Issuu on Google+

37

Corriere della Sera Sabato 15 Dicembre 2012

Viaggi La Dolce vita Last minute

Le migliori proposte per un viaggio conveniente

Promozione skipass

Paganella: il genitore paga, il bambino scia gratis Sci gratis per bambini fino a 8 anni. Per tutta la stagione, purché accompagnati da un genitore che acquisti una tessera skipass Paganella valida da 3 a 14 giorni, i bambini (nati dopo il 30.11.2004) ricevono una tessera gratuita. Dal 5 al 13 gennaio, c’è anche Happy Week: 6 giorni di skipass a 114 euro. Sei giorni di skipass a 114 euro Info: tel. 0461.585836

Mete lontane

Capodanno fra gli animali Cenone e safari in Sud Africa Natale in Sud Africa: dall’Italia a Johannesburg, poi nella Mpumalanga, lungo la Panorama Route per il Blyde River Canyon. Tappa alla riserva Kapama per due giorni di safari, infine Cape Town. Volo, trasferimenti, hotel, colazioni, alcuni pranzi, cene di Natale e Capodanno: partenza il 22 dicembre. 10 giorni (volo compreso): 2.900 euro a persona Info: tel. 02.43319474, www.africanexplorer.it

I magnifici dieci da provare. Foie gras e panettone

Ravioli di zucca o d’abbacchio Il 25 al ristorante Scorribande di Roberto Perrone

E

sistono due tendenze parallele, per il Santo Natale della tavola. Da un lato si rivaluta, non solo per ritrovati affetti familiari, ma anche per il bilancio familiare, il pranzo a casa. Dall’altro aumentano le offerte del pranzo di Natale al ristorante. Scorribande ne ha scelti dieci, da Nord a Sud, dalle Alpi alla Sicilia. Per chi desidera qualcosa di speciale, comunque, ci sono l’effervescente Alessandro Pipero e il suo talentuoso chef Luciano Monosilio. Da Pipero al Rex a Roma (dove la carbonara è entrata di diritto tra le prove dell’esistenza di Dio), è previsto un percorso del gusto (a 150 euro) di 9 portate. Segnalo: tortellini d’abbacchio pecorino e menta; ravioli di patate burrata e caviale; foie gras, caprino e panettone. Un salto sulle Alpi. Al Bivio di Livigno, Erio Galli e la sua famiglia offrono (49 euro) cinque portate, dal carpaccio di piovra al timballino al panettone. Pisacco, il ristorante milanese dove Andrea Berton detta la linea, opta per un brillante «menù componibile»: da tre portate (32 euro) a sei (55). Alcuni suggerimenti: insalata di puntarelle, capesante alla plancia con arancia e colatura di alici; cappelletti di carne, in brodo di cappone (con aggiunta di tartufo, a parte). A 55 euro (30 per i bambini) a scelta tra diversi primi, secondi ecc., la strada di Fausto Oneto, del «ristorante dei fumetti», u Giancu di Rapallo: dai ravioli di zucca alla ligure (con aglio e maggiorana) ai galli ruspanti di San Massimo. Proposta a metà strada dei mitici DamiVOTA SU CORRIERE.IT Il più votato della scorsa settimana: rifugio Fuciade a Soraga, Val di Fassa

In Austria

Se il corso di fondo è compreso nel prezzo A Werfenweng, nel Salisburghese, dal 12 al 19/1 e dal 19 al 26/1 chi soggiorna nel nuovo 4 stelle superior Travel Charme Mountain Resort Werfenweng ha la SAMO Card per noleggiare gratuitamente l’attrezzatura da sci di fondo, partecipare a un corso di sci, una gara di Biathlon e cena con specialità alpine. Camera doppia: da 89 euro a persona Info: tel. 840.320012

San Casciano

Grotta, bagno turco, sauna La Vigilia alle terme La Val d’Orcia nel Fonteverde Natural Spa Resort, 6 piscine d’acqua termale, a San Casciano dei Bagni. Per Natale, 3 notti con colazione a buffet, accesso alle piscine, percorso walking water, percorso etrusco (grotta, bagno turco e sauna), cena della Vigilia o pranzo di Natale. 570 euro a persona. Valido dal 21 al 26 dicembre Info: tel. 0578.57241, www.fonteverdespa.com

