Page 1

#9

DIFFERENT VIEWS AROUND THE WORLD

www.positive-magazine.com www.facebook.com/positivemagazine

Cover by Coco Young


POSI+TIVE MAGAZINE ISSUE 9 Founder & Editor in Chief Giacomo Cosua Graphic Department Marco Forlin Livio Chiodega Marketing & ADV Department Filippo Erizzo / Berlin Dario Mosconi Web Department Pietro Gregorini Photography Department Ada Sbriccoli / Barcelona Victor Anton / Milan Martin Sekera / London Fashion Department Fashion editor in Chief Matteo Menotto Editors Milan Fashion Editor Coordinator Sara Cimino

+ DISCLAIMER POSI+TIVE MAGAZINE non è responsabile per i testi, le fotografie e le illustrazioni pubblicate all’interno, poiché di proprietà degli autori. Tutti i diritti sono riservati, la riproduzione è espressamente vietata ai sensi delle norme che regolano i diritti d’autore. Realizzato a Venezia e Londra web www.positive-magazine.com facebook facebook.com/positivemagazine flickr flickr.com/groups/positivemagazine mail info@positive-magazine.com

Editors Mattia Ruffolo Max Hailwood / London Angel Leung / UK Look of the week Alejandro Reyes Fernandez Culture Department Valeria Federici / Roma Serenella Di Marco / Roma Tobia Piatto Skatebording Editor / Venezia Architecture Department Roberto Lucchese / Sidney Exhibition Department Marco Zavagno Translation Department Israel Fernández Benito Federica Manzolini Sara Debeuc Rachel Flannery Nicola Rossi


+ An interview with Alessandro Zuek Simonetti

+ An interview with Nelli Palomaki

+ An interview with Yann Faucher

+ “Quando i fauni escono dal bosco�

+ New Faces: Jake Hold


+ New Faces: Will Hargreaves

+ Intimacy Cristina Capucci

+ The Morning After Coco Young

+ London Morning Giacomo Cosua

+ Playfully Decadent Christopher Hench


+ Le Seine Giacomo Cosua

+ Nemo Twodicks from Lituania

+ Simon&Matthew Julian Schratter

+ Alan Chies

+ It’s All in the Game Sam Scott Schiavo


+ Interview Pierpaolo Spollon

+ The Mysteries of Appearance: Conversations Between Ten British Post-War Painters�

+ Blue Turkish Gold Tommaso Protti

+ Haiti A reportage by Samantha Casolari

+ Holman House Dover Heights, Sydney Roberto Lucchese


An interview with Alessandro Zuek Simonetti + website www.zuekphotography.com translated by Israel Fernandez Benito

+ Can you tell us something about you? I am an Italian photographer based in New York City (NYC) who is approaching his mid 30’s. I come from a small town in Veneto. Where do you live and work now? I live in the East Village in New York and I work anywhere actually... NYC is my base but I try to travel as much I can. I consider travelling as the ultimate satisfaction! How did you start taking pictures? Usually there is always the old story of the boy who finds his grandfather’s camera, so did this happen to you as well or not? My dad gave me a Polaroid 600 as a Christmas present, I was probably 6 or 7 years old. My parents were also surrounded by friends who were photographers since they are both into the art scene. I got closer to the reporter from my hometown newspaper and I think that’s how I approached the media. My sister and I were handling Nikon cameras all the time. Have you thought right away to follow the existing trends in photography or has it been a need to look for different styles and themes that have motivated you? I have to say I became pretty confident with photography since I was a teenager. When I was 16 I got my first camera set and started to shoot my things. In fact, I have never really stopped shooting since then. Where your inspiration comes from? I get inspiration more from outside of the photography world. I don’t spend so much time in front of photo website of magazines so I get influences from photographers I hang out with mostly. I love everything that is visual: graphic design, architecture, movies…

8 | POSI+TIVE

+ Può dirci qualcosa di te? Sono un fotografo italiano con sede a New York City (NYC) che si avvicina alla metà dei suoi trenta. Vengo da una cittadina del Veneto. Dove vivi e lavori adesso? Vivo nell’East Village di New York e, in realtà, lavoro da qualsiasi parte... NYC è la mia base, ma cerco di viaggiare il più possibile. Ritengo viaggiare come la soddisfazione fondamentale! Come hai iniziato a scattare foto? Di solito c’è sempre la vecchia storia del ragazzo che trova la fotocamera del nonno, con te è successo anche così o no? Mio padre mi ha dato una Polaroid 600 come regalo di Natale, avevo probabilmente 6 o 7 anni. I miei genitori avevano amici fotografi, poiché entrambi sono nel mondo dell’arte. Mi sono avvicinato al reporter del giornale della mia città e penso che sia stato così come mi sono approssimato ai media. Mia sorella ed io eravamo tutto il tempo con delle camere Nikon in mano. Hai pensato subito a seguire le tendenze attuali nella fotografia o invece c’è stata la necessità di cercare stili e temi diversi che ti motivassero? Devo dire che mi ritengo abbastanza fiducioso con la fotografia da quando ero un adolescente. Quando avevo 16 anni, ho preso la mia prima macchina fotografica e ho cominciato a scattare le mie cose. In realtà, non ho mai veramente smesso di riprendere fotografie da allora. Da dove viene la tua ispirazione? Prendo ispirazione più al di fuori del mondo della fotografia. Io non spendo così tanto tempo davanti ai siti di riviste fotografiche quindi le influenze le prendo principalmente dai fotografi che frequento. Amo tutto ciò che è visivo: graphic design, architettura, cinema...


In a portrait, what is important for you? Feeling a connection with the subject either while you are shooting or when you look at the portrait.

In un ritratto, cos’è importante per te? Sentire una connessione con il soggetto sia mentre lo sto riprendendo sia quando si guarda il ritratto.

Which kind of relationship do you have with your subject when you shoot? I get really into my role as a witness, I like getting closer and closer to the subject. I like the intimacy you can get by looking at an image.

Che tipo di rapporto hai con il soggetto quando lo scatti? Mi sento davvero nel mio ruolo di testimone, mi piace stare sempre più vicino al soggetto. Mi piace l’intimità che puoi ottenere guardando un’immagine.

According to you, fashion photography can be taken the old way or the digital format is predominantly the way to do it nowadays with no way back? I think an image can be strong no matter what media you do use, but as I said in another occasion I think using films or digital just changes the way to shoot more than the result. With old cameras you never leave the subject since you don’t stop to check the result on the screen. I like fashion photography and clothes, and I look at designers and what fashion generates but I’m not very into that world by choice. What does it mean for you now “Street photography”? It’s at the base of my way of shooting. I’ve been always shooting on the street. Streets are the perfect scenarios, the most beautiful set you could build. I like to tell stories of people, small niche cultures and hidden practices… Streets have generated most of the best cultures ever and I’m thinking about music and style too. I’ve been always attracted by mod style, the skinhead dress codes and the imagery those cultures have created. I am still amazed by the power of capturing in the fraction of a second a composition that with painting it would take hours or even days...that’s what I like of street photography. Do you think it’s important to follow a school to learn how to shoot? I have never really spent time in a photography school... and I don’t think it is important going to a school to build your own sensibility or to develop a language, especially today. What’s the photo you have always wanted to take and you never did? It’s a photo of a kid in Jamaica in a small soccer field that was completely covered in water… I had driven by and I saw him from the back with water up to his knees and his ball was flowing, so it was impossible for him to play. This image is still impressed in my mind and the fact I didn’t ask the driver to stop is killing me. What’s your photo-mission? Well, I like the idea of building an aesthetic behind my images but I would call it “mission”. Besides, I take photography seriously, of course, but I have learnt not to take anything too seriously… It’s a rule I try to apply to everything in my life. This doesn’t mean I can’t go into things in a deep way! What’s the last project are you working on? I have just put together a double solo show with my friend Cheryl Dunn at Patricia Armocida Gallery in Milan. It’s a show about NYC where we show our early work along with recent images. The title of the show is UNCANNY and its typography reveals the letters NY. It is based on the concept of the déjà vu which can be found on a few subjects we both shot and that links up my work to the work of Cheryl. It seems a lot of emerging photographers -or something like that- have arisen in these recent years. In your opinion, if you had to give a tip to be different.. what would it be? Digital devices and the Internet gave the possibility to get closer to practices which access were hard to get before. I’m thinking about graphic design or music, for example. Photography was really expensive and difficult as a hobby.Nowadays, someone who is approaching photography has a better and faster playground to work on. I think building a solid language and being constant on your production is really important today. There are too many inputs and I find this overwhelming and distracting.

