Issuu on Google+

La tintura naturale

Alcune piante hanno la facoltà di colorare le fbre tessili. Esse contengono dei veri e propri coloranti che si fssano sulla fbra in modo permanente. Attenzione a non confondere macchia e tintura. La macchia di fragola può andare via con tanti lavaggi, mentre una tintura con le bucce di cipolle è solida e non va via. La macchia è “appoggiata” sulla fbra mentre la tintura è legata alla fbra.

Tintura naturale sulla lana

La realizzazione di tinture naturali deve seguire un procedimento ben preciso, simile a una ricetta. Ecco i principi generali.


Le tappe da seguire per tingere un tessuto sono le seguenti : Lavaggio delle fbre

ò Mordenzatura delle fbre (facoltativa)

ò Preparazione del colore (bollitura / macerazione della pianta)

ò Tintura

ò Lavaggio

ò Asciugatura

* Lavaggio delle fbre La lana Lavare la lana in acqua a 50°C circa con sapone di Marsiglia, prima di risciacquare (abbondantemente), lasciarla raffreddare nell'acqua di lavaggio. Attenzione all'infeltrimento ! Il cotone e le fbre vegetali Lasciare il cotone a bagno in acqua fredda per una notte e poi lavarlo in acqua bollente con sapone di Marsiglia, risciacquare bene.

* Mordenzatura Alcune tinture necessitano di una preparazione del tessuto per favorire il fssaggio del colore (resistenza maggiore ai lavaggi e alla luce) : si chiama mordenzatura . Questo trattamento viene fatto in acqua calda con un sale metallico. Nelle nostre ricette useremo un sale di alluminio : l'allume di rocca. Esistono numerosi mordenti, purtroppo la maggior parte di questi è tossica per l'uomo e per l'ambiente. La mordenzatura non è obbligatoria, alcune piante non ne hanno bisogno per fssarsi sulle fbre (per esempio il mallo di noce)


Per mordenzare 100g di fbre, fai bollire il tessuto in acqua con 20g di allume di rocca. Non mescolare troppo per evitare l'infeltrimento ! Lasciar raffreddare la fbra nel bagno, risciacquare e asciugare all'ombra.

* Preparazione del colore con le piante Le piante tintoriali devono essere essiccate e tagliate in pezzettini. Esistono due metodi generali per preparare il bagno colore : l'estrazione con bollitura oppure con macerazione; la scelta dipende dal tipo di pianta. In generale le bacche (sambuco, mirtillo, ginepro...) hanno bisogno di essere macerate (circa un giorno), ed eventualmente bollite. Il liquido viene fltrato ed è pronto poi per la tintura. Le foglie e gli steli di piante erbacee (carciofo, castagno, cipolla...) hanno bisogno di essere bolliti per circa un'ora. La macerazione delle scorze di albero e radici (curcuma in pezzettini) è facoltativa, però favorisce l'estrazione; la pianta deve tuttavia essere bollita per circa un'ora. Le quantità da usare per preparare il colore dipende dal tipo di pianta e dal colore ricercato. Indicativamente serve da 50g a 100g di vegetale per tingere 100g di lana in 4L d'acqua; la sperimentazione permetterà di aggiustare le ricette.

Piante e prodotti tinti


* Tintura Una volta il bagno colore preparato e fltrato, immergere la fbra mordenzata (o non). Lasciar bollire per minimo un'ora oppure fnchĂŠ il tessuto ha raggiunto il coloro desiderato. Risciacquare bene (eventualmente lavare con sapone di Marsiglia neutro) e asciugare all'ombra. Per scoprire come tingere con la noce, i carciof e altre piante, consulta le schede di ricette !


Come tingere