Federica Manzolini Marco Munoz Lozano Israel Fernandez Benito Nicola Rossi Francesco D’Ambrosio Francesco Cristelli Bianca Baroni

+ DISCLAIMER POSI+TIVE MAGAZINE non è responsabile per i testi, le fotografie e le illustrazioni pubblicate all’interno, poiché di proprietà degli autori. Tutti i diritti sono riservati, la riproduzione è espressamente vietata ai sensi delle norme che regolano i diritti d’autore. web www.positive-magazine.com facebook facebook.com/positivemagazine flickr flickr.com/groups/positivemagazine mail info@positive-magazine.com POSI+TIVE | 3


Index.

POSI+TIVE MAGAZINE Issue 11

08. INTERVIEW GARETH CATTERMOLE

36. SOVIET IN BERLIN

16. TEENAGE TEETH

26. DON't skyp me!

48. MIDDAY IN PARIS

60. THE SUSTAINABLE LIGHTNESS OF FASHION

72. THE NEW LOUVRE-LENS FROM SANAA

92. PALE WEDNEDAY


106. GO YOUR WAY

124. SEVEN days with coco

140. Dana Goldstein

158. Miss Tunisia 2013

170. The River will Die

198. EGYPT

206. Libya at the crossroad

236. syria’s kurdish army


6 | POSI+TIVE 6 | POSI+TIVE


Venice Art Biennale 55th Edition. Venice Giardini and Arsenale Corderie www.labiennale.org 1st june - 24th november 2013

ROBERT DOISNEAU. Paris en libertĂŠ Caserta, Reggia di Caserta from the 24th may 2013 to 22nd september 2013

Empire State. Art in New York Today. Rome, Palazzo delle Esposizioni from the 23rd april 2013 to 21st july 2013

Exhibition: Images, Books and Papers. Pavia, Salone Teresiano Biblioteca Universitaria from the 20th of april 2013 to 14th of august 2013

ANDY WARHOL: an american history. Pisa, Palazzo Blu from the 11th of october 2013 to the 2nd of feburary 2014

POSI+TIVE | 7


IN TER VIEW GARETH CATTERMOLE + Interview by Matilde Casaglia + Thanks to Getty Images all photos Getty Images all rights reserved

8 | POSI+TIVE


Gareth Cattermole was born in 1981. He is an entertainment staff photographer at Getty Images, he is based in London and has been with the company for over 10 years. Specialising in fashion and portraiture, Gareth has covered all the major events in the fashion and celebrity industry throughout the years. From Berlin Fashion Week, to Film Festivals in Cannes, Rome, Venice, Dubai, to MTV Awards, The Brits and the BAFTAs, and the London Fashion Week for the past 12 years. Gareth was part of Getty Images’ team of photographers at the London 2012 Olympic Games - his third time capturing the Olympics, after Athens and Beijing. His passion for photography started when he was at school, and his professional career begun as a paparazzi at Big Pictures. But this story is for the protagonist to be told. For him to answer, for me to ask.

Gareth Cattermole nasce nel 1981. È un fotografo e lavora per Getty Images nella sezione intrattenimento e ha lavorato per l’azienda per 10 anni. Attualmente vive a Londra. Specializzato in ritratti e moda, Gareth ha fotografato tutti gli eventi più acclamati nel corso degli anni. Dalla Fashion Week di Berlino ai Film Festival a Cannes, Roma, Venezia, Dubai, gli MTV Awards, e la London Fashion Week per gli ultimi 12 anni. Era uno dei fotografi ufficiali della Getty presente alle Olimpiadi di Londra 2012, dopo aver già immortalato le due precedenti ad Atene e Beijing. La sua passione per la fotografia crebbe durante il liceo, e la sua carriera professionale ebbe inizio quando lo presero come paparazzo a Big Pictures. Ma questa storia suona meglio se narrata direttamente dal suo protagonista. A lui le risposte, a me le domande.

POSI+TIVE | 9


+ How did you realise you wanted to be a photographer? When I was in high school I just wasn’t very good at playing football. During lessons at school I always had to sit by the window because I needed to look outside. I decided that I either wanted to be an airline pilot, or a photographer. But I am scared of flying, so the answer came itself. I wanted to be a photographer, but not any kind of photographer, a sport photographer. My dream was to work for All Sport, which is now Getty. Because one of my dad’s friends, called Dave Rogers, is the main sport rugby photographer and I met him when I was younger and he gave me this inspiration. I went to college, and I did a two year bi-tech national diploma course and I just taught myself photography, and I got the highest mark I could have got. When I left college, I didn’t know where to start from. One day, just by chance, I was shopping with my parents and my mum and dad were reading the British Journal Photography and there was an add saying “celebrity photographer wanted”. I went along with my case, never knew anything about celebrities until that day. The guy was very business like, he treated me like an estate agent would do, not my sort of person. At the train station on my way back I called my mum saying I didn’t think it went very well. Then I had another call while I was speaking with her. And it was the guy I just met, and he offered me the job. He wanted me to start the next day. That was the start of my professional career as a photographer, at Big Pictures. I had to bring my own equipment, and I was given just an x amount of film a week. Is there something you miss about dark rooms, films and all that jazz? It was all paparazzi work in my first three years at Big Pictures, something that a lot of people doesn’t like. Well, I loved it. The first person I had to capture was Melanie Sykes and I was put together with two other photographers: Math Smith and Carl Brooks from Brighton. If we had a big exclusive, we had to send the film with our pictures back to the office in a taxi. But at the end of the day we had to go back in the office, develop our own film and mark them up with a pencil highlighting what frames we thought were best. Only those would get printed and send out to the newspaper and magazine. Yes, I do miss that, because with film you had to be very selective with what you shot, whereas now you can shoot a thousand pictures in a minute. Who inspired you? The person who inspired me the most in my career also happen to be my best friend. He is a photographer, and his name is MJ Kim. He was a photographer at Getty, but now he is the personal photographer of Paul McCartney. He taught me everything in my profession and he took me under his wing. He told me that being a good operator is often more important than just taking pictures. From him I learnt that getting on with people is crucial in our job.

10 | POSI+TIVE

+ Quando hai capito che volevi diventare un fotografo? Quando ero al liceo, non ero bravo a giocare a calcio. Durante le lezioni in classe io volevo sempre sedermi il più vicino possibile alla finestra, perché avevo bisogno di guardare fuori. Avevo deciso che volevo diventare un pilota di aerei di linea, oppure un fotografo. Ma ho paura di volare, quindi la risposta venne da sola. Volevo diventare un fotografo, ma non uno qualsiasi, un fotografo di sport e il mio sogno più grande era entrare a All Sport, che ora Getty. Un amico di mio padre, Dave Rogers, il principale fotografo di Rugby e l’ ho conosciuto quando ero piccolo, mi ha sempre ispirato. Sono andato al college, e ho concluso il mio diploma biennale. Ho imparato da solo a fotografare, e ho preso il voto più alto che potessi prendere. Quando ho finito il college, non sapevo da che parte iniziare. Finchun giorno, mentre ero in giro a fare shopping con i miei genitori, loro si misero a leggere il British Journal Photogrpahy e trovarono un annuncio che diceva “Celebrity photographer wanted”. Andai al colloquio con il mio portfolio, senza conoscere minimamente il mondo delle celebrità. L’ uomo che mi trovai davanti era uno molto serio, mi trattava come mi avrebbe trattato un agente immobiliare... non il mio tipo di persona. Alla stazione, mentre tornavo verso casa chiamai mia madre e le dissi che non pensavo fosse andata molto bene. Poi ricevetti una telefonata e dovetti metterle giù. Era l’uomo che avevo appena conosciuto, che mi offriva il lavoro. Voleva che iniziassi l’ indomani. Questo fu l’ inizio della mia carriera professionale da fotografo, per Big Pictures. Nessun equipaggiamento era previsto se non il proprio, e mi venivano concessi solo un tot di rullini a settimana. Hai nostalgia dei rullini, delle camere oscure, della fotografia pre-digitale? Per Big Pictures il lavoro era principalmente paparazzo, cosa che molti non approvano. Io ho adorato farlo. La prima persona che dovetti fotografare fu Melanie Sykes. Incaricarono me e altri due fotografi. Se ci capitava una grande esclusiva dovevamo immediatamente spedire il rullino in ufficio con un taxi. Ma alla fine della giornata stava a noi tornare in ufficio e sviluppare i nostri rullini, decidendo le foto migliori. Solo le migliori venivano stampate e spedite a giornali e riviste. Si, a volte mi manca questo processo. Con i rullini dovevi essere molto più selettivo nel fare una foto, mentre ora puoi scattarne mille in un minuto. Chi ti ha ispirato? La persona che più mi ha ispirato professionalmente si trova anche ad essere il mio migliore amico. È un fotografo, e il suo nome MJ Kim. Era un fotografo per Getty, ma ora  il fotografo personale di Paul McCartney. Mi ha insegnato tutto nella mia professione, e mi ha preso sotto la sua ala. Mi ha insegnato che essere un buon operatore spesso più importante di scattare bene fotografie. Da lui ho imparato che andare d’accordo con le persone fondamentale per questo lavoro.


+ Fashion Week

POSI+TIVE | 11


+ What’s your technique for portraits? I used to be very nervous if I needed to have a one to one with celebrities. But MJ taught me not to forget that they’re just normal people. It’s difficult to master the three minute portrait session, which is usually the equivalent of 30 seconds if you’re lucky, and you really don’t have the time to be nervous. Technically speaking I don’t think images have to be in a certain way. I read a quote recently that I loved which says that “a circle doesn’t have to be round”. It’s the same in photography I think. I never ask people to do anything, I just have a bit of banter with them before we start. Then I kind of leave it to them, I like the blankness. I let them give me something. And they usually do, in these 30 seconds. When you work for Getty you need to be able to produce something that will sell, and you have to be quick and know what you need to get. I’ve learnt so much from being a paparazzi and I think you can see in some of my portraits this influence, some of them are quite pap-oriented. For a portrait I just want to capture the person. I like the plain background, so you can concentrate on their face. During fashion weeks, when I go back stage, you might find me lying on the floor somewhere, using loads of remote cameras, doing something surprising like using a £150 fish eye lens with manual focus. I would always like people to say: “How did you do that?” when they see my work. It’s so easy for people now to take good pictures, with Iphones and technologies. A lot of photographers don’t like what I do with Instagram. They say it doesn’t hold any value because anyone can do that. And I reply that yes, anyone can do that, but not everyone can do it as well as I do. In my work I’ve always done what MJ told me: never tell people what you do, always let people come up to you and ask you how you did it.

