Page 1

1

Notiziario annuale del Santuario di San Cataldo in Supino Edizione XLVI - Marzo 2010

Fondato da: Mons. Fausto Schietroma Edito a cura del: Comitato Festeggiamenti San Cataldo / Centro Culturale Cataldino indirizzo sito web: www.sancataldosupino.it


2

3

Indice

del Santuario di San Cataldo in Supino · Edizione XLVI - Marzo 2010

Saluto Direttivo 2010-2013 · Soci Onorari 2009 · Collaboratori · Soci Fondatori ..........4 La Confraternita degli Incollatori ................................................................................................................5 Soci Ordinari 2008 .................................................................................................................................................6 Soci Junior 2009 ......................................................................................................................................................10 Il Saluto del Rettore ...............................................................................................................................................11 Il Saluto del Direttivo ..........................................................................................................................................12 Il nostro grazie a S.E. Mons. Ambrogio Spreafico ..............................................................................13 Cronache Cataldine ...............................................................................................................................................14 Giornata del Ringraziamento. Festa del Socio ......................................................................................21 Santiago 2009 ...........................................................................................................................................................23 Offerenti ........................................................................................................................................................................27 Antichi forni a Supino ..........................................................................................................................................37 “Le Ortelle” ..................................................................................................................................................................41 San Cataldo, tra libri, Storia e tradizioni ...............................................................................................43 Passeggiando per Supino (Alla ricerca dei simboli) ...........................................................................................45 Recensione · L’enciclica sociale di Benedetto XVI ..............................................................................47 Notizie Flash ............................................................................................................................................................48 Alla ricerca delle origini: San Cataldo di Taranto e dintorni ....................................................53 La devozione degli Anagnini a San Cataldo .........................................................................................56 Anagrafe del Comune di Supino ......................................................................................................................57 Come arrivare a Supino ........................................................................................................................................62 Diario Liturgico e Numeri Utili ....................................................................................................................63


4

5

Direttivo 2010-2013 Amministratore parrocchiale Rettore del santuario:

La Confraternita degli Incollatori Responsabile della sicurezza: Gianfranco Bonanni

Don Antonino Boni

Presidente:

Responsabile relazioni con le comunità devote a San Cataldo:

Stefano Bompiani

Luigi Cerilli

Paolo Bonome

Collaboratori

Vice presidente vicario: Vice presidente: Filippo Corsi

Segretaria:

Chiara Foglietta

Cassiere:

Francesca Caprara

Responsabile questua: Pasquale Colapietro

Addetto alla logistica: Umberto Cerilli

Responsabile spettacoli ed attività ricreative: Giorgio Pacifici

Responsabile coordinamento: Antonio Giacinto Boni

Responsabile relazioni con le Istituzioni: Amerigo Grossi

Daniele Bianchi Fasani Delfino Boni Carlo Marchesini Domenico Santia Domenico Tomei

Soci Fondatori Antonio AGOSTINI Luigi BIANCHI FASANI Antonio BONI Guglielmo CASALI Andrea CORBELLI Euclide FOGLIETTA Cleto MANCINI Loreto NICHILO’ Giovanni SCHIETROMA Oscar ZUCCARO

+ 1984 + 1998 + 1985 + 2004 + 1980 + 2002 + 1999 + 1992

Soci Onorari 2009 AGOSTINI ALESSANDRINI ALESSANDRINI BARLETTA BARLETTA BONI BONI BONI BONOME CAPRARA CECCARELLI CORBELLI FOGLIETTA

ANTONIO ALCESTE MASSIMO CAV. DANTE GIULIO DANIELE DOTT. MARCO ANTONIO GIACINTO CAMILLO CARMINE LUIGINA ANGELO ON.ALESSANDRO

FRACASSA MANCINI MONTINI NARDECCHIA PERUZZI SCHIETROMA SCHIETROMA SIGNORELLI TOMEI TORRIERO VESPAZIANI VOLPONI ZUCCARO

FRANCESCO PACIFICI GIAMPIERO FABRIZIO DOTT. GIANFRANCO GIUSEPPE ON. AVV. GIANFRANCO UFF. GIUSEPPE SEN. PROF. FERDINANDO ANTONIO DOTT. ANTONIO CAV. ELIGIO ON.DOTT. ALBERTO CAV. OSCAR

Anno 2009 · Responsabili della Confraternita: Antonio Giacinto BONI e Marco BONI AGOSTINI AGOSTINI AGOSTINI AGOSTINI ALESSANDRINI ARDUINI BASILE BERNARDI BERNOLA BERNOLA BONDATTI BONI BONI CACCIOTTI CAPRARA CARTA CERILLI CERILLI CERILLI CERILLI CERILLI CERILLI CERILLI CERILLI COLAIAQUO COLETTA CORSI CORSI D'ALESSANDRIS DE SANTIS DE SANTIS DE SANTIS DI MARIO

Aurelio Danilo Giancarlo Guerino Lorenzo Gianbattista Luigi Fabrizio Angelo Giulio Albino Alessandro Stefano Paolo Aurelio Luigi Adelfio Angelino Angelo Cataldo Fabrizio Gianni Giuseppe Simone Sebastiano Mario Filippo Vittorio Luigi Gino Mattia Danilo Vittorio

EGIDI Filippo FOGGIA Giorgio GISMONDI Federico GISMONDI Luigi IORI Erminio LIBURDI Felicetto MALIZIOLA Thomas MANSUETI Loris MARTINI Mario MASTROFRANCESCO Umberto MORGIA Luca ONORI Oreste PALITTI Augusto PALITTI Giuseppe PALITTI Natalino PECORILLI Marco PERFETTI Luca ROMIRI Michele ROSSI Filippo ROSSINI Gianfranco SPELTA Rocco SPELTA Antony SPELTA Emanuele TENNENINI Pietro TIPUSI Federico TOMEI Antonio TOMEI Cataldo TOMEI Marco TOMEI Sergio TOSELLI Giuseppe TUCCI Giuseppe VALLETTA Vittorio ZANGRILLI Bernardino


6

7

Soci Ordinari 2008 Adragna Agostini Agostini Agostini Agostini Alessandrini Alessandrini Arduini Arduini Arduini Aurenci Bachis Bagorda Bailonni Bailonni Barletta Barletta Barletta Barletta Battisti Benedetti Bernardi

Giacomo Erminio Francesco Roberto Santino Pietro Stefania Domenico Luca Giuseppe Vittorio Ferdinando Giacomo Giovanni Massimo Antonio Cataldo Gianfranco Giuseppe Emilio Junior Roberto Vittorio

Via Privito, 12 Via La Selce Via IV Novembre Via La Selce Via Selce Via S. Anna, 50 Via IV Novembre Via Ortelle Via Calvone, 6 Viale R. Margherita, 128 Via Selvotta, 27 Via P. Sommariva, 70 RM Via Condotto Vecchio, 30/A Via La Mola Via Farneto Via La Mola Via dei Notari 824 Viale Regina Margherita Via Colle Rosa Viale Regina Margherita Via La Quercia

Bernardi Bernola Bernola Bernola Bianchi Bizzarri Bottacin Bompiani Bonanni Bonanni Bonanni Bonanni Bonanni Boni Boni Boni Boni Boni Boni Boni Boni Boni Boni Bonome Bonome Bonome Bonome

Renata Angelo Giancarlo Mario Fasani Rita Loredana Stefano Lorena Gianfranco Giovanni Mario Vincenzo Antonio G. Clemente Delfino Don Antonino Elide Erminio Franco Guerrino Mario Guerrino Luca Paolo Giovanni Giuseppe

Via dei Notari Via Fagiona Alta Via La Quercia Via Farneto Via Piagge Viale R. Margherita P.zza San Pietro, 1 Via Polvino Via S. Anna, 04 Via Sotto Privito Via Polvino U.S.A. Via Casenuove USA Via Madonna di Loreto Piazza San Nicola Frosinone Via Roma, 21 Via Selce, 6 Via Selvotta, 21 Toronto Via Cap. Balduino Viale Regina Margherita Via La Mola, 203 Viale Regina Margherita Viale Regina Margherita

Borgetti Borgetti Bronzini Bufalini Bufalini Bufalini Buonpane Cacciotti Caprara Caprara Caprara Caprara Caprara Caprara Caprara Caprara Caprara Caratelli Casali Cellini Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli

Clementina Geltrude Gianluca Laura Lucilla Raul Maria Aldo Alfredo Aurelio Emilia Francesca Olfango Oliva Oscar Sandra Vittorio Teresa Ida Antonella Angelo Anna Cataldo Cataldo Domenico Erasmo

Via Farneto, 84 Via Sotto Privito Via Ortelle, 105 Viale Regina Margherita Viale Regina Margherita Via Orione, 3 Via La Mola Viale Regina Margherita, 71 Via La Mola, 50 Via La Quercia, 33 Viale Regina Margherita, 151 Via Ortelle Via Calvone, 1 Via IV Novembre Via Collerosa, 3 V.le Mazzini, 97 Fr Casalpusterlengo Mi Via G. Marconi, 32 Via Madonna di Loreto V.le Regina Margherita, 93 Via Sant'Anna, 43 Via D'Italia, 26 Via Rauccia Via Sant'Anna Via D'Italia, 40 Via Ortelle

Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cesaretti Ciampini Ciaschi Cibba Cofani Colapietro Colapietro Coletta Coletta Corsi Corsi Corsi Corsi Corsi Corsi Corsi Corsi Corsi Corsi

Giuseppe Luigi (Gigino) Massimo Pierpaolo Bruno Simone Umberto Massimo Ulisse Roberto Alberto Ezio Alessandra Pasquale Silvano Vittorio Alfredo Antonio Antonio Bruno Delia Elda Emilia Filippo Francesco Ubaldo

Via Madonna di Loreto P.zza Umberto I, 11 Via Sant'Anna, 38 Via D'Italia, 40 Viale Regina Margherita Via Sant'Anna, 43 Via Farneto Via La Mola Via Mola Piperno Via Madonna di Loreto Via La Quercia Via Villetta Via Ortelle Via Ortelle, 82 Via La Mola, 37 Via Farneto, 26 Via Ponte la Stanza Via La Mola Via Selce Via La Mola, 199 Via Condotto Vecchio, 30/A Montreal Via dei Notari 03019 Via Sant'Anna, 98 Via Privito Viale Regina Margherita


8 Crescenzi Curti D'Alessandris D'Alessandris D'Alessandris De Castro De Paolis De Santis Del Brocco Farmacia Fascetti Ferrante Ferrante Fiaschetti Foggia Foglietta Foglietta Foglietta Fracassa Fratangeli Fratangeli Gianfelice Giorgi Giovannone Gismondi Gismondi

9 Luigi Mario Tarcisio Gianpaolo Luigi Nicola Italia Giuseppe Vincenzo Rama Antonio Armando Raniero Luigi Silvestro Chiara Euclide Francesco Antonio Daniele Gerardina Lucio Cataldo Luca Renato Romeo

Via La Mola, 8 Via G. Marconi, 42 Viale Regina Margherita, 47 Via La Quercia, 56 Via Ortelle, 64 Via Capitano Baldovino, 19 Via Casenuove, 5 Via Piagge Via Farneto, 65 Piazza Umberto I Via La Mola Via Calvone, 18 Via Morolense 03019 Viale Regina Margherita Via Ortelle, 65 Piazza San Pietro, 3 Piazza San Pietro, 3 Piazza San Pietro, 3 Viale Regina Margherita Via Sterpare Via Miserangelo Via Calvone, 1 Via Calvone, 34 Via IV Novembre Via Conella, 5 Via Farneto, 78

Gismondi Grossi Grossi Iacobucci Iacobucci Iacobucci IESAT SNC Iori La Bella La Bella Lo Vallo Maione Mancini Marchioni Marchioni Marchioni Corsi Marocco Marocco Marocco Marocco Marocco Marocco Marocco Martini Martini

Sabina Amerigo Serafino Anna Beniamino Emilio E. Agostini Lorenzo Andrea Bruno e Rita Leonardo Francesco Franco Alessandra Giovanni Franco Marisa Annamaria Cataldina Costante Gianfranco Massimo Renato Vincenzo Alberto Elisabetta

Via Casenuove Via Sterpare Via Calvone Viale Regina Margherita, 37 Via Calvone, 1 Via della Pisana, 370 RM Via Morolense, 6 Via Villetta Via Selvotta Via Selvotta Via Sterpare Via Selvotta, 15 Viale Regina Margherita, 6 Piazza San Pietro, 3 Via delle Palme Vancouver Canada Vancouver Canada Via Piagge, 42 Via La Mola, 203 Via Selvotta, 7 Via Piagge Via dei Notari Via La Mola, 174 Via Condotto Vecchio, 35 Via Colli, 22 Via Farneto, 23

Martini Mario Martini Roberto Martini Sergio Mascellino Mariano Mastrofrancesco Giancarlo Mastrofrancesco Giuseppe Ezio Menta Morgia Luca Nalli Ulisse Nardecchia Giuseppe Nichilò Arcangelo Nichilò Valeria Nichilò Giovanni Nichilò Loreto Nirchi Santino Pacifici Giorgio Paglia Piacentino Palazzi Danilo Palazzi Egidio Palazzi Lina Vegliemo Palazzi Teresa Palitti Gianfranco Palitti Giuseppe Palitti Tonino Palmigiani Pasquale Paluzzi Nicola

Via Casenuove, 1 Via La Mola Via Madonna di Loreto Via Selce, 4 Via Rimalle, 172 Via Polvino Via Madonna di Loreto Via Collerosa, 5 Via Condotto Vecchio, 28 Viale Regina Margherita Via Farneto, 27 Via Farneto, 84 Viale Regina Margherita Via Polvino Via Selvotta Via La Mola, 245 Via Sotto Privito, 13 Via Selvotta, 40 Via Calvone, 42 Via Rivolta, 2 Via Gelsi Via Ponte La Stanza, 1 Via Madonna di Loreto

Paluzzi Enrico Paluzzi Giovannina Paluzzi Joseph Paluzzi Mimia Panici Sandro Paparella Martina Marco Pecorilli Perifi Giuseppe Perifi Vittorio Peruzzi Dante Peruzzi Francesco Peruzzi Giuseppe Peruzzi Massimo Peruzzi Renzo Peruzzi Silvano Petrucci Antonio Petrucci Luca Piccolo Gianluca Pietrandrea Roberto Piroli Domenico Piroli Riccardo Piroli Simona Piroli Giovanni Piroli Pierino Pizzeria Fabiola e Roberto Pizziconi Carlo Alberto

