Page 1

PALAZZO VISTARINO controluce OpenWall


per

palazzo vistarino

CONTROLUCE


L'allestimento


ph.credits Plano


ph.credits Plano


ph.credits Plano


ph.credits Andrea Belloni


ph.credits Plano


ph.credits Plano


ph.credits Plano


ph.credits Plano


ph.credits Andrea Belloni


ph.credits Plano


ph.credits Plano


ph.credits Plano


ph.credits Plano


PALAZZO VISTARINO


Palazzo Bellisomi-Vistarino è una residenza nobiliare di origine settecentesca, affacciata sul fiume Ticino, nel cuore di Pavia. Una vera e propria “villa delle delizie”, con sale affrescate, spazi per la musica, la lettura e la conversazione, con parco, belvedere, cappella e scuderie. La costruzione del palazzo fu voluta da Gaetano Annibale Bellisomi, aristocratico pavese, che, intorno alla metà del Settecento, la affidò all’architetto milanese Francesco Croce. A dimostrazione dei suoi versatili interessi, il Bellisomi volle che la residenza comprendesse una biblioteca, un museo antiquario e scientifico e una wunderkammer con collezioni naturalistiche. Il palazzo occupa una superficie di 5600 mq. E’ tra gli esempi più importanti del barocchetto lombardo e, grazie all’affaccio dal belvedere e al parco, propone un felice dialogo tra la città e il fiume. Nell’Ottocento, l’edificio fu acquistato dai Conti di Vistarino che lo rinnovarono significativamente, determinando quella sovrapposizione di stili, il settecento e l’ottocento, che costituisce una delle peculiarità del palazzo.


ph.credits Marco Morandotti


ph.credits Andrea Belloni


ph.credits Andrea Belloni


ph.credits Marco Morandotti


ph.credits Marco Morandotti


ph.credits Marco Morandotti


ph.credits Marco Morandotti


ph.credits Andrea Belloni


ph.credits Andrea Belloni


ph.credits Andrea Belloni


ph.credits Marco Morandotti


ph.credits Marco Morandotti


ph.credits Andrea Belloni


Le immagini esposte


Marco Morandotti Ingegnere, docente di Architettura Tecnica presso l’Università degli Studi di Pavia. Presidente del Corso di Laurea in ingegneria Edile e Architettura, Diretttore del Centro interdipartimentale di ricerca sulla conservazione del patrimonio culturale (CISRIC) e vice presidente del centro interdipartimentale per la cooperazione nei paesi in via di sviluppo (CICOPS). Sviluppa attività di ricerca e didattica nel campo delle tecniche costruttive tradizionali e innovative, applicate al progetto di nuove architetture e al recupero dell’esistente. Uno dei temi sui quali ha sviluppato una specifica attività di ricerca applicata riguarda la progettazione sostenibile nei paesi in via di sviluppo e nel global south, tra cui in particolare Colombia, Costa d’Avorio e Kenia.


Andrea Belloni Andrea Belloni (Pavia, 1985), consegue nel 2005 la maturità scientifica ed in seguito frequenta l’Istituto Italiano di Fotografia a Milano.
 Parallelamente al percorso di studi riguardanti la fotografia frequenta l’università e intraprende l’attività di fotografo come libero professionista senza mai mettere in secondo piano lo sviluppo di progetti personali. Cura e crea, infatti, diversi lavori che verranno esposti all’interno di varie mostre e rassegne fotografiche come: “Europhoto Festival, Invisibili ad occhio nudo”; “Cerchi di circo”;“Faccia a Faccia”; “Fotografie in biblioteca”; “24 Ore”; “Notte Europea dei Musei”; “Proiezioni fotografiche”; “Festa del Ticino”; “La bellezza del tempo”; “Visti da noi”.
 Tra il 2010 ed il 2013 organizza e tiene diversi corsi e conferenze sulla fotografia.
Dal 2012 cura la parte fotografica e di postproduzione di alcuni libri di ricette, la cui creazione è promossa da AINS onlus, intitolati: ‘Con un poco di zucchero’, ‘…E ora pasta!’, ‘Siamo al verde’ (Pime Editrice).
Da Gennaio 2014 lavora come fotografo professionista presso ‘Indicod-Ecr’ all’interno del progetto ‘Imagino’.


Giuseppe Brusa Giuseppe Brusa (Pavia 1960) cresce in borgo, quartiere popolare a ridosso del fiume Ticino. Da subito sviluppa una grande affezione per il fiume, cui dedica gran parte del suo tempo libero. All’inizio degli anni ’80 matura l’interesse per la fotografia, i suoi primi scatti sono dovuti ad una macchina Olympus che gli consente di fermare nel tempo la natura rigogliosa ed eclatante delle sponde e delle acque del Ticino. Autodidatta e appassionato, coltiva con impegno e dedizione la sua passione e con il passaggio al digitale nel 2006 intensifica sempre più l’attività fotografica dedicata al paesaggio. Ad oggi annovera moltissime esposizioni sia personali che collettive oltre alla pubblicazione del libro “Luci sul fiume Ticino” edito nel 2011 da Pime editrice.


L’allestimento della mostra Sovraesposti è realizzato con il sistema modulare OpenWall. I moduli di legno e metallo OpenWall permettono di costruire pareti ed oggetti d’arredo personalizzandoli con contenuti tecnologici ed artistici. OpenWall è un progetto plano design, marchio di mtp arredamenti.

www.openwall.it

Sistema OpenWall


Editoria per l’arte

mtp spazio www.plano-design.com www.plano-storie.com www.plano-video.com info@plano-design.com

viale Brambilla 40 27100 Pavia (PV) tel. 0382 527969 info@mtp-arredamenti.it


Sistema OpenWall | Palazzo Vistarino - Controluce  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you