12 | POSI+TIVE

+ Qual’è la tua tecnica per i ritratti? All’ inizio ero molto nervoso quando avevo un faccia a faccia con una celebrità . Ma MJ mi ha insegnato a non dimenticare mai che in fondo anche loro sono persone normali. È difficile saper gestire i tre minuti che ti sono concessi per un ritratto, che di solito equivalgono a trenta secondi effettivi, se sei fortunato. Non c’ è tempo per essere nervosi. Tecnicamente io non credo che le immagini abbiano una formula da seguire a tavolino. Recentemente ho letto una citazione che mi è rimasta impressa che dice “un cerchio non deve essere rotondo per essere perfetto”. Questo vale anche per la fotografia. Io non chiedo mai ai miei soggetti di fare nulla, ci scherzo soltanto prima di iniziare. Poi lascio a loro, mi piace non sapere cosa mi regleranno. Lascio che loro mi diano qualcosa. E solitamente lo fanno, in quei 30 secondi. Quando lavori per Getty, devi essere capace di produrre qualcosa che venda, e devi essere veloce, devi sapere cosa vuoi ottenere. Io ho imparato moltissimo dal periodo in cui facevo il paparazzo, e penso che questa inf luenza si intraveda nei miei ritratti. In un ritratto quello che voglio catturare è esclusivamente la persona. Mi piacciono gli sfondi spogli, così mi posso concentrare sul viso. Durante le settimane della moda, quando vado nei back stage, è facile che mi troviate accasciato per terra, che uso varie macchine fotografiche, con messe a fuoco manuali o lenti particolari. Il mio obiettivo è che la gente si chieda: “Come hai fatto? ” quando vedono i miei lavori. È diventato troppo facile di questi tempi fare foto belle, con gli Iphone e le tecnologie di cui disponiamo. Per esempio molti fotografi che conosco non approvano quello che faccio con Instagram, pensano che non abbia alcun valore perché chiunque potrebbe averlo fatto. Ma io rispondo sempre che chiunque potrebbe farlo, ma non così bene come lo faccio io. Ho sempre fatto come mi ha suggerito MJ: non dire mai alle persone quello che fai con le tue foto, lascia sempre che siano loro a venire da te a chiedertelo.


+ Tom Hardy at Cannes Film Festival

POSI+TIVE | 13


+ Surfers in Venice

14 | POSI+TIVE


+ What’s your dream reportage? Surfing has always been my passion and I would love to work with absolutely no brief, on the ASP (Association of Surfing Professionals) World Tour. This picture for example was taken at the venice film festival. I just became friend with a waiter in a restaurant in Venice. I am always skate boarding to get around and he was skate boarding too, and his friend said they were going surfing on the beach. Getty is the most amazing place to work for that reason. They have so much freedom with what you do, and there is always the budget to allow you to do what you want. In the Venice film festival I would never have gone to make pictures of surfers. But after ten years, Getty allows me the freedom, they trust me. They let me do the circle how I want it to be, they don’t tell me to do it round. And that’s the biggest plus for me. What would you suggest to a young photographer starting now? Never let anyone tell you that something has to be a certain way. It doesn’t have to be round, to be a circle. You might have to do something you don’t want to do, to be where you want to be. I never started out wanted to be a paparazzi photographer but it was a stepping stone for the rest of my career. Be confident but never arrogant. Anyone can be a photographer now, with Iphones and stuff, so try and be specific with what you want to produce and how you can sell it. And always remember the people who helped you. Never forget where you came from. I always make sure at Christmas time for example to give the people I work with and the Pr a little something to thank them like a bottle of champagne. Like MJ is one of my best friend and he never had to, he took on the tour of the Spice Girls because he was their photographer with the spice girls and I was like a sponge I taking everything. I never spoke until I was spoken to, I was just there listening and learning and absorbing like a sponge.

+ Qual’è il reportage dei tuoi sogni? Il surf è sempre stato la mia passione e mi piacerebbe fotografare l’ASP (Association of Surfing Professionals) World Tour senza alcun tipo di commissione. Per esempio questa foto (vedi sopra) e stata scattata al Film Festival di Venezia. Sono diventato amico di uno dei camerieri che ho conosciuto a un ristorante una sera. Vado sempre in giro in skateboard e lui anche, così mi ha raccontato che sulle spiagge di Venezia si può fare surf. Getty è il posto migliore al mondo per cui lavorare proprio per questa ragione. Ti danno molta libertà con quello che puoi fare, e c’ è sempre il budget per permetterti di scattare quello che vuoi. Ovviamente non ero stato mandato a Venezia per fare foto di surfisti. Ma dopo dieci anni che lavoro per Getty, mi danno queste libertà perché si fidano. Mi lasciano fare i cerchi come voglio, senza chiedermeli necessariamente rotondi. E questo è il vantaggio principale di questo lavoro. Cosa diresti a un giovane fotografo che sogna di arrivare dove sei arrivato tu? Non lasciare mai che qualcuno ti dica che le cose devono essere in un certo modo. Non devono essere tondi, per essere cerchi. Sappi che potresti dover fare qualcosa che non vuoi fare, per arrivare dove vuoi arrivare. Io non ho iniziato la mia carriera volendo diventare un paparazzo, ma è stato un passo fondamentale per arrivare dove sono oggi. Abbi fiducia in te stesso, senza essere arrogante. Chiunque può essere un fotografo oggi, con gli Iphone e Instagram, quindi prova a essere specifico con quello che vuoi produrre e soffermati su come credi che potrai vendere il tuo lavoro. E ricordati sempre di chi ti ha aiutato. Non dimenticare mai da dove vieni. Io per esempio non mi dimentico mai di tutti coloro con cui lavoro, gli faccio sempre avere qualcosa a Natale per ringraziarli. Quando MJ mi portò con lui durante il tour delle Spice Girls perché lui era il loro fotografo ufficiale ai tempi, io lo seguivo, ed ero come una spugna, assorbivo tutto. Non parlavo mai e non interpellato, stavo là e ascoltavo tutto, osservavo, assorbivo. Come una spugna. Per imparare devi essere come una spugna.

POSI+TIVE | 15


TEENAGE TEETH: Interview with Ben Pier + Interview by Jenna E.Garrett

16 | POSI+TIVE

+ Ben Pier hails from small town origins and now thrives as a commercial photographer and artist in New York City. While his impressive client list ranges from SONY to Converse, Pier continues his personal work documenting contemporary America, filled with sweeping landscapes and intimate portraiture. His most recent photo book Teenage Teeth is available through Ed. Varie in New York.

+ Ben Pier lavora come fotografo a New York. Tra i suoi clienti può vantare brand come Sony e Converse, anche se continua a documentare l'America di oggi, tra paesaggi e ritratti. Il suo ultimo lavoro è stato il libro "Teenage Teeth", disponibile da Ed. Varie a New York.

www.benpier.com

www.benpier.com


POSI+TIVE | 17


+ Tell us a little about yourself. I’m thirty-two. I grew up in St. Louis, Missouri. I studied photography in Chicago, Illinois and I currently live and work in New York City.

+ Raccontaci qualcosa di te. Ho 32 anni e sono cresciuto a St. Louis, in Missuri. Ho studiato fotografia a Chicago, Illinois e ora abito e lavoro a New York.

How many years have you been taking photographs? What got you started? I started taking pictures in high school to document my friends skating and playing music. I was about fifteen or sixteen at the time. We had a photo class at my school where you would get a Pentax k1000 for the semester and there was also a black and white darkroom to print in. It was way fun. I was immediately into it and it soon became more important to me than anything else I was doing at that time.

Da quanti anni scatti fotografie? Che cosa ti ha fatto iniziare? Ho iniziato alle scuole superiori, documentanti i miei amici skaters e quando suonavano. A quel tempo avevo circa 15 o 16 anni. A scuola poi ho fatto una lezione di fotografia dove ti davano una Pentax k1000 per tutto il semestre e c'era anche una camera oscura per il bianco e nero per stampare. E' stato assai divertente. Mi sono immediatamente tuffato nella fotografia e presto è diventata la cosa più importante rispetto a tutto quello che facevo al tempo.

Your work Teenage Teeth explores American youth. How long have you been working on this project? Where were most of the images taken? I think I’ve been shooting for it for the past five or six years but not really with the express interest of it being about teenagers - that kind of came about in the edit. It just made sense when I put everything together.   Talk a little bit about youth, love and loss. After spending so much time with them, what do you feel like you’ve learned about today’s teenager? Who are they? I don’t know where to begin...I think youth is something to be cherished and something you should fight to hold onto. Don’t get me wrong, I’m not saying you can or should stay a kid forever but the spirit of your youth is a thing you shouldn’t shed easily. Love and loss? That’s for another book.    There is this idealized cinematic quality in most people’s minds of the United States, perpetuated by so many films surrounding teenagers and their coming of age. Does this movie ideal hold true to you? What is Americana? It’s hard for me to say since I’m from here and I spent my whole life here. It is difficult for me to put myself on the outside of that but ultimately yes - I think that it is rooted in who we are as Americans. For me at least, all of my favorite movies as a teenager are about this. The Goonies, Red Dawn, Rad, Thrashin’, The Breakfast Club, etc. They all deal with the issues you are talking about. I’m constantly inspired by films abut that subject - I also think that part of it is that we make are making are own movies as kids. We might see

18 | POSI+TIVE

Il tuo lavoro "Teenage Teeth" esplora la gioventù americana. Per quanto tempo hai lavorato su questo progetto? Dove hai scattato la gran parte delle immagini? Ho scattato per circa gli ultimi 5-6 anni, ma non con l'idea di esprimere un vero interessa per quanto riguarda gli adolescenti, è stato qualcosa che è venuto successivamente quando ho iniziato a fare l'editing delle immagini. Essenzialmente il senso del lavoro è emerso mettendo gli scatti tutti assieme. Parlando un po' della gioventù e dell'amore, dopo aver speso così tanto tempo su questo tema, cosa pensi di aver imparato riguardo i giovani d'oggi? Non saprei da dove iniziare, penso che la gioventù sia qualcosa che va adorata e qualcosa per cui vale la pena combattere e alla quale rimanere aggrappati. Non dico che bisogna rimanere rimanere ragazzi per tutta la vita, ma lo spirito della gioventù non si dovrebbe abbandonare facilmente. C'è questa realta' cinematografica idealizzata nella mente della maggioranza degli americani, perpetuata dai molti film riguardanti i teenagers e come loro vivono quell'età. Ti riconosci nell'ideale di questo film? Cosa è per te Americana? Come loro vivono la propria età meglio? È difficile per me dirlo poiché sono americano e ho vissuto gran parte della mia vita qua. è difficile mettermi su un piano da osservatore, ma in definitva posso dire di si,


what we like on screens but it is not really real until we are out there doing it ourselves. Everything during our youth feels larger than life. Small trials or joys can be so massively profound to the teenager. Do you feel those intense emotions are valid or are they simply an immaturity we grow out of as adults? What do we lose with age? Of course they are valid at that age and of course they are totally ridiculous as viewed from an adult with a dead heart. We lose our ability to understand how it was to be that young to empathize. We become jaded, grey skinned conservatives.     Growing up in the Midwest, what do you feel is the difference between urban and suburban teens? Suburban Teens are pretty naive about they ways of the world and urban kids ain’t.  Not saying either is better or worse. Are you working on any new projects? Yep, I’m working on putting out another book this summer. I’m going to try to put out a book a year at least from here on out. Right now I’m shooting for it but nothing in the way of a theme has popped out thus far. We’ll see.   Now just for curiosity’s sake. Best and worst memory from your own teenage years. So much happens then it is really hard to pull a favorite from all of it. Playing music with my friends in a touring band straight out of high school was pretty great. We were doing exactly what we wanted and it was new and exciting. Making the decision to leave my hometown to pursue photography was probably the best choice I ever made. I had a couple of good crushes along the way, did some weird drugs, and did a lot of exploring. The worst ones I can’t really mention.  What car did you drive as a teenager? First car I had I paid five hundred bucks for it was a Plymouth Horizon and then a couple years later I got upgraded to a 68 Galaxy 500.