Via Capitano Baldovino, 49 Via Case Nuove Boston USA Boston USA Via La Quercia Via Capitano Balduino Via La Mola Via dei Notari Via Ortelle, 2 Via S. Anna, 39 Via Sant'Anna Via Sant'Anna Via Sant'Anna Via Morolense Toronto Via Collerosa, 48 Via dell'aeroporto, 3 LT Borgo Sabotino LT Viale Regina Margherita, 133 Via Calvone, 9 Viale Regina Margherita, 71 Via Calvone, 9 Viale Regina Margherita Via Calvone, 36 Viale Regina Margherita


10 Pizziconi Luigi Proietti Fernando Quafisi Anna Querqui Cataldo Ricci Livio Ricci Rosalba Alberto Romiri Romiri Michele Ruzza Ivo Sagone Francesco Santia Domenico Savelloni Domenico Scalisi Salvatore Scelza Italo Schietroma Fabio Schietroma Emilio Schietroma Giuseppe Schietroma Maria Rosaria Schietroma Massimo Schietroma Tonino Scilinguo Pierluigi Scotti Tommaso Sellari Lina Semplici Francesco Seraschi Giuseppe SM3 Srl Analisi Cliniche e Microbiologiche Spaziani Luigi Spelta Dario Sporting Club Selvotta Straqualursi Alfio Tarconi Carlo Tarconi Enzo Terenzi Giovanni Terenzi Manuel Tomei Armando Tomei Cataldo Tomei Cataldo Tomei Roberto Tornincasa Nando Toselli Sergio Tucci Dino Tucci Giuseppe Valletta Vittorio

11 Via Selvotta, 19 Via Stazione Supino Via del Monte Via La Quercia Via Selce Via Selce Via La Mola, 239 Via La Mola, 243 Via la Mola Via Privito, 12 Via Piagge Via La Mola Via Sant'Anna, 36 Via Polvino Via G. Marconi Via dei Notari Via Aonio Paleario, 8 Patrica Via Sant'Anna Roma Via La Mola Via G. Marconi Via Sterpare Via Selvotta, 21 Via La Quercia Viale Regina Margherita

Venditti Vespaziani Vespaziani Vespaziani Vespaziani Vespaziani Vespaziani Vitesi Zuccaro Zuccaro Zuccaro Zuccaro Zuccaro Zuccaro Zuccaro Zuccaro Zuccaro

Via Morolense, 20 Via Ortelle Via Farneto, 20 Via Selvotta Via Casale Via La Mola Via Sant'Anna, 26 Via La Selva Via La Selva Loc Tomacella Patrica Via Farneto, 106 Via Calvone, 4 Via Farneto, 16 Via Selvotta, 25 Via Selce, 2 Via Gelsi Via Sterpare Via Sterpare, 16

Agostini Alessandrini Boni Boni Boni Boni

Pasquale Via Selce, 10 Donatella Via La Mola, 57 Emilio Via Selvotta, 38 Maria Angelina Via S. Anna, 37 Renzo Via La Mola, 80 Rosamaria Via Grotticella Antonello Via America Latina, 375 Vittorio Via Collerosa Anna Piazzale Kennedy Enrico Via Piagge Cataldo Via S. Anna, 35 Ennio Via Farneto, 36 Giorgio Via Sotto Privito Giovanni Via Morolense Maurizio Via Morolense, 55 Sabatino Via Sant'Anna, 32 Sergio Toronto

Soci Junior 2009 Melissa Chiara Giorgia Italo Luca Riccardo

Via La Selce Piazzale Kennedy Viale R. Margherita, 151 Via Casenuove Viale R. Margherita, 151 Via Casenuove

Il Saluto del Rettore

Il notiziario di San Cataldo si presenta puntuale secondo una consuetudine ormai affermata, attesa, apprezzata e amata. Serve a tenere viva la devozione al Santo per più conoscerlo e amarlo. Ci aiuta anche a raccontarci e a tramandarci le grandi e piccole storie del nostro paese. A questo proposito s’invitano a collaborare alla sua stesura quanti lo desiderano per rendere le sue pagine sempre nuove, attraenti e preziose. E proprio, in apertura, dopo i saluti cordialissimi a tutti i supinesi vicini e lontani, ci preme affermare che, anche nell’anno passato, si è lavorato alacremente per mantenere viva la devozione a S. Cataldo, rispettando più scrupolosamente gli avvenimenti più salienti, partendo dalla festa dell’8 Marzo all’appuntamento, quanto mai solenne dei giorni 9 e 10 Maggio, fino all’ultimo sabato di Giugno, quando il nostro Santo è ritornato, tra l’acclamazione commossa e festante di tutti i fedeli, nella sua sede abituale, in alto ma non lontano, nel Paradiso di Dio, ma anche, come sempre, in mezzo a noi. E quando tutto va bene, è giusto dire grazie. Ora un grazie speciale va al Presidente uscente, il dott. Marco Boni, il quale, dopo nove anni ininterrotti, spesi indefessamente con competenza ed entusiasmo, ha passato il testimone ad altri. Marco lascia un eredità ricca, fatta di tradizione scrupolosamente rispettata, consolidata altresì da una devozione al Santo viva e addirittura ampiamente allargata ad altre realtà dove San Cataldo è amato e venerato, basti ricordare a tale proposito, il gemellaggio fortunato con Cirò Marina, le visite sempre commoventi al Santo nella città di Taranto e i nuovi rapporti di amicizia e di fede stabiliti con gli amici di Roccaromana, di Corato e di S. Columbano al Lambro. E’ chiaro che con lui ringraziamo altresì cordialmente i suoi più stretti collaboratori, che lo hanno sostenuto in un’impresa senz’altro entusiasmante anche se, spesso, molto difficile. I Comitati passano non l’Istituzioni e tanto meno può passare la devozione a S. Cataldo. Ora, nel rispetto della regola dell’avvicendamento, anche secondo lo Statuto, nel solco della tradizione, dopo regolari elezioni e con l’approvazione del Rettore del Santuario, è stato scelto il Nuovo Direttivo del Comitato Festeggiamenti e il nuovo Presidente nella persona del giovane dott. Stefano Bompiani. A lui e ai suoi più stretti collaboratori va il saluto affettuoso e l’augurio quanto mai cordiale per il lavoro, e, diciamo pure, per l’impresa che li attende. Siamo certi che continueranno a percorrere il cammino di sempre, ricalcando le orme tracciate, con vera saggezza e con tanta prudenza dai predecessori. Quel che veramente importa è che dovranno risplendere sempre la devozione sincera al Santo e alle sue feste belle e gioiose. Ai nuovi eletti diciamo subito grazie e promettiamo l’appoggio più incondizionato. A tutti i devoti, ovunque si trovino, favori e grazie da S. Cataldo Vescovo. Don

Antonio Boni


12

13

Il Presidente Stefano Bompiani

Il Saluto del Direttivo Cari amici, sono grato per la fiducia che mi avete accordato, e memore del lavoro svolto da chi mi ha preceduto, spero di poter portare avanti con la stessa dedizione i tanti progetti cari a me, al rettore Don Antonino Boni, al direttivo e all’intera comunità di supinesi. L’apprezzamento dimostrato da molti lettori nei confronti del notiziario di San Cataldo rappresenta motivo di soddisfazione e d’incoraggiamento a continuare sulla stessa strada, cercando di migliorare il lavoro svolto. La nostra fede, l’impegno e le nostre energie ci spingono a guardare al futuro con l’obiettivo di valorizzare e promuovere il culto e la festa di San Cataldo oltre i confini della nostra regione, senza mai dimenticare la storia, la cultura e le tradizioni ovvero la nostra identità. Un caro saluto a voi tutti attraverso il pensiero di Sant’Anselmo di Canterbury:

“La fede è la fiaccola che illumina il nostro cammino, la ragione lo percorre”.

Il nostro grazie a S.E. Mons. Ambrogio Spreafico “Il Signore è il mio pastore: non manco di nulla; su pascoli erbosi mi fa riposare, ad acque tranquille mi conduce. Mi rinfranca, mi guida per il giusto cammino, per amore del suo nome.” (Salmo22, 1-3) E' per noi motivo di grande orgoglio avere come Guida della nostra Diocesi il Vescovo Mons. Ambrogio Spreafico. Egli è come Gesù, il buon pastore, conosce noi, sue umili pecorelle, e, riesce a condurci con la forza della sua parola e con amabile e paterna egida verso “acque tranquille facendoci riposare su pascoli erbosi”. Ma soprattutto sentiamo la sua vicinanaza “in cataldinibus rebus”, ovvero nella preparazione e nella conduzione della festa di San Cataldo Vescovo. Preziosi sono i suoi consigli e tutti i suggerimenti che con infinito amore prodiga per la realizzazione della grande e amata Festa del nostro Santo Vescovo Cataldo. Per questo, a Mons. Spreafico la nostra filiale gratitudine e tutto il nostro affetto.


14

15

di Gloria Rossi

Cronache Cataldine “...Scorsero i giorni, anche le notti; e il vento soffio’ piu’ forte, e si levò la luna...” L’alternarsi inevitabile del giorno e della notte, il passare incessante delle giornate fa sì che il sole e la luna compaiano sulle nostre teste centinaia di volte, alternando sul loro sfondo cieli tersi o limpidi, e immergendosi tra stagioni calde e fredde; eppure ogni anno, la stessa luna che si levò nei versi di Pascoli, brilla nella notte più bella, quando : “ …destò la luna i languidi sbadigli degli altri: a lei si rifletté su gli occhi umidi e lustri sotto i curvi cigli…”.

“Che torbida notte di marzo! Ma che mattinata tranquilla! che cielo pulito! che sfarzo di perle! Ogni stelo, una stilla che ride: sorriso che brilla su lunghe parole…” L’8 marzo, primo appuntamento della ricorrenza cataldina, ha avuto inizio con la S. Messa, celebrata nella mattinata nella Chiesa di S. Maria M a g g i o re . Successivamente, nel pomeriggio, precedentemente alla Processione del S. Braccio, si è voluto, dietro invito della Proloco, in ricorrenza della Festa della Donna, benedire le mimose distribuite alle signore presenti. Si è poi giunti nella Chiesa di S. Pietro Apostolo, in cui il Rettore Don Antonino Boni ha celebrato la Messa e, una volta terminata, il Braccio ha ripercorso a ritroso la strada che lo ha riportato a S. Maria Maggiore. La processione, è bene ricordarlo, come ogni

anno, è stata accompagnata dalla Banda Musicale di Supino, diretta dal M ° Rossini.

“Maria, tu sei apparsa a Bernadette nella fenditura di questa roccia. Nel freddo e nel buio dell’inverno, hai fatto sentire il calore di una presenza,la luce e la bellezza…” Preghiera a Nostra Signora di Lourdes Il primo maggio è stata celebrata la Messa nella Chiesa di S. Pietro, con successivo saluto alla Madonna di Lourdes. La graziosa statua è situata a pochi passi dall’uscita del Santo luogo, in un piccolo giardino, dentro una parete rocciosa, come a riprodurre lo scenario di Lourdes. Contornata da freschi boccioli di rose e da fiori posti dai fedeli, è un piccolo luogo di preghiera per coloro che non possono recarsi nell’importante paese di pellegrinaggio francese.

“…ascolta novelle e ragioni da bocche celate nell’ombra, ai cantoni…” Il due maggio, gli alunni della scuola elementare D. Zuccaro, hanno voluto rendere omaggio a S. Cataldo, recitando poesie e scrivendo brevi pensieri sulla ricorrenza del dieci maggio. Nel pomeriggio è poi avvenuta la rituale celebrazione della Messa nella Chiesa di S. Maria.


16

17

Il tre maggio dopo la S. Messa ha avuto seguito la “Via Crucis”, la quale è partita dalla Chiesa di S. Sebastiano, è passata per il corso principale V.le Regina Margherita, ed è salita per Via Roma, arrivando fin su al Santuario.

“Si parte ch’è ora, né giorno, sbarrando le vane pupille; si parte tra un murmure intorno di piccole stille…” Il sei maggio, gli emigranti hanno fatto ritorno nella loro terra, insieme ai loro cari e hanno voluto, come tradizione, rendere omaggio alla statua dei caduti, sita in P.zza Umberto I. Hanno assistito alla celebrazione della Messa e in seguito assaporato i profumi ciociari, grazie ad un rinfresco organizzato dal Comitato festeggiamenti.

“E i bimbi cercavano in festa, talora con grido giulivo, le tremule mani e la testa che avevano solo di vivo quel povero sì” Il sette maggio si è voluto ricordare, attraverso una Messa nel cimitero, i nostri cari defunti, per poi rivolgersi anche a coloro che soffrono: i malati, i quali si sono recati nella Chiesa di S. Pietro, per assistere ad una ulteriore celebrazione.

“When I find myself in times of trouble /Mother Mary comes to me /Speaking words of wisdom, let it be.” ( Let it be – Beatles) L’otto maggio, entrando nel vivo della manifestazione laica, si è svolto lo spettacolo degli Apple Pies: Beatles Tribute Band.

“Quando apparisce l'oro nel grano/col verdolino nuovo dei tralci,/e già nell'ore d'ozio

il villano/sopra una pietra batte le falci;/dall'aie, dalle prode, dal fimo /che vaporando sente la state,/voi con la gioia del canto primo,/primi galletti, tutti cantate” Nel bel mezzo della notte, sono partiti i cortei dalle campagne di Supino, per raggiungere il Santuario ed assistere alla “Cacciata del Santo”. I giovani sono soliti accompagnarsi tutti insieme in quella che viene definita la veglia, per poi recarsi in gruppo verso la Chiesa; mentre gli adulti e gli anziani, con i loro piccoli figlioli sintonizzano le sveglie, per essere pronti ad incamminarsi verso il Santo, per le tre di notte. Alle ore quattro, gli spari che si alzano nel cielo annunciano la cacciata, e gli “Evviva S.Catallo”, risuonano come un eco che si sparge anche tra coloro che si trovano nelle loro abitazioni. Poi vi è la conseguente esposizione della Statua e, tutti in fila, sono pronti per baciare il piede del Santo ed attendere la Messa, celebrata da Don Antonino.


18

19

Nel pomeriggio, si partecipa alla Processione che porta la Reliquia del Braccio dalla Chiesa di S.Maria al Santuario di S.Pietro, sempre accompagnati dalla Banda musicale di Supino.

“tutti i bambini fanno \"oh\" /dammi la mano /perchè mi lasci solo, /sai che da soli non si può, /senza qualcuno, /nessuno /può diventare un uomo” I bambini fanno oh Nella serata, quest’anno, è salito sul palco il cantante Povia, secondo classificato nella kermesse sanremese, il quale ha riscontrato un buon pubblico ad attenderlo.