Secondo te, la fotografia di moda può essere ripresa alla vecchia maniera o il formato digitale è prevalentemente il modo per farlo adesso, senza ritorno? Penso che un’immagine possa essere forte, non importa quale mezzo si utilizzi, ma come ho detto in un’altra occasione, penso che con i film o digitale cambi solo il modo di girare più che il risultato. Con le vecchie macchine fotografiche non si lascia il soggetto giacché non ci si ferma per controllare il risultato sullo schermo. Mi piacciono la fotografia di moda e i vestiti, guardo ai designer di moda e ciò che generano, ma non sono molto in quel mondo per scelta. Che cosa significa per te adesso “Street Photography”? È alla base del mio modo di fotografare. Ho sempre scattato per la strada. Le strade sono gli scenari perfetti, i set più belli che si possano costruire. Mi piace raccontare storie di persone, culture di nicchia, pratiche nascoste...Le strade hanno generato la maggior parte delle migliori culture mai viste, sto pensando anche alla musica e lo stile. Sono stato sempre attratto dallo stile mod, i codici di abbigliamento degli skinhead e l’immaginario queste culture hanno creato. Sono ancora stupito dal potere di catturare nella frazione di un secondo una composizione che con la pittura si dovrebbe seguire per ore o giorni... Questo è ciò che mi piace della “Street photography”. Pensi che sia importante seguire una scuola per imparare a fotografare? Non ho mai trascorso il mio tempo in una scuola di fotografia... E non credo sia importante andare in una scuola per costruire la tua sensibilità o per sviluppare un linguaggio, soprattutto oggi. Qual è la foto che avresti voluto fare e non hai mai fatto? È una foto di un bambino in Giamaica in un campo di calcetto che stava completamente coperto dall’acqua...Avevo guidato fin lì e l’ho visto da dietro con l’acqua fino alle ginocchia e la sua palla che scorreva, quindi era impossibile per lui giocare. Ancora ho quest’immagine nella testa e mi rende male il fatto di non aver chiesto all’autista di fermarsi. Qual è la tua missione fotografica? Beh, mi piace l’idea di costruire un’estetica dietro le mie immagini, ma io non la chiamerebbe “missione”. Anzi, prendo sul serio la fotografia, ovviamente, ma ho imparato a non prendere nulla troppo sul serio... È una regola che cerco di applicare a tutto ciò nella mia vita. Questo non significa che non possa andare nelle cose in una maniera profonda! + Qual è l’ultimo progetto sul cui stai lavorando? Ho appena organizzato un doppio solo show con la mia amica Cheryl Dunn alla Galleria Patricia Armocida di Milano. È uno show su NYC, dove mostriamo i nostri primi lavori insieme a immagini più recenti. Il titolo della mostra è UNCANNY (inquietante) e la sua tipografia rivela le lettere NY. Si basa sul concetto di déjà vu che si può trovare su alcuni soggetti che entrambi abbiamo fotografato e che collega il mio lavoro a quello di Cheryl. Sembra che il numero di fotografi emergenti -o qualcosa del genere- sia aumentato in questi ultimi anni. Secondo te, se dovessi dare un suggerimento per essere diverso, quale sarebbe? Il digitale e Internet hanno dato la possibilità di avvicinarsi a pratiche alle quali era difficile accedere prima. Sto pensando al graphic design e alla musica, per esempio. La fotografia era molto costosa e difficile come hobby. Oggi, chiunque si stia avvicinando la fotografia ha uno spazio migliore e più veloce su cui lavorare. Credo che la costruzione di un linguaggio solido ed essere costante nella tua produzione sia molto importante oggi. Ci sono troppi input e credo che questo è travolgente e dispersivo.

POSI+TIVE | 9


10 | POSI+TIVE


+ Alessandro Zuek Simonetti Arms, New York, 2008 [50x60 cm] Silver Gelatin Print Courtesy Patricia Armocida Gallery

POSI+TIVE | 11


+ Alessandro Zuek Simonetti, Camu Car, Williamsburg, NY, 2011 [60x40 cm] Archival Pigment Print Courtesy Patricia Armocida Gallery

12 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 13


14 | POSI+TIVE


+ Folded Flag, NY, 2011 Archival pigment print 60x40cm Courtesy Patricia Armocida Gallery

POSI+TIVE | 15


An interview with

Nelli Palomaki + Can you tell us something about you? I'm a very passionate person. I get angry and frustrated easily, but also forget things fast. If I enjoy something, I enjoy it with my full heart. But I guess in the end I've always been a bit melancholic person, I mean, you can't really close your eyes from everything that is happening around us. I love animals and hate to see them suffer...it is something I cannot tolerate. But then again...a good company makes me always happy, I love just spending time talking, listening music, and talking some more. I worship my closest friends. You can never appreciate people around you too much. + Where do you live and work now? I've lived this year in London, studying and working. I will move back to Finland now when my studies here are over. I live in a small village in South East Finland. It's very quiet and beautiful, and great contrast to London life. Although, I will be coming back to London very often now. + How did you start taking pictures? Usually there is always the old story of the boy who finds his grandfather’s camera, did that happen to you as well or not? Haha, I know. Nearly all the photographers have the same story. I also got a camera from my father. I was doing it for fun, not considering it would be my profession or passion. I didn't have the eye for images when I was younger, I wasn't interested in photography itself I guess. As a small town girl I wasn't dreaming about being an artist, people expect you to do something more practical, the real work as we say it. But I decided one day when I was around 16-17 that I will be a photographer, never questioned that afterwards. Even though, till this day I don't see myself as a photographer. I don't walk around with my camera, I still don't have a true passion for photography. It happens to be something that I do, my way of trying to stop everything disappearing. I'm just preserving the life around me, and people around me. + Have you thought right away to follow the existing trends in photography or has it been a need to look for different styles and themes that have motivated you? I mean, my work is in many ways very traditional and classic. It is not something that hasn't been done already many times. I am not afraid of that, I am not trying to be that original. But it hasn't been simple to find your own style, it's not easy to believe in your work when you're a young student. So you end up trying many things, most of them might not be so successful. Of course I was influenced by many, many photographers when I was younger, and still am.  + Where your inspiration comes from? I don't know if I really believe in inspiration in the way we usually see it. But I do get very excited about life many times. I love meeting people, having good conversations. Especially with strangers...they can be homeless people or anyone, I love these strange ways of meeting and connecting with people. I guess I could say that life itself, and people I meet, inspire me.

16 | POSI+TIVE

+ Ci racconti qualcosa di te? Sono una persona molto appassionata. Mi arrabbio e mi innervosisco facilmente, ma riesco anche a dimenticarmi delle cose molto in fretta. Se mi piace qualcosa, gli dedico tutta me stessa. Ma in fondo in fondo credo di essere sempre stata una persona un po’ malinconica, nel senso che è impossibile non vedere ciò che sta succedendo attorno a noi. Amo gli animali e odio vederli soffrire... È intollerabile per me. Ma stare in compagnia mi rende sempre felice, amo passare il tempo a parlare, ascoltare musica, e parlare ancora un po’. Adoro i miei amici più cari. Non apprezziamo mai troppo le persone che abbiamo accanto. + Attualmente dove vivi e lavori? Quest’anno ho vissuto a Londra, studiando e lavorando. Tornerò in Finlandia quando avrò terminato i miei studi qui. Vivo in un piccolo villaggio del sud-est della Finlandia: è un posto tranquillo e bellissimo, in netto contrasto con Londra. Ma tornerò comunque a Londra molto spesso. + Come hai iniziato a scattare fotografie? Di solito si racconta la storia del ragazzo che trova la macchina fotografica del nonno: è stato così anche per te? Haha, lo so. Quasi tutti i fotografi hanno la stessa storia. Io in effetti ho ricevuto una macchina fotografica da mio papà. Lo facevo per divertirmi, senza pensare che sarebbe potuta diventare la mia professione o la mia passione. Quando ero giovane non avevo occhio per le immagini - non ero interessata alla fotografia, immagino. Essendo cresciuta in una piccola città non ho mai sognato di poter essere un’artista: tutti si aspettano che tu faccia qualcosa di più concreto, il cosiddetto vero lavoro. Ma un giorno, avrò avuto 16-17 anni, ho deciso che sarei diventata una fotografa, e da allora non ho più avuto dubbi. Nonostante ciò, io non mi vedo come una fotografa: non me ne vado in giro con la macchina fotografica, non ho una vera passione per la fotografia. La considero solo come qualcosa che sto facendo, il mio tentativo di evitare che le cose scompaiano del tutto. Sto solo preservando la vita attorno a me, le persone attorno a me. + Hai pensato fin da subito di seguire i trend esistenti in fotografia o è stato il bisogno di cercare stili e temi differenti che ti ha motivata? Sotto molti aspetti il mio lavoro è molto tradizionale e classico. Non è qualcosa che non sia mai stato fatto molte altre volte prima d’ora. Non ho paura di questo, non sto cercando di essere così originale. Ma non è stato facile trovare il mio stile, non è facile credere nel proprio lavoro quando sei un giovane studente. Quindi finisci per provare molte cose diverse, la maggior parte delle quali potrebbero non avere successo. Da giovane sono stata influenzata da moltissimi fotografi, e lo sono ancora. + Da dove trai ispirazione? Non so se credo davvero nell’ispirazione per come la si intende di solito, ma spesso la vita mi emoziona tantissimo. Amo incontrare persone, intrattenere conversazioni interessanti, soprattutto con gli sconosciuti...Che si tratti di un senza tetto o di chiunque altro, amo quei modi particolari di incontrare e relazionarsi con le persone. Penso di poter dire che la vita e le persone che incontro sono la mia ispirazione.


