Page 9

L’AGENTE SARA RISPONDE... votare con il c.d. Consultellum, sistema elettorale proporzionale, le cui soglie di sbarramento sono pari al 2% per i partiti coalizzati e al 4% per quelli non coalizzati. E' un sistema entrato in vigore in seguito alla sentenza della Corte Costituzionale del 4 dicembre 2013. La Corte ritenne incostituzionale sia il premio di maggioranza, sia le liste bloccate senza preferenze. Tali liste erano state approvate con la Legge Calderoli che, in seguito, lui stesso definì in una trasmissione di Porta a Porta «una porcata», da qui il termine Porcellum. Le modifiche della Corte lasciarono in vigore una legge proporzionale pura, priva del premio di maggioranza e con la possibilità, per gli elettori, di esprimere una sola preferenza. Renzi, nella recente riunione della direzione nazionale del PD, ha lanciato la proposta di partire dalla legge elettorale che porta il nome dell'attuale presidente della Repubblica. La legge Mattarella fu approvata il 4 agosto del 1993, dopo il referendum del 18 aprile dello stesso anno. Fu introdotto un sistema elettorale misto, così composto: • maggioritario a turno unico per la ripartizione del 75% dei seggi; • recupero proporzionale dei più votati e non eletti per il Senato, attraverso un meccanismo di calcolo denominato scorporo, per il rimanente 25% dei seggi assegnati al Senato; • proporzionale con liste bloccate per il rimanente 25% dei seggi assegnati alla Camera; • sbarramento del 4% alla Camera. Tale sistema riunì tre diverse modalità di ripartizione dei seggi: quota maggioritaria di Camera e Senato, recupero proporzionale al Senato, quota proporzionale alla Camera. Tale proposta potrebbe essere la base di partenza, almeno da quanto si è appreso attraverso le reazioni della maggior parte dei partiti presenti in Parlamento, una buona base di partenza per giungere ad un accordo che vada oltre l'attuale maggioranza parlamentare. F

Maternità: lavorare nel corso dell’ottavo mese di gravidanza

S

alve Agente Sara, sono l'Agente Scelto Ludovica, sono venuta a conoscenza di essere incinta e non appena ho fatto presente la notizia alla direzione in cui lavoro, esibendo la dovuta certificazione sanitaria, sono stata assegnata temporaneamente in ufficio anziché nei reparti detentivi. Questo mi ha tranquillizzata molto. Per ora, la mia gravidanza sembra procedere bene e a tal proposito, la mia domanda é: "posso lavorare nel corso dell'ottavo mese per prolungare il periodo di congedo post partum?". Grazie mille. Agente Scelto Ludovica

Buongiorno cara Ludovica, l'art.9 del D. Lgs. 151/2001 stabilisce che le lavoratrici del Corpo di Polizia Penitenziaria, durante tutto il periodo di gravidanza, non possono essere assegnate a compiti operativi, ecco perché di conseguenza sei stata esonerata dalle turnazioni presso i reparti detentivi. Per quanto concerne la tua domanda, il congedo di maternità obbligatorio è disciplinato dall'art. 16 del Dlgs 151/2001; lo stesso, viene chiamato anche “astensione obbligatoria” dal lavoro e consiste in un periodo di 5 mesi (due mesi precedenti la data presunta del parto e tre dopo) nei quali la donna per legge deve astenersi dal lavoro. Esiste la possibilità per la lavoratrice dipendente di continuare l’attività lavorativa nel corso dell’ottavo mese e di prolungare il periodo di congedo post partum, a condizione che il medico specialista del S.S.N o convenzionato ed il medico competente ai fini della prevenzione e tutela della salute nei luoghi di lavoro, attestino che tale opzione non arrechi

pregiudizio alla salute della gestante e del nascituro (art. 20 Dlgs 151/2001). Pertanto, laddove questa dovesse essere la tua intenzione, potrai presentare in Segreteria Polizia Penitenziaria, idonea istanza nella quale si richiede di continuare l'attività lavorativa nel corso dell'ottavo mese e di prolungare il periodo di congedo post partum, allegando alla stessa certificato del medico specialista del S.S.N o convenzionato che attesti lo stato di buona salute e contestualmente, sarà osservanza della Direzione sottoporre la tua richiesta anche al medico competente ai fini della prevenzione e tutela della salute nei luoghi di lavoro della tua sede di servizio. F Un saluto Agente Sara

Polizia Penitenziaria n.245 • dicembre 2016 • 9

?

2016 12 245  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you