Page 1

Stro

nge

r e g

r

n

Lo

r e h

s

e Fr

IN THIS ISSUE:

n째3

SPRING

2015

OMENS JEROO DILK SUIKO MOIN& FACT


IN THIS ISSUE:

For some years in the late 90's, early 2000, we used to look at Prague style, which, for me and the guys from my hometown, was absolutely mind blower. Then some years later, I finally went to Prague, watching the stuff that was painted there with my eyes, and the previous experience of: "fuck, these are really cool" was more than confirmed. The problem appeared when I recently went back to Brno, another Czech charming town, for an event, and all that good stuff that we envied (and tried to bite with poor results, I would say) was no longer there, replaced by something closer to Horfe, Roid style and so on. Here we could find the classic talk on "How the internet killed graffiti at a certain point," which personally I don't think, but on the contrary sometimes I would prefer to admit the opposite (and, frankly, would you exchange free porn and today bullshit styles with wildstyle and dirty housewives VHS picked up at random kiosks?). Any example of what I'm saying? (And I am not speaking about dirty housewives, you nasty!) If you are in the game for some years, take some old photos of yours: any piece that looked absolutely cool, fresh and well done, maybe even quite innovative, in 99% of the cases will seem old in taste, shapes, colors, techniques or more. This is because, like it or not, each of us is fascinated by the current trend, which, in fact, the internet made, perhaps, more accessible, distributed but also fast. What I'd like to know is: how a "Graffiti trend" raise and die, if it is worth to be aligned to it, but above all what will be next one. Or you can pretend to go on as the wise guy once said: "I'm not chic, I could never be chic. I was in it from its inception" This is what we want to tell you about.

Per qualche anno verso la fine degli anni '90, l'inizio del 2000, guardavamo gli stili praghesi, che per me e i ragazzi della mia città erano mille anni avanti a noi. Poi, qualche anno dopo, mi capitò di andarci sul serio a Praga, vedendo di persona la roba che veniva dipinta lì, e la precedente esperienza di: "cazzo, questi sono davvero avanti" fu più che confermata. Il problema si pose quando più recentemente mi ripresentai a Brno, altra ridente cittadina ceca, per un evento, e di tutta quella bella roba che tanto invidiavamo ai Cechi (e cercammo per anni di baitare con risultati direi scarsi) non c'era più alcuna traccia, sostituita da qualche simil Horfe, Roid e via dicendo. Qui si potrebbe aprire la classica chiacchierata sul tema:

"Come internet ha ucciso i graffiti ad un certo punto", cosa che non credo, ma anzi a volte sosterrei l'esatto contrario (e poi, francamente, barattereste porno gratuiti a casa vostra e stili stronzi di oggi con il wildstyle e le vhs con le casalinghe sporcaccione raccattate in edicola?). Un esempio di quello che sto dicendo? (E non parlo delle casalinghe sporcaccione, birichini!) se avete qualche anno di attività alle spalle, prendete qualche vecchia foto vostra: un pezzo che vi sembrava assolutamente riuscito, fresco e ben fatto, magari piuttosto innovativo anche, nel 99% dei casi vi sembrerà vecchio nel gusto, nelle forme, nei colori, nelle tecniche o in altro ancora. Questo perché, volente o nolente, ciascuno di noi subisce il

POINTLESS MAGAZINE NUMBER 3

2015 Proudly made by Pointless staff

fascino dei trend in atto, cosa che in effetti internet ha reso, se vogliamo, più accessibile, distribuita ma anche veloce. Ciò che mi piacerebbe capire é: come nasce e dove muore un "Graffiti trend", se e perché vale la pena allinearsi, ma soprattutto quale sarà il prossimo. Oppure potete sempre continuare a pensarla come una volta disse il saggio: "Io non sono chic, non potrei mai esserlo. Ci stavo dentro dal principio." Questo é quello che vorremmo raccontarvi. DISCLAIMER: We do not condone, promote or encourage vandalism or destruction of property either public or private. We are just documenting the graffiti art movement and youth subculture.

€™©® ALL RIGHTS RESERVED!

EDITORIAL

This new issue is dedicated to Mr F. M. Aka Aerosol Planet, who's in the game, taking photos and archiving fresh styles since the 80's. He contributed to this issue with some awesome shots taken from all around europe. Thank you man!