“Si trova al nativo villaggio,vi ritrova quello che c'era:l'odore di mesi-di-maggio buon odor di rose e di cera” Il dieci maggio è finalmente arrivato. Di buon’ora si spalancano le porte di S.Pietro ed iniziano le cerimonie liturgiche con Confessione. Alle ore dieci si attende l’arrivo del Vescovo Spreafico, il quale presiederà la S.Messa, mentre le vie del paese incominciano a pullulare di pellegrini. Ai bordi delle strade centinaia di persone incominciano a scegliere il cantone da dove guarderanno la Processione, mentre altrettanti cercheranno spazio davanti il piazzale della Chiesa; per poter ascoltare la S.Messa e poi mettersi in fila per seguire la macchina processionale lungo le vie di Supino. L’aria è come se si impregnasse di magnetica attrattiva verso questa cerimonia, anche per coloro che non sono credenti, come se ci fosse qualcosa di divino che scende sulla terra ad onorarci, durante questa giornata. La Banda della città di Conversano, inizia ad armarsi dei suoi strumenti e i primi incollatori appaiono dalla porta di bronzo. Ai due lati ci sono le figure istituzionali dei Carabinieri, mentre incominciano a sfilare i gonfaloni dei paesi vicini. La reliquia del Braccio è sorretta da


20

giovani donne e, poco dopo il primo grido: Evviva S.Cataldo, tuona nella Chiesa. Uno sparo nel cielo, come un batuffolo di cotone, uno sprazzo si tinge di bianco ed ecco la statua che appare, nel suo splendore, tra gli applausi della folla. I ceri, portati tra le mani dei fedeli, sfilano giù per Via Roma, mentre le autorità cittadine si dispongono dietro il Santo. Si percorre il centro del paese, per poi giungere a S. Sebastiano, dove la Processione si interromperà per un saluto da parte del Vescovo. Poi si riprenderà di nuovo la marcia, a ritroso, verso S.Pietro, per un’ultima “sfilata”, per un ultimo sguardo al Santo, che si riaffaccerà dalla sua Casa il prossimo anno. Dopo la Messa Vespertina anche il Braccio tornerà ad abitare nella Chiesa di S.Maria. Nella serata, la celebre Banda “Città di Conversano”, diretta dal M° Garofalo si è esibita nella P.zza Umberto I, per poi attendere l’estrazione dei fortunati numeri vincenti della lotteria, che quest’anno ha visto in palio, come primo premio una Ford KA.

“O dolce usignolo che ascolto/(non sai dove), in questa gran/pace cantare cantare tra il folto, / là, dei sanguini e delle acace; / t'ho presa - perdona, usignolo - / una dolce nota, sol una, / ch'io canto tra me solo solo,/nella sera, al lume di luna… Evviva S.Cataldo!

21

Giornata del Ringraziamento Festa del Socio Il 19 e 20 dicembre 2009, a Supino, si è svolta brillantemente la “Giornata del Ringraziamento- Festa del Socio”. Nel pomeriggio di sabato, dopo la Santa Messa, celebrata dal Rettore Don Antonino Boni, presso il Santuario di San Cataldo Vescovo, le note della Blue Simphony orchestra, diretta dal Maestro Manlio Polletta, hanno suscitato profonde emozioni nell’animo dei numerosi presenti. Nella giornata di domenica, a conclusione della Santa Messa, come felice consuetudine, il Direttivo del Comitato ha omaggiato con un attestato di merito alcuni soci: Gesualdo Coggi, Marco Boni, Giuseppe Peruzzi, Antonio Giacinto Boni e Palazzi Danilo. In particolar modo è stata donata, congiuntamente con l’Amministrazione Comunale, una targa alla famiglia del socio Cataldo Cerilli. In seguito, i soci si sono ritrovati per il tradizionale Pranzo del Socio.


22

23

Santiago 2009 La bellezza di un cammino non è nella meta ma nel percorso che si fa, in tutte le cose e le persone che incontri, con cui ti confronti e ti arricchisci. CosÏ, camminando insieme nacque l'Europa. Sulle strade della Francia, dell'Italia e della Spagna improvvisamente popoli che da secoli si

Le foto sono state gentilmente concesse dal fotografo Giovanni Agostini


24

incontravano solo sui campi di battaglia o nel migliore dei casi in interessate trattative commerciali, trovavano finalmente attraverso la comune Fede l'occasione di sentirsi fratelli su questa terra, animati da comuni sentimenti e comuni desideri di pace. Si sa che brevi difficoltà vissute e superate insieme uniscono più di anni di tranquilla frequentazione, così su quelle strade soggetti alle intemperie, alle malattie ed alle bastonate e alle spade di ladri e malfattori, ricchi e poveri di tutta la cristianità univano le loro forze per raggiungere la meta e la promessa remissione di propri e altrui peccati. Il pellegrino, perché così si chiamava proprio colui che armato di bastone e conchiglia partiva alla volta di Santiago di Compostela, redigeva il testamento e riceveva l'Estrema Unzione prima di partire per un viaggio da cui non era certo il ritorno. Nel Medio Evo c'erano due pellegrinaggi ancora più importanti: erano quello verso la tomba di Pietro a Roma e quello in direzione di Gerusalemme verso il Santo Sepolcro di Cristo. Oggi però, soltanto quello che porta all'apostolo Giacomo, “l'amico di Gesù”, muove ogni anno decine di migliaia di persone. A piedi o in bicicletta, spesso i moderni pellegrini, arrivano anche fino alla mitica Finisterre, dove gli antichi credevano finisse la terra, anzi il mondo. Finisterre è il punto più occidentale d'Europa e dove il cammino cristiano si fonde con quello magico e ancora più antico detto Via Lattea, gia in voga tra i popoli celtici. Al di la del suo sfidare e vincere il tempo questo percorso che da est porta ad ovest, ha di certo in se qualcosa di straordinario e infatti qualcuno lo chiama lo straordinario cammino... ma lo straordinario cammino delle persone normali. Infatti non c'è bisogno di doti particolari per intraprenderlo. Certo la Fede può aiutare molto ma la forza viene anche dal vedersi immersi in un unico grande flusso di genti di diverse provenienze, di gambe e di menti anelanti ad un unico scopo (invece di sgomitare per raggiungere il posto più buono o il parcheggio più vicino al centro commerciale), si tratta di un'esperienza talmente inusuale per l’uomo di oggi, ma anche talmente pregnante che quando si torna a casa si fa fatica riprendere i ritmi e i preconcetti appena abbandonati. Qualcuno tra chi legge infatti ricorderà quando pochi mesi fa, tornando dal viaggio a Taranto, dopo aver sentito tutti sbalordirsi per l’incredibile (!?) aiuto ricevuto dai nostri AMICI e accompagnatori locali (per risolvere i problemi meccanici del nostro autobus), io mi stupii invece di tanto stupore, al punto che quando mi venne chiesto di raccontare al microfono il Cammino di Santiago, non potei fare a meno di essere impopolare dicendo che il Cammino è semplicemente il posto dove non ci si stupisce dell'aiuto che si riceve, ne si cerca niente in cambio per quello che si da. Oggi ritornato completamente nel nostro mondo vorrei aggiungere che sul Cammino si ritrovano le nostre radici di Cristiani e di europei. Radici che avremmo dovuto non dimenticare, per ciò tante persone in cerca di qualcosa o di se stessi partono, camminano, soffrono e scoprono certamente qualcosa: come minimo da dove provengono. Dopo averne percorso un tratto nel 2005 anche io ho sentito questo bisogno: il bisogno di vivere per un po’ con ritmi umani, di parlare a lungo con me stesso e con Dio e... perché no... il bisogno

25

di rimettermi in forma (a Roncisvalle ai pellegrini viene somministrato un questionario dove scegliere tra varie possibilità la motivazione per la quale si intraprende il Cammino ed io ho sbarrato tutte le voci). Il percorso più classico, quello che oggi percorrono la maggior parte dei pellegrini è il cosiddetto cammino francese, il quale valica i Pirenei presso Roncisvalle, li ridiscende attraverso i paesi baschi spagnoli e la Navarra, attraversa la Rioja, passa poi per la meseta tra Burgos e Leon per finire nella piovosissima e verde Galizia superando un ultimo passo: quello di O’Cebreiro, per un totale che supera di poco gli ottocento chilometri. Un detto famoso lungo il “Camino” recita che non è il pellegrino a scegliere il cammino ma è il cammino che fa il pellegrino scegliendone la strada. Infatti partito con la fermissima intenzione di evitare di salire e scendere i Pirenei, saltando la famigerata tappa Saint Jean-Roncisvalle, la prima sera, per una serie di coincidenze, mi sono ritrovato, a dormire (per terra) nel mercato coperto (per modo di dire) proprio di Saint Jean, in mezzo alla puzza di cipolle ma con altri cinque italiani. Da li mi è sembrato di capire che qualsiasi tentativo di pianificare le tappe si sarebbe rivelato impossibile. Le cose invece sarebbero cambiate dopo qualche tempo con il raggiungimento di quella che è la più classica delle mete che si conquistano lungo il Cammino, la conoscenza dei propri limiti. Fino a quel giorno regna sovrana su tutti i pellegrini la logistica della Provvidenza. Per tutti, anche per i più allenati, tra le salite e le discese dei Pirenei e della Navarra sono in agguato imprevisti, dolori muscolari e


26

vesciche (nei migliori dei casi), io (anche se le mie vesciche sono arrivate solo dopo 600 chilometri), prima di arrivare a Pamplona potevo gia vantare un paio di buoni motivi per tornare a casa. Durante la salita del valico verso Roncisvalle mi ero accorto che il mio braccio destro a causa dell'inesperienza nel sistemare lo zaino non era più in grado di sollevare neanche una tazza di thè e due giorni dopo nella successiva discesa verso Pamplona il mio ginocchio sinistro non voleva più saperne di piegarsi. Stringendo i denti e sempre con un grosso aiuto della Provvidenza, che lungo il Cammino sembra sempre essere così tangibile, i dolori diventano mano a mano più sopportabili, fino a passare del tutto quando con i giorni ed i chilometri si incominciano ad incontrare persone partite da poco e che avvertono fortissimi gli stessi dolori che hai provato tu fino a poco prima. In realtà si scopre che non si tratta tanto di resistenza e capacità fisiche, quanto di forza di volontà e determinazione nel voler raggiungere ogni giorno una meta. La cosa è molto semplice se si pensa che non si deve fare altro che camminare stando attenti alle indicazioni, bisogna solo mettere un piede dietro l'altro ed arrivare oltre quella pianura, quel fiume o quella collina che si vedono appena in lontananza la mattina. A casa, nella vita di tutti i giorni invece è molto più difficile arrivare alla sera ed esser soddisfatti, perché non basta arrivare a quella collina seguendo delle belle frecce gialle, nessuno qui le piazza più per indicarci una via faticosa ma giusta, tortuosa ma ordinata: qui vige il si salvi chi può! …o per lo meno ..adesso mi salvo io poi si vedrà… Sul Cammino ci si aiuta sempre, anche solo con una parola. Il contadino basco che ti incontra ti dice “più avanti” e si risponde “più in alto” non solo per indicare la via terrena bensì intendendo soprattutto la parte spirituale del cammino. I rapporti interpersonali poi aiutano tantissimo lungo il Cammino, ci si capisce benissimo anche se si arriva da paesi diversi, Russi, Uruguaiani, Neozelandesi o Coreani: non c'è bisogno neanche di chiedere, per dare, o per avere e mentre gli spagnoli più anziani, che non possono più fare il Cammino, chiedono agli stranieri di passaggio una preghiera per quando arriveranno alla tomba del loro Santo, i pellegrini-turisti si scambiano consigli e medicamenti per i piedi sempre più coccolati. Spesso negli Ostelli dove si dorme e si mangia tutti insieme si trova una scritta: “prendete ciò di cui avete bisogno e lasciate ciò che potete”. Non tutti quelli che si incontrano sono credenti, i preti e la Chiesa sono colpevolmente assenti per lunghi tratti del percorso eppure lungo la strada nonostante le chiese chiuse e i dolori articolari si vive un vero cristianesimo di carità, speranza e tanta, tanta provvidenza. So che altre persone di Supino hanno gia fatto il Cammino di Santiago e spero che tanti altri lo facciano e che vi trovino quanto di meglio per loro. Ogni pellegrino, comunque, ha il suo proprio Cammino, adatto solo a se stessi e mi perdoneranno, gli altri, se ho dato così tanta enfasi al mio che è solo un dei tanti... specie quando sapranno che quelli di cui ho parlato qui erano solo i primi centocinquanta chilometri.

