Page 1

RIMODULATO ACCORDO DI PROGRAMMA AGOSTO 2010 Il Soggetto Capofila

Il Soggetto Capofila

componente pubblica

componente privata

ComunitĂ Montana

Il Project Manager

Associazione Lucania

Basso Sinni

del P.I.O.T.

Turismo DOC

Dr. Vincenzo Ruggiero

Ing. Nicola Castronuovo

Dr. Francesco Garofalo

Agg. 08/2010

Pagina 1 di 308


Allegati: 

Allegato A – Scheda sintetica “Polo di offerta turistica”

Allegato D – Pacchetto integrato di offerta turistica

Pagina 2 di 308


Sommario Allegato A.............................................................................................................................................. 6 Scheda Sintetica ................................................................................................................................... 6 Polo di Offerta Turistica ........................................................................................................................ 6 Polo attrattivo “METAPONTINO-BASSO SINNI” ............................................................................. 6 Ambito territoriale di riferimento ........................................................................................................... 7 Connotazioni della dimensione turistica ............................................................................................. 7 Articolazione possibili Prodotti turistici d‟area.................................................................................... 8 Elementi minimi per la connotazione dei prodotti turistici .............................................................. 10 Tipologie di operazioni candidate ...................................................................................................... 11 Allegato D ............................................................................................................................................. 13 Parte A – Anagrafica ........................................................................................................................... 14 Partnership di progetto ........................................................................................................................ 14 Soggetto pubblico coordinatore ........................................................................................................ 15 Soggetto privato coordinatore ........................................................................................................... 15 Ambito territoriale/tematico di riferimento ......................................................................................... 16 L‟offerta ricettiva ................................................................................................................................... 18 Considerazioni di ordine competitivo ................................................................................................ 19 Profilo competitivo e elementi costitutivi........................................................................................... 20 Articolazione prodotto turistico d‟area. ............................................................................................. 22 Proposta progettuale ........................................................................................................................... 32 Strategia di intervento ......................................................................................................................... 40 Obiettivi operativi/linee di intervento ................................................................................................. 45 Cronoprogramma ................................................................................................................................. 47 Piano finanziario .................................................................................................................................. 48 Indicatori ................................................................................................................................................ 49 Eventuale programmazione integrativa ........................................................................................... 50 Parte B – Obiettivo e strategia ........................................................................................................... 51 Obiettivo finale...................................................................................................................................... 51 Obiettivi intermedi ................................................................................................................................ 52 Strategia di intervento ......................................................................................................................... 53 Coerenza della strategia di intervento al PO FESR ....................................................................... 55 Coerenza con Piano Turistico Regionale ......................................................................................... 55 Addizionalità ......................................................................................................................................... 57 Fabbisogno formativo .......................................................................................................................... 58 Uffici di Informazione ed Accoglienza Turistica -IAT ...................................................................... 59 Parte C – Quadro degli interventi ...................................................................................................... 61 Relazione tra obiettivi intermedi/linee di azione/ interventi ............................................................ 61 Asse IV – Regimi di aiuto ................................................................................................................... 64 Asse IV – Acquisizione di beni e servizi ........................................................................................... 70 Parte E – Piano finanziario – cronoprogramma – sistema degli indicatori .................................. 71 Piano finanziario (rimodulato) ............................................................................................................ 71 Cronoprogramma ................................................................................................................................. 72 Indicatori di realizzazione fisica ......................................................................................................... 73 Indicatori di risultato e di impatto occupazionale ............................................................................ 74 Parte F – Eventuale Programammazione Integrativa .................................................................... 75 Asse IV – Operazioni ......................................................................................................................... 75 Allegati: Singole schede per diversa tipologia ................................................................................ 77 Interventi Infrastrutturali ...................................................................................................................... 77 Regimi di aiuto di importo limitato (progetti di completamento della filiera turistica)” .............. 136 Criteri di selezione ........................................................................................................................... 145 Pagina 3 di 308


Azioni di comunicazione e marketing turistico ............................................................................... 160 Grandi Eventi ...................................................................................................................................... 169 Operazioni a valere su eventuale Programmazione integrativa in relazione alle differenti linee di intervento ........................................................................................................................................ 191 Criteri di selezione ............................................................................................................................. 240 Criteri trasversali ................................................................................................................................ 241 SostenibilitĂ gestionale e finanziaria .............................................................................................. 242 Procedure tecniche ed amministrative ........................................................................................... 242 Tempi di progettazione ..................................................................................................................... 242 Piano finanziario ................................................................................................................................ 243 Indicatori di realizzazione e sorveglianza ....................................................................................... 243

Pagina 4 di 308


Allegato A

Pacchetti Integrati di Offerta Turistica P.O. FESR 2007-2013 ASSE IV Valorizzazione dei Beni Culturali e Naturali (Scheda sintetica Polo di Offerta Turistica)

Pagina 5 di 308


Allegato A Scheda Sintetica Polo di Offerta Turistica

Polo attrattivo “METAPONTINO-BASSO SINNI” Il polo attrattivo Metapontino Basso Sinni si struttura sull‟area geografica costituita dai comuni della fascia costiera jonica e quelli limitrofi dell‟immediata zona interna. Questi ultimi si caratterizzano per le peculiarita‟ culturali, paesistiche, naturalistiche e funzionali (Valsinni con il suo Parco letterario dedicato ad Isabella Morra, Tursi con il suo borgo saraceno, Colobraro e Craco con il loro habitat particolare –calanchi- ed il loro borgo antico avvolto da un alone di mistero, San Giorgio Lucano con le sue cantine scavate nella roccia e ben conservate, ecc. ) e sinergicamente integrati con gli attrattori principali dell‟area quali il mare, le ampie spiagge, i siti archeologici, le oasi naturalistiche protette.

Rete Tematica “ ………………..”

Pagina 6 di 308


Ambito territoriale di riferimento I territori dei comuni di Nova Siri, Rotondella, Policoro, Scanzano jonico, Pisticci e Bernalda, San Giorgio Lucano, Valsinni, Colobraro, Tursi, Craco e Montalbano jonico costituiscono l‟ambito su cui si intende agire attraverso la strutturazione del PIOT Metapontino Basso Sinni.

Connotazioni della dimensione turistica Attualmente il Metapontino Basso Sinni rappresenta la “riserva” di turisti poiché in esso si concentra, principalmente nei quattro mesi estivi, oltre il 33% degli arrivi ( circa 135.000) e il 63% delle presenze turistiche regionali, pari a circa 1.200.000 presenze ufficiali (fonte: L‟economia del turismo in Basilicata - 2008). Si tratta di flussi turistici provenienti essenzialmente dalle regioni limitrofe (50% circa), dalle regioni del centro Italia (25% circa), dal nord Italia (18% circa) e dall‟Estero (9% circa, maggiormente dal mercato del centro-nord Europa). Il target prevalente è di tipo familiare ed organizzato individualmente ma anche di gruppi sociali organizzati tramite intermediazione tradizionale (T. O., CRAL, Associazioni, ecc), con una permanenza media di circa 8 giorni e con la motivazione principale rappresentata dal soggiorno vacanza e di relax in un ambiente circostante tranquillo, incontaminato e ……..sicuro. Le SUE FORZE: buona e differenziata presenza di strutture ricettive di diversa tipologia con oltre 20.000 posti letto; mare e spiagge pulite; ambiente naturale apprezzato; qualità dei prodotti agricoli; territorio omogeneo e coeso; buona rete di infrastrutture per la mobilità ed il trasporto; presenza di un importante campo da golf e di un modernissimo porto turistico e di un altro in fase di ultimazione; comunità tranquille ed accoglienti connotate da una forte identità e pervase da antiche tradizioni. Le SUE DEBOLEZZE: scarsa presenza di impianti e servizi complementari per le attività ricreative, sportive, per la cura del benessere psico-fisico; poche attività dopo la spiaggia; assenza di strutture ricettive di pregio quali relais e/o residenze d‟epoca e antiche masserie, nonché villaggi-albergo caratterizzati da una specifica destinazione funzionale con servizi dedicati alla cura di un particolare target di clientela del Nord Europa nei periodi autunnali ed invernali; assenza di un marchio di qualità, riconosciuto a livello internazionale, del territorio e dei servizi; minore soddisfazione dei clienti in rapporto agli eventi e manifestazioni importanti e di grande richiamo ed all‟assenza di coordinamento Pagina 7 di 308


delle programmazioni locali delle manifestazioni; assenza di un‟immagine comune dei prodotti agricoli; scarsa animazione culturale; assenza di prodotti turistici moderni ed innovativi; scarso utilizzo di tecnologie multimediali e di strategie promozionali e comunicative; assenza di segnaletica turistica multilingue; assenza di un brand forte e riconoscibile; assenza di prodotti turistici strutturati.

Articolazione possibili Prodotti turistici d’area Accanto al prodotto principale e trainante “MARE”, e coerentemente con la strategia delineata nel PTR regionale, si possono individuare e costruire varie componenti di offerta turistica integrabili, tematici, motivazionali e, soprattutto, destagionalizzanti: -PRODOTTO STORICO-CULTURALE: dedicato ai turisti motivati dalla continua ricerca di nuova linfa per il proprio pensiero, per chi deve imparare (studenti), per chi vuole ulteriormente arricchire il proprio bagaglio culturalevalorizzazione, anche attraverso l‟introduzione delle più moderne tecnologie multimediali, dei siti archeologici e relativa rete museale con la realizzazione del parco delle antiche civiltà (ellenica, romana, saracena medioevale) collegato al Parco letterario di Isabella Morra, alla poesia unica e suggestiva di Albino Pierro. -PRODOTTO ENOGASTRONOMICO: -dedicato agli amanti del gusto della buona tavola ed a chi vuole ripercorrere e riassaporare le antiche tradizioni dei contadini vissute nella tranquillità delle campagne lontane dallo stress quotidiano e dalle frenesie della città e della vita moderna- percorsi del gusto e dei prodotti agricoli dell‟area, in particolare: della fragola, dell‟albicocca, degli agrumi, dell‟uva e del vino, dell‟olio e degli ortaggi, ecc…., mediante una migliore organizzazione ed articolazione delle varie sagre dedicate a tali prodotti e, soprattutto, attraverso percorsi esperenziali all‟interno delle aziende agricole e di alcune fattorie didattiche nelle quali far vivere ai turisti le antiche tradizioni contadine legate ai metodi manuali di lavorazione, conservazione e confezionamento dei vari prodotti agricoli quali: confetture e marmellate di frutta, confetture di ortaggi sott‟olio, ecc…; esperienze praticabili in diversi periodi dell‟anno e caratterizzati da una forte connotazione di genuinità e semplicità tipicamente rurale. Pagina 8 di 308


-PRODOTTO RELAX E BENESSERE: dedicato alle famiglie ed ai piccoli gruppi, ai sigle ed alle coppie al mare ed in campagna; coniugare il relax della spiaggia ovvero delle attività agrituristiche con la cura del proprio benessere psico-fisico, dopo la spiaggia offrire la possibilità di fare brevi e lunghe passeggiate nelle pinete della costa, oppure jogging o ginnastica o cicloturismo, attraverso la realizzazione di una pista ciclabile a ridosso delle aree boscate da Metaponto a Nova Siri, di percorsi vita tracciati all‟interno delle stesse pinete e, per concludere le attività e completare la gamma dei servizi offrire loro la possibilità di curare il proprio corpo nelle SPA e Centri Wellness all‟interno delle strutture ricettive e di alcuni agriturismi. L‟individuazione di tali nuovi concepts, risponde all‟esigenza di soddisfare una domanda turistica in forte e costante crescita legata alla ricerca del benessere fisico in uno stato di completo relax. Il benessere concepito sempre più come esperienza multimediale composta da trattamenti ad hoc, ma anche da cibo, svago, salute e piacere in armonia con le caratteristiche dell‟ambiente circostante e dalla varietà dei servizi offerti e dei trattamenti proposti, il tutto in linea con il tema eco-compatibilità e con la sostenibilità ambientale. -PRODOTTO TURISMO ATTIVO E SPORTIVO: dedicato ai giovani ed a chi interpreta la vacanza con un approccio attivo ed, eventualmente, competitivo in un territorio da “vivere e scoprire”- potenziamento delle attività nautiche e legate al mare (vela, windsurf, escursioni per la pesca, ecc.), potenziamento e riqualificazione degli impianti sportivi interni alle strutture ricettive, pratica del golf sul campo esistente da mettere in rete con la realizzazione di altri nuovi impianti con tracciati differenti, trekking e cicloturismo con la realizzazione di nuove piste ed itinerari di bassa, media ed alta difficoltà sia sulla costa che nelle aree interne (monte Coppolo tra Rotondella e Valsinni, i calanchi tra Colobraro, Tursi, Craco e Montalbano jonico). -PRODOTTO TURISMO ATTIVO E SPORTIVO: -dedicato ai giovani ed a chi interpreta la vacanza con un approccio attivo ed, eventualmente, competitivo in un territorio da “vivere e scoprire”- potenziamento delle attività nautiche e legate al mare (vela, windsurf, escursioni per la pesca, ecc.), potenziamento e riqualificazione degli impianti sportivi interni alle strutture ricettive, pratica del golf sul campo esistente da mettere in rete con la realizzazione di altri nuovi impianti con tracciati differenti, trekking e cicloturismo con la realizzazione di nuove piste ed itinerari di bassa, media ed alta difficoltà sia sulla costa che nelle aree interne (monte Coppolo tra Rotondella e Valsinni, i calanchi tra Colobraro, Tursi, Craco e Montalbano jonico). -PRODOTTO NATURA ED ECOLOGIA: dedicato agli esteti, agli amanti della natura ed a chi fa dell‟ecologia e del rispetto dell‟ambiente naturale e della sua Pagina 9 di 308


sostenibilità una prerogativa di vita e, quindi, a piccoli e grandi turisti, ad individuali e gruppi organizzati- valorizzazione e scoperta delle biodiversità floro-faunistiche delle riserve naturali di Bosco Pantano e delle foreste demaniali della costa, del bosco di Monte Coppolo e dell‟area sud del Parco del Pollino, proponendo loro itinerari dedicati con punti di osservazione anche per il birdwatching e per alcuni particolari animali selvatici (la lontra, tartaruga carretta carretta, colombella, coleottero fauna, spatola, sgraeza ciuffetto, ecc.. nel Bosco Pantano) e fargli alloggiare in strutture ricettive ecocompatibili con cucina tipica naturale e degustazione di prodotti agricoli biologici.

Elementi minimi per la connotazione dei prodotti turistici 1. Come arrivare: con tutti i mezzi di trasporto, rete stradale adeguata, buoni collegamenti con gli hub aeroportuali di Bari e Brindisi, stazioni ferroviarie, bus di linee nazionali e locali, pubblici e privati, natanti ed imbarcazioni. 2. Come muoversi: in macchina, in bicicletta, in pullman, a piedi, a cavallo. 3. Cosa vedere: paesaggi e borghi, natura, aree protette, siti archeologici, musei, eventi e manifestazioni. 4. Cosa fare: attività balneari, nautiche, sportive (golf, ciclismo, trekking, jogging, nuoto, tennis, ginnastica, parafly, caccia, ecc.), cura del corpo e del benessere psico-fisico, attività naturalistiche. 5. Dove dormire: nei villaggi e alberghi di varie categorie (principalmente 3 e 4 stelle), nei campeggi, negli agriturismi e nelle antiche masserie, nei relais, nelle case vacanze, nei bed and breakfast, negli alberghi diffusi nei centri storici, tutte strutture presenti diffusamente sul territorio. 6. Gastronomia tipica: piatti tipici lucani basati sui prodotti locali della terra con prevalenza di ortaggi, legumi, frutta, carni, salumi e formaggi, pane e pasta fatta a mano condita con sughi e spezie della cucina tradizionale contadina con olio e vini delle cantine locali (si sottolinea che il territorio con la sua produzione vitivinicola rientra nella Matera doc e sono attive oltre 10 aziende di produzione vinicola con proprie etichette di vino rosso e bianco di ottima qualità); 7. Qual è il periodo migliore per…: per il turismo balneare, nei mesi da giugno a settembre; -per il turismo culturale, naturalistico, enogastronomico, sportivo e del benessere, in tutti i periodi dell‟anno; -per gli eventi Pagina 10 di 308


manifestazioni e sagre, nei periodi primaverili, estivi ed autunnali. 8. Eventi e manifestazioni: -CULTURALI: Cinemadamare, Blues in Town, Blues Sotto le Stelle, il Jazz di Cabiria, Lucania Film Festival, Festival della Magna Grecia Lucana, Settimana Musicale Lucana, il Teatro dell‟Agorà, Festival delle Bande Musicali, Basilicata Moda, Festa Medioevale, Basilicata Musica, Laboart, Metaponto Beach Festival, Musica in Terra Antica, Mediovalando, l‟Estate di Isabella, i Riti del Mistero, Anglona tra Cultura e Spiritualità, Festival Internazionale delle Sculture di Sabbia, Feste Patronali, ecc.; -ENOGASTRONOMICHE: Cultura e Sapori della Basilicata, Mostra Internazionale dei Prodotti Agricoli di Eccellenza del Distretto Agroalimentare del Metapontino, Festa della Vendemmia, Sagre di prodotti agricoli ed alimentari, di piatti tipici (albicocca, pesca, arancia, uva, fragola, pera, fungo, pasta, olio, vino, ecc.), Naturalmente Lucano, ecc; -SPORTIVE: Straherakleia, Giochi in Magna Grecia, Euro Walk Kamp, Open Regionali di Tennis, Torneo Regionale di Tennis a Squadre di serie C, Golf Open Internazionali di Basilicata e Puglia, Mini Basket in Piazza, Moto Turismo Nazionale, ecc. 9. Itinerari: -itinerario sensoriale del gusto, dell‟enogastronomia e delle cantine; -itinerario archeologico, culturale e letterario; -itinerario del mistero; -itinerari religiosi, cicloturistici, itinerari trekking; - itinerari naturalistici e del verde; -itinerario dei calanchi; (es. archeologia, medioevo,mare,verde, parchi tematici ecc.)

Tipologie di operazioni candidate

PARTE PUBBLICA: Le antiche Vie - Dal tratturo preistorico alla SS 106 Parco Museale scenografico di Craco I° L.F. Comunicare i luoghi Realizzazione di un laboratorio antropologico del magico e del fantastico Realizzazione di un Museo Numismatico a Rotondella Costituzione di un ufficio IAT Completamento del Centro Visite Porta del Pollino

Pagina 11 di 308


PARTE PRIVATA: PRODOTTO TURISTICO SPORTIVO: -realizzazione di impianti per lo svolgimento di attività nautiche e legate al mare (vela, windsurf, attività subacquee, escursioni per la pesca, parchi acquatici, ecc.) -realizzazione di impianti sporti e per il tempo libero all‟interno delle strutture ricettive -realizzazione di impianti di equitazione e di golf -realizzazione di impianti e strutture per lo svago ed il tempo libero PRODOTTO TURISMO NATURALISTICO: -riqualificazione trasformazione di strutture ricettive seconde le tecniche della bioedilizia -realizzazione di strutture di ristorazione e vendita di prodotti biologici -erogazione di servizi di supporto al turismo naturalistico PRODOTTO TURISMO CULTURALE E SCOLASTICO: -erogazione di servizi di supporto al turismo culturale -gestione di strutture ed impianti innovativi nel campo della multimedialità -sostegno all‟artigianato artistico PRODOTTO TURISMO SALUTISTICO: -realizzazione di SPA e Centri benessere all‟interno di strutture ricettive -realizzazione di impianti e spazi attrezzati per lo svolgimento di attività salutistiche -erogazione di servizi complementari ed integrati

INTERVENTI COMUNITARI: -ampliamenti, riqualificazioni ed ammodernamento (efficientamento ambientale ed energetico) delle strutture esistenti -realizzazione di strutture ricettive alternative (albergo diffuso, borgo albergo, hotel di charme, ecc.) -attivazione di servizi comuni (promozione integrata dell‟offerta turistica, centro unico prenotazione, acquisiti comuni di bene e servizi, ecc.) -adesione e sistemi internazionali di certificazione di qualità ambientale e dei servizi ( ECOLABEL – ISO – EMAS- TIPO QUALITY OUR PASSION ).

Pagina 12 di 308


Allegato D

Pacchetti Integrati di Offerta Turistica P.O. FESR 2007-2013 ASSE IV Valorizzazione dei Beni Culturali e Naturali (Candidatura Pacchetto Integrato Offerta Turistica PIOT)

Pagina 13 di 308


Parte A – Anagrafica

Partnership di progetto La partneship di progetto del P.I.O.T. Metapontino – Basso Sinni è stata costituita con atto costitutivo in data 20/01/2010, allegato alla proposta di candidatura del P.I.O.T.. Il processo di concertazione è iniziato in data 19/11/2009. La parte pubblica comprende i comuni di: Bernalda, Colobraro, Craco, Montalbano Jonico, Nova Siri, Pisticci, Policoro, Rotondella, San Giorgio Lucano, Scanzano Jonico, Tursi e Valsinni, il G.A.L. Cosvel Srl, la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici di Basilicata, l‟Agenzia Provinciale per l‟Energia e l‟Ambiente della Provincia di Matera. La parte privata, costituita con protocollo d‟intesa sottoscritto in data 02/12/2009, comprendente n. 80 operatori economici e n. 11 organizzazioni. Ha aderito alla partnership di Progetto la Provincia di Matera. Hanno aderito alla partnership di progetto le seguenti organizzazioni sociali (associazioni):  Adiconsum Basilicata;  Associazione culturale “La mela di Odessa” - Policoro  Associazione e promozione sociale Cinema da Mare” – Nova Siri  Confindustria di Basilicata;  C.N.A. Provincia di Matera  Associazione Pro-loco Valsinni  Distretto Agroalimentare di qualità del Metapontino – Metaponto  Associazione “Allelammie” – Pisticci  Associazione OCCSE – Bernalda  Associazione Acquos – Bernalda  Associazione ODISSEE - Bernalda

Pagina 14 di 308


Soggetto pubblico coordinatore Il Soggetto Responsabile della componente Pubblica del PIOT Metapontino Basso Sinni è la Comunità Montana Basso Sinni, con sede legale a Tursi in piazza M.SS. D‟Anglona snc, nella persona del suo legale rappresentante e Commissario Straordinario Dr. Vincenzo RUGGIERO, nato a Valsinni il 06/10/1958. Recapito del legale rappresentante: Piazza M.SS. D‟Anglona c/o sede Comunità Montana Basso Sinni - telefono 0835/533418 fax 0835/532728 e-mail cmbassosinni@rete.basilicata.it Il Project Manager del PIOT è l‟ing. Nicola Castronuovo, nato a Tursi il 24/05/1961 ed ivi residente in viale Sant‟Anna, 19. Recapito: Piazza M.SS. D‟Anglona c/o sede Comunità Montana Basso Sinni telefono 0835/533418-3 fax 0835/532728 e-mail nicastro@rete.basilicata.it L‟Ufficio del PIOT è composta, oltre che dal Project Manager con funzioni di direzione, dal sig.: - Dr. Giuseppe VENEZIANO, recapito: Piazza M.SS. D‟Anglona c/o sede Comunità Montana Basso Sinni – telefono 0835/533418 fax 0835/532728 Responsabile

Soggetto privato coordinatore Indicazione del soggetto privato coordinatore della partnership di progetto per la componente privata. La componente privata ha conferito i poteri di coordinamento e di raccordo con la parte pubblica del P.I.O.T . all‟Associazione Lucania Turismo DOC con sede in Policoro (MT) in via Gonzaga, 11, nella persona di del Presidente Dr. Francesco Garofalo, nato a Potenza il 18/12/1962 con recapito in Policoro (MT) in via Gonzaga, 11.

Pagina 15 di 308


Ambito territoriale/tematico di riferimento Il profilo turistico del Metapontino Basso Sinni Le presenze e gli arrivi Nel 2007 nel Metapontino Basso Sinni sono arrivati complessivamente circa 150 mila turisti che hanno soggiornato 1.175 migliaia di notti. Il dato degli arrivi nel Metapontino Basso Sinni rappresenta il 33% di quello lucano mentre quello delle presenze il 63%.

Area turistica 1

Metapontino

Tab. 1 - Arrivi e presenze per aree turistiche (anno 2007) Italiani Stranieri Totale Arrivi

Presenze

Arrivi

135.401

1.087.212 13.720

Presenze

Perm. Media

Arrivi

Presenze

88.153

149.121

1.175.365

7,9

Maratea

34.250

134.626

8.482

29.517

42.732

164.143

3,8

Vulture/Alto Bradano

43.478

97.435

4.334

11.274

47.812

108.709

2,3

Matera città

50.317

78.280 17.044

29.321

67.361

107.601

1,6

Pollino

31.573

69.431

1.720

5.146

33.293

74.577

2,2

Potenza città

36.912

54.840

3.463

6.104

40.375

60.944

1,5

altre aree

62.894

146.272

4.958

19.178

67.852

165.450

2,4

1.668.096 53.721

188.693

448.546

1.856.789

4,1

Totale Basilicata

394.825

Fonte: L'economia del turismo in Basilicata - 2008

La permanenza media è passata da 6,5 giorni del 2000 a 7,9 del 2007 (+ 21,5%) ed è in contro tendenza rispetto a tutte le altre aree turistiche lucane le quali, nello stesso periodo, registrano un decremento. Il valore della permanenza media è superiore a quello registrato da tutte le altre aree turistiche lucane e quindi della Basilicata (4,1). La dinamica delle presenze totali ha visto un andamento diverso da quello delle altre aree turistiche lucane essendosi rivelata con una crescita più veloce e costante. Il dato è certamente interessante in quanto le presenze, dal 2000 al 2007, sono aumentate del 56,4 %. 1

Il rapporto “L‟economia del turismo in Basilicata” di fatto cita il Metapontino i cui dati riflettono la realtà e le dinamiche dell‟area Metapontino Basso Sinni. Pagina 16 di 308


Tab. 2 – Movimento turistico 2007 delle aree turistiche lucane

Presenze totali Arrivi totali

Potenza città

Vulture / Alto Bradano

107.601

60.944

108.709

33.393

67.361

40.375

47.812

3,8

2,2

1,6

1,5

2,3

31,4

1,3

1,8

0,9

1 10,4

Metapontin Maratea o

Pollino Matera città

1.175.365

164.143

74.577

149.121

42.732

7,9 18,9

Permanenza media (gg) Densità turistica (presenze/popol.) Incidenza % presenze straniere

7,5

18

6,9

27,2

10

Concentrazione stagionale 2000

62,6

58,1

25,1

17,4

13

Concentrazione stagionale 2007

68,4

59,9

41,5

19,5

14,7

Var. % presenze totali 2000-2007

56,4

12,7 da 4,6 a 3,8

-24,3 da 2,3 a 2,2

22 da 2,4 a 1,6

45,5

8,4

25,5

Var. permanenza media 2000-2007 Utilizzo netto totale strutture ricettive

da 6,5 a 7,9 42,9

18,9 da 2,3 a 1,5 19,4

12 da 3,1 a 2,3 17,4

Fonte: L'economia del turismo in Basilicata - 2008

Il turismo dell‟area è caratterizzato da una ridotta presenza di stranieri. Il 9,20 % degli arrivi e il 7,50 % delle presenze del 2007 è rappresentato da clientela straniera e tali valori sono inferiori al dato medio regionale (11,98 % 10,16% rispettivamente). Da rilevare che la componente estera dal 2000 si è ridotta, anno in cui rappresentava circa il 12,5% del totale dell‟area. Nell‟area Metapontino Basso Sinni nel 2007, oltre un terzo delle presenze italiane erano di provenienza campana, mentre, per le quelle straniere circa un quinto erano inglesi (cfr. tab. 3).

Pagina 17 di 308


Tab. 3 - Distribuzione delle presenze per provenienza Presenze

Italiana

Origine

Val. ass. (migliaia)

Campania

34,40%

374

Puglia

15,50%

168

Lazio

11,70%

127

Altre provenienze

38,36%

417

100,00%

1.087

Gran Bretagna

20,20%

17

Stati Uniti

16,00%

14

Germania

14,80%

13

Altre provenienze

48,86%

43

100%

88

Totale prov. italiana

Estera

%

Totale prov. estera Totale prov. italiana + estera

1.175

Fonte: elaborazione su dati tratti da "L'economia del turismo in Basilicata - 2008" – Unioncamere Basilicata

L’offerta ricettiva La distribuzione territoriale dell‟offerta ricettiva riflette quella dei flussi. Nel 2000 l‟area del Metapontino - Basso Sinni contava 33 strutture alberghiere per un totale di 10.581 posti letto. Nel settennio 2000-2007 tali strutture sono aumentate del 43,5 % ed i posti letto si sono più che raddoppiati (+ 113,2%) facendo incrementare di circa il 50% la dimensione media degli esercizi (da 216 a 321 posti letto per albergo). Il comparto extra-alberghiero presenta, al 2007, un numero di posti letto pari a 9.655 e pertanto assimilabile a quello alberghiero. In questa macrocategoria è prevalente il campeggio con 7.320 posti letto distribuite su 10 strutture. La seconda categoria, in ordine di importanza numerica di area, è rappresentata dall‟agriturismo con circa 58 strutture e 910 posti letto. L‟incremento dei posti letto in strutture extra-alberghiere nel settennio 2000-2007 in termini assoluti e percentuali è inferiore (+ 19,80) a quello osservato per le struttura alberghiere.

Pagina 18 di 308


Da rilevare la importante presenza di complessi di seconde case che struttura una presenza turistica accessoria ma comunque importante per la macroarea. Di fatto tali complessi sono distribuite su tutto l‟arco jonico lucano2, con una particolare concentrazione a Pisticci. Nel Metapontino lo sviluppo quantitativo è stato accompagnato da un‟attenzione qualitativa nelle strutture ricettive, mentre minore sviluppo sembra essere stato riservato alle attività di servizio complementare, anche in conseguenza del fatto che i grandi resort sono sostanzialmente autosufficienti in termini di servizi. La macroarea del Metapontino Basso Sinni ha un vantaggio competitivo rispetto alle altre della Basilicata per la presenza di importanti arterie stradali di collegamento da e verso le regioni limitrofe e soprattutto, assieme a Matera, per la vicinanza agli Hub aeroportuali di Bari e Brindisi. Questi hanno attivato una politica di marketing a dir poco eccellente negli ultimi quattro anni, facendo passare il traffico passeggeri a circa 3 milioni, con circa 70 voli, potenziandoli durante il periodo di alta stagione (giugno-settembre). Considerazioni di ordine competitivo Il Sistema Regionale di Offerta Turistica presenta al suo interno caratteri di forte eterogeneità dovuti sia alla differenze che si riscontrano nella configurazione attrattiva (quadro delle risorse territoriali) dei comprensori in cui è possibile suddividere il territorio regionale, sia al diverso orientamento turistico-ricettivo che caratterizza i singoli comprensori. Il Piano Turistico Regionale delinea per l‟area del Metapontino Basso Sinni delle considerazioni di ordine competitivo: - Concetto generale: profilo competitivo ed elementi costruttivi dell‟immagine turistica dell‟area; Caratteri distintivi e componenti identitarie: caratteristiche

2

Di seguito si riportano alcuni dei complessi presenti sulla costa: a Nova Siri è presente la Costa dei Sirensi, a Policoro il villaggio Demetra, a Marina di Pisticci il Borgo San Basiliio, il Porto degli Argonauti (con le Ville di Vietti e le case di Vietti). Pagina 19 di 308


distintive del sistema locale di offerta e individuazione dei fattori di eccellenza; - Punti di forza e di debolezza: punti di forza e di debolezza del sistema turistico locale in relazione al raggruppamento competitivo al quale il sistema attiene; - Inquadramento competitivo: mercato di riferimento del comprensorio turistico con individuazione dei main competitor; - Aree d‟integrazione turistica: aree limitrofe che per configurazione turisticoattrattiva presentano elementi di continuità con l‟offerta turistica locale e possono essere oggetto di azioni strategiche congiunte; - Opzioni strategiche: strategie di sviluppo proposte al sistema turistico locale per consolidare la propria posizione di mercato, riposizionare l‟offerta e, più in generale, per promuovere modelli di sviluppo sostenibile. Profilo competitivo e elementi costitutivi L'area del Metapontino è prevalentemente pianeggiante; la sua costa, significativa anche sul piano paesaggistico è ricca di storia e di cultura (Magna Grecia). Il paesaggio che offre è molto vario, spaziando da risorse di tipo agricolo a risorse marine, ed offrendo inoltre anche un interessante patrimonio culturale e ambientale. E‟ un area facilmente accessibile e con una buona dotazione di infrastrutture e servizi. Costituisce per la regione il principale volano turistico. Concept: mare/cultura

Caratteri distintivi e componenti identitarie L‟organizzazione turistica dell‟area è relativamente recente. Più di una cultura del mare il Metapontino è caratterizzato da una versatile e dinamica cultura agricola. L‟integrazione tra le due componenti costituisce uno dei principali tratti distintivi.

Pagina 20 di 308


Si va definendo sempre meglio una strategia volta ad integrare la costa con l‟hinterland, con una molteplicità di Comuni e di borghi di antica tradizione e cultura. La prospettiva è dunque connotata dal binomio turismo costiero/rurale quale modello di sviluppo e traino per l'intera regione.

Punti di forza o di debolezza Punto di forza del Metapontino è indubbiamente il turismo balneare, grazie a un'offerta ricettiva di significativa rilevanza sia quantitativa sia qualitativa. La capacità ricettiva conta 126 strutture e il più alto numero di posti letto (20.589). Inoltre il Metapontino si distingue anche per l‟alto numero di agriturismi, 61 per 981 posti letto disponibili. L‟integrazione con le risorse culturali presenti (a partire dal parco archeologico di Metaponto e dai musei di Metaponto e Policoro, con paesi di antica tradizione: Bernalda, Pisticci, Policoro, Montalbano,Tursi) e con eventi qualificati come il Parco Isabella Morra a Valsinni per citare solo alcune delle dimensioni attrattive individua un disegno di sviluppo particolarmente promettente. Il punto di debolezza attuale è il sistema di riconnessione.

Inquadramento competitivo Il Metapontino fa segnalare un buon flusso di turisti, il più significativo della regione, attirando visitatori in particolar modo dalla vicina Puglia e Campania, da altre regioni italiane e in minor misura dal mercato estero. Si tratta però di un turismo molto stagionalizzato e legato al comparto balneare. Principali competitor sono: Puglia, Campania, Calabria.

Aree di integrazione turistica Il Metapontino svolge un importante ruolo di riconnessione territoriale sia con la Puglia e costituisce una porta d‟accesso per l‟intera regione anche sul piano dell‟immagine nazionale ed internazionale. Pagina 21 di 308


Opzioni strategiche Turismo. Turismo balneare: in crescita; Turismo storico culturale: da potenziare; Turismo naturalistico rurale: da potenziare Articolazione prodotto turistico d’area. Il turismo balneare L‟area del Metapontino Basso Sinni è principalmente una meta balneare. Con i suoi circa 37 km della costa Jonica è destinazione prediletta soprattutto dei turisti italiani. La crescita dell‟offerta di posti letto nel Metapontino ha dato vita ad un vero e proprio sistema di industria balneare dai numeri finalmente coerenti con le esigenze dei grandi tour operator. Solo negli ultimissimi anni infatti si è registrato l‟interesse dei principali operatori per la costa lucana e l‟inserimento nei cataloghi internazionali della destinazione costa Jonica nelle scelta Italia/South Italy. Strutture adeguate sia sul versante della consistenza sia su quello della tipologia qualitativa e soprattutto fattori di contesto ambientale (qualità della costa-qualità del mare), hanno concorso in questa esuberante crescita. Nel Metapontino Basso Sinni insistono circa 60 lidi con una significativa concentrazione a Marina di Metaponto. Secondo studi e rilevazioni svolte lungo la costa i turisti presenti apprezzano le bellezze naturali dei luoghi e l‟esistenza di strutture adeguate per il relax. Non manca una quota significativa di proprietari di seconde case sulle nostre coste, di cui in buona parte lucani, che vedono nella prossimità un fattore motivante per “restare in Basilicata”. Fattori di criticità appaiono specie sul Metapontino la scarsa integrazione con il potenziale sistema di offerta del territorio e di organizzazione di itinerari e percorsi effettivamente fruibili, né esiste un disegno efficace di relazione tra le diverse località marine e l‟hinterland. Pagina 22 di 308


Esigenze queste che tenuto conto della nuova tendenza a uscire dai villaggi e dalle strutture “chiuse” sollecitano a una diversa organizzazione di funzioni e di servizi. Per l‟intera costa è prioritaria la difesa dell‟arenile, della vegetazione marina e delle pinete. Insomma politiche di contesto e rafforzamento dei servizi di logistica e di organizzazione del tempo libero, insieme a politiche di qualità diffusa definiscono obiettivi irrinunciabili del prossimo triennio. Il turismo culturale Il turismo culturale ha registrato, negli ultimi anni, una crescita costante che ha interessato, prevalentemente, le città d‟arte, i siti culturali e i luoghi sede di manifestazioni ed eventi inerenti i diversi ambiti della cultura e dell‟arte. L‟area del Metapontino Basso Sinni contribuisce a mantenere dinamico tale tipologia di turismo attraverso il Museo Archeologico Nazionale di Metaponto e il Museo Nazionale della Siritide a Policoro. Accanto a questi un grande contributo è dato dall‟Area Urbana “Tempio Licio” , dal tempio delle Tavole Palatine, dal Parco Archeologico di Herakleia e dal Parco di Isabella Morra. Nel complesso il patrimonio culturale lucano comprende 2 musei archeologici, il parco letterario di Isabella Morra, 3 parchi archeologici principali e piccoli siti, un diffuso patrimonio di arte sacra (cattedrali, sculture ed opere pittoriche). Con riferimento ai visitatori, nei musei statali, nelle aree archeologiche e monumentali, secondo dati del Mibac, il 2007 inverte un trend positivo. Questa battuta d‟arresto trova spiegazione, secondo alcuni, nelle mutate esigenze dei visitatori che richiedono sempre più informazione e interattività e, soprattutto, nella constatazione dello stato attuale di molti musei che presentano spesso una struttura elitaria e non sono ben integrati nell‟offerta turistica culturale. Tale flessione trova riscontro anche nel territorio dell‟area del Metapontino Basso Sinni dove si è passati da 131.501 visitatori del 2006 a 96.529 del 2008.

Pagina 23 di 308


Visitatori dei musei e delle aree archeologiche statali. Anni 2006-2008 2006 2008 ISTITUTO COMUNE Totale di cui: Totale di cui: Paganti Paganti Museo Archeologico Bernalda 26.769 6.906 19.302 5.636 Nazionale di Metaponto 37.634

-

25.013

-

Bernalda

37.634

-

25.013

-

Policoro

14.732

-

13.598

-

Policoro

14.732

4.052

13.603

2.864

131.501 10.958

96.529

8.500

Area Urbana "Tempio Licio" Bernalda Tempio delle Tavole Palatine Parco Archeologico di Herakleia Museo Nazionale della Siritide Area Metapontino Basso Sinni Totale Basilicata

276.442 56.503 225.215 46.553

Fonte: Ministero per i Beni e le Attività Culturali Basilicata

Il patrimonio culturale presente nell‟area si arricchisce, ulteriormente, della presenza di ingenti risorse immateriali quali il

pellegrinaggio mariano ad

Anglona. Il cineturismo Il cineturismo (Movie Tourism) è una forma di turismo culturale legata ai luoghi di ambientazione cinematografica, televisiva o di spot pubblicitari. Questo segmento manifesta l‟influenza che le produzioni cinematografiche o televisive esercitano sui comportamenti di acquisto e consumo dei prodotti turistici. Il fenomeno investe anche la Basilicata, dove dal 1950 al 2007 sono stati girati 36 film, mentre le aree di interesse cinematografico relative al territorio del Metapontino sono quelle di Craco. Negli anni passati il territorio di Craco è stato utilizzato come location per i seguenti film: Pagina 24 di 308


2006 - The Nativity Story – Catherine Hardwicke 2004 – Terra Bruciata – Fabio Segatori 2004 – La Passione di Cristo – Mel Gibson 1979 – Cristo si è fermato ad Eboli – Francesco Rosi. Sul territorio del Metapontino si svolgono delle manifestazioni e delle rassegne di genere (Lucania Film Festival a Pisticci e Cinemadamare a Nova Siri) strettamente collegate al cineturismo.

Il turismo enogastronomico nel Metapontino In Basilicata i numeri del turismo enogastronomico registrano un trend positivo con un aumento del 20% nel 2007, rispetto al 2006, per quanto concerne le visite nelle aziende di produzione (cantine, consorzi di tutela di prodotti tipici). Conoscere il territorio, anche attraverso l‟enogastronomia, è la nuova tendenza del turista moderno. Il turismo delle eccellenze produttive del meta pontino Basso Sinni

ben si

integra con altri turismi come quello rurale e balneare, fa del prodotto tipico un veicolo per trasmettere al turista tutti i valori produttivi, culturali ed emozionali del luogo. L‟APT Basilicata in collaborazione con l‟Alsia ha identificato negli anni scorsi degli itinerari enogastronomici con l‟intento di avvicinare alla conoscenza della Basilicata, unendo aspetti strettamente turistici alla promozione del sistema produttivo locale. In una macroarea come quella del Metapontino Basso Sinni a forte vocazione agricola e turistica, le produzioni della terra giocano quindi un ruolo fondamentale nel tessuto economico, dove, con le ampie fasce pianeggianti nei pressi delle foci dei quattro fiumi con le grandi produzioni dell‟ortofrutta, unite alle colline con il pane, l‟olio ed il vino a farla da padrone.

Pagina 25 di 308


L‟Alsia e l‟Apt hanno tracciato le “Strade del gusto”, sei itinerari di cui tre di stretto interesse per il Metapontino Basso Sinni (Strada del Vino, Strada dell‟Ortofrutta e Strada dell‟Olio) ed altrettante iniziative sono state promosse dal Gruppo di Azione Locale Cosvel, un fermento di iniziative che hanno prefigurato iniziative potenzialmente suscettibili di considerevoli sviluppi, ma non ancora pacchetti e prodotti turistici di permanente fruizione. La macroarea del Metapontino Basso Sinni dispone di un paniere di prodotti di particolare rilevanza e qualità: il vino (Matera Doc e il vino Basilicata con marchio IGT, l‟olio extravergine di oliva lucano, hanno inoltrato richiesta per il riconoscimento DOP. Tra gli alimenti, poi, un posto di rilevo rivestono il pane di Matera (IGP), il caciocavallo Silano (DOP), i peperoni di Senise (IGP).. Prodotti tipici riconosciuti

Anno di riconoscimento

Doc Vino Matera

2005

Dop Caciocavallo Silano (interregionale)

1993

Igt Vino Basilicata

1995

Igp Peperoni di Senise

1996

Note La zona di produzione del vino comprende i territori dei comuni di Bernalda, Calciano, Cirigliano, Colobraro, Craco, Ferrandina, Garaguso, Gorgoglione, Grassano, Grottole, Irsina, Matera, Miglionico, Montalbano Jonico, Montescaglioso, Nova Siri, Oliveto Lucano, Pisticci, Policoro, Pomarico, Rotondella, Salandra, San Giorgio Lucano, San Mauro Forte, Scanzano Jonico, Stigliano, Tricarico, Tursi, Valsinni La zona di provenienza del latte di trasformazione e di elaborazione del formaggio per la provincia di Matera: l‟intero territorio dei comuni sottoelencati: Accettura, Bernalda, Calciano, Cirigliano, Ferrandina, Garaguso, Gorgoglione, Irsina, Matera, Montescaglioso, Oliveto Lucano, Pisticci, Policoro, Pomarico, Rotondella, Salandra, Scanzano Jonico, S. Giorgio Lucano, S. Mauro Forte, Stigliano, Tricarico, Tursi. Intero territorio amministrativo della Basilicata Le zone di produzione dei "Peperoni di Senise" sono individuate nelle aree limitrofe al comune di Senise che comunque si affacciano per gran parte sulla Valle del Sinni: Francavilla S.S., Chiaromonte, Valsinni, Colobraro, Tursi, Noepoli, San Giorgio Lucano; e sull'Agri: Sant'Arcangelo, Roccanova, Tursi, Montalbano Jonico e Craco

Pagina 26 di 308


Prodotti tipici in corso di riconoscimento Protezione Inviata Pubblica transitoria richiesta al audizione a livello ministero nazionale DOP - Arancia Staccia di Tursi e Montalbano DOP - Olio Extravergine d‟oliva lucano IGT - Pane di Matera IGT - Miele Lucano

Pubblicazione disciplinare GUCE

(in corso) Si SI

09/09/2005

30/09/2005

18/12/2003

28/09/2004

09/06/2007

IN CORSO

Produzioni queste che hanno dato vita manifestazioni ed eventi di una certa rilevanza pur tuttavia suscettibili di maggiore sviluppo anche grazie ad azioni di comunicazione e promozione maggiormente coordinate. I turisti che scelgono in generale la Basilicata come meta enogastronomica sono costituiti in maggioranza da gruppi organizzati. In aumento sono le coppie e i giovani attenti alle valenze ambientali e alle tipicità del territorio. Il turismo naturalistico Il turismo naturalistico costituisce una delle significative potenzialità del Metapontino Basso Sinni costituisce un segmento a domanda crescente in quanto sempre più turisti desiderano trascorrere le proprie vacanze in oasi verdi, sia in alternativa alle più movimentate vacanze balneari, sia per ricercare un contatto con la natura inteso come momento di relax o di pratica di attività sportive en plein air, come occasione di conoscenza di cultura e tradizioni rurali o di scoperta di aree preservate e non interessate dal turismo di massa. Il patrimonio naturale presente nella macroarea alimenta il turismo nelle aree protette (turismo natura), il turismo negli agriturismi e fattorie didattiche (turismo rurale).

Pagina 27 di 308


Come patrimonio occorre citare necessariamente il Bosco Pantano, che alla foce del fiume Sinni ricorda le impenetrabili foreste igrofile che solo fino a cinquant'anni fa ricoprivano le dune sabbiose quasi a incontrare il mare. Ancora oggi, quello che rimane di quella foresta impenetrabile è importante punto di riferimento per molti animali selvatici, migratori o specie stanziali. Esso rappresenta una delle due oasi gestite lucane che propone occasioni di visita per i turisti nell‟area e si propone di accogliere turisti, in particolare scolaresche e famiglie, per soggiorni più lunghi. Nel Bosco Pantano è presente una sede del WWF Italia. Da rilevare la vicinanza del Parco del Pollino accessibile rapidamente per la presenza della strada statale sinnica che porta rapidamente verso la Porta del Pollino collocata a Valsinni. Tale porta rappresenta una struttura di accoglienza e di indirizzo verso le risorse naturalistiche del Pollino.

Il geoturismo Tra i turismi di nicchia l‟area del Metapontino Basso Sinni può puntare sul geoturismo. Il territorio lucano custodisce numerosi geositi, luoghi frutto di un lungo e complesso processo di evoluzione della terra che costituiscono componenti importanti del patrimonio naturalistico regionale, di riconosciuta valenza scientifica e culturale e meritevoli di essere intergrati in circuiti turistici. Nel Metapontino Basso Sinni sono presenti forme singolari di paesaggio e fenomeni naturali suggestivi come i Calanchi. Comprendere come si siano originati è oggetto di interesse per geologi, ricercatori ma anche per gli amanti della natura e gli escursionisti che contribuiscono ad alimentare questo segmento turistico attualmente di nicchia. Il Piano Turistico Regionale descrive il geoturismo come un settore in crescita, a livello nazionale e internazionale sostenendo che in Basilicata la scoperta e la comprensione delle bellezze geologiche, direttamente dove esse si trovano, Pagina 28 di 308


assume una valenza non solo didattico-educativa ma anche di potenziale interesse turistico con ricadute positive sull‟economia lucana. Da rilevare che il Piano di Sviluppo Locale per il periodo 2007-2013 relativo alla macroarea del Basso Sinni Metapontino, prevede una operazione denominata Realizzazione di strumenti innovativi per la conoscenza e la fruizione del territorio: GeoParco. Con tale operazione si intende approfondire e migliorare le conoscenze del territorio, individuando sistemi di lettura coerenti rispetto alle caratteristiche dell‟area dal punto di vista geologico e geomorfologico, nonché storico-culturale. Prevede,

tra

l‟altro, la realizzazione

di strumenti di

divulgazione dei sistemi di lettura e avranno caratteristiche tali da essere fruibili dai turisti Il turismo del benessere Il Metapontino Basso Sinni presenta delle potenzialità di contesto che possono rispondere alle caratteristiche di concept del “benessere”. Sul territorio sono presenti 11 strutture ricettive dotate di centro fitness (su un totale di 26 del livello regionale). Il turismo del benessere rappresenta una tipologia di turismo possibile in Basilicata in considerazione dell‟evoluzione dei bisogni dei consumatori e alla presenza di strutture ricettive di qualità suggeriscono l‟ampliamento del sistema di accoglienza mirato. Il turismo del benessere potrà assumere una propria connotazione atta anche ad allungare la stagione turistica e porsi in connessione con altre tipologie di offerta turistica. Si tratta di un turismo “leisure” che coinvolge giovani, famiglie e terza età alla ricerca di relax e qualità ambientale. Il turismo sociale L‟offerta di turismo sociale presenta significative potenzialità che contribuisce sensibilmente alla destagionalizzazione e necessita ancora di una funzionale organizzazione sul territorio lucano. Pagina 29 di 308


A livello regionale, secondo le rilevazioni APT sia gli arrivi sia le presenze hanno registrato un aumento nel corso dell‟ultimo triennio, passando rispettivamente da 5.058 arrivi del 2005 a 9.558 nel 2007 e da 22.453 presenze nel 2005 a quota 29.849 nello scorso anno con un incremento pari al 32,94%. Il Metapontino Basso Sinni non rientra tra le mete preferite lucane. Tale segmento di turismo consentirebbe di utilizzare al meglio strutture e opportunità disponibili proponendosi come un importante vettore di fruizione del territorio tale da farlo interagire con altre tipologie di turismo fortemente presenti nel Metapontino Basso Sinni quali, ad esempio, l‟enogastronomico, il balneare e il rurale. Il turismo scolastico I dati dell‟APT Basilicata confermano che per la Basilicata esiste una domanda turistica scolastica in crescita. L‟ultima Guida italiana al turismo scolastico, considera la regione Basilicata una meta interessante e suggerisce quattro itinerari per conoscerla tra cui due di interesse per il Metapontino basso Sinni: In Basilicata, da Matera al Metapontino; Basilicata, terra fra i mari Jonio e Tirreno. Il patrimonio storico-culturale-naturalistico di cui è dotato il territorio del Metapontino Basso Sinni, nonché la presenza di alcuni centri scientifici quali l‟ENEA a Rotondella, l‟Agrobios a Metaponto suggeriscono di intraprendere delle azioni di valorizzazione delle risorse presenti sul territorio che tengano conto anche della modalità di fruizione didattica. Il turismo congressuale Il Metapontino Basso Sinni ha una dotazione di strutture che offrono servizio congressi pari a 22. Per la capienza limitata delle sale, queste strutture possono ambire a organizzare

manifestazioni di medio target,

legate alle

caratteristiche

ambientali, culturali e storiche che sono le più significative attrattive del turismo Pagina 30 di 308


del Metapontino Basso Sinni. Oltre alle strutture degli spazi, fattori rilevanti per la location di un congresso sono i trasporti, in particolare la vicinanza ad aeroporti e porti, e un‟efficiente viabilità. Tale forma di turismo contribuisce alla destagionalizzazione del turismo grazie all‟opportunità di distribuire le attività congressuali su tutto l‟anno. Per favorire la crescita e la competitività di tale “prodotto” turistico si potrebbe prevedere l‟istituzione di una card di promozione e di fruizione dell‟offerta territoriale in termini di escursioni, visite guidate, sconti in negozi e ristoranti. Il turismo leisure e il turismo sportivo Il Piano Turistico Regionale indica che una voce importante del turismo leisure in Basilicata, di stretto interesse per il Metapontino Basso Sinni, è rappresentata sicuramente dalle attività legate al fitness e al wellness che non coinvolgono più soltanto i giovani, ma combinando salute ed estetica, sono trasversali all‟intera collettività. Una dimensione più contenuta hanno, invece, segmenti di recente inserimento nel mercato come i parchi acquatici, il circuito del golf e altri segmenti legati al mondo dello sport come il cicloturismo, e la vela. Nel Metapontino Basso Sinni è presente l‟unico Golf Club lucano, a Metaponto, attrezzato di un campo pratica molto ampio e lungo con la presenza anche di una scuola Golf. La clientela della struttura è composta in maggioranza (50%) da italiani provenienti dalle regioni del Centro-Nord Italia (Lombardia, Lazio,Veneto, Piemonte) a cui si affianca una presenza internazionale (40%) di svedesi, inglesi, tedeschi e svizzeri. Il restante 10% è rappresentato da un turismo di prossimità. Di recente si è assistito ad un incremento dell‟interesse verso il golf da parte dei lucani grazie all‟organizzazione di alcune giornate informative quali gli Open Day di Golf a Metaponto.

Pagina 31 di 308


Il flusso turistico ha registrato un incremento, nello scorso anno, di 5000 unità, passando dai 25.000 turisti del 2006 a quota 30.000 nel 2007 con picchi di presenze rilevati nel mese di agosto. Per quanto riguarda il periodo di permanenza media dei turisti golfisti, in prevalenza ultracinquantenni, varia da tre a sette giorni. Si tratta di un‟attività di nicchia che in Basilicata non ha trovato ancora adeguato riconoscimento. Il più grande acquapark lucano è l‟Acqua Azzurra di Bernalda che, nel 2007, ha accolto 100.000 turisti provenienti soprattutto dalla stessa Basilicata e dalla Puglia. Attraverso l‟attuazione di strategie di marketing come l‟offerta di servizi aggiuntivi come l‟animazione, pacchetti a prezzi agevolati per gli ospiti di alcune strutture ricettive della zona, l‟attivazione del servizio navetta per il trasporto dei turisti dall‟albergo al parco, i gestori della struttura sono riusciti a fidelizzare i clienti costituiti soprattutto da famiglie. A completare l‟offerta di turismo leisure concorrono poi gli itinerari cicloturistici e possibilità di andare a scuola di vela, in canoa e di praticare sci nautico. Tali tipologie di strutture necessitano di interventi di ampliamento dei servizi offerti in modo da ampliare i target di riferimento al fine di incrementare il grado di utilizzazione delle strutture già presenti.

Proposta progettuale Illustrazione dei caratteri connotativi della proposta P.I.O.T. in termini di 

tipicità/innovatività del prodotto turistico veicolato

sostenibilità ed eco-compatibilità degli interventi

orientamento al mercato in termini di target turistici intercettabili

destagionalizzazione dei flussi ed allungamento della stagione turistica

diversificazione delle mete turistiche

Pagina 32 di 308


La proposta progettuale si connota, nell‟ambito dei mutamenti del mercato turistico mondiale, per la sua ricerca di definizione di un modello innovativo di offerta che permetterà di sviluppare un sistema di relazioni tali da proporre una conoscenza piena di tutte le realtà significative della realtà visitata. L‟intera proposta si basa, infatti, sul turismo relazionale ed una gestione integrata e strategica del territorio del Metapontino-Basso Sinni. Partendo dal presupposto che il turista-viaggiatore è sempre meno interessato alle tradizionali mete turistiche, prive di personalizzazione, mentre manifesta, invece, un particolare interesse per la cultura locale, per gli usi e i costumi e non vuole vivere “passivamente” la vacanza ma fare piena esperienza del luogo che visita, la tipologia di offerta pensata si fonda sulla salvaguardia del patrimonio culturale e delle risorse naturali per soddisfare la domanda di relazionalità del visitatore. La componente relazionale nel turismo si manifesta, infatti, sia sul fronte della domanda turistica, composta dall‟insieme di turisti con spiccata propensione alla relazione e prossimi ad essere considerati dei residenti temporanei, che dall‟offerta turistica, intesa in senso più esteso, ovvero composta dall‟insieme di elementi materiali ed immateriali presenti nel territorio ed in grado di stimolare, sostenere o generare una relazione. La presenza, pertanto, di una relazione tra soggetti che abitano e coloro che transitano in un territorio è una condizione necessaria per poter aprire la strada al concetto di turismo relazionale. Appare dunque evidente come uno dei fattori di competitività vincenti per l‟area diventa quello della qualità della vita dei residenti (ovvero la dotazione di un determinato numero di servizi di sostanziale qualità) in grado di sviluppare un adeguato passaggio dall‟attenzione alla promozione dello stile di vita locale (ovvero la promozione di quell‟insieme integrato di qualità ambientale, di valori, Pagina 33 di 308


servizi che caratterizza e differenzia un certo sistema sociale). Priorità del PIOT Metapontino-Bassi Sinni diventa quello di sostenere tutte quelle attività in grado di favorire meccanismi socio-culturali e ambientali qualificanti il territorio sia in favore dei propri cittadini che dei visitatori, potenziando un sistema di rete in ambito culturale, sociale e associativo per uno sviluppo della creatività e che favorisca l‟integrazione delle nuove residenzialità temporanee, attraverso la capacità di promozione del territorio per una maggiore qualificazione dell‟immagine dell‟area e delle sue caratterizzazioni tipiche connesse allo sviluppo turistico. Non a caso, riferendosi al QSN 2007-2013, documento nazionale di programmazione, rispetto alla priorità 5 (Valorizzazione delle risorse naturali e culturali per l‟attrattività e lo sviluppo), si individuano strategie specifiche per concorrere alla tutela della biodiversità, del paesaggio, del patrimonio culturale. Obiettivo generale è infatti il “valorizzare le risorse naturali, culturali e paesaggistiche locali, trasformandole in vantaggio competitivo per aumentare l‟attrattività, anche turistica, del territorio, migliorare la qualità della vita dei residenti e promuovere nuove forme di sviluppo economico sostenibile”. Lo stesso uso dello spazio, ritenuto, nella proposta progettuale, compatibile con le finalità di tutela, risulta dalla valutazione delle caratteristiche del patrimonio e tende a definire le condizioni morfologico-ambientali idonee a perseguire lo sviluppo sostenibile, inteso quale condizione di trasformabilità, e quindi di utilizzo, non pregiudiziale in rapporto alle caratteristiche d‟insieme del patrimonio. Si è pone quindi la necessità di precisare che le tipologie di opere/attività individuate risultano particolarmente idonee a promuovere la trasformazione senza compromettere né stravolgere le qualità riscontrate. La proposta turistica, nel nostro caso, si avvia quindi attraverso una

Pagina 34 di 308


combinazione di relazioni, innanzitutto interpersonali, in cui i soggetti generatori/confezionatori, al di là di un mero orientamento alla vendita, fanno proprio un atteggiamento di sentita e condivisa ospitalità che recuperi il gusto di far scoprire la bellezza e la peculiarità del proprio patrimonio storico, artistico, folkloristico, enogastronomico e soprattutto d‟umanità; ed in cui gli utilizzatori da semplici consumatori finali, diventano soggetti generatori di valore, protagonisti possibilmente chiamati a completare attivamente la stessa offerta turistica. Un turismo che privilegia le relazioni interpersonali e ambientali stimolando la sensibilità storico culturale e la sostenibilità dello sviluppo nel dialogo tra offerente e ricevente e che integra i settori produttivi e commerciali nella micro e media dimensione, ovvero, un turismo radicato nel territorio che fa perno sull‟impresa e che valorizza l‟immenso patrimonio culturale e naturalistico non soltanto nei grandi ma anche nei piccoli centri. Tuttavia, la semplice relazione non diventa condizione sufficiente per poter definire un turismo relazionale, bensì deve essere dotata di caratteristiche e di specificità tali da renderla un valore per fruitori ed utilizzatori, per turisti ed imprese, per residenti temporanei e popolazione locale. La componente relazionale, diventa quindi parte di un prodotto, ovvero elemento di differenziazione, a condizione che venga percepito ed offerto in maniera spontanea ed articolato secondo modalità chiare ed identificabili. Attraverso la formula del Turismo Relazionale Integrato si intende realizzare una forma di ri-territorializzazione dell‟economia, mettendo a frutto l‟immenso serbatoio di risorse naturali che sono differenti da area ad area ed espressione delle varie identità socio-culturali e geografiche. Proprio in questa direzione, della valorizzazione delle risorse reali e delle caratteristiche intrinseche del territorio, il turismo relazionale integrato può essere inteso come risorsa aggiuntiva per le qualità già presenti, sottolineando

Pagina 35 di 308


il ruolo importante che può svolgere nell‟implementazione, e spesso nella stessa sopravvivenza delle identità culturali legate alle caratteristiche peculiari del luogo. Per la valorizzazione e diffusione del turismo relazionale, il sistema Metapontino, con particolare riferimento all‟ambiente antropico e naturale, ha quale obiettivo principale del progetto quello di dare una dimensione umana allo sviluppo del territorio per un “turismo di eredità” che punti su una rete diversificata di itinerari in

grado di promuovere l‟entroterra in completa

sinergia con la costa jonica, dando spazio e visibilità a tutte le microcentralità presenti. Questa formula rappresenta un‟ottima occasione per il sistema di offerta per sperimentare e proporre al mercato della domanda stili di vita del tutto originali, offrendo la propria ospitalità, la propria cultura, senza rinunciare agli standard di qualità richiesti dal mercato. In tal senso ci sembra opportuno evidenziare come all‟interno della proposta del PIOT Metapontino-Basso Sinni, dopo un‟attenta analisi del contesto socioeconomico, si è cercato di introdurre tutta una serie di attività che concorrono a realizzare il mix di elementi utili a migliorare ed a esaltare le qualità e le diversità dei territori e dunque dell‟accoglienza ed ospitalità, quale contributo dei protagonisti attivi del sistema locale (istituzioni e imprenditori, organizzazioni di categoria ed associazioni culturali, operatori turistici, etc.). L‟analisi della matrice SWOT ha evidenziato, in estrema sintesi, che il principale punto di debolezza dell‟area attiene alla carenza, se non proprio alla quasi totale assenza, di una offerta turistica articolata e correttamente strutturata, potendosi registrare nel contesto territoriale esaminato la presenza della sola componente di turismo balneare, afflitta, com‟è noto, dai tradizionali limiti della stagionalità, che impedisce l‟utilizzazione economica costante all‟interno del periodo annuale, e della marginalità territoriale, ossia l‟impossibilità di spostare Pagina 36 di 308


il baricentro economico delle attività turistiche dalla zona costiera alle aree interne. Nel contempo, però, esistono anche apprezzabili positività, tra le quali emerge per importanza la presenza di un diffuso patrimonio di tipo ambientale, culturale e storico-archeologico, purtroppo non adeguatamente valorizzato ma proprio per questo potenzialmente idoneo a svolgere un ruolo trainante per l‟economia dell‟area nell‟ottica di una diversificazione delle tradizionali tipologie turistiche. Con buona probabilità, la palese contraddizione tra disponibilità di tale patrimonio e sottoutilizzazione economica del medesimo è riconducibile alle specifiche peculiarità che contraddistinguono molte delle risorse regionali, ossia un patrimonio che a ben guardare possiamo definire “minore”, dovendosi intendere con tale espressione l‟esistenza di una serie di beni privi di una precisa funzione identificativa nel contesto territoriale, di una rilevanza attrattiva autonoma e capillarmente diffusi, con tendenza alla frammentazione nell‟ambito geografico di riferimento. Non necessariamente tale connotazione deve concepirsi come limite, poiché una sintesi propositiva, polarizzata sulle coordinate tematiche rivenienti dall‟indagine stessa, è in grado di superarlo, attivando un ventaglio di stimoli progettuali che finalizzino, in termini di connessione, le varie preesistenze del territorio, per lo più disconnesse e sottoutilizzate, alla “saldatura” tra la fascia costiera

e

l‟entroterra

dell‟area,

nel

disegno

di

una

tendenziale

destagionalizzazione di processi di fruizione turistica e nel rispetto delle compatibilità

con

gli

indirizzi

di

programmazione

economico-territoriale

regionale. E‟ nostra convinzione riconoscere che anche i beni cosiddetti “minori”, per quanto privi di senso se valutati isolatamente, acquisiscono nuove specificità, e quindi potenziale valenza turistica, se inquadrati all‟interno di una logica

Pagina 37 di 308


comprensoriale e sistemica che componga un‟offerta strutturata e condivisa. Il perseguimento di tale obiettivo ha visto l‟applicazione di una strategia progettuale di aggregazione e di ricomposizione, indirizzata sul duplice versante dell‟offerta e della domanda. Sul piano dell‟offerta, la creazione del sistema è stato pensato sia per realizzare un‟integrazione delle risorse presenti nell‟area che in una logica di raccordo con gli altri sistemi regionali, nonché con quelli esistenti nelle regioni limitrofe, con uno orientamento al turismo giovane e sportivo, al turismo verde, al turismo culturale e d‟élite. Le principali direttrici di espansione, a cui attingere per potenziare la dotazione dell‟Area, sono individuabili essenzialmente nelle seguenti: - il Parco Nazionale del Pollino, come matrice di offerta ambientale; - Matera e il suo hinterland, come matrice culturale; - gli itinerari delle civiltà antiche, come matrice storico-archeologica. Sul piano della domanda, invece, la positività presente nell‟Area, ossia i consistenti flussi turistici di tipo balneare riguardanti la zona costiera, possono vantaggiosamente rileggersi come base di partenza per ricucire lo “strappo” con l‟entroterra, richiamandovi ed innestandovi i flussi esterni, peraltro di dimensioni ragguardevoli, gravitanti intorno ai poli di offerta in precedenza evidenziati, ognuno dei quali individua una tipologia turistica “tematica” ben diversificata rispetto a quella tradizionale (turismo eco-naturalistico per il Pollino, artisticoculturale per Matera e storico-archeologico per la Magna Grecia soprattutto). In pratica, la valenza dell‟approccio consiste nel circuitare l‟area all‟interno di traiettorie infra ed extra regionali, per sollecitare e agevolare la dinamica dei flussi in entrata, la diversificazione dell‟offerta turistica ed eventuali possibilità imprenditoriali connesse.