Graffiti trends


I don't approach the things I do this way. I start with the foundation of it all- the letters. If my piece won't look good as black and white, then I'm probably not doing the best job with my letters. When all the techniques and tricks are stripped away, do I have a good foundation? The techniques or "trendy shit" that comes out on top is more of a reflection of influence from things outside of graffiti, for me anyway... For example, I paint things pretty loosely. By nature, I'm articulate. A few years ago I got tired of painting pieces that felt like they were more work than fun. So now, my outlines are looser, more gestural, and I feel a bit of freedom in letting spray paint look like spray paint. I also think off-setting my outline adds to the overall movement and rhythm of my graffiti. This is a reference from working in a studio setting with Pose and also a reference to offset screen printing. The wavy and bubbly backgrounds with incased borders are references to psychedelic posters and lava lamps. Its just a few examples, but I think it at least gives some insight to what I paint what I do.I like keeping graffiti fun and free, cause thats what I started doing it for in the first place. This whole trend thing is also interesting to me cause there's a fine line between a trend thats utilized to push things forward, and a streak of biting. When you're stealing letters or techniques and sprinkling them in your shit, or adopting whole styles and putting them out as your own, it's biting. And the internet instagram culture of graffiti today is globally accepting to things that look pretty, where people that 15 years ago that didn't have a voice in graffiti unless they were putting in the work have the ability to "like" these photos and give these perpetrators of style and technique props. Its really crazy if you start to think about it... The internet levels the playing field. It makes the kid that has never painted anything on the same level as a veteran that has been putting in work and innovating things for 20 years. Everyone now has a voice without having to do the work. These trends can be taken and flipped though. I'm influenced by lots of people. But I think the way to keep things progressive is to have the ability to own what you do. I can be influenced by a certain technique or a style, and implement it into my work. The difference between being influenced and biting is recreating that influence. Taking something that someone else has don't and turning it into something new. Not just recycling it. Thats why trends are stagnant and boring. Because you're not pushing things forward. This transcends into the work in general too. If I paint the same shit I did two years ago, what fun is that? I'm not learning anything new or growing as an artist... If I'm not progressing, whats the point? I enjoy doing new things and improving my shit. Thats what makes me feel the need to keep going and continuing to try new shit. My graffiti will never be the same as it was years before. And when it starts to become that, I probably won't do graffiti anymore.

Questo è un argomento interessante per me perché pur conoscendo perfettamente i trend dei graffiti, cerco di non concentrarmi su di essi. Siamo tutti cresciuti guardando certe cose, artisti o writer. Naturalmente, gravitiamo attorno a queste cose, e la loro influenza si vede in quello che si dipinge, a mio parere. Le tendenze nei graffiti che vedo in prevalenza sono più di tipo tecnico, la cosa che mi sembra più facile da replicare. Per i lettering é un po’ più difficile e ci vuole qualche sforzo in più perché è necessario creare le lettere che mancano dal writer che si sta baitando. In questa cultura con un ritmo così veloce, sembra che la gente diventi sempre più pigra, così le cose facili per le persone per rendere la loro merda più fresca sono quelle che vedo in prima linea più comunemente. Non approccio le cose che faccio in questo modo. Comincio dalla base di tutto: le lettere. Se il mio pezzo non è buono in bianco e nero, non sto probabilmente facendo del mio meglio con le mie lettere. Quando tutte le tecniche e i trucchi sono stati tolti, ho ancora una buona base? Le tecniche o "trend shit", che saltano all’occhio sono più che altro il riflesso di influenze di cose al di fuori di graffiti, almeno per me... Per esempio, dipingo cose abbastanza liberamente. Qualche anno fa mi sono stancato dei pezzi che sembravano più sbat-