+ website www.nellipalomaki.com Translated by Federica Manzolini

+ In a portrait, what is important for you? What is important for me in a portrait...hmmmm...the gaze obviously. I don't want us to be hiding from each others. I find the gaze, us quietly staring at each others, very important for my work. It is not that much about the final image, but the moment we spend together. I wish to reveal something from myself too, since every portrait I take is a picture of me too. It's very uncomfortable, I actually don't enjoy making portraits. + Witch kind of relationship do you have with your subject when you shoot? Some of the people in my photographs are strangers to me, some of them I knew before. I like the awkwardness of the moment when taking the portrait. Both me and the subject are usually nervous, it is not a pleasant moment. But I believe that it's good for my images. I don't like to feel to powerful as a photographer. I'm very quiet when I'm taking the picture, just staring at my subject, waiting for them to have the right gaze back. It is very intense. + According to you, fashion photography can be taken the old way or the digital format is predominantly the way to do it nowadays with no way back? Hahaaaa, I don't know anything about fashion photography. I mean, I have no straight opinion about that. I guess there are still great fashion photographers shooting on film. In commercial and art photography, there are people working with digital and film. I mean, it's a different way to work, completely different technique. And your attitude with film is very different from shooting digital. + Do you think it’s important to follow a school to learn how to shoot? I don't think you need any art school studies to become a photographer. But you can learn a lot in schools, and build amazing relationships. It all depends what you're looking for and what you want to learn. Yes, if you're interested in theory and philosophy, the art university is a great place. But not everything can be taught, and people should remember that. + What’s the photo you want to take and you never did? Oh, there are many images I wanted to make and never did. And lately I have been quite busy to even concentrate on my work. I quite often wish I could make more portraits and throw my laptop away. But I guess that's the same problem with everyone these days. + What’s your last project that are you working on? I've been working in a Russian Naval Academy in St. Petersburg this year, doing my portraits there. It is still on ongoing project, but I do wish I have a chance to continue with these portraits. 

+ Cosa ritieni importante in un ritratto? Cosa ritengo importante in un ritratto...Hhhmmm...Sicuramente lo sguardo. Non è giusto nascondersi gli uni dagli altri. Trovo che lo sguardo - noi che ci guardiamo tranquillamente sia molto importante per il mio lavoro. Non tanto per l’immagine finale, quanto per il momento passato insieme. Desidero sempre rivelare anche qualcosa di me stessa, perché ogni ritratto è anche un’immagine di me. È una cosa che mi mette a disagio, in realtà non amo fare ritratti. + Che tipo di relazione hai con il tuo soggetto quando lo fotografi? Alcuni dei soggetti delle mie foto sono estranei, altri no. Mi piace l’imbarazzo che si crea al momento di scattare la fotografia. Sia io che il soggetto siamo di solito nervosi, non è un momento piacevole, ma penso che sia positivo per le mie immagini. Non mi piace sentirmi troppo potente come fotografa. Sono molto silenziosa quando devo scattare una foto: osservo semplicemente il mio soggetto, aspettando che abbia lo sguardo giusto. È un momento molto intenso. + Secondo te, la fotografia di moda può essere fatta alla vecchia maniera oppure il formato digitale è ormai predominante al giorno d’oggi? Haaaaaa non so nulla di fotografia di moda. Nel senso che non ho un’opinione chiara sull’argomento. Penso che ci siano ancora grandi fotografi che utilizzano la pellicola. Nel campo della fotografia commerciale ed artistica ci sono fotografi che lavorano sia con la pellicola sia in digitale. Sono modi diversi di lavorare, tecniche completamente differenti. L’atteggiamento cambia passando dalla pellicola al digitale. + Credi che sia importante frequentare una scuola per imparare a fotografare? Non credo che sia necessario un percorso di studi artistici per diventare un fotografo, ma a scuola si può imparare moltissimo, e creare rapporti splendidi. Dipende tutto da ciò che stai cercando e da ciò che vuoi imparare. Certo, se sei interessato alla teoria ed alla filosofia, la scuola d’arte è ciò che fa per te. Ma non tutto può essere insegnato, bisognerebbe ricordare questo. + C’è una foto che avresti voluto scattare ma che non hai mai scattato? Oh, ci sono tante immagini che avrei voluto catturare. E ultimamente sono stata troppo occupata per riuscire anche solo a concentrarmi sul mio lavoro. Spesso mi capita di desiderare di poter scattare più foto e buttare via il mio laptop. Ma immagino sia un problema comune a molti al giorno d’oggi. + Qual è l’ultimo progetto al quale stai lavorando? Quest’anno ho lavorato in un’Accademia Navale russa a San Pietroburgo, scattavo lì le mie fotografie. È ancora un progetto in evoluzione, ma spero di avere l’opportunità di proseguire.

POSI+TIVE | 17


+ Baawo at 30, 2011

18 | POSI+TIVE


+ Baawo at 30, 2011

POSI+TIVE | 19


+ Sergey, 2011

20 | POSI+TIVE


+ Vladimir and Eduard, 2011

POSI+TIVE | 21


An interview withYann Faucher + website www.twelvejuly.com translated by Nicola Rossi

+ How did you start to take pictures? Five years ago I was working as a model, it actually just happened by chance. Then I understood that taking pictures interested me more and it all started there.

+ Come hai iniziato a fotografare? Cinque anni fa lavoravo come modello, un pò per caso in realtà. Poi ho capito che mi piaceva di più fare le foto ed è iniziato tutto così.

What does taking pictures mean to you? Snapping a picture isn’t only creating an image. It’s much more. With every picture the you realize a different story is told. I like to think of myself as a Storyteller.

Cosa vuol dire per te fotografare? Scattare una foto non è solo produrre un’immagine. È molto di più. Con ogni fotografia realizzata si racconta una storia diversa. Mi piace pensare a me stesso come uno “storyteller”.

Everybody today takes pictures, and has a camera. What do you think about that? I don’t really know, I think it’s a good sign, but not something to worry about too much. It’s better to produce than to stay still.

Tutti oggi fanno fotografie, hanno tutti una macchina fotografica. Cosa pensi in merito? Non saprei in realtà, però credo sia un buon segno, qualcosa da non preoccuparsi troppo. Meglio produrre che rimanere fermi.

If I had to ask you the photographer that inspired you the most in your work, what name would come to mind immediately? I would say Nan Golding, she more than others, gave me a vision of photography that broadened my mind.

Se dovessi chiedere quale fotografo ti ha ispirato di più nel tuo lavoro, quale nome ti potrebbe venire subito in mente? Direi Nan Golding, lei più di altri mi ha dato una visione della fotografia che mi ha aperto molti orizzonti.

Who are your projects? Usually they are the people that I met and that then gave me a story to tell thru those pictures. When will you have an exhibit? I don’t know. I don’t have time for them. You need a lot of time to organize them and in this moment of my life I really don’t have it. But I would really like to be able to do one.

22 | POSI+TIVE

Chi sono i tuoi soggetti? Spesso sono quelle persone che ho incontrato e che poi mi hanno consegnato una storia da raccontare attraverso quella foto. Quando farai una tua mostra? Non lo so. Non ho tempo per le mostre. Serve molto tempo per organizzarle e in questo momento della mia vita il tempo mi manca proprio. Ad ogni modo fare una mostra mi piacerebbe.

You almost always snap on film if I’m not mistaken. Yes, my father had a Pentax, I keep using the 6x6 Pentax.

Scatti quasi sempre a pellicola se non erro? Si, mio padre aveva una pentax, io continuo ad usare le pentax 6x6.

If I had to ask you: “Who is Yann Faucher”? I would define myself as a “Bed Photographer”. I really like stories about beds. I’m a romantic photographer.

Se ti chiedessi: “Chi è Yann Faucher”? Mi definirei un “Bed Photographer”. Mi piacciono molto le storie di “letto”. Sono un fotografo romantico.


POSI+TIVE | 23


24 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 25


26 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 27


28 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 29


30 | POSI+TIVE


+ a book by Sara Gentile website www.saragentile.com www.studioverderame.com

“Quando i fauni escono dal bosco” POSI+TIVE | 31


32 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 33


Italy is known as one of the Countries with the lowest birth rate. This notwithstanding, my mother gave birth to 11 babies. I’m the fourth one. I have 10 brothers. I’ve always used them as “photgraphic guinea pigs”: it was fun - especially for me - and the most natural thing I could do. Everytime I grabbed a camera, I realized how similar - and yet at the same time how different - we were. I realized all that filled that very moment, my way of seeing them and their way of watching me. I felt our silent mutual desire to communicate and their longing to be watched.

This book isn’t neither an autobiagraphical journal nor the reportage of a pretty weird case in nowadays Milan: it’s an emotional tale about worlds that only lightly brush one another. Lives that cross different places in different ways: someone running, someone jumping, someone standing still. Everybody chasing their personal dimension of the real in order to survive: trying to go beyond everyday situations creating their own - sometimes magical - world, hidden from everybody else, sometimes light, sometimes motionless and unfathomable. I’ve been opening my invisible world to them, and they tried to let me take a glimpse of their own everyday lonelinesses. With this book I wanted to frame the worlds of my four little sisters: Marta, Gloria, Silvia and Benedetta. They experience the same places: our little town outside Milan, our garden, our home. They create unique worlds and galaxies, comprehensible only to them, and when they let me in, it’s like when “the fauns get out from the woods”: dreamy figures in real environments that for a while decide to show themselves to us mortals, filling us with wonder for their simple - yet hard to understand - essence. Sara Gentile

34 | POSI+TIVE


Si dice che l’Italia sia uno dei Paesi con il più basso tasso di nascite. Nonostante questo, mia mamma ha partorito 11 volte. Io sono la numero 4. Ho 10 fratelli. Li ho da sempre utilizzati come “cavie fotografiche”: era divertente, soprattutto per la sottoscritta, e la cosa più naturale che potessi fare. Ogni volta che prendevo in mano la macchina fotografica, mi rendevo sempre più conto di quanto fossimo tutti così simili e diversi allo stesso tempo, di quanto ci fosse nel momento dello scatto, il mio modo di vederli e il loro modo di osservarmi. Sentivo il tacito desiderio reciproco di dialogare e la voglia dei miei fratelli di essere guardati.