Pagina 38 di 308


La sequenza necessaria affrontata per la definizione di un piano di sviluppo turistico integrato ha generato una programmazione, in sequenza logica e funzionale, che ha visto: -

l‟identificazione di un “tematismo forte”, un “Parco Archeologico delle Civiltà Antiche” di bellezza e significatività esemplare su cui puntare in modo esclusivo, perché può rappresentare un interesse mondiale universalmente riconosciuto: il patrimonio storico-culturale ereditato dal periodo Magnogreco, nonché dai successivi periodi Romano, Saraceno, Medievale, ricchi di testimonianze che trovano implicazioni immediate nella cultura, natura, paesaggio e architettura dei luoghi;

-

l‟analisi

qualitativa

e

soprattutto

quantitativa

della

offerta

di

produzioni/servizi/infrastrutture locali; -

l‟organizzazione strutturata dei prodotti/servizi che costituiscono l‟offerta in grado di dare vita ad un pacchetto territoriale, in cui i contenuti sono legati alla individuazione di un preciso disegno di costruzione, con obiettivo primario la valorizzazione del territorio nelle sue multiformi sfaccettature;

-

i canali prioritari di promozione del pacchetto territoriale, ovvero del pacchetto che racchiude valori, offerte turistiche, prodotti, servizi in grado di raccogliere l‟interesse del mondo turistico e/o dei flussi amatoriali, didattici e di studio, ludico-, sportivi, gastronomici, etc., per convogliarli in un sistema canalizzato ed organizzato. Per il raggiungimento degli obiettivi del progetto è necessario che all‟interno dell‟Accordo di Programma sia previsto quanto segue: “Gli interventi infrastrutturali da realizzarsi e gli immobili destinati ad attività turistico-ricettiva si configurano come opere di interesse collettivo e rientrano, ad ogni effetto di legge, tra le opere e manufatti di pubblica utilità”.

Pagina 39 di 308


Strategia di intervento Evidenziazione delle interconnessioni esistenti fra le operazioni a carattere infrastrutturale, i regimi di aiuto e le azioni promozionali e della loro idoneità a conseguire gli obiettivi indicati nella proposta progettuale Indicazioni dei fabbisogni in termini di formazione Indicazioni circa la istituzione e gestione Uffici di Informazione Turistica Nella definizione di una strategia territoriale e di un prodotto turistico originato da un sistema locale, indicato spesso con l‟espressione di “pacchetto integrato”, quest‟ultimo è stato concepito non come riduttiva proposizione di luoghi ed itinerari, ma, più correttamente, quale equilibrata combinazione di percorsi fruibili e di servizi tesi al supporto della fruizione stessa da parte del turista, che in questo modo viene “accompagnato” nella sua esperienza conoscitiva del territorio. Ovviamente il risvolto imprenditoriale di tale approccio si traduce in un‟offerta turistica articolata, con i prevedibili benefici occupazionali che la proposta di nuovi servizi e di nuove infrastrutture di supporto inevitabilmente comporta. Finalizzando, infatti, ogni tipologia di servizi prevista ad una “impresa” che ne curi l‟erogazione, la complementarietà e l‟integrazione dei servizi stessi consentono la nascita di una vera e propria “filiera” di imprese turistiche, capaci non solo di assorbire quote consistenti di forza lavoro, ma anche, cosa più importante, di assorbire compiutamente il concetto di sviluppo endogeno autopropulsivo.

Pagina 40 di 308


L‟elemento rilevante di questo sistema è quindi legato alla riqualificazione dell‟offerta turistico-ricettiva, a migliorare l‟accessibilità dei luoghi, alla introduzione di nuovi prodotti e/o di nuovi servizi per migliorare la definizione, la valorizzazione, la organizzazione e la reciproca integrazione di quelli esistenti. Nella proposta, il mix individuato, propone, infatti, elementi: -

a carattere infrastrutturale (Parco Archeologico delle Antiche Civiltà, Porta del Pollino, Itinerari Cicloturistici e di Trekking; etc);

-

a carattere ambientale (Parco Museale Scenografico, Percorso dei Calanchi – Geoparco, Turismo nautico- La rotta dei delfini,);

-

di servizio (GreenCard, Centri Benessere e Sportivi, etc.);

-

a carattere culturale (Percorsi Letterari e Mappe ed itinerari culturali, programmi ed eventi);

-

a carattere relazionale (azioni di formazione a supporto del sistema turistico locale, per la crescita professionale delle risorse umane e degli operatori turistici, in un‟ottica di formazione continua e permanente, anche sperimentando alcune pratiche innovative rivolte a favorire l‟adattamento sia delle risorse umane che delle imprese e delle organizzazioni ai mutamenti ed ai cambiamenti del settore ed all‟evoluzione

dei

mercati

nazionali

ed

internazionali,

attraverso

l‟acquisizione di nuovi e più elevati standard di qualità, di competenza e di innovazione tecnologica e di cultura dell‟accoglienza). Lo sviluppo di questi elementi peculiari può quindi concorrere a rilanciare l‟intero territorio, rafforzando gli ambiti di maggiore debolezza che in questo caso diventano le vere “opportunità” per destagionalizzare l‟offerta: le iniziative proposte tendono ad incrementare, quale obiettivo finale, la competitività del territorio attraverso un “Turismo Ospitale, tipico e sostenibile”. I termini “accoglienza” e, soprattutto quello di “ospitalità” affondano le radici nelle più antiche espressioni culturali e religiose delle storia. Il concetto di Pagina 41 di 308


ospitalità veniva costantemente associato a quello di “sacralità”: l‟ospite è sacro, all‟ospite venivano messi a disposizione la propria casa e i propri beni, all‟ospite venivano offerti i prodotti migliori dei campi e degli allevamenti. Facendo un passo in avanti nella storia, nel XVII° secolo, il Vocabolario dell‟Accademia della Crusca definiva così questi concetti: OSPITALITÀ, ovvero liberalità

nel

ricevere

i

forestieri;

ACCOGLIENZA,

ovvero

una

certa

dimostrazione d‟affetto che si ha nel ricever persone grate o nell‟abboccarsi con essi. A nostro avviso, oggi, è corretto parlare di qualità dell‟accoglienza, di qualità dell‟ospitalità e, in generale, di qualità territoriale/turistica, come una dimensione unica del solo e corretto approccio verso il cittadino/cliente, ovvero quello teso alla sua soddisfazione. Ospitalità e, soprattutto, accoglienza presuppongono contenuti ed elementi decisamente complessi e che non sono solo di tipo oggettivo, che invece sono prevalentemente connessi al concetto di qualità che per molti versi è oggettiva e misurabile o “protocollabile”. L‟accoglienza e l‟ospitalità non possono essere affidati ad una parte delle funzioni di offerta della filiera turistica, ma devono essere caratteristica trasversale ad essa. Gli obiettivi specifici di intervento vanno dunque: -

verso il recupero e la valorizzazione delle tipicità locali, rappresentative e distintive del patrimonio storico-culturale, ambientale, ed architettonico;

-

verso la diversificazione e consolidamento dell‟immagine del territorio, attraverso la definizione di un prodotto turistico basato sulla identità territoriale, sulla cultura dell‟accoglienza e dell‟ospitalità;

-

verso l‟integrazione del turismo culturale con quello balneare, in modo da rafforzare il secondo ed, al tempo stesso, assicurare un periodo più lungo di fruizione territoriale;

Pagina 42 di 308


-

verso la creazione di nuove opportunità occupazionali;

-

verso il rafforzamento dei livelli di qualità e stili di vita, attraverso attività di vivacità culturale locale;

-

verso una formazione qualificata degli operatori turistici;

-

verso una comunicazione, interna ed esterna, dei luoghi, delle specificità, delle

attività

(canali tematici,

monografie

ed

articoli

su

riviste

specializzate, web marketing, etc., IAT – Infopoint di Policoro); -

verso il soddisfacimento della domanda di emozioni e di esperienze espresse dal turista.

Più in dettaglio, volendo approfondire il tema dei servizi di informazione ed accoglienza, è possibile affermare che tutti i frequentatori dell‟area, grazie ad una corretta e sistemica attività gestionale, da svolgersi all‟interno dell‟InfoPoint Turistico di Policoro, realizzato grazie all‟intervento del programma Leader+ (Gal Cosvel), potranno disporre di una molteplicità di indirizzi e di una serie differenziata di opzioni, le cui tipologie principali possono così schematizzarsi: Servizi di informazione e di promozione: - attraverso una rete di “Centri di assistenza” al turista; -

attraverso un Sistema informativo su servizi e opportunità strutturato d‟intesa con i principali “attori” dell‟area (alberghi, musei, agenzie di viaggio, ristoranti, banche, etc.);

-

attraverso prodotti editoriali specifici, carte topografiche, pagine web, etc.;

-

manifestazioni ed eventi, a richiamo extraregionale.

Servizi di accoglienza: - tradizionali (alberghi, agriturismi, etc.); -

in strutture ricettive “innovative”, ossia concepite in modo coerente con le specificità territoriali, caratterizzate da un basso impatto ambientale, da tipologie architettoniche proprie dell‟area, realizzate con materiali

Pagina 43 di 308


ecocompatibili sia rivenienti dal recupero dell‟esistente (Albergo Diffuso). -

servizi per la valorizzazione, gestione e fruizione del patrimonio ambientale e culturale:

-

di supporto all‟attività di “visita” e di conoscenza del patrimonio ambientale (noleggio di biciclette, barche a vela, canoe, mountain bike, etc.);

-

bus – navetta con collegamenti “da – a”, individuazione e strutturazione di percorsi tematici, visite guidate, etc.;

-

attività di supporto all‟attività di “sosta” (aree attrezzate, bar-ristoro con degustazione e vendita di prodotti tipici, etc.);

-

sport all‟aria aperta, dell‟acqua e della montagna;

-

aree archeologiche, pinacoteche, parchi letterari o musicali, etc.;

-

oasi benessere e relax;

-

fruizione del patrimonio culturale (visite guidate, tour paesaggisticamente rilevanti, itinerari territoriali, etc.).

Servizi per l'educazione ambientale e culturale: -

itinerari ambientali, veri e propri “laboratori didattici”, rivolti al mondo della scuola o a gruppi organizzati;

-

centri per l‟Educazione Ambientale;

-

“percorsi letterari, musicali e della memoria”.

Pagina 44 di 308


Obiettivi operativi/linee di intervento Di seguito sono indicate, nel rispetto dei criteri di selezione, le operazioni infrastrutturali candidate a finanziamento con il PIOT Metapontino Basso Sinni: Le antiche Vie - Dal tratturo preistorico alla SS 106 Parco Museale scenografico di Craco I° L.F. Comunicare i luoghi Realizzazione di un laboratorio antropologico del magico e del fantastico Realizzazione di un Museo Numismatico a Rotondella Costituzione di un ufficio IAT Completamento del Centro Visite Porta del Pollino Di seguito sono indicate le tipologie di investimento preferenziali da attuare in regime di aiuto nell‟ambito dei Criteri di Selezione PO FESR 2007/2013 Ob. Specifico IV.1. Concessione di aiuti per la riqualificazione/trasformazione di strutture ricettive già esistenti, per la realizzazione di strutture per servizi complementari e per la realizzazione di forme ricettive alternative in dimore storiche di pregio Concessioni di agevolazioni per la diversificazione dell‟offerta di attività nautiche

Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo di attività ricettive alternative

Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo delle strutture complementari di tipo balneare a servizio della ricettività esistente

Pagina 45 di 308


Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo delle attività del benessere e del relax

Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo delle attività connesse con il tempo libero

Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo di attività di servizio per la fruizione congiunta delle risorse della macroarea

Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo di attività di servizio per la fruizione sicura della costa

Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo di attività di servizio per la fruizione e la promozione dell'offerta turistica locale

Di seguito sono indicati gli strumenti di marketing ipotizzati e degli Eventi e manifestazioni turistiche da finanziare nell‟ambito del P.I.O.T. Metapontino Basso Sinni.

Creazione del messaggio promozionale, video promozionali e spot radiofonici Media cartacei (manifesti, guide e cartellone) Promozione turistica IAT Fiere e work shop Evento letterario – Evento cinematografico – Evento musicale - Eventi enogastronomici Magico & Fantastico Cartellone Eventi Eventi archeologici

Pagina 46 di 308


Cronoprogramma Si riporta di seguito il crono programma attuativo del P.I.O.T. per l‟intero periodo di programmazione

A1

A2

B1

B2

C1

C2

Cronoprogramma delle attività per Linea di azione e semestre 2010 2011 2012 Linea di azione I° Sem. II° Sem. I° Sem. II° Sem. I° Sem. II° Sem. Interventi infrastrutturali volti alla valorizzazione e miglioramento della fruibilità dei beni culturali. (Infrastrutture culturali) Interventi infrastrutturali volti alla valorizzazione e miglioramento della fruibilità delle risorse naturali. (Infrastrutture naturali) Riqualificazione e trasformazione di strutture ricettive esistenti, realizzazione di strutture per servizi complementari e per la realizzazione di forme ricettive alternative in dimore. (Aiuti per progetti portanti) Sviluppo di servizi ed impianti complementari per la ricettività e la filiera turistica. (Aiuti di importo limitato) Comunicazione e Marketing (Per marketing) Realizzazione e promozione di eventi originali a forte richiamo e di diversa articolazione tematica e temporale. (Per grandi eventi)

2013 I° Sem. II° Sem.

Pagina 47 di 308


Piano finanziario Indicazione della ripartizione delle risorse finanziarie per - obiettivi operativi e linee di intervento Ripartizione delle risorse finanziarie per Obiettivo intermedio e annualità Obiettivo intermedio

2010

Accrescere la fruibilità e la valorizzazione dei beni culturali e delle risorse naturali A caratterizzanti la macro area a fini turistici. (Infrastrutture)

2011

2012

Totale

% sul totale

€ 3.750.000

25%

2013

€ 1.970.000 € 1.780.000

Potenziamento, miglioramento e qualificazione delle attività e dei servizi della filiera turistica B locale, orientati al mercato ed alla sostenibilità ambientale. (Regimi di aiuto)

€ 1.687.500 € 4.612.500 € 2.700.000

€ 9.000.000 60%

Potenziamento e specializzazione di azioni mirate C di promozione turistica. (Promozione)

€ 692.400

€ 2.250.000 15%

Totale

-

€ 778.800

€ 4.349.900 € 7.171.300

€ 778.800

€ 3.478.800

€ 15.000.000 100%

annualità 2010-11-12 Ripartizione delle risorse finanziarie per Obiettivo operativo e annualità

Obiettivo intermedio

2010

2011

2012

IV.1.1.

€ 3.657.500

€ 6.392.500

IV.1.2

€ 692.400

Totale

€ 3.459.500

2013

Totale

% sul totale

€ 2.700.000

€ 12.750.000

85%

€ 778.800

€ 778.800

€ 2.250.000

15%

€ 7.185.500

€ 2.970.000

€ 1.385.000 € 15.000.000

100%

Pagina 48 di 308


Ripartizione delle risorse finanziarie per Linea di intervento e annualità Linea di intervento

2010

2011

IV.1.1.A

€ 1.970.000

€ 1.780.000

IV.1.1.B

€ 1.687.500

€ 4.612.500

IV.1.2.A

€ 380.000

IV.1.2.B Totale

2012

2013

Totale

% sul totale

€ 3.750.000

25%

€ 2.700.000

€ 9.000.000

60%

€ 410.000

€ 410.000

€ 1.200.000

8%

€ 312.400

€ 368.800

€ 368.800

€ 1.050.000

7%

€ 4.349.900

€ 7.171.300

€ 3.478.800

€ 15.000.000

100%

Indicatori

Indicatori di realizzazione Obiettivi intermedi

Obiettivo intermedio A

Indicatore di realizzazione

Unità di misura

Valore atteso a fine programma

Interventi di valorizzazione dei beni culturali

N.ro

7

N.ro

1

N.ro

15

N.ro

3

Accrescere la fruibilità e la valorizzazione dei beni culturali e delle risorse naturali caratterizzanti la macro area a fini Interventi di turistici. valorizzazione dei beni naturali Obiettivo intermedio B Potenziamento, miglioramento e qualificazione delle Numero di imprese attività e dei servizi della filiera turistica locale, orientati al beneficiarie mercato ed alla sostenibilità ambientale.

Obiettivo intermedio C Potenziamento e specializzazione di azioni mirate di promozione turistica.

Azioni di marketing territoriale realizzate

Pagina 49 di 308


Indicatori di risultato Obiettivo generale

Indicatore di risultato

Unità di Valore misura attuale

Anno Valore atteso a fine programma

Fonte

Strutturazione di un „pacchetto integrato di offerta turistica‟ volto alla valorizzazione delle risors e culturali e naturali al fine di accrescere la competitività del sistema turistico locale.

Incremento % arrivi

N.ro

149.121

2007

230.000

Osservatorio turistico regionale 2008

Giornate di presenze turistiche per abitante nei mesi non estivi

%

0,46

2007

1,16

Osservatorio turistico regionale 2008

Occupazione generata dal PIOT: 30 di cui donne 16.

Eventuale programmazione integrativa Di seguito sono indicate le operazioni ritenute integrative ripsetto alla resente programmazione, a valere su eventuali future risorse finanziarie: - Parco Museale scenografico di Craco II° L.F. - Completamento Aereoporto “E. Mattei” – Pisticci (MT) – Implementazione opere infrastrutturali - Realizzazione del “Porto Canale” a Nova Siri - Progetto per la tutela, il recupero e la valorizzazione eco-sostenibile della Pineta della fascia jonica a fini turistici - Potenziamento infrastrutturale ed informatico delle aree archeologiche presenti sul territorio - Organizzazione di percorsi virtuali per visite telematiche delle aree dell‟antica Magna Gregia - Cicli di alta formazione tecnico-scientifica relativamente ai dati geo-ambientali con adeguamento strutturale dell‟edeficio conosciuto con il nome di “Palazzo Giacchino” - Laboratorio territoriale per la fruizione del sistema culturale e naturalistico - Museo virtuale di “Guglielmo Marconi” - Realizzazione di interventi di cucitura e ricostituzione dei sistemi dunali attraverso sviluppo di modelli di difesa attiva della biodiversità vegetale mediante sistemi avanzati di restauro ambientale e valorizzazione attiva del paesaggio - Sistema Alternativo di Trasporto pedonale attraverso l‟impiego di un impianto meccanizzato di accesso al museo diocesano (complesso monumentale San Filippo Neri) – TURSI.

Pagina 50 di 308


Parte B – Obiettivo e strategia

Obiettivo finale L‟obiettivo finale del PIOT è migliorare l‟attrattività del polo turistico Metapontino-Basso Sinni, valorizzandone gli specifici vantaggi competitivi e promuovendolo quale destinazione turistica ospitale, tipica e sostenibile. Il prodotto turistico integrato che si intende conseguire coincide dunque con la destinazione turistica dell‟area Metapontino, già dotata di una certa visibilità (risulta infatti il polo turistico più scelto: 33% degli arrivi e 63% delle presenze sul totale regionale, classificandolo già quale prodotto di successo) che gli deriva da una condizione propria territoriale, da una discreta capacità ricettiva e da adeguate attrezzature per lo sviluppo turistico, da una buona interazione domanda /offerta, ma con scarsa notorietà in ambito nazionale/internazionale. Dall‟analisi sull‟evoluzione della domanda turistica scaturisce però una possibile minaccia, se non si interviene con dei correttivi di marketing turistico integrato, per un segmento di importanza vitale per l‟intero territorio provinciale e regionale: il turismo balneare della costa ionica. I primi segnali allarmanti sono dell‟estate 2006, quando le presenze sono diminuite del 6,96% rispetto al 2005. Questa situazione riflette la crisi generale del turismo balneare italiano che si concentra essenzialmente su un prodotto di puro relax e del tempo libero ed un offerta spesso standardizzata e scarsamente competitiva in termini di qualitàprezzo (rispetto a Spagna, Grecia, Turchia, Croazia, Egitto). Diventa dunque prioritario integrare il prodotto mare, attraverso opportune strategie di fruibilità multipla, alla connotazione geografica (costa e territori interni) ed alla vocazionalità dei luoghi (turismo balneare, culturale, naturale, leisure, etc.). Tale prodotto, rafforzato quindi da un mix di elementi culturali e naturali territoriali proposti all‟interno del Piano, si determina in quanto in grado di Pagina 51 di 308


soddisfare i seguenti requisiti: -

essere orientato al mercato ed assicurare una fruizione diversificata ed una diversa articolazione temporale;

-

generare un modello operativo territoriale permanente, fondato sui concetti di efficienza-efficacia e di sostenibilità;

-

essere legato alle peculiarità dei luoghi ed agli elementi distintivi della cultura locale;

-

potenziare e veicolare l‟immagine e l‟appeal dell‟area;

-

essere in grado di potenziare e riqualificare la destinazione turistica.

Obiettivi intermedi Articolazione dell‟obiettivo finale per obiettivi intermedi all‟interno dei quali confluiscono più obiettivi operativi e differenti linee di intervento a valere sul P.O. FESR Il raggiungimento dell‟obiettivo finale, in termini di prodotto turistico di area da realizzare, presuppone il raggiungimento di una serie di obiettivi intermedi propedeutici e di facilitazione relativi a: -

implementare le condizioni di accessibilità e di comunicazione dei luoghi;

-

riqualificare l‟offerta turistica presente;

-

agevolare le attività turistiche in ambito rurale;

-

tematizzare l‟offerta;

-

creare un prodotto turistico basato sulla conoscenza e sulla esperienza;

-

soluzioni appropriate di promozione turistica;

sviluppare attività formative mirate e funzionali al sistema turistico locale.

Pagina 52 di 308


Strategia di intervento Specificare la strategia di intervento per conseguire l‟obiettivo generale del piano, declinando la stessa in obiettivi intermedi e linee di azione secondo il seguente schema esemplificativo L‟obiettivo generale mira alla strutturazione di un „pacchetto integrato di offerta turistica‟ volto alla valorizzazione delle risorse culturali e naturali al fine di accrescere la competitività del sistema turistico locale. La strategia di intervento, declinata nello schema successivo

in obiettivi

intermedi e linee di azione, si articola in attività che prevedono: -

l‟integrazione funzionale fra territori (zona costiera e dell‟immediato entroterra) e fra attrazioni (tra elementi della storia e della cultura con le valenze naturali, paesaggistiche, i valori della comunità locale, l‟artigianato, il folklore, l‟enogastronomia), promuovendo l‟insieme di risorse diffuse sul territorio;

-

lo sviluppo di percorsi turistici tematici con caratteristiche proprie e originali;

-

l‟inserimento di tali beni in un contesto territoriale di più ampia fruibilità;

-

la valorizzazione del prodotto turistico attraverso attività immateriali di grande risonanza e grande richiamo;

-

una linea di infrastrutturazione legata all‟accessibilità ed alla fruizione dei luoghi, la riqualificazione e potenziamento dell‟offerta turistico-ricettiva del polo turistico individuato, alla introduzione di nuovi prodotti e/o di nuovi servizi per migliorare la definizione, la valorizzazione, la organizzazione e la reciproca integrazione di quelli esistenti.

Pagina 53 di 308


Obiettivo generale Strutturazione di un „pacchetto integrato di offerta turistica‟ volto alla valorizzazione delle risorse culturali e naturali al fine di accrescere la competitività del sistema turistico locale.

Obiettivo intermedio A Accrescere la fruibilità e la valorizzazione dei beni culturali e delle risorse naturali caratterizzanti la macro area a fini turistici.

Linea di azione A.1 Interventi infrastrutturali volti alla valorizzazione e miglioramento della fruibilità dei beni culturali.

Linea di azione A.2 Interventi infrastrutturali volti alla valorizzazione e miglioramento della fruibilità delle risorse naturali.

Obiettivo intermedio B Potenziamento, miglioramento e qualificazione delle attività e dei servizi della filiera turistica locale, orientati al mercato ed alla sostenibilità ambientale.

Linea di azione B.1 Riqualificazione e trasformazione di strutture ricettive esistenti, realizzazione di strutture per servizi complementari e per la realizzazione di forme ricettive alternative in dimore storiche di pregio. Linea di azione B.2 Sviluppo di servizi ed impianti complementari per la ricettività e la filiera turistica.

Obiettivo intermedio C Potenziamento e specializzazione di azioni mirate di promozione turistica.

Linea di azione C.1 Comunicazione e Marketing.

Linea di azione C.2 Realizzazione e promozione di eventi originali a forte richiamo e di diversa articolazione tematica e temporale.

Pagina 54 di 308


Coerenza della strategia di intervento al PO FESR Di seguito è rappresentata la coerenza funzionale delle linee di azione del PIOT Metapontino Basso Sinni rispetto agli obiettivi operativi del PO FESR Obiettivo Specifico IV.1 Obiettivo operativo/linea di Linee di azione intervento IV.1.1.A – Sostegno alla - "Interventi infrastrutturali volti alla formazione e al valorizzazione e miglioramento della fruibilità consolidamento di dei beni culturali. “pacchetti integrati di offerta - "Interventi infrastrutturali volti alla turistica” valorizzazione e miglioramento della fruibilità delle risorse naturali. IV.1.1.B – Promozione e qualificazione delle imprese operanti all‟interno della filiera turistica

IV.1.2.A – Azioni di comunicazione e marketing turistico

- "Riqualificazione e trasformazione di strutture ricettive esistenti, realizzazione di strutture per servizi complementari e per la realizzazione di forme ricettive alternative in dimore. (Aiuti per progetti portanti)" - "Sviluppo di servizi ed impianti complementari per la ricettività e la filiera turistica. (Aiuti di importo limitato)" - "Comunicazione e Marketing (Per marketing)" - "Realizzazione e promozione di eventi originali a forte richiamo e di diversa articolazione tematica e temporale. (Per grandi eventi)"

Coerenza con Piano Turistico Regionale Il PIOT Metapontino – Basso Sinni è coerente con le finalità definite all‟articolo 2 dell‟avviso pubblico per la presentazione di Pacchetti Integrati di Offerta Turistica come di seguito specificato:

Pagina 55 di 308


Pagina 56 di 308


Il PIOT Metapontino – Basso Sinni è coerente con le finalità definite al paragrafo “2.2 Il piano turistico regionale: la visione” del Piano Turistico Regionale (pag. 18) come di seguito specificato:

Grado di coerenza: 3 elevato, 2 apprezzabile, 1 sufficiente.

Addizionalità Il principio di addizionalità delle risorse comunitarie stabilisce che, per assicurare un reale impatto economico, gli stanziamenti dei Fondi Strutturali non possono sostituirsi alle spese pubbliche dello Stato membro. In ragione di ciò, per contribuire al raggiungimento degli obiettivi dell‟addizionalità strategica della politica regionale, nel PIOT Metapontino-Basso Sinni sono state inserite delle operazioni regolate da determinati criteri, in modo da salvaguardarne l‟integrazione inteso come principio per incrementare il valore aggiunto delle singole operazioni.

Pagina 57 di 308


Fabbisogno formativo Il PIOT Metapontino - Basso Sinni intende favorire, a supporto del sistema turistico locale, la crescita professionale delle risorse umane e degli operatori turistici, in un‟ottica di formazione continua e permanente, anche sperimentando alcune pratiche innovative rivolte a favorire l‟adattamento sia delle risorse umane che delle imprese e delle organizzazioni ai mutamenti ed ai cambiamenti del settore ed all‟evoluzione dei mercati nazionali ed internazionali, attraverso l‟acquisizione di nuovi e più elevati standard di qualità, di competenza e di innovazione tecnologica e di cultura dell‟accoglienza. Nello specifico i fabbisogni formativi sono riconducibili a tali tipologie: - formazione continua per gli occupati e le occupate; - diversificazione di formazione specialistica per quadri, manager, imprenditori per promuovere innovazione ed imprenditorialità; - sistemi organizzativi ed informativi innovativi con particolare attenzione alle risorse umane e al sistema delle competenze delle imprese; - innovazione organizzativa e tecnologica per migliorare la sicurezza e conciliare le esigenze produttive con quelle dei lavoratori; - innovazione e sviluppo di processi di anticipazione dei cambiamenti e delle ristrutturazioni aziendali favorendo il superamento dei divari di genere tuttora esistenti; - formazione su temi legati all‟innovazione ambientale nonché interventi di “institutional capacity” - incentivazione dell‟accesso femminile al mondo del lavoro ed aumento delle opportunità di impiego per i disabili in grado di lavorare o per gli immigrati che vogliano insediarsi stabilmente nella macroarea del Metapontino – Basso Sinni; - differenziazione tra interventi di formazione e di inserimento su specifiche delle imprese e interventi strategici di rafforzamento delle competenze. - miglioramento del sistema scolastico puntando su percorsi formative di qualità che risulti efficace e funzionale alla realtà operativa locale, che sia in grado di cogliere i fabbisogni formativi manifestati dal territorio; - modalità di formazione e ricerca mirate; - alta formazione di post qualifica e post diploma; - rafforzamento della rete tra istituzioni per lo sviluppo dell‟asse cultura e dello sviluppo del posizionamento della ricerca e dell‟impresa in rapporto agli altri paesi UE; - attività di ricerca nei settori dei beni culturali e antropologici, dell‟ambiente, dell‟educazione, delle problematiche sociali, nei settori economici, della sicurezza, ecc..

Pagina 58 di 308


Uffici di Informazione ed Accoglienza Turistica -IAT La partnership di progetto ha inteso assegnare a tale strumento una valenza strategica e si propone di realizzare la sede centrale dell‟ufficio di Informazione ed Accoglienza Turistica ( I. A. T. ) dell‟area Metapontino_Basso Sinni, in una posizione strategica e facilmente accessibile quale quella nel Palazzo Baronale di Scanzano Jonico. La sede principale sarà supportata da altre periferiche, di cui: l‟Infopoint dei Casalini a Policoro, dei punti informativi presso il Complesso Monumentale Torre di Mare a Metaponto e presso la delegazione comunale a Nova Siri marina. Tali sedi saranno strutturati con: - personale multilingue; - sala riunione; - computer; - scrivanie; - linea telefonica; - espositori materiale informativo turistico strutture; ricettive e del territorio Metapontino; - attrezzatura video; - sito web in lingue ( azione di web marketing); - “basilm@il”, un servizio che sarà erogato ai turisti attraverso delle postazioni informatiche. Tramite e-mail e grazie ad una fotocamera digitale sarà possibile inviare una propria fotografia arricchita da una cartolina con suggestive immagini del territorio Metapontino. Il dispositivo, inoltre, permetterà di raccogliere indirizzi mail dei turisti, ai quali poi saranno inviati, nel corso dell‟anno, informazioni relative agli eventi del territorio. La sede avrà la funzione di info-point turistico per tutte le informazioni del territorio: - gestione card turistica ( BasilCard); - escursioni; - informazioni hotels,relais,villaggi turistici, b &b , borgo-albergo; - informazioni servizi di transfer aeroportuali; - rent a car ; - informazioni voli nazionali ed internazionali; - informazioni servizi di trasporto pubblico; - informazioni aziende enogastronomiche; - informazioni servizi nautici; - informazioni sul golf; - informazioni manifestazioni ed eventi del territorio; - informazioni salvataggio,recupero d‟altura e costiera. Per potenziare lo sviluppo del brand – metapontino sarà necessario stimolare la crescita della destagionalizzazione turistica, attraverso una offerta turistica in una logica di sistema per creare politiche di promozione nazionali ed Pagina 59 di 308


internazionali. Sarà, pertanto, opportune le seguenti azioni : - catalogo in lingue ( italiano – inglese – tedesco ); - road-show nelle principali città di riferimento del nostro turismo Bari – Roma – Bologna – Milano, in partnership con il Distretto AgroAlimentare di Qualità del Metapontino e il Consorzio di Tutela Vini Doc Matera; - educational tour per agenzie e tour operator selezionati per tipologia del mercato turistico commercializzato; - installazione di schermi touch screen informativi per la visualizzazione dei contenuti dei siti turistici istituzionali; - dotazione di schermi LCD su cui proiettare filmati delle attrattive del nostro territorio; - creazione di isole wireless gratuite per i turisti in viaggio. Il mercato turistico chiede una maggiore qualificazione e diversificazione dell‟offerta turistica e l‟intervento va in tale direzione in quanto tende ad intercettare il turisti e consente di offrire servizi che non potrebbero essere resi senza l‟infrastruttura da completare.

Pagina 60 di 308


Parte C – Quadro degli interventi

Relazione tra obiettivi intermedi/linee di azione/ interventi Esplicitare la relazione secondo il seguente schema:

Obiettivo Intermedio

Linea di azione Linea di azione A1 Linea di azione A1 Linea di azione A1 Obiettivo Linea di Intermedio A azione (Interventi A1 infrastrutturali) Linea di azione A1 Linea di azione A1 Linea di azione A2

Obiettivo Intermedio B (aiuti alle imprese)

Linea di azione B1 Linea di azione B2 Linea di azione B2

Intervento Le antiche Vie - Dal tratturo preistorico alla SS 106

Parco Museale scenografico di Craco I° L.F.

Comunicare i luoghi Realizzazione di un laboratorio antropologico del magico e del fantastico Realizzazione di un Museo Numismatico a Rotondella Costituzione di un ufficio IAT

Completamento del Centro Visite Porta del Pollino Concessione di aiuti per la riqualificazione/trasformazione di strutture ricettive già esistenti, per la realizzazione di strutture per servizi complementari e per la realizzazione di forme ricettive alternative in dimore storiche di pregio Concessioni di agevolazioni per la diversificazione dell‟offerta di attività nautiche Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo di attività ricettive alternative

Pagina 61 di 308


Obiettivo Intermedio C (marketing ed Eventi)

Linea di azione B2 Linea di azione B2 Linea di azione B2 Linea di azione B2 Linea di azione B2 Linea di azione B2 Linea di azione C1 Linea di azione C1 Linea di azione C1 Linea di azione C2 Linea di azione C2 Linea di azione C2 Linea di azione C2

Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo delle strutture complementari di tipo balneare a servizio della ricettività esistente Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo delle attività del benessere e del relax Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo delle attività connesse con il tempo libero Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo di attività di servizio per la fruizione congiunta delle risorse della macroarea Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo di attività di servizio per la fruizione sicura della costa Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo di attività di servizio per la fruizione e la promozione dell'offerta turistica locale Creazione del messaggio promozionale, video promozionali e spot radiofonici Media cartacei (manifesti, guide e cartellone) Promozione turistica IAT

Fiere e work shop Evento letterario – Evento cinematografico – Evento musicale - Eventi enogastronomici Magico & Fantastico

Cartellone Eventi Mostre evento. Le antiche vie. Dal tratturo preistorico alla strada statale ionica 106

Pagina 62 di 308


Pagina 63 di 308


Asse IV – Regimi di aiuto Obiettivo operativo

N° scheda

IV.1.1.B – Promozione e qualificazione delle imprese operanti all‟interno della filiera turistica Linea b.1 Progetti di investimento “portanti” Regime di aiuti in esenzione

RDA_P_1

Tipologia

Aiuti per la riqualificazione / trasformazione di strutture ricettive già esistenti ( almeno n. 1 soglia minima pari a € 1.000.000,00 con soglia massima di investimento pari a € 7.500.000,00 ), per la realizzazione di strutture per servizi complementari e (almeno 2 con soglia minima di investimento pari a € 1.000.000,00), per la realizzazione di forme ricettive alternative in dimore storiche di pregio (almeno 1 con soglia minima di investimento pari a € 1.000.000,00).

Valore (Indicare eventuale peso PUNTEGGI PREMIANTI) - Contributo alla destagionalizzazion e dei flussi turistici ed alla diversificazione delle mete turistiche(30%); - Introduzione e diffusione dell‟uso di nove tecnologie dell‟informazione e della comunicazione (10%); - Adeguati standard di qualità attraverso certificazioni anche di sostenibilità ambientale (10%); - Forme alternative di ricettività (ospitalità diffusa, borgo albergo, ecc) poco impattanti sull‟ambiente (5%).

Pagina 64 di 308


Linea b.2 Progetti di completamento della filiera turistica Regime di Aiuti di importo limitato

Concessioni di agevolazioni per la RDA_C_1 diversificazione dell‟offerta di attività nautiche

Concessioni di agevolazioni per lo RDA_C_2 sviluppo di attività ricettive alternative

- Contributo alla destagionalizzazion e dei flussi turistici ed alla diversificazione delle mete turistiche (40%); - Grado di innovatività dell‟intervento e prospettive di mercato positive (30%); - Progetti di realizzazione di impianti complementari strutture ricettive esistenti (30%). - Contributo alla destagionalizzazion e dei flussi turistici ed alla diversificazione delle mete turistiche (25%); - Adeguati standard di qualità attraverso certificazioni anche di sostenibilità ambientale (25%); - Grado di innovatività dell‟intervento e prospettive di mercato positive (50%).

Pagina 65 di 308


Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo delle strutture RDA_C_3 complementari di tipo balneare a servizio della ricettività esistente

Concessioni di agevolazioni per lo RDA_C_4 sviluppo delle attività del benessere e del relax

- Contributo alla destagionalizzazion e dei flussi turistici ed alla diversificazione delle mete turistiche (25%); - Adeguati standard di qualità attraverso certificazioni anche di sostenibilità ambientale (25%); - Grado di innovatività dell‟intervento e prospettive di mercato positive (50%). - Contributo alla destagionalizzazion e dei flussi turistici ed alla diversificazione delle mete turistiche (25%); - Adeguati standard di qualità attraverso certificazioni anche di sostenibilità ambientale (15%); - Grado di innovatività dell‟intervento e prospettive di mercato positive (20%); - Progetti di realizzazione di impianti complementari strutture ricettive esistenti (35%).

Pagina 66 di 308


Concessioni di agevolazioni per lo RDA_C_5 sviluppo delle attività connesse con il tempo libero

- Contributo alla destagionalizzazion e dei flussi turistici ed alla diversificazione delle mete turistiche (25%); - Adeguati standard di qualità attraverso certificazioni anche di sostenibilità ambientale (15%); - Grado di innovatività dell‟intervento e prospettive di mercato positive (20%); - Progetti di realizzazione di impianti complementari strutture ricettive esistenti (35%).

Pagina 67 di 308


Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo di attività di RDA_C_6 servizio per la fruizione congiunta delle risorse della macroarea

Concessioni di agevolazioni per lo RDA_C_7 sviluppo di attività di servizio per la fruizione sicura della costa

- Introduzione e diffusione dell‟uso di nove tecnologie dell‟informazione e della comunicazione (30%); - Grado di innovatività dell‟intervento e prospettive di mercato positive (30%); - Progetti di realizzazione di impianti complementari strutture ricettive esistenti (20%); - Connessione con interventi infrastrutturali (gestione a fini produttivi dei beni culturali e naturali) (20%). - Adeguati standard di qualità attraverso certificazioni anche di sostenibilità ambientale (20%); - Grado di innovatività dell‟intervento e prospettive di mercato positive (40%); - Progetti di realizzazione di impianti complementari strutture ricettive esistenti (40%).

Pagina 68 di 308


Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo di attività di RDA_C_8 servizio per la fruizione e la promozione dell'offerta turistica locale

- Contributo alla destagionalizzazion e dei flussi turistici ed alla diversificazione delle mete turistiche (30%); - Introduzione e diffusione dell‟uso di nove tecnologie dell‟informazione e della comunicazione (20%); - Adeguati standard di qualità attraverso certificazioni anche di sostenibilità ambientale (5%); - Grado di innovatività dell‟intervento e prospettive di mercato positive (5%); - Progetti di realizzazione di impianti complementari strutture ricettive esistenti (10%); - Connessione con interventi infrastrutturali (gestione a fini produttivi dei beni culturali e naturali) (30%).

Pagina 69 di 308


Asse IV – Acquisizione di beni e servizi Obiettivo operativo

IV.1.2.A – Azioni di comunicazione e marketing turistico

N° scheda

Tipologia bene/servizio

ABS_1

Promozione Turistica IAT Comunicazione Turistica del territorio e della Basilicata mediante spot video e radiofonici, materiali promozionali e pubblicità sui media Fiere e work shop, educational, press tour, comarketing, promocommercializzazione Evento letterario – Evento cinematografico – Evento musicale - Eventi enogastronomici Magico & Fantastico Cartellone Eventi Mostre evento. Le antiche vie. Dal tratturo preistorico alla strada statale ionica 106

ABS_2

ABS_3

ABS_4 ABS_5 ABS_6 ABS_7

Valore (IMPORTO PER CIASCUNA AZIONE) € 140.000,00

€ 292.000,00

€ 216.000,00

€ 312.600,00 € 49.400,00 € 103.000,00 € 102.000,00

Pagina 70 di 308


Parte E – Piano finanziario – cronoprogramma – sistema degli indicatori Piano finanziario (rimodulato)

Rispetto delle seguenti soglie per singola tipologia di operazione: 25% per infrastrutture 60% per regimi di aiuto di cui :

1l 45%per aiuti progetti “portanti” il 15% per aiuti di importo limitato

15% per la promozione di cui :

l’8% per marketing Il 7% per Grandi eventi

Pagina 71 di 308


Cronoprogramma Di seguito si riporta la tempistica attuativa del P.I.O.T. Metapontino Basso Sinni

A1

A2

B1

B2

C1

C2

Cronoprogramma delle attività per Linea di azione e semestre 2010 2011 2012 Linea di azione I° Sem. II° Sem. I° Sem. II° Sem. I° Sem. II° Sem. Interventi infrastrutturali volti alla valorizzazione e miglioramento della fruibilità dei beni culturali. (Infrastrutture culturali) Interventi infrastrutturali volti alla valorizzazione e miglioramento della fruibilità delle risorse naturali. (Infrastrutture naturali) Riqualificazione e trasformazione di strutture ricettive esistenti, realizzazione di strutture per servizi complementari e per la realizzazione di forme ricettive alternative in dimore. (Aiuti per progetti portanti) Sviluppo di servizi ed impianti complementari per la ricettività e la filiera turistica. (Aiuti di importo limitato) Comunicazione e Marketing (Per marketing) Realizzazione e promozione di eventi originali a forte richiamo e di diversa articolazione tematica e temporale. (Per grandi eventi)

2013 I° Sem. II° Sem.

Pagina 72 di 308


Indicatori di realizzazione fisica Indicare valore numerico degli indicatori di realizzazione fisica, in coerenza con gli obiettivi operativi attivati ed i contenuti delle schede delle operazioni allegate Obiettivo operativo

Indicatore di realizzazione

IV.1.1 Strutturazione di „pacchetti integrati di offerta turisticaâ€&#x; volti alla valorizzazione delle risorse culturali e naturali attraverso la qualificazione del tessuto imprenditoriale operante lungo tutta la filiera turistica IV.1.2 Potenziamento e specializzazione delle azioni di promozione turistica

Pacchetti integrati di offerta turistica realizzati Interventi di valorizzazione dei beni culturali Interventi di valorizzazione dei beni naturali

Azioni di marketing territoriale realizzate Eventi realizzati

UnitĂ di misura

N.ro

Valore atteso ad attuazione PIOT 1

N.ro 6

N.ro

1

N.ro N.ro

3 4

Pagina 73 di 308


Indicatori di risultato e di impatto occupazionale Popolare gli indicatori di risultato e di impatto occupazionale nel rispetto della legenda ed in coerenza con i contenuti delle schede delle operazioni allegate Obiettivo specifico Indicatore di UnitĂ Valore Valore risultato di attuale atteso ad misura attuazione PIOT IV.1 Valorizzare lâ€&#x;insieme Incremento arrivi n.ro 149.121 230.000 delle risorse culturali e Giornate di naturali, , al fine di presenze turistiche strutturare pacchetti per abitante nei integrati di offerta turistica mesi non estivi in grado di diversificare le % 46% 160% destinazioni turistiche regionali ed accrescere la loro competitivitĂ  sui mercati nazionali ed esteri

Pagina 74 di 308


Parte F – Eventuale Programammazione Integrativa Asse IV – Operazioni Obiettivo N° Denominazione intervento operativo scheda OP_1 Parco Museale Scenografico di Craco –2° lotto funzionale OP_2 Completamento Aeroporto E. Mattei Pisticci-Matera – Implementazione opere infrastrutturali OP_3 Progetto per la realizzazione del “porto canale a Nova Siri” OP_4 Progetto per la tutela, il recupero e la valorizzazione eco-sostenibile della pineta della Fascia Jonica a fini turistici OP_5 Potenziamento infrastrutturale ed informatico delle aree archeologiche presenti sul territorio OP_6 Organizzazione di percorsi IV.1.1.A virtuali per visite telematiche delle aree della antica Magna Grecia OP_7 Cicli di alta formazione tecnico-scientifica relativamente ai dati geoambientali con adeguamento strutturale dell‟edificio conosciuto con il nome di “Palazzo Giacchino” OP_8 Laboratorio territoriale per la fruizione del sistema informativo culturale e naturalistico OP_9 Museo Virtuale di Guglielmo Marconi.

Valore

1.000.000,00

7.000.000,00

12.000.000,00

12.000.000,00

1.500.000,00

1.000.000,00

3.000.000,00

3.000.000,00 3.000.000,00

Pagina 75 di 308


OP_10

OP_11

Realizzazione di interventi di ricucitura e ricostituzione dei sistemi dunali attraverso lo sviluppo di modelli di difesa attiva della biodiversitaâ€&#x; vegetale mediante sistemi avanzati di restauro ambientale e valorizzazione attiva del paesaggio nella costa jonica meta pontina. Sistema Alternativo di Trasporto pedonale attraverso lâ€&#x;impiego di un impianto meccanizzato di accesso al museo diocesano (complesso monumentale San Filippo Neri).

10.000.000,00

1.000.000,00

Pagina 76 di 308


Allegati: Singole schede per diversa tipologia Interventi Infrastrutturali

SCHEDA n° OP_1 (Intervento su fondi disponibili)

Denominazione Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione

Obiettivo operativo IV.1.1.A “Sostegno alla formazione ed al consolidamento di pacchetti integrati di offerta turistica attraverso la realizzazione di interventi infrastrutturali mirati alla fruibilità e valorizzazione a fini turistici delle risorse naturali e dei beni culturali” Interventi Infrastrutturale LE ANTICHE VIE DAL TRATTURO PREISTORICO ALLA STRADA STATALE IONICA 106. Si tratta di un progetto che riguarda tutta la fascia ionica della Basilicata, dal Bradano al Sinni, compreso l‟immediato entroterra. Il territorio costiero, interessato dalla colonizzazione greca, risulta al momento ben rappresentato dai Parchi Archeologici di Metaponto e di Herakleia-Policoro e dai due rispettivi Musei Nazionali. La qualità e la quantità dei materiali esposti documentano tutte le principali fasi di vita delle due colonie greche e ne mettono in evidenza le peculiarità degli aspetti religiosi, artigianali, commerciali e sociali. Ogni centro, inoltre, ha le sue specificità nella organizzazione urbana dell'abitato e nello sfruttamento delle risorse agricole del territorio. Nella campagna metapontina prevale un modello basato in prevalenza sulla piccola fattoria a conduzione familiare. A Policoro, invece, sembrano maggiori le testimonianze riferibili a grossi complessi rurali, anche lontani dal centro urbano di Herakleia. Se la fase greca nelle due località è ben documentata. il periodo romano, al momento, è meno percepito. Nell'immaginario risulta assente, quasi schiacciato dalla prevalenza delle forme greche, ritenute erroneamente uniche. Le cause sono da ricercare nelle vicende storiche che hanno determinato un oggettivo impoverimento dei due centri nel periodo romano, ma anche nell'interesse della ricerca che ha privilegiato lo scavo delle aree urbane e delle necropoli di età greca dei due importanti colonie. Le presenze romane testimoniano un diverso modello insediativo e produttivo rispetto a quello meglio documentato della fase precedente. Nel territorio la fattoria è sostituita dalla villa rustica, all'interno della quale operano più figure con ruoli e professionalità differenti. La piccola proprietà assume le dimensioni del latifondo con disponibilità di ampie porzioni di territorio e con il conseguente ricorso a manodopera anche servile. Pagina 77 di 308


I casi più significativi sono costituiti dal complesso termale di Cugno dei Vagni a Nova Siri, dalla villa di Termitito a Scanzano Jonico e dagli ambienti rurali del Bivio di Pisticci. Queste testimonianze hanno spesso un considerevole risalto monumentale e particolari decorativi di grande interesse, quali mosaici decorati, ambienti intonacati, ambienti produttivi etc. Si tratta di tre distinte realtà archeologiche, databili tra il tardo periodo repubblicano e l'età imperiale. In comune hanno un rapporto stretto con la viabilità costiera, attualmente rappresentata dalla Statale Jonica 106. Il toponimo di Cugno dei Vagni è, non casualmente, Taverna, con esplicito riferimento alla funzione di ospitalità svolta dalla struttura. E' ormai chiaro che il tracciato della moderna arteria SS 106 ripercorre quello del cosiddetto Tratturo Regio, a sua volta corrispondente alla via greca di collegamento tra il porto di Herakleia (foce Sinni) e Metaponto, con direzione Sibari Taranto. La presenza del santuario delle Tavole Palatine e delle stessi colonie greche sui lati del percorso rappresenta un segno forte e importante di questa continuità e del ruolo svolto dall‟antico asse viario. La fotografia aerea e la documentazione archeologica hanno ulteriormente confermato che tale asse è stato frequentato già in età preistorica. Ne sono testimonianza i rinvenimenti della Tavole Palatine, di Pantanello, di Termitito, della collina di Policoro, di Rotondella. Il progetto ha due linee di sviluppo principale. Una intende unire i fili della rete costituita dai resti archeologici monumentali d'età romana, da collegare in maniera più organica alle altre testimonianze, anche di età greca (parchi e musei), lungo l‟antico percorso litoraneo e colmare i vistosi ritardi della loro conoscenza e proporre una loro valorizzazione attraverso interventi di consolidamento e ricostruzione tridimensionale (elevati parziali e coperture per riproporre i volumi e proteggere i pavimenti a mosaico). Similmente occorre collegare all‟antico percorso litoraneo gli assi viari che da questo si diramavano ed ancora si diramano verso l‟interno delle basse vallate dal Bradano al Sinni. Occorre, infatti, collegare le realtà archeologiche della costa ionica di Siris-Herakleia e di Metaponto con le realtà dell‟immediato entroterra, favorendo la creazione di itinerari interni che valorizzino tutte le potenzialità culturali e paesaggististiche esistenti. In questa prospettiva si possono valorizzare le evidenze e i collegamenti storico-culturali tra le colonie greche costiere ed i siti indigeni, poi fortemente ellenizzati, presenti nei territori comunali di Tursi, Valsinni, S. Giorgio Lucano, Pagina 78 di 308


Sintesi descrittiva dell‟intervento

Colobraro, Montalbano Jonico, Craco e Pisticci, ossia nell‟intero bacino territoriale attualmente interessato dal Progetto PIOT. L'altra linea propone, nella forma della mostra o evento, la presentazione della documentazione archeologica proveniente dagli interventi effettuati nel tempo lungo l'attuale strada ionica, da Nova Siri al fiume Bradano. Il nucleo prevalente sarà costituito dai numerosi corredi funerari recuperati a seguito dell'ampliamento recente della Statale SS 106, che ha interessato la necropoli di Metaponto. Ma documenti significativi provengono dal resto del territorio agricolo metapontino e da tutta la fascia costiera. Con l'occasione sarà anche possibile riprendere vecchi rinvenimenti, come quello di Masseria del Concio di Policoro, monumento circolare a grossi blocchi squadrati della fase di Herakleia, o dello scavo di Cospito-Caserta a Policoro e della vicina necropoli orientale di Herakleia. Portale informativo “Magna Grecia” da ubicare presso i locali delle Tavole Palatine di Metaponto. Allestimento informativo con realtà virtuali, video, carte tematiche plurilingue degli itinerari turistici del bacino del PIOT. Distribuzione di materiale illustrativo sulla realtà turistico-culturale, per il tempo libero ed enogastronomiche della costa ionica della Basilicata e del suo entroterra.. Un adeguato sistema di comunicazione deve essere previsto all‟interno dei comuni e presso le località balneari della fascia ionica (display informativi) con distribuzione di materiale informativo presso le realtà turistico-ricettive dell‟area. Progetto di Completamento del Parco archeologico <monumentale “Torre di Mare” Metaponto. Il complesso torre di Mmare a Metaponto insiste su un‟area di circa 16.600 mq, i è sostituito da alcuni edifici rapportabili alle diverse epoche della vicenda storica dell‟area e da vari rinvenimenti derivanti dalle ricerche archeologiche effettuate in passato. Il complesso si compone di un nucleo centrale del settecento realizzato riutilizzando parte delle fabbriche mediavali. Si estende su due piani è costituito da sequenza di ambienti coperti a volta e aggregati a schiera, di un grande capannone di fine secolo XIX e si estende su due livelli, la Chiesa di S. Giovanni e S. Leone, la cinta medievale del XII secolo, , Cinta del secolo XVI, cinta del secolo XVII e il cortile interno. La torre è stata oggetto di intervento anche con i fondi dell‟accordo di programma del PIT metapontino.che ha previsto il recupero del nucleo centrale. Con l‟intervento previsto in questa operazione si Pagina 79 di 308


prevedeil completamento della corte interna utilizzata per eventi teatrali e di spettacolo prevedendo:il restauro del paramento murario, la regimentazione delle acque e della vasca di raccolta, il completamento della chiusura del complesso e l‟impianto di illuminazione. E‟ prevista inoltre l‟arredo del nucleo centrale. Siti Archeologici sulla SS 106 Jonica e sulle vie interne oggetto di intervento nel territorio del PIOT: Comune di Nova Siri – Loc. Ciglio dei Vagni – Taverna Il terrazzo di Ciglio dei Vagni è occupato da un insediamento di età romano-imperiale, attestato dalle fonti antiche, in particolare negli Itineraria come stazione di sosta lungo la via litoranea antica. Tale funzione del sito sopravvive nel toponimo conservato di Taverna. Dell‟importante realtà archeologica emergono le strutture relative ad un imponente impianto termale del III secolo d. C. (da cui il toponimo di Ciglio dei Vagni o Bagni). L‟area delle strutture murarie antiche deve essere oggetto di indagine archeologica, restauro conservativo e sistemazione generale in funzione di una valorizzazione del sito, da destinare anche ad eventi culturali, in particolare nella stagione estiva. E‟ necessaria altresì una protezione dell‟area di affioramento delle strutture antiche dal rischio idraulico rappresentato dalle acque meteoriche che in eventi recenti hanno fortemente eroso il pendio soprastante. Completamento dell‟intervento per la messa in evidenza del complesso archeologico, consolidamento delle strutture murarie e messa in sicurezza ai fini della fruibilità Comune di Policoro - Parco Archeologico di Siris-Herakleia Il Parco Archeologico di Siris-Herakleia e il relativo Museo Nazionale necessitano di adeguamenti e sistemazioni finalizzati al loro utilizzo durante l‟intero anno solare. L‟imminente apertura delle nuove sale espositive richiede il completamento della sistemazione esterna del Museo Nazionale in corrispondenza delle uscite dallo stesso. Detta sistemazione prevede il completamento della pavimentazione esterna e la risistemazione dei Giardini ormai depauperati di essenze con allestimento di elementi lapidei antichi recuperati sul territorio. Occorre effettuare una sistemazione di un‟area del Parco Archeologico da attrezzare per eventi estivi con posizionamento di strutture lignee mobili. Realizzazione di un chiosco prefabbricato da ubicare nei giardini da utilizzare come caffetteria e bookshop. Sistemazione esterna del Museo e delle aree del Parco, compreso il chiosco bookshop Comune di Scanzano Jonico – Loc. Termitito Pagina 80 di 308


Il sito di Termitito è una realtà di grande interesse archeologico, con una documentazione che inizia nella Media età del bronzo e si protrae, senza apparenti soluzioni di continuità, fino alla tarda fase romana. Lo stato ottimale di conservazione delle sue strutture e la presenza di numerose aziende e operatori del turismo nell‟area, consentono di aprire alla pubblica fruizione l‟intero complesso sperimentando anche nuove forme di gestione pubblico-privato. Occorre realizzare l‟apparato informativo dell‟insediamento dell‟età del bronzo collegato alle presenze di tipo egeo-miceneo con visita alla capanna protostorica. La monumentale villa romana di Termitito, che rappresenta una delle più importanti testimonianze di tale fase sulla costa ionica, necessita di un intervento, conservativo e ricostruttivo, che possa restituire al monumento la sua reale importanza come residenza legata all‟economia agricola del territorio lungo la via litoranea. Il grande impianto deve essere dotato altresì di un apparato esplicativo sul sito. Comune di Pisticci – Bivio San Basilio Recupero e valorizzazione del complesso produttivo di età romana di Bivio San Basilio al fine di delineare l‟importanza economica del territorio in età romana lungo il tracciato della via litoranea. Centro informativo a Pisticci. Comune di Montalbano- Località Bosco Demanio, San Nicola e Ventomare Raccolta e riproposizione sistematica, attraverso realtà virtuali, immagini e video, delle presenze più significative relative alla frequentazione antropica del territorio, dalle emergenze monumentali dell‟abitato alle numerose testimonianze di carattere produttivo ed insediativo. Particolare attenzione è riservata al paesaggio dei calanchi. Comune di Valsinni – Località Monte Coppolo e Pizzo Valorizzazione dell‟abitato lucano di Monte Coppolo con recupero del sentiero di accesso all‟acropoli. Ricostruzione di un altro segmento delle mura di fortificazione. Segnaletica illustrativa della realtà archeologica e del contesto naturalistico (flora, fauna). Recupero e valorizzazione del sito lucano, forse fortificato, del vicino promontorio di loc. Pizzo. Portale illustrativo nel centro del paese con riferimento al sito fortificato ed ai sentieri di Isabella Morra su Monte Coppolo. Comune di Tursi – Loc. Santa Maria di Anglona Pagina 81 di 308


Recupero e valorizzazione delle strutture medievali del cd. Castello di fronte alla Basilica normanna. Realizzazione punto di osservazione del panorama sui calanchi adiacenti la collina di Anglona. Recupero del porticato situato in prossimità della Basilica per allestimenti informativi. Soggetto responsabile Soggetto attuatore Altre amministrazioni coinvolte Target dell‟operazione Criteri di selezione Coerenza con la domanda di fruizione culturale della popolazione residente e del mercato turistico

Comunità Montana Basso Sinni Comunità Montana Basso Sinni

Turisti e la popolazione residente

Oggi, se si osserva l‟intera Costa Jonica, è fuori discussione che il turismo ha fatto notevoli passi in avanti. Si nota tuttavia l‟esistenza di un significativo gap tra il prodotto base – le risorse – e il complesso di servizi e produzioni che fanno dell‟esperienza turistica un prodotto turistico globale. Relativamente agli aspetti più turistici, l‟area del P.I.O.T “LE ANTICHE VIE”, grazie a un'offerta ricettiva di significativa rilevanza sia quantitativa sia qualitativa, raccoglie già oggi più del 60% delle presenze dell‟intera regione. Si tratta però di un turismo estivo e legato principalmente al comparto balneare tanto che circa il 95% dei flussi turistici si concentra nei mesi estivi con il picco ad agosto e poi luglio. Occorre inoltre ricordare che si tratta quasi esclusivamente di turismo nazionale proveniente in maggioranza dalle regioni limitrofe. Attualmente, dunque, quest‟area si posiziona nello scenario competitivo come destinazione turistica balneare per il mercato nazionale di prossimità. Nonostante ciò, si ravvisano tutti gli elementi per articolare un'offerta "non solo mare" capace di ampliare l‟offerta e, soprattutto, di spalmarla su un arco temporale più lungo. La sfida per la competitività non può allora che passare attraverso un'offerta innovativa (nuovi prodotti turistici). Il turismo, da attività economica disarticolata e policentrica, deve diventare un sistema integrato e omogeneo. E‟ necessario che si diffondano processi di ideazione e produzione di nuovi prodotti e servizi turistici; si elaborino nuovi percorsi gestionali che superino la Pagina 82 di 308


Qualità dell‟offerta culturale e dei servizi per la fruizione anche in relazione ai livelli di innovazione tecnologica introdotti

frammentarietà del settore; si individuino nuove visioni condivise, unificanti e lungimiranti. Il territorio ha il privilegio di essere stata il crocevia per i traffici provenienti dall‟Oriente che collegavano i centri ionici, prendendo la via dell‟entroterra lucano e tirrenico, e di tutto ciò conserva importanti ritrovamenti archeologici. In altri termini, è possibile affermare che ci sono tutti i presupposti per la candidatura e l‟affermazione di un sistema turistico integrato con quelle che sono le peculiarità territoriali. Dunque, il patrimonio archeologico, le risorse naturali e la bassa antropizzazione sono gli elementi che delineano oggi la frontiera per il turismo in questa parte della Basilicata. Al fine di promuovere il turismo e di arricchire la conservazione, la fruizione e la valorizzazione dei Beni Culturali nella fascia Ionica, si prevede lo sviluppo dell‟aspetto culturale e naturalistico che per vocazione è la risorsa principale del territorio in esame. Attraverso il connubio tra il mondo reale, caratterizzato dal patrimonio storiconaturalistico comunemente percepito come luogo dimensionale in cui l‟individuo può agire e il mondo digitale, con la progettazione di spazi virtuali privi di volumi fisici e caratterizzati dalle più moderne metodologie che l‟innovazione tecnologica ci mette a disposizione, si otterrà un “ponte” che permetterà la comunicazione tra i due mondi: digitale e reale aumentando la capacità cognitiva dell‟individuo. La rivalutazione dunque sarà articolata su tre aree tematiche di intervento, caratterizzate sia dall‟aspetto infrastrutturale che da quello informatico. La prima area tematica è relativa al potenziamento infrastrutturale ed informatico delle aree archeologiche presenti sul territorio. Gli interventi riguarderanno principalmente le indagini e le ricognizioni archeologiche, la sistemazione generale delle strutture murarie esistenti sia di età classica che medievali, il restauro ricostruttivo ai fini conservativi dei beni archeologici, il recupero di sentieri noti da un punto di vista storico e la creazione apposita di un‟esauriente segnaletica illustrativa delle realtà archeologiche e del contesto naturalistico attuale. Si prevede oltremodo, all‟interno del Comune di Policoro il completamento e l‟apertura di nuove sale espositive del Museo della Siritide (comprese una caffetteria ed un bookshop), la sistemazione dei giardini ad esso adiacente e l‟assetto completo dell‟area del Parco Archeologico da attrezzare con strutture lignee riferibili al supposto teatro finalizzato ad eventi culturali estivi e con la ricostruzione di un plastico che esprima scene di vita dell‟antica città greca. Sempre nel Comune di Policoro, al fine di una parziale ricostruzione dell‟antica cinta muraria saranno previste una o più Pagina 83 di 308


indagini geofisiche che ne individuino il percorso originario (Policoro, Nova Siri, Scanzano Jonico, Valsinni, Tursi, Craco). A livello informatico nelle medesime aree archeologiche si prevede la creazione e l‟implementazione di portali informatici caratterizzati dalle più importanti informazioni storiche, naturalistiche, archeologiche che potranno essere abbinati alle recenti modificazioni del territorio. Saranno organizzati alcuni percorsi virtuali per visite telematiche delle aree oggetto di indagine. Il territorio in esame, riconducibile all‟antica Magna Grecia è stato idealizzato con alcune porte di accesso dove il turista avrà la possibilità di fare un‟immersione cognitiva sulle potenzialità e sulla cultura del territorio, che saranno sintetizzate attraverso delle sale espositive multimediali e dei portali web da collocarsi in opportuni punti strategici del territorio. Attraverso queste informazioni desunte dai portali informativi si effettuerà una risistemazione delle sale espositive dei Musei di Policoro e di Metaponto. Inoltre saranno proposte delle ricostruzioni virtuali di alcune parti emblematiche delle aree archeologiche in esame quali per esempio la cinta difensiva di Policoro. (Metaponto, Policoro, Scanzano Jonico, Valsinni, Craco, Parco Nazionale del Pollino) Per valorizzare ulteriormente il turismo culturale si vuole dare uno spazio informativo per avvicinare giovani del contesto nazionale ed europeo, al territorio, mediante cicli di alta formazione tecnicoscientifica relativamente ai dati geo-ambientali. Per tale polo di Alta formazione si prevede l‟adeguamento strutturale dell‟edificio conosciuto con il nome di “Palazzo Giacchino”. Tale adeguamento consisterà nella ristrutturazione completa dell‟edificio organizzando gli spazi interni appositamente per la scuola. Inoltre l‟edificio presenterà adeguamenti eco-compatibile sfruttando anche le energie rinnovabili per il suo funzionamento. Tale polo oltre ad essere un laboratorio per l‟alta formazione si caratterizzerà anche come laboratorio sperimentale sul futuro della compatibilità ambientale. Dovrà essere dotata di due aule di informatica di 15 postazioni ciascuna. Tali postazioni dovranno essere delle workstation ad alte prestazioni di processamento, di memoria e di grafica permettendo in questo modo lo svolgimento di corsi inerenti ai sistemi informativi territoriali, alla fotogrammetria tridimensionale alla foto interpretazione delle immagini satellitari fino ai processi di modellazione e virtualizzazione dei dati acquisiti. Inoltre dovranno essere acquisite licenze per software applicativi per le sopracitate specializzazioni. All‟interno dovranno essere presenti un aula per seminari e piccoli convegni, una biblioteca ed una sala di esposizioni audiovisive. Tale centro dovrà essere dotato anche delle Pagina 84 di 308


Innovatività tecnicoprogettuale dell‟intervento anche in termini di ricorso alle tecnologie della S.I. Idoneità dell‟intervento a realizzare circuiti, reti, itinerari tematico-territoriali

strumentazioni necessarie allo svolgimento dei corsi in campagna durante i rilievi (GPS, Stazioni Totali, Laser Scanner terrestri) In questa valorizzazione territoriale il comune di Policoro propone l‟allestimento di un laboratorio territoriale in cui si legheranno gli aspetti culturali naturalistici agli aspetti tecnologici. Sarà creato un sistema informativo territoriale basato su l‟acquisizione di tutte le informazioni territoriali storiche e recenti. In tale sistema saranno inoltre inserite le informazioni delle variabili geo-ambientali e naturalistiche al fine di creare un contenitore dinamico che permetta la fruizione e la conoscenza del territorio in maniera interattiva. Tale organizzazione permetterà al visitatore di fruire il territorio in maniera esaustiva da ogni aspetto culturale, sia storico che naturalistico. Tale visita avverrà in opportune sale multimediali dove saranno ricostruiti su supporto informatico la vita e l‟organizzazione dell‟antica Herakleia. Sarà inoltre possibile contestualizzare i reperti museali nelle loro disposizioni originarie tramite il ponte che lega il mondo reale a quello virtuale in cui il visitatore potrà toccare virtualmente l‟oggetto, vederne la destinazione d‟uso e visitare il luogo dove era contenuto. Questa organizzazione permetterà una trasformazione del territorio in qualità di museo a cielo aperto, dove il visitatore, il turista attraverso dispositivi mobili di elaborazione, potrà essere informato in tempo reale della vicinanza di un bene storiconaturalistico e delle sue caratteristiche intrinseche. Questi sistemi multimediali saranno la guida personale di colui che si immergerà nel territorio conoscendone tutte le sue caratteristiche. In questa duplice navigazione reale e virtuale l‟utente potrà scegliere il tipo di percorso da fare su diverse scale di livello di approfondimento. Per tale ragione saranno disposti sensori di prossimità sul territorio rispetto ai punti maggiormente sensibili di interesse. L‟intervento prevede anche la realizzazione di interventi di riproduzione multimediale dei siti e di conseguenza l‟intervento è innovativo anche in termini di ricorso alle tecnologie della S.I.