timento che divertimento. Così ora i miei schemi sono più sciolti, più gestuali, e mi sento un po’ libero nel far sembrare la vernice spray solamente vernice spray. Penso anche che spostare le outline fuori dal registro delle lettere aggiunga un movimento globale e più ritmo ai miei graffiti. Questo viene dal lavoro sulle stampe serigrafiche in studio, con Pose. Gli sfondi con onde e bubble in outline provengono invece dai poster psichedelici e dalle lavalamp. Sono solo un paio di esempi, ma credo che diano una certa visione di cosa dipingo e cosa faccio. Mi piace mantenere i graffiti liberi e divertenti, perché è quello per cui ho iniziato a farli. Tutta questa faccenda dei trend è anche interessante per me perché c'è una linea sottile tra un trend che viene utilizzato per spingere le cose, e il puro biting. Quando copi lettere o tecniche spargendole sulla tua merda, o adotti interi stili altrui piazzandoli come tuoi, è biting. E la cultura di internet/instagram di oggi è basata sull’accettare a livello globale le cose che sembrano abbastanza carine, dove le persone che 15 anni fa non avevano voce in capitolo, se non nel loro stesso lavoro, hanno la possibilità di mettere "like" a queste foto e supportare questa gente. È davvero pazzesco se si inizia a pensarci... Internet sta livellando il

campo di gioco. Pone il ragazzo che non ha mai dipinto nulla sullo stesso livello di un veterano che é attivo e innovativo da 20 anni. Ognuno ha visibilità senza dover fare il “lavoro sporco”. Queste tendenze possono essere prese e capovolte però. Sono influenzato da un sacco di persone. Ma penso che il modo per mantenere le cose in evoluzione sia di avere la possibilità di “possedere” quello che si fa. Posso essere influenzato da una certa tecnica o uno stile, e svilupparle nel mio lavoro. La differenza tra l'essere influenzato e baitare è ricreare tale influenza. Prendendo qualcosa che qualcun altro ha fatto e trasformandolo in qualcosa di nuovo. Non solo riciclaggio. Ecco perché le tendenze sono stagnanti e noiose. Perché non stai spingendo in avanti le cose. Se dipingo la stessa merda che ho fatto due anni fa, che divertimento c’é? Non sto imparando nulla di nuovo né sto crescendo come artista... Se io non sto progredendo, qual è il punto? Mi piace fare cose nuove e migliorare la mia roba. Questo è ciò che mi spinge ad andare avanti e continuare a provare roba nuova. I miei graffiti non saranno mai gli stessi degli anni prima. E quando cominceranno a esserlo, io probabilmente non farò più i graffiti.

FOCUS ON

OMENS

Discuss graffiti trends is an interesting topic to me because while I am aware of trends in graffiti culture, I try not to focus on them. We all grow up looking at or being drawn to certain things, artists, or writers. Naturally, we gravitate towards these things, and their influence is seen in what we paint, in my opinion. The trends in graffiti that I see most prevalently are more technique type things, which I feel is the easiest to replicate. Letter styles are a little more difficult and take a bit more effort cause you have to create the letters that are missing from the writer you're biting. With this high paced culture we're in, it seems like people get lazier and lazier, so the easy things for people to do to make their shit look fresh is what I see in the forefront most commonly.


WALLS WALLS

Kwets - Spain

Sozy1, Dems, Green, Pantone, Pro, Form76, Jaba - Spain

WALLS

Theko - Russia

Les Gens, Fred, Moner, Ojey - Germany

Rekor - France


WALLS

Bande - Hungary

Wise - Germany

WALLS

Raws - Germany

WALLS


JEROO

I started writing with 12 and loved it so much that I never studied art . What first sounds contradictive can be explained with my roots in Graffiti. I thought going to art school was not necessary since the teachers there could not teach me what I wanted to learn. I am a graffiti writer and learned about art through graffiti. Graffiti art is easy to understand and the rules still make sense to me. Skill, Individuality and a recognizable style is the key to success. Love for the art form is the key motivator and instead of earning money graffiti writers mostly spend money on their hobby and run risks, which proves their dedication. You get respect for the quality of your work and quality is clearly defined by style, quantity, size, location and the stamina with which you persuade this art form. But above all, the aesthetic appeal of a graffiti piece to its beholder remains crucial for judging an artist´s work. With this logical concept of art in mind I discovered that I have a problem with contemporary art. It seems to me as if the aesthetic quality of a contemporary work is not important any more. Conceptual art for example neglects the visual component and is utterly boring and meaningless to me. Contemporary installations and art happenings lack artistic appeal and skill. Even the work of most contemporary painters is not impressive to me at all. More than often contemporary art is an insult to the eye, a lack of craftsmanship and full of visual negligence if not incompetence and justifying this with a focus on its message, which mostly does not impress me as well. I refuse to believe that my lack of understanding for contemporary art is a result of ignorance. I try to be open minded but there is very little of worth or skill behind this avant-garde nonsense to me.