27

Offerenti Accorsi Agostini Agostini Agostini Agostini Agostini Agostini Agostini Agostini Agostini Agostini Agostini Agostini Agostini Agostini Agostini Agostini Agostini Agostini Agostini Agostini

Lidia Adriana Alberto Angelo Angelo Antonietta Antonio Cataldo Dario Domenico Domenico Elena Emiliana Franco Giancarlo Iole Marcello Marco Nazzarena Quirino Roberto

Rosanna Agostini Agostini Stefano Agostini Tonino Aireti Lorenzia Alessandrini Elena Alessandrini Giovanni Amadio Delia Amadio Virginio Amici San Cataldo di Roccaromana ANA Angelucci Gianni Angiolillo Antonio Arci Gianluca Arduini Alberto Arduini Alfonso e Senio Arduini Angelo Arduini Antonio Arduini Argeo Arduini Benito Arduini Clelia Arduini Clelia Arduini Fernando Arduini Giuseppe Arduini Maria

Arduini Atzori Aversa Aversa Aversa Aversa Bailonni Barletta Barletta Barletta Barletta Barlone Basile Battisti Battisti Battisti Bauco Belli Belli Bellotti Bellotti Berlasi Bernardi Bernardi

Rocco Maria Emilio Nicola Norina Simona Riccardo Adriana Egidio Filippo Lucia Egidio Luigi Enrico Lonziato Matteo Franco Carlo Giuseppe Fernando Mario Marco Paolo Patrizia


28 Bernardi Bernedi Bernete Bernola Bernola Bernola Bernola Bernola Bernola Bianchi Bompiani Bompiani Bonacquisti Bonanni Bonanni Bonanni Bonanni Bonanni Bonanni Bonanni Bonanni Bonanni Bonanni Bonanni

29 Renato Solidea Luigina Artemio Domenico Dora Gino Giorgio Loreto Fasani Antonio Luigi Rina Anna Antonio Carla Cataldo Elena Franco Giulio Giuseppina Italo Leopoldo Piero Rossella

Bonanni Bondatti Boni Boni Boni Boni Boni Boni Boni Boni Boni Boni Boni Boni Boni Boni Boni Boni Boni Boni Boni Boni Boni Boni

Vincenzo Fabrizio Aldo Alfredo Angela Annamaria Antonietta Benvenuto Dora Edmondo Elvira Toronto Filomena Gianfranco Gino Giovanni Giuseppe Liliana Oreste Renata Salvatore Sonia Tonino Vittorio Vittorio

Boni Bonome Bonome Bonome Bonome Bortone Bracaglia Bracci Bracci Bracci Bracci Bufalini Cacciotti Cacciotti Cacciotti Cacciotti Cacciotti Cafolla Cafolla Califano Calvetti Camelia Campioni Canali

Clemente USA Antonio Diva Michelina Rosina Laila Paolo Francesco Giuseppe Luca Maria Emilio Angelo Antonella Fiorello Luciana Massimo Carla Elena (Lella) Nicola Cataldo Sergio Maurizio Mauro

Capodiferro Caporilli Cappella Cappella Cappella Caprara Caprara Caprara Caprara Caprara Caprara Caprara Caprara Caprara Caprara Caprara Caprara Caprara Caprara Caprara Caprara Caprara Caprara Caprara

Fabio Giuseppe Domenico USA Giuseppe Loredana Adelmo Alberto Antonio Antonio Antonio Augusto Cataldina Cataldo Egidio Eligio Enrico Ernesto Ernesto Eschilo Giuseppe Lorenzo Lorenzo Paolino Pietrino

Caprara Caprara Caprara Caputo Caputo Carbone Carducci Carnale Carnale Carnali Carnali Carnevale Casali Casali Casali Ceci Celani Cellini Cellini Cellini Cellini Cellitti Cellitti Cerilli

Rosa Silvio Guerriero Armando Giovanni Casa Nicola Arcangelo Franco Angelina Maria Angelo Gilberto Milena Gabriele Francesca Enrico Bartolini Ernesto Sandro Vittorio Liliana Romolo Adelfio

Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli

Adelmo Adolfo Alberto Angelo Angelo Antonio Antonio Antonio Antonio Arcangelo Claudia Clelia Dino Domenico Erminio Erminio Franca Gino Giovanni Giuliana Giuseppe Guglielmo Laura Leonella


30 Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Cerilli Chiodi Ciampini Ciampini Ciampini Ciampini Ciasco Ciasco Ciocchetti Ciomi Cipriani Cofani Coggi Coletta Coletta Coletta

31 Mariagrazia Marino Michele Michele Mina Nicola Patrizio Riziero Umberto Josella Antonio Emilio Giuseppe Stella Angela Maria Franco Anna Aldo Giulio Rossana Achille Aldina Dante

Coletta Domenico Coletta Enzo Coletta Gianfranco Coletta Giannino Coletta Gina Coletta Maria Maurizio Coletta Colonna Daniele Colonna Giuseppe Colonna Vincenzo Comm. Barletta Devio Conciatori Cav. Evangelista Contenta Enzo e Arduini Maria Corsi Alberto Corsi Alessio Corsi Angelo Canada Corsi Antonia Corsi Antonietta Corsi Antonio Corsi Camillo Corsi Cataldo Toronto Corsi Dante Corsi Elide Corsi Eligio

Corsi Corsi Corsi Corsi Corsi Corsi Corsi Corsi Corsi Corsi Corsi Corsi Corsi Corsi Corsi Corsi Corsi Corsi Corsi Corsi Corsi Corsi Corsi Corsi

Emilio Ennio Eraldo Ernesto Fabio Fausto Franco Giancarlo Giancarlo Giovanni Montreal Giuseppe Giuseppina Leventina Lorenzo Lorenzo Daniele Loreto Maria e Dante Mario Mario Pia Roberto Rocco Sabina Settimio

Corsi Corsi Costantini Crescenzi Crescenzi Cristoforo Crivellaro D'Agostini D'Alessandris D'Ascani De Castro De Castro De Castro De Meis De Meis De Meis De Meis De Meis De Meis De Meis De Paolis De Paolis De Paolis De Santis

Umberto Vittorio Luigi Enzo Sante Vincenzo Valter Giuliano Angela Nella Daniela e Paola Giovanna Tonino Alberto Armando Carlo Ernesto Loreto Renato Sergio Graziella Loreta Teodora Angelo

De Santis Angelo, Maria e Filomena De Santis Bruno De Santis Elda De Santis Fiorello De Santis Gino De Santis Igino Maria De Santis De Santis Roberto De Simone G.Battista Del Brocco Giustina Del Brocco Luigi Del Brocco Simonetta Del Serrone Adelmo Del Serrone Antonella Del Serrone Antonio Del Serrone Edda Del Serrone Enzo Dessi Pietrino Di Folca Pietro Di Murro Adriano Di Stasio Pietro Di Stefano Antonio Di Tomassi Angelo Egidi Filippo

Emanuele Emanuele Erme Esposito Evangelisti Fam. Famiglia Famiglia Fasanella Fatale Ferrando Ferrario Ferri Fiaschetti Fiaschetti Fiaschetti Fiaschetti Fiaschetti Fiaschetti Fiaschetti Fiaschetti Finateri Foggia Foglietta

Andrea Vittorio Rina Luigi Gilberto Valenti Cerilli Querni Luigi Giancarlo Giuseppe Sergio Emanuela Antonio Antonio Carlo Cataldo Liana Luana Paolo Domenico Fabrizio Giorgio Egidio


32 Fracassa Fracassa Fracassa Fracassa Gangemi Gesuale Giorgi Giovannone Giovonni Gismondi Gismondi Gismondi Gismondi Gismondi Gismondi Gismondi Gismondi Gismondi Gismondi Gismondi Gismondi Gismondi Giussoli Gorghini

33 Anna Rita Arnaldo Piacentino Vincenzo Patrizia Giovanni Lorenza Tonino Romelia Albina Alessandro Amerigo Antonio Cataldo Emanuele Federico Francesco Giuseppe Lilia Loreto Maria Secondina Adriana Massimo

Graziani Guglielmi Guglielmi Iacobucci Iacobucci Iadecola Iadecola Iori Iori Iori Iori Iori Iori Iori Iori Iori Iori Iori Iori Iori Iori Iori Iori Iorio

Annamaria Luigi Tiziana Gallerana Marco Luigi Tiziana Angela Angelo Cataldo Dante Dino Elena Erminio Gianluca Ines Italia Otello Pio Roberto Rossana Tonino Vincenzo Angelo

Leoni Magliocchetti Maldonato Mancini Mancini Mancini Mancini Mancini Mancini Mancini Mancini Mancini Mannese Marceddu Marchesini Marchesini Marchioni Marchioni Marchioni Mariana Marinelli Marinelli Marocco Marocco

Vittorio Paola Carlos Alberto Benedetto Dario Franco Gianni Mariano Massimo Rossella Vittoria Gennaro Bruna Carlo Roberto Alberto Ginevra Vittorina Aldo Domenico Cataldo Francecso

Marocco Marocco Marocco Marocco Marocco Marocco Marsigliesi Martella Martini Martini Martini Martini Martini Martini Martini Martini Martini Martini Martini Marzaroli Masi Mastrofrancesco Mastrofrancesco Mastrofrancesco Mastrofrancesco Mastrofrancesco Mastrofrancesco Mastrofrancesco Mastrofrancesco Mastrofrancesco Mastrofrancesco Mattacolla Maura Mecenero Menta Merolla Miledi Miledi Minotti Miriani Montanari

Iolanda Nicola Paolo Renato Teresa Tonino Giuseppe Giuseppe Argante Carlo Cataldo Ezio Fiorina Gino Giuseppe Ida Maria Teresa Velia Domenico Mario Andrea Angelo Domenico Elia Elio Giovanna Giovanni Giovanni Vincenzo Vittorio Silvia Pina Giampiero Felicia Maurizio Luigi Valentino Rossella Umberto Cataldo

Montanari Moretti Morgia Nalli Nalli Nalli Nalli Nalli Nalli Nalli Nalli Nalli Nalli Nalli Nalli Nalli Nalli Nalli Nalli Nalli Nalli Nalli Nalli Napoli Nardacci Nardecchia Nardecchia Nardecchia Nardecchia Narducci Nassa Navarra Nicodemi Novella Odini Orgioni Orgioni Orgioni Ornelli Pacitto Pacitto

Luca Enrico Marilena Carlo Cataldo Debora Fiorino Gino Giovanni Giovanni Lorenza Lorenzina Lorenzo Nicola Cataldo Paolo Renata Renzo Rina Rita Rocco Simona Vincenzo Vincenzo Anna Giuseppe Ada Ennio Maria Vittoria Amerigo Armando Giuseppe Tonino Alessandro Rocco Giorgio Roberto Roberto Paolo Giovanni Ugo

Palazzi Palazzi Palazzi Palazzi Palazzi Palazzolo Palazzolo Palazzolo Palitti Palitti Palitti Palitti Palitti Palitti Palombi Palombi Paluzzi Paluzzi Paossi Pavia Peli Pennacchio Perfetti Peruzzi Peruzzi Peruzzi Peruzzi Peruzzi Peruzzi Pervi Pervi Picchi Pietrandrea Pietrandrea Pietrandrea Pietrandrea Pietrandrea Pietrandrea Pietrandrea Pietrantoni Pietrantoni

Angelo Armanda Massimo Massimo Umberto Andrea Andrea Raffaele Aldo Alessandro Assunta Carlo Luciano Giuseppe Luca Luciano Dario Maria Elia Elio Angelo Giuseppe Guerrino Alberto Cataldo Gilberto Luca Luigi Milena Angelo Pietro Romina Amedeo Ilario Maria Mario Pietrino Pina Teresa Anna Antonio


34 Pietrantoni Piroli Piroli Piroli Piroli Piroli Piroli Pirri Polari Polari Pomili Pompili Pomponi Pomponi Pomponi Pro Pro Pro Pietrandrea Promutico Quafisi Quafisi Quafisi Quafisi

35 Luciana Aldo Antonio Cataldo Francesco Giuseppe Luigi Calogero Argentina Ennio Amabilia Franco Cataldo Ennio Eugenio Antonio Maria Piero Lorenzo Stefano Domenico Ennio Franco Ida

Quafisi Querni Querqui R.G. Costruzioni Generali srl Reame Reame Risi Rivoli Rivoli Rodio Roma Romiri Romiri Rossi Rossi Rossi Rossi Rossi Rossini Rossini Ruggiero Ruzza Ruzza

Pietro Rita Gianluca

Rocco Teresa Antonio Massimo Rocco Raffaele Luigi Duilio Tiberio Antonio Filippo (Pippo) Gloriana Lorenzo Paolo Diva Vladimiro Alessia Paolo Tonino

Santia Santia Santia Santia Santia Santia Santia Santia Santia Santia Santia Santia Santia Santia Santia Santia Santia Santia Santia Santia Sarandrea Scappaticci Scarchilli Scarsellone

Agnese Angela Barbara Cataldina Emilio Erminio Fiorino Giulio Giuseppe Giuseppe Marco Maria Pierino Pietro Rosina Salvatore Silvana Tony Umberto Tonino Giovanni Valentina Nazzareno Ennio

Scarsellone Schiavi Schietroma Schietroma Schietroma Schietroma Schietroma Sciaudone Secondi Sellari Sellari Semeli Semplici Serra Soave Soprano Spelta Spelta Spelta Spelta Spelta Staccone Stracqualursi Tabaccheria Tagliaferri Terranera Testa Tiberia Tilli Tipusi Tipusi Tipusi Tolfa

Teresa Milena Domenico Francesco Ivo Maurizio Roberto Pasqualino Luigi Anastasia Fabio Annamaria Paolo Maria Gianni Antonio Fabio Giuseppe Igino Maria Rocco Silvia Andrea 1 Simonetta Giorgio Sabina Giocondo Damiano Angelo Fiorino Vincenzo Giovanni

Tomei Tomei Tomei Tomei Tomei Tomei Tomei Tomei Tomei Tomei Tomei Tomei Tomei Tomei Tomei Tomei Tomei Tomei Tomei Tomei Tomei Tomei Tomei Tomei Tomei Tomei Tomei Tomei Tomei Tomei Tomei Tomei Tomei

Angela Angelo Angelo Angelo Annamaria Antonina Antonino Antonio Dante Davide Domenico Domenico Emilio Emilio Enrico Flora Franco Gigliola Giorgio Ippolito Italo Luca Luigi Luigi Mario Massimo Maurizio Nando Oreste Paolo Paolo Patrizia Sergio

Tomei Sergio Tomei Stefano Tomei Umberto Tomei Vincenzo Tonini Antonio Tonini Italo Mario Tonini Torello Olga Torriero Iolanda Tricarico Marco Tucci Angela Tucci Angela Tucci Anna Tucci Elisabetta Tucci Roberto Umena Giulio Valletta Vittorio Velocci Alfredo Venditti Romeo Venditti Sergio Vespaziani Aldo Vespaziani Giuseppe Vespaziani Enzo e Bonome Maria Vespazini Augusto Vetrone Enrico Vezzini Maria Zuccaro Angela Zuccaro Dario Zuccaro Ernesto Zuccaro Giovanni Zuccaro Giuseppe Zuccaro M째 Alberta Zuccaro Maria


36

37

di Gioacchino Giammaria

Pubblicità Agenzia per il lavoro Gruppo Vita Serena SpA AGRIFARM Sas di Zuccaro Antonella & C. Agriturismo Le Sodine AN VE RO SRL Ass.Sportiva Giorgi Center Autocarrozzeria D'Alessandris Roberto Autofficina Zuccaro Maurizio Autofficina Giocondo Azienda Agricola Spelta Jgor Bar Kennedy Bar Rossi di Rossi Giovanni Biondo Platino di Cerilli B. Maria C.M. Bomboniere di Cantagallo Marzia Caprara Guglielmo Centro Estetico di Alessandra Tomei Cerbone Alluminio Spa Cine Foto Roby di Colonna Donatella Colorificio CASALPLASTIK Srl Eco 90 Srl Esso Stazione di Servizio di A.Bufalini Fiaschetti Pullmans Viaggi & Crociere Fiermeccanica srl Foto Ottica Marco di M.Tricarico & C.snc Fracassa Vincenzo Hair Style "Al Portone" di Secondi Stefania I.E.S.A.T. snc

Supino Supino Supino Patrica Supino Supino Supino Ceccano Supino Supino Supino Supino Supino Supino Supino Supino Supino Morolo Morolo Morolo Morolo Supino Supino Supino Supino Supino