penso che tutto sia riguardo al fatto di chi siamo come americani. Almeno per me, i miei film preferiti di quando ero adolescente parlavano di questo. I goonies, Red Dawn, Rad, Thrashin’, The Breakfast Club, etc. Tutti parlano in qualche modo di questo. Sono continuamente ispirato a film che seguono questi temi e penso anche che questa parte sia quella che ci permette di essere noi stessi i protagonisti di questi film quando siamo adolescenti. Quando ci guardiamo allo schermo pensiamo di avere una idea di quello che possiamo essere, ma non è davvero reale fino al momento in cui siamo noi i protagonisti. Qualunque cosa quando siamo adolescenti sembra essere tutto più grande della nostra stessa vita. Piccoli problemi o grandi gioie possono essere enormemente profonde per un adolescente. Hai l'impressione che queste emozioni intense sono sempre valide o sono semplicemente un segno di immaturità che spariscono quando si diventa adulti? Che cosa perdiamo con la maturità? Sono sempre valide anche quando siamo più vecchi e sicuramente sono dal punto di vista di un adulto totalmente ridicole. Perdiamo l'abilità di comprendere com'era quando eravamo ragazzi, del fatto di enfatizzare. Diventiamo grigi e conservativi. Stai lavorando a nuovi progetti? Si, sto preparando un nuovo libro per quest'estate. L'idea è di provare a fare un libro ogni anno, al momento sto scattando per questo progetto, ma al momento non ho ancora nulla di pronto, vedremo quello che succederà. Per togliermi qualche curiosità: i tuoi momenti peggiori e migliori della tua adolescenza. È successo veramente di tutto per scegliere un ricordo tra tutti gli altri. Suonare con i miei amici in tour subito dopo le scuole superiori è stato bellissimo, stavamo facendo esattamente quello che volevamo ed era tutto così nuovo e eccitante. Decidere di lasciare la mia città e di seguire la fotografia è stata probabilmente la migliore scelta che abbia fatto. Durante il mio percorso sono successe diverse cose, ho preso delle strane droghe e ho scoperto tante nuove cose, le peggiori forse è meglio non citarle. Che macchina guidavi quando eri giovane? La mia prima macchina è costata 500 dollari ed era una Plymouth Horizon e poi qualche anno dopo sono passato a una 68 Galaxy 500.

POSI+TIVE | 19


20 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 21


22 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 23


24 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 25


26 | POSI+TIVE


+ Photography by solmaz saberi Hair/Mua Etienne Ortega Styling by Jordan Grossman Model Thekla at HMMLA

POSI+TIVE | 27


28 | POSI+TIVE


+ Dress Boohoo shoes Luichiny

POSI+TIVE | 29


+ Shoes Doc Martens sunglasses Celine Leggings Gypsy Junkies top Gypsy Junkies Leather jacket seven for all mankind

30 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 31


32 | POSI+TIVE


+ Leggings Gypsy Junkies top Gypsy Junkies Leather jacket seven for all mankind

POSI+TIVE | 33


+ T-shirt Terrible Movement Skirt Motel Rocks Shoes Luichiny Leather Jacket Bebe

34 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 35


+ coat JULIAANDBEN Pants JULIAANDBEN sweater JULIAANDBEN Boots MILITARY UNIFORM

36 | POSI+TIVE


****

SOVIET! in Berlin ****

+ Photos by Giacomo Cosua Styling by Pablo Patané Model Lenny @Izaio Models Berlin Thanks to Affa Osman

POSI+TIVE | 37


38 | POSI+TIVE


+ coat JULIAANDBEN Pants JULIAANDBEN sweater JULIAANDBEN

POSI+TIVE | 39


40 | POSI+TIVE


+ sweater JULIAANDBEN

POSI+TIVE | 41


42 | POSI+TIVE


+ Coat MILITARY UNIFORM (Pane&Vintange collection) suit REALITY STUDIO BOOTS DOTTOR MARTENS

POSI+TIVE | 43


+ Hat•gloves•fur VINTANGE coat JULIAANDBEN Pants JULIAANDBEN t-shirt JULIAANDBEN

44 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 45


+ hat•fur VINTAGE t-shirt COS leggins H&M Coat JULIAANDBEN

46 | POSI+TIVE


+ hat•fur VINTAGE t-shirt COS leggins H&M Coat JULIAANDBEN

POSI+TIVE | 47


+ Photo Giacomo Cosua Model Wael and Florian @Bananas Model Paris Thanks to Alessandro Sellaretti

48 | POSI+TIVE


+ smoking overall Givenchy camicia Givenchy Giacca Givenchy foulard Alexander McQueen

POSI+TIVE | 49


+ Givenchy

50 | POSI+TIVE


+ Givenchy

POSI+TIVE | 51


+ camicia Givenchy cintura Givenchy Pantalone Dries Van Noten

52 | POSI+TIVE


+ camicia Lanvin Foulard Hermès cintura Gucci pantaloni Dries Van Noten

POSI+TIVE | 53


54 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 55


+ parka, felpa, jeans Givenchy stivali Dior Homme collare Dolce&Gabbana cappotto Dior Homme leggins e scarpe Givenchy

56 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 57


58 | POSI+TIVE


+ parka, felpa, jeans Givenchy stivali Dior Homme collare Dolce&Gabbana cappotto Dior Homme leggins e scarpe Givenchy

POSI+TIVE | 59


THE SUSTAINABLE LIGHTNESS OF FASHION + interview whit Valeria Bruni of BAM! Text Eugenia Gotti Proof reading Bianca Baroni

60 | POSI+TIVE


+ The Practice

+ Lo Studio

BAM! Bottega di Architettura Metropolitana (which means “workshop of metropolitan architecture”) finds its winning move since the name: a catchy presentation (BAM!) mixed with the constant thought towards the community that starts from the bottom to change the city, as it happens in a bottega. Four young architects form the team: Alberto Bottero, Valeria Bruni, Simona Della Rocca, Fabio Vignolo (with the collaboration of Alessandro Capello, Paolo Carignano, Gabriele Druetta, Giulia Nard).Their fil rouge is the Politecnico of Turin, but we must add various working experiences abroad and some others for thesis in the U.S. India and Japan, too. They could be considered as “dreamers”, who bet in coming back to Italy after having lived and worked abroad. Their activity lives thanks to the architectural practice and a lot of research, too.

BAM! Bottega di Architettura Metropolitana, propone sin dal suo nome la ricetta vincente della sua formula. Presentazione d' impatto (BAM!) con un pensiero costante rivolto alla comunità che, come nelle botteghe, parte dal basso per trasformare la città. La formazione è composta da quattro giovani architetti Alberto Bottero, Valeria Bruni, Simona Della Rocca, Fabio Vignolo (con la collaborazione di Alessandro Capello, Paolo Carignano, Gabriele Druetta, Giulia Nard), il Politecnico di Torino è il fil rouge della loro collaborazione a cui aggiungono svariate esperienze lavorative all’estero e di tesi di laurea negli Stati Uniti, in India e in Giappone. Possono considerarsi tra quella categoria di sognatori che dopo un esperienze all'estero azzardano la scommessa di ritornare in Italia. La vostra attività si nutre di pratica architettonica ma anche molto di ricerca. POSI+TIVE | 61


+ EG: If you should express the importance of the research and of the design in your work, what would it be, in percentage? BAM!: 50-50%. Without the research, the project can’t exist and without the project, there’s no goal for the research.

+ EG: Se doveste esprimere in una percentuale l'importanza ricoperta dalla ricerca e dalla progettazione nel vostro lavoro, quale sarebbe? BAM!: 50 e 50. Senza ricerca non può esserci progetto e senza progetto non c'è il fine per la ricerca.

EG: According to you, what does the term “sustainability” mean for a city? BAM!: It means trying to maximize the social, economic, environmental and spatial sustainability. It also corresponds to the quality of spaces, which are indivisible from the society that houses them.

EG: Cosa vuol dire sostenibilità per una città? BAM!: Vuol dire massimizzare i livelli di sostenibilità sociale, economica, ambientale e spaziale. Vuol dire qualità degli spazi in quanto indivisibili dalla società che ospitano.

EG: What is the relationship between architectural design and the city? BAM!: The relationship between an architectural project and the landscape –urban or natural- is the intrinsic factor. For this reason, all the elements of the project must care about the environment that houses it. We are designers, so we generally start from the comparison between the architectural work we plan and the environment that will house it.

62 | POSI+TIVE

EG: Che rapporto esiste tra progetto architettonico e città? BAM!: Nel progetto architettonico è intrinseca la relazione col paesaggio che lo accoglie, sia esso urbano o naturale. Per questo tutti gli elementi del progetto devono tener conto dell'ambiente che lo ospita. Come progettisti generalmente partiamo dalla definizione del piano di confronto tra l'architettura che progettiamo e il paesaggio che la ospiterà.


+ Competitions

+ I Concorsi

BAM! joined many international competitions: in 2010 they are mentioned in the competition Metamorfosi and in the 2011 they won Venice City Vision. Some of their works were exposed in the Gopher Gallery, London 2012, but also in the IV Biennale of Rotterdam and in the XI Biennale Venice.

BAM! ha partecipato a concorsi internazionali, nel 2010 vengono menzionati al concorso La Metamorfosi e nel 2011 vincono Venice CityVision. Alcuni lavori sono stati esposti alla Gopher Gallery di Londra nel 2011, alla IV Biennale di Rotterdam, alla XI Biennale di Venezia.

POSI+TIVE | 63


+ EG: You joined competitions of very different kind in terms of size, target and ambitions, how do you choose the right competition to attend? BAM!: Basically, we deeply want to extend our education in a specific field of the design, but sometimes we also have the opportunity to collaborate with other professionals we esteem; other times we desire to go deeply into knowing things about a given place. Surely, we think also about prize and customers. Very often, especially in Italy, prizes are not commensurate with the task requested by a competition. EG: Do you believe that the competitions system can guarantee better results for Italian architecture? BAM!: Actually, this seems to be, in our opinion, the only road to achieve considerable results –or, at least, the results that a young studio can imagine to achieve in Italy. EG: Who should be covered in the category "Young Architects", often used for entries and prizes? BAM!: If we talk about the Italian overview, we can’t deny we would like to see the age for the “young” architects going down. But in this specific historical period, marked by the crisis, it’s really difficult to find the opportunities to grow professionally. So, reaching the professional maturity gets more and more distant.