Still graffiti stays the realest art form out there: It is pure and less contaminated by money and a huge audience who applaud anything they were told to appreciate instead of trusting their own eyes. In graffiti, many good artists even have to keep a low profile and prefer to not have their work published in order to continue painting which shows their love for the art. The art is set higher than the marketing and the beauty of this is that they still can be successful and get respect in the scene – because their work is real. A sense for Aesthetics, skill and the dedication of the artist are realistic factors for the success of an artist. And I wish it was like that in the art world out there, too. I also wish that we save the whales and that everybody is always happy, Word to your mother!

Ho imparato a conoscere l'arte attraverso i graffiti le cui le regole sono facili da capire e hanno ancora senso per me. Abilità, individualità e uno stile riconoscibile sono la chiave del successo. È possibile ottenere rispetto per la qualità del nostro lavoro e la qualità è chiaramente definita dallo stile, dalla quantità, dalle dimensioni, dalla posizione e dalla capacità di resistenza con la quale si affronta questa forma d'arte. Ma soprattutto, l'estetica di un pezzo per il suo spettatore resta cruciale per giudicare il lavoro di un artista. Con questo concetto logico di arte in mente ho scoperto che ho un problema con l'arte contemporanea e anche con alcune tendenze all'interno dei graffiti. Mi sembra che la qualità estetica delle opere moderne abbia perso la sua importanza. Spesso l'arte contemporanea è un insulto per gli occhi, una completa mancanza di tecnica e una piena negligenza visiva, se non incompetenza, giustificando tutto ciò con una particolare attenzione al messaggio, che per altro non mi impressiona nemmeno. Mi rifiuto di credere che la mia mancanza di

comprensione per l'arte contemporanea e le tendenze dei graffiti siano il risultato della mia ignoranza. Cerco di essere open mind, ma c'è ben poco valore o capacità dietro questa avanguardia senza senso, secondo me. Perché anche alcuni artisti esperti deliberatamente scelgano di dipingere di merda va oltre la mia comprensione. Questo fenomeno è noto nei graffiti come anti-style, emerso a metà degli anni 2000 in città come Parigi o Berlino. Creare una nuova estetica che si distingua dal resto è una figata, ma questa mentalità del "non me ne fotte un cazzo" dell'aspetto estetico del pezzo magari è una dichiarazione personale sulla psicologia dell’autore, ma certamente non è un risultato interessante per me. Graffiti trends come questo in realtà non hanno senso poiché l'idea stessa di trend, ovvero seguire e copiare le idee altrui, non può essere combinata con i valori di base dei graffiti, come individualità, creatività e stile unico. I graffiti restano ancora la forma d'arte più vera là fuori: è pura e meno contaminata dal denaro e da un vasto pubblico che applaude tutto

quello che gli è stato detto di apprezzare invece di fidarsi dei propri occhi. Seguire le tendenze non è nella natura dei graffiti e molti buoni artisti devono perfino mantenere un profilo basso e preferiscono non pubblicare i loro lavori pur di continuare a dipingere, il che dimostra il loro amore per quest’arte. La loro arte si pone a un livello più alto del marketing e la bellezza di tutto ciò è che sono ancora in grado di avere successo e ottenere il rispetto della scena - perché il loro lavoro è autentico. Il senso estetico, l'abilità e la dedizione sono i veri fattori per il successo di un writer. E vorrei che fosse così anche nel mondo dell'arte là fuori. Vorrei anche salvare le balene e che tutti siano sempre felici, word to your mother!

FOCUS ON

Why some skilled artists deliberately choose to paints shit is beyond me. This phenomenon is also known in Graffiti, namely the anti-style pieces that emerged in the mid 2000s in cities like Paris or Berlin. Creating a new look that stands out from the rest is cool but this “I-don´t-give-a-fuck”-mentality about the look of your piece is maybe a personal statement about the artist´s psyche but certainly not an artistic achievement.


Graffiti as always had waves of Trends over the years but more localized and many cities had a city style unique to them, which I used to really like. It’s still nice to see certain cities-countries and writers hold on to their cities Graffiti Identity.

