Page 18

IL COMMENTO

Nella foto: la scritta pirotecnica del Sappe

avvicinamento e livellamento del Corpo della Polizia Penitenziaria alle altre Forze di Polizia: l’obiettivo è quello di conferire alla Polizia Penitenziaria nuove, ulteriori e più pregnanti competenze. L’obiettivo è quello di far uscire la Polizia Penitenziaria dagli angusti confini degli Istituti di pena, assegnandole nuovi compiti come, ad esempio, quello del controllo dei detenuti in esecuzione penale esterna e del presidio di strutture giudiziarie. La Polizia Penitenziaria dovrà spostare le sue competenze al di là delle mura del carcere, parallelamente all’affermarsi del suo ruolo quale quello di vera e propria Polizia

dell’Esecuzione Penale”. Questa è una nuova sfida che lancia il SAPPe, una sfida ambiziosa ma entusiasmante, una sfida che ci deve vedere tutti coinvolti e impegnati. Non è semplice sintetizzare le oltre 20

18 • Polizia Penitenziaria n.250 • maggio 2017

pagine della relazione, tali e tanti sono stati i concetti espressi e che hanno poi dato vita ad un ampio dibattito con l’intervento ed il contributo dei Consiglieri Nazionali. Ma vi è un altro aspetto della relazione

2017 05 250