INA Assitalia SPA La Bottega del Legno di Pacifici Alan La Frusinate L'Antica Panetteria Latteria De Meis sas Marco Cerilli Intermediazioni Assicurative Marlin Blu di Zuccaro Gina MGT srl Migliori Flavio Mobili Ferrante snc di R. Ferrante e Fabiola O.F. Rossi Marta Oreficeria Schietroma sas di P. Schietroma Ferramenta-Elettricità-Vernici Palitti Maria Pasticceria "La Torre" Piccolo Mondo srl Profumi di Forno Ristorante Eredi Bompiani Ristorante VACO di Del Sette Orietta Ristorante Valle dei Lepini di Tucci A. e C. SCF srl Scuola Karate Shotokan "HShirai SE.IN. Srl Supermercato Conad D'Alessandris Fabio Tomei Armando Vittoria Assicurazioni

Antichi forni a Supino Supino Frosinone Supino Frosinone Supino Caserta Supino Supino Supino Supino Supino Supino Anagni Supino Supino Supino Supino Supino Supino Supino Patrica Supino

L'archivio dei Colonna, che vado esplorando da tempo, riserva moltissime sorprese poiché è così ricco di testimonianze sulla vita passata di Supino che stupisce pure i più incalliti ricercatori. Fra le carte ingiallite dal tempo si trovano notizie sull'esistenza di forni pubblici dentro la Terra (il paese) di Supino. Secondo le testimonianze, dentro la cerchia muraria supinese operavano diversi forni: nel Cinquecento sono solo due le strutture produttive possedute dai Colonna, quello della Piazza e l'altro della Logia; esse vengono chiamate anche di Mastro Domenico e di Julio Christophano (quest'ultimo gli è stato donato da Prospero Colonna); evidentemente si tratta del nome dei gestori o dei conduttori. Le rese vengono iscritte nei conti della casa signorile in moneta; si tratta di pochi dati poiché non possediamo ancora la serie completa; si capisce subito che le rese finanziarie sono molto incostanti anche se il livello era elevato (1). Nel Seicento e Settecento le cose cambiano; infatti abbiamo forni chiamati in modo diverso e conosciamo anche per questi secoli quanto Casa Colonna ne ricavava. La situazione viene disegnata da una relazione del 1741 e dal cosiddetto Catasto Antinori del 1782. Nel 1741 risulta che i Colonna hanno la privativa dei forni (continuando così ad esercitare un diritto di origine feudale derivante dal banno, dal potere di coercizione che il signore territoriale possedeva; in questo caso egli aveva riservato a sé l'esercizio delle strutture produttive, forni, mulino, frantoio, da cui ricavava cospicui cespiti finanziari) che nel Settecento sono lievitati al numero di sette: cinque sono dei Colonna, sono piccoli locali e di cattiva condizione generale e si affittano a grano rendendo 12 rubbia l'anno. Gli altri sono di Ottavio Ardovini e di Sebastiano Carnali (di quest'ultimo si dice per speciale concessione di Sua Eccellenza, con questo titolo si intende il principe Colonna). Infine la comunità ha il suo forno per il pan venale (pane a libera vendita); gli affittuari che lo gestiscono, per conto della comunità, danno alla Camera signorile un rubbio di grano l'anno. Il visitatore, che scrive nel 1741, sostiene che l'esazione dell'affitto dei cinque forni di proprietà colonnese è difficile, mentre la Comunità è puntuale nei pagamenti. Vediamo nel dettaglio quali sono i cinque forni grazie al Catasto Antinori, l'elenco dei possedimenti che i Colonna hanno a Supino, compilato nell'anno 1782: “N. 1. Casa ad uso di Forno di solo piano terreno ricoperto di Tavolette, detto il Fornetto, o sia Collabate, detto anche una volta il Forno de Meschini, posto nella Parrocchia di S. Maria, Confina in tre lati con la publica strada, e dall'altra con un Casaleno della Chiesa di S. Maria, una volta degl'Eredi di Tommaso Bonomo. N. 2. Casa ad uso di Forno da cuocere il Pane, di solo piano terreno ricoperto di tavolette, posto nella Parrocchia di S. Pietro, detto il Forno Pietrojanni, o sia della Piazza di S. Pietro, Confina da due lati con la publica Strada, con le Case di Giuseppe Verdone,


38

39

e Paolo Corsi, mediante la Trasenna. N. 3. Casa ad uso di Forno da cuocere il pane, di solo piano terreno ricoperto di tavolette, posto nella Parrocchia di S. Pietro, in Contrada il Sopportico, detto una volta il Forno Depaolis, Confina da un lato con la Trasenna, e dagl'altri tre con la publica strada. N. 4. Casa ad uso di Forno da cuocere il pane di solo piano terreno ricoperto di tavolette, posto nella Parrocchia di S. Nicola detto il Forno della Loggia, detto una volta il Forno Paleotti, Confina con la Trasenna, Monte, e Strada Publica. N. 5. Casa ad uso di Forno da cuocere il Pane di solo piano terreno, ricoperto di tavolette, posto nella Parocchia di S. Maria, in Contrada il Forno accapo la Piazza, Confina da due lati colla publica strada, e dagl'altri due con Livio Palazzi. Oltre ai sopradescritti cinque forni di Sua Eccellenza ve ne sono altri tre, cioè due da cuocere il pane ambi nella Parrocchia di S. Nicola, uno spettante al Signor Capitano Marchioni, e l'altro a Sebastiano Lavolta, ed il Forno di pane Venale spettante alla Communità”. Come si capisce dalla descrizione (e si può vedere dalle piante redatta per l'occasione) si tratta di piccoli locali, ancora di vetusta concezione (i tetti sono fatti con le scandole, le tegole di legno), spesso fatiscenti per il rapido deteriorarsi dei legnami. I forni erano sparsi per tutto l'abitato (due in parrocchia S. Pietro, altrettanti in quella di S. Maria ed uno solo nella circoscrizione parrocchiale di S. Nicola; in un certo qual modo la distribuzione dei forni sembra quasi rispecchiare la proporzione degli abitanti fra i tre nuclei dell'impianto urbano che vede più grandi quelli presenti a nord-est e minore di numero quello esposto ad ovest, cioè S. Nicola) proprio per servire una popolazione numerosa (per il tempo) ed in ascesa (Supino dal Cinquecento agli inizi dell'Ottocento passa da 1535 a 3.554 abitanti). E non bastavano i cinque forni dei Colonna poiché nel Settecento compaiono altri due forni privati, mentre è sempre in esercizio il forno comunale destinato a produrre pane da immettere nel commercio cittadino. E' evidente che i forni, quelli colonnesi ed i due privati, servivano a coloro che si facevano il pane da soli, secondo un inveterato uso domestico che vede il pane fatto in casa, settimanalmente o in un intervallo di tempo leggermente più ampio, conservato “nell'arca”, e consumato come compagno con

quasi tutti gli altri cibi. La documentazione di Casa Colonna ci offre la possibilità di conoscere quanto essa ricavava finanziariamente da questi suoi cinque forni. Abbiamo i dati campione tra il 1626 ed il 1733; ci sono anche per quasi tutti gli anni dell'intervallo (conservati nei preziosi registri della contabilità annua, redatta dagli Erari, amministratori economici centrali del feudo di Pofi, ma che non usiamo avendo sviluppato una piccola indagine campione). Questa volta le rese sono in grano: i forni erano gestiti da affittuari che “vincevano” una gara al maggior offerente, essi dovevano versare al Fattore (l'amministratore dei beni colonnesi a Supino) la quantità stabilita di grano; in questo modo i Colonna non solo si rifornivano del prezioso bene alimentare, avviandolo o al loro forno di Marino, struttura preposta alla produzione delle ingenti quantità di pane che serviva ai Colonna ed alla propria organizzazione, oppure lo vendevano sul mercato (sovente quello romano ma spesse volte anche quello straniero o locale). Gli affittuari si facevano pagare da coloro che cuocevano il pane (obbligatoriamente da loro, era vietato avere forni domestici) e da qui ne ricavavano il loro sostentamento, gli emolumenti per Fattore ed Erario e il grano per i Colonna. Le quantità espresse in rubbia, quarte, coppe e quartucci, danno entrate annue cospicue: Ad esempio nel 1626 entrano 17 rubbia e 2 coppe, nel 1641 rubbia 26 e quarte 2, nel 1661 rubbia 18, quarte 2 e coppe 2, nel 1687 rubbia 24, quarte 3 e coppe 1 ½, nel 1697 rubbia 20, quarte 1 ¼, nel 1701 le rubbia sono 19, le quarte 3 e si aggiunge 1, ½ coppe di grano. Nel 1733 le rubbia sono 18, le quarte 2 e le coppe 1.4 (2). Se pensiamo che un rubbio di grano corrisponde all'incirca a chilogrammi 200, abbiamo la dimensione del ricavato dei colonna dai nostri cinque fornetti supinesi; si va infatti dagli oltre 3400 chili quando le rubbia sono 17 agli oltre 5.200 chili quando le rubbia superano le 26. Abbiamo la possibilità di poter individuare la posizione dei forni. Se consideriamo che questi non sono spariti del tutto ma sono stati venduti nel corso dell'Ottocento a supinesi, e che, presumibilmente, hanno continuato a funzionare, forse con una micro ricerca topografica e nella memoria collettiva si


40

41

potrebbero individuare dove stavano e poter constatare magari l'evoluzione tecnologica di queste importanti strutture della produzione per la sopravvivenza.

“Le Ortelle”

Note A(1) Resa dei forni nel corso del Cinquecento. Fino al 1550 le cifre si riferiscono a ducati di carlini, poi agli scudi divisi in baiocchi.

Forno Piazza Forno Logia

1540 22.5 17

1541 39

1554 12 7.87

1555 40.87 21.75

1557 7.25 4.40

Borgo risorto –Cultura e Tradizione

1567 28 13

Fonte: G. Giammaria, Sull'economia supinese fra Cinquecento e Settecento: appunti dai documenti colonnesi, in L'economia in età moderna sui Lepini orientali e centrali, Anagni 2008 (Biblioteca di Latium, 19), pp. 90-94. A(2) Ivi, pp. 95-98. La resa è definita in grano e le cifre sottostanti si riferiscono alle rubbia ricavate.

1626 Forno della Piazza Forno de Paleotti Forno de Paolis Forno de Meschini Forno alla Loggia

6.2.1 5 5.2.1

1630 4 8.4.1 8.4.1 4.1 5.1

Forno a capo la Piazza Forno de Paleotti, alias Petrojanni Forno de Paolis, alias del Sopportico Forno de Meschini vicino li Cellini Forno de la Logia

1631 8 5 5 4 1697 6 3 4. 2/4 4. 2/4 3¼

Pompilio Bianchi Fasani

1640 8.1 ½ 3.3 3.3 4 6

1641 8.2 4 4 4 6

1650 9 5.2 5.2 4.2 ½ 5

1651 6.3.2 3.2 3.2 4.2 2.2

1698 6 3 4. 2/4 3. ¾ 3. ¼

1701 5.1.2 ½ 3 4.2.2 3.2 3.1.1

1712 5 2¼ 4 3.2 3.2

1733 3 4.2.4.4 2.3.1 4.0.2 4.0.2

1661 7.0.2 3.1 3.1 3.3 1.1

1686 6.2 3.3 3.2 4.2 3

1687 9.1 ½ 4.2.1 7 4

E’ un’Associazione libera senza scopo di lucro costituitasi nel 2001 in località Ortelle per volontà di un pugno di persone, con l’intenzione di svolgere a Supino iniziative culturali che potessero interessare, coinvolgere ovvero incuriosire persone e luoghi, e soprattutto chi nel passato è stato escluso dalla partecipazione attiva alle iniziative socio culturali . Alle Ortelle, da hortus, luogo dove si semina , si coltiva e germoglia, abbiamo seminato coltivato e fatto germogliare la cultura in ogni sua forma, dalla Musica, e perché no, alla Gastronomia passando per la Pittura, Scultura e tutte le altre forme d’Arte. Nel 2001 il prof. Marcello Carlino ed il M° Giuseppe Agostini hanno raccontato a loro modo l’inizio della nostra attività alle Ortelle, con interessanti riferimenti storici e letterari sia al luogo che ai contenuti. Aperta a iniziative e proposte creative per l’interesse di tutti senza limiti di razza, d’idee, di sesso e di religione. Ad opera dell’Associazione sono stati pubblicati libri importanti per Supino e per i Supinesi, “Lingua scordata.Glossarietto supinese” di Lorenzo Pietrandrea, presentato dal prof. Ugo Fracassa e “La comunità supinese di Toronto” di Antonella Pannozzo e Sara Velardi. Inoltre è stato presentato a Supino il libro “CIOCIARIA quella terra di viaggi che non dico” di M. Carlino, inserito nella Collana dichiarata di elevato valore culturale dal Ministero per i Beni Culturali e Ambientali, come pure “Spuma di maggio” romanzo di una giovane scrittrice di origini supinesi, Hilde Merini. Nel 2002 l’Associazione ha stampato 6000 cartoline, di angoli suggestivi di Supino e successivamente altre 1000 che ufficializzavano la scoperta delle Mura ciclopiche del IV secolo a.C., rinvenute proprio alle Ortelle, rimediando così ad una piccola carenza; non erano più disponibili cartoline di Supino, le ultime risalivano a parecchi decenni prima. Sensibili ai problemi riguardanti l’emigrazione e l’immigrazione, in quasi tutte le edizioni della manifestazione che si svolge ad Agosto, si è affrontato il problema, coinvolgendo tutti, dei Supinesi a Toronto, degli Albanesi in Italia, dei Palestinesi in Palestina, degli Afgani in Afganistan attraverso testimonianze di chi ne ha vissuto direttamente la storia . Molti gli ospiti, da citare Malalai Joya giovane eroina che combatte, rischiando la propria vita, la strapotenza dei signori della guerra in Afganistan e Bassan Aramin , padre di un bambino vittima della assurda guerra israelo-palestinese, che crede nel strada della non violenza per la fine del conflitto in terra di Palestina. Molto, per questo, va riconosciuto alla preziosa collaborazione di Luisa Morgantini, già vice Presidente del Parlamento europeo. Nel piccolo Borgo delle Ortelle nel passato erano risuonate nell’aria note di musica popolare, organetti e tamburelli per gioiosi salterelli, ebbene nel suggestivo angolo della piazzetta strumenti nobili come violini, violoncelli e contrabbassi, clavicembali e pianoforti, clarinetti, flauti ed ottoni, chitarre classiche e mandolini,…toccati e suonati da professionisti stimati hanno suonato in mezzo alla gente. Valenti jazzisti, di fama nazionale ed internazionali come Paolo Tombolesi, Giuseppe Magliocchetti, il gruppo Galliano Prosperi Quintet, Davide Rossini ed altri hanno allietato le serate alle Ortelle. Si sono svolti inoltre concerti di musica polifonica del Coro A. Manuzio diretto dal M° G:Agostini e di musica lirica del coro del Concentus Musicus Fabraternus Josquin de Pres di Ceccano diretto dal M° M. Gizzi. L’impegno del prof G. Giovannone, della prof A. D’Alessandrise del prof R. Bernardi, con la collaborazione dei licei artistici di Frosinone, Latina e Cassino e degli Istituti d’Arte di Anagni e Priverno, è riuscito a trasformare tutto il Borgo in un’interessante Galleria d’Arte, con quadri, sculture, installazioni e altre creazioni. Ospiti d’eccezione Rita Mele ed Elena Sevi, che hanno partecipato alla Biennale di Venezia. Il M° Adolfo Loreti, artista di spicco della Ciociaria e non solo, per tanti anni Preside amatissimo


42

del Liceo Artistico di Frosinone, ha fatto dono alla nostra Associazione di una sua opera raffigurante la statuetta di bronzo del IV secolo a.C. rinvenuta a Supino, in località Privito. Il M° Franco Turco, artista poliedrico, residente a Pontinia, che più volte ci ha intrattenuto con le sue interpretazioni letterarie e teatrali, nella edizione 2009 ha regalato ai partecipanti oltre trecento deliziosi acquerelli realizzati sul posto. Prosaico ma parte integrante dei programmi svolti dall’Associazione è l’incontro con la gastronomia. Il Convivio, inteso come ristorazione e non solo, grazie a sponsor come “Bassetto”, l’Antica Latteria Pomella, la Liquoreria Sarandrea, tutti i Ristoranti di Supino e i numerosi amici dell’Associazione che hanno contribuito o collaborato, nel corso degli anni, per la riuscita della manifestazione, è stato sempre apprezzato dai supinesi e dai numerosi ospiti presenti. Particolare la manifestazione di fine agosto 2009 che ha fatto vivere in un clima di fraternità e di amicizia l’incontro della comunità supinese con quella di Villa d’Ossola e di Teora, Nord Sud e Centro uniti dalla Cultura , dalla Musica e dalla Gastronomia. Tutto questo e tante altre iniziative sono state messe in atto dalle “Ortelle”e per il futuro di più.