64 | POSI+TIVE

+ EG: Avete partecipato a concorsi con dimensioni, obbiettivi e ambizioni molto diverse tra loro, come decidete a quale concorso partecipare? BAM!: In genere alla base delle nostre scelte c'è il desiderio di ampliare la nostra formazione in un determinato settore della progettazione, altre volte l'opportunità di nuove collaborazioni con altri professionisti che stimiamo, altre volte ancora è il desiderio di approfondire le conoscenze riguardo un determinato luogo. Certo valutiamo anche in base a premio e committenza. Molte volte, soprattutto in Italia, i premi non sono commisurati all'impegno di lavoro richiesto dal concorso. EG: Credete che il sistema concorsi possa essere garanzia di risultati migliori per l'architettura italiana? BAM!: Al momento ci sembra l'unica strada percorribile per il raggiungimento di risultati. O meglio, l'unica strada percorribile per poter fare architettura per un giovane studio in Italia. EG: Chi dovrebbe entrare, secondo voi, nella categoria giovani architetti? BAM!: Se parliamo in riferimento al panorama italiano non possiamo negare che ci piacerebbe veder scendere l'età degli architetti definiti giovani. Certo però in questo momento storico, segnato soprattutto dalla crisi economica, è difficile trovare le opportunità per crescere professionalmente. I tempi per raggiungere la maturità professionale perciò non possono che allungarsi.


+ We could considered BAM! interpretation of the project the continuation, in a contemporary lecture, of the experimentation conduct by Coop Himmelb(l)au e Haus Rucker about the inflatable architecture. In this case the inflated architecture is not the place in which the action is developing but the device that determines the use of the bottom space. Once again (as the studio’s name itself) the ossimoro that combines the powerful visual impact of the intervention and the uncommon attention for impalpable elements like light, color and atmosphere are the winning ingredients of the recipe.

+ Si potrebbe considerare l’ interpretazione di BAM! come la continuazione, in chiave contemporanea della sperimentazione portata avanti da Coop Himmelb(l)au e Haus Rucker sull’architettura gonfiabile. In questo caso l’architettura gonfiata non è il luogo dentro il quale si sviluppa l’azione ma è il dispositivo che determina l’uso dello spazio sottostante. Ancora una volta (come nel nome stesso dello studio) l’ossimoro che accosta il forte impatto visivo dell’ intervento ad un’attenzione non comune di elementi più impalpabili, come la luce, il colore e l’atmosfera, è l’ ingrediente vincente della ricetta.

POSI+TIVE | 65


66 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 67


+ EG: How does the concept of sustainability become part of your project? BAM!: In many ways. To MAXXI, an installation is at first a sustainable place, in a social term, that could insert itself as something interesting in the environment that houses it. It’s environmentally sustainable because it gives news about a not-really-known topic: the helium crisis. It’s economically sustainable because it minimize the costs, but it maximizes at the same time the visual impact of the whole work. It’s also spatially sustainable because the spaces, designed for people, are accessible by any type of user and adaptable to the different activities that the museum hosts during summertime.

68 | POSI+TIVE

+ EG: In che modo il concetto di sostenibilità entra nel vostro progetto? BAM!: In tanti modi. L'installazione per il MAXXI i vuol essere in primo luogo sostenibile dal punto di vista sociale inserendosi come attrattore nel contesto che lo accoglie. E' sostenibile dal punto di vista ambientale perché crea conoscenza intorno a un tema poco o per nulla conosciuto, quello della crisi dell'elio. E' sostenibile dal punto di vista economico perché minimizza la spesa pur massimizzando l'impatto visivo dell'opera. E' sostenibile dal punto di vista spaziale perché gli spazi disegnati per le persone sono accessibili e fruibili da ogni tipo di utenza nonchè adattabili alle diverse attività che ospita il museo durante il periodo estivo.


EG: Which category of people, you hope, are going to use mostly your space? BAM!: We hope that it will attract especially the local people: the square of the museum might become a local attraction, not only something for tourism. EG: If you should make a wish, which space would you like to design? BAM!: Every place. We want to make projects.

EG: Che categoria di persone sperate usi maggiormente il vostro spazio? BAM!: Ci piacerebbe che l'installazione attragga soprattutto i locali, le persone del quartiere, facendo diventare la piazza del museo (già attrattiva turistica) un'attrattiva locale. EG: Aprendo abbiamo detto che rientrate nella categoria dei sognatori, qual è lo spazio che vorreste progettare nei vostri sogni? BAM!: Tutti. Desideriamo progettare.

POSI+TIVE | 69


+ @EugeniaGotti

70 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 71


the new louvre– lens from sanaa + Gianluca Gamberini Photos Hisao Suzuki / Iwan Baan

72 | POSI+TIVE


+ The Louvre-Lens museum designed by Japanese architecture agency SANAA is the result of a common desire. It is a meeting of minds involving a governmental decision to carry out a new phase of decentralization. The choice of placing the museum on a former mine shows the intent of the museum to participate in the conversion of the mining area, while retaining the richness of its industrial past. The Louvre-Lens site is located on 20 hectares of wasteland that was once a major coal mine and has since been taken over by nature since its closing in 1960. The land presents some slight elevation, the result of excess fill from the mine. The Japanese architects from SANAA, Kazuyo Sejima and Ryue Nishizawa wanted to avoid creating a dominating fortress, opting instead for a low, easily accessible structure that integrates into the site without imposing on it by its presence. The structure is made up of five building of steel and glass. There are four rectangles and one large square with slightly curved walls whose angles touch. It is reminiscent of the Louvre palace, with its wings laid almost flat. The architects wanted to bring to mind boats on a river coming together to dock gently with each other. The facades are in polished aluminum, in which the park is reflected, ensuring continuity between the museum and the surrounding landscape. The roofs are partially in glass, reflecting a particular advantage to bringing in light, both for exhibiting the works and for being able to the sky from inside the building. Natural light is controlled by means of a concealment device in the roof and interior shades forming the ceiling. Designed as an answer to the vaulted ceiling, the surface retains in its light the change of seasons, hours and exhibitions. The museum also includes a large, invisible, two level space, buried deep in fill from the site. This space will be dedicated to service functions for the public, but will also be used for storage and logistical functions of the museum. Two independent buildings house the administrative services, to the South, and a restaurant, to the North, thus establishing a link between the museum, the park and the city. Providing a huge exterior area for a museum is an integral part of the Louvre project in the regions. The contours of the building mix exterior with interior, open to the paths of the populations like the work of time, water, vegetation, forming to produce landscaped areas and the work of people in real time. This is neither a public park nor a peri-urban forest: It is a museum in a regenerating natural park.

+ Il museo Louvre-Lens progettato dallo studio architettonico Giapponese SANAA è il risultato di un desiderio comune. È un incontro di menti che che coinvogle decisioni governative di portare avanti una nuova fase di decentralizzazione. La scelta di piazzare un museo su una ex miniera dimostra l’ intento del museo di partecipare nella coversione dell’area minatoria, mantenendo però la ricchezza del suo passato industriale. Il sito del Louvre-Lens è situato su 20 ettari di steppa che fù un tempo una grossa miniera di carbone che è stata soprafatta dalla natura dalla sua chiusura nel 1960. Il terreno presenta un lieve rialzo dovuto all’eccessivo riempimento della miniera. Gli architetti giapponesi del SANAA, Kazuyo Sejima e Ryue Nishizawa volevano evitare di creare una fortezza dominante, optando invece per un struttura bassa, facilmente accessibile che si integrasse armoniosamente nel sito senza imporsi troppo con la sua presenza. La struttura è composta da cinque edifici composti di acciaio e vetro. Ci sono quattro rettangoli e un largo quadrato con i lati leggermente curvi in cui i vertici si toccano. È una citazione del palazzo del Louvre, con le sue ali poggiate quasi in piano. Gli architetti volevano far ricordare una serie di barche su un fiume che si attraccavano armoniosamente l’una con l’altra. Le facciate sono in alluminio lucidato, nel quale viene rif lesso il parco, assicurando la continuità tra il museo e l’ambiente circostante. I tetti sono parzialmente in vetro, portando particolari vantaggi per esempio facendo arrivare all’ interno luce per esibire le opere e la possibilità di vedere il cielo dall’ interno dell’edificio. La luce naturale è controllata grazie ad un meccanismo di occultamento nel tetto e di tapparelle interne che formano il soffitto. Progettata come risposta al soffitto a volta, la superficie mantiene la luce con il cambiamento di stagioni e di ore delle mostre. Questo museo include anche un largo, invisibile spazio a due piani, sepolto nel profondo del sito. Questo spazio sarà dedicato a svolgere funzioni per il pubblico, ma sarà anche usato come magazzino e da fuzione logistica del museo. Due edifici indipendenti ospitano i servizi amministrativi a sud, ed un ristorante a nord, creando un collegamente tra il museo, il parco e la città. Fornire un enorme area esterna per un museo è parte integrante del progetto Louvre nelle regioni. I contorni dell’edificio mescolano esterno con interno, aperta ai passaggi delle popolazioni come il lavoro del tempo, acqua, vegetazione, presentando paesaggi e il lavoro delle persone in tempo reale. Questo non è ne un parco pubblico, ne una foresta urbana periferica: è un museo in parco naturale rigenerante.