Per il turista riconoscere segni che identificano chiaramente il territorio come un sistema di ospitalità di qualità è un elemento di scelta sempre più presente e che garantisce la possibilità di vivere un‟esperienza di qualità, alla scoperta di luoghi di cultura e tradizioni, fuori dai flussi turistici tradizionali. La destinazione è il luogo in cui si concentra l‟attività turistica e a cui viene attribuita un‟immagine Pagina 85 di 308


turistica. Essa si identifica con un sistema di relazioni funzionali fondato sull‟interazione tra gli operatori pubblici e quelli privati. Da questa affermazione discendono importanti implicazioni sul piano della governance del settore, mettendo chiaramente in luce l‟importanza di una azione coordinata tra pubblico e privato che garantisca la “cabina di regia”. Il successo dell‟idea progettuale dipenderà inevitabilmente dalla capacità di cooperare degli attori coinvolti nel turismo, senza che ciò si limiti all‟interno dei confini individuati dal PIOT. Si prevede che l‟affermazione del progetto possa innescare circoli virtuosi in grado di attirare sull‟intero territorio regionale flussi turistici caratterizzati dall‟interesse per le risorse culturali e ambientali. Nel rispetto delle peculiarità e autonomie degli altri territori, il PIOT deve farsi promotore della nascita e consolidamento di un vero e proprio Sistema Turistico che si concretizza in un campo di sperimentazione di nuove modalità di concertazione e gestione delle strategie e delle azioni dell‟intera filiera turistica nell‟ambito dello specifico territorio di riferimento. Inoltre, Il PIOT “LE ANTICHE VIE”, in raccordo con le linee di indirizzo della politica turistica regionale, si propone di realizzar “accordi di cooperazione” per raccordare i diversi territori in azioni di sviluppo comune. L‟oggetto dell‟accordo si esplicita in interventi per lo sviluppo sostenibile e la promozione unitaria dell‟offerta turistica della Costa Jonica della Basilicata nel pieno riconoscimento e tutela delle singole peculiarità paesaggistiche. Per perseguire tale scopo l‟accordo potrà, a titolo esemplificativo ma non limitativo, prevedere le seguenti attività: - sviluppo, promozione commerciale e di marketing del sistema locale di offerta turistica; - valorizzazione e promozione dei settori collegati al turismo quali ad esempio le produzioni enogastronomiche, l‟artigianato, la cultura; - gestione dell‟accoglienza e informazione turistica sul territorio; - cura delle relazioni commerciali e dei rapporti con operatori turistici nazionali ed esteri; - promozione e coordinamento di attività, iniziative, manifestazioni, studi, convegni e congressi di interesse per il turismo, anche in collaborazione con altre aziende, enti e associazioni locali; - realizzazione di ricerche di mercato e svolgimento di programmi di ricerca scientifica, tecnologica, progettuale, di sperimentazione e di aggiornamento di supporto alla pianificazione turistica; - assistenza agli operatori locali per interventi di promozione e diffusione della qualità nelle attività di gestione e di scouting delle opportunità di finanza agevolata ai vari livelli europeo, italiano e Pagina 86 di 308


regionale; - realizzazione e mantenimento costante del sito internet per le relazioni con il mercato e i rapporti con gli attori locali; - partecipazione a fiere, mostre ed eventi di carattere turistico, artigianale, culturale, agricolo, vitivinicolo ed enogastronomico, anche in collaborazione e raccordo con la politica regionale; - sviluppo dell'attività di accoglienza anche attraverso la cura e l'eventuale gestione di beni culturali, ambientali e di servizi; organizzazione e gestione sul territorio di competenza di eventi e manifestazioni; - sensibilizzare gli operatori, le Pubbliche Amministrazioni, le popolazioni locali per consentire la diffusione della cultura di accoglienza sul territorio e di ospitalità turistica; - iniziative ed interventi per il raccordo delle azioni locali con la politica turistica regionale. Orientamento al La Costa Jonica della Basilicata si trova ad un punto cruciale nel suo mercato turistico in percorso di sviluppo del turismo: continuare a proporre un‟offerta termini di disomogenea radicalmente legata al turismo balneare oppure incidenza sulla rilanciarsi e affermarsi come destinazione turistica del sud Italia. domanda attuale Il turismo è cambiato! L‟accoglienza di un territorio, infatti, non può e potenziale più basarsi solo sull‟esistenza di una più o meno adeguata offerta turistica, ma gran parte del proprio successo si gioca sulla capacità che quel territorio ha di attrarre su di sé interesse e consensi. Oggi, se si osserva questa area, è fuori discussione che il turismo ha fatto notevoli passi in avanti. Si nota tuttavia l‟esistenza di un significativo gap tra il prodotto base – le risorse – e il complesso di servizi e produzioni che fanno dell‟esperienza turistica un prodotto turistico globale. Nonostante ciò, si ravvisano tutti gli elementi per articolare un'offerta "non solo mare" capace di ampliare l‟offerta e, soprattutto, di spalmarla su un arco temporale più lungo. Contributo alla Il turismo culturale ha registrato, negli ultimi anni, una crescita destagionalizzazio costante che ha interessato, prevalentemente, le città d‟arte, i siti ne dei flussi culturali e i luoghi sede di manifestazioni ed eventi inerenti i diversi turistici ambiti della cultura e dell‟arte. In Basilicata il turismo culturale è alimentato innanzitutto da Matera i cui valori paesaggistici e urbanistici hanno determinato il riconoscimento UNESCO che costituisce il vero volano dell‟immagine “Basilicata cultura”. Ma significativi incrementi di presenze, specie di tipo escursionistico, si registrano, inoltre, su tutto il territorio regionale. Partendo dalla fotografia attuale del sistema turistico metapontino si evidenzia come siamo in presenza di due macro-gruppi. Da un lato abbiamo i visitatori passivi, dall‟altro quelli impegnati. I turisti / Pagina 87 di 308


visitatori passivi sono coloro per i quali una visita è semplicemente una cosa fatta come passatempo, o che vedono il bene come attrazione secondaria o accessoria tanto che questa non è necessariamente la motivazione principale del viaggio. Si pensi ad esempio alla domanda di turismo balneare. In questo caso, le azioni che si intende mettere in atto consistono nel mettere a sistema l‟offerta turistica balneare con l‟offerta culturale attraverso congiunzioni “soft”, ovvero attraverso la costruzione di pacchetti turistici in grado di ampliare la gamma di servizi ad uso del turista balneare nell‟ottica di rafforzare la competitività della costa jonica al fine di difendere le attuali quote nel mercato di prossimità e di attrarre nuovi turisti anche internazionali. Puntare sul turismo internazionale anche per il prodotto mare si ritiene possa essere una scelta conveniente in quanto ciò può consentire un allungamento della stagione estiva tanto che è notoriamente risaputo che la domanda estera si concentra proprio nei mesi esterni della stagione estiva e il clima mite della costa ionica consente di lavorare proprio in questo verso. I turisti impegnati, invece, sono coloro il cui fine è quello di vivere un‟esperienza di heritage determinata in cui la loro motivazione principale consiste nel desiderio di avere esperienze conoscitive. Si ritiene utile riportare alcune informazioni di massima circa le caratteristiche-tipo del turista heritage. Oltre a un elevato livello di istruzione formale, questa classe di turisti tendono in generale ad avere familiarità con i classici e ad essere in possesso del capitale culturale per apprezzarne e comprenderne l‟importanza. In questo modo, l‟istruzione viene vista come un meccanismo per ampliare l‟interesse e le conoscenze circa epoche, luoghi, persone ed eventi che spingono i visitatori verso questi luoghi. In generale, si evince che i turisti dell‟heritage hanno un livello di reddito generalmente più alto della media. La maggior parte delle persone visita i siti di heritage in gruppo. Il più consistente è costituito dalle famiglie. Le comitive scolastiche sono al secondo posto. Ulteriori profili indicano che i turisti interessati allo heritage tendono a viaggiare di più della popolazione media, hanno una maggiore propensione agli acquisti, con una preferenza per cibi e prodotti locali. La domanda in questo settore è meno elastica di quella del turismo in generale tanto che nell‟ambito dell‟heritage si è maggiormente disposti a pagare per l‟esperienza. Il turismo dell‟heritage, infine, mostra meno variazioni stagionali e ciò può essere spiegato col fatto che questi turisti sono maggiormente orientati verso l‟istruzione e la conoscenza, una motivazione che si può manifestare a prescindere dal tempo e dalla stagione. Pagina 88 di 308


Apporto di risorse aggiuntive da parte del partnership di progetto, in particolare di quello privato Connessione dell‟operazione con l‟attivazione di progetti di impresa e di potenziamento dei servizi di fruizione compatibili con esigenze di tutela

Il progetto è strategico per l‟attivazione dei progetti dell‟impresa in quanto tende a realizzare itinerari tematici innovativi in grado di diversifica dell‟offerta turistica e contribuire alla destagionalizzazione dell‟offerta turistica.

Criteri trasversali Sostenibilità ambientale (tecnologie di edilizia ecosostenibile, promozione modalità di turismo ecosostenibile, acquisizione di servizi innovativi finalizzati a ridurre le pressioni ambientali, adozione di sistemi di certificazione ambientale,ecc) Principio di pari opportunità e non discriminazione (miglioramento della fruizione dei beni da parte delle famiglie, interventi turistici in un‟ottica di inclusione sociale, servizi di informazione sull‟offerta e la fruibilità da parte delle famiglie,ecc)

Gli interventi essendo essenzialmente di recupero utilizzando tecnologie di edilizia ecosostenibile in definitiva non si produrranno impatti ne pressioni ambientali negative.

In Europa sono trentasei milioni le persone che hanno una disabilità, di queste poco più di tre mila vivono in Italia e molti di loro hanno, ovviamente, una grande voglia di viaggiare. Un territorio è moderno quanto più si trasforma in un luogo accogliente e solidale, in una sistema che si pone il problema dell‟inclusione e dell‟accessibilità dei propri tempi e dei propri luoghi, e questo lo realizza per i suoi abitanti, ma deve anche tener conto di quanti, pur non essendo suoi cittadini, vogliono fruire della sua cultura e della sua storia, vogliono far entrare, nel proprio progetto di crescita e di esistenza, l‟incontro con un patrimonio umano e sociale lontano da se. In piena filosofia di sviluppo sostenibile, il progetto intende orientare l‟offerta verso il turismo accessibile. Lo scopo è di sviluppare le opportunità Pagina 89 di 308


turistiche, culturali e sportive rivolte “A TUTTI” attraverso la progettazione, realizzazione e organizzazione di servizi, percorsi, strutture, allestimenti e promozione, per favorire l‟accessibilità e la fruizione di soggetti con “diversa abilità”. L‟obiettivo finale è costituire una rete locale di servizi integrati, come le informazioni e l‟assistenza on line, e a formare gli operatori per l‟accoglienza e la pianificazione del viaggio. Tra le azioni che il progetto metterà in cantiere a titolo esemplificativo abbiamo interventi di riqualificazione dei luoghi, dei servizi e dei percorsi, di riqualificazione professionale attraverso la formazione e l‟informazione per operatori turistici e dei servizi, di creazione e lancio di un programma di promozione ad hoc. Sostenibilità gestionale e finanziaria Esplicitare se sussiste un La gestione degli interventi verrà affidata alla Comunità piano di gestione e fornire Montana Basso Sinni che li attuerà insieme ai comuni indicazioni in merito alle segnalati. modalità di gestione del La gestione dei musei e delle aree archeologiche resterà in servizio e di identificazione capo agli attuali enti gestori. del gestore Evidenziare sostenibilità Gli interventi infrastrutturali descritti sono prevalentemente della gestione finanziaria finalizzati ad interventi di sistemazione e di miglioramento del servizio, sviluppando della fruibilità di emergenze culturali e come tali non una proiezione dei costi di determineranno costi di esercizio e ricavi diretti ma esercizio e la prevalentemente investimenti. La loro effettuazione però corrispondente copertura consentirà indirettamente di migliorare il territorio in tra eventuali ricavi e fonti di generale consentendo quindi una migliore soddisfazione dei finanziamento turisti ed una migliore redditività dei servizi commerciali attualmente già offerti sul territorio.

Procedure tecniche ed amministrative Vincoli sul territorio interessato Conformità dell‟operazione Gli interventi sono conformi agli strumenti urbanistici vigenti agli strumenti urbanistici Conformità alle norme Gli interventi sono conformi alle norme ambientali ambientali Studio di fattibilità a cura della soprintendenza archeologica Stato della progettazione di Basilicata Tempi di progettazione Pagina 90 di 308


Progettazione preliminare 30/09/2010 Progettazione esecutiva e 31/10/2010 cantierabile Tempi previsti per l‟attuazione Data appalto 30/11/2010 Inizio lavori 15/12/2010 Fine lavori 31/12/2011 Piano finanziario Costo totale dell‟operazione

1.925.000,00 (unmilionenovecentoventicinquemila euro) fondi disponibili 375.000,00 (trecentosettantacinquemila euro) fondi programmati

Contributo PO FESR

1.925.000,00 (unmilionenovecentoventicinquemila euro) fondi disponibili 325.000,00 (trecentoventicinquemila euro) fondi programmati

Eventuale partecipazione finanziaria del soggetto attuatore Eventuale contributo di partner privato (specificare identità partner) Eventuale utilizzo di strumenti di finanza di progetto Cronogramma della spesa (ripartire percentualmente)

2010

2011

2012

disponibili

disponibili

Programmati

500.000,00

1.425.000,00

325.000,00

Indicatori di realizzazione e sorveglianza Indicatore Unità di misura Interventi di valorizzazione numero dei beni culturali Interventi di valorizzazione numero dei beni naturali Superficie interessata Km Occupazione indotta numero dall‟operazione - di cui donne numero

Valore atteso 9

10 5

Pagina 91 di 308

2013


SCHEDA n° OP_2 (Intervento programmato)

Denominazione Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione

Obiettivo operativo IV.1.1.A “Sostegno alla formazione ed al consolidamento di pacchetti integrati di offerta turistica attraverso la realizzazione di interventi infrastrutturali mirati alla fruibilità e valorizzazione a fini turistici delle risorse naturali e dei beni culturali” Interventi Infrastrutturali Parco Museale Scenografico di Craco – 1° lotto funzionale Nell‟area del PIOT Metapontino il centro storico di Craco si inserisce quale punto di forza della rete dei centri e siti di interesse archeologico, storico architettonico e paesaggistico. L‟edificio più antico di Craco è la splendida torre normanna dell‟anno 1000 ma scoperte archeologiche testimoniano insediamenti della tarda età del ferro ( X-IX secolo a.c.). Nel giugno 1060 Craco figura tra le pertinenze della diocesi di Tricarico. Nel 1277 , Craco con 83 fuochi (400 abitanti) è sede di una delle 78 Università del Giustizierato di Basilicata e contribuiva finanziariamente alla manutenzione dei castelli avviata già da Federico II e proseguita dagli angioini Dal „300 al „500 prende forma il centro medioevale con edifici di grande pregio e valore . Nel XVI secolo Craco fa registrare un notevole incremento demografico con 518 fuochi ( circa 2600 abitanti ) nel 1561. Nel 1630 si insedia stabilmente a Craco l‟ordine monastico dei Francescani Minori Osservanti con la costruzione del Monastero di S. Pietro Nel settecento e l‟800 si sviluppano nuovi palazzi signorili. Sul piano urbanistico a fine secolo il perimetro urbano aveva raggiunto la sua massima espansione. Dopo l‟Unità d‟Italia Craco supera nuovamente i 2000 abitanti. L‟emigrazione di fine „800 verso il nord america e la grande guerra con i suoi caduti porta ai 1.046 abitanti del 1921. Nel 1961 , due anni prima dell‟evento franoso , la popolazione si attesta a 1871 residenti . La frana che a partire dalla fine del 1962 colpisce il centro condiziona la storia successiva con un calo demografico pari al 58% nel 2009 restano solo 793 abitanti . La rilevanza del sito di Craco è relativa a tre ambiti specifici. Beni culturali Pagina 92 di 308


Insediamento miceneo nel X-IX sec. A.c., come testimoniano i reperti conservati presso il Museo Nazionale di Metaponto , Craco rinasce in epoca Normanna come avamposto contro l‟invasione saracena . Un reticolo di stradine e vicinati unisce gli edifici di interesse storico: la torre (XI sec.) , il complesso della chiesa Madre (XV sec.) , i Palazzi nobiliari (XV-XVI sec.) e signorili ( XVIII - XIX secolo) . Le costruzioni spesso concatenate tra loro danno un carattere di fortificazione al centro medioevale. Scienza , tecnica e tradizioni produttive Il Monastero di S. Pietro , realizzato nel 1630, ha influito nella diffusione delle nuove conoscenze tecniche in una economia locale che produceva grano , legumi , vino, olio e cotone trasformato in pannetti , botteghe artigiane per utensili e attrezzi agricoli , una produzione orafa di eccellenza. Grande merito ha Frate Niccolò Onorati detto Columella agronomo , scienziato e naturalista . Paesaggio e cinema Ricco di storia e di fascino ,il suo contesto paesaggistico , la continuità dei colori e l‟armoniosità della particolare ed unica geomorfologia ne hanno fatto negli ultimi 40 anni uno dei set naturali più ricercati dal grande cinema italiano e internazionale. Un modello di valorizzazione del sito fondato su tali pilastri identitari raccoglie molto consenso tra i cittadini , molti dei quali sono proprietari di ciò che rimane del vecchio centro storico. I danni subiti dal patrimonio urbanistico e architettonico di Craco hanno una causa primaria nel movimento franoso che lo colpì a più riprese dall‟autunno 1962 sino al 1990 circa quando ormai Craco era interamente disabitato ma , volendoli quantificare , i danni maggiori li ha provocati l‟indifferenza , l‟incuria e l‟abbandono . Segni di abbandono e di degrado , in molti rioni, erano già visibili nei primi anni ottanta causati dalla mancanza di manutenzione degli edifici, ma l'assenza dei residenti ha determinato negli anni successivi un vero e proprio assalto da parte di saccheggiatori, che hanno rimosso ogni sorta di oggetti dalle abitazioni e dai luoghi di culto: portali, ringhiere, Pagina 93 di 308


infissi, rivestimenti, pavimenti, arredi, cori lignei (come quello di S. Pietro di rilevante pregio), statue e marmi. Ad eccezione del periodo 1995-1999 dal 1980 sino al 2008 è mancato qualsiasi intervento di fisico di salvaguardia e sorveglianza. Dal 2000 al 2008 si sono realizzati per iniziativa di Craco Ricerche solo interventi di studi e ricerche storiche , geologiche e ambientali sul sito. L‟indifferenza pubblica e il processo di abbandono , se proseguirà , porterà ad una completa e irreversibile distruzione del centro storico di Craco compromettendo del tutto la possibilità di una sua tutela e valorizzazione. L‟amministrazione comunale di Craco sta operando con il supporto di enti nazionali di ricerca e dell‟Università della Basilicata per fare di Craco un grande Laboratorio in campo aperto di ricerca , formazione e applicazioni di tecnologie avanzate per la difesa e valorizzazione del suolo e un Parco Scenografico museale . La realizzazione di tale programma determinerà un processo di sviluppo locale ecosostenibile fondato sulla valorizzazione dei beni culturali tramite le nuove tecnologie e l‟innovazione con la creazione di nuovi posti di lavoro qualificati ed un maggiore coinvolgimento della popolazione locale. Contestualmente è cresciuta la conoscenza anche internazionale di Craco grazie alle ricerche e alle reti di cooperazione scientifica avviate, alle produzioni cinematografiche realizzate e al ruolo attivo di molti media , giornalisti e fotografi . Il progetto prevede che si arricchisca anche numero e qualità degli attori in campo coinvolgendo in particolare artisti, scienziati e università internazionali . Il progetto infine ,insieme alla sensibilità politica e istituzionale su Craco, contribuirà anche la raccolta internazionale di fondi per superare carenze di finanziamenti dovuti alla scarsa attenzione degli enti finanziatori regionali e nazionali. Dopo alcune ordinanze sindacali di giugno 2009 il Sindaco ha emanato una ordinanza di protezione civile a tutela dell‟incolumità pubblica nell‟Ottobre 2009 e attualmente il centro è interdetto a cose e persone previo sbarramenti e Pagina 94 di 308


recinzioni temporanee. Gli orientamenti progettuali prevedono che il sito di Craco sia recuperato e valorizzato non per fini residenziali ma scientifici , produttivi e culturali realizzando: -Un Parco Scenografico Museale per la valorizzazione ai fini culturali, artistici e turistici che con il mondo del cinema e della televisione implementi servizi ed attività di supporto compreso la creazione di atelier per giovani artisti e attività di new art production ; - Un laboratorio internazionale di ricerca e sperimentazione sulle frane ; - Servizi per la protezione civile . Il piano generale di azione del Comune definito già dal 1996 prevede : Messa in sicurezza dei percorsi di visitabilità del centro Recupero e restauro di edifici ai soli fini conservativi e scenografici Recupero e restauro di edifici ai fini di un loro riuso per le attività di produzione di progetti culturali da realizzare nel parco Realizzazione Reception e interventi per l‟accessibilità Sistemazioni paesaggistiche . Messa in sicurezza dei percorsi per reti tecnologiche Il piano di azione ritiene indispensabili e urgenti gli interventi per la messa in sicurezza del centro , recinzioni , bonifiche , pulizia e disinfestazione del centro, la realizzazione di aree di sosta e di servizio per i visitatori telesorveglianza e la realizzazione di un percorso in sicurezza che consenta la visitabilità e utilizzabilità del centro. Va infine realizzato il centro di accoglienza e sede del Parco Museale scenografico.

2010 World Monuments Watch L‟inserimento nella Wacth List 2010 del WMF ufficializzato il 6 ottobre 2009 a new York dalla presidente Bonnie Burnham potrà determinare, grazie all‟importanza del riconoscimento e alla conseguente elevata esposizione mediatica che ne conseguirà , un impatto molto positivo su: - Conoscenza e sensibilizzazione della pubblica opinione e Pagina 95 di 308


delle autorità pubbliche - Supporto all‟internazionalizzazione del sito , delle partnership e delle attività - Miglioramento della visibilità e interesse per potenziali finanziatori privati - Attraverso eventuali specifiche reti di cooperazione con i nostri enti scientifici ed in particolare l‟Agenzia Spaziale Italiana , Craco ed altri siti inseriti nelle Wacth potranno progettare e realizzare interventi dimostrativi e diffondere buone pratiche - La cooperazione con WMF migliorerà anche le performance gestionale del sito sotto il profilo dello scambio di esperienze e di valutazione con gli esperti WMF Interventi previsti - Pulizia, bonifica e disinfestazione del centro e rimozione di erbacce, rifiuti, deiezione animali e letame, di cavi elettrici e telefonici dismessi e delle tubazioni idriche esterne dell‟ex acquedotto urbano; - realizzazione opere di recinzione: recupero di pietrame, pavimentazioni in pietra, mattoni attualmente abbandonati e oggetto di saccheggio continuo da riutilizzare nelle opere di recinzione e nella realizzazione dei percorsi di visita; - ricuciture delle aree di delimitazione del centro storico con materiali autoctoni da recuperare in sito, chiusura dei varchi di accesso attuali e ripristino delle pavimentazioni del percorso di visitabilità interno del centro; - realizzazione in alcuni tratti di barriere di vegetazione e reti di protezione armonicamente inserite nel paesaggio; - realizzazione di due ingressi/uscite nel parco; - demolizioni di parti o resti di edifici di nessun pregio storico pericolanti che insistono lungo i tracciati dei percorsi di visitabilità che si intendono realizzare; - realizzazione di campagne di indagini geofisiche lungo le aree interessate dai tracciati dei percorsi di visitabilità; - realizzazione di un cavidotto intelligente lungo il percorso di visitabilità per alimentazione elettrica e cavi di rete per dispositivi digitali di monitoraggio e telesorveglianza e per aree servizi e sosta dei visitatori; - implementazione del sistema di monitoraggio e sorveglianza con l‟uso di GPS e telecamere intelligenti e Pagina 96 di 308


-

realizzazione sistema di early warning con realizzazione di GIS-database in ambiente multimediale; sistemazione paesaggistica delle aree limitrofe con piantumazione di specie autoctone; realizzazione di un percorso esterno di visitabilità; realizzazione di aree di sosta e di servizio per i visitatori lungo i percorsi; realizzazione di aree di sosta veicoli e di servizio per i visitatori nel limitrofo rione S. Angelo acquisto attrezzature, arredi del centro accoglienza e sede del parco/museo; realizzazione di un sistema solare fotovoltaico per l‟approvvigionamento energetico locale; acquisto di dispositivi multimediali per i visitatori.

Importo dell‟investimento è stimato in cinque milioni di euro. L‟intervento proposto nell‟ambito del PIOT rappresenta il primo stralcio funzionale che consentirà di dare funzionalità al sistema del Parco museale scenografico di Craco. La parte del vecchio centro compresa nel progetto sarà quella che con una piccola quota di risorse potrà essere messa in sicurezza. Sintesi descrittiva dell‟intervento

La proposta progettuale per l‟istituzione del Parco Museale Scenografico di Craco parte dall‟esigenza di offrire una concreta risposta alla crescente presenza di turisti e visitatori che annualmente si recano presso il sito dell‟antico centro ormai abbandonato, spinti dal suo indescrivibile fascino risultante dalle varie componenti (storica, ambientale, paesaggistica, architettonica, geologica) che in esso trovano un felice punto di sintesi. A ciò si aggiunge la curiosità creata dal fatto che l‟antico borgo è ormai da decenni al centro dell‟interesse da parte di registi e cineasti, che lo hanno ormai consacrato quale set cinematografico. Il presente progetto si prefigge di creare un itinerario di visita “in sicurezza”, che mette in rete alcuni contenitori culturali e tecnologici già esistenti, per i quali si intende migliorarne le potenzialità. Il progetto si articola in quattro punti (poli) fondamentali che vengono in seguito descritti in dettaglio. POLO DI SANT‟ANGELO Nel nuovo rione di Sant‟Angelo - dove ancora risiedono alcune famiglie, ivi rimaste dopo il definitivo trasferimento Pagina 97 di 308


della popolazione nel nuovo centro di Peschiera, a sette chilometri di distanza - è ubicata la Mediateca comunale, fornita anche dei necessari comfort per l‟accoglienza turistica, la quale prospetta su un ampio areale che si intende sistemare a parcheggio per bus e autovetture. Ciò comporta anche la parziale sistemazione della viabilità esistente e l‟installazione di un‟adeguata segnaletica turistica. POLO DELL‟EX SCUOLA MEDIA Usciti dal rione Sant‟Angelo, dopo aver percorsi (a piedi) un breve tratto della strada provinciale, si può raggiungere, tramite una comoda scalinata, il fabbricato dell‟ex Scuola Media. Per questo edificio si prevede il recupero di un ampio locale attualmente completamente privo di finiture interne, ubicati al piano superiore, adeguandoli alla funzione di Atelier Internazionale del Cinema comprendente laboratori , sala conferenze e proiezione di audiovisivi, ripristinando i servizi igienici ubicati anch‟essi allo stesso livello, in prossimità dell‟ingresso al locale suddetto. Si prevede pertanto l‟esecuzione di tutti i lavori di finitura (intonaci, pavimenti, tinteggiatura), l‟installazione degli impianti tecnologici essenziali e di quelli strettamente connessi alla nuova destinazione d‟uso, per la quale sarà necessario l‟acquisto di adeguate apparecchiature tecnologiche e la produzione di un tour virtuale attraverso i Luoghi Cinematografici di Craco. Saranno pure eseguiti tutti i lavori di revisione generale comprese le opportune integrazioni relativamente agli impianti (elettrico, igienico-sanitario, antintrusione). L‟ampio cortile esterno e la scalinata di collegamento del medesimo con la strada provinciale saranno sistemati ripristinando la pavimentazione esistente con l‟integrazione di nuove parti qualora e ne riterrà la necessità. Per la scalinata sarà anche valutata l‟eventualità di operare un modesto consolidamento fondale. Infine sarà effettuata un‟accurata revisione della recinzione tra il cortile e la strada adiacente compreso l‟installazione di cancelli ai due ingressi. L‟Atelier del Cinema è il progetto per un moderno centro di produzione cinematografica e di audiovisivi situato negli spazi della ex scuola media di Craco vecchia. Il centro di avvarrà di personale tecnico specializzato e sarà Pagina 98 di 308


destinato a svolgere: - attività di supporto (sia nella produzione esecutiva tout court che nei noleggi di luci, impianti, strumenti di ripresa e post-produzione) alle produzioni cinematografiche che scelgono Craco e i Comuni limitrofi quali location; - attività di produzione cinematografica e di audiovisivi destinate al mercato cinematografico e televisivo nazionale ed internazionale; - attività di archiviazione digitale di documenti audiovisivi e cartacei relativi al sito di Craco (in particolar modo al prodotto Craco-location e alle sue culture presenti e passate) utili alla loro fruizione pubblica in digitale grazie alla creazione di un importante archivio multimediale a supporto dei percorsi di cineturismo ma anche di ricercatori, storici, appassionati…; - attività di distribuzione e divulgazione dei prodotti realizzati attraverso piattaforme web, televisioni, cinema, radio. Le produzioni e distribuzioni dell‟Atelier punteranno alla realizzazione e diffusione di prodotti destinati ai vari media adeguandosi alla sempre maggiore attuale convergenza dei media. Un settore molto importante dell‟Atelier sarà la ricerca verso i nuovi linguaggi e le nuove tecnologie applicate agli audiovisivi. L‟Atelier del Cinema sarà costituito da due laboratori tecnologicamente avanzati, un laboratorio di produzione ed un laboratorio di post-produzione e distribuzione. Laboratorio di pre-produzione e produzione Tale spazio sarà dotato di strumenti hardware e software necessari essenzialmente alle fasi di preparazione del prodotto audiovisivo e di ripresa sia in daylight che in notturna. Laboratorio di post-produzione e distribuzione Il laboratorio di post-produzione e distribuzione sarà dotato di hardware e software necessari al montaggio - sia della parte audio che di quella video – delle riprese audio-visive realizzate in fase di produzione e della loro post-produzione. Tale laboratorio sarà destinato anche all‟archiviazione digitale dei prodotti audiovisivi e alla distribuzione on-line dei prodotti e/o alla loro preparazione per la distribuzione cinematografica in sala o in televisione. Pagina 99 di 308


POLO DEL CENTRO STORICO Il percorso prosegue verso il centro storico, per il quale si prevede un a porta d‟ingresso all‟innesto dell‟ex Corso Umberto I, per poi giungere ai Larghi Alighieri, Vittorio Emanuele II e Garibaldi, riprendendo la strada provinciale dopo aver attraversato un breve tratto dell‟antica strada comunale Craco-Ferrandina, in cui è prevista l‟installazione di un‟altra porta. Va specificato che l‟intero percorso descritto (eccetto un breve tratto nella parte iniziale) è completamente sommerso dalle macerie causate dalla demolizione dei rioni in frana occupanti il versante sud-occidentale dell‟abitato, compresi tra Via Mario Pagano e la strada provinciale, sulle quali si è formata una compatta coltre di terra e vegetazione. Si prevede pertanto, per giungere alla quota originaria dei percorsi stradali, la rimozione delle macerie adottando i criteri che contraddistinguono gli scavi archeologici, così da recuperare tutti i materiali che potrebbero essere reimpiegati nell‟ipotesi del restauro dei manufatti ancora in piedi negli altri rioni. I percorsi prima menzionati saranno caratterizzati dalle pregevoli pavimentazioni originarie in pietra e laterizio, e saranno completamente recintati con elementi a bassissimo impatto visivo, così da non pregiudicare la percezione della parte sommatale del centro storico, da cui spiccano le principali emergenze monumentali (Palazzo Carbone, Palazzo Grossi, Chiesa Madre e Torre Normanna). Negli slarghi è prevista l‟installazione di panchine e punti di osservazione. In Largo Alighieri sarà predisposta la base per l‟installazione di un palco in struttura leggera per la rappresentazione di spettacoli che avranno come quinta principale lo scenario urbano. L‟intero percorso sarà fiancheggiato da una trincea che avrà la funzione di cavidotto, indispensabile per l‟impianto di illuminazione (fari illuminanti il centro storico, punti luminosi lungo il percorso e negli slarghi, dotazioni tecnologiche per spettacoli all‟aperto). Anche in questo caso, sarà installata un‟adeguata segnaletica che affronterà varie tematiche legate alla storia e alla cultura della comunità crachese.

Pagina 100 di 308


POLO DEL MONASTERO L‟ex Monastero di S. Pietro è già stato oggetto di un parziale intervento di restauro che ha consentito il recupero di tutti i locali che gravitano attorno al chiostro, al pianterreno e al primo livello, nei quali si svolgono le attività della società “Craco Ricerche s.r.l.”. Il presente progetto intende recuperare altri locali a pianterreno, con ingresso dalla corte laterale ubicata sul versante destro del complesso, per i quali vanno eseguiti innanzitutto interventi di consolidamento delle strutture portanti verticali e di sostituzione delle coperture il cui stato è talmente precario che il loro sostegno è affidato a vistose puntellature. A ciò farà seguito la posa in opera delle finiture interne e degli impianti. La parte già restaurata sarà invece interessata da interventi il cui scopo è quello di impedire il verificarsi di infiltrazioni di acque piovane, fenomeno a cui sono soggetti i locali posti al disotto del ballatoio che si sviluppa lungo due lati del chiostro, e quelli del versante anteriore. Saranno pertanto eseguiti lavori di impermeabilizzazione, revisione del manto di copertura, pavimentazioni, rifacimento della tinteggiatura interna ed esterna, sostituzione degli infissi, installazione degli impianti igienico-sanitario, termico e antintrusione. Sarà anche installata la rete LAN, predisposti un archivio multimediale e una struttura tecnologica e prodotti per tour virtuale nel museo virtuale delle frane di Craco , e acquistati alcuni arredi interni. Si prevede, infine, la sistemazione dell‟area adiacente il versante sinistro dell‟ex convento, a confine con la strada provinciale, così da poter accogliere degnamente un chiosco prefabbricato per informazioni turistiche, il cui acquisto rientra tra le somme preventivate in progetto. Produzioni audiovisive di progetto Tour virtuale in 3d di Craco Guida cineturistica multimediale Soggetto responsabile Soggetto attuatore Altre amministrazioni coinvolte Target dell‟operazione

Comune di Craco Comune di Craco

Criteri di selezione Pagina 101 di 308


Coerenza con la domanda di fruizione culturale della popolazione residente e del mercato turistico

Qualità dell‟offerta culturale e dei servizi per la fruizione anche in relazione ai livelli di innovazione tecnologica introdotti

Innovatività tecnicoprogettuale dell‟intervento anche in termini di ricorso alle tecnologie della S.I.

Idoneità dell‟intervento a realizzare circuiti, reti, itinerari tematico-territoriali

L‟intervento da realizzare consentirà di dare risposte alla domanda di fruizione culturale a diversi livelli: domanda locale , comprensoriale e regionale , nazionale e internazionale. La fruizione complessiva infatti si rivolge a diverse fasce di utenza , residenti e turisti . Nella rete dei centri storico archeologici dcel Metapontino e della stessa città di Matera Craco , in conseguenza della sua nuova collocazione derivante dall‟inserimento nella Watch List del WMF , potrà ben supportare l‟obiettivo di destagionalizzare i flussi turistici , promuovere l‟attrazione del turismo internazionale , attrarre nuovi flussi derivanti dall‟avvio di attività nel settore del cinema e dei media, nel settore della ricerca e sperimentazione scientifica e di new art production. La realizzazione dell‟Atelier internazionale del cinema , dei laboratori di ricerca sulle frane e l‟offerta di tour virtuali dei luoghi cinematografici di Craco, di Craco ieri e oggi e del museo virtuale delle frane da ospitare nel Monastero e nella ex suola media S.Lucia oggetto degli interventi di progetto farà di Craco un grande attrattore che avrà nelle tecnologie e produzioni multimediali il suo punto di forza principale per la fruizione culturale. Sia l‟Atelier ospitato nella ex scuola media che il Monastero diverranno veri e propri luoghi digitali che con le moderne tecnologie ICT renderanno disponibili contenuti originali e unici . Dando continuità ad alcune iniziative già avviate dall‟Amministrazione comunale sarà garantita la copertura Internet negli edifici interessati dal progetto e saranno implementati nuovi servizi di distribuzione on line di contenuti a supporto sia delle attività in sito sia della fruizione turistica del sito L‟intervento si inserisce nel processo di costituzione di reti e itinerari tematici nei seguenti settori: cinema e new media, centri e siti per la ricerca e le nuove tecnologie . Per la valenza di centro archeologico , storico e paesaggistico , per le correlazioni storiche di Craco con altri siti storico archeologici del territorio metapontino ( Magna Grecia , Torre Mare, Petrolla, Rabatana di Tursi , Anglona) , per le forme e i colori del paesaggio calanchivo caratterizzante il paesaggio agrario di buona parte del territorio metapontino , l‟intervento di realizzazione del Parco Museale Scenografico di Craco rafforzerà le capacità del territorio del Metapontino di offrirsi in rete ai flussi turistici nazionali e internazionali. Gli interventi infrastrutturali previsti infine consentiranno di offrire Pagina 102 di 308


Orientamento al mercato turistico in termini di incidenza sulla domanda attuale e potenziale Contributo destagionalizzazione flussi turistici

alla dei

Apporto di risorse aggiuntive da parte del partnership di progetto, in particolare di quello privato

Connessione dell‟operazione con l‟attivazione di progetti di impresa e di potenziamento dei servizi di fruizione compatibili con esigenze di tutela

spazi e luoghi in sicurezza per la realizzazione di grandi eventi nel campo cinematografico , delle grandi mostre e di performance artistiche e di new art In relazione ai flussi turistici attuali l‟intervento proposto rafforza e diversifica l‟offerta di beni culturali e di reti di eventi e rivolgendosi a nuovi settori , in particolare il cineturismo e il turismo scientifico porterà ad un incremento dei flussi turistici nel comprensorio metapontino. La realizzazione di servizi permanenti e di grandi eventi nei periodi primaverili e autunnale invernale contribuirà in modo significativo al processo di destagionalizzazione dei flussi turistici del comprensorio molto condizionati dalle condizioni atmosferiche e prevalentemente, attualmente , concentrati nei mesi estivi. Il periodo natalizio , quello pasquale , i riti del carnevale e le fiere autunnali a Craco e in molti altri comuni del comprensorio potranno concorrere ad una offerta aggiuntiva positiva. Il Comune di Craco attraverso un propria procedura amministrativa ( Avviso pubblico per la cittadella dell‟innovazione) ha selezionato alcuni partner che parteciperanno alla realizzazione di vari interventi. Nella fase di progettazione esecutiva si individueranno forme di partecipazione al finanziamento di interventi complementari che dovranno essere posti a carico di tali partner. La realizzazione del progetto diverrà strategica per lo sviluppo di due iniziative tese a realizzare un modello innovativo di gestione: la Craco Card , strumento di visita guidata e accesso ai servizi del Parco Museale Scenografico e Craco Production che implementerà le attività di valorizzazione cinematografica e artistica da realizzare all‟interno del centro. Il comune di Craco ha definito 2 regolamenti specifici che disciplinano modalità di accesso al circuito di visita e all‟utilizzazione in campo cinematografico e audiovisivo del sito. Le produzioni multimediali di progetto e i laboratori tecnologici supporto dell‟Atelier del cinema rappresenteranno formidabili asset per l‟implementazione di attività di produzione e conseguentemente allo sviluppo delle attività di imprese innovative esistenti e da promuovere. Il sito di Craco rappresenterà un contesto innovativo per la promozione di nuove imprese.

Criteri trasversali Pagina 103 di 308


Sostenibilità ambientale (tecnologie di edilizia ecosostenibile, promozione modalità di turismo ecosostenibile, acquisizione di servizi innovativi finalizzati a ridurre le pressioni ambientali, adozione di sistemi di certificazione ambientale,ecc)

Principio di pari opportunità e non discriminazione (miglioramento della fruizione dei beni da parte delle famiglie, interventi turistici in un‟ottica di inclusione sociale, servizi di informazione sull‟offerta e la fruibilità da parte delle famiglie,ecc)

Gli interventi da realizzare non prevedono realizzazione di nuovi volumi ma esclusivamente il recupero di volumetrie in edifici già esistenti. I percorsi di visita pedonali saranno realizzati recuperando la viabilità preesistente al movimento franoso attualmente ricoperta di macerie e ruderi. La realizzazione di aree per la sosta degli autoveicoli consentirà di conservare i valori paesaggistici e le caratteristiche e il fascino del silenzio derivante dall‟assenza di traffico . Grazie alla Craco Card i flussi di visitatori saranno programmati e razionalizzati evitando situazioni di pericolosità e i veri e propri assalti del centro storico che in determinati periodi si verificano. La realizzazione di percorsi in sicurezza sarà accompagnata da proposte di escursioni a piedi e a cavallo, tramite la ampia rete di tratturi e strade comunali limitrofe al vecchio centro. Saranno promosse azioni di valorizzazione del cicloturismo. La realizzazione del Parco Museale Scenografico di Craco consentirà la fruibilità generale del sito , in sicurezza e tutti i locali oggetti dell‟intervento saranno dotati di servizi per disabili. L‟accessibilità alle diverse fasce di età della popolazione consentirà la fruibilità del sito. Una reception garantirà un servizio di assistenza adeguato ai visitatori .

Sostenibilità gestionale e finanziaria Esplicitare se sussiste un Soggetto gestore è il Comune di Craco coadiuvato da Craco piano di gestione e fornire Ricerche srl , società a partecipazione maggioritaria del indicazioni in merito alle comune di Craco . Esiste una regolamentazione della modalità di gestione del gestione e accordi di partnership definiti per le attività servizio e di identificazione specifiche nel settore cinematografico e dell‟audiovisivo ( del gestore Noeltan Film ), nel settore scientifico e della comunicazione e degli eventi. Già attualmente il comune di Craco impegna 3 unità per i servizi di visita e utilizzazione del sito di Craco vecchia. Con un progetto di Work experience in fase di avvio , già finanziato dalla regione Basilicata , saranno impegnate nell‟attività di sorveglianza , pulizia e assistenza altre 3 unità a tempo parziale. Evidenziare sostenibilità Il costo del servizio di gestione del Parco Museale della gestione finanziaria scenografico di Craco è in buona parte coperto dal personale del servizio, sviluppando dell‟ente e dai collaboratori attivati dalla Craco Card che Pagina 104 di 308


una proiezione dei costi di esercizio e la corrispondente copertura tra eventuali ricavi e fonti di finanziamento

sarà lo strumento di finanziamento corrente delle attività del Parco. Le attività dell‟atelier internazionale del cinema saranno auto sostenibili poiché determineranno un flusso di entrate specifiche . Alcune delle attività legate alla valorizzazione nel campo della ricerca ( laboratorio sulle frane . ecc.) saranno anch‟esse autofinanziate attraverso progetti specfici degli enti operanti a Craco ( Agenzia Spaziale Italiana , Craco Ricerche srl, Enea , università ecc.). Procedure tecniche ed amministrative Vincoli sul territorio L‟edificio del monastero è vincolato ai sensi della ex L.1089 interessato ed è stato già oggetto di autorizzazione da parte della soprintendenza ai monumenti. L‟ex scuola media e l‟area di S.Angelo non sono sottoposti a vincoli e sono stati già oggetto di precedenti interventi Conformità dell‟operazione SI agli strumenti urbanistici Conformità alle norme Si ambientali Stato della progettazione E‟ disponibile il progetto preliminare dell‟intervento ed è in fase di redazione la progettazione esecutiva Tempi di progettazione Progettazione preliminare Disponibile Progettazione esecutiva e Mesi 4 cantierabile Tempi previsti per l‟attuazione Data appalto Settembre 2010 Inizio lavori Ottobre 2010 Fine lavori Giugno 2011 Piano finanziario Costo totale 400.000,00 euro dell‟operazione Contributo PO FESR 400.000,00 euro Eventuale partecipazione finanziaria del soggetto attuatore Eventuale contributo di partner privato (specificare identità partner) Eventuale utilizzo di strumenti di finanza di progetto Pagina 105 di 308


Cronogramma della spesa (ripartire percentualmente)

2010

2011

2012

disponibili

Programmati

0

400.000,00

0

Indicatori di realizzazione e sorveglianza Indicatore UnitĂ di misura Interventi di valorizzazione Numero dei beni culturali Interventi di valorizzazione Numero dei beni naturali Superficie interessata Mq Occupazione indotta Numero Fase di cantiere dallâ&#x20AC;&#x;operazione Occupazione indotta Numero Fase di gestione dallâ&#x20AC;&#x;operazione - di cui donne Numero

Valore atteso 3

Mq. 48.000 20 8 4

Pagina 106 di 308

2013


SCHEDA n° OP_3 (Intervento programmato)

Denominazione Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione Sintesi descrittiva dell‟intervento

Soggetto responsabile Soggetto attuatore Altre amministrazioni coinvolte Target dell‟operazione Criteri di selezione Coerenza con la domanda di fruizione culturale della popolazione residente e del mercato turistico

Obiettivo operativo IV.1.1.A “Sostegno alla formazione ed al consolidamento di pacchetti integrati di offerta turistica attraverso la realizzazione di interventi infrastrutturali mirati alla fruibilità e valorizzazione a fini turistici delle risorse naturali e dei beni culturali” Interventi Infrastrutturali Comunicare i Luoghi Si tratta di un progetto che interessa tutta l‟area del PIOT Metapontino – Basso Sinni In cui non è presente una segnaletica idonea atta a indicare i percorsi fruibili dai turisti. L‟intervento si propone di realizzare la segnaletica turistica per il comprensorio del PIOT Metapontino Basso Sinni per individuare dei percorsi che ne caratterizzino gli elementi dominanti. La segnaletica dovrà individuare: percorsi (itinerari) culturali (parco letterario Isabella Morra, Albino Pierro, ecc.); percorsi archeologici e monumentali; percorsi enogastronomici, percorsi paesistici e naturalistici e percorsi della fruizione turistica (Ricettività Turistica). L‟intervento prevede uno studio preliminare che riguardi la caratterizzazione ed il posizionamento della segnaletica, affinché la stessa risulti allo stesso tempo efficace e correttamente inserita dal punto di vista ambientale. La tipicizzazione della segnaletica dovrà mettere in condizioni i potenziali visitatori di riconoscere con immediatezza l‟ambito territoriale e il percorso che si intende intraprendere. Comunità Montana “Basso Sinni” Comunità Montana “Basso Sinni” Tutti i Comuni del PIOT, Direzione Regionale per i beni culturali e paesaggistica della Basilicata Turisti e popolazione residente L‟intervento previsto consentirà di dare risposte alla domanda di fruizione culturale a diversi livelli: domanda locale , comprensoriale e regionale , nazionale e internazionale. La fruizione complessiva infatti si rivolge a diverse fasce di utenza, residenti e turisti . Pagina 107 di 308


Qualità dell‟offerta culturale e dei servizi per la fruizione anche in relazione ai livelli di innovazione tecnologica introdotti Innovatività tecnicoprogettuale dell‟intervento anche in termini di ricorso alle tecnologie della S.I. Idoneità dell‟intervento a realizzare circuiti, reti, itinerari tematico territoriali

Orientamento al mercato turistico in termini di incidenza sulla domanda attuale e potenziale

Contributo alla destagionalizzazione dei flussi turistici Apporto di risorse aggiuntive da parte del partnership di progetto, in particolare di quello privato Connessione dell‟operazione con l‟attivazione di progetti di impresa e di potenziamento dei servizi di fruizione compatibili con esigenze di tutela

L‟intervento non introduce elementi significativi rispetto alle innovazioni tecnologiche.

L‟intervento non introduce elementi significativi di ricorso alle nuove tecnologie della società dell‟informazione. L‟intervento facilita la realizzazione di circuiti, reti ed itinerari tematico territoriali in quanto ne facilità la fruizione dando un‟immagine organizzata del territorio e consente di individuare con immediatezza e facilità le emergenze culturali e naturali e il riconoscimento di circuiti, reti, itinerari tematico-territoriali. Il mercato turistico chiede una maggiore diversificazione dell‟offerta turistica e la segnaletica proposta tende va nella direzione di migliorare l‟offerta dei servizi alla domanda attuale e potenziale per effetto della realizzazione dei circuiti, reti, itinerari tematici-territoriali previsti nell‟ambito del PIOT Metapontino Basso Sinni La diversificazione dell‟offerta turistica e la previsione di adeguati servizi d di fruizione sono elementi che contribuiscono in modo favorevole verso la destagionalizzazione dell‟offerta turistica.

I progetti di impresa previsti nel presente pacchetto di offerta turistica prevedono di realizzare circuiti, reti, itinerari tematicio - territoriali che richiedono appunto una segnaletica che faciliti la fruizione di tali pacchetti turistici.

Criteri trasversali Sostenibilità ambientale L‟intervento

non

produce

impatti,

in

quanto

Pagina 108 di 308


(tecnologie di edilizia ecosostenibile, promozione modalità di turismo eco-sostenibile, acquisizione di servizi innovativi finalizzati a ridurre le pressioni ambientali, adozione di sistemi di certificazione ambientale,ecc) Principio di pari opportunità e non discriminazione (miglioramento della fruizione dei beni da parte delle famiglie, interventi turistici in un‟ottica di inclusione sociale, servizi di informazione sull‟offerta e la fruibilità da parte delle famiglie,ecc)

verranno utilizzati materiali consoni al contesto in cuii verranno inseriti e contribuisce a miogliore se la stessa tende ad eliminare una segnaletica non coordinata sul territorio ed immediatamente riconoscibile.

L‟intervento tende a migliorare la fruizione dei beni da parte delle famiglie e dei diversamente abili in quanto la segnaletica indicherà i percorsi in cui sia garantita l‟accessibilità a tutti.

Sostenibilità gestionale e finanziaria Esplicitare se sussiste un Trattandosi di un‟operazione a carattere piano di gestione e fornire infrastrutturale non richiede delle modalità di indicazioni in merito alle gestione particolari se non quella della modalità di gestione del manutenzione ordinaria e straordinaria che sarà a servizio e di carico dei Comuni in cui ricade la segnaletica. identificazione del gestore Evidenziare sostenibilità Ogni amministrazione comunale inserirà nei propri della gestione finanziaria bilanci le risorse necessarie per provvedere alle del servizio, sviluppando operazioni di manutenzione ordinaria e una proiezione dei costi straordinaria. di esercizio e la corrispondente copertura tra eventuali ricavi e fonti di finanziamento Procedure tecniche ed amministrative Vincoli sul territorio Vincoli ambientali e vincolo archeologico interessato Conformità Gli interventi sono conformi agli strumenti Pagina 109 di 308


dell‟operazione agli urbanistici vigenti strumenti urbanistici Conformità alle norme Gli interventi sono conformi alle norme ambientali ambientali Stato della progettazione Studio di fattibilità Tempi di progettazione Progettazione preliminare 30/03/2010 Progettazione esecutiva e 30/06/2010 cantierabile Tempi previsti per l‟attuazione Data appalto 31/08/2010 Inizio lavori 15/09/2010 Fine lavori 31/12/2010 Piano finanziario Costo totale 300.000,00 (trecentomila euro) dell‟operazione Contributo PO FESR 300.000,00 (trecentomila euro) Eventuale partecipazione finanziaria del soggetto attuatore Eventuale contributo di partner privato (specificare identità partner) Eventuale utilizzo di strumenti di finanza di progetto

Cronogramma della spesa (ripartire percentualmente)

2010 0

Indicatori di realizzazione e sorveglianza Indicatore Unità di misura Interventi di valorizzazione numero dei beni culturali Interventi di valorizzazione numero dei beni naturali Superficie interessata Km2 Occupazione indotta numero dall‟operazione - di cui donne numero

2011

2012

disponibili

Programmati

0

300.000,00

2013

Valore atteso 1 1 1061 2 2

Pagina 110 di 308


SCHEDA n° OP_4 (Intervento programmato)

Denominazione Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione

Sintesi descrittiva dell‟intervento

Obiettivo operativo IV.1.1.A “Sostegno alla formazione ed al consolidamento di pacchetti integrati di offerta turistica attraverso la realizzazione di interventi infrastrutturali mirati alla fruibilità e valorizzazione a fini turistici delle risorse naturali e dei beni culturali” Interventi Infrastrutturali Realizzazione di laboratorio antropologico del magico del fantastico Il Comune Colobraro, nell‟immaginario collettivo locale ricopre un‟immagine scaramantica diffusa e che è noto a curiosi e studiosi di tutto il mondo per l‟intensa e diffusa vita magica che, come in altri centri del meridione, impegnava le sue famiglie fino agli anni cinquanta. Anche nell‟iconografia religiosa mondiale è molto famosa l‟immagine di Maddalena La Rocca di Franco Pinna che immortalava una fattucchiera già pubblicata nel 1959 nel volume “Sud e Magia”. La singolarità di questi luoghi, peraltro, ha sempre attratto fotografi d‟arte molto conosciuti, quali, David Seymour e Henry Cartier-Bresson. La zona è già stata oggetto di interesse per il completamento ed il recupero architettonico di un sito che si presta particolarmente all‟uopo in termini di riqualificazione e valorizzazione dei beni storico-culturali. E‟ stata così creata una premessa con il predisporre un adeguato contenitore per iniziative culturali e ricettività integrativa agevolandone, così, l‟inserimento in circuiti turistici sovra regionali. Con i fondi dell‟accordo di programma del PIT sono stati previsti due interventi del recupero funzionale del Convento da destinare ad ostello della gioventù e dell‟incremento della sua accessibilità e fruibilità attraverso allestimenti espositivi di materiale originario e rifacimento dei locali con tecniche e materiali adeguati agli stessi. L‟intervento di recupero non è stato completato e pertanto e con il presento intervento è previsto il recupero di una sala da destinare a un centro studi, per delineare, così, sempre meglio una strategia volta ad integrare il mistico comune con la costa, con l‟hinterland, con una molteplicità di Comuni e di borghi di antica tradizione e cultura. L‟intervento si propone di recuperare una parte del convento rimasto non recuperata nella quale sarà realizzato un centro studi sul magico e fantastico a Pagina 111 di 308


Soggetto responsabile Soggetto attuatore Altre amministrazioni coinvolte Target dell‟operazione

Colobraro e su E. De Martino. L‟intervento prevede la realizzazione di alcuni interventi di consolidamento strutturale, mediante il consolidamento delle volte e dei muri, la realizzazione dell‟impiantistica e dei servizi connessi. Comune di Colobraro Comune di Colobraro

La popolazione residente e turisti

Criteri di selezione Coerenza con la domanda di fruizione culturale della popolazione residente e del mercato turistico Qualità dell‟offerta culturale e dei servizi per la fruizione anche in relazione ai livelli di innovazione tecnologica introdotti Innovatività tecnicoprogettuale dell‟intervento anche in termini di ricorso alle tecnologie della S.I. Idoneità dell‟intervento a realizzare circuiti, reti, itinerari tematico territoriali Orientamento al mercato turistico in termini di incidenza sulla domanda attuale e potenziale Contributo alla destagionalizzazione dei flussi turistici

L‟intervento previsto consentirà di integrare l‟offerta culturale del comprensorio e si rivolge sia ad una domanda locale che del mercato turistico. L‟intervento non introduce elementi significativi rispetto alle innovazioni tecnologiche.