Questo libro non è un diario autobiografico né il reportage di un caso un po’ strano nella Milano di oggi: è un racconto emotivo di mondi che si sfiorano tra loro. Vite che attraversano gli stessi luoghi in modi diversi: chi correndo, chi saltando, chi stando immobile. Tutti alla ricerca di una propria dimensione del reale, per poter sopra-vivere: andare oltre le situazioni quotidiane creandosi un proprio mondo a volte magico, nascosto a tutti gli altri, a volte leggero, altre volte immobile e impenetrabile. In questi anni io aprivo a loro il mio mondo invisibile, e loro cercavano di farmi afferrare la parte più nascosta delle proprie solitudini d’ogni giorno. Con questo libro, ho voluto racchiudere gli universi delle mie quattro sorelle più piccole: Marta, Gloria, Silvia e Benedetta. Vivono gli stessi luoghi: la nostra piccola città alle porte di Milano, il nostro giardino, la nostra casa. Creano mondi e galassie uniche e comprensibili solo a loro; e quando mi permettono di entrarci, è come se “i fauni uscissero dal bosco”: figure sognanti in ambienti reali che per un attimo decidono di mostrarsi a noi comuni mortali, riempiendoci di stupore per la loro dimensione così semplice, eppure a volte tanto difficile da percepire. Sara Gentile

POSI+TIVE | 35


36 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 37


38 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 39


New Faces: Jake Hold

+ photography Giacomo Cosua & Jordi Ruiz Cirera website www.jordiruizcirera.com models Jake Hold @ Elite Models Management London translated by Israel Fernandez Benito 40 | POSI+TIVE


+ How did you start modelling? I was studying fashion in Cardiff and started modelling for friends who then suggested me to write to designers for shows in London. I managed to walk for Ozwald Boateng and Orschel-Read which then led to me being scouted by Elite. I then put studying on hold, moved to London and started modelling full-time.

+ Come hai iniziato a fare il modello? Stavo studiando moda a Cardiff quando ho iniziato a fare il modello per amici che poi mi suggerivano di scrivere agli stilisti per sfilare a Londra. Sono riuscito a sfilare per Ozwald Boateng e Orschel-Read, che poi mi portarono ad essere scoperto da Elite. Ho messo da parte gli studi, mi sono trasferito a Londra e ho iniziato a fare il modello a tempo pieno.

How was your first impression and why did you decided to be a model? When I first started modelling I found it very different to what I previously assumed it would be. Believe it or not, you have to work very hard as a model. You have to be committed and very organized and, to start with, it is not so glamorous. I first decided to model as it has always fascinated me. I have always wanted to work in the fashion industry and I found this job suited me perfectly as I get to express myself freely.

Qual è stata la tua prima impressione e perché hai deciso di fare il modello? Quando ho iniziato a fare il modello l’ho trovato molto diverso da ciò che pensavo prima che sarebbe stato. Che tu ci creda o no, devi lavorare molto duro come modello. Devi essere impegnato e molto organizzato e, intanto, non è così affascinante. Ho deciso di farlo perché mi ha sempre affascinato. Ho sempre desiderato lavorare nel settore della moda e così ho trovato questo lavoro al cui mi sono adatto perfettamente perché riesco a esprimermi liberamente.

Since now did you like your experience into fashion world? Most definitely, I have had some of the best times of my life. I’ve had some very unique experiences and have met so many good friends all over the world on the way who I will never forget. Like everything, modelling has its ups and downs but mostly good times! I love my job!

Finora, ti è piaciuta la tua esperienza nel mondo della moda? Sicuramente ho avuto alcuni dei migliori momenti della mia vita. Ho avuto delle esperienze molto singolari e ho incontrato tanti buoni amici in tutto il mondo lungo la strada che non lo dimenticherò mai. Come tutto, fare il modello ha i suoi alti e bassi ma, per lo più, sono bei tempi! Amo il mio lavoro!

What do you think about fashion in London? Out of all the fashion capitals I think London is of the strongest. It has a vast array of different cultures and people tend to be very creative with their appearance. London fashion week is one of my favourite events of the year also as there are so many talented designers coming through every year, constantly pushing the boundaries and helping mould new trends. A favourite and close friend of mine is Stefan Orschel-Read… Check him out! What does it mean fashion for you? To me, Fashion is much more than clothes. Fashion is social identity and freedom of expression. A way to feel comfortable. It is a way for people to fit in or stand out. A way of expressing the inner you to the rest of the world. The world would be a very different place without fashion. You can tell a lot about someone just by looking at what clothes they are wearing, Fashion is like the front cover to a book.

Che ne pensi della moda a Londra? Da tutte le capitali della moda penso che Londra sia quella più forte. Ha una vasta gamma di culture diverse e la gente tende ad essere molto creativa con il suo aspetto. La London Fashion Week è uno dei miei eventi preferiti dell’anno anche perché ci sono tanti stilisti di talento che vengono fuori ogni anno, spostando i limiti costantemente e aiutando a dare forma a nuove tendenze. Un mio amico intimo è Stefan Orschel-Read… Dagli un’occhiata! Che significa per te la moda? Per me, la moda è molto più che vestiti. La moda è l’identità sociale e la libertà di espressione. Un modo per sentirsi tranquillo. È una maniera per le persone di adattarsi o distinguersi. Una forma di esprimere il tuo interiore al resto del mondo. Il mondo sarebbe un posto molto diverso senza di moda. Si può dire molto su qualcuno solo guardando ai vestiti che indossano, la moda è come la copertina di un libro.

What do you think about the relationship between photography and fashion? I think building rapport is crucial between a model and a photographer. If a photographer and model are getting on well, they both tend to be more relaxed and confident which makes for a better image.

Che ne pensi del rapporto tra fotografia e moda? Penso che costruire un rapporto tra modello e fotografo è cruciale. Se il fotografo e il modello vanno d’accordo, entrambi tendono ad essere più rilassati e fiduciosi e questo rende una migliore immagine.

What’s the difference since you had an experience in Italy between fashion in London and in Milan? Italy and London are quite similar in terms of style but I think fashion in London is very audacious and has a raw rock ‘n’ roll edge, which I find very appealing! Italian fashion is very clean, sharp and chic, which I love also.

Qual è la differenza, dato che hai avuto un’esperienza in Italia, tra la moda a Londra e a Milano? L’Italia e Londra sono abbastanza simili in questione di stile ma credo che la moda a Londra è molto più audace e ha un lato grezzo e rock’n’ roll che trovo molto attraente! La moda italiana è molto pulita, forte e chic, cosa che mi piace pure.

What’s your dream in the drawer? The dream is to carry on modelling and travelling the world, enjoying every moment and making the most out of every day. I have always been into styling and design so I hope to get my fashion label going once I have more free time. Also I would like to make more time for my family, friends and beautiful girlfriend, as it is not so easy to stay in touch with all the travelling. New Year’s resolution maybe ;-) Most of all I want to inspire. If I can inspire even just a few people to follow their dreams then I am a very happy man. You can achieve anything if you want it badly enough.

Qual è il tuo sogno nel cassetto? Il sogno è di continuare a fare il modello e viaggiare per il mondo, godendo di ogni momento e facendo il massimo ogni giorno. Sono sempre stato in styling e design, per cui spero di avere il mio marchio di moda una volta che abbia più tempo libero. Inoltre vorrei avere più tempo per la mia famiglia, gli amici e la fidanzata bella perché non è così facile rimanere in contatto con tutti i viaggi. Forse è uno dei buoni propositi per l’anno nuovo ;-) Sopratutto voglio ispirare. Se posso ispirare anche solo poche persone a seguire i loro sogni, allora io sono un uomo molto felice. È possibile ottenere qualsiasi cosa se davvero hai voglia. POSI+TIVE | 41


42 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 43


New Faces: Will Hargreaves

+ photography Giacomo Cosua & Jordi Ruiz Cirera website www.jordiruizcirera.com model Will Hargreaves @ Elite Models Management London translated by Rachel Flannery 44 | POSI+TIVE


+ How did you first get into modelling? I got scouted in Swindon where I lived. Then came down to meet some agencies and got signed! What was your first impression of modelling like? And why did you decide to become a model? My first impression was great, and I was really excited to start shooting etc... I decided to become a model because it seemed like a great job. Have you enjoyed your experience of the fashion world so far? I’ve enjoyed my experience in the fashion world. At times it has got tough but other times I’ve absolutely loved it. What do you think about fashion in London? I think fashion in London is huge, and in London fashion week you really discover that, with all the fashion parties and all the press about shops, modelling and designers. What does ‘fashion’ mean to you? Well since I’ve been a model fashion means a lot to me as it’s my work. But before, I still really liked to follow the latest trends and look good in what I was wearing. What do you think about the relationship between photography and fashion? I think there is a huge relationship between photography and fashion because not only does the model make the clothes look good but the photographer makes the images powerful, and also makes them fit with the style of the clothing. What’s your secret dream? My secret dream is to bring my music and modelling as far as possible and get the best out of both experiences.