a cura di Carlotta Lombardo © RIPRODUZIONE RISERVATA

Scelti da noi

La ricetta

Guancia di bue cavolo e porto di Luciano Monosilio Per 4 persone. Guancia: 1 guancia di bue; 3 grani pepe nero; 2 bacche di ginepro; sale; olio e.v. oliva. Crema di cavolfiore: g 400 cavolfiore; 1 bacca di vaniglia; g 50 cipollotto; g 70 patate; g 50 burro; g 10 panna; sale; pepe; g 400 porto; agar-agar. Inserire la guancia in un sacchetto per il sottovuoto, insaporire con pepe in grani, bacche di ginepro, sale e olio. Aspirare l’aria con l’apposito macchinario e cuocere in forno a 65˚ per 24 ore. Poi aprire il sacchetto e trasferire metà del fondo di cottura in uno stampo rettangolare. Lasciarlo in frigo a solidificare. Tritare il cipollotto e rosolarlo con burro; mondare il cavolfiore e le patate, tagliarli e unirli al cipollotto. Aggiungere latte, la vaniglia tagliata a metà e cuocere finché il latte non evapora. Togliere la vaniglia, trasferire tutto nel Bimby, con panna, sale e pepe e frullare per 5 minuti. Versate il porto in un pentolino, aggiungere l’agar-agar e bollire; quando si sarà freddato frullare ottenendo un composto liscio e denso. Dividete la guancia in 4 pezzi e rosolatela in padella glassandola con il fondo di cottura. In ogni piatto disponete un po’ di crema di cavolfiore; la guancia sopra e decorate. * Pipero al Rex © RIPRODUZIONE RISERVATA

ni ad Arzignano. Si prenota il pranzo di Natale e si va a ritirarlo la mattina della festa (aperto fino alle 13). Grande novità il bollito d’asporto: le buste monoporzione contengono i 7 tagli imbustati sottovuoto e precotti (8/10 euro per 400/600 g). Donne e Natale. Alla Palta di Bilegno Isa Mazzocchi va su un menù tradizione-innovazione dove non mancano i salumi, la mitica giardiniera di Isa e il carrello bolliti con la mostarda fatta in casa (60 euro). Elda Felluga è cresciuta in mezzo al vino e al sentimento che provoca, la convivialità. A Terra & Vini, la sua locanda a Brazzano di Cormons, predica la libertà golosa. Menù libero a 40 euro: polentina di Socchieve con fonduta di latteria di Cormons e tartufo bianco istriano; lasagnetta croccante di radicchio Rosso, canarino e tosa di Gorizia. Verso Sud, nelle calde sale di mattoni della Locanda del Barone (appunto) a Caramanico Terme, nel parco della Maiella, il menù natalizio svaria dalla chitarrina (grano S. Cappelli) al ragù di anatra alla rivisitazione dei «caggnitt», i dolci tipici a forma di raviolo. Vale il viaggio la Locanda Di Nunno che porta il suo nome a Canosa di Puglia. Antonio Di Nunno è bravo e lo assaggerete nel suo menù (40 euro) su cui spicca il cosciotto d’agnello farcito di salsiccia e

Lo chef Luciano Monosilio

lampascioni e gratinato al sale grosso e menta. Imperdibili le cartellate (vin cotto o mosto di fichi). Finis terrae a Palermo con l’Officina del gusto di Antonio Barraco. Natale alla carta (40/ 45 euro): macco di fave con baccalà croccante e lasagnette con i frutti di mare. (Tutti i menù vini esclusi, ma non la festa). © RIPRODUZIONE RISERVATA

1) Pipero al Rex Via Torino, 149 Roma Tel. 06.4815702 2) Pisacco Via Solferino, 48 Milano Tel. 02.91765472 3) U Giancu Via San Massimo, 78 Rapallo Tel. 0185.260505 4) Palta, via Bilegno Borgonovo Val Tidone (Pc) Tel. 0523.862103 5) Damini, via Cadorna, 31 Arzignano 0444.452914 6) Il Bivio Via Plan, 422/a Livigno (So) Tel. 0342.996137 7) Terra e Vini Via XXIV Maggio, Brazzano di Cormons (Go) Tel. 0481.60028 8) Locanda del barone Contrada Case Del Barone Caramanico Terme (Pe) Tel. 085.92584 9) Locanda di Nunno Via Balilla, 2 Canosa di Puglia (Bt) Tel. 0883.615096 10) Officina del Gusto Bye Bye Blues Via Vittorio Emanuele, 316 Palermo 091.6116678


Corrire della Sera