L‟intervento non introduce elementi significativi di ricorso alle nuove tecnologie della società dell‟informazione. L‟intervento integra l‟offerta del circuito culturale ed in particolare quello relativo ai centri storici ed degli itinerari tematico territoriali Il mercato turistico chiede una maggiore diversificazione dell‟offerta turistica e l‟intervento va nella direzione proporre un elemento di attrazione unico nello scenario regionale. La diversificazione dell‟offerta turistica e la creazione di un‟offerta turistica culturale a valenza regionale contribuiscono in modo favorevole verso la destagionalizzazione dell‟offerta turistica Pagina 112 di 308


Apporto di risorse aggiuntive da parte del partnership di progetto, in particolare di quello privato Connessione dell‟operazione con l‟attivazione di progetti di impresa e di potenziamento dei servizi di fruizione compatibili con esigenze di tutela Criteri trasversali Sostenibilità ambientale (tecnologie di edilizia ecosostenibile, promozione modalità di turismo eco-sostenibile, acquisizione di servizi innovativi finalizzati a ridurre le pressioni ambientali, adozione di sistemi di certificazione ambientale,ecc) Principio di pari opportunità e non discriminazione (miglioramento della fruizione dei beni da parte delle famiglie, interventi turistici in un‟ottica di inclusione sociale, servizi di informazione sull‟offerta e la fruibilità da parte delle famiglie,ecc)

I progetti di impresa previsti nel presente pacchetto di offerta turistica prevedono di realizzare circuiti, reti, itinerari tematico - territoriali si integrano in modo significativo con tale intervento.

L‟intervento non produce impatti, in quanto verranno utilizzati materiali di edilizia ecosostenibile, e tutte le forme che va dalla promozione, all‟acquisizione dei servizi innovativi saranno finalizzati ad evitare pressioni ambientali.

L‟intervento da realizzare consentirà la fruizione dei beni da parte delle famiglie e dei diversamente abili in quanto saranno adotti sistemi per garantire l‟accessibilità a tutti.

Sostenibilità gestionale e finanziaria Esplicitare se sussiste un La gestione sarà affidata con procedura di evidenza piano di gestione e pubblica ad operatori turistici privati e/o associazioni fornire indicazioni in di volontariato presenti nell‟ambito territoriale di merito alle modalità di riferimento e che hanno già manifestato interesse Pagina 113 di 308


gestione del servizio e di identificazione del gestore Evidenziare sostenibilità della gestione finanziaria del servizio, sviluppando una proiezione dei costi di esercizio e la corrispondente copertura tra eventuali ricavi e fonti di finanziamento

alla gestione del Museo L‟amministrazione comunale di Colobraro inserirà nei propri bilanci le risorse necessarie per provvedere alle operazioni di manutenzione ordinaria e straordinaria.

Procedure tecniche ed amministrative Vincoli sul territorio Vincoli ambientale interessato Conformità Gli interventi sono conformi agli strumenti urbanistici dell‟operazione agli vigenti strumenti urbanistici Conformità alle norme Gli interventi sono conformi alle norme ambientali ambientali Stato della progettazione Studio di fattibilità Tempi di progettazione Progettazione 30/03/2010 preliminare Progettazione esecutiva 30/06/2010 e cantierabile Tempi previsti per l‟attuazione Data appalto 31/08/2010 Inizio lavori 01/09/2010 Fine lavori 31/12/2010 Piano finanziario Costo totale 200.000,00 (duecentomila euro) dell‟operazione Contributo PO FESR 200.000,00 (duecentomila euro) Eventuale partecipazione finanziaria del soggetto attuatore Eventuale contributo di partner privato (specificare identità partner) Pagina 114 di 308


Eventuale utilizzo di strumenti di finanza di progetto Cronogramma della spesa (ripartire percentualmente)

2010

2011

2012

disponibili

disponibili

Programmati

0

0

200.000,00

Indicatori di realizzazione e sorveglianza Indicatore UnitĂ di misura Interventi di valorizzazione numero dei beni culturali Interventi di valorizzazione numero dei beni naturali Superficie interessata Km2 Occupazione indotta numero dallâ&#x20AC;&#x;operazione - di cui donne numero

2013

Valore atteso 1

2 1

Pagina 115 di 308


SCHEDA n° OP_ 5 (Intervento programmato)

Denominazione Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione

Sintesi descrittiva dell‟intervento

Soggetto responsabile Soggetto attuatore Altre amministrazioni coinvolte Target

Obiettivo operativo IV.1.1.A “Sostegno alla formazione ed al consolidamento di pacchetti integrati di offerta turistica attraverso la realizzazione di interventi infrastrutturali mirati alla fruibilità e valorizzazione a fini turistici delle risorse naturali e dei beni culturali” Interventi Infrastrutturali Realizzazione di un museo numismatico in Rotondella (MT) L‟intervento interessa si inserisce in un contesto in cui vi è una presenza significativa di ricettività diffusa, con circa 60 posti letto, nel quale l‟offerta turistca principale è quella balneare, l‟iniziativa è quella di valorizzare gli elementi culturali in gardo di contribuire alla destagionalizzazione dell‟offerta turistica., oltre a recuperare un Palazzo di pregio di Rotondella. L‟intervento si propone di allestire un piccolo Museo Numismatico e nasce dal fatto che l‟ing. Nicola Jelpo, già direttore della Zecca dello Stato, ha donato al comune di Rotondella la propria Collezione di Monete e dei locali all‟interno del Palazzo Jelpo, donazione conclusa con deliberazione di C.C. n. 46 del 30/11/2009. L‟intervento si propone di realizzare interventi di ristrutturazione interna, completa di impianti e la messa in sicurezza dei locali attraverso un impianto di video sorveglianza, sistema di allarme) nonché la realizzazione di spazi e arredi espositivi. Il museo sarà arricchito da due ulteriori sezioni: materiali iconografici riproducenti antiche monete (periodo magnogreco, bizantino, normanno) dell‟area metapontino. E da una biblioteca monotematica dedicata alla storia della moneta, unica in ambito regionale. L‟iniziativa integra l‟offerta turistica di Rotondella attraverso una struttura in grado si sollecitare l‟interesse a visitare e fruire del l “balcone dello Jonio” Comune di Rotondella Comune di Rotondella

La popolazione residente e turisti Pagina 116 di 308


dell‟operazione Criteri di selezione Coerenza con la domanda di fruizione culturale della popolazione residente e del mercato turistico Qualità dell‟offerta culturale e dei servizi per la fruizione anche in relazione ai livelli di innovazione tecnologica introdotti Innovatività tecnicoprogettuale dell‟intervento anche in termini di ricorso alle tecnologie della S.I. Idoneità dell‟intervento a realizzare circuiti, reti, itinerari tematicoterritoriali Orientamento al mercato turistico in termini di incidenza sulla domanda attuale e potenziale Contributo alla destagionalizzazione dei flussi turistici Apporto di risorse aggiuntive da parte del partnership di progetto, in particolare di quello privato Connessione dell‟operazione con l‟attivazione di progetti di impresa e di potenziamento dei servizi di fruizione compatibili con esigenze di tutela

L‟intervento previsto consentirà di integrare l‟offerta culturale del comprensorio e si rivolge sia ad una domanda locale che del mercato turistico. L‟intervento non introduce elementi significativi rispetto alle innovazioni tecnologiche.

L‟intervento non introduce elementi significativi di ricorso alle nuove tecnologie della società dell‟informazione. L‟intervento integra l‟offerta del circuito culturale ed in particolare quello relativo ai centri storici ed degli itinerari tematico territoriali Il mercato turistico chiede una maggiore diversificazione dell‟offerta turistica e l‟intervento va nella direzione proporre un elemento di attrazione unico nello scenario regionale. La diversificazione dell‟offerta turistica e la creazione di un‟offerta turistica culturale a valenza regionale contribuiscono in modo favorevole verso la destagionalizzazione dell‟offerta turistica

I progetti di impresa previsti nel presente pacchetto di offerta turistica prevedono di realizzare circuiti, reti, itinerari tematico - territoriali si integrano in modo significativo con tale intervento.

Pagina 117 di 308


Criteri trasversali Sostenibilità ambientale (tecnologie di edilizia ecosostenibile, promozione modalità di turismo eco-sostenibile, acquisizione di servizi innovativi finalizzati a ridurre le pressioni ambientali, adozione di sistemi di certificazione ambientale,ecc) Principio di pari opportunità e non discriminazione (miglioramento della fruizione dei beni da parte delle famiglie, interventi turistici in un‟ottica di inclusione sociale, servizi di informazione sull‟offerta e la fruibilità da parte delle famiglie,ecc)

L‟intervento non produce impatti, in quanto verranno utilizzati materiali di edilizia ecosostenibile, e tutte le forme che va dalla promozione, all‟acquisizione dei servizi innovativi saranno finalizzati ad evitare pressioni ambientali.

L‟intervento da realizzare consentirà la fruizione dei beni da parte delle famiglie e dei diversamente abili in quanto saranno adottai sistemi per garantire l‟accessibilità a tutti.

Sostenibilità gestionale e finanziaria Esplicitare se sussiste un La gestione sarà affidata con procedura di evidenza piano di gestione e pubblica ad operatori turistici privati e/o fornire indicazioni in associazioni di volontariato presenti nell‟ambito merito alle modalità di territoriale di riferimento e che hanno già gestione del servizio e di manifestato interesse alla gestione del Museo identificazione del gestore Evidenziare sostenibilità L‟amministrazione comunale di Rotondella inserirà della gestione finanziaria nei propri bilanci le risorse necessarie per del servizio, sviluppando provvedere alle operazioni di manutenzione una proiezione dei costi ordinaria e straordinaria. di esercizio e la corrispondente copertura tra eventuali ricavi e fonti di finanziamento Procedure tecniche ed amministrative Pagina 118 di 308


Vincoli sul territorio interessato Conformità dell‟operazione agli strumenti urbanistici Conformità alle norme ambientali Stato della progettazione

Vincoli ambientale Gli interventi sono conformi agli strumenti urbanistici vigenti Gli interventi sono conformi alle norme ambientali Studio di fattibilità

Tempi di progettazione Progettazione preliminare 30/03/2010 Progettazione esecutiva 30/06/2010 e cantierabile Tempi previsti per l‟attuazione Data appalto 30/08/2010 Inizio lavori 01/09/2010 Fine lavori 31/12/2010 Piano finanziario Costo totale dell‟operazione Contributo PO FESR Eventuale partecipazione finanziaria del soggetto attuatore Eventuale contributo di partner privato (specificare identità partner) Eventuale utilizzo di strumenti di finanza di progetto Cronogramma della spesa (ripartire percentualmente)

€ 200.000,00 (duecentomila euro) € 200.000,00 (duecentomila euro)

2010 0

Indicatori di realizzazione e sorveglianza Indicatore Unità di misura Interventi di valorizzazione numero dei beni culturali Interventi di valorizzazione numero dei beni naturali

2011

2012

disponibili

Programmati

0

200.000,00

2013

Valore atteso 1

Pagina 119 di 308


Superficie interessata Occupazione indotta dallâ&#x20AC;&#x;operazione - di cui donne

Km2 numero

200 2

numero

1

Pagina 120 di 308


SCHEDA n°OP_ 6 (Intervento su fondi disponibili)

Denominazione Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione

Obiettivo operativo IV.1.1.A “Sostegno alla formazione ed al consolidamento di pacchetti integrati di offerta turistica attraverso la realizzazione di interventi infrastrutturali mirati alla fruibilità e valorizzazione a fini turistici delle risorse naturali e dei beni culturali” Interventi Infrastrutturali Progetto per la costituzione dell‟ufficio IAT(Informazione ed Accoglienza Turistica) A seguito di un aumento del 43,5% del preesistente e di un raddoppiamento del numero dei posti letto, il Metapontino Basso Sinni conta 10.581 posti letto suddivisi in 33 strutture alberghiere, con una media da 216 a 321 posti letto per albergo. Anche il comparto extraalberghiero presenta un dato assimilabile a questo con numero di posti letto pari a 9.655. In questa macrocategoria è prevalente il campeggio con 7.320 posti letto distribuite su 10 strutture. La seconda categoria, in ordine di importanza numerica di area, è rappresentata dall‟agriturismo con circa 58 strutture e 910 posti letto. Significativa anche la mole dei complessi di seconde case che struttura una presenza turistica accessoria, ma comunque importante per la macroarea, distribuita su tutto l‟arco jonico lucano e con una particolare concentrazione a Pisticci. Nel Metapontino lo sviluppo quantitativo è stato accompagnato da un‟attenzione qualitativa nelle strutture ricettive, mentre minore sviluppo sembra essere stato riservato alle attività di servizio complementare, anche in conseguenza del fatto che i grandi resort sono sostanzialmente autosufficienti in termini di servizi. Infine, il Metapontino Basso Sinni ha un vantaggio competitivo rispetto alle altre della Basilicata per la presenza di importanti arterie stradali di collegamento da e verso le regioni limitrofe e soprattutto, assieme a Matera, per la vicinanza agli Hub aeroportuali di Bari e Brindisi. Questi hanno attivato una politica di marketing a dir poco eccellente negli ultimi quattro anni, facendo passare il traffico passeggeri a circa 3 milioni, con circa 70 voli. Il livello comportamentale nel turismo è oggi molto accentuato e questo porta le destinazioni turistiche a sviluppare un ruolo sempre piu‟ attivo ed innovativo, dotandosi di strumenti di gestione e programmazione Pagina 121 di 308


Sintesi descrittiva dell‟intervento

adeguati e creando le più opportune alleanze strategiche. La competizione dei territori a vocazione turistica si gioca prioritariamente sulla capacità di catturare i flussi turistici attraverso una comunicazione mirata che valorizzi il territorio e le sue capacità d‟accoglienza. Settore pubblico e privato devono incontrarsi al fine di realizzare politiche commerciali efficaci, capaci di generare un ritorno effettivo delle azioni compiute, in termini di sviluppo del settore turistico. Sarà, pertanto, necessario favorire partnership per costruire pacchetti turistici integrati essenziali per il sistema turistico lucano, con una strategia unitaria che superi la frammentazione dell‟offerta e promuova, oltre ai turismi tradizionali, balneare e montano, le risorse storiche, ambientali e culturali, compreso il prodotto turistico-enogastronomico. La partnership di progetto ha inteso assegnare a tale strumento una valenza strategica e si propone di realizzare la sede centrale dell‟ufficio I A T – dell‟area Metapontino_Basso Sinni, in una posizione strategica e facilmente accessibile, nel Palazzo Baronale di Scanzano Jonico. La sede principale sarà supportata da altre periferiche, di cui: l‟Infopoint dei Casalini a Policoro, un punti informativi presso il Complesso Monumentale Torre di Mare a Metaponto e presso la delegazione comunale a Nova Siri marina. Tali sedi saranno strutturati con: - personale multilingue; - sala riunione; - computer; - scrivanie; - linea telefonica; - espositori materiale informativo turistico strutture; ricettive e del territorio Metapontino; - attrezzatura video; - sito web in lingue ( azione di web marketing); - “basilm@il”, un servizio che sarà erogato ai turisti attraverso delle postazioni informatiche. Tramite email e grazie ad una fotocamera digitale sarà possibile inviare una propria fotografia arricchita da una cartolina con suggestive immagini del territorio Metapontino. Il dispositivo, inoltre, permetterà di raccogliere indirizzi mail dei turisti, ai quali poi saranno inviati, nel corso dell‟anno, informazioni relative agli Pagina 122 di 308


Soggetto responsabile Soggetto attuatore Altre amministrazioni coinvolte Target dell‟operazione

eventi del territorio. Comunità Montana Basso Sinni Comunità Montana Basso Sinni

Turisti e popolazione locale

Criteri di selezione Coerenza con la domanda di fruizione culturale della popolazione residente e del mercato turistico

Il turismo rappresenta una risorsa di assoluto rilievo per la nostra Regione che puo‟ contare un patrimonio storico, culturale, ambientale straordinario. Per questa ragione è opportuno elaborare una strategia precisa per la valorizzazione delle potenzialità turistiche. Coniugando il turismo balneare con quello culturale, enogastronomico, naturalistico, del benessere e leisure, sociale, scolastico, congressuale, sportivo, il cineturismo e il geoturismo, attraverso una sorta di cabina di regia, si potrà non solo elevare notevolmente a valore l‟intera offerta turistica del territorio, ma favorire incisivamente sulla sua destagionalizzazione e diversificazione dei vari itinerari. Quindi, il Prodotto Metapontino potrà essere protagonista sulla scena nazionale ed internazionale giungendo all‟attivazione del modello del Distretto TuristicoCulturale della Provincia di Matera. L‟intervento mirerà, inoltre, ad una maggiore attenzione al turista, attraverso: tutela della salute, sicurezza dei luoghi, qualità del prodotto offerto, educazione al consumo, adeguata informazione e corretta pubblicità, trasparenza ed equità nei rapporti contrattuali. E‟ auspicabile che l‟attività venga svolta da un‟associazione di promozione turistica improntata con criteri di una sinergia imprenditoriale fra tutte quelle imprese turistiche che operano nello sviluppo del turismo incoming e nelle attività di commercializzazione del prodotto turistico della zona. L‟Associazione dovrà, di concerto con Villaggi Turistici, Hotels, Relais, Tour Pagina 123 di 308


Operator, Circoli Nautici, Golf, Porti Turistici e tutte quelle attività che rappresentano una linea di prodotto per l‟affermazione e la valorizzazione di ogni declinazione turistica, operare per incrementare la destagionalizzazione dei flussi turistici. L‟intervento previsto consentirà di integrare l‟offerta turistica di tipo naturalistica per il comprensorio e si rivolge sia ad una domanda locale che del mercato turistico. Qualità dell‟offerta La sede avrà la funzione di info-point turistico per culturale e dei servizi per tutte le informazioni del territorio: la fruizione anche in - gestione card turistica ( BasilCard); relazione ai livelli di - escursioni; innovazione tecnologica - informazioni hotels, relais, villaggi turistici, introdotti b&b, borgo-albergo; - informazioni servizi di transfer aeroportuali; - rent a car; - informazioni voli nazionali ed internazionali; - informazioni servizi di trasporto pubblico; - informazioni aziende enogastronomiche; - informazioni servizi nautici; - informazioni sul golf; - informazioni manifestazioni ed eventi del territorio; - informazioni salvataggio,recupero d‟altura e costiera. Innovatività tecnicoPer potenziare lo sviluppo del brand – metapontino progettuale dell‟intervento sarà necessario stimolare la crescita della anche in termini di ricorso destagionalizzazione turistica, attraverso una alle tecnologie della S.I. offerta turistica in una logica di sistema per creare politiche di promozione nazionali ed internazionali. Sarà, pertanto, opportune le seguenti azioni : - catalogo in lingue ( italiano – inglese – tedesco ); - road-show nelle principali città di riferimento del nostro - turismo Bari – Roma – Bologna – Milano, in partnership - con il Distretto AgroAlimentare di Qualità del Metapontino e il Consorzio di Tutela Vini Doc Matera; - educational tour per agenzie e tour operator selezionati per tipologia del mercato turistico commercializzato. Pagina 124 di 308


Idoneità dell‟intervento a realizzare circuiti, reti, itinerari tematicoterritoriali

Orientamento al mercato turistico in termini di incidenza sulla domanda attuale e potenziale

Contributo alla destagionalizzazione dei flussi turistici

Apporto di risorse aggiuntive da parte del partnership di progetto, in particolare di quello privato Connessione dell‟operazione con l‟attivazione di progetti di impresa e di potenziamento dei servizi di fruizione compatibili con esigenze di tutela

Criteri trasversali Sostenibilità ambientale (tecnologie di edilizia ecosostenibile, promozione modalità di turismo eco-sostenibile, acquisizione di servizi innovativi finalizzati a ridurre le pressioni ambientali, adozione di

- installazione di schermi touch screen informativi per la visualizzazione dei contenuti dei siti turistici istituzionali; - dotazione di schermi LCD su cui proiettare filmati delle attrattive del nostro territorio; - creazione di isole wireless gratuite per i turisti in viaggio. Il mercato turistico chiede una maggiore qualificazione e diversificazione dell‟offerta turistica e l‟intervento va in tale direzione in quanto tende ad intercettare il turisti e consente di offrire servizi che non potrebbero essere resi senza l‟infrastruttura da completare. La diversificazione dell‟offerta turistica e la creazione di un‟offerta turistica più specializzata contribuisce in modo significativo alla destagionalizzazione dell‟offerta turistica. Ogni intervento infrastrutturale previsto sarà connesso e parte integrante dell‟azione prevista, attraverso un costante e sempre aggiornato monitoraggio delle stesse finalizzato al loro coinvolgimento ed utilizzo. I progetti di impresa previsti nel presente pacchetto di offerta turistica prevedono di realizzare circuiti, reti, itinerari tematico - territoriali si integrano in modo significativo con tale intervento. L‟implementazione dell‟iniziativa dovrà avere un‟equa sostenibilità ambientale ed è finalizzata a promuovere un turismo ecosostenibile attraverso mezzi innovativi finalizzati a ridurre le pressioni ambientali. L‟intervento non produce impatti, in quanto verranno utilizzati locali già esistenti e tutte le forme di comunicazione che vanno dalla promozione all‟erogazione di servizi innovativi saranno finalizzati ad evitare pressioni ambientali.

Pagina 125 di 308


sistemi di certificazione ambientale,ecc) Principio di pari opportunità e non discriminazione (miglioramento della fruizione dei beni da parte delle famiglie, interventi turistici in un‟ottica di inclusione sociale, servizi di informazione sull‟offerta e la fruibilità da parte delle famiglie,ecc)

L‟intervento mira al 100% al perseguimento delle pari opportunità e non discriminazione attraverso un costante e concreto coinvolgimento dei nuclei familiari, degli entrambi i sessi, varie etnie di provenienza e diversamente abili.

Sostenibilità gestionale e finanziaria Esplicitare se sussiste un La gestione sarà effettuata dal partnership pubblica piano di gestione e fornire di concerto con quella privata e la sede sarà indicazioni in merito alle individuata nel comune che manifesterà maggiore modalità di gestione del interesse con la disponibilità di immobili, servizi e servizio e di fondi. identificazione del gestore Evidenziare sostenibilità La gestione saà effettuata con fondi a carico della della gestione finanziaria partnership pubblica con la compartecipazione di del servizio, sviluppando quella privata. una proiezione dei costi di esercizio e la corrispondente copertura tra eventuali ricavi e fonti di finanziamento Procedure tecniche ed amministrative Vincoli sul territorio Vincoli ambientali interessato Conformità Gli interventi sono conformi agli strumenti dell‟operazione agli urbanistici vigenti strumenti urbanistici Conformità alle norme Gli interventi sono conformi alle norme ambientali ambientali Stato della progettazione Progetto Preliminare Tempi di progettazione Progettazione preliminare Progettazione esecutiva e

30/03/2010 30/09/2010 Pagina 126 di 308


cantierabile Tempi previsti per l‟attuazione Data appalto 31/10/2010 Inizio lavori 15/11/2010 Fine lavori 31/12/2010 Piano finanziario Costo totale dell‟operazione Contributo PO FESR Eventuale partecipazione finanziaria del soggetto attuatore Eventuale contributo di partner privato (specificare identità partner) Eventuale utilizzo di strumenti di finanza di progetto Cronogramma della spesa (ripartire percentualmente)

100.000,00 (centomila euro) 100.000,00 (centomila euro)

2010 100%

Indicatori di realizzazione e sorveglianza Indicatore Unità di misura Interventi di valorizzazione numero dei beni culturali Interventi di valorizzazione numero dei beni naturali Superficie interessata Km2 Occupazione indotta numero dall‟operazione - di cui donne numero

2011

2012

2013

Valore atteso 3 0

3 2

Pagina 127 di 308


SCHEDA n° OP_7 (Intervento programmato)

Denominazione Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione

Sintesi descrittiva dell‟intervento

Soggetto responsabile Soggetto attuatore Altre amministrazioni coinvolte Target dell‟operazione Criteri di selezione Coerenza con la

Obiettivo operativo IV.1.1.A “Sostegno alla formazione ed al consolidamento di pacchetti integrati di offerta turistica attraverso la realizzazione di interventi infrastrutturali mirati alla fruibilità e valorizzazione a fini turistici delle risorse naturali e dei beni culturali” Interventi Infrastrutturali Completamento del Centro visite del Pollino L‟intervento va a completare un precedente intervento realizzato con i fondi dell‟accordo di programma del PIT Metapontino che ha realizzato un lotto funzionale. L‟infrastruttura si trova in posizione di avamposto naturale e logistico-funzionale rispettoal flusso turistico indirizzato verso il Parco Nazionale del Pollino dal versante Lucano e quindi di fatto una ”Porta del Parco”. Tale posizione spinge il partenariato del PIOT ad indicarla come infrastruttura strategica per il turismo naturalistico dell‟area.. La porta si pone l‟obiettivo di essere educativa-informativa enl senso di introduzione culturale e non solo turistica alla conoscenza del Parco. Inoltre contribuirà in modo significativo a dare informazione sugli itinerari, garantire la migliore accoglienza alberghiera, ristorativa ed organizzativa ai visitatori attraverso sistemi organizzativi che garantiscono la massima efficacia ed efficienza. L‟intervento si propone di realizzare il centro servizi completa della zona informazione, esposizione e promozione, il completamento dl teatro all‟aperto per circa 400-500 posti, ed il completamento e l‟arredo degli spazi esterni con la delimitazione dell‟area. Il completamento del l‟infrastruttura sarà realizzata con materiali tipici della bioedilizia. Saranno inoltre realizzati gli impianti interni e l‟impianto di illuminazione esterna Comune di San Giorgio Lucano Comune di San Giorgio Lucano

La popolazione residente e i turisti

L‟intervento previsto consentirà di integrare Pagina 128 di 308


domanda di fruizione culturale della popolazione residente e del mercato turistico Qualità dell‟offerta culturale e dei servizi per la fruizione anche in relazione ai livelli di innovazione tecnologica introdotti Innovatività tecnicoprogettuale dell‟intervento anche in termini di ricorso alle tecnologie della S.I. Idoneità dell‟intervento a realizzare circuiti, reti, itinerari tematicoterritoriali Orientamento al mercato turistico in termini di incidenza sulla domanda attuale e potenziale

Contributo alla destagionalizzazione dei flussi turistici Apporto di risorse aggiuntive da parte del partnership di progetto, in particolare di quello privato Connessione dell‟operazione con l‟attivazione di progetti di impresa e di potenziamento dei servizi di fruizione compatibili con esigenze di tutela Criteri trasversali Sostenibilità ambientale

l‟offerta turistica di tipo naturalistica per il comprensorio e si rivolge sia ad una domanda locale che del mercato turistico. L‟intervento non introduce elementi significativi rispetto alle innovazioni tecnologiche.

L‟intervento non introduce elementi significativi di ricorso alle nuove tecnologie della società dell‟informazione. L‟intervento integra l‟offerta degli itinerari naturalistici e sportivo, infatti sarà da stimola sia alla domanda che all‟offerta per realizzare itinerari per i diversi target di turisti. Il mercato turistico chiede una maggiore qualificazione e diversificazione dell‟offerta turistica e l‟intervento va in tale direzione in quanto tende ad intercettare il turisti e consente di offrire servizi che non potrebbero essre resi senza l‟infrastruttura da completare. La diversificazione dell‟offerta turistica e la creazione di un‟offerta turistica naturalistica più specializzata contribuisce in modo significativo alla destagionalizzazione dell‟offerta turistica

I progetti di impresa previsti nel presente pacchetto di offerta turistica prevedono di realizzare circuiti, reti, itinerari tematico - territoriali si integrano in modo significativo con con tale intervento.

L‟intervento

non

produce

impatti,

in

quanto

Pagina 129 di 308


(tecnologie di edilizia ecosostenibile, promozione modalità di turismo eco-sostenibile, acquisizione di servizi innovativi finalizzati a ridurre le pressioni ambientali, adozione di sistemi di certificazione ambientale,ecc) Principio di pari opportunità e non discriminazione (miglioramento della fruizione dei beni da parte delle famiglie, interventi turistici in un‟ottica di inclusione sociale, servizi di informazione sull‟offerta e la fruibilità da parte delle famiglie,ecc)

verranno utilizzati materiali di edilizia ecosostenibile, e tutte le forme che va dalla promozione, all‟erogazione di servizi innovativi saranno finalizzati ad evitare pressioni ambientali.

L‟intervento da realizzare consentirà la fruizione dei beni da parte delle famiglie e dei diversamente abili in quanto saranno adottai sistemi per garantire l‟accessibilità a tutti.

Sostenibilità gestionale e finanziaria Esplicitare se sussiste un La gestione sarà affidata con procedura di piano di gestione e fornire evidenza pubblica ad operatori turistici privati e/o indicazioni in merito alle associazioni di volontariato presenti nell‟ambito modalità di gestione del territoriale di riferimento e che hanno già servizio e di manifestato interesse nella gestione del centro identificazione del gestore visite. Evidenziare sostenibilità L‟amministrazione comunale di San Giorgio Lucano della gestione finanziaria inserirà nei propri bilanci le risorse necessarie per del servizio, sviluppando provvedere alle operazioni di manutenzione una proiezione dei costi di ordinaria e straordinaria dell‟infrastruttura. esercizio e la corrispondente copertura tra eventuali ricavi e fonti di finanziamento Procedure tecniche ed amministrative Vincoli sul territorio Vincoli ambientali e del Parco del Pollino interessato Conformità Gli interventi sono conformi agli strumenti dell‟operazione agli urbanistici vigenti Pagina 130 di 308


strumenti urbanistici Conformità alle norme ambientali Stato della progettazione

Gli interventi sono conformi alle norme ambientali Progetto Preliminare

Tempi di progettazione Progettazione preliminare 30/03/2010 Progettazione esecutiva e 30/06/2010 cantierabile Tempi previsti per l‟attuazione Data appalto 30/09/2010 Inizio lavori 31/10/2010 Fine lavori 30/06/2011 Piano finanziario Costo totale dell‟operazione Contributo PO FESR Eventuale partecipazione finanziaria del soggetto attuatore Eventuale contributo di partner privato (specificare identità partner) Eventuale utilizzo di strumenti di finanza di progetto Cronogramma della spesa (ripartire percentualmente)

300.000,00 (trecentomila euro) 300.000,00 (trecentomila euro)

2010 0

Indicatori di realizzazione e sorveglianza Indicatore Unità di misura Interventi di valorizzazione numero dei beni culturali Interventi di valorizzazione numero dei beni naturali Superficie interessata Km2 Occupazione indotta numero dall‟operazione - di cui donne numero

2011

2012

disponibili

Programmati

0

300.000,00

2013

Valore atteso

1

3 1 Pagina 131 di 308


SCHEDA n° RdA_P_1

Regimi di aiuto in esenzione (progetti “portanti”) Obiettivo operativo IV.1.1.B “promozione e qualificazione delle imprese operanti all‟interno della filiera turistica” Concessione di aiuti per la riqualificazione/trasformazione di strutture ricettive già esistenti, per la realizzazione di strutture per servizi complementari e per la realizzazione di forme ricettive alternative in dimore storiche di pregio Regimi di aiuto in esenzione (progetti “portanti” )

Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione

La macroarea del Metapontino Basso Sinni, nel periodo 2000-2007, si è caratterizzata per una rapida crescita delle strutture alberghiere (+ 43,5%) e dei relativi posti letto (+ 113,2%) come anche per quelle extraalberghiere ma con un ritmo più ridotto (+ 19,80%). Lo sviluppo quantitativo è stato accompagnato da un‟attenzione qualitativa nelle strutture ricettive. Le due categorie hanno assunto un peso quasi identico rispetto al totale della ricettiva della macroarea.

Esplicitazione del fabbisogno territoriale in relazione al quale è espressa la premialità

La grande dimensione ricettiva, l‟orientamento pressoché esclusivo al turismo balneare e la forte dipendenza dai mercati interni rendono difficile la saturazione dei posti letto disponibili nella macroarea del Metapontino Basso Sinni. Si riscontra infatti, una fortissima concentrazione stagionale (68% delle presenze nei mesi di luglio e agosto) ed un tasso di occupazione annuo molto basso. Agli attuali target di clientela si potrebbero aggiungere quelli dei mercati nord-europei che, nella fruizione delle vacanze, sono meglio distribuiti nell‟arco temporale e culturalmente sensibili alle tematiche ambientali. Tutto ciò rappresenta una opportunità da trasformare in vantaggio competitivo per la macroarea del Metapontino Basso Sinni per dare impulso all‟accrescimento degli arrivi (“stranieri”) sia in termini di allungamento della stagione turistica che di vera destagionalizzazione. A Pagina 132 di 308


tale scopo si intendono incentivare investimenti di riqualificazione/trasformazione di strutture ricettive già esistenti orientati a target di clientela idonei a destagionalizzare le presenze e poco impattanti sull‟ambiente e sul territorio che privilegiano l‟uso di materiali e tecniche costruttive e gestionali ecosostenibili. Sono esclusi gli interventi che prevedono l‟incremento della dotazione dei posti letto. Una ulteriore opportunità per allungare la stagione turistica e per incrementare il grado di utilizzazione delle strutture ricettive esistenti è data dal turismo del benessere. Esso rappresenta una tipologia di turismo possibile nella macroarea del Metapontino Basso Sinni in considerazione dell‟evoluzione dei bisogni dei consumatori e alla presenza di strutture ricettive di qualità le quali suggeriscono l‟ampliamento del sistema di accoglienza mirato. A tale scopo si intendono incentivare investimenti tesi a realizzare strutture complementari a servizio della ricettività esistente. All‟interno dell‟extralberghiero assume sempre maggiore rilevanza la necessità di offrire delle soluzioni alternative in grado di intercettare specifici target di clientela. Accanto alla componente mare, si stanno sviluppando nicchie di mercato che stanno assumendo nel tempo sempre maggiore rilevanza, come ad esempio i soggiorni nelle dimore storiche di pregio e di natura artistica, in grado di contribuire fortemente alla caratterizzazione dei prodotti turistici d‟area. Nel passato, nella macroarea del Metapontino Basso Sinni, sono state avviate delle forme di sviluppo della ricettività alternativa di estremo interesse quale l‟albergo diffuso del GAL Cosvel che ha consolidato nel tempo il gradimento presso la propria clientela. Con la concessione di incentivi per il recupero e la Pagina 133 di 308


riqualificazione a fini ricettivi del patrimonio immobiliare esistente di particolare pregio storico e/o artistico, si intende ulteriormente diversificare e caratterizzare l‟offerta turistica della macroarea. Le tipologie di intervento sopradescritte assumono particolare rilievo nella strutturazione dell‟offerta turistica locale in quanto sono orientati alla domanda di mercato. Criteri di selezione (indicare l‟eventuale valore premiante) Contributo alla destagionalizzazion e dei flussi turistici ed alla diversificazione delle mete turistiche

30%

Introduzione e diffusione dell‟uso di nove tecnologie dell‟informazione e della comunicazione

10%

Adeguati standard di qualità attraverso certificazioni anche di sostenibilità ambientale

10%

Forme alternative di ricettività (ospitalità diffusa, borgo albergo, ecc) poco impattanti sull‟ambiente

5%

Ampliamento e miglioramento di strutture esistenti

Max 30% per gli interventi di riqualificazione/trasformazione dell‟intera struttura esistente Max 15% per gli interventi di riqualificazione/trasformazione parziale della struttura esistente

Residenze d‟epoca

5%

Pagina 134 di 308


Grado di innovatività dell‟intervento e prospettive di mercato positive

5%

Progetti di recettività comprensivi di impianti complementari Connessione con interventi infrastrutturali (gestione a fini produttivi dei beni culturali e naturali)

5%

Criteri trasversali (indicare l‟eventuale valore premiante) Sostenibilità ambientale (tecnologie a basso impatto, interventi mirati a promuovere forme di turismo eco-sostenibile, servizi innovativi finalizzati a ridurre le pressioni ambientali, adozione di sistemi di certificazione ambientale,ecc)

100%

Principio di pari opportunità e non discriminazione

100%

Pagina 135 di 308


Regimi di aiuto di importo limitato (progetti di completamento della filiera turistica)” SCHEDA n° RdA_C_1

Obiettivo operativo IV.1.1.B “promozione e qualificazione delle imprese operanti all‟interno della filiera turistica”

Concessioni di agevolazioni per la diversificazione dell‟offerta di attività nautiche Regimi di aiuto di importo limitato (progetti di completamento della filiera turistica)” Descrizione del L‟area del Metapontino Basso Sinni è principalmente contesto in cui si una meta balneare con i suoi circa 37 km della costa inserisce l‟operazione jonica è destinazione prediletta soprattutto dei turisti italiani. Registra il maggior tasso di crescita turistica dell‟intera regione rappresentando l‟area di maggior traino dell‟economia turistica regionale in termini di peso e di incremento di presenze ed arrivi. Uno dei fattori di criticità del Metapontino Basso Sinni è rappresentato dalla scarsa integrazione con il potenziale sistema di offerta del territorio e dalla insufficiente organizzazione del tempo libero. Il mare Jonio e quindi il Mediterraneo rappresentano un patrimonio naturale e ambientale, e allo stesso tempo un contenitore di memoria nel quale confluiscono momenti storici della terra e del mare stesso. E‟ una risorsa che si presta a vari utilizzi attraverso modalità di fruizione ecosostenibile. Esplicitazione del La nuova tendenza a uscire dai villaggi e dalle strutture fabbisogno territoriale “chiuse”, i trend positivi della domanda relativa al in relazione al quale è turismo del tempo libero, la crescita della domanda espressa la premialità relativa a segmenti di attività collegate al mare, sollecitano ad incentivare forme innovative e complementari di fruizione del mare legate allo sport, alla didattica e al tempo libero. Il progetto intende stimolare l‟avvio o la qualificazione di attività nautiche per il tempo libero, per la didattica o per pratiche sportive con specifici target di mercato con Pagina 136 di 308


domanda crescente, che si ritengono complementari rispetto a tutta la filiera turistica della macroarea e strettamente connesse con l‟offerta già esistente ed in corso di ulteriore qualificazione. Criteri di selezione (indicare l‟eventuale valore premiante) Contributo alla destagionalizzazione dei flussi turistici ed alla diversificazione delle mete turistiche Introduzione e diffusione dell‟uso di nove tecnologie dell‟informazione e della comunicazione Adeguati standard di qualità attraverso certificazioni anche di sostenibilità ambientale Grado di innovatività dell‟intervento e prospettive di mercato positive Progetti di realizzazione di impianti complementari strutture ricettive esistenti Connessione con interventi infrastrutturali (gestione a fini produttivi dei beni culturali e naturali)

40%

30%

30%

Totale100% Criteri trasversali (indicare l‟eventuale valore premiante) Sostenibilità ambientale (tecnologie a basso impatto, interventi mirati a promuovere forme di

100%

Pagina 137 di 308


turismo eco-sostenibile, servizi innovativi finalizzati a ridurre le pressioni ambientali, adozione di sistemi di certificazione ambientale,ecc) Principio di pari opportunitĂ e non discriminazione

100%

Pagina 138 di 308


SCHEDA n° RdA_C_2

Obiettivo operativo IV.1.1.B “promozione e qualificazione delle imprese operanti all‟interno della filiera turistica” Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo di attività ricettive alternative

Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione

Esplicitazione del fabbisogno territoriale in relazione al quale è espressa la premialità

Regimi di aiuto di importo limitato (progetti di completamento della filiera turistica)” La macroarea del Metapontino Basso Sinni, nel periodo 2000-2007, si è caratterizzata per una rapida crescita delle strutture alberghiere (+ 43,5 % ) e dei relativi posti letto (+ 113,2%) come anche per quelle extraalberghiere ma con un ritmo più ridotto ( + 19,80%). Lo sviluppo quantitativo è stato accompagnato da un‟attenzione qualitativa nelle strutture ricettive. Le due macrocategorie assumono pesano quasi in equal modo rispetto al totale della ricettiva della macroarea. All‟interno dell‟extralberghiero assume sempre maggiore rilevanza la necessità di offrire delle soluzioni alternative in grado di intercettare specifici target di clientela. Accanto alla componente mare, si stanno sviluppando nicchie di mercato che stanno assumendo nel tempo sempre maggiore rilevanza, come ad esempio i soggiorni nelle dimore storiche di pregio anche di natura artistica, in grado di contribuire fortemente alla caratterizzazione dei prodotti turistici d‟area. Nel passato, nella macroarea del Metapontino Basso Sinni sono state avviate delle forme di sviluppo della ricettività alternativa di estremo interesse quale l‟albergo diffuso del GAL Cosvel che ha consolidato nel tempo il gradimento presso la propria clientela. Con la concessione di incentivi per il recupero e la riqualificare a fini ricettivi del patrimonio immobiliare esistente di particolare pregio storico e/o artistico, si intende ulteriormente diversificare e caratterizzare l‟offerta della macroarea. Saranno incentivate anche Pagina 139 di 308


iniziative tese a promuovere strutture ricettive all‟area aperta in grado di diversificare ulteriormente l‟offerta di ospitalità della macroarea.

Criteri di selezione (indicare l‟eventuale valore premiante) Contributo alla destagionalizzazione dei flussi turistici ed alla diversificazione delle mete turistiche Introduzione e diffusione dell‟uso di nove tecnologie dell‟informazione e della comunicazione Adeguati standard di qualità attraverso certificazioni anche di sostenibilità ambientale Grado di innovatività dell‟intervento e prospettive di mercato positive Progetti di realizzazione di impianti complementari strutture ricettive esistenti Connessione con interventi infrastrutturali (gestione a fini produttivi dei beni culturali e naturali)

25%

25%

50%

Totale100% Criteri trasversali (indicare l‟eventuale valore premiante) Sostenibilità ambientale (tecnologie a basso impatto, interventi mirati a promuovere forme di

100%

Pagina 140 di 308


turismo eco-sostenibile, servizi innovativi finalizzati a ridurre le pressioni ambientali, adozione di sistemi di certificazione ambientale,ecc) Principio di pari opportunitĂ e non discriminazione

100%

Pagina 141 di 308


SCHEDA n° RdA_C_3

Obiettivo operativo IV.1.1.B “promozione e qualificazione delle imprese operanti all‟interno della filiera turistica” Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo delle strutture complementari di tipo balneare a servizio della ricettività esistente

Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione

Esplicitazione del fabbisogno territoriale in relazione al quale è espressa la premialità

Regimi di aiuto di importo limitato (progetti di completamento della filiera turistica)” Il Metapontino Basso Sinni è principalmente una meta balneare rappresentando di fatto il prodotto turistico più conosciuto e venduto della macroarea. Su di essa insistono circa 60 lidi con una significativa concentrazione a Marina di Metaponto. Un miglioramento della competitività del settore balneare del Metapontino Basso Sinni deve necessariamente passare da un miglioramento dei servizi offerti dagli stabilimenti balneari, attraverso la predisposizione di riqualificazione dei servizi e delle attrezzature per la balneazione e per l‟intrattenimento. Risulta essere essenziale aumentare la qualità dell‟offerta visto che il cliente balneare passa la gran parte del proprio tempo sul mare. Gli interventi dovranno necessariamente prevedere interventi di adeguamento dell‟accessibilità per i diversamente abili e per gli anziani. Saranno privilegiati investimenti rispettosi dell‟ambiente.

Criteri di selezione (indicare l‟eventuale valore premiante) Contributo alla destagionalizzazione dei flussi turistici ed alla diversificazione delle mete turistiche Introduzione e diffusione dell‟uso di nove tecnologie dell‟informazione e della comunicazione Adeguati standard di qualità

25%

25% Pagina 142 di 308


attraverso certificazioni anche di sostenibilità ambientale Grado di innovatività dell‟intervento e prospettive di mercato positive Progetti di realizzazione di impianti complementari strutture ricettive esistenti Connessione con interventi infrastrutturali (gestione a fini produttivi dei beni culturali e naturali)

50%

Totale100% Criteri trasversali (indicare l‟eventuale valore premiante) Sostenibilità ambientale (tecnologie a basso impatto, interventi mirati a promuovere forme di turismo eco-sostenibile, servizi innovativi finalizzati a ridurre le pressioni ambientali, adozione di sistemi di certificazione ambientale,ecc) Principio di pari opportunità e non discriminazione

100%

100%

Pagina 143 di 308


SCHEDA n° RdA_C_4 Una scheda per ciascun singolo progetto di investimento inserito nel PIOT

Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione

Esplicitazione del fabbisogno territoriale in relazione al quale è espressa la premialità

Obiettivo operativo IV.1.1.B “promozione e qualificazione delle imprese operanti all‟interno della filiera turistica” Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo delle attività del benessere e del relax Regimi di aiuto di importo limitato (progetti di completamento della filiera turistica)” Il Metapontino Basso Sinni presenta delle potenzialità di contesto che possono rispondere alle caratteristiche di concept del benessere e del relax, anche se la notorietà delle risorse e della sua offerta è ancora limitata. Sul territorio sono presenti 11 strutture ricettive dotate di centro fitness (su un totale di 26 del livello regionale). Il turismo del benessere e del relax rappresenta un segmento di turismo possibile in Basilicata in considerazione dell‟evoluzione dei bisogni dei consumatori e alla presenza di strutture ricettive di qualità suggeriscono l‟ampliamento del sistema di accoglienza mirato. Il turismo del benessere e del relax si propone di rendere più attrattiva l‟offerta complessiva la quale potrà assumere una propria connotazione atta anche ad allungare la stagione turistica e porsi in connessione con altre tipologie di offerta turistica. Recenti rilevazioni svolte lungo la costa jonica hanno evidenziato l‟apprezzamento verso le strutture per il relax. Con la concessione di tali aiuti si intende incentivare la creazione e lo sviluppo di adeguate strutture per il benessere ed il relax quali centri wellness, SPA, piscine, impianti sportivi.

Pagina 144 di 308


Criteri di selezione (indicare l’eventuale valore premiante)

Contributo alla destagionalizzazione dei flussi turistici ed alla diversificazione delle mete turistiche Introduzione e diffusione dell‟uso di nove tecnologie dell‟informazione e della comunicazione Adeguati standard di qualità attraverso certificazioni anche di sostenibilità ambientale Grado di innovatività dell‟intervento e prospettive di mercato positive Progetti di realizzazione di impianti complementari strutture ricettive esistenti Connessione con interventi infrastrutturali (gestione a fini produttivi dei beni culturali e naturali)

25%

15%

20%

35%

Totale100%

Pagina 145 di 308


Criteri trasversali (indicare lâ&#x20AC;&#x;eventuale valore premiante) SostenibilitĂ ambientale (tecnologie a basso impatto, interventi mirati a promuovere forme di turismo eco-sostenibile, servizi innovativi finalizzati a ridurre le pressioni ambientali, adozione di sistemi di certificazione ambientale,ecc) Principio di pari opportunitĂ  e non discriminazione

100%

100%

Pagina 146 di 308


SCHEDA n° RdA_C_5

Obiettivo operativo IV.1.1.B “promozione e qualificazione delle imprese operanti all‟interno della filiera turistica”

Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo delle attività connesse con il tempo libero Regimi di aiuto di importo limitato (progetti di completamento della filiera turistica)” Il turismo del tempo libero è un segmento a domanda crescente in Basilicata dove, dalla ristorazione all‟entertainment notturno, dalle formule più innovative di turismo al gioco, dal fitness agli Descrizione del contesto sport estremi, allo shopping, cicloturismo si sta pian piano potenziando l‟offerta in considerazione del in cui si inserisce l‟operazione fatto che l‟evoluzione dei gusti dei turisti, che spinge a consumare alcuni beni invece che altri, contribuendo al rapido mutamento del paniere della spesa dei consumatori, non penalizza voci di spesa legate al tempo libero, allo sport e alla cura di sé. Nel raggiungimento della customer satisfaction e nel processo di fidelizzazione, le opportunità di svago svolgono un ruolo non secondario e manifestano una forte interconnessione e un carattere di trasversalità con altri segmenti turistici che si traduce in un‟elevata capacità di attivazione reciproca di Esplicitazione del fabbisogno territoriale in processi economici. relazione al quale è A tale scopo si intende incentivare lo sviluppo delle espressa la premialità opportunità per il tempo libero e per lo svago allineando l‟offerta alle esigenze di mercato incrementandone la qualità. In particolare si punta alle attività connesse con il mondo dei consumi alimentari fuori casa, del divertimento notturno e degli sport idonei a fruire le risorse naturali. Criteri di selezione (indicare l‟eventuale valore premiante) Contributo alla destagionalizzazione dei flussi turistici ed alla

25%

Pagina 147 di 308


diversificazione delle mete turistiche Introduzione e diffusione dell‟uso di nove tecnologie dell‟informazione e della comunicazione Adeguati standard di qualità attraverso certificazioni anche di sostenibilità ambientale Grado di innovatività dell‟intervento e prospettive di mercato positive Progetti di realizzazione di impianti complementari strutture ricettive esistenti Connessione con interventi infrastrutturali (gestione a fini produttivi dei beni culturali e naturali)

15%

20%

35%

Totale100% Criteri trasversali (indicare l‟eventuale valore premiante) Sostenibilità ambientale (tecnologie a basso impatto, interventi mirati a promuovere forme di turismo eco-sostenibile, servizi innovativi finalizzati a ridurre le pressioni ambientali, adozione di sistemi di certificazione ambientale,ecc) Principio di pari opportunità e non discriminazione

100%

100%

Pagina 148 di 308


SCHEDA RdA_C_n° 6

Obiettivo operativo IV.1.1.B “promozione e qualificazione delle imprese operanti all‟interno della filiera turistica” Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo di attività di servizio per la fruizione congiunta delle risorse della macroarea Regimi di aiuto di importo limitato (progetti di completamento della filiera turistica)”

Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione

Esplicitazione del fabbisogno territoriale in relazione al quale è espressa la premialità

Punto di forza del Metapontino - Basso Sinni è il turismo balneare, grazie a un'offerta ricettiva di significativa rilevanza sia quantitativa sia qualitativa. La capacità ricettiva conta il più alto numero di posti letto (20.589) della Basilicata. Inoltre la macroarea si distingue anche per il rilevante peso della ricettività extra-alberghiera. L‟integrazione con le risorse naturali e culturali presenti e con eventi qualificati come il Parco Isabella Morra a Valsinni può individuare un disegno di sviluppo particolarmente promettente. Il punto di debolezza attuale è il sistema di riconnessione. Inquadramento competitivo Il Metapontino fa segnalare un buon flusso di turisti, il più significativo della regione, attirando visitatori in particolar modo dalla vicina Puglia e Campania, da altre regioni italiane e in minor misura dal mercato estero, specialmente dalla Francia e dalla Germania. Si tratta però di un turismo molto stagionalizzato e legato al comparto balneare e composto da turisti di terza generazione che, sempre più attenti ed esigenti, ricercano nella vacanza un mix integrato di: offerte convenienti, autenticità, itinerari piacevoli, rapidità negli spostamenti, piena funzionalità dell‟apparato ricettivo, sicurezza e affidabilità. L‟intervento mirerà all‟istituzione di una chiave di accesso al territorio nel suo insieme, in grado di integrare gli attrattori (musei,…) con i servizi (ospitalità, trasporto, shopping, ristorazione, ecc.). Una card che dovrà agevolare i vari momenti dell‟esperienza turistica, prevedendo “incentive” che stimolino una maggiore permanenza e favoriscano il ritorno sul territorio. Si parla, dunque, di un unico strumento, un “lasciapassare”per poter entrare a titolo gratuito o a Pagina 149 di 308


prezzo scontato nei musei, parchi letterari, mostre, siti archeologici, avere forti riduzioni su visite guidate, noleggio auto, concerti, spettacoli teatrali, noleggio biciclette, facilitazioni negli esercizi commerciali, nelle attività di ristorazione e molto altro ancora. Un sistema innovativo con cui la card potrà essere accompagnata da una accattivante brochure informativa multilingue contenente tutti i servizi a cui la card dà diritto con l‟indicazione della gradualità o sconto applicato che ne spieghi l‟utilizzo e ne elenchi i vantaggi, le strutture aderenti e la mappa con le localizzazioni. L‟obiettivo sarà quello di dar vita, metaforicamente parlando, ad un campo magnetico, dove "ogni struttura" alimenta e rinvia ad un'altra presente nel circuito della card. Oltre a favorire l‟esplorazione del territorio, soprattutto nelle parti meno conosciute, l‟intervento integrato fungerà da efficace sistema di promozione e fidelizzazione del cliente, divenendo, pertanto, strumento per attuare efficaci iniziative di marketing e incentivazione delle vendite. Criteri di selezione (indicare l‟eventuale valore premiante) Contributo alla destagionalizzazione dei flussi turistici ed alla diversificazione delle mete turistiche Introduzione e diffusione dell‟uso di nove tecnologie dell‟informazione e della comunicazione

30%

Adeguati standard di qualità attraverso certificazioni anche di sostenibilità ambientale

Pagina 150 di 308


Grado di innovatività dell‟intervento e prospettive di mercato positive

30%

Progetti di realizzazione di impianti complementari strutture ricettive esistenti

20%

Connessione con interventi infrastrutturali (gestione a fini produttivi dei beni culturali e naturali)

20%

Criteri trasversali (indicare l‟eventuale valore premiante) Sostenibilità ambientale (tecnologie a basso impatto, interventi mirati a promuovere forme di turismo ecosostenibile, servizi innovativi finalizzati a ridurre le pressioni ambientali, adozione di sistemi di certificazione ambientale,ecc)

100%

Principio di pari opportunità e non discriminazione

100%

Pagina 151 di 308


SCHEDA RdA_C_n° 7

Obiettivo operativo IV.1.1.B “promozione e qualificazione delle imprese operanti all‟interno della filiera turistica” Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo di attività di servizio per la fruizione sicura della costa Regimi di aiuto di importo limitato (progetti di completamento della filiera turistica)”

Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione

Esplicitazione del fabbisogno territoriale in relazione al quale è espressa la premialità

L‟area del Metapontino Basso Sinni è principalmente una meta balneare. Con i suoi circa 37 km della costa Jonica è destinazione prediletta soprattutto dei turisti italiani. La crescita dell‟offerta di posti letto nel Metapontino Basso Sinni ha dato vita ad un vero e proprio sistema di industria balneare dai numeri finalmente coerenti con le esigenze dei grandi tour operator. Strutture adeguate sia sul versante della consistenza sia su quello della tipologia qualitativa e soprattutto fattori di contesto ambientale (qualità della costa-qualità del mare), hanno concorso in questa esuberante crescita. Nel Metapontino Basso Sinni insistono circa 60 lidi con una significativa concentrazione a Marina di Metaponto. Si tratta di un turismo molto stagionalizzato e prevalentemente legato al comparto balneare e composto da turisti di terza generazione che, sempre più attenti ed esigenti, ricercano nella vacanza un mix integrato di: offerte convenienti, autenticità, itinerari piacevoli, rapidità negli spostamenti, piena funzionalità dell‟apparato ricettivo, sicurezza e affidabilità. L‟intervento si propone come un vero e proprio valore aggiunto e soprattutto un dare un servizio unico, tale da far preferire le spiagge del Metapontino Basso Sinni anche per la sicurezza pianificata e non improvvisata. Con l‟apertura di due porti turistici, il completamento di un terzo e il continuo destagionalizzarsi delle attività di pesca sportiva, le probabilità di avarie o incidenti acquatici sono inevitabili e l‟obbiettivo è quello di garantire un servizio non solo professionale, ma anche perfettamente organizzato, strutturando in ogni zona costiera una postazione di emergenza-urgenza, con mezzi attrezzati per il salvataggio e il primo soccorso e strumenti di comunicazione di ultima generazione. Pagina 152 di 308


Criteri di selezione (indicare l‟eventuale valore premiante) Contributo alla destagionalizzazione dei flussi turistici ed alla diversificazione delle mete turistiche Introduzione e diffusione dell‟uso di nove tecnologie dell‟informazione e della comunicazione Adeguati standard di qualità attraverso certificazioni anche di sostenibilità ambientale

20%

Grado di innovatività dell‟intervento e prospettive di mercato positive

40%

Progetti di realizzazione di impianti complementari strutture ricettive esistenti

40%

Connessione con interventi infrastrutturali (gestione a fini produttivi dei beni culturali e naturali) Criteri trasversali (indicare l‟eventuale valore premiante) Sostenibilità ambientale

100%

Pagina 153 di 308


(tecnologie a basso impatto, interventi mirati a promuovere forme di turismo ecosostenibile, servizi innovativi finalizzati a ridurre le pressioni ambientali, adozione di sistemi di certificazione ambientale,ecc) Principio di pari opportunitĂ e non discriminazione

100%

Pagina 154 di 308


SCHEDA n° RdA_C_8

Obiettivo operativo IV.1.1.B “promozione e qualificazione delle imprese operanti all‟interno della filiera turistica” Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo di attività di servizio per la fruizione e la promozione dell'offerta turistica locale Regimi di aiuto di importo limitato (progetti di completamento della filiera turistica)”

Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione

Esplicitazione del fabbisogno territoriale in

A seguito di un aumento del 43,5% del preesistente e di un raddoppiamento del numero dei posti letto, il Metapontino Basso Sinni conta 10.581 posti letto suddivisi in 33 strutture alberghiere, con una media da 216 a 321 posti letto per albergo. Anche il comparto extra-alberghiero presenta un dato assimilabile a questo con numero di posti letto pari a 9.655. In questa macrocategoria è prevalente il campeggio con 7.320 posti letto distribuite su 10 strutture. La seconda categoria, in ordine di importanza numerica di area, è rappresentata dall‟agriturismo con circa 58 strutture e 910 posti letto. Significativa anche la mole dei complessi di seconde case che struttura una presenza turistica accessoria, ma comunque importante per la macroarea, distribuita su tutto l‟arco jonico lucano e con una particolare concentrazione a Pisticci. Nel Metapontino lo sviluppo quantitativo è stato accompagnato da un‟attenzione qualitativa nelle strutture ricettive, mentre minore sviluppo sembra essere stato riservato alle attività di servizio complementare, anche in conseguenza del fatto che i grandi resort sono sostanzialmente autosufficienti in termini di servizi. Infine, il Metapontino Basso Sinni ha un vantaggio competitivo rispetto alle altre della Basilicata per la presenza di importanti arterie stradali di collegamento da e verso le regioni limitrofe e soprattutto, assieme a Matera, per la vicinanza agli Hub aeroportuali di Bari e Brindisi. Questi hanno attivato una politica di marketing a dir poco eccellente negli ultimi quattro anni, facendo passare il traffico passeggeri a circa 3 milioni, con circa 70 voli. Il livello comportamentale nel turismo è oggi molto accentuato e questo porta le destinazioni turistiche a sviluppare un ruolo sempre piu‟ attivo ed innovativo, Pagina 155 di 308


relazione al quale è espressa la premialità

dotandosi di strumenti di gestione e programmazione adeguati e creando le più opportune alleanze strategiche. La competizione dei territori a vocazione turistica si gioca prioritariamente sulla capacità di catturare i flussi turistici attraverso una comunicazione mirata che valorizzi il territorio e le sue capacità d‟accoglienza. Settore pubblico e privato devono incontrarsi al fine di realizzare politiche commerciali efficaci, capaci di generare un ritorno effettivo delle azioni compiute, in termini di sviluppo del settore turistico. Sarà, pertanto, necessario favorire partnership per costruire pacchetti turistici integrati essenziali per il sistema turistico lucano, con una strategia unitaria che superi la frammentazione dell‟offerta e promuova, oltre ai turismi tradizionali, balneare e montano, le risorse storiche, ambientali e culturali, compreso il prodotto turisticoenogastronomico. Tutto ciò rende necessario l‟implementazione di itinerari tematici territoriali di natura culturale e naturale, quali ad esempio, quelli di tipo enogastronomici, religiosi, salutistici, didattici, dello sport e del tempo libero oltre a prevedere sistemi avanzati di promo commercializzazione degli stessi. Inoltre, sarà opportuno che gli operatori turistici si dotino di sistemi avanzati di commercializzazione di prodotti anche mediante l‟utilizzo delle nuove tecnologie e di sistemi informativi avanzati dedicati. Pertanto, emerge la necessità di attivare interventi tesi ad attuare: Marketing strategico, Promozione (webmarketing) e commercializzazione (e-commerce) di servizi turistici con creazione di struttura commerciale dedicata e posizionata sul mercato dell‟offerta con brand specifico; marketing operativo, creazione di network fra i vari attori della filiera turistica nel contesto dell‟area per la produzione e commercializzazione di servizi turistici (tranfers ed escursioni a tema). Il turismo rappresenta una risorsa di assoluto rilievo per la nostra Regione che puo‟ contare un patrimonio storico, culturale, ambientale straordinario. Per questa ragione è opportuno elaborare una strategia precisa per la valorizzazione delle potenzialità turistiche. Coniugando il turismo balneare con quello culturale, enogastronomico, naturalistico, del benessere e Pagina 156 di 308


leisure, sociale, scolastico, congressuale, sportivo, il cineturismo e il geoturismo, attraverso una sorta di cabina di regia, si potrà non solo elevare notevolmente a valore l‟intera offerta turistica del territorio, ma favorire incisivamente sulla sua destagionalizzazione e diversificazione dei vari itinerari. Quindi, il Prodotto Metapontino potrà essere protagonista sulla scena nazionale ed internazionale giungendo all‟attivazione del modello del Distretto Turistico-Culturale della Provincia di Matera. L‟intervento mirerà, inoltre, ad una maggiore attenzione al turista, attraverso: tutela della salute, sicurezza dei luoghi, qualità del prodotto offerto, educazione al consumo, adeguata informazione e corretta pubblicità, trasparenza ed equità nei rapporti contrattuali. E‟ auspicabile che l‟attività venga svolta con criteri di una sinergia imprenditoriale fra tutte quelle imprese turistiche che operano nello sviluppo del turismo incoming e nelle attività di commercializzazione del prodotto turistico della zona. Le attività da promuovere con tutti gli operatori della filiera turistica (Villaggi Turistici, Hotels, Relais, Tour Operator, Circoli Nautici, Golf, Porti Turistici) riguardano tutte quelle attività che rappresentano una linea di prodotto per l‟affermazione e la valorizzazione di ogni declinazione turistica per incrementare la destagionalizzazione dei flussi turistici. Tali tipi di servizi ed attività dovranno essere improntate verso un uso spinto delle nuove tecnologie e per affiancare l‟azione di marketing dovranno dotarsi anche di: attrezzature informatiche adeguate, attrezzature e arredi per l‟allestimento di sedi di rappresentanza, siti web in lingue ( azione di web marketing); software gestionali dedicati alla gestione delle attività previste. Le iniziative dovranno essere correlate al prodotto turistico d‟area (brand – meta pontino) al fine di stimolare la crescita della destagionalizzazione turistica, attraverso una offerta turistica in una logica di sistema per creare politiche di promozione nazionali ed internazionali. Saranno, pertanto, opportune le seguenti azioni : catalogo in lingue ( italiano – inglese – tedesco ); road-show nelle principali città nazionali ed internazionali di riferimento, partnership con le eccellenze del territorio, educational tour per agenzie e Pagina 157 di 308


tour operator selezionati per tipologia del mercato turistico commercializzato, installazione di schermi touch screen informativi per la visualizzazione dei contenuti dei siti turistici istituzionali, dotazione di schermi LCD su cui proiettare filmati delle attrattive del nostro territorio, creazione di isole wireless gratuite per i turisti in viaggio. Criteri di selezione (indicare l‟eventuale valore premiante) Contributo alla destagionalizzazione dei flussi turistici ed alla diversificazione delle mete turistiche Introduzione e diffusione dell‟uso di nove tecnologie dell‟informazione e della comunicazione Adeguati standard di qualità attraverso certificazioni anche di sostenibilità ambientale Grado di innovatività dell‟intervento e prospettive di mercato positive Progetti di realizzazione di impianti complementari strutture ricettive esistenti Connessione con interventi infrastrutturali (gestione a fini produttivi dei beni

30%

20%

5%

5%

10%

30%

Pagina 158 di 308


culturali e naturali)

Criteri trasversali (indicare lâ&#x20AC;&#x;eventuale valore premiante) SostenibilitĂ ambientale (tecnologie a basso impatto, interventi mirati a promuovere forme di turismo ecosostenibile, servizi innovativi finalizzati a ridurre le pressioni ambientali, adozione di sistemi di certificazione ambientale,ecc) Principio di opportunitĂ  e discriminazione

pari non

100%

100%

Pagina 159 di 308


SCHEDA n° ABS_1

Individuazione strumento/i del marketing

Azioni di comunicazione e marketing turistico Obiettivo operativo IV.1.2.A “Azioni di comunicazione e marketing turistico” Beni/servizi Promozione turistica IAT Ogni attività di marketing territoriale necessita di un progetto di servizi e di monitoraggio degli strumenti e della programmazione delle attività istituzionalI e degli eventi d‟area attraverso: rapporti con la stampa; comunicati stampa; materiali stampa; conferenze stampa; press tour; rassegne stampa; analisi (e revisione) dell‟immagine turistica dell‟area territoriale (Piot) sulla pubblicistica settoriale nazionale ed internazionale, espletamento pratiche istituzionali, collaborazione con l‟APT per la partecipazione a fiere nazionali ed internazionali, a work shop, press tour e quant‟altro, supporto e consulenza per lo IAT e le sue eventuali sedi periferiche; rappresentanza istituzionale partnership pubblica e privata. Un servizio dedicato e a supporto delle attività promozionali del PIOT Metapontino – Basso Sinni, per rispondere alle esigenze quotidiane degli operatori turistici, dei promotori degli eventi, delle associazioni per offrire spunti per articoli e approfondimenti, seguire le pubblicazioni e organizzarle, risolvere problemi organizzativie di pianificazione. Una sorta di cabina di regia che andrà anche a calendarizzare gli avvenimenti evitandone la sovrapposizione ed incentivandone la destagionalizzazione e crei i presupposti per massimizzare i risultati delle azioni di marketing.

Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione

Il Servizio sarà espletato dall‟Ufficio PIOT che si avvarrà anche di professionalità esterne del settore in staff e vedrà come Ente Attuatore la Comunità Montana Basso Sinni. La comunicazione e la promozione dell‟offerta turistica regionale è ovviamente curata dall‟APT e dalle altre istituzioni pubbliche che ne hanno competenza; a fianco delle cosiddette organizzazioni Pagina 160 di 308


Sintesi descrittiva del bene/servizio proposto quale oggetto di intervento

turistiche pubbliche (Opt) operano poi associazioni di categoria, comitati di iniziativa, ed anche operatori privati. Tutti gli organismi citati hanno la loro autonomia e si inseriscono, in un modo o nell‟altro, nei processi di sviluppo turistico con un‟azione che - se non ben inquadrata, canalizzata e coordinata – può risultare improduttiva quanto controproducente. La scelta strategica di definire l‟offerta turistica regionale attraverso la strutturazione dei Pacchetti integrati (di offerta turistica) suggerisce pertanto di supportare i singoli pacchetti con misure e strumenti di informazione promozionale che siano coordinati con quelli delle Opt ed al tempo stesso ad essi specificamente dedicati. Come è noto nel PIOT Metapontino – Basso Sinni convivono prodotti turistici maturi ed altri potenzialmente suscettibili di notevole sviluppo: l‟ulteriore promozione dei prodotti maturi e la utile integrazione di questi con quelli in fieri deve essere necessariamente sostenuta da un rapporto strategico e sistematico con la Stampa nazionale ed internazionalee con ogni canale della comunicazione. Il progetto mira a creare un team funzionale a supporto delle azioni di marketing territoriale, attraverso: - la definizione di strategie nonchè l‟individuazione degli strumenti di marketing; - la collaborazione per la creazione di un brand di area; - azioni dil monitoraggio e relativi reports; - la pubblicizzazione, la divulgazione delle attività di area; . – l‟individuazione e/o creazione di eventi anche attraverso il coinvolgimento dei vari operatori del settore e delle associazioni.

Criteri di selezione Introduzione e diffusione dell‟uso di nuove tecnologie

Le nuove tecnologie dell‟informazione e della comunicazione sono insite nella stessa natura di tali attività nonché della produzione dei materiali da Pagina 161 di 308


dell‟informazione e della comunicazione

Qualità progettuale della proposta di promozione turistica

Dimensione nazionale ed internazionale del marketing turistico proposto

affidare alle redazioni giornalistiche ed ai singoli professionisti, privilegiando ovviamente la qualità dei testi e delle immagini, ma anche la natura multimediale dei supporti informativi. L‟intervento proposto si qualifica per alcuni aspetti innovativi della comunicazione promozionale, privilegiando ad esempio il sistematico rapporto con le redazioni giornalistiche del settore turistico (finalizzato alla diffusione di servizi sul sistema territoriale) piuttosto che le semplici inserzioni pubblicitarie, nonché l‟adozione di un principio tendenzialmente olistico nella definizione del prodotto turistico (da promuovere) laddove esso è costituito sostanzialmente dalla vacanza nel suo complesso (e dunque dal contesto territoriale, fisico, sociale e culturale di accoglienza) e non dai singoli addendi materiali ed immateriali che la compongono. L‟intervento proposto, inoltre, ispirato al sistematico coordinamento tra le diverse organizzazioni turistiche pubbliche ed alla forte integrazione tra i professionisti del Servizio e gli uffici (ed anche gli operatori privati) del PIOT Metapontino – Basso Sinni, presuppone e, per certi aspetti, facilita lo sviluppo di un processo di rafforzamento anche identitario del prodotto turistico poiché esso alimenta (nel tempo) virtuosamente quell‟allineamento (detto laser) tra offerta e domanda che costituisce il presupposto primo del marketing turistico. La struttura si prefigge anche l‟obiettivo di leggere continuamente le peculiarità del territorio, le sue carenze come le sue eccellenze, per individuare ed elevare a valore opportune e mirate strategie atte a stimolare attività finalizzate alla loro crescita ed alla loro valorizzazione per fini turistici, ambientali, di sviluppo e di creazione di nuovi posti di lavoro. La dimensione nazionale ed internazionale dell‟intervento proposto è puntualmente ed adeguatamente esplicitata nella stessa descrizione del servizio. L‟Ufficio PIOT coordinerà anche l‟attività di contatto e risposta verso il giornalismo estero in base alle esigenze di comunicazione del Metapontino – Basso Pagina 162 di 308


Sinni e verso i principali mercati di riferimento. Il team dovrà essere in grado infatti di elaborare e tradurre professionalmente documentazione per la stampa straniera, nonché di monitorare i risultati sia attraverso contatti diretti, sia attraverso collaboratori locali. Inoltre, l‟Ufficio si preoccuperà ancora di rivolgersi al mercato turistico al di là delle frontiere interregionali e nazionali per destagionalizzare un territorio ormai ricco e foriero della più moderna ed efficiente ospitalità. Ricorso a tecnologie innovative della comunicazione ed informazione Piano finanziario Costo totale dell‟operazione

Cronogramma della spesa (ripartire percentualmente)

Cfr. il primo punto dei criteri di selezione.

La quantificazione dell‟attività che metterà a disposizione del PIOT Metapontino – Basso Sinni un team di persone costantemente impegnate come porta-voce del PIOT stesso e dei suoi operatori e ne costituirà l‟Ufficio in stretta collaborazione con il punto IAT e le sue sedi periferiche, si baserà su: - Compensi agli operatori dell‟Ufficio PIOT ed ad un coordinatore dello stesso; -

Consulenze necessario;

-

Collaborazioni con società ed agenzie esterne dalla provata esperienza nel ramo;

-

Rimborsi spesa.

ad

esperti

esterni

Costo totale dell‟operazione: € 140.000 2010 2011 2012 50% 50%

ove

2013

Pagina 163 di 308


SCHEDA n° ABS_2

Individuazione strumento/i del marketing Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione

Sintesi descrittiva del bene/servizio proposto quale oggetto di intervento

Obiettivo operativo IV.1.2.A “Azioni di comunicazione e marketing turistico” Beni/servizi Comunicazione Turistica del territorio e della Basilicata mediante spot video e radiofonici, materiali promozionali e pubblicità sui media L'area del Metapontino è ricca di storia e di cultura. Il paesaggio spazia da risorse di tipo agricolo a risorse marine nel contesto di un interessante patrimonio culturale e ambientale. Un „area facilmente accessibile e con una buona dotazione di infrastrutture e servizi. Costituisce per la regione il principale volano turistico. Gli strumenti previsti dovrànno: valorizzare il territorio, non limitarsi a rappresentarne un solo aspetto, descrivere la tipicità del Metapontino, fare riferimento al suo ritmo di alternanze. Lo stesso verrà declinato sui media cartacei e potrà assumere colori diversi a seconda della filiera di riferimento non demandando a sensazioni non didascaliche la percezione degli altri valori della zona.

Criteri di selezione Introduzione e diffusione dell‟uso di nove tecnologie dell‟informazione e della comunicazione

Qualità progettuale della proposta di promozione turistica

Guerriglia (produzione di gadget e/o prodotti) Fine settimane a tema e colore (fragola-rosa, arancia-arancione, kiwi-verde, ecc…) Cartellone territoriale degli eventi Video promozionale e spot radiofonici per creare un forte impatto da canalizzare sui media radiofonici e su piattaforme multimediali. Ufficio stampa nazionale ed internazionale. - Divulgare quanto più possibile le azioni poste in essere - Interagire con ogni realtà territoriale (associazioni, proloco) e interpretarne i bisogni - Porre in essere eventi dal permanente valore aggiunto (promozione di prodotti locali caratterizzanti e unici) - Promuovere un‟immagine della zona più consapevole ed accattivante, ma soprattutto Pagina 164 di 308


più dinamica ed in movimento in perfetta sintonia con i suoi valori storici e produttivi. Dimensione nazionale ed internazionale del marketing turistico proposto

Ricorso a tecnologie innovative della comunicazione ed informazione

Piano finanziario Costo totale dell‟operazione Cronogramma della spesa (ripartire percentualmente)

La comunicazione e promozione del Metapontino, raggiungerà un target molto ampio in Italia e all‟estero. E‟ pertanto fondamentale impiegare soluzioni che capitalizzino sugli elementi centrali della strategia generale di comunicazione. Coinvolgere in modo innovativo, sottolineare l‟importanza di fare network, promuovere la condivisione dell‟esperienza del Metapontino, sottolineare le grandi attrazioni dell‟area. - Le P.R. - Conferenze e comunicati stampa - Gli eventi - La newsletter Gli interlocutori: - La stampa periodica - I quotidiani - Gli stakeholders - INTERNET

€ 292.000,00 2010 50%

2011 50%

2012 0%

2013

Pagina 165 di 308


SCHEDA n° ABS_ 3

Obiettivo operativo IV.1.2.A “Azioni di comunicazione e marketing turistico” Beni/Servizi

Individuazione strumento/i del marketing

Fiere e work shop, educational, press comarketing, promocommercializzazione

tour,

Nell‟ambito delle strategie una particolare rilevanza assumono le azioni di promozione sui mercati nazionali ed internazionali. La Basilicata è prevalentemente una destinazione di corto raggio (regioni di prossimità) e in misura limitata di lungo raggio. Sulla lunga distanza il mercato turistico è fortemente condizionato dalle politiche e strategie dei grandi nodi logistici pugliesi e campani. Rispetto ad essi di maggiore efficacia risultano le politiche di spillover. La Basilicata, pur nei limiti quantitativi più volte evidenziati, è soprattutto meta di turisti provenienti dalla Germania, dai Paesi Bassi e dall‟Inghilterra. In questi mercati “consolidati” emerge l‟esigenza di sostenere lo sforzo dei tour operator per rafforzare le quote di mercato con azioni volte a potenziare la veicolazione del brand Basilicata, potenziando i rapporti procommerciali già esistenti, intensificando i canali di promo-pubblicità nelle location estere prescelte (visibilità sui media esteri, installazione totem promo-Basilicata in punti di informazione turistica) e assicurando una presenza alle Fiere e Borse internazionali. Sintesi descrittiva del Partecipazione a fiere nazionali ed internazionali, bene/servizio così suddivise: proposto quale 1) ITALIA: BIT Milano, TTG Rimini, BMT Napoli, oggetto di intervento GLOBE Roma 2) EUROPA: World Travel Market – Londra, ITB Berlino, Fiera di Stoccolma, Fiera di Mosca. Partecipazione ai Work-shop organizzati dall‟APT Basilicata a Londra, Amsterdam, Berlino e Mosca. Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione

Pagina 166 di 308


Criteri di selezione Introduzione e diffusione dell‟uso di nuove tecnologie dell‟informazione e della comunicazione

Qualità progettuale della proposta di promozione turistica

Dimensione nazionale ed internazionale del marketing turistico proposto Ricorso a tecnologie innovative della comunicazione ed informazione

L‟intervento, inoltre, mira a creare una motivazione per trascorrere in loco i mesi invernali con un‟azione mirata di marketing sui Paesi Scandinavi. I tour enogastronomici, poi, culturali ed archeologici organizzati in collaborazione con il mondo dei golfisti vengono visti nell‟azione come forti elementi motivazionali. L‟intero piano di messa a punto dei calendari fieristici, inoltre, non potrà prescindere da un‟intensa attività dell‟ufficio stampa nei periodi antecedenti, contemporanei e successivi agli eventi calendarizzati. - Divulgare quanto più possibile le azioni poste in essere - Interagire con ogni realtà territoriale e interpretarne i bisogni - Porre in essere eventi in fiera dal permanente valore aggiunto - Promuovere un‟immagine della zona più consapevole ed accattivante attraverso la proposta di cortometraggi, allestimenti in loco, supporti logistici cartacei e in video. Il respiro nazionale e sovranazionale dell‟intervento è insito nella sua natura stessa. Si mirerà, infine, a coinvolgere in modo innovativo, sottolineare l‟importanza di fare network, promuovere la condivisione dell‟esperienza del Metapontino, sottolineare le grandi attrazioni dell‟area. - Le P.R. - Conferenze e comunicati stampa - La newsletter Gli interlocutori: - La stampa periodica - I quotidiani - Gli stakeholders - INTERNET

Pagina 167 di 308


Piano finanziario Costo totale dellâ&#x20AC;&#x;operazione Cronogramma della spesa (ripartire percentualmente)

â&#x201A;Ź 216.000,00 2010

2011

2012

50,00%

50,00%

%

2013

Pagina 168 di 308


Grandi Eventi SCHEDA n° ABS 4

Denominazione

Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione

Esplicitazione del fabbisogno territoriale verso cui è indirizzata l‟operazione Sintesi descrittiva dell‟Evento proposto quale oggetto di intervento

Obiettivo operativo IV.1.2.B “Grandi Eventi” Beni/servizi Evento letterario Evento cinematografico Evento musicale Eventi enogastronomici L‟organizzazione turistica dell‟area è relativamente recente. Più di una cultura del mare il Metapontino è caratterizzato da una versatile e dinamica cultura agricola. L‟integrazione tra le due componenti costituisce uno dei principali tratti distintivi. E‟ già presente un fermento di iniziative che hanno prefigurato già un substrato potenzialmente suscettibile di considerevoli sviluppi, ma non ancora pacchetti e prodotti turistici di permanente fruizione. Si va definendo sempre meglio una strategia volta ad integrare la costa con l‟hinterland, con una molteplicità di Comuni e di borghi di antica tradizione e cultura. La prospettiva è dunque connotata dal binomio turismo costiero/rurale quale modello di sviluppo e traino per l'intera regione. Turismo balneare: in crescita Turismo storico culturale da potenziare Turismo naturalistico rurale da potenziare I quattro grandi eventi proposti s‟intendono una tantum spalmati nell‟arco del triennio a mò di punte di diamante di sintesi di più eventi minori già istituzionalizzati ed in fase di consolidamento e caratterizzazione in periodi destagionalizzati. L‟intervento mira ad istituzionalizzarsi con la creazione anche di premi e di scuole di formazione di settore. 1) Valorizzazione patrimonio culturale: - Iniziative legate a: a) Isabella Morra b) Albino Pierro c) Lomonaco d) Carafa (festival delle stelle). Pagina 169 di 308


2) -

Cinema, musica e dintorni: Cinema damare Blues and Town Estarte Cinema Film Festival Cinemacraco Questi eventi, unitamente ad altri che nel frattempo premono e nascono sul territorio, continueranno a colorare il cartellone di eventi proposti, ma dovranno affiancarsi ad altri fidelizzati e per target che, necessariamente, punteranno ad elevare la qualità dell‟offerta turistica proposta piuttosto che la quantità. L‟intervento punta anche a istituzionalizzare un evento mostra ed un evento formativo, consuntivi del felicissimo binomio terra/mare e sua valorizzazione. Target di riferimento: - Utenza dislocata nelle ville, nei residence, negli appartamenti e negli alberghi - Partecipanti ai congressi - Ragazzi - Giovani - Adulti Settori: - Cinema - Musica - Danza e sport - Arte e storia Luoghi da coinvolgere: - Piazze; - Lidi; - Ville Comunali; - Discoteche e/o spazi attrezzati. Criteri di selezione Introduzione e diffusione dell‟uso di nove tecnologie dell‟informazione

Considerati gli innumerevoli video pubblicati sul web, sarà costituito un apposito premio. I testi avranno varie destinazioni:  web;  materiale pubblicitario (folder, poster, manifesti e Pagina 170 di 308


e della comunicazione

Qualità progettuale della proposta di promozione turistica

Dimensione nazionale ed internazionale dell‟Evento

plance). Inserzioni e testi brevi seguiranno logiche interpretative e comunicative legate alle varie filiere e messaggi di settore. Un press educational ed un tour educational per ogni anno di programmazione. La creazione e la promozione di una grande comunità online sintetizzerà le funzionalità e le finalità delle esperienze esistenti, integrandole con nuovi strumenti e contenuti con l‟obiettivo di rivolgersi e attrarre con efficacia 2 macro categorie di utenti: Utenti “temporanei”. sono le persone che si avvicinano e sono interessati all‟area per un periodo limitato di tempo. Ad esempio i congressisti ed i turisti, che si informano e approfondiscono la conoscenza delle varie località nelle settimane prima del viaggio e il cui interesse sfuma a poche settimane dal rientro a casa. Su questo target lavoreremo anche sulla fase del ricordo, quella che può alimentare il passaparola trasformando il turista in un vero e proprio testimonial. Utenti permanenti. • I cittadini delle città della zona e dei comuni limitrofi. • I centri di potere, le associazioni, le istituzioni, le aziende che sono attive o parte dell‟indotto del territorio. Prodotti locali. La risorsa produttiva trainante del territorio sono le produzioni agricole ed orto fruttifere che, raramente in passato, si sono coniugate con quelle più squisitamente turistiche. L‟idea conduttrice di questo filone di eventi è quella di caratterizzare anche la comunicazione con i loro colori e le loro forme, creando in sinergia con gli attori e le associazioni, settimane a tema che ruotano sul territorio e si coniugano con i vari settori proposti anche assieme alla produzione gadget, lasciando così spazio anche alle potenzialità artistiche della zona. La progettazione della community si ispira alle esperienze, Facebook e YouTube per creare una sintesi originale di funzionalità relazionali rivolte a target con caratteristiche diverse. • Facebook, come MySpace, è un network rivolto al Pagina 171 di 308


Ricorso a tecnologie innovative della comunicazione ed informazione

grande pubblico che consente agli utenti di creare la propria pagina personale e di „incontrare‟ e condividere informazioni con gli altri utenti del network. Facebook risponde prevalentemente a bisogni di „protagonismo‟, di „relazione‟ e di „condivisione‟. • YouTube. E‟ il famoso sito in cui è possibile pubblicare e condividere filmati che vengono classificati e votati dagli utenti. Risponde prevalentemente bisogno di visibilità effimera (per chi pubblica) e di intrattenimento (chi visita). L‟adozione di soluzioni mirate al grande pubblico e costruite attorno al concetto di condivisione, consentirà di rivolgersi ad un pubblico molto ampio e trasnazionale e di potenziare l‟efficacia delle attività di ufficio stampa. Community La rete offre la possibilità di progettare e realizzare una comunicazione integrata estremamente gratificante e coinvolgente, le soluzioni online consentono di coinvolgere i diversi target in modo interattivo, trasformando gli utenti in veri e propri protagonisti della comunicazione. L‟altro interessante binario su cui il progetto viene costruito è rappresentato dalla possibilità di creare e/o sfruttare network relazionali per la promozione del territorio. Nei fine settimane a tema si coniugheranno prodotti enogastronomici locali con un determinato colore e un tipo di musica e/o sports per animare piazze e lidi. L‟intervento mira anche, con la produzione di gadget a tema, alla diffusione ed alla promozione dell‟intera zona non solo fuori regione, ma anche con ricaduta temporale permanente. La promozione del gadget può anche essere organizzato con il sistema della “guerriglia”. L‟espediente utilizza l‟improvvisa distribuzione di un prodotto in quantità massicce in un momento di forte aggregazione non inerente al settore ed in un posto lontano, in maniera tale da suscitare una forte attenzione di massa e/o pubblico targhettizzato. Ad es.: distribuzione di foulard rosa con l‟immagine di Pagina 172 di 308


tante fragole prodotte nel metapontino in più vicoli a Siena durante le giornate del Palio, distribuzione di una maglietta color arancio con la diffusa immagine di un succo d‟arancia prodotta in zona in una curva dello stadio San Siro in occasione del derby Inter-Milan, ecc... Piano finanziario Costo totale dell‟operazione

Contributo PO FESR Cronogramma della spesa (ripartire percentualmente)

Eventi Letterari Eventi cinematografici Eventi Gastronomici Eventi Musicali Totale

€. 80.000,00 €. 120.000,00 €. 48.000,00 €. 64.600,00 €. 312.600,00

100% 2010 50.4%

2011 49.6%

2012 0%

2013

Pagina 173 di 308


Dettaglio Scheda ABS_ 4 GRANDI EVENTI

IMPORTO 2010

IMPORTO 2011

EVENTI LETTERARI ISABELLA MORRA ALBINO PIERRO LOMONACO CARAFA

10.000,00 EURO 10.000,00 EURO 10.000,00 EURO 10.000,00 EURO

10.000,00 EURO 10.000,00 EURO 10.000,00 EURO 10.000,00 EURO

Comune di Valsinni Comune di Tursi Com. di Montalbano Com. di Colobraro

EVENTI CINEMATOGRAFICI CINEMA DAMARE LUCANIA FILM FEST. CINEMA CRACO

30.000,00 EURO 20.000,00 EURO 10.000,00 EURO

30.000,00 EURO 20.000,00 EURO 10.000,00 EURO

Com. Montana B.S. Comune di Pisticci Comune di Craco

EVENTI ENOGASTRONOMICI SAGRA ALBICOCCA DISTRETTO AGROA. WINE TOUR TERRA MIA SAPERI & SAPORI IPPOSALUTE

4.000,00 EURO 5.000,00 EURO 8.000,00 EURO 2.500,00 EURO 3.000,00 EURO 2.500,00 EURO

4.000,00 EURO 5.000,00 EURO 7.000,00 EURO 2.000,00 EURO 3.000,00 EURO 2.000,00 EURO

Com. Montana B.S. Com. Montana B.S. Com. Montana B.S. Com. Montana B.S. Com. Montana B.S. Com. Montana B.S.

EVENTI MUSICALI BLUES IN TOWN ARGO JAZZ

30.000,00 EURO 2.600,00 EURO

30.000,00 EURO 2.000,00 EURO 155.000,00 EURO

Com. Montana B.S. Com. Montana B.S.

TOTALE

157.600,00 EURO

IMPORTO 2012 ENTE ATTUATORE

Pagina 174 di 308


SCHEDA n° ABS_5

Obiettivo operativo IV.1.2.B “Grandi Eventi” Beni/servizi

Denominazione

Magico e fantastico

Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione

Sul territorio insiste un comune, Colobraro, che nell‟immaginario collettivo locale ricopre un‟immagine scaramantica diffusa e che è noto a curiosi e studiosi di tutto il mondo per l‟intensa e diffusa vita magica che, come in altri centri del meridione, impegnava le sue famiglie fino agli anni cinquanta. Anche nell‟iconografia religiosa mondiale è molto famosa l‟immagine di Maddalena La Rocca di Franco Pinna che immortalava una fattucchiera già pubblicata nel 1959 nel volume “Sud e Magia”. La singolarità di questi luoghi, peraltro, ha sempre attratto fotografi d‟arte molto conosciuti, quali, David Seymour e Henry Cartier-Bresson. La zona è già stata oggetto di interesse per il completamento ed il recupero architettonico di un sito che si presta particolarmente all‟uopo in termini di riqualificazione e valorizzazione dei beni storico-culturali. E‟ stata così creata una premessa con il predisporre un adeguato contenitore per iniziative culturali e ricettività integrativa agevolandone, così, l‟inserimento in circuiti turistici sovra regionali. E‟ il caso del recupero funzionale del Convento da destinare ad ostello della gioventù e dell‟incremento della sua accessibilità e fruibilità attraverso allestimenti espositivi di materiale originario e rifacimento dei locali con tecniche e materiali adeguati agli stessi. Si va definendo, così, sempre meglio una strategia volta ad integrare il mistico comune con la costa, con l‟hinterland, con una molteplicità di Comuni e di borghi di antica tradizione e cultura.

Esplicitazione del fabbisogno territoriale verso cui è indirizzata

Il fabbisogno territoriale intrinseco è quello di trovare una sorta di via d‟uscita da un‟empasse culturale locale d‟isolamento culturale ed economico. Nella società contemporanea, di contro, la sfera magica e l‟esoterismo si avvia ad avere un peso sempre più corposo ed Pagina 175 di 308


l‟operazione

affascinante e, pertanto, ghiotto da “utilizzare” in un discorso di destagionalizzazione ed implementazione turistica di concerto anche con antiche tradizioni popolari e musicali.

Sintesi descrittiva dell‟Evento proposto quale oggetto di intervento

L‟evento muove da una ricerca di antiche tradizioni legate a riti magici e propiziatori per sfociare in un festival di settore da svolgersi nell‟arco di un‟intera settimana del mese di giugno, a ridosso del solstizio d‟estate. La notte di San Giovanni è, infatti, da sempre ritenuta una notte magica dove la luna si sposa con il sole e la notte si anima con danze e riti propiziatori nei boschi ed in siti suggestivi e rievocativi. L‟iniziativa sarà curata da associazioni e strutture che si occupano della promozione di antiche tradizioni popolari ed avranno cura di allestire: -

-

-

-

Convegni a tema sull‟origine dell‟astrologia, della magia popolare e delle danze popolari (taranta, tarantella, pizzica, ecc…); Allestimenti di arti e sculture, vernissage in loco, esposizioni di antichi testi, strumenti, erbe e quant‟altro; Pedane e palcoscenici attrezzati; Postazioni di osservazione astrale corredate da spazi illustrativi; Premio strega. Target di riferimento: Utenza dislocata nelle ville, nei residence, negli appartamenti, negli alberghi e altre zone della regione e quelle limitrofe Eventuali partecipanti ad altri congressi Ragazzi Giovani Adulti Esperti Settori: Magia Musica Danza e sport Pagina 176 di 308


-

Arte e storia Luoghi da coinvolgere:

-

Piazze e piazzali; Lidi; Ville Comunali; Dimore storiche; Discoteche e/o spazi attrezzati.

Criteri di selezione Introduzione e diffusione dell‟uso di nove tecnologie dell‟informazione e della comunicazione

L‟iniziativa potrà anche essere inserita in un press educational ed un tour educational e si avvarrà di un database di strutture regionali e sovra regionali. Vedrà il protagonismo di un ufficio stampa e P.R. che si attiverà anche per pubblicizzare al meglio l‟intera settimana ed averne così un ritorno prolungato nel tempo e nell‟interesse turistico. Potrà prevedere la presenza di testimonial d‟eccezione e di stakeholders.

Qualità progettuale della proposta di promozione turistica

L‟idea conduttrice di questo filone è quella di caratterizzare anche la comunicazione con i loro colori e le loro forme, creando in sinergia con gli attori, le associazioni, le tradizioni, il mistero ed il territorio con una settimana a tema che si coniuga con le esigenze su esso diffuse e i vari settori proposti. L‟iniziativa avrà anche l‟obiettivo di cedere un prodotto permanente sul territorio con l‟istituzione di un Centro Studi sulla Magia da costituire in una sala del Convento a Colobraro.

Dimensione nazionale ed internazionale dell‟Evento

Il richiamo di mercatini ed esposizioni potrà potenziare l‟adozione di soluzioni mirate al grande pubblico e costruire attorno al concetto di condivisione moderna, un sistema di coinvolgimento di un pubblico molto ampio, nazionale e trasnazionale potenziato dall‟efficacia delle attività di ufficio stampa. Community

Ricorso a tecnologie innovative della comunicazione

La rete offre la possibilità di progettare e realizzare una comunicazione integrata estremamente gratificante e coinvolgente, le soluzioni online consentono di coinvolgere i diversi target in modo interattivo. Pagina 177 di 308


ed informazione

L‟altro interessante binario su cui il progetto viene costruito è rappresentato dall‟interazione di ogni supporto anche cartaceo e mediatico già ipotizzato per tutti gli altri eventi. Sarà possibile anche produrre dei gadget da distribuire, anche in questo caso, con il sistema della “guerriglia”. L‟espediente che utilizza l‟improvvisa distribuzione di un prodotto in quantità massicce in un momento di forte aggregazione non inerente al settore ed in un posto lontano, potrà amplificare quella già forte attenzione di massa e/o pubblico targhettizzato.

Piano finanziario Costo totale dell‟operazione

€ 49.400,00

Contributo PO FESR

100%

Cronogramma della spesa (ripartire percentualmente)

2010

2011

2012

50%

50%

0%

2013

Pagina 178 di 308


SCHEDA n° ABS_6

Obiettivo operativo IV.1.2.B “Grandi Eventi” Beni/servizi Denominazione Cartellone Eventi Descrizione del Attualmente il Metapontino rappresenta la “riserva” di contesto in cui si turisti poiché in esso si concentra, principalmente nei inserisce quattro mesi estivi, oltre il 60% degli arrivi e delle l‟operazione presenze turistiche regionali, pari a circa 1.200.000 presenze ufficiali . Si tratta di flussi turistici provenienti essenzialmente dalle regioni limitrofe (50% circa), dalle regioni del centro Italia (25% circa), dal nord Italia (18% circa) e dall‟Estero (8% circa, maggiormente dal mercato del centro-nord Europa). Il target prevalente è di tipo familiare ed organizzato individualmente, ma anche di gruppi sociali organizzati tramite intermediazione tradizionale (T. O., CRAL, Associazioni, ecc), con una permanenza media di 6-8 giorni e con la motivazione principale rappresentata dal soggiorno vacanza e di relax in un ambiente circostante tranquillo, incontaminato e ……..sicuro. Esplicitazione del Le SUE FORZE: buona e differenziata presenza di fabbisogno strutture ricettive di diversa tipologia con oltre 20.000 territoriale verso posti letto; mare e spiagge pulite; ambiente naturale cui è indirizzata apprezzato; qualità dei prodotti agricoli; territorio l‟operazione omogeneo e coeso; buona rete di infrastrutture per la mobilità ed il trasporto; presenza di un importante campo da golf e di due modernissimi porti turistici –di cui uno attivo e l‟altro in fase di completamento-; comunità tranquille ed accoglienti connotate da una forte identità e pervase da antiche tradizioni. Le SUE DEBOLEZZE: scarsa presenza di impianti e servizi complementari per le attività ricreative, sportive, per la cura del benessere psico-fisico; poche attività dopo la spiaggia; assenza di strutture ricettive di pregio quali relais e/o residenze d‟epoca e antiche masserie, nonché villaggi-albergo caratterizzati da una specifica destinazione funzionale, con servizi dedicati alla cura di un particolare target di clientela del Nord Europa nei periodi autunnali ed invernali; assenza di un marchio di qualità riconosciuto a livello internazionale, del territorio (ambientale) e dei servizi; minore soddisfazione dei clienti in rapporto agli eventi Pagina 179 di 308


e manifestazioni importanti e di grande richiamo ed all‟assenza di coordinamento delle programmazioni locali delle manifestazioni; assenza di un‟immagine comune dei prodotti agricoli; scarsa animazione culturale; assenza di prodotti turistici moderni ed innovativi; scarso utilizzo di tecnologie multimediali e di strategie promozionali e comunicative; assenza di segnaletica e cartografia turistica multilingue; assenza di un brand forte e riconoscibile; assenza di prodotti turistici strutturati. Sintesi descrittiva Accanto al prodotto principale e trainante “MARE” e dell‟Evento coerentemente con la strategia delineata dal PTR proposto quale regionale e con gli obiettivi principali e specifici perseguiti oggetto di dal presente bando (Valorizzazione dei beni culturali e intervento naturali al fine di strutturare pacchetti integrati di offerta turistica in grado di diversificare le destinazioni turistiche regionali, accrescere la loro competitività sui mercati nazionali ed esteri, destagionalizzazione dei flussi turistici, ecc.) si possono individuare e costruire vari prodotti turistici alternativi, tematici, motivazionali e, soprattutto, destagionalizzanti: -PRODOTTO STORICO-CULTURALE: -dedicato ai turisti motivati dalla continua ricerca di nuova linfa per il proprio pensiero, per chi deve imparare (studenti), per chi vuole ulteriormente arricchire il proprio bagaglio culturale e/o immergersi nelle vestigia delle grandi civiltà del passato. Valorizzazione, anche attraverso l‟introduzione delle più moderne tecnologie multimediali, dei siti archeologici (Metaponto, Policoro, Termitito, Nova Siri, ecc.) e relativa rete museale con la realizzazione del parco delle antiche civiltà (ellenica, romana, saracena medioevale) collegato al parco letterario di Isabella Morra, alla poesia unica e suggestiva di Albino Pierro……… -PRODOTTO ENOGASTRONOMICO: -dedicato agli amanti del gusto della buona tavola ed a chi vuole ripercorrere e riassaporare le antiche tradizioni dei contadini vissute nella tranquillità delle campagne lontane dallo stress quotidiano e dalle frenesie della città e della vita moderna- Percorsi del gusto e dei prodotti agricoli dell‟area, in particolare: della fragola, dell‟albicocca, degli agrumi, dell‟uva e del vino, dell‟olio e degli ortaggi, ecc…., mediante una migliore organizzazione ed articolazione delle varie sagre dedicate a tali prodotti e. Pagina 180 di 308


soprattutto, attraverso percorsi esperenziali all‟interno delle aziende agricole e di alcune fattorie didattiche nelle quali far vivere ai turisti le antiche tradizioni contadine legate ai metodi manuali di lavorazione, conservazione e confezionamento dei vari prodotti agricoli quali: confetture e marmellate di frutta, confetture di ortaggi sott‟olio, ecc…; esperienze praticabili in diversi periodi dell‟anno e caratterizzati da una forte connotazione di genuinità e semplicità tipicamente rurale. -PRODOTTO RELAX E BENESSERE: -dedicato alle famiglie ed ai piccoli gruppi, ai single ed alle coppie- al mare ed in campagna; Coniugare il relax della spiaggia ovvero delle attività agrituristiche con la cura del proprio benessere fisico e mentale, dopo la spiaggia offrire la possibilità di fare brevi e lunghe passeggiate nelle pinete della costa, oppure jogging o ginnastica o cicloturismo, attraverso la realizzazione di una pista ciclabile a ridosso delle aree boscate da Metaponto a Nova Siri, di percorsi vita tracciati all‟interno delle stesse pinete e, per concludere le attività, completare la gamma dei servizi per offrire loro la possibilità di curare il proprio corpo nelle SPA e Centri Wellness all‟interno delle strutture ricettive e di alcuni agriturismi. L‟individuazione di tali nuovi concepts, risponde all‟esigenza di soddisfare una domanda turistica in forte e costante crescita legata alla ricerca del benessere, attraverso trattamenti che puntano a ottenere il miglioramento del benessere fisico in uno stato di completo relax. Il benessere concepito sempre più come un‟esperienza multidimensionale composta da trattamenti ad hoc, ma anche da cibo, svago, salute e piacere in armonia con le caratteristiche dell‟ambiente circostante e dalla varietà dei servizi offerti e dei trattamenti proposti, il tutto in linea con il tema della eco-compatibilità e con la sostenibilità ambientale. -PRODOTTO TURISMO ATTIVO E SPORTIVO: dedicato ai giovani ed a chi interpreta la vacanza con un approccio attivo ed, eventualmente, competitivo in un territorio da “vivere e scoprire”. Potenziamento delle attività nautiche e legate al mare (vela, windsurf, escursioni per la pesca, ecc.), potenziamento e riqualificazione degli impianti sportivi interni alle strutture ricettive, pratica del golf sul campo esistente da mettere Pagina 181 di 308


in rete con la realizzazione di altri nuovi impianti con tracciati differenti, trekking e cicloturismo con la realizzazione di nuove piste ed itinerari di bassa, media ed alta difficoltà sia sulla costa che nelle aree interne (monte Coppolo tra Rotondella e Valsinni, i calanchi tra Colobraro, Tursi e Craco, ecc.). -PRODOTTO NATURA ED ECOLOGIA: -dedicato agli esteti, agli amanti della natura ed a chi fa dell‟ecologia e del rispetto dell‟ambiente naturale e della sua sostenibilità una prerogativa di vita e, quindi, a piccoli e grandi turisti, ad individuali e gruppi organizzati. Valorizzazione e scoperta delle biodiversità florofaunistiche delle riserve naturali di Bosco Pantano (una foresta definita “monumentale” già dai viaggiatori francesi del settecento) e delle foreste demaniali della costa, del bosco di Monte Coppolo e dell‟area sud del Parco del Pollino, proponendo loro itinerari dedicati con punti di osservazione anche per il birdwatching e per alcuni particolari e rari animali selvatici (lontra, tartaruga caretta caretta, colombella, coleotterofauna, spatola, sgarza ciuffetto, ecc.. nel Bosco Pantano …………) e farli alloggiare in strutture ricettive ecocompatibili con cucina tipica naturale e degustazione di prodotti agricoli biologici. Criteri di selezione Introduzione e diffusione dell‟uso di nuove tecnologie dell‟informazione e della comunicazione Qualità progettuale della proposta di promozione turistica

Istituzione di un unico cartellone di eventi ricadenti tra il mese di marzo e quello di ottobre con specifica funzione di coordinamento, programmazione e inserimento. Relativa pagina web. Supporti cartacei e mediatici.

Eventi e manifestazioni: -CULTURALI: Blues Sotto le Stelle, Capodanze, il Jazz di Cabiria, Lucania Film Festival, Festival della Magna Grecia Lucana, Settimana Musicale Lucana, il Teatro dell‟Agorà, Festival delle Bande Musicali, Festival di musica etnica e popolare (Festival Etnico – Nova Siri), Evento Moda, Festa Medioevale, Basilicata Musica, Laboart, Metaponto Beach Festival, Musica in Terra Antica, Mediovalando, Riti del Mistero, Anglona tra Pagina 182 di 308


Cultura e Spiritualità, Festival Internazionale delle Sculture di Sabbia, Armonia Pitagorica, SIRIS Festival (comprentende: Premio Siris, Concorso letterario scolastico “G. Giannotti”, La Notte dei Briganti, ARTESUD), Feste Patronali; Evento naturalistico. -ENOGASTRONOMICHE: Cultura e Sapori della Basilicata, Mostra Internazionale dei Prodotti Agricoli di Eccellenza del Distretto Agroalimentare del Metapontino, Festa della Vendemmia, Sagre e fine settimana di prodotti agricoli ed alimentari, di piatti tipici (albicocca, pesca, arancia, uva, fragola, pera, fungo, pasta, olio, vino, ecc.), Naturalmente Lucano, Terra dei Solstizi. -SPORTIVE: Straherakleia, Giochi in Magna Grecia, Euro Walk Kamp, Open Regionali di Tennis, Torneo Regionale di Tennis a Squadre di serie C, Golf Open Internazionali di Basilicata e Puglia, Mini Basket in Piazza, Moto Turismo Nazionale. -ITINERARI: -itinerario sensoriale del gusto, dell‟enogastronomia e delle cantine; -itinerario archeologico, culturale e letterario; -itinerario del mistero; -itinerari cicloturistici, itinerari trekking; - itinerari naturalistici e del verde; -itinerario dei calanchi; (es. archeologia, medioevo,mare,verde, parchi tematici ecc.) Dimensione nazionale ed internazionale dell‟Evento

Ricorso a tecnologie innovative della comunicazione ed informazione

Individuazione luoghi ed eventi attraverso il marchio d‟area presente sulla segnaletica, sul sito e sulla card turistica. Stretta collaborazione con lo IAT – Metapontino. L‟adozione di soluzioni mirate al grande pubblico e costruite attorno al concetto di condivisione, consentirà di rivolgersi ad un pubblico molto ampio e trasnazionale e di potenziare l‟efficacia delle attività di ufficio stampa. Community - Sede logistica di gestione del cartellone; - Acquisto di: 1) PC portatile; 2) Software e hardware; 3) Nuova linea telefonica e telematica; Tabelloni pubblicitari con marchio d‟area “Costa Viva” di mt 6 x mt 3. Stampa materiali logistici a supporto: - Cartelloni; Pagina 183 di 308


- Brochure; - Flyers; - Cartoline. Cartoline web. Piano finanziario Costo totale dellâ&#x20AC;&#x;operazione Contributo PO FESR Cronogramma della spesa (ripartire percentualmente)

â&#x201A;Ź 103.000,00 100% 2010 66%

2011 34%

2012 0%

2013

Pagina 184 di 308


Dettaglio SCHEDA n° ABS_6 CARTELLONE EVENTI TITOLO EVENTO Meraviglie di sabbia Heraclea Bike TRIBALARTE BEACH & FRUIT FESTIVAL TERRA DI SOLSTIZI JAZZ SOTTO LE STELLE EVENTO MODA MARCONIA ESTARTE DISEGNA UNA BELLEZZA FESTIVAL ETNICO

ENTE ATTUATORE COMUNITA' MONTANA B.S. COMUNITA' MONTANA B.S. COMUNITA' MONTANA B.S. COMUNITA' MONTANA B.S. COMUNITA' MONTANA B.S. COMUNITA' MONTANA B.S. COMUNITA' MONTANA B.S. COMUNITA' MONTANA B.S. COMUNITA' MONTANA B.S. COMUNE DI NOVA SIRI

VALORIZZAZIONE LA COSTA circuiti vitesse naturali potenzialità artistiche Castello Torre Mare COSTA E TRADIZIONI LIDI E COSTA MODA E ENTROTERRA SITI E POTENZIALITA' D'ARTE potenzialità artistiche potenzialità artistiche

CONTRIBUTO 2010 5.000,00 EURO 2.000,00 Euro 5.000,00 euro 2.000,00 euro 30.000,00 EURO 2.000,00 EURO 2.000,00 EURO 15.000,00 EURO 2.000,00 EURO 3.000,00 EURO

TITOLO EVENTO Meraviglie di sabbia - Policoro TERRA DI SOLSTIZI

ENTE ATTUATORE COMUNITA' MONTANA B.S. COMUNITA' MONTANA B.S.

VALORIZZAZIONE LA COSTA COSTA E TRADIZIONI

CONTRIBUTO 011 5.000,00 EURO 30.000,00 EURO

TOTALE 2010 68.000,00 EURO

TOTALE 2011 35.000,00 EURO Pagina 185 di 308


SCHEDA n° ABS_ 7

Denominazione Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione

Obiettivo operativo IV.1.2.B “Grandi Eventi” Beni/servizi Mostre evento. Le antiche vie. Dal tratturo preistorico alla strada statale ionica 106 Il territorio costiero, interessato dalla colonizzazione greca, risulta al momento ben rappresentato dai Parchi Archeologici di Metaponto e di Herakleia-Policoro e dai due rispettivi Musei Nazionali. La qualità e la quantità dei materiali esposti documentano tutte le principali fasi di vita delle due colonie greche e ne mettono in evidenza le peculiarità degli aspetti religiosi, artigianali, commerciali e sociali. Ogni centro, inoltre, ha le sue specificità nella organizzazione urbana dell'abitato e nello sfruttamento delle risorse agricole del territorio. Nella campagna metapontina prevale un modello basato in prevalenza sulla piccola fattoria a conduzione familiare. A Policoro, invece, sembrano maggiori le testimonianze riferibili a grossi complessi rurali, anche lontani dal centro urbano di Herakleia.Se la fase greca nelle due località è ben documentata. il periodo romano, al momento, è meno percepito. Nell'immaginario risulta assente, quasi schiacciato dalla prevalenza delle forme greche, ritenute erroneamente uniche. Le cause sono da ricercare nelle vicende storiche che hanno determinato un oggettivo impoverimento dei due centri nel periodo romano, ma anche nell'interesse della ricerca che ha privilegiato lo scavo delle aree urbane e delle necropoli di età greca dei due importanti colonie. Le presenze romane testimoniano un diverso modello insediativo e produttivo rispetto a quello meglio documentato della fase precedente. Nel territorio la fattoria è sostituita dalla villa rustica, all'interno della quale operano più figure con ruoli e professionalità differenti. La piccola proprietà assume le dimensioni del latifondo con disponibilità di ampie porzioni di territorio e con il conseguente ricorso a manodopera anche servile. I casi più significativi sono costituiti dal complesso termale di Cugno dei Vagni a Nova Siri, dalla villa di Termitito a Scanzano Jonico e dagli ambienti rurali del Bivio di Pisticci. Queste testimonianze hanno spesso un considerevole risalto monumentale e particolari decorativi di grande interesse, quali mosaici decorati, ambienti intonacati, ambienti produttivi etc. Si tratta di tre distinte Pagina 186 di 308


Esplicitazione del fabbisogno territoriale verso cui è indirizzata l‟operazione Sintesi descrittiva dell‟Evento proposto quale oggetto di intervento

realtà archeologiche, databili tra il tardo periodo repubblicano e l'età imperiale. In comune hanno un rapporto stretto con la viabilità costiera, attualmente rappresentata dalla Statale Jonica 106. Il toponimo di Cugno dei Vagni è, non casualmente, Taverna, con esplicito riferimento alla funzione di ospitalità svolta dalla struttura. E' ormai chiaro che il tracciato della moderna arteria SS 106 ripercorre quello del cosiddetto Tratturo Regio, a sua volta corrispondente alla via greca di collegamento tra il porto di Herakleia (foce Sinni) e Metaponto, con direzione Sibari - Taranto. La presenza del santuario delle Tavole Palatine e delle stessi colonie greche sui lati del percorso rappresenta un segno forte e importante di questa continuità e del ruolo svolto dall‟antico asse viario. La fotografia aerea e la documentazione archeologica hanno ulteriormente confermato che tale asse è stato frequentato già in età preistorica. Ne sono testimonianza i rinvenimenti della Tavole Palatine, di Pantanello, di Termitito, della collina di Policoro, di Rotondella. Il territorio necessita di un‟integrazione a pieno titolo del valore aggiunto di questi insediamenti, ricercandone i vari collegamenti con settori produttivi e risorse ambientali perché venga facilitato ed incentivato l‟accesso alla loro fruibilità. Si tratta di un progetto che riguarda tutta la fascia ionica della Basilicata, dal Bradano al Sinni, compreso l‟immediato entroterra. Obiettivo dell‟intervento è di creare le condizioni per realizzare due mostre/evento nei due musei di Metaponto e Policoro con la documentazione storica proveniente dalla fascia costiera e dall‟immediato entroterra. Il progetto ha due linee di sviluppo principale. Una intende unire i fili della rete costituita dai resti archeologici monumentali d'età romana, da collegare in maniera più organica alle altre testimonianze, anche di età greca (parchi e musei), lungo l‟antico percorso litoraneo e colmare i vistosi ritardi della loro conoscenza e proporre una loro valorizzazione attraverso interventi di consolidamento e ricostruzione tridimensionale (elevati parziali e coperture per riproporre i volumi e proteggere i pavimenti a mosaico). Similmente occorre collegare all‟antico percorso litoraneo gli assi viari che da questo si diramavano ed ancora si diramano Pagina 187 di 308


verso l‟interno delle basse vallate dal Bradano al Sinni. Occorre, infatti, collegare le realtà archeologiche della costa ionica di Siris-Herakleia e di Metaponto con le realtà dell‟immediato entroterra, favorendo la creazione di itinerari interni che valorizzino tutte le potenzialità culturali e paesaggististiche esistenti. In questa prospettiva si possono valorizzare le evidenze e i collegamenti storicoculturali tra le colonie greche costiere ed i siti indigeni, poi fortemente ellenizzati, presenti nei territori comunali di Tursi, Valsinni, S. Giorgio Lucano, Colobraro, Montalbano Jonico, Craco e Pisticci, ossia nell‟intero bacino territoriale attualmente interessato dal Progetto PIOT. L'altra linea propone, nella forma della mostra o evento, la presentazione della documentazione archeologica proveniente dagli interventi effettuati nel tempo lungo l'attuale strada ionica, da Nova Siri al fiume Bradano. Il nucleo prevalente sarà costituito dai numerosi corredi funerari recuperati a seguito dell'ampliamento recente della Statale SS 106, che ha interessato la necropoli di Metaponto. Ma documenti significativi provengono dal resto del territorio agricolo metapontino e da tutta la fascia costiera. Con l'occasione sarà anche possibile riprendere vecchi rinvenimenti, come quello di Masseria del Concio di Policoro, monumento circolare a grossi blocchi squadrati della fase di Herakleia, o dello scavo di Cospito-Caserta a Policoro e della vicina necropoli orientale di Herakleia. Le mostre saranno localizzate, per comprensibili motivi di opportunità logistica nei due maggiori musei della costa ionica (Metaponto e Policoro), e prevedono l‟esposizione diretta di materiali prevalentemente inediti e la raccoltapresentazione della documentazione storica d‟archivio. L‟obiettivo condiviso è di coinvolgere nel progetto tutte le comunità dell‟area PIOT, attraverso il recupero e la valorizzazione delle realtà storico-culturali, oltre che naturali, presenti nell‟intero comprensorio, esaltandone gli aspetti più peculiari. Le testimonianze relative alla presenza romana nella Basilicata orientale sono ovviamente riconoscibili nei grandi parchi archeologici di Metaponto ed Herakleia-Policoro, ma sono anche ben rappresentate in complessi monumentali di particolare rilevanza architettonica, come Termitito di Scanzano Ionico, San Basilio di Pisticci e Cugno dei Vagni di Nova Pagina 188 di 308


Siri. A lato di questi attrattori forti, esistono anche altre presenze in apparenza minori, ma ugualmente significative, che il progetto intende riprendere, collegare in un sistema unitario di lettura storica e promuovere. Museo nazionale di Metaponto: Allestimento espositivo dedicato alle realtà archeologiche della via litoranea, attuale SS 106 Jonica, con restauro di materiali, vetrine, ricostruzioni 3D, ricerca documentazione storica, catalogo, comunicazione, collaborazioni scientifiche ecc. Museo Nazionale di Policoro: Allestimento espositivo dedicato con maggiore attenzione alle vie interne al bacino del PIOT che si diramano dalla via litoranea ionica. Previsione di restauro di materiale archeologico, ricostruzioni 3D, ricerca documentazione storica, catalogo, collaborazioni scientifiche ecc. Segmenti delle due mostre documentarie, anche con ampliamenti e approfondimenti specifici, possono essere temporaneamente organizzati presso gli altri comuni dell‟area PIOT. Criteri di selezione Introduzione e diffusione dell‟uso di nuove tecnologie dell‟informazione e della comunicazione

Qualità progettuale della proposta di promozione turistica

L‟intervento sarà supportato da un‟efficace attività dell‟ufficio stampa che curerà una promozione ed una pubblicizzazione integrata delle varie attività. Particolare attenzione alle attività di quest‟intervento sarà dedicata dalle strutture wellness. Inoltre, l‟evento potrà essere ancor più caratterizzante se in esso verrà curata anche la promozione e la valorizzazione delle produzioni agricole ed enogastroniche locali attraverso studi e manifestazioni particolari improntate sulla loro permanenza ed evoluzione negli usi e costumi del posto. Le mostre ricostruiranno in maniera diacronica, attraverso i materiali, le tappe della frequentazione umana lungo l‟antico percorso litoraneo ionico, da sempre punto nodale negli scambi culturali del bacino del Mediterraneo, attraverso i porti o approdi di Metaponto ed Herakleia, e nei collegamenti con l'area pugliese a nord e con quella calabrese a sud. Successivamente si prevede di esportare fuori del territorio regionale i contenuti delle mostre. Concretamente le due mostre saranno legate all‟antica viabilità per presentare in maniera adeguata quella parte della documentazione archeologica che Pagina 189 di 308


Dimensione nazionale ed internazionale dell‟Evento Ricorso a tecnologie innovative della comunicazione ed informazione Piano finanziario Costo totale dell‟operazione Contributo PO FESR Cronogramma della spesa (ripartire percentualmente)

illustra le forme di occupazione del territorio in età antica ed in particolare in età romana La sua dimensione nazionale e sovranazionale si evince dalla natura e dalla portata stessa dell‟intervento. L‟evento avrà modo d‟inserirsi nei contenuti e nella veicolazione della card turistica o della password della piattaforma turistica online. Sarà auspicabile anche la creazione di un link nelle isole wireless.

€ 102.000,00 100% 2010 50%

2011 50%

2012 0%

2013

Pagina 190 di 308


Operazioni a valere su eventuale Programmazione integrativa in relazione alle differenti linee di intervento SCHEDA n° OP_1 Programmazione integrativa

Obiettivo operativo IV.1.1.A “Sostegno alla formazione ed al consolidamento di pacchetti integrati di offerta turistica attraverso la realizzazione di interventi infrastrutturali mirati alla fruibilità e valorizzazione a fini turistici delle risorse naturali e dei beni culturali” Interventi Infrastrutturale – Operazione integrativa

Parco Museale Scenografico di Craco –2° lotto funzionale Descrizione del contesto in Nell‟area del PIOT Metapontino il centro storico di cui si inserisce Craco si inserisce quale punto di forza della rete dei l‟operazione centri e siti di interesse archeologico , storico architettonico e paesaggistico. L‟edificio più antico di Craco è la splendida torre normanna dell‟anno 1000 ma scoperte archeologiche testimoniano insediamenti della tarda età del ferro ( X-IX secolo a.c.). Nel giugno 1060 Craco figura tra le pertinenze della diocesi di Tricarico. Nel 1277 , Craco con 83 fuochi (400 abitanti) è sede di una delle 78 Università del Giustizierato di Basilicata e contribuiva finanziariamente alla manutenzione dei castelli avviata già da Federico II e proseguita dagli angioini Dal „300 al „500 prende forma il centro medioevale con edifici di grande pregio e valore . Nel XVI secolo Craco fa registrare un notevole incremento demografico con 518 fuochi ( circa 2600 abitanti ) nel 1561. Nel 1630 si insedia stabilmente a Craco l‟ordine monastico dei Francescani Minori Osservanti con la costruzione del Monastero di S. Pietro Nel settecento e l‟800 si sviluppano nuovi palazzi signorili. Sul piano urbanistico a fine secolo il perimetro urbano aveva raggiunto la sua massima espansione. Dopo l‟Unità d‟Italia Craco supera nuovamente i 2000 abitanti. L‟emigrazione di fine „800 verso il Denominazione

Pagina 191 di 308


nord america e la grande guerra con i suoi caduti porta ai 1.046 abitanti del 1921. Nel 1961 , due anni prima dell‟evento franoso , la popolazione si attesta a 1871 residenti . La frana che a partire dalla fine del 1962 colpisce il centro condiziona la storia successiva con un calo demografico pari al 58% nel 2009 restano solo 793 abitanti . La rilevanza del sito di Craco è relativa a tre ambiti specifici. Beni culturali Insediamento miceneo nel X-IX sec. A.c., come testimoniano i reperti conservati presso il Museo Nazionale di Metaponto , Craco rinasce in epoca Normanna come avamposto contro l‟invasione saracena . Un reticolo di stradine e vicinati unisce gli edifici di interesse storico: la torre (XI sec.) , il complesso della chiesa Madre (XV sec.) , i Palazzi nobiliari (XV-XVI sec.) e signorili ( XVIII - XIX secolo) . Le costruzioni spesso concatenate tra loro danno un carattere di fortificazione al centro medioevale. Scienza , tecnica e tradizioni produttive Il Monastero di S. Pietro , realizzato nel 1630, ha influito nella diffusione delle nuove conoscenze tecniche in una economia locale che produceva grano , legumi , vino, olio e cotone trasformato in pannetti , botteghe artigiane per utensili e attrezzi agricoli , una produzione orafa di eccellenza. Grande merito ha Frate Niccolò Onorati detto Columella agronomo , scienziato e naturalista . Paesaggio e cinema Ricco di storia e di fascino ,il suo contesto paesaggistico , la continuità dei colori e l‟armoniosità della particolare ed unica geomorfologia ne hanno fatto negli ultimi 40 anni uno dei set naturali più ricercati dal grande cinema italiano e internazionale. Un modello di valorizzazione del sito fondato su tali Pagina 192 di 308


pilastri identitari raccoglie molto consenso tra i cittadini , molti dei quali sono proprietari di ciò che rimane del vecchio centro storico. I danni subiti dal patrimonio urbanistico e architettonico di Craco hanno una causa primaria nel movimento franoso che lo colpì a più riprese dall‟autunno 1962 sino al 1990 circa quando ormai Craco era interamente disabitato ma , volendoli quantificare , i danni maggiori li ha provocati l‟indifferenza , l‟incuria e l‟abbandono . Segni di abbandono e di degrado , in molti rioni, erano già visibili nei primi anni ottanta causati dalla mancanza di manutenzione degli edifici, ma l'assenza dei residenti ha determinato negli anni successivi un vero e proprio assalto da parte di saccheggiatori, che hanno rimosso ogni sorta di oggetti dalle abitazioni e dai luoghi di culto: portali, ringhiere, infissi, rivestimenti, pavimenti, arredi, cori lignei (come quello di S. Pietro di rilevante pregio), statue e marmi. Ad eccezione del periodo 1995-1999 dal 1980 sino al 2008 è mancato qualsiasi intervento di fisico di salvaguardia e sorveglianza. Dal 2000 al 2008 si sono realizzati per iniziativa di Craco Ricerche solo interventi di studi e ricerche storiche , geologiche e ambientali sul sito. L‟indifferenza pubblica e il processo di abbandono , se proseguirà , porterà ad una completa e irreversibile distruzione del centro storico di Craco compromettendo del tutto la possibilità di una sua tutela e valorizzazione. L‟amministrazione comunale di Craco sta operando con il supporto di enti nazionali di ricerca e dell‟Università della Basilicata per fare di Craco un grande Laboratorio in campo aperto di ricerca , formazione e applicazioni di tecnologie avanzate per la difesa e valorizzazione del suolo e un Parco Scenografico museale . La realizzazione di tale programma determinerà un processo di sviluppo locale ecosostenibile fondato sulla valorizzazione dei beni culturali tramite le Pagina 193 di 308


nuove tecnologie e l‟innovazione con la creazione di nuovi posti di lavoro qualificati ed un maggiore coinvolgimento della popolazione locale. Contestualmente è cresciuta la conoscenza anche internazionale di Craco grazie alle ricerche e alle reti di cooperazione scientifica avviate, alle produzioni cinematografiche realizzate e al ruolo attivo di molti media , giornalisti e fotografi . Il progetto prevede che si arricchisca anche numero e qualità degli attori in campo coinvolgendo in particolare artisti, scienziati e università internazionali . Il progetto infine ,insieme alla sensibilità politica e istituzionale su Craco, contribuirà anche la raccolta internazionale di fondi per superare carenze di finanziamenti dovuti alla scarsa attenzione degli enti finanziatori regionali e nazionali. Dopo alcune ordinanze sindacali di giugno 2009 il Sindaco ha emanato una ordinanza di protezione civile a tutela dell‟incolumità pubblica nell‟Ottobre 2009 e attualmente il centro è interdetto a cose e persone previo sbarramenti e recinzioni temporanee. Gli orientamenti progettuali prevedono che il sito di Craco sia recuperato e valorizzato non per fini residenziali ma scientifici , produttivi e culturali realizzando: -Un Parco Scenografico Museale per la valorizzazione ai fini culturali, artistici e turistici che con il mondo del cinema e della televisione implementi servizi ed attività di supporto compreso la creazione di atelier per giovani artisti e attività di new art production ; - Un laboratorio internazionale di ricerca e sperimentazione sulle frane ; - Servizi per la protezione civile . Il piano generale di azione del Comune definito già dal 1996 prevede : Messa in sicurezza dei percorsi di visitabilità del centro Pagina 194 di 308


Recupero e restauro di edifici ai soli fini conservativi e scenografici Recupero e restauro di edifici ai fini di un loro riuso per le attività di produzione di progetti culturali da realizzare nel parco Realizzazione Reception e interventi per l‟accessibilità Sistemazioni paesaggistiche Messa in sicurezza dei percorsi per reti tecnologiche Il piano di azione ritiene indispensabili e urgenti gli interventi per la messa in sicurezza del centro , recinzioni , bonifiche , pulizia e disinfestazione del centro, la realizzazione di aree di sosta e di servizio per i visitatori telesorveglianza e la realizzazione di un percorso in sicurezza che consenta la visitabilità e utilizzabilità del centro. Va infine realizzato il centro di accoglienza e sede del Parco Museale scenografico.