POSI+TIVE | 73


74 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 75


76 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 77


78 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 79


80 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 81


82 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 83


84 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 85


86 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 87


88 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 89


1 2

SCENE

3

EXPOSITIONS TEMPORAIRES

4

5

6

8

7 HALL

10

ATELIER

ADMINISTRATION

90 | POSI+TIVE


RESTAURANT

9

12

11 PAVILLION DE VERRE

GALERIE DU TEMPS

R

1 Foyer 2 Scène 3 Expositions Temporaires 4 Librairie Boutique 5 Centre de Ressources 6 cafétéria 7 Espace pique-nique 8 Bulles mécène 9 Espace adhérents 10 Atelier 11 Galerie du Temps 12 Pavillion de Verre

N

GF PLAN S=1/1500

POSI+TIVE | 91


+ Kasia wears Lanvin

92 | POSI+TIVE


Pale

W e d n e s d ay

+ photo OSKAR CECERE styling INGA SAVITS / info@ingasavits.com art direction whitedeep.tumblr.com @ land production theyeland.tumblr.com / eyelandmail@gmail.com

POSI+TIVE | 93


+ Kasia wears Lanvin

94 | POSI+TIVE


+ Kasia wears Lanvin Jacket and shoes Anne Demeulemeester pants sweater Armani

POSI+TIVE | 95


96 | POSI+TIVE


+ Kasia wears shirt Dior pants Mugler shoes Gucci

POSI+TIVE | 97


98 | POSI+TIVE


+ Kasia wears coat Mugler shirt and jeans Calvin Klein belt Lanvin shoes Gucci

POSI+TIVE | 99


+ Kasia wears jacket Gucci shirt Alexis Mabille scarf Louis Vuitton vintage biker pants Jill Stuart biker boots Inga

100 | POSI+TIVE


+ Kasia wears jacket and pants Giorgio Armani boots Roberto Cavalli

POSI+TIVE | 101


+ wears Versace coat gilet Armani

102 | POSI+TIVE


+ Kasia wears Burberry

POSI+TIVE | 103


+ wears shirt and pants Burberry boots Roberto Cavalli

104 | POSI+TIVE


+ wears Dior suit

POSI+TIVE | 105


+ photography lightxel art direction+styling http://whitedeep.tumblr.com @land

106 | POSI+TIVE


+ Fallou wears Kenzo

POSI+TIVE | 107


+ wears Gucci

108 | POSI+TIVE


This is 4 politicians who are bored and believe in war This yeah, that's 4 me, that's who that 1's 4 This is 4 discrimination and egotists who think supreme And this is 4 whoever taught U how 2 kiss in designer jeans That 1's 4 U have 2 live This 1's 4 the rich, not all of 'em, just the greedy The ones that don't know how 2 give That's the 1. That's 4 the creator of man This is 4 the sun, the moon, the stars, the tourists at Disneyland This is 4 the ocean, the sea, the shore This is 4 and that's 4 U, and that's who that 1's 4 This is 4 the women, so beautifully complex This 1's 4 love without sex This is 4 the wind that blows no matter how fast or slow Not knowing where I'm going This galaxy's better than not having a place 2 go (prince 1982|1999)

POSI+TIVE | 109


+ Giordana and Cycelis wears Hoss

110 | POSI+TIVE


+ Agra and Fallou wears Ports1961

POSI+TIVE | 111


+ Agra wears Ports1961 Cycelis wears MSGM

112 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 113


114 | POSI+TIVE


+ Fallou wears Kenzo wears 1994 Take That tour t-shirt

POSI+TIVE | 115


116 | POSI+TIVE


+ Gustavo wears Margiela Jacket pants Paul Smith Alex wears pants shirt Roberto Cavalli jacket Armani Vincenzo wears Roberto Cavalli Pascal wears Versace sandal Givenchy

POSI+TIVE | 117


118 | POSI+TIVE


+ wears Versace jewels Givenchy Gustavo wears Bottega Veneta

POSI+TIVE | 119


120 | POSI+TIVE


+ Antonio wear Ports1961 Antonio wears Prada shoes Versace Vincenzo wears Versace Jeans wears 1994|GD Pascal wears Givenchy

POSI+TIVE | 121


+ wears Gucci wears pants Paul Smith shirt Armani Martin wears Thamanyah and uncredited art object

122 | POSI+TIVE


+ A photographic essay about Giulio Paolini and nowadays fashion perspective SUPPORTING http://equalitysans.tumblr.com/ Fallou Vincenzo@ Ilove Agra @ Major Giordana Gustavo @ Fashion Cycelis Alex @ Elite Antonio @ Beatrice Martin Conte @ Urban @ therightstuff/land grooming Claudia Malavasi production theyeland.tumblr.com eyelandmail@gmail.com

POSI+TIVE | 123


SEVEN withc + Photography Coco Young Website www.cocoyoungphotography.com

124 | POSI+TIVE


Ndays coco POSI+TIVE | 125


01 MON

126 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 127


128 | POSI+TIVE


TUE 02

POSI+TIVE | 129


03 WED

130 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 131


132 | POSI+TIVE


THU 04

POSI+TIVE | 133


05 FRI

134 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 135


136 | POSI+TIVE


SAT 06

POSI+TIVE | 137


07 SUN

138 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 139


Dana Goldstein + Photography Dana Lauren Goldstein Website www.danalaurengoldstein.com

140 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 141


142 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 143


144 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 145


146 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 147


148 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 149


150 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 151


152 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 153


154 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 155


156 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 157


Miss Tunisia 2013 158 | POSI+TIVE


+Â Photography John Brunton Website www.johnbrunton.com

POSI+TIVE | 159


+ The title of the email read: ‘Invitation to the election of Miss Tunisia 2013’. You get some strange offers of press trips when you are a journalist, and this certainly ranked high up on my list, especially as I contribute regularly to a liberal London newspaper where beauty contests are dismissed as seriously sexist. What is more, Tunisia was right on the front page of the news with the story of death threats against Amina, a 19 year-old Tunisian woman who had bared her breasts in photographs published on Facebook, inspired by the Ukrainian-based Femen movement, which stage topless protests in favour of woman’s and gay rights. So I had to ask myself, should I even accept to fly out to Tunis in these circumstances? But Tunisia was the country where the Arab Spring revolution first began two and half years ago, the uprising that was a trigger leading to the domino collapse of Hosni Mubarak’s regime in Egypt, followed by popular democracy movements in Libya and now Syria. The autocratic Tunisian President, Ben Ali, is long gone - though safely esconsced in Saudi Arabia. A seemingly moderate Islamic party, Ennehada, won a democratic election, but has still not established a new constitution, and while Sharia Law  has not been imposed, the position of women has definitely changed here, with more pressure to be covered and wear a veil, while even women swimming on  a public beach is frowned upon unless fully-clothed. So, although the Miss Tunisia election sounds like a non-event, the truth is very different. To begin with, this is the first time that such an event has been staged in Tunisia since the Arab Spring, and the organisers are not risking any Islamic backlash, so there will be no traditional swimwear parade. Instead, the whole pageant is being presented as an opportunity to reaffirm the rights of women in Tunisa. After flying in, there is plenty of time to get a snapshot of daily life in the Tunisian capital. Already on the plane, flicking through local newspapers, it is clear that a free press  is firmly established now, with the likes of La Presse and Le Temps both openly criticizing the government. First stop is the Medina, the teeming bazaar that is the historic centre of the city. A lot of surprises here; the streets are covered with protestors flags and slogans as a demonstration is going on to defend worker’s rights, something unheard of before the Arab Spring. Inside the narrow streets of the casbah, people could not be more open or friendly, openly talking to tourists about the problems of the country, openly complaining about the government. Again, impossible under the Ben Ali regime. In one of the oldest cafes, the clientele may be male, puffing away at chicha pipes, but the owner serving the coffee is a woman. And frankly, as the crowds flow up and down the narrow alleyways, there is an equal number of women in modern Western dress as those conservatively covered up, with  the younger ones actually seeming to use the veil as a fashion accessory, with bright colours and glitzy decorative jewellery. Driving to the hotel where the Miss Tunisia election will be held, we follow the coast road, passing through the city’s most exclusive suburbs, with imposing villas protected by high walls. But the guide stops midroute as he has something to show us. It is not the usual tourist sight,

160 | POSI+TIVE

+ Questo il titolo dell’e-mail: “Invito alle selezioni di Miss Tunisia 2013”. Se sei un giornalista ricevi sempre inviti ai viaggi stampa più strani: questo in particolare ha raggiunto i primi posti della mia classifica personale, specialmente essendo io un regolare contributor per un giornale liberale di Londra, dove i concorsi di bellezza vengono ignorati perché considerati sessisti. Ma non finisce qui: la Tunisia era appena apparsa su tutte le prime pagine per la vicenda delle minacce di morte contro Amina, una ragazza di 19 anni che aveva mostrato il seno in alcune foto pubblicate su Facebook – un omaggio al movimento Femen nato in Ucraina, che si serve di manifestazioni in topless in favore dei diritti delle donne e degli omosessuali. Quindi mi sono chiesto: “Dovrei accettare di volare in Tunisia in queste circostanze? ”. La Tunisia è il paese in cui due anni e mezzo fa è nata la Primavera Araba, la rivolta che ha fomentato e portato al collasso il regime di Hosni Mubarak in Egitto, nonché portato alla nascita di movimenti democratici in Libia e Siria. Il presidente autocratico tunisino, Ben Ali, se n’ è già andato da tempo e si nasconde in Arabia Saudita. Il partito simil-moderato Ennehada ha vinto le lezioni democratiche ma non ha ancora stabilito una nuova costituzione, e mentre la Sharia non è stata imposta la posizione delle donne è decisamente cambiata: c’ è molta più pressione sull’obbligo di essere coperte ed indossare il velo, e le donne che frequentano le spiagge pubbliche non sono viste di buon occhio, a meno che non siano completamente vestite. Quindi, benché l’elezione di Miss Tunisia sembri più che altro un non-evento, la verità è molto differente. Tanto per cominciare questo è il primo evento del suo genere ad essere organizzato in Tunisia dopo la Primavera Araba e gli organizzatori non vorranno rischiare di suscitare una reazione negativa nella comunità islamica, quindi non ci sarà la classica sfilata in costume da bagno. Al contrario: il concorso è presentato come un’opportunità di riaffermare i diritti delle donne in Tunisia. Dopo l’arrivo, abbiamo molto tempo per ottenere un’ istantanea della vita di tutti i giorni della capitale tunisina. Già durante il volo, sfogliando le pubblicazioni locali, risulta chiaro che ormai la stampa è libera, con testate quali La Presse e Le Temps che criticano apertamente il governo. La prima tappa è la Medina, il vivace bazaar che costituisce il centro storico della città. Ed ecco la sorpresa: le strade sono coperte da bandiere di protesta e slogan mentre infuria la manifestazione a difesa dei diritti dei lavoratori, qualcosa di inaudito prima della Primavera Araba. Lungo le stradine della casbah le persone non potrebbero essere più amichevoli: parlano apertamente coi turisti dei problemi del paese, si lamentano del governo. Di nuovo, qualcosa che sarebbe stato impossibile sotto il regime di Ben Ali. In uno dei cafè più antichi la clientela sarà anche completamente composta da uomini che fumano narghilè, ma la proprietaria è una donna. E francamente, mentre la folla sciama lungo le stradine, le donne vestite all’occidentale sono pari a quelle completamente coperte, con le più giovani che


but rather one of the symbols of the Tunisian uprising, the ravaged villa of Ben Ali’s sister-in-law. The scene is quite surreal, as there are no guards and anyone can wander through the ruined mansion’s rooms and gardens, transformed into a art gallery of anti-regime grafitti. The luxury swimming pool has been left abandoned, filled with debris, a burntout limousine sits in the garden, and as we leave, a taxi pulls up with more curious tourists - a Qatari couple, the wife heavily veiled but still snapping away at subversive slogans with her IPhone. The Gala evening to celebrate the election of Miss Tunisia is clearly an occasion for westernised Tunisians to come out without any fear of reprisals - the women have taken their designer ballgowns out of mothballs and young teenagers  don the tiniest miniskirt and plunging knecklines, while men light up cigarettes and order alcohol. The entertainment is provided by an eclectic mix of 80’s BritPop and Hip Hop, a live all-woman orchestra playing classical Tunisian music, and contemporary pop star divas, ecstatically acclaimed as they mime to Arab disco hits. And in the middle of this Fellini-like extravaganza begins the first parades of the 15 candidates, who for the next few hours are going change from traditional Tunisian costumes, to haute-couture outfits created by local designers, and a dazzling flashback to the fashions of 50’s and 60’s rock and roll. While all this sounds like a typical kitsch beauty contest, what makes this event in Tunisia something different is that at every occasion, the candidates use their time at the microphone to talk about women’s rights in their country. Each one has the chance to present a social project that they will be able to set up if elected. The subjects are not what you would expect; a centre to aid rape victims come foreward, a programme to raise the awareness of breast cancer in Tunisia’s rural areas. And when it comes to answering questions from the judges, instead of the usual banal replies you get on a Miss World competition, one contestant here  insists that women should have the right to have four husbands if men can take four wives. The winner is only announced at 4.00 in the morning, the 21 year-old Hiba Telmoudi, who will go on later in the year to represent Tunisia in the Miss World finals. They are going to be held in another Moslem country, Indonesia, so it remains to be seen if there will be any protests back home if the organisers decide to include a swimsuit parade. Considering that female Tunisian athletes were criticised for lack of modesty when competing in the London Olympic Games, this may yet be another test for the rights of women.

