Page 1

PILASTRO  2:  Ambiente,  turismo  e  prodotti  dell'agricoltura     1.  Creazione  di  un  distretto  della  cultura-­‐turismo  e  della  agro-­‐gastronomia.  Le  priorita'  includono  il   potenziamento  di  un  turismo  multi-­‐attrattivo,  che  dipende  da  alcuni  fattori:       

accessibilita'  con  investimenti  in  infrastrutture  fisiche  soft   analisi,  selezione  e  visibilita'  delle  risorse  culturali,  fitness,  o  altro     investimenti  strategici  per  tradurre  le  risorse  culturali  e  naturali  in  proposte  attrattive   esplorare  le  capacita'  di  sviluppo  regionale  che  il  distretto  puo'  creare  grazie  a  dinamiche  di   filiera   far  crescere  l'imprenditorialita'  per  creare  nuovi  mercati  e  servizi  

  2.  Agganciare  il  turismo  della  Basilicata  al  turismo  Italiano  e  della  costa  amalfitana  in  particolare.   Creare   una   brand   per   la   regione   che   trasformi   svantaggi   in   vantaggi:   autenticita',   UNESCO,   perifericita',  ecc.   3.  Effettuare  uno  studio  volto  a  valutare  lo  stato  di  fatto,  tendenze  e  prospettive  del  settore  del   turismo  e  del  distretto  culturale.  Analisi  SWOT  e  selezione  di  iniziative  strategiche  per  agevolare  la   crescita,   con   scelte   anche   su   quale   turismo   (elite   o   no,   cultural   o   naturale),   su   quali   risorse   concentrarsi  e  su  quali  meccanismi  fare  leva.   4.  Sviluppo  di  tipologie  di  turismo  "verde"  e  gestione  sostenibile  delle  risorse  naturali   E'  importante  promuovere  forme  di  turismo  sostenibile  basate  sulla  corretta  fruizione  delle  risorse   ambientali.   A   ciò   si   perviene   tramite   l'implementazione   di   strategie   di   successo   tese   ad   una   corretto  sviluppo  ed  utilizzo  delle  risorse  naturali,  che  in  Basilicata  prevedono:   progetti   di   sviluppo   basati   sull'analisi   della   domanda   e   non   esclusivamente   sull'offerta   (l'analisi  dei  determinanti  della  domanda  turistico-­‐ricreativa  espressa  dai  visitatori  reali   e  potenziali  fornisce  informazioni  rilevanti  al  decisore  pubblico  e  consente  di  definire  in   modo  più  efficiente  le  politiche  di  marketing  e  la  fornitura  dei  servizi);    quantificazione   (non   parziale)   dei   flussi   di   visitatori   (istituzione   di   un   sistema   di   monitoraggio);    realizzazione   di   strategie   basate   sul   marchio   (comune   alle   istituzioni,   ad   es.   aree   protette)  e,  più  in  generale,  sulla  promozione  dell'integrazione.   5.  Potenziare  il  ruolo  dell'agricoltura  tra  multifunzionalità  e  produzione  tradizionale.     

Nell'ambito  della  riforma  della  PAC  (greening  -­‐  pagamento  verde)  (2014-­‐2020)  vanno  perseguiti  e   sviluppati  due  aspetti  cruciali:     



compensare   adeguatamente   gli   agricoltori   per   le   esternalità   positive   che   forniscono   alla   società  nell'ambito  delle  produzioni  tradizionali.  Tra  le  modalità  operative:  introduzione  di   Pagamenti  di  Servizi  Ambientali  (Payments  for  Environmental  Services,  PES)   definire   meccanismi   innovativi   di   mercato   per   trasformare   la   conservazione   delle   risorse   naturali   da   meri   costi   e   opportunità   economiche   di   reddito.   Tra   le   modalità   operative:   strategie  di  mercato  basate  sulla  certificazione  dei  prodotti.  

6.  Rafforzare  la  collaborazione  con  i  centri  di  ricerca  e  l'università:   

investigare   meccanismi   di   gestione   ottimale   delle   risorse   naturali   (es.   processi   di   riciclo   e   riutilizzo)  e  l'individuazione  di  tariffe  ottimali  (es.  acqua).  


Pillar2_IT  

http://www.pofesr.basilicata.it/wp-content/uploads/downloads/2013/03/Pillar2_IT.pdf

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you