DILK

The internet helped spread different styles around the world, which really opened the doors to worldwide style (Trends), which in some ways I really enjoyed it. It opened up a whole world of styles and it’s definitely great to be inspired and to see more work, but it’s also important not to get too absorbed in following each and every trend that blows up. Like all things trends come and go or get revisited. It’s a fast moving art form with a rich history to reflect on for inspiration. I wouldn’t say I am following any trend as such, but as a graffiti writer I don’t just love painting, I am also a massive fan of Graffiti and like very much to check out what’s happening locally and globally on a regular basis. I am really liking loose and experimental paintings but still with some strong letter structure. Style, writers and cities, I’m really inspired by doesn’t necessary show in my work but never the less I am super inspired and motivated to paint because of others work and travel. It’s hard to say what will be next when it seems like everyday the level of work steps up a gear, And you think you have seen it all until tomorrow and you are shocked again.

FOCUS ON

I graffiti hanno sempre avuto ondate di tendenze nel corso degli anni, ma più localizzate e molte città avevano uno stile unico, cosa che mi piaceva molto. È ancora bello vedere alcune città/nazioni e writer conservare la loro identità cittadina. Internet ha contribuito a diffondere stili diversi in tutto il mondo, cosa che in realtà ha aperto le porte ad uno stile mondiale (trend), che in qualche modo mi è piaciuto molto comunque. Ha aperto un intero mondo di stili ed è sicuramente bello essere ispirati e vedere più lavori, ma è anche importante non farsi troppo assorbire nel seguire ogni tendenza che esplode. Come tutte le cose le tendenze vanno e vengono o vengono rivisitate. Si tratta di una forma d'arte in rapido movimento con una storia ricca su cui riflettere per l’ispirazione. Non vorrei dire che sto seguendo una tendenza in quanto tale, ma come writer non solo amo dipingere in sé

e per sé, sono anche un grande fan dei graffiti in generale e amo molto vedere che cosa sta accadendo a livello locale e globale spesso e volentieri. Adoro i pezzi liberi e sperimentali, ma che ancora mantengono una forte struttura delle lettere. Stili, writer e città a cui mi ispiro non necessariamente si mostrano nel mio lavoro, ma in ogni caso sono super ispirato e motivato a dipingere grazie ai lavori e ai viaggi altrui. È difficile dire quale sarà la prossima tendenza, quando sembra che tutti i giorni il livello dei pezzi faccia un passo avanti, e pensi di aver visto tutto fino a domani quando sarai di nuovo scioccato.


STEEL STEEL

Grez - Italy

Click - Italy

Dems, Ml's - Italy

STEEL

Chas, Machine - Italy

Philo - Italy

Noek - Italy


STEEL

Ike - Italy

Ozio - Italy

STEEL

Trun - Denmark

Loke, Bangr - Italy

STEEL

Mobar - Italy


SUIKO

I'm interested in where graffiti scene is going. Bombing permeates us very much: it also exists in local towns. Therefore the most hardcore writer stood out and tried to find their unique style. Since they put it in masterpiece, the graffiti writers drawing huge murals are increasing. That's so huge that it can't be drawn in bombing actions. Well I'm one of those writers who want to draw something bigger, too! I think graffiti evolves by taking various kind of things in, more than a new style wasn't produced by pure bombers. Graffiti has become increasingly popular. Therefore the young people having talent and dreams, in the world of graffiti, joined the scene. So the standard level of graffiti is rising. But when I said that starting with graffiti is becoming easier, I also found some visual copies of the previous graffiti more frequently. My vision goes globally and locally. I know my city by knowing the world, so my activity is back and forth between there. The artists not focused on graffiti only are increasing also. Therefore their outline is becoming ambiguous, one after another. People interested in graffiti... It's the very wide world. But the idea to protect old good graffiti from a new movement will be hard, and I think that it should be protected like a sort of traditional culture. I'd like to change graffiti as designed by some Legend, something new from my action, step by step. That's what I should do now.