+ Come hai iniziatoa fare il modello? Un talent scout mi ha avvicinato a Swindon dove abitavo. Sono andato a Londra per incontrare alcune agenzie di rappresentanza e poi mi hanno ingaggiato! Quali sono state la tue prime impressioni? E perché hai scelto di diventare modello? La mia prima impressione è stata ottima e non vedevo l’ora di cominciare a girare ecc.... Ho scelto di essere modello perché mi è sembrato un lavoro stupendo. Finora, ti è piaciuta la tua esperienza del mondo della moda? La mia esperienza nel mondo della moda è stata bella. Qualche volta è stato duro; ma, ci sono stati altri momenti in cui ho adorato il mio lavoro! Che cosa pensi della moda a Londra? Secondo me, il mondo della moda a Londra è incredibile e te ne rendi conto durante la London Fashion Week con tutte le feste e la grande attenzione dei media per i negozi di moda, il mondo delle modelle e degli stilisti. Che cosa rappresenta “la moda” per te? Allora, da quando ho cominciato a lavorare come modella, la moda significa molto per me dal momento che è il mio lavoro. Però, anche prima di lavorare come modella, mi piaceva seguire le ultime mode e curarmi nel vestire. Che cosa pensi del rapporto tra la fotografia e la moda? Credo che ci sia un rapporto proprio forte tra la fotografia e la moda perché non sono i modelli da soli che fanno belli i vestiti ma è anche il fotografo che rende le immagini intense e che le fa andare bene con lo stile del vestito. Qual’è il tuo sogno nel cassetto? Il mio sogno nel cassetto è di portare la mia carriera come musicista e modella il più avanti possibile e trarre il meglio da entrambe.

POSI+TIVE | 45


46 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 47


+ photography Cristina Capucci website www.cristinacapucci.com model Helge Gjerstad @VNY Model Management New York stylist Polar Buranasatit hair & make up Kumi Craig

48 | POSI+TIVE


+ Sweater by Dominic Louis POSI+TIVE | 49


+ Necklace by Possible, wool sweatpants by With & Wessel, big scarf (in bed) by Dominic Louis

50 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 51


+ Kimono by Salvor Projects

52 | POSI+TIVE


+ Sweater by Tim Hamilton Redux

POSI+TIVE | 53


+ Eather jacket with fur collar by Dominic Louis, tank top by Calvin Klein, jeans by Tim Hamilton Redux

54 | POSI+TIVE


+ Crombie coat by Siki Im, silk gauze foulard by Salvor Project, white shirt POSI+TIVE | 55


56 | POSI+TIVE


+ photography website www.cocoyoungphotography.com model India Menuez stylist Vanna Youngstein

POSI+TIVE | 57


+ coat vintage silver fox underwear Araks sweater Pringle of scotland shirt Petit Bateau

58 | POSI+TIVE


+ coat vintage silver fox underwear Araks sweater Pringle of scotland shirt Petit Bateau

POSI+TIVE | 59


60 | POSI+TIVE


+ Cynthia rowley tights Lanvin shoes Boy london jacket Vionnet gown

+ Acne hoodie Vintage white fox fur Steven alan sweater Vintage banana republic shirt Vintage silk pants Happy socks socks Lanvin shoes POSI+TIVE | 61


+ Acne hoodie Vintage white fox fur Steven alan sweater Vintage banana republic shirt Vintage silk pants Happy socks socks Lanvin shoes

62 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 63


London Morning + photography Giacomo Cosua website www.cosua.it/giacomo models Eddie Tucker @ Nevs Harry Goodwins @Models1 sylist Sylvester Yiu stylist assistant Liza Jugolainen

64 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 65


+ harry wears jumper by Beyond Retro

66 | POSI+TIVE


+ eddie wears jumper by Comme Des Garcons for Fred Perry shirt by Topman

POSI+TIVE | 67


+ harry wears jumper by Beyond Retro

68 | POSI+TIVE


+ eddie wears jumper by Comme Des Garcons for Fred Perry shirt by Topman

POSI+TIVE | 69


+ harry wears shirt and waistcoat by Beyond Retro top by Engineered Garments

70 | POSI+TIVE


+ eddie wears aviator jacket by Topman Design underwear by Calvin Klein trousers and belt – Model’s Own

POSI+TIVE | 71


+ Harry wears shirt by Engineered Garments parka by Prada

72 | POSI+TIVE


+ Eddie wears aviator jacket by Topman Design

POSI+TIVE | 73


+ harry wears jacket by Beyond Retro top by Topman

74 | POSI+TIVE


+ Eddie wears parka by Prada hoddie by Pharmacy Industry shorts and leggings by American Apparel shoes by Vans

POSI+TIVE | 75


+ harry wears jumper by Beyond Retro

76 | POSI+TIVE


+ Eddie wears parka by Prada hoddie by Pharmacy Industry

POSI+TIVE | 77


+ Eddie wears shirt by Reiss jacket by Sir Tom Baker

78 | POSI+TIVE


+ Harry wears shirt by Engineered Garments parka by PRADA, trousers – Model’s Own

POSI+TIVE | 79


+ Eddie wears shirt by Reiss jacket by Sir Tom Baker trousers by Sylvester-U

80 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 81


+ photography Christopher Hench website www.christopherhench.com stylist Heather Falconer fashion assistant Sophie Yates set design Derek Emanouil MUA Elias Reinholdtsen Hove using Chanel Cosmetics and Perfection Lumiere hair Emma Joy Hedges

82 | POSI+TIVE


+ Leather Dress Sveta Sotnikova Knuckle Gloves with studs Atsuko Kudo Beret Atsuko Kudo Tights Johnathon Aston

POSI+TIVE | 83


+ Silk jersey knit dress BasharatyanV Red lace up boots Irregular Choice

84 | POSI+TIVE


+ Horn headband AND I Carbon fibre diamonte neck cuff Elsa Smith Maxi Dress Flik Hall Galactic Knuckle Duster Imogen Belfield Clear bracelet with gold dice Maria Piana

POSI+TIVE | 85


+ Horn headband AND I Carbon fibre diamonte neck cuff Elsa Smith Maxi Dress Flik Hall

86 | POSI+TIVE

+ Silk jersey knit dress BasharatyanV Red lace up boots Irregular Choice


+ Leather laser cut jacket Evmorfia Black sleeveless dress with raffia Pierson Lawlor Galactic Knuckle Duster Imogen Belfield Black buckle boots Miister

POSI+TIVE | 87


+ photography Giacomo Cosua models Juan Manuel Arancibia @ Bananas Models Paris

88 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 89


90 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 91


92 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 93


94 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 95


96 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 97


98 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 99


+ photography Twodicks from Lituania website www.twodicks.co.cc t-shirt design Denis Kuchta website www.deniskuchta.com

100 | POSI+TIVE


WHILE OTHERS WORKED JOBS THEY HATE AND WENT TO CLASSES, TWO PUNKS PAULIUS AND DOMINYKAS HUNG OUT IN THE DORMITORY AREA CALLED LAZDYNAI. THEY COLLECTED STUFF FROM GARBAGE CONTAINERS AND SECONDHAND SHOPS AND DRAGGED THEM DEEP INTO THE FORESTS. THERE THEY TOOK PHOTOS, DRINKED AND SMOKED. A FEW MONTHS AFTER OTHER TWO ENTHUSIASTS, AUGUSTE AND DARJUSH, JOINED THE CREW WITH THEIR FRESH IDEAS AND CREATIVE SKILLS, WHICH BRANG IN INNOVATION TO TWODICKS WORKS. EVERY TASK AND INSTALATIONS THEY DO BY THEM SELFS BECAUSE DIY IS A PLEASURE FOR THEM. DIY, PUNKROCK AND FREEDOM  ARE THE MOST PRECIOUS THINGS IN THEIR LIFES.

POSI+TIVE | 101


102 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 103


104 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 105


106 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 107


108 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 109


SIMON& MATTHEW + photography Julian Schratter www.throughjuleslens.com stylist Torian Lewin hair and make up Grace Read Cater photographer assistants Brendon Beck and Megan Jolly models Simon Tham and Matthew Coatsworth @ Soul Artist Management

110 | POSI+TIVE


+ Matthew wears full look by Kris Van Assche Hats Victor Osborne

+ Simon Wears Watch (around neck) by ID Brooklyn, Black watch by Louis Vuitton.

POSI+TIVE | 111


Matthew wears full look by Kris Van Assche, socks by Ben Sherman, Shoes by Armando Cabral. Hats (wore through out) - Victor Osborne Simon wears full look By Kris Van Assche.