sembrano usare il velo come un vero e proprio accessorio di moda, dai colori vivaci e decorato da gioielli scintillanti. Dirigendoci verso l’ hotel che ospita il concorso di Miss Tunisia, proseguiamo lungo la strada costiera passando attraverso i quartieri più esclusivi della città, con le loro imponenti ville circondate da alte mura. La guida si ferma perché ha qualcosa da mostrarci, e non è il solito monumento che si fa vedere ai turisti, bensì uno dei simboli della rivolta tunisina: è la villa devastata della cognata di Ben Ali. La scena è quantomeno surreale: non ci sono guardie e chiunque può avventurarsi all’ interno della magione e nei suoi giardini, ormai diventati un museo le cui opere d’arte sono i graffiti anti-regime. La lussuosa piscina giace abbandonata, piena di rifiuti; una limousine bruciata troneggia in giardino e, mentre ce ne andiamo, un taxi accosta per scaricare altri curiosi turisti, una coppia originaria del Qatar: la donna è completamente coperta dal velo e fotografa gli slogan sovversivi col suo I-Phone. La serata di Gala che celebra l’elezione di Miss Tunisia è chiaramente un’occasione per i tunisini più occidentalizzati di uscire allo scoperto senza paura di rappresaglie: le signore hanno tolto dalla naftalina i loro abiti firmati, le ragazze indossano minigonne e generose scollature, mentre gli uomini fumano ed ordinano bevande alcoliche. Il sottofondo musicale spazia da un mix eclettico di Brit Pop anni 80 e Hip Hop, passando per un’orchestra femminile di musica classica tunisina, fino ad arrivare alle pop star contemporanee, acclamate mentre ballano al ritmo delle ultime hit arabe. E nel bel mezzo di questa follia felliniana inizia la prima sfilata delle 15 candidate che, per le prossime ore, indosseranno abiti tradizionali tunisini, creazione haute-couture di designer locali, e un affascinante tributo alla moda rock ‘n roll degli anni 50 e 60. Mentre tutto questo può sembrare il tipico concorso di bellezza un po’ kitsch, ciò che lo rende differente è il fatto che ad ogni occasione le candidate usano il loro tempo al microfono per parlare dei diritti delle donne nel loro paese. Ognuna avrà la possibilità di presentare un progetto di interesse sociale che potrà sviluppare in caso venisse eletta. Ed i progetti non sono quelli che vi aspettereste: in primo piano troviamo un centro d’aiuto per le vittime di stupro ed un programma per aumentare la consapevolezza sul cancro al seno nelle zone rurali del paese. Quando si tratta di rispondere alle domande dei giudici, poi, al posto delle solite banali risposte che ci aspetteremmo durante il concorso di Miss Mondo, una delle partecipanti insiste che le donne dovrebbero avere la possibilità di avere quattro mariti se gli uomini possono avere quattro mogli. La vincitrice viene proclamata solo alle 4: 00 del mattino: è la diciannovenne Hiba Telmoudi, che rappresenterà la Tunisia alle finali di Miss Mondo, ospitate da un altro paese musulmano, l’Indonesia. Quindi rimarrà da vedere se ci saranno proteste in caso gli organizzatori decidessero di includere una sfilata in costume da bagno. Considerando che le atlete della squadra olimpica tunisina sono state criticate per la loro mancanza di modestia durante in Giochi Olimpici di Londra, questo potrebbe essere un altro test per i diritti delle donne.

POSI+TIVE | 161


162 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 163


164 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 165


166 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 167


168 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 169


The River will Die

Alla fine del fiume + Photography Dario Bosio

170 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 171


+ The world we are living in is changing at a fast pace. While the cultural egemony of the countries that until today were considered the ‘owners’ of the world is crumbling, new political and economic actors are walking the stage. Brazil is one of them. Last year we saw how the Brazilian economy boost put it on 6th position in the list worl- dwide, as part of a process that most probably will redesign the conomic map ofthe world. But progress, as well as what it is needed to support a rising economy, comes at a price. In 2010, under the government of Ignacio Lula da Silva, a new development plan started in Brazil, including many great infrastructures that are needed for a coun- try that doesn’t want to stay apart any longer. The Belo Monte dam, which will be the third largest in the world, is one of them. The project, a huge dam complex that will be built on the Xingu river, one of the Amazon largest tributaries, is one of the milestones of the new development plan and its contruction just started. But building this concre- te giant in the middle of the pristine forest carries with him quite a few problems that are questioning its future realization. Despite several redesigns that were made to mitigate its impacts, the dam will heavily affect the environment and the populations that live on and depend from the Xingu river. The city of Altamira, along the Transamazonian highway, is standing just a few kilometers away from the main powerhouse. And it is changing rapidly. According to the plans, a third of the city will go underwater after the dam is built, for- cing almost 20.000 people to move from their current settle- ments. At the same time, because of all the people that came to

172 | POSI+TIVE

the city seeking for job opportunities on the dam, Altamira is suffering one of the highest migration rates in the world, with all the bads that this mean. The crime rate is rising as well as the prices, and the old quiet town that the people used to live is already a fantasy stuck in the past. Along with this, the effects on the river are so heavy that many of the people that live from it, such as fisherman, rural communities and indigenous people, have got their own existence threatened by the construction. The building consortium, Norte Ener- gia, has promised a fair compensation for all the 40.000 people that are considered affected by the dam. Despite this, the population is not trusting them and consider insulting the conditions in which they are treated by the enterprise. With this feeling, and with the help of international NGOs, the affected people tried more than once to stop the construction. But the Brazilian government invested a lot in the project (the last loan that Belo Monte received from the Development Bank was the highest one in history - 11 billion dollars) and doesn’t have any intention to review its plan. Belo Monte is going to be built, at any cost. I travelled to Altamira and lived close to the communities affected by the project. This is what this project is about. I wanted to document a world that is going to be erased and that is already experiencing the changes that the ‘development’ of a rising economy carries along with him. What is happening in Altamira is the struggle between two different conceptions of the world, where the progress collide with the traditions. And the story just started unfol- ding.


+ Dario Bosio is a documentary photographer and filmaker. After his Journalism studies at the University of Florence, Italy, he completed his education in TV-Journalism at the Danish School of Media and Journalism in Aarhus, Denmark. He then graduated in Photojournalism after attending the international course at the same school. His work focuses mainly on social contemporary issues around the globe and has been published in France, French Guyane, Italy and India. From 2012 he is a member of the PanAut Collective. Right now he is living in Florence, working on personal projects. + Dario Bosio è un fotografo e filmaker. Laureato in giornalismo all’Università di Firenze, ha completato gli studi con un master in giornalismo televisivo presso la Danish School of Media and Journalism a Aarhus, in Danimarca, dove ha anche conseguito un master in fotogiornalismo. Si occupa principalmente di questioni sociali e i suoi reportage sono stati pubblicati in Francia, Guyana Francese, Italia e India. Dal 2012 è tra i membri del collettivo PanAut.

+ Il mondo in cui viviamo sta cambiando rapidamente. Mentre l’egemonia economica e culturale delle nazioni che fino ad oggi abbiamo considerato i ‘grandi’ del mondo viene messa in discussione, nuovi attori calcano la scena internazionale. Il Brasile è uno di questi. Nell’ultimo anno abbiamo visto come la rapida espansione economica brasiliana ha lanciato il paese in cima alla classifica economica mondiale, fino a superare la Gran Bretagna. Non ci sono dubbi sul fatto che la mappa economica mondiale stia cambiando. Ma il progresso, insieme a ciò che è necessario per accompagnare la crescita di un’eco- nomia in espansio- ne, ha un prezzo. Nel 2007, sotto il governo di Ignacio Lula da Silva, è stato avviato in Brasile un nuovo piano di sviluppo economico (PAC) che prevedeva nuove infrastrutture e progetti di investimento mirati alla crescita economica. La diga di Belo Monte sul fiume Xingu figurava come uno dei più importanti e ambiziosi tra questi. Nonostante le controversie riguardo il progetto, dopo alcuni anni di negoziazioni e ripensamenti, l’Istituto Ambientale Brasiliano (IBAMA) ha concesso la licenza per la costruzione nel 2010. La diga, una volta costruita, sarà la terza più grande del mondo, con un bacino artificiale di quasi 600 chilo- metri quadrati e la capacità di produrre fino a 11.000 MW di potenza a pieno regime. Ma costruire questo gigante di cemento nel bel mezzo della foresta amaz- zonica porta con sé numerosi problemi che potrebbero mettere in discussione la sua futura realizzazione. Nonostante i numerosi cambiamenti che il progetto ha subito per mitigare il suo impatto sull’ambiente e sui popoli che vivono lungo il fiume Xingu, è indubbio che gli effetti della diga sull’ecosistema e sulla popola- zione saranno incredibilmente pesanti. La città di Al- tamira sorge appena pochi chilometri di distanza dal cantiere e, nonostante i lavori siano appena iniziati, sta subendo profondi cambiamenti a causa di Belo Monte. Secondo gli studi, un terzo della città è condannata a finire sott’acqua non appena la diga sarà operativa, costringendo circa 20.000 persone a lasciare le proprie case.