43

di Enrico Avv. Zuccaro

San Cataldo, tra libri, Storia e tradizioni E’ stato un simpatico ed intelligente bibliofilo a segnalarmi un interessante libro in cui ho trovato tracce di San Cataldo. Il volume, firmato, guarda caso, da un americano di origine irlandese, ha un titolo che non passa inosservato: “Come gli Irlandesi salvarono la civilità”. L’autore è Thomas Cahill, ed anche il suo cognome…non passa inosservato, come spiegheremo in quest’articolo. Confesso di aver letto il libro dapprima cercandovi le tracce di San Cataldo, per poi riaprirlo a distanza di tempo e meglio riflettere sul lavoro di Cahill. Al nostro Santo, l’autore dedica poche righe a pagina 199, dove leggiamo: “L’erudito Donato, secondo il suo epitaffio Scottorum sanguine creatus (nato da sangue irlandese) venne designato da una elezione popolare come vescovo di Fiesole, dove regnò per quasi cinquant’anni. San Cathal (o Cahill, per usare la grafia moderna)- venerato diffusamente nell’Italia meridionale fino ai nostri giorni col nome di San Cataldo- ebbe la sorpresa, al ritorno da un pellegrinaggio in Terra Santa, di scoprire di essere stato eletto vescovo di Taranto, la città situata nella parte meridionale dello stivale d’Italia”. Fin qui nulla di nuovo rispetto alle notizie che tutti conosciamo sulla vita del nostro Santo. Peraltro, eccetto queste poche righe, Cahill nel suo libro non nomina più San Cataldo. Un po’deluso, cari lettori, riposi quel libro, ripromettendomi di cercare altre fonti documentarie sul nostro Protettore. C’era però qualcosa che non mi convinceva. Il titolo di quel volume così altisonante, quasi perentorio, mi suggerì, infatti, di ritornare sui miei passi, grazie ad semplice ragionamento: se gli Irlandesi hanno salvato la Civiltà ed il libro cita San Cataldo, anch’egli avrà avuto parte rilevante in questa opera di salvataggio. In pochi giorni rilessi quasi per intero il volume, soffermandomi in particolare sul periodo storico di analizzato da Cahill, ovvero quei secoli che vanno dalla fine dell’Impero Romano d’Occidente (476 d.c.) e l’affermazione di Carlo Magno ( 800 d.c.). Si tratta di quasi quattrocento anni di capitale importanza per la Storia d’Europa che l’autore rievoca al meglio, ben evidenziando l’opera di monaci e religiosi irlandesi. A loro si deve, e Cahill lo documenta in modo ineccepibile, il salvataggio di numerose biblioteche e dunque di gran parte del patrimonio culturale dell’Occidente. Furono quei religiosi- anche favoriti dalla particolare collocazione geografica dell’Irlanda, lontana dalle invasioni barbariche che devastarono l’ex


44

Impero romano- dapprima a conservare quell’incalcolabile eredità del mondo classico e poi a ritrasmetterla, filtrata alla luce degli insegnamenti cristiani, all’Europa continentale, dove fondarono numerosi monasteri, intorno ai quali nacquero poi prestigiose città. E San Cataldo è stato uno di loro, altro motivo questo per esserne orgogliosi. Solo nel richiudere il libro mi accorsi che il cognome dell’autore, Cahill, vuol dire, appunto, Cataldo…. Una coincidenza o un segno?

45

Avv. Elio Torriero

Passeggiando per Supino (Alla ricerca dei simboli) La ricerca del significato dei simboli che individuiamo, passeggiando per le strade del nostro paese, soprattutto le più antiche, è la ricerca della nostra storia e della nostra cultura:

la Croce alla “Madonna Lurito” (Madonna di Loreto) Presso questo sito vi è una grande Croce di ferro, la quale ha imprese le figure di una mano, di un gallo, di una tenaglia, di un martello e di una scala, oltre che la scritta INRI. La mano (come il gallo) indica l’azione creatrice di Dio ed anche il “Potere” ed il “Predominio”. Nel Vecchio Testamento si nomina “la mano di Dio”, indicando Dio in tutto il suo potere. La sua mano destra è la benedizione. La sua mano sinistra è la maledizione (ai bambini, fino ai giorni nostri, si è evitato che usassero la mano mancina come segno negativo). Il gallo, oltre che l’azione creatrice, ricorda la triplice negazione dell’Apostolo. Tuttavia nel Medioevo il simbolo rappresentava il Gallo-Cristo” annunziatore del Cristianesimo (luce delle genti, al contrario del serpente, simbolo delle tenebre). Infatti, con il suo canto, esso accompagna il sorgere del sole (Gesù) ed il ritirarsi delle tenebre (il male). Il martello e la tenaglia riguardano la Crocifissione e sono, dunque, i simboli della Passione. La scala è il simbolo della salita al Cielo, in virtù del sacrificio della Croce. INRI, come è noto, significa: Jesus Nazarenus Rex Judaeroum (Gesù Nazareno Re dei Giudei). Sulla chiave di volta di un arco in una casa in zona “Santo Paolo” campeggia IHS che significa Jesus Hominum Salvador (Gesù salvatore degli uomini).

La colomba a testa in giù Tale immagine è scolpita sulla chiave di volta di un arco in zona “Furno iù spaccio” (Fornospaccio). Ernesto Carbonelli ha ritenuto che essa possa rappresentare la conversione degli Ebrei di Supino al Cristianesimo. La presenza degli Ebrei nel nostro paese è storicamente confermata. Essi, come è noto, prendevano il cognome dai luoghi in cui risiedevano e, quindi, ecco i “Supino” e forse anche i “Foggia” ed i “Barletta”. Inoltre vivevano nel ghetto, individuabile presso “gliu Riono” (Via Orione, vicino Piazza Umberto I). Ritengo, più verisimilmente, che la colomba de qua indichi la discesa dello Spirito Santo. Infatti, nel racconto evangelico del Battesimo di Gesù, lo spirito discende in forma di colomba, la quale è diventata, pertanto, simbolo di purezza, di castità e di innocenza. Una bellissima “Colomba-Spirito Santo” campeggia sulla chiesa di Santa Maria.

Il Giglio fiorentino Sulla chiave di volta di un arco in una casa in contrada “Santanicola” (San Nicola), a fianco della “Porta dei Santi” (la più antica porta di Supino), campeggia un giglio fiorentino. Esso è il simbolo della città di Ferentino, uguale a quello di Firenze, al quale, forse, era legato per analogia. Su tale casa esso era un semplice fregio di abbellimento cromatico ovvero sottintendeva


46

un significato? La famiglia che vi abitava era di Ferentino? Poteva esserci qualche riferimento ai Ghibellini di cui prima Tommaso Conti e poi Rinaldo erano stati importanti esponenti nei nostri territori negli anni 1200-1300? Ricordiamo, in quest’ottica, che il giglio fiorentino era il simbolo della monarchia francese, di cui i nostri erano fautori. Ma forse stiamo andando troppo in là con la fantasia….

Portale del Palazzo Bavari. E’ un rarissimo esempio di portale (bellissimo nella sua maestosità), nel quale sono scolpiti oltre che lo stemma e le iniziali della nobile famiglia, anche dei segni massonici: mi riferisco, in particolare, alla squadra ed al compasso. Questi ultimi, come è noto, sono l’emblema della Massoneria. In particolare la prima è simbolo di equilibrio e rettitudine nonché simbolo della materia, in quanto strumento fisso. Il compasso, essendo strumento mobile e variabile, è inteso come simbolo attivo, cioè come simbolo dello spirito che domina e plasma la materia. Nella prospettiva cristiano-religiosa, essi si riferiscono a Dio creatore dell’Universo attraverso gli strumenti propri dell’Architetto. Il palazzo de quo appartenne ai Bavari, sicuramente famiglia di origine germanica della Bavaria (Baviera) la quale non ha lasciato traccia a Supino. Esiste una località denominata “Prati dei Bavari” presso la Chiesa di San Pio X. La massoneria “attecchì” nella Baviera successivamente alla conversione al Cristianesimo dovuta alla sottomissione dei Bavari all’autorità dei Franchi. La Regione così divenne baluardo della cultura cristiano-germanica contro le invasioni dei popoli slavi. Ma anche in questo caso la fantasia ci porterebbe pericolosamente assai lontano; per la qual cosa, in mancanza di notizie storiche certe, è meglio non andare oltre.

SPQS (Senatus Popolusque Supinensis) Sono le lettere impresse sulla palla che sovrasta la fontana sita innanzi alla Chiesa di Santa Maria. La dicitura, ovviamente, è mutuata dall’acronimo latino SPQR (Senatus PopolusqueRomanus ovvero il Senato e il Popolo di Roma) il quale voleva significare che la forza di Roma derivava dalla coesione tra aristocrazia senatoria ed il popolo. Nelle cittadine vicino Supino ho avuto modo di rivelare le scritte SPQA (…Anagninus) in Anagni, SPQV (….Verulanus), in Veroli, SPQS (…Segninus) in Segni, SPQP (…Patricanus) in Patrica. La scritta in oggetto è sicuramente un “vezzo” dell’architetto e riteniamo che non abbia alcun particolare significato storico. Continua…..

47

di Don Nico Rutigliano

Recensione L’enciclica sociale di Benedetto XVI Caritas in veritate Una nuova enciclica sociale. La Caritas in veritate è la terza enciclica di Benedetto XVI ed è un’enciclica sociale. I temi da essa trattati vanno affrontati con questa chiave di lettura: il Vangelo è il maggior fattore di sviluppo. Questa enciclica sociale rappresenta un passo in avanti nel cammino di costruzione della società umana. Quale è lo scopo della nuova enciclica? È quello di far incontrare il Vangelo con i problemi attuali della società degli uomini. La Chiesa, che non ha soluzioni tecniche da proporre, ha il dovere di illuminare l’umanità con la luce della verità evangelica.

I cambiamenti intercorsi. Negli ultimi vent’anni abbiamo assistito a dei grandi cambiamenti nella società degli uomini. Le ideologie politiche dell’epoca precedente al 1989, sono state soppiantate dalla nuova ideologia della tecnica. La cultura e l’economia sono state interessate dal fenomeno della globalizzazione. La globalizzazione ha investito in modo trasversale la popolazione mondiale, interessando a livello planetario i viaggi, il turismo, l’ecologia, la borsa…In questo contesto le religioni hanno ricevuto una maggiore attenzione ma, di contro, hanno assistito ad un progressivo laicismo, che di volta in volta ha acquisito un nome nuovo: indifferenza religiosa, ateismo, ostracismo religioso, intolleranza religiosa. Gli equilibri mondiali sono saltati pure a motivo delle situazioni di arretratezza economica e sociale di alcuni popoli, di integralismo religioso e di terrorismo internazionale di altri; o per le nuove forme di colonialismo e sfruttamento delle parti più deboli della società.

La prospettiva indicata dal titolo: Caritas in veritate. I due termini carità e verità, presenti nel titolo dell’enciclica, sono i punti fermi che hanno caratterizzato il magistero di Benedetto XVI, ma sono anche le basi del nostro Cristianesimo, nonché i temi importanti di tutta la dottrina sociale della Chiesa. Mentre Paolo nella lettera agli Efesini invitava a cercare la “verità nella carità” (Ef. 4,15), qui si inverte l’ordine in “carità nella verità”. Il papa cioè vuole in questo caso insistere perché la carità sia vissuta nella verità. L’amore –chiarisce il Pontefice–, senza la verità può deviare e degenerare, fino a strumentalizzare. È solo la verità che può “purificare” le intenzioni di ogni azione caritativa. Amare vuol dire desiderare il bene della persona e non manipolarla, servirsene o assoggettarla. Amare significa volere lo sviluppo integrale della persona, il bene di tutto l’uomo. Chi ama non schiaccia, ma sviluppa e, sviluppo vuol dire diventare più uomo. La promozione dello sviluppo della persona quindi, ha bisogno di volere il bene della persona umana, cioè operare perché possa crescere in umanità (spirito anima e corpo).

Conclusione. Dopo aver affrontato i vari temi (bene comune, solidarietà, dialogo, rispetto della vita, libertà religiosa, lavoro, sviluppo economico, società civile, economia, etica, ambiente, tecnologia, risorse, sviluppo dei popoli), Benedetto XVI sottolinea che lo sviluppo “ha bisogno di cristiani con le braccia alzate verso Dio nel gesto della preghiera”, “di amore e di perdono, di rinuncia a se stessi, di accoglienza del prossimo, di giustizia e di pace” (nn. 78-79). L’ultima parola spetta a noi. A ciascuno di noi. Il cambiamento epocale della nostra società che sta investendo il lavoro, l’economia, i flussi migratori, il futuro delle nuove generazioni… acquisterà valore solo quando non ci accontenteremo di cambiare la tecnica, ma daremo spazio al cambiamento dei rapporti e allo sviluppo integrale della persona umana.