2010

World

Monuments

Watch L‟inserimento nella Wacth List 2010 del WMF ufficializzato il 6 ottobre 2009 a new York dalla presidente Bonnie Burnham potrà determinare, grazie all‟importanza del riconoscimento e alla conseguente elevata esposizione mediatica che ne conseguirà , un impatto molto positivo su: Conoscenza e sensibilizzazione della pubblica opinione e delle autorità pubbliche Supporto all‟internazionalizzazione del sito , delle partnership e delle attività Miglioramento della visibilità e interesse per potenziali finanziatori privati Attraverso eventuali specifiche reti di cooperazione con i nostri enti scientifici ed in particolare l‟Agenzia Spaziale Italiana , Craco ed altri siti inseriti nelle Wacth potranno progettare e realizzare interventi dimostrativi e diffondere buone pratiche Pagina 195 di 308


La cooperazione con WMF migliorerà anche le performance gestionale del sito sotto il profilo dello scambio di esperienze e di valutazione con gli esperti WMF

Interventi previsti - Pulizia, bonifica e disinfestazione del centro e rimozione di erbacce, rifiuti, deiezione animali e letame, di cavi elettrici e telefonici dismessi e delle tubazioni idriche esterne dell‟ex acquedotto urbano; - realizzazione opere di recinzione: recupero di pietrame, pavimentazioni in pietra, mattoni attualmente abbandonati e oggetto di saccheggio continuo da riutilizzare nelle opere di recinzione e nella realizzazione dei percorsi di visita; - ricuciture delle aree di delimitazione del centro storico con materiali autoctoni da recuperare in sito, chiusura dei varchi di accesso attuali e ripristino delle pavimentazioni del percorso di visitabilità interno del centro; - realizzazione in alcuni tratti di barriere di vegetazione e reti di protezione armonicamente inserite nel paesaggio; - realizzazione di due ingressi/uscite nel parco; - demolizioni di parti o resti di edifici di nessun pregio storico pericolanti che insistono lungo i tracciati dei percorsi di visitabilità che si intendono realizzare; - realizzazione di campagne di indagini geofisiche lungo le aree interessate dai tracciati dei percorsi di visitabilità; - realizzazione di un cavidotto intelligente lungo il percorso di visitabilità per alimentazione elettrica e cavi di rete per dispositivi digitali di monitoraggio e telesorveglianza e per aree servizi e sosta dei visitatori; - implementazione del sistema di monitoraggio e sorveglianza con l‟uso di GPS e telecamere intelligenti e realizzazione sistema di early warning con realizzazione di GIS-database in Pagina 196 di 308


ambiente multimediale; - sistemazione paesaggistica delle aree limitrofe con piantumazione di specie autoctone; - realizzazione di un percorso esterno di visitabilità; - realizzazione di aree di sosta e di servizio per i visitatori lungo i percorsi; - realizzazione di aree di sosta veicoli e di servizio per i visitatori nel limitrofo rione S. Angelo - acquisto attrezzature, arredi del centro accoglienza e sede del parco/museo; - realizzazione di un sistema solare fotovoltaico per l‟approvvigionamento energetico locale; - acquisto di dispositivi multimediali per i visitatori. Importo dell‟investimento è stimato in cinque milioni di euro. L‟intervento proposto nell‟ambito del PIOT rappresenta il primo stralcio funzionale che consentirà di dare funzionalità al sistema del Parco museale scenografico di Craco. La parte del vecchio centro compresa nel progetto sarà quella che con una piccola quota di risorse potrà essere messa in sicurezza. Sintesi descrittiva dell‟intervento

La proposta progettuale per l‟istituzione del Parco Museale Scenografico di Craco parte dall‟esigenza di offrire una concreta risposta alla crescente presenza di turisti e visitatori che annualmente si recano presso il sito dell‟antico centro ormai abbandonato, spinti dal suo indescrivibile fascino risultante dalle varie componenti (storica, ambientale, paesaggistica, architettonica, geologica) che in esso trovano un felice punto di sintesi. A ciò si aggiunge la curiosità creata dal fatto che l‟antico borgo è ormai da decenni al centro dell‟interesse da parte di registi e cineasti, che lo hanno ormai consacrato quale set cinematografico. Il presente progetto si prefigge di creare un itinerario di visita “in sicurezza”, che mette in rete alcuni contenitori culturali e tecnologici già esistenti, per i quali si intende migliorarne le potenzialità. Pagina 197 di 308


Il progetto si articola in quattro punti (poli) fondamentali che vengono in seguito descritti in dettaglio. POLO DI SANT‟ANGELO Nel nuovo rione di Sant‟Angelo - dove ancora risiedono alcune famiglie, ivi rimaste dopo il definitivo trasferimento della popolazione nel nuovo centro di Peschiera, a sette chilometri di distanza - è ubicata la Mediateca comunale, fornita anche dei necessari comfort per l‟accoglienza turistica, la quale prospetta su un ampio areale che si intende sistemare a parcheggio per bus e autovetture. Ciò comporta anche la parziale sistemazione della viabilità esistente e l‟installazione di un‟adeguata segnaletica turistica. POLO DELL‟EX SCUOLA MEDIA Usciti dal rione Sant‟Angelo, dopo aver percorsi (a piedi) un breve tratto della strada provinciale, si può raggiungere, tramite una comoda scalinata, il fabbricato dell‟ex Scuola Media. Per questo edificio si prevede il recupero di un ampio locale attualmente completamente privo di finiture interne, ubicati al piano superiore, adeguandoli alla funzione di Atelier Internazionale del Cinema comprendente laboratori , sala conferenze e proiezione di audiovisivi, ripristinando i servizi igienici ubicati anch‟essi allo stesso livello, in prossimità dell‟ingresso al locale suddetto. Si prevede pertanto l‟esecuzione di tutti i lavori di finitura (intonaci, pavimenti, tinteggiatura), l‟installazione degli impianti tecnologici essenziali e di quelli strettamente connessi alla nuova destinazione d‟uso, per la quale sarà necessario l‟acquisto di adeguate apparecchiature tecnologiche e la produzione di un tour virtuale attraverso i Luoghi Cinematografici di Craco. Saranno pure eseguiti tutti i lavori di revisione generale comprese le opportune integrazioni relativamente agli impianti (elettrico, igienicosanitario, antintrusione). L‟ampio cortile esterno e la scalinata di collegamento del medesimo con la strada Pagina 198 di 308


provinciale saranno sistemati ripristinando la pavimentazione esistente con l‟integrazione di nuove parti qualora e ne riterrà la necessità. Per la scalinata sarà anche valutata l‟eventualità di operare un modesto consolidamento fondale. Infine sarà effettuata un‟accurata revisione della recinzione tra il cortile e la strada adiacente compreso l‟installazione di cancelli ai due ingressi. L‟Atelier del Cinema è il progetto per un moderno centro di produzione cinematografica e di audiovisivi situato negli spazi della ex scuola media di Craco vecchia. Il centro di avvarrà di personale tecnico specializzato e sarà destinato a svolgere: attività di supporto (sia nella produzione esecutiva tout court che nei noleggi di luci, impianti, strumenti di ripresa e post-produzione) alle produzioni cinematografiche che scelgono Craco e i Comuni limitrofi quali location; attività di produzione cinematografica e di audiovisivi destinate al mercato cinematografico e televisivo nazionale ed internazionale; attività di archiviazione digitale di documenti audiovisivi e cartacei relativi al sito di Craco (in particolar modo al prodotto Craco-location e alle sue culture presenti e passate) utili alla loro fruizione pubblica in digitale grazie alla creazione di un importante archivio multimediale a supporto dei percorsi di cineturismo ma anche di ricercatori, storici, appassionati…; attività di distribuzione e divulgazione dei prodotti realizzati attraverso piattaforme web, televisioni, cinema, radio. Le produzioni e distribuzioni dell‟Atelier punteranno alla realizzazione e diffusione di prodotti destinati ai vari media adeguandosi alla sempre maggiore attuale convergenza dei media. Un settore molto importante dell‟Atelier sarà la ricerca verso i nuovi linguaggi e le nuove tecnologie applicate agli audiovisivi. L‟Atelier del Cinema sarà costituito da due laboratori tecnologicamente avanzati, un laboratorio di produzione ed un laboratorio di post-produzione e Pagina 199 di 308


distribuzione. Laboratorio di pre-produzione e produzione Tale spazio sarà dotato di strumenti hardware e software necessari essenzialmente alle fasi di preparazione del prodotto audiovisivo e di ripresa sia in daylight che in notturna. Laboratorio di post-produzione e distribuzione Il laboratorio di post-produzione e distribuzione sarà dotato di hardware e software necessari al montaggio - sia della parte audio che di quella video – delle riprese audio-visive realizzate in fase di produzione e della loro post-produzione. Tale laboratorio sarà destinato anche all‟archiviazione digitale dei prodotti audiovisivi e alla distribuzione on-line dei prodotti e/o alla loro preparazione per la distribuzione cinematografica in sala o in televisione. POLO DEL CENTRO STORICO Il percorso prosegue verso il centro storico, per il quale si prevede un a porta d‟ingresso all‟innesto dell‟ex Corso Umberto I, per poi giungere ai Larghi Alighieri, Vittorio Emanuele II e Garibaldi, riprendendo la strada provinciale dopo aver attraversato un breve tratto dell‟antica strada comunale Craco-Ferrandina, in cui è prevista l‟installazione di un‟altra porta. Va specificato che l‟intero percorso descritto (eccetto un breve tratto nella parte iniziale) è completamente sommerso dalle macerie causate dalla demolizione dei rioni in frana occupanti il versante sud-occidentale dell‟abitato, compresi tra Via Mario Pagano e la strada provinciale, sulle quali si è formata una compatta coltre di terra e vegetazione. Si prevede pertanto, per giungere alla quota originaria dei percorsi stradali, la rimozione delle macerie adottando i criteri che contraddistinguono gli scavi archeologici, così da recuperare tutti i materiali che potrebbero essere reimpiegati nell‟ipotesi del restauro dei manufatti ancora in piedi negli altri rioni. Pagina 200 di 308


I percorsi prima menzionati saranno caratterizzati dalle pregevoli pavimentazioni originarie in pietra e laterizio, e saranno completamente recintati con elementi a bassissimo impatto visivo, così da non pregiudicare la percezione della parte sommatale del centro storico, da cui spiccano le principali emergenze monumentali (Palazzo Carbone, Palazzo Grossi, Chiesa Madre e Torre Normanna). Negli slarghi è prevista l‟installazione di panchine e punti di osservazione. In Largo Alighieri sarà predisposta la base per l‟installazione di un palco in struttura leggera per la rappresentazione di spettacoli che avranno come quinta principale lo scenario urbano. L‟intero percorso sarà fiancheggiato da una trincea che avrà la funzione di cavidotto, indispensabile per l‟impianto di illuminazione (fari illuminanti il centro storico, punti luminosi lungo il percorso e negli slarghi, dotazioni tecnologiche per spettacoli all‟aperto). Anche in questo caso, sarà installata un‟adeguata segnaletica che affronterà varie tematiche legate alla storia e alla cultura della comunità crachese. POLO DEL MONASTERO L‟ex Monastero di S. Pietro è già stato oggetto di un parziale intervento di restauro che ha consentito il recupero di tutti i locali che gravitano attorno al chiostro, al pianterreno e al primo livello, nei quali si svolgono le attività della società “Craco Ricerche s.r.l.”. Il presente progetto intende recuperare altri locali a pianterreno, con ingresso dalla corte laterale ubicata sul versante destro del complesso, per i quali vanno eseguiti innanzitutto interventi di consolidamento delle strutture portanti verticali e di sostituzione delle coperture il cui stato è talmente precario che il loro sostegno è affidato a vistose puntellature. A ciò farà seguito la posa in opera delle finiture interne e degli impianti. La parte già restaurata sarà invece interessata da interventi il cui scopo è quello di impedire il verificarsi di infiltrazioni di acque piovane, fenomeno Pagina 201 di 308


a cui sono soggetti i locali posti al disotto del ballatoio che si sviluppa lungo due lati del chiostro, e quelli del versante anteriore. Saranno pertanto eseguiti lavori di impermeabilizzazione, revisione del manto di copertura, pavimentazioni, rifacimento della tinteggiatura interna ed esterna, sostituzione degli infissi, installazione degli impianti igienico-sanitario, termico e antintrusione. Sarà anche installata la rete LAN, predisposti un archivio multimediale e una struttura tecnologica e prodotti per tour virtuale nel museo virtuale delle frane di Craco , e acquistati alcuni arredi interni. Si prevede, infine, la sistemazione dell‟area adiacente il versante sinistro dell‟ex convento, a confine con la strada provinciale, così da poter accogliere degnamente un chiosco prefabbricato per informazioni turistiche, il cui acquisto rientra tra le somme preventivate in progetto. Produzioni audiovisive di progetto Tour virtuale in 3d di Craco Guida cineturistica multimediale Soggetto responsabile Soggetto attuatore Altre amministrazioni coinvolte Target dell‟operazione Criteri di selezione Coerenza con la domanda di fruizione culturale della popolazione residente e del mercato turistico

Comune di Craco Comune di Craco

L‟intervento da realizzare consentirà di dare risposte alla domanda di fruizione culturale a diversi livelli: domanda locale , comprensoriale e regionale , nazionale e internazionale. La fruizione complessiva infatti si rivolge a diverse fasce di utenza , residenti e turisti . Nella rete dei centri storico archeologici dcel Metapontino e della stessa città di Matera Craco , in conseguenza della sua nuova collocazione derivante dall‟inserimento nella Watch List del WMF , potrà ben supportare l‟obiettivo di destagionalizzare i flussi turistici , promuovere l‟attrazione del turismo internazionale , attrarre nuovi Pagina 202 di 308


Qualità dell‟offerta culturale e dei servizi per la fruizione anche in relazione ai livelli di innovazione tecnologica introdotti

Innovatività tecnicoprogettuale dell‟intervento anche in termini di ricorso alle tecnologie della S.I.

Idoneità dell‟intervento a realizzare circuiti, reti, itinerari tematico-territoriali

Orientamento al mercato turistico in termini di

flussi derivanti dall‟avvio di attività nel settore del cinema e dei media, nel settore della ricerca e sperimentazione scientifica e di new art production. La realizzazione dell‟Atelier internazionale del cinema , dei laboratori di ricerca sulle frane e l‟offerta di tour virtuali dei luoghi cinematografici di Craco, di Craco ieri e oggi e del museo virtuale delle frane da ospitare nel Monastero e nella ex suola media S.Lucia oggetto degli interventi di progetto farà di Craco un grande attrattore che avrà nelle tecnologie e produzioni multimediali il suo punto di forza principale per la fruizione culturale. Sia l‟Atelier ospitato nella ex scuola media che il Monastero diverranno veri e propri luoghi digitali che con le moderne tecnologie ICT renderanno disponibili contenuti originali e unici . Dando continuità ad alcune iniziative già avviate dall‟Amministrazione comunale sarà garantita la copertura Internet negli edifici interessati dal progetto e saranno implementati nuovi servizi di distribuzione on line di contenuti a supporto sia delle attività in sito sia della fruizione turistica del sito L‟intervento si inserisce nel processo di costituzione di reti e itinerari tematici nei seguenti settori: cinema e new media, centri e siti per la ricerca e le nuove tecnologie . Per la valenza di centro archeologico , storico e paesaggistico , per le correlazioni storiche di Craco con altri siti storico archeologici del territorio metapontino ( Magna Grecia , Torre Mare, Petrolla, Rabatana di Tursi , Anglona) , per le forme e i colori del paesaggio calanchivo caratterizzante il paesaggio agrario di buona parte del territorio metapontino , l‟intervento di realizzazione del Parco Museale Scenografico di Craco rafforzerà le capacità del territorio del Metapontino di offrirsi in rete ai flussi turistici nazionali e internazionali. Gli interventi infrastrutturali previsti infine consentiranno di offrire spazi e luoghi in sicurezza per la realizzazione di grandi eventi nel campo cinematografico , delle grandi mostre e di performance artistiche e di new art In relazione ai flussi turistici attuali l‟intervento proposto rafforza e diversifica l‟offerta di beni Pagina 203 di 308


incidenza sulla domanda attuale e potenziale

culturali e di reti di eventi e rivolgendosi a nuovi settori , in particolare il cineturismo e il turismo scientifico porterà ad un incremento dei flussi turistici nel comprensorio metapontino. Contributo alla La realizzazione di servizi permanenti e di grandi destagionalizzazione dei eventi nei periodi primaverili e autunnale invernale flussi turistici contribuirà in modo significativo al processo di destagionalizzazione dei flussi turistici del comprensorio molto condizionati dalle condizioni atmosferiche e prevalentemente, attualmente , concentrati nei mesi estivi. Il periodo natalizio , quello pasquale , i riti del carnevale e le fiere autunnali a Craco e in molti altri comuni del comprensorio potranno concorrere ad una offerta aggiuntiva positiva. Apporto di risorse Il Comune di Craco attraverso un propria procedura aggiuntive da parte del amministrativa ( Avviso pubblico per la cittadella partnership di progetto, in dell‟innovazione) ha selezionato alcuni partner che particolare di quello privato parteciperanno alla realizzazione di vari interventi. Nella fase di progettazione esecutiva si individueranno forme di partecipazione al finanziamento di interventi complementari che dovranno essere posti a carico di tali partner. Connessione dell‟operazione con l‟attivazione di progetti di impresa e di potenziamento dei servizi di fruizione compatibili con esigenze di tutela

La realizzazione del progetto diverrà strategica per lo sviluppo di due iniziative tese a realizzare un modello innovativo di gestione: la Craco Card , strumento di visita guidata e accesso ai servizi del Parco Museale Scenografico e Craco Production che implementerà le attività di valorizzazione cinematografica e artistica da realizzare all‟interno del centro. Il comune di Craco ha definito 2 regolamenti specifici che disciplinano modalità di accesso al circuito di visita e all‟utilizzazione in campo cinematografico e audiovisivo del sito. Le produzioni multimediali di progetto e i laboratori tecnologici supporto dell‟Atelier del cinema rappresenteranno formidabili asset per l‟implementazione di attività di produzione e conseguentemente allo sviluppo delle attività di imprese innovative esistenti e da promuovere. Il sito di Craco rappresenterà un contesto innovativo per la promozione di nuove imprese. Pagina 204 di 308


Criteri trasversali Sostenibilità ambientale (tecnologie di edilizia ecosostenibile, promozione modalità di turismo eco-sostenibile, acquisizione di servizi innovativi finalizzati a ridurre le pressioni ambientali, adozione di sistemi di certificazione ambientale,ecc)

Principio di pari opportunità e non discriminazione (miglioramento della fruizione dei beni da parte delle famiglie, interventi turistici in un‟ottica di inclusione sociale, servizi di informazione sull‟offerta e la fruibilità da parte delle famiglie,ecc)

Gli interventi da realizzare non prevedono realizzazione di nuovi volumi ma esclusivamente il recupero di volumetrie in edifici già esistenti. I percorsi di visita pedonali saranno realizzati recuperando la viabilità preesistente al movimento franoso attualmente ricoperta di macerie e ruderi. La realizzazione di aree per la sosta degli autoveicoli consentirà di conservare i valori paesaggistici e le caratteristiche e il fascino del silenzio derivante dall‟assenza di traffico . Grazie alla Craco Card i flussi di visitatori saranno programmati e razionalizzati evitando situazioni di pericolosità e i veri e propri assalti del centro storico che in determinati periodi si verificano. La realizzazione di percorsi in sicurezza sarà accompagnata da proposte di escursioni a piedi e a cavallo, tramite la ampia rete di tratturi e strade comunali limitrofe al vecchio centro. Saranno promosse azioni di valorizzazione del cicloturismo. La realizzazione del Parco Museale Scenografico di Craco consentirà la fruibilità generale del sito , in sicurezza e tutti i locali oggetti dell‟intervento saranno dotati di servizi per disabili. L‟accessibilità alle diverse fasce di età della popolazione consentirà la fruibilità del sito. Una reception garantirà un servizio di assistenza adeguato ai visitatori .

Sostenibilità gestionale e finanziaria Esplicitare se sussiste un Soggetto gestore è il Comune di Craco coadiuvato piano di gestione e fornire da Craco Ricerche srl , società a partecipazione indicazioni in merito alle maggioritaria del comune di Craco . Esiste una modalità di gestione del regolamentazione della gestione e accordi di servizio e di identificazione partnership definiti per le attività specifiche nel del gestore settore cinematografico e dell‟audiovisivo ( Noeltan Film ), nel settore scientifico e della comunicazione e degli eventi. Già attualmente il comune di Craco impegna 3 unità per i servizi di visita e utilizzazione Pagina 205 di 308


del sito di Craco vecchia. Con un progetto di Work experience in fase di avvio , già finanziato dalla regione Basilicata , saranno impegnate nell‟attività di sorveglianza , pulizia e assistenza altre 3 unità a tempo parziale. Evidenziare sostenibilità Il costo del servizio di gestione del Parco Museale della gestione finanziaria scenografico di Craco è in buona parte coperto dal del servizio, sviluppando personale dell‟ente e dai collaboratori attivati dalla una proiezione dei costi di Craco Card che sarà lo strumento di finanziamento esercizio e la corrente delle attività del Parco. Le attività corrispondente copertura dell‟atelier internazionale del cinema saranno auto tra eventuali ricavi e fonti sostenibili poiché determineranno un flusso di di finanziamento entrate specifiche . Alcune delle attività legate alla valorizzazione nel campo della ricerca ( laboratorio sulle frane . ecc.) saranno anch‟esse autofinanziate attraverso progetti specfici degli enti operanti a Craco ( Agenzia Spaziale Italiana , Craco Ricerche srl, Enea , università ecc.). Procedure tecniche ed amministrative Vincoli sul territorio L‟edificio del monastero è vincolato ai sensi della ex interessato L.1089 ed è stato già oggetto di autorizzazione da parte della soprintendenza ai monumenti. L‟ex scuola media e l‟area di S.Angelo non sono sottoposti a vincoli e sono stati già oggetto di precedenti interventi Conformità dell‟operazione SI agli strumenti urbanistici Conformità alle norme Si ambientali Stato della progettazione E‟ disponibile il progetto preliminare dell‟intervento ed è in fase di redazione la progettazione esecutiva Tempi di progettazione Progettazione preliminare Disponibile Progettazione esecutiva e Mesi 4 cantierabile Tempi previsti per l‟attuazione Data appalto Settembre 2010 Inizio lavori Ottobre 2010 Fine lavori Giugno 2011 Piano finanziario Costo totale 1.000.000,00 euro dell‟operazione Pagina 206 di 308


Contributo PO FESR Eventuale partecipazione finanziaria del soggetto attuatore Eventuale contributo di partner privato (specificare identità partner) Eventuale utilizzo di strumenti di finanza di progetto Cronogramma della spesa (ripartire percentualmente)

1.000.000,00 euro

2010

2011 30%

2012 40%

2013 30%

Indicatori di realizzazione e sorveglianza Indicatore Interventi di valorizzazione dei beni culturali Interventi di valorizzazione dei beni naturali Superficie interessata Occupazione indotta dall‟operazione Occupazione indotta dall‟operazione - di cui donne

Unità di misura Numero

Valore atteso 3

Numero Mq Numero Fase di cantiere

Mq. 48.000 20

Numero Fase di gestione

8

Numero

4

Pagina 207 di 308


Pagina 208 di 308


SCHEDA n° OP_2 Programmazione integrativa

Denominazione Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione

Sintesi descrittiva dell‟intervento

Soggetto responsabile Soggetto attuatore Altre amministrazioni coinvolte Target

Obiettivo operativo IV.1.1.A “Sostegno alla formazione ed al consolidamento di pacchetti integrati di offerta turistica attraverso la realizzazione di interventi infrastrutturali mirati alla fruibilità e valorizzazione a fini turistici delle risorse naturali e dei beni culturali” Interventi Infrastrutturali Completamento Aeroporto E. Mattei Pisticci-Matera – Implementazione opere infrastrutturali La macroarea del Metapontino Basso Sinni con l‟attivazione dell‟aeroporto avrà un vantaggio competitivo in quanto attualmente gli arrivi sono garantiti attraversi collegamenti specifici con Hub aeroportuali di Bari e Brindisi, attivando politiche di marketing che hanno attivato un traffico passeggeri a circa 3 milioni, con circa 70 voli, potenziandoli durante il periodo di alta stagione (giugno-settembre). E‟ evidente che la presenza di un aeroporto nell‟area consentirà di incrementare tali numeri in modo sostanziale e contribuendo ad intercettare target di riferimento che hanno l‟esigenza di voli diretti con l‟area di riferimento ed in particolare il mercato nord europeo che è in forte crescita. L‟intervento di realizzazione dell‟aeroporto E. Mattei di Pisticci- Matera, grazie ad un finanziamento regionale è quasi completato. Le caratteristiche aeroportuali consentono l‟utilizzo a velivoli fino a circa 100 posti ( ATR42 ATR72 e DASH 7-100) e non dispone di un localizzatore che consenta l‟atterraggio in condizioni climatici particolari. Pertanto è necessario portare dei miglioramenti tecnici quali il prolungamento della pista da 1600 m a 1800 m, per consentire l‟utilizzo della pista per veicoli fino a 180 posti e completare il sistema di radio assistenza introducendo un localizzatore che consentirà atterraggi dei veicoli in qualsiasi condizioni climatiche. Consorzio Industriale Matera Consorzio Industriale Matera

Pagina 209 di 308


dell‟operazione Criteri di selezione Coerenza con la domanda di fruizione culturale della popolazione residente e del mercato turistico Qualità dell‟offerta culturale e dei servizi per la fruizione anche in relazione ai livelli di innovazione tecnologica introdotti Innovatività tecnicoprogettuale dell‟intervento anche in termini di ricorso alle tecnologie della S.I. Idoneità dell‟intervento a realizzare circuiti, reti, itinerari tematicoterritoriali Orientamento al mercato turistico in termini di incidenza sulla domanda attuale e potenziale Contributo alla destagionalizzazione dei flussi turistici Apporto di risorse aggiuntive da parte del partnership di progetto, in particolare di quello privato Connessione dell‟operazione con l‟attivazione di progetti di impresa e di potenziamento dei servizi di fruizione compatibili con esigenze di tutela

L‟intervento previsto consentirà di integrare l‟offerta culturale del comprensorio e si rivolge sia ad una domanda locale che del mercato turistico. L‟intervento introduce elementi significativi di innovazioni tecnologica

L‟intervento consentirà di introdurre elementi significativi anche in di ricorso alle nuove tecnologie della società dell‟informazione. L‟intervento mira ad incrementare le presenze straniere anche per i circuiti, reti, itinerari tematicoterritoriali creati con il PIOT. Il mercato turistico chiede voli diretti con le destinazione di arrivo, per ridurre i tempi di raggiungimento delle mete turistiche. La presenza di un aeroporto riducendo i tempi per il raggiungimento contribuiscono in modo favorevole alla destagionalizzazione dell‟offerta turistica..

I progetti di impresa previsti nel presente pacchetto di offerta turistica prevedono di realizzare pacchetti di offerta turistica per i quali risulta potenziato i servizi di trasporto e quindi anche in termini di competività dell‟intero settore turistico dell‟area e dell‟intera regione.

Criteri trasversali Pagina 210 di 308


Sostenibilità ambientale (tecnologie di edilizia ecosostenibile, promozione modalità di turismo eco-sostenibile, acquisizione di servizi innovativi finalizzati a ridurre le pressioni ambientali, adozione di sistemi di certificazione ambientale,ecc) Principio di pari opportunità e non discriminazione (miglioramento della fruizione dei beni da parte delle famiglie, interventi turistici in un‟ottica di inclusione sociale, servizi di informazione sull‟offerta e la fruibilità da parte delle famiglie,ecc)

L‟intervento non produce impatti aggiuntivi rispetto a quelli gia esistenti

L‟intervento da realizzare consentirà la fruizione dei beni da parte delle famiglie e dei diversamente abili in quanto saranno adotti sistemi per garantire l‟accessibilità a tutti.

Sostenibilità gestionale e finanziaria Esplicitare se sussiste un piano di gestione e fornire indicazioni in merito alle modalità di gestione del servizio e di identificazione del gestore Evidenziare sostenibilità Ampliamento della tipologia dei Velivoli garantisce della gestione finanziaria una maggiore sostenibilità finanziaria della del servizio, sviluppando gestione. una proiezione dei costi di esercizio e la corrispondente copertura tra eventuali ricavi e fonti di finanziamento Procedure tecniche ed amministrative Vincoli sul territorio Vincoli ambientale Pagina 211 di 308


interessato Conformità dell‟operazione agli strumenti urbanistici Conformità alle norme ambientali Stato della progettazione

Gli interventi sono conformi agli strumenti urbanistici vigenti Gli interventi sono conformi alle norme ambientali Progettazione esecutiva

Tempi di progettazione Progettazione preliminare 31/12/2009 Progettazione esecutiva 31/12/2010 e cantierabile Tempi previsti per l‟attuazione Data appalto 31/12/2010 Inizio lavori 31/03/2010 Fine lavori 31/12/2011 Piano finanziario Costo totale dell‟operazione Contributo PO FESR Altri Finanziamenti Fondi FAS Eventuale partecipazione finanziaria del soggetto attuatore Eventuale contributo di partner privato (specificare identità partner) Eventuale utilizzo di strumenti di finanza di progetto Cronogramma della spesa (ripartire percentualmente)

7.000.000,00 (settemilioni di euro)

7.000.000,00 (settemilioni di euro)

2010 30%

Indicatori di realizzazione e sorveglianza Indicatore Unità di misura Interventi di valorizzazione numero dei beni culturali Interventi di valorizzazione numero

2011 50%

2012 20%

2013

Valore atteso 1

Pagina 212 di 308


dei beni naturali Superficie interessata Occupazione indotta dallâ&#x20AC;&#x;operazione - di cui donne

Km2 numero

10

numero

2

Pagina 213 di 308


SCHEDA n° OP_3 Programmazione integrativa

Denominazione

Obiettivo operativo IV.1.1.A “Sostegno alla formazione ed al consolidamento di pacchetti integrati di offerta turistica attraverso la realizzazione di interventi infrastrutturali mirati alla fruibilità e valorizzazione a fini turistici delle risorse naturali e dei beni culturali” Interventi Infrastrutturali Progetto per la realizzazione del “porto canale a Nova Siri”

Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione

La recente apertura del porto degli Argonauti (Pisticci) e quella prossima di Marinagri (Policoro) sta creando nel metapontino un sistema integrato di nautica da diporto. Il porto di Nova siri contribuisce a strutturare nel metapontino un turismo della nautica da diporto di riferimento per tutto l‟arco jonico e contribuisce a alla determinazione di un‟offerta turistica di tipo nautica di ottimo livello. Nova Siri Marina è una località di primaria rilevanza della Costa Jonica Lucana. L‟offerta turistica è completa e diversificata, infatti sono presenti strutture alberghiere come il centro turistico alberghiero “AKIRIS”, “GIARDINI D‟ORIENTE” Villaggio Club, un hotel della catena “ALPITOUR WORLD”, l‟ “HOTEL IMPERIALE”, l‟ “HOTEL SIRIS”, tre campeggi (“JONIO”, “SOLEADO”, “CASTRO BOLETO”). Inoltre è attualmente in costruzione il centro turistico alberghiero “TOCCACIELO”. Ad oggi i posti letto disponibili sono circa 3.500, che diventeranno nei prossimi anni oltre 4.000 . L‟area è pertanto dotata di strutture ricettive diverse e con standard qualitativi medio/alti, che registrano l‟80% delle presenze turistiche nel periodo estivo. Alcuni operatori del territorio intendono migliorare l‟offerta turistica proponendo la realizzazione di alcune infrastrutture di servizio, attualmente indispensabili per competere sul mercato, che consentono di aprire lo scenario a nuova e, se possibile, ancora più qualificata domanda turistica.

Sintesi descrittiva

L‟intervento prevede la realizzazione del “Porto Pagina 214 di 308


dell‟intervento

Canale” in corrispondenza del fosso “Toccacielo”. L‟imbocco del porto è stato previsto in corrispondenza del fosso per limitare gli impatti dell‟infrastruttura. La capacità prevista è di 250 posti barca, di cui una trentina per transito, per barche da 4 a 16 metri di lunghezza.

Soggetto responsabile Soggetto attuatore Altre amministrazioni coinvolte Target dell‟operazione

Comune di Nova Siri Comune di Nova Siri

Criteri di selezione Coerenza con la domanda di fruizione culturale della popolazione residente e del mercato turistico Qualità dell‟offerta culturale e dei servizi per la fruizione anche in relazione ai livelli di innovazione tecnologica introdotti Innovatività tecnicoprogettuale dell‟intervento anche in termini di ricorso alle tecnologie della S.I. Idoneità dell‟intervento a realizzare circuiti, reti, itinerari tematico-territoriali Orientamento al mercato turistico in termini di incidenza sulla domanda attuale e potenziale Contributo alla destagionalizzazione dei flussi turistici Apporto di risorse aggiuntive da parte del partnership di progetto, in particolare di quello privato

La popolazione residente e i turisti

L‟intervento introdurrà elementi significativi per il ricorso alle nuove tecnologie della S.I..ne. L‟intervento mira ad incrementare le presenze di turisti soprattutto per gli appassionati della nautica. Il mercato turistico chiede di godere col mareanche attività di tipo sportive e nautiche.

La presenza di un sistema portuale turistico contribuisce in modo favorevole alla destagionalizzazione dell‟offerta turistica..

Pagina 215 di 308


Connessione dell‟operazione con l‟attivazione di progetti di impresa e di potenziamento dei servizi di fruizione compatibili con esigenze di tutela Criteri trasversali Sostenibilità ambientale (tecnologie di edilizia ecosostenibile, promozione modalità di turismo eco-sostenibile, acquisizione di servizi innovativi finalizzati a ridurre le pressioni ambientali, adozione di sistemi di certificazione ambientale,ecc) Principio di pari opportunità e non discriminazione (miglioramento della fruizione dei beni da parte delle famiglie, interventi turistici in un‟ottica di inclusione sociale, servizi di informazione sull‟offerta e la fruibilità da parte delle famiglie,ecc)

L‟intervento produce impatti ma saranno attuate iniziative tendenti a limitare gli impatti.

L‟intervento da realizzare consentirà la fruizione dei beni da parte delle famiglie e dei diversamente abili in quanto saranno adotti sistemi per garantire l‟accessibilità a tutti.

Sostenibilità gestionale e finanziaria Esplicitare se sussiste un La gestione sarà assicurata attraverso un piano di gestione e fornire costituendo consorzio di operatori turistici di Nova indicazioni in merito alle Siri Marina. modalità di gestione del servizio e di identificazione del gestore Evidenziare sostenibilità I costi gestionali saranno a carico del costituendo della gestione finanziaria consorzio. del servizio, sviluppando una proiezione dei costi di Pagina 216 di 308


esercizio e la corrispondente copertura tra eventuali ricavi e fonti di finanziamento Procedure tecniche ed amministrative Vincoli sul territorio Vincoli ambientale interessato Conformità Gli interventi sono conformi agli strumenti dell‟operazione agli urbanistici vigenti strumenti urbanistici Conformità alle norme Gli interventi sono conformi alle norme ambientali ambientali Stato della progettazione Progettazione preliminare Tempi di progettazione Progettazione preliminare 31/12/2009 Progettazione esecutiva e 31/12/2010 cantierabile Tempi previsti per l‟attuazione Data appalto 31/03/2011 Inizio lavori 30/09/2011 Fine lavori 31/12/2012 Piano finanziario Costo totale 12.000.000,00 (dodici milioni di euro) dell‟operazione Contributo PO FESR 12.000.000,00 (dodici milioni di euro) Altri Finanziamenti Fondi FAS Eventuale partecipazione finanziaria del soggetto attuatore Eventuale contributo di partner privato (specificare identità partner) Eventuale utilizzo di strumenti di finanza di progetto Cronogramma della spesa 2010 2011 2012 (ripartire percentualmente) 10% 30% 40%

2013 20% Pagina 217 di 308


Indicatori di realizzazione e sorveglianza Indicatore UnitĂ di misura Interventi di valorizzazione numero dei beni culturali Interventi di valorizzazione numero dei beni naturali Superficie interessata Km2 Occupazione indotta numero dallâ&#x20AC;&#x;operazione - di cui donne numero

Valore atteso

0.02 40 20

Pagina 218 di 308


SCHEDA n° OP_ 4 Programmazione integrativa

Denominazione

Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione

Obiettivo operativo IV.1.1.A “Sostegno alla formazione ed al consolidamento di pacchetti integrati di offerta turistica attraverso la realizzazione di interventi infrastrutturali mirati alla fruibilità e valorizzazione a fini turistici delle risorse naturali e dei beni culturali” Interventi Infrastrutturali Progetto per la tutela, il recupero e la valorizzazione eco-sostenibile della pineta della Fascia Jonica a fini turistici La costa jonica lucana è caratterizzata dalla presenza di una fascia boscata, larga dai 1 ai 3 Km, parallela alla duna sabbiosa. L‟area forestale comprende siti naturalistici di eccezionale valenza scientifica, quali ad esempio la riserva naturale “Bosco Pantano” di Policoro, alla foce del Sinni, e la Riserva Statale Marinella di Metaponto, con il Lago Salinella, alla foce del Bradano, sul confine tra Puglia e Basilicata. La fascia boschiva è attraversata dai 5 fiumi lucani che sfociano nel mare Jonico; le loro foci sono state individuate dalla Regione Basilicata, in riferimento alla Direttiva 92/43/CEE “Habitat”, quali siti dove sono presenti habitat e specie floristiche e faunistiche di interesse comunitario (S.I.C.), nonché, per la sola foce del Sinni, quale Zona di Protezione Speciale (Z.P.S.), in riferimento alla Direttiva comunitaria 79/409/CEE “Uccelli”. Queste aree sono state proposte alla U.E. per il loro riconoscimento all‟interno della Rete Ecologica Europea Natura 2000 (circa 3.000 ha). Oltre questi ambienti, importanti per il mantenimento della biodiversità nell‟Unione Europea, è presente una fascia forestale - costituita prevalentemente da pinete - realizzata dalla fine degli anni „40 in poi, attraverso una importante opera idraulico-forestale, contestuale alla Riforma Fondiaria, per bonificare l'area dagli acquitrini e dalla presenza della malaria, fissare la duna costiera, proteggere dall'aerosol marino le colture agricole del metapontino. Questa fascia forestale appare oggi particolarmente adatta ad una forma di Pagina 219 di 308


turismo “leggero”, non invasivo, sostenibile che va governato e migliorato nella programmazione. Sintesi descrittiva dell‟intervento

Considerate le criticità e la complessa diversificazione delle condizioni del soprassuolo l‟area oggetto di analisi, necessita di urgenti provvedimenti silvocolturali, da analizzare caso per caso attraverso uno strumento pianificatorio sovraziendale basato sulla ricognizione puntuale del patrimonio boschivo. L‟intervento mira al recupero con interventi silvocolturali, realizzare interventi leggeri compatibili per l‟introduzione di attività ecocompatibili. Inoltre è importante al fine di ridurre il rischio incendio intervenire migliorando le piste antincendio e realizzare azioni di presidio per l‟enmergenza. In modo sostenibile è necessario prevedere nelle aree che si prestano la realizzazione di spazi destinati a parcheggio in quanto sono insufficienti nel periodo di maggior afflusso di tursiti. All‟internio è possibile implementare attività di tipo sostenibili al servizio del turismo (percosi trakking, percorsi vita, percorsi per cicloturisti ecc.). Nell‟intervento è stato previsto anche la realizzazione di un percorso pedo-ciclabile che collega tutte le spiaggie joniche nella zona immediatamente a ridosso della pineta esistente. Ciò è molto importante in quanto consente di di considerare le spiagge del metapontino come elemento e consente di implementare attività sportive e ludico ricreative offrendo un itinerario unico e fantastico in grado di integrare in modo significativo l‟offerta balneare e contribuendo fortemente alla destagionalizzazone dell‟offerta turistica. L‟intervento è particolarmente

Soggetto responsabile Soggetto attuatore Altre amministrazioni coinvolte Target dell‟operazione

Comunità montana “Basso Sinni” Comunità montana “Basso Sinni”

Pagina 220 di 308


Criteri di selezione Coerenza con la domanda di fruizione culturale della popolazione residente e del mercato turistico Qualità dell‟offerta culturale e dei servizi per la fruizione anche in relazione ai livelli di innovazione tecnologica introdotti Innovatività tecnicoprogettuale dell‟intervento anche in termini di ricorso alle tecnologie della S.I. Idoneità dell‟intervento a realizzare circuiti, reti, itinerari tematico-territoriali

Orientamento al mercato turistico in termini di incidenza sulla domanda attuale e potenziale Contributo alla destagionalizzazione dei flussi turistici

L‟intervento previsto consentirà di integrare l‟offerta naturale del comprensorio e si rivolge sia ad una domanda locale che del mercato turistico. L‟intervento non introduce elementi significativi di innovazioni tecnologica

L‟intervento non consentirà di introdurre elementi significativi anche in di ricorso alle nuove tecnologie della società dell‟informazione. L‟intervento mira ad incrementare le presenze soprattutto di per quella relativa al tempo libero e può essere inserita negli itinerari tematici relativi al tempo libero e naturalistici. Il mercato turistico chiede di godere oltre del mare anche effettuare attività sportive e del tempo libero in contesti di notevole interesse naturalistico. La presenza di pacchetti turistici relativi ad itinerari tematici territoriali contribuiscono in modo favorevole alla destagionalizzazione dell‟offerta turistica..

Apporto di risorse aggiuntive da parte del partnership di progetto, in particolare di quello privato Connessione dell‟operazione con l‟attivazione di progetti di impresa e di potenziamento dei servizi di fruizione compatibili con esigenze di tutela Criteri trasversali Sostenibilità ambientale

L‟intervento produce impatti positivi migliorando lo Pagina 221 di 308


(tecnologie di edilizia ecosostenibile, promozione modalità di turismo eco-sostenibile, acquisizione di servizi innovativi finalizzati a ridurre le pressioni ambientali, adozione di sistemi di certificazione ambientale,ecc) Principio di pari opportunità e non discriminazione (miglioramento della fruizione dei beni da parte delle famiglie, interventi turistici in un‟ottica di inclusione sociale, servizi di informazione sull‟offerta e la fruibilità da parte delle famiglie,ecc)

stato fitosanitario della pineta, oltre a preservarla e consentirà di introdurre attività ecocompatibili.

L‟intervento da realizzare consentirà la fruizione dei beni da parte delle famiglie e dei diversamente abili in quanto saranno adotti sistemi per garantire l‟accessibilità a tutti.

Sostenibilità gestionale e finanziaria Esplicitare se sussiste un La gestione sarà assicurata attraverso i Piani piano di gestione e fornire annuali della forestazione con circa 200 operai indicazioni in merito alle forestali. modalità di gestione del servizio e di identificazione del gestore Evidenziare sostenibilità I costi gestionali risaranno coperti dai piani annuali della gestione finanziaria di forestazione del servizio, sviluppando una proiezione dei costi di esercizio e la corrispondente copertura tra eventuali ricavi e fonti di finanziamento Procedure tecniche ed amministrative Vincoli sul territorio Vincoli ambientale interessato Conformità Gli interventi sono conformi agli strumenti dell‟operazione agli urbanistici vigenti Pagina 222 di 308


strumenti urbanistici Conformità alle norme ambientali Stato della progettazione

Gli interventi sono conformi alle norme ambientali Progettazione preliminare

Tempi di progettazione Progettazione preliminare 31/12/2009 Progettazione esecutiva e 31/12/2010 cantierabile Tempi previsti per l‟attuazione Data appalto 31/03/2011 Inizio lavori 30/09/2011 Fine lavori 31/12/2012 Piano finanziario Costo totale 12.000.000,00 (dodici milioni di euro) dell‟operazione Contributo PO FESR Altri Finanziamenti Fondi 12.000.000,00 (dodici milioni di euro) FAS Eventuale partecipazione finanziaria del soggetto attuatore Eventuale contributo di partner privato (specificare identità partner) Eventuale utilizzo di strumenti di finanza di progetto Cronogramma della spesa 2010 2011 2012 (ripartire percentualmente) 10% 30% 40% Indicatori di realizzazione e sorveglianza Indicatore Unità di misura Interventi di valorizzazione numero dei beni culturali Interventi di valorizzazione numero dei beni naturali Superficie interessata Km2 Occupazione indotta numero dall‟operazione

2013 20%

Valore atteso

35 40

Pagina 223 di 308


- di cui donne

numero

20

Pagina 224 di 308


SCHEDA n° OP_5 Programmazione integrativa

Operazione a valere su eventuale Programmazione Integrativa in relazione alle differenti Linee di Intervento

Denominazione

Potenziamento infrastrutturale ed informatico delle aree archeologiche presenti sul territorio La prima area tematica è relativa al potenziamento infrastrutturale ed informatico delle aree archeologiche presenti sul territorio. Gli interventi riguarderanno principalmente le indagini e le ricognizioni archeologiche, la sistemazione generale delle strutture murarie esistenti sia di età classica che medievali, il restauro ricostruttivo ai fini conservativi dei beni archeologici, il recupero di sentieri noti da un punto di vista storico e la creazione apposita di un‟esauriente segnaletica illustrativa delle realtà archeologiche e del contesto naturalistico attuale. Si prevede oltremodo, all‟interno del Comune di Policoro il completamento e l‟apertura di nuove sale espositive del Museo della Siritide (comprese una caffetteria ed un bookshop), la sistemazione dei giardini ad esso adiacente e l‟assetto completo dell‟area del Parco Archeologico da attrezzare con strutture lignee riferibili al supposto teatro finalizzato ad eventi culturali estivi e con la ricostruzione di un plastico che esprima scene di vita dell‟antica città greca. Sempre nel Comune di Policoro, al fine di una parziale ricostruzione dell‟antica cinta muraria saranno previste una o più indagini geofisiche che ne individuino il percorso originario. (Policoro, Nova Siri, Scanzano Jonico, Valsinni, Tursi, Craco).

Sintesi descrittiva dell‟intervento

Costo dell‟operazione

€ 1.500.000,00

Pagina 225 di 308


SCHEDA n° OP_6 Programmazione integrativa

Operazione a valere su eventuale Programmazione Integrativa in relazione alle differenti Linee di Intervento

Denominazione

Organizzazione di percorsi virtuali per visite telematiche delle aree della antica Magna Grecia A livello informatico si prevede la creazione e l‟implementazione di portali informatici caratterizzati dalle più importanti informazioni storiche, naturalistiche, archeologiche che potranno essere abbinati alle recenti modificazioni del territorio. Saranno organizzati alcuni percorsi virtuali per visite telematiche delle aree oggetto di indagine. Il territorio in esame, riconducibile all‟antica Magna Grecia è stato idealizzato con alcune porte di accesso dove il turista avrà la possibilità di fare un‟immersione cognitiva sulle potenzialità e sulla cultura del territorio, che saranno sintetizzate attraverso delle sale espositive multimediali e dei portali web da collocarsi in opportuni punti strategici del territorio. Attraverso queste informazioni desunte dai portali informativi si effettuerà una risistemazione delle sale espositive dei Musei di Policoro e di Metaponto. Inoltre saranno proposte delle ricostruzioni virtuali di alcune parti emblematiche delle aree archeologiche in esame quali per esempio la cinta difensiva di Policoro. (Metaponto, Policoro, Scanzano Jonico, Valsinni, Craco, Parco Nazionale del Pollino)

Sintesi descrittiva dell‟intervento

Costo dell‟operazione

€ 1.000.000,00

Pagina 226 di 308


SCHEDA n°OP_ 7 Programmazione integrativa

Operazione a valere su eventuale Programmazione Integrativa in relazione alle differenti Linee di Intervento

Denominazione

Cicli di alta formazione tecnico-scientifica relativamente ai dati geo-ambientali con adeguamento strutturale dell‟edificio conosciuto con il nome di “Palazzo Giacchino” Per valorizzare ulteriormente il turismo culturale si vuole dare uno spazio informativo per avvicinare giovani del contesto nazionale ed europeo, al territorio, mediante cicli di alta formazione tecnico-scientifica relativamente ai dati geo-ambientali. Per tale polo di Alta formazione si prevede l‟adeguamento strutturale dell‟edificio conosciuto con il nome di “Palazzo Giacchino”. Tale adeguamento consisterà nella ristrutturazione completa dell‟edificio organizzando gli spazi interni appositamente per la scuola. Inoltre l‟edificio presenterà adeguamenti eco-compatibile sfruttando anche le energie rinnovabili per il suo funzionamento. Tale polo oltre ad essere un laboratorio per l‟alta formazione si caratterizzerà anche come laboratorio sperimentale sul futuro della compatibilità ambientale. Dovrà essere dotata di due aule di informatica di 15 postazioni ciascuna. Tali postazioni dovranno essere delle workstation ad alte prestazioni di processamento, di memoria e di grafica permettendo in questo modo lo svolgimento di corsi inerenti ai sistemi informativi territoriali, alla fotogrammetria tridimensionale alla foto interpretazione delle immagini satellitari fino ai processi di modellazione e virtualizzazione dei dati acquisiti. Inoltre dovranno essere acquisite licenze per software applicativi per le sopracitate specializzazioni. All‟interno dovranno essere presenti un aula per seminari e piccoli convegni, una biblioteca ed una sala di esposizioni audiovisive. Tale centro dovrà essere dotato anche delle strumentazioni necessarie allo svolgimento dei corsi in campagna durante i rilievi (GPS, Stazioni Totali, Laser Scanner terrestri)

Sintesi descrittiva dell‟intervento

Costo dell‟operazione

€ 3.000.000,00 Pagina 227 di 308


Pagina 228 di 308


SCHEDA n°OP_ 8 Programmazione integrativa

Operazione a valere su eventuale Programmazione Integrativa in relazione alle differenti Linee di Intervento

Denominazione

Laboratorio territoriale per la fruizione del sistema informativo culturale e naturalistico In questa valorizzazione territoriale il comune di Policoro propone l‟allestimento di un laboratorio territoriale in cui si legheranno gli aspetti culturali naturalistici agli aspetti tecnologici. Sarà creato un sistema informativo territoriale basato su l‟acquisizione di tutte le informazioni territoriali storiche e recenti. In tale sistema saranno inoltre inserite le informazioni delle variabili geo-ambientali e naturalistiche al fine di creare un contenitore dinamico che permetta la fruizione e la conoscenza del territorio in maniera interattiva. Tale organizzazione permetterà al visitatore di fruire il territorio in maniera esaustiva da ogni aspetto culturale, sia storico che naturalistico. Tale visita avverrà in opportune sale multimediali dove saranno ricostruiti su supporto informatico la vita e l‟organizzazione dell‟antica Herakleia. Sarà inoltre possibile contestualizzare i reperti museali nelle loro disposizioni originarie tramite il ponte che lega il mondo reale a quello virtuale in cui il visitatore potrà toccare virtualmente l‟oggetto, vederne la destinazione d‟uso e visitare il luogo dove era contenuto. Questa organizzazione permetterà una trasformazione del territorio in qualità di museo a cielo aperto, dove il visitatore, il turista attraverso dispositivi mobili di elaborazione, potrà essere informato in tempo reale della vicinanza di un bene storico-naturalistico e delle sue caratteristiche intrinseche. Questi sistemi multimediali saranno la guida personale di colui che si immergerà nel territorio conoscendone tutte le sue caratteristiche. In questa duplice navigazione reale e virtuale l‟utente potrà scegliere il tipo di percorso da fare su diverse scale di livello di approfondimento. Per tale ragione saranno disposti sensori di prossimità sul territorio rispetto ai punti maggiormente sensibili di interesse. € 3.000.000,00

Sintesi descrittiva dell‟intervento

Costo dell‟operazione

Pagina 229 di 308


Pagina 230 di 308


SCHEDA n° OP_9 Programmazione integrativa

Operazione a valere su eventuale Programmazione Integrativa in relazione alle differenti Linee di Intervento

Denominazione Sintesi descrittiva dell‟intervento

Museo Virtuale di Guglielmo Marconi. ll Metapontino con la sua costa rappresenta la porta d‟ingresso per l‟intera regione. Al paesaggio naturale ed accogliente si aggiungono una gastronomia ricca e genuina, numerose strutture ricettive, le meraviglie artistiche e culturali e le feste tradizionali molto suggestive…non è un caso che l‟area registri il 63% delle presenze dell‟intera regione e che assieme a Matera rappresenti il polo turistico più scelto ( per ordine di arrivi). Esistono tuttavia dei forti fattori di criticità, quali: - scarsa integrazione con il potenziale sistema di offerta del territorio; - mancanza di itinerari e percorsi effettivamente fruibili, - scarse relazioni tra le diverse località marine e l‟hinterland; - offerta eccessivamente stagionalizzata e legata al comparto balneare. A tal fine occorre mettere in campo una strategia che miri a : valorizzare elementi diversi dalla vocazione turistica primaria (il mare); rafforzare servizi di logistica; creare infrastrutture e servizi per il tempo libero; adottare politiche di qualità; sfruttare la leva dell'innovazione e dell'ampliamento dei prodotti turistici; organizzare un‟offerta integrata (strutture ricettive, attrazioni, trasporti dedicati, servizi di distrazione, attività ricreative, visibilità e promozione); adottare una politica di destagionalizzazione. Alla luce dei fattori di criticità e delle strategie di marketing menzionate nel PTR, la partnership del Metapontino Basso Sinni propone la realizzazione del Museo Virtuale di Guglielmo Marconi. Un forte attrattore innovativo, il primo Museo Pagina 231 di 308


Scientifico Interattivo della Basilicata. Un vero “motore culturale d‟eccellenza” in grado di: promuovere lo sviluppo turistico dell‟intera fascia del Metapontino; portare benefici in termini economici e di immagine al territorio; soddisfare differenti target di riferimento. Il Museo, collocandosi nel Metapontino un‟area ad alta vocazione territoriale, determinerà un forte valore aggiunto, in termini di immagine e non solo, derivante dall‟originalità/innovatività, dalla capacità di soddisfare una domanda sempre più esigente che ricerca un appagamento complessivo nell‟uso del proprio tempo libero. L‟area dove si intende realizzare la struttura è Marconia, piccola cittadina ridente della costa Jonica, istituita nel 1938 nella località Bosco Salice con il nome di Villaggio Marconi in onore dello scienziato italiano. Il comune, inoltre, si presenta interessante anche per la posizione strategica, facilmente raggiungibile via terra, via mare e tra non molto anche via aria. ll Museo virtuale di G.M. offrirà al visitatore la possibilità di compiere un intenso viaggio virtuale nella storia della scienza, metterà a disposizione dell‟utente gli strumenti per ricostruire e comprendere l‟evoluzione, le interpretazioni e le applicazioni, che da Marconi ad oggi hanno segnato il cammino della comunicazione. Il visitatore, anche quello più refrattario, avrà l‟impressione di essere parte integrante di un evento che egli potrà di volta in volta determinare, potrà partecipare attivamente a “viaggi virtuali”, navigando e interagendo all‟interno di simulazioni tridimensionali in ambienti immersivi dove sarà possibile esplorare, interagire, oltrepassare le barriere del tempo e dello spazio. Tutto il Museo sarà gestito da un software, che – attraverso una rete- controllerà le singole installazioni intercettando i movimenti e le diverse identità dei visitatori (tramite dei badge su cui saranno registrati alcuni dati come età, sesso, lingua). In base alle identità riconosciute e ai movimenti dei visitatori, le Pagina 232 di 308


singole installazioni si riconfigureranno di volta in volta mutando la lingua delle didascalie, cambiando le scene o il registro dei racconti. E‟ inutile sottolineare le potenzialità del laboratorio didattico dove sarà possibile fare sperimentazione continua. Il Museo Virtuale si articolerà in diverse aree: parco tematico con sale multimediali tematiche ( per rivivere le vicende che hanno caratterizzato la formazione e la vita dell‟inventore, comprendere sulla scia dell'invenzione marconiana, lo sviluppo delle Tlc e dell' It e a delinearne gli scenari futuri) ; auditorium destinato a mostre, concerti, spettacoli teatrali, conferenze, premiazioni, convegni, corsi di formazione, giornate e serate dedicate alle Istituzioni, alle Aziende e ai cittadini. laboratorio di esperimenti didattici relativi alla storia dell‟elettricità, all‟elettromagnetismo e alle telecomunicazioni; galleria con un grande schermo in grado di collegarsi, ventiquattro ore al giorno, con le piazze di capitali del mondo, rendendo possibile incontri con persone distanti decine di chilometri; caffetteria; internet point; shop; biblioteca; info point. Il Museo sarà essenzialmente un grande attrattore culturale, all‟interno del quale sarà possibile socializzare, creare relazioni di spessore, vivere esperienze uniche e irripetibili, in modo tale che il tempo diventi godimento di eventi memorabili. Grande ruolo sarà svolto dall‟Info Point (o IAT) un punto informativo altamente tecnologico concepito come una vetrina ricca e luminosa dell‟offerta turistica del metapontino che come una vera e propria bussola, orienterà i turisti che vorranno ottenere informazioni precise e dettagliate in merito a luoghi da visitare, ristoranti e ricettività, eventi e cultura, prodotti tipici. L‟Info Point creerà, inoltre, pacchetti turistici integrati basati sui valori del territorio, in stretta relazione con le specificità paesaggistiche, storiche, culturali e gastronomiche di specifichi luoghi; escursioni – evento da ripetere nel corso dell‟anno. Il Target- focus: è rappresentato dalle Scuole( locali, nazionali ed internazionali) e dai visitatori/turisti di tutte Pagina 233 di 308


le età. Azioni di Co-Marketing Il progetto prevede azioni di co-marketing con alcuni attrattori della Basilicata, quali ad es. il Parco della Grancia e il Parco Gallipoli – Cognato, mentre a livello nazionale con la Fondazione G.Marconi, il Cirolo Nautico G.Marconi, musei virtuali d‟Italia. Promozione Sarà sviluppato un piano di comunicazione integrato, finalizzato a promuovere l‟immagine del Museo e del territorio a livello locale, nazionale ed internazionale. Si utilizzeranno tutti gli strumenti della comunicazione, sfruttando al meglio i mezzi in un mix ottimale in relazione al target e agli obiettivi da perseguire. Costo dell‟operazione

€ 3.000.000,00

Pagina 234 di 308


SCHEDA n°OP_10 Programmazione integrativa

Operazione a valere su eventuale Programmazione Integrativa in relazione alle differenti Linee di Intervento

Denominazione

Realizzazione di interventi di ricucitura e ricostituzione dei sistemi dunali attraverso lo sviluppo di modelli di difesa attiva della biodiversita‟ vegetale mediante sistemi avanzati di restauro ambientale e valorizzazione attiva del paesaggio nella costa jonica meta pontina.