Allo stesso tempo, la prospettiva di un impiego nel cantiere ha causato un incremento esponenziale dell’ immigrazione e Altamira è oggi la città con il più alto tasso di espansio- ne del paese. Il tasso di crimina- lità e prostituzione nella città sta crescendo insieme al numero degli abitanti e le infrastrutture esistenti non bastano per sopperire alle esigenze di tutti i nuovi venuti. La tranquilla città di pescatori che era Altamira è già un ricordo. Il fiume stesso, poi, sta già subendo gli effetti della costruzione. I pesci stanno morendo e la qualità delle acque sta peggiorando. L’esistenza stessa dei numerosi gruppi sociali che vivono grazie al Xingu, quali tribù indigene, pescatori e cercatori d’oro, è stata messa in discussione dal processo di sviluppo della regione. Norte Energia S.A., l’ impresa costruttrice, ha promesso indennizzazioni giuste per le oltre 40.000 persone che rientrano nella categoria degli affettati dalla costruzione. Ma tra la gente serpeggia il dubbio e sono pochi quelli che credono alle promesse dell’ impresa. Più di una volta, con l’aiuto di ONG internazionali, la popolazione del fiume Xingu ha provato a fermare la costruzione, invano. Il governo Brasiliano ha da poco liberato il più grande prestito mai concesso a un’ investi- mento del genere (11 milioni di dollari americani) e rimane ferma l’ intenzione di portare a termine la costruzione nei tempi previsti, ad ogni costo. Per documentare questa situazio- ne ho vissuto, tra Novembre e Dicembre 2012, a stretto contatto con le popolazioni colpite dagli effetti della costruzione, per documentare ciò che verrà cancellato per sempre dalla diga di Belo Monte. Quel che sta succedendo ad Altamira è il conf litto fra due visioni del mondo distinte e opposte, il progresso contro la tradizione, ma anche un esempio emblematico del prezzo dello sviluppo in un’economia emergente.

POSI+TIVE | 173


+ Seu Leoncio, 73 years old, is the cacique of the Arara village. He is the only one in the village that still remembers the first contact with the white people. He fears that the dam will be the last step of a process that long ago started killing the indigenous culture. November 2012.

174 | POSI+TIVE

+ Seu Leoncio, 73, cacique del villaggio Arara della Volta Grande. E’ l’unico del villaggio che ancora ricorda il contatto con i bianchi e la maggior parte delle tradizioni indigene. La sua paura è che la diga sia solo il passo finale di un processo di neocolonizzazione che terminerà una volta per tutte con la cultura indigena. Novembre 2012.


+ A group of girls relax on a hammock at ‘Ilha da Resaca’. The whole colony will most probably cease to exist as soon as soil exploitation made by foreign enterprises will start in the area. November 2012.

+ Un gruppo di ragazze riposa su un’amaca in ‘Ilha da Resaca’. L’ intera colonia cesserà di esistere una volta che le multinazionali minerarie inizieranno a operare nell’area della Volta Grande del Xingu. Novembre 2012.

POSI+TIVE | 175


176 | POSI+TIVE


+ A woman washes the clothes in the Igarapé Ambé, a stream that flows along the stilt houses of ‘Invasao dos Padres.’ When the dam will be built, its waters will flood the neighborhood all year long, forcing people to move away from the area. November 2012.

+ Una donna lava i vestiti nell’Igarapé Ambé, un torrente che scorre lungo la favela conosciuta come ‘Invasao dos Padres’. Le sue acque inonderanno l’area una volta che la diga sarà costruita e l’ intero quartiere sarà sommerso. Novembre 2012.

POSI+TIVE | 177


+ Cecilio Kayapo is speaking with Don Lucio, leader of the Fishermen Association, in front of his house in ‘Invasao dos Padres’. Since the construction started the fishermen are having meetings among themselves and with the enterprise to negotiate a fair compensation. November 2012.

178 | POSI+TIVE

+ Cecilio Kayapo parla con Don Lucio, leader dell’associazione dei pescatori, di fronte alla sua casa in ‘Invasao dos Padres’. Da quando è iniziata la costruzione i pescatori stanno riunendosi sempre più spesso per discutere delle indennizzazioni promesse dall’ impresa. Novembre 2012.


+ Police checking on suspects in a brothel of Altamira. Due to huge immigration rate Altamira is experiencing a crime wave that the police is struggling to fight. Drug traffic, prostitution rate, rapes and robberies increased since the construction of Belo Monte began. November 2012.

+ La polizia militare controlla dei sospetti all’ interno di un bordello ad Altamira. Da quando la costruzione è iniziata il traffico di droga, la prostituzione e la criminalità in generale è aumentata insieme con l’aumento della popolazione. La polizia fatica a tenere il passo con la situazione e la percezione di sicurezza degli abitanti è scesa velocemente. Novembre 2012.

POSI+TIVE | 179


180 | POSI+TIVE


+ A fisherman climbs upon his boat after being fishing underwater. The kind of ornamental fishes that he catches are going to be extincted after the damming of the Xingu. November 2012.

+ Un pescatore risale sulla sua barca dopo aver pescato a venti metri di profonditĂ . Il tipo di pesci ornamentali che costituiscono il suo unico guadagno sono destinati a estinguersi dopo la costruzione della diga. Novembre 2012.

POSI+TIVE | 181


+ A stilt house in the favela known as ‘Invasao dos Padres’. The stilts, which prevent the houses from flooding during the rainy season, will be useless in the future due to the increased capacity of the Xingu caused by the dam. November 2012.

182 | POSI+TIVE

+ Una casa di palafitte nella favela di ‘Invasao dos Padres’. Le quasi 300 famiglie che vivono nell’area saranno costrette a trovare nuove sistemazioni una volta che l’ intera area sarà allagata dall’acqua del Xingu a causa di Belo Monte. Novembre 2012.


+ A destroyed house in ‘Vila Santo Antonio’. The village was standing exactly in the middle of the main working area. Residents have been moved to the city by the enterprise and their houses were destroyed. The 6000 people living in this fisherman community are now spread all over the suburbs of Altamira. November 2012.

+ Una casa di palafitte nella favela di ‘Invasao dos Padres’. Le quasi 300 famiglie che vivono nell’area saranno costrette a trovare nuove sistemazioni una volta che l’ intera area sarà allagata dall’acqua del Xingu a causa di Belo Monte. Novembre 2012.

POSI+TIVE | 183


184 | POSI+TIVE


+ The Belo Monte powerhouse construction site. The dam will flood an area of approx. 500 square kilometers and, when working at full potential, will be able to generate up to 11.000 MW, a third of the entire Brazilian energy need. December 2012.

+ Il cantiere della principale casa di forza di Belo Monte. La diga allagherĂ un area di circa 600 chilometri quadrati e, grazie a una cascata artificiale di 90 metri, sarĂ  in grado di produrre fino a 11.000 MW a pieno regime. Dicembre 2012.

POSI+TIVE | 185


+ Donna Maura, 55 years old, is sitting on the floor of Patricia’s house in ‘Invasao dos Padres’. After loosing everything, she’s been somehow adopted by her and contribute by cleaning the clothes of the family. On the left Eugenia, 23 years old, is waiting for her boyfriend to call her. Her ex-husband is in jail charged with homicide. November 2012.

186 | POSI+TIVE

+ Donna Maura, 55, siede in terra in casa di Patricia, nella favela di ‘Invasao dos Padres’. Dopo aver perso tutto, è stata come adottata dalla famiglia di Patricia. In cambio, contribuisce lavando i vestiti e svolgendo le faccende di casa. Sulla sinistra, Eugenia, 23, aspetta che il suo ragazzo la chiami. Il suo ex-marito e padre dei suoi f igli sta scontando una condanna per omicidio. Novembre 2012.


+ An Arara warrior relaxes on his hammock with his son after lunch. November 2012.

+ Un g uerriero Arara riposa sull’amaca con suo f iglio dopo aver pranzato. Novembre 2012.

POSI+TIVE | 187


188 | POSI+TIVE


+ Three grams of raw gold in the hands of a garimpero. One gram of gold can be sold up to 160 reais in the city, while it costs less than half if bought directly from the hands of those who are digging it. November 2012.

+ Tre grammi d’oro nelle mani di un garimpero in ‘Ilha da Resaca’. Un grammo d’oro può valere in città fino al triplo di quanto costerebbe comprarlo direttamente dalle mani dei cercatori d’oro. Dicembre 2012.

POSI+TIVE | 189


+ A garimpero, a gold digger, is descending a 400 meters deep pit with a bomb detonator in ‘Ilha da Resaca’, a garimperos colony in the Big Bend of the Xingu. His work will finish as soon as foreign enterprises will start operating in the area thanks to the development brought by the Belo Monte dam. November 2012.

190 | POSI+TIVE

+ Un garimpero, un cercatore d’oro, scende con un detonatore all’ interno di una miniera d’oro in ‘Ilha da Resaca’, nella Volta Grande del Xingu. La ricchezza del suolo della regione ha attirato numerose multinazionali minerarie e l’ intera colonia di cercatori d’oro cesserà di esistere non appena le licenze operative saranno concesse. Dicembre 2012.


+ The Arara indigenous village in the Xingu part known as Big Bend. Most probably the whole village will cease to exist after the damming, because of the impacts that the construction will have on the river from which they entirely depend. November 2012.

+ Il cimitero Arara nel villagio della Volta Grande. La cultura indigena, giĂ pesantemente compromessa dal contatto con missionari cristiani e evangelici, si trova ora a interrogarsi sul proprio futuro. Novembre 2012.

POSI+TIVE | 191


192 | POSI+TIVE


+ Two workers of the building consortium inside the working area. At its peak, the construction will give job to 40.000 people, but will dismiss everyone as soon as it will be completed by 2019. It is not clear what will happen to these people and the city when the working opportunities will cease. December 2012.

+ Due lavoratrici del consorzio costruttore di Belo Monte. Al picco dell’opera, il cantiere ospiterà quasi 40.000 lavoratori, la quasi totalità verrà licenziata non appena l’opera sarà completata. Non è chiaro cosa succederà a questa forza lavoro una volta perso il posto. Dicembre 2012.

POSI+TIVE | 193 POSI+TIVE | 193


+ An overview of the housing facilities inside at Belo Monte construction site. A lot of the workers are coming from other States of Brazil and spend most of the time inside the facilities, with virtually no contact with the external world. December 2012.

194 | POSI+TIVE

+ Una panoramica degli alloggiamenti del cantiere di Belo Monte. Un gran numero delle migliaia di lavoratori impiegati proviene da altri stati del Brasile e passa la maggioranza del tempo nell’area del cantiere, senza quasi nessun tipo di rapporto con il mondo esterno. Dicembre 2012.


+ Deforestation in the working area known as ‘Sitio Pimental’, where the main dam will be built. There is a risk that the roots of the trees in the area that will be flooded will start to rot and their gas emissions will cause serious harm to the waters. November 2012.