48

49

questa definizione). Il personale che ne fa parte ha operato ed opera in numerose missioni operative in Iraq, Afghanistan, Kosovo e Libano. D’Ubaldi lascia il comando per assumere un importante incarico allo Stato Maggiore dell’Esercito a Roma. Al suo posto Antonello Vespaziani, proveniente dallo stesso Stato Maggiore di Roma.

Notizie Flash Tratto da “Il Tempo” Frosinone del 13 giugno 2009

Tratto da “La Provincia” del 7 gennaio 2010

L’ultimo lavoro storico di Enrico Zuccaro: «I miei passi, la mia vita»

In tre libri della Chef Lucia Zirizzotti, la storia della Ciociaria da.. gustare

La vivace testimonianza dello zio Oscar sul passato che non passa mai

La promozione del territorio che non ti aspetti. Può arrivare anche all’improvviso, come è successo a Supino, presso l’agriturismo Il Castagneto dove l’ultima iniziativa della titolare Lucia Zirizzotti ha già trovato il favore delle istituzioni. …Nei giorni scorsi sono stati presentati alla Villa Comunale di Frosinone tre libri su storia, tradizioni cultura contadina e antiche ricette dai titoli: La polenta di Sant’Antonio a Supino, L’erua pazza dei Monti Lepini, Lo gnegno niro (il maiale nero dei monti lepini). Il libro sulla polenta di S. Antonio racconta la tradizionale polenta che si svolge a Supino la prima domenica dopo il 17 gennaio di ogni anno… Il libro dal titolo “L’erua pazza dei Monti Lepini”, scritto insieme alla signora Giovanna Del Greco, riporta tette le erbe spontanee commestibili raccolte e mangiate a Supino e sui Lepini….Il libro dal titolo “Lo gnegno niro”, contiene tutte le informazioni disponibili riguardanti le ricerche storiche inedite su questo maiale rustico allevato a Supino e sui Lepini già dal 1500-1600. …Il libri contengono inoltre: diverse ricette antiche, il calendario delle feste che si svolgono a Supino, alcuni stornelli, un glossario dei principali termini dialettali utilizzati in cucina ed alcune belle poesie del figlio di Lucia e Domenico, Pietro.

Dopo «Argento sulle dune», pubblicato quattro anni fa, Enrico Zuccaro ha dato alle stampe, sempre con Bianchini editore, «I miei passi, la mia vita - Un ragazzo del ’22 si racconta», che sarà presentato oggi alle 16.30 nell’auditorium Don Fausto Schietroma nel Santuario dei SS. Pietro e Cataldo di Supino dall’autore e dallo zio Oscar, protagonista di quest’altro lavoro del collega ed amico Enrico Zuccaro, nostro prezioso collaboratore. Questo volume di oltre 150 pagine continua un ciclo attraverso il quale, con stile asciutto (diremmo montanelliano), Zuccaro ha inteso fare un lavoro di scavo storico e di vita, unendo alle vicende personali e familiari di Oscar quelle di un tempo, sia locali (di Supino, provinciali, nazionali ed internazionali) che politiche del periodo fascista che tanta parte ha nella pubblicistica di testimonianza storica. Nella prefazione il prof. Roberto Tomei mette in evidenza «le testimonianze raccolte presso coloro che hanno vissuto in prima persona gli avvenimenti e che assumono ad oggetto della ricerca».

Tratto da “Oggi Treviso”

Vespaziani nuovo Comandante del Reparto C.I.M.I.C. Motta di Livenza - Venerdì alla caserma Mario Fiore di Motta di Livenza, sede del Multinational CIMIC Group, alla presenza di numerose autorità civili e militari, si è svolta la cerimonia del cambio del comandante. Il colonnello Mauro D’Ubaldi ha infatti ceduto il comando al colonnello Antonello Vespaziani. Il Multinational Cimic Group, Reparto multinazionale assegnato alla NATO ed in costante collaborazione con il Joint Force Command di Napoli, è l’unico ufficialmente riconosciuto dall’Alleanza in grado di dispiegare uomini e mezzi per operare nella specifica e complessa funzione della Cooperazione Civile e militare (l’acronimo CIMIC in lingua inglese sintetizza appunto

Tratto da “Ciociaria Oggi” del 22 gennaio 2010

Valorizzare le tradizioni locali puntando sulla figura di San Cataldo SUPINO – La tradizione è un valore aggiunto all’identità di un popolo, sarebbe un guaio se il nostro bel Paese perdesse le sue tradizioni. L’arte, la letteratura, la religione e persino la gastronomia verrebbero cancellate nell’anonimato di una sempre più grigia globalizzazione dove quello che conta è il mercato e il consumismo fine a se stesso. Ci si domanda spesso che fine stanno facendo i valori di una volta, perché i giovani di oggi e i più grandi non gioiscono più della


50

vita. La risposta non è difficile, stiamo sostituendo il mondo reale con un mondo virtuale dove non c’è più coinvolgimento sociale. La filosofia imperante è quella dell’avere e non quella dell’essere. La scuola ha un dovere prioritario in tutto questo, quello di mantenere il passato pur proiettandosi verso il futuro. Non c’è futuro se manca una solida radice nel passato. San Cataldo non è solo un santo, ma è anche un pilastro della tradizione ciociara e in particolare della città di Supino. Se Compostela,Canterbury, Assisi hanno segnato le vie dei pellegrinaggi, San Cataldo non è stato da meno. Ogni anno il Vescovo di Frosinone celebra la messa per il Santo alla presenza delle più alte autorità civili e religiose della Provincia. Le strade del piccolo centro lepino vengono letteralmente sommerse da una marea di pellegrini per onorare la tradizione. La scuola nel rispetto della tradizione partecipa da anni alle celebrazioni del Santo con pensieri, disegni e saggi, alcuni dei quali sono stati portati a Toronto per la comunità supinese. Anche quest’anno i giovani alunni prepareranno dei lavori per il Santo e grazie all’interessamento del Comitato di San Cataldo per loro sarà indetto un concorso che premierà i migliori lavori. Questa novità è stata comunicata al Dirigente scolastico Michele Incelli dal nuovo presidente del Comitato Stefano Bompiani. Il concorso verterà sulla figura di San Cataldo e sull’importanza storico-religiosa del Suo Santuario. L’obiettivo rimane sempre lo stesso, quello di avvicinare i giovani alla tradizione e farne tesoro per le future generazioni.

Rinnovo Consiglio Comunale Ragazzi Si è tenuto nella mattinata di giovedi 14 gennaio u.s. il tanto atteso scrutinio elettorale per il rinnovo del Consiglio Comunale dei Ragazzi. L'elezione ha visto impegnati gli alunni delle scuole medie e delle elementari del nostro paese. Per la cronaca, i 131 alunni votanti per le medie ed i 74 per le classi quarta e quinta elementare hanno decretato la vittoria di un binomio sindaco/vice-sindaco tutto al maschile. Dopo anni di predominio femminile, finalmente, un giovane adolescente, Francesco Paparella, è stato eletto Sindaco Baby, fregiandosi così con il simbolo più ambito, la coccarda tricolore. Francesco è risultato il più votato tra ben sedici candidati. Il suo fedele Vice sarà Federico Agostini. Il nuovo Consiglio Comunale dei Ragazzi è così costituito: Paparella Francesco - Sindaco Agostini Federico - Vice Sindaco Consiglieri Scuola Media: Alessandrini Chiara, Cristini

51

Emanuele, Carnale Aurora, De Meis Pietro, Palombi Silvia, Tomei Francesca, Corsi Alessio, Spaziani Michelangelo. Consiglieri Scuola Elementare: Balzano Tonia, Marcoccia Francesca, Ippoliti Matteo, Ancinelli Leonardo, De Meis Simone, Piroli Maria Elena, Bernardi Giovanni.


52

53

Tratto dal Quotidiano Ciociaria Oggi

Grande successo al premio “Busoni” per il giovane Gesualdo Coggi Il pianista frusinate è risultato terzo al prestigioso concorso Prestigioso successo del giovane pianista frusinate Gesualdo Coggi. Nella serata conclusiva del concorso pianistico internazionale “F. Busoni” di Bolzano il giovane musicista ciociaro ha vinto il 3° premio. Lo scorso 4 settembre, presso il teatro comunale di Bolzano, con l’esecuzione del II concerto per pianoforte e orchestra di S. Rachmaninov, Coggi, unico pianista italiano in gara, è stato molto apprezzato dalla giuria. Il concorso “Busoni” ha visto la partecipazione di 130 pianisti provenienti da tutto il mondo e dopo quattro durissime prove di selezione sono stati scelti i tre finalisti che si sono esibiti nel concerto per pianoforte e orchestra. Il Concorso Pianistico Internazionale “Ferruccio Busoni” è un concorso musicale aperto a giovani pianisti di tutto il mondo ed è molto prestigioso. Fu fondato nel 1949 da Cesare Nordio, che allora dirigeva il Conservatorio di Bolzano “C. Monteverdi”, in occasione del 25° anniversario della morte di Busoni. Oltre che a valorizzare i giovani talenti pianistici internazionali, questa iniziativa doveva costituire, nell’intensione dei suoi fondatori, una prestigiosa vetrina per la città di Bolzano, che in quegli anni si avviava a diventare il crocevia di diverse culture e mentalità contrastanti, quella italiana e quella tedesca/mitteleuropea. In questo senso va intesa la dedica a Ferruccio Busoni, un artista italiano che all’inizio del secolo visse ed operò in Germania. Arturo Benedetti Michelangeli collaborò al progetto, entrando a far parte delle giurie, sponsorizzando direttamente l’iniziativa, e sostenendola finanziariamente. Il Comitato d’Onore poteva vantare artisti del calibrodi Claudio Arrau, Wilhelm Backhaus, Arturo Benedetti Michelangeli, Robert Casadeus, Alfred Cortot, Edwin Fisher, Walter Gieseking, Dinu Lipatti, Arthur Rubinstein, Rudolf Serkin. Sovente il primo premio non viene assegnato, a testimoniare l’esclusività del riconoscimento. Nella prima edizione Alfred Brendel si piazzò quarto. Nel 1952 vinse il romano Sergio Perticaroli. Per alcune edizioni venne anche tenuto, in parallelo, un concorso di composizione pianistica. Nel 1956, quando vinse l’austriaco Jorg Demus, si mise in luce il precoce talento di Maurizio Pollini, allora quattordicenne, che sostituiva il Maestro Carlo Vidusso nell’esecuzione delle opere prescelte dalla giuria. Nel 1957 vinse la sedicenne Marta Argerich. La storia del concorso è impreziosita dalla presenza delle più famose stelle del firmamento pianistico.

di Marco Boni

Alla ricerca delle origini: San Cataldo di Taranto e dintorni Gita del 17 e 18 ottobre 2009 Anche quest’anno, dal 17 al 18 ottobre, si è svolto il pellegrinaggio che, dal 2002, il Comitato Festeggiamenti San Cataldo di Supino è solito organizzare per mantenere viva la devozione al Santo, per conoscere i luoghi dove visse e svolse il suo apostolato e dove, ancor oggi, è oggetto di venerazione. La nutrita rappresentanza del nostro Comitato che si è recata a Corato, comune in provincia di Bari, guidata dal presidente, Marco Boni, e dal rettore del santuario, don Antonino Boni, ha contraccambiato una precedente visita a Supino del presidente, professoressa Angela Pisicchio, e di alcuni esponenti della locale Deputazione Festa Patronale di San Cataldo. Accompagnati dal sig. Ettore Torelli, attento e profondo conoscitore della sua città e della vita del Santo, abbiamo visitato la Chiesa di Maria SS. Incoronata di Corato. Questa grande chiesa riunisce, nella sua duplice dedicazione, la memoria di due culti strettamente legati alla storia della comunità coratina, San Cataldo e la SS Madonna Incoronata, fu costruita sul luogo dove il Santo apparve miracolosamente durante l’epidemia di peste che afflisse Corato nel 1483 e dove, secondo la tradizione, i buoi con cui il contadino Quirico Trambotto stava arando i suoi campi caddero a terra, inginocchiandosi al suo cospetto.A seguire, ci siamo recati nella Chiesa Madre di Santa Maria Maggiore (risalente al 1139, anche se l’edificio attuale conserva solo deboli tracce dell’originaria struttura) dove sono conservate una statua lignea ed una in argento di San Cataldo, nonché una teca con la reliquia del Santo ed il tesoro, composto per lo più da preziosi gioielli in oro, che usualmente accompagna la processione nel giorno della ricorrenza patronale. Particolarmente calorosa è stata l’accoglienza riservataci dal sindaco di Corato, Luigi Perrone, che ci ha fatto da cicerone nel corso della visita al Palazzo di Città, ex convento dei frati Minori Osservanti di San Cataldo. Edificato assieme alla chiesa

www.qtimes.it


54

di S.Cataldo, oggi dedicata a Maria Santissima Incoronata, è dal 1866, dopo la soppressione dell’ordine religioso, la sede della municipalità coratina. Di significativo pregio artistico il palazzo comunale, oltre al prospetto in stile ottocentesco, presenta al suo interno un chiostro cinquecentesco con archi ogivali tardo-gotici su pilastri, con diverse finestre a due livelli in stile barocco e nella parte superiore l'orologio civico. All'interno si trovano la statua della Madonna del Latte, risalente al 1548 ed attribuita a Paolo da Cassano, ed un affresco della scuola ferrarese del XVI secolo. Un gustoso pranzo in un clima di serena amicizia, consumato presso una caratteristica masseria in zona Castel del Monte, ha chiuso la prima mattinata di visite guidate, Nel pomeriggio, spostandoci di qualche chilometro nella località di Castel Del Monte, sita nel comune di Andria, ci siamo lasciati sedurre dal fascino austero dell’omonimo castello ottagonale di Federico II Hohenstaufen. Costruito nel XIII secolo su una collina della catena delle Murge occidentali, a 540 metri s.l.m., è stato inserito nell'elenco dei monumenti nazionali italiani nel 1936 e in quello dei patrimoni dell'umanità dell'UNESCO nel 1996. La visita al castello, che costituisce una presenza quasi inquietante che domina il territorio di gran parte dell'Alta Murgia, ha concluso una giornata intensa e ricca di eventi, che ci ha permesso di conoscere luoghi nuovi rispetto alle visite degli anni precedenti e ci ha arricchito sia dal punto di vista culturale che sociale. In serata, abbiamo raggiunto Castellaneta Marina per la cena ed il pernottamento. Il 18 ottobre, domenica, è stato interamente dedicato a Taranto, capoluogo della omonima provincia pugliese. La visita alla Cattedrale di San Cataldo, originariamente dedicata a santa Maria Maddalena e successivamente a san Cataldo vescovo, costruita ad opera dei Bizantini nella seconda metà del X secolo ed al Cappellone, luogo caro a noi tutti, poiché al suo interno sono custoditi il corpo del Santo e la vera statua in argento di San Cataldo di Taranto, sono stati i momenti centrali della visita tarantina. La Santa Messa celebrata all’interno del Cappellone da don Antonino Boni, ai piedi della statua e del corpo del grande Santo, ci ha donato emozioni uniche e momenti di profonda spiritualità che hanno contrassegnato in modo indelebile la giornata domenicale e l’intera visita in terra di Puglia. Un’altra tappa della storia del nostro comitato è stata percorsa. Una tappa che ci ha permesso conoscere realtà simili alla nostra, ma segnate da elementi originali di umanità e tradizioni che le rendono uniche, come tutte le espressioni di fede legate al Santo Irlandese.