Sintesi descrittiva dell‟intervento

L‟ambiente costiero della fascia jonica è soggetto quasi sempre ad intensa attività antropica che spesso svolge effetti devastanti. Tra gli obiettivi principali della riqualificazione e recupero ambientale, rientra la lotta alla erosione costiera. Risulta quindi essenziale e quanto mai necessario porre un freno ai fenomeni che portano al deterioramento del territorio recuperando e riqualificando l‟ambiente. La situazione ambientale delle aree costiere delle regioni italiane, tra cui la Basilicata, evidenzia notevoli fenomeni di degrado che necessitano di recupero e conservazione; la pianificazione degli interventi sulle coste deve avere come finalità specifica il controllo delle attività antropiche e il riequilibrio ambientale dei litorali. L‟utilizzo di innovative tecniche di intervento sul territorio può consentire il raggiungimento dei suddetti obiettivi. Tali interventi innovativi si prefiggono diversi obiettivi: economici; ecologici; estetici; tecnici. Obiettivi economici: - Rinaturazione a bassi costi di materiali ed energia; - Risparmio di costi di costruzione e di riparazione; Obiettivi ecologici: - Capacità di trattenimento della acque nel terreno e miglioramento del microclima - Attivazione della flora e della fauna del terreno; - Sviluppo di associazioni vegetali; Obiettivi estetici: - Realizzazione di costruzione manufatti tollerati dall‟ambient; - Rimarginazione di ferite al paesaggio; Pagina 235 di 308


- Inserimento di costruzioni nel paesaggio; Obiettivi tecnici: - freno dell‟erosione attraverso la riduzione e/o la eliminazione di cunei ventosi di penetrazione e l‟aumento delle asperità del terreno e attraverso il reimpianto di essenze vegetali autoctone (consolidamento del terreno attraverso l‟azione delle radici); - trattenimento dell‟acqua per mezzo dell‟attività delle piante; - freno agli elementi quali: neve, ghiaccio, vento; Antropizzazioni e proposte di intervento Il progetto prevede interventi di ricostituzione dell‟ambito dunale. Quest‟ultimo, si presenta fortemente alterato con la totale assenza di dune mobili e solo con qualche abbozzo di dune embrionali. Inoltre la normale successione spaziale dei diversi aggruppamenti paraclimacici, che naturalmente si susseguono sugli arenili del mare verso l‟interno, risulta completamente assente. Si prevede di realizzare due o più cordoni dunali utilizzando moderne tecniche di manipolazione del materiale vegetale e avvalendosi di semi, rizomi, cespi, etc. di origine autoctona. In questo modo verrà ricostituito un ambiente naturale di estrema importanza atto a regolare, modulare e in qualche modo modificare i processi fisici e biologici che avvengono nell‟interfaccia terra-mare. Modalità di esecuzione degli interventi Gli interventi di ripristino dell‟ambiente dunale saranno realizzati in diverse fasi. La prima fase, consistente nel modellamento fisico del corpo delle dune, sarà realizzata in stadi successivi. Prima di procedere alla costituzione dei cordoni dunali con materiale di riporto, sull‟intera area di intervento, sarà recuperato tutto il materiale vegetale del posto presente sino ad una profondità di 70-80 cm. Questo materiale, costituito oltre che da terreno, da radici, rizomi, etc., insieme ai semi ed alle idonee Pagina 236 di 308


porzioni di piante prelevate in loco, sarà opportunamente trattato e/o riprodotto con tecniche avanzate e innovative nella Banca del Germoplasma. Successivamente sarà asportato uno strato di sabbia sino ad una profondità di 50-60 cm e temporaneamente stoccato. Solo dopo questa operazione nelle aree di scavo sarà riportato, modellato e compattato del terreno limo-sabbioso. Questa ossatura del corpo duna opportunamente modellata rispetto alla direzione dei venti, sarà poi ricoperta con la sabbia precedentemente stoccata opportunamente additivata, andando a formare uno strato a substrato adatto per far vegetare le essenze psammofile. Nelle diverse aree del sistema dunale, in ciascuna secondo la tipologia vegetale da insediare, saranno modificate, con opportuni ammendanti e correttivi, le caratteristiche del suolo in modo da renderle il più prossime possibile a quelle tipiche su cui si rinvengono le diverse cenosi spontanee corrispondenti. Per fermare il movimento della sabbia, prima che la vegetazione incominci la sua opera di fissazione, sarà posta in opera una biostuoia biodegradabile ancorandola con pali di castagno. Questa biostuoia, in funzione delle sue caratteristiche, svolgerà una duplice azione, fisica e biologica. La prima di protezione della sabbia dall‟azione eolica, la seconda di garantire, in un primo periodo, un minor disseccamento del substrato arenaceo grazie al diverso potenziale matriciale di questo materiale rispetto a quello della sabbia, e, successivamente al suo disfacimento, di migliorare la struttura del substrato funzionando da ammendante. Lo stadio successivo a quello della costituzione del sistema dunale sarà rappresentato dalla allocazione delle essenze derivanti da talee, rizomi e cespi e dall‟idrosemina con idroseminatrice in pressione e/o con elicottero dotato di benna aspersoria isotattica. La miscela per l‟idrosemina, la cui composizione sarà determinata in funzione delle caratteristiche delle specie dunali prescelte, nonché in base a quelle geomeccaniche del terreno, sarà costituita essenzialmente da una mescola di specie erbacee ed Pagina 237 di 308


arbustive sottoforma di semi e plantule meristematiche selezionati e garantiti per quanto riguarda i criteri di germinabilità, fertilizzanti organici, additivi ed agglomerati a base di resine biodegradabili con effetto collante, filmogeno ed igroscopico. Tutto il materiale vegetale utilizzato in questa fase dell‟intervento sarà preventivamente raccolto in loco, selezionato, riprodotto ed accresciuto sia nei laboratori della Banca del Germoplasma e sia in aree di accrescimento forzato. Ove dovesse verificarsi la necessità di garantire il giusto tenore idrico atto a supportare le prime fasi di sviluppo delle diverse essenze potrà essere installato un sistema di irrigazione di soccorso. Conclusioni La rinaturalizzazione delle aree interessate dal progetto si basa su criteri di ricostituzione e/o di restauro vegetazionale che seguono le linee evolutive naturali secondo le indicazioni derivanti dall‟analisi delle successioni sindinamiche degli aggruppamenti formanti la vegetazione reale, che permetterà la ricreazione di un ambiente dalle spiccate caratteristiche di naturalità. L‟utilizzo di numerose specie vegetali, scelte tra quelle attualmente preseni e che assumono un particolare significato fitosociologico per le cenosi da edificare, inoltre, garantirà una notevole biodiversità necessaria per l‟omeostasi dei futuri ecosistemi. Le tecniche innovative da utilizzare a carattere naturalistico, permetteranno di ricostituire un biotopo dotato di autonomia di sviluppo, in quanto in equilibrio con i fattori ecologici, ed in grado di autoregolarsi ed autorigenerarsi senza la necessità di interventi futuri. Costo dell‟operazione

€ 10.000.000,00

Pagina 238 di 308


SCHEDA n°OP_11 Programmazione integrativa

Denominazione

Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione Sintesi descrittiva dell‟intervento

Soggetto responsabile Soggetto attuatore Altre amministrazioni coinvolte

Obiettivo operativo IV.1.1.A “Sostegno alla formazione ed al consolidamento di pacchetti integrati di offerta turistica attraverso la realizzazione di interventi infrastrutturali mirati alla fruibilità e valorizzazione a fini turistici delle risorse naturali e dei beni culturali” Interrventi Infrastrutturali Sistema Alternativo di Trasporto pedonale attraverso l‟impiego di un impianto meccanizzato di accesso al museo diocesano (complesso monumentale San Filippo Neri). Collegamento ed accessibilità tra parcheggio pubblico Rione SS. Quaranta ed il complesso monumentale San Filippo Neri-Centro Storico. Realizzazione di un sistema alternativo di trasporto pedonale attraverso l‟impiego di un impianto meccanizzato idraulico e/o elettrico. La peculiarità è rappresentata dal fatto che i passeggeri entrano in cabina dal lato frontale ed escono dal lato opposto senza cambiare il senso di marcia. Questo impianto rappresenta una valida alternativa alla risalita classica del centro urbano consentendo ai turisti un facile accesso e quindi una più immediata fruibilità turisto – culturale del complesso monumentale San Filippo Neri, museo diocesano, Centro Storico e Rabatana oltre che rappresntare la soluzione ideale per persone disabili e/o anziane. L‟impianto sarà realizzato già nel rispetto della futura normativa europea EN81.22 e in armonia alla normativa americana ASMEA A 17.1. L‟intero impianto sarà mascherato mediante la realizzazione di terrazzamenti inerbiti e/o ricoperti di terra locale con piantumazione dei fichi d‟india specie già presente lungo il costone in cui sarà adagiato l‟impianto. Va ancora evidenziato il basso costo di gestione e di manutenzione che dell‟impianto oltre al suo facile utilizzo. Comune di Tursi Comune di Tursi Nessuna Pagina 239 di 308


Target dell‟operazione Criteri di selezione Coerenza con la domanda di fruizione culturale della popolazione residente e del mercato turistico

Qualità dell‟offerta culturale e dei servizi per la fruizione anche in relazione ai livelli di innovazione tecnologica introdotti

Innovativià tecnico-progettuale dell‟intervento anche in termini di ricorso alle tecnologie della S.I.

Turisti e popolazione locale.

La realizzazione del sistema alternativo di trasporto pedonale facilità e potenzia l‟accessibilità al complesso monumentale di San Filippo Neri contribuendo alla sua valorizzazione e fruizione del centro storico in generale e del museo diocesano in particole nonché dei locali già recuperati dall‟Amministrazione comunale e già disponibili come patrimonio pubblico. L‟offerta culturale e i servizi proposti attraverso la realizzazione del sistema alternativo di trasporto contribuiranno al concreto utilizzo del complesso monumentale di San Filippo Neri quale sede espositiva del museo diocesano ospitando al suo interno le seguenti proposte di attività: convegni, seminari, giornate di studi, incontri e visite didattiche tematiche; mostre e/o rassegne espositive tematiche; ricostruzioni virtuali e multimediali: attraverso il recupero dei materiali storici e fotografici si attuerà la riproposizione multimediale del patrimonio storico e culturale tursitano andato perduto nel corso del tempo e in particolare negli anni più recenti. Tale ricostruzione virtuale delle opere nei loro contesti originari permetterà di valorizzare i luoghi d‟arte ancora esistenti. Al proposito, si può anche pensare di avviare, nei complessi di San Francesco e/o di San Filippo Neri da adibire permanentemente a ospitare mostre d‟arte ed altri eventi culturali -, un museo didattico della città anche con materiali multimediali. Il sistema alternativo di trasporto verrà realizzato utilizzando le tecniche costruttive compatibili con la salvaguardia ambientale ed il rispetto dei luoghi in particolare il suddetto sistema presenterà un modesto impatto ambientale, il quale, comunque, sarà sempre monitorato al fine di un buon inserimento Pagina 240 di 308


Idoneità dell‟intervento a realizzare circuiti, reti, itinerari tematico-territoriali

Orientamento al mercato turistico in termini di incidenza sulla domanda attuale e potenziale Contributo alla destagionalizzazione dei flussi turistici

Apporto di risorse aggiuntive da parte del partnership di progetto, in particolare di quello privato Connessione dell‟operazione con l‟attivazione di progetti di impresa e di potenziamento dei servizi di fruizione compatibili con esigenze di tutela Criteri trasversali Sostenibilità ambientale (tecnologie di edilizia ecosostenibile, promozione modalità di turismo ecosostenibile, acquisizione di servizi innovativi finalizzati a ridurre le pressioni ambientali, adozione di sistemi di certificazione ambientale,ecc) Principio di pari opportunità e non discriminazione

urbano dell‟opera nel suo contesto naturale. La proposta di realizzazione del sistema alternativo di trasporto di accesso al museo diocesano (complesso monumentale San Filippo Neri), come sede espositiva degli eventi rientra nel più ampio progetto di riscoperta e di valorizzazione dell‟intero patrimonio storico-artistico lucano. Tende a migliorare il segmento del turismo culturale integrando e potenziamento l‟offerta turistica complessiva della macroarea. La progettazione di tali offerte di valorizzazione culturale intende promuovere un‟immagine incisiva di Tursi e della Basilicata come Regione d‟arte, favorendo la competitività turistica attraverso la messa a punto di formule nuove ed efficaci di destagionalizzazione dei flussi turistici. NO

L‟opera finalizzata alla fruibilità del complesso monumentale San Filippo Neri e del Centro Storico sarà inserita in itinerari culturali.

100%. Verranno utilizzati materiali, tecnologie e tecniche di restauro finalizzati alla riduzione delle pressioni ambientali ed ecosostenibili.

100%. In tutte le fasi programmazione, progettazione Pagina 241 di 308


(miglioramento della fruizione dei beni da parte delle famiglie, interventi turistici in un‟ottica di inclusione sociale, servizi di informazione sull‟offerta e la fruibilità da parte delle famiglie,ecc)

e gestione verranno garantite le pari opportunità.

Sostenibilità gestionale e finanziaria Esplicitare se sussiste un Il piano finanziario di gestione è già esistente a piano di gestione e fornire carico dell‟Ente, inoltre, si prevede di allineare indicazioni in merito alle le modalità di gestione alle esigenze espresse modalità di gestione del dai gestori e percorsi turistici. servizio e di identificazione del gestore Evidenziare sostenibilità della gestione finanziaria del servizio, sviluppando una proiezione dei costi di esercizio e la corrispondente copertura tra eventuali ricavi e fonti di finanziamento Procedure tecniche ed amministrative Vincoli sul territorio interessato SI. Conformità dell‟operazione agli SI. strumenti urbanistici Conformità alle norme SI. ambientali Stato della progettazione Tempi di progettazione Progettazione preliminare Progettazione esecutiva e cantierabile Tempi previsti per l‟attuazione Data appalto Inizio lavori

30 gg. 120 gg. dalla data di approvazione del progetto preliminare. 60 gg. dalla data di approvazione del progetto esecutivo. 30 gg. dopo l‟aggiudicazione. Pagina 242 di 308


340 gg. dopo l‟inizio dei lavori.

Fine lavori Piano finanziario Costo totale dell‟operazione Contributo PO FESR Eventuale partecipazione finanziaria del soggetto attuatore Eventuale contributo di partner privato (specificare identità partner) Eventuale utilizzo di strumenti di finanza di progetto Cronogramma della spesa (ripartire percentualmente)

1.000.000 € 1.000.000 € Nessuna.

Nessuna.

No. 2010 30%

2011 70%

2012

2013

Indicatori di realizzazione e sorveglianza

Indicatore Interventi di valorizzazione dei beni culturali Interventi di valorizzazione dei beni naturali Superficie interessata Occupazione indotta dall‟operazione - di cui donne

Unità di misura numero

Valore atteso 1

numero Km numero

1.200 mq 2

numero

1

Pagina 243 di 308


Riepilogo delle tipologie di investimento manifestate dai soggetti privati coinvolti o attivabili nell'ambito della filiera turistica. Le tipologie di investimento sono sono rappresentate per settore d'intervento Azioni attiviabile nel breve periodo SETTORI D'INTERVENTO ALBERGHIERO EXTRALBERGHIERO BALNEARE BED & BREAKFAST AGRITURISTICO NAUTICO ALTRI OPERATORI DELLA FILIERA (Manif. Ed eventi) TOTALI PER TIPO D'INTERVENTO TOTALE PARZIALE

RIQUALIFICAZIONE TRASFORMAZIONE € 4.9::.:::,:: € 15.4::.:::,:: € 1.16:.:::,:: € 7:.:::,:: € 1.795.:::,::

SERVIZI COMPLEMENTARI

AZIONI DI MARKETING

AZIONI DI PROMOZIONE

€ 3.9::.:::,::

Azioni attivabili nel medio periodo CAMPI DA GOLF E RICHIESTA DI NUOVI NUOVA POSTI LETTO €. PORTUALITA' € 2:.:::.:::,::

€ 115.:::.:::,:: € 2.52:.:::,:: € 2.:::.:::,:: € 7::.:::,::

€ 15.4::.:::,::

€ 23.325.:::,::

€ 7::.:::,::

€ 2.735.:::,::

€ 19.3::.:::,:: € 7::.:::,:: € 46.:6:.:::,::

€ 2.735.:::,::

€ 2:.:::.:::,:: € 12:.22:.:::,:: € 14:.22:.:::,::

NUMERO TOTALI PER SETTORI SCHEDE D'INTERVENTO 12 7 8 2 5 5

€ 143.8::.:::,:: € 17.92:.:::,:: € 1.16:.:::,:: € 7:.:::,:: € 2.495.:::,:: € 15.4::.:::,::

17

€ 3.435.:::,::

56 TOTALE

€ 184.28:.:::,:: TOT. COMPLESSIVO

Il Project Manager del P.I.O.T. Ing. Nicola Castronuovo

Pagina 244 di 308


Stralcio PIOT â&#x20AC;&#x201C; Rimodulazione (sottoscrizione accordo di Programma)

Agg. 08/2010


Parte C – Quadro degli interventi

Relazione tra obiettivi intermedi/linee di azione/ interventi Esplicitare la relazione secondo il seguente schema:

Obiettivo Intermedio

Obiettivo Intermedio A (Interventi infrastrutturali)

Obiettivo Intermedio B (aiuti alle imprese)

Linea di azione Linea di azione A1 Linea di azione A1 Linea di azione A1 Linea di azione A1 Linea di azione A1 Linea di azione A1 Linea di azione A2

Intervento Le antiche Vie - Dal tratturo preistorico alla SS 106 Parco Museale scenografico di Craco I° L.F. Comunicare i luoghi Realizzazione di un laboratorio antropologico del magico e del fantastico Realizzazione di un Museo Numismatico a Rotondella Costituzione di un ufficio IAT Completamento del Centro Visite Porta del Pollino

Concessione di aiuti per la riqualificazione/trasformazione di Linea di strutture ricettive già esistenti, per la realizzazione di azione B1 strutture per servizi complementari e per la realizzazione di forme ricettive alternative in dimore storiche di pregio Linea di Concessioni di agevolazioni per la diversificazione azione B2 dell‟offerta di attività nautiche Linea di Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo di attività azione B2 ricettive alternative Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo delle strutture Linea di complementari di tipo balneare a servizio della ricettività azione B2 esistente Linea di Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo delle attività del azione B2 benessere e del relax Linea di Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo delle attività azione B2 connesse con il tempo libero Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo di attività di Linea di servizio per la fruizione congiunta delle risorse della azione B2 macroarea Pagina 246 di 308


Obiettivo Intermedio C (marketing ed Eventi)

Linea di Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo di attività di azione B2 servizio per la fruizione sicura della costa Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo di attività di Linea di servizio per la fruizione e la promozione dell'offerta turistica azione B2 locale Creazione del messaggio promozionale, video Linea di promozionali e spot radiofonici Media cartacei (manifesti, azione C1 guide e cartellone) Linea di Promozione turistica IAT azione C1 Linea di Fiere e work shop azione C1 Linea di Evento letterario – Evento cinematografico – Evento azione C2 musicale - Eventi enogastronomici Linea di Magico & Fantastico azione C2 Linea di Cartellone Eventi azione C2 Linea di Mostre evento. Le antiche vie. Dal tratturo preistorico alla azione C2 strada statale ionica 106

Pagina 247 di 308


Pagina 248 di 308


Asse IV – Regimi di aiuto Obiettivo operativo

N° scheda

IV.1.1.B – Promozione e qualificazione delle imprese operanti all‟interno della filiera turistica Linea b.1 Progetti di investimento “portanti” Regime di aiuti in esenzione

RDA_P_1

Tipologia

Aiuti per la riqualificazione / trasformazione di strutture ricettive già esistenti ( almeno n. 1 soglia minima pari a € 1.000.000,00 con soglia massima di investimento pari a € 7.500.000,00 ), per la realizzazione di strutture per servizi complementari e (almeno 2 con soglia minima di investimento pari a € 1.000.000,00), per la realizzazione di forme ricettive alternative in dimore storiche di pregio (almeno 1 con soglia minima di investimento pari a € 1.000.000,00).

Linea b.2 Progetti di completamento della filiera turistica Regime di Aiuti di importo limitato RDA_C_1

Concessioni di agevolazioni per la diversificazione dell‟offerta di attività nautiche

Valore (Indicare eventuale peso PUNTEGGI PREMIANTI) - Contributo alla destagionalizzazione dei flussi turistici ed alla diversificazione delle mete turistiche(30%); - Introduzione e diffusione dell‟uso di nove tecnologie dell‟informazione e della comunicazione (10%); - Adeguati standard di qualità attraverso certificazioni anche di sostenibilità ambientale (10%); - Forme alternative di ricettività (ospitalità diffusa, borgo albergo, ecc) poco impattanti sull‟ambiente (5%). - Contributo alla destagionalizzazione dei flussi turistici ed alla diversificazione delle mete turistiche (40%); - Grado di innovatività dell‟intervento e prospettive di mercato positive (30%); - Progetti di realizzazione di impianti complementari strutture ricettive esistenti (30%).

Pagina 249 di 308


RDA_C_2

RDA_C_3

- Contributo alla destagionalizzazione dei flussi turistici ed alla diversificazione delle mete turistiche (25%); - Adeguati standard di Concessioni di agevolazioni qualità attraverso per lo sviluppo di attività certificazioni anche di ricettive alternative sostenibilità ambientale (25%); - Grado di innovatività dell‟intervento e prospettive di mercato positive (50%).

Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo delle strutture complementari di tipo balneare a servizio della ricettività esistente

- Contributo alla destagionalizzazione dei flussi turistici ed alla diversificazione delle mete turistiche (25%); - Adeguati standard di qualità attraverso certificazioni anche di sostenibilità ambientale (25%); - Grado di innovatività dell‟intervento e prospettive di mercato positive (50%).

Pagina 250 di 308


RDA_C_4

Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo delle attività del benessere e del relax

RDA_C_5

Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo delle attività connesse con il tempo libero

- Contributo alla destagionalizzazione dei flussi turistici ed alla diversificazione delle mete turistiche (25%); - Adeguati standard di qualità attraverso certificazioni anche di sostenibilità ambientale (15%); - Grado di innovatività dell‟intervento e prospettive di mercato positive (20%); - Progetti di realizzazione di impianti complementari strutture ricettive esistenti (35%). - Contributo alla destagionalizzazione dei flussi turistici ed alla diversificazione delle mete turistiche (25%); - Adeguati standard di qualità attraverso certificazioni anche di sostenibilità ambientale (15%); - Grado di innovatività dell‟intervento e prospettive di mercato positive (20%); - Progetti di realizzazione di impianti complementari strutture ricettive esistenti (35%).

Pagina 251 di 308


RDA_C_6

Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo di attività di servizio per la fruizione congiunta delle risorse della macroarea

RDA_C_7

Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo di attività di servizio per la fruizione sicura della costa

- Introduzione e diffusione dell‟uso di nove tecnologie dell‟informazione e della comunicazione (30%); - Grado di innovatività dell‟intervento e prospettive di mercato positive (30%); - Progetti di realizzazione di impianti complementari strutture ricettive esistenti (20%); - Connessione con interventi infrastrutturali (gestione a fini produttivi dei beni culturali e naturali) (20%). - Adeguati standard di qualità attraverso certificazioni anche di sostenibilità ambientale (20%); - Grado di innovatività dell‟intervento e prospettive di mercato positive (40%); - Progetti di realizzazione di impianti complementari strutture ricettive esistenti (40%).

Pagina 252 di 308


RDA_C_8

Concessioni di agevolazioni per lo sviluppo di attività di servizio per la fruizione e la promozione dell'offerta turistica locale

- Contributo alla destagionalizzazione dei flussi turistici ed alla diversificazione delle mete turistiche (30%); - Introduzione e diffusione dell‟uso di nove tecnologie dell‟informazione e della comunicazione (20%); - Adeguati standard di qualità attraverso certificazioni anche di sostenibilità ambientale (5%); - Grado di innovatività dell‟intervento e prospettive di mercato positive (5%); - Progetti di realizzazione di impianti complementari strutture ricettive esistenti (10%); - Connessione con interventi infrastrutturali (gestione a fini produttivi dei beni culturali e naturali) (30%).

Pagina 253 di 308


Piano finanziario (rimodulato)

Rispetto delle seguenti soglie per singola tipologia di operazione: 25% per infrastrutture 60% per regimi di aiuto di cui :

1l 45%per aiuti progetti â&#x20AC;&#x153;portantiâ&#x20AC;? il 15% per aiuti di importo limitato

15% per la promozione di cui :

lâ&#x20AC;&#x2122;8% per marketing Il 7% per Grandi eventi

Pagina 254 di 308


Piano finanziario generale

Rispetto delle seguenti soglie per singola tipologia di operazione: 25% per infrastrutture 60% per regimi di aiuto di cui :

1l 45%per aiuti progetti â&#x20AC;&#x153;portantiâ&#x20AC;? il 15% per aiuti di importo limitato

15% per la promozione di cui :

lâ&#x20AC;&#x2122;8% per marketing Il 7% per Grandi eventi

Pagina 255 di 308


Asse IV – Acquisizione di beni e servizi Obiettivo operativo

IV.1.2.A – Azioni di comunicazione e marketing turistico

N° scheda

Tipologia bene/servizio

ABS_1

Promozione Turistica IAT Comunicazione Turistica del territorio e della Basilicata mediante spot video e radiofonici, materiali promozionali e pubblicità sui media Fiere e work shop, educational, press tour, comarketing, promocommercializzazione Evento letterario – Evento cinematografico – Evento musicale - Eventi enogastronomici Magico & Fantastico Cartellone Eventi Mostre evento. Le antiche vie. Dal tratturo preistorico alla strada statale ionica 106

ABS_2

ABS_3

ABS_4 ABS_5 ABS_6 ABS_7

Valore (IMPORTO PER CIASCUNA AZIONE) € 140.000,00

€ 292.000,00

€ 216.000,00

€ 312.600,00 € 49.400,00 € 103.000,00 € 102.000,00

Pagina 256 di 308


Allegati: Singole schede per diversa tipologia Interventi Infrastrutturali

SCHEDA n° OP_1 (Intervento su fondi disponibili)

Denominazione Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione

Obiettivo operativo IV.1.1.A “Sostegno alla formazione ed al consolidamento di pacchetti integrati di offerta turistica attraverso la realizzazione di interventi infrastrutturali mirati alla fruibilità e valorizzazione a fini turistici delle risorse naturali e dei beni culturali” Interventi Infrastrutturale LE ANTICHE VIE DAL TRATTURO PREISTORICO ALLA STRADA STATALE IONICA 106. Si tratta di un progetto che riguarda tutta la fascia ionica della Basilicata, dal Bradano al Sinni, compreso l‟immediato entroterra. Il territorio costiero, interessato dalla colonizzazione greca, risulta al momento ben rappresentato dai Parchi Archeologici di Metaponto e di Herakleia-Policoro e dai due rispettivi Musei Nazionali. La qualità e la quantità dei materiali esposti documentano tutte le principali fasi di vita delle due colonie greche e ne mettono in evidenza le peculiarità degli aspetti religiosi, artigianali, commerciali e sociali. Ogni centro, inoltre, ha le sue specificità nella organizzazione urbana dell'abitato e nello sfruttamento delle risorse agricole del territorio. Nella campagna metapontina prevale un modello basato in prevalenza sulla piccola fattoria a conduzione familiare. A Policoro, invece, sembrano maggiori le testimonianze riferibili a grossi complessi rurali, anche lontani dal centro urbano di Herakleia. Se la fase greca nelle due località è ben documentata. il periodo romano, al momento, è meno percepito. Nell'immaginario risulta assente, quasi schiacciato dalla prevalenza delle forme greche, ritenute erroneamente uniche. Le cause sono da ricercare nelle vicende storiche che hanno determinato un oggettivo impoverimento dei due centri nel periodo romano, ma anche nell'interesse della ricerca che ha privilegiato lo scavo delle aree urbane e delle necropoli di età greca dei due importanti colonie. Le presenze romane testimoniano un diverso modello insediativo e produttivo rispetto a quello meglio documentato della fase precedente. Nel territorio la fattoria è sostituita dalla villa rustica, all'interno della quale operano più figure con ruoli e professionalità differenti. La piccola proprietà assume le dimensioni del latifondo con disponibilità di ampie porzioni di territorio e con il conseguente ricorso a manodopera anche servile. I casi più significativi sono costituiti dal complesso termale di Cugno Pagina 257 di 308


dei Vagni a Nova Siri, dalla villa di Termitito a Scanzano Jonico e dagli ambienti rurali del Bivio di Pisticci. Queste testimonianze hanno spesso un considerevole risalto monumentale e particolari decorativi di grande interesse, quali mosaici decorati, ambienti intonacati, ambienti produttivi etc. Si tratta di tre distinte realtà archeologiche, databili tra il tardo periodo repubblicano e l'età imperiale. In comune hanno un rapporto stretto con la viabilità costiera, attualmente rappresentata dalla Statale Jonica 106. Il toponimo di Cugno dei Vagni è, non casualmente, Taverna, con esplicito riferimento alla funzione di ospitalità svolta dalla struttura. E' ormai chiaro che il tracciato della moderna arteria SS 106 ripercorre quello del cosiddetto Tratturo Regio, a sua volta corrispondente alla via greca di collegamento tra il porto di Herakleia (foce Sinni) e Metaponto, con direzione Sibari Taranto. La presenza del santuario delle Tavole Palatine e delle stessi colonie greche sui lati del percorso rappresenta un segno forte e importante di questa continuità e del ruolo svolto dall‟antico asse viario. La fotografia aerea e la documentazione archeologica hanno ulteriormente confermato che tale asse è stato frequentato già in età preistorica. Ne sono testimonianza i rinvenimenti della Tavole Palatine, di Pantanello, di Termitito, della collina di Policoro, di Rotondella. Il progetto ha due linee di sviluppo principale. Una intende unire i fili della rete costituita dai resti archeologici monumentali d'età romana, da collegare in maniera più organica alle altre testimonianze, anche di età greca (parchi e musei), lungo l‟antico percorso litoraneo e colmare i vistosi ritardi della loro conoscenza e proporre una loro valorizzazione attraverso interventi di consolidamento e ricostruzione tridimensionale (elevati parziali e coperture per riproporre i volumi e proteggere i pavimenti a mosaico). Similmente occorre collegare all‟antico percorso litoraneo gli assi viari che da questo si diramavano ed ancora si diramano verso l‟interno delle basse vallate dal Bradano al Sinni. Occorre, infatti, collegare le realtà archeologiche della costa ionica di Siris-Herakleia e di Metaponto con le realtà dell‟immediato entroterra, favorendo la creazione di itinerari interni che valorizzino tutte le potenzialità culturali e paesaggististiche esistenti. In questa prospettiva si possono valorizzare le evidenze e i collegamenti storico-culturali tra le colonie greche costiere ed i siti indigeni, poi fortemente ellenizzati, presenti nei territori comunali di Tursi, Valsinni, S. Giorgio Lucano, Colobraro, Montalbano Jonico, Craco e Pisticci, ossia nell‟intero bacino territoriale attualmente interessato dal Progetto PIOT. L'altra linea propone, nella forma della mostra o evento, la Pagina 258 di 308


Sintesi descrittiva dell‟intervento

presentazione della documentazione archeologica proveniente dagli interventi effettuati nel tempo lungo l'attuale strada ionica, da Nova Siri al fiume Bradano. Il nucleo prevalente sarà costituito dai numerosi corredi funerari recuperati a seguito dell'ampliamento recente della Statale SS 106, che ha interessato la necropoli di Metaponto. Ma documenti significativi provengono dal resto del territorio agricolo metapontino e da tutta la fascia costiera. Con l'occasione sarà anche possibile riprendere vecchi rinvenimenti, come quello di Masseria del Concio di Policoro, monumento circolare a grossi blocchi squadrati della fase di Herakleia, o dello scavo di Cospito-Caserta a Policoro e della vicina necropoli orientale di Herakleia. Portale informativo “Magna Grecia” da ubicare presso i locali delle Tavole Palatine di Metaponto. Allestimento informativo con realtà virtuali, video, carte tematiche plurilingue degli itinerari turistici del bacino del PIOT. Distribuzione di materiale illustrativo sulla realtà turistico-culturale, per il tempo libero ed enogastronomiche della costa ionica della Basilicata e del suo entroterra.. Un adeguato sistema di comunicazione deve essere previsto all‟interno dei comuni e presso le località balneari della fascia ionica (display informativi) con distribuzione di materiale informativo presso le realtà turistico-ricettive dell‟area. Progetto di Completamento del Parco archeologico <monumentale “Torre di Mare” Metaponto. Il complesso torre di Mmare a Metaponto insiste su un‟area di circa 16.600 mq, i è sostituito da alcuni edifici rapportabili alle diverse epoche della vicenda storica dell‟area e da vari rinvenimenti derivanti dalle ricerche archeologiche effettuate in passato. Il complesso si compone di un nucleo centrale del settecento realizzato riutilizzando parte delle fabbriche mediavali. Si estende su due piani è costituito da sequenza di ambienti coperti a volta e aggregati a schiera, di un grande capannone di fine secolo XIX e si estende su due livelli, la Chiesa di S. Giovanni e S. Leone, la cinta medievale del XII secolo, , Cinta del secolo XVI, cinta del secolo XVII e il cortile interno. La torre è stata oggetto di intervento anche con i fondi dell‟accordo di programma del PIT metapontino.che ha previsto il recupero del nucleo centrale. Con l‟intervento previsto in questa operazione si prevedeil completamento della corte interna utilizzata per eventi teatrali e di spettacolo prevedendo:il restauro del paramento murario, la regimentazione delle acque e della vasca di raccolta, il completamento della chiusura del complesso e l‟impianto di illuminazione. Pagina 259 di 308


E‟ prevista inoltre l‟arredo del nucleo centrale. Siti Archeologici sulla SS 106 Jonica e sulle vie interne oggetto di intervento nel territorio del PIOT: Comune di Nova Siri – Loc. Ciglio dei Vagni – Taverna Il terrazzo di Ciglio dei Vagni è occupato da un insediamento di età romano-imperiale, attestato dalle fonti antiche, in particolare negli Itineraria come stazione di sosta lungo la via litoranea antica. Tale funzione del sito sopravvive nel toponimo conservato di Taverna. Dell‟importante realtà archeologica emergono le strutture relative ad un imponente impianto termale del III secolo d. C. (da cui il toponimo di Ciglio dei Vagni o Bagni). L‟area delle strutture murarie antiche deve essere oggetto di indagine archeologica, restauro conservativo e sistemazione generale in funzione di una valorizzazione del sito, da destinare anche ad eventi culturali, in particolare nella stagione estiva. E‟ necessaria altresì una protezione dell‟area di affioramento delle strutture antiche dal rischio idraulico rappresentato dalle acque meteoriche che in eventi recenti hanno fortemente eroso il pendio soprastante. Completamento dell‟intervento per la messa in evidenza del complesso archeologico, consolidamento delle strutture murarie e messa in sicurezza ai fini della fruibilità Comune di Policoro - Parco Archeologico di Siris-Herakleia Il Parco Archeologico di Siris-Herakleia e il relativo Museo Nazionale necessitano di adeguamenti e sistemazioni finalizzati al loro utilizzo durante l‟intero anno solare. L‟imminente apertura delle nuove sale espositive richiede il completamento della sistemazione esterna del Museo Nazionale in corrispondenza delle uscite dallo stesso. Detta sistemazione prevede il completamento della pavimentazione esterna e la risistemazione dei Giardini ormai depauperati di essenze con allestimento di elementi lapidei antichi recuperati sul territorio. Occorre effettuare una sistemazione di un‟area del Parco Archeologico da attrezzare per eventi estivi con posizionamento di strutture lignee mobili. Realizzazione di un chiosco prefabbricato da ubicare nei giardini da utilizzare come caffetteria e bookshop. Sistemazione esterna del Museo e delle aree del Parco, compreso il chiosco bookshop Comune di Scanzano Jonico – Loc. Termitito Il sito di Termitito è una realtà di grande interesse archeologico, con una documentazione che inizia nella Media età del bronzo e si protrae, senza apparenti soluzioni di continuità, fino alla tarda fase romana. Lo stato ottimale di conservazione delle sue strutture e la presenza di numerose aziende e operatori del turismo nell‟area, consentono di aprire alla pubblica fruizione l‟intero complesso sperimentando anche nuove forme di gestione pubblico-privato. Pagina 260 di 308


Occorre realizzare l‟apparato informativo dell‟insediamento dell‟età del bronzo collegato alle presenze di tipo egeo-miceneo con visita alla capanna protostorica. La monumentale villa romana di Termitito, che rappresenta una delle più importanti testimonianze di tale fase sulla costa ionica, necessita di un intervento, conservativo e ricostruttivo, che possa restituire al monumento la sua reale importanza come residenza legata all‟economia agricola del territorio lungo la via litoranea. Il grande impianto deve essere dotato altresì di un apparato esplicativo sul sito. Comune di Pisticci – Bivio San Basilio Recupero e valorizzazione del complesso produttivo di età romana di Bivio San Basilio al fine di delineare l‟importanza economica del territorio in età romana lungo il tracciato della via litoranea. Centro informativo a Pisticci. Comune di Montalbano- Località Bosco Demanio, San Nicola e Ventomare Raccolta e riproposizione sistematica, attraverso realtà virtuali, immagini e video, delle presenze più significative relative alla frequentazione antropica del territorio, dalle emergenze monumentali dell‟abitato alle numerose testimonianze di carattere produttivo ed insediativo. Particolare attenzione è riservata al paesaggio dei calanchi. Comune di Valsinni – Località Monte Coppolo e Pizzo Valorizzazione dell‟abitato lucano di Monte Coppolo con recupero del sentiero di accesso all‟acropoli. Ricostruzione di un altro segmento delle mura di fortificazione. Segnaletica illustrativa della realtà archeologica e del contesto naturalistico (flora, fauna). Recupero e valorizzazione del sito lucano, forse fortificato, del vicino promontorio di loc. Pizzo. Portale illustrativo nel centro del paese con riferimento al sito fortificato ed ai sentieri di Isabella Morra su Monte Coppolo. Comune di Tursi – Loc. Santa Maria di Anglona Recupero e valorizzazione delle strutture medievali del cd. Castello di fronte alla Basilica normanna. Realizzazione punto di osservazione del panorama sui calanchi adiacenti la collina di Anglona. Recupero del porticato situato in prossimità della Basilica per allestimenti informativi. Soggetto responsabile

Comunità Montana Basso Sinni Pagina 261 di 308


Soggetto attuatore Altre amministrazioni coinvolte Target dell‟operazione Criteri di selezione Coerenza con la domanda di fruizione culturale della popolazione residente e del mercato turistico

Comunità Montana Basso Sinni

Turisti e la popolazione residente

Oggi, se si osserva l‟intera Costa Jonica, è fuori discussione che il turismo ha fatto notevoli passi in avanti. Si nota tuttavia l‟esistenza di un significativo gap tra il prodotto base – le risorse – e il complesso di servizi e produzioni che fanno dell‟esperienza turistica un prodotto turistico globale. Relativamente agli aspetti più turistici, l‟area del P.I.O.T “LE ANTICHE VIE”, grazie a un'offerta ricettiva di significativa rilevanza sia quantitativa sia qualitativa, raccoglie già oggi più del 60% delle presenze dell‟intera regione. Si tratta però di un turismo estivo e legato principalmente al comparto balneare tanto che circa il 95% dei flussi turistici si concentra nei mesi estivi con il picco ad agosto e poi luglio. Occorre inoltre ricordare che si tratta quasi esclusivamente di turismo nazionale proveniente in maggioranza dalle regioni limitrofe. Attualmente, dunque, quest‟area si posiziona nello scenario competitivo come destinazione turistica balneare per il mercato nazionale di prossimità. Nonostante ciò, si ravvisano tutti gli elementi per articolare un'offerta "non solo mare" capace di ampliare l‟offerta e, soprattutto, di spalmarla su un arco temporale più lungo. La sfida per la competitività non può allora che passare attraverso un'offerta innovativa (nuovi prodotti turistici). Il turismo, da attività economica disarticolata e policentrica, deve diventare un sistema integrato e omogeneo. E‟ necessario che si diffondano processi di ideazione e produzione di nuovi prodotti e servizi turistici; si elaborino nuovi percorsi gestionali che superino la frammentarietà del settore; si individuino nuove visioni condivise, unificanti e lungimiranti. Il territorio ha il privilegio di essere stata il crocevia per i traffici provenienti dall‟Oriente che collegavano i centri ionici, prendendo la via dell‟entroterra lucano e tirrenico, e di tutto ciò conserva importanti ritrovamenti archeologici. In altri termini, è possibile affermare che ci sono tutti i presupposti per la candidatura e l‟affermazione di un sistema turistico integrato con quelle che sono le peculiarità territoriali. Dunque, il patrimonio archeologico, le risorse naturali e la bassa antropizzazione sono gli elementi che delineano oggi la frontiera per il turismo in questa parte Pagina 262 di 308


Qualità dell‟offerta culturale e dei servizi per la fruizione anche in relazione ai livelli di innovazione tecnologica introdotti

della Basilicata. Al fine di promuovere il turismo e di arricchire la conservazione, la fruizione e la valorizzazione dei Beni Culturali nella fascia Ionica, si prevede lo sviluppo dell‟aspetto culturale e naturalistico che per vocazione è la risorsa principale del territorio in esame. Attraverso il connubio tra il mondo reale, caratterizzato dal patrimonio storiconaturalistico comunemente percepito come luogo dimensionale in cui l‟individuo può agire e il mondo digitale, con la progettazione di spazi virtuali privi di volumi fisici e caratterizzati dalle più moderne metodologie che l‟innovazione tecnologica ci mette a disposizione, si otterrà un “ponte” che permetterà la comunicazione tra i due mondi: digitale e reale aumentando la capacità cognitiva dell‟individuo. La rivalutazione dunque sarà articolata su tre aree tematiche di intervento, caratterizzate sia dall‟aspetto infrastrutturale che da quello informatico. La prima area tematica è relativa al potenziamento infrastrutturale ed informatico delle aree archeologiche presenti sul territorio. Gli interventi riguarderanno principalmente le indagini e le ricognizioni archeologiche, la sistemazione generale delle strutture murarie esistenti sia di età classica che medievali, il restauro ricostruttivo ai fini conservativi dei beni archeologici, il recupero di sentieri noti da un punto di vista storico e la creazione apposita di un‟esauriente segnaletica illustrativa delle realtà archeologiche e del contesto naturalistico attuale. Si prevede oltremodo, all‟interno del Comune di Policoro il completamento e l‟apertura di nuove sale espositive del Museo della Siritide (comprese una caffetteria ed un bookshop), la sistemazione dei giardini ad esso adiacente e l‟assetto completo dell‟area del Parco Archeologico da attrezzare con strutture lignee riferibili al supposto teatro finalizzato ad eventi culturali estivi e con la ricostruzione di un plastico che esprima scene di vita dell‟antica città greca. Sempre nel Comune di Policoro, al fine di una parziale ricostruzione dell‟antica cinta muraria saranno previste una o più indagini geofisiche che ne individuino il percorso originario (Policoro, Nova Siri, Scanzano Jonico, Valsinni, Tursi, Craco). A livello informatico nelle medesime aree archeologiche si prevede la creazione e l‟implementazione di portali informatici caratterizzati dalle più importanti informazioni storiche, naturalistiche, archeologiche che potranno essere abbinati alle recenti modificazioni del territorio. Saranno organizzati alcuni percorsi virtuali per visite telematiche delle aree oggetto di indagine. Il territorio in esame, riconducibile all‟antica Magna Grecia è stato idealizzato con alcune porte di accesso dove il turista avrà la possibilità di fare un‟immersione cognitiva sulle potenzialità e sulla cultura del territorio, che saranno sintetizzate attraverso delle sale espositive multimediali e dei portali web da collocarsi in opportuni Pagina 263 di 308


punti strategici del territorio. Attraverso queste informazioni desunte dai portali informativi si effettuerà una risistemazione delle sale espositive dei Musei di Policoro e di Metaponto. Inoltre saranno proposte delle ricostruzioni virtuali di alcune parti emblematiche delle aree archeologiche in esame quali per esempio la cinta difensiva di Policoro. (Metaponto, Policoro, Scanzano Jonico, Valsinni, Craco, Parco Nazionale del Pollino) Per valorizzare ulteriormente il turismo culturale si vuole dare uno spazio informativo per avvicinare giovani del contesto nazionale ed europeo, al territorio, mediante cicli di alta formazione tecnicoscientifica relativamente ai dati geo-ambientali. Per tale polo di Alta formazione si prevede l‟adeguamento strutturale dell‟edificio conosciuto con il nome di “Palazzo Giacchino”. Tale adeguamento consisterà nella ristrutturazione completa dell‟edificio organizzando gli spazi interni appositamente per la scuola. Inoltre l‟edificio presenterà adeguamenti eco-compatibile sfruttando anche le energie rinnovabili per il suo funzionamento. Tale polo oltre ad essere un laboratorio per l‟alta formazione si caratterizzerà anche come laboratorio sperimentale sul futuro della compatibilità ambientale. Dovrà essere dotata di due aule di informatica di 15 postazioni ciascuna. Tali postazioni dovranno essere delle workstation ad alte prestazioni di processamento, di memoria e di grafica permettendo in questo modo lo svolgimento di corsi inerenti ai sistemi informativi territoriali, alla fotogrammetria tridimensionale alla foto interpretazione delle immagini satellitari fino ai processi di modellazione e virtualizzazione dei dati acquisiti. Inoltre dovranno essere acquisite licenze per software applicativi per le sopracitate specializzazioni. All‟interno dovranno essere presenti un aula per seminari e piccoli convegni, una biblioteca ed una sala di esposizioni audiovisive. Tale centro dovrà essere dotato anche delle strumentazioni necessarie allo svolgimento dei corsi in campagna durante i rilievi (GPS, Stazioni Totali, Laser Scanner terrestri) In questa valorizzazione territoriale il comune di Policoro propone l‟allestimento di un laboratorio territoriale in cui si legheranno gli aspetti culturali naturalistici agli aspetti tecnologici. Sarà creato un sistema informativo territoriale basato su l‟acquisizione di tutte le informazioni territoriali storiche e recenti. In tale sistema saranno inoltre inserite le informazioni delle variabili geo-ambientali e naturalistiche al fine di creare un contenitore dinamico che permetta la fruizione e la conoscenza del territorio in maniera interattiva. Tale organizzazione permetterà al visitatore di fruire il territorio in maniera esaustiva da ogni aspetto culturale, sia storico che naturalistico. Tale visita avverrà in opportune sale multimediali dove saranno ricostruiti su supporto informatico la vita e l‟organizzazione dell‟antica Herakleia. Sarà inoltre possibile contestualizzare i reperti museali Pagina 264 di 308


Innovatività tecnicoprogettuale dell‟intervento anche in termini di ricorso alle tecnologie della S.I. Idoneità dell‟intervento a realizzare circuiti, reti, itinerari tematico-territoriali

nelle loro disposizioni originarie tramite il ponte che lega il mondo reale a quello virtuale in cui il visitatore potrà toccare virtualmente l‟oggetto, vederne la destinazione d‟uso e visitare il luogo dove era contenuto. Questa organizzazione permetterà una trasformazione del territorio in qualità di museo a cielo aperto, dove il visitatore, il turista attraverso dispositivi mobili di elaborazione, potrà essere informato in tempo reale della vicinanza di un bene storiconaturalistico e delle sue caratteristiche intrinseche. Questi sistemi multimediali saranno la guida personale di colui che si immergerà nel territorio conoscendone tutte le sue caratteristiche. In questa duplice navigazione reale e virtuale l‟utente potrà scegliere il tipo di percorso da fare su diverse scale di livello di approfondimento. Per tale ragione saranno disposti sensori di prossimità sul territorio rispetto ai punti maggiormente sensibili di interesse. L‟intervento prevede anche la realizzazione di interventi di riproduzione multimediale dei siti e di conseguenza l‟intervento è innovativo anche in termini di ricorso alle tecnologie della S.I.

Per il turista riconoscere segni che identificano chiaramente il territorio come un sistema di ospitalità di qualità è un elemento di scelta sempre più presente e che garantisce la possibilità di vivere un‟esperienza di qualità, alla scoperta di luoghi di cultura e tradizioni, fuori dai flussi turistici tradizionali. La destinazione è il luogo in cui si concentra l‟attività turistica e a cui viene attribuita un‟immagine turistica. Essa si identifica con un sistema di relazioni funzionali fondato sull‟interazione tra gli operatori pubblici e quelli privati. Da questa affermazione discendono importanti implicazioni sul piano della governance del settore, mettendo chiaramente in luce l‟importanza di una azione coordinata tra pubblico e privato che garantisca la “cabina di regia”. Il successo dell‟idea progettuale dipenderà inevitabilmente dalla capacità di cooperare degli attori coinvolti nel turismo, senza che ciò si limiti all‟interno dei confini individuati dal PIOT. Si prevede che l‟affermazione del progetto possa innescare circoli virtuosi in grado di attirare sull‟intero territorio regionale flussi turistici caratterizzati dall‟interesse per le risorse culturali e ambientali. Nel rispetto delle peculiarità e autonomie degli altri territori, il PIOT deve farsi promotore della nascita e consolidamento di un vero e proprio Sistema Turistico che si concretizza in un campo di sperimentazione di nuove modalità di concertazione e gestione delle strategie e delle azioni dell‟intera filiera turistica nell‟ambito dello specifico territorio di riferimento. Pagina 265 di 308


Inoltre, Il PIOT “LE ANTICHE VIE”, in raccordo con le linee di indirizzo della politica turistica regionale, si propone di realizzar “accordi di cooperazione” per raccordare i diversi territori in azioni di sviluppo comune. L‟oggetto dell‟accordo si esplicita in interventi per lo sviluppo sostenibile e la promozione unitaria dell‟offerta turistica della Costa Jonica della Basilicata nel pieno riconoscimento e tutela delle singole peculiarità paesaggistiche. Per perseguire tale scopo l‟accordo potrà, a titolo esemplificativo ma non limitativo, prevedere le seguenti attività: - sviluppo, promozione commerciale e di marketing del sistema locale di offerta turistica; - valorizzazione e promozione dei settori collegati al turismo quali ad esempio le produzioni enogastronomiche, l‟artigianato, la cultura; - gestione dell‟accoglienza e informazione turistica sul territorio; - cura delle relazioni commerciali e dei rapporti con operatori turistici nazionali ed esteri; - promozione e coordinamento di attività, iniziative, manifestazioni, studi, convegni e congressi di interesse per il turismo, anche in collaborazione con altre aziende, enti e associazioni locali; - realizzazione di ricerche di mercato e svolgimento di programmi di ricerca scientifica, tecnologica, progettuale, di sperimentazione e di aggiornamento di supporto alla pianificazione turistica; - assistenza agli operatori locali per interventi di promozione e diffusione della qualità nelle attività di gestione e di scouting delle opportunità di finanza agevolata ai vari livelli europeo, italiano e regionale; - realizzazione e mantenimento costante del sito internet per le relazioni con il mercato e i rapporti con gli attori locali; - partecipazione a fiere, mostre ed eventi di carattere turistico, artigianale, culturale, agricolo, vitivinicolo ed enogastronomico, anche in collaborazione e raccordo con la politica regionale; - sviluppo dell'attività di accoglienza anche attraverso la cura e l'eventuale gestione di beni culturali, ambientali e di servizi; organizzazione e gestione sul territorio di competenza di eventi e manifestazioni; - sensibilizzare gli operatori, le Pubbliche Amministrazioni, le popolazioni locali per consentire la diffusione della cultura di accoglienza sul territorio e di ospitalità turistica; - iniziative ed interventi per il raccordo delle azioni locali con la politica turistica regionale. Orientamento al La Costa Jonica della Basilicata si trova ad un punto cruciale nel suo mercato turistico in percorso di sviluppo del turismo: continuare a proporre un‟offerta termini di disomogenea radicalmente legata al turismo balneare oppure incidenza sulla rilanciarsi e affermarsi come destinazione turistica del sud Italia. Pagina 266 di 308


domanda attuale e potenziale

Contributo alla destagionalizzazio ne dei flussi turistici

Il turismo è cambiato! L‟accoglienza di un territorio, infatti, non può più basarsi solo sull‟esistenza di una più o meno adeguata offerta turistica, ma gran parte del proprio successo si gioca sulla capacità che quel territorio ha di attrarre su di sé interesse e consensi. Oggi, se si osserva questa area, è fuori discussione che il turismo ha fatto notevoli passi in avanti. Si nota tuttavia l‟esistenza di un significativo gap tra il prodotto base – le risorse – e il complesso di servizi e produzioni che fanno dell‟esperienza turistica un prodotto turistico globale. Nonostante ciò, si ravvisano tutti gli elementi per articolare un'offerta "non solo mare" capace di ampliare l‟offerta e, soprattutto, di spalmarla su un arco temporale più lungo. Il turismo culturale ha registrato, negli ultimi anni, una crescita costante che ha interessato, prevalentemente, le città d‟arte, i siti culturali e i luoghi sede di manifestazioni ed eventi inerenti i diversi ambiti della cultura e dell‟arte. In Basilicata il turismo culturale è alimentato innanzitutto da Matera i cui valori paesaggistici e urbanistici hanno determinato il riconoscimento UNESCO che costituisce il vero volano dell‟immagine “Basilicata cultura”. Ma significativi incrementi di presenze, specie di tipo escursionistico, si registrano, inoltre, su tutto il territorio regionale. Partendo dalla fotografia attuale del sistema turistico metapontino si evidenzia come siamo in presenza di due macro-gruppi. Da un lato abbiamo i visitatori passivi, dall‟altro quelli impegnati. I turisti / visitatori passivi sono coloro per i quali una visita è semplicemente una cosa fatta come passatempo, o che vedono il bene come attrazione secondaria o accessoria tanto che questa non è necessariamente la motivazione principale del viaggio. Si pensi ad esempio alla domanda di turismo balneare. In questo caso, le azioni che si intende mettere in atto consistono nel mettere a sistema l‟offerta turistica balneare con l‟offerta culturale attraverso congiunzioni “soft”, ovvero attraverso la costruzione di pacchetti turistici in grado di ampliare la gamma di servizi ad uso del turista balneare nell‟ottica di rafforzare la competitività della costa jonica al fine di difendere le attuali quote nel mercato di prossimità e di attrarre nuovi turisti anche internazionali. Puntare sul turismo internazionale anche per il prodotto mare si ritiene possa essere una scelta conveniente in quanto ciò può consentire un allungamento della stagione estiva tanto che è notoriamente risaputo che la domanda estera si concentra proprio nei mesi esterni della stagione estiva e il clima mite della costa ionica consente di lavorare proprio in questo verso. I turisti impegnati, invece, sono coloro il cui fine è quello di vivere un‟esperienza di heritage determinata in cui la loro motivazione principale consiste nel desiderio di avere esperienze conoscitive. Si Pagina 267 di 308


ritiene utile riportare alcune informazioni di massima circa le caratteristiche-tipo del turista heritage. Oltre a un elevato livello di istruzione formale, questa classe di turisti tendono in generale ad avere familiarità con i classici e ad essere in possesso del capitale culturale per apprezzarne e comprenderne l‟importanza. In questo modo, l‟istruzione viene vista come un meccanismo per ampliare l‟interesse e le conoscenze circa epoche, luoghi, persone ed eventi che spingono i visitatori verso questi luoghi. In generale, si evince che i turisti dell‟heritage hanno un livello di reddito generalmente più alto della media. La maggior parte delle persone visita i siti di heritage in gruppo. Il più consistente è costituito dalle famiglie. Le comitive scolastiche sono al secondo posto. Ulteriori profili indicano che i turisti interessati allo heritage tendono a viaggiare di più della popolazione media, hanno una maggiore propensione agli acquisti, con una preferenza per cibi e prodotti locali. La domanda in questo settore è meno elastica di quella del turismo in generale tanto che nell‟ambito dell‟heritage si è maggiormente disposti a pagare per l‟esperienza. Il turismo dell‟heritage, infine, mostra meno variazioni stagionali e ciò può essere spiegato col fatto che questi turisti sono maggiormente orientati verso l‟istruzione e la conoscenza, una motivazione che si può manifestare a prescindere dal tempo e dalla stagione. Apporto di risorse aggiuntive da parte del partnership di progetto, in particolare di quello privato Connessione dell‟operazione con l‟attivazione di progetti di impresa e di potenziamento dei servizi di fruizione compatibili con esigenze di tutela

Il progetto è strategico per l‟attivazione dei progetti dell‟impresa in quanto tende a realizzare itinerari tematici innovativi in grado di diversifica dell‟offerta turistica e contribuire alla destagionalizzazione dell‟offerta turistica.

Criteri trasversali Sostenibilità ambientale (tecnologie di edilizia ecosostenibile, promozione modalità di turismo eco-

Gli interventi essendo essenzialmente di recupero utilizzando tecnologie di edilizia ecosostenibile in definitiva non si produrranno impatti ne pressioni ambientali negative. Pagina 268 di 308


sostenibile, acquisizione di servizi innovativi finalizzati a ridurre le pressioni ambientali, adozione di sistemi di certificazione ambientale,ecc) Principio di pari opportunità e non discriminazione (miglioramento della fruizione dei beni da parte delle famiglie, interventi turistici in un‟ottica di inclusione sociale, servizi di informazione sull‟offerta e la fruibilità da parte delle famiglie,ecc)

In Europa sono trentasei milioni le persone che hanno una disabilità, di queste poco più di tre mila vivono in Italia e molti di loro hanno, ovviamente, una grande voglia di viaggiare. Un territorio è moderno quanto più si trasforma in un luogo accogliente e solidale, in una sistema che si pone il problema dell‟inclusione e dell‟accessibilità dei propri tempi e dei propri luoghi, e questo lo realizza per i suoi abitanti, ma deve anche tener conto di quanti, pur non essendo suoi cittadini, vogliono fruire della sua cultura e della sua storia, vogliono far entrare, nel proprio progetto di crescita e di esistenza, l‟incontro con un patrimonio umano e sociale lontano da se. In piena filosofia di sviluppo sostenibile, il progetto intende orientare l‟offerta verso il turismo accessibile. Lo scopo è di sviluppare le opportunità turistiche, culturali e sportive rivolte “A TUTTI” attraverso la progettazione, realizzazione e organizzazione di servizi, percorsi, strutture, allestimenti e promozione, per favorire l‟accessibilità e la fruizione di soggetti con “diversa abilità”. L‟obiettivo finale è costituire una rete locale di servizi integrati, come le informazioni e l‟assistenza on line, e a formare gli operatori per l‟accoglienza e la pianificazione del viaggio. Tra le azioni che il progetto metterà in cantiere a titolo esemplificativo abbiamo interventi di riqualificazione dei luoghi, dei servizi e dei percorsi, di riqualificazione professionale attraverso la formazione e l‟informazione per operatori turistici e dei servizi, di creazione e lancio di un programma di promozione ad hoc.

Sostenibilità gestionale e finanziaria Esplicitare se sussiste un La gestione degli interventi verrà affidata alla Comunità piano di gestione e fornire Montana Basso Sinni che li attuerà insieme ai comuni indicazioni in merito alle segnalati. modalità di gestione del La gestione dei musei e delle aree archeologiche resterà in servizio e di identificazione capo agli attuali enti gestori. del gestore Evidenziare sostenibilità Gli interventi infrastrutturali descritti sono prevalentemente della gestione finanziaria finalizzati ad interventi di sistemazione e di miglioramento del servizio, sviluppando della fruibilità di emergenze culturali e come tali non una proiezione dei costi di determineranno costi di esercizio e ricavi diretti ma Pagina 269 di 308


esercizio e la corrispondente copertura tra eventuali ricavi e fonti di finanziamento

prevalentemente investimenti. La loro effettuazione però consentirà indirettamente di migliorare il territorio in generale consentendo quindi una migliore soddisfazione dei turisti ed una migliore redditività dei servizi commerciali attualmente già offerti sul territorio.