112 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 113


114 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 115


+ photography Alan Chies website www.alanchies.com model lasma @nexmodel italia

116 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 117


118 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 119


It’s All in the Game + photographer and fashion editor Sam Scott Schiavo website www.samscottschiavo.com model Andrås @ Wam Models www.wammodels.hu location Green Hotel Budapest www.greenhotelbudapest.com

120 | POSI+TIVE


ESBJERG Verbena Shaving Cream and Razor www.bjornborg.com www.esbjerg.com www.frankiemorello.it www.hm.com www.tiberius.at

POSI+TIVE | 121


+ shirt Tiberius bow tie H&M dressing gown Vintage Dior boxers Bjorn Borg cufflinks Vintage Uncle Ralph

122 | POSI+TIVE


+ Shirt Tiberius Pants Frankie Morello Socks Bjorn Borg

POSI+TIVE | 123


Interview Pierpaolo Spollon + Translated by Nicola Rossi

Pierpaolo Spollon, born in Padova is a young italian actor that recently walked one of the most interesting and known red carpets, the one of the Venice Film Festival thanks to his partecipation in the cast of the movie “Terraferma” directed by Emanuele Crialese that won the special Jury Prize in Venice.

Pierpaolo Spollon, giovane padovano è un attore italiano che ha recentemente calcato uno dei più interessanti e conosciuti red carpet, ovvero quello del festival del Cinema di Venezia grazie alla partecipazione nel cast del film “Terraferma” diretto da Emanuele Crialese che ha vinto il premio speciale della giuria proprio a Venezia.

On the small screen he worked aside of Fabrizio Bentivoglio in the fiction “Nel Nome del Male” produced by Sky.

Nel piccolo schermo ha lavorato accanto a Fabrizio Bentivoglio nella fiction “Nel Nome del Male” prodotta da Sky.

We interviewed him this summer in Treviso on his future as an actor and on what he thinks of the Italian movie world today.

Lo abbiamo intervistato quest’estate a Treviso sul suo futuro da attore e su quello che pensa dell’ambiente del cinema italiano oggi.

+ Are you sure you want to be an actor “when you grow up”? I will answer you telling you what Beppe Fiorelloonce told me “Change your mind”. For now I will go on, but we can’t close any door, it’s a tough world and you’ve got to fight to stay in it.

+ Sei sicuro che vuoi fare l’attore da “grande” ? Ti rispondo dicendo quello che mi ha consigliato Beppe Fiorello un giorno “Cambia Idea”. Per ora continuo, però non chiudiamo nessuna porta, è un mondo difficile e bisogna lottare per rimanerci.

Can we say that you feel an actor today or not? No, not yet at least. If they ask me what I do, surely I won’t answer “actor”, not for now at least.

Possiamo dire che oggi ti senti attore oppure no? No, non ancora almeno. Se mi chiedono cosa faccio, di certo non dico l’attore, almeno per ora.

But do you like the environment? Yes, maybe more than an actor my dream would be to be a director, surely working with quality professionals it’s easier to learn where to start, I’m working on that as well.

Ma l’ambiente ti piace? Si, forse più che l’attore, il mio sogno è fare il regista, di certo lavorando con professionisti di qualità è più facile capire almeno da dove iniziare, sto lavorando anche su questo.

With Crialese how did you find yourself? What can I say, he’s a great director, I learned a lot also thanks to him, I don’t come from a theatrical school, I began by chance. With him everything went perfectly.

Con Crialese come ti sei trovato? Che dire, è un grande regista, ho imparato tantissimo anche grazie a lui, non vengo da una scuola di teatro, ho iniziato quasi per caso. Con lui è stato tutto perfetto.

What scene from “Terraferma” do you remember in particoular? Without a doubt the one with the playbill. It wasn’t easy at all, but for some reason it was the lightest scene and I think that in the movie that idea was transmitted and understood from everybody.

Quale scena ti ricordi in particolare di Terraferma? Senza dubbio quella della locandina. Non è stato affatto facile farla, ma in qualche modo è stata la scena più leggera e penso che nel film quest’idea sia stata trasmessa e compresa da tutti.

Earlier you said that you didn’t study to become an actor, how did it all begin? By chance really. I tried out for the movie “La Giusta Danza” for the role of main character. I didn’t get it, but a director, the one of the fiction with Bentivoglio saw me and I was called. It didn’t go that bad afterall! Future projects? A lot of things in mind, I would like to go in Brazil. We’ll see what happens, for now I hope that I’ll keep working.

124 | POSI+TIVE

Prima hai detto che non hai studiato per fare l’attore, come è iniziato tutto? Un po’ per caso in realtà. Ho partecipato ad un provino per il film “La Giusta Distanza”, nel ruolo del protagonista. Non mi hanno preso, però un regista, quello della fiction con Bentivoglio mi ha visto e sono stato chiamato. Non è andata poi così male! Progetti per il futuro? Tante cose in mente, mi piacerebbe andare in Brasile. Vedremo cosa succederà, intanto spero di continuare a lavorare.


POSI+TIVE | 125


126 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 127


128 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 129


The Mysteries of Appearance: Conversations Between Ten British Post-War Painters”

130 | POSI+TIVE

+ text by Rui Carvalho da Silva

+ Translated by Federica Manzolini

Haunch of Venison London Gallery will held the exhibition “The Mysteries of Appearance: Conversations Between Ten British Post-War Painters”, occupying the four newly renovated galleries. Displaying over forty paintings and drawings by Michael Andrews, Frank Auerbach, Francis Bacon, Patrick Caulfield, William Coldstream, Lucian Freud, Richard Hamilton, David Hockney, Leon Kossoff and Euan Uglow, spanning from 1955 to 1985, this exhibition has its focus on the personal relations between those artists and the stories behind their art. In a conversation with the co-curator Tom Hunt, this exhibition also reflects another networking point of view, “(...) the curator’s intimate relationship with all the artists in the exhibition. Catherine Lampert has been sitting for Auerbach every week for 33 years, she knew Freud, Bacon, Hockney, Kossoff, all the artists, for a long time in a professional and personal way, so its her insight in both their personalities and their history, their stories. In terms of their personal relations it was just interesting looking at.. trying to get rid of some of the the strictures that surround this so called school of London group - maybe forced into categories too much - and actually to look closely at the dialogues between pairings and their making. They shared the love for many things that haven’t been talked about before, well talked about to some extent but forgotten in the desire of classify them strictly as British artists, their interest in Giacometti and Duchamp for once and the interest on the connection between someone like Michael Andrews and Richard Hamilton that are things that haven’t been talked about before. Michael Andrews in usually a rather neglected figurative British artist and Richard Hamilton is the father of pop but actually there are some really interesting similarities in their ways to put the image through...” The exhibition takes the 4 immaculate spaces of the Haunch of Venison Gallery. “At the entry, people will see a series of nudes which is a very traditional way to open an exhibition but the nudes themselves will be very significantly and radically different.. Hamilton’s nudes which are almost like Duchamp’s studies for “Nude Descending a Staircase” compared to Kossoff’s nudes which are incredibly heavily worked while the Hamilton’s and Uglow’s nudes are almost transparent. On the second one, Freud Auerbach, Kossoff, Hockey and their absolute fascination and admiration with the techniques and philosophies of previous artists, Rembrant and Poussin in particular and Velasquez for the Bacon Pope. Then, there is going to be a room concentrating very much on the materiality of paint - where the subject almost becomes abstract. Upstairs there is a room focusing on paintings that have been based on photographs or based on diagrams that has to do with direct observation” This exhibition demonstrates how masterful and outstanding a curator can be.. how a group of works can mean much more than the sum of the parts. I left this show with two words on my mind: unconventional and natural - it’s beautifully impressive how an unconventional and intelligent but emotional point of view can be materialized in a superb exhibition and catalogue. Bravo! “It’s a diverse exhibition.. not necessarily a biographical look at painters but a look at the way paint as paint can still be a very and probably the most charged expressive way of producing art.” From the 7Th of December until the 18Th of February, Haunch of Venison Gallery London.