FOCUS ON

Mi interessa dove sta andando la scena. Il bombing ci influenza molto: esiste anche in città più piccole. Quindi i writer più hardcore si sono distinti e hanno cercato di trovare il loro stile unico. Da quando sono spuntati i primi masterpiece, i writers che disegnano murales enormi sono in aumento. Così enormi che non si può dipingere facendo bombing. Beh, io sono uno di quei writer che vogliono disegnare qualcosa di più grande! Penso che i graffiti evolvano importando vari tipi di cose al loro interno, più di un nuovo stile non è stato prodotto da bombers puri. I graffiti sono diventati sempre più popolari. Pertanto, i giovani che hanno talento e sogni, nel mondo dei graffiti, si sono uniti alla scena. Quindi il livello medio è in crescita. Ma quando ho detto che iniziare a fare graffiti sta diventando più facile, ho trovato anche alcune copie di graffiti precedenti sempre più frequentemente. La mia visione viaggia

sia a livello globale che locale. Per conoscere la mia città conosco il mondo, quindi la mia attività va avanti e indietro tra questi due poli. I writer non focalizzati solo sui graffiti sono in aumento. Le loro lettere diventano ambigue, un pezzo dopo l'altro. Le persone interessate ai graffiti... é un mondo molto vasto. L'idea di proteggere un buon vecchio modo di intendere i graffiti da questo nuovo movimento sarà difficile, e penso che dovrebbe essere protetto come una sorta di cultura tradizionale. Mi piacerebbe cambiare i graffiti come li ha pensati qualche Leggenda, qualcosa di nuovo, nato dalla mia azione, passo dopo passo. Questo è quello che devo fare.


S I LV E R S S I LV E R S

Dems, Pantone - Japan

Romeo - The Netherlands

S I LV E R S

Gbak Crew - Spain

Kid Kash, Ryos - Switzerland

Remi - Hungary


S I LV E R S

Ster - Bulgaria

S I LV E R S

Kar, Ares, Beyond - Spain

S I LV E R S

Theko - Russia


MOIN&FACT

First of all, we want to underline that when we talk about writers we will refer (to quote Rae, from "Nero Inferno") to all those who paint trains mainly; everything else is boring :P Moreover, we consider that the base is the letters, otherwise we would be speaking about art, decoration… (Even if an e2e with puppets and a cool background is always nice to see!) In the beginning, the motivation of the writers was the will to do something new, fresh and cooler than what had been painted by someone else the night before. The aim was precisely to distinguish themselves from the others. After more than 40 years of lettering, loops, bars & arrows, etc many of the so called “players” in the scene gave up on the fact that "everything has already been done"... The perfect alibi for those who have nothing to say on a train and that will soon realize that they choose the wrong hobby. We think that there are three types of trends: life-style: think about how Italian writers used to dress 15 years ago, with baggy pants, hooded sweatshirts, sometimes tribal inspired, compared to how they look like today, the "grifters" look I mean. Travelling people, wearing so cool/stolen/dirty shoes and so cool/stolen/dirty jackets, using so cool and stolen photos-cameras-notebook. Frankly, it is not a trend we are interested in!

Finally lettering related trends, the style in general: this is the most important aspect in graffiti for us. Here you have to put your own best efforts; whether you like it or not, doing graffiti - directly or indirectly - is talking about yourself. We consider painting trains as an extra opportunity that life offers to show yourself, in a sudden and unexpected way, to the world. So the best thing is to use this opportunity to really talk about yourself and not just to repeat what has been said by others, a million times! Then, if you have nothing to say, you can always stay at home. Painting trains is not taking back styles from the past and propose them without any logic in 2014. It would be like wearing your grandfather coat, when it is totally old fashioned, just to be "original and extravagant" in any case. In the years, we saw people changing styles with a lack of personality and we would like to ask them: "Where do you find the will to go ahead, since you know you are doing 100 styles by someone else? Are you able to paint stylish simple capital letters, something different from the usual tag, but still recognizable? " We don't think so… However we wish you good luck! In this world, as in everyday life, there are guys creating trends, and other ones who follow them, and then there are the ones not giving a fuck about! We don’t give a fuck about trends! We don’t follow them and don’t imagine the new ones.