+ La d eforestaz ion e n ell’area con osc iuta com e ‘Sit io P im ental’, d ove ver rà cost r uita la di ga pr in c ipale. Le ra dic i d egli alber i ta gli at i e la vegetaz ion e somm ersa d alla di ga ren d erà put r i d a l’a cqu a d el Xin g u e aum enterà la proliferaz ion e di para ssit i portat r ic i di m alatt ie com e m alar i a e d en g u e. Novem bre 2012 .

POSI+TIVE | 195


196 | POSI+TIVE


+ Monsonic clouds over the city of Altamira. The working opportunities offered by the dam brought an exponential increas of the population of the city and the existing sanitary and social facilities are not enough to attend all the newcomers. Prices are rising and the quality of life is getting worse every day. December 2012.

+ Nuvole monsoniche sulla città di Altamira. La città è passata in due anni da 100.000 a 140.000 abitanti e le infrastrutture sanitarie e sociali esistenti faticano a soddisfare le esigenze di questa ondata migratoria. La qualità della vita scende giorno dopo giorno, mentre la speculazione e i prezzi aumentano alla stessa velocità. Dicembre 2012.

POSI+TIVE | 197 POSI+TIVE | 197


EGYPT

+ Photography Stefano Carini Website www.stefanocarini.com

198 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 199


200 | POSI+TIVE


+ Tahrir Square, Cairo, December 2011 - A woman shouts out amongst a crowd of about a hundred thousands, during a protest to commemorate the martyrs of the revolution and in support for their families.

POSI+TIVE | 201


+ Tahrir Square, Cairo, December 2011 - A boy shouts out amongst several other thousands people, during a protest to commemorate the martyrs of the Revolution.

202 | POSI+TIVE

+ Piazza Tahrir, cairo dicembre 2011. Un bambino urla assieme ad altre migliaia di persone durante una protesta per commemorare i martiri della rivoluzione


+ Mohamed Mahmoud Street, off Tahrir Square, Cairo, December 2011 - A young man sits alone, wrapped into the Egyptian flag. The young people who participated in the revolution are left disappointed by the unfulfillment of the goals the revolution had, and for which many people lost their life.

+ Via Mohamed Mahmoud, nei pressi di Piazza Tahrir, Cairo dicembre 2011. Un ragazzo seduto da solo, avvolto nella bandiera eg iziana. I g iovani che hanno partecipato alla rivoluzione sono rimasti sconsolati dal non ragg iung imento degli obiettivi della rivoluzione. Tra loro in molti per quegli obiettivi hanno perso la vita.

POSI+TIVE | 203


+ Tahrir Square, Cairo, Egypt November 2011 - A woman whose son was killed by security forces during the revolution in January, is conforted during a peaceful protest to commemorate the victims of the revolution. More than a thousand people, mostly youth, lost their life in clashes with the army, the police and the security forces since January 2011. Their families keep on taking to the streets in a determined attempt to bring justice to their cases.

204 | POSI+TIVE

+ Piazza Tahrir, Cairo Egitto Novembre 2011. Nella foto una donna il cui figlio è stato ucciso dalle forze di sicurezza durante la rivoluzione di gennaio, è confortata durante una protesta pacifica che commemora le vittime della rivoluzione. Più di mille persone, in gran parte giovani, hanno perso la vita durante gli scontri con l’esercito, la polizia e le forze di scurezza da gennaio 2011. Le loro famiglie continuano ad occupare le strade determinate a portare giustizia nelle loro case.


POSI+TIVE | 205


Libya at the crossroad Libia al Bivio + Photography Jean-Marc Caimi/Redux Website www.jeanmarcgallery.com

206 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 207


+ This is a personal account on Libya after the revolution. The street, the people, the heavy soul of life, here. Me and Zribi became friends. He’s a war veteran. He’s 26. We wandered around the alleyways of Fashloom, where he lives, the stronghold of the rebels during the revolution. He speaks with a mixture of English, Italian and Arabic. His conversation brings nowhere precisely, as our endless walks through the city. We shared nights together, with an increasingly number of people that spend their time smoking dope, in small and dreadful bars and cafè. Some of them injecting speed in their veins. That’s how I met Akkram, who is a drug addict, still living with his old parents in a nice house, with Italian furniture. He’s HIV positive and can’t find no job. He takes his drug injections in his parent’s living room. Smuggling drugs or alcohol is much easier than taking pictures, where “you’re a spy”. I’ve been hanging out with Taha and Mohammed, two veterans who are patrolling a piece of seafront, inside what was the Saadi Gaddafi’s home. We can’t speak any common language, but we can play table football together. They fought the war, as almost everybody. Taha was wounded by a bullet and can’t use a hand. One day they meet this guy from Chad, I was there. A short

208 | POSI+TIVE

+ Questo è un resoconto personale sulla Libia dopo la rivoluzione. La strada, le persone, l’anima della vita, qui. Io e Zribi siamo diventati amici. E’ un veterano di guerra. Ha 26 anni. Abbiamo passeggiato per i vicoli di Fashloom, dove vive, la fortezza dei ribelli durante la rivoluzione. Si esprime in un’ ibrido tra Inglese, Italiano e Arabo. La sua conversazione non và a parare da nessuna parte in particolare, come le nostre lunghe camminate attraverso la città. Abbiamo condiviso nottate assieme, con un numero sempre crescente di persone che passano il loro tempo a fumare droga in piccoli e disastrati cafè. Alcuni si iniettano speed. Così incontrai Akkram, tossicodipendente, che vive ancora con i suoi anziani genitori in una bella casa, con arredamento italiano. E’ sieropositivo e non riesce a trovare lavoro. Si inietta le sue dosi nel salotto dei suoi genitori. Spacciare droghe o alcool è molto più facile che fare foto, dove “sei una spia”. Ho cominciato a passare il mio tempo con Taha e Mohammed, due veterani che pattugliano una sezione della costa, dentro a quella che era la casa di Saadi Gaddafi. Non parliamo nessuna lingua in comune, ma possiamo giocare a calcetto balilla assieme. Hanno combattuto la guerra, come quasi tutti.


young guy. Something happens. They beat him up and then lock him into the cages of the ex zoo. Somebody was already inside, caged. These people are pro-Qaddafi, they explain to me. It’s hard to believe that these frightened things ever did bad. In Libya rough justice is the norm. I saw the alienation of the extremists during the protests, who shout louder than the rest. I met the only female veteran, who fought in the Beni Walid front while seven month pregnant. Now she has a daughter. She called her Dushka, like the Russian machine gun she used during the war. I met dozen of people, faces in the cafè, with eyes that are still lost in the fog of the war. They are suspicious and scared. They smoke the shisha, most of the time just doing nothing else but watching the wall in front of them. Few of them play backgammon. Nobody reads a newspaper in Libya. There are no stray dogs in Tripoli, not even one. I met the militias in their “captibas”. Ex soldiers who now patrol some ares of Tripoli. None of them was a a professional military. Some just can’t go back to a normal life, the spirit of the revolution is still in their veins. Some have lost their job forever. Many others have been freshly recruited by people who uses the military force to conquer a political weight. New soldiers, young people proud to be given an uniform and a gun. Ready to waste the future.

Taha è stato ferito da un proiettile e ha perso l’uso di una mano. Un giorno incontrarono questo tizio dal Chad, io c’ero. Un tipo basso. Qualcosa successe. Lo picchiarono e lo rinchiusero dentro le gabbie di un ex zoo. Qualcuno era già dentro la gabbia, imprigionato. Queste persone sono pro-Gaddafi, mi spiegarono. E’ strano pensare che queste cose così terrorizzate fecero mai del male. In Libia la giustizia dura è la norma. Vidi l’alienazione degli estremisti durante la protesta, che urlavano più forte degl’altri. Incontrai l’unica estremista donna, che combattè sul fronte di Beni Walid mentre era incinta di 7 mesi. Adesso ha una figlia. L’ ha chiamata Dushka, come la mitragliatrice russa che usò durante la guerra. Conobbi dozzine di persone, visi nei cafè, con occhi ancora persi nelle nebbie della guerra. Sono sospettosi, e spaventati. Fumano la shisha, spesso facendo nient’altro che fissare il muro che hanno davanti. Pochi di loro giocano a backgammon. Nessuno legge i giornali in Libia. Non ci sono cani randagi a Tripoli, nemmeno uno. Incontrai le milizie nelle loro “captibas”. Ex soldati che adesso pattugliano alcune aree di Tripoli. Nessuno di loro è mai stato un soldato professionista. Alcuni di loro semplicemente non possono tornare ad una vita normale, lo spirito della rivoluzione scorre ancora nelle loro vene. Alcuni di loro hanno perso il loro lavoro per sempre. Molti altri sono stati arruolati recentemente da persone che usano la forza militare per conquistare peso politico. Nuovi soldati, giovani fieri di ricevere un’uniforme ed un’arma. Pronti a sprecare il futuro

POSI+TIVE | 209


210 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 211


212 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 213


214 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 215


216 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 217


218 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 219


220 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 221


222 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 223


224 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 225


226 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 227


228 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 229


230 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 231


232 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 233


234 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 235


syria’s kurdish army L’ESERCITO SIRIANO + Photography Patrick Tombola Website www.patricktombola.net

+ The bombs and missiles of the Syrian regime of Bashar Al Assad at a rapid intermittent rain down around the Kurdish rebel's battalion in Aleppo while just 60 kilometers ahead the kurdish population collects olives and sheep graze in a surreal peaceful situation.

236 | POSI+TIVE

+ Le bombe e missili del regime Siriano di Bashar Al Assad piovono a ritmi intermittenti attorno al battaglione di ribelli curdi ad Aleppo mentre a poco di 60 chilometri la popolazione curda raccoglie olive a pascola le pecore in un clima di pace surreale.


POSI+TIVE | 237


+ Patrick Tombola is an italian multimedia photojournalist. His aim is to capture compelling stories with a strong sense of journalistic ethic and integrity through a variety of mediums including photography; video; radio and print. His work has been published widely in Australia, Europe and Indonesia. Tombola has witnessed and reported events worldwide, from the civil war that shook Libya to problems of drug addiction in the slums of Jakarta, from recent social upheaval in Cairo to issues of homelessness on the polished streets of Sydney.

238 | POSI+TIVE

+ Patrick Tombola è un g iornalista italiano. Lavora con dif ferenti media, tra i quali la fotog raf ia, video, trasmissioni radio e stampa. I suoi lavori sono stati pubblicati in Australia, Europa ed Indonesia. Ha coperto diversi eventi internazionali, dalla g uerra civile in Libia, al probema della droga a Giacarta e al problema dei senza tetto a Sydney.


POSI+TIVE | 239


240 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 241


#11

DIFFERENT VIEWS AROUND THE WORLD

www.positive-magazine.com

A photographic essay about Giulio Paolini and nowadays fashion perspective

Positive Magazine N° 11  

Positive Magazine - different views around the world Reportage from Egypt, Syria, Libya. Fashion editorials from Berlin, Paris and Milan......

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you