55


56

57

di Luigi Crescenzi

La devozione degli Anagnini a San Cataldo La città di Anagni, conosciuta anche come la “Città dei Papi”, offre tra le mete turistiche l’imponente Cattedrale di Santa Maria, la cui costruzione venne ultimata nell’anno 1104. Vero gioiello della Cattedrale è rappresentato dalla Cripta, situata sotto il presbiterio: al suo interno la Cripta è completamente ricoperta d'affreschi, in un perfetto stato di conservazione. Gli affreschi in questione sono uno dei più interessanti cicli pittorici del Duecento nell'Italia centrale, per la qualità artistica e per i valori iconografici. I cittadini di Anagni, oltre alla venerazione per il loro Santo Patrono, sono devoti anche a San Cataldo Vescovo, come testimoniano la presenza di un’antico dipinto del Santo, di una Reliquia e di alcune preghiere scritte in suo onore. Per quanto concerne il dipinto, le fonti attestano che sia stato realizzato verso la fine del XIII secolo e rappresenta al centro il Cristo Redentore, alla sua destra San Luca Apostolo ed alla sua sinistra San Cataldo con le insegne episcopali senza il Pastorale. Questo dipinto fa parte di un ciclo di affreschi presente sulla parete del corridoio che collegava la Cattedrale con il Palazzo Pontificio. E’ molto probabile che il dipinto sia stato realizzato per volontà di Papa Alessandro IV. In merito alla Reliquia, invece, accuratamente riposta in un reliquiario insieme alle reliquie di altri Santi, nel “Catalogo delle Sante Reliquie che si conservano nella Basilica Cattedrale di Anagni”,scritto nel 1906, il Vescovo Antonio Sardi riporta: “Qui sono le reliquie di San Cataldo, di San Remigio e di San Gerardo, Vescovi e Confessori, nonché le reliquie di San Francesco di Sales e di Sant’Alfonso De Liguori, Vescovi e Dottori di Santa Chiesa”. Infine, circa le preghiere, come tradizione, l’Arciprete Parroco della Cattedrale celebrava una Santa Messa in onore di San Cataldo il giorno 10 maggio, a conclusione della quale veniva recitata una preghiera. La storia racconta che a scrivere questa preghiera sia stato l’Arciprete di Morolo, ma natio di Supino, Mons. Colonna grato al suo illustre parrocchiano, lo scultore Ernesto Biondi, per aver restituito ai supinesi la Statua di San Cataldo Vescovo dopo il tragico incendio dell'aprile del 1870.

Anagrafe del Comune di Supino Nascite anno 2009 JAUPAJ FRENSIS SPELTA BEATRICE TIBERIA ANNA MATTIOLI ALESSANDRA CORSI GABRIELE CARRARO DAVIDE CARMINE EL HANOUNE SARA MASTROFRANCESCO ALESSANDRO LUCA CERILLI ROBERTO DELLA TORRE DENISE FASCETTI BENEDETTA MONOSCALCO AZZURRA BACCARI AURORA TOMEI GIOVANNI CORSI VALENTINA ZUCCARO CAROLA HASA KEJSI PINTO LEONARDO LAZAR FRANCESCA FLORENTINA DIBRANI MAKSUT EL IDRISSI MALAK MALOKU GRETA EL MAJID NOUR MANCINI MARIO MARTINI FABRIZIO FIORITO SARA DUMITRIU GABRIEL FLAVIAN

11/01/2009, FROSINONE (FR) 12/01/2009, SORA (FR) 28/01/2009, FROSINONE (FR) 29/01/2009, FROSINONE (FR) 13/02/2009, FROSINONE (FR) 19/02/2009, ALATRI (FR) 23/02/2009, FROSINONE (FR) 24/02/2009, FROSINONE (FR) 25/02/2009, FROSINONE (FR) 28/02/2009, SORA (FR) 17/03/2009, FROSINONE (FR) 18/03/2009, ALATRI (FR) 21/03/2009, ALATRI (FR) 23/03/2009, FROSINONE (FR) 04/04/2009, ALATRI (FR) 06/04/2009, FROSINONE (FR) 09/04/2009, FROSINONE (FR) 23/04/2009, FROSINONE (FR) 28/04/2009, ALATRI (FR) 11/05/2009, FROSINONE (FR) 12/05/2009, NOVENTA VICENTINA (VI) 14/05/2009, ALATRI (FR) 29/05/2009, FROSINONE (FR) 02/06/2009, FROSINONE (FR) 04/06/2009, ALATRI (FR) 04/06/2009, ALATRI (FR) 06/06/2009, FROSINONE (FR)


58

VALENTE ASIA MARIA TRE RE TOMMASO ROSATI SARA CERILLI PIERLUIGI PALMIGIANI FILIPPO TANIR ROJIN CECCHETTI FEDERICO BONI ELENA COPPOLA IVAN DELL'OMO ALESSANDRO OLARU DENISA JANIN IMOLA ASIA ONUTAN OCTAVIO MARIO DE SANTIS SAMUELE DEL GIUDICE MARCO LIBOSI AUGUSTO CERILLI ANDREA VERNILE LORENZO CELLINI FRANCESCA FRATANGELI CHRISTIAN ROMIRI MATTIA LAZAR PETRU JULIAN NALLI AURORA CORSI MARTINA IORI CATALDINA QUERNI MATTEO DASCALU SAMUEL PETRU CORBELLI CHIARA AQARROUT MOHIDDINE MANCINI EMANUELE PINTO ALESSIO NICODEMI SOPHIE

59

11/06/2009, FROSINONE 29/06/2009, FROSINONE 27/07/2009, AVEZZANO 07/08/2009, FROSINONE 17/08/2009, FROSINONE 29/08/2009, FROSINONE 05/09/2009, FROSINONE 08/09/2009, FROSINONE 16/09/2009, FROSINONE 18/09/2009, FROSINONE 20/09/2009, FROSINONE 20/09/2009, FERRARA 04/10/2009, FROSINONE 05/10/2009, FROSINONE 09/10/2009, ROMA 21/10/2009, PERUGIA 23/10/2009, FROSINONE 25/10/2009, FROSINONE 30/10/2009, FROSINONE 06/11/2009, FROSINONE 06/11/2009, FROSINONE 09/11/2009, FROSINONE 20/11/2009, FROSINONE 20/11/2009, FROSINONE 22/11/2009, FROSINONE 07/12/2009, FROSINONE 12/12/2009, FROSINONE 13/12/2009, ALATRI 13/12/2009, FROSINONE 24/12/2009, FROSINONE 30/12/2009, ALATRI 30/12/2009, FROSINONE

(FR) (FR) (AQ) (FR) (FR) (FR) (FR) (FR) (FR) (FR) (FR) (FE) (FR) (FR) (RM) (PG) (FR) (FR) (FR) (FR) (FR) (FR) (FR) (FR) (FR) (FR) (FR) (FR) (FR) (FR) (FR) (FR)

Defunti anno 2009 CORSI LIDIA IACOBONI ILDE SECONDO CATALDO ROSSI ORLANDO PIROLI GUGLIELMO NALLI GIUSEPPINA SANTIA GIAMPIERO MAROCCO LUCIA DE SANTIS GUGLIELMO MASTROFRANCESCO A. LUCA BONI GIUSEPPINA PIETRANDREA AQUILINO BARLETTA FLORIANA MARITATO SERGIO CARLINI GIONATA GRANDE GIOVANNI BRACCI AIDA D'ALATRI GIOVANNA MARCHIONI GIOVANNI BRACCI FRANCESCO BONI FIORINA CORSI ANGELA UMENA GIULIO SANTIA EMILIO ROMIRI VINCENZO SANTIA ANGELA FOGGIA NATALINA GISMONDI GUIDO TOMASI GIUSEPPE MINICILLI RENATO GORGUCCI ANNA MARIA CERILLI NATALINA NALLI LEVENDINA BONI GIACOMANTONIO PIROLI GIUSEPPE

02/03/1921 25/08/1923 11/05/1920 06/01/1938 05/02/1923 14/04/1930 25/09/1980 06/03/1912 11/03/1920 24/02/2009 19/03/1920 02/12/1943 06/06/1924 03/08/1939 30/11/1971 20/08/1979 17/02/1932 22/06/1913 31/07/1928 09/12/1938 30/07/1920 07/03/1934 28/07/1933 26/01/1939 01/06/1930 24/06/1920 01/12/1920 08/10/1929 28/02/1925 18/12/1948 12/12/1935 30/11/1922 29/01/1920 25/03/1923 19/03/1919

-

05/01/2009 15/01/2009 16/01/2009 27/01/2009 30/01/2009 01/02/2009 09/02/2009 15/02/2009 17/02/2009 24/02/2009 25/02/2009 05/03/2009 08/03/2009 18/03/2009 27/03/2009 27/03/2009 01/04/2009 06/04/2009 05/05/2009 24/05/2009 12/06/2009 20/06/2009 23/06/2009 27/06/2009 28/06/2009 06/07/2009 06/07/2009 16/07/2009 03/08/2009 03/08/2009 11/08/2009 21/08/2009 31/08/2009 04/09/2009 18/09/2009


60

CELLINI FRANCESCO MASTROFRANCESCO LUIGINA PALITTI ACHILLE CALICCHIA LUISA NALLI AQUILINO BERNOLA TERESA ZUCCARO ALFREDO FRANCINELLI ALDINA VELOCCI ALFREDO CERILLI CATALDO DI TULLIO ANTONIETTA FOGLIETTA ILDE BARLETTA MARIO CORSI PIETRO TORELLA GIULIA SCHIETROMA ANGELINA CAPRARA GUERRINO PORRETTA ROSSANA SANTIA DIOMIRA

61

11/11/1977 15/09/1929 16/12/1932 06/02/1927 25/07/1927 04/03/1948 11/08/1921 29/06/1936 19/08/1953 04/11/1937 15/03/1963 27/01/1924 17/05/1931 09/09/1915 28/10/1912 11/01/1915 07/03/1918 09/12/1933 29/08/1926

-

18/10/2009 18/10/2009 20/10/2009 30/10/2009 31/10/2009 06/11/2009 13/11/2009 15/11/2009 16/11/2009 20/11/2009 23/11/2009 29/11/2009 04/12/2009 12/12/2009 16/12/2009 17/12/2009 19/12/2009 22/12/2009 23/12/2009

CERILLI IOLANDA POLARI ARGENTINA PERUZZI LUIGI BRIGHINDI GIUSEPPE TOMEI LUIGI

13/07/1920 19/01/1916 19/06/1940 05/11/1936 03/01/1922

-

24/12/2009 25/12/2009 26/12/2009 27/12/2009 29/12/2009


62

63

Diario Liturgico

Numeri Utili

Feste annuali

Numeri di pubblica utilità

8 marzo Festa del "Dies Natalis" Processione con il S. Braccio 9 maggio Ore 04.00 Esposizione della Venerata Statua di San Cataldo 10 maggio San Cataldo Festa del Patrocinio; Processione Solenne; Pellegrinaggi

Ultimo sabato di giugno Riposizione della Venerata Statua

Orari Apertura Santuario: ore 07.00 Chiusura: Ave Maria serotina S. Messa Giorni Feriali: 18.30

Mesi di Maggio e Giugno Domenica e giorni festivi: ore 11.30

Giorni festivi S.Messa ore 11.30 - 18.30; S.Messa Sabatina ( Precetto festivo ) ore 18.30 La venerata statua di San Cataldo rimane solennemente esposta alla venerazione dei fedeli e pellegrini dal 9 maggio all' ultimo sabato di giugno. Un centro di spiritualità in ciociaria Santuario di San Cataldo Piazza San Pietro - 03019 Supino (FR) - Tel. 0775.227431 Suggestivo ambiente tra il verde dei boschi con ampio incantevole panorama sulla Valle del Sacco. Disponibile per ritiri spirituali minimi, incontri di gruppi parrocchiali ed associati. Per informazioni rivolgersi al Rettore del

Santuario Don Antonio Boni (0775.226100)

Comune di Supino • Centralino • Ufficio del Sindaco • Ufficio del Segretario Comunale • Biblioteca • Vigili Urbani • Carabinieri di Supino • Protezione civile

0775.226001 0775.226713 - 328107 0775.226586 0775.227668 0775.328042 0775.226003 0775.226101

Numeri di emergenza

• EMERGENZA SANITARIA AMBULANZA • CARABINIERI • POLIZIA DI STATO • VIGILI DEL FUOCO • GUARDIA DI FINANZA • SERVIZIO ANTINCENDIO BOSCHIVO CORPO FORESTALE DELLO STATO

Numeri utili su Frosinone

AVIS Croce Rossa Soccorso stradale ACI Guardia Medica Notturna Telefono Azzurro (linea gratuita) Vigili Urbani Ferrovie dello Stato Vigili del Fuoco Fiuggi Amministrazione Provinciale Vigili del Fuoco Procura Repubblica Tribunale INPS Questura INAIL Carabinieri Prefettura Polizia Stradale Azienda USL Polizia Autostradale Ospedale(Polizia) Guardia di Finanza Ospedale

118 112 113 115 117 1515

0775.873524 0775.854646 116 0775.852100 19696 0775.250304 0775.290368 0775.506558 0775.2191 0775.260081 0775.3601 0775.3611 0775.2141 0775.2181 0775.2161 0775.212268 0775.2181 0775.87691 0775.8821 0775.88081 0775. 251280 0775.250165 0775.2071


64


66


74

Bollettino 2010  
Bollettino 2010  

Il Notiziario di S.Cataldo 2010

Advertisement