Procedure tecniche ed amministrative Vincoli sul territorio interessato Conformità dell‟operazione Gli interventi sono conformi agli strumenti urbanistici vigenti agli strumenti urbanistici Conformità alle norme Gli interventi sono conformi alle norme ambientali ambientali Studio di fattibilità a cura della soprintendenza archeologica Stato della progettazione di Basilicata Tempi di progettazione Progettazione preliminare 30/09/2010 Progettazione esecutiva e 31/10/2010 cantierabile Tempi previsti per l‟attuazione Data appalto 30/11/2010 Inizio lavori 15/12/2010 Fine lavori 31/12/2011 Piano finanziario Costo totale dell‟operazione

1.925.000,00 (unmilionenovecentoventicinquemila euro) fondi disponibili 375.000,00 (trecentosettantacinquemila euro) fondi programmati

Contributo PO FESR

1.925.000,00 (unmilionenovecentoventicinquemila euro) fondi disponibili 325.000,00 (trecentoventicinquemila euro) fondi programmati

Eventuale partecipazione finanziaria del soggetto attuatore Eventuale contributo di partner privato (specificare identità partner) Eventuale utilizzo di strumenti di finanza di progetto Cronogramma della spesa (ripartire percentualmente)

2010

2011

2012

disponibili

disponibili

Programmati

500.000,00

1.425.000,00

325.000,00

2013

Pagina 270 di 308


Indicatori di realizzazione e sorveglianza Indicatore UnitĂ di misura Interventi di valorizzazione numero dei beni culturali Interventi di valorizzazione numero dei beni naturali Superficie interessata Km Occupazione indotta numero dallâ&#x20AC;&#x;operazione - di cui donne numero

Valore atteso 9

10 5

Pagina 271 di 308


SCHEDA n°OP_ 6 (Intervento su fondi disponibili)

Denominazione Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione

Obiettivo operativo IV.1.1.A “Sostegno alla formazione ed al consolidamento di pacchetti integrati di offerta turistica attraverso la realizzazione di interventi infrastrutturali mirati alla fruibilità e valorizzazione a fini turistici delle risorse naturali e dei beni culturali” Interventi Infrastrutturali Progetto per la costituzione dell‟ufficio IAT(Informazione ed Accoglienza Turistica) A seguito di un aumento del 43,5% del preesistente e di un raddoppiamento del numero dei posti letto, il Metapontino Basso Sinni conta 10.581 posti letto suddivisi in 33 strutture alberghiere, con una media da 216 a 321 posti letto per albergo. Anche il comparto extraalberghiero presenta un dato assimilabile a questo con numero di posti letto pari a 9.655. In questa macrocategoria è prevalente il campeggio con 7.320 posti letto distribuite su 10 strutture. La seconda categoria, in ordine di importanza numerica di area, è rappresentata dall‟agriturismo con circa 58 strutture e 910 posti letto. Significativa anche la mole dei complessi di seconde case che struttura una presenza turistica accessoria, ma comunque importante per la macroarea, distribuita su tutto l‟arco jonico lucano e con una particolare concentrazione a Pisticci. Nel Metapontino lo sviluppo quantitativo è stato accompagnato da un‟attenzione qualitativa nelle strutture ricettive, mentre minore sviluppo sembra essere stato riservato alle attività di servizio complementare, anche in conseguenza del fatto che i grandi resort sono sostanzialmente autosufficienti in termini di servizi. Infine, il Metapontino Basso Sinni ha un vantaggio competitivo rispetto alle altre della Basilicata per la presenza di importanti arterie stradali di collegamento da e verso le regioni limitrofe e soprattutto, assieme a Matera, per la vicinanza agli Hub aeroportuali di Bari e Brindisi. Questi hanno attivato una politica di marketing a dir poco eccellente negli ultimi quattro anni, facendo passare il traffico passeggeri a circa 3 milioni, con circa 70 voli. Il livello comportamentale nel turismo è oggi molto accentuato e questo porta le destinazioni turistiche a sviluppare un ruolo sempre piu‟ attivo ed innovativo, dotandosi di strumenti di gestione e programmazione adeguati e creando le più opportune alleanze strategiche. La competizione dei territori a vocazione turistica si gioca Pagina 272 di 308


Sintesi descrittiva dell‟intervento

Soggetto responsabile Soggetto attuatore

prioritariamente sulla capacità di catturare i flussi turistici attraverso una comunicazione mirata che valorizzi il territorio e le sue capacità d‟accoglienza. Settore pubblico e privato devono incontrarsi al fine di realizzare politiche commerciali efficaci, capaci di generare un ritorno effettivo delle azioni compiute, in termini di sviluppo del settore turistico. Sarà, pertanto, necessario favorire partnership per costruire pacchetti turistici integrati essenziali per il sistema turistico lucano, con una strategia unitaria che superi la frammentazione dell‟offerta e promuova, oltre ai turismi tradizionali, balneare e montano, le risorse storiche, ambientali e culturali, compreso il prodotto turistico-enogastronomico. La partnership di progetto ha inteso assegnare a tale strumento una valenza strategica e si propone di realizzare la sede centrale dell‟ufficio I A T – dell‟area Metapontino_Basso Sinni, in una posizione strategica e facilmente accessibile, nel Palazzo Baronale di Scanzano Jonico. La sede principale sarà supportata da altre periferiche, di cui: l‟Infopoint dei Casalini a Policoro, un punti informativi presso il Complesso Monumentale Torre di Mare a Metaponto e presso la delegazione comunale a Nova Siri marina. Tali sedi saranno strutturati con: - personale multilingue; - sala riunione; - computer; - scrivanie; - linea telefonica; - espositori materiale informativo turistico strutture; ricettive e del territorio Metapontino; - attrezzatura video; - sito web in lingue ( azione di web marketing); - “basilm@il”, un servizio che sarà erogato ai turisti attraverso delle postazioni informatiche. Tramite email e grazie ad una fotocamera digitale sarà possibile inviare una propria fotografia arricchita da una cartolina con suggestive immagini del territorio Metapontino. Il dispositivo, inoltre, permetterà di raccogliere indirizzi mail dei turisti, ai quali poi saranno inviati, nel corso dell‟anno, informazioni relative agli eventi del territorio. Comunità Montana Basso Sinni Comunità Montana Basso Sinni Pagina 273 di 308


Altre amministrazioni coinvolte Target dell‟operazione

Turisti e popolazione locale

Criteri di selezione Coerenza con la domanda di fruizione culturale della popolazione residente e del mercato turistico

Il turismo rappresenta una risorsa di assoluto rilievo per la nostra Regione che puo‟ contare un patrimonio storico, culturale, ambientale straordinario. Per questa ragione è opportuno elaborare una strategia precisa per la valorizzazione delle potenzialità turistiche. Coniugando il turismo balneare con quello culturale, enogastronomico, naturalistico, del benessere e leisure, sociale, scolastico, congressuale, sportivo, il cineturismo e il geoturismo, attraverso una sorta di cabina di regia, si potrà non solo elevare notevolmente a valore l‟intera offerta turistica del territorio, ma favorire incisivamente sulla sua destagionalizzazione e diversificazione dei vari itinerari. Quindi, il Prodotto Metapontino potrà essere protagonista sulla scena nazionale ed internazionale giungendo all‟attivazione del modello del Distretto TuristicoCulturale della Provincia di Matera. L‟intervento mirerà, inoltre, ad una maggiore attenzione al turista, attraverso: tutela della salute, sicurezza dei luoghi, qualità del prodotto offerto, educazione al consumo, adeguata informazione e corretta pubblicità, trasparenza ed equità nei rapporti contrattuali. E‟ auspicabile che l‟attività venga svolta da un‟associazione di promozione turistica improntata con criteri di una sinergia imprenditoriale fra tutte quelle imprese turistiche che operano nello sviluppo del turismo incoming e nelle attività di commercializzazione del prodotto turistico della zona. L‟Associazione dovrà, di concerto con Villaggi Turistici, Hotels, Relais, Tour Operator, Circoli Nautici, Golf, Porti Turistici e tutte quelle attività che rappresentano una linea di prodotto per l‟affermazione e la valorizzazione di ogni declinazione turistica, operare per incrementare la destagionalizzazione dei flussi turistici. L‟intervento previsto consentirà di Pagina 274 di 308


integrare l‟offerta turistica di tipo naturalistica per il comprensorio e si rivolge sia ad una domanda locale che del mercato turistico. Qualità dell‟offerta La sede avrà la funzione di info-point turistico per culturale e dei servizi per tutte le informazioni del territorio: la fruizione anche in - gestione card turistica ( BasilCard); relazione ai livelli di - escursioni; innovazione tecnologica - informazioni hotels, relais, villaggi turistici, introdotti b&b, borgo-albergo; - informazioni servizi di transfer aeroportuali; - rent a car; - informazioni voli nazionali ed internazionali; - informazioni servizi di trasporto pubblico; - informazioni aziende enogastronomiche; - informazioni servizi nautici; - informazioni sul golf; - informazioni manifestazioni ed eventi del territorio; - informazioni salvataggio,recupero d‟altura e costiera. Innovatività tecnicoPer potenziare lo sviluppo del brand – metapontino progettuale dell‟intervento sarà necessario stimolare la crescita della anche in termini di ricorso destagionalizzazione turistica, attraverso una alle tecnologie della S.I. offerta turistica in una logica di sistema per creare politiche di promozione nazionali ed internazionali. Sarà, pertanto, opportune le seguenti azioni : - catalogo in lingue ( italiano – inglese – tedesco ); - road-show nelle principali città di riferimento del nostro - turismo Bari – Roma – Bologna – Milano, in partnership - con il Distretto AgroAlimentare di Qualità del Metapontino e il Consorzio di Tutela Vini Doc Matera; - educational tour per agenzie e tour operator selezionati per tipologia del mercato turistico commercializzato. Idoneità dell‟intervento a - installazione di schermi touch screen informativi realizzare circuiti, reti, per la visualizzazione dei contenuti dei siti itinerari tematicoturistici istituzionali; territoriali - dotazione di schermi LCD su cui proiettare filmati delle attrattive del nostro territorio; - creazione di isole wireless gratuite per i turisti in viaggio. Orientamento al mercato Il mercato turistico chiede una maggiore Pagina 275 di 308


turistico in termini di incidenza sulla domanda attuale e potenziale

Contributo alla destagionalizzazione dei flussi turistici

Apporto di risorse aggiuntive da parte del partnership di progetto, in particolare di quello privato Connessione dell‟operazione con l‟attivazione di progetti di impresa e di potenziamento dei servizi di fruizione compatibili con esigenze di tutela

Criteri trasversali Sostenibilità ambientale (tecnologie di edilizia ecosostenibile, promozione modalità di turismo eco-sostenibile, acquisizione di servizi innovativi finalizzati a ridurre le pressioni ambientali, adozione di sistemi di certificazione ambientale,ecc) Principio di pari opportunità e non discriminazione (miglioramento della fruizione dei beni da parte delle famiglie, interventi turistici in un‟ottica di inclusione sociale, servizi

qualificazione e diversificazione dell‟offerta turistica e l‟intervento va in tale direzione in quanto tende ad intercettare il turisti e consente di offrire servizi che non potrebbero essere resi senza l‟infrastruttura da completare. La diversificazione dell‟offerta turistica e la creazione di un‟offerta turistica più specializzata contribuisce in modo significativo alla destagionalizzazione dell‟offerta turistica. Ogni intervento infrastrutturale previsto sarà connesso e parte integrante dell‟azione prevista, attraverso un costante e sempre aggiornato monitoraggio delle stesse finalizzato al loro coinvolgimento ed utilizzo. I progetti di impresa previsti nel presente pacchetto di offerta turistica prevedono di realizzare circuiti, reti, itinerari tematico - territoriali si integrano in modo significativo con tale intervento. L‟implementazione dell‟iniziativa dovrà avere un‟equa sostenibilità ambientale ed è finalizzata a promuovere un turismo ecosostenibile attraverso mezzi innovativi finalizzati a ridurre le pressioni ambientali. L‟intervento non produce impatti, in quanto verranno utilizzati locali già esistenti e tutte le forme di comunicazione che vanno dalla promozione all‟erogazione di servizi innovativi saranno finalizzati ad evitare pressioni ambientali.

L‟intervento mira al 100% al perseguimento delle pari opportunità e non discriminazione attraverso un costante e concreto coinvolgimento dei nuclei familiari, degli entrambi i sessi, varie etnie di provenienza e diversamente abili.

Pagina 276 di 308


di informazione sull‟offerta e la fruibilità da parte delle famiglie,ecc) Sostenibilità gestionale e finanziaria Esplicitare se sussiste un La gestione sarà effettuata dal partnership pubblica piano di gestione e fornire di concerto con quella privata e la sede sarà indicazioni in merito alle individuata nel comune che manifesterà maggiore modalità di gestione del interesse con la disponibilità di immobili, servizi e servizio e di fondi. identificazione del gestore Evidenziare sostenibilità La gestione saà effettuata con fondi a carico della della gestione finanziaria partnership pubblica con la compartecipazione di del servizio, sviluppando quella privata. una proiezione dei costi di esercizio e la corrispondente copertura tra eventuali ricavi e fonti di finanziamento Procedure tecniche ed amministrative Vincoli sul territorio Vincoli ambientali interessato Conformità Gli interventi sono conformi agli strumenti dell‟operazione agli urbanistici vigenti strumenti urbanistici Conformità alle norme Gli interventi sono conformi alle norme ambientali ambientali Stato della progettazione Progetto Preliminare Tempi di progettazione Progettazione preliminare 30/03/2010 Progettazione esecutiva e 30/09/2010 cantierabile Tempi previsti per l‟attuazione Data appalto 31/10/2010 Inizio lavori 15/11/2010 Fine lavori 31/12/2010 Piano finanziario Costo totale dell‟operazione Contributo PO FESR Eventuale partecipazione

100.000,00 (centomila euro) 100.000,00 (centomila euro) Pagina 277 di 308


finanziaria del soggetto attuatore Eventuale contributo di partner privato (specificare identitĂ partner) Eventuale utilizzo di strumenti di finanza di progetto Cronogramma della spesa (ripartire percentualmente)

2010 100%

Indicatori di realizzazione e sorveglianza Indicatore UnitĂ di misura Interventi di valorizzazione numero dei beni culturali Interventi di valorizzazione numero dei beni naturali Superficie interessata Km2 Occupazione indotta numero dallâ&#x20AC;&#x;operazione - di cui donne numero

2011

2012

2013

Valore atteso 3 0

3 2

Pagina 278 di 308


SCHEDA n° ABS_1

Individuazione strumento/i del marketing

Azioni di comunicazione e marketing turistico Obiettivo operativo IV.1.2.A “Azioni di comunicazione e marketing turistico” Beni/servizi Promozione turistica IAT Ogni attività di marketing territoriale necessita di un progetto di servizi e di monitoraggio degli strumenti e della programmazione delle attività istituzionalI e degli eventi d‟area attraverso: rapporti con la stampa; comunicati stampa; materiali stampa; conferenze stampa; press tour; rassegne stampa; analisi (e revisione) dell‟immagine turistica dell‟area territoriale (Piot) sulla pubblicistica settoriale nazionale ed internazionale, espletamento pratiche istituzionali, collaborazione con l‟APT per la partecipazione a fiere nazionali ed internazionali, a work shop, press tour e quant‟altro, supporto e consulenza per lo IAT e le sue eventuali sedi periferiche; rappresentanza istituzionale partnership pubblica e privata. Un servizio dedicato e a supporto delle attività promozionali del PIOT Metapontino – Basso Sinni, per rispondere alle esigenze quotidiane degli operatori turistici, dei promotori degli eventi, delle associazioni per offrire spunti per articoli e approfondimenti, seguire le pubblicazioni e organizzarle, risolvere problemi organizzativie di pianificazione. Una sorta di cabina di regia che andrà anche a calendarizzare gli avvenimenti evitandone la sovrapposizione ed incentivandone la destagionalizzazione e crei i presupposti per massimizzare i risultati delle azioni di marketing.

Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione

Il Servizio sarà espletato dall‟Ufficio PIOT che si avvarrà anche di professionalità esterne del settore in staff e vedrà come Ente Attuatore la Comunità Montana Basso Sinni. La comunicazione e la promozione dell‟offerta turistica regionale è ovviamente curata dall‟APT e dalle altre istituzioni pubbliche che ne hanno competenza; a fianco delle cosiddette organizzazioni turistiche pubbliche (Opt) operano poi associazioni di categoria, comitati di iniziativa, ed anche operatori privati. Tutti gli organismi citati hanno la loro autonomia e si inseriscono, in un modo o nell‟altro, nei processi di sviluppo turistico con un‟azione che - se non ben inquadrata, canalizzata e coordinata – può risultare improduttiva quanto Pagina 279 di 308


Sintesi descrittiva del bene/servizio proposto quale oggetto di intervento

controproducente. La scelta strategica di definire l‟offerta turistica regionale attraverso la strutturazione dei Pacchetti integrati (di offerta turistica) suggerisce pertanto di supportare i singoli pacchetti con misure e strumenti di informazione promozionale che siano coordinati con quelli delle Opt ed al tempo stesso ad essi specificamente dedicati. Come è noto nel PIOT Metapontino – Basso Sinni convivono prodotti turistici maturi ed altri potenzialmente suscettibili di notevole sviluppo: l‟ulteriore promozione dei prodotti maturi e la utile integrazione di questi con quelli in fieri deve essere necessariamente sostenuta da un rapporto strategico e sistematico con la Stampa nazionale ed internazionalee con ogni canale della comunicazione. Il progetto mira a creare un team funzionale a supporto delle azioni di marketing territoriale, attraverso: - la definizione di strategie nonchè l‟individuazione degli strumenti di marketing; - la collaborazione per la creazione di un brand di area; - azioni dil monitoraggio e relativi reports; - la pubblicizzazione, la divulgazione delle attività di area; . – l‟individuazione e/o creazione di eventi anche attraverso il coinvolgimento dei vari operatori del settore e delle associazioni.

Criteri di selezione Introduzione e diffusione dell‟uso di nuove tecnologie dell‟informazione e della comunicazione

Qualità progettuale della proposta di promozione turistica

Le nuove tecnologie dell‟informazione e della comunicazione sono insite nella stessa natura di tali attività nonché della produzione dei materiali da affidare alle redazioni giornalistiche ed ai singoli professionisti, privilegiando ovviamente la qualità dei testi e delle immagini, ma anche la natura multimediale dei supporti informativi. L‟intervento proposto si qualifica per alcuni aspetti innovativi della comunicazione promozionale, privilegiando ad esempio il sistematico rapporto con le redazioni giornalistiche del settore turistico (finalizzato alla diffusione di servizi sul sistema territoriale) piuttosto che le semplici inserzioni pubblicitarie, nonché l‟adozione di un principio tendenzialmente olistico nella definizione del prodotto turistico (da promuovere) laddove esso è costituito sostanzialmente dalla vacanza nel suo complesso (e dunque dal contesto territoriale, fisico, sociale e culturale di accoglienza) e non dai singoli addendi materiali ed Pagina 280 di 308


Dimensione nazionale ed internazionale del marketing turistico proposto

Ricorso a tecnologie innovative della comunicazione ed informazione Piano finanziario Costo totale dell‟operazione

immateriali che la compongono. L‟intervento proposto, inoltre, ispirato al sistematico coordinamento tra le diverse organizzazioni turistiche pubbliche ed alla forte integrazione tra i professionisti del Servizio e gli uffici (ed anche gli operatori privati) del PIOT Metapontino – Basso Sinni, presuppone e, per certi aspetti, facilita lo sviluppo di un processo di rafforzamento anche identitario del prodotto turistico poiché esso alimenta (nel tempo) virtuosamente quell‟allineamento (detto laser) tra offerta e domanda che costituisce il presupposto primo del marketing turistico. La struttura si prefigge anche l‟obiettivo di leggere continuamente le peculiarità del territorio, le sue carenze come le sue eccellenze, per individuare ed elevare a valore opportune e mirate strategie atte a stimolare attività finalizzate alla loro crescita ed alla loro valorizzazione per fini turistici, ambientali, di sviluppo e di creazione di nuovi posti di lavoro. La dimensione nazionale ed internazionale dell‟intervento proposto è puntualmente ed adeguatamente esplicitata nella stessa descrizione del servizio. L‟Ufficio PIOT coordinerà anche l‟attività di contatto e risposta verso il giornalismo estero in base alle esigenze di comunicazione del Metapontino – Basso Sinni e verso i principali mercati di riferimento. Il team dovrà essere in grado infatti di elaborare e tradurre professionalmente documentazione per la stampa straniera, nonché di monitorare i risultati sia attraverso contatti diretti, sia attraverso collaboratori locali. Inoltre, l‟Ufficio si preoccuperà ancora di rivolgersi al mercato turistico al di là delle frontiere interregionali e nazionali per destagionalizzare un territorio ormai ricco e foriero della più moderna ed efficiente ospitalità. Cfr. il primo punto dei criteri di selezione.

La quantificazione dell‟attività che metterà a disposizione del PIOT Metapontino – Basso Sinni un team di persone costantemente impegnate come porta-voce del PIOT stesso e dei suoi operatori e ne costituirà l‟Ufficio in stretta collaborazione con il punto IAT e le sue sedi periferiche, si baserà su: Pagina 281 di 308


Cronogramma della spesa (ripartire percentualmente)

SCHEDA n° ABS_2

Individuazione strumento/i del marketing Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione

Sintesi descrittiva del bene/servizio proposto quale oggetto di intervento

-

Compensi agli operatori dell‟Ufficio PIOT ed ad un coordinatore dello stesso;

-

Consulenze ad esperti esterni ove necessario;

-

Collaborazioni con società ed agenzie esterne dalla provata esperienza nel ramo;

-

Rimborsi spesa.

Costo totale dell‟operazione: € 140.000 2010 2011 2012 50% 50%

2013

Obiettivo operativo IV.1.2.A “Azioni di comunicazione e marketing turistico” Beni/servizi Comunicazione Turistica del territorio e della Basilicata mediante spot video e radiofonici, materiali promozionali e pubblicità sui media L'area del Metapontino è ricca di storia e di cultura. Il paesaggio spazia da risorse di tipo agricolo a risorse marine nel contesto di un interessante patrimonio culturale e ambientale. Un „area facilmente accessibile e con una buona dotazione di infrastrutture e servizi. Costituisce per la regione il principale volano turistico. Gli strumenti previsti dovrànno: valorizzare il territorio, non limitarsi a rappresentarne un solo aspetto, descrivere la tipicità del Metapontino, fare riferimento al suo ritmo di alternanze. Lo stesso verrà declinato sui media cartacei e potrà assumere colori diversi a seconda della filiera di riferimento non demandando a sensazioni non didascaliche la percezione degli altri valori della zona.

Criteri di selezione Introduzione e diffusione dell‟uso di nove tecnologie dell‟informazione e della

Guerriglia (produzione di gadget e/o prodotti) Fine settimane a tema e colore (fragola-rosa, aranciaarancione, kiwi-verde, ecc…) Cartellone territoriale degli eventi Pagina 282 di 308


comunicazione

Qualità progettuale della proposta di promozione turistica

Dimensione nazionale ed internazionale del marketing turistico proposto

Ricorso a tecnologie innovative della comunicazione ed informazione

Piano finanziario Costo totale dell‟operazione Cronogramma della spesa (ripartire percentualmente)

Video promozionale e spot radiofonici per creare un forte impatto da canalizzare sui media radiofonici e su piattaforme multimediali. Ufficio stampa nazionale ed internazionale. - Divulgare quanto più possibile le azioni poste in essere - Interagire con ogni realtà territoriale (associazioni, proloco) e interpretarne i bisogni - Porre in essere eventi dal permanente valore aggiunto (promozione di prodotti locali caratterizzanti e unici) - Promuovere un‟immagine della zona più consapevole ed accattivante, ma soprattutto più dinamica ed in movimento in perfetta sintonia con i suoi valori storici e produttivi. La comunicazione e promozione del Metapontino, raggiungerà un target molto ampio in Italia e all‟estero. E‟ pertanto fondamentale impiegare soluzioni che capitalizzino sugli elementi centrali della strategia generale di comunicazione. Coinvolgere in modo innovativo, sottolineare l‟importanza di fare network, promuovere la condivisione dell‟esperienza del Metapontino, sottolineare le grandi attrazioni dell‟area. - Le P.R. - Conferenze e comunicati stampa - Gli eventi - La newsletter Gli interlocutori: - La stampa periodica - I quotidiani - Gli stakeholders - INTERNET

€ 292.000,00 2010 50%

2011 50%

2012 0%

2013

Pagina 283 di 308


SCHEDA n° ABS_ 3

Obiettivo operativo IV.1.2.A “Azioni di comunicazione e marketing turistico” Beni/Servizi

Individuazione strumento/i del marketing

Fiere e work shop, educational, press tour, comarketing, promocommercializzazione

Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione

Nell‟ambito delle strategie una particolare rilevanza assumono le azioni di promozione sui mercati nazionali ed internazionali. La Basilicata è prevalentemente una destinazione di corto raggio (regioni di prossimità) e in misura limitata di lungo raggio. Sulla lunga distanza il mercato turistico è fortemente condizionato dalle politiche e strategie dei grandi nodi logistici pugliesi e campani. Rispetto ad essi di maggiore efficacia risultano le politiche di spillover. La Basilicata, pur nei limiti quantitativi più volte evidenziati, è soprattutto meta di turisti provenienti dalla Germania, dai Paesi Bassi e dall‟Inghilterra. In questi mercati “consolidati” emerge l‟esigenza di sostenere lo sforzo dei tour operator per rafforzare le quote di mercato con azioni volte a potenziare la veicolazione del brand Basilicata, potenziando i rapporti pro-commerciali già esistenti, intensificando i canali di promo-pubblicità nelle location estere prescelte (visibilità sui media esteri, installazione totem promo-Basilicata in punti di informazione turistica) e assicurando una presenza alle Fiere e Borse internazionali. Partecipazione a fiere nazionali ed internazionali, così suddivise: 3) ITALIA: BIT Milano, TTG Rimini, BMT Napoli, GLOBE Roma 4) EUROPA: World Travel Market – Londra, ITB Berlino, Fiera di Stoccolma, Fiera di Mosca. Partecipazione ai Work-shop organizzati dall‟APT Basilicata a Londra, Amsterdam, Berlino e Mosca.

Sintesi descrittiva del bene/servizio proposto quale oggetto di intervento

Criteri di selezione Introduzione e diffusione dell‟uso di nuove tecnologie dell‟informazione e della

L‟intervento, inoltre, mira a creare una motivazione per trascorrere in loco i mesi invernali con un‟azione mirata di marketing sui Paesi Scandinavi. I tour enogastronomici, poi, culturali ed archeologici Pagina 284 di 308


comunicazione

Qualità progettuale della proposta di promozione turistica

Dimensione nazionale ed internazionale del marketing turistico proposto Ricorso a tecnologie innovative della comunicazione ed informazione

organizzati in collaborazione con il mondo dei golfisti vengono visti nell‟azione come forti elementi motivazionali. L‟intero piano di messa a punto dei calendari fieristici, inoltre, non potrà prescindere da un‟intensa attività dell‟ufficio stampa nei periodi antecedenti, contemporanei e successivi agli eventi calendarizzati. - Divulgare quanto più possibile le azioni poste in essere - Interagire con ogni realtà territoriale e interpretarne i bisogni - Porre in essere eventi in fiera dal permanente valore aggiunto - Promuovere un‟immagine della zona più consapevole ed accattivante attraverso la proposta di cortometraggi, allestimenti in loco, supporti logistici cartacei e in video. Il respiro nazionale e sovranazionale dell‟intervento è insito nella sua natura stessa. Si mirerà, infine, a coinvolgere in modo innovativo, sottolineare l‟importanza di fare network, promuovere la condivisione dell‟esperienza del Metapontino, sottolineare le grandi attrazioni dell‟area. - Le P.R. - Conferenze e comunicati stampa - La newsletter Gli interlocutori: - La stampa periodica - I quotidiani - Gli stakeholders - INTERNET

Piano finanziario Costo totale dell‟operazione Cronogramma della spesa (ripartire percentualmente)

€ 216.000,00 2010

2011

2012

50,00%

50,00%

%

2013

Pagina 285 di 308


Grandi Eventi SCHEDA n° ABS 4

Denominazione

Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione

Esplicitazione del fabbisogno territoriale verso cui è indirizzata l‟operazione Sintesi descrittiva dell‟Evento proposto quale oggetto di intervento

Obiettivo operativo IV.1.2.B “Grandi Eventi” Beni/servizi Evento letterario Evento cinematografico Evento musicale Eventi enogastronomici L‟organizzazione turistica dell‟area è relativamente recente. Più di una cultura del mare il Metapontino è caratterizzato da una versatile e dinamica cultura agricola. L‟integrazione tra le due componenti costituisce uno dei principali tratti distintivi. E‟ già presente un fermento di iniziative che hanno prefigurato già un substrato potenzialmente suscettibile di considerevoli sviluppi, ma non ancora pacchetti e prodotti turistici di permanente fruizione. Si va definendo sempre meglio una strategia volta ad integrare la costa con l‟hinterland, con una molteplicità di Comuni e di borghi di antica tradizione e cultura. La prospettiva è dunque connotata dal binomio turismo costiero/rurale quale modello di sviluppo e traino per l'intera regione. Turismo balneare: in crescita Turismo storico culturale da potenziare Turismo naturalistico rurale da potenziare I quattro grandi eventi proposti s‟intendono una tantum spalmati nell‟arco del triennio a mò di punte di diamante di sintesi di più eventi minori già istituzionalizzati ed in fase di consolidamento e caratterizzazione in periodi destagionalizzati. L‟intervento mira ad istituzionalizzarsi con la creazione anche di premi e di scuole di formazione di settore. 3) Valorizzazione patrimonio culturale: - Iniziative legate a: e) Isabella Morra f) Albino Pierro g) Lomonaco h) Carafa (festival delle stelle). 4) Cinema, musica e dintorni: - Cinema damare - Blues and Town - Estarte - Cinema Film Festival Pagina 286 di 308


-

Cinemacraco Questi eventi, unitamente ad altri che nel frattempo premono e nascono sul territorio, continueranno a colorare il cartellone di eventi proposti, ma dovranno affiancarsi ad altri fidelizzati e per target che, necessariamente, punteranno ad elevare la qualità dell‟offerta turistica proposta piuttosto che la quantità. L‟intervento punta anche a istituzionalizzare un evento mostra ed un evento formativo, consuntivi del felicissimo binomio terra/mare e sua valorizzazione. Target di riferimento: - Utenza dislocata nelle ville, nei residence, negli appartamenti e negli alberghi - Partecipanti ai congressi - Ragazzi - Giovani - Adulti Settori: - Cinema - Musica - Danza e sport - Arte e storia Luoghi da coinvolgere: - Piazze; - Lidi; - Ville Comunali; - Discoteche e/o spazi attrezzati. Criteri di selezione Introduzione e Considerati gli innumerevoli video pubblicati sul web, sarà diffusione dell‟uso costituito un apposito premio. di nove tecnologie I testi avranno varie destinazioni: dell‟informazione  web; e della  materiale pubblicitario (folder, poster, manifesti e plance). comunicazione Inserzioni e testi brevi seguiranno logiche interpretative e comunicative legate alle varie filiere e messaggi di settore. Un press educational ed un tour educational per ogni anno di programmazione. Qualità La creazione e la promozione di una grande comunità online progettuale della sintetizzerà le funzionalità e le finalità delle esperienze esistenti, proposta di integrandole con nuovi strumenti e contenuti con l‟obiettivo di promozione rivolgersi e attrarre con efficacia 2 macro categorie di utenti: turistica Utenti “temporanei”. sono le persone che si avvicinano e sono Pagina 287 di 308


Dimensione nazionale ed internazionale dell‟Evento

Ricorso a tecnologie innovative della comunicazione ed informazione

interessati all‟area per un periodo limitato di tempo. Ad esempio i congressisti ed i turisti, che si informano e approfondiscono la conoscenza delle varie località nelle settimane prima del viaggio e il cui interesse sfuma a poche settimane dal rientro a casa. Su questo target lavoreremo anche sulla fase del ricordo, quella che può alimentare il passaparola trasformando il turista in un vero e proprio testimonial. Utenti permanenti. • I cittadini delle città della zona e dei comuni limitrofi. • I centri di potere, le associazioni, le istituzioni, le aziende che sono attive o parte dell‟indotto del territorio. Prodotti locali. La risorsa produttiva trainante del territorio sono le produzioni agricole ed orto fruttifere che, raramente in passato, si sono coniugate con quelle più squisitamente turistiche. L‟idea conduttrice di questo filone di eventi è quella di caratterizzare anche la comunicazione con i loro colori e le loro forme, creando in sinergia con gli attori e le associazioni, settimane a tema che ruotano sul territorio e si coniugano con i vari settori proposti anche assieme alla produzione gadget, lasciando così spazio anche alle potenzialità artistiche della zona. La progettazione della community si ispira alle esperienze, Facebook e YouTube per creare una sintesi originale di funzionalità relazionali rivolte a target con caratteristiche diverse. • Facebook, come MySpace, è un network rivolto al grande pubblico che consente agli utenti di creare la propria pagina personale e di „incontrare‟ e condividere informazioni con gli altri utenti del network. Facebook risponde prevalentemente a bisogni di „protagonismo‟, di „relazione‟ e di „condivisione‟. • YouTube. E‟ il famoso sito in cui è possibile pubblicare e condividere filmati che vengono classificati e votati dagli utenti. Risponde prevalentemente bisogno di visibilità effimera (per chi pubblica) e di intrattenimento (chi visita). L‟adozione di soluzioni mirate al grande pubblico e costruite attorno al concetto di condivisione, consentirà di rivolgersi ad un pubblico molto ampio e trasnazionale e di potenziare l‟efficacia delle attività di ufficio stampa. Community La rete offre la possibilità di progettare e realizzare una comunicazione integrata estremamente gratificante e coinvolgente, le soluzioni online consentono di coinvolgere i diversi target in modo interattivo, trasformando gli utenti in veri e propri protagonisti della comunicazione. L‟altro interessante binario su cui il progetto viene costruito Pagina 288 di 308


è rappresentato dalla possibilità di creare e/o sfruttare network relazionali per la promozione del territorio. Nei fine settimane a tema si coniugheranno prodotti enogastronomici locali con un determinato colore e un tipo di musica e/o sports per animare piazze e lidi. L‟intervento mira anche, con la produzione di gadget a tema, alla diffusione ed alla promozione dell‟intera zona non solo fuori regione, ma anche con ricaduta temporale permanente. La promozione del gadget può anche essere organizzato con il sistema della “guerriglia”. L‟espediente utilizza l‟improvvisa distribuzione di un prodotto in quantità massicce in un momento di forte aggregazione non inerente al settore ed in un posto lontano, in maniera tale da suscitare una forte attenzione di massa e/o pubblico targhettizzato. Ad es.: distribuzione di foulard rosa con l‟immagine di tante fragole prodotte nel metapontino in più vicoli a Siena durante le giornate del Palio, distribuzione di una maglietta color arancio con la diffusa immagine di un succo d‟arancia prodotta in zona in una curva dello stadio San Siro in occasione del derby Inter-Milan, ecc... Piano finanziario Costo totale dell‟operazione

Contributo PO FESR Cronogramma della spesa (ripartire percentualmente)

€. 80.000,00 €. 120.000,00 €. 48.000,00 €. 64.600,00 €. 312.600,00

Eventi Letterari Eventi cinematografici Eventi Gastronomici Eventi Musicali Totale 100% 2010 50.4%

2011 49.6%

2012 0%

2013

Pagina 289 di 308


SCHEDA n° ABS_5

Obiettivo operativo IV.1.2.B “Grandi Eventi” Beni/servizi

Denominazione

Magico e fantastico

Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione

Sul territorio insiste un comune, Colobraro, che nell‟immaginario collettivo locale ricopre un‟immagine scaramantica diffusa e che è noto a curiosi e studiosi di tutto il mondo per l‟intensa e diffusa vita magica che, come in altri centri del meridione, impegnava le sue famiglie fino agli anni cinquanta. Anche nell‟iconografia religiosa mondiale è molto famosa l‟immagine di Maddalena La Rocca di Franco Pinna che immortalava una fattucchiera già pubblicata nel 1959 nel volume “Sud e Magia”. La singolarità di questi luoghi, peraltro, ha sempre attratto fotografi d‟arte molto conosciuti, quali, David Seymour e Henry Cartier-Bresson. La zona è già stata oggetto di interesse per il completamento ed il recupero architettonico di un sito che si presta particolarmente all‟uopo in termini di riqualificazione e valorizzazione dei beni storico-culturali. E‟ stata così creata una premessa con il predisporre un adeguato contenitore per iniziative culturali e ricettività integrativa agevolandone, così, l‟inserimento in circuiti turistici sovra regionali. E‟ il caso del recupero funzionale del Convento da destinare ad ostello della gioventù e dell‟incremento della sua accessibilità e fruibilità attraverso allestimenti espositivi di materiale originario e rifacimento dei locali con tecniche e materiali adeguati agli stessi. Si va definendo, così, sempre meglio una strategia volta ad integrare il mistico comune con la costa, con l‟hinterland, con una molteplicità di Comuni e di borghi di antica tradizione e cultura.

Esplicitazione del fabbisogno territoriale verso cui è indirizzata l‟operazione

Il fabbisogno territoriale intrinseco è quello di trovare una sorta di via d‟uscita da un‟empasse culturale locale d‟isolamento culturale ed economico. Nella società contemporanea, di contro, la sfera magica e l‟esoterismo si avvia ad avere un peso sempre più corposo ed affascinante e, pertanto, ghiotto da “utilizzare” in un Pagina 290 di 308


discorso di destagionalizzazione ed implementazione turistica di concerto anche con antiche tradizioni popolari e musicali. Sintesi descrittiva dell‟Evento proposto quale oggetto di intervento

L‟evento muove da una ricerca di antiche tradizioni legate a riti magici e propiziatori per sfociare in un festival di settore da svolgersi nell‟arco di un‟intera settimana del mese di giugno, a ridosso del solstizio d‟estate. La notte di San Giovanni è, infatti, da sempre ritenuta una notte magica dove la luna si sposa con il sole e la notte si anima con danze e riti propiziatori nei boschi ed in siti suggestivi e rievocativi. L‟iniziativa sarà curata da associazioni e strutture che si occupano della promozione di antiche tradizioni popolari ed avranno cura di allestire: -

-

-

-

Convegni a tema sull‟origine dell‟astrologia, della magia popolare e delle danze popolari (taranta, tarantella, pizzica, ecc…); Allestimenti di arti e sculture, vernissage in loco, esposizioni di antichi testi, strumenti, erbe e quant‟altro; Pedane e palcoscenici attrezzati; Postazioni di osservazione astrale corredate da spazi illustrativi; Premio strega. Target di riferimento: Utenza dislocata nelle ville, nei residence, negli appartamenti, negli alberghi e altre zone della regione e quelle limitrofe Eventuali partecipanti ad altri congressi Ragazzi Giovani Adulti Esperti Settori: Magia Musica Danza e sport Arte e storia Luoghi da coinvolgere: Pagina 291 di 308


-

Piazze e piazzali; Lidi; Ville Comunali; Dimore storiche; Discoteche e/o spazi attrezzati.

Criteri di selezione Introduzione e diffusione dell‟uso di nove tecnologie dell‟informazione e della comunicazione

L‟iniziativa potrà anche essere inserita in un press educational ed un tour educational e si avvarrà di un database di strutture regionali e sovra regionali. Vedrà il protagonismo di un ufficio stampa e P.R. che si attiverà anche per pubblicizzare al meglio l‟intera settimana ed averne così un ritorno prolungato nel tempo e nell‟interesse turistico. Potrà prevedere la presenza di testimonial d‟eccezione e di stakeholders.

Qualità progettuale della proposta di promozione turistica

L‟idea conduttrice di questo filone è quella di caratterizzare anche la comunicazione con i loro colori e le loro forme, creando in sinergia con gli attori, le associazioni, le tradizioni, il mistero ed il territorio con una settimana a tema che si coniuga con le esigenze su esso diffuse e i vari settori proposti. L‟iniziativa avrà anche l‟obiettivo di cedere un prodotto permanente sul territorio con l‟istituzione di un Centro Studi sulla Magia da costituire in una sala del Convento a Colobraro.

Dimensione nazionale ed internazionale dell‟Evento

Il richiamo di mercatini ed esposizioni potrà potenziare l‟adozione di soluzioni mirate al grande pubblico e costruire attorno al concetto di condivisione moderna, un sistema di coinvolgimento di un pubblico molto ampio, nazionale e trasnazionale potenziato dall‟efficacia delle attività di ufficio stampa. Community

Ricorso a tecnologie innovative della comunicazione ed informazione

La rete offre la possibilità di progettare e realizzare una comunicazione integrata estremamente gratificante e coinvolgente, le soluzioni online consentono di coinvolgere i diversi target in modo interattivo. L‟altro interessante binario su cui il progetto viene costruito è rappresentato dall‟interazione di ogni supporto anche cartaceo e mediatico già ipotizzato per tutti gli altri eventi. Pagina 292 di 308


Sarà possibile anche produrre dei gadget da distribuire, anche in questo caso, con il sistema della “guerriglia”. L‟espediente che utilizza l‟improvvisa distribuzione di un prodotto in quantità massicce in un momento di forte aggregazione non inerente al settore ed in un posto lontano, potrà amplificare quella già forte attenzione di massa e/o pubblico targhettizzato.

Piano finanziario Costo totale dell‟operazione

€ 49.400,00

Contributo PO FESR

100%

Cronogramma della spesa (ripartire percentualmente)

2010

2011

2012

50%

50%

0%

2013

Pagina 293 di 308


SCHEDA n° ABS_6

Obiettivo operativo IV.1.2.B “Grandi Eventi” Beni/servizi Denominazione Cartellone Eventi Descrizione del Attualmente il Metapontino rappresenta la “riserva” di contesto in cui si turisti poiché in esso si concentra, principalmente nei inserisce quattro mesi estivi, oltre il 60% degli arrivi e delle l‟operazione presenze turistiche regionali, pari a circa 1.200.000 presenze ufficiali . Si tratta di flussi turistici provenienti essenzialmente dalle regioni limitrofe (50% circa), dalle regioni del centro Italia (25% circa), dal nord Italia (18% circa) e dall‟Estero (8% circa, maggiormente dal mercato del centro-nord Europa). Il target prevalente è di tipo familiare ed organizzato individualmente, ma anche di gruppi sociali organizzati tramite intermediazione tradizionale (T. O., CRAL, Associazioni, ecc), con una permanenza media di 6-8 giorni e con la motivazione principale rappresentata dal soggiorno vacanza e di relax in un ambiente circostante tranquillo, incontaminato e ……..sicuro. Esplicitazione del Le SUE FORZE: buona e differenziata presenza di fabbisogno strutture ricettive di diversa tipologia con oltre 20.000 territoriale verso posti letto; mare e spiagge pulite; ambiente naturale cui è indirizzata apprezzato; qualità dei prodotti agricoli; territorio l‟operazione omogeneo e coeso; buona rete di infrastrutture per la mobilità ed il trasporto; presenza di un importante campo da golf e di due modernissimi porti turistici –di cui uno attivo e l‟altro in fase di completamento-; comunità tranquille ed accoglienti connotate da una forte identità e pervase da antiche tradizioni. Le SUE DEBOLEZZE: scarsa presenza di impianti e servizi complementari per le attività ricreative, sportive, per la cura del benessere psico-fisico; poche attività dopo la spiaggia; assenza di strutture ricettive di pregio quali relais e/o residenze d‟epoca e antiche masserie, nonché villaggi-albergo caratterizzati da una specifica destinazione funzionale, con servizi dedicati alla cura di un particolare target di clientela del Nord Europa nei periodi autunnali ed invernali; assenza di un marchio di qualità riconosciuto a livello internazionale, del territorio (ambientale) e dei servizi; minore soddisfazione dei clienti in rapporto agli eventi e manifestazioni importanti e di grande richiamo ed all‟assenza di coordinamento delle programmazioni Pagina 294 di 308


locali delle manifestazioni; assenza di un‟immagine comune dei prodotti agricoli; scarsa animazione culturale; assenza di prodotti turistici moderni ed innovativi; scarso utilizzo di tecnologie multimediali e di strategie promozionali e comunicative; assenza di segnaletica e cartografia turistica multilingue; assenza di un brand forte e riconoscibile; assenza di prodotti turistici strutturati. Sintesi descrittiva Accanto al prodotto principale e trainante “MARE” e dell‟Evento coerentemente con la strategia delineata dal PTR proposto quale regionale e con gli obiettivi principali e specifici perseguiti oggetto di dal presente bando (Valorizzazione dei beni culturali e intervento naturali al fine di strutturare pacchetti integrati di offerta turistica in grado di diversificare le destinazioni turistiche regionali, accrescere la loro competitività sui mercati nazionali ed esteri, destagionalizzazione dei flussi turistici, ecc.) si possono individuare e costruire vari prodotti turistici alternativi, tematici, motivazionali e, soprattutto, destagionalizzanti: -PRODOTTO STORICO-CULTURALE: -dedicato ai turisti motivati dalla continua ricerca di nuova linfa per il proprio pensiero, per chi deve imparare (studenti), per chi vuole ulteriormente arricchire il proprio bagaglio culturale e/o immergersi nelle vestigia delle grandi civiltà del passato. Valorizzazione, anche attraverso l‟introduzione delle più moderne tecnologie multimediali, dei siti archeologici (Metaponto, Policoro, Termitito, Nova Siri, ecc.) e relativa rete museale con la realizzazione del parco delle antiche civiltà (ellenica, romana, saracena medioevale) collegato al parco letterario di Isabella Morra, alla poesia unica e suggestiva di Albino Pierro……… -PRODOTTO ENOGASTRONOMICO: -dedicato agli amanti del gusto della buona tavola ed a chi vuole ripercorrere e riassaporare le antiche tradizioni dei contadini vissute nella tranquillità delle campagne lontane dallo stress quotidiano e dalle frenesie della città e della vita moderna- Percorsi del gusto e dei prodotti agricoli dell‟area, in particolare: della fragola, dell‟albicocca, degli agrumi, dell‟uva e del vino, dell‟olio e degli ortaggi, ecc…., mediante una migliore organizzazione ed articolazione delle varie sagre dedicate a tali prodotti e. soprattutto, attraverso percorsi esperenziali all‟interno delle aziende agricole e di alcune fattorie didattiche nelle quali far vivere ai turisti le antiche tradizioni contadine legate ai metodi manuali di lavorazione, conservazione e Pagina 295 di 308


confezionamento dei vari prodotti agricoli quali: confetture e marmellate di frutta, confetture di ortaggi sott‟olio, ecc…; esperienze praticabili in diversi periodi dell‟anno e caratterizzati da una forte connotazione di genuinità e semplicità tipicamente rurale. -PRODOTTO RELAX E BENESSERE: -dedicato alle famiglie ed ai piccoli gruppi, ai single ed alle coppie- al mare ed in campagna; Coniugare il relax della spiaggia ovvero delle attività agrituristiche con la cura del proprio benessere fisico e mentale, dopo la spiaggia offrire la possibilità di fare brevi e lunghe passeggiate nelle pinete della costa, oppure jogging o ginnastica o cicloturismo, attraverso la realizzazione di una pista ciclabile a ridosso delle aree boscate da Metaponto a Nova Siri, di percorsi vita tracciati all‟interno delle stesse pinete e, per concludere le attività, completare la gamma dei servizi per offrire loro la possibilità di curare il proprio corpo nelle SPA e Centri Wellness all‟interno delle strutture ricettive e di alcuni agriturismi. L‟individuazione di tali nuovi concepts, risponde all‟esigenza di soddisfare una domanda turistica in forte e costante crescita legata alla ricerca del benessere, attraverso trattamenti che puntano a ottenere il miglioramento del benessere fisico in uno stato di completo relax. Il benessere concepito sempre più come un‟esperienza multidimensionale composta da trattamenti ad hoc, ma anche da cibo, svago, salute e piacere in armonia con le caratteristiche dell‟ambiente circostante e dalla varietà dei servizi offerti e dei trattamenti proposti, il tutto in linea con il tema della eco-compatibilità e con la sostenibilità ambientale. -PRODOTTO TURISMO ATTIVO E SPORTIVO: dedicato ai giovani ed a chi interpreta la vacanza con un approccio attivo ed, eventualmente, competitivo in un territorio da “vivere e scoprire”. Potenziamento delle attività nautiche e legate al mare (vela, windsurf, escursioni per la pesca, ecc.), potenziamento e riqualificazione degli impianti sportivi interni alle strutture ricettive, pratica del golf sul campo esistente da mettere in rete con la realizzazione di altri nuovi impianti con tracciati differenti, trekking e cicloturismo con la realizzazione di nuove piste ed itinerari di bassa, media ed alta difficoltà sia sulla costa che nelle aree interne (monte Coppolo tra Rotondella e Valsinni, i calanchi tra Colobraro, Tursi e Craco, ecc.). Pagina 296 di 308


-PRODOTTO NATURA ED ECOLOGIA: -dedicato agli esteti, agli amanti della natura ed a chi fa dell‟ecologia e del rispetto dell‟ambiente naturale e della sua sostenibilità una prerogativa di vita e, quindi, a piccoli e grandi turisti, ad individuali e gruppi organizzati. Valorizzazione e scoperta delle biodiversità floro-faunistiche delle riserve naturali di Bosco Pantano (una foresta definita “monumentale” già dai viaggiatori francesi del settecento) e delle foreste demaniali della costa, del bosco di Monte Coppolo e dell‟area sud del Parco del Pollino, proponendo loro itinerari dedicati con punti di osservazione anche per il birdwatching e per alcuni particolari e rari animali selvatici (lontra, tartaruga caretta caretta, colombella, coleotterofauna, spatola, sgarza ciuffetto, ecc.. nel Bosco Pantano …………) e farli alloggiare in strutture ricettive ecocompatibili con cucina tipica naturale e degustazione di prodotti agricoli biologici. Criteri di selezione Introduzione e diffusione dell‟uso di nuove tecnologie dell‟informazione e della comunicazione Qualità progettuale della proposta di promozione turistica

Istituzione di un unico cartellone di eventi ricadenti tra il mese di marzo e quello di ottobre con specifica funzione di coordinamento, programmazione e inserimento. Relativa pagina web. Supporti cartacei e mediatici.

Eventi e manifestazioni: -CULTURALI: Blues Sotto le Stelle, Capodanze, il Jazz di Cabiria, Lucania Film Festival, Festival della Magna Grecia Lucana, Settimana Musicale Lucana, il Teatro dell‟Agorà, Festival delle Bande Musicali, Festival di musica etnica e popolare (Festival Etnico – Nova Siri), Evento Moda, Festa Medioevale, Basilicata Musica, Laboart, Metaponto Beach Festival, Musica in Terra Antica, Mediovalando, Riti del Mistero, Anglona tra Cultura e Spiritualità, Festival Internazionale delle Sculture di Sabbia, Armonia Pitagorica, SIRIS Festival (comprentende: Premio Siris, Concorso letterario scolastico “G. Giannotti”, La Notte dei Briganti, ARTESUD), Feste Patronali; Evento naturalistico. -ENOGASTRONOMICHE: Cultura e Sapori della Basilicata, Mostra Internazionale dei Prodotti Agricoli di Eccellenza del Distretto Agroalimentare del Metapontino, Festa della Vendemmia, Sagre e fine settimana di Pagina 297 di 308


prodotti agricoli ed alimentari, di piatti tipici (albicocca, pesca, arancia, uva, fragola, pera, fungo, pasta, olio, vino, ecc.), Naturalmente Lucano, Terra dei Solstizi. -SPORTIVE: Straherakleia, Giochi in Magna Grecia, Euro Walk Kamp, Open Regionali di Tennis, Torneo Regionale di Tennis a Squadre di serie C, Golf Open Internazionali di Basilicata e Puglia, Mini Basket in Piazza, Moto Turismo Nazionale. -ITINERARI: -itinerario sensoriale del gusto, dell‟enogastronomia e delle cantine; -itinerario archeologico, culturale e letterario; -itinerario del mistero; -itinerari cicloturistici, itinerari trekking; - itinerari naturalistici e del verde; -itinerario dei calanchi; (es. archeologia, medioevo,mare,verde, parchi tematici ecc.) Dimensione nazionale ed internazionale dell‟Evento

Ricorso a tecnologie innovative della comunicazione ed informazione

Piano finanziario Costo totale dell‟operazione Contributo PO FESR

Individuazione luoghi ed eventi attraverso il marchio d‟area presente sulla segnaletica, sul sito e sulla card turistica. Stretta collaborazione con lo IAT – Metapontino. L‟adozione di soluzioni mirate al grande pubblico e costruite attorno al concetto di condivisione, consentirà di rivolgersi ad un pubblico molto ampio e trasnazionale e di potenziare l‟efficacia delle attività di ufficio stampa. Community - Sede logistica di gestione del cartellone; - Acquisto di: 4) PC portatile; 5) Software e hardware; 6) Nuova linea telefonica e telematica; Tabelloni pubblicitari con marchio d‟area “Costa Viva” di mt 6 x mt 3. Stampa materiali logistici a supporto: - Cartelloni; - Brochure; - Flyers; - Cartoline. Cartoline web. € 103.000,00 100% Pagina 298 di 308


Cronogramma della spesa (ripartire percentualmente)

2010 66%

2011 34%

2012 0%

2013

Pagina 299 di 308


SCHEDA n° ABS_ 7

Denominazione Descrizione del contesto in cui si inserisce l‟operazione

Obiettivo operativo IV.1.2.B “Grandi Eventi” Beni/servizi Mostre evento. Le antiche vie. Dal tratturo preistorico alla strada statale ionica 106 Il territorio costiero, interessato dalla colonizzazione greca, risulta al momento ben rappresentato dai Parchi Archeologici di Metaponto e di Herakleia-Policoro e dai due rispettivi Musei Nazionali. La qualità e la quantità dei materiali esposti documentano tutte le principali fasi di vita delle due colonie greche e ne mettono in evidenza le peculiarità degli aspetti religiosi, artigianali, commerciali e sociali. Ogni centro, inoltre, ha le sue specificità nella organizzazione urbana dell'abitato e nello sfruttamento delle risorse agricole del territorio. Nella campagna metapontina prevale un modello basato in prevalenza sulla piccola fattoria a conduzione familiare. A Policoro, invece, sembrano maggiori le testimonianze riferibili a grossi complessi rurali, anche lontani dal centro urbano di Herakleia.Se la fase greca nelle due località è ben documentata. il periodo romano, al momento, è meno percepito. Nell'immaginario risulta assente, quasi schiacciato dalla prevalenza delle forme greche, ritenute erroneamente uniche. Le cause sono da ricercare nelle vicende storiche che hanno determinato un oggettivo impoverimento dei due centri nel periodo romano, ma anche nell'interesse della ricerca che ha privilegiato lo scavo delle aree urbane e delle necropoli di età greca dei due importanti colonie. Le presenze romane testimoniano un diverso modello insediativo e produttivo rispetto a quello meglio documentato della fase precedente. Nel territorio la fattoria è sostituita dalla villa rustica, all'interno della quale operano più figure con ruoli e professionalità differenti. La piccola proprietà assume le dimensioni del latifondo con disponibilità di ampie porzioni di territorio e con il conseguente ricorso a manodopera anche servile. I casi più significativi sono costituiti dal complesso termale di Cugno dei Vagni a Nova Siri, dalla villa di Termitito a Scanzano Jonico e dagli ambienti rurali del Bivio di Pisticci. Queste testimonianze hanno spesso un considerevole risalto monumentale e particolari decorativi di grande interesse, quali mosaici decorati, ambienti intonacati, ambienti produttivi etc. Si tratta di tre distinte realtà archeologiche, databili tra il tardo periodo repubblicano e l'età imperiale. In comune hanno un rapporto stretto con la viabilità costiera, attualmente rappresentata dalla Statale Jonica 106. Il toponimo di Cugno dei Vagni è, non casualmente, Taverna, con esplicito riferimento alla funzione di ospitalità svolta dalla struttura. E' ormai chiaro che il tracciato della moderna arteria SS 106 ripercorre Pagina 300 di 308


Esplicitazione del fabbisogno territoriale verso cui è indirizzata l‟operazione Sintesi descrittiva dell‟Evento proposto quale oggetto di intervento

quello del cosiddetto Tratturo Regio, a sua volta corrispondente alla via greca di collegamento tra il porto di Herakleia (foce Sinni) e Metaponto, con direzione Sibari - Taranto. La presenza del santuario delle Tavole Palatine e delle stessi colonie greche sui lati del percorso rappresenta un segno forte e importante di questa continuità e del ruolo svolto dall‟antico asse viario. La fotografia aerea e la documentazione archeologica hanno ulteriormente confermato che tale asse è stato frequentato già in età preistorica. Ne sono testimonianza i rinvenimenti della Tavole Palatine, di Pantanello, di Termitito, della collina di Policoro, di Rotondella. Il territorio necessita di un‟integrazione a pieno titolo del valore aggiunto di questi insediamenti, ricercandone i vari collegamenti con settori produttivi e risorse ambientali perché venga facilitato ed incentivato l‟accesso alla loro fruibilità. Si tratta di un progetto che riguarda tutta la fascia ionica della Basilicata, dal Bradano al Sinni, compreso l‟immediato entroterra. Obiettivo dell‟intervento è di creare le condizioni per realizzare due mostre/evento nei due musei di Metaponto e Policoro con la documentazione storica proveniente dalla fascia costiera e dall‟immediato entroterra. Il progetto ha due linee di sviluppo principale. Una intende unire i fili della rete costituita dai resti archeologici monumentali d'età romana, da collegare in maniera più organica alle altre testimonianze, anche di età greca (parchi e musei), lungo l‟antico percorso litoraneo e colmare i vistosi ritardi della loro conoscenza e proporre una loro valorizzazione attraverso interventi di consolidamento e ricostruzione tridimensionale (elevati parziali e coperture per riproporre i volumi e proteggere i pavimenti a mosaico). Similmente occorre collegare all‟antico percorso litoraneo gli assi viari che da questo si diramavano ed ancora si diramano verso l‟interno delle basse vallate dal Bradano al Sinni. Occorre, infatti, collegare le realtà archeologiche della costa ionica di Siris-Herakleia e di Metaponto con le realtà dell‟immediato entroterra, favorendo la creazione di itinerari interni che valorizzino tutte le potenzialità culturali e paesaggististiche esistenti. In questa prospettiva si possono valorizzare le evidenze e i collegamenti storico-culturali tra le colonie greche costiere ed i siti indigeni, poi fortemente ellenizzati, presenti nei territori comunali di Tursi, Valsinni, S. Giorgio Lucano, Colobraro, Montalbano Jonico, Craco e Pisticci, ossia nell‟intero bacino territoriale attualmente interessato dal Progetto PIOT. L'altra linea propone, nella forma della mostra o evento, la presentazione della documentazione archeologica proveniente dagli interventi effettuati nel tempo lungo l'attuale strada ionica, da Nova Siri al fiume Bradano. Il nucleo prevalente sarà costituito dai Pagina 301 di 308


numerosi corredi funerari recuperati a seguito dell'ampliamento recente della Statale SS 106, che ha interessato la necropoli di Metaponto. Ma documenti significativi provengono dal resto del territorio agricolo metapontino e da tutta la fascia costiera. Con l'occasione sarà anche possibile riprendere vecchi rinvenimenti, come quello di Masseria del Concio di Policoro, monumento circolare a grossi blocchi squadrati della fase di Herakleia, o dello scavo di Cospito-Caserta a Policoro e della vicina necropoli orientale di Herakleia. Le mostre saranno localizzate, per comprensibili motivi di opportunità logistica nei due maggiori musei della costa ionica (Metaponto e Policoro), e prevedono l‟esposizione diretta di materiali prevalentemente inediti e la raccolta-presentazione della documentazione storica d‟archivio. L‟obiettivo condiviso è di coinvolgere nel progetto tutte le comunità dell‟area PIOT, attraverso il recupero e la valorizzazione delle realtà storicoculturali, oltre che naturali, presenti nell‟intero comprensorio, esaltandone gli aspetti più peculiari. Le testimonianze relative alla presenza romana nella Basilicata orientale sono ovviamente riconoscibili nei grandi parchi archeologici di Metaponto ed Herakleia-Policoro, ma sono anche ben rappresentate in complessi monumentali di particolare rilevanza architettonica, come Termitito di Scanzano Ionico, San Basilio di Pisticci e Cugno dei Vagni di Nova Siri. A lato di questi attrattori forti, esistono anche altre presenze in apparenza minori, ma ugualmente significative, che il progetto intende riprendere, collegare in un sistema unitario di lettura storica e promuovere. Museo nazionale di Metaponto: Allestimento espositivo dedicato alle realtà archeologiche della via litoranea, attuale SS 106 Jonica, con restauro di materiali, vetrine, ricostruzioni 3D, ricerca documentazione storica, catalogo, comunicazione, collaborazioni scientifiche ecc. Museo Nazionale di Policoro: Allestimento espositivo dedicato con maggiore attenzione alle vie interne al bacino del PIOT che si diramano dalla via litoranea ionica. Previsione di restauro di materiale archeologico, ricostruzioni 3D, ricerca documentazione storica, catalogo, collaborazioni scientifiche ecc. Segmenti delle due mostre documentarie, anche con ampliamenti e approfondimenti specifici, possono essere temporaneamente organizzati presso gli altri comuni dell‟area PIOT. Criteri di selezione Introduzione e diffusione dell‟uso di

L‟intervento sarà supportato da un‟efficace attività dell‟ufficio stampa che curerà una promozione ed una pubblicizzazione Pagina 302 di 308


nuove tecnologie dell‟informazione e della comunicazione

Qualità progettuale della proposta di promozione turistica

Dimensione nazionale ed internazionale dell‟Evento Ricorso a tecnologie innovative della comunicazione ed informazione

integrata delle varie attività. Particolare attenzione alle attività di quest‟intervento sarà dedicata dalle strutture wellness. Inoltre, l‟evento potrà essere ancor più caratterizzante se in esso verrà curata anche la promozione e la valorizzazione delle produzioni agricole ed enogastroniche locali attraverso studi e manifestazioni particolari improntate sulla loro permanenza ed evoluzione negli usi e costumi del posto. Le mostre ricostruiranno in maniera diacronica, attraverso i materiali, le tappe della frequentazione umana lungo l‟antico percorso litoraneo ionico, da sempre punto nodale negli scambi culturali del bacino del Mediterraneo, attraverso i porti o approdi di Metaponto ed Herakleia, e nei collegamenti con l'area pugliese a nord e con quella calabrese a sud. Successivamente si prevede di esportare fuori del territorio regionale i contenuti delle mostre. Concretamente le due mostre saranno legate all‟antica viabilità per presentare in maniera adeguata quella parte della documentazione archeologica che illustra le forme di occupazione del territorio in età antica ed in particolare in età romana La sua dimensione nazionale e sovranazionale si evince dalla natura e dalla portata stessa dell‟intervento. L‟evento avrà modo d‟inserirsi nei contenuti e nella veicolazione della card turistica o della password della piattaforma turistica online. Sarà auspicabile anche la creazione di un link nelle isole wireless.

Piano finanziario Costo totale € 102.000,00 dell‟operazione Contributo PO FESR 100% Cronogramma della 2010 spesa (ripartire 50% percentualmente)

2011 50%

2012 0%

2013

Pagina 303 di 308


Dettaglio SCHEDA n° ABS_6 CARTELLONE EVENTI TITOLO EVENTO Meraviglie di sabbia Heraclea Bike TRIBALARTE BEACH & FRUIT FESTIVAL TERRA DI SOLSTIZI JAZZ SOTTO LE STELLE EVENTO MODA MARCONIA ESTARTE DISEGNA UNA BELLEZZA FESTIVAL ETNICO

ENTE ATTUATORE COMUNITA' MONTANA B.S. COMUNITA' MONTANA B.S. COMUNITA' MONTANA B.S. COMUNITA' MONTANA B.S. COMUNITA' MONTANA B.S. COMUNITA' MONTANA B.S. COMUNITA' MONTANA B.S. COMUNITA' MONTANA B.S. COMUNITA' MONTANA B.S. COMUNE DI NOVA SIRI

VALORIZZAZIONE LA COSTA circuiti vitesse naturali potenzialità artistiche Castello Torre Mare COSTA E TRADIZIONI LIDI E COSTA MODA E ENTROTERRA SITI E POTENZIALITA' D'ARTE potenzialità artistiche potenzialità artistiche

TITOLO EVENTO Meraviglie di sabbia - Policoro TERRA DI SOLSTIZI

ENTE ATTUATORE COMUNITA' MONTANA B.S. COMUNITA' MONTANA B.S.

VALORIZZAZIONE LA COSTA COSTA E TRADIZIONI

TOTALE 2010 68.000,00 EURO

TOTALE 2011 35.000,00 EURO

CONTRIBUTO 2010 5.000,00 EURO 2.000,00 Euro 5.000,00 euro 2.000,00 euro 30.000,00 EURO 2.000,00 EURO 2.000,00 EURO 15.000,00 EURO 2.000,00 EURO 3.000,00 EURO CONTRIBUTO 2011 5.000,00 EURO 30.000,00 EURO

Pagina 304 di 308


Dettaglio Scheda ABS_ 4 GRANDI EVENTI

IMPORTO 2010

IMPORTO 2011

EVENTI LETTERARI ISABELLA MORRA ALBINO PIERRO

10.000,00 EURO 10.000,00 EURO

10.000,00 EURO 10.000,00 EURO

LOMONACO CARAFA

10.000,00 EURO 10.000,00 EURO

10.000,00 EURO 10.000,00 EURO

Comune di Valsinni Comune di Tursi Com. di Montalbano Com. di Colobraro

EVENTI CINEMATOGRAFICI CINEMA DAMARE LUCANIA FILM FEST. CINEMA CRACO

30.000,00 EURO 20.000,00 EURO 10.000,00 EURO

30.000,00 EURO 20.000,00 EURO 10.000,00 EURO

Com. Montana B.S. Comune di Pisticci Comune di Craco

EVENTI ENOGASTRONOMICI SAGRA ALBICOCCA DISTRETTO AGROA. WINE TOUR TERRA MIA SAPERI & SAPORI IPPOSALUTE

4.000,00 EURO 5.000,00 EURO 8.000,00 EURO 2.500,00 EURO 3.000,00 EURO 2.500,00 EURO

4.000,00 EURO 5.000,00 EURO 7.000,00 EURO 2.000,00 EURO 3.000,00 EURO 2.000,00 EURO

Com. Montana B.S. Com. Montana B.S. Com. Montana B.S. Com. Montana B.S. Com. Montana B.S. Com. Montana B.S.

IMPORTO 2012

ENTE ATTUATORE

Pagina 305 di 308


EVENTI MUSICALI BLUES IN TOWN ARGO JAZZ TOTALE

30.000,00 EURO 2.600,00 EURO 157.600,00 EURO

30.000,00 EURO 2.000,00 EURO 155.000,00 EURO

Com. Montana B.S. Com. Montana B.S.

Pagina 306 di 308


Pagina 307 di 308


Pagina 308 di 308

/Progetto_PIOTMetapontinoBS  

http://www.pofesr.basilicata.it/wp-content/uploads/downloads/2011/02/Progetto_PIOTMetapontinoBS.pdf

Advertisement