Prima di tutto, precisiamo che quando parleremo di writers faremo riferimento (parafrasando il Rae di “Nero Inferno”) a tutti quelli che dipingono principalmente treni; tutto il resto è noia :P Oltretutto consideriamo che alla base ci sono le lettere, altrimenti si parlerebbe di disegno artistico, di decorazione..(Sebbene un e2e con puppets e un fondo coi controcazzi fa sempre la sua porca scena!) Alle origini del movimento, la spinta/motivazione dei writers era quella di voler fare qualcosa di nuovo, fresco, di più figo di quello che era stato fatto da qualcun altro la notte prima. Lo scopo era proprio quello di distinguersi dagli altri. Dopo più di 40 anni di lettering, loop, bars&arrows, etc.. molti dei cd. “attori” della scena si sono arresi al fatto che “è stato già fatto tutto”… Un alibi perfetto per chi non ha nulla da dire sul pannello e che gli farà presto rendere conto che ha scelto un hobby per il quale non è portato. Secondo noi ci sono 3 tipi di trend: nel life-style: pensate a come andavano in giro i writers italiani 15 anni fa, con pantaloni larghi, felpe col cappuccio improponibili, alcune volte di ispirazione tribale, rispetto a come si presentano i writers di oggi alla "grifters" per intenderci. Gente sempre in viaggio, che indossa scarpe fighissime/rubate/sporche,

giacconi fighissimi/rubati/sporchi, foto-videocamere-notebook fighissimi e rubati. Francamente, non è un trend che ci interessa! Nell’approccio alle actions, al modo di viversela: adesso fanno tutti i back jump! Tutti alla ricerca di emozioni forti e di imprevisti anche negli spot dove a 10 metri dal treno che arriva e parte dopo 3 minuti e mezzo, ci sono 8 treni che rimangono fermi e incustoditi per tutta la notte.. Ma questo non va bene, perché puoi giustificarti dicendo che hai fatto una cacata in 5 minuti; invece se hai fatto una cacata e c’hai messo 2 ore… Beh lì tocca assumersi le proprie responsabilità! Però questo “bivio”determina anche il beccare -oppure no- alcuni amici e contatti: non tutti gli amici si gasano a fare bj, e altrettanti non si gasano a stare 2 ore su un pannello… Beh, ragazzi.. Qui si parla di emozioni, quindi ognuno fa quello che lo diverte! Infine i trend legati al lettering, allo stile più in generale: questo è l’aspetto per noi più importante nei graffiti. Qui bisogna metterci del proprio; che tu lo voglia oppure no, facendo graffiti stai parlando -direttamente o indirettamente- di te. Quella di dipingere treni la consideriamo come un’occasione in più che la vita ti offre per manifestarti, improvvisamente e inaspettatamente, al mondo. Quindi la cosa migliore è

sfruttare l’occasione per parlare davvero di se stessi e non di ripetere cose già dette da altri, milioni di volte! Poi, se non hai nulla da dire, puoi sempre stare a casa. Fare pannelli non è andare a pescare stili dal passato e riproporli senza logica nel 2014. Sarebbe come indossare il cappotto di tuo nonno che in quel momento non va di moda, solo per essere “originale e stravagante” a tutti i costi. Sono anni che vediamo gente cambiare stili senza un minimo di personalità e a questi chiederemmo: “dove trovate la fotta di andare avanti coscienti di fare 100 stili che non vi appartengono? lo sapreste fare uno stampatello stiloso, scrivendo lettere diverse dalla solita tag, riuscendo però a farvi riconoscere lo stesso?” Su questo avremmo qualche dubbio… Comunque vi auguriamo buona fortuna! In questo mondo, come nella vita di tutti i giorni, ci sono persone che lanciano le mode, quelli che le seguono e poi ci sono quelli che se ne sbattono il cazzo. Noi, ce ne sbattiamo altamente il cazzo! Non le seguiamo e non immaginiamo le nuove.

FOCUS ON

In the attitude to the actions, the way of living it: nowadays it seems that everybody are addicted to back jumps! All looking for thrills and unexpected situations, even if there are 8 trains that will stay unattended all night, 10 meters away from the bj train, arriving and departing in 3 and a half minutes… But this is good, because you cannot blame yourself if you did a crap piece in 5 minutes. Otherwise, what if you did a total crappy piece in two hours? Well, time to take on your responsibility! But this "crossroads" also creates the chance to meet or not some friends and contacts: not all the friends are in the bj business, as some of them are not interested in focusing two hours on a panel… Well, guys… This is about emotions, then everyone does what he prefers!


PH. MICHELAMORSELLI.COM

CUTTER™ 15 XFP

GO WITH THE FLOW

REFILLABLE WITH XTRA FLOW PAINT™ 100

WWW.GROG.EU

Pointless magazine n°3 - Preview  

52 PAG FULL COLOR A4 New graphic design More pages More specials WITH FOCUS ON OMENS | JEROO | DILK | SUIKO | MOIN & FACT with:...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you