La Haunch of Venison Gallery di Londra ospiterà la mostra “I Misteri dell’Apparenza: Conversazioni tra 10 Pittori Inglesi del Dopoguerra”, che andrà ad occupare le quattro gallerie appena restaurate. Con più di quaranta dipinti e disegni realizzati tra il 1955 ed il 1985 da Michael Andrews, Frank Auerbach, Francis Bacon, Patrick Caulfield, William Coldstream, Lucian Freud, Richard Hamilton, David Hockney, Leon Kossoff e Euan Uglow, questa mostra focalizza il proprio sguardo sulle relazioni personali tra questi artisti e sulle storie che stanno dietro la loro arte. Secondo il co-curatore Tom Hunt, questa mostra riflette anche un altro punto di vista relazionale, “L’intima relazione del curatore con tutti gli artisti partecipanti. Catherine Lampert ha posato per Auerbach ogni settimana per 33 anni, ha conosciuto Freud, Bacon, Hockney, Kossoff e tutti gli artisti sia dal punto di vista professionale che personale: la mostra rappresenta quindi la sua visione sia delle loro personalità che delle loro storie. Dal punto di vista delle relazioni personali era molto interessante osservare... cercare di liberarsi di alcune delle strutture che circondano il cosiddetto gruppo della scuola di Londra, forse troppo forzato all’interno di categorie, per poter veramente osservare da vicino i dialoghi e la loro costruzione. Gli artisti condividevano l’amore per molte cose di cui non si era mai parlato prima, o di cui si era in qualche modo parlato ma che poi erano state dimenticate nel desiderio di classificarli rigorosamente come artisti inglesi. Non si è mai parlato del loro interesse per Giacometti e Duchamp e del collegamento tra artisti come Michael Andrews e Richard Hamilton. Michael Andrews è di solito un artista figurativo inglese piuttosto trascurato mentre Richard Hamilton è il padre del pop, anche se in realtà esistono alcune interessanti analogie nel loro modo di trasmettere l’immagine...” La mostra occupa i quattro immacolati spazi della Haunch of Venison Gallery. “All’ingresso, i visitatori vedranno una serie di nudi, che è il più tradizionale dei modi per aprire una mostra: i nudi stessi, però, saranno significativamente e radicalmente diversi. I nudi di Hamilton che sono simili agli studi di Duchamp per il “Nude Descending a Staircase”, paragonati ai nudi di Kossoff che sono incredibilmente lavorati, quando invece quelli di Hamilton e Uglow risultano quasi trasparenti. Nel secondo spazio troviamo Freud, Auerbach, Kossoff, Hockey e la loro assoluta fascinazione ed ammirazione per le tecniche e filosofie degli artisti precedenti, Rembrant e Poussin in particolare, e Velasquez per il ritratto del Papa opera di Francis Bacon. Troverete poi uno spazio che si concentrerà sulla materialità della pittura, dove il soggetto diventa astratto. Lo spazio del piano superiore sarà dedicato ai dipinti basati su fotografie o su diagrammi risultanti dall’osservazione diretta.” La mostra rivela quanto un curatore possa essere magistrale, eccezionale... Come un gruppo di opere significhi molto di più della mera somma delle parti. Ho lasciato la mostra con due parole in mente: non-convenzionale e naturale. E’ impressionante come un punto di vista non-convenzionale, intelligente ed emotivo possa materializzarsi in una mostra ed un catalogo superbi. Complimenti! “Si tratta di una mostra differente... Non è necessariamente uno sguardo biografico ai pittori, ma un modo per dimostrare come la pittura in sè rappresenti ancora una delle maniere più espressive di produrre arte, se non la maniera più espressiva di tutte.” Dal 7 dicembre al 18 febbraio a Londra, Haunch of Venison Gallery.


+ David Hockney The Room Tarzana - 1967 Acrylic on Canvas - 243.8 x 243.8 cm Š David Hockney

POSI+TIVE | 131


+ Francis Bacon Pope I - Study after Pope Innocent X by Velasquez - 1951 Oil on canvas - 197.8 x 137.4 cm Aberdeen Art Gallery & Museums Collections ©The Estate of Francis Bacon

132 | POSI+TIVE


+ Euan Uglow Nude Lady C - 1959-60 Oil on canvas - 75 X101.5 cm Private Collection Š The Estate of Euan Uglow

POSI+TIVE | 133


+ Lucian Freud Francis Bacon (study) - 1951 Pencil and charcoal on paper - 54.7 x 42 cm Private Collection, London ŠLucian Freud Archive

134 | POSI+TIVE


+ Richard Hamilton Study for Re-Nude - 1953 Pencil and watercolour on paper - 53 x 33.6 cm Pallant House Gallery Š The Estate of Richard Hamilton Pallant House Gallery, Chicester (Wilson loan, 2006.)

POSI+TIVE | 135


Blue Turkish Gold + photographer and fashion editor Tommaso Protti website www.tommasoprotti.com translated by Sara Debeuc

136 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 137


138 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 139


In Turkey, now more than ever, water is a question of vital importance which raises tensions both internally and externally. At the beginning of the 80s the Turkish government launched the GAP project (Guneydoglu Anadolu Projesi), a regional development plan aimed at Southeastern Anatolia (also known as Turkish Kurdistan). Costing 32 billion dollars (according to an assessment given by the Turkish government) the project proposes the construction of 22 dams and 19 hydroelectric plants along the Tigris and Euphrates rivers, two of the main rivers of the Middle East. By exploiting cross-border rivers and by building a system of dams, Turkey aims at enhancing social stability and economic growth in one of the country’s most disadvantaged regions (Southeastern Anatolia accounts for only 4% of the Gross Domestic Product). The completion of the project would allow Turkey to fulfill 4 fundamental goals: to provide irrigation schemes on an area extending over 17,000 square kilometers, to generate electricity for 27 billion KWh per year, to generate an increase of 206% of the per capita income and finally, to provide jobs to an estimated 3.8% people. Presently, however, the GAP project is considered a controversial project by both internal and external observers. Internally, it is a source of concern for the Kurdish minority which is predominantly represented in the region, and sees the GAP as an attempt from the Turkish government to control the whole Southeastern Anatolia region. The region, in fact, has always been the bulwark of the Kurdish minority, which has always claimed a greater level of autonomy and self-determination for the region and also, ownership of the region’s most important source of income. Moreover, the project is criticised for its environmental impact. The construction of dams has caused and, is likely to cause, the flooding of hundreds of villages and the displacement of thousands of people. The Ilisu dam alone, which should be completed by 2013, the Turkish government says, will submerge 199 villages (including the old town of Hasankeyf) and will force the relocation of 78.000 people into new areas (many of them still unknown). Externally, the GAP aims at pursuing objectives with far reaching consequences for the Middle Eastern region as a whole. The dams that Turkey is attempting to build, are part of a greater maneuver supposed to raise Turkish’s regional presence. It is, in fact, a strategy with geopolitical implication. As a pivotal region which serves as a bridge between two continents, Turkey has in realtiy seen its geographical position becoming even more strategic at the end of the Cold War. In redefining its strategic role, Turkey has envisaged an energy policy aimed not only at fulfilling internal needs, but also at responding to the increased demand by foreign markets. In other words, Turkey has entered the geopolitical chessboard as an ‘energy bridge’ between the main oil and gas basins of the Middle Eastern, Caucasian, Caspian, Central Asian and the Gulf regions, together with potential Mediterranean clients. In this context, the realization of the GAP project aimed at exploiting and controlling the watercourses of the two main Middleastern rivers, thanks to the construction of 22 dams and 19 hydroelectric power plants, is part of a broader strategy of increasing Turkey’s sphere of influence and power at the regional and international level.

140 | POSI+TIVE

In Turchia, ora più che mai, l ‘acqua è una questione di importanza vitale che crea tensioni sia dall’interno che dall’esterno. All’inizio degli anni ‘80, il governo Turco ha lanciato il progetto GAP (Guneydoglu Anadolu Projesi), un piano di sviluppo regionale mirato per il Sudest dell’Anatolia (conosciuta anche come il Kurdistan turco). Con un costo di 32 miliardi di dollari (secondo una valutazione data dal governo turco) il progetto prevede la costruzione di 22 dighe e 19 piante idroelettriche lungo i fiumi Tigri ed Eufrati, due dei principali fiumi del Medio-Oriente. Sfruttando i confini dei fiumi e costruendo un sistema di dighe, la Turchia punta a migliorare la stabilità sociale e la crescita economica di una delle regioni più svantaggiate del paese (il sudest dell’Anatolia rappresenta solo il 4% del Prodotto Interno Lordo.) Il completamento del progetto permetterebbe alla Turchia di raggiungere quattro scopi principali: fornire dei piani d’irrigazione ad un area che si estande sopra oltre 17,000 chilometri quadri, creare elettricità per 27 miliardi di KWh all’anno, generare un aumento del 206% del reddito pro capite ed infine fornire lavoro a circa 3,8% della popolazione. Al momento tuttavia il progetto GAP è considerato un progetto controverso sia dagli osservatori interni che esterni. Dall’interno, è una fonte di preoccupazione per la minoranza curda che è predominante in questa regione, e vede il GAP come un tentativo da parte del governo turco per controllare tutta la regione sudoccidentale dell’ Anatolia. La regione infatti è sempre stata il baluardo della minoranza curda, che ha sempre rivendicato una maggiore autonomia e autodeterminazione per la regione ed anche il possesso della fonte di reddito più importante della regione. Inoltre, il progetto è criticato per il suo impatto ambientale. La costruzione di dighe ha causato, ed è portata a causare, l’allagamento di centinaia di villaggi ed il trasferimento di migliaia di persone. La sola diga di Ilisu, che dovrebbe essere completata entro il 2013, secondo il governo turco, sommergerà 199 villaggi (inclusa la vecchia città di Hasankeyf) e forzerà lo spostamento di 78.000 persone in nuove aree (la maggior parte delle quali è ancora sconociuta). Esternamente, il GAP punta alla realizzazione di obiettivi con conseguenze a lungo termine per la regione del Medio Oriente in generale. Le dighe che la Turchia sta cercando di costruire, sono parte di una manovra ben più grande che dovrebbe aumentare la presenza regionale turca. E’ in effetti una strategia con implicazioni geopolitiche. Essendo una regione fondamentale che fa da ponte tra due continenti, la Turchia ha in realtà visto la propria posizione geografica diventare ancora più cruciale alla fine della Guerra Fredda. Nel ridefinire il proprio ruolo strategico, la Turchia ha previsto una forte linea politica mirata non solo al soddisfare i bisogni interni, ma adeguata anche alla crescente domanda dei mercati esteri. In altre parole, la Turchia è entrata nella scacchiera geopolitca come un ‘ponte d’energia’ tra i principali bacini d’olio e gas del Medio Oriente e delle regioni caucasiche,del Caspio, dell’Asia Centrale e del Golfo, assieme ai potenziali clienti mediterranei. In questo contesto,la realizzazione del progetto GAP mirato allo sfruttamento e al controllo dei corsi d’acqua dei due principali fiumi del Medio Oriente, grazie alla costruzione di 22 dighe e 19 piante idroelettriche, è parte di un’ ampia strategia di accrescimento della sfera d’influenza turca e del potere a livello regionale e internazionale.


Counting on 230 billion cubic meters of water reserves and on the control of the Tigris and Euphrates’ springs, Turkey has a powerful leverage vis-à-vis its neighbours. This strategy became abundantly evident when in 1992 Turkey interrupted Euphrates’ watercourse for a month in order to fill the basin of the Ataturk Dam, thereby reducing the water resources available for Syria and Iraq of, respectively, 40 and 80%. Turkey warned that it was a demonstration of what could happen if Syrians were to keep supporting the Kurdish guerrilla in Anatolia. On that occasion, the GAP has been used as a threat. The Adana agreement of 1998, with which Syria accepted to renounce support for the PKK, can be understood as the result of a clear blackmailing strategy used by Turkey to threaten to turn off the water supply. It should be noted, however, that although the threat of a war over water in the Middle East cannot be ruled out, the concept of ‘water as a weapon’ has not yet been made concrete. A proof of this is that when Allied forces suggested to Turkey to block the Euphrates watercourse in the aftermath of the Iraqi invasion of Kuwait, Turkey refused the request, arguing that ‘water is life’ and that it would never use it as a military instrument. In these terms, a war for water between Turkey, Syria and Iraq seems unlikely to happen. Although these states can fight over water and raise a state of suspicion in the region, this does not mean that war will broke out. Nonetheless, signals of a serious regional cooperation are far from encouraging. Despite an agreement between the three states signed in Damascus in 1987, which obliges Turkey to release up to 500 cubic metres per second, of which 48% to Syria and 52% to Iraq, Turkey has so far refused to subscribe the 1997 UN Convention for the Non-Navigational Uses of the Transboundary Watercourse. Furthermore, the Turkish government has claimed total sovereignty on the two rivers and is fostering conflicts between the parties. One should also take into account the results of scientific investigations, such as one carried out by Aquastat, the FAO’s information system on water, which foresees a reduction of Tigris and Euphrates’ fluxes of water to Syria and Iraq of respectively 40 and 80-90%, this together with a worsening of the quality of water, and far reaching consequences for the potability of water and fluvial ecosystems. It should be underlined, however, that these negative effects would also be caused by the development of Syrian and Iraqi plans for the storage and generation of hydroelectric energy. Nonetheless, if the provisions by the World Bank are confirmed, according to which the amount of water per inhabitant in the Middle East and in the North Africa countries will decrease by half of what currently is by 2050 (also due to a demographic increase), then even a minimum reduction of the flux of water coming from Tigris and Euphrates resulting from the GAP, could generate an explosive situation. In the meantime, we should keep hoping that Mark Twain’s belief that ‘Whiskey is for drinking, water is for fighting over’ will prove wrong.

Contando su 230 miliardi di metri cubi di riserve d’acqua e sul controllo delle sorgenti del Tigri e dell’Eufrate, la Turchia ha molti vantaggi su cui fare leva rispetto ai propri vicini. Questa strategia divenne evidente quando nel 1992 la Turchia ha interrotto il corso d’acqua dell’Eufrati per un mese di modo da poter riempire il bacino della diga di Ataturk, riducendo cosi le risorse d’acqua disponbili per la Siria e l’Iraq, rispettivamente del 40 e 80%. La Turchia avvertì che si trattava di una dimostrazione di ciò che sarebbe potuto succedere se i Siriani avessero continuato asupportare la guerrilla curda in Anatolia. In quell’occasione il GAP è stato usato come una minaccia. L’accordo di Adana del 1998, con il quale la Siria accettò di rinunciare al supporto per il PKK, può essere inteso come il risultato di una chiara strategia di ricatto usata dalla Turchia per minacciare il blocco delle risorse d’acqua. Va comunque sottolineato che nonostante la minaccia di una guerra per l’acqua in Medio Oriente non possa essere esclusa, il concetto di ‘acqua come arma’ non è ancora stato reso concreto. La prova di questo è quando le forze alleate hanno suggerito alla Turchia di bloccare il corso d’acqua dell’ Eufrati dopo l’invasione irachena del Kuwait, proposta che la Turchia rifiutò sostenendo che l’acqua è vità e che non verrà mai usata come uno strumento militare. In questi termini, una guerra per l’acqua tra Turchia. Siria ed Iraq sembra piuttosto improbabile. Seppure questi stati possano combattere per l’acqua e generare sospetti nella regione, questo non significa che vi scoppierà una guerra. Ciononostante, i segnali di una seria cooperazione regionale sono tutt’altro che incoraggianti. Nonostante un accordo firmato tra i tre stati a Damasco nel 1987, che obbliga la Turchia a rilasciare fino a 500 metri cubi al secondo, dei quali 48% va alla Siria e 52% all’Iraq, la Turchia ha finora rifiutato di sottoscrivere la Convenzione delle Nazioni Unite sui corsi d’acqua non-navigabili transfrontalieri. Inoltre, il governo turco ha rivendicato la completa sovranità sui due fiumi e sta incoraggiando i conflitti tra le due parti. Bisognerebbe considerare anche i risultati delle ricerche scientifiche, come quella condotta dall’Aquastat, il sistema informativo della FAO sull’acqua, che prevede una riduzione dei flussi d’acqua del Tigri e dell’Eufrati alla Siria e all’Iraq rispettivamente del 40 e 80-90%, assieme ad un peggioramento della qualità dell’acqua e conseguenze a lungo termine sulla potabilità dell’acqua e sugli ecosistemi fluviali. Va sottolineato comunque che questi effetti negativi sarebbero causati anche dagli sviluppi dei piani della Siria e dell’ Iraq per l’immagazzinamento e la creazione di energia idroelettrica. Tuttavia, se le previsioni della Banca Mondiale sono corrette, secondo le quali l’ammontare dell’acqua per abitante nei paesi del Medio Oriente e del Nord Africa diminuirà della metà rispetto ad adesso entro il 2050 (anche a causa della crescita demografica), allora anche una minima riduzione del flusso d’acqua che proviene dal Tigri e dall’ Eufrate, risultante dal GAP, potrebbe generare una situazione esplosiva. Nel frattempo, dovremmo sperare che il pensiero di Mark Twain “Il whisky è per bere, l’acqua per combattersi” sia sbagliato.

POSI+TIVE | 141


142 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 143


144 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 145


146 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 147


148 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 149


150 | POSI+TIVE


Haiti A reportage by Samantha Casolari + website www.samanthacasolari.com

POSI+TIVE | 151


152 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 153


154 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 155


156 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 157


158 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 159


160 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 161


162 | POSI+TIVE


Holman House Dover Heights, Sydney + edited by Roberto Lucchese, Architecture Editor website www.vanflymen.com architects Durbach Block Architects project team Neil Durbach, Camilla Block, David Jaggers, Lisa Le Van, Joseph Grech, Adrian Gessner

POSI+TIVE | 163


164 | POSI+TIVE


highlights

11.

12.

14. 13.

15.

16.

11.study 12.bedroom 13.family room 14.bedroom 15.terrace 16.lower terrace + pool

LOWER FLOOR PLAN

SECTION

Situata a 70 metri d’altezza a strapiombo sul mare, la pianta della Holman House prende spunto dal quadro di Picasso »Le Bagnanti«. L’edificio è caratterizzato da una complessa sequenza di spazi che si sviluppano entro un perimetro che si curva, si allunga e si piega per garantire la migliore esposizione al sole e al paesaggio circostante. Le zone living e la sala da pranzo sbalzano verso l’oceano, permettendo delle viste a 360 gradi della costa. Il piano inferiore costituito da una struttura in pietra, è un’estensione della scogliera sottostante e garantisce un solido appiglio per la struttura a sbalzo. I muri in pietra continuano lungo la scogliera formando una serie di terrazzamenti e una piscina scavata nella roccia.

Sited on the edge of a 70-metre high cliff, the plan of Holman House refers to Picasso’s painting The Bather. It contains a complex series of fluid living spaces set within a meandering perimeter that arcs, folds and stretches in response to sun, landscape and views. Living and dining areas cantilever out over the ocean, allowing dramatic views up and down the coast. The lower floor forms a base that is built from rough stone walls like an extension of the cliff below. These walls continue along the cliff edge to form a series of eccentric terraced gardens and a vase-shaped rock pool.

6.

10.

7.

3. 8. 9.

1.

2. 5.

4.

UPPER FLOOR PLAN

1. entry 2. kitchen 3. study 4. dining 5. living 6. master bedroom 7. terrace 8. courtyard 9. upper garden 10. garage

POSI+TIVE | 165


166 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 167


168 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 169


170 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 171


172 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 173


174 | POSI+TIVE


POSI+TIVE | 175


#9

DIFFERENT VIEWS AROUND THE WORLD

www.positive-magazine.com www.facebook.com/positivemagazine

Cover by Alan Chies

POSI+TIVE MAGAZINE ISSUE 9  

Issue 9 special fashion edition